Triennio di riferimento 2019/22 - PDIC846003 IC DI CADONEGHE - Istituto ...

 
Triennio di riferimento - 2019/22
PDIC846003
IC DI CADONEGHE
1.1 - Popolazione scolastica

Opportunità                                                 Vincoli

I plessi dell'Istituto sono dislocati tutti nello stesso
territorio comunale. Il contesto socio-economico di         Le classi dell'Istituto sono distribuite in 8 plessi nel
provenienza degli studenti a livello di Istituto risulta    territorio comunale. Il numero di studenti (circa
di livello medio alto. L'incidenza delle famiglie           1600) e di utenti è elevato e ciò impone una attenta
svantaggiate non emerge dai dati raccolti anche se          organizzazione di Istituto. La presenza di alunni
presenti nel territorio. La quota di alunni di              stranieri, pur essendo ben assorbita nel contesto
cittadinanza non italiana dell'Istituto si aggira intorno   sociale generale, risulta concentrata in alcuni
al 20% della popolazione scolastica; questo dato è          quartieri, impegnando soprattutto i relativi plessi di
ben superiore rispetto alla provincia e al Veneto.          primaria e infanzia lì localizzati. Oltre agli alunni
Oltre agli alunni stranieri, l'Istituto accoglie il 3% di   stranieri, sono presenti nell'Istituto alunni disabili e
alunni disabili e alunni con bisogni educativi              alunni con bisogni educativi speciali che richiedono
speciali. La buona omogeneità sociale e territoriale        attenzioni particolari. L'offerta di lavoro presente nel
dell’utenza e la costante e proficua collaborazione         territorio attira le famiglie di stranieri, che comporta
con l'amministrazione del comune di Cadoneghe e             un conseguente dinamismo di accoglienza di alunni
con le associazioni del territorio facilitano la            nelle classi dell'Istituto.
progettazione e la comunicazione.

1.2 - Territorio e capitale sociale

Opportunità                                                 Vincoli

Cadoneghe ospita una popolazione occupata per la
maggior parte nei settori artigianale, industriale e
commerciale. Sono presenti limitate sacche di
disagio sociale ed economico. Il tasso di
disoccupazione della provincia di Padova rilevato da
ISTAT risulta di 4.6%, inferiore al dato rilevato per il
Veneto e la metà del dato nazionale. Il tasso di
immigrazione provinciale è pari al 10%, in linea con        La vivacità e l’attenzione che l'ente locale riserva
il Veneto e superiore al dato riferito all’Italia.          alla Scuola agisce con il desiderio di coinvolgere e
L’amministrazione comunale è molto attiva nel               far partecipare le molteplici associazioni del
contesto scolastico e lavora in collaborazione con          territorio. Ciò si sviluppa attraverso proposte di
l’Istituto: offre un servizio di assistenza sociale; un     attività scolastiche che, se adeguatamente
centro aggregativo per i ragazzi di 11-14 anni come         programmate, risultano uno stimolo continuo e
spazio di incontro; interventi domiciliari pomeridiani      positivo per tutta la comunità, ma che necessitano
extracurricolari. Nel territorio gravitano associazioni     un rigoroso rispetto dei tempi e dei bisogni didattici
(parrocchiali, sportive, musicali...) che collaborano       degli alunni/e, dei docenti e del sistema scolastico.
con la scuola. Il territorio offre ancora la Biblioteca     La complessità dell’Istituto impone la necessità di
comunale, il Centro per le famiglie, Impianti sportivi      trovare soluzioni organizzative e tempistiche
comunali e palestre. L'Amministrazione prevede un           adeguate alle molteplici attività proposte da enti e
contributo annuale per la realizzazione di progetti         associazioni del territorio.
finalizzati all'arricchimento dell'offerta formativa
relativi ad ed.ambientale, alimentare, affettiva,
musicale, alla Pace, ai Diritti umani, dispersione,
mediazione culturale, sport, laboratori. Con l’ente
locale vengono promosse iniziative per
l’orientamento, con visita alle aziende del territorio,
e per lo sviluppo di atteggiamenti etici con il

                                                                                                              pagina 2
Consiglio comunale dei ragazzi, partecipazione a
commemorazioni, diffusione della Costituzione

1.3 - Risorse economiche e materiali

Opportunità                                                   Vincoli

La scuola, oltre ai finanziamenti statali, riceve fondi
principalmente dal Comune e dalle famiglie degli
utenti. Dal 2014 sono stati attivati richieste di
finanziamento per progetti comunitari nell’ambito del
Programma Operativo Nazionale del MIUR, in
                                                              Per quanto riguarda gli edifici scolastici, si ravvisa la
risposta a bandi europei FESR, per acquisizione di
                                                              necessità di azioni di restauro e ammodernamento
risorse e attrezzature informatiche, e FSE, per
                                                              di alcuni plessi e la previsione di investimento di
progetti didattici di ampliamento dell’offerta
                                                              maggiori risorse per la cura degli arredi interni ed
formativa. I plessi sono dotati di LIM e aule
                                                              esterni. Le attrezzature informatiche in uso da anni
informatiche. Tutto l’Istituto utilizza il registro
                                                              nei plessi necessitano di sostituzione con acquisto
elettronico e le comunicazioni sono informatizzate.
                                                              di macchine efficienti e adeguate al lavoro dei
C’è ampia diffusione di applicazioni didattiche
                                                              docenti e degli alunni; infatti la situazione attuale si
digitali con formazione di docenti ed alunni in
                                                              presenta non ottimale: alcuni computer e tablet sono
ambiente Google Suite. La rete WIFI nelle scuole è
                                                              a volte poco adeguati rispetto alle esigenze che le
stata potenziata e la copertura risulta buona nella
                                                              attività didattiche dei ragazzi necessitano. La
maggioranza dei plessi. La scuola, inoltre,
                                                              dotazione tecnologica implica a livello strutturale di
promuove collaborazioni con enti pubblici (CONI,
                                                              Istituto la necessità di un tecnico specializzato
Protezione Civile, C.N. Artigiani, ETRA, …) e privati
                                                              (anche da condividere tra scuole di rete) che si
(aziende, associazioni, Alì, Despar, Coop,
                                                              occupi dei dispositivi informatici e della loro
Immergas…), che offrono gratuitamente materiali,
                                                              manutenzione. Gli uffici amministrativi sono dislocati
strumenti scolastici e interventi didattici. La qualità
                                                              in spazi esterni alle strutture scolastiche. Risultano
delle strutture è in genere buona per quanto
                                                              sacrificati, poco funzionali, non adeguati alla
riguarda gli edifici e la raggiungibilità delle sedi. La
                                                              necessaria accoglienza del personale, delle famiglie
situazione dell’Istituto relativa all’edilizia, al rispetto
                                                              degli utenti e del pubblico.
delle norme sulla sicurezza e l’attenzione al
superamento delle barriere architettoniche, è
ottimale, anche se alcuni edifici necessitano di
adeguamenti e restauri. Quattro scuole hanno
accesso a locali mensa di nuova costruzione.

1.4 - Risorse professionali

Opportunità                                                   Vincoli

Il Dirigente Scolastico dell’Istituto ha un incarico
effettivo stabile da molti anni. L’incarico di DSGA           L’assenza di docenti di sostegno specializzati
risulta vacante da più di cinque anni e ne assume le          comporta il reperimento del personale da
facenti funzioni in modo continuativo un assistente           graduatorie generiche, con l'assunzione di supplenti
amministrativo dell’Istituto. Dei circa 200 docenti in        a tempo determinato che cambiano continuamente
servizio, il 74% sono a tempo indeterminato, dato             e che non garantiscono la continuità necessaria al
pressoché in linea con il Veneto e la provincia. Con          lavoro con gli alunni con bisogni speciali. Il carico di
37% degli insegnanti di età inferiore ai 45 anni, la          lavoro del personale amministrativo è è sempre più
popolazione dei docenti risulta giovane se messa a            oneroso e gravoso e necessita di personale più
confronto con il 24% di Padova e del Veneto. La               formato e preparato. Tutto ciò non garantisce un
maggioranza dei docenti partecipa a corsi di                  fluido sviluppo delle sempre maggiori e pressanti
formazione. Parecchi docenti hanno specifiche                 incombenze che il Ministero richiede.
specializzazioni, che mettono a disposizione

                                                                                                                pagina 3
dell’Istituto.

                 pagina 4
2.1 - Risultati scolastici

Punti di forza                                                Punti di debolezza

Alla scuola primaria non c’è dispersione scolastica.
Alla secondaria di I grado i dati dell’anno 2017/18
riportano che il numero di ammessi alla classe
seconda è superiore alla media territoriale e                 Agli Esami di Stato il 31,2% degli studenti si colloca
nazionale mentre quello di ammessi alla classe                nella fascia bassa (media nazionale 21,8%) e il
terza è in linea con le medie della provincia, della          2,8% si colloca nella fascia alta (media nazionale
regione e d’Italia. Agli Esami di Stato le percentuali        6,6%). Le percentuali di studenti trasferiti in uscita
degli studenti che hanno ottenuto una votazione pari          sono superiori ai riferimenti nazionali per le classi
a 7 e a 9 sono in media con quelle nazionali.                 seconde. Dall’analisi dei dati emerge che i
Nell’anno 2017/18 il numero degli ammessi alla                trasferimenti sono dovuti a famiglie che si spostano,
classe successiva è notevolmente aumentato                    anche all'estero, per esigenze lavorative.
rispetto all’anno precedente. Le percentuali di
studenti trasferiti in uscita sono inferiori ai riferimenti
nazionali per le classi prime e terze.

                                            Rubrica di valutazione

                                       Criterio di qualità:
                                       Gli studenti della scuola portano avanti regolarmente il loro percorso di
 Situazione della Scuola
                                       studi, lo concludono e conseguono risultati soddisfacenti agli esami
                                       finali.

        -1234567+

                            Eventuale commento sul giudizio assegnato

 L’Istituto si colloca al punto 4 della rubrica di valutazione per le seguenti argomentazioni: la quota di
 studenti collocati nella fascia di punteggio alta è lievemente inferiore ai riferimenti nazionali.

2.2 - Risultati nelle prove standardizzate nazionali

Punti di forza                                                Punti di debolezza

I risultati delle prove INVALSI sia in italiano che in        I valori ESCS di riferimento in uscita dalla scuola
matematica in uscita dalle classi quinte della scuola         primaria e secondaria di I grado sono leggermente
primaria sono superiori ai riferimenti territoriali e         bassi in matematica. La percentuale di studenti delle
nazionale; nelle classi terze della scuola secondaria         classi seconde della scuola primaria, in matematica,
i risultati delle prove INVALSI di italiano sono              collocati nella categoria 1 è superiore al riferimento
superiori ai riferimenti territoriali e nazionale, mentre     nazionale e regionale. Emerge una varianza tra gli
i risultati delle prove INVALSI di matematica sono in         esiti delle prove di italiano e matematica nelle

                                                                                                              pagina 5
linea ai riferimenti territoriali e superiori a quello
nazionale. I valori ESCS di riferimento in uscita dalla
scuola primaria e secondaria di I grado sono alti in
italiano. L’effetto della scuola sui risultati degli
studenti nelle prove - italiano e matematica nella
scuola primaria - classi quinte e in italiano nella
scuola secondaria - classi terze - è pari alla media
regionale, ma il confronto tra i punteggi osservati         diverse sezioni e plessi, nei due ordini di scuola. La
dell'istituzione scolastica e il punteggio della regione    scuola non sempre riesce ad assicurare una
è sopra la media regionale. Invece l’effetto della          omogeneità a causa di fattori esterni non imputabili
scuola sui risultati degli studenti nelle prove -           all’organizzazione dell’Istituto che incidono nella
matematica scuola secondaria di I grado - classi            formazione delle classi, operando spesso una
terze è pari alla media regionale, ma il confronto tra      selezione a priori (scelta dei genitori legate al tempo
i punteggi osservati dell'istituzione scolastica e il       scuola, lingua straniera).
punteggio della regione è intorno alla media
regionale (dati tabella 2.2 c.1). La percentuale di
alunni delle classi seconde della scuola primaria
collocati nelle 5 categorie di italiano e matematica è
pari al riferimento nazionale. La percentuale di
alunni delle classi quinte collocati nei livelli più alti
sono pari per l’italiano e superiori per la matematica.

                                           Rubrica di valutazione

                                      Criterio di qualità:
                                      Gli studenti della scuola raggiungono livelli di apprendimento
Situazione della Scuola
                                      soddisfacenti in italiano e matematica in relazione ai livelli di partenza e
                                      alle caratteristiche del contesto.

                                      Il punteggio della scuola nelle prove INVALSI è superiore a quello di
                                      scuole con background socio-economico e culturale simile. La variabilità
                                      tra classi è pari a quella media o di poco inferiore, oppure alcune classi
        -1234567+                     si discostano in positivo dalla media della scuola. La quota di studenti
                                      collocata nel livello più basso è inferiore alla media regionale. L'effetto
                                      attribuibile alla scuola sugli apprendimenti è pari all'effetto medio
                                      regionale e i punteggi medi di scuola sono superiori a quelli medi
                                      regionali, oppure l'effetto scuola è superiore all'effetto medio regionale e
                                      i punteggi medi di scuola sono pari a quelli medi regionali.

                           Eventuale commento sul giudizio assegnato

L’Istituto si colloca al punto 5 della rubrica di valutazione per le seguenti argomentazioni: il punteggio della
scuola nelle prove standardizzate è superiore a quello di scuole con background socio-economico e
culturale simile relativamente all’italiano e in linea per quanto riguarda la matematica. Nella tabella 2.2.b.1
alla voce “Percentuale studenti categoria 1” tre valori su quattro sono inferiori, quindi positivi, rispetto alla
media regionale. La scelta di posizionare la scuola al valore 5 è dovuta dal fatto che i punteggi generali
sono comunque superiori o in linea con i riferimenti nazionali e territoriali. In ogni caso i dati Invalsi devono
essere letti tenendo conto delle condizioni di contesto in cui operano le scuole afferenti all’Istituto.

2.3 - Competenze chiave europee

Punti di forza                                              Punti di debolezza

                                                                                                              pagina 6
L’Istituto lavora sulle competenze chiave europee
che rafforza attraverso l’attuazione di numerosi
progetti visibili nel PTOF. L’Istituto è attento a
sviluppare adeguate competenze sociali e civiche
per far ciò si è dotato di un regolamento di disciplina
consegnato alle famiglie e discusso in tutte le classi
e del patto di corresponsabilità. Le competenze
sociali e civiche sono valorizzate attraverso attività
di educazione alla cittadinanza attiva e
responsabile, finalizzate anche alla consapevolezza
del sé e del rapporto con gli altri. La competenza
spirito di iniziativa e imprenditorialità è invece
sviluppata trasversalmente per mezzo di alcuni dei
                                                            L’Istituto deve dotarsi di strumenti rubriche di
numerosi progetti nei quali gli studenti hanno la
                                                            valutazione comuni atti a valutare l’acquisizione
possibilità di mettere in gioco le proprie capacità. Gli
                                                            delle competenze chiave in quanto i docenti per
studenti hanno acquisito competenze digitali
                                                            progetti/attività adottano strumenti non condivisi.
adeguate (capacità di valutare le informazioni
disponibili in rete, capacità di gestire i propri profili
online, capacità di comunicare efficacemente con gli
altri a distanza, ecc.). La competenza imparare ad
imparare è elaborata trasversalmente alle varie
discipline. L'Istituto utilizza il modello di
certificazione delle competenze adottato dal Miur.
Nelle classi V di scuola primaria il 46% degli alunni
raggiunge i due livelli più elevati di padronanza in
tutte e quattro le competenze chiave. Nelle classi III
della scuola secondaria il 65% degli alunni
raggiunge i due livelli più elevati di padronanza di
tutte e quattro le competenze c

                                           Rubrica di valutazione

                                      Criterio di qualità:
                                      Gli studenti della scuola acquisiscono livelli soddisfacenti nelle
 Situazione della Scuola
                                      competenze sociali e civiche, nell'imparare a imparare, nelle
                                      competenze digitali e nello spirito di iniziativa e imprenditorialità.

        -1234567+

                           Eventuale commento sul giudizio assegnato

 L'Istituto si colloca al punto 6 per le seguenti argomentazioni: il 41% degli studenti raggiunge livelli buoni è
 l’14 % raggiunge livelli ottimali in relazione ad almeno due competenze chiave tra quelle considerate
 (competenze sociali e civiche, imparare a imparare, competenze digitali, spirito di iniziativa e
 imprenditorialità). Il 65% degli studenti delle classi in uscita - 3^ secondaria di primo grado - raggiunge i
 livelli più alti nelle quattro competenze chiave europee.

2.4 - Risultati a distanza

Punti di forza                                              Punti di debolezza

                                                                                                               pagina 7
Rispetto al dato di riferimento dell'area geografica di
appartenenza e della regione: gli alunni delle classi
quinte della primaria dell’Istituto hanno ottenuto, a
tre anni di distanza, risultati superiori in italiano e
pari in matematica; gli alunni delle classi seconde
della primaria dell’Istituto hanno ottenuto, a tre anni
                                                            La scuola non ha a disposizione in piattaforma gli
di distanza, risultati superiori in italiano e in
                                                            esiti degli studenti usciti dalle scuole primarie
matematica. Gli esiti a distanza all'interno del nostro
                                                            appartenenti alla ex Direzione Didattica, a.s.
Istituto confermano quindi che, nonostante il
                                                            2014/2015, prima dell’accorpamento con l’Istituto
contesto, le azioni didattiche e i progetti finalizzati
                                                            Comprensivo.
all'apprendimento dell'italiano e della matematica
sono efficaci. I risultati ottenuti dagli studenti usciti
dalla scuola secondaria di primo grado nelle diverse
scuole secondarie di secondo grado nelle quali si
sono iscritti sono al di sopra delle medie nazionali e
territoriali.

                                           Rubrica di valutazione

                                      Criterio di qualità:
Situazione della Scuola               Gli studenti in uscita dalla scuola hanno successo nei successivi percorsi
                                      di studio e di lavoro.

                                      Per le scuole del I ciclo - I risultati degli studenti nel percorso successivo
                                      di studio sono molto positivi: in rari casi gli studenti incontrano difficoltà
                                      di apprendimento (non sono ammessi alla classe successiva, hanno
                                      debiti formativi o cambiano l’indirizzo di studio) e non ci sono episodi di
                                      abbandono degli studi nel percorso successivo. Gli studenti usciti dalla
        -1234567+                     primaria e dalla secondaria dopo due o tre anni ottengono risultati medi
                                      nelle prove INVALSI decisamente superiori a quelli medi nazionali. Per
                                      le scuole del II ciclo - I risultati raggiunti dagli studenti immatricolati
                                      all'università sono molto positivi. La percentuale di diplomati che ha
                                      acquisito più della metà di CFU dopo un anno di università è superiore ai
                                      riferimenti regionali. Nel complesso la quota di diplomati che o ha un
                                      contratto di lavoro o prosegue negli studi è decisamente superiore a
                                      quella regionale (superiore al 90%).

                                                                                                              pagina 8
3.1 - Curricolo, progettazione e valutazione

Punti di forza                                                Punti di debolezza

L’Istituto ha elaborato un curricolo verticale relativo
alle discipline, ai traguardi di competenza nei diversi
anni, competenze trasversali che costituisce parte
integrante del PTOF. Il curricolo costituisce
strumento di lavoro per i docenti, nella
progettazione dell’attività didattica e in sede di
verifica. Sono stati realizzati percorsi di
ampliamento dell’offerta formativa in accordo con il
Comune di Cadoneghe, con gli enti, le associazioni
e reti operanti sul territorio; i progetti qualificanti
sono presenti nel PTOF. Risulta elevata la
connessione tra le attività proposte dalla scuola e le
esigenze del territorio. I progetti di arricchimento
dell’offerta formativa hanno lo scopo di potenziare
competenze disciplinari e competenze-chiave
europee. Periodicamente la programmazione viene               Nel format “scheda progetto” gli obiettivi sono
effettuata da tutti i docenti in comune per                   individuati in modo chiaro, mentre le
dipartimenti disciplinari e classi parallele. All’inizio di   abilità/competenze devono essere declinate in
ogni anno scolastico i docenti condividono la                 modo puntuale. Per alcuni progetti oltre al format
progettazione di base in funzione di quanto stabilito         sopra citato è stato sperimentato l’uso di modelli
nel curricolo e questo è uno strumento efficace e             ministeriali comprendenti le abilità/competenze. I
flessibile, che permette di effettuare eventuali              docenti della scuola secondaria di primo grado
individualizzazioni e personalizzazioni rivolte agli          hanno meno occasioni di condivisione della
alunni in difficoltà. In alcuni momenti dell’anno,            progettazione e della verifica dell'azione didattica.
durante i dipartimenti e le programmazione per                L’Istituto deve dotarsi di strumenti condivisi atti a
classi parallele, si effettuano verifiche periodiche          valutare in itinere l’acquisizione delle competenze
sulle scelte adottate e si decidono eventuali                 chiave e riorganizzare la programmazione didattica
revisioni per adeguarle a nuove esigenze. Per la              in funzione dell’effettivo esercizio delle competenze
scuola primaria è previsto un progetto per il                 da parte degli studenti. L’utilizzo delle rubriche per
potenziamento degli apprendimenti che si realizza             la valutazione delle competenze non è ancora
con interventi di docenti in compresenza all’interno          diffuso capillarmente nell’Istituto, ma singoli docenti,
delle ore della disciplina da potenziare, sulla base          in alcune situazioni e per alcune attività adottano
dello screening iniziale e dei criteri definiti a livello     questo strumento di valutazione.
d’Istituto. Per la scuola secondaria di primo grado
sono previsti due volte all’anno moduli specifici per il
recupero di italiano, matematica e lingue straniere
per tutte le classi in ore extracurricolari. Il collegio
docenti utilizza criteri comuni per la valutazione in
tutte le discipline. Vengono somministrate prove
strutturate d’Istituto per classi parallele. Tali prove
vengono somministrate all’inizio dell’anno scolastico
e al termine di ogni quadrimestre ed hanno scopo
diagnostico e sommativo. Per la correzione delle
prove d’Istituto vengono adottati criteri comuni. In
seguito alla valutazione degli studenti la scuola
realizza percorsi di recupero e potenziamento con lo
scopo di promuovere il raggiungimento del
successo formativo di ciascuno.

                                            Rubrica di valutazione

                                                                                                                pagina 9
Criterio di qualità:
                                     La scuola propone un curricolo aderente alle esigenze del contesto,
Situazione della Scuola
                                     progetta attivita' didattiche coerenti con il curricolo, valuta gli studenti
                                     utilizzando criteri e strumenti condivisi.

                                     La scuola ha elaborato un proprio curricolo a partire dai documenti
                                     ministeriali di riferimento. Sono stati definiti i profili di competenze per le
                                     varie discipline e anni di corso. Le attività di ampliamento dell'offerta
                                     formativa sono inserite nel progetto educativo di scuola. Gli obiettivi e le
                                     abilità/competenze da raggiungere con queste attività sono definiti in
                                     modo chiaro. Nella scuola sono presenti referenti e/o gruppi di lavoro
        -1234567+
                                     sulla progettazione didattica e/o la valutazione degli studenti e
                                     dipartimenti disciplinari. La progettazione didattica viene effettuata in
                                     modo condiviso per ambiti disciplinari. I docenti utilizzano modelli comuni
                                     per la progettazione delle unità di apprendimento. I docenti utilizzano
                                     alcuni strumenti comuni per la valutazione degli studenti e hanno
                                     momenti di incontro per condividere i risultati della valutazione. La
                                     scuola realizza regolarmente interventi specifici a seguito della
                                     valutazione degli studenti.

                          Eventuale commento sul giudizio assegnato

L’Istituto si colloca al punto 5 della rubrica di valutazione per le seguenti argomentazioni: nel format “scheda
progetto” gli obiettivi sono individuati in modo chiaro, mentre le abilità/competenze devono essere declinate
in modo più puntuale; nella progettazione delle unità di apprendimento i docenti utilizzano modelli differenti.

3.2 - Ambiente di apprendimento

Punti di forza                                              Punti di debolezza

Nell’istituto ci sono classi a tempo pieno e a tempo
normale, alla scuola primaria, a tempo prolungato e
tempo normale alla scuola secondaria di I grado. Le
classi a tempo pieno hanno la possibilità di attuare
laboratori di approfondimento, potenziamento e
recupero con la presenza di due docenti nello               Non tutte le sedi hanno a disposizione spazi
stesso orario. L’orario è formulato nel rispetto delle      adeguati da adibire a laboratorio; in particolare i
esigenze degli alunni in particolare è garantita la         plessi di scuola primaria sono dotati di attrezzature
presenza delle discipline di italiano e matematica          insufficienti e non aggiornate (ad es. computer dei
nelle prime due ore del giorno, almeno due volte a          laboratori). Le pratiche didattiche innovative sono
settimana in ogni classe. La scuola cura gli spazi          comunque da incrementare. È necessario
laboratoriali e biblioteche scolastiche grazie alla         promuovere ulteriormente attività di formazione dei
presenza di figure di coordinamento (responsabili           docenti sull'uso delle nuove tecnologie. I fondi
del laboratorio di informatica, musica, arte, scienze       dedicati alla realizzazione delle azioni di formazione
e lingue straniere, biblioteche) e tutti gli studenti       del #PNSD sono limitati e incerti. Per quanto
hanno pari opportunità di usufruirne. La scuola             riguarda la scuola secondaria, mancano tempi
sperimenta modalità didattiche innovative quali             adeguati per il confronto sulle metodologie
cooperative learning, classi aperte, gruppi di livello.     didattiche utilizzate. Per garantire i criteri stabiliti,
L'animatore digitale predispone corsi di formazione         l’orario di lavoro di alcuni docenti risulta essere
sull'uso delle nuove tecnologie e sull'utilizzo di          abbastanza frammentato.
ambienti didattici in modalità condivisa per i docenti
sia della scuola primaria che secondaria. La
condivisione dei materiali digitali avviene anche
tramite cloud. La dotazione di LIM copre il 65% delle
aule didattiche. La scuola promuove la condivisione

                                                                                                              pagina 10
delle regole attraverso il Patto di Corresponsabilità e
i progetti curricolari finalizzati alla prevenzione del
bullismo, allo stare bene a scuola, all'educazione
alla salute e al rispetto delle regole di convivenza
civile. È attivo per tutte le famiglie e i docenti
dell’Istituto, per gli alunni di scuola secondaria lo
sportello di ascolto “Come stai?” e lo “Sportello
autismo”. Sono attivi anche gli sportelli
"Orientamento" e "DSA" come supporto alle famiglie
e ai docenti. Viene realizzato un "Progetto
Bullismo". L’88% dei docenti dichiara di essere
soddisfatto del rapporto professionale con i colleghi;
il 97% dichiara di essere soddisfatto del rapporto
degli alunni.

                                            Rubrica di valutazione

                                       Criterio di qualità:
 Situazione della Scuola               La scuola cura gli aspetti organizzativi, metodologici e relazionali
                                       dell'ambiente di apprendimento.

        -1234567+

                            Eventuale commento sul giudizio assegnato

 L'Istituto si colloca al punto 4 per le seguenti argomentazioni: nella scuola primaria gli studenti che lavorano
 in gruppi, utilizzano in modo parziale e poco assiduo le nuove tecnologie in quanto non in tutti i plessi è
 presente una dotazione informatica adeguata. La partecipazione alla formazione degli insegnanti
 relativamente alle nuove metodologie didattiche e nuove tecnologie è da incrementare.

3.3 - Inclusione e differenziazione

Punti di forza                                                Punti di debolezza

L'inclusione di alunni con disabilità è uno degli
obiettivi fondamentali dell’Istituto, il continuo
aumento di presenze di alunni con disabilità                  La mancanza di docenti di sostegno con contratto a
conferma che l’attenta costruzione di un ambiente di          tempo indeterminato crea discontinuità ed equilibrio
apprendimento organizzato e intenzionale è a                  fragile negli interventi che risultano a scadenza. Il
misura di alunni e famiglie con esigenze                      notevole coinvolgimento dell’Istituto nei processi
personalizzate. È regola consolidata il fare azioni           inclusivi e di personalizzazione degli alunni con
quotidiane di co-teaching e il predisporre la                 disabilità, non trova risposta a misura
documentazione PEI–PDF di rito, nonché la                     nell’organizzazione dei servizi ASL territoriali,
partecipazione ai GLHO dei docenti coinvolti nel              carenti di figure di riferimento. Alla scuola primaria
gruppo di apprendimento specifico. Sempre                     una parte delle ore di potenziamento sono utilizzate,
disponibile ai docenti e sempre aggiornato                    in caso di emergenza, per sostituzioni dei docenti
annualmente è il vademecum con le azioni guida da             assenti per la copertura di supplenze temporanee,
seguire. Le FS garantiscono percorsi personalizzati           in quanto le graduatorie dalle quali attingere per le
supervisionati, mediazione e coordinamento nei                sostituzioni sono esaurite.
rapporti con le famiglie e i clinici di riferimento. Attivo

                                                                                                              pagina 11
il GLHI con la presenza delle componenti previste e
sempre aggiornate sulle azioni dell’Istituto. Per gli
alunni stranieri vi è un protocollo di accoglienza. Per
offrire agli alunni stranieri un'alfabetizzazione di
base della lingua italiana, all'attività condotta dai
mediatori culturali, si affiancano ore di
potenziamento. Al termine dell'a.s. le insegnanti
redigono una relazione per ogni alunno straniero
per documentare il lavoro svolto. Per gli alunni con
bisogni educativi speciali l’Istituto garantisce lo
svolgimento di un processo formativo positivo. Gli
studenti con certificazione L.170 o con relazione
clinica hanno, un PDP condiviso dai docenti e le
famiglie. In tal modo vengono valorizzate le
peculiarità di ognuno nel rispetto del personale
processo di apprendimento, compensando e
dispensando dove vi è una reale necessità e
stimolando il processo attraverso una didattica
inclusiva, che risulta utile per l’intero gruppo classe.
Le famiglie vengono supportate dalla corretta lettura
della diagnosi, alla comprensione del disturbo e
all’utilizzo delle strategie più idonee per essere di
aiuto concreto allo sviluppo dei propri figli. Nella
classi I e II della scuola primaria viene potenziata la
lettoscrittura nell’ambito dei progetti “Insegnami
come imparo” e “So fare...anch’io”, finalizzati anche
all’individuazione precoce dei DSA. In tutte le classi
è previsto il potenziamento degli apprendimenti che
si realizza con interventi di docenti in compresenza,
sulla base delle necessità emerse dallo screening
iniziale. Nella scuola secondaria di I grado
all’interno del progetto “Dispersione” vengono
realizzati dei corsi di recupero tra agosto e
settembre e in seguito alle valutazioni
quadrimestrali, per sostenere il processo di
apprendimento in italiano, matematica e lingue
straniere. I percorsi vengono analizzati per
monitorare l’efficacia degli interventi. La scuola
secondaria favorisce il potenziamento di studenti
con particolari attitudini disciplinari con attività che
premiano l’eccellenza (concorsi letterari, giochi
matematici, certificazione Cambridge). La scuola
primaria favorisce il potenziamento degli alunni con
particolari attitudini disciplinari con la certificazione
Trinity.

                                           Rubrica di valutazione

                                      Criterio di qualità:
                                      La scuola cura l'inclusione degli studenti con bisogni educativi speciali,
Situazione della Scuola               valorizza le differenze culturali, adegua l'insegnamento ai bisogni
                                      formativi di ciascuno studente attraverso percorsi di recupero e
                                      potenziamento.

        -1234567+

                                                                                                           pagina 12
Eventuale commento sul giudizio assegnato

 L'Istituto si colloca al punto 6 per le seguenti argomentazioni: le attività proposte sono efficaci ma non
 continuative. Il frequente turn over del personale, dovuto a cause esterne alla scuola, limita il costante
 miglioramento del servizio.

3.4 - Continuita' e orientamento

Punti di forza                                               Punti di debolezza

Per garantire la continuità educativa per gli studenti
nel passaggio da un ordine di scuola all'altro
l’Istituto organizza percorsi socio-affettivi e didattici:
- incontri per organizzare le attività comuni; - incontri
per condividere obiettivi comuni con l’utilizzo di
prove di uscita e di entrata e intermedie; -
passaggio di informazioni tra nido, infanzia,
primaria, secondaria, utili alla formazione delle
classi; - monitoraggio dei risultati degli studenti
mediante screening iniziale delle competenze in
entrata e incontri di restituzione dei dati. - attività
con gli alunni: visita dei bambini nuovi iscritti alle
scuole dell’infanzia con attività di accoglienza, -
visita degli alunni dell’ultimo anno della scuola
dell’infanzia alle classi quarte della scuola primaria
con attività di lettura animata, visita e laboratorio
con gli alunni di classe V primaria alla scuola
secondaria. In alcune di queste fasi sono coinvolti
anche i genitori. Per la scuola secondaria di I grado        Pur essendoci una buona comunicazione fra ordini
l’Istituto promuove azioni di orientamento                   di scuola, non è sempre possibile intervenire nella
diversificate per una scelta della scuola secondaria         formazione delle classi in modo che siano
di II grado libera da condizionamenti familiari e/o di       omogenee. I fattori che determinano questa
gruppo e rispettosa delle inclinazioni personali.            situazione non sono attribuibili all’Istituto ma alla
L’Istituto attua: - un percorso di conoscenza di sé e        scelta dei genitori al momento dell’iscrizione, legata
delle proprie inclinazioni tenuto da una psicologa           al tempo scuola, lingua straniera e strumento
orientatrice; - numerose attività di orientamento            musicale. È previsto un solo incontro di verifica tra
finalizzate alla scelta del percorso formativo               orientatori delle scuole secondarie di I e II grado. La
successivo alcune coinvolgono realtà territoriali:           corrispondenza tra consigli orientativi e scelte
comune, CNA, aziende e figure professionali. -               effettuate nell’anno scolastico 2016/17 - sono
incontri/attività rivolti alle famiglie sulla scelta del     inferiori alla percentuale nazionale.
percorso formativo successivo, - “Sportello
Orientativo” - visita alle aziende per tutte le classi
seconde e con i professionisti un “Laboratorio del
Benessere” con parrucchieri ed estetisti per gli
alunni richiedenti delle terze; - monitoraggio degli
studenti che seguono il consiglio orientativo; -
verifica dell’efficacia delle azioni attuate tramite
questionari di gradimento. Dalla tabella 3.4.c.2
risulta una corrispondenza abbastanza buona tra i
consigli orientativi della scuola e scelte effettuate
dagli studenti. L’istituto ha stipulato tre convenzioni
di diversa tipologia: - COMUNE/CNA per
“Orientamento nel mondo del Lavoro”; - FOREMA
per WITCH_Reloaded-Network territoriale per il
diritto all'orientamento” - EQUIPE Personal.mente
Orienta per percorso Orientamento classi terze. La
scuola personalizza i percorsi per le competenze
trasversali e per l'orientamento per rispondere ai

                                                                                                             pagina 13
diversi bisogni educativi speciali organizzando
specifiche attività, visite e mini-stage, laboratori. I
docenti orientatori e dirigenti dei diversi ordini delle
scuole secondarie di II grado di Padova incontrano
alunni e genitori di classe terza per la presentazione
degli Istituti e per dare indicazioni sulle abilità
richieste in ingresso.

                                          Rubrica di valutazione

                                      Criterio di qualità:
Situazione della Scuola               La scuola garantisce la continuita' dei percorsi scolastici e cura
                                      l'orientamento personale, scolastico e professionale degli studenti.

        -1234567+

                          Eventuale commento sul giudizio assegnato

L’Istituto si colloca al punto 6 della rubrica di valutazione per le seguenti argomentazioni: la percentuale di
studenti che segue il consiglio orientativo della scuola è abbastanza buona ma non raggiunge ancora livelli
molto alti come richiesto all'indicatore successivo della rubrica di valutazione. La collaborazione tra docenti
di ordini di scuola diversi va maggiormente consolidata.

                                                                                                             pagina 14
3.5 - Orientamento strategico e organizzazione della scuola

Punti di forza                                              Punti di debolezza

La visione e la missione della scuola sono chiare,
condivise all’ interno della comunità scolastica e
rese note al territorio e alle famiglie. L’Istituto ha
definito un chiaro impianto organizzativo per
l’utilizzo delle risorse umane con l’attribuzione delle
relative responsabilità e degli incarichi, in sede di
programmazione iniziale, in modo funzionale alla
realizzazione delle attività previste dal PTOF. Il
Collegio dei Docenti si è servito delle sue
articolazioni funzionali in gruppi di lavoro o
dipartimenti, per la definizione delle scelte
curricolari, delle modalità organizzative, dei criteri e
strumenti valutativi. Il Collegio dei docenti dedica
incontri specifici alla valutazione dei processi            Il turn-over di docenti in corso d'anno, la mancanza
organizzativo-didattici e valutativi. Sono previsti poi     di docenti con specializzazione sui posti di sostegno
incontri periodici di coordinamento e verifica fra tutte    non permette un lavoro continuativo per
le figure che hanno compiti di responsabilità:              l'implementazione della mission e della vision della
Dirigente, Collaboratori, Funzioni Strumentali,             scuola a livello generalizzato. Per la scuola primaria
Animatore Digitale, Coordinatori di Plesso                  l’Istituto si trova a dover fronteggiare il problema
Coordinatori dei Consigli di Classe. Il POF indica i        della mancanza di supplenti in caso di assenze
progetti istituzionali e i progetti qualificanti            brevi dei docenti. Le cause sono da attribuire
dell’istituto con i criteri per il loro finanziamento. Si   all’insufficienza degli insegnanti nel Nord dell’Italia.
valuta la loro coerenza con gli obiettivi e le finalità     Le tempistiche per trovare i supplenti al di fuori della
dell’Istituto. Il programma annuale finanzia i progetti     regione sono lunghe e farraginose. L’Istituto ha
approvati dal Collegio dei docenti e dal Consiglio di       comunque gestito in modo adeguato l’emergenza
Istituto. I progetti più importanti registrano un           delle assenze e la copertura delle classi con docenti
elevato indice di concentrazione della spesa e              interni. La pratica della rendicontazione didattica
prevedono il coinvolgimento delle famiglie. La              esterna è ancora poco diffusa fra i docenti
maggior parte sono progetti che da tempo sono               dell’Istituto.
parte integrante del curricolo della scuola
riguardano l’orientamento, l’inclusione e attività
contro la dispersione. Alcuni progetti hanno il
supporto economico del Comune di Cadoneghe o di
enti pubblici o privati. Altri vengono attivati in
collaborazione con associazioni no-profit che
lavorano attivamente con la scuola. La scuola
monitora periodicamente lo stato di avanzamento
delle attività attraverso focus group, questionari,
incontri, prove di verifica. I progetti vengono valutati
a consuntivo attraverso relazioni di verifica dei
docenti referenti e questionari di gradimento
indirizzati a studenti, docenti e famiglie.

                                           Rubrica di valutazione

                                      Criterio di qualità:
                                      La scuola definisce la propria missione e la visione, monitora in modo
 Situazione della Scuola              sistematico le attività che svolge, individua ruoli di responsabilita' e
                                      compiti per il personale in modo funzionale e utilizza in modo adeguato
                                      le risorse economiche.

                                                                                                             pagina 15
La scuola ha definito la missione e la visione e queste sono condivise
                                      nella comunità scolastica, con le famiglie e il territorio. La scuola utilizza
                                      in modo sistematico forme strutturate di monitoraggio delle azioni, che
        -1234567+                     permettono di orientare le strategie e riprogettare le azioni.
                                      Responsabilita' e compiti del personale sono individuati chiaramente e
                                      sono funzionali alle attivita'. Tutte le spese definite nel Programma
                                      annuale sono coerenti con le scelte indicate nel Piano triennale
                                      dell'offerta formativa. Tutte le risorse economiche destinate ai progetti
                                      sono investite in modo adeguato.

                           Eventuale commento sul giudizio assegnato

 È necessario dar vita a percorsi di ricerca e innovazione all'interno della scuola. I compiti documentativi
 dovrebbero prevedere il coinvolgimento di diverse professionalità in un'ottica di confronto, condivisione, per
 una ricerca comune del senso del fare.

3.6 - Sviluppo e valorizzazione delle risorse umane

Punti di forza                                              Punti di debolezza

La scuola è attenta alle richieste di formazione del
personale, ma soprattutto alle necessità che
derivano dalla progettazione in atto. L'istituto fa
parte della rete di formazione Atena dell'ambito 20
dell'alta padovana, con cui collabora attivamente
per l'organizzazione dei percorsi formativi del
personale docente e ata e dei docenti neoassunti.
La scuola accoglie le proposte di formazione e di
autoformazione dei docenti fatta con l'aiuto di
personale interno già formato e preparato. Valuta ad
ogni inizio anno, in base alle progettazioni e alle
necessità la formazione da proporre al personale
ata ed è attenta alle varie proposte specifiche che
arrivano in corso d'anno dai vari enti o associazioni
pubblici e/o privati. Al personale nuovo la scuola fa
compilare un format che aiuta a conoscere meglio il
percorso lavorativo e un curriculum che aggiorna            È necessario riuscire a coinvolgere più docenti nella
periodicamente. Questo permette di individuare              formazione. A volte il numero chiuso dei partecipanti
competenze che possono essere utilizzate                    alla formazione di ambito impedisce l'accesso a tutti
all'interno dell'Istituto nell'assegnazione di incarichi    i docenti interessati.
e di responsabilità. L'Istituto necessita di
un'organizzazione chiara e definita e pertanto sono
costituiti gruppi di lavoro con presenze di personale
di ogni plesso: dipartimenti, gruppi di docenti per
classi parallele, gruppi di progetto, gruppi spontanei.
I gruppi di lavoro composti da docenti producono
materiali o esiti utili alla scuola che riferiscono al
collegio e raccolgono in registri degli incontri che
vengono conservati. I docenti costruiscono,
condividono strumenti e materiali didattici. C'è uno
spazio per la raccolta di questi strumenti e materiali
in piattaforma on line. Sono presenti in tutti i plessi i
referenti di attività necessarie per facilitare una
maggior comunicazione e per il buon funzionamento
del plesso. Sono costituiti gruppi di lavoro

                                                                                                              pagina 16
organizzati in: - Dipartimenti disciplinari; - Gruppi di
docenti per classi parallele; - Commissioni per la
elaborazione di documenti fruibili da tutti i docenti -
Gruppi spontanei per scambio di materiali e per
perfezionare itinerari didattici. Presenza in google di
gruppi di lavoro per facilitare gli scambi tra docenti
Gruppi spontanei di aiuto nella formazione delle
tecnologie La scuola mette a disposizione dei
docenti spazi e strumenti per i gruppi di lavoro Ogni
anno il collegio dei docenti rileva le esigenze
formative del personale e definisce le iniziative
formative opportune e predispone il piano di
formazione. Le tematiche affrontate riguardano il
curricolo e le competenze, i bisogni educativi
speciali, le tecnologie didattiche e sono in linea con
tutti i dati di benchmark. Molta attenzione è data alla
formazione sulla sicurezza a scuola e alla
formazione sul registro elettronico. La formazione e
l'autoformazione registra ricadute positive sulle
attività didattiche e sulla comunicazione e la
collaborazione tra docenti.

                                          Rubrica di valutazione

                                      Criterio di qualità:
 Situazione della Scuola              La scuola valorizza le risorse professionali, promuove percorsi formativi
                                      di qualita' e incentiva la collaborazione tra pari.

        -1234567+

3.7 - Integrazione con il territorio e rapporti con le famiglie

Punti di forza                                             Punti di debolezza

L’Istituto registra un buon livello di partecipazione a
reti con altre scuole, per realizzare attività di
formazione, per migliorare le pratiche di inclusione
di studenti con disabilità e di studenti con
cittadinanza non italiana, per accedere a
finanziamenti, per migliorare le pratiche
amministrative, per supporto a progetti di ricerca e       La partecipazione formale dei genitori alle elezioni
sperimentazione didattica e organizzativa,                 degli OO.CC. è sempre meno sentita, anche se i
consulenza giuridico- normativa. Le principali fonti di    genitori si rendono poi disponibili e sono attenti e
finanziamento sono lo Stato e gli Istituti scolastici      presenti agli organi collegiali e partecipano
aderenti. La scuola ha rapporti privilegiati con altre     numerosi alle attività che richiedono la loro
scuole, Università, l’Ente locale, Biblioteca e privati    presenza.
per la promozione di attività e progetti di
arricchimento dell’offerta formativa. Ci sono incontri
formalizzati per la programmazione comune e la
progettazione di attività con l'ente locale. Le famiglie
vengono coinvolte nella maggior parte delle attività

                                                                                                          pagina 17
proposte che le vedono protagoniste insieme ai
ragazzi. In alcuni progetti sono fondamentali per la
loro buona riuscita (vedi scambio con la Francia,
corsa campestre, feste della scuola, progetto
solidarietà per la raccolta di fondi…). Sono stati
promossi incontri per l'accoglienza, per
l’illustrazione e condivisione dei progetti del POF,
per l’accompagnamento di alcune attività, per la
verifica di altre, per la consultazione e
l’approfondimento di temi proposti dai Consigli di
Classe e Interclasse. Si organizzano incontri serali
per genitori e docenti con esperti sulle tematiche e
sulle problematiche dell’età evolutiva e
dell'adolescenza. I genitori sono informati ed invitati
alle riunioni del consiglio di Istituto. Sono previsti
momenti di coinvolgimento diretto con le giornate di
scuola aperta. Le azioni di coinvolgimento dei
genitori nelle attività registra un livello medio-alto di
risposta. Le famiglie possono accedere
quotidianamente al registro elettronico (Primaria e
Secondaria) per avere una puntuale informazione
sul percorso educativo-didattico svolto in classe, al
sito web per conoscere le informazioni e/o
comunicazioni dell’Istituto e delle singole scuole.

                                           Rubrica di valutazione

                                       Criterio di qualità:
                                       La scuola svolge un ruolo propositivo nella promozione di politiche
Situazione della Scuola
                                       formative territoriali e coinvolge le famiglie nella definizione dell'offerta
                                       formativa e nella vita scolastica.

        -1234567+

                                                                                                                pagina 18
RISULTATI NELLE PROVE STANDARDIZZATE NAZIONALI

Priorità                                                     Traguardo
Migliorare i risultati delle prove Standardizzate            Avvicinarsi alla media nazionale nei risultati degli
Nazionali di matematica per gli item dell’area “Dati         items “Dati e previsioni” delle prove standardizzate
e previsioni” per gli alunni di classe seconda della         Nazionali delle classi seconde della scuola
scuola primaria.                                             primaria con un intervallo di accettabilità del 5%.

 Obiettivi di processo collegati alla priorità e al traguardo
  1. Curricolo, progettazione e valutazione
Programmare per classi parallele due verifiche quadrimestrali di matematica comuni a tutte le classi della
scuola primaria relative al nucleo fondante “Dati e previsioni”.
  2. Sviluppo e valorizzazione delle risorse umane
Attuare percorsi formativi su metodologie didattiche della matematica rivolte ai docenti di tutte le classi della
scuola primaria e sezioni della scuola dell’infanzia.

                               COMPETENZE CHIAVE EUROPEE

Priorità                                                     Traguardo
Realizzare ed applicare uno strumento di                     Aver realizzato ed applicato una rubrica di
valutazione per la competenza ”Imparare a                    valutazione per la competenza “Imparare a
imparare” in tutte le classi seconde o terze della           imparare” in tutte le classi seconde o terze della
scuola secondaria di primo grado.                            scuola secondaria di primo grado.

 Obiettivi di processo collegati alla priorità e al traguardo
  1. Curricolo, progettazione e valutazione
Stabilire criteri comuni per valutare l'acquisizione della competenza “Imparare ad imparare” per le classi
seconde e terze della scuola secondaria di I grado
  2. Sviluppo e valorizzazione delle risorse umane
Implementare autoformazione per redigere rubriche di valutazione per le classi seconde e terze della scuola
secondaria di I grado

                                                                                                            pagina 19
Puoi anche leggere
DIAPOSITIVE SUCCESSIVE ... Annulla