Foglio Comparativo Mutui Garantiti da Ipoteca per l'Abitazione Principale

 
DIAPOSITIVE SUCCESSIVE
Foglio Comparativo Mutui Garantiti da Ipoteca per l’Abitazione Principale

Foglio Informativo N.: 020100

La Banca aderisce all’Accordo Europeo relativo al “Codice di condotta volontario in materia di informativa precontrattuale dei contratti
di mutuo destinati all’acquisto o alla trasformazione di immobili residenziali”. Col presente foglio informativo vengono fornite anche le
INFORMAZIONI GENERALI previste dal predetto Codice.
Presso tutte le filiali della Banca sono disponibili copie del Codice di Condotta Europeo corredate dal Glossario dei termini tecnici
utilizzati

 Informazioni sulla banca
BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CARATE BRIANZA Società Cooperativa
Sede Legale: 20841 Carate Brianza (MB) - Via Cusani, 6
Tel. 0362 9401 - Fax 0362 903634
Cod. Fiscale 01309550158 - Partita IVA 00708550967
email info@caratebrianza.bcc.it - sito internet www.bcccarate.it
Iscritta all’Albo delle Banche al n. 217 - Codice ABI: 08440-0
Iscritta all’albo delle Cooperative al n. A172639
Aderente al Fondo di Garanzia dei Depositanti del Credito Cooperativo
Aderente al Fondo di Garanzia degli Obbligazionisti
Iscritta al Registro delle Imprese di Monza e Brianza n. 01309550158
Capitale Sociale al 31/12/2014 – Euro 3.753.608,32
Riserva Legale al 31/12/2014 – Euro 225.151.098,46

 Che cos'è il mutuo garantito da ipoteca per l'acquisto dell'abitazione principale

Il mutuo garantito da ipoteca per l’acquisto dell’abitazione principale è un finanziamento a medio – lungo termine
(superiore ai 18 mesi) il cui rimborso viene garantito da ipoteca su immobili, finalizzato all’acquisto, costruzione o
ristrutturazione, da parte del cliente, dell’abitazione principale. Può servire anche per sostituire o rifinanziare mutui già
ottenuti per le stesse finalità.
Per abitazione principale si intende quella nella quale il cliente o i suoi familiari dimorano abitualmente.
Il rimborso avviene mediante pagamento di rate periodiche comprensive di capitale e interessi, secondo un piano di
ammortamento definito al momento della stipulazione del contratto.
Il tasso di interesse può essere fisso, variabile, misto o di due tipi. Le rate possono essere mensili, trimestrali, semestrali
o annuali.
Il finanziamento può essere perfezionato sotto forma di “mutuo fondiario” o di “mutuo ipotecario”.
L’ammontare massimo della somma erogabile con il mutuo fondiario è pari all’80% del valore dei beni ipotecati. Tale
percentuale può essere elevata fino al 100% qualora vengano prestate, da parte del cliente, delle garanzie aggiuntive (ad
esempio: fideiussioni bancarie, polizze di assicurazione).
Nel caso in cui vi siano delle garanzie ipotecarie già esistenti, il limite dell’80% deve comprendere il capitale residuo del
precedente finanziamento.
Il mutuo fondiario consente al cliente di godere di onorari notarili ridotti della metà.
All’atto della stipula del contratto sono previste le seguenti spese a carico del mutuatario: spese d’istruttoria, spese per la
perizia tecnica, spese notarili, tassa ipotecaria, oneri fiscali. I relativi importi massimi, ad esclusione delle spese notarili,
sono indicati nelle Sezioni “Spese per la stipula del contratto” e “Altre spese da sostenere”.
Allo scopo di determinare il valore dell’immobile offerto in garanzia è richiesta una perizia tecnica, redatta da un perito
conosciuto e gradito alla Banca.
La durata medio – lunga del prestito permette di beneficiare di un regime fiscale agevolato (imposta sostitutiva ai sensi
del D.P.R. 29/9/1973, n. 601).
Sono inoltre previsti sgravi fiscali sugli interessi pagati alla Banca. Ulteriori informazioni su questi sgravi possono essere
reperite sul sito internet del Ministero dell’economia e delle finanze (www.finanze.it) o rivolgendosi all’ufficio Mutui della
Banca.
Può ricorrere una polizza assicurativa a copertura del rimborso del credito in caso di morte, invalidità o disoccupazione
del cliente.

01/07/2015                                                                                                                        Pagina 1
Foglio Comparativo Mutui Garantiti da Ipoteca per l’Abitazione Principale

Foglio Informativo N.: 020100

I TIPI DI MUTUO E I LORO RISCHI
Mutuo a tasso fisso
Rimangono fissi per tutta la durata del mutuo sia il tasso di interesse sia l’importo delle singole rate.
Lo svantaggio è non poter sfruttare eventuali riduzioni dei tassi di mercato.
Il tasso fisso è consigliabile a chi vuole essere certo, sin dal momento della firma del contratto, della misura del tasso,
degli importi delle singole rate e dell’ammontare complessivo del debito da restituire, indipendentemente dalle variazioni
delle condizioni di mercato.

Mutuo a tasso variabile

Rispetto al tasso iniziale, il tasso di interesse può variare, con cadenze prestabilite, secondo l’andamento di uno o più parametri di
indicizzazione fissati nel contratto.
Il rischio principale è l’aumento imprevedibile e consistente dell’importo o del numero delle rate.
Il tasso variabile è consigliabile a chi vuole un tasso sempre in linea con l’andamento del mercato e può sostenere eventuali aumenti
dell’importo delle rate.

Mutuo a tasso misto

Il tasso di interesse può passare da fisso a variabile (o viceversa) a scadenze e/o condizioni stabilite nel contratto.
Il contratto indica se questo passaggio dipende o meno della scelta del cliente e secondo quali modalità la scelta avviene.
Vantaggi e svantaggi sono alternativamente quelli del tasso fisso e del tasso variabile.
Il tasso misto è consigliabile a chi al momento della stipula preferisce non prendere ancora una decisione definitiva sul tipo di tasso.

Mutuo a due tipi di tasso
Il mutuo è suddiviso in due parti: una con il tasso fisso, una con il tasso variabile.
Il doppio tasso è consigliabile a chi preferisce una soluzione intermedia tra il tasso fisso e il tasso variabile, equilibrando
vantaggi e svantaggi di ciascuno.

Rischi specifici legati alla tipologia di contratto

Nei mutui che prevedono un tasso variabile può essere stabilito un tasso minimo ( floor) o massimo (cap). In questi casi,
indipendentemente dalle variazioni del parametro di indicizzazione, il tasso di interesse non può scendere al di sotto del
minimo o salire al di sopra del massimo.
Il contratto inoltre può prevedere che la banca, in presenza di un giustificato motivo, possa modificare nel corso del
rapporto le condizioni economiche applicate al cliente, ad eccezione del tasso di interesse. Solo se il mutuatario non è un
consumatore o una micro-impresa, il contratto può prevedere la possibilità, per la Banca, di modificare in via unilaterale
anche i tassi di interesse, al verificarsi di specifici eventi e condizioni predeterminati nel contratto medesimo.

Per saperne di più:
La Guida pratica al mutuo, che aiuta a orientarsi nella scelta, è disponibile sul sito w w w . b a n c a d i t a l i a . i t , presso tutte le
filiali della banca e sul sito della banca www.bcccarate.it.

01/07/2015                                                                                                                          Pagina 2
Tabella di Confronto delle Varie Tipologie di Mutuo
   Tipologie di                      Rischi                        Tasso di interesse e T.A.E.G*                          Durata          Modalità                 Periodicità
   mutuo offerti                     tipici                                                                               mutuo        ammortamento**                 rate
Mutuo                     Possibilità aumento del tasso      Iniziale e a regime: Parametro “Euribor 6 mesi” +         Durata:         Numero fisso di rate     Mensile,
ipotecario/fondiario a    applicato, in conseguenza          spread massimo del 5,50%, T.A.E.G. (6,231%)                               di importo variabile,    Trimestrale o
tasso variabile           dell’aumento del valore del                                                                                  comprensive di           Semestrale
(parametro:               parametro di riferimento.                                  oppure                            - Minimo: 18    capitale e di interessi.
Euribor/BCE)                                                                                                             mesi e 1
                                                             Iniziale e a regime: Parametro “Tasso BCE” +                giorno
                                                             spread che porta il tasso finito ad un massimo pari a
                                                             Parametro “Euribor 6 mesi” + spread massimo del
                                                             5,50%, T.A.E.G. (6,231%)                              - Massimo: 20
                                                                                                                     anni

Mutuo fondiario a         Possibilità aumento del tasso      Iniziale e a regime: Parametro “Euribor 6 mesi” +         Durata:         Numero fisso di rate     Mensile,
tasso variabile           applicato, in conseguenza          spread massimo del 2,25%, T.A.E.G. (2,505%)                               di importo variabile,    Trimestrale o
riservato ai soci della   dell’aumento del valore del                                                                                  comprensive di           Semestrale
banca ed ai figli dei     parametro di riferimento.                                  oppure                            - Minimo: 18    capitale e di interessi.
soci (parametro:                                                                                                         mesi e 1
Euribor/BCE)                                                 Iniziale e a regime: Parametro “Tasso BCE” +                giorno
                                                             spread che porta il tasso finito ad un massimo pari a
                                                             Parametro “Euribor 6 mesi” + spread massimo del
                                                             2,25%, T.A.E.G. (2,505%)                              - Massimo: 20
                                                                                                                     anni

Mutuo                     - Per il periodo in cui il tasso   A scelta del cliente fino ad un massimo di 3 anni         Durata:         Numero fisso di rate      Mensile,
ipotecario/fondiario a    applicabile è fisso:               fisso:                                                                    comprensive di            Trimestrale o
tasso misto               impossibilità di beneficiare di                                                                              capitale e di interessi   Semestrale
(parametro:               eventuali variazioni,                                                                        - Minimo: 18    d’importo costante
Euribor/BCE)              nell’ambito del mercato                 •     solo primo anno 6,50% (taeg: 7,152%)             mesi e 1
                                                                                                                         giorno
                                                                                                                                       per il periodo a tasso
                          monetario, dei tassi al                                                                                      fisso e d’importo
                          ribasso.                                •     primi due anni 7,00% (taeg: 7,693%)                            variabile, per il
                          - Per il periodo in cui il tasso        •     primi tre anni 7,50% (taeg: 8,236%)            - Massimo: 20
                                                                                                                                       periodo successivo.
                          applicabile è variabile:                                                                       anni
                          possibilità aumento del tasso      Successivamente a questo periodo, il tasso diventa
                          applicato, in conseguenza          variabile:
                          dell’aumento del valore del
                          parametro di riferimento.
                                                                  •      Parametro “Euribor 6 mesi” + 5,50% di
                                                                        spread con durata massima 20 anni
                                                                        (taeg: 6,213%).

                                                                                     oppure

                                                                  •     Tasso BCE + spread massimo che porta
                                                                        il tasso finito ad un massimo pari a
                                                                        Parametro “Euribor 6 mesi” + spread
                                                                        massimo del 5,50%, T.A.E.G. (6,213%)

Mutuo                     - Per il periodo in cui il tasso   Il tasso è fisso per i primi 2 anni al 7% (taeg:          Durata:         Numero fisso di rate     Mensile,
ipotecario/fondiario a    applicabile è fisso:               7,693%), mentre per la durata residua del mutuo,                          comprensive di           Trimestrale o
tasso misto gestibile     impossibilità di beneficiare di    verrà data la facoltà di scegliere ogni 2 anni il tasso                   capitale e di interessi: Semestrale
                          eventuali variazioni,              tra:                                                      - Minimo: 18    d’importo costante
                          nell’ambito del mercato            1)     variabile: Parametro “Euribor 6 mesi” +              mesi e 1      per il periodo a tasso
(parametro:               monetario, dei tassi al                                                                        giorno        fisso e d’importo
                                                                    spread massimo del 5,50%, T.A.E.G.
Euribor/BCE)              ribasso.                                  (6,213%)                                                           variabile, per il
                          - Per il periodo in cui il tasso                                                                             periodo successivo.
                                                                                     oppure                            - Massimo: 20
                          applicabile è variabile:                                                                       anni
                          possibilità aumento del tasso
                          applicato, in conseguenza
                                                             Tasso BCE + spread massimo che porta il tasso
                          dell’aumento del valore del
                                                             finito ad un massimo pari a Parametro “Euribor 6
                          parametro di riferimento.
                                                             mesi” + spread massimo del 5,50%, T.A.E.G.
                                                             (6,213%)

                                                             2) fisso, corrispondente all'IRS lettera 2 anni
                                                             (calcolato il primo giorno lavorativo del mese solare
                                                             precedente la scadenza del biennio, in questo caso
                                                                                                   **
                                                             a giugno 2015 pari a 0,11) + 5,50% (taeg: 6,197%)

Mutuo                     Possibilità aumento del tasso      Iniziale e a regime: Parametro “Euribor 6 mesi” +         Durata:         Numero di rate           Mensile,Trimestrale
ipotecario/fondiario a    applicato, in conseguenza          spread massimo del 5,50%, T.A.E.G. (6,231%)                               flessibile di importo    o Semestrale
tasso variabile a rata    dell’aumento del valore del                                                                                  fisso comprensive di
fissa (parametro:         parametro di riferimento. A                               oppure                         - Minimo: 18        capitale e di interessi,
Euribor/BCE)              seguito di tale variazione                                                                 mesi e 1          eventuale maxi rata
                          cresce il nr. delle rate di        Iniziale e a regime: Parametro “Tasso BCE” +            giorno            finale.
A scelta del cliente 2                                       spread che porta il tasso finito ad un massimo pari a
opzioni:                  rimborso fino ad un max di 30
                          anni ovvero l’importo della        Parametro “Euribor 6 mesi” + spread massimo del
                                                             5,50%, T.A.E.G. (6,231%)                              - Massimo: 15
                          maxi-rata finale.
                                                                                                                     anni (alla
     •     con durata                                                                                                sottoscrizione
           ammorta-                                                                                                  ) fino ad un
           mento                                                                                                     max di 30
           flessibile                                                                                                anni quale
                                                                                                                     effetto
     •     con maxi-
                                                                                                                     aumento tassi
           rata finale
Mutuo                      Possibilità aumento del tasso       Iniziale e a regime: Parametro “Euribor 6 mesi” +         Durata:            Numero di rate        Mensile
ipotecario/fondiario a     applicato, in conseguenza           spread massimo del 2,00%, T.A.E.G. (2,276%)                                  flessibile di importo
rata fissa                 dell’aumento del valore del                                                                                      fisso comprensive di
BCComprocasa               parametro di riferimento. In                                   oppure                        - Minimo: 5         capitale e di
(parametro:                conseguenza di tale variazione                                                                 anni              interessi, eventuale
Euribor/BCE)               cresce il nr. delle rate di         Iniziale e a regime: Parametro “Tasso BCE” + spread                          maxi rata finale.
                           rimborso fino ad un max di 30       che porta il tasso finito ad un massimo pari a Parametro
A scelta del cliente 2                                         “Euribor 6 mesi” + spread massimo del 2,00%, T.A.E.G. - Massimo: 20
opzioni:                   anni ovvero l’importo della maxi-
                                                               (2,276%)                                                   anni (alla
                           rata finale.
                                                                                                                          sottoscrizione)
                                                                                                                          , fino ad un
      •     con durata                                                                                                    max di 30
            ammorta-                                                                                                      anni quale
            mento                                                                                                         effetto
            flessibile                                                                                                    aumento tassi
      •     con maxi-
            rata finale

     * I calcoli per il taeg sono stati effettuati sui seguenti parametri puramente indicativi con rilevazione, a titolo di esempio, alla data del 1/6/2015:
     • importo finanziamento 100.000,00 Euro per acquisto abitazione principale
     • spese istruttoria del 2% sul capitale mutuato
     • imposta sostitutiva 0,25% sul capitale erogato
     • spese di incasso rata: euro 3,50
     • spese di comunicazione: euro 1,50
     • spese di perizia: euro 550,00
     • spesa assicurazione incendio scoppio premio unico: euro 34,00 l'anno (nell'ipotesi di adesione alla sottoscrizione di una polizza assicurativa con
          compagnia intermediata dalla banca)

**   L’ammortamento del mutuo può essere preceduto da un periodo di preammortamento, durante il quale il cliente corrisponde solo interessi.

Per le tipologie di mutuo a tasso legato ad un parametro di indicizzazione:
Il tasso di interesse applicato all'operazione non potrà essere comunque inferiore al tasso inizialmente applicato e comunque, in caso
di parametro di riferimento negativo, allo spread contrattualmente previsto.
Foglio Comparativo Mutui Garantiti da Ipoteca per l’Abitazione Principale

Foglio Informativo N.: 020100

*
Parametro Euribor 6 mesi: il parametro Euribor 360 è il risultato della domanda e dell’offerta che tutti i giorni si incontrano sul mercato
interbancario dei tassi. Esso cambia pertanto continuamente e viene pubblicato giornalmente sui principali quotidiani. L’esempio /gli esempi
per la costruzione del/i taeg in questo foglio, utilizzano il parametro Euribor 6 mesi base 360 (arrotondato per eccesso allo 0,125 più vicino)
rilevato, per i finanziamenti con periodicità rate mensili, come media del mese solare precedente a quello di applicazione. Per talune tipologie
di mutuo la frequenza rate può essere diversa dal mensile, in tal caso :
quando la periodicità rate è trimestrale, il parametro viene rilevato come media del mese solare precedente il trimestre di applicazione
quando la periodicità rate è semestrale, il parametro viene rilevato come media del mese solare precedente il semestre di applicazione

Ultime rilevazioni:

                  Data                     Valore
               01/01/2015                  0,250
               01/02/2015                  0,250
               01/03/2015                  0,250
               01/04/2015                  0,125
               01/05/2015                  0,125
               01/06/2015                  0,125
               01/07/2015                  0,125

Parametro “Tasso BCE” (tasso di rifinanziamento principale Banca Centrale Europea) cambia invece esclusivamente in base alle decisioni
della Banca Centrale Europea ed è pubblicato sul sito internet della BCE e sui principali quotidiani
Rilevazione del 04/09/2014: 0,05%

CALCOLO ESEMPLIFICATIVO DELL'IMPORTO DELLA RATA

        Tasso di                Durata del            Importo della rata    Se il tasso di interesse           Se il tasso di
       interesse             finanziamento               mensile per        aumenta del 2% dopo            interesse diminuisce
       applicato                  (anni)            €100.000,00 di capitale         2 anni (*)            del 2% dopo 2 anni (*)
         4,50%                      10                    € 1.036,40               € 1.135,49                    € 942,71
        4,50%                       15                     € 765,05                  € 871,18                   € 666,82
        4,50%                    20                      € 632,73                  € 745,69                € 529,95
In considerazione della presenza del tasso floor, l'effetto della diminuzione del tasso è comunque limitato in misura corrispondente.
(*) Solo per i mutui che hanno una componente variabile al momento della stipula.

Il Tasso Effettivo Globale Medio (TEGM) previsto dall’art. 2 della legge sull’usura (l. n. 108/1996), relativo ai contratti di mutuo, può
essere consultato in filiale e sul sito internet (www.bcccarate.it).

    SERVIZI ACCESSORI

      − Spese per rilascio dichiarazioni                                                        max Eur                     51,65
      − Rimborso spese sostenute dal personale della banca
        per stipula atti notarili fuori sede                                                  minimo Eur                   100,00
                                                                                               max Eur                     500,00

 ALTRE SPESE DA SOSTENERE
Al momento della stipula del mutuo il cliente deve sostenere costi relativi a servizi prestati da soggetti terzi:

                                                                      Se acquistati attraverso la banca/intermediario
       Perizia tecnica                                                               Come da parcella del perito
       Istruttoria                                                                  Max 2,00% importo finanziato
       Adempimenti notarili                                                           Come da parcella notaio
       Assicurazione immobile                                 Polizza rischio incendio obbligatoria sull'immobile oggetto di garanzia*
       Altro                                                                                      nd

01/07/2015                                                                                                                              Pagina 5
Foglio Comparativo Mutui Garantiti da Ipoteca per l’Abitazione Principale

Foglio Informativo N.: 020100

 *Compagnia a scelta del cliente, con vincolo a favore banca se BCC Carate Bza non collocatrice. Altre forme assicurative a tutela
della famiglia e del/dei richiedente/i non sono obbligatorie per l'ottenimento del finanziamento.

-    Imposta sostitutiva:                            -   Per 1^ casa                                                     0,250 %
                                                     -   Per 2^ casa                                                     2,000 %
                                                     -   Per altre destinazioni                                          0,250 %

Imposta sostitutiva per finanziamenti di durata oltre 18 mesi                                    0,25% dell'importo finanziato

o in alternativa: le imposte di registro, di bollo, le imposte ipotecarie e catastali e le tasse di concessione governativa ove previste

-    Imposte per iscrizione ipoteca

    TEMPI DI EROGAZIONE

- Durata dell’istruttoria: 30 giorni
- Disponibilità dell’importo : immediata

Estinzione anticipata, portabilità e reclami

Estinzione anticipata
Il cliente può estinguere anticipatamente in tutto o in parte il mutuo con un preavviso di almeno 15 giorni senza dover pagare alcuna
penale, compenso od onere aggiuntivo. L’estinzione totale comporta la chiusura del rapporto contrattuale con la restituzione del
capitale ancora dovuto - tutto insieme - prima della scadenza del mutuo.
Per i contratti di mutuo ipotecario stipulati per finalità diverse dall'acquisto o dalla ristrutturazione di immobili adibiti ad abitazione o allo
svolgimento di attività economica o professionale, il cliente può estinguere anticipatamente in tutto o in parte il mutuo pagando
unicamente un compenso onnicomprensivo stabilito dal contratto, che non potrà essere superiore a 3% capitale residuo.

Portabilità del mutuo
Nel caso in cui, per rimborsare il mutuo, ottenga un nuovo finanziamento da un’altra banca/intermediario, il cliente non deve sostenere
neanche indirettamente alcun costo (ad esempio commissioni, spese, oneri o penali). Il nuovo contratto mantiene i diritti e le garanzie
del vecchio.

Tempi massimi di chiusura del rapporto
15 giorni

Reclami, ricorsi e mediazione
I reclami vanno inviati all’Ufficio Reclami della banca (Via Cusani 6 – 20841 Carate Brianza MB) che risponde entro 30 giorni dal
ricevimento (90 se il reclamo ha come oggetto servizi ed attività di investimento).
Se il cliente non è soddisfatto o non ha ricevuto risposta entro i 30 giorni, prima di ricorrere al giudice può rivolgersi a:
     •    Arbitro Bancario Finanziario (ABF). Per sapere come rivolgersi all’Arbitro si può consultare                                   il   sito
         www.arbitrobancariofinanziario.it, chiedere presso le Filiali della Banca d'Italia, oppure chiedere alla banca;
     •     Conciliatore Bancario Finanziario. Se sorge una controversia con la banca, il cliente può attivare una procedura di
         conciliazione che consiste nel tentativo di raggiungere un accordo con la banca, grazie all’assistenza di un conciliatore
         indipendente. Per questo servizio è possibile rivolgersi al Conciliatore Bancario Finanziario (Organismo iscritto nel Registro
         tenuto dal Ministero della Giustizia), con sede a Roma, Via delle Botteghe Oscure 54, tel. 06.674821, sito internet
         www.conciliatorebancario.it.
Se il cliente intende rivolgersi al giudice egli - se non si è già avvalso della facoltà di ricorrere ad uno degli strumenti alternativi al
giudizio sopra indicati - deve preventivamente, pena l’improcedibilità della relativa domanda, rivolgersi all’ABF oppure attivare una
procedura di mediazione finalizzata alla conciliazione presso il Conciliatore Bancario Finanziario. Le parti possono concordare, anche
successivamente alla conclusione del contratto, di rivolgersi ad un organismo di mediazione diverso dal Conciliatore Bancario
Finanziario purché iscritto nell’apposito registro ministeriale.

    Legenda delle principali nozioni dell’operazione

Accollo                                    Contratto tra un debitore e una terza persona che si impegna a pagare il debito
                                           al creditore.
                                           Nel caso del mutuo, chi acquista un immobile gravato da ipoteca si impegna a
                                           pagare all’intermediario, cioè “si accolla”, il debito residuo.

01/07/2015                                                                                                                              Pagina 6
Foglio Comparativo Mutui Garantiti da Ipoteca per l’Abitazione Principale

Foglio Informativo N.: 020100

Imposta sostitutiva                  Imposta pari allo 0,25% (prima casa) o al 2% (seconda casa) della somma
                                     erogata in caso di acquisto, costruzione, ristrutturazione dell’immobile.
Ipoteca                              Garanzia su un bene, normalmente un immobile. Se il debitore non può più
                                     pagare il suo debito, il creditore può ottenere l’espropriazione del bene e farlo
                                     vendere.
Istruttoria                          Pratiche e formalità necessarie all'erogazione del mutuo.
Parametro di indicizzazione (per i Parametro di mercato o di politica monetaria preso a riferimento per determinare
mutui a tasso                        il tasso di interesse.
variabile)/ Parametro di riferimento
(per i mutui a tasso fisso)
Perizia                              Relazione di un tecnico che attesta il valore dell’immobile da ipotecare.
Piano di ammortamento                Piano di rimborso del mutuo con l’indicazione della composizione delle singole
                                     rate (quota capitale e quota interessi), calcolato al tasso definito nel contratto.
Piano di ammortamento                Il piano di ammortamento più diffuso in Italia. La rata prevede una quota capitale
“francese”                           crescente e una quota interessi decrescente. All’inizio si pagano soprattutto
                                     interessi; a mano a mano che il capitale viene restituito, l'ammontare degli
                                     interessi diminuisce e la quota di capitale aumenta.
Piano di ammortamento “italiano” Ogni rata è composta da una quota di capitale sempre uguale per tutto il periodo
                                     di ammortamento e da una quota interessi che diminuisce nel tempo.
Piano di ammortamento “tedesco” Prevede una rata costante e il pagamento degli interessi in anticipo, cioè
                                     all'inizio del periodo in cui maturano. La prima rata è costituita solo da interessi
                                     ed è pagata al momento del rilascio del prestito; l’ultima è costituita solo dal
                                     capitale.
Quota capitale                       Quota della rata costituita dall’importo del finanziamento restituito.
Quota interessi                      Quota della rata costituita dagli interessi maturati.
Rata costante                        La somma tra quota capitale e quota interessi rimane uguale per tutta la durata
                                     del mutuo.
Rata crescente                       La somma tra quota capitale e quota interessi aumenta al crescere del numero
                                     delle rate pagate.
Rata decrescente                     La somma tra quota capitale e quota interessi diminuisce al crescere del numero
                                     delle rate pagate.
Rimborso in un’unica soluzione       L’intero capitale viene restituito tutto insieme alla scadenza del contratto.
                                     Durante il rapporto le rate sono costituite dai soli interessi.
Spread                               Maggiorazione applicata ai parametri di riferimento o di indicizzazione.
Tasso Annuo Effettivo Globale        Indica il costo totale del mutuo su base annua ed è espresso in percentuale
(TAEG)                               sull'ammontare del finanziamento concesso. Comprende il tasso di interesse e
                                     altre voci di spesa, ad esempio spese di istruttoria della pratica e di riscossione
                                     della rata. Alcune spese non sono comprese, per esempio quelle notarili.
Tasso di interesse di                Il tasso degli interessi dovuti sulla somma finanziata per il periodo che va dalla
preammortamento                      data di stipula del finanziamento alla data di scadenza della prima rata.
Tasso di interesse nominale          Rapporto percentuale, calcolato su base annua, tra l’interesse (quale compenso
annuo                                del capitale prestato) e il capitale prestato.
Tasso di mora                        Maggiorazione del tasso di interesse applicata in caso di ritardo nel pagamento
                                     delle rate.
Tasso Effettivo Globale Medio        Tasso di interesse pubblicato ogni tre mesi dal Ministero dell’Economia e delle
(TEGM)                               Finanze come previsto dalla legge sull’usura. Per verificare se un tasso di
                                     interesse è usurario, quindi vietato, bisogna individuare, tra tutti quelli pubblicati,
                                     il TEGM dei mutui con garanzia ipotecaria, aumentarlo di un quarto, aggiungere
                                     quattro punti percentuali, verificare che la differenza tra il tasso così ottenuto e il
                                     TEGM non sia superiore a otto punti percentuali (se la differenza è superiore
                                     bisogna ridurre il tasso in misura tale che la differenza con il TEGM non superi gli
                                     otto punti) e accertare che quanto richiesto dalla banca/intermediario non sia
                                     superiore.

01/07/2015                                                                                                                     Pagina 7
Puoi anche leggere
DIAPOSITIVE SUCCESSIVE ... Annulla