Piano per l'attuazione del Diritto allo Studio anno scolastico 2019/2020

 
Piano per l’attuazione del
     Diritto allo Studio
anno scolastico 2019/2020

                              1
Sommario
Finalità del Piano ................................................................................................................................ 4
Struttura organizzativa per l’attuazione del Piano per il diritto allo studio ............................................ 6
Norme di riferimento ........................................................................................................................... 7
Dati di contesto ................................................................................................................................... 9
   Popolazione del Comune di Corbetta .............................................................................................. 9
Popolazione scolastica ..................................................................................................................... 10
   Popolazione scolastica attesa ....................................................................................................... 10
   Il sistema scolastico di Corbetta .................................................................................................... 10
   Bacini d’utenza scolastica. ............................................................................................................ 11
   I dati della popolazione scolastica ................................................................................................. 12
Calendario scolastico 2019/2020 ...................................................................................................... 13
   Scuola d’infanzia ........................................................................................................................... 13
   Scuola Primaria ............................................................................................................................. 13
   Scuola Secondaria di primo grado................................................................................................. 13
   Chiusure........................................................................................................................................ 13
Edilizia scolastica.............................................................................................................................. 14
   Lavori di ampliamento della Scuola secondaria di primo grado Simone da Corbetta ..................... 14
   Interventi di manutenzione straordinaria Villa Favorita .................................................................. 14
   Acquisto arredi e attrezzature........................................................................................................ 14
Servizi parascolastici e di conciliazione ............................................................................................ 15
   Refezione scolastica ..................................................................................................................... 15
   Trasporto scolastico ...................................................................................................................... 16
   Trasporto specifico alunni disabili .................................................................................................. 17
   Pre scuola e post scuola ............................................................................................................... 17
   Centri estivi ................................................................................................................................... 18
Interventi di sostegno al diritto allo studio ......................................................................................... 19
   Fornitura libri di testo agli alunni delle scuole primarie................................................................... 19
   Dote scuola Regione Lombardia ................................................................................................... 19
   Contributi comunali per le spese di frequenza scolastica .............................................................. 20
   Premi al merito e Borse di studio comunali.................................................................................... 20
   Assistenza agli alunni portatori di handicap ................................................................................... 20
   Integrazione alunni stranieri e facilitazione linguistica.................................................................... 23
   Spazio compiti ............................................................................................................................... 23

                                                                                                                                                  2
Voucher valutazione DSA ............................................................................................................. 23
Interventi di prevenzione sanitaria .................................................................................................... 24
Interventi e contributi per l’ampliamento dell’offerta formativa dell’Istituto Comprensivo Aldo Moro .. 25
Convenzioni con le scuole dell’infanzia paritarie ............................................................................... 26
Contributi per le attività estive organizzate dalle parrocchie .............................................................. 27
Bilancio partecipativo ........................................................................................................................ 28
Quadro economico di sintesi del Piano ............................................................................................. 29
Allegato 1 Elenco dei progetti d’ampliamento dell’offerta formativa dell’Istituto Comprensivo Aldo
Moro ................................................................................................................................................. 31
Allegato 2 Rendicontazione delle principali attività svolte nell’anno scolastico 2018/2019 ................ 33
   Interventi e contributi per l’ampliamento dell’offerta formativa ....................................................... 33
   Assistenza agli alunni portatori di handicap ................................................................................... 36
   Integrazione alunni stranieri e facilitazione linguistica.................................................................... 36
   Refezione scolastica ..................................................................................................................... 37
   Trasporto scolastico ...................................................................................................................... 37
   Pre e post scuola .......................................................................................................................... 37
   Spazio compiti ............................................................................................................................... 38
Allegato 3 Schede di progetto presentate dall’Istituto Comprensivo Aldo Moro ................................. 40

                                                                                                                                                    3
Finalità del Piano
Il Piano di Diritto allo Studio è lo strumento di programmazione annuale attraverso il quale il Comune
garantisce, programma e coordina gli interventi di propria competenza a favore degli alunni del
proprio territorio.
La legge regionale 20 marzo 1980 n. 31 è stata integralmente abrogata a decorrere dal 31 maggio
2017.
E’ dunque abrogato l'art. 16 della legge regionale 20 marzo 1980, n. 31, che prevedeva l'obbligo di
approvare il piano per l'attuazione del diritto allo studio entro il mese di luglio.
Per vero, è di fatto scomparso dalla normativa regionale un qualunque riferimento al piano per il
diritto allo studio. Non se ne fa menzione espressa nemmeno nella legge regionale 6 agosto 2007 ,
n. 19 “Norme sul sistema educativo di istruzione e formazione della Regione Lombardia”.
Tuttavia, al fine di assicurare un quadro programmatorio adeguato ai complessi interventi che
l’Amministrazione comunale deve e dovrà porre in campo per il buon funzionamento dei servizi
nell’anno scolastico 2019/2020, appare comunque opportuno adottare il Piano per l’attuazione del
diritto allo studio.
Per l’attuazione di quanto previsto all’art. 34 della Costituzione della Repubblica Italiana e
conformemente ai punti 1) e 2) dell’art. 3 dello Statuto della Regione Lombardia e della Legge
Regionale 6 agosto 2007, n. 19, la politica comunale per il diritto allo studio persegue queste finalità:
   1. organizzazione di tutti i servizi atti a rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale che
      determinano l’evasione e la ripetenza scolastica e a facilitare la frequenza nelle scuole
      materne e dell’obbligo;
   2. coordinamento dei servizi che comunque concorrano alla formazione ed allo sviluppo della
      personalità intellettuale, etico-sociale e psicofisica dei cittadini nel periodo di frequenza della
      scuola materna e dell’obbligo;
   3. predisposizione degli strumenti che consentano l’inserimento nelle strutture scolastiche degli
      alunni portatori di handicap e la socializzazione dei minori disadattati o in difficoltà di sviluppo
      e di apprendimento;
   4. qualificazione del sistema scolastico sostenendo iniziative che favoriscano le innovazioni
      educative e didattiche e che consentano una ininterrotta esperienza educativa in stretto
      collegamento tra istituzioni scolastiche e realtà sociale;
   5. collegamento delle attività scolastiche con servizi sanitari, ricreativi, sportivi, culturali ed
      assistenziali;
   6. contribuzione ad una gestione partecipata della scuola, coinvolgendo le famiglie;
   7. incentivazione delle attività extrascolastiche che realizzano la scuola come centro di
      promozione culturale, sociale e civile anche consentendo l’uso degli edifici fuori dall’orario di
      servizio scolastico per attività non in contrasto con i fini didattici.
Il Piano per il Diritto allo Studio 2019/2020 è stato predisposto nel rispetto delle indicazioni e delle
priorità indicate dalle scuole, con spirito di reciproca collaborazione.
Con questo strumento si intende garantire il diritto di accesso ai servizi scolastici ed offrire le migliori
condizioni possibili per un’offerta formativa di qualità, presupposto indispensabile per promuovere il
successo scolastico dei bambini e dei ragazzi, riequilibrando situazioni di svantaggio e valorizzando
al meglio le potenzialità di ciascun alunno.

                                                                                                        4
Il Piano pone in evidenza che la Scuola non è un semplice “spazio fisico” nel quale i nostri ragazzi e
bambini passano la loro giornata ma è invece uno dei luoghi principale di produzione e trasmissione
della cultura e destinato alla formazione dei cittadini e delle cittadine.
Particolare attenzione verrà posta nel favorire il proseguimento del percorso scolastico attivando
strumenti di sostegno economico, quali i contributi comunali (Assegni di Studio, Borse di studio,
interventi di sostegno al reddito per alunni che non accedono più al sistema di Dote Scuola).
L’Amministrazione Comunale si prefigge, altresì, di operare in modo da poter erogare i servizi
collaterali che completano l’attività propriamente didattica, mettendo a disposizione mezzi e risorse e
programmando le priorità sulla base delle proprie disponibilità finanziarie: refezione scolastica,
trasporto alunni, pre e post scuola e centro estivo in primis.
Attenzione particolare sarà data agli interventi a favore degli alunni in condizione di disagio sociale o
economico, di recente immigrazione (facilitazione linguistica), o in condizione di disabilità.

                                                                                                      5
Struttura organizzativa per l’attuazione del Piano per il diritto allo studio
Assessore alla Pubblica Istruzione: Chiara Lavazza
Per appuntamento: servizio Pubblica Istruzione 02/97.204.352
Email: servizio.pubblicaistruzione@comune.corbetta.mi.it

Responsabile del Settore Servizi alla Persona che comprende il Servizio Pubblica Istruzione:
dott. Francesco Reina
Sede: Via Roma, 17 – piano primo
Telefono: 02/97.204.360 Fax: 02/97.71.448
Email: settore.persona@comune.corbetta.mi.it

Istruttore Direttivo Servizio Pubblica Istruzione: Emanuela Antonazzo
Sede: Via Roma, 17 – piano terra
Telefono: 02/97.204.355 Fax: 02/97.71.448
Email: servizio.pubblicaistruzione@comune.corbetta.mi.it

Istruttore Amministrativo Servizio Pubblica Istruzione: Clara Magistroni
Sede: Via Roma, 17 – piano terra
Telefono: 02/97.204.353 Fax: 02/97.71.448
Email: servizio.pubblicaistruzione@comune.corbetta.mi.it

Front Office (attività di sportello)

Collaboratore Amministrativo: Cucchi Isabella
Sede: Via Roma, 17 – piano terra
Telefono: 02/97.204.352 Fax: 02/97.71.448
Email: iscrizioniscuola@comune.corbetta.mi.it

Istruttore Amministrativo: Sabrina Porta
Sede: Via Roma, 17 – piano terra
Telefono: 02/97.204.351 Fax: 02/97.71.448
Email: front.officesociale@comune.corbetta.mi.it

ORARIO DI APERTURA AL PUBBLICO:
lunedì, mercoledì e venerdì: 8.30 -12.00
lunedì: 16.00 - 18.00, mercoledì: 16.00 -19.00

                                                                                         6
Norme di riferimento
La legge 5 Febbraio 1992, n. 104 “Legge quadro per l’assistenza, l’integrazione sociale e i diritti
delle persone handicappate” integrata dalla Legge 21 Maggio 1998, n. 162;
Il decreto legislativo 16 Aprile 1994, n. 297 “Testo unico delle disposizioni legislative in materia
d’istruzione”, con riferimento alle funzioni amministrative di supporto ai servizi scolastici, disegna una
ripartizione tra oneri a carico dei Comuni e oneri a carico dello Stato e di altri Enti.
La legge 11 Gennaio 1996, n. 23 in tema di norme sull’edilizia scolastica propone la ripartizione
degli oneri a carico dei Comuni e degli oneri a carico dello Stato riguardo le incombenze
amministrative per il funzionamento delle Istituzioni scolastiche.
Il decreto legislativo 31 Marzo 1998, n. 112, nel conferire funzioni e compiti amministrativi alle
Regioni e agli Enti Locali, individua tra l’altro, agli artt. 135-139, alcune funzioni amministrative di
supporto all’attività scolastica, demandate ai Comuni, con particolare riferimento agli interventi
integrati di orientamento scolastico e professionale, alle azioni tese a realizzare le pari opportunità
d’istruzione, alle azioni di supporto tese a promuovere e sostenere la coerenza e la continuità in
verticale e orizzontale tra i diversi gradi e ordini di scuola, agli interventi perequativi, agli interventi
integrati di prevenzione della dispersione scolastica e di educazione alla salute.
Il decreto del Presidente della Repubblica 8 marzo 1999, n. 275 e la Legge Costituzionale 18
ottobre 2001, n. 3, nel sancire la rilevanza costituzionale dei principi dell’autonomia scolastica,
attribuiscono ai Comuni le funzioni amministrative secondo il principio di sussidiarietà, nell’ottica di
una collaborazione istituzionale volta a improntare il piano dell’offerta formativa alle “esigenze del
contesto culturale, sociale ed economico della realtà            locale”, valorizzando il concetto di
programmazione territoriale dell’offerta formativa” (art. 3, comma 2) e il principio di adeguatezza della
stessa rispetto “ai diversi contesti, alla domanda delle famiglie e alle caratteristiche specifiche dei
soggetti coinvolti” (art. 1, comma 2).
L’art. 3, comma 2, del decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267 stabilisce che “Il comune e l'Ente
Locale che rappresenta la propria comunità, ne cura gli interessi e ne promuove lo sviluppo”,
evidenziando un ruolo di organizzazione delle richieste territoriali e di supporto alle risposte da parte
delle Istituzioni Scolastiche, anche alla luce dell’art. 8, comma 4, del D.P.R. 275/1999, a mente del
quale “la determinazione del curricolo tiene conto delle attese espresse dalle famiglie, dagli enti
locali, dai contesti sociali, culturali ed economici del territorio”.
La legge quadro 8 novembre 2000, n. 328 avente per oggetto la realizzazione del sistema integrato
dei servizi sociali cioè: interventi di integrazione alunni stranieri, equipe socio – psicopedagogica e lo
sportello alunni, progetti in favore di alunni diversamente abili, progetti finalizzati alla tutela dei minori
e partecipazione degli istituti ai tavoli tematici.
La legge 10 Marzo 2000, n. 62 “Norme per la parità scolastica e disposizioni sul diritto allo studio”.
La legge 28 marzo 2003, n. 53 avente per oggetto “Delega al Governo per la definizione delle
norme generali sull’istruzione e dei livelli essenziali delle prestazioni in materia di istruzione e
formazione professionale”.
La legge regionale 6 Agosto 2007, n. 19: legge sul diritto allo studio. Imprime una svolta
particolarmente autonoma rispetto ai temi dell’istruzione. La citata Legge 19/2007 dedica attenzione
al “sistema educativo” e al “sistema d’istruzione e formazione professionale” e definisce a grandi

                                                                                                          7
linee i ruoli di Regione, Provincia e Comune.
Il Decreto legislativo 13 aprile 2017, n. 63 “Effettività del diritto allo studio attraverso la definizione
delle prestazioni, in relazione ai servizi alla persona, con particolare riferimento alle condizioni di
disagio e ai servizi strumentali, nonché' potenziamento della carta dello studente, a norma
dell'articolo 1, commi 180 e 181, lettera f), della legge 13 luglio 2015, n. 107.” Detta nuove norme per
garantire l’effettività del diritto allo studio, anche attraverso l’erogazione dei servizi parascolastici.
Il Decreto legislativo 13 aprile 2017, n. 65 “Istituzione del sistema integrato di educazione e di
istruzione dalla nascita sino a sei anni, a norma dell'articolo 1, commi 180 e 181, lettera e), della
legge 13 luglio 2015, n. 107.” che innova significativamente il sistema d’educazione che precede la
scuola dell’obbligo.
Il Decreto legislativo 13 aprile 2017, n. 66 “Norme per la promozione dell'inclusione scolastica degli
studenti con disabilità, a norma dell'articolo 1, commi 180 e 181, lettera c), della legge 13 luglio 2015,
n. 107.” che innova, dall’anno scolastico 2019/2020, il sistema d’inclusione scolastica degli studenti
con disabilità.

                                                                                                       8
Dati di contesto

Popolazione del Comune di Corbetta
Negli ultimi due anni l’andamento delle nascite è in evidente calo rispetto al trend precedente
Il grafico che segue rappresenta l’andamento della popolazione nel periodo 2005-2018. Al 31
dicembre 2018 la popolazione residente era pari a 18.412 unità, in lieve crescita rispetto al 2017.

                               Popolazione residente al 31/12
 19.000
 18.000
 17.000
 16.000
 15.000
 14.000                                                                                Popolazione residente al 31/12
 13.000
 12.000
 11.000
 10.000
       2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014 2015 2016 2017 2018

Il confronto tra popolazione minorile e senile è rappresentato nel grafico seguente.

                    Confronto popolazione minorile e senile
 4.000

 3.750                                                                         3.712
                                                                       3.641
                                                               3.584
 3.500                                                 3.488
                                                 3373 3.421 3.410 3.400 3.389
                                                 3.373
 3.250                         3.257 3.302
                                     3.267
                         3.147 3.139
 3.000             3.039 3.047                                                               Popolazione in età senile
             2.924
             2.882 2.915
                                                                                             Minori
 2.750

 2.500

 2.250

 2.000
          2009   2010   2011   2012   2013   2014   2015   2016   2017   2018

In linea con la previsione di costante aumento della popolazione anziani (over 65 anni), negli ultimi
due anni, si è allargata la forbice tra popolazione minorile e popolazione in età senile.

                                                                                                                   9
Popolazione scolastica

Popolazione scolastica attesa
La popolazione scolastica attesa per l’anno scolastico 2019/2020 dall’asilo nido alla scuola
secondaria di primo grado sarebbe la seguente:

                   Popolazione scolastica attesa 2019/2020
 2018                                                                                        2006
 2017
                                                                                             2007
 2016
                                                                                             2008
 2015
                                                                                             2009
 2014
                                                                                             2010
 2013
                                                                                             2011
 2012
                                                                                             2012
 2011
                                                                                             2013
 2010
                                                                                             2014
 2009
                                                                                             2015
 2008
                                                                                             2016
 2007
                                                                                             2017
 2006
                                                                                             2018
         0             50              100             150           200             250

  Nido         Scuola Infanzia      Scuola Primaria       Scuola secondaria di primo grado
321             573                   1.037                  555
Nel sistema nidi andrebbe aggiunta la popolazione nata attesa nel 2019, non inferiore a 170 unità,
portando così la coorte di popolazione a 491 unità.

Il sistema scolastico di Corbetta
Il sistema scolastico sul territorio di Corbetta è formato da:
   -     Istituto comprensivo Aldo Moro che comprende le scuole d’infanzia statali Carlo Collodi e
         Francesco Mussi, le scuole primarie statali Aldo Moro e Villa Favorita, la scuola secondaria di
         primo grado Simone di Corbetta;
   -     Scuola d’Infanzia Parrocchiale paritaria Don Italo Zat;
   -     Istituto Paritario San Girolamo Emiliani che comprende la scuola primaria Santa Gianna
         Beretta Molla e una scuola secondaria di primo grado;
   -     Istituto Professionale di Istruzione Superiore Vasco Mainardi ad indirizzo socio-sanitario e
         odontotecnico (scuola secondaria di secondo grado)

                                                                                                    10
Bacini d’utenza scolastica.
Con deliberazione di Giunta comunale dell’11 gennaio 2018, n. 11 è stato approvato il documento
denominato “Bacini d’utenza scolastica anno scolastico 2018/2019” contenente i nuovi bacini
d’utenza scolastica e il conseguente stradario scolastico per le scuole primarie statali del Comune di
Corbetta.
Il documento conserva la propria validità anche per l’anno scolastico 2019/2020, perché non è stato
necessario apportare modifiche ai bacini.
I nuovi bacini d’utenza scolastica delle scuole primarie statali del Comune di Corbetta sono funzionali
sia al dimensionamento complessivo della rete scolastica del Comune di Corbetta sia all’applicazione
dei criteri selettivi approvati dal Consiglio d’Istituto, quando la domanda d’iscrizione in una scuola
superi i posti disponibili. Resta ferma l’autonomia organizzativa e gestionale del Dirigente Scolastico
nella formazione delle classi, nel rispetto delle vigenti disposizioni di legge e di regolamento.
Oltre a questa primaria funzione, i dati emersi durante la definizione dei bacini d’utenza scolastica
hanno permesso di approfondire alcuni elementi utili alla programmazione nel medio periodo.
Già dall’anno scolastico 2018/2019, ad esempio, le classi di scuola primaria presenti nei due plessi,
Villa Favorita e Aldo Moro, erano complessivamente trentanove, con la creazione di una nuova
classe nella Scuola primaria Villa Favorita.
Sul piano teorico, entro l’anno scolastico 2021/2022, le aule di scuola primaria statale dovrebbero
essere le seguenti:
                Classi                                Favorita            Aldo Moro
                Prime                                     3                    5
                Seconde                                   3                    5
                Terze                                     3                    5
                Quarte                                    3                    5
                Quinte                                    3                    6
                Aule                                     15                   26
                Aule anno sc. 2017/2018                  12                   26
                Saldo al 2021/2022                       +3                    =

Nella programmazione pluriennale (2017-2021), perciò, sarà necessario realizzare tre nuove aule
nella scuola primaria Villa Favorita. Il plesso potrebbe presentare anche spazi sufficienti per
realizzare le tre aule, sacrificando, però, parte degli spazi destinati a laboratori, con effetti negativi
sull’offerta formativa potenziale.
Nell’anno 2019/2020, in coerenza con questi dati, sarà realizzata la quattordicesima classe nella
scuola primaria Villa Favorita.

                                                                                                     11
I dati della popolazione scolastica
Gli istituti che operano sul territorio di Corbetta hanno fornito i seguenti dati relativi alle iscrizioni per
l’anno scolastico 2019/2020.
                  n. classi -   Iscritti a.s.   n. classi -     Iscritti    n. classi     Iscritti    n. classi     Iscritti
    Scuola
                  2016-2017     2016/2017       2017/2018     2017/2018    2018/2019    2018/2019    2019/2020    2019/2020
   Scuola
  d’Infanzia          9             240             9            237           9           217           9           203
   Collodi
   Scuola
  d’Infanzia          9             224             9            220           9           208           9           213
    Mussi
   Scuola
  d’infanzia
                      4              90             4            100           4           109           4           102
Parrocchiale
Don Italo Zat
   Scuola
Primaria Aldo         25            557             26           598          26           620          26           602
     Moro
     Scuola
 Primaria Villa       11            259             12           276          13           300          14           310
    Favorita
     Scuola
Secondaria di I
                      22            483             22           480          20           446          20           455
grado Simone
  da Corbetta
     Scuola
    primaria
    paritaria
                      15            352             15           336          15           324          15           315
  Istituto San
   Girolamo
    Emiliani
     Scuola
secondaria di I
grado paritaria
                      12            308             12           305          12           302          12           307
  Istituto San
   Girolamo
    Emiliani

L’Istituto Comprensivo Aldo Moro, alla data di redazione di questo documento, conta 1.783 alunni
distribuiti in 78 classi/sezioni.

                                                                                                                       12
Calendario scolastico 2019/2020
Il Consiglio d’Istituto ha approvato in data 25 giugno 2019 i calendari scolastici per l’Istituto
Comprensivo Aldo Moro.

Scuola d’infanzia
Inizio lezioni: 5 settembre 2019
Fine lezioni: 30 giugno 2020

Scuola Primaria
Inizio lezioni: 12 settembre 2019
Fine lezioni : 8 giugno 2020

Scuola Secondaria di primo grado
Inizio lezioni: 11 settembre 2019 (12 settembre 2019 per le classi seconde e terze)
Fine lezioni: 8 giugno 2020

Chiusure
1 novembre 2019: Festa di Ognissanti
dal 23 al 31 dicembre 2019 e dal 1 al 6 gennaio 2020: Vacanze natalizie
28 febbraio 2020: Carnevale ambrosiano
dal 9 aprile al 17 aprile 2020: Vacanze pasquali e festività del santo patrono (16 aprile 2020) con
adattamento approvato dal Consiglio d’Istituto
1 maggio 2020: Festa del Lavoro
1 giugno 2020: adattamento approvato dal Consiglio d’Istituto
2 giugno 2020: Festa delle Repubblica

                                                                                              13
Edilizia scolastica
I Comuni esercitano, in materia di edilizia scolastica, i compiti agli stessi attribuiti dalle leggi statali e
regionali connessi alla scuola d’infanzia ed al primo ciclo dell’istruzione (scuola primaria e secondaria
di primo grado). In tali scuole la competenza in materia di edilizia scolastica comprende anche gli
oneri per l’arredamento e le attrezzature.

Lavori di ampliamento della Scuola secondaria di primo grado Simone da
Corbetta
L’8 settembre 2018 è stato inaugurato l’ampliamento della scuola secondaria di primo grado Simone
da Corbetta, divenuto quindi operativo già dall’anno scolastico 2018/2019.
Il progetto d’arredo è fortemente orientato alla didattica 3.0 e prevede l’installazione di monitor
multimediali e la dotazione, per alcune classi, di tablet per gli alunni.
Nel corso dell’anno scolastico 2019/2020 verrà sviluppato un laboratorio di scienze nell’ala vecchia,
primo piano.

Interventi di manutenzione straordinaria Villa Favorita
Per la Scuola primaria Villa Favorita è stata completata la progettazione di opere di adeguamento
strutturale per il miglioramento della sicurezza antincendio, in vista dell’ampliamento del numero di
aule nella Scuola stessa.
Nell’estate 2019 sarà realizzata la prima parte dei lavori di adeguamento.
La seconda parte sarà realizzata nell’estate 2020.

Acquisto arredi e attrezzature
Gli stanziamenti di bilancio in conto capitale, al netto del Fondo Pluriennale Vincolato per l’anno
2019 sono riportati in questa tabella.
    Numero                                 Oggetto                             Stanziamento 2019

   20401201         ACQUISTO MOBILI E ARREDI SCUOLA MATERNA                               12.000,00

   20402201         ACQUISTO MOBILI E ARREDI SCUOLE                                       50.000,00

   20402205         ACQUISTO ARREDI          SCUOLA     SECONDARIA        DI              35.000,00
                    SECONDO GRADO

Per l’anno scolastico 2019/2020, al fine di ottimizzare l’utilizzo delle risorse, verrà definito un
piano di acquisiti concordato con l’Istituto Comprensivo Aldo Moro utilizzando alcuni criteri di
priorità: a) allestimento nuove aule; b) sostituzione di arredi danneggiati; c) acquisiti di arredi e
attrezzature funzionali allo sviluppo di progetti innovativi.

                                                                                                         14
Servizi parascolastici e di conciliazione
L’Amministrazione comunale gestisce e garantisce i seguenti servizi parascolastici e di conciliazione:
   -   REFEZIONE SCOLASTICA
   -   TRASPORTO SCOLASTICO
   -   TRASPORTO SPECIFICO ALUNNI DISABILI
   -   PRE E POST SCUOLA
   -   CENTRI ESTIVI
Con l’anno scolastico 2019/2020 prosegue l’adeguamento al nuovo Regolamento per la fruizione dei
servizi parascolastici di refezione, pre e post scuola, trasporto scolastico e centri estivi approvato con
deliberazione di Consiglio comunale n. 40 del 28 luglio 2017.
Con determinazione del Responsabile del Settore Servizi alla Persona del 5 luglio 2019, n. 99 sono
state aperte le iscrizioni ai servizi parascolastici per l’anno 2019/2020.
Le iscrizioni per il primo anno di ciascun ciclo scolastico possono essere presentate
esclusivamente on line dal 5 luglio 2019 al 23 agosto 2019 utilizzando i servizi del portale reperibili
all’indirizzo web
https://servizionline.comune.corbetta.mi.it/hypersicportal/servizionline.aspx.
I nuovi sistemi d’iscrizione rispondono maggiormente alle prescrizioni contenute nel decreto
legislativo 5 marzo 2005 n. 82 (CAD, codice dell’amministrazione digitale).
La revisione dei sistemi informatici d’iscrizione e gestione dei servizi è comunque tuttora in corso e
verrà completata nel corso dell’anno scolastico, anche per quanto riguarda le modalità di pagamento
dei servizi.
Per l’anno scolastico 2019/2020, per il solo servizio di refezione scolastica, sarà avviata la
sperimentazione dei sistemi di iscrizione automatica previsti dal Regolamento per la fruizione dei
servizi parascolastici di refezione, pre e post scuola, trasporto scolastico e centri estivi approvato con
deliberazione di Consiglio comunale n. 40 del 28 luglio 2017.
Le condizioni di erogazione del servizio sono disciplinate dal Regolamento per la fruizione dei servizi
parascolastici.
Le tariffe applicate per l’anno scolastico 2019/2020 sono state approvate con deliberazione di Giunta
comunale del 12 novembre 2018, n. 193.

Refezione scolastica
Il servizio viene erogato a tutti gli alunni delle scuole statali d’infanzia e primarie che ne fanno
domanda.
Per la scuola secondaria di primo grado, il servizio è erogato agli alunni che appartengono alle classi
a tempo prolungato.
Con determinazione del Responsabile del Settore Affari Generali n. 642 del 6 luglio 2015, a seguito
di procedura aperta, è stato aggiudicato alla società Sodexo Italia, con sede in Via Bergamo 13 a
Pioltello (Milano), il servizio di refezione scolastica per le scuole d’infanzia, primarie e secondarie di
primo grado e la fornitura di derrate alimentari per l’asilo nido, periodo 1 settembre 2015 – 30 luglio
2021.
Con determinazione del Responsabile del Settore servizi alla Persona n. 7 del 22 gennaio 2019 è

                                                                                                     15
stata approvata la revisione del prezzo per la produzione dei pasti nell’appalto di refezione
scolastica.
Voce                                     Prezzo 2018          Variazione             Nuovo prezzo 2019

Pasto      scuole     infanzia,          € 4,33 + iva           € 0,03                   € 4,36 + iva
primaria e secondaria

Il costo del pasto per il Comune di Corbetta è ora di 4,36 EUR+ iva 4% (4,53, EUR iva compresa).
I costi di gestione del Centro di Cottura sono a carico dell’Amministrazione comunale (gas cucina,
quota riscaldamento, acqua potabile, energie elettrica, costi dei refettori).
Sono imputate a carico dell’Amministrazione comunale anche le somme corrisposte al gestore per i
pasti erogati alle insegnanti e non rimborsate dal Ministero. L’importo rimborsato, infatti, è di poco
inferiore al 50% dei costi sostenuti. L’incidenza è stimata in circa 0,17 EUR per pasto.
Il costo pasto stimato per l’anno scolastico 2019/2020 è pari ad almeno 4,95 EUR.
Le tariffe applicate per l’anno scolastico 2019/2020, approvate con deliberazione di Giunta comunale
del 12 novembre 2018, n. 193, sono rimaste immutate rispetto all’anno precedente:
       Fascia ISEE                                                    Tariffa   giornaliera per singolo
                                                                      pasto

1      Maggiore di 18.000,00                                          € 4,95

2      Da € 13.000,01 a € 18.000,00                                   € 3,50

3      Dal minimo vitale a € 13.000,00                                € 2,70

4      Sotto il minimo vitale                                         € 1,00

* Il minimo vitale è determinato ai sensi dell’art. 6, comma 1 del Regolamento ISEE approvato con
deliberazione di Consiglio comunale n. 76 del 26 novembre 2015. Attualmente è pari a 5.890,00
EUR.
Come si vede, per la fascia massima la tariffa è determinata in misura pari al costo pasto atteso per
l’anno scolastico. Le politiche di sconto sono state determinate con la deliberazione di Giunta
comunale del 12 novembre 2018, n. 193.

Trasporto scolastico
Il trasporto scolastico è attuato per garantire e razionalizzare la frequenza scolastica in ogni parte del
territorio comunale a favore degli alunni che frequentano le scuole dell’infanzia, primaria e
secondaria di primo grado che risiedono in una delle frazioni del Comune o nella fascia esterna della
Città. Il percorso e le fermate degli scuolabus vengono stabiliti annualmente, nel rispetto delle norme
di sicurezza in materia di trasporto scolastico alunni.
Le condizioni di erogazione del servizio sono disciplinate dal Regolamento per la fruizione dei servizi
parascolastici.
Le tariffe applicate per l’anno scolastico 2019/2020 sono state approvate con deliberazione di Giunta
comunale del 12 novembre 2018, n. 193.
Il servizio di trasporto scolastico è affidato alla società partecipata:

                                                                                                          16
Ragione Sociale                Comune                 Indirizzo            Codice Fiscale
             A.T.S. S.R.L.              CORBETTA               VIA CARLO               05081800962
                                                              CATTANEO 25

Nell’ambito dell’appalto del servizio di trasporto scolastico vengono assicurati anche i servizi di
trasporto per l’effettuazione d’iniziative di carattere didattico, educativo e sportivo, anche al di fuori
del territorio comunale, compatibilmente con le esigenze di servizio prioritario.
I costi stimati per l’erogazione del servizio di trasporto scolastico per l’anno scolastico 2019/2020
sono stimati in misura pari a 145.000,00 EUR, e comprendono anche un servizio di accompagnatore
scuolabus erogato tramite appalto.

Trasporto specifico alunni disabili
Per l’anno scolastico 2019/2020 viene confermato il servizio di trasporto specifico per alunni con
disabilità afferenti il primo ciclo d’istruzione che ne avessero necessità.
Lo stesso verrà garantito attraverso personale volontario e mezzi propri del comune, od erogazione
di un buono equivalente alle famiglie. Il servizio dovrebbe interessare due utenti.
Con deliberazione di Giunta regionale del 30 giugno, n. 6832 n. 6832 del 30 Giugno 2017 Regione
Lombardia ha definito competenze, parametri e modalità di erogazione dei servizi di trasporto
scolastico e di assistenza per l’autonomia e la comunicazione degli alunni con disabilità frequentanti
le Scuole Secondarie di II grado e i corsi di Formazione Professionale, nonché i servizi per
l’inclusione scolastica degli studenti con disabilità sensoriali, in relazione a ogni grado di istruzione.
Attraverso tale atto, in attuazione dell’art. 31 della Legge Regionale n. 15 del 26 maggio 2017, le
competenze in materia di servizi di trasporto scolastico degli alunni frequentanti le Scuole
Secondarie di II grado ed i corsi di Formazione Professionale sono passati da Città Metropolitana di
Milano ai Comuni.
Al momento sono preventivate spese per il prossimo anno scolastico pari a 6.000,00 EUR.

Pre scuola e post scuola
Il servizio di pre scuola e post scuola rappresenta una risposta concreta ed un valido supporto per i
nuclei familiari in cui entrambi i genitori lavorano e che, per esigenze legate ai propri turni di lavoro, si
trovano in difficoltà a rispettare gli orari di inizio e di fine delle lezioni.
Il servizio ha ormai assunto la natura di vero e proprio servizio di conciliazione dei tempi
famiglia/lavoro.
Le condizioni di erogazione del servizio sono disciplinate dal Regolamento per la fruizione dei servizi
parascolastici.
Le tariffe applicate per l’anno scolastico 2019/2020 sono state approvate con deliberazione di Giunta
comunale del 12 novembre 2018, n. 193.
Nell’anno scolastico 2017/2018 sono stati attivati per la prima volta i servizi presso la Scuola Primaria
Villa Favorita, perché è stato raggiunto il numero minimo di utenti previsto dal Regolamento per la
fruizione dei servizi parascolastici.
Il servizio quindi è programmato per tutte le scuole statali dell’infanzia e primarie anche per l’anno

                                                                                                        17
scolastico 2019/2020.
Attualmente, con determinazione del Responsabile del Settore Servizi alla Persona del 4 ottobre
2017, n. 130, sono previste le seguenti capienze massime di posti per i singoli plessi:
    Scuola           Tipo scuola      n. aule     Capienza                       Note
                                                massima totale
  Aldo Moro           Primaria           5           140           E’ stato utilizzato il parametro di
                                                                    1,80 mq. /alunno previsto dal
                                                                   Decreto Ministeriale 18 dicembre
                                                                                   1975
  La Favorita         Primaria           2             37          E’ stato utilizzato il parametro di
                                                                    1,80 mq. /alunno previsto dal
                                                                   Decreto Ministeriale 18 dicembre
                                                                                   1975
  Francesco             Infanzia         2             60          E’ stato utilizzato il parametro di
    Mussi                                                           1,80 mq. /alunno previsto dal
                                                                   Decreto Ministeriale 18 dicembre
                                                                                   1975
 Carlo Collodi          Infanzia         2             60          E’ stato utilizzato il parametro di
                                                                    1,80 mq. /alunno previsto dal
                                                                   Decreto Ministeriale 18 dicembre
                                                                                   1975

Le capienze possono variare in funzione degli spazi e delle risorse effettivamente disponibili.

Centri estivi
I servizi di centro estivo rispondono ai bisogni di svago, riposo e accudimento dei bambini quando,
terminate le attività scolastiche, restano sul territorio prima e dopo le vacanze con le proprie famiglie.
La necessità dei genitori, che impegnati al lavoro devono organizzare per i propri figli periodi anche
lunghi di custodia educativamente qualificata a fronte di possibilità di assentarsi dal lavoro molto più
limitate, trova in questo servizio comunale una proposta educativa, di socializzazione e
apprendimento che, collocandosi in un contesto ludico, offre al contempo opportunità di
arricchimento personale attraverso esperienze guidate che sollecitano la creatività dei bambini.
Le condizioni di erogazione del servizio sono disciplinate dal Regolamento per la fruizione dei servizi
parascolastici.
Le tariffe applicate per l’anno scolastico 2019/2020 sono state approvate con deliberazione di Giunta
comunale del 12 novembre 2018, n. 193.
Con determinazione del Settore Servizi alla Persona del 9 maggio 2018, n. 79 è stata aggiudicata, a
seguito di procedura aperta, la gestione e organizzazione del servizio di Centro Estivo, per gli anni
2018 e 2019, alla Cooperativa Solidarietà e Servizi con sede in via Isonzo 2 a Busto Arsizio (Varese).
E’ in corso la nuova procedura di assegnazione del servizio per i prossimi cinque anni.
Con determinazione del Responsabile del Settore Servizi alla Persona del 21 giugno 2017, n. 76
sono state stabilite le sedi attive e la capienza massima consentita:
   -   Scuola Primaria Aldo Moro capienza massima effettiva 160 bambini;
   -   Scuola dell’Infanzia Collodi capienza massima effettiva 140 bambini.
Il servizio di centro estivo copre il periodo di chiusura delle scuole, ad esclusione delle settimane
centrali d’Agosto. E’ attivo un servizio di raccordo per gli utenti in passaggio dalla scuola dell’infanzia

                                                                                                         18
alla scuola primaria nella prima settimana di settembre.

Interventi di sostegno al diritto allo studio
L’Amministrazione Comunale garantisce i seguenti interventi di sostegno a supporto del diritto allo
studio:
    -   FORNITURA LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE PRIMARIE
    -   DOTE SCUOLA REGIONE LOMBARDIA
    -   CONTRIBUTI COMUNALI PER SPESE DI FREQUENZA SCOLASTICA
    -   BORSE DI STUDIO COMUNALI
    -   ASSISTENZA AGLI ALUNNI PORTATORI DI HANDICAPS FREQUENTANTI LE SCUOLE
        DELL’INFANZIA, PRIMARIE, SECONDARIE DI PRIMO E SECONDO GRADO
    -   INTEGRAZIONE ALUNNI STRANIERI E FACILITAZIONE LINGUISTICA
    -   SPAZIO COMPITI

Fornitura libri di testo agli alunni delle scuole primarie
Agli alunni delle scuole primarie, statali o abilitate a rilasciare titoli di studio aventi valore legale, i libri
di testo, compresi quelli per i non vedenti, sono forniti con spesa a carico dei Comuni secondo le
modalità stabilite dalle leggi regionali (art. 156, comma 1 del decreto legislativo. 16 aprile 1994, n.
297) e nel rispetto delle circolari ministeriali 10 febbraio 2009, n. 16 e 4 marzo 2010 n. 23.
In particolare, ai sensi dell’art. 8-ter della legge regionale 6 agosto 2007, n. 19:
   “(…) i comuni curano la fornitura gratuita dei libri di testo alle famiglie degli alunni della scuola
   primaria del sistema nazionale di istruzione attraverso il sistema della cedola libraria,
   garantendo la libera scelta de fornitore da parte delle famiglie stesse”
La spesa complessiva prevista per l’anno scolastico 2019/2020 è pari a 38.000,00 EUR.

Dote scuola Regione Lombardia
Per l’anno scolastico 2019/2020, Regione Lombardia, in continuità con gli anni passati, ha previsto
un contributo destinato alle famiglie con minori in età scolare.
Dote Scuola è lo strumento messo a disposizione dei ragazzi che frequentano le scuole statali e
paritarie ed è articolato nei seguenti componenti:
       Buono Scuola, finalizzato a sostenere gli studenti che frequentano una scuola paritaria o
        statale che preveda una retta di iscrizione e frequenza per i percorsi di istruzione;
       Contributo per l'acquisto di libri di testo, dotazioni tecnologiche e strumenti per la didattica,
        finalizzato a sostenere la spesa delle famiglie per l’acquisto dei libri di testo, dotazioni
        tecnologiche e strumenti per la didattica, nel compimento dell’obbligo scolastico sia nei
        percorsi di istruzione che di istruzione e formazione professionale.
Il sistema Dote prevede che la domanda sia presentata                             on-line    direttamente     dal
beneficiario/richiedente. Il termine è scaduto il 14 giugno 2019.
L’Amministrazione comunale si è impegnata a garantire le attività richieste da Regione Lombardia.

                                                                                                             19
Contributi comunali per le spese di frequenza scolastica
Considerato che la normativa regionale ha escluso dai benefici di Dote Scuola gli alunni frequentanti
la scuola primaria statale, l’Amministrazione Comunale intende comunque riconoscere un contributo
per il sostegno alla frequenza scolastica e l’acquisto di dotazioni didattiche per gli studenti di
quest’ordine.
La Giunta comunale definirà le condizioni d’accesso e l’importo del contributo per l’anno scolastico
2019/2020.
La spesa complessiva prevista per l’anno scolastico 2019/2020 è pari a 6.000,00 EUR, fatta salva la
possibilità d’integrare le risorse.

Premi al merito e Borse di studio comunali
Anche per l’anno scolastico 2019/2020 l’Amministrazione Comunale conferma l’intenzione di erogare
riconoscimenti economici ad alunni licenziati dalla scuola Secondaria di primo Grado residenti a
Corbetta , secondo criteri che verranno stabiliti sulla base anche del consuntivo delle votazioni finali
attribuite agli alunni, sia dell’istituto Comprensivo Aldo Moro e sia dell’Istituto San Girolamo Emiliani o
di altre scuole fuori Comune.
Verranno inoltre erogate, con predisposizione di apposito bando, delle borse di studio, a favore degli
studenti residenti a Corbetta, che abbiano sostenuto l’esame di diploma di un corso quinquennale e
che proseguono gli studi. Con apposito atto l’Amministrazione valuterà i criteri per l’erogazione di tali
borse di studio (votazione minima, soglia di valore ISEE ecc.).
Inoltre dall’anno 2012 sono state istituite due Borse di Studio ciascuna del valore di 500,00 EUR
intitolate a Fernanda Cucchi; le borse di studio sono riconosciute agli studenti residenti che abbiano
conseguito una laurea magistrale del nuovo ordinamento nell’anno solare precedente.
Il Comune di Corbetta intende proseguire questa tradizione del già Sindaco Antonio Balzarotti,
imputando tale spesa al Bilancio comunale, e intitolando le borse di studio: “Fernanda Cucchi e
Antonio Balzarotti”. Con apposito atto l’Amministrazione valuterà i criteri per l’erogazione di tali
borse di studio.
Il costo complessivo stimato dell’intervento è pari a 7.000,00 EUR.

Assistenza agli alunni portatori di handicap
La legge 5 Febbraio 1992, n. 104 riconosce e tutela la partecipazione alla vita sociale delle persone
con disabilità, in particolare nei luoghi per essa fondamentali: la scuola, durante l’infanzia e
l’adolescenza (artt. 12-17) e il lavoro, nell’età adulta (artt. 18-22).
Essa individua la Diagnosi Funzionale (DF), il Profilo Dinamico Funzionale (PDF) e il Piano
Educativo Individualizzato (PEI) come strumenti necessari alla effettiva integrazione degli alunni con
disabilità.
“L'integrazione scolastica ha come obiettivo lo sviluppo delle potenzialità della persona handicappata
nell'apprendimento, nella comunicazione, nelle relazioni e nella socializzazione”. (art 12, comma 3,
legge 5 Febbraio 1992, n. 104).
L'articolo 35, comma 7, della legge 27 dicembre 2002, n. 289 prevede la definizione, con decreto del
Presidente del Consiglio dei Ministri, di modalità e criteri per l'individuazione, da parte delle Aziende
Sanitarie Locali, dell'alunno come soggetto portatore di handicap.

                                                                                                      20
Il regolamento è stato adottato con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 23 febbraio 2006,
n. 185.
Una ricostruzione dell’iter legislativo riguardante l’integrazione, e dei relativi principi, è presente nelle
“Linee guida per l’integrazione scolastica degli alunni con disabilità”, diramate con nota del 4 agosto
2009”.
Il quadro normativo nazionale è stato di recente innovato con l’approvazione del decreto legislativo
13 aprile 2017, n. 66, che interviene operando una seria riforma del sistema di inclusione scolastica
degli alunni disabili. Le nuove disposizioni, che avrebbero dovuto produrre effetti dall’anno scolastico
2019/2020, sono state sospese, perché il Governo è intenzionato ad apportare alcuni correttivi alla
nuova disciplina.
Allo stato dell’arte, è noto che il Governo, il 20 maggio 2019, ha approvato uno schema decreto
legislativo correttivo del decreto legislativo 13 aprile 2017, n. 66. Lo schema di decreto ha già
ottenuto i pareri del Senato e della Camera e il parere favorevole della Conferenza Unificata.
Occorrerà però seguire da vicino le modalità di attuazione della nuova disciplina.
Il quadro normativo in materia di assistenza alunni è stato innovato anche da Regione Lombardia,
con un intervento che ha modificato la legge regionale 6 agosto 2007, n. 19.
Oltre ad essere confermati gli obblighi posti in capo ai comuni per l’assistenza agli alunni in
condizione di disabilità accertata ai sensi del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 23
febbraio 2006, n. 185, ai Comuni sono state attribuite e trasferite le funzioni che un tempo spettavano
alla Provincia per l’assistenza degli alunni disabili frequentanti le scuole secondaria di secondo
grado.
Regione Lombardia ha già definito le linee guida attuative con deliberazione di Giunta regionale n.
6832 del 30 giugno 2017.
Nel corso dell’anno scolastico 2019/2020 sarà necessario dare piena attuazione alle nuove
disposizioni regionali.
Per quanto riguarda l’assistenza scolastica prestata presso le scuole dell’infanzia, primarie e
secondarie di primo grado, nell’anno scolastico 2019/2020 è attesa la presa in carico diretta di 75
utenti e indiretta di 5 utenti, per complessivi 80 utenti. La crescita attesa è pari al 7,5% rispetto
al volume erogato nell’anno scolastico 2018/2019.
È evidente l’incremento degli interventi di tipo educativo, in linea con la costante crescita delle
condizioni certificate ai sensi decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 23 febbraio 2006, n.
185.
Al momento si stimano le seguenti risorse per l’erogazione di interventi diretti tramite il contratto
d’appalto in essere.
Programmazione                    42                                                  10%
Scuole Infanzia
                         Ore           Riserva      Prezzo         Totale       Riduzione    Spesa effettiva
                     programmate                    orario                       assenza        attesa
Assistenza con             3.900,00         350       € 21,67     € 92.097,50   € 9.209,75       € 82.887,75
educatore
Assistenza con                600,00         80       € 20,40     € 13.872,00   € 1.387,20        € 12.484,80
asa
Totale                                                           € 105.969,50                     € 95.372,55

                                                                                                        21
Programmazione                      38                                                   10%
Scuole Primarie e
Secondarie
                           Ore           Riserva      Prezzo         Totale       Riduzione      Spesa effettiva
                       programmate                    orario                       assenza          attesa
Assistenza con              14.800,00         460      € 21,67     € 330.684,20   € 33.068,42      € 297.615,78
educatore
Assistenza con asa              750,00         80       € 20,40     € 16.932,00     € 1.693,20       € 15.238,80
Totale                                                            € 347.616,20                     € 312.854,58

TOTALE                                                                                             € 408.227,13
GENERALE
Tuttavia, anche in ragione del possibile aumento di utenti in corso d’anno, la spesa effettiva stimata è
prudentemente prevista in 435.000,00 EUR ma potranno essere necessari degli ulteriori interventi
correttivi di bilancio.
La programmazione è sviluppata tenendo dei calendari scolastici. Per le Scuole dell’Infanzia è
basata su 42 settimane, mentre per le Scuole Primarie e Secondarie e basata su 38 settimane.
La colonna ”Ore programmate” è stimata sulla base degli interventi che sono in corso
d’assegnazione alla data di redazione di questo documento.
La colonna “Riserva” contempla la programmazione di un monte ore da assegnare per utenti che
conseguano il diritto all’assistenza in corso d’anno.
Il calcolo nella colonna “Riduzione assenza” è fondato sui dati storici disponibili che evidenziano
un’erogazione inferiore effettiva inferiore alle ore programmate.
I valori relativi ai costi orari sono al momento pari alla base d’asta stimata nella procedura aperta
attualmente in corso per il contratto 2020-2024.
Sono stabiliti i seguenti criteri di priorità nell’accesso all’assistenza scolastica:
    1) Alunni in possesso di certificazione rilasciata ai sensi del decreto del Presidente del Consiglio
       dei Ministri 23 febbraio 2006, n. 185 con Diagnosi funzionale che indica la necessità di
       interventi educativi e di assistenza di competenza comunale;
    2) Alunni in attesa della riunione di commissione per la certificazione prevista dal decreto del
       Presidente del Consiglio dei Ministri 23 febbraio 2006, n. 185 per i quali:
              a) la prognosi di rilascio della certificazione è certamente favorevole, tenendo conto
              del modello diagnostico ICF (International Classification of Functioning) dell’OMS;
              b) è necessario e urgente attivare gli interventi educativi e di assistenza di
              competenza comunale che saranno riportati nella Diagnosi funzionale;
    3) Alunni con certificazione dei bisogni educativi speciali ai sensi della legge 8 ottobre 2010, n.
       170 per i quali, nonostante l’attivazione da parte della scuola degli strumenti compensativi e
       della didattica individualizzata, sia ritenuto utile attivare una figura di supporto relazionale-
       sociale nel piano didattico personalizzato (PDP); la richiesta sarà valutata dall’assistente
       sociale comunale, tenendo conto delle risorse disponibili.
Le procedure di attivazione dei percorsi sono definite nel Protocollo d’intesa concordato con l’Istituto
comprensivo statale Aldo Moro. Le medesime procedure saranno applicate con gli altri istituti statali,
compatibilmente con i rispettivi assetti organizzativi.
I criteri prima indicati saranno applicati anche alle scuole paritarie che facciano richiesta di interventi
educativi e/o assistenziali in favore di studenti di Corbetta. In alternativa, alle scuole paritarie
potranno essere erogati contributi economici affinché le stesse scuole assicurino direttamente gli

                                                                                                           22
interventi in favore degli alunni interessati, tenendo conto dei contributi attribuiti dall’Ufficio scolastico
e dalla Regione per il medesimo alunno.

Integrazione alunni stranieri e facilitazione linguistica
Il progetto ormai consolidato, è stato mirato alla prevenzione del disagio in ambito scolastico,
favorendo l’inserimento degli alunni stranieri di recentissima immigrazione e di seconda
alfabetizzazione nella scuola Secondaria di Primo grado. Il laboratorio viene attivato col fine di
facilitare l’apprendimento della lingua italiana, favorendo l’acquisizione di contenuti significativi,
funzionali alle interazioni quotidiane e all’incremento delle competenze comunicative e didattiche
degli alunni.
Nell’anno scolastico 2019/2020 sono pianificate 475 ore per un costo complessivo di circa 9.975,00
EUR.

Spazio compiti
Il progetto Spazio Compiti, grazie la finanziamento POR FERS – Progetto CON TEMPO, ha ampliato
il proprio raggio d’intervento sia per numero di utenti sia per target di età.
Nella Scuola secondaria di primo grado rappresenta ormai un intervento consolidato che ora è svolto
nei locali della Scuola.
E’ stata avviata anche la sperimentazione di uno spazio compiti per la Scuola primaria, individuando
gli utenti di comune accordo con l’Istituto Comprensivo e le famiglie. La sperimentazione ha
riguardato circa 20 utenti.
Nell’anno scolastico 2019/2020 il progetto Spazio compiti verrà confermato ampliando l’offerta
integrando con risorse comunali per garantire una capienza minima di 40 studenti per la scuola
secondaria di secondo grado e mantenendo le attività per la Scuola primaria
Proseguirà la sperimentazione dello spazio compiti rivolto agli alunni delle scuole secondarie di
secondo grado.
Le risorse comunali da impiegare sono stimate in misura pari a 18.300,00 EUR.
Le tariffe applicate per l’anno scolastico 2019/2020 sono state approvate con deliberazione di Giunta
comunale del 12 novembre 2018, n. 193.

Voucher valutazione DSA
Nell’ambito dei progetti attuati e consolidati nei precedenti Piani, è stato attuato un monitoraggio dei
dati del progetto “Osservatorio Dislessia”.
Nel corso dell’anno scolastico 2018/2019 i dati rilevati sono i seguenti:
Scuole                                   Sezioni          Totale           Totale bambini     Totale
                                                          bambini          inviati      a     bambini    da
                                                          valutati         percorso           monitorare
                                                                           diagnostico

A. Moro                                  6                30               18                 12

Favorita                                 3                16               5                  11

Totale                                                    46               23                 23

                                                                                                         23
I dati sono tendenzialmente congruenti con quelli rilevati negli anni scolastici precedenti.
Per 23 bambini è stato consigliato un percorso diagnostico volto anche ad ottenere la certificazione
dei bisogni educativi speciali ai sensi della legge 8 ottobre 2010, n. 170, in modo da consentire
l’attivazione, da parte della scuola, degli strumenti compensativi.
I professionisti autorizzati a redigere certificazioni di DSA valide ai fini scolastici sono
esclusivamente:
• i servizi di Neuropsichiatria dell’Infanzia e dell’Adolescenza pubblici e privati accreditati
• i servizi di riabilitazione dell’età evolutiva privati accreditati
• le équipe di professionisti autorizzati dalle ATS della Lombardia a effettuare la prima certificazione
diagnostica dei DSA valida ai fini scolastici, con costi a carico della famiglia. Le équipe devono
essere obbligatoriamente composte dalle tre figure professionali previste dalla normativa
(Neuropsichiatra, Psicologo e Logopedista) che valutano il caso in modo coordinato.
Il percorso è regolato dalle “Linee Guida esplicative del percorso di prima certificazione dei Disturbi
Specifici dell’Apprendimento".
A causa dell’elevato carico di lavoro dei servizi pubblici, sempre più spesso le famiglie si rivolgono ai
servizi privati accreditati. Nel territorio di riferimento (Rhodense- Ovest Milanese) sono presenti quasi
settanta equipe accreditate.
L’Amministrazione comunale intende erogare un sostegno economico per contribuire ai costi di
valutazione presso le equipe private accreditate, per evitare che il costo possa costituire un freno al
riconoscimento dei bisogni dei bambini.
La Giunta comunale è perciò autorizzata a sviluppare un titolo sociale, ai sensi dell’art. 12,
comma 5 del REGOLAMENTO PER L’ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI IN CAMPO
SOCIALE.
Il titolo sociale dovrà sostenere le famiglie per i costi di una valutazione diagnostica presso le
equipe accreditate; l’importo del titolo sociale dovrà essere determinato in modo da assicurare una
copertura non superiore al 50% del valore medio di una valutazione diagnostica.
Il budget assegnato per questa prima sperimentazione è pari a 5.000,00 EUR massime.

Interventi di prevenzione sanitaria
Nel corso dell’anno scolastico 2019/2020, con il contributo del Rotary Club di Magenta,
l’Amministrazione comunale proporrà nelle scuole primarie un intervento di prevenzione sanitaria.
L’intervento è rivolto ai bambini del primo anno di scuola primaria e prevede uno screening visivo
finalizzato a:
    a)   Valutare la capacità visiva
    b)   eventuale controllo e compensazione deficit visivo
    c)   Postura
    d)   Controllo della binocularità
    e)   Controllo del senso cromatico

                                                                                                    24
Puoi anche leggere
Prossima slide ... Annulla