OF DERMATOLOGY 2019 24TH WORLD CONGRESS - PDF INTERATTIVO - Pharmastar

 
OF DERMATOLOGY 2019 24TH WORLD CONGRESS - PDF INTERATTIVO - Pharmastar
24 WORLD CONGRESS
        TH

OF DERMATOLOGY 2019
Milano, 10-15 giugno 2019

w w w   .   p h a r m a s ta r   .   i t               PDF INTERATTIVO

                                                                       95 PAG
                                                                    24 INT    INE
                                                                           ERVIS
                                                                     26 ART     TE
                                                                            ICOLI
              TUESDAY
              11 JUNE

                                           WEDNESDAY
                                            12 JUNE

                                                        THURSDAY
                                                         13 JUNE

                                                                            14 JUNE
                                                                             FRIDAY
OF DERMATOLOGY 2019 24TH WORLD CONGRESS - PDF INTERATTIVO - Pharmastar
Foto: WCD 2019
dermatite atopica   psoriasi   tumore della pelle   altre news dal wcd2019                2
OF DERMATOLOGY 2019 24TH WORLD CONGRESS - PDF INTERATTIVO - Pharmastar
Introduzione
Nuovi farmaci appena introdotti sul mercato per la cura di
patologie dal forte impatto sociale, come psoriasi e dermatite
atopica, e che presentano alti profili di efficacia e sicurezza;
tecnologie non invasive che consentono diagnosi sempre più
precoci e accurate; terapie target e immunoterapie all’avan-
guardia per i tumori cutanei più avanzati capaci di allungare
le aspettative di vita. Ma anche la cosmetologia cutanea e le
nuove frontiere della medicina estetica, non più mirata al ri-
empimento ma al rimodellamento e alla rigenerazione dei tes-
                                                                   professor Giovanni Pellacani
suti: un approccio terapeutico non invasivo, “la non chirurgia“,
in grado di ottenere ringiovanimento cutaneo, rimodellamen-        Dermatologia, a Milano si svolge il congresso mondiale
to corporeo e dimagrimento in modo non invasivo.

Sono questi alcuni dei temi del 24° Congresso Mondiale di Der-          GUARDA IL VIDEO
matologia (24th World Congress of Dermatology, WCD2019),
che si è svolto al MiCo, Milano Convention Center, dal 10 al 15 C’è stato spazio anche per i nuovi scenari come quello sull’in-
giugno 2019.                                                    telligenza artificiale che avrà una sempre una maggiore ap-
                                                                plicazione nella diagnostica oncologica del melanoma cuta-
Il WCD2019, che torna in Italia dopo 47 anni, ha riunito esper- neo e delle altre neoplasie, sempre però guidata e interpretata
ti provenienti da tutti i continenti per condividere esperienze dall’uomo.
e conoscenze: un’occasione unica per approfondire le più re-
centi scoperte scientifiche, i progressi ottenuti e il loro impat- “Negli ultimi anni la dermatologia ha cambiato la sua pelle fino
to nella pratica clinica.                                          al punto in cui è attualmente possibile parlare di trattamento
                                                                   reale, non solo di controllo, per molte malattie infiammatorie
Tra i temi emergenti anche il microbiota cutaneo, responsabi- e devastanti” dichiara il professor Giovanni Pellacani dell’U-
le dell’omeostasi cutanea, e le terapie all’avanguardia come la niversità di Modena e Reggio Emilia, presidente del WCD2019.
nuova terapia genica con cellule staminali epiteliali, portata “Per quanto riguarda il cancro della pelle, importanti svilup-
avanti dal professor Michele De Luca dell’Università di Mode- pi si sono verificati nella dermatologia oncologica insieme a
na e Reggio Emilia, famoso per aver curato e salvato la vita al- nuove tecnologie non invasive e nuove terapie avanzate”.
cuni anni fa a un bambino siriano affetto da epidermolisi bol-
losa, una grave malattia genetica.

    dermatite atopica                       psoriasi                   tumore della pelle              altre news dal wcd2019         3
OF DERMATOLOGY 2019 24TH WORLD CONGRESS - PDF INTERATTIVO - Pharmastar
Foto: WCD 2019
dermatite atopica   psoriasi   tumore della pelle   altre news dal wcd2019                4
OF DERMATOLOGY 2019 24TH WORLD CONGRESS - PDF INTERATTIVO - Pharmastar
Tra i relatori delle sessioni plenarie la professoressa Emma        “Questo congresso prevede la partecipazione di scienziati da
Guttman del Mount Sinai Hospital, tra i maggiori esperti mon-       tutto il mondo, un’occasione per condividere i risultati dei loro
diali di dermatite atopica; Giuseppe Argenziano, professore a       studi” ha dichiarato all’esordio del congresso la professoressa
capo dell’Unità di Dermatologia dell’Università della Campa-        Ketty Peris del Policlicnico Gemelli di Roma, segretario gene-
nia, esperto di dermatologia oncologica, e il professor Loren-      rale del WCD2019. “Il tema scelto è Una nuova era per la der-
zo Cerroni del Dipartimento di Dermatologia dell’Università         matologia globale proprio perché il Congresso sarà focalizzato
di Graz, dermato-patologo conosciuto a livello internazionale.      sulle nuove tecnologie applicate alla dermatologia. Tutto que-
                                                                    sto mostra quanto sia vasta e affascinate la nostra disciplina”
Il 24th World Congress of Dermatology è stata anche l’occasio- conclude la professoressa Peris.
ne per parlare di temi medici e scientifici a livello globale con
5 illustri relatori: la biologa e senatrice a vita Elena Cattaneo, Harvey Lui, professore presso l’Università della British Co-
tra i massimi esperti italiani di cellule staminali e malattie lumbia e presidente ILDS, asserisce che “ILDS è lieta di torna-
neurodegenerative; lo studioso Thomas Boller del Max Plan- re alle sue radici europee per il 24° Congresso mondiale di der-
ck Institute for Extraterrestrial Physics in Germania, premiato matologia a Milano. Sono passati 130 anni da quando il primo
per la sua ricerca sui nuclei galattici attivi; il dottor Paul Red- congresso mondiale ebbe luogo a Parigi nel 1889”.
mond dell’Università di Liverpool, esperto in teoria genera-
zionale e nelle relative implicazioni; il professor John O’Shea Il 24th World Congress of Dermatology si svolge sotto l’egida
dagli Stati Uniti pluripremiato biologo specializzato in medi- dell’ILDS, l’International League of Dermatological Societies.
cina interna, allergia e immunologia e il premio Nobel Tamot- La Società Italiana di Dermatologia medica, chirurgica, este-
su Yoshimori, professore di biologia cellulare all’Università di tica e delle Malattie Sessualmente Trasmesse (SIDeMaST) è
Osaka in Giappone.                                                  l’organizzatore nazionale e Triumph Group International è il
                                                                    PCO del 24th World Congress of Dermatology.

  Box. I numeri del 24esimo WCD, World Congress of Dermatology
  Circa 200 tra meeting e sessioni, 18 major sponsor, 16.446       mondo – ha dichiarato Ketty Peris del Policlinico Gemelli di
  registrazioni, 5.777 abstract, 12.600 delegati, 1.133 borse di   Roma, segretario generale del Wcd2019 - Sono stati illustra-
  studio, 15.000 metri quadrati di spazio espositivo. Sono         ti risultati entusiasmanti relativi a numerose nuove terapie
  questi alcuni dei numeri del 24.mo World Congress of Der-        sia per le malattie infiammatorie che tumorali della pelle,
  matology. “Il congresso è stato un grande successo, con la       che ci consentono ormai di scegliere la soluzione più ade-
  partecipazione di oltre 16 mila persone da tutti i Paesi del     guata al paziente”.

    dermatite atopica                       psoriasi                     tumore della pelle              altre news dal wcd2019         5
OF DERMATOLOGY 2019 24TH WORLD CONGRESS - PDF INTERATTIVO - Pharmastar
I numeri della dermatologia
Quindici milioni di italiani, circa il 25% della popolazione, sof-
frono di malattie della pelle. Patologie come dermatite atopi-
ca, psoriasi e tumori cutanei sono sempre più diffuse, anche a
causa dell’ambiente e del progressivo invecchiamento dei cit-
tadini. La dermatologia è l’apripista di innovazioni che stanno
cambiando la storia della medicina, con passi in avanti decisi-
vi che toccano sia le tecniche diagnostiche che i farmaci.

Progressi a cui ha offerto un contributo importante la SIDe-
                                                                     prof. Giovanni Pellacani
MaST (Società Italiana di Dermatologia medica, chirurgica,
estetica e delle Malattie Sessualmente Trasmesse), la più an-        Epidermolisi bollosa, oggi si può curare con la terapia genica
tica società scientifica al mondo nel settore delle malattie del-
la pelle (fondata nel 1885).
                                                                          GUARDA IL VIDEO

                                                                                                                                      Foto: WCD 2019
    dermatite atopica                        psoriasi                    tumore della pelle                altre news dal wcd2019                      6
OF DERMATOLOGY 2019 24TH WORLD CONGRESS - PDF INTERATTIVO - Pharmastar
“Sono 3.000 le patologie della pelle: infiammatorie, autoim-
muni, allergiche, degenerative, tumorali e infettive - spiega il
prof. Piergiacomo Calzavara-Pinton, Presidente SIDeMaST -.
La nostra specialità sta vivendo un momento rivoluzionario
con l’introduzione di nuove procedure diagnostiche e di far-
maci innovativi che negli ultimi 20 anni hanno radicalmente
cambiato l’approccio a queste malattie. Si è passati da una der-
matologia in sordina, in cui disponevamo di mezzi impropri
per la cura della psoriasi, dell’eczema e di patologie più gravi
a innovazioni in grado di trasformare il panorama dell’intera
medicina. Oggi la nostra specialità emerge per la sua capacità      Prof. Piergiacomo Calzavara Pinton
trainante e nella sua meritata centralità”.                         Bisogni insoddisfatti dei pazienti con dermatite atopica.
                                                                    I progetti della SIDeMaST
Circa il 10% della popolazione italiana soffre di malattie in-
fiammatorie della pelle, come dermatite atopica e psoriasi. E            GUARDA IL VIDEO
non va sottovalutata la percentuale, bassa ma decisamente ri-
levante in numeri assoluti, di casi in cui queste patologie cau- pica, in cui sappiamo che l’interazione fra genetica e ambiente
sano inabilità e gravissima sofferenza fisica.                     gioca un ruolo importante. La ricerca deve andare proprio in
                                                                   questa direzione, per svelare il peso dell’ambiente nell’origine
“Le biotecnologie - sottolinea la prof.ssa Ketty Peris, Consi- di queste patologie”.
gliere SIDeMaST e Segretario del XXIV Congresso Mondiale di
Dermatologia - hanno rivoluzionato le terapie delle malattie La figura del dermatologo oggi assume un’importanza decisi-
infiammatorie. La psoriasi da tempo viene curata con nume- va anche in fase di diagnosi dei tumori della pelle. “Sono di-
rosi farmaci biologici efficaci, ora anche la terapia della der- sponibili farmaci immunoterapici e a bersaglio molecolare
matite atopica include una varietà di farmaci biotecnologici nel trattamento del melanoma metastatico, che possono esse-
che spaziano dagli anticorpi monoclonali alle small molecu- re utilizzati anche nella terapia adiuvante del melanoma, cioè
les”. “Un tempo - continua la prof.ssa Peris - questi pazienti, dopo l’intervento chirurgico - afferma la prof.ssa Maria Con-
sapendo che non erano disponibili terapie realmente efficaci cetta Fargnoli, Segretario SIDeMaST -. Per quanto riguarda i
e che probabilmente non sarebbero riusciti a risolvere il loro tumori non melanoma, un’importante prospettiva è costituita
problema, finivano con il rassegnarsi e non chiedevano più il dall’introduzione dell’immunoterapia nelle forme avanzate e
consulto dal dermatologo, con una conseguente sottostima metastatiche del carcinoma squamocellulare, che fino a oggi
del numero dei casi.                                               era privo di terapie efficaci. Va inoltre evidenziata l’elevata
                                                                   prevalenza della cheratosi attinica. Si tratta di tipiche lesioni,
Ora, alla luce dei progressi della terapia, aumentano il numero spesso multiple, con ‘squamette’ su pelle arrossata che si for-
di visite e i casi diagnosticati, soprattutto nella dermatite ato- mano sulle zone foto-esposte, per esempio sul volto o sul cuo-
                                                                   io capelluto nelle persone calve. Alcune di queste lesioni evol-

    dermatite atopica                       psoriasi                     tumore della pelle              altre news dal wcd2019         7
OF DERMATOLOGY 2019 24TH WORLD CONGRESS - PDF INTERATTIVO - Pharmastar
vono in un carcinoma squamocellulare invasivo. Sono molto dia come la dermatoscopia e la microscopia confocale consen-
frequenti tra gli anziani.                                       tono di individuare precocemente lesioni neoplastiche e di in-
                                                                 tervenire tempestivamente senza il ricorso alla biopsia, con
Maggiore è il numero delle cheratosi attiniche, maggiore è la vantaggi importanti per il paziente. La cultura delle metodi-
probabilità che si formi un carcinoma squamocellulare, tal- che non invasive nel nostro Paese è molto diffusa: ad esempio,
volta anche molto aggressivo. Poiché non possiamo prevedere la dermoscopia è conosciuta e applicata da tutti i dermatologi
quale lesione progredisca, devono essere trattate tutte: si par- sul territorio. Inoltre, in molti centri di riferimento, sono pre-
la infatti di terapia di campo”.                                 senti metodiche non invasive all’avanguardia, come la micro-
                                                                 scopia confocale, che permette di visualizzare direttamente le
“È riconosciuta a livello internazionale la nostra eccellente cellule della cute senza eseguire la biopsia. In tutto il mondo
capacità diagnostica, con l’applicazione di metodi non invasi- ci viene riconosciuta la capacità di gestire la quotidianità cli-
vi - conclude il prof. Giovanni Pellacani, Presidente del XXIV nica a un ottimo livello, accanto a una qualificata produzione
Congresso Mondiale di Dermatologia -. Tecniche all’avanguar- scientifica internazionale”.

    dermatite atopica                       psoriasi                   tumore della pelle              altre news dal wcd2019         8
OF DERMATOLOGY 2019 24TH WORLD CONGRESS - PDF INTERATTIVO - Pharmastar
DERMATITE ATOPICA
Pratica clinica real world, dupilumab conferma efficacia e sicurezza in pazienti
con dermatite atopica moderata-grave

Dermatite atopica moderata-severa, ritrattamento con upadacitinib riattiva la risposta
del paziente

Dermatite atopica, baricitinib migliora i segni e i sintomi della malattia in 16 settimane

Dermatite atopica negli adolescenti, dupilumab migliora segni e sintomi della malattia

Dermatite atopica, parte la campagna di sensibilizzazione per “passare in vantaggio”
contro la malattia

   dermatite atopica             psoriasi             tumore della pelle      altre news dal wcd2019   9
OF DERMATOLOGY 2019 24TH WORLD CONGRESS - PDF INTERATTIVO - Pharmastar
Pratica clinica real world, dupilumab
conferma efficacia e sicurezza in pazienti
con dermatite atopica moderata-grave
Le citochine di tipo 2, come IL-4 e IL-13, sono necessarie per in-   di insorgenza e decorso della malattia, forma di presentazione
nescare e propagare l’infiammazione associata alle patologie         clinica della stessa (classica, eczema-prurigo, prurigo nodula-
atopiche e in particolar modo giocano un ruolo chiave nella          re o AD suberitrodermica).
patogenesi della dermatite atopica (AD) e di patologie respira-
torie come l’asma e la rinosinusite cronica con poliposi nasale.     Per misurare l’impatto multidimensionale della malattia e i
Per tale motivo è stato sviluppato dupilumab, il primo farma-        relativi miglioramenti dopo l’inizio del trattamento, i ricerca-
co biologico diretto contro il recettore di queste interleuchine.    tori hanno valutato le lesioni cutanee attraverso l’indice EASI
Durante il congresso sono stati presentati nuovi dati dal mon-       (Eczema area and severity index), i sintomi e il loro impatto
do reale che confermano la sua efficacia e sicurezza nel corso       sulla qualità di vita misurati tramite i PROs (patients reported
di 16 settimane in pazienti con AD moderata-grave.                   outcomes) utilizzando 3 indici principali: POEM (patient-o-
                                                                     riented eczema measure), DLQI (dermatology life quality in-
Esperienza della UO di Dermatologia della Fon-                       dex) e HADS (hospital anxiety an depression scale) e le scale
                                                                     Itch-NRS e sleeping-NRS.
dazione IRCCS Cà Granda Ospedale Maggiore
Policlinico di Milano e del Dipartimento di Fi-                      Infine, sono stati considerati i dosaggi delle immunoglobuline
siopatologia Medico-Chirurgica e dei Trapianti                       IgE e degli eosinofili e gli eventi avversi associati al trattamento.
dell’Università degli Studi di Milano
In questo studio sono stati considerati 103 pazienti con AD Nella tabella 1 sono illustrate le caratteristiche dei pazienti al T0.
moderata-grave e storia di fallimento o intolleranza alla ciclo-
sporina. Tali soggetti sono stati trattati con una dose iniziale Risultati
di dupilumab 600 mg seguita da somministrazioni bisettima- In figura 1 e 2 sono schematizzati i risultati ottenuti dalle analisi.
nali al dosaggio di 300 mg.
                                                                   La figura 1 evidenzia il miglioramento del punteggio EASI
Sono stati raccolti i seguenti dati al tempo 0 (T0), dopo 4 setti- dopo 1 mese di terapia e la figura 2 dopo 4 mesi.
mane e dopo 16 settimane per ogni paziente: sesso, precedenti
trattamenti per la AD, comorbilità atopiche e familiarità, età

    dermatite atopica                        psoriasi                     tumore della pelle                altre news dal wcd2019           10
Tabella 1                                                            Età di insorgenza dell’AD, n (%)
Età, anni                                                            Precoce                        76 (74)
media                           39,4                                 Tardiva                        27 (26)
Min, Max                        18,88                                Presentazione clinica, n (%)
Sesso, n (%)                                                         Classica                       63 (61)
Maschi                          55 (53,4)                            Eczema-prurigo                 17 (16,5)
Femmine                         48 (46,6)                            Prurigo nodulare               11 (10,7)
Effetti delle ciclosporine, n (%)                                    Suberitrodermica               12 (11,6)
Nessuna risposta                47 (45)                              Concentrazione IgE, n (%)
Intolleranza                    45 (43)                              >150 kU/l (AD estrinseca)      84 (81,5)
Controindicate                  11 (10)                              500/microl (eosinofilia)      39 (37,8)
Steroidi sistemici              86 (83,5)                            Punteggio EASI
nbUVB                           51 (49,5)                            Media (range)                  32 (24-60)
Metotressato                    16 (15,5)                            Punteggio DLQI
Azatioprina                     4 (3,9)                              Media (range)                  16 (8-28)
Alitretinoin                    3 (2,9)                              Itch NRS
Comorbidità atopiche, n (%)                                          Media (range)                  8,2 (5-10)
Rinite                          77 (74,7)                            Sleep-NRS
Congiuntivite                   57 (55,3)                            Media (range)                  6,4 (0-10)
Asma                            50 (48,5)                            Punteggio POEM
Allergia alimentare             25 (24,3)                            Media (range)                  22 (9-28)
Polipi nasali                   1 (0,9)                              Punteggio HADS
Altro                           35 (33,9)                            Media (range)                  D 7 (0-21); A 8 (0-18)
Alla settimana 4 il punteggio EASI-50 è stato raggiunto dall’85%     Il trattamento è stato ben tollerato. Per quanto riguarda gli
dei pazienti e l’EASI-75 da circa il 50%, con un miglioramento       eventi avversi nel 3,8% dei casi c’è stata una esacerbazione
significativo del prurito e della qualità della vita. Un ulteriore   della malattia; il 3,8% ha evidenziato secchezza della pelle; lo
miglioramento è stato osservato alla settimana 16, con un 37%        0,9% psoriasi; lo 0,9% mollusco contagioso; il 5,8% congiuntivi-
di pazienti che hanno raggiunto l’EASI-90.                           te; il 3,8% blefarite e il 3,8% xeroftalmia.

    dermatite atopica                        psoriasi                     tumore della pelle              altre news dal wcd2019        11
Atopic comorbidities, n (%)
                        Rhinitis                                  77 (74,7)
                        Conjunctivitis                            57 (55,3)
evere form of     AD 1. Score improvement at week 4 (n=86)
               Figure                                                                     Figure 2. Score improvement at week 16 (n=49)
                        Asthma                                    50 (48,5)
    intolerance or
                        Food allergy                              25 (24,3)
 e enrolled to the
                        Nasal polyps                              1 (0,9)
 l dose of 600 mg Others                                          35 (33,9)
 istics
                        Age at onset of AD, n (%)
                        Early                                     76 (74)
                        Late                                      27 (26)
 ment                   Clinical presentation,            n (%)
arity                   Classic
                                             ITCH-NRS
                                                                  63 (61)
 sease                  Eczem-prurigo                             17 (16,5)
                                                                      -55%
   eczema-prurigo, Nodular-56%     prurigo         -55%           11 (10,7)
c AD)                   Suberythrodermic                          12 (11,6)
sessed by Eczema IgE concentrations, n (%)
                        > 150 kU/L (estrinsec AD)                 84 (81,5)
Os), assessed by SLEEPING-NRS
                        < 150 kU/L (intrinsec AD)                 19 (18,4)
 asure      (POEM), Eosinophils concentrations
LQI), Pruritus and > 500/microL
                           -69%                     -37,5%
                                         (eosinophilia)           39-29%
                                                                     (37,8)
 spital Anxiety and EASI score
                        mean (range)                              32 (0-72)
bulin E (IgE) and of DLQI score
                        mean (range)                              16 (0-30)
seline (T0), after 4 Itch NRS                                                            We here present our study on the use of
          In conclusione, in questo studio è stata presentata un’impor- Bibliografia
 py                     mean (range)                              8,2 (0-10)             dupilumab         in patients     affected        by moderate-to-
          tante esperienza monocentrica italiana con dupilumab in un Ferrucci               S.M. et al, Dupilumab in real world clinical practice; efficacy and safety in
          periodo di 16Sleep-NRS
                                                                                   patients woth moderate to severe atopic dermatitis. Presented at: 24th World Con-
                         settimane in pazienti con dermatite atopica mo- gress ofsevere              atopic dermatitis over a period of five
                                                                                           Dermatology; June 10-15, 2019; Milan.
 dupilumabderata-grave mean     (range)emerge, dupilumab potrebbe
                        e, da quanto                              6,4 (0-10)essere       months evaluating the efficacy and safety of this
              Figure 2. Score
                        POEMper
          un farmaco chiave     improvement
                                 score               at week  16 (n=49)
                                     il trattamento di questi soggetti grazie            drug. After 1 month of therapy we achieved EASI
          ai buoni risultati
                        meanclinici   e agli eventi avversi lievi.
                                (range)                           22 (0-28)              50 in 85% of patients and EASI 75 in about 50% of
                        HADS score                                                       the patients, with a significative reduction also in
 enrolled               mean (range)                              D 7 A 8 (0-21)         the quality of life index. Considering the safety of
                      Table 2. Adverse events (n=103)                                            this therapy, we found an increase incidence of
                      Exacerbation of DA at face and neck at T1, %                  3,8          conjunctivitis,  dry   eye     and    palpebral
 f therapy is    dermatite atopica
                      Xerosis, %                      psoriasi                      3,8          inflammation,    as previously
                                                                                                  tumore della pelle         altrereported.  So,2019
                                                                                                                                   news dal wcd                             12
Box. Cos’è il dupilumab
Dupilumab, un anticorpo monoclonale completamente
umano, blocca la subunità condivisa del recettore per in-
terleuchina (IL) -4 e IL-13, inibendo così la segnalazione
di entrambe le citochine, driver chiave di infiammazione
di tipo 2.

Negli Stati Uniti, dupilumab è approvato per sommini-
strazione sottocutanea ogni 2 settimane (q2w) per il trat-
tamento di pazienti di età pari o superiore a 12 anni con
dermatite atopica (AD) da moderata a severa non adegua-
tamente controllata attraverso terapie topiche o quando
le suddette non sono raccomandabili.

In Giappone è approvato per il trattamento di pazienti
adulti con AD non adeguatamente controllati con le esi-
stenti terapie e nell’UE per l’uso negli adulti con AD da
moderata a severa candidati per la terapia sistemica.
                                                                Prof. Giampiero Girolomoni
Negli Stati Uniti è utilizzato dalla relativa autorità giudi-   Dermatite atopica moderata-grave, nuovi target terapeutici
cante per valutare l’efficacia dei trattamenti antidoping;      per una migliore gestione del paziente
viene considerato il punteggio IGA (Investigator’s Global
Assessment) di 0 o 1, corrispondente a segni chiari o qua-
si chiari di malattia.
                                                                     GUARDA IL VIDEO
Nei pazienti adulti con AD da moderata a severa che non
hanno raggiunto un livello del punteggio IGA pari a 0 o 1
dopo 16 settimane di trattamento, dupilumab vs placebo
induce benefici statisticamente e clinicamente signifi-

                                                                                                                                Foto: WCD 2019
cativi in più misure di esito convalidate, compresi segni,
sintomi e qualità della vita

 dermatite atopica                        psoriasi                     tumore della pelle              altre news dal wcd2019                    13
Esperienza di 39 centri dermatologici italiani                     La gravità della malattia è stata valutata dopo 4 e 16 settimane
Durante il congresso la Prof.ssa Maria Concetta Fargnoli, di- di trattamento attraverso il punteggio EASI, le scale numeri-
partimento di Dermatologia-Università dell’Aquila, ha presen- che Itch-NRS e Sleep-NRS e la qualità di vita tramite il DLQI.
tato un’esperienza real world relativa all’utilizzo di dupilumab
in 39 centri dermatologici italiani.                               I medici hanno tenuto in considerazione anche il conteggio
                                                                   degli eosinofili e il livello sierico di IgE quando disponibili.
Si tratta di uno studio retrospettivo, in pazienti adulti con der-
matite atopica moderata-grave che sono stati osservati da giu- La popolazione considerata era composta da 109 pazienti per
gno 2018 a febbraio 2019 in un programma di accesso naziona- la maggior parte uomini (65.1%) con una età media di 37,9 anni
le autorizzato da AIFA.                                            e una media di anni dall’insorgenza della patologia di 14,3.

I criteri di accesso allo studio comprendevano: età superiore L’analisi dei dati ha evidenziato che il fenotipo maggiormen-
ai 18 anni, diagnosi di AD moderata-grave, punteggio EASI pari te presente era quello classico (73%), seguito da eritroderma
o superiore a 24, controindicazioni/fallimento/effetti collate- (12%) e poi da prurigo e nummulare (8% e 7%, rispettivamente).
rali verso il trattamento con ciclosporina.
                                                                Per quanto riguarda le localizzazioni in aree sensibili, nel 76,1% dei
Non potevano partecipare quanti erano in trattamento conco- casi era interessato il volto, nel 61,5% le mani e nel 22,9% i genitali.
mitante con anti-infiammatori sistemici o farmaci immuno-
modulanti o con informazioni non complete al basale.            Le comorbilità allergiche più frequenti erano rinite (44,9%),
                                                                asma (38,5%), congiuntivite (33,0%) e allergia al cibo (15,6%). Al-
I pazienti hanno ricevuto una dose iniziale di dupilumab 600 tre comorbilità erano di natura psichiatrica/psicologica nell’11%
mg per via sottocutanea (sc), dopo 2 settimane una seconda e ipertensione e disturbi cardiovascolari nel 10% dei casi.
dose di 300 mg sc e dopo altre due settimane un’ultima dose
sempre da 300 mg sc.                                            Analizzando i trattamenti usati in precedenza, nella maggior
                                                                parte dei casi erano stati utilizzati ciclosporina e corticoste-
Sono stati valutati clinicamente al basale considerando il pat- roidi (88,9 e 88,1%), a seguire UV (45,8%), metrotressato (24,7%),
tern di malattia e il fenotipo di AD (forma classica, dermatite azatioprina (16,5%), omalizumab (7,3%) e infine micofenolato
nummulare, prurigo, eritroderma).                               mofetile (0,9%).

Sono state considerate anche eventuali localizzazioni della Riguardo ai risultati, alla settimana 4 la percentuale di ridu-
malattia in aree sensibili come viso, mani e genitali, le comor- zione del punteggio EASI è stata del 54,2%, e a 16 settimane del
bilità, i trattamenti precedenti, i parametri di malattia oggetti- 72,5% (fig. 3).
vi e soggettivi e gli eventi avversi.

    dermatite atopica                        psoriasi                    tumore della pelle               altre news dal wcd2019         14
***
                                                                                                                          W4                                      W16
                                            ***
                                40                                                                         100
                                     33.3                                                                                                            87.2%
                                                                                                            90
                                                         ***
                                                                                                            80
                                30
                                                                                                            70                                                    60.6%
                                                                                                                 59.6%
                                                                                                            60

                                                                                            Patients (%)
                   EASI score   20                15.3                                                      50
                                                                                                                                                                           32.4%
                                                                                                            40
                                                                                                                          28.4%
                                                               9.2                                          30
                                10
                                                                                                            20
                                                                                                                                    9.3%
                                                                                                            10

                                                                                                             0
                                 0
                                                                                                                 EASI50   EASI75   EASI90            EASI50       EASI75   EASI90
                                     BL           W4           W16
                                                               ***p
l’effetto collaterale maggiormente presente è stata la congiun-
                                                                          tivite nell’11% dei casi. Si sono manifestate artralgie, mal di
                                                                          testa, reazioni nel sito di iniezione, affaticamento, follicolite
                                                                          e sanguinamento ano-rettale ma in tutti i casi queste manife-
                                                                          stazioni non superavano l’1,8% dei pazienti.

                                                                          Altri studi real life
                                                                          Oltre a questi studi nella vita reale, negli ultimi mesi e anni
                                                                          sono stati pubblicati risultati inerenti dupilumab nella pratica
                                                                          clinica di altri Paesi come Danimarca, Francia, Spagna, Olan-
 Prof.ssa Maria Concetta Fargnoli
                                                                          da e Spagna, pubblicati su autorevoli riviste scientifiche e con
 Dermatite atopica, dati ‘real life’ su dupilumab confermano              risultati molto simili a quelli italiani.
 l’efficacia

                                                                In conclusione, dupilumab in un contesto italiano di vita reale
      GUARDA IL VIDEO                                           migliora significativamente già a 4 settimane la gravità della
                                                                malattia, il prurito, il sonno e la qualità della vita di pazienti
Correlazioni significative sono state anche osservate tra IgE adulti con dermatite atopica moderata-grave. Anche il profilo
basali e riduzione del punteggio EASI alla settimana 4 (r=0,26, di sicurezza è risultato favorevole confermando quanto osser-
p=0,021) e alla settimana 16 (p
Box. Dupilumab: efficacia, sicurezza e effetto sulla qualità della vita
Uno studio cinese del dipartimento di Dermatologia del Chi-           Dupilumab si è mostrato significativamente più efficace nel
nese Pla General Hospital, di Pechino ha analizzato 7 studi           ridurre l’area di eczema e l’indice di gravità, il punteggio re-
clinici randomizzati controllati per evidenziare l’efficacia,         lativo al prurito sulla scala Peak Pruritus Numerical Rating
la sicurezza e l’effetto sulla qualità della vita del trattamen-      Scale e anche nel ridurre la superficie corporea interessata
to con dupilumab in pazienti adulti con dermatite atopica             dall’AD.
(AD) da moderata a grave.
                                                                La durata del trattamento piuttosto che la frequenza di som-
A tal fine è stata eseguita una ricerca bibliografica attraver- ministrazione ha leggermente influenzato l’efficacia.
so i seguenti canali: Pubmed, Embase e la libreria Cochra-
ne che ha portato all’inserimento nell’analisi dei risultati di Il trattamento con dupilumab ha anche contribuito a un
soli due studi randomizzati controllati in doppio cieco (RCT) netto miglioramento della qualità della vita dei pazienti e
che hanno analizzato efficacia e sicurezza di dupilumab nel dei sintomi psicologici.
trattamento della dermatite atopica da moderata grave.
                                                                L’incidenza di eventi avversi è stata simile nel gruppo dupi-
Gli autori dello studio hanno eseguito un confronto tra dupi- lumab e nel gruppo di controllo.
lumab e il controllo basandosi su rischio relativo (RR), dif-
ferenza media ponderata e il corrispondente 95% dell’inter- In conclusione, gli autori hanno sottolineato che dupilumab
vallo di confidenza di diverse misurazioni.                     è efficace e sicuro per il trattamento della dermatite atopica
                                                                moderata-grave negli adulti. Questa meta-analisi supporta
In totale sono stati identificati 7 RCT contenenti 2705 sog- il ruolo di dupilumab come terapia biologica primaria nei
getti. Un numero significativamente più elevato di pazienti pazienti adulti con dermatite atopica da moderata a grave.
trattati con dupilumab (611/1789) ha raggiunto una risposta
con l’Investigator’s Global Assessment rispetto al controllo Bibliografia
(89/916; RR, 3,95; p
Sicurezza di dupilumab negli adulti
 Lo studio LIBERTY AD CAFE’ di fase III ha analizzato la si-                                                          Queste analisi mostrano che nei pazienti in terapia con du-
 curezza del trattamento con dupilumab e concomitante                                                                 pilumab è stato osservato un aumento transitorio degli eo-
 terapia con corticosteroidi topici in pazienti con dermatite                                                         sinofili, senza cambiamenti clinicamente importanti nei
 atopica non adeguatamente controllata con ciclosporina A                                                             parametri ematologici e di laboratorio a livello sierico che
 (CsA) o per i quali tale trattamento non è consigliabile.                                                            potrebbero essere attribuiti al trattamento con tale farmaco.
 Un’analisi di sicurezza presentata da Reich et al1 al congres-                                                       Inoltre, in questo studio di fase III non sono stati osservati
 so WCD 2019 ha avuto l’obiettivo di riportare i risultati delle                                                      cambiamenti clinicamente significativi tra i gruppi di trat-
 analisi di laboratorio dallo studio LIBERTY AD CAFÉ.                                                                 tamento per altri parametri di laboratorio, tra cui analisi
 Le analisi hanno mostrato piccoli incrementi transitori nel-                                                         delle urine, segni vitali ed elettrocardiogramma.
 la conta media e mediana degli eosinofili dopo trattamento                                                           I risultati sono coerenti con quanto riportato nella scheda
                       Laboratory Findings from the LIBERTY AD CAFÉ Trial:
 con dupilumab come evidenziato dalle fig. 1 e 2.                                                                     tecnica UE, che non raccomanda i test di laboratorio prima
                                                                                                                      dell’inizio o durante il trattamento con dupilumab2.
                       Eosinophils
 Non sono stati riportati cambiamenti clinicamente signifi-
 cativi in altri parametri di laboratorio.                                                                            Bibliografia
                                                                                                                      1. Reich K, et al. WCD. 2019;2.

 • Small, transient increases in mean and median eosinophil       counts were observed with dupilumab
                                                              2. DUPIXENT®(dupilumab). European Medicines Agency. Summary of Product
                                                                 Characteristics. 2017
   versus placebo             Placebo + TCS Dupilumab 300 mg q2w + TCS       Dupilumab 300 mg qw + TCS
                                                       Mean change from baseline in eosinophil count                                                        Median eosinophil count over time
                                            1,2
                                                                                                                                                      4,0
                                            1,0
     eosinophil count over time (x 109/L)
     Mean ± SD change from baseline in

                                            0,8                                                                                                       3,0

                                                                                                                           Absolute count (x 109/L)
                                            0,6
                                            0,4                                                                                                       2,0
                                                                                                               0,18
                                            0,2                                                                0,14
                                            0,0                                                               -0,02                                   1,0
                                            -0,2                                                                                                                                                   Upper limit of normal
                                                                                                                                                                                                          (ULN)a
                                            -0,4                                                                                                      0,0
                                            -0,6

                                                                                                                                                                                                                              Foto: WCD 2019
                                            -0,8                                                                                                  -1,0
                                                   0           4           8                12           16                                                 Week 0   Week 8 Week 12 Week 16
                                                                     Time (weeks)
 • No clinically meaningful changes in other laboratory parameters were reported

                                                                                    aULN   0.6 x 109/L                                                                                         Reich K, et al. WCD. 2019
    dermatite atopica
INTERNAL USE ONLY | WCD 2019                                                           psoriasi                                           tumore della pelle                           altre news    dal wcd2019         68                    18
Dermatite atopica moderata-severa,
ritrattamento con upadacitinib riattiva
la risposta del paziente
Upadacitinib (UPA) è un nuovo inibitore orale selettivo di        Questo nuovo studio di fase IIb della durata complessiva di 88
JAK-1 con somministrazione giornaliera e in studio per il trat-   settimane aveva l’obiettivo di valutare l’effetto del ritiro dalla
tamento della dermatite atopica (AD, una malattia sistemica,      terapia e del ritrattamento con upadacitinib, considerando i
cronica, infiammatoria della pelle, caratterizzata da lesioni     dati di un’analisi ad interim provvisoria a 32 settimane in pa-
eczematose e prurito) e altre malattie infiammatorie (artrite     zienti con AD.
reumatoide, artrite psoriasica, spondiloartrite assiale, malat-
tia di Crohn e colite ulcerosa).                                  Criteri di inclusione
                                                                  I criteri di inclusione erano i seguenti: adulti di età compresa
In precedenza sono stati presentati altri importanti risulta-     tra i 18 anni e i 75 anni; risposta inadeguata al trattamento con
ti su questa molecola: tutti gli endpoint primari e secondari     corticosteroidi topici (TCS) o inibitori topici della calcineu-
sono stati soddisfatti e non è stato identificato alcun nuovo     rina (TCI), o trattamenti topici (erano medicalmente sconsi-
problema di sicurezza.                                            gliabili); diagnosi confermata di AD con comparsa dei sintomi
                                                                  almeno 1 anno prima della valutazione del punteggio basale;
La percentuale media di miglioramento rispetto al basale nel      AD moderata-grave (indice EASI ≥16; area della superficie cor-
punteggio EASI (Eczema Area and Severity Index) alla setti-       porea interessata ≥10%; punteggio globale [IGA] dei ricercato-
mana 16 (endpoint primario) è stata raggiunta del 74,4% dei       ri ≥3 al basale); uso di emollienti blandi e senza additivi due
pazienti in trattamento con UPA 30 mg, dal 61,7% con UPA 15       volte al giorno per almeno 7 giorni prima della valutazione al
mg e dal 39,4% con UPA 7,5 mg vs 23,0% placebo (p
pbo inw
                                                                                                                         pbo/pbo
                                                                                                          Come si può vedere              1, cheUPA in
                                                                                                                             dalla figuraUPA7.5/pbo
                                     Period 1                                Period 2                                100         pbo/UPA30
                                                                                                                                        randomizza-UPA7.5/7.

                                                                                                                 Mean [SE] Improvement from BL, %
      Screening                                                                                           riporta schematicamente
    (up to 35 days)      16-Week Double-Blind (N=167)         72-Week Blinded Extension (N=126)                         120
                                                                                                          zione e dosaggio, i pazienti che76.9 hanno
                                                                         UPA 30 mg QD (N=19)              completato 80il periodo 1 sono stati ri-ran-
                              UPA 30 mg QD (N=42)                                                                       100              64.7
                                                                         pbo (N=19)                       domizzati in cieco alla settimana         16

                                                                                                                               Pa ents, %
                              UPA 15 mg QD (N=42)                        UPA 15 mg QD (N=18)                           6080
                                                                                                          all’interno del loro gruppo di trattamento
                                                                                                          originale a upadacitinib o placebo nel pe-
   1:1:1:1                                                               pbo (N=19)                       riodo 2.                  59.3 58.4
                              UPA 7,5 mg QD (N=42)                       UPA 7,5 mg QD (N=16)                          40                           60                             51.0
   Randomization                                                                                                                                          47.6                            45.4
                                                                                                                                                                  23.1
                                                                         pbo (N=15)                       L’immagine mostra anche la terapia di
                                                                         UPA 30 mg QD (N=10)
                                                                                                                       2040
                                                                                                          salvataggio: i pazienti sono stati recupe-
                              pbo (N=41)
                                                                         pbo (N=10)                       rati con UPA 30 mg in   0 cieco se il primo      0
                                                                                                                         20
                                                                                                                        0 un miglioramento infe-
                                                                                                          trattamento dava
              Week: 0     2      4       8      12      16   20    24   32     40    52     64    76   88                    n= 0      3    11    10       0
                                                                                                          riore al 50% rispetto  al basale  (
I pazienti trattati con UPA 30 mg dopo ri-randomizzazione        Durante l’intero studio, la categoria di eventi avversi più comu-
sono stati: 40,5% (n=51) ri-randomizzati a placebo, 8,7% (n=11)  nemente segnalata è stata l’infezione non grave, con tassi più
ri-randomizzati a UPA 7,5 mg, 9,5% (n=12) ri-randomizzati a      alti con UPA a tutte le dosi vs placebo. Quattro pazienti (1 pla-
UPA 15 mg e 3,2% (n=4) ri-randomizzati a UPA 30 mg.              cebo/UPA30, 1 UPA30/pbo, 2 UPA30/UPA30) hanno interrotto
                                                                 a causa di eventi avversi. Gli effetti collaterali di interesse col-
Nel complesso, le caratteristiche al basale erano ben bilancia- legati agli inibitori della JAK si sono verificati raramente.
te tra i gruppi di trattamento. La maggior parte erano maschi,
bianchi e provenienti dalle regioni USA/Porto Rico/Canada.       Dopo il trattamento di salvataggio con UPA 30 mg gli AE osser-
                                                                 vati erano: qualsiasi infezione (pbo/pbo, n=1; UPA 7.5/pbo, n=3;
Dopo la ri-randomizzazione nel periodo 2 a placebo e nel mo- UPA 7.5/7.5, n=1; UPA 15/pbo, n=6; UPA 15/15, n=4; UPA 30/pbo,
mento in cui i pazienti manifestavano una risposta inferiore n=4; UPA 30/30, n=2), anemia (UPA 15/pbo, n=1), herpes zo-
all’EASI 50, a partire dalla settimana 20 sono stati salvati con ster (pbo/pbo, n=1; UPA 7.5/pbo, n=1; UPA 30/30, n=1), aumento
UPA 30 mg.                                                       di creatina fosfochinasi (CPK) (pbo/UPA 30, n=1; UPA 30 pbo,
                                                                 n=1) e osteoartrite (UPA 30/pbo, n=1, grave AE).
I pazienti di tutti i gruppi di trattamento del periodo 2 hanno
riscontrato un miglioramento osservato degli effetti di effica- In conclusione, come sottolineato dai ricercatori, la maggior
cia (bruttino) di 8 settimane dopo il salvataggio.               parte dei pazienti ri-randomizzata a placebo ha perso la rispo-
                                                                 sta clinica, richiedendo il salvataggio come da protocollo. La
Dopo 8 settimane di ritrattamento con UPA 30 mg di salva- maggior parte ri-randomizzata a placebo e salvata con upada-
taggio, i pazienti nel periodo 1 che sono stati randomizzati a citinb 30 mg in cieco ha raggiunto EASI 75 e IGA 0/1 entro 8
placebo nel periodo 2 hanno ottenuto risposte simili alle loro settimane di trattamento. I pazienti randomizzati al farmaco
risposte iniziali alla settimana 16, incluso il raggiungimento in studio alla dose di 30 mg nel periodo 1 sono stati in grado di
di EASI 90.                                                      riprendere la risposta dopo il ritiro e il ritrattamento. Infine,
                                                                 non è stato identificato alcun nuovo segnale di sicurezza.
Informazioni sulla sicurezza
Durante il periodo 2, ci sono stati pochi eventi avversi emer-
genti dal trattamento (AE) e nessun decesso, eventi cardio-
vascolari (aggiustati), trombosi venosa profonda/embolia Bibliografia
                                                               Reich K et al. Treatment Withdrawal and Retreatment with Upadacitinib in Patien-
polmonare, disturbi epatici, linfopenia, neoplasie diverse dal ts with Moderate-to-Severe Atopic Dermatitis from a Phase 2b, Randomized, Con-
tumore della pelle non melanoma, infezione opportunistica, trolled Trial. Presented at: 24th World Congress of Dermatology; June 10-15, 2019;
disfunzione renale o tubercolosi.                              Milan.

    dermatite atopica                           psoriasi                      tumore della pelle                 altre news dal wcd2019           21
Dermatite atopica, baricitinib migliora i segni
e i sintomi della malattia in 16 settimane
Nei pazienti con dermatite atopica moderata-severa l’inibitore      «Baricitinib mostra il potenziale per colmare un bisogno in-
selettivo orale delle Janus-chinasi 1 e Janus-chinasi 2 barici-     soddisfatto nella dermatite atopica», ha detto Eric Simpson
tinib ha migliorato significativamente i segni e i sintomi della    della Oregon Health and Science University di Portland, che
malattia rispetto al placebo, secondo i risultati di due studi di   ha presentato lo studio al congresso. «Non ci sono opzioni tera-
fase III, BREEZE-AD1 e BREEZE-AD2, presentati al congresso.         peutiche orali approvate dalla Fda negli Stati Uniti per la der-
                                                                    matite atopica da moderata a grave, a eccezione degli steroidi
La dermatite atopica, nota anche come eczema, è una condi- orali, che non sono appropriati per il trattamento a lungo ter-
zione infiammatoria cronica non contagiosa della pelle carat- mine. C’è quindi un grande vuoto terapeutico per una terapia
terizzata da secchezza cutanea pruriginosa che può causare orale prolungata sicura ed efficace».
una perdita di fluidi chiari a seguito di un graffio. Le persone
affette dalla condizione possono anche essere particolarmen- Due studi identici di fase III
te sensibili alle infezioni batteriche, virali e fungine della pel- I due trial avevano lo stesso disegno, ossia studi di fase III, ran-
le. La dermatite atopica è molto diffusa e colpisce circa il 30% domizzati, in doppio cieco, controllati con placebo e con ba-
della popolazione degli Stati Uniti, soprattutto bambini e ado- ricitinib in monoterapia. BREEZE-AD1 ha coinvolto 624 adulti
lescenti.                                                           con dermatite atopica da moderata a grave e BREEZE-AD2 615.

  Box. Baricitinib, come funziona                                   I pazienti sono stati randomizzati 2: 1: 1: 1 a uno dei quattro
  Baricitinib è un inibitore selettivo di un particolare grup-      bracci: placebo o baricitinib alle dosi di 1 mg, 2 mg o 4 mg al
  po di enzimi definiti Janus chinasi (JAK). Le citochine           giorno per 16 settimane.
  JAK-dipendenti sono implicate nella patogenesi di diver-
  se patologie infiammatorie e autoimmuni, come l’artrite           Gli endpoint di clearance della pelle sono stati definiti come
  reumatoide per il cui trattamento il farmaco è stato appro-       il raggiungimento di un punteggio del Validated Investigator’s
  vato dall’Aifa nel 2017. Questo suggerisce gli inibitori JAK      Global Assessment pari a 0 o 1 e un miglioramento di almeno 2
  possano essere utili nel trattamento di un’ampia gamma            punti alla settimana 16 rispetto al basale.
  di condizioni infiammatorie. In caso di alterata regolazio-
  ne dell’attività di specifici enzimi JAK si può infatti svi-      Risultati significativi con baricitinib 2 e 4 mg
  luppare un processo infiammatorio e un’attivazione ano-           In entrambi gli studi, un numero significativamente maggiore
  mala del sistema immunitario.                                     di pazienti assegnati a baricitinib 4 mg e 2 mg ha raggiunto la

    dermatite atopica                        psoriasi                     tumore della pelle               altre news dal wcd2019          22
clearance della pelle rispetto al placebo. Più specificatamente         parte dei pazienti ha sperimentato miglioramenti clinicamen-
in BREEZE-AD1 il 16,8% dei pazienti nel gruppo 4 mg (p
Dermatite atopica negli adolescenti,
dupilumab migliora segni e sintomi
della malattia
Adolescenti con dermatite atopica (AD) in terapia con dupilu-
mab mostrano miglioramenti clinici rilevanti anche se non rag-
giungono un punteggio IGA (Investigator’s Global Assessment)
di 0/1. E’ quanto riportato da uno studio clinico multicentrico
condotto su 251 pazienti. Tali risultati evidenziano come il
punteggio IGA andrebbe interpretato considerando anche va-
riazioni in segni, sintomi tipici dell’AD e qualità della vita.

Questa analisi è stata eseguita considerando i pazienti reclu-
tati nello studio LIBERTY AD ADOL, un trial randomizzato, in       Prof. Antonio Costanzo
doppio cieco, controllato con placebo e in parallelo di fase III   Dermatite atopica e concomitanti manifestazioni infiammatorie
su adolescenti con AD moderata-grave trattati con dupilumab.       di tipo 2, come gestirle?

Nel caso specifico sono stati considerati quei pazienti che non         GUARDA IL VIDEO
avevano raggiunto un punteggio IGA pari a 0/1 alla settimana
16; gli autori volevano quindi valutare altre risposte cliniche Nel gruppo q2w, i pazienti con peso corporeo inferiore a 60 kg
come segni, sintomi e qualità della vita.                           al basale hanno ricevuto una dose di carico di 400 mg al gior-
                                                                    no, mentre i pazienti con peso corporeo pari o superiore a 60
L’indice IGA ha 5 livelli, da 0 (cute priva di lesioni) a 4 (grave) kg hanno ricevuto una dose di carico di 600 mg.
e misura la gravità complessiva delle lesioni.
                                                                    Tutti i pazienti nel gruppo q4w, indipendentemente dal peso,
I pazienti sono stati randomizzati (1:1:1) a 200 mg o 300 mg di hanno ricevuto una dose di carico di 600 mg. Nel gruppo q2w,
dupilumab q2w, 300 mg dupilumab q4w o placebo per 16 set- i pazienti con peso corporeo inferiore a 60 kg hanno ricevuto
timane.                                                             200 mg del farmaco in studio; pazienti con peso corporeo pari
                                                                    o superiore a 60 kg hanno ricevuto 300 mg (Figura 1).

    dermatite atopica                      psoriasi                    tumore della pelle             altre news dal wcd2019         24
Figura 1. Study design.                                                                                                                            I risultati di efficacia sono stati analizzati tra pazienti rando-
                                                                                                                                                    mizzati (set completo di analisi) con IGA> 1 alla settimana
                                                 Loading dose on
                                                     Day 1*
                                                                           Treatment period
                                                                              (16 weeks)
                                                                                                                   Follow-up period
                                                                                                                      (12 weeks)
                                                                                                                                                    16. Gli endpoint sono stati analizzati utilizzando un test di
 Day -35 to day -1                                   Baseline                                               Week16                 Week 28
                                                                                                                                                    Cochran-Mantel-Haenszel con aggiustamento per gli strati di
                                                                                                                                                    randomizzazione (punteggio IGA e peso corporeo).
  Screening
  - Age 12-17 years
                                                                                    Placebo
  - Moderate-to-severe AD
  - AD inadequately controlled
                                                                                    (n = 85)                                                        I pazienti che avevano abbandonato il trattamento o avevano
    by topical therapies
  - Scores IGA≥ 3, EASI ≥ 16,                                                                                    Post-treatment options
                                                                                                                                                    ricevuto farmaci di salvataggio sono stati conteggiati come
    Peak Pruritus NRS ≥ 4;                           R                        Dupilumab q4w                      - Open-label extension             non rispondenti dal momento del ricovero/terapia di soccor-
    ESA involvement ≥ 10%                          1:1:1                     300mg SC(n = 84)                    - Safety follow-up
     Washout                                                                                                       through Week 28                  so; i pazienti con valori mancanti alla settimana 16 sono stati
  - Prior medication
   Stratification                                                                                                                                   considerati non responder alla settimana 16.
                                                                          Dupilumab q2w
  - Body weight
                                                                     200mg or 300*mg SC (n = 82)
   (< 60kg vs ≥ 60kg)
  - IGA score (3 vs 4)                                                                                                                              La sicurezza è stata analizzata tra i pazienti che avevano rice-
Topical therapy and other systemic AD therapies were prohibited but allowed as rescue treatment for intolerable symptoms. *For q2w, patients with   vuto almeno 1 dose di farmaco in studio (set di analisi di sicu-
body weight < 60kg at baseline received a loading dose of 400mg on Day 1, while patients with body weight ≥ 60kg received a loading dose of
600mg. All patients in q4w, regardless of weight, received a 600mg loading dose. *In the q2w group, patients with body weight < 60kg received
                                                                                                                                                    rezza).
200mg of the study drug: patients with body weight ≥ 60kg received 300mg. BSA, body surface area; EASI Eczema Area and Severity Index; NRS,
Numerical Rating Scale; R, randomization; SC, subcutaneous.
                                                                                                                                                    Risultati
Endpoint                                                        In totale sono stati randomizzati 251 pazienti, di cui 214 con
L’endpoint primario era la proporzione di pazienti che raggiun- IGA> 1 alla settimana 16 (dupilumab q2w n=62, dupilumab
gevano un punteggio IGA di 0 o 1.                               q4w n=69, placebo n=83).

Questa analisi post hoc è stata eseguita nel sottogruppo di pa- I dati demografici di base e le caratteristiche della malattia
zienti con IGA> 1 alla settimana 16.                            erano bilanciati tra i gruppi e le caratteristiche di base hanno
                                                                mostrato un considerevole carico di malattia.
Le risposte clinicamente significative sono state definite
come:                                                           Risposte clinicamente significative
1.	Almeno il 50% di miglioramento del punteggio EASI-50 ri- Una proporzione significativamente maggiore di pazienti trat-
    spetto al basale                                            tati con dupilumab rispetto a placebo ha raggiunto l’EASI-50
2.	Almeno 3 punti di miglioramento nella media settimanale già nella seconda settimana (Figura 2A).
    del punteggio Peak Pruritus NRS
3.	Almeno 6 punti di miglioramento nell’indice CDLQI (Chil- Al 15° giorno, una percentuale significativamente più alta di
    dren’s Dermatology Life Quality Index)                      pazienti in entrambi i gruppi trattati con dupilumab ha ottenu-
4.	Inoltre, è stato definito un endpoint composito sulla base to miglioramenti clinicamente significativi dal basale: 24,2%/
    del raggiungimento di almeno una delle 3 misure di esito 26,1% vs 8,4% rispettivamente per dupilumab q2w/dupilumab
    sopra elencate.                                             q4w rispetto al placebo, con p
Placebo (n = 83)              Dupilumab 300mg q4w (n = 69)
                                                                            Dupilumab 200mg/300mg q2w (n = 62)

    A                                                                                                                   B
                                   100                                                                                                                          100

                                                                                                                  Paek Pruritus NRS ≥ 3-point improvement (%)
                                    90                                                                                                                           90

                                                                                                                        Proportion of patients achieving
                                    80                                                                                                                           80
Proportion of patients achieving

                                    70                                                                                                                           70
                                                     *        *
                                    60                               *                                                                                           60
          EASI-50(%)

                                    50
                                                                                         48,4*                                                                   50
                                                              *      *                   44,9*
                                    40       *       *                                                                                                           40

                                    30                                                                                                                           30                                                                                  26,1
                                                 *                                                                                                                                                                                                   24,2
                                    20                                                                                                                           20

                                    10                                                   10,8                                                                    10                                                                                  8,4
                                     0                                                                                                                            0
                                         0   2           4       8   12             16                                                                                0   1   2   3   4       5   6   7       8   9   10   11    12   13   14   15

     C                                                       Week                                                      D                                        100
                                                                                                                                                                                                          Days
                                   100

                                    90
                                                                                                                                                                 90                   *

                                                                                                      EASI-50, or NRS ≥ 3-point improvement,
                                                                                                                                                                                                          *

                                                                                                       or CDLQI ≥ 6-point improvement (%)
                                                                                                        Proportions of patients achievieng
                                                                                                                                                                 80                                                         *
CDLQI ≥ 6-point improvement (%)

                                    80                                                                                                                                                                                                           74,2*
Proportion of patients achieving

                                                                                                                                                                                      *
                                                                                                                                                                 70
                                    70               *       *                                                                                                                *
                                                                     *                                                                                           60                                       *
                                    60                                                                                                                                                                                                           55,1*
                                                                                     51,6*                                                                                    *
                                    50       *                                                                                                                   50                                                         *
                                                     *                                  43,5*                                                                    40
                                    40

                                    30
                                                                     *                                                                                           30
                                                                                                                                                                                                                                                     21,7
                                                                                                                                                                 20
                                    20                                                   19,9
                                                                                                                                                                 10
                                    10
                                                                                                                                                                  0
                                     0
                                                                                                                                                                      0       2           4               8                 12                  16
                                         0   2           4    8      12            16

                                                             Week                                                                                                                                         Week
                                                                                 *p < 0,01 vs placebo; *p < 0,05 vs placebo.

                                   dermatite atopica                  psoriasi                                                                                  tumore della pelle                                altre news dal wcd2019                    26
Come mostrato dalla figura 2C la qualità della vita, valutata           Non si sono verificati decessi durante lo studio e nella popo-
dalla proporzione di pazienti che raggiungevano un migliora-            lazione considerata per le analisi di sicurezza, il tasso com-
mento di almeno 6 punti nel CDLQI, è migliorata significativa-          plessivo di infezioni è risultato simile tra i gruppi trattati con
mente con entrambi i regimi di dupilumab rispetto al placebo            dupilumab e placebo, mentre sono state riportate infezioni cu-
già alla settimana 2.                                                   tanee più spesso con placebo rispetto a dupilumab.

Infine, una percentuale significativamente più alta di pazien- Nella popolazione utilizzata per le analisi di sicurezza, l’inci-
ti trattati con il regime di trattamento dupilumab ha raggiunto denza della congiuntivite e delle reazioni al sito di iniezione
l’endpoint composito già nella settimana 2 (Figura 2D).         era numericamente più alta nei gruppi dupilumab vs placebo;
                                                                tuttavia, nessuno di questi eventi ha comportato la sospensio-
Sicurezza                                                       ne del trattamento.
I tassi complessivi di eventi avversi collegati al trattamento
(TEAE) sono stati simili tra i gruppi di trattamento sia nella In conclusione, la maggior parte dei pazienti adolescenti con
popolazione considerata per le analisi di sicurezza che nel dermatite atopica trattati con dupilumab che non ha raggiunto
sottogruppo IGA> 1 (75,8%/67,6%/68,7% con dupilumab 200 un punteggio IGA pari a 0/1 alla settimana 16 sperimentano mi-
mg/300 mg q2w, dupilumab 300 mg q4w e gruppo placebo, ri- glioramenti clinicamente significativi in segni, sintomi e qua-
spettivamente).                                                 lità della vita rispetto a pazienti che hanno assunto placebo.

Nella popolazione considerata per le analisi di sicurezza, è            Questi risultati suggeriscono che la risposta IGA dovrebbe es-
stata evidenziata 1 interruzione dovuta a TEAE nel gruppo pla-          sere interpretata nel contesto di ulteriori misure che possano
cebo e nessuna con dupilumab; 1 TEAE grave è stato segnalato            caratterizzare in modo completo i cambiamenti generati dal
con placebo e nessuno con dupilumab.                                    trattamento.

Nel sottogruppo IGA> 1, vi è stata 1 interruzione a causa di Bibliografia
                                                               Paller et al. Dupilumab Provides Clinically Meaningful Responses Versus Place-
eventi avversi nel gruppo placebo e 1 evento avverso grave ri- bo: A Post Hoc Analysis of a Phase 3 Trial in Adolescents With Moderate-to-Severe
portato con placebo; non sono state segnalate interruzioni do- AD Among Patients Not Achieving Investigator’s Global Assessment Score of 0/1.
vute a TEAE o a TEAE gravi con dupilumab.                      Presented (poster presentation) at the 24th World Congress of Dermatology, June
                                                                        10–15 2019, Milan, Italy.

    dermatite atopica                           psoriasi                       tumore della pelle                 altre news dal wcd2019           27
Dermatite atopica, parte la campagna
di sensibilizzazione per “passare in vantaggio”
contro la malattia
Dormire, vestirsi, ma anche scoprirsi, fare una doccia o un
bagno al mare, prendere il sole, fare sport o temere il giudizio
delle altre persone: sono solo alcune delle tante difficoltà che
incontrano le persone che vivono con la dermatite atopica,
specie nella forma grave. Una patologia che, oltre a colpire il
nostro organo più esteso, la pelle, ha un impatto anche sulla
sfera psicologica, ma che oggi grazie alla ricerca ha a disposi-
zione trattamenti efficaci.

Proprio per questo motivo Sanofi Genzyme, divisione special-
ty care di Sanofi, ha deciso di dare vita alla campagna di sen-
sibilizzazione “Vuoi passare in vantaggio contro la Dermatite
Atopica?”, un’iniziativa che invita gli adulti con dermatite ato-
pica ad affrontare i sintomi e il disagio che la patologia com-
porta e a “vincerli” con il supporto di specialisti.

Con il patrocinio di SIDeMaST - Società Italiana di Dermatolo-
gia e Malattie Sessualmente Trasmesse, ADOI - Associazione
Dermatologi Ospedalieri Italiani, ANDeA - Associazione Na-
                                                                    “Fa parte del nostro DNA l’impegno a tutto tondo per le perso-
zionale Dermatite Atopica), CittadinanzAttiva, Utifar, Fenagi-
                                                                    ne che convivono con patologie complesse, croniche, poco co-
far, Sistema Farmacie Italia, la campagna è partita in questi
                                                                    nosciute oppure che non hanno ancora trattamenti efficaci,”
giorni da Milano, in concomitanza con il World Congress of
                                                                    dichiara Enrico Piccinini, General Manager di Sanofi Genzy-
Dermatology (MiCo, 10-15 giugno), per poi toccare le principa-
                                                                    me Italia. “E questo passa sia dalla ricerca e dallo sviluppo di
li città italiane. La diffusione sarà capillare, nei punti nodali
                                                                    nuove ed efficaci soluzioni terapeutiche, sia dalla promozione
delle città, come aeroporti, stazioni ferroviarie, stazioni delle
                                                                    di iniziative che intendono favorire la conoscenza delle pato-
metropolitane e sarà accompagnata da uno spot radio.
                                                                    logie e del loro impatto su chi ne soffre, e promuovere l’accesso

    dermatite atopica                       psoriasi                     tumore della pelle              altre news dal wcd2019         28
alle terapie più adeguate. Questo è lo spirito che ci ha guidati    sto ed altri bisogni che, supportata dalla spinta volontaristica
nella costruzione della Campagna per gli adulti con dermatite       dei suoi associati e dall’accurata supervisione dei contenuti
atopica, e ci fa molto piacere aver ottenuto così tanti patrocini   scientifici da parte di clinici ed esperti, ANDeA fa ogni giorno
e manifestazioni di vicinanza da parte di società scientifiche      del suo meglio per accendere i riflettori su questi aspetti, con-
e associazioni di pazienti.”                                        tribuendo alla creazione di un sistema di comunicazione e in-
                                                                    formazione che possa arrivare a più persone possibili e il più
A guidare la Campagna è l’hashtag #ChangeAD, un vero e proprio      velocemente possibile. Perché veloce deve essere l’accesso
appello sia ai pazienti, affinché agiscano per riprendere il con-   alle cure e alle soluzioni di supporto alla gestione quotidiana
trollo della malattia e vivere appieno la propria vita, sia agli at-e sociale di una patologia cronica perennemente visibile, che
tori del mondo della salute, affinché si impegnino a riconoscere    rende chi ci convive estremamente vulnerabile e fragile.”
l’impatto della dermatite atopica sulla qualità di vita dei pazien-
ti e a offrire percorsi di assistenza e cura mirati e adeguati.      Secondo quanto emerso dall’indagine dell’European Federa-
                                                                     tion Of Allergy And Airways Diseases Patients’ Associations,
“L’impatto dei sintomi sulla qualità di vita di chi ha la derma- condotta nell’ottobre 2018 su un campione di circa 1.200 pa-
tite atopica è decisamente sottovalutato. In più, quando si è zienti adulti, l’aspetto della pelle ha infatti conseguenze im-
provato di tutto, senza un reale beneficio, insieme alla deter- portanti, provocando imbarazzo (58%) e influenzando la vita
minazione ad affrontare la patologia, iniziano a venir meno quotidiana. Inoltre, se è vero che la dermatite atopica in mol-
anche autostima e capacità di superare le sfide che la vita ri- ti casi non impedisce ai pazienti di lavorare o studiare, il 38%
serva,” sottolinea Mario Picozza, Presidente di ANDeA – Asso- degli intervistati ha dichiarato di sentire compromessa la
ciazione Nazionale Dermatite Atopica. “È per far fronte a que- propria attività lavorativa a causa dell’aspetto della pelle. Nel

                                                                                                                                   Foto: WCD 2019
    dermatite atopica                       psoriasi                     tumore della pelle              altre news dal wcd2019                     29
complesso circa 1 paziente su 4 sente di non riuscire a gesti-
re la propria condizione e a tenerla sotto controllo, mentre più
del 50% degli adulti con dermatite atopica ha riportato sintomi
di depressione e/o ansia, con percentuali maggiori nei pazien-
ti con la forma grave.

“La nostra esperienza quotidiana, supportata da diversi stu-
di, ci dice che le persone con dermatite atopica, specie grave,
hanno provato di tutto per riuscire a calmare il prurito, dormi-
re e cercare di condurre una vita che non sia eccessivamente
impattata dalla malattia; ma con scarsi risultati e spesso si        Prof. Piergiacomo Calzavara Pinton
arrendono,” commenta Piergiacomo Calzavara Pinton, Pre-              Dermatite atopica, la campagna di sensibilizzazione
sidente SIDeMaST, Società Italiana di Dermatologia medica,           per “passare in vantaggio” contro la malattia
chirurgica, estetica e delle Malattie Sessualmente Trasmes-
se. “È pertanto importante far arrivare loro il messaggio che si          GUARDA IL VIDEO
può fare qualcosa per la loro condizione e che ci sono dei me-
dici specialisti pronti ad ascoltarle. Va in questo senso anche    rinuncia ad andare in piscina, mentre il 43% evita di frequen-
la campagna ‘Dalla parte della tua pelle’, lanciata dalla nostra   tare ambienti polverosi; il 29% rinuncia ad andare in palestra,
Società in questi giorni, che prevede anche un programma di        il 23% evita di svolgere alcune attività lavorative e, infine, cir-
visite dermatologiche gratuite per i pazienti adulti con derma-    ca il 20% dei pazienti evita di frequentare luoghi pubblici nel
tite atopica nei centri ospedaliero-universitari in tutta Italia.” tempo libero. Complessivamente per il 44% dei pazienti con
                                                                   dermatite atopica grave la propria vita sociale e ricreativa ri-
Tra i sintomi più pesanti da gestire, secondo uno studio pub- sulta compromessa.
blicato sul Journal of American Academy of Dermatology, al
primo posto c’è il prurito, persistente e incessante: l’86% dei “A riprova della grande attenzione che sta ricevendo sempre di
pazienti riporta sintomi di prurito tutti i giorni e il 61% lo de- più la patologia rispetto alle soluzioni terapeutiche e all’impatto
finisce insopportabile. Proprio a causa del prurito, il 55% dei sulla qualità della vita, nelle prossime settimane verrà lanciato
pazienti riporta un sonno disturbato per 5 o più giorni a setti- ‘AtopyReg’, il primo registro italiano dei pazienti con dermatite
mana, con riflessi negativi sulla produttività lavorativa, sullo atopica,” conclude Francesco Cusano, Presidente ADOI, Asso-
studio e nelle attività quotidiane.                                ciazione Dermatologi-Venereologi Ospedalieri Italiani e della
                                                                   Sanità Pubblica. “Si tratta di uno strumento utile per analizzare
Come conseguenza dei sintomi e del riflesso che essi hanno i dati raccolti e permettere non solo di determinare la prevalen-
sulla sfera psicologica, la maggior parte dei pazienti opera za delle patologie nella popolazione, ma anche di valutare i fat-
delle rinunce evitando di partecipare a situazioni sociali che tori prognostici e gli esiti delle scelte terapeutiche.”
temono possano per loro dimostrarsi spiacevoli: il 54% infatti

    dermatite atopica                        psoriasi                    tumore della pelle               altre news dal wcd2019         30
Puoi anche leggere
DIAPOSITIVE SUCCESSIVE ... Annulla