Gli autori un progetto sostenuto da - Bookblog

 
Gli autori un progetto sostenuto da - Bookblog
gli autori
un progetto sostenuto da                in collaborazione con
Gli autori un progetto sostenuto da - Bookblog
gli autori per le scuole
Gli autori un progetto sostenuto da - Bookblog
Scuole secondarie di secondo grado

                                     Andrea Pomella (1973) scrive sul Fatto Quotidiano online, su Doppiozero e Rivista
                                     studio. Autore di monografie d’arte, tra le altre su Caravaggio e Van Gogh, ha pub-
                                     blicato il saggio 10 modi per imparare a essere poveri ma felici (2012) e il romanzo La
                                     misura del danno (2013). Nel 2018 ha pubblicato con ADD Anni Luce, candidato nella
                                     dozzina del Premio Strega, e con Einaudi L’uomo che trema.

                                     Anni luce è un romanzo di formazione, e i Pearl Jam sono la colonna sonora di uno
                                     spazio di luce e di ombre che ha affascinato una generazione. «Ten, il primo disco
                                     dei Pearl Jam, uscito nel 1991 fu un treno che travolse la mia giovinezza. Venticinque
                                     anni dopo, decisi di scriverci un pezzo, la ricorrenza lo meritava. Il treno passò di nuo-
                                     vo sopra le mie rovine trascinandosi dietro tutto ciò che si metteva in moto quando
                                     dalle casse dello stereo fluiva una loro canzone, il vortice di angosce, divertimenti,
                                     memorie, furori, gioie, inquietudini che si incanalava attraverso la loro musica. Anni
                                     luce riguarda, certo, i Pearl Jam. Ma non solo. È la storia di un’amicizia, di chi mi fece
                                     conoscere i Pearl Jam: il compagno di sbronze, l’amico, il viaggiatore, il chitarrista
                                     geniale, il folle, il saggio, l’esagerato, l’imprevedibile, il lunatico Q.»
Gli autori un progetto sostenuto da - Bookblog
Davide Coltri (1981) si è sempre occupato di progetti di istruzione nelle situazioni
di emergenza. Prima di stabilirsi a Beirut nel 2016, è stato in Iraq ad assistere rifu-
giati siriani e sfollati iracheni in fuga dall’Isis, in Darfur, in Sierra Leone, in Turchia a
coordinare le organizzazioni umanitarie durante l’assedio di Aleppo e infine nel nord
est della Siria. Da tutto questo sono nate le storie contenute in Dov’è casa mia. E le
storie racchiuse qui dentro sono ben scritte, non sono solo “inevitabilmente” toccanti.

Dov’è casa mia. Storie oltre il confine (minimum fax) mostra guerre civili e atti di terro-
rismo ma anche la solidarietà, la resistenza e la speranza di una vita diversa. Il campo
profughi per chi scappa dalla violenza e il compound per gli operatori umanitari sono
i primi due luoghi ideali del libro; il terzo e ultimo è il muro, il confine tra chi è consi-
derato noi e chi resta fuori. Coltri racconta la casa che si è persa e quella che si spera
di trovare. Racconta le storie che superano i confini.
Gli autori un progetto sostenuto da - Bookblog
Laura Calosso (1966) è nata ad Asti. Giornalista, ha studiato Scienze politiche e Let-
teratura tedesca. Ha lavorato in medie e grandi aziende occupandosi di Ufficio stam-
pa e Certificazione qualità prodotto. Ha esordito nel 2011 con il romanzo A ogni costo,
l’amore (Mondadori). Con SEM ha pubblicato nel 2017 La stoffa delle donne, dal quale
nella stagione 2018-19 sono state tratte due puntate di Report, la trasmissione d’in-
chiesta di Rai3.

Laura Calosso, nel suo nuovo romanzo Due fiocchi di neve uguali, mette in scena con
grande bravura e delicatezza una generazione di ragazzi brillanti, sensibili, che per
motivi diversi si trovano a vivere momenti di profonda difficoltà. Margherita Fiore ha
18 anni e da pochi giorni ha passato brillantemente l’esame di maturità classica. Sta
preparando il test per entrare all’università. Un’amica la invita al mare per due giorni
di pausa dallo studio. Il treno però ha un disguido e Margherita accetta un passaggio
in auto da un ragazzo incontrato per caso. Nell’arco di poche ore la sua vita accelera.
La macchina esce di strada e salta nel vuoto. L’ultimo pensiero di Margherita è per
Carlo, un compagno di scuola che, senza una ragione apparente, si è ritirato da scuo-
la e non è più uscito da casa. Nella luce dorata dell’estate le vite di Margherita e Carlo
risplendono in stanze buie che tengono fuori il mondo.
Gli autori un progetto sostenuto da - Bookblog
Marina Mander, triestina, vive e lavora a Milano. Scrive per la comunicazione e l’edi-
toria e collabora con il quotidiano Il Piccolo di Trieste, occupandosi di arte contem-
poranea. Tra le più recenti opere di narrativa: Nessundorma (Mondadori, 2013) e Il
potere del miao. I gatti che mi hanno cambiato la vita (Mondadori, 2015).

Scritto in una lingua immaginifica e ironica, intelligente e musicale, L’età straniera
(Marsilio) racconta un mondo vocale: è nelle voci che questa storia e tutte le storie
si sviluppano. Leo non studia molto, ma è bravo a scuola. Non fuma tanto, ma un po’
d’erba sì. Ha una madre, Margherita, che lavora come assistente sociale e un padre
che è stato matematico, è stato intelligente, è stato vivo l’ultima volta nel mare e poi
è scomparso tra le onde con il pigiama e le ciabatte. Leo odia i pigiami, le ciabatte e
non si fida più del mare, forse di nessuno. Odia tutte le cose fino a quando nella sua
vita non arriva Florin, un ragazzino rumeno che non studia, non ha una casa, non ha
madre né padre – o magari sì ma non ci sono – e si prostituisce. Florin si prostituisce e
la madre di Leo decide di ospitarlo, sistemandolo nella camera del figlio, perché l’ap-
partamento è piccolo e perché «forse potete farvi bene l’un l’altro». Comincia così,
tutta storta, l’avventura del loro viaggio a occidente, fra estraneità e appartenenza:
mistico per Leo – in continuo contatto con un tribunale immaginario che cerca di con-
vincerlo di avere ucciso il padre – e fisico per Florin – in balia di uomini violenti in un
mondo più violento ancora.
Gli autori un progetto sostenuto da - Bookblog
Marco Lupo (1982) è nato a Heidelberg. Fa parte del collettivo di scrittori
TerraNullius. È libraio alla storica Libreria Internazionale Luxemburg di Torino, città in
cui vive attualmente. Ha esordito nella narrativa nel 2018 con Hamburg, edito il Sag-
giatore.

Nel suo romanzo d’esordio, tra Bolaño e Sebald, Marco Lupo dà vita a un’opera che
sfuma continuamente i contorni della narrazione. Hamburg sfugge alla linearità del
racconto per mutarsi, tra finzione e realtà, incubo e ricordo, in un coro di vite e me-
morie al centro del quale pulsano voci rotte dalla fame, braccia rose dalla rabbia e
spettri inceneriti. Una storia in cui la memoria non è mai una cronaca fedele, ma il
frutto amaro dell’immaginazione.
Gli autori un progetto sostenuto da - Bookblog
Raffaele Riba (1983) è nato a Cuneo. È tra i curatori di scrittorincittà, lavora come
editor e insegna presso la Scuola Holden. Oltre a racconti su riviste e miscellanee
varie, ha pubblicato i romanzi Un giorno per disfare (66thand2nd, 2014), Abbi pure
paura (Loescher, 2015), La custodia dei cieli profondi (66thand2nd, 2018).

La custodia dei cieli profondi è la storia di Cascina Odessa, un satellite periferico di un
pianeta ancor più periferico che naviga placido ai margini della Via Lattea. Un mau-
soleo eretto sopra i resti di un cane, un microcosmo un tempo forse perfetto e ora
malato della malattia della dispersione. Gabriele lotta, contrappone la cura al disfa-
cimento, è erede e custode, e resiste al progressivo sfaldarsi della propria famiglia.
Finché non si consuma l’addio più doloroso, quello di suo fratello.
Gli autori un progetto sostenuto da - Bookblog
Ezio Mauro, direttore di La Stampa dal 1992 al 1996 e di Repubblica dal 1996 al 2016,
ha scritto La felicità della democrazia con Gustavo Zagrebelsky (Laterza, 2012), Babel
con Zygmunt Bauman (Laterza, 2016), L’anno del ferro e del fuoco. Cronache di una
rivoluzione (Feltrinelli, 2017) e L’uomo bianco (Feltrinelli, 2018).

L’uomo bianco è un’inchiesta sull’Italia di oggi, una riflessione radicalmente politica
sulla mutazione culturale che sta travolgendo il Paese. Dove comincia e dove finisce,
come cambia la normalità italiana? I malumori, i tornatene al tuo Paese, i calci, i pugni,
l’insofferenza: “Perché sei qui, negro di merda?”. Pensiamo di essere rimasti uguali a
noi stessi, mentre stiamo diventando attori individuali di un cambiamento collettivo.
È una scala privata, invisibile, che scendiamo passo dopo passo, fino all’intolleranza,
finché qualcuno spara ai “negri”. E proprio in quel momento, se guardiamo chi im-
pugna il fucile, vediamo materializzarsi l’uomo bianco, ciò che certamente noi siamo
ma che non ci siamo mai accontentati di essere. Ma come è stato possibile regredire
fino alla nostra identità biologica? Perché, abituati a dare la colpa di ogni cosa alla
politica, non siamo neppure in grado di cogliere in questo rancore diffuso la sconfit-
ta nostra, della cosiddetta società civile? Sono le domande a cui Ezio Mauro prova
a rispondere in queste pagine che scavano fino all’osso della mutazione in atto e ci
lasciano nudi e sgomenti davanti alla fragilità del costume collettivo. Una riflessione
impeccabile sulle contraddizioni della democrazia italiana e di una politica azzerata
che non sa trovare soluzioni né per la sicurezza degli uni né per la disperazione degli
altri, nutrendo e nutrendosi di paura e rabbia.
Gli autori un progetto sostenuto da - Bookblog
Lidia Ravera (1951), nata a Torino, ha raggiunto la notorietà nel 1976 con il suo roman-
zo d’esordio Porci con le ali, manifesto di una generazione e longseller con due milioni
e mezzo di copie vendute in trent’anni (oggi disponibile nei Tascabili Bompiani e in
versione graphic novel sempre presso Bompiani). Ha scritto ventinove opere di nar-
rativa (gli ultimi due romanzi, Piangi pure e Gli scaduti, sono nel catalogo Bompiani).
Ha lavorato per il cinema, il teatro e la televisione.

L’amore che dura è un romanzo sulle cose non dette, su come l’amore si trasforma
nel tempo e diventa non meno forte, non meno intenso: solo diverso. Emma e Carlo
si sono amati a lungo, da ragazzini e da giovani, condividendo l’impegno e la visione
del mondo. Poi si sono separati. Vent’anni dopo il loro addio, l’occasione di ritrovarsi
è cancellata in un attimo da un incidente. Ma ci sono ancora tante cose che devono
dirsi, tante cose che possono succedere. Emma ha davanti a sé una giornata speciale:
niente scuola oggi, niente ragazzi difficili a cui dare una possibilità di riscatto. Andrà
invece all’incontro con Carlo, il grande amore della giovinezza. Ci sarà il modo e il
tempo di aggiustare ciò che si è rotto, di ricostruire, di riprendersi un po’ di quel gran-
de amore che ha attraversato tutta la loro vita senza mai placarsi? Un romanzo teso
e appassionato sulle seconde possibilità, sulla giovinezza riletta a posteriori, su chi
siamo quando ci guardiamo allo specchio e facciamo i conti con quello che eravamo
o sognavamo di diventare.
Francesca Diotallevi (1985) è nata a Milano e si è laureata in Scienze dei Beni Cultu-
rali. Tra le sue opere Le stanze buie, Amedeo, je t’aime e il racconto Le Grand Diable,
prequel di Dentro soffia il vento.

Con Dai tuoi occhi solamente, Francesca Diotallevi dà un’ulteriore prova del suo ta-
lento con uno struggente, autentico romanzo sulla vita di una delle grandi artiste
«invisibili» del XX secolo: Vivian Maier, la « tata che ha cambiato, con dedizione si-
lenziosa, la storia della fotografia» (Vanity Fair). New York, 1954. Capelli corti, abito
dal colletto tondo, prime rughe attorno agli occhi, ventotto anni, Vivian ha risposto a
un’inserzione sul New York Herald Tribune. Cercavano una tata. Un lavoro giusto per
lei. Le famiglie l’hanno sempre incuriosita. La affascina entrare nel loro mondo, diven-
tare spettatrice dei loro piccoli drammi senza esserne partecipe, e osservare la reci-
ta, la pantomima della vita da cui soltanto i bambini le sembrano immuni. Sola nella
camera che le è stata assegnata, Vivian estrae dalla borsa la sua Rolleiflex e cerca la
giusta inquadratura per catturare il proprio riflesso che appare contro l’oscurità del
vetro. È il solo gesto con cui Vivian Maier trova il suo vero posto nel mondo: stringe-
re al ventre la sua macchina fotografica e rubare gli istanti, i luoghi e le storie che le
persone non sanno di vivere.
Alessandro Bertrante vive a Milano. Narratore e saggista, fra i suoi romanzi ricor-
diamo Al Diavul (2008 Marsilio), vincitore del Premio Chianti, Nina dei lupi (2011
Marsilio – di prossima ripubblicazione nottetempo), finalista Premio Strega e vinci-
tore del Premio Rieti, Estate crudele (2013 Rizzoli), vincitore del Premio Margherita
Hack. Il suo ultimo romanzo, Gli ultimi ragazzi del secolo (2016 Giunti), ha vinto il
Premio Selezione Campiello Giuria dei letterati. Insegna alla NABA e allo IULM.

Il sole è imprigionato in una gabbia brunita, serpeggianti macchie infestano il cie-
lo. Nel villaggio montano di Piedimulo un ragazzo di nome Alessio sfida i presagi
malevoli e parte verso la Grande pianura per adempiere a una misteriosa missione. Il
suo viaggio lo porterà ad attraversare un mondo violento e inesplorato, dove le tracce
della passata civiltà emergono dalla foresta come fantasmi senza memoria. Insieme
alla compagna Zara, circondato da bestie selvagge e da una natura di nuovo meravi-
gliosa, Alessio andrà incontro al suo destino di figlio, rievocando antiche leggende e
dando forma a un nuovo immaginario mitico. Con stile potente e visionario, in Pietra
nera Alessandro Bertante scrive una storia che scava negli archetipi umani, alla ricer-
ca di una primordiale saggezza perduta.
Maurizio Fiorino (1984) è nato a Crotone. Di professione fotografo, ha esposto nelle
più importanti gallerie di New York e Roma e le sue opere sono comparse su riviste
nazionali e internazionali. Con Amodio (Gallucci), il suo primo romanzo, esordisce
come scrittore, portando sulla carta la stessa capacità di cogliere le increspature del
reale.

Ora che sono nato (Edizioni E/O) è la storia di una madre nevrotica con un ego fagoci-
tante, un padre megalomane e scaramantico fino all’inverosimile, una sorella bugiar-
da patologica ai limiti dell’indecenza e un fratello diventato il primo caso della storia
di bullo balbuziente. Poi c’è Nato, ultimo discendente della famiglia Goldino e aspi-
rante Spice Girl. È lui a raccontarci, tra un Calippo Fizz e sgangherate dichiarazioni
d’amore, sullo sfondo di una provincia del Sud Italia negli anni Novanta, le improbabili
vicende che hanno segnato l’infanzia e l’adolescenza di un ragazzo che si sente diver-
so dalla sua strampalata famiglia e cerca di emanciparsi. Il volume è il diario di una
diseducazione sentimentale che dai meandri più remoti della nostra anima ci porta
per mano fino alla più sorprendente e mai scontata dichiarazione d’amore, quella per
se stessi e la propria libertà.
Cristina Cattaneo è professore ordinario di Medicina Legale presso l’Universi-
tà degli Studi di Milano e direttore del LABANOF (Laboratorio di Antropologia e
Odontologia Forense). È attualmente coinvolta nell’identificazione dei migranti morti
in mare, in particolare nei naufragi di Lampedusa del 3 ottobre 2013 e del 18 aprile
2015. Con Raffaello Cortina Editore ha pubblicato Crimini e farfalle. Misteri svelati
dalle scienze naturali (con M. Maldarella, 2006).

Naufraghi senza volto è il suo ultimo lavoro. Il corpo di un ragazzo con in tasca un
sacchetto di terra del suo paese, l’Eritrea; quello di un altro, proveniente dal Ghana,
con addosso una tessera della biblioteca; i resti di un bambino che veste ancora un
giubbotto la cui cucitura interna cela la pagella scolastica scritta in arabo e in france-
se. Sono i corpi delle vittime del Mediterraneo, morti nel tentativo di arrivare nel no-
stro paese su barconi fatiscenti, che raccontano di come si può “morire di speranza”.
A molte di queste vittime è stata negata anche l’identità. L’emergenza umanitaria di
migranti che attraversano il Mediterraneo ha restituito alle spiagge europee decine
di migliaia di cadaveri, oltre la metà dei quali non sono mai stati identificati. Il libro
racconta, attraverso il vissuto di un medico legale, il tentativo di un paese di dare un
nome a queste vittime dimenticate da tutti, e come questi corpi, più eloquenti dei
vivi, testimonino la violenza e la disperazione del nostro tempo.
Scuole secondarie di primo grado

                                   Kalina Muhova (1993) è un’illustratrice bulgara che da anni vive in Italia, dove ha
                                   frequentato l’Accademia Nazionale di Belle Arti di Bologna. È co-fondatrice del col-
                                   lettivo di autoproduzione Brace. Con Tunué ha pubblicato nel 2018 il graphic novel
                                   Sofia dell’Oceano, scritto da Marco Nucci. Nello stesso anno le sue opere sono state
                                   selezionate per la mostra internazionale della Children’s Book Fair di Bologna. Con le
                                   tavole originali di Sofia dell’Oceano ha realizzato al Treviso Comic Book Festival 2018
                                   la sua prima mostra personale.

                                   Marco Nucci e Kalina Muhova firmano insieme Sofia dell’Oceano, un graphic novel
                                   fatto di squisite stranezze barocche e tocchi metafisici, per un’avventurosa fiaba ma-
                                   rinaresca dove le cose facili non insegnano niente. Sofia ha sette anni, è alta come un
                                   portaombrelli, e una strana malattia chiamata Ombra Rossa la tiene lontana dall’aria
                                   di città perché vivere troppo potrebbe trasformarla in una corona di crisantemi. Così
                                   la bambina, chiusa in una villetta sul mare insieme agli incomprensibili zii, condivide i
                                   suoi pensieri con la bambola Veronica, un gattone di nome Meo e l’Oceano, a cui spe-
                                   disce delle lunghe lettere nella bottiglia chiedendo un vestito rosa, la conoscenza del
                                   mondo e dei veri amici. Un giorno l’Oceano risponde inviandole Occhioblu, il Capi-
                                   tano di una ciurma di conigli, ragni, fenicotteri e cavalli marini che la porta in viaggio
                                   dentro un sommergibile, per sconfiggere insieme il Principe Malattia e raggiungere i
                                   leggendari cristalli guaritori, nascosti nel fondo degli abissi.
Paolo Di Stefano (1956) è autore di racconti, reportage, inchieste, poesie e romanzi,
tra i quali Azzurro troppo azzurro (Feltrinelli, 1996), Tutti contenti (Feltrinelli, 2003),
Giallo d’Avola (Sellerio, 2013), Ogni altra vita (Il Saggiatore, 2015), I pesci devono nuo-
tare (Rizzoli, 2016). Per Solferino ha appena pubblicato Sekù non ha paura.

Sekù non ha paura è un racconto che ha la forza di un’epopea, un’esperienza umana
che ha il valore di una parabola: quella di chi ogni giorno rischia tutto per conquistare
il futuro. Sekù è giovane, ma ha molte vite: tante quante sono le sue avventure. La
fuga dal suo paese, il Mali, perché lo zio dopo la morte del padre lo minaccia con pra-
tiche vudù per impossessarsi delle trenta mucche di famiglia. La terribile traversata
del deserto, l’incontro con Papis e con Usman, suoi compagni nel bene e nel male. Il
lavoro da schiavo, la paura di essere catturato dai trafficanti in Libia, il pericolo del
mare, la traversata su un barcone. Sekù dovrà fare tanta strada, dalla Sicilia la fuga al
Nord, verso Milano, dove Sekù troverà un lavoro, nella cucina di un ristorante di Porta
Romana, e forse anche l’amore… La voce travolgente di Sekù ci chiama a condividere
le vicissitudini di un’incredibile storia vera, che è anche un manifesto dell’ottimismo
e della voglia di vivere, capace di abbattere ogni frontiera e di parlare a ogni cuore.
Cristiano Cavina nasce a Casola Valsenio nel maggio del 1974 e c’è ancora dentro
fino ai capelli: Made in Casola è il marchio in calce ai suoi romanzi e alle sue mail.
Si nutre di storie fin da piccolo, ascoltando i racconti dei vecchi al bar; quando poi
scopre i libri, la sua strada è tracciata. Scrive di cose che conosce bene: la sua in-
fanzia in Alla grande (premio Tondelli) e Un’ultima stagione da esordienti; l’epopea di
Nonna Cristina in Nel paese di Tolintesàc; la sua storia di figlio senza padre e di padre
fuori dagli schemi nei Frutti dimenticati (premio Castiglioncello, premio Vigevano,
premio Serantini, Selezione premio Strega); il lavoro nell’immensa cava di gesso alle
porte di Casola Valsenio in Scavare una buca; i suoi anni di scuola superiore in Inutile
Tentare Imprigionare Sogni. In La pizza per autodidatti trasmette la sua esperienza di
‘pizzaiolo quando c’è’ nella Pizzeria Il Farro di Casola Valsenio: tra impasti, temperatu-
re e ricette, ci svela l’importanza del forno per un narratore come lui. Pinna Morsicata
(premio Laura Orvieto sez. 6-11 anni) è il suo primo romanzo per piccoli, il secondo
volume della collana Scarabocchi. Ottanta rose mezz’ora è il suo ultimo, sconvolgente
romanzo.

Pepi Mirino e l’invasione dei P.N.G. ostili (2018). E se i personaggi dei videogiochi scon-
finassero di colpo nella realtà? Succede a Pepi Mirino una delle notti in cui dorme dal
papà. Per Sofi, Giamma, Santino e Pepi – il Club dei cecchini – è allarme generale;
finora è caduto solo un albero, ma possono aspettarsi di tutto. Anche perché hanno
scaricato di nascosto GTA.
Beatrice Masini, autrice prolifica di opere per l’infanzia, è anche una stimata tradut-
trice. Tra i suoi lavori, la resa in italiano di alcuni dei libri della serie di Harry Potter di
J. K. Rowling, per la versione pubblicata da Salani.Il suo romanzo Bambini nel bosco
(Fanucci) è stato finalista nel 2010 al Premio Strega. Con il romanzo per adulti Ten-
tativi di botanica degli affetti (Bompiani) ha vinto il Premio Campiello nel 2013. Le
sue opere sono tradotte in quindici Paesi. Ha ottenuto in cinque occasioni il Premio
Andersen - Il mondo dell’infanzia, sia come autrice che come traduttrice.

Le amiche che vorresti è un libro realizzato a quattro mani da Beatrice Masini e Fabian
Negrin. Ventidue ritratti di eroine letterarie - da Emma Bovary a Jane Eyre, da Lady
Chatterley a Anna Karenina, da Jo a Pippi Calzelunghe, fino ad arrivare alle moder-
nissime Matilde di Roald Dahl o Mina di David Almond - che hanno in comune la ca-
ratteristica di uscire dagli schemi della propria società. Le tavole sono diversificate
stilisticamente a seconda del carattere e del tipo di personaggio. A ciascuna eroina è
dedicato un brano evocativo attraverso cui l’autrice condivide con le giovani lettrici
le emozioni e i temi che il personaggio si porta dentro, come una porta che si apre su
mondi e sogni sempre nuovi. In appendice, una breve contestualizzazione con infor-
mazioni sui romanzi e gli autori citati.
Scuole primarie

                  Marta Baroni nasce a Roma nel 1989. Vive a Bologna ed è artista residente presso
                  Elastico. Autrice e illustratrice, nel 2011 ha fondato la sua etichetta indipendente Ten-
                  tacoli. Ha collaborato con diverse realtà editoriali come Sinnos, Eli Edizioni, Camelo-
                  zampa, Giunti, Mondadori. Per BAO Publishing realizza il graphic novel Al sole come
                  i gatti, nostalgico affresco della propria città di nascita.

                  Una bambina vichinga che cade in un pozzo dei desideri e disimpara a desiderare.
                  Un ragazzo di oggi che scopre l’amore e che non sempre puoi avere ciò che desideri.
                  Una favola per ragazze e ragazzi di ogni età in un libro che fonde realismo e magia,
                  per raccontare di quanto sia importante non perdere mai la bussola nei propri affetti,
                  nei propri bisogni più profondi; per restare umani, per diventare grandi. Con Uma del
                  Mondo di Sotto, Marta Baroni racconta una favola che a volte fa male, ma che aiuta a
                  guarire i mali del cuore.
Cristina Portolano, autrice molto amata e di grande comunicatività, esordisce nel
mondo del fumetto con Quasi signorina (Topipittori, 2016) e il suo secondo libro Non
so che sei (Rizzoli Lizard, 2017) diventa in breve tempo un vero e proprio successo
editoriale. Ha pubblicato disegni e illustrazioni sui volumi Storie della buonanotte per
bambine ribelli edito in Italia da Mondadori, e altre illustrazioni e fumetti per Einaudi
EL, Linus, Internazionale, Il Sole 24 ORE.

Io sono Mare è la storia di una bambina con la voglia di scoprire. Franky è il suo amico,
un pesce pagliaccio antropomorfo. Insieme fanno un viaggio intenso come un sogno
e precipitano in un oceano immaginario. Ci sono anemoni che possono fare male,
palloni gonfiati, anfiprioni in trasformazione. Mare ci fa crescere in un racconto che
intreccia Ponyo di Miyazaki ma in senso contrario, dalla terra verso l’acqua.
Daniele Bergesio (classe 1979) ha lavorato per numerose testate di musica e da alcuni
anni si occupa di comunicazione, soprattutto in ambito social. Tra un tweet, un post,
qualche racconto e molta musica suonata, da alcuni anni scrive anche storie per bam-
bini: ha pubblicato Favole Turbo (Leima 2016), Una partita in ballo (Giralangolo 2017)
e Il Mago Borbotti (Leima 2018).

Tito è secco come un cracker, leggero come un moscerino, agile come un grande bal-
lerino… ma vorrebbe giocare a rugby. Quando l’allenatore lo manda in campo le cose
non vanno per il meglio, finché non parte la musica: a quel punto, improvvisamente,
cambierà tutto! Una partita in ballo ha vinto il Premio Narrare la Parità 2017.
Adozioni universitarie

Università degli Studi di Torino - Dipartimento di   Umberto Fiori è nato a Sarzana nel 1949. Vive a Milano. Negli anni ’70 ha fatto parte
Studi Umanistici                                     degli Stormy Six, uno dei gruppi storici del rock italiano. In seguito ha collaborato con
                                                     il compositore Luca Francesconi, per il quale ha scritto due libretti d’opera (Scene
                                                     e Ballata) e numerosi altri testi. È autore di saggi sulla musica (Scrivere con la voce,
                                                     2003) e di un romanzo breve, La vera storia di Boy Bantàm (2007). Le sue raccolte
                                                     poetiche sono: Case (S. Marco dei Giustiniani, 1986) e, per Marcos y Marcos, Esempi
                                                     (1992), Chiarimenti (1995), Parlare al muro (con immagini del pittore Marco Petrus,
                                                     1996), Tutti (1998), La bella vista (2002) e La poesia è un fischio – Saggi 1986-2006
                                                     (2007).

                                                     Il conoscente (Marcos y Marcos 2019) di Umberto Fiori è un racconto in versi
                                                     falsissimamente autobiografico, un sogno – e per certi aspetti un incubo, un’allu-
                                                     cinazione – il cui protagonista porta lo stesso nome e cognome dell’autore. Il suo
                                                     ambiguo antagonista – il Conoscente: mestatore politico, tuttologo rampante, infine
                                                     tartufesco ‘guaritore’ – lo lusinga e lo provoca, lo trascina attraverso una serie di in-
                                                     contri che dovrebbero ammaestrarlo, rivelargli ciò che si ostina a ignorare, e finisco-
                                                     no invece per stordirlo e confonderlo. La verità, in questa storia, è un segreto osceno
                                                     che si esibisce e si sottrae, un enigma di cui il Conoscente pretende di avere in pugno
                                                     la chiave. Umberto Fiori affronta i vari incontri come ci si sottopone a una serie di
                                                     prove d’iniziazione nelle favole. Solo, senza amici, assediato da un’umanità grottesca
                                                     e spocchiosa, riuscirà alla fine a sfuggire alla presa del suo mefistofelico terapeuta?
autori per le adozioni nelle scuole presso Istituti
        penitenziari e Case di reclusione

in collaborazione con CESP - Rete nazionale delle
                 scuole ristrette
Casa di Reclusione di Maiano-Spoleto - Istituto di Istruzione
Superiore “Sensi-Leonardi-Volta” (Spoleto)

                                                                Ascanio Celestini è una delle voci più note di teatro di narrazione in Italia. Per Einaudi
                                                                ha pubblicato i libri Storie di uno scemo di guerra (2005), La pecora nera (2006), Io
                                                                cammino in fila indiana (2011) e Pro Patria (2012). È fra gli autori di Scena padre (2013).
                                                                Dal 2015 è in tournée con Laika e Pueblo, i primi due capitoli di una trilogia sulla pe-
                                                                riferia: I Draghi.

                                                                In Barzellette ha raccolto e reinventato barzellette provenienti da ogni parte del mon-
                                                                do e le racconta in una cornice inaspettata con la sapienza di un grande narratore.
Istituto Penale Minorile Ferrante Aporti - CPIA 1 (Torino)

                                                             Giovanni Dozzini è nato a Perugia. Giornalista e traduttore, suoi articoli sono stati
                                                             pubblicati su Europa, Huffington Post Italia, Pagina99, OndaRock. Ha pubblicato Il
                                                             cinese della piazza del pino (Midgard 2005), L’uomo che manca (Lantana 2011) e La
                                                             scelta (Nutrimenti 2016). È tra gli organizzatori del festival di letteratura in lingua spa-
                                                             gnola Encuentro.

                                                             E Baboucar guidava la fila (minimum fax) è una favola senza morale che affronta il
                                                             tema delle migrazioni scegliendo di raccontare quello che viene dopo le traversate,
                                                             la normalità inafferrabile di una vita dignitosa che segue ogni approdo e tutto quello
                                                             che questa normalità contiene: le paure, i desideri, la rabbia, le nostalgie.
Casa circondariale Secondigliano - Istituto Tecnico
Commerciale “Caruso” (Napoli)

                                                      Lorenzo Marone. Laureato in Giurisprudenza, ha esercitato per quasi dieci anni la
                                                      professione di avvocato. A novembre del 2018 è uscita per Feltrinelli la raccolta Cara
                                                      Napoli, che racchiude gli articoli pubblicati dal 2015 su La Repubblica Napoli e che è
                                                      giunto alla seconda ristampa. Vive a Napoli con la moglie, il figlio e la bassotta Greta,
                                                      il suo Cane Superiore.

                                                      Un ragazzo normale (Premio Giancarlo Siani 2018) è la storia di Mimì, dodici anni,
                                                      occhiali, parlantina da sapientone e la fissa per i fumetti, gli astronauti e Karate Kid,
                                                      abita in uno stabile del Vomero, a Napoli, dove suo padre lavora come portiere. Mimì
                                                      ha un supereroe: Giancarlo, che non vola né sposta montagne, ma scrive. Giancarlo
                                                      è Giancarlo Siani, il giornalista de “Il Mattino” che cadrà vittima della camorra proprio
                                                      quell’anno e davanti a quel palazzo. Nei mesi precedenti al 23 settembre, il giorno in
                                                      cui il giovane giornalista verrà ucciso, e nel piccolo mondo circoscritto dello stabile
                                                      del Vomero, Mimì diventa grande. E scopre l’importanza dell’amicizia e dei legami
                                                      veri, i palpiti del primo amore, il valore salvifico delle storie e delle parole. Perché
                                                      i supereroi forse non esistono, ma il ricordo delle persone speciali e le loro piccole
                                                      grandi azioni restano
Casa circondariale “Ettore Scalas” - CPIA 1 (Cagliari)

                                                         Flavio Soriga. Nato nel 1975 a Uta, provincia di Cagliari, ha esordito nel 2000 con
                                                         Diavoli di Nuraiò (Il Maestrale), vincitore del Premio Italo Calvino. Tra i suoi romanzi
                                                         si ricordano Neropioggia (Bompiani, Premio Deledda Giovani), Sardinia Blues (Bom-
                                                         piani, Premio Mondello), L´amore a Londra e in altri luoghi (Bompiani, Premio Chiara).
                                                         È autore del programma per Rai3 Per un pugno di librie organizza il festival letterario
                                                         Sulla terra leggeri.

                                                         Un’isola, due cugini diversi quanto il giorno e la notte, molte scommesse, un grande
                                                         amore, un giuramento, una vita intera per cercare di dimenticarlo. Aurelio Cossu è
                                                         nato a Uta, un paese a una ventina di chilometri da Cagliari, come l’autore di questo
                                                         romanzo. Come lui lavora per la televisione, viaggiando tra la Sardegna, Roma e Mi-
                                                         lano, e porta nelle sue vene l’eredità di una terra tanto bella quanto aspra: Aurelio ha
                                                         la talassemia, grave malattia cronica che lo costringe a dipendere da periodiche tra-
                                                         sfusioni, a dover accettare che la sua vita dipende da vite e scelte altrui.
Casa di reclusione “Ucciardone” Palermo - CPIA1 (Palermo)

                                                            Evelina Santangelo è nata a Palermo. Presso Einaudi ha pubblicato nel 2000 la raccol-
                                                            ta di racconti L’occhio cieco del mondo, i romanzi La lucertola color smeraldo (2003),
                                                            Il giorno degli orsi volanti (2005), Senzaterra (2008), Cose da pazzi (2012) e Non va
                                                            sempre così (2015). Con il racconto Presenze ha partecipato all’antologia L’agenda
                                                            ritrovata. Sette racconti per Paolo Borsellino (Feltrinelli, 2017).

                                                            Tra sbarchi di clandestini in massa e pattuglie della polizia che presidiano il Paese,
                                                            una nuova inquietudine infesta i sonni della gente: torme di bambini evanescenti che
                                                            occupano lo spazio in silenzio, con uno sguardo che fa paura. «Il mistero dei bambini
                                                            viventi», lo definisce qualcuno. Ma tutti i personaggi del romanzo di Evelina Santan-
                                                            gelo sono spiriti nascosti, fiammate bianche che arrivano dai roghi piú profondi. E
                                                            hanno da raccontarci qualcosa d’importante che la forza della letteratura fa deto-
                                                            nare, pagina dopo pagina, verso un finale sorprendente. Perché alla fine Da un altro
                                                            mondo è anche un romanzo d’amore, di quel genere di amori che travalicano i confini
                                                            ordinari dell’amore.
Casa Circondariale di Saluzzo - Istituto di Istruzione
“G. Soleri-A. Bertoni” (Saluzzo, CN)

                                                         Nadia Terranova (Messina, 1978) vive a Roma. Per Einaudi Stile Libero ha scritto il
                                                         romanzo Gli anni al contrario (2015). Ha scritto anche diversi libri per ragazzi, tra cui
                                                         Bruno il bambino che imparò a volare (Orecchio Acerbo 2012) e Casca il mondo (Mon-
                                                         dadori 2016). È tradotta in francese, spagnolo, polacco, lituano. Collabora con «La
                                                         Repubblica» e altre testate.

                                                         Addio fantasmi è il suo ultimo libro. Una casa tra due mari, il luogo del ritorno. Dentro
                                                         quelle stanze si è incagliata l’esistenza di una donna. Solo riattraversando la propria
                                                         storia potrà davvero liberarsene. Addio Fantasmi racconta l’ossessione di una perdita,
                                                         quel corpo a corpo con il passato che ci rende tutti dei sopravvissuti, ciascuno alla
                                                         propria battaglia.
Casa di Reclusione Lorusso Cotugno Torino- CPIA1 (Torino)

                                                            Giorgio Fontana è nato nel 1981. Ha pubblicato i romanzi Buoni propositi per l’anno
                                                            nuovo (Mondadori 2007) e Novalis (Marsilio 2008), il reportage narrativo Babele 56
                                                            (Terre di Mezzo 2008) e il saggio La velocità del buio (Zona 2011). Vive e lavora a Mi-
                                                            lano. Con Sellerio ha pubblicato Per legge superiore (2011) e Morte di un uomo felice
                                                            (Premio Campiello 2014) e Un solo paradiso (2016).

                                                            Un solo paradiso è una storia d’amore: ma anche il resoconto di quanto tale sentimen-
                                                            to possa condurre alla distruzione di sé. Il racconto di una passione assoluta, forse
                                                            troppo grande per tempi così precari, di cinismo e paura: ma che restituisce ad essa
                                                            tutta la sua dignità, il suo pudore, e insieme il suo peso tragico.
Casa di Reclusione “San Michele” Alessandria - Istituto
Istruzione Superiore “G. Parodi” (Alessandria)

                                                          Mario Calabresi nasce a Milano nel 1970. Giornalista, ha lavorato all’Ansa, alla
                                                          «Stampa» e dal 2015 è direttore di «Repubblica». Per Mondadori ha scritto Spingendo
                                                          la notte più in là (2007), La fortuna non esiste (2009), Cosa tiene accese le stelle (2011)
                                                          e Non temete per noi, la nostra vita sarà meravigliosa (2015).

                                                          Con Non temete per noi, la nostra vita sarà meravigliosa, Mario Calabresi racconta la
                                                          storia dei suoi zii Gigi e Mirella – lui ginecologo, lei pediatra che negli anni Settanta,
                                                          appena laureati, lasciano Milano per costruire un reparto maternità in Uganda. Assie-
                                                          me alla loro, le vicende di tanti altri ragazzi, giovani italiani che non hanno ceduto allo
                                                          scetticismo e allo scoraggiamento, e non hanno avuto paura di coltivare i loro sogni.
Casa di Reclusione di Asti - CPIA1 (Asti)

                                            Vanessa Roghi (1972), storica, è autrice di documentari per La Grande Storia di Rai
                                            Tre. Insegna Storia contemporanea all’Università Roma Tre, Storia e TV nella Facoltà
                                            di Lettere della Sapienza Università di Roma e si occupa di storia della cultura.

                                            Piccola città. Una storia comune di eroina è un libro di storia, un memoir che squarcia
                                            un muro di silenzio e lo fa partendo dal punto di vista più difficile e doloroso: quello
                                            personale. Quando arrestano mio padre per spaccio di eroina ho 15 anni, frequento il
                                            ginnasio, nell’unico liceo classico di Grosseto. Un liceo di provincia, frequentato dai
                                            figli dei professionisti della città. Quando lo arrestano io non dico niente a scuola.
                                            Non trovo le parole per farlo, non credo di averle neanche cercate, è qualcosa che ac-
                                            cade, e basta. Quando le cose accadono a me io non so come raccontarle. Per questo
                                            faccio la storica, racconto le cose che accadono agli altri, eppure questa di mio padre
                                            voglio raccontarla, così inizio a parlarne con gli altri, ma solo all’università, quando mi
                                            sento ormai protetta dalla distanza, ne parlo e ne parlo, e una giovane storica senza
                                            immaginazione si domanda se sono matta ad andare a dire in giro che mio padre si è
                                            fatto di eroina. Perché questa è una cosa che non si racconta. Non è neanche un fatto
                                            degno di storia. È una piccola storia ignobile.
Casa Circondariale Potenza - CPIA1 (Potenza)

                                               Gaetano Cappelli è nato a Potenza nel 1954. Ha pubblicato Floppy disk (Marsilio,
                                               1988), Febbre (Mondadori, 1989), Mestieri sentimentali (Frassinelli, 1991), I due fra-
                                               telli (De Agostini, 1994), Volare basso (Frassinelli, 1994), Errori (Mondadori, 1996),
                                               Il primo (Marsilio, 2005), Parenti lontani (Mondadori, 2000) e Storia controversa
                                               dell’inarrestabile fortuna del vino Aglianico nel mondo (Marsilio, 2007).

                                               La vedova, il santo e il segreto del pacchero estremo è la storia di Dario Villalta. Da-
                                               rio ha due grandi passioni nella vita: le vedove e i maestri del Rinascimento. Finisce
                                               invece in un’importante galleria d’arte di Milano, dov’è costretto a vendere opere con-
                                               temporanee che disprezza, incontrando per di più grandi difficoltà nel reperire l’og-
                                               getto della sua stravagante passione amorosa. Per fortuna, a risolvere la situazione,
                                               arriva dal Sud la bella e carnale Vera Gallo, vedova e inoltre proprietaria della statua
                                               di un santo che risulterà essere una delle due o tre sculture di Andrea Mantegna. Ma
                                               non tutto quello che luccica è oro, come il lettore scopre in una girandola di accadi-
                                               menti che lo fanno imbattere in una galleria di personaggi irresistibili. Una commedia
                                               brillante e irriverente che consente di osservare dal di dentro il mondo dell’arte con-
                                               temporanea, svelandone i segreti, i paradossi e le follie.
Puoi anche leggere
DIAPOSITIVE SUCCESSIVE ... Annulla