ECONOMIA CIVILE una proposta per il futuro - SPECIALE SOCI - PrimaCassa Credito Cooperativo FVG

 
ECONOMIA CIVILE una proposta per il futuro - SPECIALE SOCI - PrimaCassa Credito Cooperativo FVG
ECONOMIA
         CIVILE
       una proposta
       per il futuro

          POLO DI VALLE                        SUPERBONUS 110%                SPECIALE
         ECONOMIA CIVILE
            per la Val Tagliamento
                                               Cessione del credito fiscale     SOCI

Periodico di informazione di PrimaCassa / Novembre 2020 / Numero 3 		          Numero 4
ECONOMIA CIVILE una proposta per il futuro - SPECIALE SOCI - PrimaCassa Credito Cooperativo FVG
PrimaPagina                                                                                                             2

Consiglio d’Amministrazione
Giuseppe Graffi Brunoro (Presidente)

                                           Sommario
Giuseppe Varisco (Vice Presidente
Vicario)
Marco Gasparini (Vice Presidente)
Alberto Cappelletti (Amministratore)
Iginio Colussi (Amministratore)
Andrea Monte (Amministratore)
Alda Picco (Amministratore)
Enrico Pivotti (Amministratore)            03 Editoriale del Presidente
Mauro Savio (Amministratore)
Marcello Toneatto (Amministratore)
Sergio Vello (Amministratore)              SPECIALE:
Sara Zanier (Amministratore)               04 Carta di Firenze
                                              L’economia civile cammina nel territorio della realtà
Collegio Sindacale
Alessandro Paolini (Presidente)            07 Un “Polo di Valle” per la Val Tagliamento, a Enemonzo
Ermens Toffoli (Effettivo)                    Il nuovo progetto di PrimaCassa Credito Cooperativo FVG
Maurizio Variola (Effettivo)
Piergiovanni Celetto (Supplente)
                                           08 100 Anni fa: Cassa Rurale di Santa Maria di Flambro
Andrea Toso (Supplente)                       Ora, PrimaCassa Credito Cooperativo FVG: un percorso
                                              alimentato dalla storia
Comitato Esecutivo
Marco Gasparini (Presidente)
Mauro Savio (Vice Presidente)              Sostegno al territorio
Alberto Cappelletti (componente)           12 Il prosciutto Dop sotto analisi
Andrea Monte (componente)
Sara Zanier (componente)                   12 Un nuovo mezzo per l’Auser di Muzzana del Turgnano

Membri del Collegio dei Provibiri
Giorgio Spazzapan (Presidente)
                                           La Comunità: eventi e iniziative
Eddi Gomboso (Effettivo)                   06 Il ritorno di Tartufando
Paolo Cuttini (Effettivo)                  13 Il Velocista friulano Luca Campeotto
Elio Di Giusto (Supplente)
Mauro Peressini (Supplente)                18 Ecomuseo Val Resia

Direzione generale                         Giovani Soci
Marco Pontello (Direttore Generale)
Sergio Copetti (Vice Direttore generale)   14 Borse di studio PrimaCassa Credito Cooperativo FVG
                                           16 PrimaCassa Credito Cooperativo FVG ZKB di Trieste e Gorizia
                                               e BCC Turriaco
                                           17 Il Giro in Friuli

                                           Focus prodotti e servizi
                                           10 Superbonus 110%

                                           INSERTO SPECIALE - Numero 4
                                           ESSERE SOCI

                                                               —
                                                               PERIODICO DI INFORMAZIONE DI
                                                               PRIMACASSA CREDITO COOPERATIVO FVG
                                                               —
                                                               PrimaPagina
                                                               Anno 2018 - Reg. Trib. di Udine n. 6/18 del 09/03/2018
                                                               Editore
                                                               PrimaCassa Credito Cooperativo FVG
                                                               Redazione
                                                               Davide Iannis
                                                               Direttore Responsabile
                                                               Francesco Facchini
                                                               Stampa
                                                               LuceGroup
ECONOMIA CIVILE una proposta per il futuro - SPECIALE SOCI - PrimaCassa Credito Cooperativo FVG
3                                                                                                               Editoriale del Presidente

                                           BEN-ESSERE =
                                        Territorio x Credito
                                                x Comunità
L’obiettivo di ogni editoriale dovrebbe essere      torio - inteso come luogo fisico - e le relazioni   ha a disposizione 10 dosi di un siero salvavita.
quello di proporre spunti di riflessione e          fra i soggetti che lo costituiscono). Forse anche   Una certa notte arrivano all’ospedale due gruppi
domande che lasciano aperti spazi a risposte        qui la risposta è: “Dipende!”.                      di 10 persone ciascuno, tutte bisognose del siero.
anche differenti; risposte che ovviamente di-       L’ultimo termine è “Credito”. Qui vince la          Il medico sa che le persone del gruppo A, rice-
pendono dai “perché”, dai fini che ogni Lettore     presunzione di provare a dare una risposta          vendo il siero, avranno salva la vita.
si prefigge e allora inizio dal titolo. Un titolo   I fatti (e i numeri) confermano che il model-       Quelle del gruppo B, invece, hanno una pro-
strano. Un’equazione dove il “Ben-Essere”           lo della Banca di Comunità deve essere              babilità del 50% di restare in vita dopo aver
è il risultato di una “moltiplicatoria”. Quindi     salvaguardato.                                      ricevuto l’iniezione.
se uno dei fattori fosse uguale a “zero” anche      Va difeso sia dalla visione omologatrice di chi     A chi somministrerà le 10 dosi del siero il nostro
il risultato sarebbe “zero”.                        sogna solo la grande banca Spa (e abbiamo           medico se vuole allocare quella risorsa scarsa
Ma cosa significa ben-essere? Che differenza        visto che pure i grandi sbagliano), ma anche        in modo efficiente? Al gruppo A, perché in tal
c’è fra altri termini, che spesso vengono usati     (e soprattutto) dai tentativi di restaurazione di   modo salverà 10, anziché cinque, vite umane.
quasi come sinonimi, quali “Sviluppo” o             quella parte di Credito Cooperativo, restia ad      Supponiamo ora che al medico giunga la
“Crescita”? Lo sviluppo può continuare ad           accettare e affrontare il necessario cambiamento,   seguente informazione: le persone del grup-
alimentarsi solo con acquisti sempre maggiori       che sta gattopardescamente strumentalizzando
                                                                                                        po A hanno un’età media di 80 anni con
di beni materiali (case, automobili, …)? O non      parole come “autonomia” e “biodiversità” che,
                                                                                                        una speranza di vita residua di cinque anni;
vanno forse incoraggiati anche consumi di beni      ovviamente vanno difese, ma non a discapito
                                                                                                        mentre le persone del gruppo B sono bambini
immateriali (cultura, turismo esperienziale,        di “responsabilità” e “stabilità sistemica”.
                                                                                                        di 5 anni, che hanno una speranza di vita
enogastronomia ecc.)? Quando parliamo di            E a coloro che scrivono le regole, che non
                                                                                                        residua di 80 anni.
“crescita” intendiamo “crescita di ciò che ab-      perdono occasione di dimenticare che tutti i
                                                                                                        Come si comporterà in tale nuova situazione
biamo” o “crescita di ciò che siamo”?               principi universali non sono indifferenti alla
                                                                                                        il nostro medico?
E che dire degli altri due termini dell’equa-       scala e che i costrutti astratti, perfetti sulla
                                                                                                        Se l’obiettivo efficiente sarà quello di massimiz-
zione: “Territorio” e “Comunità”. Anch’essi         carta, rischiano di non essere altrettanto buoni
                                                                                                        zare il numero di anni di vita, la sua scelta
vengono spesso usati come sinonimi, ma              della pratica in quanto le regole giuste per il
                                                                                                        cadrà sul gruppo B, dal momento che 400 anni
siamo sicuri che lo siano? Qualcuno sostiene        “macro” non sempre vanno bene per il “micro”,
che: si è nel Territorio (il riconoscimento reci-   va ricordato che il concetto di “Efficienza”        di vita (80x10x50%) superano di gran lunga
proco di appartenenza, fra soggetti - persone,      può essere utilizzato solo dopo che si è            i 50 anni di vita (5x10) che egli assicurerebbe
imprese, associazioni, amministrazioni - che        fissato il fine che si intende perseguire.          se il siero venisse distribuito al gruppo A.
vi intrecciano dinamiche condizionandone            L’efficienza è strumento per un fine, non un        Per completare la parabola, si assuma ora
in modo anche formale, le strutture sociali,        fine in sé. Ciò che si misura, e soprattutto il     che le dosi di siero salvavita non siano di
giuridiche, economiche e culturali) e, invece,      “perché”, inducono comportamenti: ognuno            proprietà dell’ospedale, ma di un operatore
ci si sente Comunità (associazione fra una          di noi ha la responsabilità di individuare gli      privato che è disposto a venderle a chi offrisse
circostanza fisica e una percezione mentale         indicatori più coerenti con i propri valori.        il prezzo più alto.
che, cementata dal senso di appartenenza,           Non ho risposte certe in materia, ma nelle          In tali condizioni, se l’obiettivo diventa quello di
accomuna in una forma di solida relazione i         pagine che seguono, forse, troverete quale          massimizzare il ricavo (e quindi il guadagno),
diversi soggetti che la costituiscono, radicatasi   elemento in più per diminuire le incertezze.        il medico avrà adottato un comportamento
in secoli di condivisione di valori e concezioni    Nel frattempo, vi consegno una riflessione di       efficiente solo se distribuirà il siero salvavita
etico-morali, attraverso un percorso storico in     Wight e Morton (2007).                              al gruppo A.
cui si è creato un profondo legame fra il terri-    In un ospedale sperduto, il medico di guardia       A Voi Lettori ogni commento.
ECONOMIA CIVILE una proposta per il futuro - SPECIALE SOCI - PrimaCassa Credito Cooperativo FVG
SPECIALE                                                                                                                       4

La Carta di Firenze:
l’economia civile
cammina nel territorio
della realtà
Con otto passi

                                                                                          nazionale che a livello mondiale. Molte-
La Carta di Firenze (CdF), elabora-                                                       plici vecchie e nuove forme di impresa
ta in seno alla Scuola di Economia                                                        cooperativa la affiancano nell’edifica-
Civile, dopo essere stata presentata,                      SOSTENERE                      zione del bene comune. Senza imprese
il 25 settembre, al Festival dell’Eco-                il valore del lavoro                - e dunque senza mercato - non c’è né
nomia Civile tenutosi nel capoluogo                      e delle persone                  incivilimento né crescita né sviluppo.
toscano, è stata consegnata nelle           Perché l’Economia Civile è uno sguardo        L’Economia Civile guarda pertanto con
mani del Presidente della Repubblica,       sulla realtà economica che affonda le sue     fiducia ed ottimismo ad una nuova
Sergio Mattarella. La CdF è, insieme,       radici nella tradizione dell’Umanesimo        tendenza di ibridazione (in una nuova
un documento operativo aperto e un          civile e dell’Illuminismo italiani. Afferma   ricchezza e pluralità di forme organiz-
atto di fiducia nella libertà di una        la centralità della persona e il valore       zative) che si affaccia dove sempre più
pluralità inclusiva di soggetti. Otto       del lavoro come luogo di realizzazione        imprese cercano di coniugare profitto
punti. Otto verbi. Otto condizioni          delle più profonde aspirazioni umane.         ed impatto sociale, creazione di valore
preliminari e, al tempo stesso ine-         Rifiuta l’idea che si possano trattare le     economico, dignità e qualità del lavoro
ludibili, per dare forma al futuro.         risorse umane al pari di quelle mate-         e sostenibilità ambientale.
                                            riali e tecnologiche: l’uomo si realizza
                                            con il proprio ingegno, con il lavoro
                                            manuale e intellettuale e non può mai
                                            venire ridotto a mero fattore di pro-                      PROMUOVERE
                                            duzione o ingranaggio di un sistema            la diversità e l’inclusione sociale
                                            produttivo. Non può essere mortificato        Perché negli ultimi anni, la corsa al
LA CARTA DI FIRENZE                         nelle sue aspirazioni di realizzazione        ribasso sui diritti del lavoro e la con-
PER L’ECONOMIA CIVILE                       professionale.                                correnza fiscale tra Paesi per attirare
Il futuro dopo il Coronavirus                                                             insediamenti produttivi hanno por-
Noi cittadini, donne e uomini, liberi di                                                  tato con sé una crescita insostenibile
spirito, impegnati nei campi più diversi                                                  dei livelli di diseguaglianza sociale ed
del lavoro, della ricerca e dell’insegna-                  CREDERE                        economica tra le persone all’interno
mento, delle arti, dei mestieri e della               nella biodiversità                  degli Stati, in grado di minacciare la
creatività, della cooperazione - che                delle forme d’impresa                 coesione sociale e la tenuta stessa. Ma
amiamo l’Italia e ci sentiamo parte viva    Perché l’Economia Civile si batte per         un mercato che voglia dirsi civile deve
d’Europa - in questi mesi segnati dalla     affermare e garantire la pari dignità di      tendere a colmare divari economici
pandemia e dalla crisi ambientale, sen-     ogni forma giuridica d’impresa operante       e sociali, consentendo a tutti, e non
tiamo l’urgenza di un cambio di rotta       nei mercati e la biodiversità delle forme     solo ai più forti e ai più efficienti, di
e di un impegno comune più incisivo,        d’impresa. L’impresa capitalistica non        prendere parte al processo economico
in difesa della salute, della scuola, del   è l’unica, né l’esclusiva, né la naturale     e finanziario attraverso l’attivazione di
lavoro, dell’ambiente e del benessere       né la superiore forma d’impresa, anche        meccanismi di inclusione di uomini e
collettivo.                                 se le imprese di capitali costituiscono       donne e ri-generazione di chi si trova
                                            numericamente la maggioranza della            ai margini, attraverso la valorizzazione
Per questo ci impegniamo a:                 popolazione imprenditoriale, sia a livello    delle diversità come ricchezza sociale.
ECONOMIA CIVILE una proposta per il futuro - SPECIALE SOCI - PrimaCassa Credito Cooperativo FVG
5

                                               alla produzione e al consumo di beni            senza occuparsi di ambiente e territorio.
                                               relazionali: tra questi, i più rilevanti sono   La ricchezza del nostro Paese è data
                                               l’amicizia, l’amore, la fiducia, l’impegno      dalla sua biodiversità naturale e dalla
                                               civile, i servizi alla persona. Quanto          ricchezza di senso e varietà dei genius
                                               più un’economia avanza, tanto più la            loci dei suoi territori che affondano le
                                               domanda di beni relazionali diventa             radici nelle nostre tradizioni e che rap-
                                               strategica rispetto alla domanda di beni        presentano dei veri e propri vantaggi
                                               privati e di beni pubblici. Le relazioni        competitivi nell’economia globale. E la
                                               di qualità sono la chiave del successo          tutela dei luoghi (non solo meri spazi)
                                               delle relazioni nei luoghi di lavoro e          non può prescindere dalla storia. La
                                               favoriscono la creazione di fiducia e           gravità delle crisi ambientali e sociali, le
                                               di capitale sociale. Dono e reciprocità         devastazioni del patrimonio naturale e
                                               sono i fattori chiave che le costruiscono.      artistico ma anche la banalità del male
                                                                                               di tante decisioni riguardanti il territorio,
                                                                                               incuria, mancanza di prevenzione, assen-
                                                                                               za di controlli, noncuranza del rischio
                                                             PROPORRE                          e della fragilità dei luoghi, violazione
                                                     una nuova idea di salute                  delle regole, richiedono una presa di
                                                            e di benessere                     posizione più forte. La terra non è solo
                                               Perché tutta la società deve farsi carico       strumento, fattore di produzione, piat-
            VALORIZZARE                        della salute delle persone e del loro           taforma. Agisce e reagisce, cambia e si
      l’impresa come luogo di                  benessere, non solo l’ente pubblico (o          trasforma, a livello chimico, biochimico,
      creatività e di benessere                il mercato), perché i portatori di bisogni      geologico; reagisce all’uomo e alle sue
                                               sono anche portatori di conoscenze e            azioni, talvolta si ribella con forza.
Perché l’impresa civile (capace di co-
                                               di risorse. Da questo deriva una triplice
niugare creazione di valore economico
                                               conseguenza.
e di senso, produttività e sostenibilità
                                               Primo: l’ente pubblico non è l’unico
sociale ed ambientale) si fonda sulle
                                               e esclusivo titolare del diritto-dovere                         ATTIVARE
relazioni tra persone e rappresenta in
                                               di erogare servizi di welfare destinati            energie giovani, innovazione
quanto tale uno dei principali e influenti
                                               ai propri cittadini e, specialmente, del                   e nuove economie
luoghi di formazione del carattere e
                                               potere di definire da solo i modi di            Perché per attivare i quattro fattori fon-
della personalità umana.
                                               soddisfacimento dei bisogni individua-          damentali del progresso civile e sociale
Frutto di ispirazione e di creatività,
                                               li. La Repubblica comprende lo Stato,           (la persona capace di costruire relazioni,
di capacità di leggere i nuovi bisogni
                                               non viceversa, come la nostra Carta             l’impresa civile, il valore generativo e la
e i nuovi spazi di mercato, di nuove           Costituzionale esplicitamente riconosce.        sussidiarietà circolare come chiave per
competenze, di buone relazioni con il          Secondo: gli enti del terzo settore e della     la soluzione dei problemi economici e
contesto territoriale e con le comunità.       società civile organizzata assumono un          sociali) l’Economia Civile ha sperimen-
È un’impresa esperta non solo in com-          ruolo cruciale nell’individuazione dei          tato in questi anni un processo che va
petenze tecniche ma anche in capacità          bisogni e nella generazione di soluzioni        oltre la pur importante enunciazione di
relazionali, dove reciprocità, gratuità e      e politiche. Terzo: per risolvere i pro-        principi. Un percorso fatto di momenti
fiducia sanno generare relazioni po-           blemi e muovere verso il bene comune            di formazione, d’incontro e d’investi-
sitive e un sovrappiù sia economico            il ruolo dei cittadini (stili di vita, voto     mento sui territori, di ricerca e studio
che sociale.                                   col portafoglio nelle scelte di consumo         delle buone pratiche che sono semi di
                                               e di risparmio, partecipazione alla vita        speranza per il futuro, di costruzione di
                                               delle organizzazioni sociali) è decisivo.       laboratori dove rendere presente e far
                                               La pandemia ha messo in luce la ne-             interagire i tre ingredienti fondamentali
                INVESTIRE                      cessità di ripensare in maniera più col-        per il progresso civile: energie giovani,
           nell’educazione e                   laborativa le relazioni tra società civile,     innovazione, creazione di valore econo-
     nella promozione umana                    mercato e Stato.                                mico (socialmente ed ambientalmente
Perché, se è vero che è possibile massi-                                                       sostenibile).
mizzare l’utilità anche in piena solitudine,                                                   È lungo questo percorso generativo e
per essere felici bisogna essere almeno                                                        ricco di senso che l’Economia Civile
in due (come ricordava Aristotele), per-                    COLTIVARE                          chiama a raccolta tutte le persone di
ché la felicità richiede il riconoscimento     il rispetto e la cura dell’ambiente             buona volontà che desiderano coin-
di almeno un’altra persona. La vera            Perché oggi non è più pensabile occu-           volgersi per la realizzazione del Bene
determinante del benessere è legata            parsi di povertà, di welfare o di salute        Comune.
ECONOMIA CIVILE una proposta per il futuro - SPECIALE SOCI - PrimaCassa Credito Cooperativo FVG
Sostegno
  Tartufando
          al territorio                                                                                                           6

Il ritorno di Tartufando
Tour tra cibo e cultura in compagnia
di un pregiato prodotto agroalimentare regionale

                                               territorio di competenza: un territorio      come eccellenza agroalimentare del
                                               che dalla montagna, lungo il corso del       Friuli Venezia Giulia. La pandemia
                                               Tagliamento, raggiunge il mare. Tra          in corso che ha modificato il nostro
                                               le iniziative attivate da PrimaCassa         modo di vivere, di lavorare, di diver-
                                               Credito Cooperativo FVG rientra il
                                                                                            tirsi, di amare e socializzare ha anche
                                               pluriennale sostegno all’ Associazione
                                                                                            imposto il rinvio di manifestazioni
                                               Amatori Tartufo di Muzzana del Tur-
                                                                                            consolidate come la fiera - mercato
La valorizzazione delle eccellenze             gnano impegnata nella divulgazione
del territorio è uno tra gli obietti-          e valorizzazione del Tartufo Bianco          Trifule in Fieste, prevista per il mese di
vi perseguiti da PrimaCassa Credito            Pregiato Friulano. Oggi il tartufo, rac-     novembre, ma ha anche dato la spinta
Cooperativo FVG per lo sviluppo so-            colto nell’antico bosco planiziale di        per nuove idee e per la rivisitazione
stenibile delle Comunità presenti sul          Muzzana, è decisamente riconosciuto          di precedenti progetti.

“Tartufando” è un’iniziativa di elevato        svolgere con la soddisfazione dei nu-
valore gastronomico, nata dalla colla-         merosi intervenuti. Ma il segnale della
borazione tra MAT (Muzzana Amatori             voglia di ripartenza abbinata a un’idea di
Tartufi) e PrimaCassa Credito Coope-           promozione del territorio è stato chiaro
rativo FVG, con il supporto di Promo-          e gradito e, sicuramente, ”Tartufando in
TurismoFVG, volta alla diffusione della        tour: dalla Carnia al mare”, sarò ripro-
conoscenza del tartufo bianco pregiato         posto nella prossima stagione.
locale. Un percorso che propone piatti
cucinati dai migliori chef della regione
e accompagna alla scoperta della storia
del prezioso tubero locale.
A completamento del progetto sono
stati organizzati ulteriori eventi come:
l’Asta benefica del tartufo, il cui ricavato
è stato devoluto per scopi sociali e la
dimostrazione di “Cerca Tartufo” nei
boschi muzzanesi a cui ha fatto seguito
una degustazione presso un ristorante
locale. Tutte le iniziative si sono svolte
previa prenotazione.
Il programma delle cene che si dovevano
svolgere tra ottobre e novembre, aveva
coinvolto 10 ristoranti del territorio di
competenza di PrimaCassa Credito Coo-
perativo FVG e un ristorante del territorio
carsico, grazie anche alla collaborazione
di ZKB, attiva assieme a PrimaCassaFVG
per lo sviluppo di iniziative in rete tra
gli Istituti aderenti al Gruppo Bancario
Cooperativo Cassa Centrale Banca. A
motivo dell’emergenza sanitaria, però,
soltanto i 4 appuntamenti di ottobre
(a San Daniele, Fagagna, Tavagnacco
e Palazzolo dello Stella) si sono potuti
ECONOMIA CIVILE una proposta per il futuro - SPECIALE SOCI - PrimaCassa Credito Cooperativo FVG
7                                                                                           Bonus Casa Enemonzo

Un “Polo di Valle”
per la Val Tagliamento,
a Enemonzo
Il nuovo progetto di PrimaCassa Credito Cooperativo FVG
La nascita del “Polo di Valle”. È stato    nel fronteggiare i rischi attraverso una    Presidente, Giuseppe Graffi Brunoro
per illustrare questo nuovo progetto       corretta formula assicurativa. Oltre,       e dal Direttore generale della banca,
di servizi ai Soci e ai Clienti della      ovviamente alla tradizionale attività di    Marco Pontello, i quali hanno anche
Comunità della Val Tagliamento che         sostegno, ai progetti di investimento di    presentato le sei persone con elevate
PrimaCassaFVG li ha voluti incontrare, a   imprese e famiglie attraverso strumenti     competenze nei diversi ambiti ban-
Enemonzo, nei locali che furono la sede    dedicati e sempre attenti all’indebita-     cari che, alternandosi nelle sedi di
dell’allora Cassa Rurale e Artigiana.      mento responsabile. All’incontro erano      Enemonzo, Forni di Sotto e Forni di
Questa sede, per centralità, spazi e di-   stati invitati i Sindaci dei Comuni della   Sopra e lavorando principalmente su
sponibilità di parcheggio costituisce la   Valle a nome dei quali è intervenuto il     appuntamento, forniranno supporto
base ideale per il progetto della Cassa    primo cittadino di Enemonzo, Franco         e consulenza qualificata alla clientela.
di Credito Cooperativo che punta a         Menegon, per riconoscere il ruolo e         All’incontro erano presenti anche gli
mettere a disposizione di quanti vi-       l’attenzione che PrimaCassa Credito         Amministratori di PrimaCassa Credito
vono nei centri della Val Tagliamento      Cooperativo FVG, in molteplici forme,       Cooperativo FVG e molti collaboratori
un ancora più efficace servizio di as-     riserva alle popolazioni della Carnia.      della banca che operano nelle altre
sistenza nella gestione del risparmio,     Le caratteristiche e le funzionalità del    succursali della Carnia.
nella programmazione previdenziale e       “Polo di Valle” sono state illustrate dal
Cento anni fa                                                                                                     8

Cento anni fa:
Cassa Rurale
di Santa Maria
di Flambro

Ora, PrimaCassa Credito
Cooperativo FVG: un percorso
alimentato dalla storia

Nelle prime settimane dell’anno 1920, l’allora cappellano          funse da mediatore per gli emigranti che, con le loro
di Flambro, don Enrico D’Aronco, decise di impegnarsi              rimesse, contribuirono al rilancio dell’edilizia. Paralle-
nella fondazione di un Istituto di credito con il dichia-          lamente, negli anni ‘50 del Novecento, nacque anche la
rato scopo di sostenere l’opera di ricostruzione nel               Cassa Rurale di Castions di Strada la quale, in seguito,
primo dopoguerra, anche venendo in aiuto a centinaia               unendosi alla Cassa Rurale di Flambro diede origine alla
di piccoli agricoltori della zona, frustrati dalle umilianti       Cassa Rurale della Bassa Friulana poi rinominata, a metà
difficoltà riscontrate per il reperimento delle necessarie         degli anni ‘90, Banca di Credito Cooperativo della Bassa
e vitali somme di denaro. Fu così che, la Cassa Rurale di          Friulana e, oggi, al termine di una operazione di unione
Santa Maria di Flambro, venne costituita il 7 marzo 1920           con altre due BCC della provincia di Udine, PrimaCassa
con un atto notarile firmato dal dottor Luigi Marchetti            Credito Cooperativo FVG. Una Banca che ancora oggi,
di Mortegliano. Inizialmente furono anni difficili, ma la          nel solco tracciato dai pionieri, pone al centro del suo
costante presenza sul territorio e la propria meritoria            operare la funzione dello sviluppo e della crescita so-
attività di piccoli prestiti, permise all’Istituto di affermarsi   cio-economica del proprio territorio, anche attraverso il
e di triplicare, in pochi anni, il numero dei soci. L’istitu-      sostegno di numerose iniziative associative e la costante
zione della Cassa Rurale innescò un processo positivo              erogazione di credito alle famiglie e alle piccole-medie
e fecondo per il territorio che ha, in seguito, permesso           imprese, senza tradire i propri valori originari. Per in-
di porre le basi di un’agricoltura nuova, più moderna              naffiare le radici dei suoi 100 anni di storia, PrimaCassa
in termini di mezzi, di strutture, di mentalità economi-           Credito Cooperativo FVG ha partecipato, con il proprio
co-imprenditoriali. Anche in seguito a ciò, la funzione            sostegno, alla pubblicazione del “Catapan della pieve
sociale ed economica della Cassa si manifestò in tutta             di Flambro”, curata da Ermanno Dentesano. Le iniziati-
la sua rilevanza pure nel secondo dopoguerra: erano gli            ve celebrative dell’evento a seguito dei provvedimenti
anni della ricostruzione e della trasformazione econo-             attuati per il contenimento della pandemia da COVID
mica verso nuove forme di lavoro artigiano-industriale.            19 si svolgeranno nel 2021e prevedono una serie di
L’Istituto si dimostrò, ancora una volta, parte integrante         eventi celebrativi per ricordare, in maniera adeguata, le
della vita paesana e permise l’ammodernamento neces-               varie tappe del percorso centenario che ha avuto inizio
sario alle migliorie richieste dalla comunità. È anche             a Flambro, grazie all’intuizione di don D’Aronco e di
importante sottolineare come, nello stesso periodo,                quelli che hanno creduto in lui e nelle sue proposte.
Approfitta della
              super-agevolazione fiscale
              per ristrutturare casa

              SUPERBONUS

               per i lavori di riqualificazione della tua casa
              Con il Decreto Rilancio (Decreto Legge n. 34/2020 convertito in Legge n. 77/2020) lo Stato ti
              riconosce un Superbonus sui lavori di riqualificazione che migliorano l’efficienza energetica della
              tua casa e la rendono più resistente ai terremoti.
              •vale per le spese sostenute dal 1 luglio 2020 al 31 dicembre 2021
              •riguarda specifici interventi di miglioramento dell’edificio, ed entro certi limiti di spesa
              •si aggiunge alle detrazioni già in vigore con i bonus precedenti:
               Ecobonus, Sisma Bonus, Bonus Facciate e Bonus Ristrutturazione
              Da un punto di vista tecnico, il bonus fiscale è una detrazione fiscale che si può trasformare in
              credito d'imposta di cui sei titolare nei confronti dello Stato.

Vieni in filiale: valuteremo insieme
la formula più adatta a te per
cedere il credito fiscale e ottenere
un rimborso delle spese in
un’unica soluzione.
Messaggio pubblicitario.                                                                        www.primacassafvg.it
SERVIZI BANCA

                              SUPERBO
                        SERVIZI BANCARI E ASSICURATIVI

             DETRAZIONE
      SUPERBONUS 110% F
              DETRAZIONE
               DETRAZIONE FISCALE  IN55ANNI
                          FISCALE IN    ANNI

                                         CONDOMINI, PERSONE FISICHE, IACP,
CHI PUÒ USUFRUIRE
                                                                                               C
                   CHI PUÒ USUFRUIRE
                                     ASSOCIAZIONI SPORTIVE (per lavori su spogliatoi)

                                                                                           ASSOCI
                                                                           AGGIUNTIVI
                                           TRAINANTI
                                                                    efficientamento energetico
                                        isolamento termico
     SU CHE LAVORI                     sostituzione impianti
                                                                             fotovoltaico
                                                                         accumulo elettrico
                                             antisismici
                                                                          colonnine ricarica

                    SPESE SOSTENUTE DAL 1° LUGLIO 2020 AL 31 DICEMBRE 2021                           TR
                                                                                             isolam
                          SU CHE LAVORI
     I PRIMI TRE PASSI PER VALUTARE SE E’ POSSIBILE OTTENERLO
                                                                                           sostitu
1. Sopralluogo in cantiere o in ufficio su documentazione cartacea, si verifica se è possibile
rientrare nel 110% oppure su altre detrazioni.
                                                                                                  an
2.  Pre-valutazione da parte di ingegnere sul guadagno delle 2 classi energetiche,
dalla quale uscirà un documento che certificherà il raggiungimento delle classi a seguito di
determinati lavori.

3. Richiesta preventivi alle aziende che realizzano i lavori e alla società di consulenza per
lo svolgimento delle procedure autorizzative. Pre-asseverazione contenente risultato pre-
                                                       SPESE
valutazione, importo lavori, importo da pagare e ammontare          SOSTENUTE
                                                              del credito da cedere.     DAL        1° LU
                                  COME FINANZIARSI
4.  Con la Pre-asseverazione è possibile recarsi in banca e valutare l’eventuale necessità di

                         I PRIMI TRE PASSI PER VALUTA
finanziamenti e/o anticipazioni.

                              ESECUZIONE DEI LAVORI
5.
                  1.
   Esecuzione dei lavori tramite protocollo ben delineato a cui devono sottostare le aziende
esecutrici.            Sopralluogo in cantiere o in ufficio su do
6.  Gestione      rientrare
              pratica            neldei110%
                      e coordinamento           oppurechesudovranno
                                         vari professionisti altreemettere
                                                                    detrazioni.
                                                                           le
asseverazioni di congruità.

7.                2. GESTIONE DEL CREDITO FISCALE
                      Pre-valutazione       da parte
                                                di ingegner
   Possibilità di cessione del credito tra il committente, le aziende e gli istituti di credito a
                  dalla quale uscirà un documento che certific
seguito del rilascio del visto di conformità.

                  determinati lavori.
ARI E ASSICURATIVI

ONUS 110%                                   SERVIZI BANCARI E ASSICURATIVI

FISCALE IN 5 ANNI
     SUPERBONUS   110%
                                 DETRAZIONE FISCALE IN 5 ANNI
                                     COME UTILIZZARLO

                                                   COME UTILIZZARLO
CONDOMINI, PERSONE FISICHE, IACP,
 IAZIONI
      PRIVATOSPORTIVE
              PAGA TUTTO E TIENE (per
        LA DETRAZIONE FISCALE
                                  PRIVATOlavori
                                          PAGA TUTTO su   spogliatoi)
                                                      E CEDE
                                    IL CREDITO ALLA BANCA
                                                             PRIVATO PAGA CON SCONTO
                                                              IN FATTURA DALL’IMPRESA

                          COSA POSSO CHIEDERE ALLA BANCA
                                        AGGIUNTIVI
RAINANTI
                             efficientamento
                            SE SONO IL PRIVATO            energetico
mento termico
                                           fotovoltaico
uzione impianti
        FINANZIARE L’INTERO          accumulo
                                           DEI LAVORI E elettrico
                                  FINANZIARE L’INTERO
                                                            FINANZIARE UNA PICCOLA
 ntisismici
        IMPORTO DEI  LAVORI
                                 IMPORTO
                                                           PARTE DELL’INVESTIMENTO
                                     colonnine ricarica
                              RITIRARE IL CREDITO FISCALE

                         SE SONO L’IMPRESA CHE FA I LAVORI*

 UGLIO 2020 AL 31 DICEMBRE 2021                                                                                FINANZIARE UNA BUONA
                                                                                                              PARTE DELL’INTERVENTO E
                                                                                                             RITIRARE IL CREDITO FISCALE

 ARE SE    E’ POSSIBILE
      * l’impresa                      OTTENERLO
                  che esegue i lavori con lo sconto in fattura ha un ruolo
                                       fondamentale nella riuscita del progetto
ocumentazione cartacea, si verifica se è possibile
                                      per informazioni e approfondimenti
                          visita il sito www.primacassafvg.it > superbonus 110%
                                       oppure rivolgiti alla tua succursale

 re sul guadagno delle 2 classi energetiche,
  cherà il raggiungimento delle classi a seguito di
             Il presente documento è stato redatto sulla base del testo approvato dal Parlamento e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 17/7/2020
                          con Legge N. 77/2020. Non è esaustivo in quanto è stato redatto prima dell’emanazione dei decreti operativi.
Sostegno al territorio                                                                                                         12

Il prosciutto Dop
sotto analisi
La prima ricerca triennale di un comparto trainante
dell’agroalimentare regionale e nazionale
                                            sarà realizzato dall’Università degli Studi   nasce anche dall’esigenza di andare a
                                            di Udine - Dipartimento di Scienze eco-       colmare la pressoché totale mancanza di
                                            nomiche e statistiche e che la Fondazione     trattazioni scientifiche sugli aspetti sopra
                                            San Daniele ha presentato, recentemente,      menzionati in chiave sia diacronica (di
                                            all’attenzione di PrimaCassa Credito Co-      trasformazione) che sincronica (attuale)
                                            operativo FVG. In particolare, il progetto    includendo nell’analisi, dunque, anche
                                            si pone l’obiettivo di approfondire le        una ricostruzione storico-economica in
                                            dinamiche economico-finanziarie del           grado di cogliere i fattori che hanno
                                            comparto italiano dei prosciutti Dop          consentito, al comparto, di consolidare
                                            (San Daniele e Parma), elaborando un          la propria posizione e che ne hanno
                                            quadro di analisi in grado di mettere         determinato l’attuale configurazione. La
“Studio delle dinamiche economiche,         in connessione i principali aspetti di        ricerca, prima nel suo genere, con va-
finanziarie e manageriali delle imprese     natura economico-finanziaria con i fat-       lenza nazionale, ha suscitato l’interesse
del comparto prosciutti Dop”. Si chiama     tori strategico-gestionali delle imprese a    di PrimaCassa Credito Cooperativo FVG
così il progetto triennale di ricerca che   livello di comparto nazionale. Lo studio      che ha deciso di sostenerla.

Un nuovo mezzo per
l’Auser di Muzzana del
Turgnano
Nelle scorse settimane, PrimaCassa Credito Cooperativo FVG
ha consegnato all’Auser di Muzzana del Turgnano un nuovo
mezzo attrezzato per il trasporto delle persone diversamente
abili. I funzionari di PrimaCassa Credito Cooperativo Fvg hanno
consegnato le “chiavi” del mezzo al presidente dell’Auser Volon-
tariato Turgnano, Gaudenzio Galasso e al direttore, Gianfranco
Gallo, davanti al direttivo e agli autisti volontari. La cerimonia
di consegna del nuovo mezzo attrezzato anche per il trasporto
delle persone diversamente abili va così a implementare la flotta
dell’Associazione che passa da due a tre unità. Grazie al nuovo
mezzo e alla disponibilità del suo gruppo di volontari, l’Auser
Volontariato Turgnano potrà così offrire un numero maggiore di
servizi di trasporto ai numerosi richiedenti. L’Auser Volontariato
Turgnano è un’associazione nata nel 2007, impegnata nel favorire
l’invecchiamento attivo delle persone anziane e nel valorizzare il
loro ruolo nella società, restando aperti al dialogo tra generazioni,
nazionalità e culture diverse.
13                                                                                          La Comunità: eventi e iniziative

Il velocista friulano
Luca Campeotto
In pista per le paralimpiadi del 2021
con la maglia di PrimaCassa Credito Cooperativo FVG

                                                      moglie, Agnese Malisan, sposata         A caccia di sponsor
                                                      nel 2017. Da 28 anni vive senza gli     Le specialità di Campeotto sono legate
                                                      arti inferiori persi in seguito a un    alla corsa su pista: 110 metri (specialità
                                                      incidente successo in campagna.         paralimpica), 200 metri, 400 metri (spe-
                                                      Ha frequentato regolarmente la          cialità paralimpica) e 800 metri.
                                                      scuola (non senza qualche difficoltà    Sui 400 metri è suo il record italiano di
                                                      di relazione con alcuni compagni)       55”,37, ottenuto nel 2019. A lui, poi, pia-
                                                      fino al diploma di perito agrario.      ce anche ricordare il 5° posto ottenuto,
                                                      Attualmente lavora, grazie anche        sempre sulla distanza dei 400 metri, al
                                                      alle protesi, in un’azienda di San      Meeting Internazionale di Barcellona. La
                                                      Vito al Tagliamento. Attorno al 2010,   stessa specialità con la quale si metterà
                                                      alcune persone che gli stavano vici-    in gioco a Tokyo, se tutto va bene.
                                                      no per le varie riabilitazioni, hanno   Ma nonostante questi risultati, per un
                                                      notato il suo potenziale sportivo e,
                                                                                              atleta come Campeotto, la vita sportiva
                                                      comunque, gli hanno fatto capire
                                                                                              non è per nulla facile. Bisogna trovare una
                                                      quanto lo sport potrebbe essere
                                                                                              società che ti accolga e “ufficializzi” i tuoi
                                                      stato utile per migliorare la qualità
                                                                                              sforzi (ora è la Trieste Atletica, dopo varie
                                                      della sua vita. E Luca gli ha creduto
                                                                                              esperienze precedenti e la Asti Pegaso
                                                      anche se, all’epoca, pesava 97 chili.
                                                                                              per le competizioni paralimpiche); una
                                                      «Gli inizi sono stati duri – racconta
                                                                                              pista per allenarsi che si adatti agli orari
                                                      – e pieni di sacrifici. Innanzitutto
Sono tante le notizie che si trovano in                                                       di una persona che lavora; uno staff che
                                               ho dovuto recuperare una certa forma
rete lanciando sui motori di ricerca la                                                       ti sostenga e ti aiuti a raggiungere, passo
                                               fisica e ora il mio peso non supera mai
raccolta di notizie su Luca Campeotto.         i 60 chili. Dedicandomi all’attività sporti-   passo, i traguardi programmati. Inoltre,
Naturalmente la sua storia sportiva e i suoi   va, ho migliorato i miei movimenti e, di       anche se vesti la maglia azzurra, come
record. Ma si trovano anche le descrizioni     conseguenza, la mia indipendenza. Nel          Campeotto, c’è da mettere in conto l’ele-
di un uomo determinato, grintoso e po-         2012 è iniziato il mio percorso sportivo       vato costo delle protesi da corsa e anche
sitivo. Le stesse cose che ti balzano agli     vero e proprio e, nell’estate 2021, spero      che le competizioni dei semiprofessionisti
occhi immediatamente quando lo scruti          di poter partecipare alle competizioni         hanno dei costi di partecipazione oltre
in allenamento sulla pista di Fagagna e,       paralimpiche di Tokyo. Dopo tutti questi       che di trasferta e alloggio. Per godere
magari, trovi l’occasione di incontrarlo       anni di attività e competizioni sportive –     di un minimo di tutela economica, po-
direttamente.                                  prosegue Campeotto – posso affermare           trebbe risultare utile essere inquadrati in
                                               che praticare lo sport non solo ti fa stare    qualche corpo delle forze armate, come
Il velocista friulano                          meglio, ma è stato un segno di rinascita       altri atleti degli sport minori, ma per i
Luca Campeotto è nato a Latisana nel           che mi ha pure insegnato ad affrontare         disabili è tutto ancora normativamente
1988 e vive a Rivignano-Teor con la            e superare mille difficoltà».                  più complicato.
14

Borse di studio
PrimaCassa
Credito Cooperativo FVG
Esito del bando 2019 – 2020
per 127 promozioni, diplomi e lauree conseguite
Sono 127 le borse di studio assegnate per promozioni          il Consiglio di amministrazione di PrimaCassa Credito
(49), diplomi (36) e lauree (42) conseguite nell’anno         Cooperativo FVG, a favore dei giovani Soci premiati, ha
scolastico 2019-2020, da Soci o figli di Soci di PrimaCassa   deciso di organizzare un evento formativo e interattivo
Credito Cooperativo FVG. Una gradita tradizione che           on line (Digital Live Talk), sui temi della sostenibilità,
si ripete da molti anni (confermata anche per l’anno
                                                              con il supporto della società torinese “Taxi 1729”. Un
scolastico 2020-2021) e che sottolinea l’impegno della
                                                              modo moderno, attuale ed efficace per raccontare, di-
Banca a sostenere il merito scolastico, puntando sulla
                                                              vulgare e affrontare la sfida globale della sostenibilità
dedizione degli studenti e sulle loro potenzialità future.
A seguito dei provvedimenti adottati dalle Autorità           e far riflettere simpaticamente i giovani su questo tema
pubbliche per la limitazione del contagio da Covid            fondamentale. L’evento, svoltosi nel tardo pomeriggio
-19, l’evento di premiazione in presenza è risultato          del 27 novembre, ha permesso l’interazione attiva di
impossibile da realizzare, come invece era sempre av-         500 partecipanti come nei talk dal vivo già sperimentati
venuto per le precedenti edizioni. In sua sostituzione,       nelle scorse edizioni.
15

ELENCO DEI PREMIATI
PROMOZIONE                 PROMOZIONE                 DIPLOMA DI                 LAUREA BREVE               LAUREA
CLASSE 3^                  CLASSE 4^                  MATURITÀ                   (VALORE DELLA              SPECIALISTICA
SUPERIORE                  SUPERIORE                  (VALORE DELLA              BORSA DI                   O MAGISTRALE
(VALORE DELLA              (VALORE DELLA              BORSA DI                   STUDIO, 650                (VALORE DELLA
BORSA DI                   BORSA DI                   STUDIO,300                 EURO):                     BORSA DI
STUDIO, 200                STUDIO, 200                EURO):                     Agnese Bertolo, Lo-        STUDIO, 600 –
EURO):                     EURO):                     Virginia Aliprandi,        renzo Cimenti, Valen-      1.000 EURO):
Michele Andreussi, Re-     Giada Berton, Ales-        Erika Basello, Ales-       tina Cozzi, Viola Cra-     Federica Bellese, Cla-
becca Baschiera, Ali-      sia Bratta, Leonardo       sandra Bellina, Ketty      gnolini, Mattia Fabris,    ra Bergagnini, Mari-
ce Bertossio, Stefania     Cecchini, Amanda           Bello, Irene Boaro,        Elisa Graffi, Krizia In-   na Bertolini, Cristian
Cecchini, Lorenzo Cu-      Cescutti, Matilde Ci-      Andrea Boccia, Giu-        dri, Erica Iob, Chiara     Burelli, Giulia Carli-
laon, Simone D’Ange-       polla, Giulia Cragno-      lia Bottecchia, Niccolò    Lauzzana, Samuele          ni, Andrea Castelluc-
lo, Greta Della Mora,      lini, Luca Dalla Marta,    Bruno, Eric Burelli,       Munini, Nicola Pecile,     ci, Sara Cella, Erika
Caterina Dri, Sofia La-    Luca Deano, Matteo         Elisa Caisutti, Ele-       Gaia Peressini, Camilla    Cinello, Emmanuela
varello, Cecilia Lazza-    De Candido, Martina        na Candotto, Fabio         Perosa, Davide Federi-     Cojaniz, Mariavittoria
rini, Vittoria Mansutti,   Del Negro, Lucrezia        Cappellari, Giulia         co Puglisi, Chiara Rai-    Craighero, Chiara Flo-
Gaia Mazzurco Mirita-      Del Sal, Veronica Di       Comand, Davide Di          nis, Eleonora Rinaldi,     reani, Ermes Iob, Bea-
na, Edoardo Moratto,       Biagio, Asia Frucco,       Vora, Mattia Dreossi,      Davide Schiraldi, Sara     trice Lesa, Edi Mainar-
Stefania Moro, Alice       Elisabetta Gamberini,      Cristiano Grosso, Sil-     Strizzolo, Eleonora To-    dis, Michele Marchese,
Mucignato, Sofia Pic-      Lorenzo Gamberini,         via Lazzarini, Riccardo    mat e Valentina Toso.      Alessandro Mocchi,
co, Angelica Plazzotta     Emilia Ghidina, Giu-       Mansutti, Giorgia Mar-                                Elena Molaro, Mattia
e Sara Vidoni.             lia Leonarduzzi, Ma-       cato, Filippo Masot-                                  Montanaro, Giulia Pitt,
                           rianna Lepre, Emma         ti, Andrea Nassivera,                                 Simone Toller, Stefa-
                           Morettin, Filippo Nas-     Anna Nassivera, Mar-                                  no Toneatto e Davide
                           sivera, Matteo Nassi-      tina Pagani, Federica                                 Zuliani.
                           vera, Irane Peressini,     Pecile, Luca Peloso,
                           Carlotta Perosa, Irene     Camilla Romanin,
                           Picco, Valentina Polen-    Francesca Rosso, Gaia
                           tarutti, Clarissa Ruzza,   Sattolo, Luca Sclisizzo,
                           Susanna Ruzza,Matteo       Maria Scussolin, Greta
                           Schiraldi, Margherita      Sebastianutti, Diana
                           Scialino, Benedetta        Tavian, Benedetta Ter-
                           Strizzolo ed Emma          mine, Sabrina Timeus,
                           Toniutti.                  Manuel Tomasin e Be-
                                                      atrice Zinutti.

             BORSE DI STUDIO
                            BANDO 2021
                   È attivo il bando di assegnazione
             delle Borse di Studio per Soci e figli di Soci.
                       La domanda va compilata
                         attraverso la sezione
                   “Borse di Studio” del sito internet:

        www.primacassafvg.it/eventiprimacassa
             Scarica e leggi il bando e partecipa anche tu.
                   La scadenza delle iscrizioni è
                   venerdì 15 ottobre 2021.
16

PrimaCassa Credito Cooperativo FVG
ZKB di Trieste e Gorizia
e BCC Turriaco

In campo con
progetti comuni
ed eventi e-bike
per un’economia
sostenibile
Molti esperti segnalano come la mobilità       si possibili (per complessivi 200 km),           vale oltre 12 miliardi di euro. È per questi
del futuro sarà quella che si basa sull’e-     dedicati ai castelli, all’acqua, alle colline    motivi che PrimaCassaFVG, abbraccian-
lettrico, a quattro e a due ruote. Senza       e ai borghi antichi. Inoltre, dal sito si        do con convinzione i 20 Obiettivi dello
attendere un tempo troppo lontano,             può scaricare anche il formato digitale          sviluppo sostenibile proposti dall’Onu
PrimaCassa Credito Cooperativo FVG ha          del tracciato del percorso prescelto, per        nel 2015, è impegnata a fare in modo
avviato il sostegno alla mobilità ciclabile    installarlo, gratuitamente, sul proprio          che essi si trasformino in un’economia
elettrica già a partire dal 2018 e l’impegno   cellulare.                                       rispettosa dell’ambiente, della salute,
prosegue tutt’ora, con molte iniziative.       Tutte le colonnine di ricarica dei progetti      delle comunità e dei territori.
                                               “Carnia Green” e di “We Like Bike”, poi,
Carnia Green                                   sono state geolocalizzate e, dunque,             Pedalare tra cultura e territorio
In principio con il progetto “Carnia Gre-      facilmente reperibili sulla mappa inte-          Nel corso dei mesi di settembre e ottobre
en”, ideato dalla società sportiva Carnia      rattiva, e sono situate in prossimità di         le tre BCC (del Gruppo Bancario Coo-
Bike. L’iniziativa ha previsto uno sviluppo    bar, ristoranti, alberghi, hotel, esercizi       perativo Cassa Centrale Banca) hanno
di percorsi per i ciclisti serviti da vari     commerciali, gestiti da Soci o clienti di        realizzato, con la collaborazione orga-
punti di ricarica delle due ruote elettri-     PrimaCassa Credito Cooperativo FVG.              nizzativa delle Associazioni locali, un
che, a pedalata assistita. Il primo anello     Un modo per la BCC di consolidare la             progetto di valorizzazione del territorio
di percorso, con servizio di ricarica per      propria compagine sociale e favorire le          attraverso la sua riscoperta e promozione
e-bike, percorre tutta la montagna carnica     attività economiche del territorio.              mediante la fruizione guidata in bicicletta.
e, con il sostegno di PrimaCassa Credito                                                        Un percorso in 5 tappe, da sabato 12
Cooperativo FVG e di RePower, è stato          Un’idea che cresce e coinvolge                   settembre a sabato 10 ottobre che, dalle
possibile installare una quarantina di         Un’esperienza di successo che sta con-           montagne della Carnia, ha raggiunto
colonnine di ricarica. RePower, tra l’al-      tagiando vari comprensori e altre BCC            le Colline Moreniche del Medio Friuli,
tro, garantisce l’erogazione dell’energia      della regione. A fine estate, infatti, sono      passando lungo le trincee della Prima
elettrica proveniente da fonti rinnovabili.    state posizionate 30 nuove colonnine             Guerra Mondiale del Carso, attraversando
                                               di ricarica lungo l’itinerario della pista       la Bisiacaria e, seguendo la via della Bora,
We Like Bike                                   ciclabile Grado - Trieste. Oltre a RePower,      è approdato a Trieste. La nutrita parteci-
Successivamente, è stato realizzato il         come partner sostenitore dell’iniziativa si      pazione ai ciclo-eventi (pur organizzati
progetto “We Like Bike”, ideato dal Co-        segnalano pure ZKB Credito Cooperativo           con le restrizioni necessarie al rispetto
mune di San Daniele e dall’Unione Ciclisti     di Trieste e Gorizia e BCC Turriaco. L’o-        delle norme anti Covid-19) ha indicato
Sandanielesi. Il percorso interessa sia la     biettivo di tali progetti è quello di favorire   la bontà del progetto, il suo interesse
“città del prosciutto” che il territorio di    lo sviluppo turistico di questa regione,         diffuso e ha rappresentato lo stimolo
altri 8 Comuni del comprensorio della          attraverso un approccio bike frendly. In         per avviare ulteriori collaborazioni tra
Comunità Collinare, con l’installazione        particolare, sulla ciclovia Alpe Adria che,      le BCC e le Associazioni territoriali e tra
di una trentina di colonnine di ricarica.      con i suoi 400 km di lunghezza collega           le BCC stesse da mettere in campo pure
Consultando il sito www.welikebike.it,         Grado a Salisburgo, passano circa 100.000        nel corso dell’anno che sta per iniziare.
si possono conoscere nel dettaglio le          ciclisti l’anno. Inoltre, è stato stimato che
caratteristiche di una ventina di percor-      il Prodotto Interno Bici (PIB) italiano,
17

     Il Giro
     in Friuli
     La bici, regina della mobilità sostenibile, è stata celebrata in regione, nello scorso
     mese di ottobre, grazie al sostegno di PrimaCassa Credito Coop. FVG accordato
     a una serie di iniziative cultural-sportive che coinvolgevano le due ruote. Stiamo
     parlando del Giro del Friuli che ha attraversato le nostre strade dall’8 all’11 otto-
     bre. Ma, soprattutto, parliamo degli appuntamenti organizzati in occasione del
     passaggio in Friuli del 103° Giro d’Italia. Due le iniziative attuate dal Comune di
     Villa Santina in collaborazione con alcune Associazioni locali. In tono con il rosa
     della manifestazione ciclistica, si è tenuta una serata dedicata allo sport quale
     strumento di prevenzione contro i tumori al seno. Successivamente, Daniele Vallet
     ha presentato il suo progetto di mobilità sostenibile, “made in Valle d’Aosta”. La
     Corsa Rosa, inoltre, ha rappresentato l’occasione per ricordare Marco Pantani e
     i 22 anni trascorsi dalla sua vittoriosa accoppiata: Giro d’Italia – Tour de France,
     con la squadra del Mercatone Uno. Una serie di appuntamenti organizzati dal
     Consorzio We Like Bike di San Daniele, in attuazione del Progetto “50Pantani”,
     per ricordare i 50 anni dalla nascita del campione romagnolo. A San Daniele
     dunque, il 20 ottobre, si sono ritrovati alcuni compagni di squadra del “Pirata”
     (Roberto Conti, Marco Velo, Dimitri Konishev, Fabiano Fontanelli e Stefano Gar-
     zelli); Fausto Pezzi, il figlio del patron Luciano; Veraldo Valdrè, massaggiatore del
     campione mentre, via skype, è intervenuto Giuseppe Martinelli, ex direttore della
     Mercatone Uno. Tanti gli aneddoti sul campione; sulle sue imprese storiche, Tour
     e Piancavallo compresi. Il tutto è avvenuto nella cornice della mostra “50Pantani”
     dedicata da WLB alla Mercatone Uno del 1998 e alimentata dall’Associazione
     “Bicicleria” di Vicenza, con le biciclette, le magliette, i ricordi e i giornali di quella
     mitica epopea. Il Progetto è stato sostenuto con la stampa di materiale informativo
     (un pieghevole con i dettagli del programma: “Aspettando la 16^ tappa del Giro
     d’Italia 2020”), esteso anche ad altri eventi contestuali, distribuito a Ragogna e a
     San Daniele dove, tra l’altro, alcuni banner annunciavano al pubblico le iniziative
     locali più significative.
La Comunità                                                                                                                        18

Ecomuseo Val Resia
Una lunga tradizione di sapori e saperi, ancora viva

                                                                                              nale di Lischiazze, contenente diversi
                                                                                              reperti storici reperiti sul territorio e
                                                                                              nella stampa di due pubblicazioni te-
                                                                                              matiche: “La battaglia dimenticata della
                                                                                              Val Resia: 25-29 ottobre 1917” e “Dietro
                                                                                              la linea del fronte: storia militare di una
                                                                                              retrovia, la Val Resia dal 1914 a Caporet-
                                                                                              to” realizzati dal dottor Marco Pascoli,
                                                                                              esperto di Grande Guerra. Sono state
                                                                                              avviate anche indagini archeologi-
                                                                                              che sul sito del monte Castello (Rad),
                                                                                              realizzate dall’Associazione Culturale
                                                                                              “Museo della Gente della Val Resia” di
                                                                                              Resia e coordinate dalla Soprintendenza
                                                                                              Archeologia Belle Arti e Paesaggio del
                                                                                              Friuli Venezia Giulia. Nel sito, che ha
                                                                                              evidenziato la presenza di una fortifi-
                                                                                              cazione di età tardoantica (IV-V secolo
Nell’anno 2002, grazie all’intuizione           sia mediante il recupero e il mante-          d.C.), sono stati rinvenuti diversi reperti:
dell’Ente Parco naturale delle Prealpi          nimento della ricca rete sentieristi-         frammenti di materiale ceramico, una
Giulie, ha preso avvio il processo di           ca, adeguatamente segnalata mediante          pietra di Perun, un frammento di ferro, un
progettazione dell’Ecomuseo Val Resia           l’apposizione di cartellonistica specifica,   ditale da cucito, la lama di un coltellino
che si è completato due anni dopo, in           che attraverso una capillare azione pro-      senza codola, una moneta con inciso
concomitanza con la messa a disposizio-         mozionale. Numerosi sono i sentieri,          su un lato il profilo di un Imperatore,
                                                                                              che potrebbe essere Giuliano l’Apostata
ne al pubblico del data base integrato          sia di fondo valle che escursionistici,
                                                                                              oppure Onorio. Nell’ultimo intervento,
con la georeferenziazione in Mapinfo dei        che sono stati valorizzati attraverso in-
                                                                                              del 2020, sono stati rinvenuti frammenti
siti di interesse storico, naturalistico e      terventi di manutenzione ordinaria e
                                                                                              di una piastra di cottura di concotto di
paesaggistico del territorio della Val Resia    straordinaria: sfalcio, sistemazione di
                                                                                              forma subcircolare e recuperati semi di
e del data base degli attrezzi e reperti        passerelle, recupero di muri a secco di
                                                                                              miglio e qualche altro cereale.
del “Museo della Gente della Val Resia”         contenimento e ogni altro intervento
                                                                                              Per valorizzare il patrimonio architettoni-
e della “Mostra dell’Arrotino”. Nel 2008,       volto a mettere in sicurezza e garan-         co del territorio è stato anche proposto
l’Ecomuseo è stato riconosciuto dalla           tire la percorribilità della sentieristica.   un progetto di ricerca dell’architettura
Regione Friuli VG e, nello stesso anno,         Diverso il materiale depliantistico           vernacolare, condotto dal professor
la sua gestione è passata al Comune di          plurilingue (italiano, inglese, tedesco,      Francesco Chinellato dell’Università
Resia che, da allora, in collaborazione         sloveno) contenente mappe e guida ai          degli Studi di Udine – Dipartimento
con enti e realtà locali e l’azione par-        percorsi naturalistici dell’Ecomuseo e, tra   di Ingegneria Civile e Architettura, in
tecipata della comunità, si occupa del          questo, uno specifico di presentazione        collaborazione con un gruppo di ope-
recupero e della valorizzazione degli           dei sentieri cosiddetti “della Grande         ratori locali, che si è concretizzato nella
aspetti naturalistici, storici, sociali, cul-   Guerra”, dove sono stati inseriti tutti gli   mappatura e schedatura di tutti gli edifici
turali e antropici del territorio.              elementi necessari a un camminatore, ma       rurali sparsi sul territorio.
                                                anche i punti di interesse storico. Sono
Un Ecomuseo che cammina                         stati condotti studi e ricerche storiche      Custodire i saperi
Fin dalla sua istituzione, l’Ecomuseo           sul tema della Grande Guerra, sfociati        Molti e diversi sono gli interventi che
ha riservato una particolare attenzione         nella realizzazione di un allestimento        sono stati portati avanti in questi anni
alla cura e allo sviluppo del territorio,       museale, sito nel centro multifunzio-         coinvolgendo tutte le forze presenti sul
19                                                                                                                      La Comunità

territorio, le giovani professionalità, gli     smissione dei saperi avvenuto mediante         mentabile. Annualmente si effettua la
anziani custodi dei saperi, le locali scuole,   l’organizzazione di specifici laboratori       stampa di pubblicazioni, contenenti
l’Ente Parco, le Associazioni ma anche          artigianali, grazie ai quali diversi giovani   testimonianze e racconti della tradizio-
gli Enti di ricerca regionali che hanno         del luogo hanno imparato il mestiere.          ne orale popolare e, inoltre, sono stati
offerto supporto scientifico e strutturale      In collaborazione con il SIRPAC, è stato       realizzati alcuni video di presentazione
nei progetti più complessi e articolati         iniziato un progetto di documentazione         delle realtà museali della Val Resia: Mu-
apportando, così, una valenza scientifica.      etno-antropologica sulla cultura alimen-       seo della Gente della Val Resia, Museo
Attraverso il valido apporto di tali Enti       tare che ha permesso di raccogliere e          dell’arrotino e Museo dell’ex Latteria
sono stati riscoperti e valorizzati diversi     catalogare testimonianze significative su      Sociale Turnaria di San Giorgio, nonché
punti di forza del territorio. Tra questi,      come si eseguono alcune ricette tipiche        di presentazione della Pieve-Santuario
l’aglio di Resia (strok, in dialetto) che       del territorio (ćalčüne, bujadnik, crema     di Santa Maria Assunta.
con un progetto integrato promosso              di scapi d’aglio).
dall’Ente Parco, dall’Associazione Aglio di                                                    Una progettualità viva
Resia, dall’Ecomuseo e dai vari produt-         Mappare le Comunità                            Nell’ultimo anno, ha dato avvio a uno
tori è divenuto Presìdio Slow Food (nel         Le varie comunità frazionali sono state        studio di fattibilità per la valorizzazione
2004) ed è stato promosso a importanti          interessate dai percorsi partecipativi per     della fruizione del fontanone Bar-
fiere internazionali (“La campionaria del       la realizzazione delle mappe di comu-          man, che si trova nella parte a valle del
Lavoro – Mostra mercato internazionale          nità. Sono state realizzate, con modalità      versante nord dei Musi, dove vengono
dell’artigianato”, di Milano e “Salone          diverse, sei mappe di comunità che             raccolte gran parte delle precipitazio-
del Gusto – Terra madre”, di Torino). Il        hanno permesso il recupero di numerose         ni che vi defluiscono sia scorrendo
prezioso bulbo resiano è stato oggetto          informazioni sociali, culturali, storiche,     in ruscelli di superficie nei ripidissimi
di studi, ricerche ma anche di una fe-          antropiche ma anche l’elaborazione delle       canaloni, sia attraverso cavità e gallerie
sta dedicata che si tiene a fine luglio e       stesse per progetti di sviluppo locale.        sotterranee, che danno luogo a molte
richiama, annualmente, numerosi turisti         Tra questi, la mappa di comunità di            sorgenti e a un luogo estremamente
ed estimatori dei prodotti tradizionali.        Stolvizza, a seguito della quale sono stati    suggestivo e compartecipa, in quali-
Anche le scuole locali hanno aderito            valorizzati alcuni mestieri antichi median-    tà di partner, al progetto Interreg
al progetto di valorizzazione dell’aglio        te la realizzazione di pitture murarie e       Italia-Austria, denominato SMART
e, da diversi anni, è stato avviato un          di una guida alla mappa di comunità            (Small Museums Alliance Representing
progetto condiviso (Scuole-Ecomuseo)            realizzata in versione bilingue italiano/      Territories) di promozione della cultura
per la coltivazione e la distribuzione del      inglese, che ha permesso di arricchire         dell’accessibilità e partecipazione attiva
bulbo da parte degli studenti che, con          l’offerta turistica locale, particolarmente    della popolazione alla valorizzazione del
il ricavato, provvedono alle necessità          vivace negli ultimi anni.                      patrimonio naturale e culturale come
del loro Istituto. Anche alcuni oggetti         Sempre nell’ambito del recupero e              bene comune. Il progetto, finanziato
tradizionali quali i gerletti (korbe), le       della valorizzazione della cultura             dal Fondo Europeo per lo Sviluppo
tabacchiere (küfize), i calzettoni tradizio-    locale, l’Ecomuseo ha avviato, in colla-       Regionale e dal programma Interreg Ita-
nali (hlače) e i cappelli delle maschere       borazione con il SIRPAC, un progetto di        lia-Austria 2014-2020, intende sviluppare
di carnevale, un tempo realizzati da            catalogazione del patrimonio materiale         l’attrattività, la fruibilità e l’accessibilità
validi artigiani divenuti ormai anziani,        e immateriale della Val Resia al fine di       dell’Ecomuseo, mirando in particolare
sono stati oggetto di un processo di tra-       creare una banca dati fruibile e imple-        alla cellula ecomuseale di Lischiazze
                                                                                               (centro didattico naturalistico) e del
                                                                                               sentiero dell’acqua lungo il torrente
                                                                                               Barman. L’itinerario dell’acqua sarà og-
                                                                                               getto dello sviluppo di una modalità di
                                                                                               fruizione multimediale (Silent Play) per
                                                                                               un percorso a piedi lungo il torrente.
                                                                                               Progettato per piccoli gruppi guidati da
                                                                                               un conduttore, l’itinerario sarà accompa-
                                                                                               gnato da dieci racconti per dieci tappe,
                                                                                               fruibili attraverso un sistema di cuffie
                                                                                               wireless con il supporto di un interprete
                                                                                               LIS per i non udenti. Sul percorso, sarà
                                                                                               installata la segnaletica testuale, grafica
                                                                                               e parlante con informazioni di sicurez-
                                                                                               za, accessibilità e contenuti, progettata
                                                                                               secondo i criteri del design for all.

                                                                                               www.ecomuseovalresia.it
Puoi anche leggere
DIAPOSITIVE SUCCESSIVE ... Annulla