Il piano della qualità della prestazione organizzativa 2018 - Agenzia regionale di sanità

 
Il piano della qualità della prestazione organizzativa 2018 - Agenzia regionale di sanità
Il piano della qualità
    della prestazione
        organizzativa
                2018
       Agenzia regionale di sanità

                                     1
Il piano della qualità della prestazione organizzativa 2018 - Agenzia regionale di sanità
Il piano della qualità della prestazione organizzativa 2018 - Agenzia regionale di sanità
INDICE

1. Introduzione 											5

2. Quadro organizzativo										5
 2.1 L’Agenzia: chi siamo										5
 2.2 L’Agenzia: personale e risorse finanziarie							6

3. Il ciclo della performance									10
 3.1 Il ciclo di programmazione, misurazione e valutazione della performance		   10

 3.2 Dagli obiettivi strategici alle competenze delle strutture ARS				11

Obiettivi 2018: risultati attesi e indicatori							                             12

Cronoprogrammi											16

                                                                                      3
Il piano della qualità della prestazione organizzativa 2018 - Agenzia regionale di sanità
1. Introduzione
La redazione del presente Piano della Qualità della Prestazione Organizzativa (di seguito denominato anche “Piano”
e/o “PQPO”) è disciplinata dalle disposizioni contenute nel Regolamento emanato con Decreto del Presidente della
Giunta Regionale 24 marzo 2010, n. 33/R (Regolamento di attuazione della legge regionale 8 gennaio 2009, n.1 “Testo
unico in materia di organizzazione e ordinamento del personale”) e successive integrazioni.

I contenuti del Piano rappresentano il punto di partenza dell’intero ciclo di programmazione, misurazione e valutazione
delle prestazioni di tutta l’Agenzia Regionale di Sanità (di seguito denominata Agenzia e/o ARS).

Il Piano è strettamente connesso alle funzioni attribuite all’ARS dalla l.r. n. 40/2005 e ss.mm. e si colloca nell’ambito
degli strumenti di programmazione assieme al Programma di attività per l’anno 2018 con proiezione 2019-2020.

Con il presente Piano sono definiti gli obiettivi strategici, nonché i relativi indicatori e valori attesi (target), ai fini della
misurazione e valutazione della performance nei confronti dei portatori d'interesse e dell'intera collettività. Esso con-
tiene infatti gli indirizzi e gli obiettivi attribuiti alle varie strutture, dai quali derivano i piani di attività e conseguente-
mente gli obiettivi operativi ed individuali dei dirigenti e, a cascata, di tutto il personale.

2. Quadro organizzativo
2.1.    L’Agenzia: chi siamo
L’Agenzia Regionale di Sanità (ARS), come prevede la vigente legislazione (l.r. n. 40 del 24 febbraio 2005 “Disciplina del
servizio sanitario regionale” e successive modifiche), è un ente tecnico con finalità di consulenza e ricerca in ambito
socio-sanitario rivolte primariamente ai referenti istituzionali, ai soggetti e alle organizzazioni che operano nel sistema
sanitario e sociale regionale, nonché a una molteplicità di parti interessate.
Dotata di autonomia amministrativa, organizzativa e contabile, l’ARS, attraverso la propria attività fornisce informazioni
e strumenti a supporto della programmazione regionale e dei processi decisionali e di rinnovamento organizzativo, sia
di livello regionale che locale.

I profondi cambiamenti in atto nel sistema sanitario regionale e nell’area dei servizi sociali stanno delineando un qua-
dro nel quale, gli aspetti di coproduzione di servizi da parte di molteplici stakeholder e l’affermarsi di un approccio di
governo che utilizza massimamente strumenti di governance, diventano il tratto innovativo e distintivo delle attività
d’indirizzo, gestione e controllo. Ne consegue che istituzioni, produttori e cittadini cooperano in una cornice regolatoria
che si rafforza disponendo di informazioni utili e tempestive, che diventano lo strumento principale per decidere, ope-
rare e controllare gli effetti delle azioni intraprese. È in questa realtà, fortemente innovativa ed evolutiva, che l’ARS si
troverà ad operare nel prossimo triennio, sviluppando molte di quelle che già sono state le linee portanti delle attività
del 2017.

Scopo primario per l’ARS nel 2018 e biennio successivo è quello di progettare, produrre, perfezionare ed offrire gli
strumenti adatti a comprendere i fenomeni in corso nel mondo delle politiche e delle attività socio-sanitarie, offren-
do una prospettiva ampia, multidimensionale e sistemica, fondata sulla raccolta e la lettura integrata degli aspetti che
riguardano:

•   il contesto demografico e sociale;
•   lo stato di salute, con conoscenza anche dei determinanti così detti esogeni (stato di deprivazione, diseguaglianze
    orizzontali e verticali);
•   il valore del sistema sanitario con particolare riferimento alla sua capacità di garantire i livelli essenziali di assi-
    stenza e di equità di accesso e di esito;
•   le risorse impiegate: tecnologie e farmaci e, oggi tema di grande attualità, la forza lavoro e le sue dinamiche a
    fronte dei cambiamenti della medicina e dell’organizzazione dell’assistenza, nonché i costi e le modalità di finan-
    ziamento.

                                                                                                                                     5
Questa prospettiva sistemica è presente e riconoscibile in ogni azione dell’Agenzia, anche in quelle focalizzate su singoli
    e specifici aspetti dei servizi e dei loro processi di cura e assistenza. In particolare le Aree di attività su cui si concentrerà
    il lavoro dell’Agenzia nell’orizzonte temporale 2018-2020 saranno il monitoraggio e valutazione dello stato di salute
    della popolazione toscana, dei determinanti sanitari e degli esiti delle cure ed il monitoraggio e valutazione dei mo-
    delli innovativi introdotti con la riforma del SSR o comunque di rilevanti linee di sviluppo in ambito socio-sanitario
    toscano.

    Le singole azioni dell’Agenzia saranno, già come in passato, riconducibili a tre categorie fondamentali:

                      i programmi d’osservazione e monitoraggio, che costituiscono la “ragion d’essere” dell'ARS. Raccol-
                      gono, organizzano e, quando necessario propongono una lettura, di tutto ciò che ha a che vedere con
                      stato di salute della popolazione, stili di vita influenti per la salute, processi ed esiti dei servizi del SSR;

                      i progetti di cambiamento, che seguono le trasformazioni in corso e gli interventi messi in atto dai vari
                      livelli ed organizzazioni del SSR. Il contributo dell’Agenzia è copro gettare gli indicatori per valutarne
                      l’impatto e svolgere una funzione di supporto nell’implementazione;

                      i progetti di ricerca per l’innovazione e lo sviluppo, il cui proposito è quello di mettere a punto stru-
                      menti sempre più performanti per le attività descritte o esplorare settori ad alto grado di innovazione
                      e di rischio, potranno far parte della programmazione del SSR solo dopo valutazione scientifica e con-
                      ferme sperimentali.

    Un buon bilanciamento fra le tre categorie fa sì che l’Agenzia sia in grado di coniugare il mantenimento e lo sviluppo
    delle sue solide radici epidemiologiche con una puntuale attenzione agli aspetti che riguardano la qualità e l’equità del
    mondo sanitario e sociale, amministrando le proprie risorse professionali e finanziarie per trovare il giusto equilibrio
    tra le attività che sanno guardare alle serie storiche, quelle che illuminano la singolarità del momento attuale, quelle
    che saranno in grado di esplorare le necessità future.

    2.2 - L’Agenzia: personale e risorse finanziarie
    L'attuale assetto organizzativo dell'Agenzia prevede tre organi: il Direttore, il Comitato di indirizzo e controllo ed il
    Collegio dei revisori dei conti; dal punto di vista operativo, essa è articolata in tre strutture: la Direzione, l’Osservato-
    rio di Epidemiologia e l’Osservatorio per la Qualità e l’Equità.

    Al 31/12/2017, come indicato nella tabella sottostante, risultano complessivamente in servizio n. 54 dipendenti
    (compreso il personale a tempo determinato). La tabella mette a confronto inoltre le differenze tra il personale in
    servizio in ARS, con l’analogo quadro conoscitivo riferito al biennio precedente.

                                                      DISTRIBUZIONE PERSONALE ENTE
                                     al 31/12/2015                       al 31/12/2016                       al 31/12/2017
    Strutture
                          Comparto     Dirigenza     Totale   Comparto     Dirigenza     Totale   Comparto    Dirigenza      Totale
    Direzione                28           1           29         28           1           29         28           1           29
    Osservatorio di
                             14           2           16         14           2           16         15           2           17
    Epidemiologia
    Osservatorio per la
    Qualità e l’Equità       7            1            8         7            0            7         7            1            8

    TOTALE                   49           4           53         49           3           52         50           4           54

6
Le informazioni della tabella precedente sono visualizzate nella rappresentazione grafica che segue.

All’interno del personale dell’Agenzia prevale una componente di genere femminile, in tutte le aree di attività ed in
tutto il triennio considerato. E’ di sesso femminile il 67% del totale dei dipendenti (72% del totale nel comparto).
Tale dato si contrappone ad una presenza tutta maschile per il personale della dirigenza, dato confermato in tutto il
triennio di riferimento.

                                DISTRIBUZIONE % PERSONALE PER INQUADRAMENTO E GENERE
                                        Al 31/12/2015            Al 31/12/2016          Al 31/12/2017
                    Strutture
                                    Femmine      Maschi       Femmine       Maschi    Femmine       Maschi
                    Comparto           71          29           71            29        72              28
                    Dirigenza          0          100            0           100         0              100
                    TOTALE             66          34           67            33        67              33

Relativamente ai titoli di studio, si evidenzia un elevato livello di scolarizzazione del personale dell’Agenzia, con una
presenza pari a circa il 78% di laureati sul totale del personale. Le informazioni di dettaglio sono contenute nella ta-
bella seguente, e successivamente in forma grafica.

                                            SCOLARIZZAZIONE PERSONALE IN SERVIZIO
                                                Valore % al             Valore % al          Valore % al
                    Titolo di studio
                                                31/12/2015              31/12/2016           31/12/2017
                    Post Laurea                    20,75                  23,08                 27,78
                    Laurea                         56,60                  53,85                 50,00
                    Diploma                        20,75                  21,15                 20,37
                    Licenza Media                  1,90                    1,92                 1,85
                    TOTALE                          100                    100                  100

                                                                                                                            7
Nella tabella che segue si evidenziano alcuni indicatori rilevanti con i relativi valori assunti nel triennio 2015-2017
    relativamente alla struttura del capitale umano.

                                                  STRUTTURA DEL CAPITALE UMANO*
                                                                           Valore al       Valore al       Valore al
                   Indicatore                       Significato
                                                                          31/12/2015      31/12/2016      31/12/2017
                   Sommatoria età               L’indicatore evidenzia
                   dipendenti/numero                l’età media dei          43 anni         44 anni         45 anni
                   dipendenti                          dipendenti

                   Sommatoria anzianità          L’indicatore evidenzia
                   dei dipendenti nell’ente/   l’anzianità media in ARS      9 anni          10 anni         11 anni
                   numero dipendenti                 dei dipendenti

                   Numero totale dipendenti/    L’indicatore evidenzia
                   numero strutture              il numero medio dei      17 dipendenti   17 dipendenti   18 dipendenti
                   dirigenziali                dipendenti per struttura

    		* dati riferiti al personale a tempo indeterminato

    In relazione alla spesa di personale, il dato 2017 (comprendendo sia il tempo indeterminato che determinato su
    finanziamenti esterni, oltre agli oneri riflessi) si basa sulla proiezione della spesa al 31 dicembre 2017; i dati definitivi
    saranno disponibili dopo l’approvazione del bilancio d’esercizio 2017 previsto entro il 30 aprile 2018.
    Si evidenzia una lieve diminuzione della spesa nel corso del triennio considerato.

8
RIPARTIZIONE SPESA PERSONALE SULLE CATEGORIE DI INQUADRAMENTO

                      Categoria di              Valore % al         Valore % al         Valore % al
                      inquadramento             31/12/2015          31/12/2016          31/12/2017
                      Categoria B                  2,06                2,24                 2,39
                      Categoria C                  24,48               25,26               22,71
                      Categoria D                  53,89               53,31               50,57
                      Dirigenza                    19,57               19,19               24,33
                      TOTALE                       100                  100                 100

Il fondo ordinario che la Regione Toscana trasferisce annualmente all’Agenzia è l’unico dato certo per quanto riguarda
le risorse finanziarie. Non è possibile infatti ad oggi ipotizzare quali saranno i possibili finanziamenti che l’ARS riuscirà
ad attirare con la partecipazione e l’eventuale vincita di bandi di ricerca per progetti nazionali o internazionali. Si
tratta di fondi aggiuntivi, non gravanti sulle risorse regionali e che consolidano la natura dell’Agenzia come organo di
supporto tecnico per la Giunta ed il Consiglio Regionale, attraverso la predisposizione di elaborazioni, dati, statistiche
e rapporti utili per definire lo stato di salute dei toscani, la risposta assistenziale dei servizi regionali e la valutazione
dell’efficacia delle politiche.
Il fondo ordinario per l’anno 2018 è previsto in € 3.565.000,00, pari a quello stabilito per l’anno 2017.
La figura seguente evidenzia in dettaglio il decremento del fondo ordinario dal 2010 al 2018.

                                                                                                                                 9
3. Il ciclo della performance

 3.1 Il ciclo di programmazione, misurazione e valutazione della performance
 In questa sezione sarà brevemente descritto il ciclo della performance in termini di fasi e tempi previsti, strumenti a
 supporto del ciclo e attori coinvolti.
 Il sistema di misurazione e valutazione della qualità della prestazione è articolato in varie fasi, con tempi e modalità
 coerenti con il Programma di Attività dell’ARS e, ad esso, strettamente collegato.

 Nel rispetto degli obiettivi previsti dalla legislazione in materia, l’articolazione del ciclo di gestione della performance
 si sviluppa in:

   a)             definizione e assegnazione degli obiettivi che si intendono raggiungere, dei valori attesi di risultato e
 		               dei rispettivi indicatori;
   b)             collegamento tra gli obiettivi e l’allocazione delle risorse;
   c)             monitoraggio in corso di esercizio e attivazione di eventuali interventi correttivi;
   d)             misurazione e valutazione della performance, organizzativa e individuale;
   e)             utilizzo dei sistemi premianti, secondo criteri di valorizzazione del merito;
   f)             rendicontazione dei risultati dell’attività.

 Alle suddette fasi deve essere correlata una tempistica in grado, da un lato, di rispettare l’esigenza di programmazio-
 ne degli obiettivi dell’ente e dei correlati obiettivi individuali, dall’altro, di consentire la misurazione e consuntivazione
 dei risultati, prima dell’ente nel suo complesso e quindi del dipendente, nell’ottica di una stretta connessione tra
 qualità della prestazione individuale e qualità della prestazione organizzativa.

 Nello specifico, si individua un percorso che prevede:

 •una prima fase volta alla programmazione degli obiettivi, così articolata:
     a)       redazione del piano della qualità della prestazione organizzativa con individuazione degli obiettivi
 		           strategici individuando indicatori, valori target e risultati attesi annui in un prospettiva triennale;
     b)       assegnazione a ciascun settore e/o struttura dirigenziale degli obiettivi;
     c)       assegnazione degli obiettivi individuali al personale

 •   una seconda fase volta alla misurazione e consuntivazione dei risultati:
        a)      valutazione dei risultati conseguiti dall’ente rispetto agli obiettivi prefissati
        b)      valutazione dei risultati conseguiti da ciascun settore /struttura dirigenziale
        c)      valutazione dei risultati conseguiti dal singolo.

 Gli strumenti a supporto del ciclo di gestione e del sistema di misurazione e valutazione della qualità della prestazio-
 ne, volti a definire in un quadro organico obiettivi dell’ente ed obiettivi individuali, sono:

   a.             Piano della qualità della prestazione organizzativa: individuazione degli obiettivi strategici dell’Ente e
 		               del Direttore;
   b.             Programma di attività e “Masterplan”: individuazione delle azioni nell’ambito delle aree di attività e
 		               di singoli obiettivi, anche operativi, attribuiti alle singole articolazioni organizzative;
   c.             Schede di assegnazione obiettivi individuali ai dirigenti, al personale titolare di posizione organizzati
 		               va e al personale del comparto: individuazione degli obiettivi e dei comportamenti che saranno og
 		               getto di valutazione per misurare la qualità della prestazione individuale.

10
Gli attori coinvolti nel ciclo della performance sono:

                      Valutatore                       Valutato
                      Giunta regionale                 Direttore
                                                       Coordinatori di Osservatorio
                                                       Dirigenti di diretto riferimento
                      Direttore
                                                       Posizioni organizzative di diretto riferimento
                                                       Personale assegnato
                                                       Dirigenti di diretto riferimento
                      Coordinatori di Osservatorio     Posizioni organizzative di diretto riferimento
                                                       Personale assegnato
                                                       Posizioni organizzative di diretto riferimento
                      Dirigenti
                                                       Personale assegnato

Ulteriore soggetto coinvolto nel ciclo di misurazione e di valutazione è l’Organismo Indipendente di Valutazione (OIV),
istituito ai sensi dell’art. 20 della l.r. n. 1/2009 e del successivo regolamento di attuazione, unico per il personale della
Giunta e del Consiglio Regionale e per quello degli enti dipendenti.

3.2 . Dagli obiettivi strategici alle competenze delle strutture ARS
La declinazione degli obiettivi strategici di Ente, nel rispetto della logica dell’albero della performance, viene effettua-
ta attraverso un'analisi di interrelazione tra questi ultimi e le competenze caratterizzanti ciascuna struttura di ARS ed
i relativi ambiti e sottoambiti di intervento, arrivando alla definizione degli obiettivi di propria pertinenza. Viene così
realizzata una sorta di “Masterplan” dell’attività e delle singoli azioni, grazie al quale gli obiettivi strategici sono,
attraverso successive scomposizioni, resi diretti ed utilizzabili da parte di tutte le strutture di ARS.

Per ogni struttura, con le modalità e secondo il processo già descritto, in funzione del proprio ambito di competenza e
della capacità di condizionare attraverso la propria attività uno specifico aggregato, sono stati individuati dei risultati
attesi e degli indicatori con i relativi valori target, per misurare l'efficacia delle azioni programmate nel periodo di rife-
rimento. Al fine di assicurare la coerenza istituzionale gli obiettivi strategici sono individuati in coerenza agli obiettivi
della Direzione Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale.
La misurazione dei suddetti indicatori è funzionale all'espressione di un giudizio in termini di valore percentuale circa
il livello di raggiungimento degli obiettivi strategici.

Nella scheda-obiettivi che segue sono identificati gli specifici risultati attesi, indicatori, eventuali valori iniziali, valori
target (2018 e eventuale tendenza per gli anni 2019/2020), peso percentuale (grazie al quale è possibile graduare
l'importanza relativa dei risultati attesi all'interno della scheda-obiettivi), eventuale benchmark, note e responsabile
attuazione (struttura/e di riferimento per la realizzazione dell'obiettivo), utili per monitorare puntualmente lo stato di
conseguimento degli obiettivi strategici (organizzativi).
Per ciò che riguarda gli indicatori procedurali sono stati definiti singoli e specifici cronoprogrammi che, attraverso l'e-
splicitazione di apposite fasi di realizzazione, consentirà di rilevare l'avanzamento in modo maggiormente oggettivo.

La definizione degli obiettivi operativi e individuali di tutte le strutture saranno definiti secondo una logica “a cascata” o di
“padre e figlio” secondo la quale ogni unità organizzativa dell'Agenzia associa i propri obiettivi a quelli dell'unità di livello
organizzativo superiore. Quanto precede consente di mappare interamente le attività che vengono effettuate dalle varie
strutture con la conseguente possibilità di ricondurre tutta l'azione amministrativa al conseguimento degli obiettivi.

La definizione degli obiettivi terrà in dovuta considerazione il necessario collegamento tra performance, trasparenza
e prevenzione della corruzione. Operare in relazione ai canoni previsti entro il Piano Triennale della Prevenzione
della Corruzione e della Trasparenza (PTPCT), rappresentare la buona prassi per lo svolgimento di tutte le attività di
ARS. Come per l’anno 2017, anche quest’anno, per rendere ancora più efficace il suddetto legame, nell'ambito del
presente Piano è stato inserito un obiettivo trasversale in materia di trasparenza e di prevenzione della corruzione da
sottoporre al monitoraggio da parte del Responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza.
                                                                                                   Segue scheda-obiettivi          11
OBIETTIVI 2018
                                                                                              RISULTATI ATTESI E INDICATORI
     I   OBIETTIVI           II   DECLINAZIONE
         STRATEGICI               OBIETTIVO                                      Risultato atteso                            Modalità calcolo indicatore (numeratore/
                                                                                                                                          denominatore)
     1   Valutare le        1.1   EFFETTI DEL RIORDINO      1.1 SANITA’ DI INIZIATIVA                                     Raccolta delle liste degli arruolati dai medici di
         innovazioni              DEL SSR                   Definizione e condivisione con i principali stakeholder       famiglia per i vari target previsti nella sanità
         organizzative in         disponibilità di una      del modello di valutazione d’impatto della Nuova Sanità       d’iniziativa. Calcolo degli indicatori di arruolamento.
         ambito socio-            visione sistemica         d’Iniziativa.                                                 Predisposizione delle procedure di analisi che
         sanitario.               di significative aree                                                                   verranno eseguite a inizio 2019 una volta
                                  della performance                                                                       consolidati i flussi sanitari per l’anno 2018.
                                  globale del Sistema
                                  sanitario regionale in
                            1.2   corso di cambiamento      1.2 NUOVE ZONE DISTRETTO                                       Calcolo degli indicatori previsti nel set di
                                  in conseguenza            Definizione e condivisione con i principali stakeholder del   monitoraggio per l’anno 2017 da utilizzare
                                  dell’attuazione della     modello di valutazione d’impatto del riordino delle nuove     successivamente come baseline nel confronto
                                  riforma del sistema       zone distretto.                                               pre e post riforma.
                                  introdotta con la legge
                            1.3   regionale n. 82/2015 e    1.3 APPROPRIATEZZA                                            Discussione del report con informazioni sugli
                                  ss. mm.                   Indagine sulle cure, il consumo di prestazioni e l’equità     effetti a distanza di un anno dal riordino del
                                                            di accesso ai servizi sanitari a supporto del riordino del    SSR aggiornate al primo semestre 2018
                                                            sistema sanitario regionale con particolare riguardo alla     con gli stakeholders di riferimento.
                                                            variabilità per Azienda USL e zona/distretto di residenza.

                                                                                                                          Predisposizione e avvio programma di incontri
                                                                                                                          con i gruppi di lavoro dei dipartimenti
                                                                                                                          interaziendali per la discussione delle
                                                                                                                          raccomandazioni cliniche definite dalle
                                                                                                                          società scientifiche nel contesto
                                                                                                                          del progetto Choosing Wisely Italy

                            1.4                             1.4 RETI CLINICHE                                             Sviluppo e messa a regime di metodiche di
                                                            Monitoraggio dell’impatto dell’attuazione dei documenti       valutazione dei sistemi di rete.
                                                            di programmazione delle reti cliniche tempo-dipendenti
                                                            approvati con la deliberazione n. 1380 del 27/12/2016.

                            1.5                             1.5 RETE PEDIATRICA                                           Aggiornamento annuale dataset entro il
                                                            Identificazione e condivisione con il settore di              31/10/2018 e produzione data set entro il
                                                            competenza della Direzione Diritti di cittadinanza e          10/12/2018.
                                                            coesione sociale e la direzione dell’AOU Meyer degli
                                                            indicatori di monitoraggio e di esito della presa in carico
                                                            dei soggetti in età pediatrica e predisposizione di un
                                                            archivio informatico con i risultati degli indicatori.

                            1.6                             1.6 RETE OSPEDALIERA                                          Rapporti semestrali sui volumi delle attività di
                                                            Volumi, esiti, tempi di programmazione attività               ricovero (segnalate nel D.M. n. 70/2015 ed in
                                                            chirurgiche.                                                  specifiche delibere regionali) e rapporti
                                                                                                                          trimestrali sui tempi di programmazione
                                                                                                                          delle attività chirurgiche.

                            1.7                             1.7 ACCESSO ALLE CURE                                         Analisi del profilo di salute e/o dei consumi
                                                             Analisi comparata dei consumi sanitari della popolazione     sanitari di due sotto popolazioni: disabili passibili
                                                            toscana secondo il livello di deprivazione materiale.         di intervento regionale (Progetto “PASS” Percorsi
                                                                                                                          Assistenziali per Soggetti con bisogni Speciali) e
                                                                                                                          detenuti in Toscana.
                            1.8                             1.8 OSSERVAZIONE DEI LIVELLI ESSENZIALI DI ASSISTENZA         Analisi e validazione dati del programma di
                                                            Realizzazione di un report di analisi e monitoraggio degli    osservazione dei livelli essenziali di assistenza
                                                            eventuali scostamenti tra gli impegni assunti con il Patto    (ProLEA).
                                                            per la Salute.
                            1.9                             1.9 EFFICACIA DELLE STRATEGIE VACCINALI DELLA                 Analisi di almeno un ulteriore piano vaccinale per
                                                            REGIONE TOSCANA                                               patologia per anno.
                                                            Analisi dell’efficacia delle campagne vaccinali di
                                                            prevenzione di patologia (su minori ed adulti) attraverso
                                                            utilizzo dati informatizzati delle 3 Aziende Usl Toscane.

12
OBIETTIVI 2018
                                                            RISULTATI ATTESI E INDICATORI                                  Collegamento con i
                                                                                                                         progetti del DEFR 2018
 Valore      Valore target   Valore target 2019 – 2020             Peso %                   NOTE       Responsabile        o con il PQPO della
iniziale         2018                                                                                   attuazione          Giunta Regionale
   -       rispetto del      Valutazione d’impatto                  8,00%                    -     Osservatorio per la   DEFR – progetto n. 21
           cronoprogramma    dell’attuazione della nuova                                           Qualità ed Equità
           1.1.1             sanità d’iniziativa entro il                                          Osservatorio di
                             31/12/2019.                                                           Epidemiologia

   -       rispetto del      Valutazione d’impatto della            5,00%                    -     Osservatorio per la   DEFR – progetto n. 21
           cronoprogramma    modifica della l.r. n. 40/2005                                        Qualità ed Equità
           1.1.2             entro il 31/12/2019.                                                  Osservatorio di
                                                                                                   Epidemiologia

   -       rispetto del      Aggiornamento della                                             -     Osservatorio per la   DEFR – progetto n. 21
           cronoprogramma    valutazione dell’impatto al                                           Qualità ed Equità
           1.1.3             2018 entro il 31/12/2019.                                             Osservatorio di
                                                                                                   Epidemiologia

   -                         Attuazione programma                  10,00%                          Osservatorio per la   DEFR – progetto n. 21
                             di incontri con i gruppi di                                           Qualità ed Equità
                             lavoro per la discussione                                             Osservatorio di
                             delle raccomandazioni                                                 Epidemiologia
                             cliniche definite dalle società
                             scientifiche nel contesto del
                             progetto Choosing Wisely Italy

   -       rispetto del      Aggiornamento della                    8,00%                    -     Osservatorio per la   DEFR – progetto n. 21
           cronoprogramma    valutazione dell’impatto al                                           Qualità ed Equità
           1.1.4             2018 entro il 31/12/2019.                                             Osservatorio di
                                                                                                   Epidemiologia

   -       rispetto del      Aggiornamento annuale data             4,00%                    -     Osservatorio di       DEFR – progetto n. 21
           cronoprogramma    set.                                                                  Epidemiologia
           1.1.5

   -       rispetto del      Rapporti semestrali sui volumi        10,00%                    -     Osservatorio per la   DEFR – progetto n. 21
           cronoprogramma    delle attività di ricovero                                            Qualità ed Equità
           1.1.6             e rapporti trimestrali sui
                             tempi di programmazione
                             delle attività chirurgiche. Al
                             30/06/2019 sarà predisposto
                             un rapporto su tutto il periodo
                             di osservazione (biennio
                             2017-2018).
   -       rispetto del      Aggiornamento annuale                  5,00%                    -     Osservatorio per la   DEFR – progetto n. 21
           cronoprogramma    data set sulle due sotto                                              Qualità ed Equità
           1.1.7             popolazioni.                                                          Osservatorio di
                                                                                                   Epidemiologia

   -       rispetto del      Produzione report.                     5,00%                    -     Osservatorio per la   DEFR – progetto n. 21
           cronoprogramma                                                                          Qualità ed Equità
           1.1.8

   -       rispetto del      Analisi di almeno un ulteriore         8,00%                    -     Osservatorio di       DEFR – progetto n. 21
           cronoprogramma    piano vaccinale per patologia                                         Epidemiologia
           1.1.9             per anno.

                                                                                                                                                  13
OBIETTIVI 2018 (segue)
                                                                                                    RISULTATI ATTESI E INDICATORI (segue)
     I   OBIETTIVI             II   DECLINAZIONE
         STRATEGICI                 OBIETTIVO                                      Risultato atteso                               Modalità calcolo indicatore (numeratore/
                                                                                                                                               denominatore)
     2   Sviluppo di          2.1   MIGLIORAMENTO             2.1 ASSISTENZA DI LUNGO TERMINE AGLI ANZIANI NON                 Proposta di miglioramento del flusso di dati
         nuovi sistemi di           STRUMENTI DI              AUTOSUFFICIENTI                                                 correnti RFC 115 e 118 (Assistenza domiciliare e
         valutazione in             PROGRAMMAZIONE E          Misurazione del livello di tutela della popolazione anziana     residenziale).
         ambito socio-              CONTROLLO                 non autosufficiente; identificazione e soddisfazione dei
         sanitario.                                           bisogni formativi del personale sanitario e assistenziale;
                                                              proposte per il miglioramento della governance
                                                              assistenziale.

                              2.2                             2.2 AZIONI PER LA QUALITA’ DEI DATI SANITARI                    Analisi di qualità di ulteriori due flussi
                                                              Analisi della qualità flussi doc e centralizzazione del         sanitari correnti in aggiunta a quelli
                                                              calcolo degli indicatori di programmazione e controllo.         analizzati nel 2017.
                                                                                                                              Presa in carico di n. 185 indicatori MES di
                                                                                                                              valutazione delle perfomance
                                                                                                                              (Regione Toscana e Network Regioni).
                              2.3                             2.3 SVILUPPO DI SISTEMI DI VALUTAZIONE QUALITATIVI              Definizione di un setting assistenziale (paziente e
                                                              DEGLI ESITI                                                     caregiver formale o informale) di implementazione
                                                              Sviluppo di indicatori di esito che riportano le esperienze     del sistema di valutazione e test di fattibilità.
                                                              di cura di pazienti e caregiver professionali e non.            Raccolta e analisi narrative dai centri coinvolti,
                                                                                                                              tramite portale; individuazione degli indicatori
                                                                                                                              soggettivi da materiale narrativo.
     3   Una PA trasparente   3.1   AZIONI PER L’EFFICACIA,   3.1 CLIMA ORGANIZZATIVO, LEADERSHIP E                           Giudizio qualitativo del personale coordinato,
         e leggera:                 L’EFFICIENZA, LA          PARTECIPAZIONE                                                  rilevato attraverso un apposito questionario,
         innovazione,               TRASPARENZA E             Assicurare un indirizzo coerente con gli obiettivi strategici   circa la capacità di indirizzo e coordinamento
         semplificazione,           L’INTEGRITÀ DEI           e rispetto alla capacità di coordinamento della struttura.      del Direttore.
         contenimento               PROCESSI E PER
         della spesa.               IL BENESSERE
                                    ORGANIZZATIVO

                              3.2                             3.2 DIFFUSIONE DELLA CULTURA DELLA TRASPARENZA E                Attuazione misure sulla trasparenza previste
                                                              DELLA LOTTA ALLA CORRUZIONE                                     per l’anno 2018.
                                                              Realizzazione delle misure di natura organizzativa, in
                                                              tema di trasparenza e anticorruzione, definite nel PTPCT
                                                              2018/2020.                                                      Attuazione misure sull’anticorruzione previste
                                                                                                                              per l’anno 2018.

                              3.3                             3.3 MAPPATURA DEI PROCESSI SECONDO LA METODOLOGIA               Ridisegno processi supporto e primari e
                                                              LEAN THINKING                                                   produzione report entro il 10/12/2018.
                                                              Reingegnerizzazione e ottimizzazione dei processi primari
                                                              e di supporto.
                              3.4                             3.4 ADESIONE WORKPLACE HEALTH PROMOTION (WHP)                   Realizzazione di almeno 3 buone pratich
                                                              Realizzazione del programma regionale “WHP” inserito nel        su almeno 2 delle 6 aree tematiche
                                                              progetto n.9 del Piano Regionale per la Prevenzione PRP         del programma.
                                                              2014-2018 per la realizzazione di interventi di promozione
                                                              della salute negli ambienti di lavoro.
                                                              3.5 MISURARE L’EFFICACIA DELL’ATTIVITÀ DI RICERCA,              Costruzione di un metodo qualitativo di rilevazione
                                                              MONITORAGGIO E VALUTAZIONE DI ARS a supporto delle              della percezione e dell’efficacia delle azioni di ARS
                                                              Direzioni di Regione Toscana                                    da parte delle Direzioni di RT

14
OBIETTIVI 2018 (segue)
                                                    RISULTATI ATTESI E INDICATORI (segue)                                                      Collegamento con i
                                                                                                                                             progetti del DEFR 2018
 Valore     Valore target    Valore target 2019 – 2020           Peso %                     NOTE                         Responsabile          o con il PQPO della
iniziale        2018                                                                                                      attuazione            Giunta Regionale
    -      rispetto del     Report sulla tutela della            5,00%                         -                       Osservatorio per la    DEFR – progetto
           cronoprogramma   popolazione anziana non                                                                    Qualità ed Equità      n. 21
           2.2.1            autosufficiente, identificazione                                                           e Osservatorio di
                            e soddisfazione dei bisogni                                                                Epidemiologia
                            formativi del personale e
                            proposta correzioni da apportare
                            all’organizzazione e al governo
                            dei servizi entro il 31/10/2019.
    -      rispetto del     Analisi di qualità di un altro                                     -                       Osservatorio di        Osservatorio di
           cronoprogramma   flusso per anno.                                                                           Epidemiologia          Epidemiologia
           2.2.2
                                                                 15,00%
    -                       Conclusione del percorso di                                        -                       Osservatorio di        Osservatorio di
                            acquisizione degli indicatori                                                              Epidemiologia          Epidemiologia
                            mancanti (n.140).
    -      rispetto del     Messa a regime del sistema di        5,00%                         -                       Osservatorio per la    DEFR – progetto
           cronoprogramma   raccolta e di valutazione delle                                                            Qualità ed Equità      n. 21
           2.2.3            narrative.

 84,43%    rispetto del                      -                   2,50%     Indicatore valutato esclusivamente          Direzione - Settore    PQPO – trasversale
  (dato    cronoprogramma                                                  ai fini della prestazione individuale       amministrazione
  finale   3.3.1                                                           del Direttore (non verrà valutato,
  2017)                                                                    quindi, ai fini della prestazione
                                                                           organizzativa). La percentuale di
                                                                           raggiungimento sarà parametrata
                                                                           al giudizio rilasciato dal personale
                                                                           coordinato. Il valore a consuntivo
                                                                           dell’obiettivo sarà rappresentato
                                                                           dalla percentuale di gradimento/
                                                                           soddisfazione risultante al termine
                                                                           dell’indagine.
    -      100,00%                           -                   2,50%     La verifica circa il conseguimento             Responsabile        PQPO – trasversale
                                                                           dell’obiettivo sarà effettuata dal             prevenzione
                                                                           Responsabile della prevenzione                 corruzione e
                                                                           corruzione e trasparenza.                       trasparenza
    -      100,00%                           -                             Nell’ambito del PTPCT 2018/2020
                                                                           verranno specificate le misure
                                                                           organizzative da adottare, sia
                                                                           in tema di trasparenza che di
                                                                           anticorruzione, ed i conseguenti
                                                                           cronoprogrammi utili per verificarne
                                                                           la realizzazione.
    -      rispetto del                      -                   3,00%                         -                            Direzione         PQPO – trasversale
           cronoprogramma
           3.3.3

    -      rispetto del     Mantenimento delle buone             2,00%                         -                            Direzione         PQPO – trasversale
           cronoprogramma   pratiche del primo anno e
           3.3.4            realizzazione di ulteriori buone
                            pratiche su altre aree tematiche.

    -      rispetto del     Applicazione metodo indivi-          2,00%     Il cronoprogramma è in corso di defini-          Direzione         PQPO – trasversale
           cronoprogramma   duato ad almeno due attività                   zione e sarà formalizzato con l’ occasio-
           3.3.5            del PQPO                                       ne dell’approvazione del monitoraggio
                                                                           semestrale 2018
                                                                100,00%
                                                                                                                                                                      15
cronoprogramma 1.1.1

                                                      SANITA’ DI INIZIATIVA
                        RISULTATO ATTESO: Definizione e condivisione con i principali stakeholder
                            del modello di valutazione d’impatto della Nuova Sanità d’Iniziativa.
         Indicatore: Raccolta delle liste degli arruolati dai medici di famiglia per i vari target previsti nella sanità
      d’iniziativa. Calcolo degli indicatori di arruolamento. Predisposizione delle procedure di analisi che verranno
                         eseguite a inizio 2019 una volta consolidati i flussi sanitari per l’anno 2018.

                                                                                                          Dirigente
     Nr. fase        Descrizione fase                Output          Inizio previsto   Fine prevista                        Peso %
                                                                                                        Responsabile
                 Raccolta liste arruolati dei
                                                    Liste pazienti
         1       medici di famiglia per i vari                          15/1/2018        15/5/2018        Francesconi       60,00%
                                                       arruolati
                 target attivati.

                 Predisposizione delle              Procedure di
         2                                                              16/5/2018        30/11/2018       Francesconi       40,00%
                 procedure di analisi.                 analisi

     Peso complessivo delle fasi (100%)                                                                                     100,00%

                                                               cronoprogramma 1.1.2
                                                   NUOVE ZONE DISTRETTO
                  RISULTATO ATTESO - Definizione e condivisione con i principali stakeholder del modello di
                                 valutazione d’impatto del riordino delle nuove zone distretto.
                     Indicatore - Calcolo degli indicatori previsti nel set di monitoraggio per l’anno 2017
                        da utilizzare successivamente come baseline nel confronto pre e post riforma.

                                                                          Inizio                             Dirigente
     Nr. fase      Descrizione fase                 Output                              Fine prevista                         Peso %
                                                                         previsto                          Responsabile

                 Definizione operativa
                 delle schede indicatori
         1                                       Schede indicatori       1/1/2018          30/4/2018          Francesconi     40,00%
                 secondo il modello di
                 valutazione condiviso

                 Calcolo degli indicatori
                                                  Set indicatori
         2       previsti nel set di                                     1/5/2018          31/7/2018          Francesconi     60,00%
                                                    calcolati
                 monitoraggio

     Peso complessivo delle fasi (100%)                                                                                      100,00%

16
cronoprogramma 1.1.3

                                                APPROPRIATEZZA
    RISULTATO ATTESO - Indagine sulle cure, il consumo di prestazioni e l’equità di accesso ai servizi sanitari a
 supporto del riordino del sistema sanitario regionale con particolare riguardo alla variabilità per Azienda USL e
                                           zona/distretto di residenza.
   Indicatore - Discussione del report con informazioni sugli effetti a distanza di un anno dal riordino del SSR
                     aggiornate al primo semestre 2018 con gli stakeholders di riferimento.

 Nr.                                                                            Inizio       Fine         Dirigente
                    Descrizione fase                        Output                                                      Peso %
fase                                                                           previsto    prevista     Responsabile

          Perfezionamento dello schema di                 Schema analisi
  1       analisi e condivisione con i principoali        perfezionato e       1/1/2018    31/3/2018      Francesconi   40,00%
          stakeholders                                      condiviso

          Aggiornamento report sull’impatto al
  2                                                           Report           1/4/2018    30/6/2018      Francesconi   20,00%
          secondo semestre 2017

          Discussione dei report con gli
  3       stakeholders entro 30 giorni dal loro          Verbale riunione      1/7/2018    28/12/2018     Francesconi   40,00%
          aggiornamento

Peso complessivo delle fasi (100%)                                                                                      100,00%

                                                APPROPRIATEZZA
   RISULTATO ATTESO - Indagine sulle cure, il consumo di prestazioni e l’equità di accesso ai servizi sanitari a
 supporto del riordino del sistema sanitario regionale con particolare riguardo alla variabilità per Azienda USL e
                                           zona/distretto di residenza.
Indicatore - Predisposizione e avvio programma di incontri con i gruppi di lavoro dei dipartimenti interaziendali
  per la discussione delle raccomandazioni cliniche definite dalle società scientifiche nel contesto del progetto
                                               Choosing Wisely Italy

                                                                                Inizio       Fine         Dirigente
Nr. fase              Descrizione fase                      Output                                                      Peso %
                                                                               previsto    prevista     Responsabile
              Predisposizione programma di
              incontri con i gruppi di lavoro dei
              dipartimenti interaziendali per la
                                                           Programma
      1       discussione delle raccomandazioni                                15/1/2018   30/4/2018      Francesconi   50,00%
                                                           disponibile
              cliniche definite dalle società
              scientifiche nel contesto del progetto
              Choosing Wisely Italy
              Avvio programma di incontri con
                                                               Verbale
              i gruppi di lavoro dei dipartimenti
                                                        dell’incontro per la
              interaziendali per la discussione
                                                         discussione delle
      2       delle raccomandazioni cliniche                                   1/5/2018    30/11/2018     Francesconi   50,00%
                                                       raccomandazioni con
              definite dalle società scientifiche
                                                       almeno due gruppi di
              nel contesto del progetto Choosing
                                                                lavoro
              Wisely Italy
Peso complessivo delle fasi (100%)                                                                                      100,00%

                                                                                                                                  17
cronoprogramma 1.1.4

                                                    RETI CLINICHE
       RISULTATO ATTESO - Monitoraggio dell’impatto dell’attuazione dei documenti di programmazione delle reti
                  cliniche tempo-dipendenti approvati con la deliberazione n. 1380 del 27/12/2016.
                Indicatore - Sviluppo e messa a regime di metodiche di valutazione dei sistemi di rete.

                                                                          Inizio       Fine         Dirigente
      Nr. fase        Descrizione fase               Output                                                      Peso %
                                                                         previsto    prevista     Responsabile

                   Sviluppo di metodiche di        Approvazione
          1        valutazione dei sistemi di    contenuti pagina        1/1/2018    31/5/2018        Gemmi      50,00%
                   rete                                web

                   Messa a regime di             Report valutazioni
          2        metodiche di valutazione       primo semestre         1/6/2018    10/12/2018       Gemmi      50,00%
                   dei sistemi di rete                 2018

     Peso complessivo delle fasi (100%)                                                                          100,00%

                                                            cronoprogramma 1.1.5

                                                      RETE PEDIATRICA
          RISULTATO ATTESO - Identificazione e condivisione con il settore di competenza della Direzione Diritti di
                                cittadinanza e coesione sociale e la direzione dell’AOU Meyer
               degli indicatori di monitoraggio e di esito della presa in carico dei soggetti in età pediatrica e
                          predisposizione di un archivio informatico con i risultati degli indicatori.
        Indicatore - Aggiornamento annuale dataset entro il 31/10/2018 e produzione data set entro il 10/12/2018.

                                                                          Inizio       Fine         Dirigente
      Nr. fase        Descrizione fase                Output                                                     Peso %
                                                                         previsto    prevista     Responsabile
                                                     Documento
          1        Calcolo data set indicatori                            1/1/2018   31/10/2018       Voller     40,00%
                                                  indicatori calcolati

                   Produzione informatica          Elenco indicatori
          2                                                               1/8/2018   10/12/2018       Voller     60,00%
                   data set                            calcolati

     Peso complessivo delle fasi (100%)                                                                          100,00%

18
cronoprogramma 1.1.6

                                                 RETE OSPEDALIERA
                RISULTATO ATTESO - Volumi, esiti, tempi di programmazione attivita’ chirurgiche.
    Indicatore - Rapporti semestrali sui volumi delle attività di ricovero (segnalate nel D.M. n. 70/2015 ed in
   specifiche delibere regionali) e rapporti trimestrali sui tempi di programmazione delle attività chirurgiche.

                                                                          Inizio      Fine         Dirigente
Nr. fase         Descrizione fase                     Output                                                    Peso %
                                                                         previsto   prevista     Responsabile

            Primo Rapporto trimestrale sui
            tempi di programmazione delle         Rapporto tempi di
    1                                                                    1/1/2018   10/5/2018       Gemmi       20,00%
            principali attività di chirurgia      programmazione
            programmata, oncologica e non

            Secondo Rapporto trimestrale
            sui tempi di programmazione
                                                  Rapporto tempi di
    2       delle principali attività di                                 1/4/2018   10/8/2018       Gemmi       20,00%
                                                  programmazione
            chirurgia programmata,
            oncologica e non

            Terzo Rapporto trimestrale sui
            tempi di programmazione delle         Rapporto tempi di
    3                                                                    1/7/2018   10/11/2018      Gemmi       20,00%
            principali attività di chirurgia      programmazione
            programmata, oncologica e non

            Esiti clinici e volumi di attività
            per quelle patologie segnalate
    4       nel D.M. n.70/2015 ed in             Rapporto volumi/esiti   1/2/2018   30/4/2018       Gemmi       20,00%
            specifiche delibere regionali
            (secondo semestre 2017)

            Esiti clinici e volumi di attività
            per quelle patologie segnalate
    5       nel D.M. n.70/2015 ed in             Rapporto volumi/esiti   1/7/2018   15/10/2018      Gemmi       20,00%
            specifiche delibere regionali
            (primo semestre 2018)

Peso complessivo delle fasi (100%)                                                                              100,00%

                                                                                                                          19
cronoprogramma 1.1.7

                                                       ACCESSO ALLE CURE
         RISULTATO ATTESO - Analisi comparata dei consumi sanitari della popolazione toscana secondo il livello di
                                                      deprivazione materiale.
        Indicatore - Analisi del profilo di salute e/o dei consumi sanitari di due sotto popolazioni: disabili passibili di
               intervento regionale (Progetto “PASS” Percorsi Assistenziali per Soggetti con bisogni Speciali)
                                                       e detenuti in Toscana.

                                                                       Inizio       Fine          Dirigente
      Nr. fase          Descrizione fase                Output                                                     Peso %
                                                                      previsto    prevista      Responsabile

                  Stima della popolazione
         1        disabile passibile di intervento       Dataset      1/1/2018    31/7/2018         Voller         25,00%
                  programma regionale PASS

                  Rilevazione presso gli istituti
         2        penitenziari della Toscana dello       Dataset      1/1/2018    31/7/2018         Voller         25,00%
                  stato di salute dei detenuti

                  Analisi consumi sanitari
         3                                              Indicatori    1/8/2018    10/12/2018        Voller         25,00%
                  popolazione disabile

                  Analisi dati della rilevazione su
         4                                              Indicatori    1/8/2018    10/12/2018        Voller         25,00%
                  detenuti in Toscana

     Peso complessivo delle fasi (100%)                                                                            100,00%

                                                         cronoprogramma 1.1.8

                                   OSSERVAZIONE DEI LIVELLI ESSENZIALI DI ASSISTENZA
       RISULTATO ATTESO - Realizzazione di un report di analisi e monitoraggio degli eventuali scostamenti tra gli
                                          impegni assunti con il Patto per la Salute.
     Indicatore - Analisi e validazione dati del programma di osservazione dei livelli essenziali di assistenza (ProLEA).

                                                                       Inizio        Fine          Dirigente
      Nr. fase          Descrizione fase               Output                                                       Peso %
                                                                      previsto     prevista      Responsabile

                   Completamento del portale
          1                                              Portale      1/1/2018     30/9/2018         Gemmi           40,00%
                   PROLEA
                   Analisi e validazione dei dati     Report ad uso
          2                                                           1/7/2018     31/7/2018         Gemmi           30,00%
                   base                                  interno
                   Analisi e validazione              Report ad uso
          3                                                           1/10/2018    10/12/2018        Gemmi           30,00%
                   incrementale dei dati                 interno

     Peso complessivo delle fasi (100%)                                                                             100,00%

20
cronoprogramma 1.1.9

                           EFFICACIA DELLE STRATEGIE VACCINALI DELLA REGIONE TOSCANA
              RISULTATO ATTESO - Analisi dell’efficacia delle campagne vaccinali di prevenzione di patologia
                  (su minori ed adulti) attraverso utilizzo dati informatizzati delle 3 Aziende Usl Toscane
                    Indicatore - Analisi di almeno un ulteriore piano vaccinale per patologia per anno.

                                                                     Inizio                          Dirigente
  Nr. fase             Descrizione fase              Output                        Fine prevista                   Peso %
                                                                    previsto                       Responsabile
                   Scelta della ulteriore
                   campagna vaccinale rispetto
        1          al 2017 e condivisione con il    Documento        1/2/2018        30/4/2018          Voller      10,00%
                   Settore competente della D.G.
                   Salute

                   Ricerca bibliografica della
                   campagna vaccinale prescelta
        2                                             Report         1/5/2018        30/9/2018          Voller      30,00%
                   così come implementata da
                   almeno 3 paesi europei

        3          Redazione Report                   Report        1/10/2018        30/11/2018         Voller      60,00%

Peso complessivo delle fasi (100%)                                                                                 100,00%

                                                        cronoprogramma 2.2.1

                           ASSISTENZA DI LUNGO TERMINE AGLI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI
            RISULTATO ATTESO - Misurazione del livello di tutela della popolazione anziana non autosufficiente;
                identificazione e soddisfazione dei bisogni formativi del personale sanitario e assistenziale;
                               proposte per il miglioramento della governance assistenziale.
                      Indicatore - Proposta di miglioramento del flusso di dati correnti RFC 115 e 118
                                           (Assistenza domiciliare e residenziale).

                                                                                       Fine          Dirigente
Nr. fase             Descrizione fase              Output        Inizio previsto                                   Peso %
                                                                                     prevista      Responsabile
                Definizione dei dati mancanti
                nelle attuali RFC per pemettere    Lista dati
    1                                                               11/1/2018        31/5/2018       Francesconi   50,00%
                un adeguato monitoraggio dei       mancanti
                servizi
                Proposta di miglioramento del
                flusso di dati correnti RFC 115     Proposta
    2                                                               1/6/2018         21/12/2018      Francesconi   50,00%
                e 118 (Assistenza domiciliare e    disponibile
                residenziale)

Peso complessivo delle fasi (100%)                                                                                 100,00%

                                                                                                                             21
cronoprogramma 2.2.2

                                           AZIONI PER LA QUALITA’ DEI DATI SANITARI
            RISULTATO ATTESO - Analisi della qualità flussi doc e centralizzazione del calcolo degli indicatori di
                                                   programmazione e controllo.
         Indicatore - Analisi di qualità di ulteriori due flussi sanitari correnti in aggiunta a quelli analizzati nel 2017.

                                                                              Inizio          Fine         Dirigente
       Nr. fase             Descrizione fase                  Output                                                    Peso %
                                                                             previsto       prevista     Responsabile

                      Scelta dell’ulteriore flusso
           1          attraverso condivisione con il         Documento       1/3/2018       30/4/2018        Voller     20,00%
                      Settore competente

           2          Analisi di qualità dei dati             Data set       1/5/2018      15/10/2018        Voller     40,00%
                                                               Report
           3          Predisposizione e stesura report                      16/10/2018     10/12/2018        Voller     40,00%
                                                              definitivo

     Peso complessivo delle fasi (100%)                                                                                 100,00%

                                            AZIONI PER LA QUALITA’ DEI DATI SANITARI
               RISULTATO ATTESO - Analisi della qualità flussi doc e centralizzazione del calcolo degli indicatori di
                                                   programmazione e controllo.
                      Indicatore - Presa in carico di n. 185 indicatori MES di valutazione delle perfomance
                                              (Regione Toscana e Network Regioni).

                                                                            Inizio                         Dirigente
      Nr. fase          Descrizione fase                 Output                          Fine prevista                  Peso %
                                                                           previsto                      Responsabile

                    Calcolo dei 70 indicatori
          1                                              Indicatori        1/1/2018        30/4/2018         Voller      40,00%
                    (valutati) del Network Regioni

                    Calcolo dei 45 indicatori
          2         (valutati) del sistema Regione       Indicatori        1/5/2018        30/6/2018         Voller      20,00%
                    Toscana

                    Calcolo dei 70 indicatori (non
          3         valutati) del sistema Regione        Indicatori        1/7/2018       10/12/2018         Voller      40,00%
                    Toscana e del Network Regioni

     Peso complessivo delle fasi (100%)                                                                                 100,00%

22
cronoprogramma 2.2.3
                           SVILUPPO DI SISTEMI DI VALUTAZIONE QUALITATIVI DEGLI ESITI
         RISULTATO ATTESO - Sviluppo di indicatori di esito che riportano le esperienze di cura di pazienti e
                                             caregiver professionali e non
            Indicatore - Definizione di un setting assistenziale (paziente e caregiver formale o informale)
                          di implementazione del sistema di valutazione e test di fattibilità.
                           Raccolta e analisi narrative dai centri coinvolti, tramite portale;
                          individuazione degli indicatori soggettivi da materiale narrativo.

                                                                Inizio                               Dirigente
 Nr. fase         Descrizione fase             Output                            Fine prevista                     Peso %
                                                               previsto                            Responsabile

               Implementazione del             Raccolta
     1         portale e raccolta del          materiale        1/2/2018           31/7/2018          Gemmi        50,00%
               materiale narrativo             narrativo

                                               Produzione
               Analisi del materiale
     2                                          indicatori      1/8/2018           10/12/2018         Gemmi        50,00%
               narrativo
                                                soggettivi

Peso complessivo delle fasi (100%)                                                                                 100,00%

                                                      cronoprogramma 3.3.1
                             CLIMA ORGANIZZATIVO, LEADERSHIP E PARTECIPAZIONE
    RISULTATO ATTESO - Assicurare un indirizzo coerente con gli obiettivi strategici e rispetto alla capacità di
                                           coordinamento della struttura.
     Indicatore - Giudizio qualitativo del personale coordinato, rilevato attraverso un apposito questionario,
                            circa la capacità di indirizzo e coordinamento del Direttore.

                                                                                                      Dirigente
  Nr. fase         Descrizione fase              Output        Inizio previsto     Fine prevista                   Peso %
                                                                                                    Responsabile

               Presentazione dei contenuti
                                                 E-mail e/o
               dell’indagine ai soggetti
     1                                          riunione di       1/11/2018          30/11/2018         Tarli      50,00%
               individuati alla compilazione
                                               presentazione
               del questionario

               Somministrazione del             Questionario
     2                                                            1/12/2018          31/12/2018         Tarli      50,00%
               questionario                    somministrato

Peso complessivo delle fasi (100%)                                                                                 100,00%

                                                                                                                             23
cronoprogramma 3.3.3

                          MAPPATURA DEI PROCESSI SECONDO LA METODOLOGIA LEAN THINKING
                RISULTATO ATTESO - Reingegnerizzazione e ottimizzazione dei processi primari e di supporto.
                 Indicatore - Ridisegno processi supporto e primari e produzione report entro il 10/12/2018.

                                                                                                  Fine           Dirigente
     Nr. fase          Descrizione fase                   Output              Inizio previsto                                 Peso %
                                                                                                prevista       Responsabile

                 Assessment: analisi e fotografia
                 della situazione iniziale di
         1                                                 Report                15/1/2018      30/6/2018         Gemmi       50,00%
                 partenza (AS-IS) e individuazione
                 di eventuali inefficienze e sprechi.

                 Reengineering: riprogettazione
                 organizzativa sulla base di
         2                                                 Report                1/7/2018       10/12/2018        Gemmi       50,00%
                 quanto emerso nell’attività di
                 Assessment.

     Peso complessivo delle fasi (100%)                                                                                       100,00%

                                                            cronoprogramma 3.3.4
                                   ADESIONE WORKPLACE HEALTH PROMOTION (WHP)
                RISULTATO ATTESO - Realizzazione del programma regionale “WHP” inserito nel progetto n°9
     del Piano Regionale per la Prevenzione PRP 2014-2018 per la realizzazione di interventi di promozione della salute
                                                 negli ambienti di lavoro.
       Indicatore - Realizzazione di almeno 3 buone pratiche su almeno 2 delle 6 aree tematiche del programma.

                                                                                     Inizio         Fine         Dirigente
     Nr. fase            Descrizione fase                    Output                                                           Peso %
                                                                                    previsto      prevista     Responsabile

                 Definizione di obiettivi e buone
                 pratiche di intervento, concordando        Richiesta di
         1       il percorso di realizzazione delle         adesione al             15/1/2018     30/4/2018       Vannucci    30,00%
                 buone pratiche nell’ambito delle aree      programma
                 tematiche individuate.

                 Analisi dei bisogni attraverso la
                 costituzione di un gruppo di lavoro
                                                          Somministrazione
                 interno con l’obiettivo di pianificare
         2                                                 questionario ai           1/5/2018     31/7/2018       Vannucci    30,00%
                 ed organizzare la realizzazione
                                                             lavoratori
                 delle attività sulla base delle buone
                 pratiche raccomandate.
                 Pianificazione degli interventi:
                 realizzazione di almeno 3 buone
         3                                                Azioni realizzate          1/8/2018     10/12/2018      Vannucci    40,00%
                 pratiche su almeno 2 delle 6 aree
                 tematiche del programma.

     Peso complessivo delle fasi (100%)                                                                                       100,00%

24
www.ars.toscana.it
Puoi anche leggere
DIAPOSITIVE SUCCESSIVE ... Annulla