Amazzonia in fiamme

Amazzonia in fiamme

Anno XXXV – Numero 5, Settembre – Ottobre 2019 Amazzonia in fiamme, un crimine contro l'umanità

Amazzonia in fiamme

35˚ anniversario Settembre – Ottobre 2019 2 QUEENSLAND COASTAL CRUISES VISITING THE SPECTACULAR GREAT BARRIER REEF , CAIRNS, TOWNVILLE AND AIRLIE BEACH. Departing Brisbane 07 September 2019 From AUD 1298.00 per person, twin share. 05 October 2019 From AUD 1298.00 per person, twin share. 25 October 2019 From AUD 1298.00 per person, twin share. 16 November 2019 From AUD 1075.00 per person, twin share. 29 November 2019 From AUD 798.00 per person, twin share. Many more cruises available year round, to choose from! Contact: Canale Travel Service Pty Ltd Retail 2 / 19 Lowerson Street Lutwyche QLD 4030 Phone 07 33576444 sales@canaletravel.com.au

Amazzonia in fiamme
35˚ anniversario Settembre – Ottobre 2019 3 Anno XXXV – Numero 5, Settembre – Ottobre 2019 Rintocchi è una pubblicazione indipendente sotto il patrocinio di "Un apostolato dei Missionari Scalabriniani e della Federazione Cattolica Italiana - Sezione di Nord di Brisbane" Tiratura: 1500 copie Per comunicazioni ed invio di materiale nei prossimi mesi usare i seguenti contatti: Direzione e Amministrazione di Rintocchi: Direttore – Redattore: Dino Varricchio Articolista:
  • Franco Bottaz Padre Angelo Cagna CS Amministratore / Finanza: Dino Varricchio Email: fcirintocchi@gmail.com Telefono mobile:
  • 0422 302 049 (Dino) 0419 714 919 (Franco) Corrispondenza: Rintocchi , P.O. Box 245 Lutwyche Qld 4030 Grafica e Stampa: Elio Morabito 0434 133 005 Distinctive Consultancy Pty Ltd 19 Corvette Street Bracken Ridge, Qld 4017 Deadline for next edition of Rintocchi: Edition No. 6 – November / December 2019. Scadenza per la prossima edizione di Rintocchi: Edizione n. 6 – Novembre / Dicembre 2019. Please submit your stories/articles and photos by email to Rintocchi by Close of Business - Monday, 4 November 2019 Si prega di inviare le vostre storie/articoli e le foto via email a Rintocchi dalla chiusura delle attività - Lunedì, 4 Novembre 2019 Date of release for Rintocchi - Edition No. 6 – November / December 2019 Friday, 29 November 2019 Data di uscita per Rintocchi - Edizione n. 6 – Novembre / Dicembre 2019 Venerdì, 29 Novembre 2019 NOTIZIE DAL REDATTORE Cari lettori, Se mancasse l’acqua? Limpida era l’acqua che scorreva dalla pompa nel cortile della vecchia casa ricordo lontano di un’era passata, sogno dei popoli che vivono in terre aride, goccia miracolosa se arriva a bagnar le labbra in un deserto infuocato Questa terra ha sete!

A questa goccia i Governi dovevano pensarci Long Time Ago... Vi auguro una lettura meravigliosa da Dino, dal tuo editore e dal team Rintocchi. Ci rivolgiamo agli italiani e australiani come ‘cittadini del mondo’ capaci di far sentire la propria voce contro questo disastro che vede tra le cause principali azioni umane di rapina del suolo e di incapacità di gestione sostenibile. La Terra non può essere considerata un‘oggetto legale non identificato’, ma un nostro diritto internazionale come bene collettivo di cui prenderci cura con la massima attenzione, una prospettiva ecologica che richiama anche l’enciclica ‘Laudato sì’ di Papa Francesco in cui esorta a preservare la nostra ‘casa comune’.

Abbiamo inoltre il dovere morale di sostenere le comunità locali, veri custodi di questo patrimonio. L’inferno di fuoco che sta vivendo l’Amazzonia può diventare quella‘miccia’emotiva per spingere le persone a combattere lo sfruttamento incontrollato, insostenibile e spesso illegale delle risorse naturali del pianeta” Pagina di copertina anteriore: Dino Varricchio Fr Angelo Cagna, CS Scalabrinian Missionary Italian Chaplain M: 0423 648 736 E: acagna45@gmail.com Holy Spirit Church 16 Villiers Street, New Farm Q4005 “Walk humbly with your God” (Micah 6:8) Would you like to make a donation to Rintocchi.

For details refer to Page 55 on making a donation for future editions!!

Amazzonia in fiamme

35˚ anniversario Settembre – Ottobre 2019 4 I pionieri della canna Mi è capitata sott’occhio la fotografia di un vecchio Pub di Ingham (Queensland), conosciuto come il Day Dawn Hotel (Lees Hotel), legato un pochino al General MacArthur con i suoi soldati ed un simpatico australiano. La storiella va indietro agli ultimi tempi di guerra... L’Australiano difatti era entrato al Pub per dissetarsi data la calura della giornata, e si sente dire dal locandiere: Sorry mate, gli americani han bevuto tutta la birra... e quest’uomo che si chiama Danny Sheahan, senza scomporsi, a bocca asciutta ha cominciato a giocherellare con la sua chitarra ed ecco nata la famosa canzone “The Pub with no beer!”.

Dal Nord migliaia ci son le storie di tempi lontani legate a svariatissimi eventi e questo può davvero essere un racconto avventuroso perchè parla di migliaia di connazionali che hanno vissuto gli anni più duri sotto il massacrante sole del Nord! Da una favolosa serie di fotografie conservate grazie a Mario Torrisi, sotto gli occhi rivivono uomini, donne e giovinetti che battagliavano già dal 1892 in quella specie di foresta fatta di canna da zucchero. È da questa data che il Nord ha aperto le porte al flusso emigratorio e gli Italiani ne sono parte integrante.

La canna, immobile sotto il sole spietato, aspettava la lama del tagliatore per stenderla a terra, e lui era lì, giovine e forte .

Ogni uomo che ha usato il famoso coltello (conosciuto anche come coltello dei Kanaka) in pantaloncini e camicia a maniche corte col cappellaccio di paglia in testa per ripararsi dal soledifuoco,haunasuastoriada raccontare. Dall’albaaltramonto - dicono - sembravano tutte giornate senza fine. Caldo e sete andavano a braccetto, e l’acqua usciva calda dal beccuccio dai sacchi di tela. Era lontana la sera per un goccio di birra! Sotto il cielo di fuoco un mare di verde, e strisce metalliche per terra dove scivolavano i vagoncini sui quali si scaricavano dalle spalle le tonnellate giornaliere di canna tagliata.

Curvi, sporchi, SULLA PUNTA DELLA LINGUA

Amazzonia in fiamme

35˚ anniversario Settembre – Ottobre 2019 5 neri come diavoli si raggiungeva la baracca per il pasto serale, con gli occhi quasi spenti, mentalmente si facevano i conti della giornata... ogni bracciata uno scellino... per domani... L’indomani si ricominciava, anche allegri, con la voglia di stuzzicarci, e quando fra la canna, saltava fuori ogni tanto una specie di coniglio ch’era poi un Topone bruciacchiato e puzzolente lo si calciava come fosse un pallone. Il fuoco delle notti faceva le sue vittime e tra i fasci della canna quando la si metteva in spalla per buttarla sui vagoncini, dondolavano code e teste di mostruosi rettili, carbonizzati ma non morti e sempre micidiali .

Dure le settimane con giornate che sembrava non finissero mai, ma alla fine poi, arrivava il venerdì e da ogni piantagione gli uomini si riversavano fra villaggi e paesetti in cerca di sfogo e allegria.

Queste fotografie - dice Mario “mostrano gioventù nel fior degli anni, a guardarli fra il mare di canna neri e scuri come spazzacamini, coi cappellacci in testa e coltello fra le mani, sorridono tutti sognando giorni migliori, momenti più calmi e un’allegra famigliola” ... Per tanti i sogni si son realizzati. Mario Torrisi con i membri della comunità agricola della canna da zucchero Ingham davanti alla statua - (Da sinistra a destra) - Andrea Spampinato, Mario Torrisi, Adam Douglas, Ramon Jayo, Peter Sheedy, Bob Britton, Colin Dallavanzi, Fay Morris, Mark Spina, e Pay Lynch. Un ringraziamento a Mario Torrisi (Ingham, Queensland) per la sua fotografie.

SULLA PUNTA DELLA LINGUA

Amazzonia in fiamme

35˚ anniversario Settembre – Ottobre 2019 6 ECOLOGIA: NUOVA FRONTIERA DEL BENESSERE O MALESSERE. L’ ecologia studia, analizza e, con un po' di fortuna, vigila sul rapporto esistente fra organismi viventi e l’ambiente circostante. L’ espressione con un po' di fortuna ha bisogno di una spiegazione: nonostante i progressi della tecnologia moderna rivolta al monitoraggio dell’aria che ci circonda ogni secondo della nostra esistenza e con noi, esseri umani, anche le tante coltivazioni (alberi, piante, verdura, frutta, erba...) che servono a mantenerci in vita, persistono, a detta degli scienziati, ombre e penombre su alcuni equilibri, in bilico, del pianeta terrestre.

Son sotto gli occhi di tutti le enormi falde di ghiacciai che aggredite da un clima, molto più mite che in passato, si sfaldano e cadono nell’oceano, nella Groenlandia e nella regione antartica. Come la desertificazione di ampie zone del pianeta: la mancanza di piogge incide sulla tenuta delle coltivazioni, obbligando le popolazioni del luogo a cercare la loro fortuna altrove. Non sempre possibile. Con il clima sotto pressione (riscaldamento globale), ballano anche tante altre convivenze (insetti, volatili, pesci...) che abitano il nostro pianeta. Quel che arriva sui nostri piatti, risale e risente, anche se in maniera invisibile, di un dissesto ambientale che in varie forme e livelli di intensità, mina alla base l’integrità dei prodotti consumati.

Non è mia intenzione sollevare dubbi e paure infondate. Ma le organizzazioni mondiali e nazionali non lasciano spazio a opinioni diverse.

Di fronte ad una situazione mondiale che scivola inesorabilmente verso un peggioramento irreversibile, alcuni enti e persone potrebbero accontentarsi del detto che il mondo esiste da tanto tempo. Resistente, quindi, ad ogni avversità. O, se religiosi e cristiani, che il Creatore Onnipotente non rimarrà a mani incrociate di fronte allo sfacelo finale e completo dell’opera uscita dalle Sue mani. O che il fenomeno dell’evoluzione che ha da milioni e milioni di anni conosciuto i suoi alti e bassi nelle stagioni del nostro pianeta. Scherzando su tutte queste angolature diverse, specialmente quello della creazione cristiana, un professore di università si è azzardato ad affermare che il mondo uscito dal Creatore è caduto in mani sbagliate: quelle dell’uomo!

Evidentemente, i problemi non mancano, acutizzati dalla tecnologia e dalla mentalità di società avanzate, sempre più attente ed impaurite dalle trasformazioni in atto. La paura non è mai stata una buona consigliera. Siamo sempre di più abituati a temere i temporali, il cattivo tempo, che a sognare il bel sole! Forse è utile, nel momento presente, ragionare anche sul clima: impresa non facile, soprattutto per quello che riguarda le tanto desiderate previsioni, per metterci al riparo da sorprese non piacevoli. Alcuni brevi suggerimenti: 1. Non ritengo che la cosmologia moderna abbia scoperto tutti i segreti del nostro universo: pianeta terra che fa parte di altri universi, non tutti identificati.

Vedi il cosiddetto buco nero; 2. È vero che il nostro globo è almeno in parte malaticcio. Ma questo continuo raffreddore non è solo il risultato di grosse compagnie che sfruttano irresponsabilmente le risorse del pianeta terra, “madre comune”, ma anche della nostra indifferenza e paura di comprometterci, abbandonando il nostro ruolo di servitori di quest’opera incantevole che è il creato. Servitori della sua integrità per la nostra e future generazioni, non padroni; 3. E, ancora più importante: se emigrati e cioè ORA dimoranti su un territorio che non è, per così dire, il “nostro”, non rimanere schiavo del suggerimento errato che il territorio appartiene ad altri, arrivati prima di noi.

Il “tocca a loro” è quanto mai deleterio e falsificante: montagne, colline, laghi, boschi ecc... sono stati l’opera voluta, ammirata e apprezzata da tante altre generazioni, formate da flussi emigratori, in passato come oggi. Dal Corrispondente dall’Italia, Padre Antonio Paganoni (Scalabriniano)

Amazzonia in fiamme

35˚ anniversario Settembre – Ottobre 2019 7 Perché insistere a dismisura, secondo alcuni, su questa regione del Sud America, racchiusa da ben 9 stati: Brasile, Bolivia, Colombia, Ecuador, Guyana, Guyana francese, Perù, Suriname e Venezuela? E nonostante la sua ampiezza (6,7 milioni di Km quadrati), poco esplorata, soprattutto nelle sue zone interne, abitata da tempo immemore da tribù indigene, racchiuse da questa immensa distesa di piante visibili solo dall’alto. Questa regione è chiamata il più grosso polmone del sistema “terra”, con la presenza di un terzo delle riserve forestali primarie del nostro pianeta.

La regione amazzonica custodisce la più grande foresta pluviale al mondo e il più ricco sistema fluviale: il rio delle Amazzoni raccoglie il 20% di acqua dolce sulla terra. La foresta (gli scienziati non hanno dubbi!) condiziona il clima dell’intero pianeta. Gli stessi scienziati calcolano che circa l’80% della foresta amazzonica è ancora ben conservato, ma quasi il 20% è già andato distrutto. I vasti interessi economici, legati allo sfruttamento per l’estrazione di minerali e al disboscamento per incrementare monoculture stanno lasciando il loro segno. Oltre ai danni ambientali, producono problemi sociali con popolazioni che sono costrette a spostarsi e popolare le periferie delle città, vivendo in condizioni di sfruttamento e di miseria.

Lontano dal loro habitat naturale!

  • La comunità cattolica ha voluto puntare il suo cannocchiale su questa regione. Desiderando di onorare diversi missionari uccisi da sicari e bande armate, senza scrupoli, al soldo di alcuni fazendeiros decisi a tutto pur di impossessarsi del territorio. E soprattutto con il desiderio di affiancare le popolazioni indigene che si battono per la difesa dei loro diritti. Un particolare impulso, in questa direzione, è stato dato dalla convocazione, da parte di Papa Francesco, del sinodo dei vescovi a beneficio dell’Amazonia. La sua mossa era stata preceduta dal cosiddetto documento di Aparecida, approvato dai vescovi di tutte le nazioni del Sud-America, in cui si dichiarava che la Chiesa deve ricercare un modello di sviluppo alternativo, integrale e solidale, fondato su un’etica attenta alla responsabilità per un’autentica ecologia naturale e umana, che sia radicata nel Vangelo della giustizia, nella solidarietà e nella destinazione universale dei beni; che superi la logica utilitarista ed individualista, che rifiuta di sottoporre ai criteri etici i poteri economici e tecnologici. Si tratta di essere convinti e di agire di conseguenza, a mio parere, su tre sfide o questioni in gioco: 1.
  • Il primo rischio è l’attacco indiscriminato e irresponsabile con danni enormi a un ecosistema di fondamentale importanza per tutto il genere umano; 2.
  • Il secondo rischio è quello di ingrossare le fila di coloro che popolano in condizioni disagiate le periferie urbane; 3.
  • Il terzo rischio è rappresentato dalle forze esigue della Chiesa presenti sul territorio, dove le immense distese territoriali e la grande varietà di popoli e lingue usate sono ostacoli notevoli agli sforzi rivolti all’ evangelizzazione dell’Amazzonia.

Ci auguriamo che il sinodo della Chiesa Cattolica possa (Ottobre 2019) aiuti governanti e gruppi impegnati ad affrontare con coraggio le sfide attuali della foresta amazzonica e delle loro popolazioni. Anche se ignorata dalle grosse testate o agenzie che promuovono, a parole, la comunicazione ed il rispetto delle risorse naturali del pianeta terra, la Chiesa testimonia con i fatti e con il martirio una fedeltà all’ integrità di tutto il creato. Anche in zone poco conosciute, come l’Amazzonia.

Dal Corrispondente dall’Italia, Padre Antonio Paganoni (Scalabriniano) AMAZZONIA, PATRIMONIO DELL’UMANITÀ

Amazzonia in fiamme

35˚ anniversario Settembre – Ottobre 2019 8 Con Anna De Peron che racconta... UN WEEKEND IN SPAGNA Ammaliati dalla Spagna, questa volta Albarosa e Gerard puntarono per Siviglia. Una volta arrivati all’aereoporto di San Pablo, hanno preso un taxi per la zona di Santa Cruz, l’antico quartiere ebreo nel centro storico di Siviglia. Li, avevano prenotato un piccolo apartamento che avrebbe fatto da base per le loro esplorazioni di questa meravigliosa citta dell’Andalusia. La prima cosa che li ha colpiti era l’aria límpida e spumeggiante e i colori brillanti che formavano un contrasto tra il bianco delle case, le viuzze strette, il vede cupo delle palme e il cielo indaco.

Come sempre, Gerard si era preparato con tanto di guida e mappe e aveva già fatto nota dei punti di interesse che avrebbero visitato.

Prima tappa, la cattedrale di Siviglia, la piu grande cattedrale gótica del mondo. L’edificio che risale al 1172, era originalmente la grande moschea di Siviglia costruita dal califfo Abu Yusuf. Dopo la ‘reconquista’ da parte dei re cattolici Fernando e Isabella, fu rasa al suolo nel 1401 e una nuova cattedrale è stata costruita per dimostarre la ricchezza e il potere della citta di Siviglia. L’única parte rimasta della antica moschea sono la torre della Giralda, il minareto originale, il Patio degli aranci e la Porta del Perdon Nella cattedrale riposa Cristoforo Colombo in un magnifico sarcófago di marmo.

Albarosa e Gerard hanno fatto la coda per entrare nella cattedrale strapiena di turisti. Mentre aspettavano, una zíngara si è avvicinata ad Albarosa, porgendogli un rametto di lavanda e timo e gli lesse la mano. “Sei una donna molto inteligente e indipendente. Hai le idee originali e farai molti viaggi. Avrai una vita lunga e sei molto fortunata perchè c’è un uomo che ti vuole molto bene.” Albarosacompiaciutahapensato,“ForseGerardfasulserio!” Dopo parecchie ore passate ammirando la maestosa cattedrale, Gerard ha suggerito, “Dai, saliamo in cima alla torre della Giralda. Di li si vedrà un panorama mozzafiato della città.” Infatti a 101 metri di alteza, la veduta di Siviglia era spettacolare.

Si vedevano i viali, i vicoli medievali, i giardini, gli edifici storici, il fiume Guadalquivir e le persone come formiche mentre passeggiavano nelle piazze tra le fontane. Tuttoilpanoramaincorniciato da un cielo terso e da palme secolari. Seconda tappa, l’Alcazar, il palazzo reale costruito dai mori durante l’occupazione araba della Spagna. Patrimonio dell UNESCO, è la reggia dove ancora soggiornano i reali di Spagna quando visitano la citta. Passavano da sala in sala meravigliandosi agli esemplari dell architettura Mujadar, cioe, un miscuglio di arabo e occidentale

Amazzonia in fiamme

35˚ anniversario Settembre – Ottobre 2019 9 UN WEEKEND IN SPAGNA che con arabesche, cortili, fontane interne e vaste volute sembrava di essere entrati nel paesaggio fiabesco delle mille e una notte. I giardini che circondano il palazzo sono un esempio perfetto dei classici giardini profumati árabi con gelsomino, fiori di arancio e rosé, il tutto punteggiato dal tintinnio delle fontane. All’indomani dopo un’abbondante colazione, si sono avviati a piedi per andare oltre il fiume Guadalquivir attraversando il ponte di Isabella Seconda per esplorare il distretto di Triana, il “barrio” dove è nato il flamenco.

Strada facendo, si sono fermati al Museo de las Bellas Artes per vedere le famose Madonne di Murillo, i barocchi Velasquez e Zurbaran e il più moderno Sorolla. Ai tempi, Triana era un piccolo insediamento di pescatori e costrutturi di barche sulle sponde del fiume. Benchè Siviglia non sia sul mare, era il porto piu importante della Spagna perchè tutta la merce che veniva dalle Americhe, oro, tabacco, cioccolato e altri prodotti, venivano trasportati per 120 chilometri lungo il fiume e scaricati a Siviglia per evitare i pirati in agguato sulla costa di Cadice. Ora Triana è diventata un pò il centro folcloristico allá moda con molti local che esibiscono il flamenco e con vari ristoranti tipici dove si possono gustare ottime tapas.

Inostridueviaggiatoridopounalungaefaticosamattinata si sono soffermati al Perro Viejo – uno dei tapas bar piu vecchi di Triana – per un paio di ore, e assaporarono i deliziosi bocconcini innaffiati con sangria! Le sera seguente, Gerard disse ad Albarosa, “Mettiti qualcosa di carino perchè ho organizzato una sorpresa.” Albarosa cercava di indovinare. Una serata all’opera? Uno show di flamenco? Una commedia al teatro? Forse una cenetta romántica in riva al fiume? Allora si è messa una bella camicia bianca ornata di pizzo San Gallo, i jeans più eleganti, i sandali che aveva comprato quel pomeriggio e aveva raccolto i capelli sulla nuca e messo i suoi due cerchi di oro alle orecchie.

Mica male Albarosa. Alle volte mi sorprendi!” “Ma dimmi dove andiamo?” “Pazienza. Tra poco vedrai.” Dopo venti minuti di camino, Albarosa vide che erano sul piazzale davanti all Alcazar dove c’era la solita coda di gente che aspettava per entrare attraverso i grandi portoni.

Vedi, noi non dobbiamo fare la fila. Oggi pomeriggio mentre tu dormivi sono venuto qui e ho comprato i biglietti per lo spettacolo.” “Spettacolo?” “Si. Un concerto di chitarra classica spagnola nei giardini dell’Alcazar!” Il concerto iniziava alle 22, ma oramai si erano abituati agli orari spagnoli, tutto iniziava tardi e finiva tardi. Si sono seduti sulle poltroncine sotto le stelle, e tra i profumi degli aranci e dei gelsomii e lo zampillare delle fontane, furono trasportati dalla musica di De Falla e Rodriguez in un mondo irreale di suoni magici.

Amazzonia in fiamme

35˚ anniversario Settembre – Ottobre 2019 10 Cari miei Gli anni sono corsi di volata e ci accorgiamo adesso che la vita è una fregata.

Non si gustano più le aromatiche ciambelle grazie alle tasse volate alle stelle e non val la pena passar da madre chiesa sperando di riempire la borsa della spesa. Oggi l’occhio casca sui governi che adorano le masse I quali si divertono a sparare sempre nuove tasse. Noi – imploriamo l’aumento di pensione e loro ci cantano la solita canzone... ...Ca – non cè sta nissiuno...! DALL'ANGOLETTO DELLE TROVATE Il canto del gallo COMMUNITY CARE WORKERS NEEDED - IMMEDIATE START Co.As.It. Community Services is seeking casual workers to join their team in providing direct care services in the client’s home for people residing in the Brisbane Metropolitan area and surrounding suburbs.

Flexible rosters can be organised to suit the applicant’s availability. Successful applicants will have a genuine caring nature and compassion to assist people who need support but still live independently in the community.

Duties may include:  Assisting with domestic duties  Assisting with personal hygiene  Assisting with aspects of daily living  Assisting with shopping and paying bills  Providing social and emotional support  Assisting clients to attend medical appointments  Meal preparation Requirements:  Australian Federal Police (Canberra) criminal history check  Certificate III or IV in Aged Care/Individual Support (ageing)  Experience in aged care/community work  Understanding of cultural diversity  Current Driver’s licence, comprehensive vehicle insurance and a reliable vehicle  Ability to communicate in another language is highly regarded but not essential.

(Italian, German, Russian, Spanish, Cantonese or Mandarin) Working Holiday Visa holders are not eligible to apply. For more information on our organisation go to: www.coasit.asn.au Interested applicants may submit their CV to: care@coasit.asn.au B Br ri is sb ba an ne e’ ’s s O Or ri ig gi in na al l A Ar rt ti is sa an n G Ge el la at to o F Fa ac ct to or ry y S Si in nc ce e 1 19 96 68 8 30 Virginia Street, Geebung Qld 4034 (a soli 10 minuti da Westfield Chermside) Orari di apertura: 8:30am - 4:30pm da Lunedì a Venerdì Free Delivery per ordini più di $100 Per altre informazioni si prega di contattare: Marisa a 07 3865 2553 www.delizia.com.au

Shop 82a ASPLEY Hypermarket Tel: 3263 7177 White Diamond specialist GIA Certified Chermside: Shop 108 Westfield Shopping Centre Tel: 3350 5399 Carindale: Shop 1232 Westfield Shopping Centre Tel: 3395 0140 Indooroopilly: Shop 1013 Indooroopilly Shopping Centre Tel: 3878 9737 Nelle nostre vetrine, le ultime creazioni per l’abbellimento della casa Our master jeweller creates exquisite masterpieces for your special moment Siamo a vostra disposizione fin dal 1972 Nei nostril negozi troverete il regalo adatto per tutte le occasioni ♦Catenine ♦Braccialetti ♦Anelli di Fidanzamento Sconti Speciali 30% 9CT & 18CT Orechini ♦Collane disegnate dai migliori orafi D’europa ♦Articoli Religiosi per Battesimi e Comunioni 35˚ anniversario Settembre – Ottobre 2019 11 Abbiamo tutto: splendidi fiumi, fantastici mari, oceani immensi, foreste favolose, ghiacciai eterni montagne che mozzano il fiato!

Abbiamo Vulcani in eruzione, ghiacciai che si sciolgono, inondazioni paurose siccità spaventose. Noi nel mezzo, in continuo aumento spogliamo boschi e foreste in cerca di spazio. Con l’aumento della popolazione mondiale, l’accetta e la ruspa son da anni che spogliano le foreste del Brasile, Africa, Asia, e Australia. Questa immensa corona di verde che abbellisce il pianeta, è il polmone vitale che tiene l’uomo in vita. Animali sono in via d’estinzione, l’uomo è sullo stesso corridoio.

Nel sonno la mente galoppa come un puledro smarrito in cerca di cose che non troverà mai! DALL'ANGOLETTO DELLE TROVATE Il piacere di vivere sulla terra

35˚ anniversario Settembre – Ottobre 2019 12 LA GUERRIERA CHE SORRIDE Stefano Girola è l'autore della biografia (scritta in italiano) di Rina Louise Dal Cengio, donna di origine veneta e aborigena. ‘Un giorno una discendente del popolo dei Gubbi Gubbi, uno dei gruppi aborigeni originari della costa a nord di Brisbane, nel sud del Queensland, incontrò un giovane emigrato dal Veneto e la mia vita ebbe inizio'. Inizia così La guerriera che sorride: La storia di Rina Louise Dal Cengio titolo del nuovo libro di Stefano Girola. "Nel 2012 mi trovavo a Trento per un convegno. All’epoca stavo presentando un libro di storia australiana, e tra gli interventi c’è stato quello di una donna che mi ha colpito molto, anzi ha colpito tutte le persone presenti", ricorda Girola ai microfoni di SBS Italian.

Ha raccontato brevemente la sua storia di abusi, subiti nel Queensland, da bambina e da ragazzina, e anche un po’ della sua identità a cavallo tra la cultura italiana da parte di padre e la sua identità aborigena, tenuta viva dal legame mai cessato con la sua famiglia nel Queensland".

Da quel primo incontro è nata presto l'idea di scrivere un libro: "lei mi ha detto subito che le sarebbe piaciuto se qualcuno avesse raccontato la sua storia e io mi sono reso disponibile". In una serie di interviste condotte di persona e attraverso una successiva corrispondenza, Stefano ha raccolto i ricordi di Rina, presentati poi in prima persona nel libro in modo chiaro e avvincente. Stefano aveva già raccontato parte di questa storia in un articolo che destò molta curiosità in Italia, tanto che Rina venne anche invitata ad un programma televisivo della RAI. Rina è nata a Mareeba (del nord Qu nel 1962, da un emigrato veneto e da una donna aborigena.

La sua vita, dopo che i genitori si sono separati, è stata segnata da anni difficili, durante i quali lei e le sorelle, prima istituzionalizzate e poi date in affidamento ad una famiglia, subirono abusi e violenze.

Quand'era ormai ragazza il padre, gravemente malato, la riportò in Veneto, la sua regione di origine, dove Rina vive tuttora. All'epoca Rina non parlava una parola di italiano e non aveva mai vissuto in una zona dal clima freddo: la nebbia all'arrivo a Venezia la spaventò non poco, come si racconta nel libro. Nel libro Rina fa riferimento a esperienze dolorose, ma con pudore, e esplicitando l'intenzione di glissare su alcune pagine particolarmente dolorose della sua vicenda biografica. Si tratta di un desiderio di privacy che Girola non ha esitato a rispettare pienamente: "un autore vorrebbe sapere tutto, e forse anche il pubblico, però il rispetto della volontà di Rina ha prevalso”.

La storia di Rina Louise dal cengio

35˚ anniversario Settembre – Ottobre 2019 13 Attraverso la vita di Rina, Girola racconta anche alcuni aspetti forse poco noti al grande pubblico, sia a riguardo dell'immigrazione italiana sia dell'esperienza indigena: "io mi sono occupato come studioso, ricercatore, sia di storie di immigrazione italiana nel Queensland, sia del rapporto tra la cultura dominante, in particolare la Chiesa Cattolica, e gli aborigeni (...) In lei confluiscono questi due filoni di cui mi occupo da tempo come studioso”. Fondamentale nel persuadere Rina Louise Dal Cengio a condividere la sua storia è stato il suo incontro con Jackie Huggins, attivista, storica e scrittrice aborigena, molto nota in Australia per il suo ruolo prominente nella comunità australiana e in organizzazioni come Reconciliation Australia e il National Council for Aboriginal Reconciliation.

Nel libro Rina racconta così il suo incontro con Jackie Huggins: "Abbiamo avuto una sintonia immediata, come se ci conoscessimo da sempre. Lei mi ha fatto ripensare al nostro popolo e mi ha spronata a mettere per iscritto la mia storia. Abbiamo subito l’espropriazione dalle terre ancestrali, violenze di ogni tipo e abbiamo perso anche la nostra cultura e le nostre lingue. Ma siamo ancora vivi, abbiamo resistito ostinatamente e adesso ci sono persone come Jackie, rispettate in tutta l’Australia". Il lancio ufficiale del libro si è tenuto venerdì 23 agosto 2019 presso la Società Dante Alighieri di Brisbane.

Il libro si può ordinare dal sito online di Amazon (www.amazon.com.au), oppure contattando l’autore: stefanogirola@hotmail.com LA GUERRIERA CHE SORRIDE 133-137 Redcliffe Pde, Shop 5 Cominos Arcade, Redcliffe Q4020 CONTACT US: P: 07 3283 4433 M: 0417 903 272 E: carlabg1960@gmail.com Flori and Carla Biacchessi have created an everchanging menu, meaning every sitting is a fresh experience; think buglione Toscano. The Private Dining Room and Bar is excellent for small private functions with their own “birra alla spina” and Italian wine selection to match their delicious food. Il Console Salvatore Napolitano (Console italiano nel Queensland e NT) con Stefano Girola, Rosalia Miglioli (Società Dante Alighieri Brisbane) e Mariangela Stagnitti (Presidente, COMITES Queensland e NT)

35˚ anniversario Settembre – Ottobre 2019 14 L'ANNUNCIO DEL PAPA ALL'ANGELUS DOMENICA 1° SETTEMBRE 2019 Ripreso dal sito Vaticano Papa Francesco non ama lasciare troppi posti liberi tra i cardinali elettori per lungo tempo. Così ha annunciato che il 5 ottobre, vigilia dell’apertura del Sinodo per l’Amazzonia, creerà 13 nuovi cardinali di cui 10 votanti e 3 con più di ottanta anni. Con questo nuovo concistoro, il sesto in sei anni di pontificato, il numero dei cardinali elettori di nomina bergogliana supererà la maggioranza assoluta e nel Sacro Collegio tornerà un porporato “romano di Roma”(l’ultimo è stato il compianto Fiorenzo Angelini scomparso a 98 anni nel 2014).

Rodriguez, 71 anni, dal 2016 arcivescovo di San Cristobal de La Habana; il cappuccino africano Fridolin Ambongo Besungu, 59 anni, dal 2018 arcivescovo di Kinshasa nella RepubblicademocraticadelCongo;ilgesuitaJean-Claude Hollerich, 61 anni, dal 2011 arcivescovo di Lussemburgo e dal 2018 presidente della Comece; il guatemalteco Alvaro L. Ramazzini Imeri, 72 anni, dal 2012 vescovo di Huehuetenamgo; l’italiano Matteo Zuppi, 64 anni, dal 2015 arcivescovo di Bologna; il salesiano spagnolo Cristobal Lopez Romero, 67 anni, dal 2017 arcivescovo di Rabat in Marocco dopo aver lavorato in Paraguay dal 1986 al 2011; e il gesuita slovacco-canadese Michael Czerny, 73 anni, dal 2016 sottosegretario della Sezione Migranti del Dicastero per il servizio dello sviluppo umano integrale.

Attualmente i porporati sono 215, di cui 118 elettori. Il prossimo 5 ottobre diventeranno 228 di cui 128 con diritto di voto in un eventuale conclave. Verrà superato quindi, ma non è la prima volta (era già successo anche nei pontificati precedenti ma non con Paolo VI), il limite di 120 fissato da papa Montini nel 1973. E per la prima volta i cardinali creati da Papa Francesco, 67, saranno la maggioranza assoluta. C’è da tenere presente comunque che entro il 15 ottobre 4 cardinali compiranno 80 anni (l’africano Monsengwo, il curiale polacco Grocholewski, l’italiano Menichelli e l’indiano Toppo), mentre altri 4 lo faranno tra il febbraio e il novembre 2019 (il libanese Rai, l’italiano Vallini con il connazionale curiale Baldisseri, lo statunitense Wuerl).

Già dieci giorni dopo il Concistoro dunque il numero dei cardinali elettori scenderà a 124 (66 creati da Bergoglio, 42 da Benedetto XVI e 16 da Giovanni Paolo II), mentre bisognerà attendere un ulteriore anno per rientrare nel limite canonico di 120 (65+39+16). Concistoro 5 ottobre - 13 nuovi cardinali

35˚ anniversario Settembre – Ottobre 2019 15 Welcome to Sera’s Artisan Pantry who are dedicated to making authentic Italian biscuits and sweets. We go to great lengths to source the finest ingredients available so that we can provide you with the most delicious tasting sweets. All our products are preservative free and are freshly made to order baked in the old-world tradition. We also make a range of Gluten Free biscuits. Cannoli’s are made to order. Orders for our delicious homemade biscuits can be placed through Facebook or Email: seraspantry@gmail.com Please feel free to contact us on 0403 833 852 Email: seraspantry@gmail.com Please like us on Facebook or follow us on Instagram.

  • Almond Bread; Pistachio Bread; Lemon Biscuits; Cantucci; Almond Meringues; Crostoli; Cannoli Shells; Caramel Fudge; Nougat and Turkish Delight
  • Gluten Free: Pistachio Biscuits; Hazelnut Biscuits; Pasta Di Mandorli; Marmalade Cherry & Nut Biscuits, Coconut Biscuits
  • Romano Coffee Roasters Speciality Coffee Beans
  • Yarra Valley Gourmet Salad Splashs, Relishes, Mustards and Jams
  • Nicholson Fine Food Products
  • Random Harvest Gourmet Products
  • Hum Honey Products
  • Italian Jams
  • Italian Condiments and Relishes / Mustards
  • Bialetti Stovetop Coffee Makers
  • New York's Harney & Sons Teas
  • Hand made Gift Cards
  • Handmade Goat Milk Soaps and Muscle Balms
  • Gift Packs WE OFFER A DELICIOUS RANGE OF BISCUITS CONVENIENTLY PACKAGED FOR EVERY OCCASION.

Some of my homemade products include: Visit my permanent Market Stall Shop 14, 1768 Sandgate Rd Virginia Q 4014 Open 8:00 AM to 4:00 PM 7 days a week Sera’s Artisan Pantry VIVA I TRE SANTI TUTTI BENVENUTI SEGUIRÀ UN RINFRESCO IL MIRACOLO DELLA LAVA Ricordiamo 3 Novembre 1928, quando il paese di Sant’Alfio fu salvato dal fuoco dell’Etna. S. MESSA DI RINGRAZIAMENTO Domenica 3 Novembre 2019 nella chiesa di Holy Cross, Wooloowin celebrata alle ore 08:00am da P. Angelo Cagna c.s., cantata dal Coro S. Alfio insieme al Coro Santa Croce.

35˚ anniversario Settembre – Ottobre 2019 16 THE PIEMONTESI ASSOCIATION OF QUEENSLAND.

INC. Con una goccia di Barolo o del Barbera, la mente vi trasporta subito tra le collinette del Piemonte dove l’uva abbonda! È una meraviglia passeggiare di mattina presto quando le nubi son basse e accarezzano i grappoli in attesa del sole...cosi vi dicono i Piemontesi quando parlano della loro regione, e poi menzionano alberi da frutto e boschi dove si trovano i Tartufi che son richiesti in tutto il mondo: Ci tengono a farlo sapere! e aggiungono anche quelle famose noccioline che si raccolgono in autunno e son parte del famoso Gianduia e naturalmente della Nutella, e non tralasciano i vini famosi, oltre al Barolo e Barbera, anche il Nebbiolo, il Moscato bianco e via via per chilometri di parole, e tutte queste cosette, saltano fuori durante il raduno annuale che i Piemontesi organizzano preparando per l’occasione il piatto famoso conosciuto come “bagna càuda“ un sughetto fatto con acciughe, aglio, burro e olio!

Questi Piemontesi si son riuniti all’Abruzzi Club di Carina, erano parecchi, il cuoco Michele ha fatto un ottimo lavoro e l’allegria ha preso il via con il trio dei De Pasquale. Alla festa hanno partecipato pure rappresentanti delle Associazioni: Toscana, Siciliana e Trevisana. Per la cronaca, il Comitato dell’Associazione Piemontese è cosìcomposto:AnnaDePasquale, John Isoardi, Anna Pavia, Dante Ballarino, Peter Pavia, Franca Accornero, Luigi Accornero, Deanna Isoardi. Le foto danno un’idea della riuscitissima giornata e questi visi sorridenti vi danno appuntamento per il prossimo anno!

Ci vediamo alla nostra prossima Bagna Càuda nel 2020.

A cura di Dino Varricchio e un ringraziamento speciale a John Isoardi con questo articolo e le foto. Piemonte in fiore THE OF Piem Con una goccia di Barolo o del Barber Piemonte dove l’uva abbonda! È una meraviglia passeggiare di matti grappoli in attesa del sole...cosi vi dico poi menzionano alberi da frutto e bos mondo: Ci tengono a farlo sapere! e raccolgono in autunno e son parte de tralasciano i vini famosi, oltre al Barol via per chilometri di parole, e tutte qu che i Piemontesi organizzano prepara “bagna càuda“ un sughetto fatto con Questi Piemontesi si son riuniti all’Ab ha fatto un ottimo lavoro e l’allegria h hanno partecipato pure rappresentan Per la cronaca, il Comitato dell’Associ Pasquale, John Isoardi, Anna Pavia, D Accornero, Deanna Isoardi.

Le foto danno un’idea della riuscitissi appuntamento per il prossimo anno! Ci vediamo alla nostra prossima Bagn A cura di Dino Varricchio e un ringrazi foto.

Barry Walters, Aurelio Ciccotelli, Gino Cornaccia, Sergio Cecchini Di and Alf Sorbello, Elly e Carla Gerbo

35˚ anniversario Settembre – Ottobre 2019 17 THE PIEMONTESI ASSOCIATION OF QUEENSLAND. INC. THE OF Q Piem Con una goccia di Barolo o del Barbera Piemonte dove l’uva abbonda! È una meraviglia passeggiare di mattin grappoli in attesa del sole...cosi vi dico Peter e Anna Pavia Anita Valenti, Willy Cornaccia, Ornella Cecchini e Gemma Ciccotelli Nancy Fanti e Gracie Vecchio Salve Agnola, Geoff Milaudi, Lino Astolfi, Stella Cantatore e Glenda Blanco che si godono la Bagna Cauda Joe, Mina and Ezio Scodellaro, Anna De Pasquale, Iride Bortuzzo, Jenny Scodellaro and Mary Van Haften Cora Zanetti, Mary Merlo, Nellie Boston, Santina Fabiani

35˚ anniversario Settembre – Ottobre 2019 18 Carmela Bozzi (a destra) e il marito Leo (a sinistra) con la loro famiglia. Ancora una volta il pranzo sociale organizzato dell’associazione AITM sezione di Brisbane avvenuto 11 agosto é stato di grande successo. Una folta partecipazione ed un menú delisioso: antipasto – minestrone – museto con puré e piselli – spezzatino con polenta – panna cotta – café e castagne. E con una ricca lotteria.

Il 31 agosto c’è stato l’annuale pellegrinaggio al santuario di Marian Valley per commemorare S.Pio Xo patrono dell’associazione AITM. La magnifica celebrazione quest’anno è stata eseguita dai padri Paolini.

L’omelia è stata sulla vita del Santo dalla fanciullezza alla morte. Come di consueto dopo la S.Messa: processione al capitello. Padre Anthony recitó l’itanie – benedizione ai fedeli presenti – bacio alla Reliquia del Santo e foto ricordo.

Prossimamente, l’associazione parteciperá all'11mo Convegno Nazionale a Sydney 11-13 ottobre. Celebrerá il Pranzo di Natale il 17 Novembre. Associazione Internazionale Trevisani nel Mondo Sezione di Brisbane inc. Paola Montagner Greco

35˚ anniversario Settembre – Ottobre 2019 19 “Misentoonoratae,altempostesso,ancoraincreduladiaverricevutounriconosciment ocosìimportante.Alivellopersonale, ricevere questa onoreficenza mette insieme la mia vita e il mio cuore e mi fa sentire profondamente accolta in questo bel paese che mi ha lasciato vivere la mia italianità mentre imparavo a conoscere ed amare usi e costume di un mondo nuovo.” Tra tutte le onorificenze accreditate il 10 giugno scorso, Carmela Bozzi, di Chermside, Brisbane, è l’unica ad avere come motivazione“per servizio alla comunità italiana di Brisbane.” “Che orgoglio leggere le parole - Italian Community - tra le righe di queste pagine del giornale: è la comunità che ha ricevuto questo riconoscimento, come presenza vitale, che ha dato e ancora dà tanto alla nostra bella città di Brisbane.” Carmela Galliani arriva appena 19enne a Brisbane nel febbraio 1979 con il Diploma di Maturità Scientifica, conseguito al Liceo Scientifico del suo paese natio, Bitonto, Bari.

Alcuni mesi dopo si unisce in matrimonio con Leo Bozzi ed insieme costruiranno una famiglia con tre figlie e tre nipotini.

Per alcuni anni insegna la lingua italiana nei corsi serali del TAFE e nelle scuole elementari e nei corsi del sabato patrocinati dal Co.As. It. Con la nascita della F.C.I. inizia il suo coinvolgimento con la comunità: animazione della santa messa domenicale; leader del gruppo di preghiera del Rinnovamento; coordinatrice del santo rosario nelle case; direttrice del coro S. Alfio, nato sotto il patrocinio del Comitato dei Tre Santi, Brisbane, e coinvolta nei festeggiamenti in onore dei Tre Santi che si tengono a maggio e novembre; redattrice della rivista Rintocchi e nel comitato organizzativo delle varie feste sociali per raccolta di fondi a fini di beneficenza; guida dei Pellegrinaggi in Terra Santa, in Sicilia, Italia, Spagna e Portogallo e delle Giornate della Gioventù a Roma, Toronto, Sydney.

Ancora oggi l’amore e la passione per il canto la vede impegnata nelle messe domenicali in alcune chiese di Brisbane e nelle celebrazioni di matrimoni e messe funebri.

Voglio ringraziare tutti i maestri di vita che ho incontrato nel mio cammino e da cui ho imparato tutto quello che sono e sarò sempre grata al Signore per la mia comunità di Brisbane che è diventata per me famiglia e ancora oggi mi accoglie e mi saluta sempre con un sorriso sincero o un abbraccio”. MEDAGLIA OAM Per la connazionale Carmela Bozzi

35˚ anniversario Settembre – Ottobre 2019 20 Ph: (07) 3216 1220 Website: www.italiangolfqld.com.au PO Box 134 Hamilton Central Qld 4007 E-mail: italiangolfqld@bigpond.com ITALIAN GOLF ASSOCIATION (QLD) INC SPONSORIZZA RINTOCCHI ! Normalmente i giocatori, gli allegri Sportivi del Golf si trovano sugli sconfinati prati verdi che sgambettano sudando e tirano la bianca pallina con la speranza di farla arrivare alla buca...

Dalle foto, è facile capire che l’esercizio all’aperto è stato già fatto e questi signori (e signore!) sono arrivati alla buca prima degli altri ed il loro sforzo e la loro bravura è stata - come si vede - ben premiata! Dicono che il Golf sia il più divertente e il più sano degli Sports, talmente sano che (così dicono) allunga la vita!

Allora, se volete campare sino alle cento primavere... niente di meglio che accodarvi all’affiatato gruppo di golfisti di Brisbane... Il Glades Golf Club – 5 agosto 2019 ITALIAN GOLF ASSOCIATION (QLD) INC. Presidente Paul Balbuziente “A” Grado Ray Rota (terzo), Larry Matthews (primo), Ernie Ward (secondo). “B” Grado Rob Hamilton (primo), Tony Sirianni (terzo), Domenica De Pasquale (secondo) “C” Grado Joe Reggi (primo), George Kallinikos (secondo), Mike Ambrosini (terzo).

35˚ anniversario Settembre – Ottobre 2019 21 NEWMARKET BOCCE CLUB INC. Let’s talk more about bocce!! In the previous edition of Rintocchi, I spoke about that there is only one bocce club in Brisbane, Newmarket Bocce Club, and the other, Redlands Bocce Club in the Redlands City Council.

Do you know of any clubs that do not have any sponsors? I would think that most clubs have sponsors and bocce clubs are no different. However, both bocce clubs could do with more sponsors. The only sponsor of the Newmarket Bocce Club is Tony Rosa and you would have read my article about the Tony Rosa Cup in the last article of Rintocchi. Unfortunately,Tonysponsorsbothbocceclubsdepending who holds the trophy. It is our only corporate sponsor and last year we won the trophy back after not having it for a few years. Redlands won it back this year, but we were not disgraced as we came second and third.

Now Redlands Bocce Club have a corporate sponsor – IPCQ Pty Ltd – IPCQ are Corrosion Control Specialists with expertise in abrasive blasting and protective coatings applications Australia wide. The two sponsors are Col Mears and Paul Jeffs are proud to sponsor Redlands Bocce Club with the IPCQ cup. It was inaugurated in 2003 and the Abruzzo Club (Brisbane) won it.They won it again in 2007. However, every other year until 2018, Redlands has held the cup. This year, Newmarket Bocce club went down with 12 players. We played triples and therefore there were 4 teams and we had two strong teams (as in previous years) ready to do battle.

We have on previous occasions come second and third placings. In 2019, the Newmarket Bocce club came first, second and third. The winning team comprised of Mario De Marco, Tony Servodio and John Tanda. Second place was Silvio Rotili, Gabriele Pasqualini and Natale Zaini. Third place was Bruno Cappellonne, Tony Giacoboni and John Manitta.

TheNewmarketBocceClubplayersenjoythecompetition and at the same time it’s fun and the camaraderie is great. Hopefully, we will retain the cup next year. If you’re interested in playing bocce - please contact Mario De Marco on 0403 257 325 or Tony Giacoboni on 0412 386 617. The winning team comprised of Tony Servodio (left), Mario De Marco (middle), and John Tanda (right) with sponsors Col Mears and Paul Jeffs Second place was Silvio Rotili, Gabriele Pasqualini (middle) and Natale Zaini. Third place was Tony Giacoboni, Bruno Cappellonne (middle), and John Manitta.

35˚ anniversario Settembre – Ottobre 2019 22 FEDERAZIONE CATTOLICA ITALIANA – NORTH BRISBANE (QLD) Angolo della FCI di North Brisbane Cari amici della FCI e gentili lettori di Rintocchi, Voglio informarvi che la nostra Associazione ha celebrato la Festa del Papà con un pranzo nella sala della chiesa di Wooloowin il sabato 31 agosto scorso.

Per la prima volta la festa è stata celebrata con un pranzo a mezzogiorno invece che la sera, perché ormai di sera persone anziane non escono più di casa come si usciva una volta quando si era un po' più giovani. Debbo esprimere il mio compia mento perché l'idea di anticipare la festa è stata indovinata ed è riuscita una bella giornata, buona compagnia e buona musica.

Ringrazio sentitamente e di vero cuore tutti i presenti e soprattutto i federati, che si sono rimboccati le maniche per allestare la sala, per preparare il cibo e per servirlo al buon numero di partecipanti. La nostra Federazione è come una piccola famiglia dove tutti ci aiutiamo gli uni gli altri. Il padre meno giovane della giornata è stato il signor Rocco Di Labio (vedi foto), quello più giovane il signor Angelo Contarino (vedi altra foto) Per quando uscirà questa edizione di Rintocchi saremo già andati e tornati da Marian Valley per la festa annuale in onore di S. Padre Pio.

Alla prossima! Continuiamo a camminare insieme con il Signore.

Buona lettura di Rintocchi Cristo Regni Nerina La Spina Presidente Rocco Di Labio Angelo Contarino

Chi sono i nostri giovani visitatori alla grotta in onore della Madonna di Lourdes 35˚ anniversario Settembre – Ottobre 2019 23 FEDERAZIONE CATTOLICA ITALIANA – NORTH BRISBANE (QLD) OLTRE VENT'ANNI FA VENIVA COSTRUITA LA GROTTA IN ONORE DELLA MADONNA DI LOURDES PRESSO LA CHIESA DI HOLY CROSS A WOOLOOWIN Alcuni lettori di Rintocchi hanno certamente visitato il famoso santuario mariano di Lourdes (Francia) e ne hanno conservato vivo il ricordo. Proprio da questo ricordo è nata l'idea di costruire, nei pressi della chiesa di Holy Cross a Wooloowin, una grotta e dedicarla alla Madonna di Lourdes.

La Federazione Cattolica Italiana di North Brisbane si mise all'opera per portare a compimento questo progetto, superando vari ostacoli e difficoltà. I lavori di costruzione iniziarono il 15 gennaio 1996 e furono completati, in meno di un mese, il 10 febbraio. La sera del 18 febbraio, tra la commozione della numerosa folla accorsa si scoprì il volto luminoso della statua della Vergine Immacolata e quello soave di Bernardetta. Il Vescovo ausiliare di Brisbane mons. John Gerry benedisse le due statue e tutti i fedeli convenuti per quella storica occasione.

A distanza di oltre vent'anni, ancora oggi alcuni membri della comunità italiana si prestano a mantenere sempre "bella" la grotta dove fedeli sostano regolarmente in preghiera, e il giardino circostante. Attraversando gli archivi, abbiamo trovato questa foto di due bambini che ammirano la Madonna. Sai chi sono i bambini in questa foto? Ci piacerebbe scoprire e fare una foto omaggio - prima e dopo e dove sono adesso!! Possa la Beata Vergine di Lourdes, la "Bianca Signora", intercedere sempre per ottenere da Dio Amore, Pace e Serenità per tutti. La "Nostra Mamma Celeste" ci attende sempre.

Giuseppe & Maria Toscano Foto scattata tra il 1982-1983? Sei tu in questa foto !! San Gerado Maiella Redentorista Il Comitato di S.

Gerardo Maiella, Brisbane Il comitato di S. Gerardo di Wooloowin è lieto d'invitare i devoti vicini e lontani alla S. Messa delle ore 8am nella chiesa di Holy Cross la domenica 22 ottobre. I membri del comitato ringraziano anticipatamente coloro che vorranno intervenire alla celebrazione. San Gerardo Maiella Chiesa Holy Cross - Wooloowin Celebrazione annuale in onore di Patrono delle mamme e dei bambini

Puoi anche leggere
Parte successiva ... Annulla