Camera dei deputati Servizio Studi - Finanziamenti e interventi a sostegno di ILVA S.p.A.

 
Camera dei deputati
                XVII LEGISLATURA

             Servizio Studi

        Finanziamenti e interventi
        a sostegno di ILVA S.p.A.
(Aggiornato con il D.L. n. 91/2017, convertito con
       modificazioni in legge n. 123/2017)

                 4 ottobre 2017
Finanziamenti/interventi a favore di ILVA S.p.A.

   Nella legislatura in corso e in quella passata, sono state adottate varie
disposizioni riguardanti la situazione di emergenza ambientale nell’area di
Taranto e l'attività produttiva dello stabilimento ILVA di Taranto 1. Le norme sono
per lo più contenute nei provvedimenti di urgenza di seguito richiamati:
•   D.L. 7 agosto 2012, n. 129, recante disposizioni urgenti per il risanamento ambientale
    e la riqualificazione del territorio della città di Taranto;
•   D.L. 3 dicembre 2012, n. 207, recante disposizioni urgenti a tutela della salute,
    dell'ambiente e dei livelli di occupazione, in caso di crisi di stabilimenti industriali di
    interesse strategico nazionale;
•   D.L. 4 giugno 2013, n. 61, recante nuove disposizioni urgenti a tutela dell'ambiente,
    della salute e del lavoro nell'esercizio di imprese di interesse strategico nazionale;
•   D.L. 31 agosto 2013, n. 101, recante disposizioni urgenti per il perseguimento di
    obiettivi di razionalizzazione nelle pubbliche amministrazioni (articolo12);
•   D.L. 10 dicembre 2013, n. 136, recante disposizioni urgenti dirette a fronteggiare
    emergenze ambientali e industriali ed a favorire lo sviluppo delle aree interessate;
•   D.L. 24 giugno 2014, n. 91, recante disposizioni urgenti per il settore agricolo, la
    tutela ambientale e l'efficientamento energetico dell'edilizia scolastica e universitaria,
    il rilancio e lo sviluppo delle imprese, il contenimento dei costi gravanti sulle tariffe
    elettriche, nonché per la definizione immediata di adempimenti derivanti dalla
    normativa europea, nel testo risultante dalla legge di conversione 11 agosto 2014, n.
    116 (art. 22-quater) ;
•   D.L. 16 luglio 2014, n. 100, recante misure urgenti per la realizzazione del piano delle
    misure e delle attività di tutela ambientale e sanitaria per le imprese sottoposte a
    commissariamento straordinario (non convertito in legge in quanto confluito nel
    predetto decreto n. 91);
•   D.L. 5 gennaio 2015, n. 1, recante disposizioni urgenti per l'esercizio di imprese di
    interesse strategico nazionale in crisi e per lo sviluppo della città e dell'area di
    Taranto;
•   D.L. 4 luglio 2015, n. 92, recante, all'articolo 3, misure urgenti per l'esercizio
    dell'attività di impresa di stabilimenti oggetto di sequestro giudiziario;
•   D.L. 4 dicembre 2015, n. 191, recante disposizioni urgenti per la cessione a terzi dei
    complessi aziendali del Gruppo ILVA.
•   D.L. 9 giugno 2016, n. 98 che contiene ulteriori per il completamento della procedura
    di cessione dei complessi aziendali del Gruppo ILVA, modificando ed integrando il
    precedente D.L. n. 191/2015.
•   D.L. 29 dicembre 2016 n. 243, articoli 1 ed 1-bis.
•   D.L. 30 dicembre 2016, n. 244, articolo 6, commi 10-bis e 10-ter.
•   D.L. n. 91/2017, che interviene su ILVA e che contiene disposizioni più generali sulla
    disciplina di ammissione alla procedura di amministrazione straordinaria per le
    imprese che gestiscono almeno uno stabilimento industriale di interesse strategico
    nazionale.

1
    Per una disamina delle disposizioni adottate si anche rinvia al relativo tema dell’attività
    parlamentare.

                                               3
Ulteriori disposizioni sono state poi introdotte nella legge di stabilità 2016 (articolo 1,
co. 837 e 8412 legge n. 208/2015) e con la legge di bilancio 2017 (articolo 1, comma 607
e articolo 1, commi 609-610 Legge n. 232/2016).

   Si consideri comunque, sin d’ora, che ai sensi delle norme esaminate, ILVA
S.p.A. è stata autorizzata a beneficiare delle seguenti erogazioni statali:
   prestito statale di 300 milioni di euro - concesso ai sensi dell’articolo 1,
    comma 3 del D.L. n. 191/2015, come da ultimo modificato dall’articolo 1, co. 1,
    lett. a), del D.L. n. 98/2016 - per fare fronte alle indilazionabili esigenze
    finanziarie del Gruppo ILVA.
    Con riferimento alle modalità di estinzione del prestito in questione,
    all’indomani del rientro in Italia delle somme rivenienti dall'esito di
    procedimenti penali nei confronti di azionisti e amministratori di società del
    Gruppo per fatti anteriori al suo commissariamento, esse hanno trovato
    disciplina nel D.L. n. 91/2017, in corso di conversione.
     A tale proposito, si ricorda che l'art. 1 del D.L. n. 243/2016 ha modificato la tempistica
     di restituzione dell'importo di 300 milioni erogato nell'anno 2015 dallo Stato a favore
     di ILVA S.p.A., che viene fissata entro 60 giorni dalla data di efficacia della
     cessione a titolo definitivo dei complessi aziendali di ILVA, e non più a decorrere
     dal decreto di cessazione dell'esercizio di impresa nell'ambito della procedura di
     amministrazione straordinaria cui ILVA è assoggettata (comma 1, lettera a)).

   prestito statale di 800 milioni di euro di cui fino a 600 milioni di euro nel
    2016 e fino a 200 milioni di euro nel 2017 - ai sensi dell’articolo 1, comma 6-
    bis del D.L. n. 191/2015 successivamente modificato dall’ art. 2, comma 1,
    D.L. n. 98/2016 e da ultimo dall’articolo 1, comma 609, lett. a) e b) della legge
    di bilancio 2017 (legge n, 232/2016) - per l'attuazione e la realizzazione del
    Piano delle misure e delle attività di tutela ambientale e sanitaria dell'impresa
   Lo Stato è inoltre intervenuto fornendo garanzia statale su
finanziamenti/obbligazioni che l’organo commissariale è stato autorizzato a
contrarre. Si richiama l’articolo 3, comma 1-ter, del D.L. n.1/2015 che ha
autorizzato l’organo commissariale a contrarre finanziamenti per 400 milioni di
euro, assistiti dalla garanzia dello Stato.
   Il finanziamento di 400 milioni è stato concesso - per la realizzazione degli
investimenti necessari al risanamento ambientale - da tre istituti finanziari
Cassa Depositi e Prestiti S.p.A. (società a controllo pubblico), Intesa Sanpaolo
S.p.A. e Banco Popolare Società Cooperativa.
   Infine, Fintecna S.p.A., società totalmente partecipata da Cassa depositi e
prestiti S.p.A., ha proceduto alla liquidazione di 156 milioni di euro ad ILVA

2
    In questa sede, si tralascia l’intervento di cui all’articolo 2, comma 8-bis e 8-ter del D.L. 1/2015 a
    favore delle imprese che vantano crediti verso ILVA e all’articolo 2-bis del D.L. n. 1/2015, come
    modificato dall’art.1, comma 840 della legge di stabilità 2016 e dall’articolo 1, comma 6-octies
    del D.L. n. 191/2015, a favore delle imprese fornitrici di ILVA.

                                                    4
S.p.A. - connessi alla liquidazione dell’obbligazione relativa ai danni
ambientali, di cui al contratto di privatizzazione del 1995 - a titolo di risoluzione
della controversia con la stessa ILVA, ai sensi dell’articolo 3, comma 5, del D.L.
n. 1/2015.
    Si ricorda che il legislatore ha anche adottato forme alternative di intervento e
sostegno, quali quelle contenute nel D.L. n. 63/2011, D.L. 1/2015 e Legge n. 232/2016
(legge di Bilancio 2017) sull’utilizzo di somme oggetto di confisca all’esito di
procedimenti penali pendenti nei confronti degli amministratori del Gruppo ILVA (si
richiama in particolare il D.L. n. 191/2015, articolo 1, comma 6-undecies, come da
ultimo modificato dall’articolo 13, comma 1-bis del D.L. n. 91/2017 e integrato dalle
previsioni del medesimo articolo 13, comma 1, del D.L. n. 91).

    Nella successiva Tabella, si terrà dunque conto delle norme contenute nei
citati provvedimenti, nonché di altre forme di sostegno comunque ricevute da
ILVA, finalizzate alla continuazione dell’attività produttiva o specificamente
finalizzate al risanamento ambientale.
    Si consideri al riguardo che, come rilevato dalla Commissione UE nel comunicato
stampa del 20 gennaio 2016, tra gli interventi a favore di ILVA (per i quali è peraltro in
corso una investigazione formale in sede europea ai fini della valutazione dell’esistenza
                 3
di aiuti di Stato ) si possono annoverare, oltre ai finanziamenti diretti, anche gli ulteriori
interventi di sostegno, quali ad esempio le garanzie statali sui prestiti, e la norma che, in
caso di fallimento, attribuisce in via eccezionale ai prestiti concessi all'ILVA la priorità
assoluta di pagamento anche rispetto ai debiti verso enti pubblici. L’esame approfondito
da parte della Commissione UE e l’interlocuzione con il Governo italiano è comunque
ancora in corso.

  La successiva Tabella esporrà le misure in questione, nonché le modifiche
che esse hanno subito e il loro stato di attuazione.

3
    Il 20 gennaio 2016 la Commissione europea ha deciso di avviare, ai sensi dell'articolo 108,
    paragrafo 2 del Trattato sul funzionamento dell'Unione europea (TFUE), un'investigazione
    formale per accertare l'esistenza di possibili misure a favore dell'acciaieria Ilva spa in
    amministrazione straordinaria. Con una successiva comunicazione, il 13 maggio 2016 è
    stato esteso il procedimento anche al prestito di 300 milioni di euro, concesso ai sensi del
    decreto-legge n. 191 del 2015 (convertito in legge 1 febbraio 2016, n. 13).
    In particolare, la Commissione ha dunque esaminato le seguenti misure:
    misura 1 - trasferimento all'Ilva dei fondi oggetto di sequestro prima della conclusione dei
    procedimenti penali (art. 3, comma 1, D.L. n. 1/2015).
    misura 2 – la prededucibilità dei prestiti (art. 12, comma 5 D.L. n. 101/2013)
    misura 3 - la garanzia statale di cui all’art. 3, comma 1-ter, D.L. n. 1/2015 sul prestito di 400
    milioni che il Commissario ILVA è stato autorizzato a contrarre ai sensi di quella norma.
    misura 4 - il pagamento da parte di Fintecna a titolo di risoluzione della controversia con ILVA
    (art. 3, comma 5, D.L. n. 1/2015)
    misura 5 - il prestito statale di 300 milioni di euro, concesso all'Ilva il 23 dicembre 2015, ai sensi
    del D.L. n. 191 del 2015
    Si rinvia sul punto al Dossier predisposto per il D.L. n. 243/2016 n. 520, scheda di lettura
    relativa all’articolo 1.

                                                    5
FINANZIAMENTI/INTERVENTI DI SOSTEGNO A FAVORE DI ILVA S.P.A.
                                                          SEZ. I FINANZIAMENTI/INTERVENTI A FAVORE DI ILVA S.P.A.
                                                                       NON AVENTI FINALITÀ SOLO AMBIENTALI
         Riferimento normativo                                                        Contenuto                                                                         Risorse
Articolo 12, comma 5, del D.L. n.            Vengono qualificati come prededucibili i prestiti concessi ad imprese di interesse                       La Commissione UE nel documento del
101/2013       come      successivamente     strategico nazionale in amministrazione straordinaria per la realizzazione del piano                     20       gennaio      2016     (attivazione
integrato dall’articolo 22-quater, comma     delle misure e delle attività di tutela ambientale e sanitaria.                                          dell’indagine approfondita su aiuti di
1, del D.L. n. 91/2014 conv. In legge (che   Il D.L. n. 91/2014 successivamente ha introdotto la prededucibilità (in sede di                          Stato all’ILVA) afferma che “un mese più
a sua volta ha riprodotto il contenuto del   liquidazione dell’attivo, ex art. 111 del R.D. n. 267/1942) dei finanziamenti - anche a                  tardi (della conversione in legge del D.L.
D.L. n. 100/2014 non convertito in legge).   prescindere dalla predisposizione dei Piani delle misure e delle attività di tutela                      n. 91/2014), l’11 settembre 2014, alcune
                                             ambientale di cui al D.L. n. 61/2013 - funzionali a porre in essere le misure e le attività              banche private (Intesa Sanpaolo S.p.A.,
                                             di tutela ambientale e sanitaria ovvero funzionali alla continuazione dell'esercizio                     Unicredit S.p.A. e Banco Popolare
                                             dell'impresa e alla gestione del relativo patrimonio.                                                    Società Cooperativa) hanno concesso
                                             La funzionalità di cui al periodo precedente è attestata dal Ministro                                    all’Ilva un prestito.
                                             dell'ambiente, ovvero, per i finanziamenti funzionali all’esercizio d’impresa dal                        Secondo        il     documento        della
                                             Ministro dello sviluppo economico, sentito il Ministro dell'ambiente.                                    Commissione, alla scadenza prevista, il
                                                                                                                                                      28 febbraio 2015, ILVA non aveva
                                             Testo della norma .                                                                                      rimborsato il prestito.
                                             I finanziamenti a favore dell'impresa commissariata di cui all'articolo 1, comma 1 del D.L. n.
                                             61/2013, in qualsiasi forma effettuati, anche da parte di società controllanti o sottoposte a
                                             comune controllo, funzionali alla predisposizione e all'attuazione del piano delle misure e
                                             delle attività di tutela ambientale e sanitaria e del piano industriale di conformazione alle
                                             prescrizioni ambientali delle attività produttive (di cui ai commi 5 e 6 dell’art. 1 del medesimo D.L.
                                             n. 61/2013) sono prededucibili (ex articolo 182-quater R.D. n. 267/1942).
                                             Anche a prescindere dalla predisposizione dei piani, l'impresa commissariata può contrarre
                                             finanziamenti, prededucibili a norma dell'art. 111 del R.D. n. 267/1942, funzionali a porre in
                                             essere le misure e le attività di tutela ambientale e sanitaria ovvero funzionali alla continuazione
                                             dell'esercizio dell'impresa e alla gestione del relativo patrimonio. La funzionalità di cui al
                                             periodo precedente è attestata dal Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del
                                             mare, sentito il Ministro dello sviluppo economico, relativamente alle misure e alle attività di
                                             tutela ambientale e sanitaria. In caso di finanziamenti funzionali alla continuazione
                                             dell'esercizio dell'impresa e alla gestione del relativo patrimonio, l'attestazione è di
                                             competenza del Ministro dello sviluppo economico, sentito il Ministro dell'ambiente e della
                                             tutela del territorio e del mare. L'attestazione può riguardare anche finanziamenti individuati
                                             soltanto per tipologia, entità e condizioni essenziali, sebbene non ancora oggetto di
                                             trattative (quest’ultimo periodo è stato aggiunto dal D.L. n. 91/2014).

                                                                                      6
FINANZIAMENTI/INTERVENTI DI SOSTEGNO A FAVORE DI ILVA S.P.A.
                                                         SEZ. I FINANZIAMENTI/INTERVENTI A FAVORE DI ILVA S.P.A.
                                                                    NON AVENTI FINALITÀ SOLO AMBIENTALI

Articolo 3, comma 1-ter del D.L. n.1/2015    L'organo commissariale di ILVA S.p.A. – per la realizzazione degli investimenti           Dopo l’emissione della garanzia statale
                                             necessari al risanamento ambientale, nonché per quelli destinati ad interventi a          (D.M. Economia 30 aprile 2015, n. 459,
                                             favore di ricerca, sviluppo e innovazione, formazione e occupazione - è stato             citato dalla Commissione UE nel
                                             autorizzato a contrarre finanziamenti per un ammontare complessivo massimo di 400         documento del 20 gennaio 2016), il 27
                                             milioni di euro, assistiti dalla garanzia dello Stato.                                    maggio 2015 tre istituti finanziari Cassa
                                             Anche in tale caso, il finanziamento è rimborsato dall'organo commissariale in            Depositi e Prestiti S.p.A., Intesa
                                             prededuzione rispetto agli altri debiti (ex art. 111, R.D. n. 267/1942).                  Sanpaolo S.p.A. e Banco Popolare
                                                                                                                                  4
                                             La garanzia dello Stato è a prima richiesta, esplicita, incondizionata e irrevocabile .   Società Cooperativa hanno stipulato un
                                                                                                                                       contratto di finanziamento di 400
                                                                                                                                       milioni (CDP ha finanziato quota parte di
                                                                                                                                       tale importo pari a 330 milioni).

                                                                                                                                       Secondo quanto risulta dalla relazione
                                                                                                                                       sulla gestione di ILVA al 30 novembre 2015
                                                                                                                                       aggiornata alla data del 31 luglio 2015 il
                                                                                                                                       finanziamento prevede il rimborso del
                                                                                                                                       capitale in 40 rate costanti a partire da
                                                                                                                                       giugno 2020.

                                                                                                                                       Il contratto di finanziamento è finalizzato
                                                                                                                                       alla realizzazione degli investimenti
                                                                                                                                       necessari al risanamento ambientale,
                                                                                                                                       ivi inclusi quelli necessari all'attuazione
                                                                                                                                       delle prescrizioni previste dall'A.I.A.

4
    La garanzia statale viene concessa a valere sulle risorse di un apposito Fondo, istituito dal medesimo comma 1-ter per le garanzie concesse ai sensi del
    medesimo comma, con una dotazione iniziale (trasferita a fini gestionali in una apposita contabilità speciale) di 150 milioni di euro per l'anno 2015 e – ai
    sensi della modifica introdotta dal D.L. n. 191/2015 - di 50 milioni di euro per l’anno 2016. Il Fondo è stato incrementato di 400 milioni per il 2015 dal comma
    837 della legge di stabilità 2016. Successivamente, l’articolo 1, comma 6-ter del D.L. n. 191/2015 ha disposto che le disponibilità del Fondo suddetto siano
    versate, per un importo pari a 400 milioni di euro, all'entrata del bilancio dello Stato nell'anno 2016.

                                                                                 7
FINANZIAMENTI/INTERVENTI DI SOSTEGNO A FAVORE DI ILVA S.P.A.
                                                            SEZ. I FINANZIAMENTI/INTERVENTI A FAVORE DI ILVA S.P.A.
                                                                       NON AVENTI FINALITÀ SOLO AMBIENTALI
                                                                                                                                              rilasciata allo stabilimento siderurgico di
                                                                                                                                              proprietà della Società e recepite nel
                                                                                                                                              Piano      Ambientale     approvato     dal
                                                                                                                                              Governo. In particolare, il finanziamento
                                                                                                                                              è funzionale a dare esecuzione agli
                                                                                                                                              investimenti richiesti dalla Commissione
                                                                                                                                              Europea nel proprio parere motivato reso
                                                                                                                                              in data 16 ottobre 2014, nel quadro della
                                                                                                                                              procedura di infrazione n. 2013/2177.
                                                                                                                                              La sottoscrizione del finanziamento è
                                                                                                                                              stata autorizzata dal Ministero dello
                                                                                                                                              Sviluppo Economico, previo parere
                                                                                                                                              favorevole del Comitato di Sorveglianza.

                                                                                                                                              Nel    corso    dell’audizione     con    la
                                                                                                                                              Commissione Ambiente della Camera, il
                                                                                                                                              20 settembre 2017, i Commissari ILVA
                                                                                                                                              hanno affermato che i 400 milioni di
                                                                                                                                              finanziamento ambientale impiegati fino
                                                                                                                                              ad oggi per intero, confluiscono nello
                                                                                                                                              stato passivo come credito delle banche.
Articolo 1, comma 3 del D.L. n. 191/2015,       Al solo scopo di accelerare il processo di trasferimento e conseguire la discontinuità        Secondo        quanto      risulta     dalla
come modificato dall’articolo dall’ articolo    della gestione, garantendo la prosecuzione dell'attività in modo da contemperare le           Comunicazione della Commissione UE
1, co. 1, lett. a), del D.L. n. 98/2016, e da   esigenze di tutela dell'ambiente, della salute e dell'occupazione, nelle more del             del 13 maggio 2016 - con la quale
ultimo dal D.L. n. 243/2016, articolo 1,        completamento delle procedure di trasferimento, autorizza l'erogazione da parte               l’indagine approfondita su aiuti di
comma 1, lettera a).                            dello Stato di 300 milioni di euro in favore dell'amministrazione straordinaria,              Stato all’ILVA avviata il 20 gennaio 2016
                                                qualificandola come indispensabile per fare fronte alle indilazionabili esigenze              è stata estesa anche al prestito di 300
                                                finanziarie del Gruppo ILVA.                                                                  milioni qui in oggetto - il decreto
                                                Sulla base della modifica introdotta con il D.L. n. 98/2016, articolo 1, comma 1, lett. a),   ministeriale      che      dispone        la
                                                l'obbligo di restituzione della somma erogata dallo Stato è posto a carico                    concessione del prestito all’Ilva è stato
                                                dell'amministrazione straordinaria del Gruppo ILVA (cui tali somme sono state                 adottato il 15 dicembre 2015 e l’importo
                                                effettivamente versate), anziché in capo al soggetto aggiudicatario della procedura           è stato erogato il 23 dicembre 2015.
                                                di cessione, come originariamente previsto.

                                                                                     8
FINANZIAMENTI/INTERVENTI DI SOSTEGNO A FAVORE DI ILVA S.P.A.
            SEZ. I FINANZIAMENTI/INTERVENTI A FAVORE DI ILVA S.P.A.
                       NON AVENTI FINALITÀ SOLO AMBIENTALI
La restituzione dell'importo (su cui maturano interessi pari al tasso percentuale            Quanto alla cessione dei complessi
Euribor a 6 mesi pubblicato il giorno lavorativo antecedente la data di erogazione,          aziendali, un comunicato del 6 marzo
maggiorato di uno spread pari al 4,1 per cento) doveva avvenire, secondo la                  2017 dell’amministrazione straordinaria
formulazione originaria della norma, entro 60 giorni dall'adozione del decreto di            informa che, in pari data, i Commissari
cessazione dell'esercizio dell'impresa ex art. 73 del D.Lgs. n. 270/1999,                    Straordinari di ILVA S.p.A. in A.S. hanno
anteponendolo agli altri debiti della procedura.                                             aperto le buste ed iniziato l’esame delle
                                                                                             offerte vincolanti per l’acquisizione dei
Sulla base della modifica introdotta con il D.L. n. 243/2016, articolo 1, comma 1, lett.     complessi aziendali del Gruppo ILVA che
a), l’importo dovrà ora essere restituito da parte dell’Amministrazione straordinaria allo   sono state presentate da AcciaItalia e
Stato entro 60 giorni dalla data in cui avrà efficacia la cessione a titolo definitivo       Am Investco Italy.
dei complessi aziendali di ILVA, con anteposizione rispetto agli altri debiti della
                                                                                             Le offerte sono state trasmesse
procedura.                                                                                   all’advisor finanziario della procedura di
                                                                                             Amministrazione               Straordinaria,
                                                                                             Rothschild, per gli adempimenti connessi
                                                                                             alla procedura.
                                                                                             Nell’Audizione         dei     Commissari
                                                                                             straordinari presso la X Commissione
                                                                                             della Camera dei deputati il 19 gennaio
                                                                                             2017, la cessione dei complessi è stata
                                                                                             indicata nella prima metà del 2017.

                                                                                             Un comunicato del Ministero dello
                                                                                             sviluppo economico del 26 maggio 2017
                                                                                             ha informato che i commissari hanno
                                                                                             presentato al Comitato di sorveglianza
                                                                                             i risultati della gara e la loro proposta di
                                                                                             aggiudicazione (indirizzata verso il
                                                                                             gruppo Am Investco Italy (Arcelor Mittal-
                                                                                             Marcegaglia)).
                                                                                             Il Ministro dello Sviluppo economico
                                                                                             procederà      alla   valutazione     della
                                                                                             proposta e assumerà le proprie
                                                                                             determinazioni dopo l’incontro con i

                                     9
FINANZIAMENTI/INTERVENTI DI SOSTEGNO A FAVORE DI ILVA S.P.A.
     SEZ. I FINANZIAMENTI/INTERVENTI A FAVORE DI ILVA S.P.A.
              NON AVENTI FINALITÀ SOLO AMBIENTALI
                                                               sindacati convocato per il 30 maggio
                                                               2017.
                                                               Infine, un successivo comunicato del
                                                               Ministero del 5 giugno 2017 informa
                                                               che il Ministro, in pari data, ha firmato il
                                                               decreto che autorizza i Commissari
                                                               straordinari del Gruppo Ilva a procedere
                                                               alla aggiudicazione dei complessi
                                                               aziendali del gruppo Ilva S.p.A ad Am
                                                               Investco Italy S.r.l, il cui capitale sociale
                                                               risulta detenuto da ArcelorMittal Italy
                                                               Holding S.r.l. (51%), ArcelorMittal S.A.
                                                               (34%) e Marcegaglia Carbon Steel S.p.A.
                                                               (15%).
                                                               L’offerta di     Am Investco Italy S.r.l.
                                                               prevede, tra l’altro:
                                                               Offerta economica. Prezzo di acquisto:
                                                               €1.800 milioni; Canone di affitto annuo
                                                               €180 milioni. L’offerta prevede l’affitto
                                                               dell’azienda seguito dall’esercizio dell’
                                                               opzione di acquisto.
                                                               Piano ambientale. L’esecuzione entro il
                                                               2023 del piano ambientale, in linea con
                                                               quanto       definito      dal      Ministero
                                                               dell’Ambiente e della Tutela del Territorio
                                                               e del Mare, con l’effettuazione di
                                                               investimenti per €1.137 milioni, tra i quali
                                                               €301 milioni destinati alla copertura dei
                                                               parchi minerari a tutela del territorio che
                                                               insiste sulla centrale; €196 milioni alle
                                                               cokerie e €179 milioni al piano acque.
                                                               Il termine del programma dei
                                                               Commissari coinciderà con il termine

                         10
FINANZIAMENTI/INTERVENTI DI SOSTEGNO A FAVORE DI ILVA S.P.A.
                             SEZ. I FINANZIAMENTI/INTERVENTI A FAVORE DI ILVA S.P.A.
                                      NON AVENTI FINALITÀ SOLO AMBIENTALI
                                                                                        di ultimazione del Piano ambientale di
                                                                                        ILVA (2023).

                                                                                        Nel      corso    dell’audizione    con    la
                                                                                        Commissione Ambiente della Camera, il
                                                                                        20 settembre 2017, i Commissari ILVA
                                                                                        hanno affermato che il 28 giugno è stato
                                                                                        firmato il contratto ad Am Investco
                                                                                        Italy
                                                                                        Relativamente al piano ambientale,
                                                                                        inoltrato il 5 luglio 2017, si è in attesa di
                                                                                        definizione delle osservazioni effettuate
                                                                                        dagli esperti e della formalizzazione della
                                                                                        nuova         Autorizzazione        Integrata
                                                                                        Ambientale (AIA)
                                                                                        Il prossimo incontro con le parti sociali
                                                                                        sarà il 9 ottobre 2017 e il raggiungimento
                                                                                        dell’accordo       costituisce    condizione
                                                                                        sospensiva dell’efficacia del contratto di
                                                                                        affitto.
                                                                                        Inoltre, è in corso la fase di prenotifica
                                                                                        dell’operazione da parte di AM Investco
                                                                                        Italy alla Commissione Antitrust
                                                                                        Europea.

                        FINANZIAMENTI/INTERVENTI DI SOSTEGNO A FAVORE DI ILVA S.P.A.
                             SEZ. II FINANZIAMENTI/INTERVENTI A FAVORE DI ILVA S.P.A.
                                  PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI AMBIENTALI
RIFERIMENTO NORMATIVO                              CONTENUTO                                              RISORSE

                                                 11
FINANZIAMENTI/INTERVENTI DI SOSTEGNO A FAVORE DI ILVA S.P.A.
                                                          SEZ. II FINANZIAMENTI/INTERVENTI A FAVORE DI ILVA S.P.A.
                                                                 PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI AMBIENTALI
Articolo 1,    comma     8   del   D.L.   n.   I finanziamenti a tasso agevolato a valere sul “Fondo Rotativo per il finanziamento           Non risultano essere        stati   concessi
         5
129/2012                                       delle misure finalizzate all'attuazione del Protocollo di Kyoto” (cd. Fondo Kyoto),           finanziamenti ad ILVA.
                                               possono essere concessi, secondo i criteri e le modalità previsti dallo stesso articolo
                                               57, anche per gli interventi di ambientalizzazione e riqualificazione ricompresi
                                               nell'area definita del Sito di interesse nazionale di Taranto. A tale fine, nell'ambito del
                                               Fondo Rotativo suddetto (gestito da Cassa depositi e prestiti) istituito dalla legge
                                               finanziaria per il 2007 (articolo 1, comma 1110) è destinata una quota di risorse fino
                                               ad un massimo di 70 milioni di euro.

Articolo 12, comma 5, del D.L. n.              Vengono qualificati come prededucibili i prestiti concessi ad imprese di interesse            Circa gli effetti concreti prodotti da questa
101/2013        come     successivamente       strategico nazionale in amministrazione straordinaria per la realizzazione del piano          norma, vedere sopra Sez. I , pag. 7.
integrato dall’articolo 22-quater, comma       delle misure e delle attività di tutela ambientale e sanitaria.                               Nel    corso       dell’audizione    con   la
1, del D.L. n. 91/2014                         Il D.L. n. 91/2014 successivamente ha introdotto la prededucibilità (in sede di               Commissione Ambiente della Camera, il
                                               liquidazione dell’attivo, ex art. 111 del R.D. n. 267/1942) dei finanziamenti - anche a       20 settembre 2017, i Commissari ILVA
                                               prescindere dalla predisposizione dei Piani delle misure e delle attività di tutela           hanno affermato che i 400 milioni di

5
    I commi 1-7 dell’articolo 1 del D.L. n. 129/2012 hanno disposto l’istituzione del Commissario straordinario per la bonifica, ambientalizzazione e riqualificazione
    di Taranto. Al fine di realizzare i relativi interventi (previsti nel Protocollo d’Intesa del 26 luglio 2012 che include anche gli interventi finanziati dal Fondo
    sviluppo e coesione di cui alle delibere CIPE del 3 agosto 2012 a favore della Regione Puglia), il D.L. ha disposto il trasferimento alla Regione Puglia delle
    risorse concernenti tali interventi indicate nel Protocollo (273.468.320 euro), nonché ulteriori 20 milioni di euro stanziati dal medesimo D.L., al fine della loro
    destinazione al Commissario, cui è stata intestata apposita contabilità speciale.
    L’articolo 2-ter del D.L. n. 61/2013 ha disposto l’esclusione dai limiti del patto di stabilità interno per la regione Puglia degli impegni e dei pagamenti relativi
    all'attuazione degli interventi di cui all’articolo 1 del D.L. n. 129/2012, finanziati con le risorse statali trasferite alla medesima regione.
    Il successivo D.L. n. 1/2015, all’articolo 6, comma 1 ha assegnato al Commissario straordinario per la bonifica, ambientalizzazione e riqualificazione di
    Taranto ulteriori compiti (un programma di misure, a medio e lungo termine, per la bonifica, ambientalizzazione e riqualificazione dell'intera area di Taranto,
    dichiarata ad elevato rischio di crisi ambientale, per garantire, ove possibile, mediante ricorso alle BAT (best available techniques), il più alto livello di
    sicurezza per le persone e per l'ambiente). A tal fine, l’articolo 6, comma 2 del D.L. n. 1/2015 ha destinato le risorse effettivamente disponibili di cui al predetto
    D.L. n. 129/2012 e delibere CIPE ad essa collegate, nonché le risorse allo scopo impegnate dal Ministero dell'ambiente e ulteriori risorse che con propria
    delibera il CIPE può destinare nell'ambito della programmazione 2014-2020 del Fondo di sviluppo e coesione, per il prosieguo di interventi di bonifiche e
    riqualificazione dell'area di Taranto. Si tratta dunque di risorse destinate alla bonifica del SIN di Taranto e non direttamente assegnate a ILVA, che si
    inseriscono comunque in questa sede perché interventi collaterali.

                                                                                   12
FINANZIAMENTI/INTERVENTI DI SOSTEGNO A FAVORE DI ILVA S.P.A.
                                                              SEZ. II FINANZIAMENTI/INTERVENTI A FAVORE DI ILVA S.P.A.
                                                                     PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI AMBIENTALI
                                                 ambientale di cui al D.L. n. 61/2013 - funzionali a porre in essere le misure e le attività              finanziamento ambientale impiegati fino
                                                 di tutela ambientale e sanitaria ovvero funzionali alla continuazione dell'esercizio                     ad oggi per intero, confluiscono nello
                                                 dell'impresa e alla gestione del relativo patrimonio.                                                    stato passivo come credito delle banche.

Articolo 1, comma 11-quinquies del D.L.          Prima disciplina che consente all'impresa commissariata di utilizzare le somme                           La norma non è stata attuata.
n. 61/2013 come inserito dall’art. 7, co. 1,     sottoposte a sequestro, per operare gli interventi di risanamento ambientale.
lett. g), del D.L. n. 136/2013, poi sostituito                                                                                                            Si veda l’articolo 3, comma 1 del D.L. n.
dall'art. 22-quater, comma 2, del D.L. n.                                                                                                                 1/2015 e il successivo articolo 1, comma
91/2014 e da ultimo modificato                   Testo della norma.                                                                                       undecies del D.L. n. 191/2015 come
dall’articolo 3, co. 1-bis del D.L. n. 1/2015    Se necessario ai fini dell'attuazione e della realizzazione del piano delle misure e delle attività di   modificato ed integrato dall’articolo 13 del
                                                 tutela ambientale e sanitaria dell'impresa soggetta a commissariamento, l'autorità giudiziaria
                                                                                                                                                          D.L. n. 91/2017.
                                                 procedente trasferisce all'impresa commissariata, su richiesta del commissario straordinario, le
                                                 somme sottoposte a sequestro penale, nei limiti del sequestro, anche in relazione a procedimenti
                                                 penali diversi da quelli per reati ambientali o connessi all'attuazione dell'autorizzazione integrata
                                                 ambientale, a carico del titolare dell'impresa, o a carico dei soci di maggioranza o degli enti,
                                                 ovvero dei rispettivi soci o amministratori, che hanno esercitato attività di direzione e
                                                 coordinamento sull'impresa commissariata prima del commissariamento. In caso di impresa
                                                 esercitata in forma societaria le somme devono essere trasferite a titolo di sottoscrizione di
                                                 aumento di capitale, o in conto futuro aumento di capitale nel caso in cui il trasferimento avvenga
                                                 prima dell'aumento di capitale (di cui al comma 11-bis).
                                                 Le azioni o quote di nuova emissione devono essere intestate al Fondo unico giustizia e, per
                                                 esso, al gestore ex lege Equitalia Giustizia S.p.A. Le attività poste in essere da Equitalia
                                                 Giustizia S.p.A. devono svolgersi sulla base delle indicazioni fornite dall'autorità giudiziaria
                                                 procedente.

                                                 Si veda anche l’articolo 3, comma 1 del D.L. n. 1/2015 e il successivo articolo 1,
                                                 comma undecies del D.L. n. 191/2015 come modificato ed integrato dall’articolo
                                                 13 del D.L. n. 91/2017.

                                                                                          13
FINANZIAMENTI/INTERVENTI DI SOSTEGNO A FAVORE DI ILVA S.P.A.
                                                       SEZ. II FINANZIAMENTI/INTERVENTI A FAVORE DI ILVA S.P.A.
                                                             PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI AMBIENTALI
Articolo 3, comma 1, del D.L. n. 1/2015    L'organo commissariale di ILVA S.p.A. è stato autorizzato a richiedere il                             Per quanto riguarda le somme in
                                                                                                                         6
(legge n. 20/2015), da ultimo modificato   trasferimento (in Italia) delle somme sottoposte a sequestro penale sulla base di                questione, i Commissari Straordinari di
dall’articolo 1 comma 610, Legge di        misura cautelare reale nell'ambito dei procedimenti penali pendenti nei confronti                Ilva - ai sensi del citato articolo 3, co. 1
bilancio 2017 (legge n. 232/2016).         degli azionisti e amministratori di società del gruppo ILVA e a richiedere che l'autorità        del D.L. n. 1/2015, con istanza di marzo
                                           giudiziaria procedente disponga l'impiego delle somme sequestrate per la                         2015 - hanno iterato richiesta di
                                           sottoscrizione di obbligazioni emesse dalla società in A.S. (in luogo dell'aumento di            trasferimento in Italia delle somme
                                           capitale) e intestate al Fondo Unico di Giustizia e, per esso, al gestore ex lege                sottoposte a sequestro penale dal GIP
                                           Equitalia Giustizia S.p.A.                                                                       del Tribunale di Milano, o di altri
                                           Le somme rivenienti dalla sottoscrizione delle obbligazioni debbono, previa                      procedimenti      penali     pendenti    nei
                                           restituzione dei finanziamenti statali erogati ai sensi dell’articolo 1, comma 6-bis,            confronti di azionisti e amministratori di
                                           del D.L. n. 191/2015, essere versate in un patrimonio dell'emittente e destinate in via          società del gruppo ILVA.
                                           esclusiva alla realizzazione del piano delle misure e delle attività di tutela ambientale             Nel procedimento milanese, l'11
                                           e sanitaria dell'impresa in A.S. e, nei limiti delle disponibilità residue, a interventi volti   maggio 2015 il GIP ha disposto l'utilizzo
                                           alla tutela della sicurezza e della salute, nonché di ripristino e di bonifica ambientale        dei valori patrimoniali dei trust sequestrati
                                           secondo le modalità previste dall'ordinamento vigente.                                           rogatorialmente per la sottoscrizione di
                                                                                                                                            obbligazioni, ordinando la conversione
                                                                                                                                            del sequestro dei valori in un sequestro
                                                                                                                                            delle obbligazioni emesse (ai sensi del
                                           L’utilizzo delle somme di cui sopra, pervenute in via definitiva all’esito di
                                                                                                                                            sopra commentato articolo 3, comma 1,
                                           procedimenti penali pendenti, trova ora disciplina in una successiva
                                                                                                                                            del D.L. n. 1/2015).
                                           disposizione: articolo 1, comma 6-undecies del D.L. n. 191/2015, come da ultimo
                                           modificato e integrato dall’articolo 13 del D.L. n. 91/2017.                                          Equitalia Giustizia S.p.A. ha ordinato
                                                                                                                                            a UBS Fiduciaria di impartire a UBS
                                                                                                                                            Switzerland un ordine di pagamento.
                                                                                                                                            UBS Fiduciaria ha quindi impartito alla
                                                                                                                                            banca svizzera l'ordine di trasferire in
                                                                                                                                            Italia i valori patrimoniali. Il 19 giugno
                                                                                                                                            2015, la Procura del Canton Zurigo

6
    Nel 2013 il giudice nazionale ha sottoposto a sequestro preventivo somme appartenenti ai principali azionisti ed ex dirigenti dell'ILVA in attesa della
    conclusione dei procedimenti penali a loro carico per danni ambientali. Secondo quanto informa la Commissione UE nel documento del 20 gennaio 2016, le
    somme ([…] di euro) poste sotto sequestro dal giudice nazionale il 20 maggio 2013 risultano nella disponibilità di trust statunitensi e svizzeri.

                                                                                14
FINANZIAMENTI/INTERVENTI DI SOSTEGNO A FAVORE DI ILVA S.P.A.
                                                        SEZ. II FINANZIAMENTI/INTERVENTI A FAVORE DI ILVA S.P.A.
                                                              PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI AMBIENTALI
                                                                                                                                     (Staatsanwaltschaft I des Kantons
                                                                                                                                     Zürich) ha dato l'autorizzazione alla
                                                                                                                                     banca svizzera per consegnare i beni dei
                                                                                                                                     trust all'Italia, ma, con sentenza del 18
                                                                                                                                     novembre 2015, la Corte dei reclami
                                                                                                                                     penali del Tribunale penale federale di
                                                                                                                                     Bellinzona ha annullato la decisione della
                                                                                                                                     Procura del Canton Zurigo.
                                                                                                                                     Il rientro delle somme in Italia si è
                                                                                                                                     concluso solo a seguito dell’accordo
                                                                                                                                     transattivo stipulato tra i commissari
                                                                                                                                     straordinari di ILVA S.p.A. e la
                                                                                                                                     Partecipazioni Industriali S.p.A. (già
                                                                                                                                     RIVA FIRE, società Capogruppo facente
                                                                                                                                     capo alla famiglia Riva), con contestuale
                                                                                                                                     accoglimento da parte del GUP di Milano
                                                                                                                                     della richiesta da parte dei difensori dei
                                                                                                                                     soggetti imputati di patteggiamento
                                                                                                                                     (applicazione della pena ex art. 444
                                                                                                                                     c.p.p.), con sentenza depositata il 26
                                                                                                                                     maggio 2017.
                                                                                                                                                                         7
                                                                                                                                     In virtù dell’accordo transattivo , le
                                                                                                                                     somme           sono     state    dunque
                                                                                                                                     materialmente trasferite al Fondo
                                                                                                                                                               8
                                                                                                                                     unico giustizia (FUG) perché il FUG ,
                                                                                                                                     e, per esso Equitalia Giustizia S.p.a.,

7
    E della decisione della Royal Court del Jersey ove quota parte delle somme era fisicamente depositata. Le somme erano infatti depositate presso UBS AG
    Zurigo e UBS AG Jersey, nonché presso la banca popolare di Bergamo – Saronno.
8
    Sono state inoltre messe a disposizione ulteriori somme rispetto a quelle già oggetto dei decreti di sequestro, per 230 milioni. L’importo complessivo, tra le
    somme oggetto di sequestro messe a disposizione dai Riva e le ulteriori sopra citate messe a disposizione, è di circa 1.300 milioni di euro (cfr. comunicato
    del MISE del 5 giugno 2017).

                                                                               15
FINANZIAMENTI/INTERVENTI DI SOSTEGNO A FAVORE DI ILVA S.P.A.
                                                      SEZ. II FINANZIAMENTI/INTERVENTI A FAVORE DI ILVA S.P.A.
                                                            PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI AMBIENTALI
                                                                                                                                         quale gestore ex lege del Fondo, le
                                                                                                                                         impieghi per la sottoscrizione di
                                                                                                                                         obbligazioni emesse da ILVA in
                                                                                                                                         amministrazione straordinaria.
                                                                                                                                         Tali somme e le relative obbligazioni
                                                                                                                                         sono state dunque, in virtù dell’accordo
                                                                                                                                         transattivo, oggetto di rinuncia da parte di
                                                                                                                                         Partecipazioni     Industriali S.P.A      e,
                                                                                                                                         successivamente - in virtù della
                                                                                                                                         sentenza del GUP di Milano - oggetto
                                                                                                                                         di confisca sempre mantenendo la
                                                                                                                                         destinazione (bonifica e risanamento
                                                                                                                                         ambientale, previa restituzione del
                                                                                                                                         prestito erogato ad ILVA) indicata dal
                                                                                                                                         D.L. n. 1/2015.
Articolo 3, comma 1-ter, del D.L. n.      L'organo commissariale di ILVA S.p.A. – per la realizzazione degli investimenti                Il 27 maggio 2015 tre istituti finanziari
1/2015                                    necessari al risanamento ambientale, nonché per quelli destinati ad interventi a               Cassa Depositi e Prestiti S.p.A., Intesa
                                          favore di ricerca, sviluppo e innovazione, formazione e occupazione - è stato                  Sanpaolo S.p.A. e Banco Popolare
                                          autorizzato a contrarre finanziamenti per un ammontare complessivo massimo di 400              Società Cooperativa hanno stipulato un
                                          milioni di euro, assistiti dalla garanzia dello Stato.                                         contratto di finanziamento di 400
                                          Anche in tale caso, il finanziamento è rimborsato dall'organo commissariale in                 milioni (CDP ha finanziato quota parte di
                                          prededuzione rispetto agli altri debiti (ex art. 111, R.D. n. 267/1942). La garanzia           tale importo pari a 330 milioni).
                                          dello Stato è a prima richiesta, esplicita, incondizionata e irrevocabile.                     Nel    corso    dell’audizione  con    la
                                                                                                                                         Commissione Ambiente della Camera, il
                                                                                                                                         20 settembre 2017, i Commissari ILVA
                                                                                                                                         hanno affermato che i 400 milioni di
                                                                                                                                         finanziamento ambientale impiegati fino
                                                                                                                                         ad oggi per intero, confluiscono nello
                                                                                                                                         stato passivo come credito delle banche
Articolo 3, comma 2, del D.L. n. 1/2015   All’Ilva possono essere concesse risorse pubbliche supplementari a titolo del                  Secondo      il      Documento      della
                                          Fondo per lo sviluppo e la coesione.                                                           Commissione di gennaio 2016, a quella
                                                                                                                                         data, alla gestione commissariale Ilva
                                          Testo della norma. Ai fini dell'attuazione delle prescrizioni del Piano delle misure e delle   non sono state concesse né versate

                                                                               16
FINANZIAMENTI/INTERVENTI DI SOSTEGNO A FAVORE DI ILVA S.P.A.
            SEZ. II FINANZIAMENTI/INTERVENTI A FAVORE DI ILVA S.P.A.
                    PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI AMBIENTALI
attività di tutela ambientale e sanitaria (di cui al D.P.C.M. 14 marzo 2014 e ss.mod.), il         risorse pubbliche provenienti dal Fondo
Commissario straordinario dell'amministrazione straordinaria è titolare di contabilità speciali,   per lo sviluppo e la coesione
aperte presso la tesoreria statale, in cui confluiscono:
a)le risorse assegnate dal CIPE con propria delibera, previa presentazione di un progetto di
lavori, a valere sul Fondo di sviluppo e coesione, nel limite delle risorse annualmente
disponibili e garantendo comunque la neutralità dei saldi di finanza pubblica;
b) altre eventuali risorse a qualsiasi titolo destinate o da destinare agli interventi di
risanamento ambientale.

                                      17
FINANZIAMENTI/INTERVENTI DI SOSTEGNO A FAVORE DI ILVA S.P.A.
                                                            SEZ. II FINANZIAMENTI/INTERVENTI A FAVORE DI ILVA S.P.A.
                                                                   PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI AMBIENTALI
Articolo 3, comma 5, del D.L. n. 1/2015        Autorizza il commissario straordinario dell’Ilva a procedere con Fintecna alla                         Il 5 marzo 2015, Fintecna ha sottoscritto
                                               liquidazione dell’obbligazione relativa ai danni ambientali di cui al contratto di                     con l’Ilva un accordo transattivo e il 6
                                               privatizzazione del 1995. La norma quantifica in 156 milioni di euro l’importo della                   marzo      2015    ha    trasferito     a
                                               liquidazione che ha permesso di risolvere la vertenza.                                                 quest’ultima 156 milioni di euro.
                                               Fintecna S.p.A. è società interamente partecipata da Cassa depositi e prestiti S.p.A.
                                               Testo della norma
                                               Allo scopo di definire tempestivamente le pendenze tuttora aperte, il commissario straordinario,
                                               entro sessanta giorni dall'entrata in vigore del presente decreto, è autorizzato a sottoscrivere con
                                               FINTECNA S.p.A., in qualità di avente causa dell'IRI, un atto convenzionale di liquidazione
                                               dell'obbligazione contenuta nell'articolo 17.7 del contratto di cessione dell'ILVA Laminati Piani
                                               (oggi ILVA S.p.A.). La liquidazione è determinata nell'importo di 156.000.000 di euro, ha
                                               carattere definitivo, non è soggetta ad azione revocatoria e preclude ogni azione concernente il
                                               danno ambientale generatosi, relativamente agli stabilimenti produttivi ceduti dall'IRI in sede di
                                               privatizzazione della ILVA Laminati Piani (oggi ILVA S.p.A.), antecedentemente al 16 marzo
                                               1995. Le somme rinvenienti da detta operazione affluiscono nella contabilità ordinaria del
                                               Commissario straordinario.

Articolo 1, comma 6-bis, del D.L. n.           Al fine esclusivo dell'attuazione e della realizzazione del Piano delle misure e delle                     Per quanto riguarda le somme in
191/2015 modificato dall’ art. 2, comma        attività di tutela ambientale e sanitaria dell'impresa, l’organo commissariale è stato                 questione, i Commissari Straordinari di
1, D.L. n. 98/2016 e da ultimo dall’articolo   autorizzato a contrarre un finanziamento statale per un ammontare fino a 800                           Ilva - ai sensi del citato articolo 3, co. 1
1, comma 609 della legge di bilancio           milioni di euro, di cui fino a 600 milioni di euro nel 2016 e fino a 200 milioni di euro               del D.L. n. 1/2015, con istanza di marzo
2017 (legge n. 232/2016).                      nel 2017.                                                                                              2015 - hanno iterato richiesta di
                                                                                                                                                      trasferimento in Italia delle somme
                                               Sugli importi erogati maturano interessi (al tasso Euribor a 6 mesi pubblicato il                      sottoposte a sequestro penale dal GIP
                                               giorno lavorativo antecedente la data di erogazione, maggiorato di uno spread                          del Tribunale di Milano, o di altri
                                               innalzato dalla legge di bilancio per il 2017 dal 3 per cento al 4,1 percento).                        procedimenti     penali      pendenti    nei
                                               I finanziamenti statali sono erogati secondo modalità stabilite con decreto del MISE, di               confronti di azionisti e amministratori di
                                               concerto con il MEF e con il Ministro dell'ambiente.                                                   società del gruppo ILVA.
                                                                                                                                                          Nel procedimento milanese, l'11
                                                                                                                                                      maggio 2015 il GIP ha disposto l'utilizzo
                                               L'articolo 2, comma 1, del D.L. n. 98/2016 ha fissato al 2018, ovvero                                  dei valori patrimoniali dei trust sequestrati
                                               successivamente, il termine per il rimborso degli importi statali finanziati                           rogatorialmente per la sottoscrizione di
                                               nell'ambito della procedura di ripartizione dell'attivo della società ivi prevista, in

                                                                                       18
FINANZIAMENTI/INTERVENTI DI SOSTEGNO A FAVORE DI ILVA S.P.A.
            SEZ. II FINANZIAMENTI/INTERVENTI A FAVORE DI ILVA S.P.A.
                  PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI AMBIENTALI
prededuzione, ma subordinatamente al pagamento, nell'ordine, dei crediti                       obbligazioni, ordinando la conversione
prededucibili di tutti gli altri creditori della procedura di amministrazione straordinaria,   del sequestro dei valori in un sequestro
nonché dei creditori privilegiati (in base alla norma originaria, gli importi avrebbero        delle obbligazioni emesse (ai sensi del
invece dovuto essere rimborsati nel medesimo esercizio finanziario in cui gli stessi           sopra commentato articolo 3, comma 1,
venivano erogati).                                                                             del D.L. n. 1/2015).
                                                                                                    Equitalia Giustizia S.p.A. ha ordinato
                                                                                               a UBS Fiduciaria di impartire a UBS
Successivamente, la legge di bilancio 2017 ha aggiunto la previsione che i                     Switzerland un ordine di pagamento.
finanziamenti statali sopra indicati concessi e non erogati nei confronti di ILVA              UBS Fiduciaria ha quindi impartito alla
cessano di avere efficacia a decorrere dalla data di sottoscrizione delle obbligazioni         banca svizzera l'ordine di trasferire in
che - ai sensi dell’articolo 3, comma 1 del D.L. n. 1/2015 - l’organo commissariale di         Italia i valori patrimoniali. Il 19 giugno
ILVA è autorizzato ad emettere a valere sulle somme attualmente sottoposte a                   2015, la Procura del Canton Zurigo
sequestro (nell’ambito dei procedimenti penali a carico dei principali azionisti ed ex         (Staatsanwaltschaft I des Kantons
dirigenti dell’ILVA) all’atto del trasferimento delle medesime somme in Italia (avvenuto       Zürich) ha dato l'autorizzazione alla
a maggio 2017).                                                                                banca svizzera per consegnare i beni dei
                                                                                               trust all'Italia, ma, con sentenza del 18
                                                                                               novembre 2015, la Corte dei reclami
Quanto al rimborso delle somme, si veda, ora, l’articolo 1, comma 6 undecies                   penali del Tribunale penale federale di
del D.L. n. 191/2015, come recentemente modificato e integrato dall’ articolo 13,              Bellinzona ha annullato la decisione della
comma 1 e 1-bis, D.L. n. 91/2017.                                                              Procura del Canton Zurigo.
                                                                                               Il rientro delle somme in Italia si è
                                                                                               concluso solo a seguito dell’accordo
                                                                                               transattivo stipulato tra i commissari
                                                                                               straordinari di ILVA S.p.A. e la
                                                                                               Partecipazioni Industriali S.p.A. (già
                                                                                               RIVA FIRE, società Capogruppo facente
                                                                                               capo alla famiglia Riva), con contestuale
                                                                                               accoglimento da parte del GUP di Milano
                                                                                               della richiesta da parte dei difensori dei
                                                                                               soggetti imputati di patteggiamento
                                                                                               (applicazione della pena ex art. 444

                                     19
FINANZIAMENTI/INTERVENTI DI SOSTEGNO A FAVORE DI ILVA S.P.A.
                                                         SEZ. II FINANZIAMENTI/INTERVENTI A FAVORE DI ILVA S.P.A.
                                                               PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI AMBIENTALI
                                                                                                                                      c.p.p.), con sentenza depositata il 26
                                                                                                                                      maggio 2017.
                                                                                                                                                                       9
                                                                                                                                      In virtù dell’accordo transattivo , le
                                                                                                                                      somme       sono      state    dunque
                                                                                                                                      materialmente trasferite al Fondo
                                                                                                                                                             10
                                                                                                                                      unico giustizia (FUG) perché il FUG ,
                                                                                                                                      e, per esso Equitalia Giustizia S.p.a.,
                                                                                                                                      quale gestore ex lege del Fondo, le
                                                                                                                                      impieghi per la sottoscrizione di
                                                                                                                                      obbligazioni emesse da ILVA in
                                                                                                                                      amministrazione straordinaria.
                                                                                                                                      Tali somme e le relative obbligazioni
                                                                                                                                      sono state dunque, in virtù dell’accordo
                                                                                                                                      transattivo, oggetto di rinuncia da parte di
                                                                                                                                      Partecipazioni    Industriali S.P.A       e,
                                                                                                                                      successivamente - in virtù della
                                                                                                                                      sentenza del GUP di Milano - oggetto
                                                                                                                                      di confisca sempre mantenendo la
                                                                                                                                      destinazione (bonifica e risanamento
                                                                                                                                      ambientale, previa restituzione del
                                                                                                                                      prestito erogato ad ILVA) indicata dal
                                                                                                                                      D.L. n. 1/2015.
Articolo 1, comma 6-undecies del D.L. n.     Interviene sulla destinazione delle somme che, a seguito del trasferimento dei               Per quanto riguarda le somme in
191/2015, come modificato e integrato        complessi aziendali del Gruppo ILVA, pervengono allo Stato in via definitiva             questione, i Commissari Straordinari di
dall’articolo 13, comma 1-bis del D.L. n.    all'esito di procedimenti penali pendenti.                                               Ilva - ai sensi del citato articolo 3, co. 1

9
     E della decisione della Royal Court del Jersey ove quota parte delle somme era fisicamente depositata. Le somme erano infatti depositate presso UBS AG
     Zurigo e UBS AG Jersey, nonché presso la banca popolare di Bergamo – Saronno.
10
     Sono state inoltre messe a disposizione ulteriori somme rispetto a quelle già oggetto dei decreti di sequestro, per 230 milioni. L’importo complessivo, tra le
     somme oggetto di sequestro messe a disposizione dai Riva e le ulteriori sopra citate messe a disposizione, è di circa 1.300 milioni di euro (cfr. comunicato
     del MISE del 5 giugno 2017).

                                                                                20
FINANZIAMENTI/INTERVENTI DI SOSTEGNO A FAVORE DI ILVA S.P.A.
                       SEZ. II FINANZIAMENTI/INTERVENTI A FAVORE DI ILVA S.P.A.
                             PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI AMBIENTALI
91/2017.                                                                                                   del D.L. n. 1/2015, con istanza di marzo
           Tale comma, nella sua formulazione precedente alla novella apportata dal D.L. n.
                                                                                                           2015 - hanno iterato richiesta di
           91/2017, disponeva che - salvo quanto dovuto per spese di giustizia – le somme
                                                                                                           trasferimento in Italia delle somme
           fossero versate, fino alla concorrenza dell'importo di 800 milioni di euro, all'entrata
                                                                                                           sottoposte a sequestro penale dal GIP
           del bilancio dello Stato, a titolo di restituzione del prestito statale di 800 milioni cui al
                                                                                                           del Tribunale di Milano, o di altri
           comma 6-bis, e, per la parte eccedente, sulla contabilità speciale
                                                                                                           procedimenti       penali    pendenti    nei
           dell'amministrazione straordinaria per essere destinate al finanziamento di
                                                                                                           confronti di azionisti e amministratori di
           interventi per il risanamento e la bonifica ambientale e, in via subordinata, alla
                                                                                                           società del gruppo ILVA.
           riqualificazione e riconversione produttiva dei siti contaminati, nei comuni di Taranto
           e di Statte.                                                                                         Nel procedimento milanese, l'11
                                                                                                           maggio 2015 il GIP ha disposto l'utilizzo
           Il D.L. n. 91/2017, ha essenzialmente superato tale disposizione (che non è stata però          dei valori patrimoniali dei trust sequestrati
           abrogata, bensì modificata nel modo in cui si dirà più oltre) prevedendo, all’articolo 13,      rogatorialmente per la sottoscrizione di
           comma 1, che - qualora la confisca abbia ad oggetto le obbligazioni (emesse a valere            obbligazioni, ordinando la conversione
           sulle somme già oggetto di sequestro nell’ambito dei procedimenti penali nei confronti          del sequestro dei valori in un sequestro
           dei predetti soggetti) - ferma la destinazione delle somme rivenienti dalla                     delle obbligazioni emesse (ai sensi del
           sottoscrizione delle medesime obbligazioni per le finalità di risanamento e bonifica            sopra commentato articolo 3, comma 1,
           ambientale, il finanziamento statale concesso ad ILVA sia estinto mediante                      del D.L. n. 1/2015).
           utilizzo delle risorse finanziarie derivanti dalla sottoscrizione delle suddette
                                                                                                                Equitalia Giustizia S.p.A. ha ordinato
           obbligazioni.
                                                                                                           a UBS Fiduciaria di impartire a UBS
           I crediti derivanti dalla sottoscrizione delle suddette obbligazioni sono dunque                Switzerland un ordine di pagamento.
           estinti fino a concorrenza dell'ammontare delle spese e dei costi sostenuti, a                  UBS Fiduciaria ha quindi impartito alla
           valere sul patrimonio destinato dell'emittente costituito ai sensi del citato articolo 3,       banca svizzera l'ordine di trasferire in
           comma 1, del D.L. n. 1/2015, per l'attuazione e la realizzazione di interventi di               Italia i valori patrimoniali. Il 19 giugno
           risanamento e bonifica ambientale, compresi gli interventi già autorizzati a                    2015, la Procura del Canton Zurigo
           valere sui finanziamenti statali concessi.                                                      (Staatsanwaltschaft I des Kantons
                                                                                                           Zürich) ha dato l'autorizzazione alla
           Il D.L. n. 91/2017 all’articolo 13, comma 1-bis ha, come sopra accennato, apportato
                                                                                                           banca svizzera per consegnare i beni dei
           modifiche testuali al comma 6-undecies per specificare le modalità operative
                                                                                                           trust all'Italia, ma, con sentenza del 18
           attraverso le quali, a seguito della restituzione del finanziamento statale, le residue
                                                                                                           novembre 2015, la Corte dei reclami
           risorse possono essere utilizzate per le ulteriori finalità già previste dalla norma:
                                                                                                           penali del Tribunale penale federale di
           risanamento e bonifica ambientale e, in via subordinata, riqualificazione e
                                                                                                           Bellinzona ha annullato la decisione della
           riconversione produttiva dei siti contaminati.
                                                                                                           Procura del Canton Zurigo.
           In particolare, ha chiarito che la destinazione delle somme oggetto di confisca alla            Il rientro delle somme in Italia si è
           realizzazione degli interventi sopra indicati avviene mediante la sottoscrizione di             concluso solo a seguito dell’accordo

                                                21
FINANZIAMENTI/INTERVENTI DI SOSTEGNO A FAVORE DI ILVA S.P.A.
                                                         SEZ. II FINANZIAMENTI/INTERVENTI A FAVORE DI ILVA S.P.A.
                                                               PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI AMBIENTALI
                                             obbligazioni emesse dall’organo commissariale di ILVA (a valere sulle somme                    transattivo stipulato tra i commissari
                                             confiscate), ai sensi dell’articolo 3, comma 1 del D.L. n. 1/2015.                             straordinari di ILVA S.p.A. e la
                                                                                                                                            Partecipazioni Industriali S.p.A. (già
                                             Inoltre, lo stesso D.L. n. 91/2017 specifica che le somme rivenienti dalla sottoscrizione
                                                                                                                                            RIVA FIRE, società Capogruppo facente
                                             delle obbligazioni sono destinate al piano delle misure ed attività di tutela
                                                                                                                                            capo alla famiglia Riva), con contestuale
                                             aziendale e sanitaria dell'impresa in amministrazione straordinaria nei limiti di
                                                                                                                                            accoglimento da parte del GUP di Milano
                                             quanto eccedente gli investimenti ambientali previsti nell'ambito dell'offerta
                                                                                                                                            della richiesta da parte dei difensori dei
                                             vincolante definitiva dell'aggiudicatario della procedura di trasferimento dei
                                                                                                                                            soggetti imputati di patteggiamento
                                             complessi aziendali.
                                                                                                                                            (applicazione della pena ex art. 444
                                             Per la restante parte, la destinazione sarà indirizzata alle ulteriori finalità previste dal   c.p.p.), con sentenza depositata il 26
                                             medesimo articolo 3, comma 1 per le società del gruppo ILVA in amministrazione                 maggio 2017.
                                                                                                                                                                               11
                                             straordinaria.                                                                                 In virtù dell’accordo transattivo , le
                                                                                                                                            somme         sono     state      dunque
                                                                                                                                            materialmente trasferite al Fondo
                                                                                                                                                                    12
                                                                                                                                            unico giustizia (FUG) perché il FUG ,
                                                                                                                                            e, per esso Equitalia Giustizia S.p.a.,
                                                                                                                                            quale gestore ex lege del Fondo, le
                                                                                                                                            impieghi per la sottoscrizione di
                                                                                                                                            obbligazioni emesse da ILVA in
                                                                                                                                            amministrazione straordinaria.
                                                                                                                                            Tali somme e le relative obbligazioni
                                                                                                                                            sono state dunque, in virtù dell’accordo
                                                                                                                                            transattivo, oggetto di rinuncia da parte di
                                                                                                                                            Partecipazioni    Industriali S.P.A       e,
                                                                                                                                            successivamente - in virtù della

11
     E della decisione della Royal Court del Jersey ove quota parte delle somme era fisicamente depositata. Le somme erano infatti depositate presso UBS AG
     Zurigo e UBS AG Jersey, nonché presso la banca popolare di Bergamo – Saronno.
12
     Sono state inoltre messe a disposizione ulteriori somme rispetto a quelle già oggetto dei decreti di sequestro, per 230 milioni. L’importo complessivo, tra le
     somme oggetto di sequestro messe a disposizione dai Riva e le ulteriori sopra citate messe a disposizione, è di circa 1.300 milioni di euro (cfr. comunicato
     del MISE del 5 giugno 2017).

                                                                                  22
FINANZIAMENTI/INTERVENTI DI SOSTEGNO A FAVORE DI ILVA S.P.A.
                                                       SEZ. II FINANZIAMENTI/INTERVENTI A FAVORE DI ILVA S.P.A.
                                                             PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI AMBIENTALI
                                                                                                                                      sentenza del GUP di Milano - oggetto
                                                                                                                                      di confisca sempre mantenendo la
                                                                                                                                      destinazione (bonifica e risanamento
                                                                                                                                      ambientale, previa restituzione del
                                                                                                                                      prestito erogato ad ILVA) indicata dal
                                                                                                                                      D.L. n. 1/2015.
                                                                                                                                      Quanto al trasferimento dei complessi
                                                                                                                                      aziendali del gruppo ILVA, il comunicato
                                                                                                                                      del Ministero del 5 giugno 2017 informa
                                                                                                                                      che il Ministro, in pari data, ha firmato il
                                                                                                                                      decreto che autorizza i Commissari
                                                                                                                                      straordinari del Gruppo Ilva a procedere
                                                                                                                                      alla aggiudicazione dei complessi
                                                                                                                                      aziendali del gruppo Ilva S.p.A ad Am
                                                                                                                                      Investco Italy S.r.l afferma che le risorse
                                                                                                                                      provenienti dai fondi sequestrati alla
                                                                                                                                      famiglia Riva ammontano a €1,300
                                                                                                                                      milioni.
                                                                                                                                      Il comunicato afferma che le suddette
                                                                                                                                      risorse saranno destinate:
                                                                                                                                      •   al rimborso allo Stato della quota
                                                                                                                                          già erogata - pari a €266 milioni - a
                                                                                                                                          valere sul finanziamento di €800
                                                                                                                                          milioni previsto dalla legge per
                                                                                                                                          l’esecuzione del Piano ambientale,
                                                                                                                                      •   agli interventi di bonifica e
                                                                                                                                          decontaminazione che saranno
                                                                                                                                          realizzati       dall’Amministrazione
                                                                                                                                          Straordinaria (vedi anche sotto).
Articolo 1, commi 2 e 3, D.L. n. 243/2016   Le risorse rivenienti dalla restituzione dei finanziamenti statali, autorizzati fino ad   Il comunicato del Ministero del 5
                                            800 milioni di euro ai sensi del sopra citato articolo 1, comma 6-bis del D.L. n.         giugno 2017 con il quale si informa che il

                                                                               23
FINANZIAMENTI/INTERVENTI DI SOSTEGNO A FAVORE DI ILVA S.P.A.
                                                       SEZ. II FINANZIAMENTI/INTERVENTI A FAVORE DI ILVA S.P.A.
                                                              PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI AMBIENTALI
                                           191/2015, vengono destinate, anche con le modalità di cui al comma 6-undecies del                  Ministro, in pari data, ha firmato il decreto
                                           medesimo articolo 1:                                                                               che autorizza i Commissari straordinari
                                                a) nel limite di 10 milioni di euro per ciascuno degli anni del triennio 2017-                del Gruppo Ilva a procedere alla
                                           2019 sono mantenute nella contabilità speciale della gestione commissariale per                    aggiudicazione          dei      complessi
                                           essere destinate al finanziamento delle attività relative alla predisposizione e                   aziendali del gruppo Ilva S.p.A ad Am
                                           attuazione del Piano per attività di sostegno assistenziale e sociale per le famiglie              Investco Italy S.r.l afferma che risorse
                                           disagiate nei Comuni di Taranto, Statte, Crispiano, Massafra e Montemesola. I                      per €1,300 milioni provenienti dai fondi
                                           commissari straordinari, anche ai fini dei trasferimenti delle risorse occorrenti,                 sequestrati alla famiglia Riva saranno
                                           provvedono a rendicontare al Ministero vigilante con cadenza semestrale. La                        destinati:
                                           relazione è inviata dal Ministro vigilante alle Camere per la trasmissione alle                    •   al rimborso allo Stato della quota
                                           Commissioni parlamentari competenti per materia (comma 2, lettera a)).                                 già erogata - pari a €266 milioni - a
                                                b) nel limite di 50 milioni di euro per il 2017 e di 20 milioni di euro per il 2018               valere sul finanziamento di €800
                                           sono assegnate al Ministero della Salute per essere successivamente trasferite alla                    milioni previsto dalla legge per
                                           Regione Puglia per la realizzazione di un progetto volto all’acquisizione dei beni e dei               l’esecuzione del Piano ambientale,
                                           servizi necessari alla realizzazione di interventi di ammodernamento tecnologico delle
                                           apparecchiature e dei dispositivi medico-diagnostici delle strutture sanitarie pubbliche           •   agli interventi di bonifica e
                                           ubicate nei suddetti Comuni, avvalendosi, in via esclusiva, della CONSIP S.p.A.,                       decontaminazione che saranno
                                           nonché alla conseguente e necessaria formazione e aggiornamento professionale del                      realizzati     dall’Amministrazione
                                           personale sanitario (comma 2, lettera b)).                                                             Straordinaria
                                                Il predetto progetto - inserito tra gli interventi del Contratto istituzionale di sviluppo,
                                           sottoscritto il 30 dicembre 2015 - viene trasmesso dalla Regione Puglia e deve essere
                                           approvato dal Ministero della salute, sentito l’Istituto superiore di sanità, previo parere
                                           del Tavolo istituzionale permanente, integrato con un rappresentante del Ministero
                                           della salute. La regione Puglia presenta al Ministero della salute, entro il 31 gennaio di
                                           ciascun anno, una relazione sulle attività svolte, con la rendicontazione delle risorse
                                           utilizzate e degli interventi realizzati nell'anno precedente. La relazione è inviata dal
                                           Ministro della salute alle Camere per la trasmissione alle Commissioni parlamentari
                                           competenti per materia (comma 3).
Articolo 1, comma 607, Legge di bilancio   Destina al finanziamento degli interventi di decontaminazione e bonifica                           La relazione tecnica all’emendamento
2017 (legge n. 232/2016)                   ambientale degli stabilimenti di interesse strategico nazionale delle società del                  governativo che ha introdotto, nel corso
                                           gruppo ILVA le somme che saranno eventualmente confiscate ai sensi                                 dell’iter di esame della legge di bilancio,
                                           dell’articolo 19 del D.Lgs. n. 231/2001, in conseguenza dei procedimenti penali per                la disposizione in esame, evidenzia che
                                           reati ambientali o connessi all’attuazione dell’AIA (autorizzazione integrata                      la norma fa specificamente riferimento ai

                                                                                 24
Puoi anche leggere
DIAPOSITIVE SUCCESSIVE ... Annulla