PIETRO SELVATICO: REAWAKENING OF THE ARTS IN 19TH CENTURY (VENICE, 22-23 OCT 13) - ArtHist.net

 
DIAPOSITIVE SUCCESSIVE
PIETRO SELVATICO: REAWAKENING OF THE ARTS IN 19TH CENTURY (VENICE, 22-23 OCT 13) - ArtHist.net
1 || 5

             PIETRO SELVATICO: REAWAKENING OF THE ARTS IN
             19TH CENTURY (VENICE, 22-23 OCT 13)
             Venezia, Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti, 22. - 23.10.2013

(Please find English and German version below)

Pietro Selvatico e il rinnovamento delle arti nell'Italia dell'Ottocento

Attraverso i suoi scritti e i suoi impegni istituzionali, Pietro Selvatico Estense
(1803-1880) contribuisce in maniera significativa ad un processo di
ammodernamento del sistema delle arti nel periodo in cui l'Italia da "espressione
geografica" si trasforma in stato nazionale. Nelle vesti di erudito, di pubblicista e di
organizzatore culturale, il marchese padovano si presenta come intellettuale
pragmatico, sempre aggiornato e particolarmente attento ai contemporanei
sviluppi europei (con riferimento soprattutto alla Francia e alla Germania). Anche se
ragioni politiche contribuiranno a ridimensionare la sua importanza dopo l'Unità
d'Italia, molto del sistema da lui pensato sopravviverà fino al Novecento inoltrato.

Di questo misconosciuto protagonista dell'Ottocento italiano si tratterà in un
convegno internazionale, promosso dall'Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti
in collaborazione con l'Università IUAV di Venezia, la Scuola Normale Superiore di
Pisa, con l'Università di Udine. Si vuole indagarne l'attività multiforme in relazione
ad un sistema delle arti che comprende l'insegnamento, gli strumenti di tutela, i
veicoli di trasmissione del sapere: in otto sezioni distinte, esperti di varia
provenienza disciplinare discuteranno l'atteggiamento esterofilo di Selvatico e le
ripercussioni politiche, il suo atteggiamento nei confronti dei generi tradizionali
dell'arte e le sue apertura verso il mondo del disegno applicato, gli spazi geografici e
pubblicistici entro i quali agisce, gli strumenti didattici ed analitici da lui usati
nell'intento di promuovere la cultura artistica in Italia.

——————————

Pietro Selvatico (1803-1880) and The Reawakening of the Arts in Nineteenth-
Century Italy

Through his writings and dedication, Pietro Selvatico (Padua, 1803-1880) was the
most influential modernizer of the Italian Arts System during the Risorgimento.
Descendant of an ancient aristocratic family, he had a pragmatic approach, as an art
historian, publicist, or cultural politician, always attentive to reform projects and
innovative concepts developed in other countries such as France and Germany.
PIETRO SELVATICO: REAWAKENING OF THE ARTS IN 19TH CENTURY (VENICE, 22-23 OCT 13) - ArtHist.net
2 || 5
Although political prejudices tended to marginalize him after the establishment of
the Italian Kingdom, Selvatico's legacy in the Arts System can be recognized
throughout the first decades of the twentieth century.

On the occasion of an International conference held at the Istituto Veneto di
Scienze, Lettere ed Arti (claiming Selvatico amongst his members since 1872), this
forgotten important actor of the Italian Ottocento will be thoroughly studied. Cross-
disciplinary research conducted by the IUAV University (Venice), the Scuola
Normale Superiore (Pisa) and the University of Udine, will highlight Selvatico's role
in the fields of art teaching and cultural heritage, and the use of "modern" media
(photography, journals) in his writings. The conference, structured in eight highly
interdisciplinary sections, will discuss Selvatico's xenophilia along with its political
implications, his approach to traditional Art genres, and early interest in the
applied Arts, his geographic and journalistic fields and his use of didactic and
analytic instruments for popularizing art in nineteenth-century Italian society.

——————————

Pietro Selvatico (1803-1880) und die Erneuerung der Künste im italienischen
Ottocento

Mit seinen Schriften und kulturpolitischen Initiativen leistet Pietro Selvatico
(Padua, 1803-80) einen gewichtigen Beitrag zur Modernisierung des Systems der
Künste während des italienischen Einigungsprozesses. Ob als Kunstgelehrter,
Publizist oder Kulturpolitiker, stets erweist sich der pragmatisch denkende Spross
einer alteingesessenen Adelsfamilie bemüht, die im europäischen Ausland (in
Frankreich und den deutschsprachigen Ländern) lancierten Reformvorhaben und
Innovationen in seiner Heimat bekannt zu machen. Auch wenn er im jungen
Königreich Italien aufgrund politischer Erwägungen zunehmend im Hintergrund
wirkt, finden sich bis weit in das 20. Jahrhundert hinein Spuren des von ihm
konzipierten modernen Systems der Künste.

Im Rahmen einer Tagung im Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti (dessen
Mitglied Selvatico seit 1872 war), soll diese zu Unrecht vernachlässigte Hauptfigur
des italienischen Ottocento ausführlich gewürdigt werden. In Zusammenarbeit mit
der Universität IUAV (Venedig), der Scuola Normale Superiore (Pisa) und der
Universität Udine soll Selvaticos Rolle in der Kunstpädagogik und im
Denkmalschutz, sowie der gezielte Einsatz "moderner" Medien (Photographie,
Journalismus) in seinen Arbeiten untersucht werden: in acht Sektionen diskutieren
Experten aus verschiedenen Fachrichtungen Selvaticos Xenophilie mitsamt ihrer
politischen Implikationen, seine Haltung gegenüber der traditionellen
künstlerischen Genrehierarchie und das frühzeitige Interesse an den angewandten
Künsten, seine geographischen und publizistischen Handlungsräume, die
didaktischen und analytischen Hilfsmittel zur Popularisierung künstlerischer
Inhalte im Italien des 19. Jahrhunderts.

Programma

                                                                   arthist.net - netzwerk für kunstgeschichte
3 || 5
Martedì 22 ottobre 2013, ore 10.15

Apertura del convegno
Gian Antonio Danieli, Presidente dell'Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti

Ore 10.30-12.30
L'esterofilia

Massimo Ferretti, Scuola Normale Superiore di Pisa
"L'albero dell'arte": gli artisti del passato fra esempio del bello visibile e racconto
storico

Donata Levi, Università degli studi di Udine
Il rapporto / non-rapporto con la storiografia inglese

Xavier Barral i Altet, Université de Rennes II; Università Ca' Foscari Venezia
Selvatico e il dibattito in Francia sull'architettura medievale

Tiziana Serena, Università degli studi di Firenze
Selvatico, l'"esteromania" e la fotografia

Ore 14.00-18.30
I generi artistici

Carlo Sisi, Museo Marino Marini di Firenze
Selvatico e i generi della pittura

Nico Stringa, Università Ca' Foscari di Venezia
Selvatico tra pittura di genere e letteratura

Barbara Steindl, Kunsthistorisches Institut di Firenze
Selvatico, Cicognara e la storiografia illustrata dell'arte

La storiografia

Vincenzo Fontana, Università Ca' Foscari di Venezia
Dalla storia degli artisti alla storia dell'arte: verità, purismo, architettura e
ornamento

Franco Bernabei, Università degli studi di Padova
Modelli storiografici ed estetici nel pensiero di Selvatico

Martina Visentin, Università degli studi di Udine
Il Giornale Euganeo e i rapporti con la storiografia francese

Le riviste e la circolazione delle idee

Giovanna D'Amia, Politecnico di Milano
La collaborazione con la Rivista Europea e i rapporti con l'ambiente milanese

                                                                  arthist.net - netzwerk für kunstgeschichte
4 || 5
Chiara Marin, Università degli studi di Padova
Selvatico pubblicista: gli interventi sulla stampa periodica lombardo-veneta

Alfredo Cottignoli, Università di Bologna
Selvatico e Tenca: due critici d'arte a confronto

Mercoledì 23 ottobre 2013, ore 9.30-13.00

Venezia e Vienna

Alexander Auf der Heyde, Scuola Normale Superiore di Pisa
Selvatico, Rudolf Eitelberger e l'ambiente viennese

Giovanni Luigi Fontana, Università degli studi di Padova
Il riformismo mancato dell'arciduca Massimiliano d'Asburgo

Rossella Fabiani, Soprintendenza per i Beni storici, artistici ed etnoantropologici del
Friuli Venezia Giulia
Selvatico nelle lettere a Pietro Nobile

Giuseppe Gullino, Università degli studi di Padova; Istituto Veneto di Scienze,
Lettere ed Arti
Selvatico e l'Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti

L'architettura e i monumenti

Guido Zucconi, Università IUAV di Venezia
Selvatico e la storia dei monumenti

Antonella Ballardini, Università degli studi Roma Tre
Selvatico e gli studi su San Marco

Rosa Tamborrino, Politecnico di Torino
Pietro Selvatico e la formazione dell'architetto

Ore 14.00-19.30

Giandomenico Romanelli, Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti
Percezione e descrizione della città: le parole e le immagini

Isabella Collavizza, Università degli studi di Udine
L'istituzione della Commissione per la conservazione dei monumenti delle province
venete

Elisabetta Concina, Scuola dottorale interateneo - Ca' Foscari, Università degli studi
di Verona, Università IUAV di Venezia
La commissione per la conservazione dei monumenti e la salvaguardia
dell'architettura veneziana

                                                                  arthist.net - netzwerk für kunstgeschichte
5 || 5
Ambiti nella trasmissione del sapere: la didattica

Antonella Bellin, Scuola dottorale interateneo - Ca' Foscari, Università degli studi di
Verona, Università IUAV di Venezia
La Scuola di pittura nel progetto di riforma di Pietro Selvatico

Elena Catra, Scuola dottorale interateneo - Ca' Foscari, Università degli studi di
Verona, Università IUAV di Venezia
La scuola di scultura nell'Accademia di Selvatico

Luca Giacomelli, Scuola Normale Superiore di Pisa
Selvatico,Giusti e la polemica sull'insegnamento del disegno

Francesca Castellani, Università IUAV di Venezia
La questione dell'artigianato: pratica, didattica, produzione

Ambiti nella trasmissione del sapere: gli strumenti

Giuseppina Perusini, Università degli studi di Udine
Selvatico e il restauro pittorico

Maria Ida Biggi, Università Ca' Foscari Venezia
Pietro Selvatico e la Commissione artistica governativa per gli spettacoli al Teatro la
Fenice

Myriam Pilutti Namer, Scuola Normale Superiore di Pisa; Università Ca' Foscari
Venezia
Sollevarsi alle vere ragioni della scienza: "antico" e archeologia a Venezia

Ore 19.30, chiusura del convegno

Comitato scientifico
Guido Zucconi (coordinatore) – Università IUAV di Venezia
Alexander Auf der Heyde (segretario) – Scuola Normale Superiore di Pisa
Francesca Castellani – Università IUAV di Venezia
Massimo Ferretti – Scuola Normale Superiore di Pisa
Donata Levi – Università degli studi di Udine
Martina Visentin – Università degli studi di Udine

Contatto
a.aufderheyde@sns.it

http://www.istitutoveneto.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/863

            QUELLENNACHWEIS:
            CONF: Pietro Selvatico: Reawakening of the Arts in 19th Century (Venice, 22-23 Oct 13). In: ArtHist.net, 05.10.2013.
            Letzter Zugriff 21.02.2020. .

                                                                                     arthist.net - netzwerk für kunstgeschichte
Puoi anche leggere
DIAPOSITIVE SUCCESSIVE ... Annulla