PAGAMENTI TELEMATICI DELLA GIUSTIZIA

 
PAGAMENTI TELEMATICI DELLA GIUSTIZIA
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A.
   SISTEMI INFORMATIVI AUTOMATIZZATI PER LA GIUSTIZIA CIVILE E PROCESSO TELEMATICO

PAGAMENTI TELEMATICI DELLA GIUSTIZIA
                                        SPECIFICHE – VERSIONE 5.0

                                              STATO:VERIFICATO
PAGAMENTI TELEMATICI DELLA GIUSTIZIA
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A.
            SISTEMI INFORMATIVI AUTOMATIZZATI PER IL PROCESSO TELEMATICO

                                                        [Pagina Vuota]

PAGAMENTI TELEMATICI DELLA GIUSTIZIA–SPECIFICHE– VERSIONE: 5.0 –STATO:VERIFICATO   PAGINA 2 DI 40
PAGAMENTI TELEMATICI DELLA GIUSTIZIA
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A.
                SISTEMI INFORMATIVI AUTOMATIZZATI PER IL PROCESSO TELEMATICO

                                                                           SOMMARIO
PREMESSA ......................................................................................................................................................................7
IL PAGAMENTO TELEMATICO DELLE SPESE DI GIUSTIZIA.........................................................................7
ARCHITETTURA LOGICO FUNZIONALE DEL PAGAMENTO DELLE SPESE DI GIUSTIZIA ...................9
IL PROCESSO DI PAGAMENTO DELLE SPESE DI GIUSTIZIA .......................................................................11
    REQUISITI PRINCIPALI DEL PROCESSO DI PAGAMENTO ..................................................................................................11
      Sicurezza.................................................................................................................................................................12
      Autenticazione tra i soggetti ...................................................................................................................................12
      Profilazione Automatica .........................................................................................................................................12
      Scelta della modalità di pagamento........................................................................................................................13
      Certezza del pagamento..........................................................................................................................................13
      Univocità del pagamento ........................................................................................................................................13
      Rimborso del pagamento ........................................................................................................................................13
      Uniformità ..............................................................................................................................................................13
    REGOLE DI COLLOQUIO PER IL PROCESSO DI PAGAMENTO ............................................................................................14
      Oggetti scambiati....................................................................................................................................................14
      Repository Ricevute Telematiche (RRT) .................................................................................................................15
      Identificativo univoco di erogazione del servizio (CRS).........................................................................................15
      Processo di interazione nel Pagamento Telematico ...............................................................................................16
ALLEGATO “A” – FLUSSI PROCEDURALI DEL PCT INTEGRATI CON IL PROCESSO DI
PAGAMENTO ...............................................................................................................................................................20
    RILASCIO DI COPIE SEMPLICI O AUTENTICHE ................................................................................................................20
    ISCRIZIONE A RUOLO ....................................................................................................................................................21
ALLEGATO “B” – FLUSSI PROCEDURALI NELLA GESTIONE NON INTEGRATA DEI PAGAMENTI
TELEMATICI................................................................................................................................................................23
    RILASCIO DI COPIE SEMPLICI O AUTENTICHE ................................................................................................................23
    ISCRIZIONE A RUOLO ....................................................................................................................................................24
ALLEGATO “C” - PROTOCOLLO SULLE REGOLE TECNICHE E LO STANDARD PER L’EMISSIONE
DEI DOCUMENTI INFORMATICI ...........................................................................................................................26
    PREMESSA ....................................................................................................................................................................26
    FORMATO DEI MESSAGGI ..............................................................................................................................................26
    SOGGETTI .....................................................................................................................................................................26
    ELENCO DEI DATI .........................................................................................................................................................27
      Richiesta di Pagamento Telematico (RPT) ............................................................................................................27
      Ricevuta Telematica (RT).......................................................................................................................................29
    FORMATO DEI MESSAGGI ..............................................................................................................................................31
      Richiesta Pagamento Telematico (RPT) ................................................................................................................31
      Ricevuta Telematica (RT).......................................................................................................................................35
ALLEGATO “D” - STRUTTURA DELL’ELEMENTO “IDENTIFICATIVO UNIVOCO VERSAMENTO” .....38
    CONTESTO GENERALE ..................................................................................................................................................38
    LO STANDARD ISO 11649:2009 ...................................................................................................................................38
    CALCOLO DEI CHECK DIGITS DEL CREDITOR REFERENCE .............................................................................................39
    ALGORITMO DI CALCOLO ISO/IEC 7064 .....................................................................................................................39
    COMPOSIZIONE DEL CRS NEI PAGAMENTI DELLA GIUSTIZIA ........................................................................................40
    CALCOLO DEI CHECK DIGITS DEL CRS NEI PAGAMENTI DELLA GIUSTIZIA ....................................................................40

PAGAMENTI TELEMATICI DELLA GIUSTIZIA–SPECIFICHE– VERSIONE: 5.0 –STATO:VERIFICATO                                                                                PAGINA 3 DI 40
PAGAMENTI TELEMATICI DELLA GIUSTIZIA
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A.
            SISTEMI INFORMATIVI AUTOMATIZZATI PER IL PROCESSO TELEMATICO

MODIFICHE APPORTATE
dalla versione 2.3
modificato il requisito             Univocità del pagamento
modificato il paragrafo             Oggetti scambiati
inserito il paragrafo               Emissione e Gestione dell’identificativo univoco di erogazione del
                                    servizio
modificato il paragrafo             Rilascio di copie semplici
modificato il paragrafo             Iscrizione a ruolo
modifica ad                         Allegato B

dalla versione 3.0
modifica denominazione              Quietanza Telematica ridenominata in Ricevuta Telematica
modificato il requisito             Certezza del pagamento
inserito il requisito               Rimborso del pagamento
inserito il paragrafo               Identificativo univoco di erogazione del servizio
modificato il paragrafo             Processo di interazione con il Front-End SP nell’ambito del PCT
modificato il paragrafo             Rilascio di copie semplici
modificato il paragrafo             Iscrizione a ruolo
modifica ad                         Allegato B:
                                        • Inserito paragrafo Soggetti
                                        • Modificato paragrafo Elenco dei dati (RPT e RT)
                                        • Modificato paragrafo Allegato tecnico sul formato dei messaggi
                                            (RPT e RT)

dalla versione 3.1
eliminato                           Refusi vari e Nota (3) di pagina 11, Nota (6) di pagina 13
modificato il paragrafo             Regole di colloquio per il processo di pagamento
                                    Inserita precisazione su PdA/Portale
modificato il paragrafo             Emissione e gestione dell’Identificativo univoco di erogazione del
                                    servizio
                                    Nota (1) e Nota (2) di pagina 9 riportate direttamente nel testo
modificato il paragrafo             Flussi Procedurali del PCT integrati con il processo di pagamento
                                    Nota (4) di pagina 11 e Nota (7) di pagina 13 unificate e riportate
                                    direttamente nel testo
modificato il paragrafo             Iscrizione a ruolo
                                    Nota (5) di pagina 13 riportata direttamente nel testo
modifica ad                         Allegato B:
                                        • Modificato paragrafo Elenco dei dati (RPT e RT) con
                                            inserimento del numero civico su tutti gli indirizzi
                                        • Modificato paragrafo Allegato tecnico sul formato dei messaggi
                                            (RPT e RT) con:
                                                 correzione refusi,
                                                 inserimento civicoXxxxx su tutti gli indirizzi,
                                                 inserimento precisazioni.

PAGAMENTI TELEMATICI DELLA GIUSTIZIA–SPECIFICHE– VERSIONE: 5.0 –STATO:VERIFICATO                PAGINA 4 DI 40
PAGAMENTI TELEMATICI DELLA GIUSTIZIA
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A.
            SISTEMI INFORMATIVI AUTOMATIZZATI PER IL PROCESSO TELEMATICO

dalla versione 3.2
modificato il paragrafo             Sicurezza
                                    Inserita precisazione su interconnessione tra rete pubblica e rete
                                    interbancaria.
modificato il paragrafo             Oggetti Scambiati
modificato il paragrafo             Emissione e gestione dell’Identificativo univoco di erogazione del
                                    servizio
modificato il paragrafo             Rilascio Copie Semplici
modificato il paragrafo             Iscrizione a Ruolo
eliminato                           Allegato A
modificato                          Allegato B diventa allegato A
modificato                          ex Allegato B:
                                    Inserita la possibilità di effettuare, a fronte di un unico Identificativo
                                    Univoco di Versamento, il pagamento di fino a 5 importi diversi, anche
                                    su conti di tesoreria diversi:
                                        • Modificato paragrafo Elenco dei dati (RPT e RT) con i nuovi
                                            dati
                                        • Modificato paragrafo Allegato tecnico sul formato dei messaggi
                                            (RPT e RT) con:
                                                 correzione refusi,
                                                 inserimento dei nuovi dati
                                                 modifica ad obbligatorietà di alcune informazioni.

dalla versione 4.0
eliminato il paragrafo              Scenario
inserito il paragrafo               Premessa
inserito il capitolo                Il pagamento delle spese di Giustizia
                                    Alla luce delle nuove impostazioni riportate nel paragrafo si traccia il
                                    rinnovato schema del processo
modificato il capitolo              Architettura logico funzionale del sistema (precisazioni) e rinominato
                                    in Architettura logico funzionale pagamento delle spese di Giustizia
eliminato il paragrafo              Integrazione
                                    Il requisito è stato posizionato nell’allegato A in quanto peculiare del
                                    procedimento amministrativo in ambito PCT
modificato il paragrafo             Sicurezza (precisazioni)
modificato il paragrafo             Autenticazione tra i soggetti (precisazioni)
modificato il paragrafo             Profilazione automatica (precisazioni)
modificato il paragrafo             Univocità del pagamento (precisazioni)
modificato il paragrafo             Oggetti scambiati (precisazioni)
inserito il paragrafo               Firma digitale degli oggetti scambiati (a precisazione)
inserito il paragrafo               Versamenti multipli (a precisazione)
inserito il paragrafo               Repository Ricevute Telematiche ( RRT)
modificato il paragrafo             Identificativo univoco di erogazione del servizio (CRS)
eliminato il paragrafo              Emissione e gestione dell’Identificativo univoco di erogazione del
                                    servizio

PAGAMENTI TELEMATICI DELLA GIUSTIZIA–SPECIFICHE– VERSIONE: 5.0 –STATO:VERIFICATO                   PAGINA 5 DI 40
PAGAMENTI TELEMATICI DELLA GIUSTIZIA
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A.
            SISTEMI INFORMATIVI AUTOMATIZZATI PER IL PROCESSO TELEMATICO

inserito il paragrafo               Emissione del CRS
                                    sostituisce con precisazioni parte dell’eliminato paragrafo “Emissione
                                    e gestione dell’Identificativo univoco di erogazione del servizio”
inserito il paragrafo               Controllo e annullamento del CRS
                                    sostituisce con precisazioni parte dell’eliminato paragrafo “Emissione
                                    e gestione dell’Identificativo univoco di erogazione del servizio”
eliminato il paragrafo              Processo di interazione con il Front-End SP nell’ambito del PCT
inserito il paragrafo               Processo di interazione nel Pagamento Telematico
                                    rivisitazione dell’intero processo alla luce della nuova impostazione e
                                    dell’introduzione del sottosistema Repository Ricevute Telematiche
                                    (RRT)
inserito il paragrafo               Il middleware FESP (a precisazione)
eliminato il capitolo               Flussi procedurali del PCT integrati con il processo di pagamento
                                    diventa “Allegato A” con modifiche
modificato allegato                 Allegato “A” diventa Allegato “C”
                                        • elemento identificativoUnivocoVersamento modificato nella
                                            specifica del “contenuto”;
                                        • elemento causaleVersamento modificato nella specifica del
                                            “contenuto”;
                                        • elemento datiSpecificiRiscossione diventa obbligatorio, inseriti
                                            valori da utilizzare;
                                        • eliminazione refusi;
                                        • allineamento con element name della XSD.
inserito allegato                   Allegato “A” – Flussi procedurali del PCT integrati con il processo di
                                    pagamento
                                    rivisitazione dei flussi di erogazione dei servizi alla luce della nuova
                                    impostazione e dell’introduzione del sottosistema Repository Ricevute
                                    Telematiche ( RRT)
inserito allegato                   Allegato “B” – Pagamenti telematici non integrati
                                    descrizione dei flussi di erogazione dei servizi alla luce della nuova
                                    impostazione e dell’introduzione del sottosistema Repository Ricevute
                                    Telematiche ( RRT)
inserito allegato                   Allegato “D” - Struttura dell’elemento “Identificativo Univoco
                                    Versamento”

PAGAMENTI TELEMATICI DELLA GIUSTIZIA–SPECIFICHE– VERSIONE: 5.0 –STATO:VERIFICATO                 PAGINA 6 DI 40
PAGAMENTI TELEMATICI DELLA GIUSTIZIA
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A.
            SISTEMI INFORMATIVI AUTOMATIZZATI PER IL PROCESSO TELEMATICO

PREMESSA
Nell’ambito della collaborazione tra il Ministero della giustizia ed il CNIPA (ora DigitPA), nella
primavera del 2009 è stato avviato un tavolo di lavoro congiunto con la Direzione Generale Sistemi
Informativi Automatizzati al fine di definire una procedura che consenta ai privati di effettuare, in
maniera telematica, i pagamenti relativi alle spese di giustizia relative al Processo Civile
Telematico utilizzando gli strumenti messi a disposizione dalla normativa vigente, in particolare
con riferimento al decreto MEF 9 ottobre 2006, n° 293 “Regolamento recante norme per
l'introduzione di nuove modalità di versamento presso le tesorerie statali”.
Tale collaborazione ha prodotto, attraverso un percorso di approfondimento e affinamento, un
documento di specifiche che ha consentito l’avvio della sperimentazione dei pagamenti telematici
in ambito PCT presso alcuni tribunali ‘pilota’ già a partire da maggio 2010 (versione 4.0 del
presente documento).
La pubblicazione del Decreto Legge 29 dicembre 2009, n. 193 - convertito con la legge 22 febbraio
2010, n. 24 – che con il comma 9 dell’articolo 4 ha innovato le modalità per il pagamento di tutte
spese di giustizia1 e la ridefinizione dell’art.5 operata nel nuovo CAD, pubblicato sulla G.U. del
30/12/2010, che traccia le linee guida del processo di pagamento, confermano la fondatezza delle
attività di sperimentazione avviate.
Dette normative definiscono le modalità per il pagamento telematico astraendolo dal contesto
specifico, pertanto le redazioni del presente documento di specifiche, a iniziare dalla versione 5.0,
tratteranno il pagamento di tutte le spese di giustizia in termini generalizzati, per poi riferirsi a
specifici ambiti di applicazione.

IL PAGAMENTO TELEMATICO DELLE SPESE DI GIUSTIZIA
L’obiettivo del presente documento è quello di individuare i flussi e le modalità operative utilizzate
dal Ministero della Giustizia al fine di garantire l’erogazione del servizio a fronte di un pagamento
eseguito per via telematica, indipendentemente dal livello e dal tipo di informatizzazione
dell’ufficio erogante. A tale scopo saranno pertanto presi in considerazione sia uffici che operano
in maniera “tradizionale”, che strutture presso cui sono già attivi flussi telematici di scambio dati
(Processo Telematico).
Il pagamento, il cui schema generale di flusso è descritto in Figura 1, avviene in modalità
telematica attraverso il Punto di Accesso o il Portale dei Servizi Telematici del Ministero, come
meglio descritto nei successivi capitoli.
Nel passo 1 “autenticazione e accesso al servizio” il Portale del Ministero ovvero il Punto di
Accesso autentica in maniera “forte” il soggetto pagatore, tipicamente un avvocato. Una volta

1
 “Per consentire il pagamento, da parte dei privati, con sistemi telematici di pagamento ovvero con carte di debito, di
credito o prepagate o con altri mezzi di pagamento con moneta elettronica disponibili nei circuiti bancario e postale,
del contributo unificato, del diritto di copia, del diritto di certificato, delle spettanze degli ufficiali giudiziari relative
ad attività di notificazione ed esecuzione, delle somme per il recupero del patrocinio a spese dello Stato, delle spese
processuali, delle spese di mantenimento, delle pene pecuniarie, delle sanzioni amministrative pecuniarie e delle
sanzioni pecuniarie il Ministero della giustizia si avvale, ((senza nuovi o maggiori oneri)) a carico del bilancio dello
Stato, di intermediari abilitati che, ricevuto il versamento delle somme, ne effettuano il riversamento alla Tesoreria
dello Stato, registrando in apposito sistema informatico a disposizione dell'amministrazione i pagamenti eseguiti e la
relativa causale, la corrispondenza di ciascun pagamento, i capitoli e gli articoli d'entrata. (…omissis …)”
PAGAMENTI TELEMATICI DELLA GIUSTIZIA–SPECIFICHE– VERSIONE: 5.0 –STATO:VERIFICATO                                PAGINA 7 DI 40
PAGAMENTI TELEMATICI DELLA GIUSTIZIA
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A.
            SISTEMI INFORMATIVI AUTOMATIZZATI PER IL PROCESSO TELEMATICO

verificata l’identità dell’utente il Portale del Ministero/Punto di accesso permette al soggetto
pagatore di inserire i dati per effettuare la richiesta di pagamento.
Nel passo 2 “rilascio codice univoco” il Portale del Ministero ovvero il Punto di Accesso, una volta
ottenute dal soggetto pagatore le informazioni inerenti il pagamento, richiede in via automatica la
generazione di un codice univoco al Ministero della Giustizia (Servizi Telematici), codice che,
sempre in via automatica, viene inserito nella richiesta di pagamento che sarà inviata ai fornitori di
servizi di pagamento.
Nel passo 3 “esecuzione del pagamento”, la richiesta di pagamento viene trasmessa sempre in via
automatica dal Portale del Ministero/Punto di accesso al fornitore di servizi di pagamento che
provvede ad eseguire la disposizione attraverso, al momento, i seguenti strumenti di pagamento:
    a.   bonifico bancario a favore della tesoreria competente (cfr. citato DM 9/10/2006, n° 296);
    b.   conto corrente postale dedicato intestato alla tesoreria dello Stato.
Il fornitore di servizi di pagamento, eseguita l’operazione, provvede a restituire al Portale del
Ministero ovvero al Punto di Accesso la ricevuta del versamento delle somme richieste.
Nel passo 4 “Registrazione ricevute”, una volta ottenuta la Ricevuta relativa al pagamento
richiesto, contenente anche il codice univoco generato in precedenza, il Portale del Ministero
ovvero il Punto di Accesso provvede, in via automatica, a registrare la ricevuta, che attesta
l’univocità del pagamento, su di un apposito archivio gestito dal Ministero della Giustizia (Servizi
Telematici).
Nel passo 5 “Invio ricevute” il Portale del Ministero ovvero il Punto di accesso provvede a
restituire al soggetto pagatore la ricevuta che attesta l’avvenuto pagamento. La ricevuta restituita
automaticamente è un documento informatico (in forma di file xml) contenente tutte le
informazioni inerenti il pagamento.

                           Figura 1 - Schema generale del pagamento delle spese di giustizia
Nel successivo passo 6 “Richiesta servizio e comunicazione pagamento” il soggetto pagatore, al
fine di ottenere il servizio richiesto per il quale ha già eseguito il pagamento (cfr. passi da 1 a 5),
comunica l’avvenuto pagamento al competente ufficio erogatore.

PAGAMENTI TELEMATICI DELLA GIUSTIZIA–SPECIFICHE– VERSIONE: 5.0 –STATO:VERIFICATO               PAGINA 8 DI 40
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A.
            SISTEMI INFORMATIVI AUTOMATIZZATI PER IL PROCESSO TELEMATICO

Nel passo 7 “verifica pagamento e annullamento ricevuta”, l’ufficio erogatore procede alla verifica
del pagamento (attraverso l’accesso all’archivio delle Ricevute) ed all’annullamento della ricevuta
(per evitarne il riutilizzo).
Nel passo 8 “erogazione del servizio” l’ufficio competente procede all’erogazione del servizio.
Dal punto di vista funzionale, il processo può essere suddiviso logicamente in due fasi:
    • la prima fase (passi da 1 a 5) riguarda più specificatamente il processo di pagamento e verrà
      trattato dettagliatamente nel capitolo “Il processo di pagamento delle spese di Giustizia”;
    • la seconda fase (passi 6, 7 e 8) riguarda le modalità con le quali viene erogato il servizio e
      dipende quindi dallo stato di automazione del servizio in questione (l’ufficio giudiziario si
      avvale di procedure automatizzate e flussi telematici o fornisce il servizio in modo
      tradizionale). Si possono pertanto distinguere le seguenti possibili configurazioni di
      modalità di erogazione del servizio:
         1. Erogazione del servizio in via completamente telematica (Uffici automatizzati): il
            servizio erogato è informatizzato attraverso una procedura, che acquisisce in via
            automatica ed elaborabile la Ricevuta in formato xml e provvede a erogare il servizio
            all’utente (es. Processo Telematico);
         2. Erogazione del servizio in via informatica ma non integrata al pagamento (Uffici
            automatizzati ma senza gestione informatizzata della ricevuta): la Ricevuta è inviata per
            via telematica all’utente richiedente il servizio il quale può presentarla in via cartacea o
            in via telematica, all’ufficio competente per l’erogazione del servizio. L’Ufficio
            competente provvede, attraverso un interrogazione sull’archivio delle ricevute, ad
            eseguire le attività di controllo e annullamento della Ricevuta e, successivamente, a
            fornire il servizio, anche in via telematica;
         3. Erogazione del servizio in via tradizionale: L’utente, una volta eseguito il pagamento,
            può procedere a farsi rilasciare dal Portale del Ministero ovvero Punto di Accesso la
            Ricevuta in un formato stampabile e leggibile da un operatore umano. L’ufficio
            competente provvede quindi, attraverso un interrogazione sull’archivio delle ricevute,
            ad eseguire le attività di controllo di univocità e annullamento della Ricevuta che gli è
            stata presentata e successivamente ad erogare il servizio nelle modalità tradizionali.
Nell’allegato “A” del presente documento sono descritti i flussi procedurali nell’ambito del
Processo Civile Telematico (configurazione 1), nell’allegato “B” sono istanziate le procedure
riguardanti quegli uffici che non gestiscono in modo automatizzato gli oggetti scambiati
nell’ambito del processo di pagamento (configurazione 2 e 3).
Il flusso procedurale descritto nel presente documento è applicabile a tutti i servizi erogati dal
Ministero della Giustizia: a titolo di esempio, si cita il pagamento per diritti di copia, dei diritti di
cancelleria, del contributo unificato, ecc.

ARCHITETTURA LOGICO FUNZIONALE DEL PAGAMENTO DELLE SPESE
DI GIUSTIZIA

Secondo quanto raffigurato nella Figura 2, in cui è rappresentata l’architettura del sistema, le
modalità individuate per effettuare i pagamenti delle spettanze dovute sono sostanzialmente due.
La principale prevede che il soggetto abilitato (tipicamente un avvocato) possa utilizzare il Portale
dei Servizi Telematici del Ministero, in corso di progettazione e presumibilmente attivo a partire

PAGAMENTI TELEMATICI DELLA GIUSTIZIA–SPECIFICHE– VERSIONE: 5.0 –STATO:VERIFICATO             PAGINA 9 DI 40
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A.
            SISTEMI INFORMATIVI AUTOMATIZZATI PER IL PROCESSO TELEMATICO

dal primo semestre 2011, per accedere ai servizi di pagamento attraverso l’interconnessione tra la
rete SPC ed il sistema dei pagamenti.
La modalità alternativa si esplica attraverso un collegamento diretto tra il Punto di Acceso (PdA) e
l’infrastruttura che si pone come Front-End verso gli l’erogatori dei servizi di pagamento.

                                         Figura 2 – Architettura logico funzionale
Come indicato nello schema di Figura 2, di seguito sono evidenziate le componenti che
interagiscono tra di loro per fornire il servizio di pagamento telematico:
    •    Punto di Acceso (PdA): definisce la struttura tecnico-organizzativa che fornisce la
         connessione ai servizi erogati nell’ambito del PCT, ovvero servizi a valore aggiunto (es.
         pagamento telematico). I Punti di Accesso sono autorizzati dal Ministero. Ai fini della
         presente iniziativa, il PdA effettua l’autenticazione degli utenti ed è collegato con il Front-
         End SP, instaurando pertanto un rapporto diretto tra l’utente esterno e il sistema dei
         pagamenti. Il pagamento delle somme di cui in premessa non è infatti un servizio offerto dal
         sistema giustizia;
    •    Portale dei Servizi Telematici del Ministero: struttura gestita dal Ministero della Giustizia
         che può essere logicamente suddivisa in due sottosistemi:
               il primo (Portale) eroga i servizi nei confronti dei privati, in parte funzionalmente
                equivalenti a quelli forniti da un PdA; le interazioni con il sistema dei pagamenti
                avvengono attraverso la rete SPC;

PAGAMENTI TELEMATICI DELLA GIUSTIZIA–SPECIFICHE– VERSIONE: 5.0 –STATO:VERIFICATO           PAGINA 10 DI 40
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A.
             SISTEMI INFORMATIVI AUTOMATIZZATI PER IL PROCESSO TELEMATICO

                il secondo (Servizi Telematici) consente la gestione di alcuni oggetti prodotti nel
                 processo di pagamento attraverso appositi servizi (web services) allo scopo messi a
                 disposizione (vedi capitolo successivo);
      •    Soggetto abilitato: persona fisica che, attraverso opportune procedure, viene riconosciuta
           dal PdA o dal Portale ed abilitata ad usufruire dei servizi da questi erogati, compreso il
           pagamento delle spese di giustizia;
      • Sistema Pubblico di Connettività (SPC): “l’insieme di infrastrutture tecnologiche e di
        regole tecniche per lo sviluppo, la condivisione, l’integrazione e la diffusione del
        patrimonio informativo e dei dati della pubblica amministrazione, necessarie per assicurare
        l’interoperabilità di base ed evoluta e la cooperazione applicativa dei sistemi informatici e
        dei flussi informativi, garantendo la sicurezza, la riservatezza delle informazioni, nonché la
        salvaguardia e l’autonomia del patrimonio informativo di ciascuna pubblica
        amministrazione" (art.73, comma 2 del CAD);
      • Sistema dei Pagamenti (SP): infrastruttura del sistema finanziario costituta dall’insieme di
        tutti gli strumenti con i quali possono essere acquistati beni e servizi nell’economia, nonché
        dalle attività e dagli intermediari che consentono l’effettivo trasferimento di tali strumenti
        da un operatore ad un altro (fonte: Banca d’Italia);
      • Prestatore dei servizi di Pagamento (Psp): gli istituti di credito, Poste Italiane o altri
        soggetti abilitati che, ai sensi della normativa vigente e nell’ambito del Sistema dei
        Pagamenti, mettono a disposizione degli utenti gli strumenti atti ad effettuare il pagamento
        richiesto;
      • Front-End con il Sistema dei Pagamenti (FESP): componente infrastrutturale
        (middleware) atto a facilitare lo scambio di informazioni tra i soggetti attraverso la
        condivisione dei protocolli di colloquio (sia applicativi, che di trasporto), l’erogazione di
        eventuali servizi aggiuntivi, tra cui la firma digitale dei documenti scambiati. Tale
        componente può essere specifico per ognuno dei diversi soggetti Prestatori di Servizio,
        oppure a fattor comune tra più Prestatori di Servizio.
      • Nodo PA2: infrastruttura condivisa all’interno del SPC che, oltre a svolgere le funzioni
        previste per il FESP, costituisce il nodo che colloquia con i prestatori dei servizi di
        pagamento (Psp) e fornisce le funzioni di Certification Authority (CA) quale terza parte
        fidata (trusted third party) abilitata a rilasciare certificati digitali.

IL PROCESSO DI PAGAMENTO DELLE SPESE DI GIUSTIZIA
In questo capitolo saranno analizzati i requisiti e le regole di colloquio individuate per gestire il
processo di pagamento.

REQUISITI PRINCIPALI DEL PROCESSO DI PAGAMENTO
I requisiti di seguito esposti esplicitano le necessità utente associate al processo di pagamento dei
spettanze previste dalla normativa, operazione da effettuare in via telematica, con lo scopo di
ricevere la ricevuta attestante il versamento sempre attraverso lo stesso canale telematico.

2
    In altri contesti denominato “HUB dei Pagamenti” ovvero “Nodo degli Incassi”
PAGAMENTI TELEMATICI DELLA GIUSTIZIA–SPECIFICHE– VERSIONE: 5.0 –STATO:VERIFICATO          PAGINA 11 DI 40
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A.
            SISTEMI INFORMATIVI AUTOMATIZZATI PER IL PROCESSO TELEMATICO

SICUREZZA
Le interazioni tra le varie componenti sopra descritte avvengono attraverso un canale sicuro.
Nel caso in cui l’interazione avvenga tramite la rete SPC, il requisito è garantito dalla natura
‘riservata’ della rete; in questo caso l’utilizzo della rete SPC può essere diretto qualora il prestatore
di servizi sia Poste Italiane, già attestata su SPC, mentre nel caso di un istituto di credito, il flusso
può utilizzare l’infrastruttura che connette il sistema pubblico con la rete degli istituti bancari
(interconnessione tra reti “sicure”).
Nel caso in cui si utilizzi una connessione diretta tra il PdA e il Front-End del sistema dei
pagamenti (FESP), il requisito è ottenuto attraverso l’adozione di protocolli sicuri che realizzano
una Virtual Private Network sul livello di trasporto internet.
In tutti i casi, il colloquio tra le macchine avviene attraverso l’utilizzo di certificati “server”
rilasciati da Certification Authorities qualificate.

AUTENTICAZIONE TRA I SOGGETTI
L’autenticazione dell’utente avvocato avviene al momento della connessione al PdA (a carico del
fornitore di servizi PdA o del Ministero della Giustizia nel caso in cui l’accesso avvenga tramite
Portale) ed è del tipo CNS-like, assicurando quindi una “autenticazione a più fattori” (o strong
authentication).
Il presente requisito consiste nella “concessione di fiducia” (trust) da parte del Front-End SP
(FESP) circa l’autenticazione del soggetto abilitato (tipicamente un avvocato) operata dal PdA
(ovvero dal Portale).
Il circuito di trust è evidenziato nello schema di Figura 3, dove il colloquio tra FESP e Psp è basato
su un’autenticazione reciproca tra macchine.
Per il completamento del processo di pagamento da parte del prestatore del servizio (Psp), questi
può richiedere al soggetto abilitato di autenticarsi sul proprio sistema attraverso l’immissione delle
credenziali allo scopo rilasciate per l’utilizzo di detto servizio.

                Figura 3 - Autenticazione tra i soggetti del processo di pagamento e circuito di trust

PROFILAZIONE AUTOMATICA
Il processo deve permettere di trasferire in modo automatico il profilo utente sul Front-End SP
(FESP), una volta riconosciuti ed autenticati gli utenti stessi da parte del PdA/Portale (generalità
dell’avvocato - con tutti gli attributi a lui associati in quanto cliente del servizio di pagamento –
abilitazione al servizio, circuiti di pagamento disponibili, ecc).
PAGAMENTI TELEMATICI DELLA GIUSTIZIA–SPECIFICHE– VERSIONE: 5.0 –STATO:VERIFICATO                         PAGINA 12 DI 40
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A.
            SISTEMI INFORMATIVI AUTOMATIZZATI PER IL PROCESSO TELEMATICO

Una sola volta, alla prima richiesta di accesso ai servizi di pagamento, il FESP potrebbe richiedere
all’utente una serie di ulteriori informazioni necessarie a completarne il profilo.

SCELTA DELLA MODALITÀ DI PAGAMENTO
Il processo deve consentire all’avvocato la possibilità di scegliere tra le diverse modalità di
pagamento che lo stesso ha a disposizione in funzione del suo profilo (strumenti diversi associati ad
uno stesso prestatore di servizio o strumenti associati a una molteplicità di prestatori di servizio. Es.
bollettino, bonifico da uno o più conti aperti nei confronti di banche differenti) .

CERTEZZA DEL PAGAMENTO
La ricevuta telematica restituita all’avvocato a fronte del pagamento effettuato in via telematica
deve costituire garanzia del trasferimento dell’importo versato sul conto corrente intestato alla
Tesoreria dello Stato.
I versamenti in Tesoreria previsti dalla normativa vigente possono essere effettuati in modalità
telematica tramite bollettino postale o bonifico.
Nel caso del bollettino postale la certezza del pagamento è immediata in quanto costituisce
pagamento in c.d. “pro soluto” per il beneficiario.
Nel caso di bonifico (bancario o postale), in base al DM MEF del 9 ottobre 2006 n.293
“Regolamento recante norme per l'introduzione di nuove modalità di versamento presso le tesorerie
statali”, la ricevuta può essere rilasciata (ed è liberatoria) dal momento in cui l’importo è addebitato
sul conto dello stesso.
In tal caso il prestatore di servizi di pagamento dovrà garantire, attraverso apposita convenzione /
clausole contrattuali con il richiedente, l’adozione di procedure che permettano l’addebito
immediato della somma sul conto del loro cliente (senza che questo modifichi le modalità di
trasferimento della somma sul conto della Tesoreria dello Stato).

UNIVOCITÀ DEL PAGAMENTO
Il processo deve conferire certezza circa l’univocità del pagamento rispetto al servizio richiesto a
Giustizia; in altre parole, non deve essere possibile riutilizzare la stessa ricevuta a fronte di
richieste di servizio diverse.
Nel presente documento vengono disciplinati tre ‘oggetti’, Richiesta Pagamento Telematico,
Ricevuta Telematica, e un identificativo univoco di erogazione servizio che permettono al sistema
di cancelleria di verificare che la Ricevuta Telematica non sia stata già utilizzata (vedi capitolo
“Regole di colloquio per il processo di pagamento”)

RIMBORSO DEL PAGAMENTO
Nel caso di somme erroneamente versate, si può procedere alla richiesta di rimborso secondo le
modalità tradizionali previste dalla legge. Nel caso di versamento tramite bonifico, il diritto al
rimborso è disciplinato e previsto dal Decreto del 9/10/2006 “Regolamento recante norme per
l’introduzione di nuove modalità di versamento presso le tesorerie statali” (art. 4).

UNIFORMITÀ
Le regole di interazione con i Prestatori di servizi di Pagamento, più avanti dettagliate, devono
poter valere per ogni fattispecie di pagamento, quindi sia nel caso di servizi automatici (es. rilascio
on-line di copie elettroniche di atti informatici) sia nel caso in cui per l’erogazione del servizio sia
necessario l’intervento di un Cancelliere (es. iscrizione a ruolo di un procedimento civile).
PAGAMENTI TELEMATICI DELLA GIUSTIZIA–SPECIFICHE– VERSIONE: 5.0 –STATO:VERIFICATO            PAGINA 13 DI 40
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A.
            SISTEMI INFORMATIVI AUTOMATIZZATI PER IL PROCESSO TELEMATICO

REGOLE DI COLLOQUIO PER IL PROCESSO DI PAGAMENTO
L’interazione tra la postazione dell’avvocato che richiede di effettuare un pagamento ed il
Prestatore dei Servizi di Pagamento avviene attraverso lo scambio di oggetti contenenti le
informazioni necessarie a garantire i requisiti sopra indicati.
Ai fini di questa interazione, l’avvocato potrà utilizzare il Punto di Acceso (PdA) ovvero il Portale
del Ministero della Giustizia, a seconda delle modalità prescelte dall’avvocato stesso; nel prosieguo
del documento indicheremo il punto di attivazione dell’interazione con PdA/Portale.

OGGETTI SCAMBIATI
Gli oggetti scambiati tra il soggetto abilitato ed il prestatore di servizi di pagamento sono costituiti
da file xml le cui principali informazioni sono riportate in
Allegato “C” - Protocollo sulle regole tecniche e lo standard per l’emissione dei documenti
informatici.
La Richiesta pagamento telematico (RPT) è costituita da una struttura standardizzata che:
   a) definisce gli elementi necessari a caratterizzare i pagamenti comuni a tutte le PA, in
       particolare qualifica il versamento con un identificativo univoco versamento;
   b) contiene i dati identificativi, variabili a seconda dell’operazione per cui è richiesto il
       pagamento;
   c) contiene una parte riservata (Dati Specifici Riscossione) per inserire informazioni
       elaborabili automaticamente dai sistemi della PA che eroga il servizio;
   d) può essere firmata digitalmente dal sistema che inoltra la richiesta di pagamento a seconda
       degli accordi bilaterali tra utente e Psp.
La Ricevuta Telematica (RT), restituita al richiedente a fronte di una RPT, è costituita da una
struttura standardizzata che:
    a) definisce gli elementi necessari a qualificare il pagamento, tra cui un identificativo univoco
        del pagamento;
    b) trasferisce inalterate le stesse informazioni ricevute in ingresso (RPT) relative alla parte
        riservata (Dati Specifici Riscossione) a disposizione della PA;
    c) è firmato digitalmente dal soggetto che effettua la riscossione (Psp) o da una componente
        del sistema avente, tra le altre, tale funzione (FESP).
Firma digitale degli oggetti scambiati
La necessità di firmare digitalmente il documento Ricevuta Telematica è motivata dal requisito di
certezza del pagamento connesso all’integrità e non ripudiabilità del documento stesso.
Allo scopo di consentire la firma digitale del documento Ricevuta Telematica, tra le funzioni messe
a disposizione dal Nodo PA sarà istituita un’apposita Certification Authority che, a tal fine,
provvederà ad emettere certificati digitali intestati agli operatori attivi nel circuito, aventi come
estensione Key usage impostata a nonRepudiation; tale Certification Authority potrebbe emettere
anche certificati server necessari alla mutua autenticazione degli operatori del circuito, di cui al
requisito “Sicurezza”.
In via transitoria, con l’obiettivo di semplificare la fase di sperimentazione del sistema proposto, il
documento Ricevuta Telematica potrà essere firmato dal PdA o dal FESP con certificati generati
internamente, in quanto il requisito essenziale è quello della integrità della RT.

PAGAMENTI TELEMATICI DELLA GIUSTIZIA–SPECIFICHE– VERSIONE: 5.0 –STATO:VERIFICATO           PAGINA 14 DI 40
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A.
            SISTEMI INFORMATIVI AUTOMATIZZATI PER IL PROCESSO TELEMATICO

Versamenti multipli
Nell’ambito dei servizi offerti dal Ministero possono essere richiesti versamenti multipli a fronte di
un'unica operazione, come, ad esempio, l’iscrizione a ruolo di un procedimento per il quale è
dovuto il contestuale versamento del corrispettivo relativo al contributo unificato ed alle spese di
notifica (art.30 D.P.R. 30 maggio 2002, n.115).
Allo scopo di gestire questa fattispecie, l’oggetto RPT (Richiesta pagamento telematico) è
strutturato per contenere i dati relativi a più versamenti (sino ad un massimo di 5). Pertanto,
nell’esempio sopra menzionato di iscrizione a ruolo di un procedimento, un versamento sarà
destinato al contributo unificato, mentre l’altro verrà utilizzato per il pagamento delle spese di
notifica.
A fronte di un oggetto RPT strutturato come sopra, il FESP deve emettere comunque un unico
oggetto RT (Ricevuta Telematica) che attesti il versamento di tutte le somme richieste.
L’esito del pagamento sarà positivo solo se tutti i versamenti hanno avuto esito positivo.

REPOSITORY RICEVUTE TELEMATICHE (RRT)
Nell’ambito del dominio Giustizia sarà configurato un sottosistema centralizzato per la gestione di
tutte le Ricevute Telematiche prodotte nel processo di pagamento delle spese di giustizia,
sottosistema denominato RRT (Repository Ricevute Telematiche).
Tale repository, in cui saranno memorizzate le ricevute derivanti da un pagamento telematico, sarà
accessibile, a tutte le applicazioni e/o sistemi interessati operanti nel dominio Giustizia e ai PdA,
attraverso appositi servizi (web services allo scopo messi a disposizione) per:
    a.   inserimento dell’oggetto RT nel repository RRT;
    b.   esibizione dell’oggetto RT a richiesta del soggetto abilitato (versante, Cancelliere);
    c.   annullamento dell’entità identificativo univoco di erogazione servizio (CRS, vedi apposito
         paragrafo più avanti), a seguito di una richiesta automatica delle applicazioni ovvero da
         parte di transazioni attivate dalle cancellerie.
La verifica della firma dell’oggetto RT, necessaria per attestarne l’integrità, è un controllo che
viene eseguito al momento del deposito della RT nel repository e al momento dell’esibizione a
richiesta del soggetto esterno.

IDENTIFICATIVO UNIVOCO DI EROGAZIONE DEL SERVIZIO (CRS)
Al fine di qualificare in maniera univoca il versamento, viene definito l’entità identificativo
univoco di erogazione servizio (CRS) che individua univocamente una richiesta di erogazione
servizio da parte dei sistemi informatici della Giustizia ed è associato all’elemento
identificativoUnivocoVersamento, sia nella Richiesta Pagamento Telematico (RPT), che nella
Ricevuta Telematica (RT).
 Il CRS emesso a fronte di una richiesta di pagamento deve essere comunicato all’utente e
costituisce l’elemento attraverso il quale lo stesso può eseguire eventuali controlli e verifiche
relativi all’erogazione del servizio ed al pagamento.
La politica di emissione e di gestione (controllo e annullamento) del CRS da parte dei sistemi
informatici della Giustizia garantisce il requisito di Univocità del pagamento.

PAGAMENTI TELEMATICI DELLA GIUSTIZIA–SPECIFICHE– VERSIONE: 5.0 –STATO:VERIFICATO            PAGINA 15 DI 40
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A.
            SISTEMI INFORMATIVI AUTOMATIZZATI PER IL PROCESSO TELEMATICO

Emissione del CRS
Il CRS è generato dalla componente Servizi Telematici, su richiesta del PdA/Portale e rilasciato
attraverso un servizio sincrono (chiamata web-service) esposto dallo stesso componente.
La configurazione del CRS utilizzato per il pagamento delle spese di giustizia assume il formato
specificato nel par. “Composizione del CRS nei pagamenti della giustizia” all’interno dell’Allegato
“D” - Struttura dell’elemento “Identificativo Univoco Versamento”.
Il CRS viene inserito nella struttura RPT (elemento identificativoUnivocoVersamento) e ritorna
inalterato al PdA/Portale all’interno della RT.
Controllo e annullamento del CRS
Nella fase di gestione della RT, la funzionalità di controllo del pagamento preleva il CRS (presente
nell’elemento identificativoUnivocoVersamento) e verifica che:
    •    il codice sia stato generato per un servizio che quel sistema può erogare (in funzione del
          per la definizione del quale si rimanda al citato paragrafo
         “Composizione del CRS nei pagamenti della giustizia”);
    •    il formato del CRS sia corretto (verifica delle cifre di controllo contenute nel CRS per la
         definizione del quale si rimanda a citato paragrafo “Composizione del CRS nei pagamenti
         della giustizia”)
    •    il CRS non sia stato già utilizzato tramite un’altra Ricevuta Telematica; tale controllo è
         gestito per mezzo di un database delle CRS già ricevute tramite RT per il quale
         l’inserimento di un nuovo CRS nel database equivale all’annullamento dello stesso CRS3.
La funzionalità di controllo e annullamento del CRS può essere implementata in modalità
centralizzata nell’ambito del repository RRT e invocata dai sistemi erogatori del servizio tramite
web service oppure essere implementata in modalità ‘distribuita’ nell’ambito dei singoli sistemi
erogatori del servizio. Le informazioni contenute nel CRS rendono efficaci e sicure entrambe le
modalità di implementazione della fase di controllo e annullamento del CRS.

PROCESSO DI INTERAZIONE NEL PAGAMENTO TELEMATICO
Il processo di interazione nell’ambito del pagamento telematico è schematizzato in Figura 4, dove
RPT.xml ed RT.xml individuano, rispettivamente, la richiesta e la ricevuta di pagamento.
I passi previsti per detto processo sono pertanto i seguenti:
    1. Scelta del canale di pagamento e richiesta di accesso al servizio: il PdA/Portale consente
       all’utente di scegliere il canale di pagamento (messa a disposizione di più FESP: CBI,
       Poste, altro), quindi:
              a. richiede la generazione del CRS alla componente Servizi Telematici;
              b. inserisce il CRS così ottenuto nell’informazione identificativoUnivocoVersamento
                 della RPT;
              c. invia la richiesta di pagamento (RPT) al FESP prescelto;

3
 In fase di implementazione ed allo scopo di distribuire le elaborazioni tra le varie componenti del sistema, si potrebbe
optare per una soluzione in cui il controllo e l’annullamento dei CRS venga effettuato direttamente da ogni singolo
Sistema Gestore che implementerà solo la lista dei CRS a lui destinati (in funzione del ).
PAGAMENTI TELEMATICI DELLA GIUSTIZIA–SPECIFICHE– VERSIONE: 5.0 –STATO:VERIFICATO                          PAGINA 16 DI 40
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A.
             SISTEMI INFORMATIVI AUTOMATIZZATI PER IL PROCESSO TELEMATICO

      2. Riconoscimento del pagatore e scelta delle modalità di pagamento: il FESP riconosce il
         pagatore sulla base delle informazioni contenute nella RPT (“trust” al PdA/Portale) e
         consente all’utente, se previsto dai protocolli di interazione tra PdA e FESP, di scegliere le
         modalità di pagamento a lui riservate (con eventuale re-indirizzamento, se previsto dai
         protocolli di interazione tra PdA e FESP);
      3. Richiesta di esecuzione pagamento: il FESP elabora, predispone, invia, ovvero inoltra, la
         richiesta di pagamento (che può essere costituita dalla stessa RPT)4 al Psp secondo i
         requisiti da quest’ultimo richiesti;
      4. Esecuzione del pagamento: il Psp elabora la richiesta, esegue il pagamento e predispone
         l’esito (che può essere costituito anche dalla Ricevuta Telematica RT)4 e lo invia al FESP.
      5. Rilascio della ricevuta: il FESP riceve dal Psp l’esito del pagamento (risposta alla
         richiesta), predispone ed invia, ovvero inoltra, al PdA (ovvero al Portale) la RT . Qualora il
         FESP provveda a predisporre la RT, avente le caratteristiche riportate al punto precedente,
         sarà cura di quest’ultimo firmare digitalmente il documento;
      6. Inoltro Ricevuta e suo inserimento nel repository RRT: Il PdA (ovvero il Portale) riceve
         la RT dal FESP e:
                a. se l’esito del pagamento è positivo, provvede a inserire la stessa nel repository RRT
                   (Repository Ricevute Telematiche) attraverso un apposito servizio (web service)
                   esposto dalla componente Servizi Telematici; qualora l’inserimento non andasse a
                   buon fine sarà cura del PdA/Portale esperire tutte le azioni necessarie al corretto
                   completamento dell’attività;
                b. in ogni caso, provvede a inoltrare ovvero mettere a disposizione dell’utente la RT
                   stessa, per quietanza e per gli usi consentiti dalle procedure della Giustizia.

4
    Qualora lo prevedano gli accordi intervenuti con il FESP.
PAGAMENTI TELEMATICI DELLA GIUSTIZIA–SPECIFICHE– VERSIONE: 5.0 –STATO:VERIFICATO            PAGINA 17 DI 40
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A.
            SISTEMI INFORMATIVI AUTOMATIZZATI PER IL PROCESSO TELEMATICO

                                 7.   Figura 4 - Flusso del processo di pagamento telematico
Il processo di erogazione del servizio è on-line e può essere sincrono o asincrono come meglio
specificato nei successivi paragrafi.
Il middleware FESP
Nella descrizione del processo si evidenzia la presenza di un componente di middleware (FESP
ovvero Front-End SP) che implementa le logiche di elaborazione della richiesta di pagamento
(scelta modalità di pagamento, impacchettamento e invio richiesta di pagamento, spacchettamento
e ricezione della ricevuta, firma digitale, ecc.) che potrebbero non essere implementate nei sistemi
offerti dai prestatori di servizi (Psp).
Dal punto di vista della loro collocazione nell’infrastruttura tecnologica, le funzioni espletate dal
componente FESP, potrebbero essere:
    • integrate nel PdA (ovvero nel Portale);
    • integrate nel sistema offerto dal prestatore di servizi di pagamento (Psp);
    • messe a disposizione da una parte terza, per conto di più prestatori di servizi di pagamento;
    • condivise (anche da più di un’amministrazione) essendo messe a fattor comune nell’ambito
      dell’infrastruttura di sistema della pubblica amministrazione (Nodo PA all’interno di SPC).
Le modalità tecniche di interazione (definizione del client e del server) tra il FESP e il
PdA/Portale, sono definite da specifici accordi tra le parti (“Protocollo di colloquio” pubblicato a
cura del FESP), nel rispetto delle regole indicate nel presente capitolo, in particolare con
riferimento allo schema di Figura 4, dove le interazioni (frecce) in “giallo chiaro” indicano

PAGAMENTI TELEMATICI DELLA GIUSTIZIA–SPECIFICHE– VERSIONE: 5.0 –STATO:VERIFICATO               PAGINA 18 DI 40
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A.
            SISTEMI INFORMATIVI AUTOMATIZZATI PER IL PROCESSO TELEMATICO

azioni/attività non obbligatorie e che quindi possono non essere presenti nel citato “Protocollo di
colloquio”.
Il processo descritto nel paragrafo precedente può essere sincrono ovvero asincrono relativamente
ai livelli servizio erogati dal FESP, con riferimento al “Protocollo di colloquio” ed in particolare
alle interazioni di cui ai punti 4 (Esecuzione del pagamento) e 5 (Rilascio della ricevuta).
Il “Protocollo di colloquio” con il PdA/Portale, può prevedere l’effettuazione di più pagamenti a
fronte di un unico accesso telematico alle funzioni messe a disposizioni dal FESP; in tal a caso sarà
inviato un file RT.xml differente per ognuno dei pagamenti richiesti.
È della massima importanza che il FESP garantisca che la Ricevuta Telematica (RT) sia “ben
formata” soprattutto nel caso di processi automatizzati, come nel caso del PCT, per evitare che, in
fase di validazione del file xml, la RT stessa sia rifiutata dal sistema di gestione dei registri di
cancelleria.

PAGAMENTI TELEMATICI DELLA GIUSTIZIA–SPECIFICHE– VERSIONE: 5.0 –STATO:VERIFICATO        PAGINA 19 DI 40
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A.
            SISTEMI INFORMATIVI AUTOMATIZZATI PER IL PROCESSO TELEMATICO

ALLEGATO “A” – FLUSSI PROCEDURALI DEL PCT INTEGRATI CON IL
PROCESSO DI PAGAMENTO

Vengono di seguito riportate a titolo esemplificativo le istanze delle due procedure utilizzate
nell’ambito del Processo Civile Telematico (Rilascio di copie semplici e Iscrizione a ruolo) che
utilizzano e integrano il processo di pagamento, così come descritto nei capitoli precedenti.
Ai requirements del processo di pagamento già illustrati, si aggiunge, nelle interazioni relative al
PCT, l’ulteriore requisito Integrazione che prevede che le applicazioni client, operative presso gli
studi degli avvocati piuttosto che presso i punti di accesso, debbono essere in grado di integrare le
procedure di pagamento telematico offerte dai prestatori di servizi di pagamento, rendendo
all’utente un servizio unico e (appunto) integrato.

RILASCIO DI COPIE SEMPLICI O AUTENTICHE
La richiesta ed il rilascio delle copie avviene tendenzialmente on-line.

                                  Figura 5 - Flusso relativo al rilascio di copie semplici
Il servizio di gestione del pagamento è schematizzato nella Figura 5 dove RPT.xml ed RT.xml
individuano, rispettivamente, la richiesta e la ricevuta di pagamento:
1) l’utente accede al Punto di Accesso (ovvero al Portale) con autenticazione forte;

PAGAMENTI TELEMATICI DELLA GIUSTIZIA–SPECIFICHE– VERSIONE: 5.0 –STATO:VERIFICATO             PAGINA 20 DI 40
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A.
            SISTEMI INFORMATIVI AUTOMATIZZATI PER IL PROCESSO TELEMATICO

2) l’utente accede in consultazione al procedimento per i quali è autorizzato ed individua i
   documenti (o le singole pagine) di cui richiedere copia. Attraverso il PdA/Portale l’utente
   inoltra la richiesta di copia al servizio di Richiesta & Gestione Copie, accessibile, che:
         a. calcola l’importo da corrispondere, in modo automatico o per mezzo dell’intervento del
            Cancelliere5
         b. associa alla richiesta un identificatore univoco (idRichiestaCopie);
3) l’utente tramite PdA/Portale attiva il processo di interazione con i sistemi di pagamento
   descritto in precedenza ed invia la richiesta di pagamento RPT al FESP;
4) il Front-End-SP (FESP) elabora il file xml e, al termine dell’operazione di pagamento,
   restituisce la Ricevuta Telematica (RT) firmata digitalmente;
5) il PdA/Portale riceve la RT e, se l’esito del pagamento è positivo, provvede a inserire la stessa
   nel repository RRT attraverso un apposito servizio (web service) esposto dalla componente
   Servizi Telematici; in ogni caso il PdA/Portale inoltra ovvero mette a disposizione dell’utente
   l’esito del pagamento;
6) il sistema di Gestione & Richiesta Copie mette a disposizione una apposita interfaccia utente
   che consente all’utilizzatore di perfezionare la richiesta della copia associando la RT, fornita
   dal PdA/Portale, all’identificatore univoco della richiesta (idRichiestaCopie) di cui al punto
   2)b;
7) il servizio di Gestione & Richiesta Copie provvede all’annullamento del CRS, attraverso un
   apposito servizio (web service) esposto dalla componente Servizi Telematici, e rilascia
   all’utente la copia richiesta, automaticamente o attraverso l’intervento del cancelliere. La copia
   è inviata via PEC o, nei casi di presenza di dati sensibili, sarà fornita all’utente l’indicazione
   per scaricare direttamente la copia.
Il servizio può essere sincrono ovvero asincrono, a seconda dei livelli di servizio erogati dai vari
FESP e a seconda del tipo di copia richiesta.
Nella Figura 5 non sono state indicate, per semplicità di rappresentazione, le interazioni tra FESP e
Psp, nonché quelle tra soggetto abilitato e FESP, tra soggetto abilitato e Psp e tra Pda/Portale e
FESP che nel flusso del processo di pagamento di Figura 4 sono indicati come eventuali e
peculiari, in funzione degli accordi tra le varie controparti.

ISCRIZIONE A RUOLO
Il pagamento del contributo unificato (e della marca da bollo di 8 €, tuttora prevista) avviene in un
momento antecedente rispetto all’iscrizione a ruolo vera e propria; quest’ultima viene effettuata dal
Cancelliere, previo accertamento dell’avvenuto pagamento.
Il servizio di gestione del pagamento è schematizzato in Figura 6, dove RPT.xml ed RT.xml
individuano, rispettivamente, la richiesta e la ricevuta di pagamento:
1) l’avvocato predispone l’atto introduttivo con il suo redattore o software di studio ed accede al
   punto di accesso (o al Portale) con autenticazione forte;

5
  Tale richiesta di copia, per poter essere elaborata dal sistema o, nei casi previsti, dal cancelliere dovrà essere
completata con la RT

PAGAMENTI TELEMATICI DELLA GIUSTIZIA–SPECIFICHE– VERSIONE: 5.0 –STATO:VERIFICATO                      PAGINA 21 DI 40
Puoi anche leggere
DIAPOSITIVE SUCCESSIVE ... Annulla