Aspetti di mercato, ambientali e finanziari dell'efficienza energetica - Raffaele Mellone Presidente - Fondo Italiano per l'Efficienza Energetica ...

 
Aspetti di mercato, ambientali e finanziari dell'efficienza energetica - Raffaele Mellone Presidente - Fondo Italiano per l'Efficienza Energetica ...
Aspetti di mercato, ambientali e finanziari
dell’efficienza energetica
Raffaele Mellone
Presidente – Fondo Italiano per l’Efficienza Energetica
Aspetti di mercato, ambientali e finanziari dell'efficienza energetica - Raffaele Mellone Presidente - Fondo Italiano per l'Efficienza Energetica ...
La leva per risolvere il «trilemma» energetico

          L’Efficienza Energetica come strumento per risolvere il
                          «Trilemma Energetico»

 Sicurezza degli            Sostenibilità ambientale             Competitività del
approvigionamenti             degli usi energetici              Sistema produttivo

                                                                                     2
Aspetti di mercato, ambientali e finanziari dell'efficienza energetica - Raffaele Mellone Presidente - Fondo Italiano per l'Efficienza Energetica ...
Contributo alla salvaguardia del Pianeta

Contributo alla riduzione dei gas                                        Investimenti effettuati
serra
                                                                                Altri
                      Nucleare                                                  5%               Eolico
Biocarbura             15%                                                                        43%
                                                                   Biomasse
    nti
                                                                    e Rifiuti
                                              Efficienza              9%
                                              Energetica
Altro 10%                                        42%

Idroelettric                                                                                         Efficienza
   o 5%                                                               Biocarbur                      Energetic
               Fotovoltaic                                               anti
                 o 3%            Eolico 15%                                             Solare            a
                                                                        17%                              2%
                                                                                         24%

       Grande impatto potenziale….                                     … ancora pressoché inespresso

                                                                                                                  3
Aspetti di mercato, ambientali e finanziari dell'efficienza energetica - Raffaele Mellone Presidente - Fondo Italiano per l'Efficienza Energetica ...
Sostenibilità ambientale e ritorni economici

Costi di abbattimento della CO2 in Italia nel 2014 (€/ton)

                                                                    4
Aspetti di mercato, ambientali e finanziari dell'efficienza energetica - Raffaele Mellone Presidente - Fondo Italiano per l'Efficienza Energetica ...
Benefici Stimati per l’Italia

                                                              La leva per risolvere il «trilemma» energetico
Impatto          Maggior crescita di PIL potenzialmente compresa tra il 2% e il 4%
sul PIL

Ricadute         460 mila ULA2/anno da qui al 2020
occupazionali

Riduzione
dei consumi      Riduzione annua dei consumi finali di energia a regime fino a 288
                  TWh (pari a 25 Mtep/anno)

                 Riduzione di emissioni di CO2 (fino a 72 Mt/anno a regime al 2020)
Benefici
                 Miglioramento della qualità dell’aria (NOx, polveri sottili, ecc.)
ambientali

                1. Fonte: Politecnico di Milano, Energy & Strategy Group
                2. Unità Lavorative Annue                                                                5
Aspetti di mercato, ambientali e finanziari dell'efficienza energetica - Raffaele Mellone Presidente - Fondo Italiano per l'Efficienza Energetica ...
L’Efficienza Energetica in pratica

Intervento di        Cliente finale: azienda manifatturiera italiana
  Efficienza         Integrale trasformazione a LED degli impianti di illuminazione esistenti di alcuni
 Energetica           stabilimenti (≈ 50 mila punti luce)
                     Progetto in Finanziamento Tramite Terzi

   Termini           Contratto di Differenza Energetica con una durata di 10 anni
 Contrattuali
                     Canone annuo di efficienza energetica: 80% del risparmio energetico conseguito

                     Capex: €6,1 mni1
 Risultati del
  Progetto           Risparmio energetico > 60%
                     Ebitda cumulato di Progetto: €13 mni

                     Capex: €0
  Benefici per
il cliente finale    Risparmio netto ≈ 10%
                     Miglioramento dell’illuminamento pari al 60%

                                                                                                  6
Aspetti di mercato, ambientali e finanziari dell'efficienza energetica - Raffaele Mellone Presidente - Fondo Italiano per l'Efficienza Energetica ...
Principali Tecnologie

                 Illuminazione pubblica stradale e semaforica. Volumi elevati, anche grazie a Gare Consip
Illuminazione
                 Impianti di illuminazione di aziende private, in crescita grazie a riduzione costo tecnologie

Cogenera-        Produzione contemporanea di elettricità, calore e (se necessaria) energia frigorifera
zione            Utilizzo in ambito pubblico (es. Ospedali) e privato (es. alimentare, farmaceutica, plastica)

                 Produzione centralizzata e distribuzione di fluidi termovettori alle utenze locali, attraverso una
Teleriscalda-     rete di tubazioni
mento
                 Il volume degli investimenti sta crescendo fortemente nel Nord Italia

                 Inverter, compressori, rifasamento, altri
Altri
                 Concentrati nell’industria e nel terziario

                                                                                                                  7
Aspetti di mercato, ambientali e finanziari dell'efficienza energetica - Raffaele Mellone Presidente - Fondo Italiano per l'Efficienza Energetica ...
Incentivare la crescita senza incentivi pubblici
    Il forte sviluppo del settore è stimolato da un’elevata attenzione normativa in sede europea

Piano Europeo per l’Efficienza Energetica (mar-2011)                           Direttiva 2012/27/UE (ott-2012)

   Solo il 47% dei consumatori finali è consapevole dei                        Obbligo per gli Stati Membri di riduzione dei consumi per
    propri consumi di energia                                                    l’1,5% all’anno
   Abbattere del 20% i consumi di energia permetterebbe                        Obbligo per Pubbliche Amministrazioni di rinnovare il 3% del
    risparmi dell’ordine di €1.000 a famiglia all’anno e la                      parco edifici ogni anno
    creazione di 2 milioni di posti di lavoro                                   Obbligo per le grandi aziende di effettuare audit energetici e
   Il mercato potenziale è stimato essere pari a €25 mdi                        per le società energetiche di installare misuratori di consumi
                                                                                 energetici per singole utenze

                                 Obiettivo: riduzione dei consumi energetici del 20%1 al 2020

Nuova Strategia Clima Energia (gen-2014)                                       Road Map al 2050 (ott-2012)

             Obiettivo: riduzione dei consumi energetici del 25%2 e delle emissioni di CO2 al 40%2 entro il 2030

                                    1. Fonte: 368 MTep in meno rispetto al trend, stimato essere pari a 1.842 MTep al 2020
                                    2. Rispetto ai livelli del 1990
                                                                                                                                                  8
Audit energetici obbligatori: un fattore di crescita

   Il D. Lgs. 102/2014 recepisce la Direttiva Europea 2012/27/UE, definendo il quadro normativo
   a cui le imprese sono tenute a conformarsi in tema di Efficienza Energetica

Obbligo per le                        Obbligo per le grandi imprese1 e per le imprese energivore2 di effettuare una diagnosi
imprese                                energetica entro il 5 dicembre 2015 e successivamente ogni 4 anni
                                      Presenza di sanzioni in caso di inadempimento agli obblighi

                                      Audit energetici devono necessariamente:
                                          Basarsi su dati operativi aggiornati e misurati
Criteri minimi                            Includere i profili di consumo energetico dei processi, degli edifici e del sistema dei
degli audit
                                           trasporti
                                          Valutare gli interventi sul ciclo di vita e non sul periodo di ammortamento
                                          Rappresentare la prestazione energetica complessiva tramite KPI, individuando gli
                                           interventi più significativi

1. Per grandi imprese si intendono quelle realtà con più di 250 dipendenti, fatturato maggiore a €50 mni, oppure un totale di bilancio annuo superiorie a
   €43mni
   (def. 2003/361/CE)
2. Si considerano energivore le imprese con un consumo di energia (elettrica o gas) > 2,4 GWh/anno e con un’incidenza del costo energetico annuo sul
   fatturato > 3% (def. Art. 39 del Decreto Legge n. 83 del 22 giugno 2012, convertito dalla legge 134/2012)

                                                                                                                                                            9
Investimenti Necessari

L’Efficienza Energetica rappresenta l’elemento centrale della Strategia Energetica Nazionale
Documento programmatico nazionale, il primo dagli anni ’80, riguardante l’intero settore energetico

Priorità                       L’Efficienza Energetica rappresenta la linea di azione prioritaria, con
strategica
                                investimenti per €60 mdi al 2020 (sul totale di €180 mdi per il settore energia)

Riduzione
consumi                        Contributo alla riduzione dei consumi primari al 2020 del 24%
                               Riduzione delle importazioni di energia per €8 mdi

Riduzione CO2
                                    Riduzione emissioni di CO2 pari a 55 mni di tonnellate

                             1. Fonte: Strategia Energetica Nazionale
                                                                                                                   10
Rimuovere gli ostacoli

Gap                   Anche i grandi consumatori non hanno perfetta conoscenza delle effettive potenzialità degli
Informativo            interventi di Efficienza Energetica fattibili

Investimenti          In media, un intervento di risparmio energetico comporta investimenti pari a 5 volte il valore
necessari              del risparmio energetico annuo ottenibile
                      Il modello del «Finanziamento Tramite Terzi» sposta l’onere sulle ESCo, ma non lo riduce

                      Limitata dalla limitata standardizzazione degli interventi e – soprattutto – dalla scarsità di
Bancabilità            capitale di rischio

               È cruciale supportare lo sviluppo delle Società di Servizi Energetici (ESCo), vero motore
                                              dello sviluppo del settore

                                                                                                                  11
La necessità di operatori specializzati

             Per lo sviluppo del mercato è necessario che si sviluppino operatori
         specializzati, che agiscano in partnership con le Società di Servizi Energetici

     Agire quali Soggetti di               Fornire il capitale di            Prestare competenze
           «Sistema»                             rischio                        specialistiche

 Approccio differente rispetto al    Sottoscrivono equity, quindi    Aiutano le ESCo a valutare i
  classico Private Equity:             finanziano la parte più          progetti, selezionando i più
  investono in qualsiasi progetto      rischiosa dei progetti           meritevoli
  «meritevole»                        Accrescono la                   Essi stessi «originano»
 Aiutano gli investitori a            patrimonializzazione delle       progetti da proporre alle ESCo
  convogliare risorse finanziarie      ESCo, così facilitando i         per una realizzazione in
  verso il settore                     finanziamenti bancari            partnership
                                       («effetto moltiplicativo»)
                                                                                                   12
Il Fondo Italiano per l’Efficienza Energetica

                      Un Fondo di equity specializzato nel finanziamento
                                   di progetti di efficienza

     Scopo del Fondo                                                Dimensione del Fondo e
                                    Management Team
                                                                          Investitori
 Investe equity nei progetti     Maurizio Cereda              Obiettivo di raccolta: €150 mni
  di efficienza energetica in                                    (€50 mni al primo closing)
                                  Fulvio Conti
  partnership con le società                                    Anchor Investor: Banca Europea
  di servizi energetici (ESCo)    Andrea Longatti (Lamse)
                                                                 per gli Investimenti
 Approccio «industriale»         Andrea Marano
                                                                Altri investitori: principalmente
                                   (Amministratore Delegato)
 Tipicamente tramite società                                    investitori istituzionali interessati
  di scopo dedicate agli          Raffaele Mellone              ad ottenere ritorni «correnti» con
  specifici progetti di            (Presidente)                  rischio limitato
  Efficienza Energetica

                                                                                                 13
Fondo Italiano per
                                                                                                                                            l’Efficienza Energetica

                                               Disclaimer
                                                                                                                                                                 14

Il presente documento è trasmesso da FIEE SGR S.p.A. (la "SGR") in via confidenziale, al solo fine di fornire talune informazioni preliminari a
potenziali investitori interessati a valutare un possibile investimento in un fondo di efficienza energetica di prossima istituzione (il "Fondo"). È
fatto divieto di distribuire, pubblicare o riprodurre il presente documento, in tutto o in parte, ovvero di rivelarne i contenuti a terzi, fatta eccezione
per eventuali consulenti dei destinatari del documento stesso.
I fatti, le opinioni e le stime contenuti nel presente documento sono stati acquisiti o elaborati dalla SGR e dai suoi affiliati utilizzando fonti ritenute
attendibili e in buona fede; tuttavia, non vi è alcuna dichiarazione o garanzia, espressa o implicita, riguardo all'accuratezza, completezza o
correttezza dei contenuti del presente documento. In particolare, le cifre e le valutazioni contenute nel presente documento hanno natura
preliminare e sono fornite esclusivamente a fini di discussione. Le informazioni contenute nel presente documento hanno finalità di ausilio ai
destinatari dello stesso, ma non devono essere ritenute vincolanti né possono sostituire le valutazioni effettuate dai destinatari medesimi; la SGR
e i suoi affiliati non assumono responsabilità alcuna per danni diretti o indiretti derivanti dall'utilizzo del presente documento o dei contenuti dello
stesso. Le dichiarazioni contenute nel presente documento, i giudizi espressi e le proiezioni, previsioni o dichiarazioni concernenti aspettative di
accadimenti futuri o di risultati futuri sono il risultato di valutazioni e interpretazioni soggettive effettuate sulla base delle informazioni disponibili
alla data del presente documento. Non vi è alcuna certezza o garanzia riguardo alla correttezza di tali dichiarazioni, giudizi, proiezioni o
previsioni o riguardo al raggiungimento di tali obiettivi. Il presente documento non costituisce un'offerta di vendita o acquisto di strumenti
finanziari, né può intendersi come tale. I termini e le condizioni di un investimento nel Fondo sono disciplinati dai documenti costitutivi del Fondo.
Qualsiasi decisione di investire nel Fondo deve essere presa esclusivamente sulla base di tali documenti. Le informazioni contenute nel
presente documento sono state acquisite da fonti pubbliche ovvero da fonti non pubbliche, e non sono state oggetto di verifica autonoma da
parte della SGR. Salvo ove diversamente indicato, le informazioni fornite riflettono accadimenti in essere alla data di redazione del presente
documento, e non si riferiscono a date future; tali informazioni non saranno aggiornate o comunque riviste al fine di riflettere informazioni di cui si
possa venire in possesso successivamente, o circostanze che si verifichino successivamente alla data del presente documento.
Le informazioni contenute nel presente documento (i) sono state predisposte esclusivamente per finalità private, (ii) non costituiscono e non
sono intese a costituire un'offerta al pubblico di strumenti finanziari in alcuna giurisdizione, (iii) non sono intese a costituire un prospetto
informativo in alcuna giurisdizione e (iv) non sono state redatte in conformità alle prescrizioni concernenti i prospetti informativi applicabili in
alcuna giurisdizione. Il presente documento non è stato notificato, registrato o depositato, approvato o autorizzato da alcuna autorità bancaria,
regolamentare, assicurativa o altra competente autorità in alcuna giurisdizione e non è soggetto ad alcun obbligo di notifica, registrazione,
deposito, approvazione o autorizzazione. Il presente documento non può essere fatto circolare né distribuito, né gli strumenti finanziari collegati
allo stesso possono essere offerti o venduti, direttamente o indirettamente, ad alcun soggetto in alcuna giurisdizione, ad eccezione degli
investitori ai quali sia consentito distribuire tali informazioni od offrire o vendere tali strumenti finanziari conformemente alla normativa vigente
(anche facendo affidamento, ove possibile, su eventuali esenzioni che siano disponibili).
Puoi anche leggere
DIAPOSITIVE SUCCESSIVE ... Annulla