BILANCIO SOCIALE 2017 - Istituto degli Innocenti

 
BILANCIO SOCIALE 2017 - Istituto degli Innocenti
BILANCIO
SOCIALE
2017
BILANCIO SOCIALE 2017 - Istituto degli Innocenti
BILANCIO
SOCIALE
2017
BILANCIO SOCIALE 2017 - Istituto degli Innocenti
Indice

BILANCIO
                                                                        Introduzione                                                               05
                                                                        di Maria Grazia Giuffrida
                                                                        Prefazione

SOCIALE
                                                                                                                                                   07
                                                                        di Giovanni Palumbo
                                                                        Nota metodologica

2017
                                                                                                                                                    10
                                                                        Mappa di lettura del bilancio sociale 2017 dell’Istituto degli Innocenti    11

                                                                        Storia e mission
                                                                        Storia                                                                      15
                                                                        Mission                                                                     17

                                                                        Il sistema delle relazioni
                                                                        Partecipazione a reti                                                       21
                                                                        Collaborazioni strategiche                                                  26

Gruppo di lavoro
                                                                        Educazione e accoglienza
Marco Sabatini, Luca Bruschini, Paola Giustini, Letizia Sardelli
                                                                        Servizi di accoglienza                                                     35
Hanno contribuito                                                       Servizi educativi                                                           41
Donata Bianchi, Sabrina Breschi, Lorella Coppetti, Monica Eschini,
Stefano Filipponi, Marco Malena, Federica Momentè, Paolina Pistacchi,
                                                                        Monitoraggio delle condizioni dell’infanzia, ricerca e formazione
Raffaella Pregliasco, Antonella Schena
                                                                        Documentazione                                                              47
Segreteria di redazione                                                 Biblioteca                                                                 52
Paola Senesi                                                            Ricerca e statistica                                                       56
Progettazione grafica e impaginazione                                   Formazione                                                                 66
Rocco Ricciardi                                                         Media education e benessere a scuola                                        76
                                                                        Comunicazione e ufficio stampa                                             80
                                                                        Servizio Attività internazionali, progetti strategici e progetti europei   82

                                                                        Conservazione e valorizzazione del patrimonio
                                                                        Museo, Bottega dei ragazzi, Convegnistica                                   91
                                                                        Archivio storico                                                           94
                                                                        Patrimonio monumentale e immobiliare                                       98

                                                                        Governo e organizzazione
                                                                        L’assetto istituzionale                                                    103
                                                                        La struttura organizzativa                                                 106
                                                                        Attività e servizi di supporto generale                                    110
                                                                        Le risorse umane                                                           116

                                                                        Stato patrimoniale, provenienza e utilizzo delle risorse economiche
                                                                        Premessa                                                                   121
                                                                        Lo stato patrimoniale                                                      123
                                                                        Il conto economico                                                         124
                                                                        Provenienza e utilizzo delle risorse economiche                            129
                                                                        Fundraising                                                                132
                                                                        Valore sociale prodotto                                                    135
                                                                        Conto economico riclassificato al valore aggiunto                          138
2019, Istituto degli Innocenti, Firenze
BILANCIO SOCIALE 2017 - Istituto degli Innocenti
Bilancio Sociale 2017        Introduzione

                             Introduzione
                             di Maria Grazia Giuffrida

                             Il bilancio sociale, che ha visto la        dell'Istituto dedicata a madri
                             sua prima stesura in relazione              e bambini e alla diffusione del
                             al bilancio 2009, è divenuto una            modello educativo toscano per la
                             prassi consolidata nell’Istituto che        prima infanzia.
                             accompagna e sostiene da un
                                                                         Il nostro quotidiano impegno
                             lato la condivisione interna delle
                                                                         nei confronti dell’infanzia e
                             finalità e obiettivi perseguiti e,
                                                                         dell’adolescenza non può
                             dall’altro, veicola le più significative
                                                                         prescindere dai cambiamenti
                             informazioni sulle attività e i risultati
                                                                         culturali che sono sempre più
                             raggiunti sul piano etico-sociale
                                                                         veloci. Si tratta di un impegno
                             oltre che economico, a un insieme di
                                                                         particolarmente rivolto
                             interlocutori più ampio.
                                                                         all’accoglienza attenta a venire
                             Con il 2017 prende avvio il                 incontro alle nuove esigenze delle
                             Programma di mandato 2017-2021              famiglie, rivolta all’educazione di
                             i cui principali obiettivi definiti         cui fa parte anche l’alfabetizzazione
                             dal Consiglio di Amministrazione            all’uso consapevole dei media.
                             riguardano: la definizione del              L’Istituto degli Innocenti è
                             nuovo assetto organizzativo                 impegnato anche a incrementare
                             dell’Istituto; l’approvazione del Piano     sempre più il supporto tecnico,
                             di comunicazione; l’integrazione            statistico e documentale a enti e
                             dell’offerta museale con percorsi           istituzioni che sviluppano politiche
                             che valorizzino l’attualità delle           sociali, di integrazione e di tutela
                             attività realizzate dall’Istituto;          dell’infanzia e dell’adolescenza.
                             l’ampliamento delle attività
                                                                         In un momento di grandi e forti
                             educative in sinergia con il Comune
                                                                         cambiamenti culturali, sociali e non
                             di Firenze con un progetto unitario
                                                                         da ultimo economici, dove non
                             per il “polo 0-6”; la realizzazione del
                                                                         esistono più confini così netti tra
                             progetto sulla ricerca delle origini
                                                                         diverse identità, e le persone con le
                             in collaborazione con la Regione
                                                                         loro storie si mescolano, mantenere
                             Toscana, oltre al consolidamento
                                                                         alta e ancora più attenta l’attenzione
                             delle attività di monitoraggio e
                                                                         su infanzia e adolescenza diventa di
                             ricerca sulle condizioni dell’infanzia
                                                                         prioritaria importanza. Oggi, più che
                             e dell’adolescenza e sulle politiche
                                                                         mai, crescere adulti consapevoli, e
                             a questi soggetti destinate,
                                                                         quindi sviluppare sempre più valide
                             allo sviluppo della presenza
                                                                         politiche sull’infanzia, diventa una
                             dell’Istituto nel contesto europeo
                                                                         delle più importante chiavi per il
                             e di cooperazione internazionale,
                                                                         futuro.
                             al rafforzamento del rapporto
                             con UNICEF-IRC con particolare
                             riferimento all’avvio di progetti
                             condivisi di alta formazione
                             internazionale, all’ampliamento
                             dell’accoglienza residenziale
                        05
BILANCIO SOCIALE 2017 - Istituto degli Innocenti
Bilancio Sociale 2017        Prefazione

                             Prefazione
                             di Giovanni Palumbo

                             “Ecco a voi, noi: l’Istituto degli        trasparenza e responsabilità della
                             Innocenti”. Con queste parole, molto      pubblica amministrazione nei
                             semplici e dirette, vorrei rivolgermi     confronti dei cittadini che hanno un
                             a coloro che leggeranno il bilancio       diritto riconosciuto, o comunque
                             sociale 2017 dell’Istituto degli          un interesse, a conoscere quali
                             Innocenti. Ai fiorentini, ai toscani      ricadute, o effetti, un ente pubblico
                             (e non solo) che già conoscono            produce nella propria sfera di vita.
                             (e amano) questa gloriosa e               Sono molto contento anche perché,
                             straordinaria istituzione che, nella      proprio a partire dal 2017, anche
                             storia passata come nel presente,         in parte grazie al lavoro di chi ci
                             ha saputo coniugare “bellezza”            ha preceduti alla guida dell’Ente,
                             e “accoglienza” adeguando – in            l’Istituto degli Innocenti sta vivendo,
                             base all’evolversi e al mutare dei        a livello generale, un periodo
                             bisogni sociali dei bambini, delle        positivo e di forte vitalità.
                             madri e delle famiglie – il proprio
                                                                       Il bilancio 2017 dell’Istituto degli
                             modo di promuovere e tutelare
                                                                       Innocenti, il primo consuntivo
                             l’infanzia, riservando sempre
                                                                       collegato al mandato del nuovo
                             grande attenzione all’interesse
                                                                       Consiglio di Amministrazione, segna,
                             superiore dei bambini e degli
                                                                       infatti, un importante “cambio di
                             ultimi. Ma vorrei rivolgere queste
                                                                       passo” rispetto al passato e declina
                             parole anche a coloro che ancora
                                                                       la nuova spinta propulsiva, in
                             non conoscono l’Istituto e avranno
                                                                       termini di dinamismo istituzionale
                             modo di conoscerlo attraverso
                                                                       e di vitalità operativa, che ha
                             questo documento in cui vengono
                                                                       caratterizzato l’azione dell’Ente con
                             illustrati, non limitandosi ai soli
                                                                       l’avvento della nuova governance,
                             aspetti finanziari e contabili,
                                                                       sia a livello di direzione politica che
                             gli esiti e i risultati della nostra
                                                                       a livello di direzione generale. È un
                             attività istituzionale, peraltro in
                                                                       bilancio che, innanzitutto, ripristina
                             questo anno così particolare in cui
                                                                       il pareggio di bilancio, avviando un
                             stiamo celebrando la ricorrenza
                                                                       percorso virtuoso di sviluppo che
                             del Seicentenario della fondazione
                                                                       prosegue tutt’oggi. L’incremento
                             dell’Istituto. È vero, siamo “indietro”
                                                                       delle entrate, che hanno raggiunto
                             di circa un anno perché parliamo
                                                                       nel 2017 il 20 per cento in più
                             del 2017 mentre ci apprestiamo,
                                                                       rispetto all’anno precedente, è
                             proprio in questi giorni, ad
                                                                       dovuto principalmente alle nuove
                             approvare il bilancio d’esercizio
                                                                       commesse e il risultato finale è stato
                             2018. Ma ci metteremo in pari.
                                                                       un utile d’esercizio di oltre 50 mila
                             Sono davvero molto contento di            euro.
                             presentare il bilancio sociale 2017
                             dell’Istituto degli Innocenti. Da civil
                             servant, credo molto nel valore
                             di questo strumento in termini di

                        07
BILANCIO SOCIALE 2017 - Istituto degli Innocenti
Bilancio Sociale 2017                                                                        Introduzione

Ecco il primo dato positivo da           Grazie al pareggio di bilancio, che
registrare: dal 2017 si è allargata la   peraltro riusciamo a confermare
platea di interlocutori istituzionali    anche per l’esercizio 2018,
che si rivolgono all’Istituto per        risultato reso possibile grazie
lavorare insieme su progetti             anche al lavoro prezioso di tutto
di interesse comune a favore             il personale dell’Istituto che
dell’infanzia e dell’adolescenza         desidero ringraziare per l’impegno
e viene consolidata la tendenza          profuso, sarà possibile continuare a
a sottoscrivere accordi di               sviluppare l’unicità dell’esperienza
collaborazione con valenza               dell’Istituto a livello nazionale e
pluriennale: questo dato                 internazionale nella tutela dei diritti
rappresenta uno degli aspetti            dei minori, implementando il nostro
più significativi per la stabilità       posizionamento istituzionale quale
dell’Istituto perché consente di         punto di riferimento e di eccellenza,
superare la precarietà connaturata       culturale e tecnico-scientifico,
alla natura annuale delle precedenti     nell’ambito della promozione
convenzioni e permette di                dell’infanzia, dell’adolescenza e della
qualificare la programmazione            famiglia.
di medio periodo sia in termini
economici che di risorse umane.
Insieme all’aumento dei ricavi, il
bilancio 2017 registra anche una
virtuosa tendenziale riduzione di
alcune spese strutturali, quali, ad
esempio, quelle connesse agli oneri
finanziari.
La ricerca di nuove committenze,
la sperimentazione di nuovi ambiti
di attività e la proposta di servizi e
attività autonome e innovative, unite
certamente a una politica rigorosa
di controllo dei costi, appaiono
i migliori strumenti in grado di
garantire nel futuro lo sviluppo
strategico dell’Ente e la sua solidità
economica.

                                                                                   08   09
BILANCIO SOCIALE 2017 - Istituto degli Innocenti
Bilancio Sociale 2017                                                                          Introduzione

Nota metodologica1                                                                             Mappa di lettura del bilancio sociale

Il bilancio sociale dell’Istituto degli    In questi anni è stata definita una                 L’Istituto degli Innocenti, con il         Nel 2017 sono stati ospitati 13
Innocenti viene redatto di solito          struttura completa del documento                    programma di mandato 2017-2021,            bambini nel servizio socio-educativo
annualmente per rispondere                 che presenta in modo chiaro e                       conferma la volontà di sviluppare          residenziale Casa Bambini, 25 sono
ai principi della trasparenza e            logicamente coerente le attività                    l’unicità della sua esperienza a livello   stati gli ospiti di Casa Madri, nove gli
dell’informazione rispetto alle            svolte, collegandole agli scopi                     nazionale e internazionale nella           ospiti di Casa Rondini, che accoglie
attività svolte dall’ente e ai risultati   istituzionali: la complessità operativa             tutela dei diritti dei bambini, così       madri che hanno raggiunto una
raggiunti. Eccezionalmente, questa         viene semplificata e rappresentata                  come definiti dalla Convenzione            stabilità psicologica e hanno una
volta, il bilancio sociale raggruppa       in modo esaustivo e sintetico.                      ONU del 1989, e di porsi come              rete relazionale di riferimento.
i dati del biennio 2016-2017, in                                                               punto di riferimento culturale e
                                           La recente approvazione della                                                                  L’anno educativo 2016-2017 ha
quanto per l’esercizio 2016 non                                                                operativo per lo sviluppo reale di tali
                                           riforma del terzo settore ha                                                                   visto l’avvio del Centro integrato
è stato possibile procedere alla                                                               diritti.
                                           sottolineato una volta di più                                                                  0-6 (oggetto di ampliamento della
redazione del documento.                                                                       Il bilancio sociale 2017 testimonia        capacità ricettiva), gestito, come i
                                           la centralità del documento di
Il bilancio sociale è un documento         Bilancio Sociale come momento                       questa volontà e la forte vitalità         tre nidi dell’Istituto, con particolare
sintetico dove è possibile ricercare       nel quale l’organizzazione “rende                   di un Istituto che oltre ad aver           riguardo al progetto educativo,
dati e contenuti utili a capire            conto” del proprio operato in                       ripristinato il pareggio di bilancio,      alla relazione con i genitori, alla
se l’Istituto degli Innocenti sta          termini di raggiungimento degli                     primo obiettivo gestionale che si          cura degli ambienti e alle fasi del
perseguendo in modo efficace ed            obiettivi, ricaduta sociale delle                   era posto il nuovo management (il          processo educativo. Anche nel
efficiente la propria mission, alla        proprie azioni, perseguimento                       bilancio d’esercizio 2017 mostra           corso del 2017 i servizi educativi
base della quale vi è un processo          della mission istituzionale. Sebbene                un utile pari a € 50.665) è riuscito       sono stati oggetto di visita e
di social accountability condiviso e       l’Istituto degli Innocenti, in quanto               ad aumentare i ricavi collegati alle       studio da parte di delegazioni
ormai interiorizzato, che è diventato      pubblica amministrazione, non sia                   attività su commessa, grazie alla          internazionali e nello stesso periodo
parte integrante del metodo di             interessato dalla riforma, è prevista               sottoscrizione di nuovi accordi di         è proseguita la collaborazione con
lavoro dell’Istituto.                      l’emanazione di apposite linee guida                collaborazione pluriennale e alla          l’Università degli studi di Firenze
                                           per la redazione del bilancio sociale,              rinegoziazione di altri già in essere.     che si è concretizzata attraverso la
                                           che potranno in futuro essere un                                                               realizzazione di percorsi di tirocinio
                                                                                               Sul fronte dell’accoglienza l’Istituto
                                           valido riferimento per un eventuale                                                            presso i servizi educativi.
                                                                                               mantiene costante il numero di
                                           restyling del documento.                            bambini e di nuclei madri con figli
                                                                                               ospitati nelle sue strutture.

1 A cura di Marco Sabatini
                                                                                     10   11
BILANCIO SOCIALE 2017 - Istituto degli Innocenti
Bilancio Sociale 2017                                                                          Introduzione

Il servizio di documentazione            Sempre nel corso del 2017, è inoltre                  Grazie alla partecipazione               Altri dati contenuti nel bilancio
dell’Istituto, oltre alla sua attività   pubblicata in versione digitale la                    a numerosi bandi promossi                danno la dimensione delle presenze
di catalogazione e gestione di           seconda edizione del Manuale dei                      dall’Unione Europea l’Istituto ha        esterne che visitano l’Istituto:
quattro banche dati, all’attività        servizi educativi per l’infanzia, a oltre             partecipato nel 2107 a sette progetti    56.730 sono i biglietti del Museo nel
di diffusione e pubblicazione, ha        dieci anni dall’inizio delle attività di              di scambio, di formazione e di           2017, 9.075 le presenze alle attività
lavorato al supporto informativo         monitoraggio dei servizi educativi                    ricerca nell'ambito dei sistemi di       della Bottega dei ragazzi, 455 le
per l’Osservatorio nazionale per         per l’infanzia promosse dalla                         tutela e di protezione dei diritti dei   presenze per ricerche all’Archivio
l’infanzia e l’adolescenza; alla         Presidenza del Consiglio dei Ministri                 minori: Profuce - Promoting foster       storico. In merito alle ricerche per
realizzazione della Terza conferenza     - Dipartimento per le politiche                       care for unaccompanied children          gli adottati è stato attivato, sulla
nazionale sulla famiglia (Roma, 28-      della famiglia, realizzate con la                     in Europe; Boys in Care; Boys            base di un progetto sperimentale
29 settembre 2017); alla stesura         collaborazione dell’Istituto degli                    and culture of care: a supportive        promosso dall'Istituto degli
della Relazione al Parlamento sulla      Innocenti.                                            environment to face sexualized           Innocenti di Firenze, e sostenuto
legge 149/2001, in particolare sul                                                             violence; RISE - Roma inclusive          dalla Regione Toscana, Ser.I.O.
                                         Nel corso degli anni 2016 e 2017,
tema delle norme sull'accoglienza                                                              school experiences; Calypsos -           (Servizio per le informazioni sulle
                                         l’Istituto ha complessivamente
dei bambini e degli adolescenti                                                                Support for social inclusion, specific   origini).
                                         realizzato oltre 260 iniziative a
fuori famiglia; alla stesura del                                                               needs for educational support and
                                         carattere formativo, alle quali                                                                Come previsto dal programma
Rapporto all'ONU sulla condizione                                                              improvement of basic competences
                                         hanno partecipato oltre 5.000                                                                  di mandato 2017-2021 l’ente ha
dell’infanzia, in particolare sul tema                                                         for prisoners in Europe; Alternative
                                         persone, provenienti sia dall’area                                                             un nuovo assetto organizzativo
del superiore interesse del minore e                                                           Future: towards the empowerment
                                         sociale (tecnici regionali, assistenti                                                         con l’obiettivo di garantire, anche
dell’ascolto del minore.                                                                       of children victims of violence
                                         sociali, psicologi, operatori) sia                                                             attraverso nuove e diverse forme
                                                                                               in alternative care through a
La Biblioteca Innocenti Library          dall’area educativa (tecnici regionali,                                                        di responsabilità operative, da
                                                                                               gender-sensitive and child-centred
Alfredo Carlo Moro ha ospitato           referenti servizi educativi per la                                                             una parte autonomia funzionale
                                                                                               capacity building programme for
nel 2017 sette eventi tra incontri       prima infanzia, educatori). L'Istituto                                                         e organizzativa e, dall’altra, una
                                                                                               professionals; PEER - Participation,
con autori di libri, presentazioni di    ha operato nel 2016 e nel 2017                                                                 maggiore integrazione fra i diversi
                                                                                               experiences and empowerment for
volumi inerenti i temi dell’infanzia e   come organismo riconosciuto dal                                                                ambiti di attività.
                                                                                               Roma youth.
dell’adolescenza e giornate di studi.    Consiglio Nazionale dell’Ordine
Nel bilancio sono indicati anche le      (autorizzazione id 182) come agenzia                  L’Istituto degli Innocenti è anche
presenze degli utenti (740 nel 2017),    autorizzata all’organizzazione                        partner di quattro progetti sul tema
il numero di nuovi iscritti (249) e i    di eventi formativi destinati agli                    della povertà educativa nell’ambito
prestiti effettuati (727).               assistenti sociali, come agenzia                      del Fondo per il contrasto della
                                         formativa accreditata nel sistema                     povertà educativa minorile e,
L’attività di ricerca in ambito
                                         regionale di accreditamento della                     nell’ambito dello Studio Multipaese
educativo, e nel quadro delle
                                         Regione Toscana e ha richiesto                        (Italia, Zimbabwe, Perù e Vietnam),
attività del Centro regionale di
                                         il riconoscimento al MIUR per la                      promosso da UNICEF Office of
documentazione per l’infanzia
                                         formazione del personale.                             Research sui drivers alla violenza
e l’adolescenza, ha riguardato
                                                                                               all’infanzia, ha realizzato una
nel 2017 un’intensa campagna             Nel 2017 sono stati avviati progetti
                                                                                               mappatura dei progetti sul bullismo
d’indagine sui requisiti di qualità      di educazione ai media per bambini
                                                                                               in Italia.
delle strutture per la prima infanzia    e ragazzi con la Fondazione Poste
operative in Toscana.                    Insieme Onlus, con l'Osservatorio
                                         nazionale Internet @minori, con
                                         Enel Cuore Onlus.

                                                                                     12   13
BILANCIO SOCIALE 2017 - Istituto degli Innocenti
01
Bilancio Sociale 2017                                            01   Storia e mission

                                                                      Storia
                                                                      Da sei secoli il luogo dei fanciulli

storia
e mission               Pur mantenendo nel tempo il suo
                        impegno civile e la sua funzione
                                                                      L’Istituto degli Innocenti di
                                                                      Firenze è la più antica istituzione
                                                                                                                 stata quella di accogliere e assistere
                                                                                                                 l’infanzia abbandonata e disagiata,
                        sociale di istituzione laica dedita           pubblica italiana dedicata alla            le gestanti e le madri con figli. Ma
                        all’assistenza all’infanzia, alla cura        tutela dell’infanzia. La fondazione        le importanti trasformazioni sociali
                        e all’educazione dei bambini,                 dell’antico “Spedale” risale al 1419       e giuridiche che dalla metà degli
                        l’Istituto degli Innocenti è nei              quando l’Arte della Seta, una delle        anni ’70 in poi rivoluzionano l’Italia
                        secoli notevolmente cambiato,                 più ricche corporazioni fiorentine,        (dalla riforma del diritto di famiglia,
                        in risposta alle esigenze, alle               acquistò un terreno in Piazza              1975, alla legge sull’interruzione
                        innovazioni e alle politiche del              dei Servi per edificarvi un nuovo          volontaria di gravidanza, 1978,
                        momento.                                      ospedale interamente dedicato alla         dall’istituzione dei consultori
                                                                      cura dei bambini abbandonati.              familiari, 1975, alla riforma
                        Oggi la storica funzione
                                                                                                                 sanitaria, 1978, all’introduzione
                        dell’Istituto si declina soprattutto          Dedicare un edificio esclusivo alla
                                                                                                                 dell’istituto dell’affidamento
                        attraverso un’attività di                     cura dei “trovatelli”, significava
                                                                                                                 familiare, 1983, fino alla modifica
                        promozione dei diritti dell’infanzia          porre un’attenzione particolare alla
                                                                                                                 della legge sull’adozione speciale)
                        e dell’adolescenza.                           categoria sociale più bisognosa e
                                                                                                                 portano anche l’Istituto a profondi
                                                                      indifesa.
                                                                                                                 cambiamenti.
                                                                      Il progetto architettonico dell’edificio
                                                                                                                 In particolare, il fenomeno
                                                                      venne affidato a Filippo Brunelleschi,
                                                                                                                 dell’abbandono subisce
                                                                      in quel momento impegnato
                                                                                                                 un’involuzione e il numero dei
                                                                      anche nell’edificazione della
                                                                                                                 bambini diminuisce gradualmente,
                                                                      cupola del Duomo di Firenze. Nel
                                                                                                                 così come quello delle madri interne
                                                                      1427 il loggiato esterno del nuovo
                                                                                                                 all’Istituto: alcuni servizi vengono
                                                                      ospedale era già realizzato – prima
                                                                                                                 chiusi, altri si trasformano; nel 1974
                                                                      ancora del complesso interno – e il
                                                                                                                 anche lo Statuto viene modificato,
                                                                      nuovo edificio entrava sulla scena
                                                                                                                 e, pur mantenendo ancora
                                                                      urbanistica della città, anche se i
                                                                                                                 uno stampo prevalentemente
                                                                      bambini vi entrarono solo nel 1445.
                                                                                                                 “assistenziale”, introduce per la
                                                                      Il 5 febbraio di quell'anno fu accolta
                                                                                                                 prima volta l’idea che l’Istituto
                                                                      la prima bambina, a cui venne dato
                                                                                                                 possa «[...] nella sua autonomia,
                                                                      nome Agata Smeralda. Da allora
                                                                                                                 promuovere ogni iniziativa atta
                                                                      e fino ai primi anni ’70 del ’900 la
                                                                                                                 a migliorare le condizioni di vita
                                                                      funzione principale dell’Istituto è
                                                                 15
BILANCIO SOCIALE 2017 - Istituto degli Innocenti
Bilancio Sociale 2017                           01   Storia e mission

dell’infanzia abbandonata e
comunque bisognosa attraverso
                                                     Mission
forme di assistenza intesa nella sua
più moderna e lata accezione [...]».
L’Istituto prende coscienza di
doversi aprire alle nuove realtà
esistenti sul territorio e che dalla
collaborazione con altri enti, come
la Regione o i Comuni, ma anche
associazioni e altri organismi,
può scaturire un confronto
progettuale sui temi dell’infanzia,
dell’adolescenza e della famiglia.
A partire dagli anni ’90 l’attività
di tutela dei diritti dell’infanzia e
dell’adolescenza si declina ancora                   Responsabilità, accoglienza, cultura       1989 e resa esecutiva con la
attraverso l’intervento diretto con                  sono alcuni dei valori che hanno           legge 27 maggio 1991, n. 176».
servizi educativi e di accoglienza, ma               caratterizzato la storia dell’Istituto     Tale promozione si basa sul
sempre di più mediante un’attività                   degli Innocenti e che insieme              riconoscimento del bambino come
di promozione culturale dei diritti                  ai principi della Convenzione              un soggetto portatore di diritti,
attivi dell’infanzia e dell’adolescenza,             internazionale sui diritti del fanciullo   capace di partecipare attivamente
in collaborazione con il Governo, le                 del 1989 rappresentano oggi il             alla vita sociale con una propria
amministrazioni locali e le istituzioni              riferimento etico dell’agire dell’ente.    originalità, potenzialità e peculiarità.
internazionali.                                                                                 In stretta connessione con le finalità
                                                     L’attività di tutela dei diritti
                                                                                                definite nello Statuto, il programma
Nel 2004, a seguito dell’emanazione                  dell’infanzia e dell’adolescenza
                                                                                                di mandato 2017-2021 definisce
della legge regionale Toscana n. 43                  si realizza attraverso l’intervento
                                                                                                le linee programmatiche dell’agire
del 3 agosto, da IPAB l'Istituto viene               diretto con servizi educativi e
                                                                                                dell’Ente.
trasformato in Azienda di servizi alla               di accoglienza ma soprattutto
persona (Asp).                                       attraverso una sempre maggiore
                                                     centralità e importanza dell’Istituto
                                                     in termini di promozione culturale
                                                     e di incidenza politica attraverso
                                                     fondamentali collaborazioni con
                                                     il Governo italiano – nelle varie
                                                     articolazioni che si occupano di
                                                     questi temi –, le amministrazioni
                                                     locali e le istituzioni internazionali.
                                                     Gli scopi istituzionali dell’Istituto
                                                     degli Innocenti sono chiaramente
                                                     declinati nell’art. 2 dello Statuto:
                                                     essi rappresentano i fili conduttori
                                                     dell’agire dell’Istituto che
                                                     innanzitutto «promuove i diritti attivi
                                                     dell’infanzia e dell’adolescenza così
                                                     come enunciati dalla Convenzione
                                                     sui diritti del fanciullo, adottata
                                                     a New York il 20 novembre
                                           16   17
Bilancio Sociale 2017                                                                          01   Storia e mission

Programma di mandato 2017-2021                                                                      lasciti e donazioni importanti               Ancora oggi è viva e sollecita
                                                                                                    (Villa La Brocchi nel Mugello, Villa         un’attenzione costante alla scelta
Il Programma di mandato conferma la volontà di sviluppare l’unicità
                                                                                                    La Torraccia a Fiesole); le opere            delle modalità più appropriate per
dell’esperienza dell’Istituto a livello nazionale e internazionale nella tutela dei
                                                                                                    d’arte, spesso appositamente                 far sì che l’esperienza dell’Istituto
diritti dei minori nei diversi ambiti, così come definiti dalla Convenzione ONU
                                                                                                    realizzate e legate ad aspetti della         degli Innocenti rappresenti un
del 1989, ponendosi come punto di riferimento culturale e operativo per lo
                                                                                                    vita dei bambini, sono conservate            modello gestionale unico, non
sviluppo reale di tali diritti.
                                                                                                    nell’Istituto e trovano oggi ampio           solo a livello locale ma anche
Le principali linee e progetti di sviluppo riguardano:                                              spazio espositivo nel nuovo Museo            internazionale. L’Istituto intende
··portare a regime le potenzialità del servizio educativo 0-6;                                      degli Innocenti; infine, il patrimonio       quindi applicare la conoscenza
··sviluppare la progettazione e realizzazione di servizi innovativi che                             documentale, testimonianza della             maturata attraverso indagini, studi e
  consolidino il “modello toscano” nel campo dei servizi educativi;                                 storia degli Innocenti e dei suoi            ricerche per sperimentare, innovare,
··ampliare e consolidare il modello di accoglienza residenziale, in particolare                     rapporti con l’arte, la politica e           e gestire servizi per l’infanzia e
  quella finalizzata all’accoglienza della diade madre-bambino, incentrata sul                      l’economia della città di Firenze            l’adolescenza, seguendo l’evolversi
  rafforzamento del ruolo genitoriale;                                                              e fonte importante per la storia             dei bisogni sociali. Intende inoltre
··realizzare, con uno specifico programma a “intensità crescente”, interventi                       dell’infanzia, è tutelato e valorizzato      amministrare le proprie attività
  di sostegno alla genitorialità in sinergia con gli enti territoriali, per stimolare               dalle attività dell’Archivio storico         secondo criteri di funzionalità e
  l’autonomia dei nuclei familiari in difficoltà;                                                   dell’Istituto. L’Istituto ha oggi            trasparenza, coerenti con l’identità
··ampliare l’esperienza del Villaggio la Brocchi, centro per l’accoglienza delle                    la responsabilità di custodire e             storica dell’ente e la normativa
  famiglie con minori richiedenti asilo, anche attraverso la destinazione al                        tramandare un ricco passato,                 vigente (per approfondimenti si
  medesimo di un ulteriore immobile limitrofo;                                                      promuovendone lo studio e                    rimanda ai cap. 6 e 7).
··consolidare le attività di monitoraggio e ricerca sulle condizioni dell’infanzia                  consentendone la fruibilità alla
  e dell’adolescenza e sulle politiche a questi soggetti destinate;                                 comunità (per gli approfondimenti si
··sviluppare la presenza dell’Istituto nel contesto europeo e di cooperazione                       rimanda al cap. 5).
  internazionale;
··rafforzare il rapporto con UNICEF-IRC con particolare riferimento all’avvio di
  progetti condivisi di alta formazione internazionale;
··sviluppare l’offerta formativa rivolta al mondo della scuola e investire nel                      La convenzione ONU sui diritti del fanciullo del 1989
  percorso di accreditamento presso il MIUR;
                                                                                                    La Convenzione internazionale sui diritti del fanciullo, approvata
··integrare l’offerta museale con percorsi che valorizzino la documentazione
                                                                                                    dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite il 20 novembre del 1989 a New
  delle attività realizzate oggi dall’Istituto, la promozione delle politiche e delle
                                                                                                    York, è stata sottoscritta da 194 Stati e ratificata dall’Italia il 27 maggio 1991
  best practices realizzate in collaborazione con enti governativi e territoriali;
                                                                                                    con la legge n. 176.
··continuare l’intervento di recupero e valorizzazione del patrimonio artistico
  in primo luogo con il restauro della Chiesa e la valorizzazione dell’Archivio                     È stato il primo strumento di tutela internazionale a sancire nel proprio testo
  storico (con particolare riguardo ai “segnali” e alle storie a essi legate).                      (articolato in 54 articoli) le diverse tipologie di diritti umani: civili, culturali,
                                                                                                    economici, politici e sociali, nonché quelli concernenti il diritto internazionale
                                                                                                    umanitario. In quanto dotata di valenza obbligatoria e vincolante, la
L’attenzione e la cura verso                 contribuiscono alla promozione                         Convenzione obbliga gli Stati che l’hanno ratificata a uniformare le norme di
le nuove generazioni è senza                 dei diritti attivi dell'infanzia e                     diritto interno a quelle della Convenzione e ad attuare tutti i provvedimenti
dubbio la sfida più importante               dell'adolescenza.                                      necessari ad assistere i genitori e le istituzioni nell’adempimento dei loro
che si intende cogliere rifacendosi                                                                 obblighi nei confronti di bambini e adolescenti.
                                             I beni storici, architettonici e artistici
esplicitamente alla Convenzione sui
                                             degli Innocenti sono espressione
diritti del fanciullo. In tal senso ci
                                             di sei secoli di ininterrotta
si riferisce in primo luogo alle due
                                             tutela dell’infanzia. Il patrimonio
grandi macroaree dell’educazione
                                             monumentale dell’Istituto,
e dell’accoglienza (vedi cap.3), e
                                             rappresentato principalmente
delle attività di documentazione,
                                             dalla sede brunelleschiana di
ricerca, monitoraggio delle politiche
                                             piazza Santissima Annunziata,
e formazione (vedi cap. 4) che
                                             si è arricchito nel tempo con
                                                                                          18   19
02
Bilancio Sociale 2017   02   Il sistema delle relazioni

il sistema
delle relazioni              L’Istituto degli Innocenti è inserito
                             in un’ampia rete di relazioni, in
                                                                        di promozione e tutela dei diritti
                                                                        dell’infanzia e adolescenza,
                             molti casi regolate da specifici           di valorizzazione e accesso al
                             accordi formali. I soggetti che            patrimonio culturale messe in
                             fanno parte di questo sistema              atto dall’Istituto. In altre parole,
                             relazionale sono definiti stakeholder.     gli stakeholder prendono parte, in
                             Gli stakeholder principali con i quali     qualità di fornitori, committenti
                             l’Istituto è entrato in relazione nel      o partner, alla realizzazione degli
                             2017 possono essere raggruppati            obiettivi strategici dell’ente. I
                             in due categorie: le persone e gli         rapporti e le relazioni che l’Istituto
                             enti/organizzazioni. Tra le persone        degli Innocenti ha con i suoi
                             fisiche rientrano principalmente           numerosi stakeholder, spesso
                             i bambini, gli adolescenti, le             si traducono in atti formali che
                             madri, le figure educative                 definiscono ruoli, responsabilità e
                             (genitori, operatori pubblici e            attività da sviluppare.
                             sociali, insegnanti, ricercatori),
                                                                        Nel corso del 2017 l’Istituto
                             i dipendenti, i collaboratori, i
                                                                        degli Innocenti ha stipulato atti
                             volontari, i tirocinanti, i fornitori
                                                                        di accordo di natura e tipologia
                             intellettuali, i donatori e – in termini
                                                                        diversa: accordo di collaborazione,
                             più generali – la cittadinanza.
                                                                        agreement; contratto di comodato;
                             Nel secondo raggruppamento
                                                                        contratto di sponsorizzazione;
                             rientrano le istituzioni pubbliche e
                                                                        convenzione; protocollo d’intesa. In
                             private, nazionali e internazionali
                                                                        totale sono stati stipulati 37 accordi
                             – in particolare le articolazioni che
                                                                        con 30 soggetti diversi.
                             si occupano in modo specifico
                             di infanzia, cultura e arte –, le
                             organizzazioni no profit, i fornitori
                             di beni e servizi, le università e
                             gli enti di ricerca, il mondo della
                             scuola, i donatori (ad esempio
                             aziende), i mass media. Entrambe
                             le categorie – in modo diverso
                             – sono destinatarie delle azioni
                        21
Bilancio Sociale 2017                                                                                                                                                                                                        02   Il sistema delle relazioni

                                                                                                                      Series1

                                                                                                 Grafico 1
          14                                                                                                                                                                                    Figura 1                             La partecipazione a reti
                                                                                                                                                                                                Accordi per tipologia 2017

                                                                                                                                                                                                                                     ANCP
        10,5
                                                                                                                                                                                                                                     Catalogo italiano dei periodici, grazie al quale gli utenti possono usufruire
                                                                                                                                                                                                                                     del servizio di scambio di articoli fra le strutture aderenti. Il catalogo ha
                                                                                                                                                                                                                                     avuto origine dall’Archivio collettivo nazionale dei periodici (ACNP) ed è nato
           7                                                                                                                                                                                                                         negli anni ’70 per iniziativa dell’ISRDS-CNR. Il catalogo contiene le descrizioni
                                                                                                                                                                                                                                     bibliografiche delle pubblicazioni periodiche possedute da biblioteche
                                                                                                                                                                                                                                     dislocate su tutto il territorio nazionale e copre tutti i settori disciplinari. Già
                                                                                                                                                                                                                                     dal 1988 l’Università di Bologna ha messo a disposizione della comunità
         3,5                                                                                                                                                                                                                         scientifica la consultazione on line di questo archivio sul proprio sistema di
                                                                                                                                                                                                                                     Information Retrieval.
                                                                                                                                                                                                                                     Per maggiori informazioni:
           0                                                                                                                                                                                                                         acnp.unibo.it/catalogo
                    accordo collaborazione

                                                       agreement

                                                                         contratto di comodato

                                                                                                                                                      convenzione
                                                                                                            contratto di sponsorizzazione

                                                                                                                                                                          protocollo d'intesa
                                                                                                                                                                                                                                     ARET

                                                                                                                                                                                                                                     Associazione regionale toscana delle aziende pubbliche di servizi alla
                                                                                                                                                                                                                                     persona (Asp) che operano nel territorio toscano. Rappresenta le aziende
                                                                                                                                                                                                                                     nelle relazioni istituzionali e nel promuovere lo sviluppo e la crescita nella
                                                                                                                                                                                                                                     concertazione. Attualmente l’associazione raggruppa Asp.
                                                                                             Titolo categoria
                                                                                                        Grafico 2
                                                                                                                                                                                                Figura 2
                                                                                                                                                                                                Accordi per tipologia di             CNCM
                                                                                                                                                                                                controparte 2017
                                                                   22%
                                                                                                                                                                                                · enti no profit
                                                                                                                                                                                                                                     Coordinamento nazionale comunità per minori. Nato nel 1990, è un luogo
                                                                                                                                                                      27%
                                                                                                                                                                                                . pubblica amm.ne                    di ricerca e riflessione dove, prescindendo da appartenenze ideologiche, gli
                                                                                                                                                                                                . pubblica amm.ne estera             educatori si confrontano su temi importanti quali l’identità delle comunità,
                                                                                                                                                                                                . aziende profit                     la formazione degli operatori, la progettazione educativa, l’organizzazione
                                                                                                                                                                                                . università, scuole e centri
                                                                                                                                                                                                  ricerca                            della vita quotidiana, la supervisione. Il CNCM svolge, inoltre, un ruolo di
                                                                                                                                                                                                                                     rappresentanza nei confronti delle istituzioni nazionali e locali e mantiene
                                                                                                                                                                                                                                     relazioni con organismi e associazioni internazionali appartenenti all’area
                                             5%                                                                                                                                                                                      dei servizi educativi. All’associazione aderiscono attualmente 187 comunità
                                                                                                                                                                                                                                     diffuse sul territorio nazionale.
                                                                                                                                                                                                                                     Per maggiori informazioni:
                                                                                                                                                                                                                                     www.cncm.it
                                                  8%
                                                                                                                                                                                                                                     COBIRE

                                                                                                                                                                                                                                     È il coordinamento delle biblioteche e delle strutture documentarie della
                                                                                                                                                                                                                                     Regione Toscana, delle agenzie e istituti collegati. Rappresenta il punto di
                                                                                                                                                                                                                                     arrivo di un processo di cooperazione interbibliotecaria tra alcune strutture
                                                                                                                                                                                                                                     documentarie della Regione Toscana, iniziato a metà degli anni ʼ80 e oggi
                                                                                                                                            38%
                                                                                                                                                                                                                                     arrivato ad avere una fisionomia articolata e ad attuare concreti servizi
                                                                                                                                                                                                                                     informativi per l’ente regione.
enti no profit   pubblica amm.ne                         pubblica amm.ne estera                        aziende profit                               università, scuole e centri ricerca
                                                                                                                                                                                                                                     Per maggiori informazioni: http://www.consiglio.regione.toscana.it/
                                                                                                                                                                                                                                     Biblioteca/default.aspx?idc=61&nome=COBIRE
                                                                                                                                                                                                                           22   23
Bilancio Sociale 2017                                                                      02   Il sistema delle relazioni

                                                                                                SDIAF
GRUPPO NAZIONALE NIDI INFANZIA
                                                                                                Il Sistema documentario integrato dell'area fiorentina riunisce le biblioteche,
È un’associazione nata nel 1980 per offrire occasioni di incontro e discussione                 gli archivi e molte istituzioni culturali dell'area metropolitana con lo scopo
tra persone che operano nel settore dell’educazione della prima infanzia, in                    di rendere possibile l’accesso a tutti i cittadini al mondo dell’informazione e
luoghi diversi e in diverse situazioni professionali, attorno ai temi della vita e              della conoscenza e valorizzare le radici storico-politico-sociali del territorio
della condizione sociale dei bambini piccoli, della cura e dell’educazione nella                con iniziative che rendano vivi e fruibili la documentazione e il patrimonio
prima infanzia, della qualità e delle prospettive delle scuole e dei servizi per                bibliografico conservato.
l’infanzia.
                                                                                                Il Sistema è stato ampliato, con apposite convenzioni, a decine di istituti
Per maggiori informazioni:                                                                      culturali, associazioni, enti religiosi e università. Tra questi ricordiamo il
www.grupponidiinfanzia.it                                                                       Gabinetto G.P. Vieusseux, l’Accademia della Crusca, la Facoltà Teologica
                                                                                                dell’Italia centrale, l’Università degli studi di Firenze e l’Università Europea.
OSSERVATORIO NAZIONALE PER L’INFANZIA E L’ADOLESCENZA                                           Per maggiori informazioni: sdiaf.comune.fi.it/

Istituito, assieme alla Commissione parlamentare per l’infanzia e
l’adolescenza, dalla legge 451/1997, l’Osservatorio è attualmente regolato dal                  WORLDCAT
DPR 103/2007 che ne affida la presidenza congiunta al Ministero del lavoro e
                                                                                                WorldCat è un catalogo bibliografico che registra le collezioni delle 72.000
delle politiche sociali e al Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio
                                                                                                biblioteche che, da oltre 170 nazioni, partecipano alla cooperazione
dei ministri con delega per le politiche della famiglia.
                                                                                                bibliotecaria Online Computer Library Center (OCLC), al fine di rafforzare
Coordina amministrazioni centrali, regioni, enti locali, associazioni, ordini                   la visibilità e lo scambio a livello internazionale. WorldCat è costruito e
professionali e organizzazioni non governative che si occupano di infanzia.                     mantenuto collettivamente dalle biblioteche partecipanti.
I componenti sono rappresentanti di pubbliche amministrazioni nazionali e
locali, enti e associazioni, organizzazioni del volontariato e del terzo settore,
esperti in materia di infanzia e adolescenza. I lavori dell’Osservatorio si
svolgono in sedute plenarie e in gruppi di lavoro tematici.
Per maggiori informazioni:
www.minori.it/?q=osservatorio

RTRT

Rete telematica della Regione Toscana. Nasce il 21 maggio 1997 con
l’approvazione della delibera CR n. 172. Rappresenta un intervento organico
per lo sviluppo della società dell’informazione e modello organizzativo
di rapporti tra i diversi soggetti partecipanti fondato sul concetto della
condivisione degli obiettivi, della cooperazione e della compartecipazione,
capace di produrre e sostenere processi di innovazioni.
RTRT rappresenta un’opportunità unica di sviluppo: per l’instaurarsi di nuovi
rapporti fra le pubbliche amministrazioni e fra queste e i cittadini, le imprese
e la società più in generale; per l’innovazione tecnologica e organizzativa
interna agli enti; per la promozione delle risorse della Toscana; per le piccole e
medie imprese nel settore dell’innovazione tecnologica.
Per maggiori informazioni:
www.rtrt.it

                                                                                      24   25
Bilancio Sociale 2017                                                                      02   Il sistema delle relazioni

Collaborazioni strategiche                                                                        sull'attuazione della legge
                                                                                                  149/2001 con riferimento al tema
                                                                                                                                         supporto dell’Osservatorio per il
                                                                                                                                         contrasto della pedofilia e della
                                                                                                  dei bambini “allontanati dalla         pornografia minorile che è stato
                                                                                                  famiglia” e di altre specifiche        istituito, presso la Presidenza del
                                                                                                  normative di settore, quali ad         Consiglio dei Ministri, con legge 6
                                                                                                  esempio la legge 269/1998 contro       febbraio 2006, n. 38.
                                                                                                  lo sfruttamento della prostituzione,
                                                                                                                                         In particolare l’Istituto svolge le
                                                                                                  della pornografia e del turismo
                                                                                                                                         seguenti attività:
                                                                                                  sessuale;
                                                                                                                                         ··attività di raccolta della
                                                                                                ··monitoraggio del Piano nazionale
                                                                                                                                           documentazione necessaria
                                                                                                  di interventi per lo sviluppo del
                                                                                                                                           e redazione della Relazione
                                                                                                  sistema territoriale dei servizi
                                                                                                                                           al Parlamento sull’attività di
                                                                                                  socioeducativi per la prima
                                                                                                                                           coordinamento di cui all’art. 17,
                                                                                                  infanzia;
                                                                                                                                           comma 1, della legge 3 agosto
                                                                                                Le funzioni del Centro nazionale           1998, n. 269;
Presidenza del Consiglio dei               si esplicano con: la raccolta e                      gestite dall'Istituto prevedono:         ··l’attività di raccolta della
Ministri - Dipartimento per le             diffusione di normativa, dati                        ··attività di base, articolate             documentazione necessaria
politiche della famiglia, Ministero        statistici e pubblicazioni scientifiche;               nelle varie aree di intervento           per la redazione della Relazione
del lavoro e delle politiche sociali       la mappatura aggiornata dei servizi                    (informazione, documentazione,           al Parlamento sull’attività di
                                           e delle risorse destinate all’infanzia                 statistica, comunicazione);              coordinamento di cui all’art. 17,
L’Istituto degli Innocenti
                                           a livello nazionale, regionale e locale;             ··attività specifiche e innovative,        comma 1, della legge 3 agosto
realizza attività di ricerca,
                                           l’analisi della condizione dell’infanzia               di volta in volta concordate con         1998, n. 269;
formazione, documentazione e
                                           e dell’adolescenza e la valutazione                    i ministeri di riferimento e il        ··supporto tecnico scientifico alla
iniziative editoriali promosse in
                                           dell’attuazione della legislazione;                    Comitato tecnico scientifico del         redazione delle Linee guida relative
collaborazione con enti, istituzioni
                                           la predisposizione degli schemi di                     Centro.                                  ai livelli essenziali di assistenza
e organizzazioni a livello locale,
                                           rapporti e relazioni istituzionali;                                                             ai minori vittime di abuso e
regionale, nazionale e internazionale
                                           la formulazione di proposte per                                                                 sfruttamento sessuale;
negli ambiti delle politiche per                                                                Dipartimento per le pari
                                           l’elaborazione di progetti-pilota                                                             ··assistenza tecnica per attività di
l’infanzia, l’adolescenza e la famiglia.                                                        opportunità - Presidenza del
                                           e di interventi; la promozione                                                                  carattere internazionale che vede
I principali rapporti di collaborazione                                                         Consiglio dei Ministri
                                           della conoscenza degli interventi                                                               impegnato il Dipartimento per le
in essere sono regolati da specifici
                                           delle amministrazioni pubbliche. Il                  A partire dal 2013, è stata avviata        Pari Opportunità e l’Osservatorio;
accordi. In base alla legge 451/1997
                                           Centro nazionale gestisce inoltre il                 un’intensa e articolata attività di      ··attività di monitoraggio e analisi
– istitutiva della Commissione
                                           portale www.minori.it. L’Istituto è                  collaborazione con il Dipartimento         dei progetti finanziati attraverso
parlamentare per l’infanzia e
                                           stato il soggetto gestore, in modo                   per le pari opportunità - Presidenza       l'Avviso pubblico;
l’adolescenza e dell’Osservatorio
                                           stabile e continuativo, delle attività               del Consiglio dei Ministri. Tale         ··redazione sito web
nazionale dell’infanzia – e al DPR
                                           del Centro nazionale fin dalla sua                   collaborazione ha per oggetto              dell'Osservatorio;
103/2007 – regolamento di riordino
                                           attivazione. Alle funzionalità previste              il tema della violenza, dello            ··collaborazione alla gestione della
dell’Osservatorio nazionale per
                                           dalla legge istitutiva, che ne fanno                 sfruttamento e dell’abuso di minori        banca dati su minori vittima di
l’infanzia e l’adolescenza e del
                                           uno strumento conoscitivo generale                   e si inserisce nella prevista attività     abuso e maltrattamento; stesura
Centro nazionale –, l’Osservatorio
                                           sulla condizione dell’infanzia in                    di monitoraggio sull’attuazione            di memorie sui temi oggetto della
nazionale per l’infanzia e
                                           Italia, si sono aggiunte nel tempo le                della legge 269/1998 in capo alle          convenzione.
l’adolescenza si avvale di un Centro
                                           attività di:                                         articolazioni ministeriali competenti
nazionale di documentazione e
                                           ··informazione, promozione e                         in materia. L’Istituto degli Innocenti
analisi per l’infanzia e l’adolescenza
                                             monitoraggio per l'attuazione della                si occupa in particolare di un
per lo svolgimento delle proprie
                                             legge 285/1997 (a supporto delle                   insieme di attività di consulenza,
funzioni sulla base di un programma
                                             competenze del Ministero del                       assistenza tecnica, formazione,
di attività elaborato annualmente.
                                             lavoro e delle politiche sociali);                 documentazione e ricerca inerenti
In particolare, le attività del Centro
                                           ··ricerca e monitoraggio                             la tematica in esame, anche in
                                                                                      26   27
Bilancio Sociale 2017                                                                      02   Il sistema delle relazioni

UNICEF                                     a Firenze la sua sede. L’accordo                     Ministero degli affari esteri           Regione Toscana
                                           prevedeva la messa a disposizione
Nel 1988 l’UNICEF ha creato                                                                     Il Ministero degli affari esteri si     La Regione Toscana ha
                                           di locali più ampi a seguito di una
nella sede dell’Istituto il Centro                                                              rivolge all’Istituto degli Innocenti    positivamente investito fin dai
                                           ristrutturazione finanziata per i
di ricerca Innocenti (IRC) in base                                                              per supporto tecnico-scientifico        primi anni ’90 sull’Istituto degli
                                           2/3 dalla Regione Toscana, che si è
all’accordo tra il Governo italiano                                                             nell’attuare importanti progetti di     Innocenti per la realizzazione di
                                           conclusa alla fine del 2017.
e il Fondo delle Nazioni Unite per                                                              cooperazione internazionale mirati      percorsi di documentazione e
l’infanzia (legge 312/1988). Tale                                                               al miglioramento delle condizioni       approfondimento sulle politiche e gli
accordo-quadro individua nelle             Commissione per le adozioni                          dell’infanzia a livello globale. Le     interventi regionali rivolti all’infanzia
attività di ricerca, formazione e          internazionali                                       attività svolte nell’ambito di questa   e all’adolescenza. Più recentemente,
documentazione sull’infanzia la                                                                 collaborazione comprendono              con la LR 31/2000, ha individuato
                                           La Commissione per le adozioni
collaborazione tra UNICEF e Istituto                                                            l’assistenza tecnica finalizzata        l’Istituto come titolare:
                                           internazionali garantisce che
degli Innocenti. Uno degli obiettivi                                                            alla progettazione di strumenti         ··delle funzioni di Osservatorio
                                           le adozioni di bambini stranieri
primari del Centro è quello di                                                                  di cooperazione capaci di                 per l’area minori (di cui alla
                                           avvengano nel rispetto dei principi
incoraggiare l’effettiva attuazione                                                             incrementare la centralità delle          legge 451/1997) nel quadro
                                           stabiliti dalla Convenzione de L’Aja
della Convenzione ONU sui diritti                                                               tematiche minorili nei progetti di        delle funzionalità complessive
                                           del 29 maggio 1993 sulla tutela dei
del fanciullo, sia nei Paesi in via di                                                          sviluppo.                                 dell’Osservatorio sociale regionale;
                                           minori di età e la cooperazione in
sviluppo sia in quelli industrializzati.                                                                                                ··del Centro regionale di
                                           materia di adozione internazionale.                  L’Istituto degli Innocenti ha
Due sono le aree principali di                                                                                                            documentazione per l’infanzia e
                                           Si compone di rappresentanti della                   prodotto per il Ministero
ricerca: l’analisi delle politiche                                                                                                        l’adolescenza.
                                           Presidenza del consiglio dei ministri,               l’aggiornamento delle fonti
socioeconomiche e l’applicazione
                                           dei ministeri degli Affari esteri, della             normative su cui si basano le           Tali funzioni costituiscono lo
dei principali trattati internazionali
                                           Pubblica istruzione, del Lavoro e                    Linee guida della cooperazione          strumento di supporto informativo e
sui diritti umani. Il Centro diffonde
                                           delle politiche sociali, dell’Interno,               italiana sulle tematiche minorili.      conoscitivo per la programmazione
i risultati delle proprie attività
                                           della Giustizia, della Salute,                       Il Ministero degli affari esteri ha     e il monitoraggio delle politiche
attraverso seminari, laboratori
                                           dell’Economia e delle finanze, della                 inoltre identificato nell’Istituto      regionali di intervento a favore di
di formazione e pubblicazioni.
                                           Conferenza unificata Stato-Regioni,                  degli Innocenti un importante           bambini, ragazzi e famiglie. Secondo
Per strutturare meglio l’attività
                                           delle associazioni familiari e di tre                consulente capace di fornire            il mandato della legge regionale,
informativa è stata creata nel
                                           esperti. Fin dalla sua costituzione                  ad altri Stati il supporto tecnico      il Centro regionale ha sviluppato
1989 la “Innocenti Pubblications”
                                           (novembre 2000) la Commissione                       necessario per istituire strutture      percorsi di aggiornamento
che si occupa dell’edizione degli
                                           ha individuato nell’Istituto degli                   nazionali per il monitoraggio e la      professionale rivolti a operatori,
studi, delle ricerche e dei rapporti
                                           Innocenti il soggetto competente                     documentazione sulla condizione         tecnici e amministratori proposti
informativi annuali del Centro;
                                           per fornire supporto tecnico-                        dell’infanzia e dell’adolescenza nel    come percorsi di formazione-azione,
realizza pubblicazioni a stampa e in
                                           scientifico alla realizzazione                       proprio Paese. In questo quadro         di accompagnamento allo sviluppo
formato elettronico direttamente
                                           delle azioni di analisi statistica,                  di intervento, l’Istituto ha seguito    dei servizi, spesso a carattere
scaricabili dal sito dell’UNICEF (www.
                                           informazione e formazione che                        due operazioni in Medio Oriente,        innovativo e sperimentale.
unicefirc.org/).
                                           rientrano nel campo di attività della                in Libano e in Egitto, volte a
La collaborazione tra il Centro            Commissione stessa. Le attività                      supportare la creazione di centri
di ricerca e l’Istituto degli              vengono realizzate nell’ambito                       di documentazione con l’obiettivo
Innocenti ha portato nel 2001              di appositi programmi e piani a                      di promuovere la conoscenza sulla
alla fondazione della Biblioteca           sviluppo annuale, compresi nella                     condizione dell’infanzia di modo da
Innocenti Library (www.biblioteca.         cornice di un apposito accordo                       supportare politiche governative dei
istitutodeglinnocenti.it; per              quadro di collaborazione.                            rispettivi governi.
approfondimenti si veda il cap. 4).
Con un successivo accordo
sottoscritto nel marzo 2012
con Regione Toscana e Istituto
degli Innocenti, UNICEF ha
definitivamente deciso di mantenere
                                                                                      28   29
Bilancio Sociale 2017                                                                        02   Il sistema delle relazioni

Comune di Firenze                             dal Comune di Firenze rimanendo                     Autorità Nazionale Garante per           Corecom
                                              la possibilità di accogliere                        l’infanzia e l’adolescenza
L’Istituto degli Innocenti e il Comune                                                                                                     È proseguita, anche nel 2017, la
                                              madri con bambino e gestanti
di Firenze hanno firmato nel 1997                                                                 L’Istituto degli Innocenti ha            collaborazione con il Comitato
                                              provenienti da zone limitrofe e/o
un protocollo d’intesa al fine di                                                                 recentemente siglato un                  regionale delle comunicazioni della
                                              dal territorio regionale e statale.
individuare programmi di reciproco                                                                accordo di collaborazione per il         Regione Toscana, nel quadro delle
                                            ··Nel 2017 è stata siglato un
interesse per realizzare interventi                                                               supporto alle attività dell’Autorità     attività dell'Osservatorio Internet@
                                              accordo di collaborazione per
coordinati in materia socioeducativa                                                              Nazionale Garante per l’infanzia         minori. In particolare è stato
                                              la realizzazione di interventi
e culturale, con particolare                                                                      e l’adolescenza, che si sostanzia        sviluppato un articolato percorso
                                              coordinati in materia socio-
attenzione ad attività e servizi rivolti                                                          principalmente nel fornire supporto      di workshop formativi, in varie sedi
                                              educativa e culturale, che prevede
all’infanzia, alla preadolescenza                                                                 tecnico-scientifico alle attività        del territorio regionale, rivolti a
                                              come obiettivo principale la
e alle famiglie. Ciò ha portato il                                                                di tavoli di lavoro tematici e alle      insegnanti per l'aggiornamento in
                                              realizzazione di un servizio di
Comune e l’Istituto a stipulare                                                                   attività delle reti internazionali       materia di educazione ai media e
                                              “incontri protetti e/o facilitati” che
opportune convenzioni sui temi                                                                    dei Garanti per i minori, oltre che      uso dei media in contesti didattici.
                                              ha lo scopo di salvaguardare il
dell’educazione, dell’accoglienza e                                                               nella ricognizione e monitoraggio        Sono stati realizzati inoltre due
                                              diritto di visita e di relazione tra
dell’affido.                                                                                      permanente degli atti del Governo        percorsi in Regione Abruzzo e in
                                              figli e genitori in contesti di elevata
··Riserva esclusiva dei posti nei                                                                 e del Parlamento di specifico            Regione Marche, in collaborazione
                                              conflittualità o problematicità, a
  servizi educativi per la prima                                                                  interesse.                               con i Corecom regionali.
                                              seguito di disposizioni dell’Autorità
  infanzia dell’Istituto degli Innocenti:
                                              Giudiziaria o su valutazione del
  nel 2000 il Comune di Firenze e                                                                                                          Università Cattolica del Sacro
                                              Servizio Sociale Professionale.                     Regione Lazio
  l’Istituto degli Innocenti hanno                                                                                                         Cuore di Milano
                                              L’accordo prevede inoltre attività                  Nel 2017 è stato siglato un nuovo
  stipulato una convenzione al fine di
                                              di formazione, consulenza e                                                                  Ha preso il via nel 2017 la quarta
  utilizzare in via esclusiva, mediante                                                           accordo di collaborazione a valenza
                                              aggiornamento degli operatori                                                                edizione del Master di II livello
  proprie graduatorie d’accesso, il                                                               pluriennale con l'IPAB Asilo Savoia
                                              del Centro Affidi e del Centro                                                               Affido, adozione e nuove sfide
  potenziale di ricettività dei servizi                                                           per la realizzazione di azioni
                                              Adozioni del Comune di Firenze e                                                             dell'accoglienza familiare: aspetti
  educativi per la prima infanzia                                                                 di consulenza, monitoraggio e
                                              la progettazione e organizzazione                                                            clinici, sociali e giuridici, attivato
  gestiti dall’Istituto.                                                                          valutazione alle azioni di sistema
                                              di percorsi di sensibilizzazione,                                                            dall'Università Cattolica del
··Attività di accoglienza residenziale                                                            della Regione Lazio nell'ambito
                                              formazione e accompagnamento                                                                 Sacro Cuore di Milano con la
  per i bambini soli e/o con genitore                                                             del sostegno alle famiglie e alla
                                              allo sviluppo di una cultura                                                                 collaborazione dell'Istituto degli
  in stato di rischio e/o disagio                                                                 genitorialità.
                                              dell’accoglienza rivolti a scuole, enti                                                      Innocenti.
  sociale nelle strutture afferenti
                                              e associazioni del terzo settore.                   Comune di Napoli
  all’Istituto degli Innocenti: nei
                                                                                                                                           Progetto Ser.I.O.
  servizi di accoglienza gestiti                                                                  Con il Comune di Napoli si è
  dall’Istituto degli Innocenti                                                                                                            Da segnalare, infine, l'attivazione
                                                                                                  avviata fin dal 2015 una proficua
  possono essere accolti bambini                                                                                                           del servizio sperimentale Ser.I.O.
                                                                                                  collaborazione finalizzata allo
  in età compresa tra 0 e 6 anni,                                                                                                          (Servizio per le informazioni sulle
                                                                                                  sviluppo del sistema dei servizi
  temporaneamente privi di un                                                                                                              origini), attivato sulla base di un
                                                                                                  socioeducativi a carattere diurno e
  ambiente familiare idoneo,                                                                                                               progetto sperimentale promosso
                                                                                                  semiresidenziale rivolti a bambini
  segnalati dal servizio sociale                                                                                                           dall'Istituto degli Innocenti di
                                                                                                  e famiglie residenti nel territorio
  competente con riserva di tre                                                                                                            Firenze, sostenuto dalla Regione
                                                                                                  napoletano. Nel 2017 è stato
  posti a favore di utenti assistiti dal                                                                                                   Toscana, che mira a rafforzare la
                                                                                                  condivisa la terza annualità di
  Comune di Firenze o provenienti                                                                                                          collaborazione fra i diversi soggetti
                                                                                                  interventi a carattere formativo
  da zone limitrofe e/o dal territorio                                                                                                     del “sistema adozioni” toscano
                                                                                                  rivolti ad assistenti sociali ed
  regionale e statale (Casa Bambini).                                                                                                      e mette per la prima volta a
                                                                                                  educatori, nonché lo sviluppo di un
  In Casa Madri e Casa Rondini,                                                                                                            disposizione della persona adottata
                                                                                                  sistema informativo e documentale
  servizi di accoglienza per gestanti                                                                                                      che vuole ricercare le proprie origini
                                                                                                  per il monitoraggio delle attività dei
  e madri con figli, l’Istituto riserva                                                                                                    un team di esperti per un'azione di
                                                                                                  servizi.
  quattro posti, per ciascuna                                                                                                              informazione e accompagnamento.
  struttura, a favore di utenti assistiti
                                                                                        30   31
Puoi anche leggere
DIAPOSITIVE SUCCESSIVE ... Annulla