Bioattualità 3/09 Collaborazioni particolari

 
Bioattualità 3/09 Collaborazioni particolari
bioattualità
                                                                                3 /09

L A R I V I S TA D E L M O V I M E N T O B I O                       APRILE

                                                 Collaborazioni particolari    pagina 4

                                                            I temi dell’AD    pagina 10
Bioattualità 3/09 Collaborazioni particolari
N SOMMARIO                                                            E D I TO R I A L E

                        bioattualità
                                                                          La Carta sociale colma
                                                                          una lacuna importante
                                                                          L’agricoltura biologica e quella biodina-
                                                                          mica si impegnano a favore della lavo-
                                                                          razione sostenibile del suolo e della for-
                                                                          mazione di humus, di piante sane, di alle-
        TRASFORMAZIONE                                                    vamento e foraggiamento rispettosi della
                                                                          specie e di una flora e fauna molteplice.
     4 Collaboratori disabili                                             Per convinzione, l’agricoltura biologica si
        I trasformatori bio impiegano sempre più spesso                   è dotata di direttive obbligatorie e vinco-
        persone con disabilità mentale, pscichica o fisica                lanti per tutti.
        nelle proprie aziende. bioattualità ha visitato le                Le direttive coprono solo la parte giuri-
        ditte Lehmann Holzofenbeck AG e Ekkarthof nel                     dica, l’agricoltura biologica invece è glo-
        Canton Turgovia                                                   bale. Ne fanno parte anche le esigenze
                                                                          dei collaboratori, la com-
                                                                          mercializzazione, inclusa la
        BIO SUISSE
                                                                          formazione dei prezzi e le
     8 Gioie e malumori alla conferenza stampa                            relazioni con la clientela. Le
        L’anno scorso il mercato bio in Svizzera è aumen-                 aziende biologiche possono
        tato di oltre 11% a 1,44 miliardi di franchi. Sono                offrire a persone disabili e
        invece meno ben visti i piani della Confederazione                affette da depressione un
        che intende abolire i premi bio. Ciò compromette-                 lavoro e il necessario am-
                                                                          biente strutturato.
        rebbe il sistema bio e incentiverebbe la specializza-
                                                                          Tutte queste componenti
        zione unilaterale, così è stato detto alla conferenza
                                                                          sociali dell’agricoltura biologica non sono
        stampa annuale di Bio Suisse.                                     incluse nelle direttive. Affinché possano
                                                                          essere debitamente apprezzate senza il
    10 Temi caldi per l’AD                                                carattere vincolante di direttive, Demeter
        Gemma nel negozio discount ? Libero scambio nel                   Svizzera da alcuni anni sta lavorando al-
        settore agroalimentare ? Ingrasso di verri ? Valore               l’elaborazione della Carta sociale. Carta
                                                                     4    sta per linee guida e impegno volontario,
        di soglia OGM più basso ? Gemma su lattine in
                                                                          sociale sta per le interazioni personali, i
        alluminio ? L’assemblea dei delegati del 22 aprile
                                                                          rapporti fra le persone.
        dovrà affrontare tutta una serie di temi scottanti.               La Carta sociale di Demeter considera
                                                                          anche l’analisi e l’approfondimento delle
        RUBRICHE                                                          basi dell’agricoltura biodinamica e invi-
                                                                          ta a partecipare alla vita culturale e allo
     3 Consumo
                                                                          scambio sociale. La retrospettiva annuale
    12 Consigli                                                           non deve riferirsi solo alla propria attività
    13 Controllo e certificazione                                         ma metterla in relazione con le esigenze
    14 Notizie                                                            dei collaboratori, dei clienti e dell’am-
    15 La parola ai lettori                                               biente.
                                                                          Anche le direttive Demeter sono però
                                                                     10
                                                                          parte della Carta sociale, infatti anche
                                                                          esse adempiono un importante compi-
                                                                          to sociale : qualora il contatto personale
                                                                          non è possibile, esse creano fiducia e af-
                                                                          fidabilità reciproca sia per i clienti sia per
                                                                          i contadini fra loro.
                                                                          La Carta sociale riconsidera la globalità
                                                                          del movimento bio in modo attuale e
                                                                          mostra come le aziende, i trasformatori e
                                                                          i commercianti agiscano verso l’interno e
                                                                          verso l’esterno e collaborino fra loro.

                                                                                                   Susanna Küffer Heer,
                                                                                 direttrice Associazione per l’agricoltura
                                                                                                biodinamica, Arlesheim

    Foto in prima pagina: Marco Hodel, panettiere presso
    Lehmann Holzofenbeck a Lanterswil TG       Bild: Marion Nitsch

2   bioattualità 3/09
Bioattualità 3/09 Collaborazioni particolari
CONSUMO N

               Thomas e Régula Kalt,
               «Bio-Kalt», 1110 Morges
               Contadini di professione, Thomas e Régula Kalt vendono i prodotti dell’azienda nel loro negozio «Bio-
               Kalt» aperto dieci anni fa a Morges. I coniugi Kalt hanno due figli adolescenti e sono originari della
               Svizzera tedesca. Thomas e Régula Kalt, oltre a essere appassionati venditori dei propri prodotti che
               spaziano dalla verdura fino al miele, allevano cani San Bernardo.

L1 Perché vende generi alimentari e               L
                                                  6     La gente acquista bio perché              L8 Come si possono attirare clienti
non per esempio libri o automobili?               vuole alimentarsi in modo sano o per            occasionali e nuovi clienti di prodotti
In primo luogo siamo contadini e vendia-          rispettare l’ambiente?                          bio?
mo i prodotti della nostra azienda. Dopo          Ambedue. Ma acquista bio anche perché           Attraverso il passaparola. È l’unica cosa
vent’anni di produzione convenzionale             i prodotti bio hanno più gusto. Spesso la       che funziona veramente. È anche impor-
ci siamo resi conto che era una via senza         gente inizia a interessarsi del biologico       tante riservare ai clienti un’accoglienza ca-
futuro. Quando siamo arrivati a Losanna           all’arrivo del primo figlio. I neogenitori      lorosa e garantire loro di acquistare buoni
abbiamo deciso di iniziare la conversio-          vogliono far del bene al bambino e pre-         prodotti. La maggior parte della nostra
ne al biologico. Il nostro primo negozio          servarlo dalle malattie. Spesso mangiano        clientela ci conosce perché siamo presenti
è stato un negozio di verdura. In seguito         prodotti bio per la loro salute e per quella    sui mercati.
abbiamo adeguato l’offerta ai desideri del-       dei loro figli.
la clientela e ora vendiamo anche iogurt,                                                         L
                                                                                                  9     Come si possono trasformare
grani e noci, prodotti a base di soia e pane      L7 Classifica i suoi clienti secondo lo          clienti occasionali in clienti abituali?
che produciamo noi stessi.                        stile di vita o secondo il tipo di clien-       Con un’accoglienza gentile e anche con la
                                                  te?                                             consulenza. Ci prendiamo il tempo per
L2 Nel suo negozio sono ottenibili                Abbiamo di tutto, dall’operaio al banchie-      soddisfare i desideri dei clienti, li ascol-
esclusivamente derrate alimentari                 re. Non è possibile identificare una cate-      tiamo e procuriamo il prodotto che non
certificate bio?                                  goria precisa di clienti. La nostra clientela   trovano nello scaffale. Bisogna sempre
Sì, nella misura del 95%. Per il rimanente        – come il nostro assortimento – è molto         accontentarli.
5% si tratta di prodotti che non sono otte-       ampia e diversificata.                                              Intervista: Blandine Levite
nibili di qualità biologica ma che i nostri

                                                                                                                                                    Foto: Blandine Levite
clienti chiedono regolarmente, per esem-
pio le alghe. Le nostre erbe selvatiche non
sono certificate e non lo sono nemmeno i
sali minerali. Tutti i prodotti freschi e tutti
i generi alimentari sono però biologici.

L3 Sono particolarmente critici i
clienti?
Sono attenti. In generale i riscontri sono
però positivi, visto che il nostro assorti-
mento è molto ampio, tra 4000 e 5000 arti-
coli. Se riceviamo delle critiche in genere è
perché i clienti non trovano un prodotto.

L
4    Richiedono molta consulenza?
Sì. Vengono da noi molte persone che sof-
frono di allergie alimentari, per esempio
di intolleranza al glutine.

L5 Sono tanti i clienti che vogliono
evitare imballaggi eccessivi e lunghi
trasporti?
Sì, i clienti badano alla provenienza del-
la frutta e della verdura. Fa parte anche
della filosofia del biologico ridurre l’im-
patto sull’ambiente consumando prodotti
regionali.                                        Un’accoglienza calorosa: Thomas e Régula Kalt nel loro negozio di alimentari «Bio-Kalt»
                                                  a Morges

                                                                                                                                               bioattualità 3/09            3
Bioattualità 3/09 Collaborazioni particolari
N PRODUZIONE

    Trasformatori bio impegnati
    offrono lavoro a persone disabili
    L’occupazione di persone portatrici di handicap ha una lunga tradizione presso i bioagricoltori. Sempre
    più spesso sono impiegate nella trasformazione anche persone con disabilità mentale, psichica o fi-
    sica. Mentre le aziende di trasformazione assumono così la propria responsabilità sociale, le persone
    portatrici di handicap hanno la possibilità di far fruttare qualità proprie e in parte assumono compiti
    generalmente poco amati.

                   S   in dall’inizio noi abbiamo offerto po-
                       sti di lavoro e di formazione anche
                   alle persone disabili», racconta Andreas
                                                                  ciale, così come la società nel suo insieme
                                                                  è un organismo sociale».
                                                                       Nel 1974 Andreas Lehmann, assieme
                   Lehmann, fondatore della Lehmann               a sua moglie Mares, ha acquistato la allo-
                   Holzofenbeck AG a Lanterswil TG. Si            ra piccola panetteria nel rurale Canton
                   ricorda di un apprendista proveniente          Turgovia. Nel frattempo l’azienda è dive-
                   dall’ambiente della droga e di una perso-      nuta una delle più grandi panetterie bio in
                   na affetta da leggero autismo che erano        Svizzera e rifornisce clienti da San Gallo
                   fra le prime persone disabili in azienda.      fino a Zurigo. Nel 2007 i due figli Florian e
                   Questo impegno per Andreas Lehmann è           Joachim hanno assunto la direzione. Nella
                   sempre stata una cosa naturale, un modo        panetteria in casa Lehmann c’è un avvol-
                   di concepire la vita in cui si è immedesi-     gente profumo di pane fresco – di panini
                   mato: «Mio padre, che era panettiere a San     per la gastronomia, di trecce di spelta e di
                   Gallo, ha sempre offerto un posto a queste     fagottini alle mele. In un angolo si sta pre-
                   persone. Un’azienda è un organismo so-         parando l’impasto per il pane integrale,
                                                                  dall’altra parte qualcuno rimesta la massa
                                                                  per praliné e sul tavolo ad angolo, laddove
                                                                  alla mattina una parte dei dipendenti fa
                                                                  colazione in comune, si stanno accurata-
                                                                  mente imballando in cellofane i conigliet-
                                                                  ti di Pasqua in seguito sigillati e decorati
                                                                  con un fiocco verde.
                                                                       Quattro dei complessivamente 50
                                                                  collaboratori che lavorano nella panette-
                                                                  ria bio sono portatori d handicap. I lavori
                                                                  di cui si occupano spaziano dal lavaggio
                                                                  dei piatti alla pulizia, alla preparazione
                                                                  del pranzo comune fino alla vendita in
                                                                  negozio e alla preparazione degli impasti.
                                                                  «Eseguono molti lavori che per altri sono
                                                                  monotoni» spiega Andreas Lehmann.               «Guarnire gli stampi» si chiama questa atti-
                                                                                                                  vità. Barbara Schäfli pittura gli occhi dei co-
                                                                  Accettare i punti deboli,                       niglietti di Pasqua e altre decorazioni sullo
                                                                                                                  stampo nel quale in seguito sarà versata la
                                                                  approfittare di quelli forti
                                                                                                                  massa di cioccolato.
                                                                  «Quando abbiamo iniziato a occupare e
                                                                  formare persone disabili credevamo di           di tutti gli appuntamenti e in azienda è
                                                                  dover fare in modo che sbrigassero il pro-      considerata l’»agenda ambulante». Un
                                                                  prio lavoro come le persone senza handi-        altro si distingue per la sua fertile fanta-
                                                                  cap». Oggi però si sa che bisogna accettare     sia e sa raccontare in modo avvincente le
                                                                  i punti deboli e che in cambio si può ap-       storielle che inventa lì per lì. «Le perso-
                                                                  profittare dei punti forti dei collaboratori    ne disabili sorridono molto più spesso!»,
                                                                  portatori di handicap: spesso sono meno         conclude Lehmann.
                                                                  perseveranti, in compenso i superiori e i
                                                                  colleghi scoprono altre capacità partico-       Rispetto e accompagnamento
                                                                  lari.                                           indispensabili
                   Marco Hodel ha fatto il tirocinio di panet-
                                                                        Una collaboratrice con disabilità men-    «I nostri collaboratori disabili sono come
                   tiere presso l’azienda Ekkarthof e ora lavo-   tale per esempio ha una memoria straor-         sismografi», spiega Lehmann. Sentono
                   ra alla Lehmann Holzofenbeck.                  dinaria. Non dimentica niente, si ricorda       subito se sono trattati con rispetto e

4   bioattualità 3/09
Bioattualità 3/09 Collaborazioni particolari
considerazione dalle altre persone. Cita        do del lavoro (cfr. riquadro a pagina 6).          la vendita dei loro prodotti i laboratori
l’esempio di un collaboratore altamente         Il premio di 25 000 franchi permette alla          l’anno scorso hanno conseguito un utile di
qualificato che ha dovuto licenziare dopo       panetteria bio Lehmann di impegnarsi               quasi 1,5 milioni di franchi, come osserva
poco tempo perché non rispettava i colla-       ancora di più: si vuole fra l’altro rafforza-      con fierezza il responsabile del laboratorio
boratori portatori di handicap. «Sovente le     re l’appoggio professionale per le persone         Stephan Lauinger.
qualità caratteriali negative delle persone     disabili in azienda. Si sta discutendo se              Mentre Andreas Lehmann sostie-
normodotate emergono più rapidamente            chiamare a consulto esperti dell’azienda           ne che la cura di persone disabili non è
a contatto con i disabili», spiega Lehmann.     Ekkharthof di Lengwil TG. Con una par-             compito del datore di lavoro, per Stephan
Tutti i collaboratori devono compilare un       te del premio saranno finanziate attività          Lauinger la cura è una professione: «Non
questionario di assunzione che contiene         per il tempo libero per i collaboratori di-

                                                                                                                                                                       Fotos: Lehmann Holzofenbeck AG
domande relative al loro atteggiamento          sabili.
nei confronti delle persone con handicap.            L’azienda Ekkharthof, fondata nel
     Nonostante la grande tolleranza ver-       1974, è un centro di cura e di formazione
so i collaboratori disabili, nella panetteria   con pedagogia curativa antroposofica e
bio è importante non lasciar correre, oc-       terapia sociale per persone disabili. Le due
corrono chiare regole e limiti, sottolinea il   aziende collaborano già ora: durante il pe-
direttore Florian Lehmann. Per un buon          riodo prenatalizio nel 2008 per la prima
inserimento delle persone con disabilità        volta un gruppo dell’azienda Ekkharhof
mentale, psichica o fisica nella vita pro-      ha prodotto pasticcini nella panette-
fessionale è particolarmente importante il      ria Lehmann. Un’altra idea è la produ-
sostegno di persone esterne come i geni-        zione comune di coniglietti di Pasqua.
tori, un mentore o un tutore. Quello che        «Anche un inserimento accompagnato
aiuta maggiormente è una rete di persone        nella libera economia può significare
di riferimento impegnate all’infuori del-       integrazione», spiega Stephan Lauinger,
l’azienda, che collaborano positivamente        responsabile del laboratorio dell’azienda
tutte assieme. Florian Lehmann raccon-          Ekkharthof. In ogni caso le visite alla pa-
ta di un giovane socialmente debole che         netteria Holzofenbeck portano un po’ di
stava svolgendo un tirocinio orientativo,       svago agli ospiti dell’azienda Ekkharhof e
che ha rappresentato una grossa sfida per       hanno un effetto motivante.
l’azienda e che per finire non ha potuto
essere assunto perché mancava l’appoggio        Offrire un diversivo,
dei genitori.                                   rafforzare l’autoresponsabilità
     «Un tutore o un’altra persona esterna      L’azienda Ekkharthof di Lengwil si situa
dovrebbe accompagnare a lungo termine           a 20 chilometri a nord di Lanterswil, in
le persone portatrici di handicap e passa-      riva al lago di Costanza, a sudovest di
re regolarmente sul posto di lavoro», so-       Kreuzlingen. All’entrata della tenuta vi è
stiene Andreas Lehmann. Secondo la sua          il negozietto bio che offre l’intero assor-
esperienza però, l’AI tende a voler chiude-     timento di produzione propria oltre a
re rapidamente i casi.                          merce bio acquistata. L’intera gamma di
                                                erbe aromatiche nonché la grande scelta            Gli attrezzi devono brillare. Basil Haegi si
La cooperazione                                 di tisane alle erbe provengono per il 95           occupa del lavaggio.
favorisce l’integrazione                        per cento da coltivazione propria. Fanno
Per il suo grande impegno, il 24 gennaio        parte dell’Ekkharthof una scuola speciale          bisogna sottovalutare l’onere». Lauinger
scorso la Lehmann Holzofenbeck AG è             e una struttura che offre alloggio e occu-         sottolinea l’importanza della formazio-
stata insignita del premio «This-Priis» che     pazione a 150 persone. I maggiori costi            ne dei collaboratori: «Tutti hanno una
viene assegnato ad aziende che integrano        dell’istituzione supportata da un’associa-         formazione pedagogica o seguono corsi
persone portatrici di handicap nel mon-         zione sono coperti da sussidi statali. Con         interni».

 Vier Linden: formazione con attestato per persone con disturbi di apprendimento
 Centro dietetico, panetteria, caffè e bou-     afferma Raphael Stadelmann, direttore di           Gli specialisti nelle aziende dispongono
 tique: l’offerta di «Vier Linden» è molto      Vier Linden a Zurigo: «L’importante è la re-       raramente di una formazione pedagogi-
 ampia. Le aziende di «Vier Linden» sono        te di contatti e di relazioni dei clienti». Vier   ca, il presupposto tuttavia è una buona
 sostenute dall’associazione Verein Zürcher     Linden accompagna i giovani che hanno              competenza sociale. L’appoggio esterno è
 Eingliederung fondata nel 1973, che vuole      terminato l’apprendistato nell’ingresso            necessario soprattutto per le materie sco-
 integrare persone giovani con deficit dello    nella vita professionale e aiutano loro a          lastiche e viene dato sotto forma di lezioni
 sviluppo intellettuale o con una disabilità    superare la prima soglia – dopo il periodo         di sostegno. I costi per l’assistenza sono
 fisica. La maggior parte degli apprendisti     passato a Vier Linden la maggior parte di          in parte alti. «Per raggiungere gli obiettivi
 segue una formazione con attestato della       loro svolge un praticantato. «Non tutti pos-       è necessario l’impegno di tutti coloro che
 durata di due anni oppure una specializ-       sono poi lavorare normalmente» ammet-              circondano il giovane». Le disdette presso
 zazione di tre anni.                           te Stadelmann. Certamente i responsabili           Vier Linden sono molto rare.
 Le esperienze di inserimento di giovani        della formazione devono prendersi più
 nella libera economia sono molto varie,        tempo per gli apprendisti con handicap.

                                                                                                                                                   bioattualità 3/09                                    5
Bioattualità 3/09 Collaborazioni particolari
Foto: Stefanie Strauch

                                                                                                                                                            i   Ulteriori informazioni
                                                                                                                                                                www.lehmann-holzofenbeck.ch
                                                                                                                                                                www.ekkharthof.ch
                                                                                                                                                                www.vau-zet-eee.ch “ Vier Linden
                                                                                                                                                                www.this-priis.ch

                                                                                                                                                                Il compito principale dell’azienda
                                                                                                                                                           Ekkarthof è la creazione di posti di lavoro
                                                                                                                                                           sensati. Mentre una volta la priorità era
                                                                                                                                                           l’occupazione terapeutica, oggi si punta
                                                                                                                                                           maggiormente sulla produzione. Se un
                                                                                                                                                           collaboratore disabile vede come il latte
                                                                                                                                                           viene trasformato in iogurt, come lo io-
                                                                                                                                                           gurt finisce nel vasetto sul quale viene
                                                                                                                                                           incollata un’etichetta e che per finire lo
                                                                                                                                                           iogurt viene venduto, questo influisce po-
                                                                                                                                                           sitivamente sulla motivazione.
                                                                                                                                                                «Tutto quello che facciamo, lo fac-
                                                                                                                                                           ciamo con le persone disabili» , osserva
                                                                                                                                                           Stephan Lauinger. Vorrebbe sviluppa-
                                                                                                                                                           re nuovi prodotti, produrre e vendere
                                                                                                                                                           un maggior numero di prodotti diversi.
                                                                                                                                                           L’innovazione e la diversificazione favori-
                                                                                                                                                           scono l’integrazione nel mondo del lavo-
                                                                                                                                                           ro, Lauinger ne è convinto. La percezione
                                                                                                                                                           di un piccolo salario rafforza l’autonomia
                                                                                                                                                           e l’autoresponsabilità dei collaboratori.

                                                                                                                                                             IMPRESSUM

                                                                                                                                                            anno 18
                                                                                                                                                            Pubblicazione 10 volte all’anno (all’inizio
                                                                                                                                                            di ogni mese, salvo agosto e gennaio);
                                                                                                                                                            durata dell’abbonamento un anno civile,
                                                                                                                                                            disdetta per la fine di dicembre
                                                                                                                                                            Destinatari aziende di produzione e di
                                            Basil Haegi è attivo nella produzione. Gli piacciono un sacco le macchine stilose.
                                                                                                                                                            transformazione Bio Suisse
                                                                                                                                                            Editore FiBL, Istituto di ricerche dell’agri-
                                                                                                                                                            coltura biologica, Ackerstrasse, casella
                                                 Lehmann Holzofenbeck vince il premio This-Priis                                                            postale, 5070 Frick, telefono +41 (0)62
                                                                                                                                                            865 72 72, fax +41 (0)62 865 72 73,
                                                 Il premio This-Priis viene conferito a                      Priis prende il nome da Mathias «This»
                                                                                                                                                            www.fibl.org
                                                 aziende che integrano e occupano in                         Widmer, affetto da paralisi cerebrale e        BIO SUISSE (Vereinigung Schweizer
                                                 modo esemplare persone portatrici di                        fortemente ipovedente. This ha sempre          Biolandbau-Organisationen),
                                                 handicap. Nel gennaio 2009 il premio                        voluto lavorare sul normale mercato del        Margarethenstrasse 87, 4053 Basel,
                                                 dotato di 25'000 franchi è stato assegna-                   lavoro e non in un laboratorio protetto.       telefono +41 (0)61 385 96 10, fax
                                                 to per la quarta volta. I vincitori nel 2009                                                                +41 (0)61385 96 11, www.bio-suisse.ch
                                                                                                 Bild: zVg

                                                 sono la ditta Lehmann Holzofenbeck AG                                                                      Redazione Alfred Schädeli, Markus Bär,
                                                 a Lanterswil TG e la ditta Tobias Juchler &                                                                Thomas Alföldi (FiBL); Jacqueline Forster,
                                                 Co., progettazione giardini e paesaggio, di                                                                Christian Voegeli (Bio Suisse);
                                                 Rümlang ZH.                                                                                                bioaktuell@fibl.org
                                                 Lehmann Holzofenbeck, con 50 collabo-                                                                      Traduzione Regula van den Berge,
                                                                                                                                                            6648 Minusio
                                                 ratori una delle panetterie bio più impor-
                                                                                                                                                            Layout Daniel Gorba
                                                 tanti in Svizzera, occupa persone disabili
                                                                                                                                                            Stampa Brogle Druck SA, casella postale,
                                                 sin dalla fondazione nel 1976.
                                                                                                                                                            5073 Gipf-Oberfrick,
                                                 Con la ditta hosberg AG, commercio di uo-                   Nel 2005 la sua famiglia ha istituito il       telefono +41 (0) 62 865 10 30
                                                 va biologiche, a Rüti ZH il premio This-Priis               premio This-Priis. Con l’appoggio di do-       Inserzione Erika Bayer, FiBL, casella
                                                 è stato conferito a un’azienda biologica                    natori, fra cui anche ditte, organizzazioni    postale, 5070 Frick, telefono
                                                 conosciuta già in occasione della prima                     e Comuni, riesce a finanziare una parte        062 865 72 00, fax 062 865 72 73,
                                                 assegnazione nel 2006. Il premio This-                      delle spese.                            mb     e-mail erika.bayer@fibl.org

6                            bioattualità 3/09
Bioattualità 3/09 Collaborazioni particolari
Fotos: Stefanie Strauch
Pesare, sigillare, imballare: Christian Ruetz al lavoro per la spedizione di tisane e erbe dell’azienda Ekkarthof.

                                                                                                   Naturale in molte
                                                                                                   aziende agricole bio
                                                                                                   Sono ancora una minoranza i trasforma-
                                                                                                   tori bio che occupano persone disabili.
                                                                                                   Non esistono cifre in merito. Jacqueline
                                                                                                   Forster, responsabile dell’ufficio stampa
                                                                                                   di Bio Suisse, fa notare che nelle azien-
                                                                                                   de agricole bio la collaborazione di per-
                                                                                                   sone disabili ha una lunga tradizione:
                                                                                                   «Integrare naturalmente i disabili nella
                                                                                                   vita quotidiana fa parte della concezione
                                                                                                   olistica del mondo dell’agricoltura biolo-
                                                                                                   gica».
                                                                                                        Martin Ott della fondazione Fintan
                                                                                                   e presidente del consiglio di fondazione
                                                                                                   FiBL osserva che nell’agricoltura lavora-
                                                                                                   no più persone disabili rispetto a qualche
                                                                                                   tempo fa. Dato che un numero crescente
                                                                                                   di aziende agricole trasforma da sé i pro-
                                                                                                   pri prodotti, Ott si aspetta un ulteriore
                                                                                                   aumento dell’occupazione di persone an-
                                                                                                   dicappate. Uno studio sull’influsso di va-
                                                                                                   lori etici sul comportamento di consumo
                                                                                                   mostra che anche i consumatori approva-
                                                                                                   no questo impegno sociale: oltre due terzi
                                                                                                   degli intervistati ha risposto di badare se
                                                                                                   sono state occupate persone disabili nella
                                                                                                   produzione e nella trasformazione quan-
Dall’orto al piatto: il giardiniere Konrad Müller e l’apprendista Christine Wanner puliscono       do acquista un alimento.
il formentino per la cucina dell’azienda Ekkarthof.                                                                            Stefanie Strauch

                                                                                                                                             bioattualità 3/09                             7
Bioattualità 3/09 Collaborazioni particolari
N BIO SUISSE

     Il mercato cresce, la politica frena
     Alla conferenza stampa annuale il direttore di Bio Suisse Markus Arbenz ha parlato in termini chiari: i
     piani della Confederazione relativi all’»ulteriore sviluppo dei pagamenti diretti» mettono in allarme Bio
     Suisse. Il premio bio sarà abolito, l’agricoltura biologica pertanto non sarà più promossa. A livello inter-
     nazionale la Svizzera si ritroverà isolata. Nel 2008 il mercato bio ha registrato una forte crescita, infatti
     è aumentato dell’11,2 per cento a 1,44 miliardi di franchi. La percentuale di aziende agricole biologiche
     dell’11,9 % è praticamente rimasta costante.

                              I  piani della Confederazione per «l’ulte-
                                 riore sviluppo del sistema di pagamenti
                              diretti» suscita indignazione presso Bio
                                                                              che. In occasione della conferenza stampa
                                                                              annuale, Bio Suisse a fine marzo ha pre-
                                                                              sentato uno studio approfondito del FiBL
                                                                                                                                               To bio or not to bio
                                                                                                                                               Il libro dell’autore romando Jacques-
                              Suisse: al sistema agricoltura biologica a      sulle le prestazioni sociali dell’agricoltura                    Pascal Cusin è una perorazione per uno
                              quanto sembra non viene più attribuita          biologica. Una delegazione di Bio Suisse                         stile di vita ragionevole e sostenibile e
                              una particolare importanza. Questa poli-        e del FiBL ha inoltre espresso all’Ufficio                       per un’agricoltura che po-
                              tica della Confederazione mette a rischio       federale dell’agricoltura le proprie rimo-                       ne al centro la sovranità
                              l’esistenza stessa di molte aziende biologi-    stranze in merito.                                               alimentare. «Se voglia-
                                                                                                                                               mo salvare il mondo non
                                                                                                                                               possiamo più vivere al di
                                                                              Sistema bio globale a rischio
                 Nuovo negozio bio a Briga                                                                                                     sopra dei nostri mezzi»
                                                                              I contadini e le contadine (bio o no) perce-                     recita il sottotitolo del libro. Ciò è pos-
                 Eugen e Silvia Oggenfuss gestiscono un’azienda               piscono pagamenti diretti per le prestazio-                      sibile solo se ridefiniamo i concetti pro-
                 Gemma a Termen nell’Alto Vallese. Eugen Oggenfuss
                                                                              ni che forniscono alla società: approvvi-                        gresso, crescita, sviluppo e agiatezza – e
                 inoltre è membro impegnato di «Bergallianz», l’asso-
                                                                              gionamento sicuro della popolazione, sal-                        ciò richiede una modifica radicale delle
                 ciazione delle organizzazioni associate Gemma nelle
                                                                              vaguardia delle basi vitali e del paesaggio                      nostre abitudini di consumo. Il libro in
                 regioni di montagna. La coppia qualche giorno fa ha
                                                                              rurale e contributo all’occupazione decen-                       lingua francese è stato pubblicato da
                 inaugurato un negozio bio con specialità vallesane
                                                                                                                                               Editions Marabout ed è ottenibile nelle
                 nel centro di Briga. L’offerta comprende soprattutto         trata del territorio. Questo è ancorato nel-
                                                                                                                                               librerie.
                                        pane, formaggio, carne secca e        l’articolo 104 della Costituzione. Finora i
    Photo: zVg

                                        uova. L’assortimento è comple-        bioagricoltori, oltre agli usuali pagamenti
                                        tato da succhi di frutta, tisane,     diretti, ricevevano il premio bio che am-                       Sviluppo di una
                                        spezie,vino, liquori, grappe e pa-                                                                    specializzazione unilaterale
                                                                              monta a circa l’1 per cento della somma
                                        sta. Su ordinazione è possibile
                                                                              totale dei pagamenti diretti. Si tratta di                      Con la prevista abolizione del premio
                 acquistare carne da contadini della regione.
                 «Circa quattro quinti dei prodotti nell’assortimento
                                                                              un premio per l’intero sistema che crea                         bio la Confederazione corre due grossi
                 recano la Gemma» spiega Eugen Oggenfuss. Lui e sua           o mantiene molti valori positivi (fertilità                     rischi:
                 moglie sono particolarmente fieri del pane fatto in          del suolo, biodiversità...) e previene gli ef-                  N Invece di promuovere un pacchetto
                 casa. Il negozio offre ai produttori Gemma una possi-        fetti negativi di altre forme di produzione                         globale bio certificato, i piani della
                 bilità di vendita e agli abitanti di Briga l’opportunità     agricole. Impagabile è pure l’effetto per                           Confederazione premiano la spe-
                 di acquistare bio davanti alla porta di casa. Auguri da      l’immagine della Svizzera e pertanto per                            cializzazione unilaterale. In questo
                 bioattualità!                                                il turismo. Nel Canton Grigioni, meta di                            modo le aziende agricole per esem-
                 Visitate anche la coppia di contadini bio con negozio a
                                                                              vacanze, attualmente il 56 % delle aziende                          pio realizzeranno un allevamento
                 Morges – a pagina 19 della presente edizione.
                                                                              è gestito in regime biologico.                                      di animali modello e nel contempo

                               Numero di aziende bio in Svizzera e nel Liechtenstein                                      Sviluppo della superficie biologica utile
                               dal 2004 al 2008                                                                           dal 1999 al 2009
                                8000                                                                                      150
                                                                                                     Source: Bio Suisse

                                                                                                                                                                                           Source: Bio Suisse

                                                                                                                                 In
                                                                                                                                 in1000
                                                                                                                                    1000ettari
                                                                                                                                          Hektaren
                                7000
                                                                                                                          120                                           9          9
                                6000                                543        598
                                          6320         6152                               522                                                                112                  112
                                                                   5908                                                                           108                  110
                                                                              5689       5625
                                5000                                                                                       90            94
                                4000                                                                                             83
                                                                                                                           60
                                3000
                                2000
                                                                                                                           30
                                1000
                                     0                                                                                      0
                                          2004         2005        2006      2007        2008                                   1999    2001      2003      2005      2007       2009
                                            Knospebetriebe
                                            aziende Gemma                     Bundesbiobetriebe
                                                                             aziende Ordinanza Bio                                 Knospebetriebe
                                                                                                                                   aziende Gemma                   Bundesbiobetriebe
                                                                                                                                                                   aziende Ordinanza Bio

8     bioattualità 3/09
Bioattualità 3/09 Collaborazioni particolari
Parte superficie bio rispetto al                                 entro il 2012 (www.ambafrance-es.org).
totale della superficie agricola                                 Pure la Germania a lungo termine mira al                   Riuscita roadshow invernale
utile nel 2009                                                   20% di terreni gestiti in regime bio (www.
                                                                 bundesprogramm.de) e l’Olanda vuole

                                          Source: Bio Suisse

                                                                                                                                                                                        Photos: Bio Suisse
                                                                 aumentare la superficie bio del 5% ogni
                                                                 anno (www.minlnv.nl).
                           20,8 %
                                                                 Il mercato bio cresce
         regione di montagna                                     dell’11,2 per cento
                                                                 Nel 2008 il mercato bio ha continuato a re-
                                                                 gistrare una forte crescita. La cifra d’affari
                                                                 conseguita con prodotti bio è aumentata
                                                                 dell’11,2% a 1,44 mia di franchi. Il mer-                  Tempo invernale splendido, stupendo paesaggio mon-
                       5,4 %                                     cato delle derrate alimentari biologiche                   tano e visi soddisfatti dei partecipanti: la prima roa-
                                                                 presenta così un incremento pari al dop-                   dshow invernale è stata un successo! La roulotte di Bio
                                                                 pio del mercato globale (+5,6%). Circa il                  Suisse è rimasta stazionata al bordo delle piste da sci
                                                                                                                            di Flumserberg, Grindelwald,
           regione di pianura                                    75% dei prodotti bio nel 2008 sono stati
                                                                                                                            Savognin, Klosters e Les
                                                                 venduti da Coop (quota di mercato 50%,                     Crosets (VS) fino alla fine di
                                                                 722 mio di franchi) e da Migros (quota di                  febbraio. Sono stati distribuiti
                                                                 mercato 24%, 345 mio di franchi). Hanno                    quasi 6000 assaggini di fon-
                                                                 pure registrato un notevole incremento i                   due e raclette preparate con
                                                                 venditori diretti con un aumento del 17%                   i migliori formaggi Gemma.
                       11,4 %                                                                                               Un grazie vada a tutti i con-
                                                                 (quota di mercato 5,1%, 73 mio di franchi)
                                                                 e il commercio specializzato in prodotti                   tadini Gemma che si sono
                                                                                                                            messi a disposizione per la
                                                                 biologici con una maggior cifra d’affari del
          complessivamente                                                                                                  roadshow!
                                                                 13% (quota di mercato 15,6%, 225 mio di
                                                                 franchi). Alcune catene di supermercati
                                                                 discount sono entrati nel commercio bio                   bio globale nella regione francofona è au-
                                                                 e si stanno sviluppando a un basso livello.               mentato del 13,6%, pari a 26 mio di fran-
                                                                 Con i prodotti bio hanno conseguito una                   chi. La quota di mercato nella Svizzera ro-
  importeranno dal terzo mondo gran-                             cifra d’affari di 7 mio di franchi.                       manda continua a svilupparsi e si situa al
  di quantità di foraggio concentrato.                                                                                     4,1%. La quota d’accrescimento per quan-
  Oppure manterranno alcuni prati                                Svizzera romanda:                                         to riguarda i prodotti freschi è del 15,3%,
  magri mentre accanto la chimica sarà                           ulteriore sviluppo                                        pari a 8,3 mio di franchi. Sono addirittura
  impiegata in grande stile. Bio Suisse                          Anche nella Svizzera romanda continua la                  esplose le vendite di frutta bio (+42%), di
  non vuole nessuna suddivisione in                              crescita superiore alla media. Il mercato                 carne bio (+33%) e di latte bio (+23%).
  zone protette e zone inquinate. Essa
  considera l’azienda biologica come                                                                                       Produttori:
                                                                           Gioiello bio                                    praticamente costanti
  un organismo con cicli possibilmente
                                                                           sotto forma di libro
  chiusi.                                                                                                                  Nel 2008 sono state 5589, 62 in meno
N Chi inquina meno l’ambiente (in ger-                                     Si chiama «Bauernstolz und Bauerntum            rispetto all’anno precedente, le aziende
  go agropolitico si parla di «esternalità                                 – Berufung und Lebenskunst» ed è un             agricole gestite secondo le direttive di Bio
                                                                           gioiello letterario. La giornalista e autrice
  negative») invece non viene premiato.                                                                                    Suisse. Ciò corrisponde al 10,7 % di tutte
                                                                           grigionese Elisabeth Bardill ha ritratto nel
  Bio Suisse vuole prevenire che residui                                                                                   le aziende agricole in Svizzera. Alle azien-
                                                                                               suo nuovo libro dodici
                                                               Foto: zVg

  di prodotti fitosanitari, nitrati e simili                                 Elisabeth Bardill
                                                                                               contadini e contadine       de certificate Gemma si aggiungono altre
                                                                             Bauernstolz
  giungano negli alimenti e nell’acqua                                       und Bauerntum
                                                                             Berufung          di montagna, buona          522 aziende bio gestite secondo l’Ordinan-
                                                                             und Lebenskunst

  potabile. Ciò costa meno che curare                                                          parte fra essi sono         za Bio della Confederazione. Ne risulta un
  successivamente malattie o purificare                                                        pionieri dell’agricoltu-    totale di 6111 aziende bio, pari all’11,9%
  con grande dispendio l’acqua potabi-                                                         ra biolgica, tutti sono     di tutte le aziende agricole. Questa quota
  le.                                                                                          membri di «Schweizer        è leggermente aumentata rispetto all’anno
                                                                                               Bergheimat». Elisabeth
                                                                            edition bardill

                                                                                                                           precedente (+0,6%).
All’estero l’agricoltura                                                                       Bardill per un inverno
                                                                                                                           L’intera superficie gestita in regime bio-
                                                                           intero ha visitato le persone che hanno
biologica è incentivata                                                                                                    logico è rimasta costante a circa 121 000
                                                                           trovato una forma di vita particolare e
Anche a livello internazionale la Svizzera,                                che con le loro attività nelle regioni di-      ettari. Ciò corrisponde all’11,4% dell’inte-
non sostenendo l’agricoltura biologica, si                                 scoste contribuiscono alla vita sociale e       ra superficie agricola utile. 112 000 ettari
trova isolata: i governi dei Paesi confinanti                              culturale nei villaggi montani.                 di questa superficie sono stati coltivati da
hanno fissato obiettivi ambiziosi: l’Austria                               Clemens Rubens ha scattato le belle fo-         aziende bio certificate Gemma, 9000 etta-
vuole gestire in regime biologico il 20%                                   to. Il libro, edito in proprio con grande       ri da aziende Ordinanza Bio.
della superficie agricola utile entro il 2010                              cura, è ottenibile al prezzo di 35 franchi      Il testo completo della conferenza stampa
                                                                           direttamente presso Elisabeth Bardill,
(www.land.lebensmittelministerium.                                                                                         annuale può essere scaricato da ww.bio-
                                                                           7106 Tenna, tel. 081 645 11 90, email
at). La Francia intende impiegare il 20%                                                                                   suisse.ch
                                                                           elbatenna@bluewin.ch
di alimenti biologici nelle mense statali                                                                                            Jacqueline Forster-Zigerli, Bio Suisse

                                                                                                                                                                         bioattualità 3/09                   9
Gemma su prodotti Lidl
     e lattine alu?
     L’assemblea generale di Bio Suisse del 22 aprile dovrà affrontare tutta una serie di temi caldi. Occorre
     inserire l’ingrasso di verri nelle direttive bio? Bio Suisse deve mostrarsi aperta verso il libero scambio
     nel settore agroalimentare? I negozi discount possono vendere prodotti con la Gemma? Occorre ina-
     sprire il valore limite di OGM? Si devono autorizzare le lattine in alluminio per bevande Gemma?

                    I  l 22 aprile avrà luogo a Olten l’assem-
                       blea dei delegati. I delegati decidono fra
                    l’altro in merito a diverse modifiche delle
                                                                                       veicoli pubblicitari per prodotti bio e tra-
                                                                                       smettono l’impressione che i prodotti bio
                                                                                       siano ottenibili a buon mercato. Si tratta
                                                                                                                                         all’agricoltura biologica una produzione
                                                                                                                                         esente da OGM.
                                                                                                                                              Il consiglio direttivo propone di can-
                    direttive. Il consiglio direttivo propone di                       di definire l’uso della Gemma nel punto           cellare l’elenco dei materiali vietati (lat-
                    inserire nelle direttive l’ingrasso di verri                       vendita e la presenza di membri in ampie          tine in alluminio, fogli stratificati, PVC)
                    formulato come obiettivo. I metodi di ca-                          campagne pubblicitarie. Il consiglio diret-       e le possibilità di deroga dalle direttive
                    strazione ammessi dalla Confederazione                             tivo intende inoltre adeguare i contratti di      relative al materiale da imballaggio. La
                    per le aziende bio tuttavia dovrebbero                             licenza in questo senso: i licenziatari che       commissione del marchio trasformazione
                    valere anche per le aziende Gemma fin-                             vendono i loro prodotti senza marchio             e commercio in avvenire dovrà discipli-
                    ché l’ingrasso di verri si sarà dimostrato                         protetto non commercializzano i loro              nare le questioni relative agli imballaggi e
                    applicabile nella pratica.                                         prodotti nel canale discount e nemmeno            alla protezione del prodotto e cercare so-
                          Il consiglio direttivo vuole inoltre de-                     in linee di prodotti che si caratterizzano        luzioni ottimali assieme ai trasformatori.
                    finire la commercializzazione di prodotti                          per i prezzi bassi.                               Uno studio sulla valutazione di materiali
                    Gemma nei canali discount. Le direttive                                 Per i prodotti della raccolta si inten-      da imballaggio per esempio ha mostrato
                    Bio Suisse, capitolo 10, «Disposizioni per                         de ancorare nelle direttive Bio Suisse un         che il vetro a perdere rappresenta un mag-
                    la commercializzazione» saranno com-                               valore limite di organismi geneticamente          gior inquinamento rispetto alle lattine di
                    pletate con nuovi requisiti onde rafforzare                        modificati (OGM) dello 0,1 per cento.             alluminio. In futuro occorrerà pure disci-
                    la Gemma. Con l’ingresso sul mercato di                            L’agricoltura biologica per principio è           plinare l’impiego di nanotecnologie negli
                    Aldi e Lidl si pone la domanda, quale poli-                        contraria agli OGM. Alla scadenza del-            imballaggi.
                    tica Bio Suisse intende inseguire in futuro                        la moratoria la Confederazione intende                 Bio Suisse dovrà intercedere presso
                    nei confronti delle catene discount e come                         disciplinare mediante un’ordinanza la             l’Ufficio federale di veterinaria affinché
                    sarà posizionata la Gemma. Questa istan-                           coesistenza tra l’agricoltura tradizionale        la vaccinazione contro la malattia della
                    za è molto importante perché la discus-                            e l’agricoltura con OGM. Il consiglio di-         lingua blu sia dichiarata volontaria per
                    sione sui prezzi si sta inasprendo e attual-                       rettivo è scettico sulla praticabilità. Per       tutti i detentori di animali in Svizzera a
                    mente si sta estendendo anche ai prodotti                          questo motivo vuole prescrivere un valore         partire da subito o dal 2010. Lo chiedono
                    bio. Alcuni membri di Bio Suisse sono                              limite basso. Se mai coesistenza sarà, que-       con una mozione le organizzazioni asso-
                    già stati assunti da negozi discount come                          sta anche in avvenire dovrà permettere            ciate a Bio Suisse Bio Aargau e Schweizer
                                                                                                                                         Bergheimat. La ricerca è sollecitata a tro-
                                                                                                                                         vare soluzioni per alleviare e curare la ma-
      Sorprende l’offerta per venditori diretti                                                                                          lattia della lingua blu e a cercare un’im-
      I venditori diretti auspicano un appoggio più mi-                         tivo ha istituito una task force che dovrà fornire       munizzazione naturale. La tabella a destra
      rato da parte di Bio Suisse. L’ultima assemblea                           ai venditori diretti gli strumenti per l’elaborazione    offre una visione d’insieme dei temi che
      dei delegati ha incaricato il consiglio direttivo di                      del mercato. La task force è composta da bioagri-        saranno trattati all’AD. L’ordine del gior-
      prendere in mano la faccenda. Il consiglio diret-                         coltori e da specialisti del segretariato centrale.      no e la documentazione è stata inviata ai
                                                                                In occasione della prima riunione i partecipanti
                                                             Foto: Bio Suisse

                                                                                                                                         delegati a metà marzo. I delegati possono
                                                                                si sono resi conto della molteplicità del materiale
                                                                                                                                         inoltrare per iscritto le mozioni inerenti
                                                                                per la promozione delle vendite con la Gemma
                                                                                già esistente. Infatti spazia dai classici materia-
                                                                                                                                         agli argomenti entro la data dell’AD.
                                                                                li da imballaggio per tutti i prodotti possibili e
                                                                                immaginabili a materiale per l’azienda e per gli                           Christian Voegeli, Bio Suisse
                                                                                eventi come cartelloni, ombrelloni, roulotte con
                                                                                tendoni che possono essere noleggiati o acqui-           Per domande e suggerimenti vogliate rivol-
                                                                                stati per feste in azienda o degustazioni. L’intero      gervi alla coordinazione federativa della
                                                                                assortimento è ottenibile nello shop sotto www.          Bio Suisse, Christian Voegeli, tel. 061 385
                                                                                bio-suisse.ch “ produttori “ vendita diretta “
                                                                                                                                         96 23, e-mail christian.voegeli@bio-suisse.
      Questo pannello pubblicitario in abete rosso                              materiale da imballaggio.
      FSC grigionese, 1,5 x 1,5 metri, con Gemma inci-
                                                                                                                                         ch. Gli allegati relativi all’invio AD posso-
                                                                                Per i venditori diretti è pure interessante il sito
      sa, può essere ordinata sul sito www.bio-suisse.                          www.knospehof.ch dove è possibile annunciare             no essere visionati sul sito internet di Bio
      ch. A seconda dell’ubicazione si possono otte-                            gratuitamente l’azienda e offrire i propri prodotti.     Suisse: www.bio-suisse.ch “ documen-
      nere effetti ottici molto particolari. Costa circa                                                                           als   tation “ info fédération “ assemblée des
      450.— franchi più spese di spedizione.
                                                                                                                                         délégués.

10   bioattualità 3/09
Ordine del giorno dell’assemblea dei delegati Bio Suisse del 22 aprile 2009
Affari statutari             Saluto                          Ordine del giorno, scrutatori

                             Verbale                         Approvazione del verbale dell’AD del 12.11.2008

                             Rapporto annuale 2008           Rapporto relativo all’anno passato

                             Bilancio 2008                   Approvazione del bilancio e del rendiconto finanziario dell’anno
                                                             civile 2008, incl. rapporto dell’ufficio di revisione e della commis-
                                                             sione di gestione

Altre decisioni              Conferma della nomina del       Il consiglio direttivo ha nominato Paolo van den Berge di Minusio
                             presidente CMI                  TI, per molti anni membro della commissione, nuovo presidente
                                                             della CMI. La nomina va confermata all’assemblea dei delegati.
                                                             Katia Ziegler si ritira.

                             Vaccinazione contro la malat-   Bio Aargau e Bergheimat hanno presentato una mozione:
                             tia della lingua blu            Obiettivo: la vaccinazione contro la malattia della lingua blu va
                                                             resa volontaria per tutti i detentori di animali da subito o a partire
                                                             dal 2010.

                             Presa di posizione relativa     L’associazione Ostschweizer Bioproduzenten ha chiesto di mettere
                             all’accordo di libero scambio   in votazione la posizione di Bio Suisse in merito a un futuro accor-
                             nel settore agroalimentare      do di libero scambio nel settore agroalimentare della Svizzera con
                                                             l’UE.

                             Sanzionamento e controllo       Bärner Bio Bure chiede che il consiglio direttivo di Bio Suisse si im-
                             bio                             pegni presso le autorità a favore di sanzioni adeguate e a un onere
                                                             amministrativo più proporzionato dei controlli bio.

                             Diaria per i delegati           Bärner Bio Bure propone che la diaria sia versata ai delegati alla
                                                             fine dell’assemblea e non più all’inizio come finora.

Modifiche delle direttive/   Politica del marchio            All’approvazione delle linee guida segue ora la messa in atto della
aggiunte .                   Art.Dir. cap. 10.2 e 10.3       nuova politica del marchio. Un marchio richiede una politica di
                                                             distribuzione tangibile. Il consiglio direttivo vuole definire la com-
                                                             mercializzazione di prodotti Gemma nei canali discount. Le diret-
                                                             tive Bio Suisse, capitolo 10 «Disposizioni per la commercializzazio-
                                                             ne» saranno completate in tal senso con nuovi requisiti.

                             Ingrasso di verri               Il consiglio direttivo vuole inserire l’ingrasso di verri nelle direttive
                             Art.Dir. 3.1.11 e 3.5.4         Bio Suisse sotto forma di formulazione degli obiettivi. I metodi di
                                                             castrazione ammessi dalla Confederazione per le aziende bio tut-
                                                             tavia devono essere ammesse anche per le aziende Gemma finché
                                                             l’ingrasso di verri si sarà dimostrato applicabile nella pratica.

                             Coesistenza con OGM             Nelle direttive Bio Suisse per i prodotti del raccolto va ancorato un
                             Art.Dir. 2.1.14 e 3.1.9         valore limite per la contaminazione con organismi geneticamente
                                                             modificati (OGM) dello 0,1 per cento.

                             Uscita e pascolo per le capre   Le capre nelle aziende Gemma devono poter regolarmente uscire
                             Art.Dir. 3.4.1                  all’aperto (URA) anche in futuro, questo vale per tutte le categorie
                                                             di età. L’Ordinanza sui programmi etologici della Confederazione
                                                             include però solo le capre di più di un anno. Il consiglio direttivo
                                                             intende pertanto ancorare nelle direttive Bio Suisse l’uscita dei
                                                             capretti.

                             Allevamento di pollame          Nelle direttive Bio Suisse si vuole creare una possibilità di deroga
                             Art.Dir. 3.1.10 e 3.2.7         per l’acquisto di pulcini convenzionali in modo che le aziende che
                                                             allevano galline ovaiole o polli da ingrasso possano acquistarne in
                                                             caso di difficoltà di rifornimento.

                             Materiali da imballaggio        Il consiglio direttivo propone di eliminare l’elenco dei materiali
                             Cap.Dir. 5.9                    vietati (lattine in alluminio, fogli stratificati, PVC) e le possibilità di
                                                             deroga contenuti nelle direttive.

Informazioni                 Promozione della vendita        L’AD ha incaricato il consiglio direttivo di presentare un piano per
                             diretta                         la promozione della vendita diretta (su proposta di Bio Ticino).
                                                             Bio Suisse deve appoggiare i venditori diretti nella formazione di
                                                             una piattaforma, nella valutazione dell’importanza della vendita
                                                             diretta e nello sviluppo di strategie per la promozione della vendita
                                                             diretta.

                                                                                                                                           bioattualità 3/09   11
N CONSIGLI

     Ora ammessi: tori ET per animali
     da allevamento convenzionali
                    Domanda: Non potendo vendere il                      deve stipulare un contratto di alleva-          Risposta: Giusta le norme di attua-
                    mio latte Gemma nel canale Gemma                mento con l’azienda PER in cui è stabilito           zione, capitolo «Traffico degli ani-
                    ho smesso di produrre latte e mi sto            che i bovini convenzionali ritornano nel-     mali», capoverso b1), fino a poco tempo
                    ora specializzando nell’allevamento             l’azienda di provenienza dopo un periodo      fa alle aziende Gemma non era permesso
                    di bovini. Vorrei allevare nella mia            stabilito. La tenuta e il foraggiamento dei   inseminare gli animali da allevamento
                    azienda bovini di colleghi che possie-          bovini convenzionali devono corrispon-        con tori ET. In seguito all’istanza di un’or-
                    dono aziende Gemma. Tuttavia anche              dere al 100 per cento alle direttive Bio      ganizzazione associata la commissione
                    con questi bovini Gemma il numero               Suisse.                                       del marchio produzione ha ora abrogato
                    di animali risulta insufficiente. Avrei                                                       questa limitazione. Da subito per l’in-
                    ora la possibilità di allevare nella mia        Impiego di tori ET                            seminazione di animali da allevamento
                    azienda cinque bovini di un’azienda             per animali da allevamento                    non biologici che dopo un periodo pre-
                    PER. È possibile?                               Domanda: Posso impiegare tori ET              stabilito ritornano all’azienda di prove-
                          Risposta: Sì. Giusta le normative         per gli animali da allevamento con-           nienza possono essere impiegati tori ET.
                          Bio Suisse (articolo 3.1.10 delle di-     venzionali? I proprietari degli animali       Naturalmente anche in avvenire per l’in-
                    rettive) i bovini convenzionali possono         scelgono il toro da usare per la fecon-       seminazione di animali da allevamento
                    essere allevati in un’azienda Gemma se          dazione.                                      Gemma o animali Gemma propri non
                    sono adempiute le seguenti condizioni:                                                        potranno essere impiegati tori ET.
                                                                                                                             Beatrice Scheurer-Moser, Bio Suisse

     Obbligo di stabulazione libera per
     bovini e capre: situazione attuale
     Presumibilmente non vi sarà alcun obbligo di stabulazione libera per le aziende bio in Svizzera. La
     stabulazione fissa per quanto riguarda le capre rimarrà ammessa fino almeno al 2013. Nel caso delle
     capre tuttavia l’esportazione di prodotti bio nello spazio UE sarà resa più difficile.

                    U    no degli obiettivi centrali di Bio
                         Suisse è che l’allevamento rispettoso
                    della specie sia promosso e garantito nei
                                                                    N molte delle stalle a stabulazione libera
                                                                      attualmente in uso funzionano solo se
                                                                      gli animali sono decornati. Gli anima-
                                                                                                                       per quelle piccole, uno svantaggio
                                                                                                                       decisivo dell’obbligo di stabulazione
                                                                                                                       libera sono i costi di investimento .
                    confronti dei consumatori (e degli ani-           li di basso rango nelle stalle a stabula-        Uno studio dell’Ufficio federale del-
                    mali!). Dalla discussione sull’obbligo della      zione libera sono spesso sottoposti a            l’agricoltura UFAG ha mostrato che
                    stabulazione libera è emerso che le stalle        stress se non vi è sufficiente spazio a          un obbligo di stabulazione libera
                    a stabulazione libera presentano grandi           disposizione – in ogni caso quando la            (bovini) per aziende bio a partire da
                    vantaggi, ma a seconda della situazione           strutturazione della stalla o la gestione        30 UBG produrrebbe solo circa 220
                    dell’azienda anche determinati svantaggi          della mandria non sono ottimali (cfr.            nuove stalle a stabulazione libera ma
                    per il benessere degli animali. Per questo        bioattualità 10/08).                             comporterebbe costi di investimento
                    motivo già presto Bio Suisse nella discus-      N il rapporto animale-uomo rispetto alla           fino a 100 milioni.
                    sione politica si è espressa a sfavore di un      stabulazione fissa è spesso meno stret-          Dopo un’accurata valutazione dei
                    obbligo generale di stabulazione libera in        to. Nelle situazioni in cui gli animali     vantaggi e degli svantaggi di ambedue
                    agricoltura biologica.                            devono essere attaccati (trattamento,       i sistemi, Bio Suisse già alcuni anni fa è
                                                                      trasporto) ciò porta a maggior stress.      giunta alla conclusione che possono esse-
                    Svantaggi dell’obbligo                          N determinate specie di capra (p. es. la      re rispettose della specie sia le stalle a sta-
                    secondo Bio Suisse                                capra striata grigionese) per espe-         bulazione libera che quelle a stabulazione
                    I vantaggi indiscussi delle stalle a stabula-     rienza possono essere tenute in sta-        fissa. Per questo motivo anche in avve-
                    zione libera per il benessere degli animali       bulazione libera solo a partire da una      nire saranno ammessi entrambi i sistemi
                    sono evidenti, per cui elenchiamo qui di          determinata grandezza del gregge.           di stabulazione. Bio Suisse in seguito ha
                    seguito alcuni svantaggi:                       N per numerose aziende, soprattutto           coerentemente rappresentato questa posi-

12   bioattualità 3/09
CONTROLLO E CERTIFIC AZIONE N

                                                              Grattacapi a causa
zione nei confronti della Confederazione
e dell’UE.
    I produttori svizzeri infatti sono sem-
pre più confrontati direttamente con le
aziende bio nell’UE, dove in determinate
regioni la maggior parte degli animali bio
è tenuta in stabulazione libera, l’uscita al
                                                              delle prescrizioni URA
pascolo tuttavia non è obbligatoria. Gli                      Per le aziende bio che non adempiono alle nuove prescrizioni URA
animali bio possono essere tenuti tutto                       è prevista una riduzione dei pagamenti diretti – non solo per URA,
l’anno in stalle a stabulazione libera con                    anche per bio.
uscita in un’area con pavimento in ce-
mento. Una stalla a stabulazione fissa ben
gestita combinata con foraggiamento al
pascolo durante il periodo vegetativo rap-
presenta un’alternativa più che valida.
                                                D    al mese di giugno del 2008 è in vigore
                                                     la nuova Ordinanza sui programmi
                                                etologici. Dal 2009 valgono nuove impor-
                                                                                                         necessaria l’uscita al pascolo. Come finora
                                                                                                         vale la regola che i vitelli non possono es-
                                                                                                         sere attaccati.
                                                tanti modifiche per le quali l’UFAG non                       Per i maiali il programma URA pre-
UE e UFAG: presumibilmente                      ha previsto periodi di transizione. Tutte                scrive un’uscita di diverse ore ogni giorno.
nessun obbligo di                               le aziende che partecipano al program-                   Per le scrofe l’uscita al pascolo o in una
stabulazione libera                             ma URA devono rispettare queste nuove                    corte è facoltativa durante i dieci giorni
Alla fine del 2008 Bio Suisse e Demeter         prescrizioni relative all’uscita regolare al-            successivi al parto. A partire dall’11° gior-
hanno esposto all’UFAG la propria opi-          l’aperto (URA). I controlli avranno luogo                no (finora 24°) anche le scrofe allattanti
nione e a Berna le loro preoccupazioni          a partire dal 2009. Per le aziende bio que-              devono uscire all’aperto. Bio Suisse in
relative all’obbligo di stabulazione libera     sto può avere conseguenze gravi, infatti                 questo caso ha trovato una soluzione di
sono state ascoltate con attenzione. Nel        per loro l’adempimento delle prescrizioni                transizione assieme all’UFAG (vale anche
corso del 2009 l’UFAG invierà in consul-        URA è obbligatorio. Per le aziende bio che               per aziende Bio federale). Nel 2009 in caso
tazione diverse modifiche dell’Ordinanza        non adempiono a queste prescrizioni, ol-                 di mancata uscita tra l’11° e il 24° giorno
Bio concernenti la stabulazione fissa. Il       tre a una riduzione dei contributi URA so-               giusta il regolamento delle sanzioni per
testo delle modifiche dell’Ordinanza non        no previste pure riduzioni dei pagamenti                 le aziende bio vi saranno riduzioni dei
sono ancora a disposizione, per quanto ri-      diretti bio.                                             contributi URA, mentre i contributi bio
guarda il contenuto tuttavia sembra essere           Giusta l’Ordinanza, le aziende URA,                 rimarranno invariati.
certo quanto segue:                             quindi tutti i bioagricoltori, dal 1° maggio                  Nella pratica l’attuazione delle nuo-
N bovini: l’UE lascia decidere i singoli        al 31 ottobre devono concedere ai bovini,                ve prescrizioni crea qualche grattacapo.
    Stati come risolvere la questione della     ai cavalli, alle pecore e alle capre almeno              L’UFAG ha messo in vigore queste modi-
    stabulazione fissa nelle aziende bio.       26 uscite al pascolo mensili. Questa regola              fiche dell’Ordinanza sui programmi eto-
    La Francia ha già deciso di rinunciare      vale anche se l’erba in maggio non è anco-               logici senza inviarle in consultazione co-
    completamente all’obbligo di stabula-       ra matura. In questo caso, come anche nel                me sarebbe stato usuale. Alcuni Cantoni
    zione libera. In Svizzera l’UFAG pre-       caso di cattive condizioni atmosferiche,                 stanno esaminando se rinunciare nel
    vede di rinunciare all’obbligo genera-      l’uscita al pascolo può essere sostituita                2009 alla riduzione dei contributi URA e
    le di stabulazione libera per le aziende    dall’uscita in una corte.                                dei pagamenti diretti in questi settori. Il
    biologiche.                                      Anche per i vitelli valgono nuove pre-              Canton Grigioni ha già deciso a favore di
N capre: giusta l’articolo 39d dell’Ordi-       scrizioni. Finora bisognava concedere ai                 questo procedimento. Bio Suisse e altre
    nanza Bio le capre possono essere te-       vitelli l’uscita a partire dal 15° giorno di             organizzazioni stanno cercando assieme
    nute attaccate fino alla fine del 2010.     vita. Ora devono poter uscire già a partire              ai Cantoni e all’Ufficio federale dell’agri-
    L’UFAG propone ora di prolungare            dall’11° giorno di vita. Se hanno a dispo-               coltura soluzioni applicabili nella pratica
    questo termine fino al 2013. Secondo        sizione permanentemente una corte non è                  per il 2009. Vi terremo informati sui ri-
    l’UFAG un’ulteriore proroga è senz’al-                                                               sultati sul sito www.bioaktuell.ch e sulla
    tro pensabile. Come finora i prodotti        i    Ulteriori informazioni                             stampa agricola. Per il 2010 Bio Suisse e
    caprini bio svizzeri tuttavia non pos-            sono ottenibili presso                             altre organizzazioni auspicano correzioni
    sono essere esportati senz’altro nel-        N    Sezione dell’agricoltura                           nell’Ordinanza sui programmi etologici.
    l’UE come prodotti bio. Ciò dovrebbe         N    hotline bio.inspecta al numero                     Su richiesta, l’UFAG si è dichiarato dispo-
    però essere possibile con una certifi-            062 865 63 33                                      sto a esaminare le nostre domande.
                                                 N    Bio Suisse al numero
    cazione individuale dell’azienda come                                                                                   Christoph Fankhauser, Bio Suisse
                                                      061 385 96 10
    «azienda senza stabulazione fissa». Il                                                                                         Daniel Gürber, bio.inspecta
    Consiglio federale avrà l’ultima voce
    in capitolo alla fine del 2009. Queste
    modifiche dell’Ordinanza Bio non
    sono ancora state decise! L’UFAG, Bio
                                                                       Sementi bio                          et matériel de jardinage littérature, analyses du sol ...
                                                                                                                         & ökologisches Gartenzubehör...
                                                                                         (Catalogo in francese o tedesco contro una busta C5 affrancata Fr. 1.10)
    Suisse e Demeter tuttavia le appoggia-
                                                                                Susanne & Adrian Jutzet Jossi
    no.
                                                                          CH-2019 Chambrelien NE / Tel. 032 855 14 86
             Christoph Fankhauser, Bio Suisse                             Fax. 032 855 10 58 / biosem@biosem.ch
                                                                          Bio-Samen
                                                                          Semences bio
                                                                          Sementi bio
                                                                                              e-shop: www.biosem.ch

                                                                                                                                                                        bioattualità 3/09   13
N N OT I Z I E

                                                                                                                                      La crescita a livello mondiale continua
                                                               Markus Arbenz lascia Bio Suisse
                                                                                                                                      Alla Biofach di Norimberga FiBL e IFOAM hanno presentato nuovi
                                                               Il 1° agosto 2009 il segretario centrale di Bio Suisse
                                                                                                                                      dati e fatti relativi all’agricoltura biologica. La superficie gestita
                                                               Markus Arbenz assumerà l’incarico di direttore della
                                                                                                                                      in regime biologico nel 2007 a livello mondiale è aumentata di
                                                               federazione internazionale del movimento per l’agri-
                                                                                                                                      1,5 milioni a 32 milioni di ettari rispetto all’anno precedente. Il
                                                                               coltura biologica IFOAM a Bonn e
     Foto: Thomas Alföldi

                                                                                                                                      mercato bio globale ha registrato una quota d’accrescimento a
                                                                               lascerà pertanto il posto occupato per
                                                                                                                                      due cifre: il suo volume ha raggiunto oltre 46 miliardi di dollari.
                                                                               tre anni presso Bio Suisse. Arbenz ha
                                                                                                                                      La più grande superficie bio si trova in Australia con 12 milioni di
                                                                               svolto il suo lavoro con grande forza
                                                                                                                                      ettari seguita da Argentina e Brasile(2,8 e 1,8 milioni di ettari). Al
                                                                               ed entusiasmo e ha trasmesso im-
                                                                                                                                      primo posto per quanto riguarda la percentuale rispetto all’intera
                                                                               portanti impulsi all’intero movimento
                                                                                                                                      superficie agricola troviamo l’Austria (13,4%) e la Svizzera (11,4
                                                                               bio. Sotto la sua egida la nave barcol-
                                                                                                                                      %) La maggior crescita percentuale secondo regioni è stata re-
                                                                               lante dell’associazione ha ritrovato la
                                                                                                                                      gistrata in America latina e in Africa. Diane Bowen di IFOAM ne
                                                                               rotta. Da buon comunicatore, Arbenz
                                                                                                                                      conclude: «La crescita nei Paesi in via di sviluppo ci mostra che
                                                                               ha saputo portare membri con punti
                                                                                                                                      l’agricoltura biologica può fornire un contributo importante allo
                                                                               di vista diametralmente opposti a
                                                                                                                                      sviluppo economico e ecologicamente sostenibile, in particolare
                                                                               cercare il dialogo. Una profonda
                                                                                                                                      nei paesi poveri».                                                   FiBL
                                                               riforma della struttura, un nuovo sistema di tasse
                                                               di licenza, nuove linee guida nonché una nuova
                                                                                                                                      «The World of Organic Agriculture», numero di ordinazione 1515,
                                                               politica dell’associazione sono alcuni dei progetti
                                                                                                                                      304 pagine, prezzo fr. 40.--, ottenibile presso FiBL, Ackerstrasse,
                                                               più importanti sorti sotto la sua guida. Arbenz lascia
                                                                                                                                      5070 Frick, tel. 062 865 72 72, fax, 062 865 72 73,
                                                               Bio Suisse alla fine di luglio, non si sa ancora chi gli
                                                                                                                                      nfo.suisse@fibl.org o può essere scaricato da www.shop.fibl.org
                                                               succederà. Il consiglio direttivo e la direzione di Bio
                                                                                                                                      per ca. 30.— franchi (20 euro).
                                                               Suisse si congratulano con Markus Arbenz per la sua
                                                               nomina presso IFOAM e sono molto dispiaciuti della
                                                               sua partenza da Bio Suisse.                                                                     Fautrice del biologico
                                                                                                                                                               diventa viceministro
                                                                                                                                                               dell’agricoltura di Obama
                                        Foto: Bio Grischun

                                                                                                                                                               Kathleen A. Merrigan, che da molti anni si
                                                                                                                                                               impegna fortemente a favore dell’agricol-
                                                                                                                                                               tura biologica, è stata nominata da Barack
                                                                                                                                                               Obama viceministro dell’agricoltura. Negli
                                                                                                                                                               anni novanta Merrigan ha partecipato allo
                                                                                                                                                               sviluppo delle direttive US per l’agricoltura
                                                                                                                                                               biologica (NOP) e finora ha lavorato co-
                                                                                                                                                               me direttrice del programma agricoltura,
                                                                                                                                                               alimenti e ambiente presso l’università di
                                                                                                                                                               Boston. Merrigan si è inoltre impegnata
                                                                                                                                                               per anni come membro del consiglio
                                                                                                                                                               direttivo dell’»Organic Center», un’impor-
                                                                                                                                                               tante piattaforma di comunicazione del
                                                                                                                                                               movimento bio americano. Democratica,
                                                                                                                                                               ha sostenuto Bill e Hillary Clinton nelle
                                                                                                                                                               loro campagne elettorali, ha contribuito
                                                                                                                                                               parecchio all’approfondimento della col-
                                                             Moreno Godenzi, Paolo Cortesi e Cornelio Beti del Caseificio                                      laborazione delle università e dei centri di
                                                             Valposchiavo assieme al copresidente di Bio Grischun Alfons Cotti                                 ricerca in tutto il Paese con il movimento
                                                             e a Claudia Lazzarini.                                                                            bio.                                       als

                                                             Premio per pionieri poschiavini
                                                             Quest’anno il premio Bio Grischun è andato in Val Poschiavo. La
                                                                                                                                       Stesso titolo, più bio
                                                             cooperativa Caseificio Valposchiavo è stata insignita del premio          La scuola bio Bio Schwand a Münsingen rappresenta una va-
                                                             per il suo lavoro di pioniere nella trasformazione e nella commer-        lida alternativa alle scuole agricole. Gli apprendisti che hanno
                                                             cializzazione del latte bio. Nel 1990 la cooperativa Caseificio San       superato la prima parte degli esami di fine tirocinio possono
                                                             Carlo è stata convertita al biologico. Quella che allora è stata una      prepararsi a Schwand per la seconda parte degli esami e ot-
                                                             strategia per sopravvivere, messa in atto dai pionieri nonostante         tenere l’attestato federale di capacità «agricoltore/agricoltrice
                                                             forti resistenze, si è trasformata in un successo. 15 aziende forni-      specializzato/a in agricoltura biologica». Per quanto riguarda
                                                             scono 750 000 chili di latte trasformato in nove tipi di formaggio        il contenuto la scuola tuttavia fonda coerentemente sulle basi
                                                             molto apprezzato a livello locale, regionale e nazionale. Il prezzo       dell’agricoltura biologica – e anche il vitto evidentemente è
                                                             al produttore è di 90 centesimi.                                          biolgogico. Oltre alla frequentzazione della scuola bio la for-
                                                                                                                                       mazione prevede anche nel terzo anno il lavoro in un’azienda
                                                                                                                                       formatrice. Questa parte pratica è attraente soprattutto per
                                                              Chiave per lo specchio della stampa su www.bioaktuell.ch
                                                                                                                                       chi segue una seconda formazione professionale. Termine di
                                                              Su www.bioaktuell è in rete uno specchio della stampa con
                                                                                                                                       iscrizione alla scuola bio è il 30 aprile.          Robert Obrist
                                                              articoli relativi all’agricoltura biologica. Per motivi di tutela dei
                                                                                                                                       Ulteriori informazioni e formulari di iscrizione:
                                                              diritti d’autore non è liberamente accedibile.
                                                                                                                                       www.bioaktuell.ch
                                                              Nome utente: baum; password: ast

14                          bioattualità 3/09
Puoi anche leggere
DIAPOSITIVE SUCCESSIVE ... Annulla