POTENZIAMENTO DEI SERVIZI DIAGNOSTICI PER IL CONTROLLO DELL'INFEZIONE HIV-AIDS NEI DISTRETTI DI NYANDARUA E LAIKIPIA KENYA - Nyahururu, Maggio 2005

 
POTENZIAMENTO DEI SERVIZI DIAGNOSTICI PER
  IL CONTROLLO DELL’INFEZIONE HIV-AIDS

             NEI DISTRETTI DI

          NYANDARUA E LAIKIPIA

                   KENYA

            Nyahururu, Maggio 2005
INDICE

          Acronimi

1         Presentazione ONG promotrice

2       Presentazione dell’iniziativa
      1 Dati di sintesi
      2 Oggetto
      3 Schema logico (Log Frame)

3         Contesto
      1   Contesto nazionale
      2   Quadro settoriale e territoriale
      3   Problemi da risolvere
      4   Controparte, beneficiari e altri attori
      5   Documentazione: metodologia di analisi e base conoscitiva

4         Strategia di intervento
      1   Obiettivo generale
      2   Obiettivo specifico
      3   Risultati attesi
      4   Attività

5         Rischi esterni e garanzie di sostenibilità

6       Realizzazione dell’intervento
      1 Metodologie specifiche di intervento
      2 Risorse umane, fisiche e finanziarie
      3 Cronogramma

7       Monitoraggio e valutazione
      1 Definizione degli indicatori
      2 Modalità di attuazione

8         Stima dei costi e piano finanziario

9         Allegati

Potenziamento dei servizi diagnostici per il controllo dell’infezione HIV nei distretti sanitari di Nyandarua e
Laikipia, Kenya

                                                                                                                  2
ACRONIMI

ACP               African Carribean Pacific
AIDS              Acquired Immuno Deficiency Syndrome
CUAMM             Collegio Universitario Aspiranti Medici e Missionari
DOT               Directed Observed Therapy
HID               Human Development Index
HIV               Human Immunodeficiency Virus
MAE               Ministero Affari Esteri
ONG               Organizzazione non Governativa
ONU               Organizzazione Nazioni Unite
PIL               Prodotto Interno Lordo
PMTCT             Prevention Mother To Child Transmission
STD               Sexually Transmitted Diseases
UMMB              Uganda Muslim Medical Bureau
UNDP              United Nation Development Programme
VCT               Voluntary Counselling and Testing
WHO               World Health Organisation
KEC               Kenya Episcopal Conference
CHAK              Christian Health Association of Kenya
MEDS              Mission for Essential Drugs and Supplies
UNAIDS            United Nations Programme on HIV-AIDS

Potenziamento dei servizi diagnostici per il controllo dell’infezione HIV nei distretti sanitari di Nyandarua e
Laikipia, Kenya

                                                                                                                  3
1.       PRESENTAZIONE ONG PROMOTRICE CUAMM

1        Denominazione                        C.U.A.M.M. – Fondazione Opera San Francesco
                                              Saverio

2        Sede legale                          Padova, Via S. Francesco, 126

3        Stato giuridico                      Fondazione di religione

4        Riconoscimento d’idoneità (art. 28 legge n. 49/87)

a) Idoneità per la realizzazione di programmi a medio e breve termine nei Paesi in via di
Sviluppo.
- Decreto n. 0007 del 22/06/1972
- riconferma idoneità con Decreto n. 1988/128/004187/2D del 14/09/1988

b) Idoneità per selezione, formazione e impiego di volontari in servizio civile.
- Decreto n. 0007 del 22/06/1972
- riconferma idoneità con Decreto n. 1988/128/004187/2D del 14/09/1988

c) Idoneità per formazione in loco dei cittadini di paesi in via di sviluppo.
- Decreto del 16/05/1995

d) Idoneità per informazione.
- Decreto n. 0007 del 22/06/1972
- riconferma idoneità con Decreto n. 1988/128/004187/2D del 14/09/1988

5        Dati statistici

a)       n. progetti MAE finanziati a partire dalla prima idoneità ottenuta:

                            Promossi          Affidati              Emergenza,
                              ONG                                 Straordinari, FAI
          In corso              7                  2                     0
          Conclusi             53                 22                     7
          Totale               60                 24                     7

b)       n. di volontari ai sensi delle leggi 1222/71, 38/79, 73/85 e 49/87:
          - contratti in corso     8
          - conclusi              876
          - totale                884

c)       n. di cooperanti ai sensi delle leggi 73/85 e 49/87:
          - contratti in corso    21
          - conclusi             231
          - totale               252

Potenziamento dei servizi diagnostici per il controllo dell’infezione HIV nei distretti sanitari di Nyandarua e
Laikipia, Kenya

                                                                                                                  4
6        Dati finanziari

         Entrate negli ultimi tre anni di esercizio

                    FONTI                   Esercizio 2001            Esercizio 2002            Esercizio 2003
                                             Lit. x 1.000                 Euro                      Euro
          1 Fondi MAE                              1.476.955               895.174,00              1.431.144,19
          2 Fondi UE                                 188.945               507.418,00                682.769,22
          3 Altri donatori pubblici                  179.744                50.711,00                 51.590,17
          4 Donatori privati                       5.110.721             2.987.366,00              2.913.956,74
          Totale                                   6.956.365             4.440.669,00              5.079.460,32

         Uscite negli ultimi tre anni di esercizio

                        RUBRICA             Esercizio 2001 Esercizio 2002 Esercizio 2003
                                             Lit. x 1.000         Euro         Euro
          1 Informazione                            617.984      330.734,00   397.118,61
          2 Educazione allo sviluppo                       0           0,00          0,00
          3 Formazione in loco di cittadini       (*) 15.731 (*) 182.112,00  (*) 9.209,21
          dei PVS
          4 Realizzazione di programmi a          4.190.418   2.992.690,00  3.473.134,50
          medio e breve termine nei PVS
          5 Selezione, formazione e                 834.836      432.309,00   718.950,64
          impiego di volontari nei PVS
          Totale                                  5.658.969   3.937.845,00  4.598.412,96

(*) non sono compresi i costi di formazione provenienti da spese sostenute direttamente
in loco

         Tipologia dei progetti complessivamente realizzati dal CUAMM

         Stato e tipologia dei Progetti

             Progetti           Promossi              Affidati              Altre
                                  MAE                  MAE               tipologie
          In corso                  7                    2                   21
          Conclusi                 53                   22                   15

         Numero dei progetti della ONG per aree geografiche e per settore

               Sede               Africa Sub-Sahariana
          Settore                         Sanità
          N. progetti                      120

         Numero dei progetti per fonte di finanziamento e per settore

                              ONG (prom.)         MAE (affid.)              UE             ORG. INT.              ALTRI
          Sanità                  60                 24                      7               12                    17

Potenziamento dei servizi diagnostici per il controllo dell’infezione HIV nei distretti sanitari di Nyandarua e
Laikipia, Kenya

                                                                                                                  5
2.       PRESENTAZIONE DELL’INIZIATIVA

2.1.     DATI DI SINTESI

•   TITOLO DEL PROGETTO: Potenziamento dei servizi diagnostici per il controllo
    dell’infezione HIV nei distretti sanitari di Nyandarua e Laikipia, Kenya

•   PAESE E LOCALITA’ DELL’INTERVENTO: Kenya, Provincia Central e Provincia Rift
    Valley, Distretti di Laikipia-Ovest e Nyandarua.

•   DURATA PREVISTA: 3 anni.

•   ALTRI ORGANISMI CO-FINANZIATORI: Il CUAMM si impegna a coprire i costi del
    progetto con risorse e iniziative autonome.

•   CONTROPARTE LOCALE: Diocesi di Nyahururu, Kenya Episcopal Conference
    (KEC)

•   ALTRI PROGETTI DELLA ONG NEL PAESE E NELLA REGIONE:

1. Programma di riabilitazione su base comunitaria per bambini con disabilità
   (Nyahururu)
Durata: 2004 - 2007
Obiettivi progettuali:
Accrescere le competenze all’interno delle comunità per ridurre l’incidenza della disabilità
e migliorare le condizioni di vita dei bambini con disabilità
Attività previste/realizzate:
- Riabilitazione fisica di bambini disabili,
- potenziamento della rete dei servizi, composta da operatori professionali e volontari
- coinvolgimento delle famiglie nella riabilitazione dei bambini disabili
- miglioramento della prevenzione, attraverso la formazione delle ostetriche tradizionali
   ed il coinvolgimento dei servizi sanitari della zona

2. Programma di Sviluppo Comunitario per persone con disabilità (Nyahururu)
Durata: 2001 - 2004
Obiettivi progettuali:
Ridurre l’incidenza della disabilità e migliorare le condizioni di vita dei bambini disabili
nell’area interessata
Attività realizzate:
- Costruzione di due centri fisioterapici,
- potenziamento della rete dei servizi, composta da operatori professionali e volontari
- coinvolgimento delle famiglie nella riabilitazione dei bambini disabili
- miglioramento della prevenzione, attraverso la formazione delle ostetriche tradizionali
    ed il coinvolgimento dei servizi sanitari della zona

Potenziamento dei servizi diagnostici per il controllo dell’infezione HIV nei distretti sanitari di Nyandarua e
Laikipia, Kenya

                                                                                                                  6
3. Programma di Cooperazione Sanitaria: Distretto di Meru – Ospedale di Nkubu
Durata: 1990 - 1993
Obiettivi progettuali:
- Migliorare la qualità delle prestazioni sanitarie nell’Ospedale di Nkubu ed adeguarlo
    alla funzione di Ospedale di riferimento per il territorio di competenza;
- potenziare le strutture della rete sanitaria periferica al fine di offrire un’assistenza di
    base in tutta la zona servita dall’Ospedale;
- sostenere l’attività di prevenzione e sanità pubblica estendendo gli interventi di tutela
    della salute materno-infantile e di vaccino e profilassi a tutto il territorio di competenza
    dell’Ospedale di Nkubu;
- favorire il processo di autosufficienza sanitaria mediante la formazione di personale
    ospedaliero qualificato e la selezione e preparazione di operatori sanitari periferici.
Attività realizzate:
- Miglioramento del servizio ospedaliero di Chirurgia, Ostetricia, Pediatria, Medicina
    generale e dell’Ambulatorio esterni dell’Ospedale;
- potenziamento dei servizi diagnostici di laboratorio dell’Ospedale mediante la
    fornitura di nuova attrezzatura;
- estensione delle attività di Sanità Pubblica e di prevenzione coinvolgendo la
    popolazione dei villaggi con la “Community Based PCH”, in particolare tramite la
    costituzione di Comitati di Salute, la selezione e preparazione di operatori sanitari di
    villaggio e di levatrici tradizionali;
- formazione continua e specializzazione del personale sanitario dell’Ospedale;
- miglioramento delle strutture edilizie ospedaliere tramite la ristrutturazione
    dell’ospedale di Pediatria, della cucina e della lavanderia;
- costruzione degli alloggi della Scuola di Enrolled Community Nurse;
- costruzione di un Health Centre a Mukothima e ampliamento del Dispensario di
    Gatunga, per intensificare la rete dei Centri sanitari periferici.

4. Programma di Cooperazione Sanitaria: Distretto di Nyandarua – Ospedale di
North Kinangop
Durata: 1990 - 1993
Obiettivi progettuali:
- Migliorare i servizi diagnostici e curativi dell’Ospedale allo scopo di renderli adeguati
   alle sue funzioni di centro di riferimento per la rete sanitaria e centro didattico per la
   scuola di “Registered Community Nurses”;
- introdurre nuove attività preventive e promotive della salute e consolidare quelle già
   esistenti a favore delle fasce di popolazione più a rischio e a supporto della
   componente didattica della scuola di “Registered Community Nurses”;
- incrementare l’attività di formazione dei quadri paramedici locali soprattutto di
   “Registered Community Nurses”.
Attività realizzate:
- Costruzione e ristrutturazione di nuovi edifici necessari all’Ospedale nelle sua nuova
   funzione di Centro di training per la scuola di “Registered Community Nurses”;
- partecipazione alla formazione degli allievi della scuola di “Registered Community
   Nurses”;
- costruzione nell’Ospedale di un Servizio di Sanità Pubblica in collaborazione con le
   autorità sanitarie del distretto;
Potenziamento dei servizi diagnostici per il controllo dell’infezione HIV nei distretti sanitari di Nyandarua e
Laikipia, Kenya

                                                                                                                  7
-   riorganizzazione del sistema informativo relativo all’Ospedale e alla Sanità Pubblica
    a supporto delle attività di programmazione e valutazione.

2.2.     OGGETTO

Il progetto mira ad aumentare l’offerta e l’accessibilità dei servizi diagnostici per il
controllo dell’infezione HIV e dell’AIDS nei Distretti di Laikipia-Ovest e Nyandarua in
Kenya, attraverso la realizzazione di un laboratorio diagnostico, attività dirette da
svolgersi sul territorio, nonché l’integrazione dei servizi sanitari diocesani non for profit
con l’offerta distrettuale.

L’obiettivo generale consiste nel contribuire a migliorare le condizioni di salute della
popolazione dei Distretti di Laikipia-Ovest e Nyandarua.

L’obiettivo specifico consiste nell’assicurare alla popolazione dei distretti di Laikipia-
Ovest e Nyandarua servizi diagnostici adeguati -in termini di dimensionamento, qualità e
costo- per il controllo dell’infezione HIV e dell’AIDS, anche atraverso il rafforzamento dei
servizi sanitari non profit della diocesi di Nyahururu e della loro integrazione con l’offerta
pubblica.

Il progetto è coerente con gli obiettivi strategici identificati dai documenti di politica
sanitaria nazionale e dai documenti programmatici relativi alla partnership fra Ministero
della Salute (MOH) e servizi sanitari della Chiesa, cui è riconosciuto un ruolo
fondamentale nell’offerta di servizi sanitari. A questo proposito nel settembre 2004 sono
stati sottoscritti dal MOH i Terms of References (TORs) della collaborazione con Kenya
Episcopal Conference (KEC), Christian Health Association of Kenya (CHAK) e Mission
for Essential Drugs and Supplies (MEDS), definiti da un gruppo di lavoro
specificatamente costituito (TWG – Technical Working Group). In linea con quanto
stabilito dai documenti di cui sopra, il presente progetto intende contribuire a sostenere gli
interventi di adeguamento e potenziamento dei servizi sanitari nell’ambito delle attività
HIV/AIDS correlate.

A fronte di un’offerta indeguata in termini di dimensionamento e qualità, la domanda di
servizi diagnostici per pazienti HIV-AIDS è costantemente in aumento con la
conseguente necessità di far crescere rapidamente nuove capacità professionali, nuovi
servizi correlati a tutto l’iter preventivo, diagnostico e terapeutico dell’infezione. Queste
sfide si fanno sentire in modo particolarmente acuto nelle strutture ospedaliere, chiamate
sempre più a realizzare programmi impegnativi di assistenza. I recenti sviluppi sul fronte
dell’epidemia HIV/AIDS, ad esempio, (avvio dei programmi di counselling e di
prevenzione della trasmissione madre-bambino dell’HIV e dei trattamenti antiretrovirali)
presentano molte carenze e non riescono a soddisfare tutta la domanda presente né
tanto meno a far emergere quella sommersa. Molti ospedali, infatti, non sono in grado di
soddisfare le esigenze diagnostiche di laboratorio per pazienti HIV e per le malattie
correlate; mancano, inoltre, interventi di riqualificazione del personale, e
dell’organizzazione del lavoro e dell’assitenza capaci di rispondere al meglio ai bisogni
dei malati di AIDS.

Non a caso, l’azione di coordinamento svolta dagli uffici sanitari diocesani, garantisce
l’integrazione di tutti gli operatori ed i quadri dirigenti delle unità sanitarie. Questi uffici, di
relativa recente attivazione, svolgono infatti un ruolo centrale e sempre più viene loro
riconosciuto il compito di rappresentare autorevolmente i servizi sanitari diocesani presso
Potenziamento dei servizi diagnostici per il controllo dell’infezione HIV nei distretti sanitari di Nyandarua e
Laikipia, Kenya

                                                                                                                  8
le amministrazioni e gli uffici sanitari distrettuali. Purtroppo la sostenibilità materiale di
questi uffici resta ancor oggi un punto critico: mancano a tutt’oggi linee di finanziamento
governativo loro dedicate, e molto limitato è il supporto che possono ricevere dalle unità
sanitarie che coordinano. Per assicurare la loro piena efficienza operativa nel medio
termine è indispensabile assicurare loro un sostegno esterno.

Gli interventi previsti sono finalizzati a:
• Assicurare la piena funzionalità di un laboratorio per la diagnosi e la terapia
     dell’infezione da HIV (interventi strutturali di riabilitazione, fornitura di attrezzature,
     equipaggiamento e materiale d’uso).
• Realizzare un sistema che permetta l’accesso ai test di laboratorio alle persone che
     vivono in ambito rurale (organizzare unità mobili di prelievo dei campioni e di
     esecuzioen dei test)
• Assicurare lo sviluppo delle risorse umane dedicate alle attività diagnostiche e di
     couseling
• Coordinare le attività del laboratorio e dei servizi sanitari diocesani con il sistema
     sanitario distrettuale
• Raccogliere e sitematizzare i dati e le informazioni relative all’infezione HIV-AIDS nei
     distretti oggetto di intervento
• Consentire una crescita dell’accessibilità dei servizi diagnostici applicando tariffe
     sostenibili anche alle fasce di popolazione più povere

Il progetto è coerente con la politica sanitaria dei distretti coinvolti ed ha già ricevuto
l’approvazione e l’apprezzamento delle rispettive autorità amministrative e sanitarie.

Potenziamento dei servizi diagnostici per il controllo dell’infezione HIV nei distretti sanitari di Nyandarua e
Laikipia, Kenya

                                                                                                                  9
2.3.    SCHEMA LOGICO

Obiettivo Generale          Migliorare le condizioni di salute della popolazione dei Distretti di Laikipia-Ovest e Nyandarua in Kenya

Obiettivo specifico         Assicurare alla popolazione dei distretti di Laikipia-Ovest e Nyandarua servizi diagnostici adeguati -in termini di
                            dimensionamento, qualità e costo- per il controllo dell’infezione HIV e dell’AIDS, anche atraverso il rafforzamento dei
                            servizi sanitari non profit della diocesi di Nyahururu e della loro integrazione con l’offerta pubblica.

             Risultati                             Attività                             Indicatori                       Fonti di verifica

1. Un laboratorio per la diagnosi -      Realizzare interventi di          -   Mq ristrutturati                 -   Relazioni sullo stato di
   dell’infezione HIV, per il            ristrutturazione di un edificio                                            avanzamento dei lavori
   monitoraggio della terapia            dismesso (ex informal school)                                              elaborate dal tecnico-
   antiretrovirale ed il trattamento     da adibire a laboratorio                                                   ingegnere
   delle più frequenti condizioni
   correllate all’AIDS riabilitato,                   ***                                   ***                                  ***
   equipaggiato e organizzato per -      Integrare l’equipaggiamento e     -   Quantità e tipologia            -    Relazioni di progetto
   servire la popolazione dei            fornire materiale di consumo          dell’equipaggiamento e del
   distretti di Laikipia-Ovest e     -   Garantire l’acquisto di               materiale di consumo fornito al
   Nyandarua                             reagenti, combustibile,               laboratorio
                                         stationery, ecc..

                                                         ***                                 ***                                 ***
                                     -   Reclutare, formare e retribuire -     N° personale dedicato alle       -   Relazioni di progetto
                                         1 laboratorista ed un aiuto           attività del progetto con
                                         laboratorista locale                  regolare inquadramento
                                     -   Reclutare e retribuire 1 tecnico      contrattuale e retributivo
                                         di laboratorio espatriato        -    Numero e tipologia di borse di
                                         cooperante B di supporto              studio assegnate
                                         all’attività diagnostica
                                     -   Reclutare e retribuire 1 Health
                                         Assistant per l’igiene degli
                                         ambienti e il trattamento dei
                                         rifiuti infetti
                                     -   Reclutare, formare e retribuire
1 cousellor
                                          -    Reclutare e retribuire 1 addetto
                                               al front office
                                          -    Reclutare e retribuire 1 addetto
                                               alle pulizie
                                                                                                         ***                                     ***
                                                                                     -    N° di pazienti che eseguono la -        Registri clinici
                                                                                          diagnostica specialistica per    -      Dati di attività del laboratorio
                                                           ***
                                                                                          HIV                              -      Rapporti        trimenstrali     di
                                          -   Garantire l’esecuzione dei
                                                                                     -    N° di determinazioni per                monitoraggio
                                              seguenti esami:
                                                                                          paziente per anno
                                          Conta dei Linfociti CD4+;
                                                                                     -    Tasso di copertura della
                                          Emocromo completo;
                                                                                          diagnostica specialistica
                                          Funzionlaità epatica;
                                                                                          (persone che accedono al
                                          Funzionalità renale/Creatinina e
                                                                                          laboratorio sul totale delle
                                          azotemia;
                                                                                          persone con infezione da HIV
                                          Funzionalità pancreatica
                                                                                          stimate) diversificato per zona
                                          (amilasemia);
                                                                                          rurale e urbana
                                          Marcatori epatitici (HBV
                                                                                     -    N° di test HIV effettuati
                                          sopattutto);
                                                                                     -    N° di persone entrate in
                                          Sierologia per Lue;
                                                                                          programmi di assistenza
                                          Diagnostica microscopica per
                                                                                     -    N° e tipo test effettuati
                                          malaria e TB.
                                                                                     -    % di donne gravide che hanno
                                                                                          accettato/rifiutato il test HIV
                                                                                     -    Copertura del test rispetto alle
                                                                                          gravide attese nel territorio
                                                                                     -    N° di pazienti HIV+ che
                                                                                          accedono ai servizi di
                                                                                          laboratorio specialistici
                                                                                     -    N° determinazioni
                                                                                          Cd4/pazienti/anno
                                                                                     -    Utilizzo di linee guida per il
                                                                                          trattamento delle più comuni
                                                                                          affezzioni del paziente con
                                                                                          AIDS

Potenziamento dei servizi diagnostici per il controllo dell’infezione HIV nei distretti sanitari di Nyandarua e Laikipia, Kenya

                                                                                                                12
2. Un servizio mobile di raccolta         -    Fornire due motocicli ed una    -          Quantità e tipologia                    -   Relazioni di progetto
   e trasporto di campioni                     automobile per effettuare il               dell’equipaggiamento e del              -   Libri contabili
   biologici per l’esecuzione dei              servizio mobile                            materiale di consumo
   test alla popolazione HIV+             -    Integrare l’equipaggiamento e              distribuito ai centri di salute
   organizzato e gestito per                   fornire materiale di consumo ai            rurali
   servire la popolazione delle                centri di salute rurali
   zone rurali dei distretti di
   Laikipia-Ovest e Nyandarua

                                                            ***                                        ***                                           ***
                                          -    Organizzare unità mobili di           -    N° di uscite delle unità mobili         -   Registri clinici dei centri di
                                               raccolta e trasporto dei              -    N° campioni biologici raccolti              salute
                                               campioni biologici dai centri di      -    N° casi pazienti sottoposti a           -   Dati di attività delle unità mobili
                                               salute al laboratorio                      trattamento ARV riferiti al             -   Rapporti trimenstrali di
                                          -    Promuovere l’esecuzione di                 laboratorio                                 monitoraggio
                                               counselling e testing per HIV         -    Quantità e tipologia di
                                          -    Promuovere interventi di                   materiale informativo
                                               prevenzione e diagnosi delle               distribuito
                                               principali patologie correllate       -    Numero e tipologia dei
                                               all’AIDS                                   corsi/interventi di formazione
                                          -    Fornire consulenza e                       on the job organizzati
                                               formazione on the job al
                                               personale addetto al controllo
                                               HIV-AIDS operante nei centri
                                               di salute

3. L’Ufficio di coordinamento dei         -    Realizzare interventi di              -    Mq ristrutturati                        -   Relazioni di progetto
   servizi sanitari della diocesi di           ristrutturazione di un edificio                                                    -   Relazioni sullo stato di
   Nyahururu organizzato per                   dismesso (ex informal school)                                                          avanzamento dei lavori
   assicurare la piena operatività             da adibire a laboratorio                                                               elaborate dal tecnico-
   dei servizi territoriali di sua                                                                                                    ingegnere
   competenza e l’integrazione                              ***                                        ***                                         ***
   coi servizi distrettuali.              -    Equipaggiare l’Ufficio e fornire      -    Quantità e tipologia
                                               un automobile per le                       dell’equipaggiamento e del
                                               attività/spostamenti del                   materiale di consumo

Potenziamento dei servizi diagnostici per il controllo dell’infezione HIV nei distretti sanitari di Nyandarua e Laikipia, Kenya

                                                                                                                13
coordinatore                               distribuito
                                          -    Fornire materiale di cancelleria
                                               e di consumo

                                                             ***                                        ***                                       ***

                                          -    Reclutare, formare e retribuire
                                               1 Coordinatore Diocesano per
                                               l’ufficio di Nyahururu
                                          -    Inviare un medico espatriato
                                               coop A consulente del
                                               coordinatore sanitario
                                               diocesano per tre mesi
                                               all’anno
                                          -    Reclutare e retribuire 1
                                               segretaria per l’Ufficio di
                                               coordinamento diocesano
                                          -    Reclutare e retribuire 1 autista
                                               per le attività del
                                               coordinamento sanitario
                                               diocesano
                                          -    Reclutare e retribuire 1
                                               personale per la pulizia
                                               dell’ambiente

                                                             ***                                        ***                                        ***
                                          -    Produrre       un     censimento -                                                 -   Piani d’azione annuali
                                               realistico (banca dati) di tutte                                                   -   Sistema informativo sanitario
                                               le attività sanitarie Diocesane,                                                       diocesano (HMIS)
                                               delle loro aree di riferimento,                                                    -   Banca dati dei servizi sanitari
                                               del loro assetto istituzionale,
                                               del volume di attività e
                                               dell’assetto finanziario
                                          -    Gestire i rapporti istituzionali

Potenziamento dei servizi diagnostici per il controllo dell’infezione HIV nei distretti sanitari di Nyandarua e Laikipia, Kenya

                                                                                                                14
tra la diocesi e le sue istituzioni
                                               che      operano      in   campo
                                               sanitario con l’ufficio sanitario
                                               del catholic secretariat
                                          -    Elaborare (o partecipare con le
                                               varie istituzioni diocesane)
                                               piani di lavoro annuali piani
                                               operativi annuali per le attività
                                               dei servizi sanitari diocesani
                                          -    Coordinare le attività delle
                                               varie istituzioni diocesane in
                                               modo            da         evitare
                                               sovrapposizioni e favorirne la
                                               sinergia di intervento in modo
                                               da amplificarne l’efficacia
                                          -    Partecipare alla valutazione
                                               dei programmi in corso,
                                               fornendo poi i risultati all’ufficio
                                               sanitario del catholic secretriat
                                          -    Fungere da interlocutore con i
                                               rappresentanti del ministero
                                               della salute Kenyota, sia a
                                               livello locale (DHO) sia a livello
                                               centrale
                                          -    Fornire assistenza tecnica ai
                                               servizi sanitari distrettuali
                                          -    Sviluppare procedure di
                                               raccolta dati e monitoraggio
                                               dell’infezione
                                          -    Promuovere l’adozione di
                                               standard qualitativi per i servizi
                                               sanitari diocesani

3.4. Cittadini del territorio senese      -    Organizzare eventi, tavole             -   N e tipologia degli eventi              -   Relazioni di attività della
sensibilizzati in merito alle                  rotonde, incontri ed attività di           organizzati                                 ONLUS Jenga Insieme
problematiche degli aiuti                      comunicazione                          -   N persone sensibilizzate

Potenziamento dei servizi diagnostici per il controllo dell’infezione HIV nei distretti sanitari di Nyandarua e Laikipia, Kenya

                                                                                                                15
internazionali allo sviluppo, alla                                                   -    Quantità e tipologia materiale
realtà socio economica del Kenya,                                                         distribuito
alle attività del Cuamm-Jenga e
alla presente iniziativa, oggetto di
eventuale contributo da parte da
parte della Fondazione MPS.

Potenziamento dei servizi diagnostici per il controllo dell’infezione HIV nei distretti sanitari di Nyandarua e Laikipia, Kenya

                                                                                                                16
3.      CONTESTO

3.1. ORIGINI DELL’INIZIATIVA

3.1. CONTESTO NAZIONALE
Kenya (nome ufficiale Jamhuri ya Kenya, Repubblica del Kenya)
Stato dell'Africa orientale, delimitato a nord dal Sudan e dall'Etiopia, a est dalla Somalia e
dall'oceano Indiano, a sud dalla Tanzania, a ovest dal lago Vittoria e dall'Uganda.
Ha una superficie di 582.646 km² e un’estensione costiera di 536 km. La capitale è
Nairobi.
Popolazione
Il paese ha una popolazione di 32.021.856 abitanti (2004), con una densità media di 56
unità per km² e un tasso di urbanizzazione del 35%. La popolazione è suddivisa in più di
settanta etnie, appartenenti a quattro famiglie linguistiche: i bantu, i nilotici, i paranilotici e
i cusciti. Attualmente l'etnia più numerosa è rappresentata dal gruppo bantu dei kikuyu
(21% della popolazione); altri gruppi relativamente numerosi sono i luhya (14%), i kamba
(11%), tutti di lingua bantu, i luo (13%), di lingua nilotica, e i kalenjin (11%), paranilotici.
Nel paese vivono inoltre esigue minoranze di asiatici, europei e arabi.
Distribuzione per età:
    • 0-14 anni : 40.6% (male 6,575,409; female 6,430,218)
    • 15-64anni : 56.5% (male 9,126,847; female 8,962,905)
    • 65 anni ed oltre : 2.9% (male 399,050; female 527,427)

Lingua e religione
La lingua ufficiale è lo swahili; tra gli indigeni sono diffusi il kikuyu, il luo e il kamba (altre
Lingue africane). La popolazione kenyota è per il 38% protestante, per il 28% cattolica e
per il 6% musulmana; per il resto pratica culti tradizionali africani.

Istruzione e cultura
L'educazione primaria, gratuita ma non obbligatoria ( dal 2003), ha la durata di sette anni.
Molte delle principali istituzioni culturali kenyane si trovano a Nairobi o a Mombasa.

Divisioni amministrative e città principali
Il paese è amministrativamente suddiviso in sette province (Central, Coast, Eastern,
North-Eastern, Nyanza, Rift Valley, Western), oltre alla municipalità della capitale; le
province sono a loro volta suuddivise in distretti ( 69 ). I centri urbani principali, oltre alla
capitale Nairobi, sono Mombasa, la maggiore città portuale, Kisumu, porto sul lago
Vittoria, e Nakuru.

Ordinamento dello stato
Il Kenya è governato in base alla Costituzione adottata con la dichiarazione
d'indipendenza del 1963. Gli emendamenti attuati nel 1964 fecero del Paese un membro
del Commonwealth. Il potere esecutivo è esercitato dal presidente che viene eletto
direttamente dal popolo, rimane in carica per cinque anni e nomina il vice-presidente e il
consiglio dei ministri scegliendoli fra i membri dell'Assemblea nazionale unicamerale.
Il sistema giudiziario kenyano consiste di due corti principali e di diversi tribunali minori.
Le prime sono la Corte d'Appello composta dal giudice presidente e da cinque giudici
associati, e l'Alta Corte del Kenya, composta da sette giudici. I tribunali minori includono
la pretura residente, quella distrettuale e i tribunali qadi, che si occupano delle questioni
di diritto islamico.
Il Kenya è suddiviso in sette province amministrative, gestite da consigli provinciali i cui
membri vengono nominati dal presidente, mentre Nairobi è un distretto a statuto speciale.
A loro volta le province sono suddivise in distretti (69), ciascuno dei quali è diretto da
consigli locali con funzioni amministrative. Le autorità locali principali sono suddivise in
consigli di contea e municipi. Sotto di essi operano i consigli urbani, le autorità di
quartiere, i consigli d'area e quelli locali. L'amministrazione locale gode di considerevole
autonomia. Molti consigli raccolgono i fondi necessari per finanziare progetti sanitari, edili
e di assistenza sociale, e per contribuire al sostegno dei costi dell'educazione.

Organizzazione sanitaria
Gli attori fondamentali sono tre : Ministero della Salute, Amministrazioni locali ( provincie
e distretti ), settore privato ( Kenya Catholic Secretariat, privati, organizzazioni religiose e
dalle ONG).
L’organizzazione sanitaria è organizzata su tre livelli: Ministero della Sanità, Provincie,
Distretti .
Ministero della Sanità: ruolo di scelte politiche, coordinamento delle attività delle ONG,
controlla monitorizza e valuta la formulazione ed applicazione delle politiche sanitarie.
Provincie: ruolo intermedio tra il Ministero ed i Distretti, supervisiona l’applicazione delle
politiche sanitarie nei Distretti, controllo di qualità di coordinamento di tutte le attività
Distrettuali. In aggiunta monitorizza e supervisiona i District Health Managment Boards
(DHMB ) che supervisionano tutte le attività sanitarie dei Distretti.
Distretti: ruolo di erogazione dei servizi, pianificano i budget di spesa in base alle direttive
del Ministero filtrate dalle Provincie.
Spesa procapite 6,2 US$/per anno circa 8% del GDP (contro il 15 % richiesto dal WHO
nella dichiarazione di Abuja 2001 e sottoscritto dal Governo del Kenya).
Il sistema Sanità è organizzato a piramide su 6 strutture che dalla base aumentano di
complessità e competenze in 4.500 strutture sanitarie:
1) Dispensari e Cliniche di Salute (health clinics) = attività ambulatoriale
2) Health Centers = posti letto per urgenze, parti spontanei
3) Sub-district hospitals = sala operatoria d’urgenza
4) District hospitals = sale operatorie e specialistiche di base
5) Provincial general hospitals = aumentano le specialistiche e le qualità di cura
6) Kenyatta National Hospital = tutte le specialistiche ed è ospedale di Riferimento
     Nazionale
L’assistenza sanitaria è solo a pagamento; oltre al pagamento diretto da parte del
cittadino c’è la possibilità di pagamento attraverso le Assicurazioni-Mutue che coprono
solo il 7-8% dell’intera popolazione e sono erogate nelle grandi aziende statali o private.
La qualità del servizio erogato è scarsa ed inadeguata per carenza di personale e
materiali; non sono ben sviluppati sistemi di riferimento, regolazione e di
standardizzazione.
Il Ministero cerca di demandare tutte le attività per pianificazione e gestione finanziaria ai
Distretti mentre lascia centralizzato lo sviluppo del settore legislativo, rete di collegamento
e costruzioni.

Potenziamento dei servizi diagnostici per il controllo dell’infezione HIV nei distretti sanitari di Nyandarua e
Laikipia, Kenya

                                                                                                                  18
Dati mortalità                    1993                        2003

       Mortalità Infantile         62 per mille nati vivi 78 per mille nati

       Mortalità       Infantile 96 per mille nati vivi 114 per mille nati
       sotto 5 anni

L’idea di progetto
Il progetto si propone di migliorare le condizioni di salute della popolazione della zona
realizzando un laboratorio in grado di offrire supporto alle attività cliniche e preventive per
ridurre l’impatto della infezione da HIV (nel rispetto della privacy,nel tentativo di migliorare
anche la diagnostica laboratoristica in generale,nell’intenzione di offrire formazione
continua alla popolazione ed al personale coinvolto).
Per raggiungere questo obiettivo il progetto si propone di intervenire nell’ambito delle
strutture private non profit, in accordo col servizio pubblico e in sintonia con la
pianificazione del Distretto, avendo come criteri di riferimento l’accessibilità dei servizi e
una qualità delle prestazioni conforme agli standard del paese.

3.2. QUADRO SETTORIALE E TERRITORIALE

L’iniziativa si sviluppa nella Central Province e coinvolge i distretti di Nyandarua e
Laikipya ovest.
La diocesi di Nyahururu è di recente costituzione, e conta circa 800-860.000 abitanti; si
estende su due distretti governativi: Nyandarua (ove è situato l’ospedale di North
Kinangop) e Laikipya ovest (la Laikipya Est fa parte della Diocesi di Nyeri), ove è situata
la sede episcopale e la città di Nyahururu.

Distretto di Nyandarua                      Superficie: 3.520 kmq Popolazione: 500.000

Distretto di Laikipia West                  Superficie: 4.940 kmq Popolazione: 360.000

Il territorio d’intervento è costituito principalmente da zona rurale (con varie attività
agricole, piccoli appezzamenti familiari coltivati a mano per uso personale) con dispersa
la popolazione tra piccolissimi villaggi e capanne e da agglomerati urbani di recente
costituzione (aggregazione attorno a chiese e/o ad altri centri di socializzazione). La
maggior parte della popolazione è comunque dispersa tra piccoli villaggi e piccole
capanne con attorno la poca terra disponibile per la coltivazione. La cittadina principale è
Nyahururu attorno alla quale si è sviluppata una baraccopoli “Maina” dove le condizioni di
vita sono sconvolgenti (povertà disperante, fogne a cielo aperto, prostituzione minorile,
ragazzi di strada, microcriminalità, condizioni igienico-sanitarie del tutto inadeguate).

Indici Generali di Salute (fonte WHO 2004)

Potenziamento dei servizi diagnostici per il controllo dell’infezione HIV nei distretti sanitari di Nyandarua e
Laikipia, Kenya

                                                                                                                  19
Dati generali         Popolazione                                                              32.000.000
    sul Paese               < 5 anni                                                                5.000.000
                            < 18 anni                                                              16.000.000
                          Tasso di crescita annuo (1991 – 2001)                                         2,5 %
                          Aspettativa di vita alla nascita (m/f)                                  49.8/51.9 ‰
                          Aspettativa di vita sana alla nascita (m/f)                                 39/42 ‰
                          Mortalità sotto i 5 anni (m/f)                                           119/113 ‰
                          Tasso di fertilità                                                            4,4 %
                          Nati di basso peso                                                          10-14 %
                          Mortalità materna (per 100.000 nati vivi)                                       590
                          Accesso ad acqua sicura (rurale/urbano)                                      40/50 %
                          Servizi igienici                                                                60 %
                          Parti assistiti in strutture sanitarie                                          44 %

Sono presenti sul territorio attività governative sia sanitarie (due ospedali distrettuali e
vari posti di salute-health centres e dispensari) che sociali (scuole, uffici amministrativi)
ma la accessibilità ai servizi erogati è scarsa sia per la impossibilità ad erogare i servizi
proposti (mancanza di materiale, mancanza di finanziamenti, corruzione) che per il costo
(nulla è dato gratuitamente eccetto la frequenza scolastica alle scuole primarie) dei
servizi. Un gran numero di servizi viene offerto da privati o da organi religiosi (che
attualmente rimangono i capisaldi per sicurezza ed accessibilità). La povertà peggiora
ulteriormente la situazione. Nell’area del progetto la gente dipende dall’agricoltura per la
sua sussistenza. Le condizioni climatiche però non sono molto favorevoli: le piogge sono
abbastanza abbondanti, ma irregolari nel corso di tutto l’anno. Inoltre, la
commercializzazione dei prodotti è difficile, per cui il guadagno che viene dalle
coltivazioni è sempre incerto, in assenza peraltro di valide alternative. Chi va in città
finisce di solito nei quartieri degradati delle periferie e non ottiene condizioni migliori. I
programmi di aggiustamento strutturale hanno fatto lievitare i prezzi dei generi di prima
necessità, mentre i salari non sono cresciuti in proporzione. La povertà diffusa è alla
base di una combinazione di fattori che influiscono negativamente sulle condizioni di vita:
alimentazione insufficiente, abitazioni insalubri (specialmente in città), impossibilità di
accedere alle cure mediche.

3.3. PROBLEMI DA RISOLVERE

-     Difficoltà di accessibilità della popolazione ai servizi diagnostici e di controllo clinico-
      laboratoristico dei pazienti sieropositi (hiv) in terapia antiretrovirale.
-     Impossibilità a controllare e selezionare la popolazione sieropositiva per permettere
      un accesso, senza discriminazioni, alla terapia ed al corretto controllo dell’efficacia
      della stessa (controlli materno-infantili per la prevenzione della trasmissione al parto e
      conseguentemente terapia alla madre ed al nascituro).
-     Formazione del personale coinvolto e della popolazione sull’argomento HIV-AIDS.
-     Integrazione fra i servizi sanitari diocesani e quelli distretuali

3.4. BENEFICIARI, CONTROPARTE ED ALTRI ATTORI
Potenziamento dei servizi diagnostici per il controllo dell’infezione HIV nei distretti sanitari di Nyandarua e
Laikipia, Kenya

                                                                                                                  20
• Diretti
Popolazione residente nei distretti di Nyandarua e Laikypia con infezione da HIV, circa
56.000 persone, corrispondente al 7% della popolazione totale ed in particolare il 9%
della popolazione femminile compresa fra 15-19 anni e circa il 5% di quella maschile
(fonte: Kenya Demographic and Health Survey – DHS). Fra i pazienti HIV+ oggi risultano
in trattamento antiretrovirale solo 80 persone

• Indiretti
Tutta la popolazione dei distretti di Nyandarua e Laikypia per una totale di circa 800.000
persone.

Controparte
Diocesi di Nyahururu

Altri attori
• Amministrazioni Distrettuali di Nyandarua e Laikipia West
• Ospedale di North Kinangop
• Ospedale distrettuale di Nyahururu
• Uffici Sanitari Distrettuali di Nyandarua e Laikipia West
• Catholic Diocese of Nyahururu
• Christian Health Association of Kenya (CHAK)
• Mission for Essential Drugs and Supplies (MEDS)

3.5. DOCUMENTAZIONE: METODOLOGIE DI ANALISI E BASE CONOSCITIVA

Il percorso seguito nella elaborazione del progetto è stato duplice e coniuga l’indagine
empirica effettuata sul campo con lo studio di documenti programmatici, norme, best
practices ed evidenze scientifiche.
Lo studio di fattibilità è stato condotto attraverso una missione in loco (dicembre 2004),
che ha visti impegnati un tecnico di laboratorio, un infettivologo ed il vicedirettore
dell’Organizzazione. In quella occasione, dopo aver raccolto il favore delle autorità locali,
il Cuamm ha fatto proprio l’invito della controparte ad indagare la fattibilità dell’intervento.
L’analisi dei bisogni è stata condotta da un tavolo di lavoro costituito a Padova che si è
avvalso dei documenti programmatici nazionali e regionali nonché dei dati epidemiologici
raccolti durante la missione. Successivamente, il desk officer del Kenya ha integrato lo
studio di fattibilità eseguito on the field ed il relativo draft di progetto con le indicazioni e le
linee guida emerse dal tavolo di lavoro costituito a Padova, che ha a sua volta prodotto
un documento programmatico con la strategia e le raccomandazioni dell’organismo in
materia di AIDS, elaborate in linea con le indicazioni e le raccomandazioni internazionali
(WHO, Global Fund, UNAIDS)
Infine, sono stati seguiti gli indirizzi offerti dalla normativa statale in tema di cooperazione
dell’Italia con i PVS, nonché le linee di indirizzo sulla cooperazione decentrata allo
sviluppo elaborate dal MAE (Legge 49/1987) ed i principi generali in materia di
cooperazione derivanti dalla normativa comunitaria (principio di partenariato, di
sussidiarietà, di complementarietà ed efficacia delle azioni) contenuti nel trattato sulla
costituzione europea approvato il 29 ottobre 2004 ed in corso di ratifica presso lo stato
italiano.

Potenziamento dei servizi diagnostici per il controllo dell’infezione HIV nei distretti sanitari di Nyandarua e
Laikipia, Kenya

                                                                                                                  21
4.       STRATEGIA D’INTERVENTO

L’obiettivo generale, gli obiettivi specifici, i risultati attesi e le attività previste sono stati
identificati attraverso una concertazione tra l’ONG proponente e la diocesi beneficiaria.

4.1. OBIETTIVO GENERALE

Migliorare le condizioni di salute della popolazione dei Distretti di Laikipia-Ovest e
Nyandarua.

4.2. OBIETTIVO SPECIFICO

Assicurare alla popolazione dei distretti di Laikipia-Ovest e Nyandarua servizi diagnostici
adeguati -in termini di dimensionamento, qualità e costo- per il controllo dell’infezione HIV
e dell’AIDS, anche atraverso il rafforzamento dei servizi sanitari non profit della diocesi di
Nyahururu e della loro integrazione con l’offerta pubblica.

4.3. RISULTATI ATTESI

1. Un laboratorio per la diagnosi dell’infezione HIV, per il monitoraggio della terapia
   antiretrovirale ed il trattamento delle più frequenti condizioni correllate all’AIDS
   riabilitato, equipaggiato e organizzato per servire la popolazione dei distretti di
   Laikipia-Ovest e Nyandarua

2. Un servizio mobile di raccolta e trasporto di campioni biologici per l’esecuzione dei
   test alla popolazione HIV organizzato e gestito per servire la popolazione delle zone
   rurali dei distretti di Laikipia-Ovest e Nyandarua

3. L’Ufficio di coordinamento dei servizi sanitari della diocesi di Nyahururu organizzato
   per assicurare la piena operatività dei servizi territoriali di sua competenza e
   l’integrazione coi servizi distrettuali.

4. Cittadini del territorio senese sensibilizzati in merito alle problematiche degli aiuti
   internazionali allo sviluppo, alla realtà socio economica del Kenya, alle attività del
   Cuamm-Jenga e alla presente iniziativa, oggetto di eventuale contributo da parte da
   parte della Fondazione MPS.

4.4. ATTIVITA’

Per raggiungere l’Obiettivo n° 1:
1.1. Realizzare interventi di ristrutturazione di un edificio dismesso (ex informal school) da
adibire a laboratorio
1.2. Integrare l’equipaggiamento e fornire materiale di consumo
1.3. Garantire l’acquisto di reagenti, combustibile, stationery, ecc..
1.4. Reclutare, formare e retribuire 2 laboratoristi locali
Potenziamento dei servizi diagnostici per il controllo dell’infezione HIV nei distretti sanitari di Nyandarua e
Laikipia, Kenya

                                                                                                                  22
1.5. Reclutare e retribuire 1 tecnico di laboratorio cooperante B di supporto all’attività
diagnostica
1.6. Reclutare e retribuire 1 Health Assistant per l’igiene degli ambienti e il trattamento dei
rifiuti infetti
1.7. Reclutare, formare e retribuire 1 cousellor
1.8. Reclutare e retribuire 1 addetto al front office
1.9. Reclutare e retribuire 1 addetto alle pulizie
1.10. Garantire l’esecuzione dei seguenti esami:
          - Conta dei linfociti CD4+;
          - Emocromo completo;
          - Funzionlaità epatica;
          - Funzionalità renale/Creatinina e azotemia;
          - Funzionalità pancreatica (amilasemia);
          - Marcatori epatitici (B sopattutto);
          - Sierologia per Lue;
          - Diagnostica microscopica per malaria e TB

Per raggiungere l’Obiettivo n° 2:
2.1. Fornire due motocicli ed una automobile fuoristrada
2.2. Integrare l’equipaggiamento e fornire materiale di consumo ai centri di salute rurali
2.3. Organizzare unità mobili di raccolta e trasporto dei campioni biologici dai centri di
salute al laboratorio
2.4. Promuovere l’esecuzione di counselling e testing per HIV
2.5. Promuovere interventi di prevenzione e diagnosi delle principali patologie correllate
all’AIDS
2.6. Fornire consulenza e formazione on the job al personale addetto al controllo HIV-
AIDS operante nei centri di salute rurali

Per raggiungere l’Obiettivo n° 3:
3.1. Realizzare interventi di ristrutturazione di un edificio dismesso (ex informal school) da
adibire a laboratorio
3.2. Equipaggiare l’Ufficio e fornire un automobile
3.3. Fornire materiale di cancelleria e di consumo
3.4. Reclutare, formare e retribuire 1 Coordinatore Diocesano per l’ufficio di Nyahururu
3.5. Inviare un medico coop A consulente del coordinatore sanitario diocesano per tre
mesi all’anno
3.6. Reclutare e retribuire 1 segretaria per l’Ufficio di coordinamento diocesano
3.7. Reclutare e retribuire 1 autista per le attività del coordinamento sanitario diocesano
3.8. Reclutare e retribuire 1 personale per la pulizia dell’ambiente
3.9. Partecipare con il vescovo alla definizione di una policy chiara che regoli gli interventi
sanitari diocesani con particolare riferimento alla definizione delle priorità, alle questioni
legate all’accessibilità (geografica, finanziaria) ed equità.
3.10. Produrre un censimento realistico di tutte le attività sanitarie Diocesane, delle loro
aree di riferimento, del loro assetto istituzionale, del volume di attività e dell’assetto
finanziario
3.11. Coordinare e fornire adeguata supervisione a tutte le attività sanitarie diocesane,
sia alle strutture sanitarie ospedaliere e periferiche, sia agli organismi diocesani che
svolgono attività in campo sanitario

Potenziamento dei servizi diagnostici per il controllo dell’infezione HIV nei distretti sanitari di Nyandarua e
Laikipia, Kenya

                                                                                                                  23
3.12. Essere il tramite tra la diocesi e le sue istituzioni che operano in campo sanitario
con l’ufficio sanitario del catholic secretariat, fornendo a questi piani di lavoro, rapporti
delle varie attività e varie strutture
3.13. Produrre (o partecipare con le varie istituzioni diocesane) piani di lavoro annuali
definendo aree prioritarie di intervento (sia di attività che geografiche), obiettivi da
raggiungere, risorse necessarie, piano di valutazione
3.14. Favorire il coordinamento delle attività delle varie istituzioni diocesane in modo da
evitare sovrapposizioni e favorirne la sinergia di intervento in modo da amplificarne
l’efficacia
3.15. Partecipare alla valutazione dei programmi in corso, fornendo poi i risultati all’ufficio
sanitario del catholic secretriat
3.16. Fungere da interlocutore con i rappresentanti del ministero della salute Kenyota, sia
a livello locale (DHO) sia a livello centrale al fine di integrare le attività nei piani sanitari
nazionali, partecipare allo sviluppo di strategie e piani d’azione, partecipare, se possibile,
alla distribuzione delle risorse (finanziarie, materiali e umane) disponibile a livello
nazionale

Per raggiungere l’Obiettivo n° 4:
4.1. Organizzare eventi, tavole rotonde, incontri ed attività di comunicazione sul territorio
della provincia di Siena

Potenziamento dei servizi diagnostici per il controllo dell’infezione HIV nei distretti sanitari di Nyandarua e
Laikipia, Kenya

                                                                                                                  24
5.       RISCHI ESTERNI ESTERNI E GARANZIE DI SOSTENIBILITA’

Esistono numerosi elementi esterni che potrebbero condizionare la realizzazione e la
continuità del programma, dei quali è giusto tenere conto nelle considerazioni relative alla
sostenibilità dell’intervento stesso

•    Al fine di garantire il successo e la continuità del progetto è necessario la
     partecipazione attiva delle Amministrazioni distrettuali che devono collaborare
     appieno con le strutture private non-profit diocesane. La partnership pubblico-privato
     rappresenta un cardine della politica sanitaria del Paese, formalizzata dal governo
     kenyota in linee guida, principi ed impegni che guidano entrambi le parti coinvolte
     nella gestione ottimale delle relazioni e dei reciproci apporti con l’obiettivo di
     minimizzare e limitare il più possibile eventuali azioni ed occasioni di ostruzionismo.

•    Impegno della diocesi a sostenere le attività con risorse endogene. La diocesi non
     dispone attualmente di risorse sufficienti a sostenere interamente i costi dei propri
     servizi sanitari e, in particolare, degli uffici di coordinamento sanitario. Tuttavia è
     impegnata al reperimento di risorse endogene per accrescere la sostenibilità di questi
     uffici.

•    La situazione di sicurezza è conditio sine qua non di qualsiasi intervento di sviluppo.
     Nonostante le frequenti ed inaspettate calamità e violenze politiche che turbano
     spesso i paesi afriani, la realtà del Kenya è tale da far ben sperare per il futuro del
     Paese; non vi sono, infatti, elementi per ipotizzare il verificarsi di episodi di violenza
     ed instabilità.

•    La coerenza della attuale politica sanitaria particolarmente attenta alle misure di
     lotta all’HIV-AIDS si può ragionevolmente pensare che non venga a meno nei
     prossimi anni; a ciò si somma il fatto che il progetto si colloca in uan piena prospettiva
     di interazione con quanto si muove nel comparto governativo e svilupperà di volta in
     volta le rispote adeguate.

•    Il progetto si avvale di tecnologie appropriate già presenti e diffuse nel Paese sia
     per quanto riguarda l’equipaggiamento del laboratorio, sia per quanto riguarda le
     costruzioni. E’ inoltre garantita la disponibilità di personale capace di utilizzare
     correttamente le tecnologie segnalate.

•    La sostenibilità economico-finanziaria del servizio implementato verrà garantita da
     una pluralità di soggetti: la diocesi, i finanziamenti provenienti dai donatori
     internazionali e gli utenti/pazienti stessi. Rispetto alla spesa dei pazienti, tuttavia, la
     necessità di garantire un servizio quanto più accessibile possibile, impone di
     mantenere tariffe spesso inferiori al costo del servizio e talora addirittura gratis. Per
     garantire la massima accessibilità è pertanto in corso una valutazioen costi-eficacia,
     costi-benefici dal quale ricavare informazioni utli per decidere l’eventuale
     identificazione del giusto livello di compartecipazione alla spesa (col vantaggio di
     contribuire alla sostenibilità di lungo periodo) o la gratuicità del servizio stesso.

Potenziamento dei servizi diagnostici per il controllo dell’infezione HIV nei distretti sanitari di Nyandarua e
Laikipia, Kenya

                                                                                                                  25
6.       REALIZZAZIONE DELL’INTERVENTO

6.1 METODOLOGIE E MODALITA’ DI ESECUZIONE

Il fattore principalmente limitante l’accesso alla terapia antiretrovirale è la possibilità di
accedere alla diagnostica di laboratorio per la valutazione della progressione della
malattia (esami cardine: conta de Cd4 e carica virale), per il monitoraggio degli effetti
indesiderati della terapia (esami chiave esame emocromocitometrico, funzionalità
epatica, renale, pancreatica) e per la valutazione del risultato della terapia (esame chiave
conta dei Cd4 e carica virale HIV). Per questo, il progetto prevede la realizzazione di una
laboratorio diagnostico che integri i servizi esistenti consentendo un miglior accesso alle
cure. Un ulteriore problema consiste nella difficoltà di rendere accessibile la diagnostica
alle persone che vivono nelle zone rurali. A tale proposito è prevista la costituzione di un
team mobile per la raccolta dei campioni biologici, il loro trasferimento al laboratorio e il
feed back dei risultati. Infine, per garantire la massima integrazioen dei servizi, l’iniziativa
prevede il rafforzamento dell’azione di coordinamento fra i servizi esistenti attraverso
l’istituzione di un Ufficio di coordinamento dei servizi sanitari che dialoga e collabora con
le autorità e gli operatori distrettuali.

La realizzazione del progetto richiede una attiva partecipazione di tutte le parti coinvolte:
autorità distrettuali e diocesane, operatori degli ospedali. Il progetto intende promuovere
iniziative di coordinamento ed integrazione fra il settore non profit diocesano ed il settore
pubblico, all’interno di una visione strategica comune e condivisa. Altro fronte di relazioni
che il progetto intende sviluppare è quello con l’associazionismo locale ed in particolare
attori impegnati nell’assistenza domiciliare ai malati di AIDS.

Il laboratorista capoprogetto stabilirà e manterrà contatti con le autorità politiche,
amministrative e sanitarie dei distretti interessati.

6.2. RISORSE UMANE, FISICHE E FINANZIARIE

6.2.1. Risorse umane
Personale espatriato:

    1 tecnico di laboratorio: è richiesta esperienza di laboratorio per i pazienti HIV-AIDS
    nei PVS. Cooperante fascia B
-   Mansionario: supportare la gestione del laboratorio, supervisionare le attività di avvio
    del laboratorio con attenzione alla fornitura ed installazione delle nuove attrezzature,
    formare il personale locale, monitorare ed elaborare relazioni sullo stato di
    avanzamento del progetto, partecipare a riunioni e comitati attinenti alle finalità del
    progetto.
-   Mesi/persona: 36 mesi

    1 medico in qualità di consulente del Coordinatore sanitario diocesano. E’ richiesta
    una precedente esperienza nei PVS e una formazione o esperienza professionale
    equivalente nel settore della sanità pubblica. Cooperante fascia A
Potenziamento dei servizi diagnostici per il controllo dell’infezione HIV nei distretti sanitari di Nyandarua e
Laikipia, Kenya

                                                                                                                  26
-   Mansionario: sostenere l’avvio dell’Ufficio di Coordinamento Sanitario Diocesano,
    favorire il coordinamento tra le strutture sanitarie diocesane e l’integrazione con il
    Sistema Sanitario del Distretto, assistere il Coordinatore Diocesano nelle attività di
    riorganizzazione e supervisione delle strutture periferiche allo scopo di migliorare la
    qualità dei servizi offerti, monitorare e produrre relazioni sullo stato di avanzamento
    del progetto, partecipare a riunioni e comitati attinenti alle finalità del progetto.
-   Mesi/persona: 9 mesi totali (3 mesi per ciascuno dei 3 anni di durata del progetto).

Personale locale:

Personale previsto per l’Ufficio di Coordinamento Sanitario, impiegato per tutta la durata
del progetto:
    1 medico o eventualmente non medico ma con formazione in campo sanitario e con
    precedente esperienza di tipo gestionale/direzionale
    1 addetto alla segreteria
    1 autista
    1 addetto alle pulizie

Personale per il laboratorio, impiegato per tutta la durata del progetto:
   2 laboratoristi
   1 addetto alla segreteria
   1 health assistant
   1 counseller
   1 addetto alle pulizie

6.2.2. Risorse fisiche

    Infrastrutture
Si prevede di riabilitare un edificio già esistente in discrete condizioni di manutenzione,
della superficie di circa 300 mq, il quale ospiterà sia il laboratorio sia la sede del
coordinamento sanitario diocesano. I lavori di riabilitazione assicureranno la nuova
destinazione d’uso dell’edificio, nel rispetto degli standard previsti dalla normativa locale.

     Equipaggiamento ed attrezzature
Il progetto provvederà alla fornitura degli arredi per l’Ufficio di Coordinamento Sanitario
Diocesano.
Fornirà inoltre le attrezzature necessarie per il laboratorio, che assicurerà esami generali
di base e diagnostica per il monitoraggio della terapia antiretrovirale e per il trattamento
delle più frequenti malattie correlate all’AIDS. L’equipaggiamento sarà effettuato nel
rispetto delle linee guida espresse dalla normativa sanitaria locale e degli indirizzi di
organismi internazionale che operano nell’ambito dell’HIV-AIDS (in particolare WHO).
Il laboratorio sarà dotato di un generatore che consentirà il funzionamento del frigorifero e
del congelatore in caso di black out della rete elettrica pubblica.
Il laboratorio sarà inoltre dotato delle attrezzature necessarie per la sterilizzazione e per il
trattamento dei rifiuti.

    Materiali di consumo per il laboratorio, reagenti, test diagnostici
Si prevede di fornire materiale di consumo necessario per i prelievi ai pazienti e per gli
esami di laboratorio, per tutti e 3 gli anni di durata del progetto.

Potenziamento dei servizi diagnostici per il controllo dell’infezione HIV nei distretti sanitari di Nyandarua e
Laikipia, Kenya

                                                                                                                  27
Puoi anche leggere
DIAPOSITIVE SUCCESSIVE ... Annulla