Piano della Performance - ANNI 2019/2021 COMUNE DI GAVIRATE - Varese

 
Piano della Performance - ANNI 2019/2021 COMUNE DI GAVIRATE - Varese
COMUNE DI GAVIRATE – Varese
                 P.zza Matteotti n. 8 – 21026 Gavirate
                         C.F. 00259850121

         Piano della Performance
                 ANNI 2019/2021
(Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 16 del 05/04/2019)

                                                                           1
Piano della Performance - ANNI 2019/2021 COMUNE DI GAVIRATE - Varese
PRESENTAZIONE DEL PIANO

INFORMAZIONI GENERALI
  CHI SIAMO

  COSA FACCIAMO

  COME OPERIAMO

IDENTITA’
  L’AMMINISTRAZIONE IN CIFRE

  MANDATO ISTITUZIONALE E MISSIONE
  ALBERO DELLA PERFORMANCE

ANALISI DEL CONTESTO
  ANALISI DEL CONTESTO ESTERNO

  ANALISI DEL CONTESTO INTERNO

OBIETTIVI STRATEGICI

                                     2
Piano della Performance - ANNI 2019/2021 COMUNE DI GAVIRATE - Varese
PRESENTAZIONE DEL PIANO

Questa Amministrazione, sulla base di quanto disposto dall’articolo 3 del decreto legislativo 27
ottobre 2009, n. 150, adotta il PIANO DELLA PERFORMANCE.

Il Piano della Performance è il documento programmatico triennale che individua gli indirizzi e gli
obiettivi strategici e definisce, con riferimento agli obiettivi finali ed intermedi ed alle risorse, gli
indicatori per la misurazione e la valutazione delle prestazioni dell’Amministrazione, dei
Responsabili dei Settori e dei Dipendenti.

Gli obiettivi assegnati ai Responsabili dei Settori ed i relativi indicatori sono individuati nei
seguenti strumenti di programmazione:

    a) Linee programmatiche di Mandato approvate dal Consiglio comunale all’inizio del mandato
       amministrativo, che delineano i programmi e progetti contenuti nel programma elettorale
       con un orizzonte temporale di cinque anni, sulla base dei quali si sviluppano i documenti
       facenti parte del sistema integrato di pianificazione;
    b) Documento Unico di Programmazione approvato annualmente, che individua, con un
       orizzonte temporale di tre anni, una sezione strategica ed una sezione operativa per missioni;
    c) Piano Esecutivo di Gestione, approvato annualmente dalla Giunta, che contiene gli obiettivi
       e le risorse assegnate ai dievrsi Settori.

Il presente documento individua quindi la trasparente definizione delle responsabilità dei diversi
protagonisti in merito alla definizione degli obiettivi ed al relativo conseguimento delle prestazioni
attese e realizzate al fine della successiva misurazione della performance.

L’insieme dei sotto indicati documenti costituisce il PIANO DELLA PERFORMANCE:

Linee programmatiche di mandato – obiettivi quinquennali - ,

Documento Unico di Programmazione – obiettivi triennali - ,

Piano Esecutivo di Gestione – obiettivi annuali - .

                                                                                                       3
Piano della Performance - ANNI 2019/2021 COMUNE DI GAVIRATE - Varese
INFORMAZIONI GENERALI

CHI SIAMO

Le caratteristiche organizzative e gestionali del Comune di GAVIRATE si sviluppano in

                                          SINDACO

                                  SEGRETARIO GENERALE

  SETTORE AFFARI GENERALI                                     SETTORE FINANZIARIO

SETTORE SERVIZI AL CITTADINO                                     SETTORE TECNICO

    SETTORE POLIZIA LOCALE

                                                                                        4
Piano della Performance - ANNI 2019/2021 COMUNE DI GAVIRATE - Varese
COSA FACCIAMO

Il Comune di Gavirate svolge tutte le funzioni amministrative che riguardano la popolazione ed il
territorio comunale, precipuamente nei settori dei servizi alla persona e alla comunità, dell’assetto
ed utilizzazione del territorio e dello sviluppo economico.

Il portafoglio dei servizi erogati dal Comune di Gavirate, viene ricondotto nell’ambito delle
competenze specifiche assegnate a ciascun Settore, come riportato nella seguente tabella:

           SETTORE                        AMBITO DELLE COMPETENZE SPECIFICHE

                                      •   Rapporti con enti ed istituzioni coinvolti nell’attività
                                          generale del Comune
                                      •   Controllo formale proposte deliberazioni - Adempimenti
                                          connessi all’esecutività e perfezionamento degli atti degli
                                          organi istituzionali
                                      •   Gestione economica dei patrocini legali
                                      •   Gestione Protocollo - Gestione archivio comunale
                                      •   Supporto organizzativo alle attività del segretario
                                          generale
                                      •   Tenuta delle raccolte ufficiali dei provvedimenti
                                      •   Supporto organizzativo al consiglio comunale, alle
                                          commissioni e ai gruppi consiliari
                                      •   Pulizia edifici comunali
                                      •   Notificazioni
                                      •   Gestione sito istituzionale dell’ente e relativi
                                          adempimenti
      AFFARI GENERALI
                                      •   Adempimenti connessi alla tutela del trattamento dei dati
                                          personali
                                      •   Gestione servizi sociali
                                      •   Vigilanza sui servizi alla persona convenzionati con il
                                          Comune
                                      •   Gestione servizi assistenza domiciliare, ludoteca ed altri
                                          servizi ed attività comunali alla persona che non sono di
                                          competenza espressa di altro settore
                                      •   Adempimenti del Comune quale affidatario di minori
                                      •   Gestione interventi per l’occupazione e l’integrazione
                                          lavorativa
                                      •   Segretariato sociale e di assistenza ai nuclei familiari
                                      •   Ricoveri in strutture protette di persone in stato di
                                          bisogno o svantaggiate
                                      •   Vigilanza sugli enti socio-assistenziali privati esistenti
                                          nel territorio comunale.

                                                                                                    5
SETTORE          AMBITO DELLE COMPETENZE SPECIFICHE

              •   Istruttoria atti dirigenziali e degli organi collegiali
                  riguardanti il reperimento e la gestione delle risorse
                  umane e finanziarie che non sono di competenza
                  espressa di altri settori
              •   Reclutamento e selezione del personale - Stipula dei
                  contratti individuali di lavoro - Gestione dei contratti di
                  lavoro
              •   Procedimenti disciplinari e controversie di lavoro
              •   Adempimenti a carico del Comune per i trattamenti
                  retributivi, previdenziali ed assicurativi del personale
                  comunale
              •   Controllo delle presenze e delle assenze dal lavoro
              •   Adempimenti connessi alla formazione e qualificazione
                  del personale comunale
              •   Supporto organizzativo alle attività del segretario
                  generale in materia di gestione ed organizzazione del
                  personale
              •   Supporto organizzativo alle attività dell’Organismo di
FINANZIARIO       valutazione
              •   Gestione contabilità comunale
              •   Custodia dei libri contabili - Tenuta dell’inventario dei
                  beni comunali
              •   Gestione canoni di locazione
              •   Riscossioni e pagamenti di debiti e crediti del Comune
              •   Relazioni con il tesoriere ed il concessionario delle
                  entrate
              •   Economato
              •   Supporto organizzativo per il controllo di gestione ed il
                  collegio di revisione
              •   Rapporti con le società partecipate
              •   Riscossione dei proventi per servizi a domanda
                  individuale
              •   Gestione ed accertamento dei tributi comunali - Gestione
                  del contenzioso sulle entrate tributarie comunali (iuc e
                  tosap)
              •   Gestione interventi riguardanti il diritto allo studio per
                  tutti gli ordini scolastici presenti sul territorio

                                                                            6
SETTORE               AMBITO DELLE COMPETENZE SPECIFICHE

                       •   Predisposizione e tenuta dei contratti comunali, con
                           supporto organizzativo al segretario generale per le
                           funzioni di ufficiale rogante
                       •   Statistica comunale
                       •   Gestione procedimenti riguardanti le attività culturali, la
                           promozione dello sport e l’occupazione del tempo libero
                       •   Gestione servizio biblioteca
                       •   Organizzazione eventi culturali e per il tempo libero
                       •   Atti e funzioni relative allo stato civile: atti di nascita, di
                           matrimonio, di decesso
                       •   Pubblicazioni di matrimonio
                       •   Atti relativi al conferimento della cittadinanza italiana
                       •   Predisposizione e stipula atti di separazione e divorzio
                       •   Gestione amministrativa dei cimiteri comunali,
SERVIZI AL CITTADINO       comprensiva della stipula dei contratti cimiteriali,
                           organizzazione dei servizi funebri e trasporto salme,
                           autorizzazione alla posa dei monumenti funebri
                       •   Bollettazione e gestione del servizio lampade votive
                       •   Indagini ISTAT
                       •   Tenuta liste di leva
                       •   Tenuta registri della popolazione residente e degli
                           Italiani residenti all’estero
                       •   Pratiche relative al passaggio di proprietà dei veicoli
                       •   Inserimento e gestione carte sconto benzina
                       •   Gestione pratiche di pubblicità e pubbliche affissioni
                       •   Autorizzazioni in merito all’uso delle palestre comunali
                           con emissione delle relative fatture
                       •   Ufficio      elettorale     e   Commissione          elettorale
                           mandamentale

                                                                                         7
SETTORE       AMBITO DELLE COMPETENZE SPECIFICHE

          •   Controllo e vigilanza sulle attività di trasformazione del
              territorio e sulla qualità dell’ambiente,
          •   iniziativa ed assistenza nell’esercizio delle medesime
              funzioni di competenza di altri enti pubblici
          •   Atti ed interventi inerenti le attività private che non
              rientrano nelle materie di competenza di altri settori
          •   Istruttoria e ordinanze in materia di edilizia privata,
              ambiente, ecologia
          •   Pubblica illuminazione e centrali termiche
          •   Programmazione reti e sottoservizi
          •   Procedimenti        riguardanti   i     finanziamenti  per
              l’eliminazione delle barriere architettoniche
          •   Verifiche relative al rilascio della idoneità alloggi
              nonché quelle relative agli adempimenti di cui alla L.
              9.01.1989, n. 13
          •   Riscossione crediti per le attività di competenza
          •   Vigilanza sull’attuazione nel territorio di leggi,
              regolamenti ed ordinanze
          •   Funzioni in materia di autorizzazione paesaggistica
          •   Gestione e cura del demanio e patrimonio immobiliare
              comunale
          •   Valutazione e stime patrimoniali
          •   Consulenze tecniche per l’attività comunale
TECNICO   •   Controllo tecnico e collaudi prestazioni progettuali
              riguardanti gli immobili ed impianti comunali
          •   Programmazione, progettazione, affidamento e gestione
              lavori pubblici
          •   Gestione reticolo idrico minore (manutenzione,
              emanazione avvisi di pagamento, rilievi, autorizzazioni,
              polizia idraulica).

          •   Edilizia residenziale pubblica, convenzionata e non
              convenzionata
          •   Alienazione patrimonio immobiliare
          •   Attività di Protezione Civile
          •   Verifica e liquidazione fatture utenze dell’ente
          •   Assicurazioni
          •   Responsabilità in materia di sportello unico attività
              produttive
          •   Atti ed interventi comunali inerenti le attività
              economiche private come da convenzione sottoscritta dai
              Comuni aderenti al SUAP dell’ente
          •   Gestione commercio fisso ed ambulante e polizia
              amministrativa
          •   Funzioni in materia di Autorizzazione Unica Ambientale
          •   Funzioni di Datore di Lavoro in materia di salute e
              sicurezza sul lavoro
          •   Collaborazione con l’apposita Agenzia Regionale

                                                                       8
(ARPA) in ordine alla vigilanza in materia ecologica
•   Adempimenti in materia di gestione e smaltimento rifiuti
•   Gestione della Piattaforma Ecologica comunale
•   Acquisto e distribuzione di materiale per la raccolta ed il
    conferimento dei rifiuti da parte degli utenti
•   Programmazione degli interventi di pulizia delle strade,
    nonché di manutenzione e pulizia di aree verdi, parchi,
    giardini, siepi
•   Predisposizione, coordinamento, controllo e gestione dei
    vari appalti concernenti la manutenzione ordinaria e
    straordinaria del verde pubblico
•   Gestione delle sponsorizzazioni per la manutenzione
    delle rotatorie e delle aiuole

                                                              9
SETTORE                         AMBITO DELLE COMPETENZE SPECIFICHE

                                       •   Vigilanza in materia di regolamenti e provvedimenti
                                           adottati dall’Amministrazione Comunale
                                       •   Disciplina della circolazione stradale, attività di
                                           controllo, prevenzione e repressione delle infrazioni al
                                           codice della strada, attività di soccorso
                                       •   ed infortunistica stradale
                                       •   Vigilanza in materia annonaria (vendita al minuto ed
                                           all’ingrosso, somministrazione, ecc.) ed amministrativa
                                       •   Collaborazione con l’apposita Agenzia Regionale
                                           (ARPA) in ordine alla vigilanza in materia ecologica
                                       •   Prevenzione e repressione dei reati nelle materie
                                           assegnate ed espletamento delle indagini delegate
                                           dall’Autorità Giudiziaria
                                       •   Vigilanza in materia edilizia
       POLIZIA LOCALE                  •   Assistenza nell’esercizio del controllo e vigilanza sulle
                                           attività di competenza degli altri settori
                                       •   Attività di protezione civile di competenza e di pronto
                                           intervento per la pubblica incolumità
                                       •   Collaborazione con gli altri organi di Polizia nel
                                           controllo del territorio
                                       •   Gestione dell’attività di videosorveglianza
                                       •   Istruttoria e formazione ordinanze di relativa competenza
                                       •   Rappresentanza nel cerimoniale comunale e nelle
                                           manifestazioni con la partecipazione del gonfalone
                                           comunale
                                       •   Adempimenti in materia di tutela degli animali e
                                           prevenzione del randagismo
                                       •   Controllo sull’attuazione nel territorio comunale di leggi,
                                           regolamenti ed ordinanze
                                       •   Sensibilizzazione/educazione stradale

COME OPERIAMO

Le modalità operative di perseguimento degli obiettivi di cui sopra avvengono tramite

ORGANI POLITICI: Sindaco, Consiglio Comunale, Giunta Comunale;

agli organi politici competono funzioni di indirizzo e di controllo mentre la gestione amministrativa
è attribuita ai responsabili dei servizi, nel rispetto del principio di separazione delle competenze.

STRUTTURA AMMINISTRATIVA: la struttura amministrativa, riportata nella sezione “CHI
SIAMO”, provvede, invece, alla gestione operativa di natura finanziaria, tecnica e amministrativa,
compresa l’adozione dei provvedimenti che impegnano l’amministrazione verso l’esterno.

Gli organi politici esercitano sugli organi amministrativi anche un controllo sulla valutazione dei
risultati ottenuti.
                                                                                                      10
IDENTITA’

L’AMMINISTRAZIONE IN CIFRE

I dipendenti in servizio al 31.12.2018 risultavano in numero di 57, oltre al Segretario comunale ed a
n. 2 unità a tempo determinato come indicato nella seguente tabella:

                           PERSONALE IN SERVIZIO AL 31.12.2018
                   CATEGORIA                PROFILO                   NUMERO
                   GIURIDICA             PROFESSIONALE
                                          Segretario comunale              1

                         D3                   funzionario                  4

                         D1                istruttore direttivo            14

                          C                    Istruttore                  19

                         B3            collaboratore professionale         12

                         B1                    esecutore                   6

                         A*                    operatore                   4

                              totale                                       60

                               * di cui due part time

Dato atto che:
- il rapporto medio dipendenti-popolazione validi per gli enti che hanno dichiarato il dissesto
  finanziario, ai sensi dell'art. 244 e sgg. Tuel, e per quelli che hanno fatto ricorso alla procedura
  di riequilibrio finanziario pluriennale, ai sensi dell'art. 243-bis, comma 8, lettera g) previsto dal
  Decreto Ministero dell'Interno 10/04/2017 per i Comuni con fascia demografica da 5000 a 9999
  abitanti, è pari a 1/159;
- questo Comune non versa in condizioni di dissesto;

                                                           9.327
Il rapporto popolazione/dipendenti al 31/12/2018 è pari a _______ = 155,45
                                                            60

La spesa, nell’anno 2018 relativa al personale sopraindicato è stata di euro 2.494.894,71
(macroaggregato 101 comprensivo di spesa per il Segretario Comunale inclusi diritti di rogito) e
compresi ruoli INPDAP per regolarizzazione posizioni contributive) equivalente ad euro 267,49
per abitante.

                                                                                                     11
MANDATO ISTITUZIONALE E MISSIONE

Il Comune persegue fini generali provvedendo al perseguimento degli interessi della popolazione
sul proprio territorio residente.

Il Comune, pertanto, rappresenta la comunità di riferimento, ne cura gli interessi e ne promuove lo
sviluppo. Considerato che in esso i cittadini convergono i propri interessi, il Comune costituisce il
centro della vita sociale, promuove la protezione materiale e morale degli interessi generali,
provvede all’erogazione dei servizi pubblici ad esso attribuiti dalla normativa di riferimento.

Le linee programmatiche e gli indirizzi generali dell’azione di governo del Sindaco e della Giunta
Comunale di Gavirate per l’espletamento del mandato amministrativo sono stati approvati con
deliberazione del Consiglio Comunale n. 28 del 16/07/2014 e vengono recepiti nel presente Piano.

ALBERO DELLA PERFORMANCE

L’albero della performance è una mappa logica che rappresenta, graficamente, i legami tra mandato
istituzionale, missione, Servizi strategiche, obiettivi strategici e piani operativi (che individuano
obiettivi operativi, azioni e risorse). In altri termini, tale mappa dimostra come gli obiettivi ai vari
livelli e di diversa natura contribuiscano, all’interno di un disegno strategico complessivo coerente,
al mandato istituzionale e alla missione. Essa fornisce una rappresentazione articolata, completa,
sintetica ed integrata della performance dell’amministrazione.

                                                                                                     12
Mandato istituzionale - Missione

                                    Obiettivo strategico

     Progetti                                 Progetti                          Progetti

                                              Azioni                             Azioni
      Azioni

ANALISI DEL CONTESTO

ANALISI DEL CONTESTO ESTERNO

Brevi cenni storici

Gavirate è una cittadina dalle origini antichissime disposta lungo le rive del Lago di Varese, a cui
un tempo dava il nome. I primi insediamenti sul territorio gaviratese risalgono al VII millennio a.C.,
come dimostrato dai ritrovamenti palafitticoli sulle rive dell'odierno lago di Varese.

L'area dell'odierno comune passò dal dominio gallico del IV secolo A.C. all’occupazione romana
nel corso del II secolo a.C., divenendo parte della provincia della Gallia Cisalpina nell'89 a.C.

La storia di Gavirate nel periodo medievale è caratterizzata l'insediamento di alcuni monaci
dell'ordine monastico Fruttuariense nel chiostro Voltorre.

                                                                                                   13
Nel corso del 1500, Gavirate, inserita all’interno del Ducato di Milano, fu interessata da saccheggi e
dalle invasioni di truppe mercenarie durante il conflitto franco-spagnolo. Nel XVI secolo, in seguito
alla diffusione delle peste bubbonica, venne edificato il “Lazzaretto”, in cui venivano seppellite le
vittime dell'epidemia.

Nei primi anni anni del 1700 Gavirate, dopo la morte del re di Spagna Carlo II passò dalla
dominazione spagnola a quella austriaca. Durante questo periodo, Gavirate conobbe una rilevante
ripresa socio-economica, incentivata anche dalla creazione del primo catasto della zona. L'elezione
del primo Consiglio Comunale risale all’anno 1824.

Nel 1927 il comune, parte della provincia di Como, passa alla provincia di Varese.

Situazione attuale – cenni

Così come oggi la possiamo ammirare, Gavirate è caratterizzata dalla presenza al suo interno di
alcuni centri storici e precisamente Armino, Pozzolo, Fignano e Gavirate, ciascuno dei quali ha
mantenuto sostanzialmente integra la propria identità, oltre alle frazioni maggiori, Voltorre e
Oltrona al Lago, comprensiva della località Groppello, che fino all’anno 1927 erano comuni
autonomi.
Considerato il numero delle attività presenti sul territorio, Gavirate può essere considerata una
cittadina a prevalente vocazione economica commerciale, infatti risulta essere un centro di richiamo
per gli abitanti dei comuni limitrofi. Inoltre, grazie alla sua posizione privilegiata sul Lago di
Varese ed alla vicinanza ai centri del Lago Maggiore, negli ultimi anni ha sviluppato importanti
attività turistiche e sportive.

Attualmente il Comune di Gavirate conta 9.327 abitanti: l’analisi dei dati demografici non fa
rilevare importanti cambiamenti rispetto agli anni precedenti.

                                                                                                   14
Ecco alcune immagini del territorio:

            Panorama di Gavirate lungo le rive del Lago di Varese, sullo sfondo le Alpi

                                       Gavirate vista dall’alto

                                       Il Chiostro di Voltorre

                                                                                          15
Il Chiostro di Voltorre, che sorge nell’omonima frazione, ha origini medievali che risalgono al 1100
- 1150. Venne riconosciuto monumento nazionale nel 1911.

                                         Il Ponte del Diavolo

Leggenda del Ponte del Diavolo sul fiume Tinella
Tanti anni or sono in un pomeriggio molto freddo del tardo autunno, un vecchio pastore guidava il
gregge lungo la sponda destra alta e scoscesa del torrente Tinella.
Il povero uomo aveva acceso un focherello e seduto accanto si scaldava le mani arrossate proprio
per la rigida temperatura.
Ad un tratto sente un tonfo ed un lungo belato: una pecora era caduta nell’orrido che stava davanti
al pertugio entro cui scorre gorgogliando l’acqua del torrente.

                                                                                                  16
Il pastore accorre ed a saltelloni e carponi, scivolando sul retro dei pantaloni, aggrappandosi a rami
e giunchi, arriva in fondo al declivio, entra nell’acqua, libera la pecora imprigionata nel fondo
fangoso e come nella parabola del Vangelo, se la pone sulle spalle per riportarla fra le altre
novantanove.
Passo passo, fermandosi di tanto in tanto, riesce a superare il pendio con il fiato grosso, sudato
nonostante il freddo. Mentre si leva dalle spalle la pecora gli esce spontanea l’esclamazione “Uff,
te peset cume ul diavul” (pesi come il diavolo): da quel giorno la località del torrente Tinella venne
denominata ponte del diavolo.

                                       La chiesetta della Trinità

La chiesetta della Tribità
La leggenda racconta come il giovane nobile signore Corrado venisse aggredito nei prati di
Capolago da una banda di soldati, che dopo averlo stordito, lasciandolo per morto, rapirono sua
moglie, la bella Fazia degli Oberti. Riavutosi, il cavaliere si diede ad inseguire i rapitori, ma la neve
caduta ne aveva cancellato le tracce.
Ad un tratto Corrado si trova dinanzi una vasta pianura coperta di neve, la nebbia non permette di
vedere a più di qualche passo, ma lontano si odono le grida della sua sposa. Pregando Dio, il
cavaliere si lancia al galoppo sulla distesa di neve, perso nella nebbia e col nevischio che lo acceca.
Solo quando si trova sotto gli alberi a Gavirate, girandosi nota con stupore che la distesa innevata
che ha appena traversato è in realtà la superficie del lago ghiacciato, che dietro di lui si sta adesso
crepando e aprendo con suoni sinistri e gorgoglii d’acqua.

 Risale le pendici del colle e raggiunti i banditi ne uccide alcuni mentre gli altri, lasciata la preda,
fuggendo nel bosco.

Corrado abbraccia la sua adorata Fazia e fa solenne giuramento di edificare in questo punto una
cappellina dedicata alla SS. Trinità.

Trecento anni dopo la cappella venne trasformata in oratorio e quindi nella chiesa che tuttora si
trova a fianco della località detta “Sasso di Gavirate”.

                                                                                                      17
Museo della pipa

Si tratta del primo museo della pipa in Italia, costruito verso la fine degli Anni Settanta da Alberto
Paronelli, il quale decise di esporre i numerosi pezzi raccolti durante i suoi viaggi all'estero. Oggi la
parte espositiva conta una decina di sale, attrezzate con circa 30.000 pezzi, che comprendono pipe,
utensili, macchinari, volumi cartacei, porcellane e terrecotte. Tra le più significative collezioni si
ricordano pipe precolombiane del Messico e dell'America Centrale, pipe francesi e pipe scolpite a
mano

Il mercato

Gavirate: già centro importante, anche se piccolo e assai diminuito dall'incendio e dal saccheggio
sofferto nell'anno 1500 dai lanzichenecchi, con la nascita del mercato comincia una nuova era in cui
nasceranno numerose botteghe. Nel 1722 ne risulteranno 57, mentre nel territorio circostante non ne
risultava alcuna. Il 20 giugno 1539, Carlo V, su richiesta del conte Vitaliano Visconti Sforza
Borromeo, feudatario di Gavirate, consente di: “Istituire il mercato, o fiera, in cadauno giorno di
venerdì per animali, merci e tutto ciò che essi portano, per meriti di fedeltà per le calamità degli
abitanti, che in questi tempi di guerra ebbe a soffrire per saccheggio e distruzione campi,
demolizioni di piante e altri guasti che la guerra porta seco.” Il mercato inizialmente si teneva in
via Magenta a Fignano. Poi si cominciò, verso la fine del 1800, a tenere il mercato del bestiame
nell’attuale sede di via Garibaldi, che allora era priva di abitazioni, dove poi si trasferì tutto il
mercato, con alcune bancarelle anche nella piazza del municipio.

Attualmente il mercato si svolge ancora tutti i venerdì.

                                                                                                      18
Di seguito si elencano alcuni dati statistici che rappresentano la composizione e la situazione della
popolazione residente:

                        ANDAMENTO DEMOGRAFICO
                        (periodo di riferimento 2016/2018)

         POPOLAZIONE AL 01/01/2016         N. 9.323
         POPOLAZIONE AL 31/12/2018         N. 9.327                            +0.46 %
                  Dati periodo 01/01/2018 - 31/12/2018

         NATI                                                                     49
         DECEDUTI                                                                114
         SALDO NATURALE                                                          -65

         IMMIGRATI                                                               416
         EMIGRATI                                                                358
         SALDO MIGRATORIO                                                         18
                                Dati al 31/12/2018
         COMPOSIZIONE DELLA POPOLAZIONE PER SESSO
                                                  maschi                        4.462
                                                femmine                         4.865
                                                   totale                       9.327

         COMPOSIZIONE DELLA POPOLAZIONE PER FASCE DI
         ETA’
                                                    0-14                        1.087
                                                  15-29                         1.296
                                                  30-65                         4.485
                                                Oltre 65                        2.459

         POPOLAZIONE STRANIERA
                                                                   maschi        318
                                                                 femmine         344
                                                                    totale       662

                                                                                                  19
ANALISI DEL CONTESTO INTERNO

La struttura organizzativa dell’Amministrazione Comunale è strutturata come segue:

            SEGRETARIO COMUNALE

                                                RESPONSABILE SETTORE AFFARI GENERALI

                                                   RESPONSABILE SETTORE FINANZIARIO

                                             RESPONSABILE SETTORE SERVIZI AL CITTADINO

                                                     RESPONSABILE SETTORE TECNICO

                                                 RESPONSABILE SETTORE POLIZIA LOCALE

Ad ogni Responsabile di Settore sono assegnati obiettivi, risorse umane, finanziarie e strumentali,
costituite da attrezzature, arredi, macchine, ecc., con il documento denominato Piano Economico di
Gestione (PEG).

Di seguito si riportano alcuni indicatori finanziari generali che permettono una lettura aggregata dei
dati ottenuta dal confronto di quelli desumibili dai Documenti Finanziari (Conto del Bilancio) e
Patrimoniali (Conto del Patrimonio) che descrivono lo stato della situazione finanziaria dell’Ente.

                                                                                                   20
SALUTE ECONOMICO FINANZIARIA

                                RENDICONTO      RENDICONTO      ASSESTATO        BILANCIO
                                   2016            2017            2018             2019
   TITOLO I - ENTRATE
   TRIBUTARIE (dal 2016
   Entrate correnti di natura   5.248.321,44    5.490.439,48    5.469.940,00    5.386.470,00
   tributaria, contributiva e
   perequativa)
   TITOLO II - ENTRATE
   DERIVANTI DA
   TRASFERIMENTI DA
                                 201.586,14      166.175,26      235.605,00      137.455,00
   ALTRI ENTI PUBLICI
   (dal 2016 Trasferimenti
   correnti)
   TITOLO III - ENTRATE
                                2.044.108,09    2.119.966,03    2.173.855,00    1.979.600,00
   EXTRATRIBUTARIE
   TITOLO IV - ENTRATE
   DERIVANTI DA
   ALIENAZIONI, DA
   TRASFERIMENTI DI
                                1.020.038,06    1.141.099,19    1.124.735,00     474.200,00
   CAPITALE E DA
   RISCOSSIONE DI
   CREDITI (dal 2016 Entrate
   in conto capitale)
   TITOLO V – ENTRATE
   DA RIDUZIONE DI
                                    0,00            0,00            0,00            0,00
   ATTIVITA’
   FINANZIARIE (dal 2016)
   TITOLO VI -
   ACCENSIONE DI                    0,00            0,00            0,00            0,00
   PRESTITI
   TITOLO VII –
   ANTICIPAZIONI DA
                                    0,00            0,00        3.123.000,00    2.592.195,00
   ISTITUTO
   TESORIERE/CASSIERE
   TITOLO IX ENTRATE
   PER CONTO TERZI E            1.395.954,29    1.233.528,85    1.795.000,00    1.500.000,00
   PARTITE DI GIRO
   TOTALE ENTRATE               9.911.008,02    10.151.208,81   13.922.135,00   12.069.920,00
   FONDO PLURIENNALE
   VINCOLATO SPESE               204.440,06      350.433,39      439.068,71          0
   CORRENTI
   FONDO PLURIENNALE
   VINCOLATO SPESE IN            183.073,57      179.488,82      92.938,45           0
   CONTO CAPITALE
   AVANZO DI
                                 714.315,00      53.811,00       843.420,00          0
   AMMINISTRAZIONE
   TOTALE GENERALE
                                11.012.836,65   10.734.942,02   15.297.562,16   12.069.920,00
   DELL’ENTRATA
   TITOLO I -SPESE              6.848.496,77    6.952.028,79    8.056.318,71    7.334.665,00
   CORRENTI
   TITOLO II - SPESE IN         1.361.662,37    1.316.161,89    2.180.473,45     492.830,00
   CONTO CAPITALE
   TITOLO III – SPESE PER
   INCREMENTO
                                    0,00           343,69           0,00            0,00
   ATTIVITA’
   FINANZIARIE (dal 2016)
   TITOLO IV - RIMBORSO          143.826,48      150.555,64      142.770,00      150.230,00
   DI PRESTITI

                                                                                                21
TITOLO V – CHIUSURA
     ANTICIPAZIONI
     RICEVUTE DA                     0,00               0,00          3.123.000,00     2.592.195,00
     ISTITUTO
     TESORIERE/CASSIERE
     TITOLO VII – USCITE
     PER CONTO TERZI E           1.396.954,29       1.233.528,85      1.795.000,00     1.500.000,00
     PARITE DI GIRO
     TOTALE SPESE                9.750.939,91       9.652.618,86     15.297.562,16     12.069.920,00

Entrate stanziato BILANCIO 2019

                                      Entrate Titolo I + Entrate Titolo III
Autonomia finanziaria =    ----------------------------------------------------------------------   = 98,00%
                           Totale entrate correnti (Entrate Titolo I + Titolo II + Titolo III)

           conteggio(5.386.470,00+1.979.600,00)/(5.386.470,00+137.455,00+ 1.979.600,00)

                                               Entrate Titolo I
Autonomia impositiva =     ----------------------------------------------------------------------- = 72,00%
                           Totale entrate correnti (Entrate Titolo I + Titolo II + Titolo III)

                     conteggio (5.386.470,00) /(5.386.470,00+137.455,00+ 1.979.600,00)

ENTRATE TRIBUTARIE

                                   RENDICONTO            RENDICONTO             ASSESTATO              BILANCIO
                                      2016                  2017                   2018                  2019

  TARSU/TARES/TARI                   1.087.813,70           1.173.511,63        1.192.000,00           1.191.000,00
  ICI                                    1.479,00             117.200,67          131.000,00              38.000,00
  IMU                                1.928.020,48           2.037.824,32        1.980.000,00           1.980.000,00
  ADDIZIONALE COMUNALE               1.196.603,00           1.190.000,00        1.190.000,00           1.190.000,00
  TASI                                   8.867,61               9.600,50            7.000,00               8.000,00

TRASFERIMENTI PER FINANZIAMENTO DI SPESE CORRENTI – TITOLO II

                                   RENDICONTO            RENDICONTO            ASSESTATO               BILANCIO
                                      2016                  2017                  2018                   2019
  TRASFERIMENTI STATALI                29.445,67             16.672,38            48.000,00               20.500,00
  TRASFERIMENTI REGIONALI              9.7863,31             26.680,48            64.150,00               43.250,00
  TRASFERIMENTI UE                          0,00                  0,00                 0,00                    0,00
  ALTRI TRASFERIMENTI                 161.854,20            122.822,40           123.475,00               73.705,00

TRASFERIMENTI PER FINANZIAMENTO DI SPESE IN CONTO CAPITALE – TITOLO IV

                                   RENDICONTO            RENDICONTO            ASSESTATO               BILANCIO
                                      2016                  2017                  2018                   2019
  TRASFERIMENTI STATALI                     0,00            242.835,19                 0,00               70.000,00
  TRASFERIMENTI REGIONALI             174.308,04            277.672,00            45.755,00                6.200,00
  TRASFERIMENTI UE                          0,00                  0,00                 0,00                    0,00
  ALTRI TRASFERIMENTI                  19.530,00             13.500,00            10.980,00               43.000,00

                                                                                                             22
SPESE STANZIATO BILANCIO 2019

                                                          Spese Titolo I
Incidenza spese correnti = ------------------------------------------------------------------------- = 92,00%
                               Tot. spese ordinaria amministrazione (Tit.I+Tit.II+Tit.III+IV)

                conteggio (7.334.665,00)/( 7.334.665,00+492.830,00+0,00+150.230,00)

                                       Spesa Personale
Incidenza personale       = -------------------------------------------- = 32,00%
                                         Spese Titolo I

                            Conteggio (2.360.080,00/7.334.665,00)

INDEBITAMENTO

Mutui in essere alla data di rilevazione (31/12 dell’anno 2018)                 2.655.414,10 €

Mutui accesi + relativa data estinzione (nel corso dell’anno 2018)                       0,00 €

Elenco e valore mutui per entità dell’indebitamento residuo in essere

          ENTE MUTUANTE                          N. POSIZIONE            VALORE AL 31/12/2018

CCDDPP                                    Servizio idrico integrato                 1.239.364,63
CCDDPP                                    Viabilità                                   487.675,52
CCDDPP                                    Impianti sportivi                           441.623,96
CCDDPP                                    Scuola Materna/Nido                         129.541,24
CCDDPP                                    Cimitero                                    176.654,05
CCDDPP                                    Gestione patrimonio                         180.554,70
TOTALE                                                                              2.655.414,10

Strumenti di finanza innovativa in essere: nessuno

Strumenti di finanza innovativa attivati nell’anno di riferimento dall’amministrazione in
carica: nessuno

                                ∑ debito residuo dei singoli mutui       € 2.655.414,10

Indebitamento pro capite = ---------------------------------------- = -------------------- = € 284,70
                         Popolazione                                          9327

Spesa annua (2018) per rimborso mutui = Titolo IV + Macroaggregato 107 = € 142.768,53 + €
149.625,37 = € 292.393,90

PATRIMONIO
Valore del patrimonio al 31/12/2018: il suddetto data non risulta alla data odierna attualmente
disponibile in quanto sarà definito nel rendiconto al bilancio esercizio 2018, attualmente in corso di
predisposizione ed approvazione.

                                                                                                          23
Salute organizzativa - DATI AL 31/12/2018

                                                   2018

N. dipendenti (totale comprensivo dei               60
dipendenti a tempo indeterminato, determinato
e segretario comunale)

N. dipendenti a tempo indeterminato (TI)            57

N. dipendenti a tempo determinato (TD)               2

N. dipendenti tempo pieno (TI+TD)                   54

N. dipendenti part-time (TI+TD)                      6

N. dirigenti                                         0

N. Posizioni Organizzative                           5

Età media dipendenti (TI+TD)                       50,75

Anzianità media di servizio nell’Ente (TI+TD)      18,42

N. dipendenti donne (TI+TD)                         44

N. dipendenti uomini (TI+TD)                        16

N. dipendenti laureati (TI+TD)                      14

                           n. nuovi assunti                        3
Turn over in entrata = ----------------------------------- *100 = --- = 5,00 %
                                n. dipendenti                     60
Per n. nuovi assunti (numeratore), si intende il numero di nuovi assunti nel corso dell’anno solare di
riferimento (non sono considerate le mobilità in entrata). Per n. dipendenti (denominatore) si
intende il numero totale di dipendenti (TI + TD) al 31/12 dell’anno preso in considerazione.

                         n. dipendenti usciti                     3
Turn over in uscita = -----------------------------------*100 = ----- = 5,00 %
                              n. dipendenti                      60

                                                                                                   24
Per n. dipendenti usciti (numeratore), si intende il numero di dipendenti per i quali è cessato il
rapporto di lavoro (sia a TD che TI) nel corso dell’anno solare di riferimento (non sono considerate
le mobilità in uscita). Per n. dipendenti (denominatore) si intende il numero totale di dipendenti (TI
+ TD) al 31/12 dell’anno preso in considerazione.

                               n. posiz. org.                 5
Ampiezza del controllo = ------------------------ = *100 = ------- = 8,33 %
                               n. dipendenti                 60

Per n. posizioni organizzative (in caso di enti privi di dirigenti) (numeratore), si intende il numero di
titolari di posizioni organizzative presenti al 31/12 del medesimo anno. Per n. dipendenti
(denominatore) si intende il numero totale di dipendenti (TI + TD) al 31/12 dell’anno solare di
riferimento.

                         n. dipendenti formati                16
Dipendenti formati = ------------------------------- *100 = ------- = 26,67 %
                              n. dipendenti                    60

Per n. dipendenti formati (numeratore) si intende il numero di dipendenti che hanno partecipato ad
attività formative, svolte all’esterno, nel corso dell’anno solare di riferimento. Per n. dipendenti
(numeratore) si intende il numero totale di dipendenti (TI + TD) al 31/12 dell’anno solare di
riferimento.

                         n. postazioni informatiche                      60
Dotazione informatica = --------------------------------------- *100 = ------ = 100,00%
                                  n. dipendenti                          60

Per n. postazioni informatiche (numeratore) si intende il numero di postazioni informatiche relative
ad un determinato anno solare. Per n. dipendenti (numeratore) si intende il numero totale di
dipendenti (TI + TD) al 31/12 dell’anno solare di riferimento.

Tasso assenteismo (TASSI 2018 solo dipendenti)

Per tasso di assenteismo si intende il valor medio dell’anno solare, calcolato come segue:
Numero giornate lavorative effettive (calcolate considerando 26 gg. mensili per il numero
complessivo dei dipendenti in servizio): n. 18.720
Numero giorni di assenza (sono compresi i giorni di malattia, astensione obbligatoria e facoltativa
per maternità, permessi per Legge 104/92, sono esclusi i giorni di ferie): n. 960
Percentuale di assenza annua: 5,13 %

                                                                                                      25
Salute stakeholders

Una importante attività per capire gli utenti e per migliorare la qualità di un servizio, adeguandolo
all’utenza, è quella della rilevazione della soddisfazione degli utenti stessi. Uno degli strumenti più
utilizzati per la misurazione del grado di qualità percepita da parte dei destinatari di un servizio,
viene comunemente denominata “indagine di customer satisfaction”.

In particolare, le indagini sul grado di soddisfazione degli utenti dei servizi pubblici servono ad
ascoltare e comprendere a fondo i bisogni che il cittadino esprime, porre attenzione costante al suo
giudizio, sviluppare e migliorare la capacità di dialogo e di relazione tra chi eroga il servizio e chi lo
riceve. Nel corso del triennio questa Amministrazione intende pertanto rilevare la customer
satisfaction, al fine di relazionarsi con i propri utenti, di conoscere e comprendere sempre meglio i
bisogni dei destinatari ultimi delle proprie attività e di riprogettare, di conseguenza, sia le politiche
pubbliche che il sistema di erogazione dei servizi.

                                                                                                       26
OBIETTIVI STRATEGICI

Il 28 gennaio 2019 la Giunta Comunale con deliberazione n. 3 ha approvato il piano triennale di
prevenzione della corruzione e trasparenza. I responsabili di Servizio sotto la direzione del
Segretario Comunale hanno concorso attivamente alla mappatura dei rischi ed alle proposte dei
relativi output.

Sulla base delle indicazioni fornite dall’Autorità Nazionale Anticorruzione ANAC, il piano deve
avere necessariamente un collegamento con la performance; pertanto i suddetti output andranno a
costituire in parte o interamente la performance individuale per l’anno 2019.

Con la Giunta Comunale sono stati identificati, sulla base delle priorità esplicitate nella
pianificazione strategica, gli obiettivi strategici e la relativa articolazione in progetti e azioni.

OBIETTIVO STRATEGICO

Adeguamento e rinnovamento della Pubblica Amministrazione

PROGETTI:
1) Attuazione degli output previsti nel Piano triennale di prevenzione della corruzione e trasparenza
2019/2021 nelle schede dei processi “Settori comuni”, da scheda n. 32 a scheda n. 41.
2) Implementazione servizi on-line attraverso il sito internet istituzionale
3) Attivazione “Servizio FAQ” sul sito internet istituzionale

Di seguito si elencano, in sintesi, le azioni previste per ciascuna annualità.

ANNO 2019 ATTUAZIONE DEGLI OUTPUT PREVISTI NEL PIANO TRIENNALE DI
PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E TRASPARENZA 2019/2021 NELLE SCHEDE
DEI PROCESSI “SETTORI COMUNI da scheda n. 32 a scheda n. 41.

Nel Piano triennale di prevenzione della corruzione e trasparenza 2019/2021 sono previste alcune
schede contenenti le azioni da attuarsi da parte di tutti i responsabili titolari di posizione
organizzativa, che prevedono l’attuazione di output.
Nelle schede di cui sopra sono indicate le azioni da svolgere per il conseguimento degli obiettivi da
raggiungere (complessivamente sono n. 10)

INDICATORI PERFORMANCE DI ENTE

Sono stati individuati n. 10 output correlati ad altrettante azioni, come da tabella di cui sopra.

Percentuali attese di raggiungimento indicatori:

N. 10                  100%

N. 8                   80%

N. 4                   60%

N. 2                   20%

MENO di N. 2           0%

I Responsabili di Servizio provvederanno ad attivare quanto sopra.
                                                                                                     27
ANNO 2020 IMPLEMENTAZIONE                     SERVIZI ON-LINE ATTRAVERSO IL SITO
ISTITUZIONALE
Creazione e sviluppo di nuove applicazioni di accesso miranti a favorire l’erogazione di servizi in
modalità telematica senza bisogno, per i cittadini, di presentarsi fisicamente allo sportello.
I Responsabili di Servizio provvederanno ad attivare quanto sopra.
Il presente Piano potrà essere adeguato al fine di renderlo più rispondente alle finalità da
perseguire.

ANNO 2021 ATTIVAZIONE SERVIZIO “FAQ” SUL SITO ISTITUZIONALE
Le “Frequently asked questions”, meglio conosciute con la sigla FAQ, sono “le domande poste
frequentemente”; più precisamente sono una serie di risposte stilate direttamente dall’autore, in
risposta alle domande che gli vengono poste, o che ritiene gli verrebbero poste più frequentemente
dagli utilizzatori di un servizio.

Per l’anno 2019, il raggiungimento degli obiettivi previsti nel presente documento costituirà oggetto
di valutazione della Performance di ente.

Il presente Piano potrà essere adeguato al fine di renderlo più rispondente alle finalità da
perseguire.

                                                                                                  28
COMUNE DI GAVIRATE
                                                                   Scheda n. 32
                                                              SETTORI COMUNI

                    (Instaurare e gestire rapporti di lavoro dipendente) - RECLUTAMENTO E GESTIONE DEL PERSONALE
PROCESSO 37
                    DIPENDENTE

                                                                          Probabilità          Significatività
Indice di rischio               2
                                                                       dell'accadimento         dell'impatto
                                                                               1                     2

                                                Responsabile
                       Azioni / Misure
    Rischio                                     dell'attuazione     Tempistica di attuazione       Output        Note
                          possibili
                                                  dell'azione
      Scarsa
                       Predisposizione e
trasparenza/Poca                                Responsabile del
                     pubblicazione di bandi                                Già in atto          Monitoraggio
    pubblicità                                      Settore
                           dettagliati
 dell'opportunità

                    Predeterminazione dei
                                                Responsabile del
                     criteri di valutazione                                Già in atto          Monitoraggio
                                                    Settore
                    delle prove concorsuali
 Disomogeneità
delle valutazioni    Creazione di griglie di    Responsabile del
   durante la                                                              Già in atto          Monitoraggio
                          valutazione               Settore
    selezione
                      Definizione di criteri
                                                Responsabile del
                     nella scelta delle prove                              Già in atto          Monitoraggio
                                                    Settore
                          scritte ed orali

                                                                                                                        29
COMUNE DI GAVIRATE
                                                              Scheda n. 33
                                                           SETTORI COMUNI

  PROCESSO 37            (Instaurare e gestire rapporti di lavoro dipendente) - MOBILITA' TRA ENTI

                                                                        Probabilità          Significatività
Indice di rischio                 2
                                                                     dell'accadimento         dell'impatto
                                                                             1                     2

                                               Responsabile
                          Azioni / Misure
      Rischio                                  dell'attuazione    Tempistica di attuazione       Output        Note
                             possibili
                                                 dell'azione

        Scarsa
                          Predisposizione e
  trasparenza/Poca                             Responsabile del
                          pubblicazione di                               Già in atto          Monitoraggio
      pubblicità                                   Settore
                           bandi dettagliati
   dell'opportunità

Disomogeneità delle       Predeterminazione
                                               Responsabile del
valutazioni durante la       dei criteri di                              Già in atto          Monitoraggio
                                                   Settore
      selezione              valutazione

                                                                                                                      30
COIMUNE DI GAVIRATE
                                                              Scheda n. 34
                                                           SETTORI COMUNI

 PROCESSO 38             (Gestione affidamenti degli incarichi di lavoro autonomo) - SCELTA PROFESSIONISTA

                                                                            Probabilità     Significatività
Indice di rischio                    4
                                                                         dell'accadimento    dell'impatto
                                                                                2                 2

                                                      Responsabile
                             Azioni / Misure                              Tempistica di
      Rischio                                         dell'attuazione                           Output        Note
                                possibili                                  attuazione
                                                        dell'azione

 Scarsa trasparenza
                                                      Responsabile del
  dell'affidamento                                                          Già in atto      Monitoraggio
                                                          Settore
    dell'incarico
                            Rispetto dei criteri
  Disomogeneità di       generali e dei regolamenti
     valutazione                 in materia
                                                      Responsabile del
 nell'individuazione                                                        Già in atto      Monitoraggio
                                                          Settore
     del soggetto
     destinatario
 Scarso controllo del
                           Verifiche a campione       Responsabile del
possesso dei requisiti                                                      Già in atto      Monitoraggio
                          delle autodichiarazioni         Settore
      dichiarati

                                                                                                                     31
COMUNE DI GAVIRATE
                                                                     Scheda n. 35
                                                                SETTORI COMUNI

PROCESSO 39 GESTIONE AFFIDAMENTI DI FORNITURE E SERVIZI

Indice di                                                                   Probabilità          Significatività
                                 4
rischio                                                                  dell'accadimento         dell'impatto
                                                                                 2                     2

                                                  Responsabile
                         Azioni / Misure
    Rischio                                       dell'attuazione     Tempistica di attuazione       Output        Note
                            possibili
                                                    dell'azione

                     Rispetto delle linee guida
Scarsa trasparenza          dell'ANAC
   dell'operato/      Pubblicazione dati ed       Responsabile del
                                                                             Già in atto          Monitoraggio
Alterazione della          informazioni               Settore
   concorrenza       Puntuale controllo delle
                             forniture

                                                                                                                          32
COMUNE DI GAVIRATE
                                                                 Scheda n. 36
                                                              SETTORI COMUNI

PROCESSO 40 (Gestione del Bilancio) - PAGAMENTO CREDITORI

Indice di                                                                Probabilità          Significatività
                               4
rischio                                                               dell'accadimento         dell'impatto
                                                                              2                     2

                                                Responsabile
                       Azioni / Misure
    Rischio                                     dell'attuazione    Tempistica di attuazione       Output        Note
                          possibili
                                                  dell'azione
                          Acquisizione
                         documentazione         Responsabile del
                                                                         Già in essere         Monitoraggio
 Disomogeneità      necessaria per effettuare       Settore
delle valutaizoni    il pagamento (DURC)
                                                Responsabile del
                      Atto di liquidazione                               Già in essere         Monitoraggio
                                                    Settore

                   Procedura informatizzata
                                                Responsabile del
                    di protocollazione delle                             Già in essere         Monitoraggio
Non rispetto delle                                  Settore
                             fatture
   scadenze
   temporali
                      Periodico report dei      Responsabile del
                                                                          Semestrale              Report
                     tempi di liquidazione          Settore

                                                                                                                       33
Periodico report dei          Responsabile del
                                                                               Semestrale              Report
                       tempi di pagamento                Settore

COMUNE DI GAVIRATE
                                                                      Scheda n. 37
                                                                   SETTORI COMUNI

  PROCESSI
                      GESTIONE AUTORIZZAZIONI E CONCESSIONI
    41/42

                                                                               Probabilità          Significatività
Indice di rischio                  2
                                                                            dell'accadimento         dell'impatto
                                                                                    1                     2

                                                      Responsabile
                          Azioni / Misure
     Rischio                                          dell'attuazione    Tempistica di attuazione       Output        Note
                             possibili
                                                        dell'azione

                          Documentazione
                                                      Responsabile del
                      necessaria per l'istruttoria                             Già in essere         Monitoraggio
                                                          Settore
                            delle pratiche
  Disomogeneità
 delle valutazioni
                       Criteri di assegnazione
                                                      Responsabile del
                        delle pratiche e delle                                 Già in essere         Monitoraggio
                                                          Settore
                             concessioni

                      Procedura che garantisca
 Non rispetto delle                                   Responsabile del
                        la tracciabilità delle                                 Già in essere         Monitoraggio
scadenze temporali                                        Settore
                               istanze

                                                                                                                             34
Reporting dei tempi di
                     evasione delle istanze -     Responsabile del
                                                                            Già in essere        Monitoraggio
                      Utilizzo del metodo             Settore
                          cronologico

COMUNE DI GAVIRATE
                                                                     Scheda n. 38
                                                               SETTORI COMUNI

PROCESSO 43 (Gestione accesso agli atti e accesso civico) - EVASIONE RICHIESTE

                                                                            Probabilità          Significatività
Indice di rischio                2
                                                                         dell'accadimento         dell'impatto
                                                                                    1                  2

                                                   Responsabile
                         Azioni / Misure
     Rischio                                       dell'attuazione    Tempistica di attuazione       Output        Note
                            possibili
                                                     dell'azione

  Disomogeneità
                     Trattazione delle pratiche   Responsabile del
 nella valutazione                                                          Già in essere         Monitoraggio
                       in ordine cronologico          Settore
  delle richieste

                          Attenersi alla
                        regolamentazione
 Violazione della        dell'Ente ed alle        Responsabile del
                                                                            Già in essere         Monitoraggio
     privacy         disposizioni emanate in          Settore
                     materia dal Garante della
                              privacy

                                                                                                                          35
COMUNE DI GAVIRATE
                                                                  Scheda n. 39
                                                               SETTORI COMUNI

PROCESSO 45 GARE DI VENDITA DI BENI

                                                                           Probabilità          Significatività
Indice di rischio                2
                                                                        dell'accadimento         dell'impatto
                                                                                1                     2

                                                  Responsabile
                         Azioni / Misure
     Rischio                                      dell'attuazione    Tempistica di attuazione       Output        Note
                            possibili
                                                    dell'azione

                        Predisposizione e         Responsabile del
                                                                            Già in atto          Monitoraggio
       Scarsa         pubblicazione di bandi          Settore
 trasparenza/Poca
     pubblicità
  dell'opportunità
                     Periodoco reporting delle
                                                  Responsabile del
                     procedure esperite e delle                             Già in atto          Monitoraggio
                                                      Settore
                         offerte presentate

                                                                                                                         36
COMUNE DI GAVIRATE
                                                             Scheda n. 40
                                                          SETTORI COMUNI

PROCESSO 48 (Gestione entrate) - RATEIZZAZIONE DEI PAGAMENTI

Indice di                                                            Probabilità          Significatività
                             2
rischio                                                           dell'accadimento         dell'impatto
                                                                          1                     2

                                            Responsabile
                      Azioni / Misure
    Rischio                                 dell'attuazione    Tempistica di attuazione       Output        Note
                         possibili
                                              dell'azione

 Disomogeneità        Regolamento per       Responsabile del
                                                                      Già in atto          Monitoraggio
delle valutazioni   proceddura di accesso       Settore

                                                                                                                   37
Non rispetto delle
                     Monitoraggio dei tempi     Responsabile del
   scadenze                                                               Già in atto          Monitoraggio
                          di evasione               Settore
   temporali

COMUNE DI GAVIRATE
                                                                 Scheda n. 41
                                                              SETTORI COMUNI

PROCESSO 50 (Gestione riscossione) - RISCOSSIONE COATTIVA DELLE ENTRATE

Indice di                                                                Probabilità          Significatività
                                4
rischio                                                               dell'accadimento         dell'impatto
                                                                              2                     2

                                                Responsabile
                        Azioni / Misure
    Rischio                                     dell'attuazione    Tempistica di attuazione       Output        Note
                           possibili
                                                  dell'azione

Non attivazione       Coinvolgimento di più     Responsabile del
                                                                          Già in atto          Monitoraggio
della riscossione    soggetti nelle procedure       Settore

                                                                                                                       38
Monitoraggio dei rapporti
                            Responsabile del
  tra accertamenti ed                          Annuale   Monitoraggio
                                Settore
         incassi

                                                                        39
Puoi anche leggere
DIAPOSITIVE SUCCESSIVE ... Annulla