ISTITUZIONE SCOLASTICA ABBE' PROSPER DUC PIANO TRIENNALE DELL'OFFERTA FORMATIVA L. R. 18/2016

 
ISTITUZIONE SCOLASTICA ABBE' PROSPER DUC PIANO TRIENNALE DELL'OFFERTA FORMATIVA L. R. 18/2016
ISTITUZIONE SCOLASTICA
                     ABBE’ PROSPER DUC

    PIANO TRIENNALE DELL’OFFERTA
              FORMATIVA
              L. R. 18/2016
Disposizioni per l'armonizzazione della legge 13 luglio 2015, n. 107 (Riforma del sistema
nazionale di istruzione e formazione e delega per il riordino delle disposizioni legislative
                 vigenti), con l'ordinamento scolastico della Valle d'Aosta

               Via Plantin, 1 - 11024 Châtillon (AO)
             telefono 0166.560680 - fax 0166.560694
                  e-mail: is-apduc@regione.vda.it
                        is-apduc@pec.regione.vda.it

                                             1
ISTITUZIONE SCOLASTICA ABBE' PROSPER DUC PIANO TRIENNALE DELL'OFFERTA FORMATIVA L. R. 18/2016
Sommario
1. PREMESSA................................................................................................................................................................. 4
2. PRESENTAZIONE DELL’ISTITUZIONE SCOLASTICA..................................................................................................... 5
3. GLI EDIFICI SCOLASTICI E I SERVIZI OFFERTI DALLE AMMINISTRAZIONI LOCALI. ..................................................... 6
    a. I servizi presenti sul territorio .............................................................................................................................. 7
   b. L’Istituto “A. Gervasone” ...................................................................................................................................... 8
   c. Popolazione scolastica .......................................................................................................................................... 8
4 . ORGANIZZAZIONE .................................................................................................................................................... 9
    Organigramma. ........................................................................................................................................................ 9
    Staff di dirigenza .................................................................................................................................................... 10
     Servizi di segreteria............................................................................................................................................... 10
    Funzioni strumentali .............................................................................................................................................. 11
    Organi collegiali ..................................................................................................................................................... 12
     N.A.V. nucleo di autovalutazione d’istituto .......................................................................................................... 13
     Piano di miglioramento ........................................................................................................................................ 14
     Incarichi................................................................................................................................................................. 14
     Altre figure ............................................................................................................................................................ 14
     Orari ...................................................................................................................................................................... 15
     Criteri per la formazione delle classi .................................................................................................................... 16
    Criteri di assegnazione dei docenti alle sezioni della scuola dell’infanzia e alle classi della scuola primaria
   e secondaria di I° grado .......................................................................................................................................... 16
5 . RAPPORTO SCUOLA – FAMIGLIA ........................................................................................................................... 18
   a. Compiti della scuola e della famiglia .................................................................................................................. 18
   b. Studio e compiti a casa ....................................................................................................................................... 21
   c. Informazioni su iscrizioni, assenze e giustificazioni ........................................................................................... 22
   d. Contribuzione economica delle famiglie ............................................................................................................ 23
6. LA DIDATTICA.......................................................................................................................................................... 24
   a. Linee di indirizzo ................................................................................................................................................. 24
   b. Linee guida del modello educativo e strategie adottate .................................................................................... 25
   c. Organizzazione didattica ..................................................................................................................................... 26
7.CURRICOLI................................................................................................................................................................ 29
8. ATTIVITA' E PROGETTI............................................................................................................................................. 30
   a. Educazione ambientale....................................................................................................................................... 30
   b. Educazione artistico/musicale ............................................................................................................................ 30
   c. Educazione sportiva ............................................................................................................................................ 30

                                                                                   2
ISTITUZIONE SCOLASTICA ABBE' PROSPER DUC PIANO TRIENNALE DELL'OFFERTA FORMATIVA L. R. 18/2016
d. Educazione linguistica/certificazioni linguistiche ............................................................................................... 30
   e. Educazione logico/matematica-tecnico/scientifica............................................................................................30
   f. Educazione alla cittadinanza ............................................................................................................................... 30
   g. Educazione alla salute.........................................................................................................................................30
   h. Inclusione-PAI ..................................................................................................................................................... 31
   i. Continuità ............................................................................................................................................................ 31
9. VALUTAZIONE ......................................................................................................................................................... 34
ALLEGATI PARTE VARIABILE POF 2016/2017.............................................................................................................. 38
   a. Popolazione scolastica ........................................................................................................................................ 39
   b.Edifici scolastici ....................................................................................................................................................40
   c. Funzioni strumentali ........................................................................................................................................... 41
   d. Referenti commissioni ........................................................................................................................................41
   e. Incarichi ..............................................................................................................................................................42
   f. Alri incarichi ......................................................................................................................................................... 43
   g. Educazione ambientale....................................................................................................................................... 44
   h. Educazione artistico /musicale ........................................................................................................................... 46
   i. Educazione sportiva ............................................................................................................................................. 48
   l. Educazione linguistica/certificazioni linguistiche ................................................................................................ 49
   m. Educazione logico/matematica-tecnico/scientifica ..........................................................................................51
   n. Educazione alla cittadinanza ..............................................................................................................................53
   o. Educazione alla salute ........................................................................................................................................ 55
   USCITE DIDATTICHE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO .............................................................................. 56
   p. PAI....................................................................................................................................................................... 57

                                                                                   3
1.PREMESSA
La legge regionale n.18/2016, ”disposizioni per l'armonizzazione della legge 13 luglio 2015, n. 107

(Riforma del sistema nazionale di istruzione e formazione e delega per il riordino delle disposizioni

legislative vigenti), con l'ordinamento scolastico della Valle d'Aosta” si pone le seguenti finalità:

     Dare piena attuazione all’autonomia - legge regionale 26 luglio 2000, n. 19 (Autonomia
        delle istituzioni scolastiche);

     Innalzare il livello dell’istruzione e delle competenze
     Contrastare le disuguaglianze
     Prevenire e recuperare l’abbandono e la dispersione scolastica
     Realizzare una scuola aperta
     Garantire il diritto allo studio e pari opportunità di successo formativo
     Valorizzare le specificità e l'unicità del modello pedagogico delle scuole dell'infanzia
     Assicurare i necessari supporti organizzativi e didattici ai soggetti con bisogni educativi
        speciali
La scuola è chiamata ad orientare le proprie scelte organizzative, didattiche e gestionali e
le proprie azioni alla realizzazione di tali finalità. Di seguito sono elencate ed esplicitate in
sottosezioni le scelte che l’Istituzione scolastica Abbe Prosper Duc di Chatillon si
propone al riguardo.
In base alla legge regionale n.18/2016 e alle linee di indirizzo definite dal Dirigente
Scolastico è stato elaborato il Piano dell’offerta formativa (PTOF) che avrà una durata
triennale (a.s. 2016/2017- 2017/2018 - 2018/2019)

                                                     4
2. PRESENTAZIONE DELL’ISTITUZIONE SCOLASTICA

   L’istituzione scolastica “Abbé Prosper DUC”, secondo l’apposita legge istitutiva:
   “concorre a promuovere la formazione dell’uomo e del cittadino secondo i principi
   della Costituzione e favorisce l’orientamento dei giovani ai fini della scelta dell’attività
   successiva “.

Il sistema educativo di questa scuola, nel rispetto dei limiti dell’età evolutiva, delle differenze e
dell’identità di ciascuno, nel quadro della cooperazione tra scuola e famiglia, in coerenza con le
disposizioni di autonomia dell’istituzione scolastica, è finalizzato:

     alla crescita e alla valorizzazione della persona umana;

       ad assicurare a tutti pari opportunità nell’acquisizione dei “ contenuti essenziali per la
        formazione di base” ;

     Allo sviluppo di capacità e competenze coerenti con le attitudini e le scelte personali,
        adeguate;

     all’inserimento nella vita sociale e nel mondo del lavoro, con riguardo alle specifiche realtà
        territoriali.

                                                    5
3.GLI EDIFICI SCOLASTICI                               E       I       SERVIZI     OFFERTI    DALLE
AMMINISTRAZIONI LOCALI

                      1                                            2

                                            3

                      4                                            5

                      6                                            7

                      8                                            9

1) Sede Centrale primaria – 2) Sede centrale secondaria primo grado

3) Infanzia Chameran – 4) Infanzia /Primaria La Sounère

5) Infanzia Pontey - 6) Primaria Pontey – 7) Infanzia /Primaria Chambave

8) Infanzia/ Primaria Verrayes capoluogo – 9) Infanzia Champagnet /Primaria Verrayes Diemoz

ALLEGATO A

                                                           6
PONTEY
                                                                                                                                      PONTEY

    ST. DENIS
                VERRAYES
                                                                                                                VERRAYES

                           CHAMBAVE
                                               CHATILLON
                                                                                                                           CHAMBAVE
                                                                                                                                               CHATILLON

                                                                                                  SAINT DENIS

                                                                   COMUNI
                                                                                                                                                                 COMUNI

                                                                                                  X
                                                                                                                X
                                                                                                                           X
                                                                                                                                      X
                                                                                                                                               X
                                                            PALAZZETTO

                                               X
                                                                                                                                                           AMBULATORIO
                                                            DELLO SPORT

                                                                                                                           X
                                                                                                                                               X
                                                                                                                                                             FARMACIA

                                               X
                                                             PALESTRA
                                                                                                                                                                                 SANITARIE
                                                                                                                                                                                 STRUTTURE

                                                                                                                X
                                                                                                                                               X
                                                                                                                                                           CONSULTORIO

                                                                                                                                                           MICROCOMUNI

                                                                                                                X
                                                                                                                                      X
                                                              PISCINA
                                                                                                                                                                TÀ

                                                                                                  X
                                                                                                                X
                                                                                                                           X
                                                                                                                                      X
                                                                                                                                               X

                                                                                                                                                           ASSISTENZA

7
                                                                                                                                                                                                 a. servizi presenti sul territorio

                                                               CAMPO

    X
                X
                           X
                                      X
                                               X
                                                                                                                                                           DOMICILIARE
                                                                                                                                                                                    SERVIZI

                                                              SPORTIVO
                                                                                                                                                             CENTRO
                                                                                                                                               X
                                                                                                                                                                                 ASSISTENZIALI

                                                                                                                                                             ANZIANI
                                                              CAMPI DA

    X
                X
                                      X
                                               X
                                                                                                                                                            BIBLIOTECA
                                                                                                  X
                                                                                                                                               X

                                                               TENNIS
                                                                                                                                                                                LI
                                                                                                                                                                              SOCIO

                                                                                                                                                              BANDA
                                                                                                                           X
                                                                                                                                               X
                                                                                                                                                                             SERVIZI

                                                           COMPRENSORIO

                X
                                                                                                                                                                            CULTURA

                                                                             STRUTTURE SPORTIVE                                                              MUSICALE
                                                             SCIISTICO
                                                                                                                X
                                                                                                                                               X

                                                                                                                                                            ASILO NIDO
                                                            CAMPI GIOCHI

                X
                           X
                                      X
                                               X
                                                            TRADIZIONALI

                X
                                                           PISTA SKIROLL
                                                                                                                                                                                SOCIO
                                                                                                                                                                               SERVIZI

                                                                                                                                                                              EDUCATIVI

                                                                                                                                               X

                                                                                                                                                           ATELIER C.E.A.
                                                                                                                                                              CENTRO

                X
                           X
                                      X
                                               X
                                                           PISTA CICLABILE
                                                                                                                X
                                                                                                                           X
                                                                                                                                      X
                                                                                                                                               X

                                                                                                                                                             GIOVANI -
                                                                                                                                                             ORATORIO
b. L’Istituto “A. Gervasone”

Nel comune di Châtillon ha sede l’Istituto regionale “A. Gervasone” che offre agli alunni della

scuola secondaria di I° grado, iscritti alla nostra istituzione scolastica, un servizio per semiconvittori

che prevede:

   1) L’accompagnamento degli alunni, al termine delle lezioni , dalla scuola all’istituto;

   2) Servizio di refezione

   3) Attività di studio/ricreative assistite da educatori;

       La nostra Istituzione scolastica ha stipulato con l’Istituto “A. Gervasone” una convenzione

       che prevede una stretta collaborazione a livello didattico. Al fine di facilitare e rendere più

       proficua l’attività di studio pomeridiana, vengono resi accessibili, tramite registro elettronico,

       i compiti e le lezioni assegnati .

Procedura di iscrizione (I° anno)

   1) La nostra Istituzione scolastica invia annualmente un avviso a tutti i genitori degli alunni,

       frequentanti la classe quinta della scuola primaria, nel quale è indicata la data di scadenza

       delle iscrizioni.

   2) L’iscrizione deve essere fatta direttamente presso la segreteria dell’Istituto Gervasone.

   3) La segreteria dell’Istituto Gervasone comunica agli interessati, in tempo utile per le

       iscrizioni alla scuola (generalmente la scadenza è nella prima decade del mese di febbraio)

       l’accettazione o meno della domanda.

c. Popolazione scolastica :ALLEGATO B

                                                    8
4 . ORGANIZZAZIONE

Organigramma
Nei due schemi sotto riportati sono rappresentati rispettivamente:
L’organigramma dell’istituzione scolastica comprendente tutte le figure e gli organismi
presenti.

                                                               Referente dirigente
                                                               Scuola dell’infanzia                 Responsabili:
                                                                                                          -       aula inglese
                                                                                                          -        aula francese
                  Organo di garanzia                                                                      -       aula artistica
                                                                                                          -       aula musica
                                                                Referenti commissioni
                                                                                                          -       aula scienze
                                                                 e gruppi di lavoro
                 Consiglio Istituto                                                                       -       aula informatica
                                                                                                          -       aula video
                                                                                                          -       biblioteca
                                                                                                          -       palestra
                 Giunta Con. Istituto                               Dirigente

                                                                                         Coordinatori                Consigli
                 Collegio Docenti                                                        intersezione                intersezione

                 Comitato valutazione
                                                          STAFF
                 docenti                                                                              Consigli
                                                                                          Gruppo programmazione    scuola infanzia
                                                                                                      intersezione

                 Responsabili di plesso                      Collaboratore
                                                                                         Coordinatori                  Consigli
                                                                Vicario
                                                             (Scuola infanzia            interclasse                   interclasse
                                                                primaria)

                     Responsabile della                                                  Coordinatori                  Gruppi         di
                     sicurezza e medico                                                  ambiti                        ambito
                         competente                                                      disciplinari

                                                             Collaboratore               Coordinatori di               Consigli
                                                           (Scuola secondaria)           classe                        di classe
                      Incaricati attuazione
                       misure di sicurezza
                                                              Coordinatore
                                                                (Scuola
                                                            primaria/ambito)             Coordinatori                  Gruppi
                     Rappresentante dei                                                  Gruppi disc.                  disciplinari
                      lavoratori per la
                          sicurezza
                                                                                         Uffici di segreteria
                                                             Capo servizi di
                                                               segreteria
                            R.S.I.
                                                                                        Aiutante Tecnico e personale ausiliario

                    Funzione strumentale                                                Commissione formazione
                    Educazione alla salute                                              classi

                                                          Capo servizi
                    Funzione strumentale                  segreteria                    Commissione         orario
                    nuove tecnologie

                                                         G.L.I.
                                              ( Gruppo lavoro inclusione)

                                                   NAV (nucleo di
                                                  autovalutazione)

                                                                      9
Staff di dirigenza

      DIRIGENTE SCOLASTICO                                          GIRODO GRANT STEFANIA
      COLLABORATORE VICARIO                                         ZOPPO FRANCESCA
      COLLABORATORE SCUOLA SECONDARIA                               JANS ANNA
      COORDINATORE DI AMBITO SCUOLA PRIMARIA                        BICH JOLE
      CAPO DEI SERVIZI DI SEGRETERIA                                PARDINI TONINA

 Servizi di segreteria
Per garantire la massima accessibilità all'utenza (genitori, insegnanti e alunni) la segreteria
dell'Istituzione Scolastica ha predisposto il seguente orario di apertura al pubblico:
                                Lunedì e Giovedì dalle 9.00 alle 17.00
                         Martedì, Mercoledì e Venerdì dalle 9.00 alle 14.00
Nei periodi di sospensione delle lezioni: dal Lunedì al Venerdì dalle 9.00 alle 14.00

L'organico del personale Amministrativo - Tecnico - Ausiliario (A.T.A.R.) è così composto:

                                                             Gestisce il Programma Annuale e predispone il Conto
                       Capo dei Servizi di segreteria
                                                                                 Consuntivo.
      n. 1
                  Pardini Tonina                              E’ il consegnatario dell’inventario dell’Istituzione
                                                             Scolastica. Coordina le attività del personale ATAR.

                  Segretari                                  Si occupano dell'amministrazione di tutto il personale
                                                             docente. Collaborano con il capo dei servizi di
      n. 2
                  Verthuy Mery                               segreteria nella gestione del Programma Annuale e lo
                  Navillod Gianmario                         sostituiscono in caso di assenza.
                  Coadiutori
                                                             Collaborano con il Capo dei servizi di segreteria e con
                                                             i segretari dell’Istituzione per un corretto ed efficiente
                  Gianatti Sabrina
      n. 4                                                   funzionamento dell’apparato amministrativo, svolgono
                  Personnettaz Patrizia
                                                             attività di sportello per il pubblico, si occupano della
                  Gianotti Piercarla
                                                             gestione degli alunni e del personale A.T.A.R.
                  Vittino Donatella
                                                             È il responsabile e l’amministratore della rete
                                                             informatica.
                                                             Si occupa del funzionamento e della gestione dei
                  Aiutante Tecnico                           sussidi didattici, delle apparecchiature scientifiche e
      n. 1                                                   tecnologiche, dei laboratori e delle aule speciali di tutti
                  Berguerand Enrico
                                                             i plessi dell'Istituzione.
                                                             Collabora con il Capo dei Servizi di segreteria per la
                                                             gestione dell'inventario e gli acquisti.
                  Ausiliari

                  Hijaz Najat
                  Curtaz Aurora                              Svolgono attività di vigilanza durante l’apertura dei
      n. 7        Duc Letizia                                locali scolastici e sono predisposti alla pulizia dei
                  Elia Manuela                               locali.
                  Lupinacci Silvana
                  Mautino Rosita
                  Théodule Loredana

                                                        10
L’Istituzione Scolastica garantisce celerità, trasparenza, efficacia ed efficienza dei servizi

amministrativi.

Durante l’anno scolastico i certificati richiesti dagli alunni e dai genitori vengono rilasciati entro 3

giorni lavorativi.

I certificati di servizio relativi ai docenti sono rilasciati entro una settimana dalla richiesta.

Il Dirigente scolastico riceve il pubblico su appuntamento anche telefonico.

Funzioni strumentali

Si tratta di docenti incaricati di coordinare i gruppi di lavoro sia in ambito didattico che

organizzativo.

I criteri di attribuzione delle funzioni strumentali sono i seguenti:

     docenti che nell’anno precedente hanno svolto positivamente la stessa o analoga funzione

      strumentale;

     docenti in possesso di crediti formativi congruenti con la funzione strumentale che intendono

      ricoprire;

     docenti interessati a svolgere la funzione;

     docenti che hanno partecipato al corso di formazione obbligatorio per le Funzioni Obiettivo

      ora Funzioni Strumentali al P.O.F.;

In caso di più candidature per la stessa funzione strumentale e a parità di requisiti il Collegio dei

docenti, valutati i progetti dei singoli candidati, sceglie a seguito di votazione segreta il docente a

cui affidare l’incarico. (ALLEGATO C)

                                                     11
Organi collegiali
 I genitori sono tenuti a partecipare alle elezioni per votare i loro rappresentanti nei consigli di
 intersezione, interclasse e classe e nel consiglio di Istituto.

 1. CONSIGLI DI INTERSEZIONE, INTERCLASSE, CLASSE.
 Le competenze del Consiglio di Intersezione / Interclasse / Classe concernono i rapporti tra docenti
 e genitori intesi come relazioni che vanno mantenute con frequente periodicità per realizzare
 condizioni favorevoli per un più proficuo svolgimento del programma e per il miglior rendimento
 scolastico degli alunni delle classi interessate.
 Tali Organi Collegiali hanno il compito di formulare proposte al Collegio dei Docenti in ordine:
 a) all’azione educativa e didattica, (attività integrative e di sostegno, sulla base dei criteri indicati
     dal Consiglio d’Istituto – entro il 2° mese dell’anno scolastico – visite di studio, scambi di
     esperienze con altre scuole, iniziative para e/o extrascolastiche, ecc.)
 b) ad iniziative di sperimentazione
 c) a proposte per l’adozione dei libri di testo (ad esclusione del consiglio di Intersezione).

 1. CONSIGLIO D’ISTITUTO.
 Il Consiglio di Istituto è composto da 6 genitori, 6 docenti, 1 non docente e dal Dirigente Scolastico;
 approva il programma annuale, il conto consuntivo, adotta il regolamento interno, adatta il
 calendario scolastico alle specifiche esigenze ambientali.
 Il Consiglio d’Istituto dura in carica tre anni scolastici.
 E’ necessario che siano rappresentati in Consiglio tutti e tre gli ordini di scuola (dell’Infanzia,
 Primaria e Secondaria di primo grado).
 2. COLLEGIO DOCENTI E SUE ARTICOLAZIONI.
 Il Collegio dei Docenti è composto dal Dirigente Scolastico e dal personale docente in servizio
 nell’Istituzione.
 Il Collegio è convocato ogni qualvolta il Dirigente Scolastico ne ravvisa la necessità, oppure
 quando un terzo dei suoi componenti ne fa richiesta.
 Esso ha potere deliberante in materia di funzionamento didattico della scuola. In particolare cura la
 programmazione dell’azione educativa, provvede all’adozione dei libri di testo, promuove
 l’aggiornamento dei docenti ed individua le funzioni strumentali.
 Il Collegio Docenti può esprimere una proposta al Consiglio di Istituito relativa al calendario
 scolastico.
 Il Collegio Docenti è articolato in gruppi di lavoro e commissioni, con i relativi referenti.
  (ALLEGATO D)
 3. COMITATO PER LA VALUTAZIONE DEL SERVIZIO DEI DOCENTI
 Il comitato per la valutazione del servizio dei docenti è presieduto dal Dirigente Scolastico, valuta il
 servizio prestato dai docenti nell’anno di formazione e quello di tutti i docenti che ne fanno richiesta
 COMPOSIZIONE:

GIRODO GRANT STEFANIA                                                            DIRIGENTE

VIERIN SILVANA                                                                   DIRIGENTE

PIEILLER NADIA                                                                   DOCENTE

SCAFANDRO SANDRA                                                                 DOCENTE

PIZZICHEMI ROSSELLA                                                              DOCENTE

HERIN MICHELE                                                                    GENITORE

BAZZUCCHI MASSIMO                                                                GENITORE

                                                    12
N.A.V. : nucleo di autovalutazione d’istituto
COMPONENTI: GIRODO GRANT STEFANIA, ZOPPO FRANCESCA,                     BICH IOLE    , POLETTI ELISA , JANS
ANNA,GARATO OMBRETTA,FUSERO GLEDYS

Tutte le istituzioni scolastiche sono tenute a effettuare un’autovalutazione mediante la verifica del
proprio servizio e la redazione del Rapporto di autovalutazione (RAV) in formato elettronico e del
Piano di Miglioramento (PdM)
Il processo di autovalutazione è sostenuto dall’INVALSI sulla base di rilevazioni nazionali e
internazionali degli apprendimenti e di un quadro di riferimento, corredato di indicatori e dati
comparabili.
OBIETTIVI
Le priorità strategiche della valutazione del sistema educativo di istruzione e formazione sono:
        - Riduzione della dispersione e insuccesso scolastici
        - Riduzione delle differenze tra scuole e aree geografiche nei livelli di apprendimento
             degli studenti
        - Rafforzamento delle competenze di base degli studenti rispetto alla situazione di
             partenza
        - Valorizzazione degli esiti a distanza degli studenti con attenzione all’università e al
             lavoro

PROCEDIMENTO DI VALUTAZIONE DELLE SCUOLE
1- Autovalutazione con redazione RAV e PdM.
2- Valutazione esterna delle scuole
3- Valutazione della dirigenza scolastica
4- Rilevazioni nazionali sugli apprendimenti degli studenti e partecipazione alle indagini
internazionali attraverso l’utilizzo di apposite linee guida per la lettura e l’utilizzo dei dati fornite dall’
INVALSI
5- Valutazione di sistema: l’INVALSI ha predisposto un rapporto sul sistema scolastico italiano
volto a consentire un’analisi su base nazionale e una comparazione su base internazionale.

CRITERI GENERALI PER LA VALORIZZAZIONE DELLE SCUOLE STATALI E PARITARIE NEL
PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE
Il rapporto di autovalutazione, alla luce della comparazione dei dati di altre scuole, dovrà
individuare i punti di forza e di criticità di ogni istituzione scolastica. Tutte le scuole predispongono
un rapporto di autovalutazione, utilizzando il quadro di riferimento definito dall’INVALSI e i dati
messi a disposizione tramite piattaforma operativa unica.
Il rapporto di autovalutazione, corredato dagli obiettivi di miglioramento, sarà reso pubblico
attraverso l’inserimento nel portale “Scuola in chiaro” e nel sito dell’istituzione scolastica.

                                                      13
Piano di miglioramento
LA VALUTAZIONE DELLA SCUOLA

L’Istituzione scolastica predispone annualmente il Rapporto di Autovalutazione in base all’analisi
del sistema educativo-didattico. Nel RAV vengono individuati i punti di forza e le criticità sulle quali
intervenire a breve, medio e lungo termine.
Una Commissione di lavoro presieduta dal Dirigente scolastico elabora il Rapporto di
Autovalutazione e, successivamente redige il Piano di Miglioramento (PdM) nel quale vengono
definiti gli obiettivi che la scuola si pone nell’arco del triennio.
Infatti, il Piano di Miglioramento è finalizzato a garantire l’erogazione di un servizio scolastico di
maggiore qualità rimuovendo o cercando di ridurre le criticità emerse in sede di compilazione del
RAV.
Le priorità, riferite agli esiti degli studenti, individuate dal Nucleo di valutazione della scuola e
condivise dal Collegio docenti risultano le seguenti:

          Esiti degli             Priorità                  Traguardi               Traguardi al
           studenti                                         intermedi           termine del triennio
        Risultati         1.Diminuzione   nella         Riduzione di 1          Riduzione di 2 punti
        scolastici        scuola secondaria di          punto percentuale       percentuale     delle
                          non ammissioni alla           delle         non       non ammissioni alle
                          classe seconda                ammissioni     alle     classi seconde
                                                        classi seconde
                          2.Diminuzione   nella         Riduzione di 0.5        Riduzione di 1 punto
                          scuola primaria della         punti percentuale       percentuale     delle
                          percentuale di non            delle         non       non ammissioni alla
                          ammessi alla classe           ammissioni     alla     classe successiva
                          successiva                    classe successiva

        Risultati prove   3.Miglioramento degli         Riduzione di 1          Riduzione di 2 punti
        standardizzate    attuali risultati nelle       punto percentuale       percentuale         della
                          prove Invalsi nelle           della variabilità tra   variabilità tra le classi
                          classi seconde della          le classi seconde       seconde di scuola
                          scuola      primaria      e   di scuola primaria      primaria dei diversi
                          riduzione             della   dei diversi plessi      plessi
                          variabilità tra le classi
                          4.Miglioramento        dei    Aumento di 1            Aumento di 2 punti
                          risultati delle classi        punto percentuale       percentuale       negli
                          seconde e quinte in           negli esiti dei due     esiti dei due plessi
                          italiano e matematica         plessi
                          nei due plessi di
                          scuola primaria che
                          hanno risultati inferiori
                          rispetto ai restanti
                          plessi dell'Istituzione

Incarichi (ALLEGATO E)

Altre figure (ALLEGATO F)

                                                          14
Orari
                                                Scuola dell’infanzia
Plessi                   Lunedì- Martedì             Mercoledì           Giovedì- Venerdì          Sabato

Châtillon           –
                              8 – 17                   8 – 17                   8 – 17                 -
Chameran
Châtillon –
                              8 – 17                   8 – 17                   8 – 17                 -
La Sounère
Pontey                        8 – 17                   8 – 17                   8 – 17                 -
Chambave                      8 – 17                   8 – 17                   8 – 17                 -
Verrayes–capoluogo            8 – 17                   8 – 13                   8 – 17                 -
Verrayes-
                              8 – 17                   8 – 13                   8 – 17                 -
Champagnet

A partire dall’anno scolastico 2016-2017, tutte le scuole dell’infanzia negli ultimi cinque giorni del mese di
    giugno avranno il seguente orario: 8-14. Se all’interno dei suddetti cinque giorni è compreso un
mercoledì, le scuole di Verrayes Champagnet e Verrayes Capoluogo chiuderanno come sempre alle ore
                                                     13.

                                                  Scuola primaria

Plessi                   Lunedì- Martedì             Mercoledì           Giovedì- Venerdì           Sabato

Châtillon           –    8,15-12,15 / 14-                                 8,15-12,15 / 14-
                                                    8,15 – 12,15                                       -
Capoluogo                     16,30                                            16,30
Châtillon               8,25-12,30 / 13,45-                              8,25-12,25 / 13,45-
                                                    8,25 – 12,25                                       -
La Sounère                    16,15                                            16,15
Pontey                  8,15-12,45 / 14,15-                              8,15-12,45 / 14,15-
                                                    8,15 – 12,15                                       -
                              16,15                                            16,15
Chambave                 8,30-12,30 / 14-                                   8,30-12,30 / 14-
                                                    8,30 – 12,30                                       -
                              16,30                                              16,30
Verrayes            –    8,30-12,30 / 14-                                   8,30-12,30 / 14-
                                                    8,30 – 12,30                                       -
capoluogo                     16,30                                              16,30
Verrayes – Diémoz        8,30-12,30 / 14-                                   8,30-12,30 / 14-
                                                    8,30 – 12,30                                       -
                              16,30                                              16,30

                                            Scuola secondaria di I° grado

Châtillon – Capoluogo                                              Martedì, Mercoledì e Venerdì 7,50 – 13,10
                                                                   Lunedì e Giovedì 7.50-13.10/14.00-16.40

                                                          15
Criteri per la formazione delle classi
Per la scuola dell’infanzia
   Equilibrio numerico fra maschi e femmine
   Eventuali segnalazioni di incompatibilità o empatia
 E’ necessario evitare la presenza di stretti rapporti famigliari tra alunni e insegnanti.
Per la scuola primaria
Gli alunni di classe prima elencati in ordine alfabetico, saranno divisi tra maschi e femmine,
tenendo conto delle indicazioni date dalle insegnanti dell’infanzia a proposito di alunni in difficoltà,
dei bambini diversamente abili, dei gruppi ristretti di alunni provenienti dalla stessa scuola
dell’infanzia, dei fratelli gemelli; i ripetenti saranno assegnati d’ufficio ad una delle classi;
   Prendendo alternativamente un maschio e una femmina dai due elenchi di cui al punto
    precedente si formeranno due gruppi possibilmente di uguale numero di alunni contraddistinti
    con I e II;
   Si sorteggerà quindi il gruppo che verrà assegnato alla sezione A, l’altro escluso formerà la
    sezione B;
   Gli alunni di altre classi (2^, 3^, 4^, 5^) che dovessero formarsi a seguito dello sdoppiamento
    saranno divisi con le stesse procedure di cui ai punti precedenti tenuto conto dei pareri
    espressi dagli insegnanti che hanno operato in dette classi nel corso degli anni scolastici
    precedenti;
   Dell’esecuzione delle operazioni di cui sopra è responsabile il Dirigente Scolastico.
   Gli insegnanti di classe segnaleranno entro il primo mese di scuola eventuali situazioni di
    squilibrio tra le classi, non prevedibili in fase della formazione, il Dirigente Scolastico valuterà
    con i docenti delle classi l’opportunità di operare cambiamenti
   E’ necessario evitare la presenza di stretti rapporti famigliari tra alunni ed insegnanti
   Eventuali segnalazioni di incompatibilità o empatia.
Per la scuola secondaria di I° grado
Le classi devono essere:
a) omogenee tra di loro ed al loro interno, eterogenee in relazione alle capacità degli alunni;
b) composte da gruppi (ma non eccessivamente numerosi) provenienti dalla stessa quinta della
   scuola primaria;
c) equilibrate tra loro nel numero di alunni e, al loro interno, tra maschi e femmine, tenendo
   presenti eventuali incompatibilità o empatie;
d) E’ necessario evitare la presenza di stretti rapporti familiari tra alunni ed insegnanti.
Gli alunni diversamente abili sono inseriti nella classe che si presenta più adatta alla loro
integrazione.
Si tengono in considerazione le eventuali segnalazioni dei docenti di quinta.
Formati i gruppi classe, si estrae la sezione alla presenza dei rappresentati dei genitori, dei docenti
designati dal Collegio Docenti e del Dirigente.
Alla formazione delle classi provvede un’apposita commissione designata dal Collegio dei Docenti.

Criteri di assegnazione dei docenti alle sezioni della scuola dell’infanzia e alle classi della
scuola primaria e secondaria di I° grado
   1) Continuità didattica.
    2) Anzianità di servizio.

                                                   16
3) Consultazione tra i docenti dell’interclasse, di modulo e/o di plesso gravi incompatibilità fra
      insegnanti (valutazione opportunità da parte del Dirigente).
   4) Richiesta insegnante (valutazione opportunità da parte del Dirigente).
Per quanto riguarda il regolamento d’Istituto si rinvia al documento completo depositato in
segreteria è consultabile sul sito web della scuola.

                                                 17
5 . RAPPORTO SCUOLA – FAMIGLIA
a. Compiti della scuola e della famiglia
LA SCUOLA riconosce di non esaurire tutte le funzioni educative e favorisce l’interazione con la
famiglia, quale sede primaria dell’educazione del bambino.
La scuola favorisce la programmazione di progetti in collaborazione con la famiglia.

LA FAMIGLIA entra nella scuola quale rappresentante dei bambini e come tale partecipa al
contratto educativo, condividendone responsabilità e impegni nel rispetto reciproco di competenze
e ruoli.

È COMPETENZA DELL’ISTITUZIONE SCOLASTICA:
 Formulare il Piano dell’Offerta Formativa.
 Fornire in merito informazioni chiare e comprensibili.
 Valutare l’efficacia delle proposte.
 Rendere conto periodicamente degli apprendimenti dei singoli alunni e del loro progredire in
   ambito disciplinare e sociale.
 Individuare le iniziative tese al sostegno e al recupero dei soggetti in situazione di handicap,
   svantaggio, disagio, difficoltà.
 Astenersi da ogni forma di discriminazione nei confronti della appartenenza etnica, della
   nazionalità, del livello sociale e culturale e della religione degli alunni.

PER CONTRO LA FAMIGLIA SI DEVE IMPEGNARE A:
 Partecipare alle assemblee e alle riunioni organizzate dalla scuola.
 Tenersi informata e al corrente delle iniziative della scuola e discuterle durante le riunioni
  previste, contribuendo al loro arricchimento e alla loro realizzazione.
 Partecipare ai colloqui individuali.
 Cooperare affinché a casa e a scuola il bambino ritrovi atteggiamenti educativi e coerenti.

ALLA SCUOLA DELL’INFANZIA

Il rapporto scuola/famiglia si basa su una reciproca fiducia tra genitori e insegnanti ed è quindi
fondamentale che le due agenzie educative collaborino e che interagiscano, creando un percorso
formativo lineare. L’iscrizione alla scuola dell’infanzia dovrebbe impegnare le famiglie ad una
frequenza puntuale e costante.
I genitori dovranno essere a conoscenza delle proposte formative degli insegnanti e,
eventualmente, potranno formularne altre .
Nell’ottica di una maggiore informazione, i consigli d’intersezione potranno svolgersi in forma
allargata a tutti i genitori.
Sono previsti inoltre due colloqui individuali utili ad informare le famiglie sul percorso educativo dei
propri figli.
Le osservazioni vengono annotate su un documento di valutazione individuale di fine anno
scolastico, inserito nel fascicolo personale di ogni alunno.
Al fine di agevolare l’inserimento dei piccoli nella scuola dell’infanzia viene redatto il seguente
PROGETTO ACCOGLIENZA

OBIETTIVI
  - Far conoscere la scuola dell’infanzia alle famiglie.
  - Permettere un inserimento graduale e più sereno dei bambini nella scuola.

                                                  18
IL PROGETTO PRESENTA TRE FASI DI REALIZZAZIONE:
       ASSEMBLEA DI GENNAIO
   -   Presentazione della scuola (orientamento, P.O.F., progetti di lavoro, …).
   - Organizzazione (orari, collaborazione con le famiglie …).
   - Pre – inserimento.
   - Frequenza graduale.
   - Visita della scuola.
   - Elenco del materiale occorrente.

     PRE INSERIMENTO
    Nei plessi, a maggio o giugno, viene organizzata una giornata in cui i futuri alunni di tre anni
    possono partecipare, accompagnati da un genitore, alle attività programmate dalle insegnanti
    (giochi all’aperto, manipolazione, pittura, …).
    In quest’occasione i piccoli vengono invitati a visitare i vari locali della scuola.

     FREQUENZA GRADUALE
    Il primo giorno di scuola, le insegnanti accoglieranno solo i bambini di 4 e di 5 anni, in modo da
    permettere loro di ritrovarsi come gruppo classe già consolidato e prepararsi ad accogliere i
    nuovi compagni che arriveranno il giorno seguente.
    I bambini di 3 anni inizieranno a frequentare la scuola a partire dal secondo giorno di avvio
    delle attività didattiche. Per far vivere nella maniera più serena possibile il distacco dalla
    famiglia,l’inserimento avverrà, poi, in modo graduale, cioè con una riduzione oraria della
    giornata scolastica, , con le seguenti modalità:
    - Il primo giorno l’entrata avverrà dalle ore 9,00 alle ore 9,30 e l’uscita prima del pranzo;
    - Dal giorno seguente l’inserimento, l’entrata avverrà seguendo il normale orario di ogni scuola,
    mentre l’uscita per i primi 5 giorni sarà sempre prima del pranzo;
    - Nei successivi 5 giorni i bambini usciranno dopo pranzo;
    -Salvo particolari problemi, in seguito, i bambini potranno frequentare seguendo il normale
    orario scolastico.

ALLA SCUOLA PRIMARIA ED ALLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

L’insegnante collabora il più strettamente possibile con i genitori sul piano educativo e si impegna
a favorire una varietà di comunicazioni, formali e informali, al fine di sviluppare un clima costruttivo
tra famiglia e scuola. Espone chiaramente ai genitori gli obiettivi educativi e culturali, rende conto
dei risultati degli alunni, favorisce il confronto e considera attentamente i problemi che gli sono
presentati salvaguardando le proprie competenze tecnico-professionali. Inoltre l’insegnante vigila
affinché non vi siano forme di discriminazione nei confronti della nazionalità, appartenenza etnica,
livello sociale, culturale e religioso degli alunni.

ALLE FAMIGLIE SI RICHIEDE DI:

 rispettare il lavoro dell’insegnante ed instaurare con esso un rapporto di reciproca fiducia;
 sensibilizzare i figli al valore della scuola e dell’apprendimento;
 collaborare con gli insegnanti sostenendo le richieste della scuola;
 mantenere aperto il dialogo scuola-famiglia per una efficace azione educativa;
 aiutare i propri figli a prendere coscienza della pari importanza delle materie nella formazione e
  maturazione dell’individuo;
 aiutare i figli a diventare autonomi e responsabili nell’organizzazione personale;
 firmare il diario quotidianamente, le verifiche e le circolari sul registro elettronico
 controllare che gli alunni svolgano i compiti assegnati, senza sostituirsi ad essi.

PER RAGGIUNGERE GLI OBIETTIVI PREVISTI DALLA SCUOLA, SI RICHIEDE AGLI ALUNNI DI:
 sforzarsi di capire il valore della scuola e dell’apprendimento;

                                                  19
   portare il materiale necessario alle attività;
   eseguire con impegno i compiti assegnati e studiare regolarmente;
   mantenere l’attenzione in classe;
   partecipare in modo pertinente;
   rispettare le strutture, gli arredi e il materiale scolastico.

 ALLA SCUOLA PRIMARIA,INOLTRE

All’inizio dell’anno scolastico gli insegnanti effettuano un’assemblea plenaria per illustrare la
programmazione didattico - educativa, i progetti e le comunicazioni sul funzionamento della scuola.
Bimestralmente i genitori sono ricevuti per un colloquio individuale nel corso del quale vengono
fornite informazioni sull’andamento scolastico dei propri figli. Nei colloqui di febbraio e di giugno
viene dato in visione e reso disponibile sul registro elettronico per i genitori il Documento di
Valutazione.
Gli insegnanti incontrano i rappresentanti dei genitori, in Consiglio di interclasse, per comunicare la
situazione generale delle classi e la verifica del lavoro svolto, rispetto agli obiettivi di
apprendimento fissati nella programmazione annuale.
I rappresentanti di classe hanno il compito di informare gli altri genitori di quanto emerge durante i
consigli d’interclasse e di farsi portavoce di eventuali problematiche rispetto alle classi che
rappresentano.
In casi eccezionali, i Consigli potranno svolgersi in forma allargata con la presenza di tutti i genitori.
I genitori, tramite preavviso sui diario, possono richiedere dei colloqui individuali al di fuori di quelli
stabiliti.

ED ALLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

Nell’ambito degli incontri con le famiglie sono previste alcune riunioni per permettere una
collaborazione proficua tra scuola e famiglia:
 3 consigli di classe :
     ottobre (aperto a tutti i genitori): per la presentazione del piano annuale e per l’elezione dei
rappresentanti dei genitori.
     Novembre (aperto ai rappresentanti dei genitori) per verificare l’andamento della classe
     aprile (aperto ai rappresentanti dei genitori) per verificare l’andamento della classe
 4 incontri per i colloqui individuali e la consegna delle schede:
     novembre e aprile colloqui individuali con i genitori;
     febbraio e giugno informazioni alle famiglie sui risultati degli scrutini e sull’andamento delle
attività educative
 1 incontro: dicembre riservato ai genitori degli alunni delle classi terze per la consegna del
    consiglio orientativo
 I genitori, tramite preavviso sui diario, possono richiedere dei colloqui individuali al di fuori di
    quelli stabiliti.

AI GENITORI È RICHIESTA UNA FATTIVA PARTECIPAZIONE:
 alla vita scolastica (tramite il diario, da firmare quotidianamente) e la consultazione del registro
  elettronico
 agli organi collegiali in base alla normativa
 agli incontri previsti con gli insegnanti
 all’elaborazione di proposte per il funzionamento dell’Istituto

                                                    20
b. Studio e compiti a casa
L’autonomia, il senso di responsabilità, l’abitudine allo studio e alla rielaborazione personale sono
obiettivi primari della scuola. Si prevedono, pertanto, momenti da dedicare alla riflessione
personale e al lavoro individuale sia a scuola sia a casa.

A SCUOLA
All’interno dell’orario scolastico sono previsti anche momenti di riflessione sulle modalità di studio e
momenti di esercitazione per l’acquisizione di una maggiore autonomia.

A CASA
  SCUOLA PRIMARIA
Sono da prevedere momenti di studio personale che nelle classi 1° e 2° contemplino la lettura o la
revisione di argomenti affrontati in classe nelle varie discipline.
Nelle altre classi è previsto lo studio di argomenti già affrontati e approfonditi in classe.
In entrambi i casi, gli insegnanti avranno cura di impegnare gli alunni in attività che essi siano in
grado di portare a termine da soli, eventualmente differenziando l’assegnazione delle stesse. Nei
casi in cui gli insegnanti lo ritengano opportuno, le attività non terminate in classe potranno essere
assegnate come compito a casa.
Compiti scritti e lezioni saranno concordati dagli insegnanti del modulo per evitare il sovraccarico di
lavoro e si eviterà l’assegnazione di rielaborazioni per il giorno successivo..
Se gli insegnanti ritengono di poter contare sulla collaborazione della famiglia di un alunno che
necessita di un’attività di recupero (tempi lunghi, difficoltà d’apprendimento, assenze prolungate) è
possibile elaborare un progetto didattico individualizzato che preveda momenti di lavoro a casa e a
scuola.
Insegnanti e genitori concorderanno le modalità di intervento per aiutare l’alunno a raggiungere gli
obiettivi prestabiliti.
In caso di assenza è importante recuperare a casa il lavoro svolto a scuola dal resto della classe,
consultando il registro elettronico e in caso di necessità chiedendo informazioni a compagni e
insegnanti.

 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

I compiti a casa sono il necessario momento di riflessione e sistematizzazione di quanto spiegato
ed approfondito in classe.
Essi danno modo agli studenti di interiorizzare i nuovi concetti e le conoscenze, per conseguire
ulteriori competenze. Oltre allo studio dei diversi argomenti presentati nei manuali delle varie
discipline sarebbero opportuni anche approfondimenti personali.
I compiti scritti e le lezioni da studiare a casa vengono assegnati con congruo anticipo, sono
controllati regolarmente da ciascun insegnante e possono costituire oggetto di valutazione
(osservazioni sistematiche).
Le verifiche scritte ed i compiti in classe sono fissati con un certo preavviso;
La correzione e la riconsegna dell’elaborato sono tempestive, in modo che l’alunno possa subito
vedere le annotazioni dell’insegnante e questi possa eventualmente ricalibrare il suo intervento
didattico.
L’alunno dovrà riconsegnare il compito firmato da un genitore entro la lezione successiva.
Qualora lo studente perdesse il compito, si richiederà al genitore una dichiarazione sostitutiva da
compilare in segreteria.
In caso di assenza è importante recuperare a casa il lavoro svolto a scuola dal resto della classe,
consultando il registro elettronico e in caso di necessità chiedendo informazioni a compagni e
insegnanti.

                                                  21
c. Informazioni su iscrizioni, assenze e giustificazioni
SCUOLA DELL’INFANZIA

        Gli alunni sono ammessi alla frequenza previa iscrizione online.
        Sono ammessi alla frequenza dall’inizio della scuola i bambini che compiono il terzo anno
         d’età entro il 31 dicembre.
        Gli alunni nati entro il 31 gennaio possono frequentare la scuola a partire dal giorno
         successivo al compimento del terzo anno d’età.
        La regolarità della frequenza garantisce un più facile e migliore inserimento dei bambini nel
         contesto scolastico e il raggiungimento degli obiettivi previsti dal progetto educativo.
        L’orario scolastico con due o più insegnanti è articolato in media su nove ore giornaliere,
         comprese le attività educative del pranzo gestite dalle stesse insegnanti di sezione. In alcuni
         plessi il mercoledì pomeriggio è vacanza.
        I ripetuti ritardi dovranno essere segnalati al Dirigente Scolastico.
        L’uscita e l’entrata al di fuori dell’orario possono avvenire solo su richiesta specifica del
         genitore, compilando l’apposito modulo.
        I bambini possono essere riconsegnati dagli insegnanti ai genitori, agli addetti ai trasporti o
         ad altri maggiorenni, su delega dei genitori stessi. In caso di separazione familiare, i bambini
         saranno consegnati al genitore che ne ha l’affidamento (previa esibizione di certificato
         attestante la condizione di genitore affidatario).
        Il certificato medico di riammissione degli alunni a scuola è previsto solo per le assenze
         dovute a malattia superiori ai 5 giorni. Non può essere quindi richiesto per assenze
         inferiori o uguali ai 5 giorni o per altre motivazioni per le quali è sufficiente l’autocertificazione
         amministrativa e non sanitaria. I giorni di sabato (se nell’Istituzione non è prevista attività
         didattica) e i giorni festivi anche infrasettimanali (domeniche e le altre festività) devono
         essere contati, al fine dei giorni effettivi di assenza, solamente se compresi fra i giorni di
         assenza precedenti e seguenti gli stessi giorni di chiusura della scuola. A titolo
         esemplificativo i giorni di sabato e domenica possono venire computati come giorni di
         malattia solo se l’alunno si è ammalato, sempre per esempio, venerdì ed è rientrato in aula il
         giovedì successivo. Risulta evidente, quindi, che se l’alunno rientra nella scuola dopo 5 giorni
         esatti di assenza (quindi ad esempio rientra il 6° giorno consecutivo) non ha necessità di
         esibire il certificato medico poiché tale certificazione medica è necessaria per periodi
         superiori a 5 giorni e non pari a 5 giorni.
        In caso di assenza per motivi familiari superiore ai 5 giorni il genitore è tenuto ad avvisare
         preventivamente gli insegnanti e compilare l’apposito modulo.

SCUOLA PRIMARIA

         Gli alunni del secondo anno di scuola dell’infanzia nati tra il 1° gennaio e il 30 aprile
          possono essere iscritti anticipatamente alla classe prima della scuola primaria.
         In caso di assenza inferiore ai 5 giorni gli alunni saranno riammessi alla frequenza
          scolastica previa giustificazione scritta sul diario da parte dei genitori.
         Il certificato medico di riammissione degli alunni a scuola è previsto solo per le assenze
          dovute a malattia superiori ai 5 giorni. Non può essere quindi richiesto per assenze
          inferiori o uguali ai 5 giorni o per altre motivazioni per le quali è sufficiente
          l’autocertificazione amministrativa e non sanitaria. I giorni di sabato (se nell’Istituzione non
          è prevista attività didattica) e i giorni festivi anche infrasettimanali (domeniche e le altre
          festività) devono essere contati, al fine dei giorni effettivi di assenza, solamente se
          compresi fra i giorni di assenza precedenti e seguenti gli stessi giorni di chiusura
          della scuola. A titolo esemplificativo i giorni di sabato e domenica possono venire

                                                       22
computati come giorni di malattia solo se l’alunno si è ammalato, sempre per esempio,
       venerdì ed è rientrato in aula il giovedì successivo. Risulta evidente, quindi, che se l’alunno
       rientra nella scuola dopo 5 giorni esatti di assenza (quindi ad esempio rientra il 6° giorno
       consecutivo) non ha necessità di esibire il certificato medico poiché tale certificazione
       medica è necessaria per periodi superiori a 5 giorni e non pari a 5 giorni.
      Qualora le assenze fossero troppo numerose o per motivazioni poco plausibili o
       vaghe, il Dirigente convocherà personalmente i genitori.
      Se l’assenza riguarda i periodi di inizio dell’anno scolastico o gli ultimi giorni di scuola è
       necessaria la giustificazione presso il Dirigente dell’Istituzione Scolastica.
      Durante l’orario scolastico il bambino potrà uscire solamente se accompagnato dai genitori
       o da un adulto che ne ha la delega.
   NOTA BENE
    L’orario scolastico (entrata – uscita) deve essere rigorosamente rispettato. Qualora vi fosse
      un ritardo, il bambino deve essere accompagnato in classe da un genitore o da chi ne fa le
      veci munito di giustificazione scritta sul diario. Al termine delle lezioni, gli alunni saranno
      affidati ad un genitore o a persona maggiorenne autorizzata per iscritto dalla famiglia.

Si ricorda inoltre che gli insegnanti sono responsabili dei propri alunni solo durante l’orario
scolastico e sono tenuti ad accompagnarli fino al portone della scuola.

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

      La frequenza regolare alle lezioni fa parte degli obblighi degli alunni, quindi le assenze, i
       ritardi e le richieste di uscita anticipata devono essere validamente motivati.
      Le giustificazioni vengono fatte sulle apposite pagine del libretto e consegnate
       all’insegnante della prima ora di lezione, al momento dell’entrata in classe.
      Gli insegnanti del primo modulo (salvo eccezioni da concordare fra i docenti) riporteranno
       le giustificazioni sull’apposito registro.
      Il Dirigente provvederà a convocare un genitore, per la convalida della giustificazione,
       qualora le assenze fossero troppo numerose o per motivi troppo vaghi o sospetti.
      Il certificato medico di riammissione degli alunni a scuola è previsto solo per le assenze
       dovute a malattia superiori ai 5 giorni. Non può essere quindi richiesto per assenze
       inferiori o uguali ai 5 giorni o per altre motivazioni per le quali è sufficiente
       l’autocertificazione amministrativa e non sanitaria. I giorni di sabato e i giorni festivi
       anche infrasettimanali (domeniche e le altre festività) devono essere contati, al fine dei
       giorni effettivi di assenza, solamente se compresi fra i giorni di assenza precedenti e
       seguenti gli stessi giorni di chiusura della scuola. A titolo esemplificativo i giorni di
       sabato e domenica possono venire computati come giorni di malattia solo se l’alunno si è
       ammalato, sempre per esempio, venerdì ed è rientrato in aula il giovedì successivo. Risulta
       evidente, quindi, che se l’alunno rientra nella scuola dopo 5 giorni esatti di assenza (quindi
       ad esempio rientra il 6° giorno consecutivo) non ha necessità di esibire il certificato medico
       poiché tale certificazione medica è necessaria per periodi superiori a 5 giorni e non pari
       a 5 giorni.
      Ai fini della validità dell’anno scolastico e quindi per essere ammessi alla classe
       successiva ogni alunno deve frequentare almeno i ¾ (tre quarti) del monte ore
       annuale previsto dal corso di studi. Sono possibili deroghe esclusivamente per
       assenze dovute a malattie debitamente giustificate con certificato medico.

d. Contribuzione economica delle famiglie
La contribuzione annuale massima che la scuola può chiedere alle famiglie, per ogni singolo
alunno, varia nei vari ordini di scuola e nelle varie classi della secondaria di 1° grado.

                                                 23
6. LA DIDATTICA

   a. Linee di indirizzo
Obiettivi di miglioramento:
    definire il curricolo verticale di istituto secondo un approccio per competenze, partendo
        dalle effettive esigenze degli alunni per garantire un percorso formativo organico e
        completo, capace di promuovere lo sviluppo articolato e multidimensionale della persona;
    favorire il successo scolastico di tutti gli alunni (con particolare riferimento alle varie
        tipologie di Bisogni Educativi Speciali di cui sono portatori) consolidando le procedure e gli
        interventi didattici personalizzati a partire dalla Scuola dell’Infanzia, predisponendo percorsi
        individualizzati e personalizzati anche con il supporto e la collaborazione dei servizi socio-
        sanitari ed educativi del territorio e delle associazioni di settore, adottando, nella didattica
        quotidiana, modalità di lavoro inclusive e rafforzando le azioni di supporto e recupero delle
        difficoltà e di valorizzazione delle eccellenze;
    rafforzare e adottare in maniera sempre più diffusa, metodologie innovative, cooperative e
        laboratoriali al fine di sviluppare un processo continuo di costruzione attiva di competenze,
        di conoscenze e di sviluppo di abilità;
    promuovere la dimensione europea della formazione attraverso una progettualità che
        conduca gli alunni ad acquisire competenze linguistiche e comunicative sempre più ampie
        potenziando le certificazioni linguistiche nel rispetto del quadro europeo di riferimento;
    consolidare e sviluppare percorsi volti a favorire la continuità tra gli ordini di scuola e
        l’orientamento in uscita dal primo ciclo d’istruzione;
    potenziare le competenze logico-matematiche e scientifiche;
    elaborare proposte progettuali curricolari ed extracurriculari di ampliamento dell’offerta
        formativa che, pur mirando al raggiungimento degli obiettivi emersi dal RAV, abbiano come
        prospettiva di medio e lungo termine il rafforzamento del senso identitario e la promozione
        della crescita culturale della comunità scolastica;
    prevenire e contrastare ogni forma di discriminazione, di bullismo e di cyberbullismo e
        sviluppare comportamenti responsabili ispirati alla conoscenza e al rispetto della legalità,
        della sostenibilità ambientale, dei beni paesaggistici, del patrimonio e delle attività culturali
        anche attraverso la collaborazione con gli operatori presenti sul territorio (forze dell’ordine,
        guardie forestali, sovrintendenza ai beni culturali, …);
    sostenere la formazione e l’autoaggiornamento in relazione al potenziamento linguistico e
        alla diffusione dell’innovazione metodologica-didattica;

                                                   24
Puoi anche leggere
DIAPOSITIVE SUCCESSIVE ... Annulla