AVVISO PUBBLICO - Comune ...

 
CITTÀ DI TREVISO
          Comune di Treviso - Via Municipio, 16 – 31100 TREVISO - C.F. 80007310263 P.I. 00486490261
             Centralino 0422 6581 telefax 0422 658201 PEC: postacertificata@cert.comune.treviso.it
                   Settore Affari Generali, Risorse Umane, Contratti e Appalti – Ufficio Acquisti
Prot. n. 0057487                                                                           Treviso, 15/04/2019

                                            AVVISO PUBBLICO

PER L’INDIVIDUAZIONE E SELEZIONE DI OPERATORI ECONOMICI DA INVITARE
ALLA PROCEDURA DI AFFIDAMENTO MEDIANTE RICHIESTA DI PREVENTIVO AI
SENSI DELL’ART. 36, COMMA 2, LETT. A) DEL D.LGS 50/2016 TRAMITE MERCATO
ELETTRONICO (M.E.P.A.) PER L’AFFIDAMENTO DELLA “FORNITURA MATERIALE
ELETTRICO PER IL SERVIZIO MANUTENZIONE IMMOBILI PER UN PERIODO DI 12
MESI” – CIG: 7836449A48

PREMESSA – INDICAZIONI GENERALI
L’Amministrazione Comunale di Treviso intende acquisire manifestazioni di interesse al fine di
individuare gli operatori economici da invitare alla procedura di affidamento mediante richiesta di
preventivo ai sensi dell’art. 36 comma 2, lett. a) del Dlgs. n. 50/2016, tramite mercato elettronico
(M.E.P.A.) per l’affidamento della “Fornitura materiale elettrico per il Servizio Manutenzione
immobili per un periodo di 12 mesi”.
Con il presente avviso non è indetta alcuna procedura di affidamento concorsuale o
paraconcorsuale e pertanto non sono previste graduatorie di merito o attribuzione di punteggi. Il
presente avviso non costituisce un invito a offrire né un’offerta al pubblico ai sensi dell’art. 1336 del
codice civile o promessa al pubblico ai sensi dell’art. 1989 del codice civile.

1.   OGGETTO DELL’AFFIDAMENTO

L’affidamento ha per oggetto la “Fornitura materiale elettrico per il Servizio Manutenzione immobili
per un periodo di 12 mesi, con eventuale rinnovo per ulteriore 12 mesi”, con le caratteristiche che
saranno illustrate nelle “Condizioni particolari di contratto” e nel “Dettaglio economico-griglia
sconti”, relativa ai prodotti delle Marche indicate nell’art. 5 delle “Condizioni particolari di contratto”.

2.   IMPORTO
Il corrispettivo a base d’asta per 12 mesi è quantificato, stabilendo l’importo complessivo di €
19.900,00 oltre IVA di legge. La stazione appaltante si riserva la facoltà di rinnovare il contratto,
alle medesime condizioni, per ulteriori 12 mesi, per un importo a base d’asta di € 19.900,00 oltre
IVA di legge. La stazione appaltante esercita tale facoltà comunicandola all’appaltatore mediante
posta elettronica certificata almeno 15 giorni prima della scadenza del contratto originario.
Il valore complessivo dell’appalto è pari ad euro 39.800,00 (IVA esclusa).

CPV – 31700000 - 3;

3.   REQUISITI DI PARTECIPAZIONE

3.1 ISCRIZIONE MEPA
Abilitazione al MEPA, con attivazione all’iniziativa “BENI – Materiali elettrici, da costruzione,
ferramenta” – CPV 31700000 – 3.
La ditta dovrà essere in possesso dell’abilitazione al succitato bando MEPA alla data presunta del
26/04/2019 di pubblicazione della RDO.

3.2 REQUISITI DI ORDINE GENERALE
Sono ammessi a presentare domanda di partecipazione i soggetti di cui all’art. 45 del Dlgs.
50/2016, nel rispetto di quanto previsto agli artt. 47 e 48 del medesimo decreto ed in possesso dei
seguenti requisiti:
- insussistenza di una qualsiasi causa di esclusione prevista dall’art. 80 del Dgls. n. 50/2016.

3.3 MODALITA’ DI PARTECIPAZIONE
• Iscrizione alla Camera di Commercio, Industria, Artigianato ed Agricoltura per l’attività
   competente oppure iscrizione nel registro o albo delle società, cooperative, oppure l’iscrizione
   all’Anagrafe unica delle Onlus presso il Ministero delle Finanze, ai sensi dell’art. 11 del Dgls. n.
   460/1997.
• Rispetto nei confronti dei lavoratori delle normative vigenti in materia assicurativa e
   previdenziali, retributiva e di prestazione del lavoro.

4.   MODALITA’ DI PARTECIPAZIONE

Gli operatori economici interessati ad essere inseriti nell’elenco oggetto del presente avviso
dovranno trasmettere apposita istanza di manifestazione d’interesse (come da facsimile Allegato
A), firmata digitalmente dal titolare o legale rappresentante o da procuratore munito di poteri
necessari (in tal caso allegare copia della procura speciale) indirizzata al Comune di Treviso

                                   entro il termine perentorio

                             delle ore 13.00 del giorno 24/04/2019

La domanda di partecipazione potrà essere inoltrata esclusivamente tramite PEC all’indirizzo:
postacertificata@cert.comune.treviso.it - avente ad oggetto “Manifestazione di interesse per
l’affidamento della “Fornitura materiale elettrico per i servizi comunali per un periodo di 12 mesi”;

La ricezione della domanda di partecipazione entro il termine fissato per la presentazione della
stessa rimane ad esclusivo rischio dei mittenti, per cui il Comune di Treviso non assume
responsabilità alcuna qualora, per qualsiasi motivo, la domanda medesima non venga recapitata
entro il termine perentorio di cui sopra. Le domande pervenute in ritardo non saranno prese in
considerazione.
ATTENZIONE: al fine di verificare il rispetto del termine di presentazione delle domande,
faranno fede esclusivamente la data e l’ora di ricezione del servizio Protocollo del Comune
di Treviso.

Trascorso il termine fissato per la scadenza della presentazione delle domande, non è riconosciuta
valida alcuna altra domanda, anche se sostitutiva o aggiuntiva di domanda precedente.
5.   MODALITA’ DI PARTECIPAZIONE

Il Comune di Treviso provvederà ad invitare alla procedura tutti i soggetti idonei che abbiano
presentato una candidatura entro il termine e con le modalità indicate nel presente
avviso/manifestazione di interesse.

La procedura di affidamento consisterà in una richiesta di preventivo, tramite Mercato elettronico
(M.E.P.A.), nell’iniziativa “BENI – Materiali elettrici, da costruzione, ferramenta” e sarà affidato
all’operatore economico che, sulla base delle caratteristiche indicate nella suddetta richiesta di
preventivo, presenterà l’offerta con l’importo più basso rispetto all’importo massimo indicato.
Si ritiene di non applicare il criterio di rotazione ai sensi del punto 3.6 delle linee guida ANAC n. 4
che stabilisce che “….. la rotazione non si applica laddove il nuovo affidamento avvenga tramite
procedure ordinarie o comunque aperte al mercato, nelle quali la stazione appaltante…non operi
alcuna limitazione in ordine al numero di operatori economici tra i quali effettuare la selezione” e
che l’avviso pubblico, quale strumento attuativo dei principi di trasparenza e imparziabilità,
consente la massima partecipazione ivi inclusi i precedenti invitati e il precedente fornitore.

In ogni caso, l’Amministrazione potrà procedere anche nell’ipotesi in cui venga presentata una sola
manifestazione di interesse.
Alla ditte invitate saranno fornite le ulteriori informazioni con la partecipazione alla procedura.

6.   TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

Ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679 GDPR - Regolamento generale sulla protezione
dei dati - i dati personali forniti dai partecipanti saranno raccolti presso il Settore Affari Generali,
Risorse Umane, Contratti e Appalti, per le finalità di gestione della gara e saranno trattati con o
senza ausilio di mezzi elettronici, limitatamente e per il tempo necessario agli adempimenti relativi
alla gara.
Le medesime informazioni potranno essere comunicate alle amministrazioni pubbliche interessate
alla verifica dei requisiti generali e speciali del partecipante.
Ai sensi dell’art. 15 del citato regolamento l’interessato ha il diritto di ottenere la conferma che sia o
meno in corso un trattamento di dati personali che lo riguardano e in tal caso, di ottenere l’accesso
ai dati personali e alle informazioni specificate nel comma 1 del medesimo articolo. Inoltre
l’interessato è titolare dei diritti di cui agli articoli 7, comma 3, 18, 20, 21 e 77 del succitato
regolamento.
Tali diritti potranno essere fatti valere nei confronti del dirigente del Settore Affari Generali, Risorse
Umane, Contratti e Appalti delegato al trattamento dei dati.
Il titolare del trattamento è la Giunta Comunale del Comune di Treviso (in seguito “Titolare”), con
sede in via Municipio, 16 31100 Treviso. il Data Protection Officer (Responsabile della Protezione
dei dati) è il Segretario Generale del Comune di Treviso, via Municipio 16, Treviso, email
dpo@comune.treviso.it .

7.   PUBBLICAZIONE DELL’AVVISO

L’avviso è visionabile sul sito internet Comune di Treviso nella sezione Gare e SUA, sottosezione
Avvisi pubblici per indagini di mercato ai sensi dell’art. 36, comma 2 del Dlgs n. 50/2016.

8.   RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO

Ai fini del presente procedimento e ai sensi del Dlgs. n. 50/2016 il Responsabile Unico del
Procedimento è il dott. Flavio Elia.
Tutte le informazioni inerenti il presente avviso potranno essere richieste all’Ufficio Acquisti
referente Annarosa Sanson – e-mail: annarosa.sanson@comune.treviso.it

                          Il Vice Segretario Generale del Comune di Treviso
                                   Coordinatore Area Amministrativa
               Dirigente del Settore Affari Generali, Risorse Umane, Contratti e Appalti
                                            Dott. Flavio Elia
                          Documento firmato digitalmente ai sensi della normativa vigente

         Responsabile dell’Ufficio Acquisti: dott.ssa Ivana Maria Antonietta Castagna – Istruttore Direttivo
                Responsabile dell’istruttoria: Annarosa Sanson – Collaboratore Servizi Amministrativi
                                           Per informazioni e comunicazioni:
              telefono 0422 658323 , fax n. 0422 658574 - e-mail: ivana.castagna@comune.treviso.it
         Orario di apertura al pubblico: Lun, Mer, Ven, dalle 9.00 alle 12.00______ Lun e Mer: dalle 15 alle 17.00
Allegato A

OGGETTO:          AVVISO    PUBBLICO        PER     L’INDIVIDUAZIONE          E    SELEZIONE        DI
OPERATORI ECONOMICI DA INVITARE ALLA PROCEDURA DI AFFIDAMENTO
MEDIANTE RICHIESTA DI PREVENTIVO AI SENSI DELL’ART. 36, COMMA 2, LETT.
A) DEL D.LGS 50/2016 TRAMITE MERCATO ELETTRONICO (M.E.P.A.) PER
L’AFFIDAMENTO DELLA “FORNITURA MATERIALE ELETTRICO PER IL SERVIZIO
MANUTENZIONE IMMOBILI PER UN PERIODO DI 12 MESI – CIG: 7836449A48

                        ISTANZA DI MANIFESTAZIONE DI INTERESSE

Il sottoscritto _______________________________________________ nato a _____________

_____________________ il ___________________ Codice Fiscale _____________________
in qualità di □ legale rappresentante, □ procuratore, □ altro (specificare) ____
della ditta ________________________________________

con sede legale in__________________________________                Prov. ______ CAP________

Via/Piazza_________________________________________________________ N.
e sede amministrativa in_______________________________ Prov. _________ CAP ________
Via/Piazza_________________________________________________________ N. _________
Partita IVA ______________________________ C.F. _________________________________
N. telefono ______________________________

                                 MANIFESTA IL PROPRIO INTERESSE
per l'inserimento nell'elenco degli operatori economici da invitare alla procedura, tramite MEPA.

                                   A TAL FINE PRENDE ATTO

- che l’impresa dovrà essere abilitata al MEPA Bando Beni – Categoria “Materiali elettrici, da
costruzione, ferramenta” alla data presunta del 26/04/2019 di pubblicazione della RDO.

   Inoltre, ai sensi degli artt. 46 e 47 del D.P.R. 445/2000, consapevole delle sanzioni penali
previste dall'art. 76 D.P.R. 445/2000 per le ipotesi di falsità in atti e dichiarazioni mendaci ivi
                                             indicate,

                                             DICHIARA:

    di essere in possesso dei requisiti di partecipazione di cui all'art. 3.1 dell'avviso di
    manifestazione di interesse (essere iscritti e presenti nel MEPA, con attivazione all’iniziativa
    "BENI – Materiali elettrici, da costruzione, ferramenta " e delle certificazioni indicate
    nell’iniziativa);

1
Allegato A

    di essere in possesso dei requisiti di ordine generale previsti all'art. 3.2 dell'avviso di
    manifestazione di interesse (insussistenza di una qualsiasi causa di esclusione prevista
    dall'art. 80 del D.Lgs n. 50/2016);
    che non sussistono a proprio carico, condanne od altri provvedimenti che comportino la
    perdita o la sospensione della capacità di contrattare con la Pubblica Amministrazione;
    di essere in possesso dei requisiti di idoneita' professionale previsti all'art. 3.3 dell'avviso di
    manifestazione di interesse;
    di aver preso visione delle disposizioni contenute nell'avviso di manifestazione di interesse;
    di autorizzare come mezzo per il ricevimento delle comunicazioni l'utilizzo del seguente
    indirizzo di posta elettronica certificata ………………………………………………………….

    che la sede operativa o deposito o magazzino (da specificare), è al seguente indirizzo:

       collocato ad una distanza non superiore di 30 Km dal Magazzino Comunale sito a Treviso
       in via Santa Barbara 18.

       oppure

    di costituire, in caso di aggiudicazione, una propria sede operativa entro una distanza di 30
    (trenta) chilometri dal Magazzino Comunale sito a Treviso in via Santa Barbara 18; in tal caso
    la sede operativa dovrà essere costituita, a pena di revoca dell’aggiudicazione, prima della
    stipulazione del contratto, o prima dell’inizio dei lavori in caso di consegna in via d’urgenza.

Ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679 GDPR - Regolamento generale sulla protezione
dei dati - i dati personali forniti dai partecipanti saranno raccolti presso il Settore Affari Generali,
Risorse Umane, Contratti e Appalti, per le finalità di gestione della gara e saranno trattati con o
senza ausilio di mezzi elettronici, limitatamente e per il tempo necessario agli adempimenti relativi
alla gara.

Le medesime informazioni potranno essere comunicate alle amministrazioni pubbliche interessate
alla verifica dei requisiti generali e speciali del partecipante.

Ai sensi dell’art. 15 del citato regolamento l’interessato ha il diritto di ottenere la conferma che sia o
meno in corso un trattamento di dati personali che lo riguardano e in tal caso, di ottenere l’accesso
ai dati personali e alle informazioni specificate nel comma 1 del medesimo articolo. Inoltre
l’interessato è titolare dei diritti di cui agli articoli 7, comma 3, 18, 20, 21 e 77 del succitato
regolamento.

2
Allegato A

Tali diritti potranno essere fatti valere nei confronti del dirigente Dirigente Settore Affari Generali,
Risorse Umane, Contratti e Appalti delegato al trattamento dei dati.

Il titolare del trattamento è la Giunta Comunale del Comune di Treviso (in seguito “Titolare”), con
sede in via Municipio, 16 31100 Treviso. il Data Protection Officer (Responsabile della Protezione
dei dati) è il Segretario Generale del Comune di Treviso, via Municipio 16, Treviso, email
dpo@comune.treviso.it

…………….., lì ........................                          firma del Legale rappresentante

N.B.: La presente dichiarazione, sottoscritta digitalmente dal legale rappresentante o da persona
      autorizzata ad impegnare la DITTA/Cooperativa, mediante delega o procura o mandato
      d'agenzia da allegare contestualmente in copia, deve essere altresì corredata da
      fotocopia semplice di valido documento di identità del sottoscrittore.

N.B.: Alla domanda di partecipazione NON va allegata ulteriore documentazione.

3
CITTÀ DI TREVISO
 Comune di Treviso - Via Municipio, 16 - 31100 TREVISO - C.F. 80007310263 P.I. 00486490261
   Centralino 0422/6581 - telefax 0422/658201 - PEC: postacertificata@cert.comune.treviso.it
 Settore Affari Generali, Risorse Umane, Contratti e Appalti – Ufficio Acquisti – Via Municipio 16

Prot.      /2019

                      Richiesta di offerta n°                            / 2019

         FORNITURA DI MATERIALE ELETTRICO PER IL SERVIZIO
           MANUTENZIONE IMMOBILI PER UN PERIODO DI 12 MESI

                   - CONDIZIONI PARTICOLARI DI CONTRATTO -

                                        CIG: 7836449A48

ART. 1        PREMESSA

La presente RDO è effettuata ai sensi dell’art. 36, comma 2, lett. a) del D.Lgs 50/2016 e smi.
Le Condizioni Particolari di Contratto di cui al presente documento integrano le Condizioni Generali
di Contratto relative all’iniziativa “BENI – Materiali elettrici, da costruzione, ferramenta” del Mercato
Elettronico della Pubblica Amministrazione, previsto nell’art. 36, comma 6 del Dlgs. 50/2016 e smi..

In caso di contrasto le prime (Condizioni Particolari) prevarranno sulle seconde (Condizioni
Generali).

ART. 2        REQUISITI DELLE DITTE CONCORRENTI

Le ditte concorrenti devono essere in possesso dei seguenti requisiti soggettivi:
-       assenza di motivi di esclusione (art. 80 del Dlgs. 50/2016)
-       requisiti di idoneità professionale (art. 83, comma 1 e 3 del Dlgs. 50/2016)

La ditta concorrente deve essere in regola con gli obblighi contributivi previdenziali e assistenziali.
La partecipazione alla presente RDO equivarrà ad una dichiarazione di possesso dei requisiti.

L’Amministrazione Comunale procederà, in capo all’aggiudicataria, all’espletamento dei controlli
sul possesso dei requisiti previsti delle linee Guida n. 4 ANAC.

L’Amministrazione nel caso di accertamento del difetto del possesso dei requisiti prescritti
prevede:
   - la risoluzione del contratto ed il pagamento in tal caso del corrispettivo pattuito solo con
      riferimento alle prestazioni già eseguite e nei limiti dell’utilità ricevuta;
   - l’applicazione di una penale in misura pari al 10% del valore del contratto.
                                                 1 di 14
ART. 3        RAGGRUPPAMENTI TEMPORANEI E CONSORZI

Ai raggruppamenti temporanei e consorzi ordinari di concorrenti di cui all’art. 45, comma 2,
lettere d) ed e) del D.Lgs. 18.04.2016, n. 50 si applicano le disposizioni di cui all’art. 48. E’ fatto
divieto ai concorrenti di partecipare alla gara in più di un raggruppamento temporaneo o consorzio
ordinario di concorrenti, ovvero di partecipare alla gara anche in forma individuale qualora abbia
partecipato alla gara medesima in raggruppamento o consorzio ordinario di concorrenti, a pena di
esclusione, di tutte le diverse offerte presentate (causa di esclusione non sanabile ai sensi dell’art.
83, comma 9, del D.Lgs. 18.04.2016, n. 50).

I Consorzi di cui all’art. 45, comma 2, lettere b) e c), del D.Lgs. 18.04.2016, n. 50, sono tenuti ad
indicare, in sede di offerta, per quali consorziati il consorzio concorre. A questi ultimi è fatto divieto
di partecipare, in qualsiasi altra forma, alla gara; in caso di violazione sono esclusi dalla gara sia il
consorzio sia il consorziato; in caso di inosservanza di tale divieto si applica l’art. 353 c.p. (causa di
esclusione non sanabile ai sensi dell’art. 83, comma 9, del D.Lgs. 18.04.2016, n. 50).

Nel caso di Raggruppamenti temporanei di imprese non ancora costituiti, deve essere presentata,
una dichiarazione sottoscritta congiuntamente da tutti gli operatori economici che costituiranno il
raggruppamento temporaneo contenente:
• la specificazione del ruolo di ciascuna impresa all’interno del raggruppamento (impresa
   capogruppo o impresa mandante);
• la descrizione delle parti (non in percentuale) del servizio che saranno eseguite dalle singole
   imprese;
• l’impegno che, in caso di aggiudicazione della gara, le stesse imprese conferiranno mandato
   collettivo speciale irrevocabile con rappresentanza alla capogruppo, la quale stipulerà il
   contratto in nome e per conto proprio e delle mandanti

Ai sensi dell’art. 51 delle REGOLE DEL SISTEMA DI E-PROCUREMENT DELLA PUBBLICA
AMMINISTRAZIONE (vers. 7.0 – Luglio 2018 -pubblicato nel sito www.acquistinretepa.it ) tutte le
imprese del RTI devono essere già abilitate al Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione
al momento della presentazione dell’offerta da parte del Fornitore.

ART. 4        AMMONTARE DELLA FORNITURA

L’importo complessivo a base d’asta al netto dell’IVA è di €. 19.900,00, senza ammissione di
offerte in aumento.

Ai fini dell’art. 35 comma 4 del D. Lgs. N. 50/2016 il valore complessivo dell’appalto è pari ad euro
39.800,00 (IVA esclusa), determinato dall’importo dei 12 mesi di durata contrattuale (euro
19.900,00 IVA esclusa) più eventuale 12 mesi di opzione di rinnovo (euro 19.900,00 IVA esclusa).

Per la definizione dell’importo contrattuale si rinvia a quanto stabilito nell’art. 6.

La spesa è finanziata con fondi di bilancio.

L’Amministrazione appaltante si riserva la facoltà di ampliare l’importo contrattuale nei limiti di cui
all’art. 106 comma 12 del D.Lgs 50/2016 (Quinto d’obbligo), ove ciò si rendesse necessario per
sopravvenute esigenze.

                                                   2 di 14
ART. 5       OGGETTO E DESCRIZIONE DEI PRODOTTI

Forma oggetto della gara la fornitura stimata di materiale elettrico necessario per le manutenzione
e le riparazioni eseguite dal Servizio Manutenzioni del Comune di Treviso.

La fornitura ha per oggetto il seguente materiale per impianti elettrici:
- tubi in plastica o metallo;
- canali di distribuzione
- scatole per frutti, derivazioni e transito;
- apparecchi di comando e prese;
- conduttori di qualsiasi tipo o sezione;
- plafoniere per interni e per esterni e proiettori, nonché corpi illuminanti in genere;
- apparecchi illuminanti di emergenza;
- quadri elettrici e materiali vari di cablaggio;
- interruttori ed apparecchiature di protezione e comando di qualsiasi tipo o potenzialità;
- tasselli, fascette, attrezzi;
- trasformatori, campane;
- lampade e loro accessori;
- apparecchiature elettroniche in genere
- materiale vario per illuminazioni per esterni;
- utensileria per elettricisti;
- pile, accumulatori, batterie.
- gruppi di continuità

Le ditte produttrici potranno essere le seguenti:

 Riga n.                             MARCHE                                   Spesa Presunta
                                                                           escluso IVA di legge
    1      ABB S.P.A. ABB SACE-LUCASYSTEM (LUC)                                  €     500,00
    2      BEGHELLI                                                              € 1.000,00
    3      BOCCHIOTTI S.P.A. (BOC)                                               €     500,00
    4      BTICINO S.P.A. *CIVILE* (BTC)                                         € 1.000,00
    5      BTICINO S.P.A. *INDUSTRIALE* (BTI)                                    €     500,00
    6      BTICINO S.P.A. TERRANEO (TER)                                         €     500,00
    7      CANALPLAST                                                            €     500,00
    8      CAVITEC S.R.L. (CAV)                                                  €     500,00
    9      CAVI (*CV)                                                            €     500,00
   10      DISANO ILLUMINAZIONE S.P.A. (DIS)                                     € 1.000,00
   11      ELVOX                                                                 €     500,00
   12      FISCHER ITALIA S.R.L. SOC.UNIP (FIS)                                  €     500,00
   13      FRACARRO RADIOINDUSTRIE S.P.A (FRT)                                   €     500,00
   14      GEWISS S.P.A. (GEW)                                                   € 1.000,00
   15      HAGER ITALIA S.P.A. (HAG)                                             €     500,00
   16      INS BOCCHIOTTI S.P.A. (INS)                                           €     500,00
   17      LINCE ENERGY S.R.L. (LIC)                                             €     500,00
   18      MERLIN GERIN                                                          €     200,00
   19      OSRAM SOCIETA' RIUNITE (OSR)                                          € 1.000,00
   20      PERRY ELECTRIC S.R.L. (PEY)                                           €     300,00
   21      PHILIPS LIGHTING SPA*LAMPADE (PHI)                                    € 1.000,00
   22      SILVANIA                                                              €     500,00
   23      VIMAR S.P.A. (VIW)                                                    € 1.500,00
   24      VORTICE                                                               €     900,00

                                                3 di 14
25      3FILIPPI                                                                   €      500,00
   26      3M                                                                         €      500,00
   27      DURACELL                                                                   €      500,00
   28      NICE                                                                       €      200,00
   29      FAAC                                                                       €      200,00
   30      CAME                                                                       €      200,00
   31      ALTRE MARCHE                                                               €    1.900,00
           TOTALE SPESA DELLA FORNITURA IN GARA                                       € 19.900,00

ART. 6        DURATA, FORMA DEL CONTRATTO E VARIAZIONI

Il contratto avrà durata un periodo di 12 mesi, con decorrenza dalla data di stipula del contratto.

L’importo contrattuale complessivo sarà pari all’ammontare totale posto a base di gara
(€19.900,00 oltre IVA di legge)

In analogia con l’art. 1560 CC, entro il limite di spesa dell’importo massimo di cui sopra, spetta
pertanto all’Amministrazione Comunale stabilire, secondo una valutazione discrezionale del
proprio fabbisogno, la tipologia (nell’ambito comunque dei prodotti di cui alle marche indicati al
precedente ART: 5 e Dettaglio economico – griglia sconti) e il quantitativo delle prestazioni
dovute. Per tale motivo nulla avrà pretendere l’aggiudicatario oltre il pagamento della fornitura
prestata ai prezzi e alle condizioni pattuite.

Il Comune garantisce comunque all’aggiudicatario un approvvigionamento minimo pari al 80%
dell’importo contrattuale.

Ai sensi dell’Art. 106, comma 12, l’Amministrazione Comunale si riserva la facoltà, in base a
sopravvenute esigenze e secondo proprie necessità, di aumentare o diminuire l’importo massimo
contrattuale, nella misura massima del 20% al fine di assicurare la prestazione, da parte del
medesimo soggetto aggiudicatario, di forniture dello stesso tipo di quello oggetto del presente
documento.

Entro il limite suddetto, il soggetto aggiudicatario si impegna a fornire le forniture agli stessi prezzi,
patti e condizioni.

Le modalità di richiesta da parte del Comune di Treviso – Servizio Manutenzioni delle singole
forniture al verificarsi dei fabbisogni sono disciplinate dal successivo ART. 18

Si precisa che:
− la Ditta aggiudicataria è obbligata a fornire tutte le tipologie di prodotti di cui alle marche
    indicate al precedente ART. 5;
− alla Ditta aggiudicataria non è consentito eliminare e quindi non fornire prodotti di cui alle
    marche indicate al precedente ART. 5 (salvo nei casi in cui il fornitore dimostri che il prodotto
    non è più in produzione).

Nel corso del periodo contrattuale, l’Amministrazione Comunale si riserva la facoltà di:
− eliminare una o più delle suindicate marche per eventuale dismissione di apparecchiature o
    articoli a queste appartenenti;
e/o
− chiedere quotazioni per prodotti non inclusi tra le suddette marche in ragione di nuove
    apparecchiature o articoli da acquistare, fermo restando le condizioni che regolamentano la
    presente procedura.

                                                 4 di 14
ART. 7        OPZIONE E RINNOVO

La Stazione appaltante si riserva la facoltà di rinnovare il contratto, alle medesime condizioni, per
ulteriori 12 mesi, per un importo di euro 19.900,00 IVA esclusa. La Stazione appaltante esercita tale
facoltà comunicandola all’appaltatore mediante posta elettronica certificata almeno 15 giorni prima
della scadenza del contratto originario.

ART. 8        QUALITÀ E REQUISITI DI CONFORMITÀ DELLA FORNITURA

I prodotti offerti dovranno avere le caratteristiche qualitative minime riportate nel presente
documento ed essere conformi a tutte le vigenti normative nazionali e europee in materia
ambientale, di sicurezza, igiene e salute.

In particolare dovranno essere offerti solo prodotti originali al fine di garantire la massima
efficienza, funzionalità e durabilità degli interventi del Servizio Manutenzione del Comune di
Treviso.

ART. 9        SEDE OPERATIVA

In virtù del tempo massimo consentito alla ditta affidataria per dare seguito a ciascuna richiesta di
fornitura, sono ammesse a partecipare alla gara tutte le imprese che, all’atto della presentazione
dell’offerta dichiarino:
- di avere una propria sede operativa entro una distanza di 30 (trenta) chilometri dal Magazzino
    Comunale sito a Treviso in via Santa Barbara 18;
                         oppure
- di costituire, in caso di aggiudicazione, una propria sede operativa entro una distanza di 30
    (trenta) chilometri dal Magazzino Comunale sito a Treviso in via Santa Barbara 18; in tal caso
    la sede operativa dovrà essere costituita, a pena di revoca dell’aggiudicazione, prima della
    stipulazione del contratto, o prima dell’inizio dei lavori in caso di consegna in via d’urgenza.

Per sede operativa, o unità locale, si intende un luogo dove viene effettivamente svolta l’attività
imprenditoriale, ubicata in una località che può essere diversa da quello della sede legale. La
denuncia di apertura di una sede operativa, o unità locale, va presentata presso il Registro
Imprese della provincia in cui l’unità locale è ubicata e deve risultare dal certificato di iscrizione alla
C.C.I.A.A..

Il limite dei 30 Km. deve corrispondere al percorso più veloce dal Magazzino Comunale, sito a
Treviso in Via Santa Barbara n. 18, calcolato con l’ausilio delle mappe a disposizione nel sito
internet http://maps.google.it/maphp?hl=it (Google Maps), selezionando il tragitto automobilistico.

ART. 10       DOCUMENTI OBBLIGATORI DA PRESENTARE IN SEDE DI OFFERTA

Fatto salvo quanto riportato nel successivo ART. 14 In sede di offerta, le ditte concorrenti
dovranno presentare, a pena di esclusione,
• dichiarazione della sede operativa di cui al precedente ART. 9
• dichiarazione che la ditta si impegna ad utilizzare un sistema computerizzato di gestione degli
    ordinativi trasmessi dal Comune di Treviso, come meglio descritto nel successivo ART. 20
• Documento “PASSOE”, secondo quanto indicato nell’ART. 11
•   offerta economica , in base al modello generato dal sistema;
•   Dettaglio economico-griglia sconti, in base al modello                    messo      a   disposizione
    dall’amministrazione comunale;
                                                  5 di 14
In caso di Raggruppamenti temporanei di imprese o di consorzi ordinari di concorrenti, non ancora
costituiti l’offerta economica e la documentazione, devono essere sottoscritte congiuntamente
da tutti gli operatori economici che costituiranno il raggruppamento temporaneo o il consorzio
ordinario di concorrenti.

Tutta la documentazione/dichiarazioni richieste e l’offerta economica devono essere presentate
secondo le modalità previste dal MEPA entro il termine perentorio delle ore 13,00 del giorno
indicato dalla piattaforma MEPA.

La stazione appaltante si riserva la facoltà di sospendere o rinviare la procedura qualora riscontri
anomalie nel funzionamento della piattaforma o della rete che rendano impossibile ai partecipanti
l’accesso a MEPA o che impediscano di formulare l’offerta.

ART. 11      DOCUMENTO “PASSOE”

Il Documento “PASSOE” riporta il codice a barre che identifica il concorrente ed è rilasciato dal
servizio AVCpass a comprova della registrazione al servizio per la verifica del possesso dei
requisiti disponibile presso l’Autorità Nazionale Anticorruzione (A.N.A.C.), in attuazione di quanto
disposto dall’art. 81 del D.Lgs. 18.04.2016, n. 50 e della Deliberazione dell’A.V.C.P. n. 111 del
20.12.2012.
Tutti gli operatori economici interessati a partecipare alla presente procedura di gara devono
obbligatoriamente registrarsi al sistema AVCpass accedendo all’apposito link sul sito
www.anticorruzione.it (Servizi - Servizi ad accesso riservato - AVCpass Operatore economico)
secondo le istruzioni ivi contenute.
L’operatore economico, dopo la registrazione al servizio AVCpass, dovrà indicare il CIG
corrispondente ed inserire i dati richiesti.
Il sistema rilascerà un “PASSOE” (il documento che attesta che l’operatore economico può essere
verificato tramite l’A.N.A.C.) che dovrà essere allegato alla documentazione amministrativa di gara.
Il “PASSOE” rappresenta lo strumento necessario per procedere alla verifica dei requisiti per la
partecipazione alla presente procedura di gara da parte della stazione appaltante.

Il partecipante deve allegare alla documentazione amministrativa il “PASSOE” rilasciato dal
servizio AVCpass a comprova della registrazione al servizio.

ART. 12      SVOLGIMENTO DELLA GARA

L’espletamento della procedura di gara:
− avverrà il giorno ______________ ore ________ salvo diverse disposizioni che saranno
    preventivamente comunicate;
− seguirà le modalità previste dalla piattaforma elettronica del MEPA.

ART. 13      AGGIUDICAZIONE

L’aggiudicazione della fornitura avverrà secondo il criterio del minor prezzo, da intendersi come
prezzo complessivo più basso espresso in valore assoluto, ai sensi dell’articolo 95, comma 4, lett.
C) del D.Lgs. n. 50/2016 e smi, senza ammissione di offerte in aumento.

La fornitura sarà aggiudicata a favore del concorrente che avrà presentato l’offerta migliore
corrispondente all’importo complessivo offerto minore derivato dall’applicazione della
percentuale di sconto sull’elenco marche e indicata sul “Dettaglio economico – griglia sconti” posto
a base di gara.

                                               6 di 14
La percentuale di sconto offerta si intende riferita ai listini di prezzi in vigore e ai successivi
aggiornamenti che dovranno essere forniti dalla ditta aggiudicatrice ai sensi dell’art. 16.

La ditta concorrente dovrà presentare:
   • l’offerta economica, in base al modello generato dal sistema MEPA, riportando l’importo
        complessivo offerto calcolato dal “Dettaglio economico – griglia sconti”.

   •   il “Dettaglio economico – griglia sconti”, in base al modello messo a disposizione
       dall’amministrazione comunale.

La ditta concorrente dovrà indicare nel “Dettaglio economico – griglia di sconti”:
   • lo sconto per ogni singola Marca indicata all’ ART. 5 dalla riga n. 1 alla riga n. 30.
   • lo sconto unico per ALTRE MARCHE indicato all’ART. 5 riga 31. L’importo massimo
        rientrante in detta tipologia di fornitura non potrà comunque superare il 25% dell’importo
        della fornitura contrattuale. Quanto sopra senza obbligo per l’Amministrazione Comunale,
        che sarà comunque libera, qualora non se ne presenti la necessità, di non avvalersi di
        prodotti di ALTRE MARCHE.

L’offerta deve essere completa di tutte le percentuali di sconto richieste nel “Dettaglio
economico – griglia di sconti”. Indicare 0,00 se non si applica nessuna percentuale di sconto.

Il totale delle somme ribassate di ogni singola Marca messa in gara e l’importo ribassato per la
fornitura di ALTRE MARCHE determinerà l’importo offerto, ai soli fini dell’aggiudicazione della
fornitura.

Non sono ammesse offerte superiori all’importo posto a base di gara.

In caso di difformità tra il prezzo indicato nel “Dettaglio economico – griglia sconti” e il prezzo
indicato nell’”Offerta economica" prevale il primo.

Nel caso di parità in graduatoria tra le offerte ricevute si procederà a sorteggio in seduta pubblica,
ai sensi dell’articolo 77 del R.D. n. 827/1924.

Si procederà all’esclusione dalla presente procedura nei seguenti casi:
• offerta nella quale sono sollevate eccezioni e/o riserva di qualsiasi natura alle condizioni
    specificate nella documentazione relativa alla RDO;
• offerta plurima o condizionata;
• offerta in aumento rispetto all’importo posto a base di gara;
• offerta che sostituisca, modifichi e/o integri le predette condizioni di cui alla documentazione
    relativa alla RDO;
• offerta che non abbia le caratteristiche minime stabilite nella documentazione della RDO
    ovvero preveda l’esecuzione delle prestazioni contrattuali con modalità difformi da quanto
    stabilito negli atti medesimi
• offerta riferita ad altra procedura di gara;
• ogni altra situazione espressamente prevista dal D.Lgs. n. 50/2016.
• offerta sottoposte a condizione;
• offerta incompleta e/o parziale;
• siano coinvolti in situazioni oggettive lesive della par condicio tra concorrenti e/o lesive della
    segretezza delle offerte;
• abbiano omesso di fornire i documenti richiesti ovvero che abbiano reso false dichiarazioni;
• la mancata indicazione di offerta (N.B.: indicare 0,00 se non si applica nessuna percentuale di
    sconto) anche per una singola Marca messa in gara.

                                                7 di 14
ART. 14       SOCCORSO ISTRUTTORIO PREVISTO DALL’ART. 83. COMMA 9, DEL DLGS.
              50/2016 E SMI

Ai sensi degli art. 83, comma 9, del D.Lgs. n. 50/2016 e smi, le carenze di qualsiasi elemento
formale delle domanda possono essere sanate attraverso la procedura del soccorso istruttorio. In
particolare in caso di mancanza, incompletezza e ogni altra irregolarità essenziale degli elementi
richiesti con il presente documento, con esclusione di quelle afferenti all'offerta economica e
all'offerta tecnica la stazione appaltante assegna al concorrente un termine, non superiore a dieci
giorni, perché siano rese, integrate o regolarizzate le dichiarazioni necessarie, indicandone il
contenuto e i soggetti che le devono rendere,

ART. 15       OFFERTE ANOMALE

Non è prevista l'esclusione automatica dalla gara delle offerte che presentano una percentuale di
ribasso pari o superiore alla soglia di anomalia individuata ai sensi del comma 2 dell’articolo 97 del
D.Lgs.50/2016.
In ogni caso l’Amministrazione potrà valutare la congruità di ogni offerta che, in base ad elementi
specifici, appaia anormalmente bassa.

ART. 16       OBBLIGHI DELLA DITTA AGGIUDICATARIA

La ditta aggiudicataria, per ognuna delle marche riportate, si impegna a fornire i listini ed i
cataloghi ufficiali in formato cartaceo e/o su cd entro e non oltre quindici giorni dalla data di
aggiudicazione della gara, pena la risoluzione del contratto.
Inoltre, per avere diritto alla revisione dei prezzi, la ditta dovrà inviare gli aggiornamenti dei listini
prezzi.
L’Amministrazione Comunale si riserva altresì la facoltà di richiedere alla ditta aggiudicataria,
qualora si presenti il caso, copia dei listini e cataloghi ufficiali relativi a marche non presenti
nell’elenco di cui all’ART. 5, in relazione a quanto previsto dal precedente ART. 13.

ART. 17       SCONTO OFFERTO

I sconti offerti in fase di Richiesta di Offerta (RDO) che saranno applicati per l’intera durata della
fornitura, s’intendono fissi ed invariabili e pertanto la Ditta aggiudicataria non avrà diritto alcuno di
pretendere sovrapprezzi o indennità speciali di alcun genere ed a titolo esemplificativo quelli per
aumento dei materiali, della manodopera, perdite, aumenti delle quote dei contributi assicurativi e
per ogni altra sfavorevole circostanza che potesse verificarsi dopo l’aggiudicazione.

ART. 18       MODALITÀ DI RICHIESTA DELLE FORNITURE

Sulla base dei listini delle ditte produttrici e degli sconti offerti dalla Ditta aggiudicataria, il Servizio
Manutenzione con proprio personale autorizzato provvederà a perfezionare acquisti successivi,
secondo le esigenze dell’Ente, senza limiti di importi, attraverso l’emissione di ordine da parte del
personale autorizzato dall’Ente.

Non è previsto importo minimo per le singole forniture.

Gli ordinativi potranno essere inviati a mezzo fax o e-mail.

La fornitura e consegna del materiale deve essere fatta solo al personale autorizzato dall’Ente che
sarà comunicato dal Servizio Manutenzione.
                                                   8 di 14
In caso di urgenze l’ordinativo può essere consegnato direttamente a banco dal personale
autorizzato dall’Amministrazione Comunale. Pertanto la ditta aggiudicataria dovrà avere la sede
operativa oppure una rivendita o un deposito nel raggio di 30 Km dal Magazzino Comunale, sito a
Treviso in Via Santa Barbara n. 18.

ART. 19       MODALITÀ E TERMINI DI ESECUZIONE DELLE FORNITURE

L’attività di consegna, a totale cura e spese della Ditta aggiudicataria, si intende comprensiva di
ogni onere relativo ad imballaggio, trasporto, scarico e consegna al Magazzino Comunale, sito in
Treviso – Via S. Barbara n. 18. Eventuali variazioni di sede saranno preventivamente comunicate
alla Ditta aggiudicataria.

I termini di consegna sono stabiliti in 3 (tre) giorni lavorativi (fatto salvo imprevisto non imputabili
alla ditta fornitrice).

Le consegne dovranno:
   essere precedute da un preavviso telefonico di almeno 6 ore (al responsabile della commessa)
   al recapito comunicato dal Responsabile del Servizio Manutenzione o dal personale
   autorizzato;
   avvenire nei seguenti orari, salvo diverse disposizioni da parte dell’Amministrazione Comunale
   che saranno di volta in volta comunicate:
   - lun e mer (8.30-13.30; 15.30-17.30)
   - mar, gio, ven (8.30-13.30)

Il materiale consegnato dovrà essere fornito in confezioni dalle quali si evinca in modo chiaro e
inequivocabile l’articolo contenuto.

La merce viaggia a rischio e pericolo della Ditta fornitrice.

Rimane a carico della Ditta aggiudicataria anche l’onere del ritiro degli eventuali imballaggi
utilizzati per la consegna.

Eventuali ritardi da parte della ditta aggiudicataria della fornitura sarà ammesso solo se derivanti
da cause di forza maggiore che dovranno essere di volta in volta indicate e motivate, pena
l’applicazione delle penali indicate al successivo ART. 23 del presente documento.

ART. 20       MODALITA’ E TEMPI DI CONSEGNA DEL DOCUMENTO DI TRASPORTO (DDT)

La ditta deve utilizzare un sistema computerizzato di gestione degli ordinativi trasmessi dal
Comune di Treviso.
La fornitura deve essere accompagnata da Documento di Trasporto – DDT (bolla) elettronica con
riportata:
        - data dell’acquisto,
        - nr. progressivo della DDT (bolla di consegna)
        - il referente dell’acquisto,
        - l’importo scontato della merce consegnata,
        - luogo di destinazione della merce

La copia del DDT (bolla di consegna) deve essere recapitata entro 24 ore all’indirizzo e-mail
marco.mariotti@comune.treviso.it

In mancanza di detta comunicazione non verrà riconosciuta la fornitura e di conseguenza il
materiale consegnato in difformità di quanto sopra non potrà essere pagato.

                                                 9 di 14
Con cadenza mensile, o su semplice richiesta del Responsabile del Servizio Manutenzione e/o dal
personale autorizzato, deve essere prodotto, sempre via mail, il riepilogo delle spese sostenute
con relativi riferimenti ai DDT (bolle di consegna) e il nominativo di chi ha ritirato il materiale.

ART. 21       DIFETTI E DIFFORMITÀ DELLA FORNITURA

In caso di difformità riscontrata al ricevimento della merce (difetti, anomalie varie, mancata
rispondenza a quanto prescritto nel presente documento, ecc.) la stessa non sarà accettata e
dovrà essere sostituita.

La sostituzione degli elementi pervenuti e non conformi all’ordine dovrà avvenire entro e non oltre
3 (tre) giorni lavorativi dal ricevimento della comunicazione di non conformità inoltrata dal Servizio
Manutenzioni a carico e rischio del Fornitore e per il quale non sarà dovuto alcun compenso.

Per la comunicazione della non conformità o del difetto del supporto ricevuto fa fede la data di
invio del messaggio per posta elettronica.

Qualora la successiva consegna avvenisse oltre il termine sopra indicato, saranno applicate le
penali di cui all’ART. 23 del presente documento.

Per quanto concerne eventuali difetti o difformità non riscontrabili al momento della consegna, ma
solo in fase d’uso, la Ditta aggiudicataria si obbliga a provvedere alla sostituzione, senza oneri,
entro 3 (tre) giorni lavorativi dal ricevimento, anche a mezzo PEC, della formale richiesta da parte
dell’Ente.

Nel caso di merce difettosa e non sostituita entro i 3 giorni lavorativi, l’Amministrazione non
procederà al pagamento della merce contestata.

ART. 22       PAGAMENTI

I pagamenti avverranno come segue: entro 30 (trenta) giorni dalla data di ricevimento della fattura

Le fatture dovranno essere intestate al
− Comune di Treviso – Via Municipio 16 – 31100 Treviso
− Codice Fiscale: 80007310263
− Partita IVA: 00486490261

Le fatture dovranno essere emesse nel rispetto del DM 55/2013. A tal fine si comunicano le
seguenti informazioni di Vostro interesse:
− Codice iPA :        c_l407
− Codice Univoco: HMF9E4
− Denominazione dell’ufficio: Servizio Ragioneria

Le fatture elettroniche dovranno riportare
− il codice CIG (codice identificativo di gara) ai fini dell'ottemperanza agli obblighi scaturenti dalla
   normativa in materia di tracciabilità dei flussi finanziari;
− gli impegni di spesa comunicati dall'Amministrazione Comunale
− la dicitura “SCISSIONE DEI PAGAMENTI” (specifica introdotta dal Decreto Ministero Finanze
   23 gennaio 2015 in materia di split payment).

Pertanto l’aggiudicatario avrà l’obbligo di dotarsi delle attrezzature informatiche idonee alla
gestione dei nuovi adempimenti telematici.

                                                10 di 14
Il mancato adeguamento da parte dell’impresa aggiudicataria alla normativa suindicata impedirà a
questa Amministrazione il corretto e regolare pagamento della fatture; pertanto non saranno
riconosciuti interessi di mora per ritardati pagamenti dovuti alla mancata emissione della fattura
elettronica.

Ai fini del pagamento di corrispettivi di importo superiore ad € 5.000,00 l’Amministrazione
procederà in ottemperanza alle disposizioni previste dall’art. 48-bis del D.P.R. 602 del 29
settembre 1973, con le modalità di cui al Decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze del
18 gennaio 2008 n. 40.

ART. 23       APPLICAZIONE PENALI

In caso di ritardo nelle consegne saranno applicate le penalità previste nelle CONDIZIONI
GENERALI DI CONTRATTO PER I BENI RELATIVE all’iniziativa “BENI – Materiale elettrici, da
costruzione, ferramenta” , predisposte da CONSIP SPA.

ART. 24       TRACCIABILITÀ DEI FLUSSI FINANZIARI E REGOLARITÀ CONTRIBUTIVA

La Ditta Affidataria assume a proprio carico tutti gli obblighi di tracciabilità dei flussi finanziari di cui
all’art. 3 della L. 13 agosto 2010, n. 136 e s.m.i..
Il contratto si risolverà di diritto qualora le transazioni previste dall'articolo 3 della legge 136/2010 e
s.m.i. non siano eseguite tramite banche o Poste Italiane s.p.a.
La scrivente amministrazione si riserva la facoltà di revocare l’affidamento e/o di sospendere
l’esecuzione del contratto, nel caso in cui emerga l’incapacità a contrattare della ditta affidataria
per irregolarità contributiva a seguito dell’acquisizione del DURC (Documento Unico di Regolarità
Contributiva).

ART. 25       VINCOLI DA PARTE DELLA DITTA AFFIDATARIA RELATIVAMENTE AI
              RAPPORTI INTERNI DI COLLABORAZIONE E LAVORO DIPENDENTE

Ai sensi dell’art. 53 comma 16-ter del D.Lgs. 165/2001, introdotto dall’art. 1 comma 42 lett l) della
legge 190/2012, “i dipendenti che, negli ultimi tre anni di servizio, hanno esercitato poteri
autoritativi o negoziali per conto delle pubbliche amministrazioni di cui all'articolo 1, comma 2, non
possono svolgere, nei tre anni successivi alla cessazione del rapporto di pubblico impiego, attività
lavorativa o professionale presso i soggetti privati destinatari dell'attività della pubblica
amministrazione svolta attraverso i medesimi poteri. I contratti conclusi e gli incarichi conferiti in
violazione di quanto previsto dal presente comma sono nulli ed è fatto divieto ai soggetti privati che
li hanno conclusi o conferiti di contrattare con le pubbliche amministrazioni per i successivi tre anni
con obbligo di restituzione dei compensi eventualmente percepiti e accertati ad essi riferiti”.

In fase di partecipazione , la ditta affidataria deve dichiarare, ai sensi dell’art. 46 del DPR n.
445/2000, di non aver alle proprie dipendenze e/o di non aver conferito incarichi professionali e/o
di collaborazione a persone che negli ultimi tre anni abbiano esercitato potere autoritativo o
negoziale per conto del Comune di Treviso in forza di un rapporto di pubblico impiego.

ART. 26       PATTO D’INTEGRITA’ IN MATERIA DI CONTRATTI PUBBLICI

Al presente affidamento si applicano le clausole pattizie di cui al Patto d’integrità approvato con
DGC n. 9 del 25.01.2017 e sottoscritto, in data 06 Aprile 2017, tra la Prefettura – Ufficio Territoriale
del Governo di Treviso ed i Comuni della Provincia medesima, al fine di individuare sul proprio
territorio misure di prevenzione a tutela della economia legale, per la prevenzione dei tentativi
d’infiltrazione della criminalità organizzata nel settore dei contratti pubblici di lavori, servizi e
forniture e di accettarne incondizionatamente il contenuto e gli effetti.
                                                  11 di 14
Il suddetto patto d’Integrità, allegato alla presente, forma parte integrante e sostanziale della
richiesta di offerta.

ART. 27       RISPETTO DEL CODICE DI COMPORTAMENTO

La ditta affidataria della fornitura, con riferimento alle prestazioni oggetto del presente contratto, si
impegna ad osservare ed a far osservare ai propri collaboratori a qualsiasi titolo, per quanto
compatibili con il ruolo e l’attività svolta, gli obblighi di condotta previsti dal Codice di
Comportamento dei dipendenti del Comune di Treviso, pubblicato sul sito dell’Ente nella specifica
sezione “Codice di comportamento” sottosezione “ Disposizioni generali / Atti generali” del link
“Amministrazione Trasparente”.

La violazione da parte della ditta affidataria degli obblighi di cui al Codice di Comportamento dei
dipendenti del Comune di Treviso, costituisce motivo di risoluzione di diritto del contratto ai sensi
dell’art.1456 del codice civile. L’Amministrazione, verificata l’eventuale violazione, contesta per
iscritto (al contraente) il fatto assegnando un termine non superiore a 10 giorni per la
presentazione di eventuali controdeduzioni. Ove queste non fossero presentate o risultassero non
accoglibili, procederà alla risoluzione del contratto, fatto salvo il risarcimento dei danni”.

ART. 28       SICUREZZA

In considerazione della natura della fornitura oggetto della presente procedura, non sussiste, ai
sensi dell’art. 26 del D.Lgs. 9 aprile 2008 n. 81, l’obbligo di procedere alla predisposizione dei
documenti di cui all’art. 26, commi 3 e 3 ter, del predetto decreto.

ART. 29       TRATTAMENTO DATI PERSONALI

Ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679 GDPR - Regolamento generale sulla protezione
dei dati - i dati personali forniti dai partecipanti saranno raccolti presso il Settore Affari Generali,
Risorse Umane, Contratti e Appalti, per le finalità di gestione della gara e saranno trattati con o
senza ausilio di mezzi elettronici, limitatamente e per il tempo necessario agli adempimenti relativi
alla gara.
Le medesime informazioni potranno essere comunicate alle amministrazioni pubbliche interessate
alla verifica dei requisiti generali e speciali del partecipante.
Ai sensi dell’art. 15 del citato regolamento l’interessato ha il diritto di ottenere la conferma che sia o
meno in corso un trattamento di dati personali che lo riguardano e in tal caso, di ottenere l’accesso
ai dati personali e alle informazioni specificate nel comma 1 del medesimo articolo. Inoltre
l’interessato è titolare dei diritti di cui agli articoli 7, comma 3, 18, 20, 21 e 77 del succitato
regolamento.
Tali diritti potranno essere fatti valere nei confronti del dirigente del Settore Affari Generali, Risorse
Umane, Contratti e Appalti delegato al trattamento dei dati.
Il titolare del trattamento è la Giunta Comunale del Comune di Treviso (in seguito “Titolare”), con
sede in via Municipio, 16 31100 Treviso. il Data Protection Officer (Responsabile della Protezione
dei dati) è il Segretario Generale del Comune di Treviso, via Municipio 16, Treviso, email
dpo@comune.treviso.it.

                                                 12 di 14
ART. 30      STIPULAZIONE CONTRATTO - SPESE, IMPOSTE E TASSE-

Il contratto sarà stipulato con le modalità previste dalla piattaforma MEPA.
Il contratto è immediatamente efficace, fatte salve eventuali clausole risolutive espresse, ivi
comprese.
Le spese e gli oneri fiscali inerenti al contratto sono a carico della ditta aggiudicataria.
In particolare, considerato che ai sensi della Risoluzione n. 96/E del16 dicembre 2013 dell’Agenzia
delle Entrate il documento di accettazione firmato dal Punto Ordinante dell’Amministrazione
Comunale contiene tutti i dati essenziali del contratto, la ditta aggiudicataria è tenuta ad assolvere
gli obblighi dell’imposta di bollo, mediante versamento con il modello F24.
Si precisa fin da ora che in caso di mancato assolvimento dell’obbligo tributario, l’Amministrazione
Comunale provvederà all’invio degli atti alla competente Agenzia delle Entrate.

ART. 31      INFORMAZIONI E COMUNICAZIONI

Si precisa che le richieste di chiarimento dovranno essere formulate esclusivamente in forma
scritta utilizzando il sistema di messaggistica messo a disposizione delle piattaforma del MEPA. Le
risposte saranno inviate a tutti i partecipanti della RDO utilizzando esclusivamente il sistema di
messaggistica messo a disposizione della piattaforma del MEPA
In caso di problematiche attribuibili a malfunzionamenti informatici della piattaforma si invita a
contattare esclusivamente ed direttamente l’HELPDESK di CONSIP S.p.a.
Ai sensi l’art. 52 del D.Lgs. n. 50/2016 l’Operatore economico con la presentazione dell’offerta
elegge automaticamente domicilio nell’apposita «Area comunicazioni» ad esso riservata ai fini
della ricezione di ogni comunicazione inerente la presente procedura

ART. 32      ACCESSO AGLI ATTI DELLA PROCEDURA

Il diritto all’accesso agli atti è regolato dall’art. 53 del D. Lgs. 50/2016.
Le ditte concorrenti si impegnano ad indicare, al momento della presentazione dell’offerta e delle
eventuali giustificazioni, le informazioni che costituiscano, ai sensi dell’art. 53, comma 5, del D.Lgs
n. 50/2016 s.m.i., secondo motivata e comprovata dichiarazione dell’offerente, segreti tecnici o
commerciali, con l’avviso che in difetto l’Amministrazione riterrà insussistente ogni contro-interesse
alla riservatezza delle suddette informazioni e procederà sull’istanza di accesso agli atti dei
concorrenti, senza la notifica di cui all’art. 3 del DPR n. 184/ 2006.

ART. 33      FACOLTÀ DEL COMUNE

Il Comune di Treviso si riserva la facoltà insindacabile di:
− revocare la RdO per il venir meno del fabbisogno espresso nella gara;
− revocare la RdO in caso di nuove/differenti sopravvenute esigenze;
− revocare la RdO per la necessità di riformulare i termini e/o i requisiti sostanziali della
    procedura;
− aggiudicare la fornitura anche in presenza di una sola offerta valida;
− non aggiudicare la fornitura se nessuna delle offerte sia ritenuta idonea rispetto alle esigenze
    dell’Amministrazione Comunale
− non stipulare motivatamente il contratto anche qualora sia intervenuta in precedenza
    l'aggiudicazione.

                                               13 di 14
ART. 34       CONVENZIONE CONSIP

Ai sensi dell’art. 1, co 13 del DL 95/2012 (conv. In Legge 135/2012) ove, durante la vigenza
contrattuale, vengano stipulate convenzioni Consip relative alla fornitura di che trattasi, recanti
parametri economici migliorativi rispetto a quelli dedotti nel contratto, allorché la Ditta affidataria
non acconsenta ad una modifica delle condizioni economiche tale da rispettare il limite di cui
all'articolo 26, comma 3 della legge 23 dicembre 1999, n. 488, l’Amministrazione Comunale ha il
diritto di recedere dal contratto previa formale comunicazione all'appaltatore con preavviso non
inferiore a quindici giorni e previo pagamento delle prestazioni già eseguite oltre al decimo delle
prestazioni non ancora eseguite

ART. 35       RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO

Il Responsabile del Procedimento è individuato dal Comune di Treviso nella persona del Geom.
Marco Mariotti, in servizio presso il Servizio Manutenzione Immobili.

ART. 36       RINVIO

Per quanto non previsto nel presente documento si farà riferimento a:
- la normativa in materia contenuta nel Dlgs. n. 50/2016..
- la documentazione relativa alla disciplina del Mercato Elettronico, ivi compresi il Bando di
   Abilitazione e i relativi Allegati (es. il Capitolato Tecnico, le Condizioni Generali di Contratto, le
   Regole, etc.), nonché in generale tutti gli atti e i documenti che disciplinano l’Abilitazione, la
   registrazione, l’accesso e la partecipazione dei soggetti al Mercato Elettronico,

ART. 37       CONTROVERSIE

Eventuali controversie tra le parti in ordine all’espletamento della fornitura saranno deferite in via
esclusiva all’autorità giudiziaria del Foro di Treviso.

                           Il Vice Segretario Generale del Comune di Treviso
                                    Coordinatore Area Amministrativa
                Dirigente del Settore Affari Generali, Risorse Umane, Contratti e Appalti
                                             Dott. Flavio Elia
                        Documento firmato digitalmente ai sensi della normativa vigente

                                                   14 di 14
Puoi anche leggere
Prossima slide ... Annulla