Documento Unico di Programmazione 2019-2021 2019-2021 - Comune di Treviglio

 
2019-2021

       Documento Unico di
Programmazione 2019-2021
 Principio contabile applicato alla programmazione Allegato 4/1 al D.Lgs. 118/2011

                                                   CONTROLLO DI GESTIONE
                                                   COMUNE DI TREVIGLIO
Comune di Treviglio – Documento unico di programmazione 2019-2021

Indice
INTRODUZIONE ......................................................................................................................................................................................................................................... 3

SEZIONE STRATEGICA............................................................................................................................................................................................................................ 3

Premessa ..................................................................................................................................................................................................................................................... 3

1 QUADRO DELLE CONDIZIONI ESTERNE ....................................................................................................................................................................................... 4

     1.1 Situazione finanziaria ed economica dell’Ente alla luce dello scenario economico generale .......................................................................... 4

     1.2 Situazione socio-economica del territorio: valutazione corrente e prospettica..................................................................................................... 8

           1.2.1 Popolazione ......................................................................................................................................................................................................................... 8

           1.2.2 Contesto socio - economico .........................................................................................................................................................................................12

2 QUADRO DELLE CONDIZIONI INTERNE DELL’ENTE ................................................................................................................................................................15

     2.1 Organizzazione e gestione dei Servizi pubblici locali .....................................................................................................................................................15

     2.2 La gestione delle risorse correnti .........................................................................................................................................................................................17

           2.2.1 Le entrate correnti ...........................................................................................................................................................................................................17

                 2.2.1.1 I tributi ......................................................................................................................................................................................................................17

                 2.2.1.2 Le entrate extra-tributarie ..................................................................................................................................................................................20

           2.2.2 Spesa corrente ..................................................................................................................................................................................................................20

     2.3 La gestione delle risorse in conto capitale ........................................................................................................................................................................21

           2.3.1 Le entrate straordinarie .................................................................................................................................................................................................21

                 2.3.1.1 Le entrate per accensioni di prestiti (indebitamento) ...............................................................................................................................21

           2.3.2 Le spese di parte straordinaria....................................................................................................................................................................................23

                 2.3.1.1 Gli investimenti .......................................................................................................................................................................................................23

                 2.3.1.2 Nuovi Investimenti ................................................................................................................................................................................................23

                 2.3.1.3 Altri interventi di parte straordinaria ..............................................................................................................................................................24

     2.4 Linee strategiche sul patrimonio...........................................................................................................................................................................................25

     2.5 Struttura organizzativa dell’Ente ..........................................................................................................................................................................................26

           2.5.1 Organizzazione..................................................................................................................................................................................................................27

           2.5.2 Risorse umane disponibili..............................................................................................................................................................................................27

     2.6 Enti strumentali e società controllate e partecipate ......................................................................................................................................................29

           2.6.1 Situazione economico finanziaria ...............................................................................................................................................................................30

           2.6.2 Procedure di controllo.....................................................................................................................................................................................................31

           2.6.3 Obiettivi strategici società controllate ......................................................................................................................................................................31

           2.6.4 Programmazione consolidata Gruppo Amministrazione Pubblica ....................................................................................................................32

     2.7 Pareggio di bilancio e coerenza - compatibilità del bilancio con i vincoli di finanza pubblica..........................................................................33

     3 OBIETTIVI STRATEGICI PER MISSIONE ................................................................................................................................................................................34

     Gli indirizzi strategici del mandato dell’ente ............................................................................................................................................................................34

     Missione 1 – Servizi istituzionali, generali e di gestione ......................................................................................................................................................35

     Missione 3 – Ordine pubblico e sicurezza ..................................................................................................................................................................................35

     Missione 4 – Istruzione e diritto allo studio ..............................................................................................................................................................................36

     Missione 5 – Tutela e valorizzazione dei beni e delle attività culturali............................................................................................................................36

     Missione 6 – Politiche giovanili, sport e tempo libero ...........................................................................................................................................................37

     Missione 7 – Turismo........................................................................................................................................................................................................................37

     Missione 8 – Assetto del territorio ed edilizia abitativa ........................................................................................................................................................38

     Missione 9 – Sviluppo sostenibile e tutela del territorio e dell’ambiente .......................................................................................................................38

     Missione 10 – Trasporti e diritto alla mobilità .........................................................................................................................................................................39

                                                                                                                                                                                                                                                                   1
Comune di Treviglio – Documento unico di programmazione 2019-2021

     Missione 11 – Soccorso Civile .......................................................................................................................................................................................................40

     Missione 12 – Diritti sociali, politiche sociali e famiglia ........................................................................................................................................................40

     Missione 14 – Sviluppo economico e competitività................................................................................................................................................................41

     Missione 15 – Politiche per il lavoro e la formazione professionale .................................................................................................................................42

     Missione 16 – Agricoltura, politiche agroalimentari e pesca...............................................................................................................................................42

4 STRUMENTI DI RENDICONTAZIONE .............................................................................................................................................................................................43

SEZIONE OPERATIVA .............................................................................................................................................................................................................................44

5 PARTE PRIMA .........................................................................................................................................................................................................................................44

     5.1 Programmi, obiettivi operativi e risorse finanziarie, umane e strumentali ............................................................................................................44

     5.2 Programmazione atti e attività ..............................................................................................................................................................................................63

     5.3 Piano degli indicatori.................................................................................................................................................................................................................63

6 PARTE SECONDA ..................................................................................................................................................................................................................................64

     6.1 Programmazione del fabbisogno di personale .................................................................................................................................................................64

     6.2 Programma triennale delle opere pubbliche ed elenco annuale ................................................................................................................................66

     6.3 Piano delle alienazioni e valorizzazioni immobiliari ........................................................................................................................................................69

     6.4 Programma triennale di razionalizzazione .........................................................................................................................................................................78

     6.5 Programma degli acquisti........................................................................................................................................................................................................83

                                                                                                                                                                                                                                                            2
Comune di Treviglio – Documento unico di programmazione 2019-2021

INTRODUZIONE

A seguito del decreto legislativo 23 giugno 2011 n. 118 recante “Disposizioni in materia di armonizzazione dei sistemi
contabili e degli schemi di bilancio delle Regioni, degli enti locali e dei loro organismi”, i documenti di programmazione
dell’Ente locale devono essere redatti in coerenza con il Principio contabile applicato concernente la programmazione di
bilancio (Allegato n. 12 al DPCM 28/12/2011 relativo alle Modalità di sperimentazione).
Il documento di programmazione dell’Ente Locale che costituisce presupposto di tutti gli altri è il Documento Unico di
Programmazione (DUP) che sostituisce la precedente Relazione Previsionale e Programmatica di cui art. 170 del T.U. n.
267 del 2000. Il D.U.P. è lo strumento che permette l’attività di guida strategica ed operativa degli enti locali e
consente di fronteggiare in modo permanente, sistemico e unitario le discontinuità ambientali e organizzative.

Il D.U.P è articolato in due sezioni: la sezione strategica (SeS) e la sezione operativa (SeO).

La SeS sviluppa e concretizza le linee programmatiche di mandato e individua gli indirizzi strategici dell’ente in
coerenza con la programmazione regionale e i relativi ambiti nazionali e comunitari.
Sono quindi definiti, per missione, gli obiettivi strategici da perseguire al termine di un processo conoscitivo di analisi
strategica relativo alle condizioni esterne e interne all’Ente.

La SeO costituisce lo strumento a supporto del processo di previsione definito sulla base degli indirizzi generali e degli
obiettivi strategici fissati nella SeS. Contiene la programmazione operativa dell’Ente con un arco temporale
corrispondente a quello del Bilancio di Previsione ed è strutturata in due parti in cui vengono descritti gli obiettivi
operativi discendenti da quelli strategici e le risorse destinate alla loro realizzazione, nonché la programmazione in
materia di personale, opere pubbliche e alienazioni.

Entro il 31 luglio di ogni anno, il Comune deve presentare il Documento Unico di Programmazione per il triennio
successivo che andrà poi approvato dal Consiglio Comunale entro il 30 novembre dello stesso anno.

Questo documento presenta la sintesi degli indirizzi strategici e operativi per il triennio 2018-2020.

SEZIONE STRATEGICA

Premessa

Il Documento unico di Programmazione proposto al Consiglio Comunale unitamente al bilancio dell'esercizio
2018/2020, come previsto dall'art. 170 del D.lgs. 267/00, è stato reso rispondente alle linee programmatiche di
mandato approvate dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 34/2016.

Il quadro strategico di riferimento all’interno del quale si inserisce l’azione di governo della nostra
amministrazione

L'attività di programmazione e dunque quella amministrativa deve essere necessariamente svolta prendendo in
considerazione:
 •    lo scenario nazionale ed internazionale per i riflessi che esso ha, in particolare dapprima con il Documento di
      Economia e Finanza (DEF) e poi con la legge di Stabilità sul comparto degli enti locali e quindi anche sul nostro
      Ente. Nello specifico si farà riferimento ai dati contenuti nella nota di aggiornamento DEF 2017;
 •    lo scenario regionale al fine di analizzare i riflessi della programmazione regionale sul nostro Ente;
 •    lo scenario locale, inteso come analisi del contesto socio-economico e di quello finanziario dell’Ente, in cui si
      inserisce la nostra azione.

                                                                                                                              3
Comune di Treviglio – Documento unico di programmazione 2019-2021

1 QUADRO DELLE CONDIZIONI ESTERNE

1.1    Situazione finanziaria ed economica dell’Ente alla luce dello scenario economico generale

Il contesto nazionale                                                             (fonte DEF 2018 – Governo)

La ripresa dell’economia italiana ha guadagnato vigore nel 2017 ed è continuata nel primo trimestre di quest’anno.
Secondo le prime stime Istat, l’anno passato si è chiuso con una crescita del PIL dell’1,5 per cento in termini reali, in
accelerazione rispetto agli incrementi di circa l’uno per cento dei due anni precedenti. L’occupazione è aumentata
dell’1,1 per cento e le ore lavorate sono salite dell’1,0 per cento, il che sottende un aumento della produttività del
lavoro. Il rafforzamento della ripresa è stato principalmente dovuto ad una dinamica più sostenuta degli investimenti e
delle esportazioni, mentre i consumi delle famiglie si sono mantenuti sul sentiero di crescita moderata degli anni
precedenti.
Nel 2017, sebbene la penetrazione delle importazioni sia lievemente aumentata, il saldo della bilancia commerciale con
l’estero è rimasto fortemente positivo e il surplus di partite correnti della bilancia dei pagamenti è salito al 2,8 per
cento del PIL, dal 2,6 per cento del 2016.
Anche la finanza pubblica ha mostrato una tendenza positiva, giacché l’indebitamento netto delle Amministrazioni
Pubbliche è sceso al 2,3 per cento del PIL, dal 2,5 per cento del 2016, e all’1,9 per cento escludendo gli interventi
straordinari per il risanamento del sistema bancario. Il rapporto fra stock di debito e PIL nel 2017 è diminuito al 131,8
per cento, dal 132,0 per cento del 2016.

Al netto dei suddetti interventi straordinari, sarebbe sceso più marcatamente, al 130,8 per cento. Sebbene la fiducia
delle imprese manifatturiere abbia registrato una flessione nel corso del primo trimestre, le prospettive economiche e
di finanza pubblica per l’anno in corso e per i prossimi tre anni rimangono positive. Per quanto riguarda il triennio
2018-2020, il quadro macro tendenziale (a legislazione vigente) qui presentato è molto simile al programmatico della
Nota di Aggiornamento del DEF (NADEF) pubblicata a settembre dell’anno scorso.
L’andamento del PIL nel 2017 è infatti risultato in linea con la proiezione formulata nella NADEF e gli impatti
sull’economia della Legge di Bilancio 2018 approvata dal Parlamento sono molto simili a quelli ipotizzati in settembre.
La previsione di crescita del PIL reale nel 2018 è confermata all’1,5. Un quadro internazionale più favorevole e un
livello dei rendimenti (correnti e attesi) sui titoli di Stato lievemente inferiore in confronto a quanto ipotizzato nella
NADEF compensano un tasso di cambio dell’euro e prezzi del petrolio più elevati.
La crescita del PIL reale nel 2019 viene invece leggermente ridotta dall’1,5 all’1,4 per cento, mentre quella per il 2020
rimane invariata all’1,3 per cento. Sebbene l’effetto congiunto delle variabili esogene utilizzate per la previsione della
crescita del PIL nel 2019-2020 sia più favorevole rispetto a settembre, si è ritenuto opportuno introdurre una maggiore
cautela alla luce dei rischi geopolitici di medio termine che si sono più chiaramente evidenziati negli ultimi mesi.
II tasso di crescita del PIL reale nel 2021 è cifrato all’1,2 per cento. Questa previsione tiene conto del fatto che i
principali previsori internazionali scontano una decelerazione della crescita del commercio mondiale su un orizzonte a
tre-quattro anni. Quando ci si spinge su un orizzonte più lungo, è inoltre prassi consolidata quella di far convergere la
previsione del PIL verso il tasso di crescita del prodotto potenziale.
Per quanto riguarda il PIL nominale, la crescita accelererebbe dal 2,1 per cento registrato nel 2017 al 2,9 per cento nel
2018 e al 3,2 per cento nel 2019, per poi rallentare lievemente al 3,1 nel 2020 e al 2,7 nel 2021, valori comunque più
elevati di quelli registrati in anni recenti.
La lettura della previsione tendenziale deve tenere conto del fatto che la legislazione vigente, come modificata dalla
Legge di Bilancio 2018 e dal decreto legge fiscale di accompagnamento, prevede un marcato miglioramento del saldo
di bilancio, sia in termini nominali, sia strutturali, ovvero correggendo il saldo nominale per i fattori ciclici e le misure
una tantum e temporanee. In aggiunta a misure di contrasto all’evasione fiscale e di contenimento della spesa
pubblica, secondo la legislazione vigente tale miglioramento è assicurato da un aumento delle aliquote IVA a gennaio
2019 e a gennaio 2020, quest’ultimo accompagnato da un rialzo delle accise sui carburanti.
Secondo stime ottenute con il modello econometrico del Tesoro (ITEM), l’aumento delle imposte indirette
provocherebbe una minore crescita del PIL in termini reali e un rialzo dell’inflazione - sia in termini di deflatore del PIL,
sia di prezzi al consumo – rispetto ad uno scenario di invarianza della politica di bilancio. Questi impatti sarebbero
concentrati negli anni 2019-2020 e, in minor misura, nel 2021.
Laddove gli aumenti delle imposte indirette previsti per i prossimi anni fossero sostituiti da misure alternative di
finanza pubblica a parità di indebitamento netto, l’andamento previsto del PIL reale potrebbe marginalmente differire
da quello dello scenario tendenziale qui presentato, in funzione di una diversa composizione della manovra di finanza
pubblica. Per quanto riguarda l’inflazione prevista, le stime della traslazione degli aumenti delle imposte indirette sui
prezzi al consumo e sul deflatore del PIL hanno un notevole margine di incertezza, ma è plausibile ipotizzare che il
deflatore del PIL crescerebbe di meno se gli aumenti delle imposte indirette fossero sostituiti da misure alternative di
riduzione del deficit. L’impatto complessivo sul PIL nominale non è quantificabile senza previa definizione delle misure
alternative ai rialzi dell’IVA. Tuttavia, non si può escludere che negli anni 2019-2020 la crescita del PIL nominale
risulterebbe lievemente inferiore a quella dello scenario tendenziale.
Venendo alla previsione tendenziale di finanza pubblica, il Governo conferma la stima di indebitamento netto della PA
per il 2018 dell’1,6 per cento del PIL. Al netto di arrotondamenti, il surplus primario salirebbe all’1,9 per cento del PIL,

                                                                                                                                4
Comune di Treviglio – Documento unico di programmazione 2019-2021

dall’1,5 per cento del 2017 (1,9 per cento escludendo gli interventi straordinari sulle banche). L’indebitamento netto a
legislazione vigente scenderebbe quindi allo 0,8 per cento del PIL nel 2019 e a zero nel 2020, trasformandosi quindi in
un surplus dello 0,2 per cento del PIL nel 2021. Il saldo primario migliorerebbe al 2,7 per cento nel 2019, 3,4 nel 2020
e 3,7 nel 2021. I pagamenti per interessi scenderebbero a poco più del 3,5 per cento del PIL nel 2018 (dal 3,8 per
cento del 2017) e rimarrebbero nell’intorno di quel livello fino al 2021, nonostante il rialzo dei rendimenti sui titoli di
Stato scontato dal mercato per i prossimi anni.
Per quanto riguarda i saldi di finanza pubblica corretti per il ciclo e le misure una tantum e temporanee, che sono
oggetto di monitoraggio da parte della Commissione Europa secondo il Patto di Stabilità e Crescita (PSC), la stima del
saldo strutturale nel 2017 è pari al -1,1 per cento del PIL, in peggioramento di 0,2 punti percentuali rispetto al 2016.
Secondo le stime presentate, il lieve peggioramento del saldo strutturale non costituirebbe una deviazione significativa
ai fini del braccio preventivo del PSC.
In chiave prospettica, il saldo strutturale tendenziale migliorerebbe di 0,1 punti di PIL nel 2018, di 0,6 punti nel 2019 e
di 0,5 punti nel 2020, rimanendo quindi invariato nel 2021. In termini di livelli, il saldo strutturale sarebbe pari a +0,1
per cento del PIL nel 2020 e nel 2021, soddisfacendo pertanto l’Obiettivo di Medio Termine del pareggio di bilancio
strutturale.
Il miglioramento del saldo strutturale nel 2018 è inferiore a quanto previsto nella NADEF (0,3 punti di PIL). La
differenza è spiegata dal minor deficit strutturale registrato nel 2017 (1,1 per cento anziché 1,3 per cento del PIL), a
parità di deficit strutturale atteso nel 2018 (1,0 per cento del PIL).
Va notato che tutti i dati testé menzionati si basano sulle stime di prodotto potenziale e output gap del Governo. La
Commissione Europea pubblicherà le proprie stime aggiornate all’inizio di maggio nello Spring Forecast e da esse
dipenderà la valutazione del rispetto del braccio preventivo del PSC da parte dell’Italia. Il Comitato di Politica
Economica dell’Unione Europea ha recentemente approvato alcuni miglioramenti della procedura di stima del prodotto
potenziale proposte dal MEF con riferimento al caso italiano. Ne potrebbe derivare una revisione al rialzo della stima di
crescita potenziale da parte della Commissione Europea e livelli di output gap meno penalizzanti per l’Italia. Tuttavia,
in chiave prospettica (ovvero dal 2018 in avanti), la valutazione di eventuali deviazioni significative dei saldi strutturali
di bilancio dell’Italia da parte della Commissione dipenderà anche dalle stime aggiornate di crescita del PIL e del saldo
nominale di bilancio, che potrebbero differire lievemente da quelle del Governo.
Per quanto attiene al debito pubblico, il nuovo quadro tendenziale pone il rapporto debito/PIL a fine 2018 al 130,8 per
cento, in discesa dal 131,8 del 2017. Grazie in particolare ai maggiori surplus primari e ad una crescita più sostenuta
del PIL nominale, il rapporto debito/PIL calerebbe poi più rapidamente nei prossimi tre anni, fino a raggiungere il 122,0
per cento nel 2021.
Infine, con riferimento alla regola del debito espressa in chiave prospettica (forward looking), le stime indicano che il
rapporto debito/PIL previsto approssimerebbe il livello di riferimento (benchmark) in misura crescente nel 2020 e
2021. La regola del debito non sarebbe dunque strettamente soddisfatta in chiave prospettica nello scenario a
legislazione vigente né nel 2018, né nel 2019, ma la differenza per il secondo anno sarebbe di soli 0,8 punti di PIL.
Diversi fattori rilevanti, primo fra tutti la compliance con il PSC, rappresentano elementi positivi ai fini della valutazione
del rispetto della regola del debito ai sensi dell’Articolo 126 del TFUE.

Il contesto regionale                                           (Fonte DEFR 2017 – Aggiornamento PRS 2018-2020 Regione Lombardia)

Il PIL della Lombardia ha continuato a crescere ad un ritmo più alto della media italiana ed ha trainato la crescita
dell’area Nord Ovest. Nel 2016 è stato stimato uno sviluppo del PIL dell’1,1% (+0,2 p.p. rispetto alla media italiana) a
cui seguirà, nel biennio 2017-2018 un ulteriore incremento rispettivamente del 1,4% e dell’1,3%.34 Per quanto
riguarda l’avvio del 2017, le indagini congiunturali di Unioncamere mostrano un primo trimestre positivo sia per
l’industria (+4% di crescita tendenziale e +1,7% di crescita congiunturale) che per l’artigianato (+2,9% di crescita
tendenziale e +0,8% di crescita congiunturale).

                                                                                                                                    5
Comune di Treviglio – Documento unico di programmazione 2019-2021

                                     (Fonte: Prometeia, Scenari per le economie locali, luglio 2017)

Il dato del secondo trimestre 2017 risulta leggermente ridimensionato rispetto al primo. Nell’industria si registra,
infatti, una decelerazione tendenziale della crescita della produzione industriale (+2,5%), e una sostanziale
stazionarietà congiunturale (-0,1%). Anche per le aziende artigiane si registra una decelerazione tendenziale (+2,0%)
associato ad un incremento congiunturale minimo (+0,2%). Le previsioni per il 2019-2020 annunciano un
rallentamento (+1,1% e +1,3% rispettivamente), in linea con la dinamica nazionale. Contribuisce a sostenere
l’economia lombarda nel 2017 la performance dell’export. Le esportazioni lombarde, nel 2016, sono cresciute
dell’1,7%. Nel 2017 le esportazioni di beni verso l’esterno dovrebbero aumentare del 2,7%: tuttavia un leggero
rallentamento della crescita è previsto per il biennio seguente, anche se in rialzo rispetto agli scenari di aprile. Per il
2017 si prevede, inoltre, una decelerazione delle importazioni (+1,9%) rispetto al 2016 (le previsioni di crescita circa
le importazioni sono state riviste fortemente al ribasso) che faranno registrare tassi di crescita sostenuti nei prossimi
anni superiori al 5%. Le principali componenti della domanda interna continueranno a crescere pur subendo un
rallentamento. La crescita dei consumi si manterrà di poco superiore all’1% (dall’1,5% del 2016 all’1,2% del 2017 e
allo 0,9% del biennio 2018-19) nonostante il deciso recupero del reddito disponibile che proseguirà nel 2017 (+1,6%).
Una maggiore dinamicità si prospetta per gli investimenti. Con riferimento agli investimenti, nel 2016 continua
l’accelerazione del 2015 (+3,3%), beneficiando in particolare delle migliori condizioni del mercato del credito che
renderà le imprese più propense ad avviare progetti di investimento, ma anche dell’effetto positivo sui costi delle
materie prime e del basso prezzo del petrolio. A partire dal 2017 la dinamica degli investimenti presenterà una decisa
decelerazione (+2,4% nel 2017, +2,3% nel 2018 e +2,2 del 2019). Sul fronte occupazionale si registra, nel I trimestre
2017, un’ulteriore crescita dell’occupazione, che raggiunge il suo valore massimo dal 2000, stabilizzandosi al di sopra
dei livelli pre-crisi (+3,9 rispetto al 2008): secondo i dati della rilevazione ISTAT sulle Forze di Lavoro, il dato
tendenziale mostra circa 11mila occupati in più rispetto al primo trimestre 2016 (+2,6%) e supera i 4,4 milioni. Anche
il tasso di occupazione è cresciuto rispetto al precrisi, raggiungendo il 67,5%, il massimo livello degli ultimi 20 anni
(con un aumento di 2,3 p.p. rispetto al primo trimestre 2016). L’occupazione si conferma in crescita per entrambe le
componenti di genere a livello: la crescita dell’occupazione femminile, che più aveva tenuto durante la crisi e conferma
il suo trend positivo (+2,3% con 43mila occupate in più), anche se in misura meno marcata rispetto agli uomini
(+2,3% con 68mila occupati). I tassi di occupazione maschile e femminile raggiungono nel primo trimestre 2017,
rispettivamente, il 72,2% (+1,9 p.p. rispetto al I trimestre 2016) e il 59,7% (+1,5 p.p.). Infine, Come negli ultimi
trimestri del 2016, anche nel I trimestre 2017, la crescita dell’occupazione è stata determinata per la maggior parte
dal lavoro dipendente. Il tasso di disoccupazione dovrebbe continuare a ridursi passando dal 7,4% nel 2016 al 4,9%
nel 2020.

                                                                                                                              6
Comune di Treviglio – Documento unico di programmazione 2019-2021

                                     (Fonte: Prometeia, Scenari per le economie locali, luglio 2017)

La produzione industriale lombarda, mantiene un tasso tendenziale di crescita nel II trimestre del 2017 (+2,5%),
anche se in rallentamento rispetto al I trimestre (+4,0%), mostrando una variazione congiunturale rispetto al
trimestre precedente negativa (-0,1%). La crescita si accompagna ad una dinamica positiva sia del fatturato (+4,5%
tendenziale e +0,5% congiunturale) che degli ordini interni ed esteri, anche se più contenuta rispetto al primo
trimestre 2017. 45 Più contenuta la crescita della produzione dell’artigianato (+2,0% tendenziale e +0,2%
congiunturale). In base ai dati del II trimestre 2017, le aspettative degli imprenditori per la domanda estera e interna
mostrano variazioni negative, dovute sia all’aumento dei pessimisti che alla diminuzione degli ottimisti. Per quanto
riguarda invece le aspettative riguardanti la produzione sono positive, mentre quelle relative all’occupazione sono
leggermente in flessione.

Le linee strategiche regionali sono ricavate dai seguenti documenti :
Il Programma Regionale di Sviluppo della X Legislatura delibera del Consiglio regionale X/78
Deliberazione Consiglio regionale 24 novembre 2015 - n. X/897
Risoluzione concernente il documento di economia e finanza regionale 2015.2
Delibera Giunta regionale 30 ottobre 2015 - n. X/4239
Documento di economia e finanza regionale 2015, comprensivo di nota di aggiornamento: proposta da inviare al
consiglio regionale
Delibera Giunta regionale 17 dicembre 2015 - n. X/4575
Rettifica del documento di economia e finanza regionale 2015 ex d.g.r.4239/2015
DGR n. 5932 del 5 dicembre 2016 “Rettifica al documento di aggiornamento annuale del piano territoriale regionale
(PTR) 2016”
DGR 7279 del 30/10/2017 “Documento di Economia e Finanza Regionale 2017 e relativa nota di aggiornamento”

Linee strategiche regionali

        Le politiche per l’impresa, con la promozione delle start-up di giovani imprenditori, il sostegno all’innovazione
        non solo tecnologica, la creazione di nuove forme di agevolazione del credito, l’internazionalizzazione, il
        sostegno alla ricerca;
        un mercato del lavoro più aperto ed inclusivo, rimuovendo gli ostacoli che separano la formazione dal lavoro e
        che impediscono un ingresso adeguato dei giovani e delle donne, oltre che sostenendo e promuovendo la
        riqualificazione dei lavoratori e il reinserimento lavorativo;
        un nuovo welfare lombardo che significa:
          -       evoluzione del sistema sociosanitario per rispondere alle nuove sfide e individuare nuove modalità di
                  soddisfacimento dei bisogni sociali emergenti, in attuazione della LR 23/15;
          -       reddito di autonomia per una risposta integrata alle persone e famiglie a rischio di povertà con
                  interventi di sostegno al reddito per i figli, la casa, l’accrescimento dell’occupabilità, la disabilità e non
                  autosufficienza e accesso equo per il diritto alla salute anche in riferimento al reddito;
        una Pubblica Amministrazione più efficiente e meno costosa, che completi la rivoluzione digitale, e renda
        servizi più trasparenti, rapidi ed efficaci ai cittadini e alle imprese;
        una scuola e un’università che valorizzino il merito per una sempre maggiore garanzia di libertà di scelta e di
        autonomia degli istituti;
        la valorizzazione del ruolo del volontariato e del non profit;
        la tutela del territorio e dell’ambiente, a partire dall’attenzione alla qualità delle aree urbane, dal buon uso e il
        non consumo di suolo, dal riuso e recupero delle aree dismesse, dalla bonifica dei siti inquinati, dalla tutela
        del paesaggio, fino alla sicurezza idrogeologica, alla qualità delle acque e dell’aria; politiche per la Montagna,
        quale risorsa strategica per l’intera Regione Lombardia;
        la valorizzazione del patrimonio culturale materiale ed immateriale per garantirne l’accessibilità, la fruibilità e
        la promozione attraverso l’Abbonamento Musei Lombardia Milano, progetti integrati di messa in rete di istituti
        e luoghi della cultura, iniziative di promozione dei siti UNESCO, nuovi allestimenti, realizzazione di percorsi
        turistico culturali ed eventi in grado di intercettare nuovi flussi di visitatori;

                                                                                                                                   7
Comune di Treviglio – Documento unico di programmazione 2019-2021

         l’edilizia residenziale pubblica e lo sviluppo urbano sostenibile, con la riforma del sistema di edilizia
         residenziale pubblica e una nuova programmazione di settore, l’attuazione di programmi di intervento che
         integrino politiche di inclusione sociale e abitare sociale, lo sviluppo dell’offerta in risposta alle esigenze
         abitative temporanee di particolari tipologie di cittadini e lavoratori;
         il sostegno all’attrattività del territorio e delle sue componenti economiche, sia dal punto di vista
         dell’attrazione degli investimenti che da quello della valorizzazione delle risorse e della vocazione turistica,
         nonché del sistema della ricettività della Lombardia anche attraverso azioni volte al consolidamento del
         posizionamento turistico del territorio lombardo e dei flussi turistici nella fase post Expo;
         il commercio, con il consolidamento del modello distributivo lombardo;
         la moda e il design come quali settori d’eccellenza del Made in Lombardy per il rilancio dell’economia
         lombarda e dell’occupazione in termini di indotto trasversale;
         lo sviluppo del settore agricolo e del sistema agroalimentare, anche attraverso il presidio dei negoziati della
         nuova PAC;
         la tutela delle produzioni delle nostre imprese, in particolare nel contrasto alla contraffazione alimentare,
         Italian Sounding e Look Alike;
         le infrastrutture per favorire sempre più la competitività e la mobilità nella Regione;
         lo sport, anche come strumento di educazione e formazione, di tutela della salute, di trasferimento valoriale;
         l’ordine pubblico e la sicurezza, anche attraverso la promozione del coordinamento sovraregionale.

Il Comune di Treviglio: il contesto locale

Il Comune di Treviglio è situato nella pianura meridionale bergamasca, fra i fiumi Adda e Serio ed i relativi parchi
fluviali, e si estende per 32 Km2 e ha un’altitudine di 125 metri s.l.m. È collegato al capoluogo regionale dalla linea
ferroviaria Milano - Venezia e dalla strada statale n. 11 ed a quello provinciale dalla linea ferroviaria e dalla strada
statale n. 42. Da luglio 2014 Treviglio è divenuto inoltre
importante snodo sulla direttrice Brescia-Bergamo-
Milano.
La popolazione è concentrata nel nucleo urbano di
Treviglio e nelle frazioni di Geromina e Castel Cerreto,
Battaglie e Pezzoli. Treviglio, che è il secondo comune
per popolazione nella bergamasca, ha una densità di
popolazione per chilometro quadrato pari a 944
(popolazione 1/1/17 fonte ISTAT).

Il territorio è attraversato da una fitta rete di rogge e
canali derivanti dal fiume Brembo ed è caratterizzato da
ambiti a più densa connotazione rurale e da ambiti a
maggior connotazione insediativa.
Treviglio costituisce polo di attrazione per i comuni
limitrofi per quanto riguarda in particolare i servizi
sociosanitari (ospita infatti l’ospedale, il distretto socio-sanitario, una residenza sanitaria per anziani), per l’istruzione
superiore (ospita una decina di istituti scolastici superiori), per le attrezzature per lo spettacolo e la cultura (teatro e
cinema multisala) e per i servizi di trasporto pubblico su ferro. Per quanto riguarda la destinazione d’uso del territorio,
Treviglio conferma la sua vocazione prevalentemente agricola.

1.2 Situazione socio-economica del territorio: valutazione corrente e prospettica

1.2.1 Popolazione

La popolazione residente, al 31 dicembre 2017, nel Comune di Treviglio è composta da 30.033 cittadini, di cui 48,8%
maschi e 51,2% femmine. La distribuzione tra maschi e femmine è sostanzialmente stabile dal 2002.

La prima tabella illustra l’andamento demografico della popolazione residente nel comune di Treviglio dal 2001 al
2017.

                                                                                                                                 8
Comune di Treviglio – Documento unico di programmazione 2019-2021

La tabella in basso riporta il dettaglio della variazione della popolazione residente al 31 dicembre di ogni anno.
Vengono riportate ulteriori due righe con i dati rilevati il giorno dell'ultimo censimento della popolazione e quelli
registrati in anagrafe il giorno precedente.

                                                                                                                                 Media
                                               Data    Popolazione Variazione Variazione Numero
                               Anno                                                                                           componenti
                                           rilevamento residente    assoluta percentuale Famiglie
                                                                                                                              per famiglia

                                   2001    31 dicembre             25.771                 -               -               -                   -

                                   2002    31 dicembre             26.233            +462         +1,79%                  -                   -

                                   2003    31 dicembre             26.773            +540         +2,06%           11.465                  2,31

                                   2004    31 dicembre             27.162            +389         +1,45%           11.411                  2,36

                                   2005    31 dicembre             27.450            +288         +1,06%           11.607                  2,34

                                   2006    31 dicembre             27.756            +306         +1,11%           11.863                  2,32

                                   2007    31 dicembre             28.019            +263         +0,95%           12.088                  2,30

                                   2008    31 dicembre             28.430            +411         +1,47%           12.290                  2,29

                                   2009    31 dicembre             28.769            +339         +1,19%           12.422                  2,30

                                   2010    31 dicembre             29.034            +265         +0,92%           12.586                  2,29

                                2011 (¹)       8 ottobre           29.249           +215          +0,74%           12.718                  2,28

                                2011 (²)       9 ottobre           28.410             -839         -2,87%                 -                   -

                                2011 (³)   31 dicembre             28.496             -538         -1,85%          12.748                  2,22

                                   2012    31 dicembre             28.765            +269         +0,94%           12.815                  2,23

                                   2013    31 dicembre             29.129            +364         +1,27%           12.715                  2,28

                                   2014    31 dicembre             29.494            +365         +1,25%           13.202                  2,22

                                   2015    31 dicembre             29.706            +212         +0,72%           13.323                  2,22

                                   2016    31 dicembre             29.743             +37         +0,12%           13.394                  2,21

                                   2017    31 dicembre             30.033            +290         +0,98%           13.460                  2.23
                                            (¹) popolazione anagrafica al 8 ottobre 2011, giorno prima del censimento 2011.
                                           (²) popolazione censita il 9 ottobre 2011, data di riferimento del censimento 2011.
                                   (³) la variazione assoluta e percentuale si riferiscono al confronto con i dati del 31 dicembre 2010.

La popolazione residente a Treviglio al Censimento 2011, rilevata il giorno 9 ottobre 2011, è risultata composta da 28.410 individui,
mentre alle Anagrafi comunali ne risultavano registrati 29.249. Si è, dunque, verificata una differenza negativa fra popolazione censita
e popolazione anagrafica pari a 839 unità (-2,87%).
Per eliminare la discontinuità che si è venuta a creare fra la serie storica della popolazione del decennio intercensuario 2001-2011 con i
dati registrati in Anagrafe negli anni successivi, si ricorre ad operazioni di ricostruzione intercensuaria della popolazione.

                                                                                                                                                  9
Comune di Treviglio – Documento unico di programmazione 2019-2021

Variazione percentuale della popolazione

Le variazioni annuali della popolazione di Treviglio espresse in percentuale a confronto con le variazioni della
popolazione della provincia di Bergamo e della regione Lombardia (dato disponibile al 31/12/2016).

Flusso migratorio della popolazione
Il grafico in basso visualizza il numero dei trasferimenti di residenza da e verso il comune di Treviglio negli ultimi anni.
I trasferimenti di residenza sono riportati come iscritti e cancellati dall'Anagrafe del comune.
Fra gli iscritti, sono evidenziati con colore diverso i trasferimenti di residenza da altri comuni, quelli dall'estero e quelli
dovuti per altri motivi (ad esempio per rettifiche amministrative) (dato disponibile al 31/12/2016).

Movimento naturale della popolazione
Il movimento naturale di una popolazione in un anno è determinato dalla differenza fra le nascite ed i decessi ed è
detto anche saldo naturale. Le due linee del grafico in basso riportano l'andamento delle nascite e dei decessi negli
ultimi anni. L'andamento del saldo naturale è visualizzato dall'area compresa fra le due linee (dato disponibile al
31/12/2016).

I due indicatori collegati a questo tipo di andamento sono i seguenti:
         Indice di natalità - Rappresenta il numero medio di nascite in un anno ogni mille abitanti.
         Il Comune di Treviglio è passato da 9,8 del 2002 a 10,0 del 2016 (8,5 nella bergamasca - 7,8 a livello
         nazionale).
         Indice di mortalità - Rappresenta il numero medio di decessi in un anno ogni mille abitanti.
         Il Comune di Treviglio è passato da 9,5 del 2002 a 9,7 del 2016 (8,7 nella bergamasca - 10,1 a livello
         nazionale).

Il grafico in basso, detto Piramide delle Età, rappresenta la distribuzione della popolazione residente a Treviglio per
età, sesso e stato civile al 1° gennaio 2017 (destra) e, per raffronto, l’anno 2002 (sinistra).

                                                                                                                                  10
Comune di Treviglio – Documento unico di programmazione 2019-2021

Questo l’andamento per età:

L’età media è passata da 42,6 a 44,2 (43,1 nella bergamasca, 44,4 a livello nazionale).

La distribuzione della popolazione di Treviglio per classi di età da 0 a 18 anni al 1° gennaio 2017 è rappresentato dal
grafico seguente che riporta la potenziale utenza per l'anno scolastico 2016/2017 le scuole di Treviglio, evidenziando
con colori diversi i differenti cicli scolastici (asilo nido, scuola dell'infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di I e II
grado).

Per quanto riguarda lo stato civile l’andamento è stato il seguente:

  in % rispetto alla           Celibi/nubili              Coniugati                 Vedovi/e                  Divorziati
     popolazione
Anno 2002                        40,11%                    51,03%                     8,82%                     0,04%
Anno 2017 (1° gen.)              43,05%                    46,84%                     7,34%                     2,94%

Il grafico seguente illustra l’andamento della popolazione straniera residente a Treviglio sino al 1° gennaio 2017. Sono
considerati cittadini stranieri le persone di cittadinanza non italiana aventi dimora abituale in Italia.

                                                                                                                                   11
Comune di Treviglio – Documento unico di programmazione 2019-2021

Gli stranieri residenti a Treviglio al 1° gennaio 2017 sono 3.856 e rappresentano il 12,96% della popolazione
residente.
La comunità straniera più numerosa è quella proveniente dall'Albania con il 19,1% di tutti gli stranieri presenti sul
territorio, seguita dall'Egitto (17,8%) e dal Marocco (14,0%).

Il territorio della provincia di Bergamo ospita, complessivamente, una popolazione straniera pari a 121.252 unità; nel
Comune di Treviglio risiede quindi il 3% della popolazione straniera residente nella bergamasca.

Indicatori demografici
Si riportano alcuni indicatori demografici:
          Indice di vecchiaia
Rappresenta il grado di invecchiamento di una popolazione. È il rapporto percentuale tra il numero degli
ultrasessantacinquenni ed il numero dei giovani fino ai 14 anni. Il Comune di Treviglio è passato da 153,7 dell’anno
2002 a 154,4 al 1° gennaio 2017 (cioè 154 anziani ogni 100 giovani fino a 14 anni).

         Indice di dipendenza strutturale
Rappresenta il carico sociale ed economico della popolazione non attiva (0-14 anni e 65 anni ed oltre) su quella attiva
(15-64 anni). Il Comune di Treviglio è passato da 47,4 dell’anno 2002 a 57,9 al 1° gennaio 2017 (cioè 57,9 cittadini a
carico, ogni 100 che lavorano).

          Indice di ricambio della popolazione attiva
Rappresenta il rapporto percentuale tra la fascia di popolazione che sta per andare in pensione (55-64 anni) e quella
che sta per entrare nel mondo del lavoro (15-24 anni). La popolazione attiva è tanto più giovane quanto più
l'indicatore è minore di 100. Il Comune di Treviglio è passato da 146,4 dell’anno 2002 a 129,6 al 1° gennaio 2017
(cioè la popolazione lavorativa è molto anziana).

         Carico di figli per donna feconda
È il rapporto percentuale tra il numero dei bambini fino a 4 anni ed il numero di donne in età feconda (15-49 anni).
Stima il carico dei figli in età prescolare per le mamme lavoratrici. Il Comune di Treviglio è passato da 19,1 dell’anno
2002 a 22,1 al 1° gennaio 2017.

1.2.2 Contesto socio - economico

Le imprese sul territorio

La presenza di imprese attive sul territorio trevigliese è contraddistinta, nell’ultimo quinquennio, dai seguenti settori di
attività:

                                                                                                                               12
Comune di Treviglio – Documento unico di programmazione 2019-2021

IMPRESE ATTIVE SUL TERRITORIO SUDDIVISE PER                               2013                  2014                  2015                  2016                  2017
SETTORE DI ATTIVITÀ
                                                                    N.            %       N.            %       N.            %       N.            %       N.            %
Agricoltura, caccia e silvicoltura                                       148     5,47%         143     5,28%         143     5,28%         141     5,19%         136     5,01%
Estrazione di minerali                                                    1      0,04%          1      0,04%          1      0,04%          1      0,04%          1      0,04%
Attività manifatturiere                                                  333     12,30%        330     12,18%        327     12,08%        335     12,32%        333     12,26%
Produzione e distribuzione energia elettrica, gas, acqua                  8      0,30%          7      0,26%          7      0,26%          7      0,26%          7      0,26%
Costruzioni                                                              468     17,28%        477     17,61%        464     17,14%        458     16,84%        458     16,86%
Commercio ingrosso e dettaglio - Beni personali e per la casa            609     22,49%        622     22,96%        630     23,27%        623     22,91%        626     23,04%
Trasporti, magazzinaggio e comunicazione                                 116     4,28%         114     4,21%         112     4,14%         112     4,12%         110     4,05%
Alberghi e ristoranti                                                    188     6,94%         195     7,20%         194     7,17%         201     7,39%         190     6,99%
Servizi di informazione comunicazione                                     80     2,95%         81      2,99%         79      2,92%          83     3,05%         82      3,02%
Intermediazione monetaria e finanziaria                                   86     3,18%         85      3,14%         87      3,21%          80     2,94%         85      3,13%
Attività immobiliari                                                     220     8,12%         225     8,31%         222     8,20%         219     8,05%         217     7,99%
Attività professionali, schientifiche e tecniche                         127     4,69%         123     4,54%         120     4,43%         119     4,38%         123     4,53%
Noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto alle imprese           114     4,21%         102     3,77%         113     4,17%         124     4,56%         125     4,60%
Istruzione                                                                17     0,63%         17      0,63%         17      0,63%          18     0,66%         16      0,59%
Sanità e altri servizi sociali                                            27     1,00%         31      1,14%         31      1,15%          31     1,14%         36      1,32%
Attività artistiche, sportive, intrattenimento e divertimento             35     1,29%         32      1,18%         31      1,15%          33     1,21%         34      1,25%
Altri servizi pubblici, sociali e personali                              131     4,84%         122     4,50%         127     4,69%         130     4,78%         135     4,97%
Imprese non classificate                                                  0      0,00%          2      0,07%          2      0,07%          4      0,15%          3      0,11%

Totale                                                               2708      100,00%     2709      100,00%     2707      100,00%     2719      100,00%     2717      100,00%

  Negli ultimi dieci anni il numero complessivo di imprese attive sul territorio è incrementato del 14%, con
  il seguente andamento:

  I settori prevalenti di attività sono il commercio, l’edilizia, le attività manifatturiere e quelle immobiliari
  che, da sole, rappresentano il 60% delle attività. I settori con segno negativo in termini di crescita
  rispetto al 2009 sono l’edilizia e l’agricoltura che, insieme, contavano 637 unità, ridotte a 594 nel 2017.

  Andamento finanziario

  L’andamento finanziario del Comune è rappresentato dalla tabella seguente che riporta i principali
  indicatori di monitoraggio dei risultati a rendiconto di gestione anno 2017.

                                                                   Piano degli indicatori di bilancio
                                                                          Indicatori sintetici

                                                                      Rendiconto esercizio 2017
                                                                                                                                                   VALORE INDICATORE
                                                            TIPOLOGIA INDICATORE
                                                                                                                                                      (percentuale)
       1 Rigidità strutturale di bilancio
    1.1 Incidenza spese rigide (ripiano disavanzo, personale e debito) su entrate correnti                                                                  40,87
       2 Entrate correnti
    2.1 Incidenza degli accertamenti di parte corrente sulle previsioni iniziali di parte corrente                                                          98,03
    2.2 Incidenza degli accertamenti di parte corrente sulle previsioni definitive di parte corrente                                                        97,81

                                                                                                                                                                                  13
Comune di Treviglio – Documento unico di programmazione 2019-2021

2.3 Incidenza degli accertamenti delle entrate proprie sulle previsioni iniziali di parte corrente                  87,55
2.4 Incidenza degli accertamenti delle entrate proprie sulle previsioni definitive di parte corrente                87,35
2.5 Incidenza degli incassi correnti sulle previsioni iniziali di parte corrente                                    87,60
2.6 Incidenza degli incassi correnti sulle previsioni definitive di parte corrente                                  83,72
2.7 Incidenza degli incassi delle entrate proprie sulle previsioni iniziali di parte corrente                       76,21
2.8 Incidenza degli incassi delle entrate proprie sulle previsioni definitive di parte corrente                     72,84
  3 Anticipazioni dell'Istituto tesoriere
3.1 Utilizzo medio Anticipazioni di tesoreria                                                                        0,97
3.2 Anticipazioni chiuse solo contabilmente                                                                          0,00
  4 Spese di personale
4.1 Incidenza della spesa di personale sulla spesa corrente                                                         32,02
4.2 Incidenza del salario accessorio ed incentivante rispetto al totale della spesa di personale
                                                                                                                    18,01
4.3 Incidenza spesa personale flessibile rispetto al totale della spesa di personale
                                                                                                                     4,53
    Indica come gli enti soddisfano le proprie esigenze di risorse umane, mixando le varie alternative
    contrattuali più rigide (personale dipendente) o meno rigide (forme di lavoro flessibile)
4.4 Spesa di personale procapite
                                                                                                                    228,66
    (Indicatore di equilibrio dimensionale in valore assoluto)
  5 Esternalizzazione dei servizi
5.1 Indicatore di esternalizzazione dei servizi                                                                     30,66
  6 Interessi passivi
6.1 Incidenza degli interessi passivi sulle entrate correnti                                                         5,81
6.2 Incidenza degli interessi passivi sulle anticipazioni sul totale della spesa per interessi passivi               0,02
6.3 Incidenza interessi di mora sul totale della spesa per interessi passivi                                         0,01
  7 Investimenti
7.1 Incidenza investimenti sul totale della spesa corrente e in conto capitale                                      20,33
7.2 Investimenti diretti procapite (in valore assoluto)                                                             186,59
7.3 Contributi agli investimenti procapite (in valore assoluto)                                                      5,91
7.4 Investimenti complessivi procapite (in valore assoluto)                                                         192,50
7.5 Quota investimenti complessivi finanziati dal risparmio corrente                                                 0,00
7.6 Quota investimenti complessivi finanziati dal saldo positivo delle partite finanziarie                           0,00
7.7 Quota investimenti complessivi finanziati da debito                                                             49,06
  8 Analisi dei residui
8.1 Incidenza nuovi residui passivi di parte corrente su stock residui passivi correnti                             86,89
8.2 Incidenza nuovi residui passivi in c/capitale su stock residui passivi in conto capitale al 31 dicembre         81,60
8.3 Incidenza nuovi residui passivi per incremento attività finanziarie su stock residui passivi per
                                                                                                                     0,00
    incremento attività finanziarie al 31 dicembre
8.4 Incidenza nuovi residui attivi di parte corrente su stock residui attivi di parte corrente                      50,76
8.5 Incidenza nuovi residui attivi in c/capitale su stock residui attivi in c/capitale                              73,22
8.6 Incidenza nuovi residui attivi per riduzione di attività finanziarie su stock residui attivi per riduzione di
                                                                                                                    98,43
    attività finanziarie
  9 Smaltimento debiti non finanziari
9.1 Smaltimento debiti commerciali nati nell'esercizio                                                              71,85
9.2 Smaltimento debiti commerciali nati negli esercizi precedenti                                                   81,25
9.3 Smaltimento debiti verso altre amministrazioni pubbliche nati nell'esercizio                                    53,02
9.4 Smaltimento debiti verso altre amministrazioni pubbliche nati negli esercizi precedenti                         87,15
9.5 Indicatore annuale di tempestività dei pagamenti(di cui al Comma 1, dell’articolo 9, DPCM del 22
                                                                                                                    11,00
    settembre 2014)
 10 Debiti finanziari

                                                                                                                             14
Comune di Treviglio – Documento unico di programmazione 2019-2021

10.1 Incidenza estinzioni anticipate debiti finanziari                                                    0,00
10.2 Incidenza estinzioni ordinarie debiti finanziari                                                     5,89
10.3 Sostenibilità debiti finanziari                                                                     14,07
10.4 Indebitamento procapite (in valore assoluto)                                                       1288,02
 11 Composizione dell'avanzo di amministrazione (4)
11.1 Incidenza quota libera di parte corrente nell'avanzo                                                 NC
11.2 Incidenza quota libera in c/capitale nell'avanzo                                                     NC
11.3 Incidenza quota accantonata nell'avanzo                                                              NC
11.4 Incidenza quota vincolata nell'avanzo                                                                NC
 12 Disavanzo di amministrazione
12.1 Quota disavanzo ripianato nell'esercizio                                                             5,21
12.2 Incremento del disavanzo rispetto all'esercizio precedente                                           0,00
12.3 Sostenibilità patrimoniale del disavanzo                                                             0,65
12.4 Sostenibilità disavanzo effettivamente a carico dell'esercizio                                       0,16
 13 Debiti fuori bilancio
13.1 Debiti riconosciuti e finanziati                                                                     0,00
13.2 Debiti in corso di riconoscimento                                                                    0,00
13.3 Debiti riconosciuti e in corso di finanziamento                                                      0,00
 14 Fondo pluriennale vincolato
14.1 Utilizzo del FPV                                                                                    98,84
 15 Partite di giro e conto terzi
15.1 Incidenza partite di giro e conto terzi in entrata                                                  14,48
15.2 Incidenza partite di giro e conto terzi in uscita                                                   16,51

2 QUADRO DELLE CONDIZIONI INTERNE DELL’ENTE

2.1 Organizzazione e gestione dei Servizi pubblici locali

È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 210 dell’8 settembre 2016, il decreto legislativo n. 175/2016 recante
“Testo Unico in materia di società partecipate dalla pubblica amministrazione”. Alle novità introdotte dal
provvedimento è essenziale segnalare, in primis, le più significative per i Comuni:
    −   partecipazioni delle PP.AA. limitate alle società di capitali, anche consortili;
    −   espressa previsione ed elenco delle attività perseguibili attraverso le società;
    −   nuove norme sulla governance delle società e limite ai compensi degli amministratori;
    −   estensione della disciplina di crisi aziendale alle società a partecipazione pubblica;
    −   specifiche procedure per costituzione, mantenimento ed alienazione delle partecipazioni in società;
    −   esclusione parziale delle società quotate, come definite nel testo, dall’applicazione del decreto;
    −   obbligo di dismissione per le società che non soddisfano specifici requisiti;
    −   gestione transitoria del personale delle partecipate;
    −   a decorrere dal 2018, entro il 31 dicembre di ogni anno, adozione di piani di razionalizzazione per
        liquidazione, alienazioni e dismissioni di società, con trasmissione del medesimo atto alla Corte dei Conti ed
        alla struttura di controllo;

Il Comune di Treviglio ha assunto in data 26/09/2017 la deliberazione di Consiglio Comunale per la “Revisione
straordinaria delle partecipazioni possedute dall'ente locale ex art. 24, d.lgs. 19 agosto 2016 n. 175, come modificato
dal decreto legislativo 16 giugno 2017, n. 100 – ricognizione partecipazioni possedute”, il cui esito riassuntivo è il
seguente:

                                                                                                                          15
Puoi anche leggere
Prossima slide ... Annulla