CARTA DEI SERVIZI - Fondazione San Salvatore

 
CARTA DEI SERVIZI - Fondazione San Salvatore
Fondazione San Salvatore
 via Piave n. 67
 45036 Ficarolo (RO)
 Tel. 0425/708176 - Fax 0425/727472
 C.F./P.IvA 01209290293
 R.E.A. N. 136127 – REG. IMP. RO
 E-mail: amministrazione@fondazionesansalvatore.it
 P.E.C.: amministrazione@pec.fondazionesansalvatore.it

CARTA DEI SERVIZI
CARTA DEI SERVIZI - Fondazione San Salvatore
CARTA DEI SERVIZI - Fondazione San Salvatore
Fondazione San Salvatore
                                                                  Via Piave n. 67 – 45036 Ficarolo (RO)

                                                                                          INDICE
  1. INTRODUZIONE ................................................................................................................................................ p. 1
  2. MISSION .............................................................................................................................................................. p. 1
  3. PRINCIPI FONDAMENTALI ........................................................................................................................... p. 2
  4. IL CENTRO SERVIZI: IERI E OGGI ................................................................................................................ p. 3
  5. OFFERTA ............................................................................................................................................................. p. 6
       5.1.      Servizio residenziale ........................................................................................................................................... p. 6
                 5.1.1. Prestazioni socio-assistenziali ......................................................................................................... p. 6
                 5.1.2. Prestazioni sanitarie ............................................................................................................................ p. 7
                 5.1.3. Prestazioni alberghiere ..................................................................................................................... p. 11
                 5.1.4. Prestazioni amministrative di supporto .................................................................................... p. 14
       5.2.      Servizi al territorio .............................................................................................................................................. p. 14
                 5.2.1. Servizio Assistenziale Domiciliare (S.A.D.) ................................................................................ p. 14
                 5.2.2. Servizio Infermieristico Domiciliare (S.I.D.) ............................................................................. p. 15
                 5.2.3. Servizio di fisiokinesiterapia ........................................................................................................... p. 15
                 5.2.4. Servizio di fornitura pasti domiciliari ......................................................................................... p. 16
  6. INFORMAZIONI UTILI .................................................................................................................................. p. 16
       6.1.      Domanda d’ingresso ........................................................................................................................................... p. 16
                 6.1.1.           Domanda di ingresso in regime di libero mercato .............................................................. p. 16
                 6.1.2.           Domanda di ingresso Utenti titolari di impegnativa di residenzialità ......................... p. 17
       6.2.      Costi ........................................................................................................................................................................... p. 18
       6.3.      Orario di visita ...................................................................................................................................................... p. 19
       6.4.      Locale telefonia ..................................................................................................................................................... p. 19
       6.5.      Assistenza religiosa ............................................................................................................................................ p. 20
  7. PERCORSO DI ASSISTENZA, CURA E BENESSERE ................................................................................ p. 20
       7.1.      Ingresso e inserimento ...................................................................................................................................... p. 20
       7.2.      Presa in carico e monitoraggio ...................................................................................................................... p. 20
       7.3.      Cambi di stanza e/o di soggiorno ................................................................................................................. p. 21
       7.4.      Dimissioni ............................................................................................................................................................... p. 21
  8. STANDARD DI QUALITÀ .............................................................................................................................. p. 22
  9. MECCANISMI DI ASCOLTO E TUTELA ..................................................................................................... p. 22
       9.1.      Reclami/Segnalazioni ........................................................................................................................................ p. 22
       9.2.      Questionari di gradimento ............................................................................................................................... p. 23
       9.3.      Comitato di rappresentanza ............................................................................................................................ p. 23
10. INTERAZIONE CON IL TERRITORIO ........................................................................................................ p. 24

  Carta dei servizi                                                                                                                                            Rev. 07 del 13/05/2019
CARTA DEI SERVIZI - Fondazione San Salvatore
Fondazione San Salvatore
                                                        Via Piave n. 67 – 45036 Ficarolo (RO)

   10.1.    Volontariato ........................................................................................................................................................ p. 24
   10.2.    Alternanza scuola – lavoro ........................................................................................................................... p. 24

ALLEGATI
Allegato 1: Organigramma
Allegato 2: Orario di apertura degli Uffici
Allegato 3: Costi
Allegato 4: Obiettivi e indicatori per la qualità
Allegato 5: Giornata tipo degli Ospiti del Centro servizi “Fondazione San Salvatore”

Carta dei servizi                                                                                                                               Rev. 07 del 13/05/2019
CARTA DEI SERVIZI - Fondazione San Salvatore
Fondazione San Salvatore
                                      Via Piave n. 67 – 45036 Ficarolo (RO)

1. INTRODUZIONE
La Carta dei servizi è stata introdotta nell’ordinamento legislativo nazionale dalla Direttiva del
Presidente del Consiglio dei Ministri 27 gennaio 1994 “Principi sull’erogazione dei servizi pubblici”.
Successivamente, nella legge 328/2000, rubricata "Legge quadro per la realizzazione del sistema
integrato di interventi e servizi sociali", veniva stabilito che “Al fine di tutelare le posizioni soggettive degli
utenti, entro centottanta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, con decreto del
Presidente del Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro per la solidarietà sociale, d'intesa con i
Ministri interessati, è adottato lo schema generale di riferimento della carta dei servizi sociali”.
Ad oggi, però, non esiste ancora un modello-guida specifico per il settore sociale e socio - assistenziale.
In ogni caso, il secondo e il terzo comma della legge sopra richiamata stabiliscono il contenuto della
Carta dei servizi sociali, sancendone l’importanza quale requisito necessario ai fini dell’accreditamento.
Con l’adozione della Carta dei servizi, la Fondazione San Salvatore vuole non solo informare gli Utenti,
effettivi e potenziali, sui servizi erogati dall’Ente, ma anche e soprattutto impegnarsi formalmente nei
loro confronti a fornire e rispettare determinati livelli qualitativi, attribuendo agli stessi potere di
controllo sul proprio operato e indicando chiaramente i mezzi di garanzia ai quali è possibile ricorrere
per tutelare i propri diritti.
La Carta dei servizi rappresenta un mezzo di comunicazione e trasparenza non solo verso gli
stakeholders esterni, ma anche nei confronti di quelli interni, con l’obiettivo di favorirne la
responsabilizzazione, la motivazione e il senso di appartenenza all’organizzazione.
Tenuto conto dell’attuale contesto sempre più concorrenziale, nel quale gli Utenti possono scegliere tra
una vastità di Centri servizi quello meglio rispondente alle proprie esigenze, la Fondazione San Salvatore
ha ritenuto fondamentale e imprescindibile elaborare la presente Carta dei servizi per descrivere ed
evidenziare al meglio le peculiarità organizzative, gestionali e qualitative della Struttura, nell’ottica
permanente di garantire un elevato livello di benessere e qualità di vita agli Anziani Ospiti.

2. MISSION
La Fondazione San Salvatore vuole essere per gli Utenti accolti e assistiti, e per i loro Familiari, non una
semplice Casa di riposo, ma una vera e propria CASA nella quale trovare le cure, l’affetto e la premura
di una seconda grande FAMIGLIA.
Nel perseguire tale obiettivo generale, l’Ente tiene costantemente in considerazione la centralità
dell’Utente come PERSONA, ascoltando con attenzione le sue esigenze e i suoi bisogni, fornendo la
risposta più adeguata, che, per quanto possibile, sia in continuità con i precedenti ritmi e modi di vita, e
promuovendo una sempre maggiore umanizzazione dell’assistenza.
La Fondazione San Salvatore crede fermamente che tutto quanto sopra sia realizzabile e, soprattutto,
mantenibile nel tempo unicamente “prendendosi cura di chi si prende cura”. Proprio per questo, l’Ente

Carta dei servizi                                       1                                  Rev. 07 del 13/05/2019
CARTA DEI SERVIZI - Fondazione San Salvatore
Fondazione San Salvatore
                                    Via Piave n. 67 – 45036 Ficarolo (RO)

si impegna sia a promuovere un ambiente nel quale lavorare con la giusta serenità, disponibilità e
collaborazione, formando una squadra sinergica che persegua obiettivi comuni, sia a garantire una
formazione qualificata continua per migliorare sempre più la preparazione professionale del Personale.
Tutto ciò, sicuramente, con diretto beneficio al soddisfacimento dei bisogni degli Utenti a cui tutti gli
interventi sono finalizzati.

3. PRINCIPI FONDAMENTALI

   ⋆ EGUAGLIANZA
       La Fondazione San Salvatore garantisce l’eguaglianza dei diritti, fissando regole uguali per tutti,
       senza alcuna distinzione per motivi riguardanti sesso, razza, lingua, religione e opinioni politiche.
       L’Ente assicura altresì la parità di trattamento, escludendo ogni ingiustificata discriminazione, ma
       tenendo sempre in debita considerazione le condizioni personali e sociali degli Utenti.

   ⋆ IMPARZIALITÁ
       La Fondazione San Salvatore opera secondo criteri di obiettività, giustizia e imparzialità.

   ⋆ CONTINUITÁ
       La Fondazione San Salvatore garantisce la regolarità e la continuità del servizio, impegnandosi a
       ridurre al minimo i disagi agli Utenti in caso di interruzioni o disservizi che si verificassero per
       cause di forza maggiore.

   ⋆ DIRITTO DI SCELTA
       La Fondazione San Salvatore offre la propria professionalità sul territorio, costituendo in tal modo
       unità di offerta a disposizione degli Utenti che liberamente possono scegliere di accedervi.

   ⋆ PARTECIPAZIONE
       Gli Utenti, Ospiti e Familiari, sono resi protagonisti della vita della Struttura, nell’ottica di
       stimolare una sempre maggiore partecipazione e di favorire il coinvolgimento.
       A tal fine, la Fondazione San Salvatore garantisce a ciascun Utente la possibilità di formulare
       osservazioni e suggerimenti per il miglioramento continuo dei servizi, anche mediante
       l’acquisizione periodica di valutazioni e opinioni circa la qualità percepita, impegnandosi poi a
       dare riscontro alle segnalazioni e alle proposte ricevute.
       L’Ente assicura altresì la trasparenza della propria attività, fornendo agli Utenti la possibilità di
       accedere alle informazioni che li riguardano, nel massimo rispetto della privacy e dei regolamenti
       in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso.

Carta dei servizi                                    2                                Rev. 07 del 13/05/2019
CARTA DEI SERVIZI - Fondazione San Salvatore
Fondazione San Salvatore
                                         Via Piave n. 67 – 45036 Ficarolo (RO)

      ⋆ EFFICACIA ED EFFICIENZA
         La Fondazione San Salvatore eroga i servizi secondo criteri di efficacia1 ed efficienza2 in un’ottica
         di costante miglioramento del livello di qualità delle prestazioni socio-sanitarie-assistenziali.
         Proprio per aumentare continuamente la soddisfazione dei propri Utenti, l’Ente, già dal 2008, ha
         intrapreso il percorso della certificazione di qualità secondo le normative UNI EN ISO 9001 e UNI
         10881. Tale certificazione ha assunto un ruolo significativo, risultando anche un ottimo supporto
         per l’ottenimento dell’autorizzazione all’esercizio e dell’accreditamento.

4. IL CENTRO SERVIZI: IERI E OGGI
La Casa di riposo “San Salvatore” ha origine dal lascito di Don Francesco
Sansoni del 1887 e dalle Deliberazioni di Consiglio degli anni 1896 e 1897.
Aperta provvisoriamente come Ente privato il
13 ottobre 1896, fu amministrata e diretta
prima dalla Congregazione di Carità e
successivamente dall’Ente Comunale e di
Assistenza (E.C.A.), conservandone distinto lo
scopo e la speciale natura.
Con Regio Decreto 2 ottobre 1897, la “Pia Casa di Ricovero con infermeria di San Salvatore” venne eretta
in Ente morale e ne venne approvato il relativo statuto organico.
Successivi e radicali mutamenti, prima l’estinzione dell’I.P.A.B. San Salvatore nell’aprile 2002 e, poi, la
costituzione della società a responsabilità limitata a partecipazione interamente pubblica (del Comune
di Ficarolo), Residenza San Salvatore S.r.l., hanno condotto, nell’agosto 2014, con atto del Notaio Dott.
Castellani, all’attuale Fondazione San Salvatore, rispondente ai principi e allo schema giuridico della
fondazione di partecipazione a partenariato solo pubblico (del Comune di Ficarolo).
Ai sensi dell’art. 12 dello Statuto della Fondazione, sono organi dell'Ente:
    • il Presidente e Legale Rappresentante;
    • il Consiglio di Amministrazione;
    • il Revisore legale dei conti.
Il Comune di Ficarolo ha competenza esclusiva per la nomina e la revoca di ognuno di tali organi.
La neocostituita Fondazione San Salvatore non ha finalità lucrative e non può distribuire utili e, ai sensi
dell’art. 3 dello Statuto, persegue finalità di solidarietà sociale nei settori dell’assistenza sociale e
socio - sanitaria, nel pieno rispetto dello spirito del lascito originario.

1   Efficacia: capacità di raggiungere l'obiettivo prefissato.
2   Efficienza: capacità di raggiungere l’obiettivo impiegando le risorse minime indispensabili.
Carta dei servizi                                          3                                  Rev. 07 del 13/05/2019
CARTA DEI SERVIZI - Fondazione San Salvatore
Fondazione San Salvatore
                                        Via Piave n. 67 – 45036 Ficarolo (RO)

L’immobile istituzionale, costruito a stralci funzionali tra il 1974 e il 1999, sorge nel centro del paese di
Ficarolo (RO), in via Piave n. 67, a pochi passi dalla piazza e dalla Chiesa, nonché alla strategica
confluenza di tre Regioni: Veneto, Emilia-Romagna e Lombardia.

L’area della Struttura è caratterizzata da una superficie coperta di 1.114,60 m2 e da un ampio scoperto
di circa 11.100 m2 totali, destinati in parte a percorsi carrabili e zone di parcheggio e, in misura maggiore
(9.000 m2), a parco, giardino e aree verdi.

            Vista frontale dell’edificio – Via Piave                   L’ampio parco verde retrostante l’edificio
Carta dei servizi                                        4                                  Rev. 07 del 13/05/2019
CARTA DEI SERVIZI - Fondazione San Salvatore
Fondazione San Salvatore
                                       Via Piave n. 67 – 45036 Ficarolo (RO)

La Casa di riposo può accogliere massimo 85 Anziani, ospitabili in complessive 41 camere dotate di ogni
comfort: bagno con finestra, aria climatizzata e TV. In ogni stanza è altresì installato il sistema
obbligatorio di chiamata previsto dalla normativa regionale e atto a garantire la dovuta sicurezza
all’Ospite.
La maggior parte delle camere sono a due posti letto, soltanto una è strutturata per l’accoglimento di
un'unica Persona e due sono progettate per poter ospitare quattro letti.
La Struttura si articola su 4 piani:
1) piano terra, nel quale si trova l’ingresso principale e in cui sono ubicati i seguenti spazi: uffici
   amministrativi, sala da pranzo con relativa cucina, sale soggiorno comuni idonee allo svolgimento di
   attività ludiche e ricreativo-educative, ambulatorio medico-infermieristico, palestra e locale per la
   cura della persona;

                                               A sinistra:
                                                 scorcio
                                               della sala
                                               refettorio.

                                               A destra:
                                               scorcio di
                                                uno dei
                                               soggiorni
                                                comuni.

2) piano primo: soggiorno MARGHERITA (27 posti letto), dotato di apposito locale adibito a sala pranzo
   per Ospiti autosufficienti;

3) piano secondo: soggiorno ROSE (30 posti letto), dotato di sala polivalente;

Carta dei servizi                                        5                        Rev. 07 del 13/05/2019
CARTA DEI SERVIZI - Fondazione San Salvatore
Fondazione San Salvatore
                                     Via Piave n. 67 – 45036 Ficarolo (RO)

4) piano terzo: soggiorno GIRASOLE (28 posti letto).

Ogni soggiorno è suddiviso in due piccoli nuclei (ala grande e ala piccola) e tutti i piani possiedono le
necessarie caratteristiche dettate dalla normativa in materia di sicurezza degli ambienti residenziali,
comprendendo spazi calmi e luoghi di funzionalità logistica.
I collegamenti verticali sono resi possibili dalla presenza di una scala interna e due ascensori/monta
lettighe, di cui uno utilizzabile in caso di incendio.

5. OFFERTA

   5.1. Servizio residenziale
   La Casa di riposo Fondazione San Salvatore offre servizi residenziali qualificati di assistenza
   socio-sanitaria agli Anziani, sia in libero mercato sia in regime di convenzione con l’Azienda
   U.L.S.S. n. 5 Polesana.
   Il Centro servizi è accreditato e autorizzato all’esercizio ai sensi della L.R. 22/2002 per la capacità
   ricettiva di 50 posti per Persone Anziane non autosufficienti con RIDOTTO/MINIMO BISOGNO
   ASSISTENZIALE.
   La Casa di riposo è altresì accreditata per n. 35 posti per Anziani autosufficienti.
   Il servizio residenziale a favore di Utenti autosufficienti, parzialmente autosufficienti e non
   autosufficienti, questi ultimi accolti sia in regime di libero mercato che in convenzione, comprende
   le prestazioni più sotto descritte, per ciascuna delle quali, in accordo con l’organigramma allegato
   (Allegato 1), si individuano le figure professionali coinvolte.

     5.1.1. Prestazioni socio-assistenziali
     L’assistenza diretta alla Persona coinvolge tutte le Professionalità dell’area socio-assistenziale
     elencate di seguito, per le quali si provvede alla descrizione, a titolo esemplificativo e non esaustivo,
     soltanto di quelle mansioni direttamente rivolte agli Utenti accolti e assistiti.

       ✓ Operatore Socio-Sanitario (O.S.S.)
       L’Operatore Socio-Sanitario (O.S.S.), in possesso di qualifica regionale, è la figura cardine
       dell’attività assistenziale, alla quale è demandato il benessere quotidiano dell’Ospite.

Carta dei servizi                                        6                               Rev. 07 del 13/05/2019
Fondazione San Salvatore
                                     Via Piave n. 67 – 45036 Ficarolo (RO)

       L’O.S.S. è, quindi, il principale punto di riferimento dell’Anziano in quanto assicura allo stesso il
       soddisfacimento di ogni suo bisogno: igiene personale, vestizione, bagno assistito, assunzione dei
       pasti, mobilizzazione e postura, deambulazione assistita, prevenzione piaghe da decubito, pulizia
       presidi e ausili, etc..
       All’interno dell’organizzazione della Fondazione San Salvatore sono nominati due O.S.S. Referenti,
       uno per i soggiorni Margherita e Rose e l’altro per il soggiorno Girasole, che coordinano l’attività
       di assistenza all’interno dei singoli reparti, predisponendo turni e piani di lavoro, sulla base delle
       indicazioni e sotto il coordinamento superiore della Direzione.

       ✓ Educatore professionale/Animatore
       L’Educatore professionale/Animatore progetta e gestisce
       attività di animazione (uscite, gite, feste, etc.), permettendo il
       pieno coinvolgimento non solo dell’Ospite, ma anche dei suoi
                                                                                  Attività
       Familiari, che diventano parte attiva nel processo di                    educativo-
                                                                               occupazionali
       istituzionalizzazione.
       L’Educatore professionale/Animatore elabora altresì attività
       educativo-occupazionali, nonché di stimolo e mantenimento delle
       abilità residue, attraverso interventi di gruppo o individuali, sulla
       base di precisi e condivisi Progetti Assistenziali Individualizzati
       (P.A.I.).

       ✓ Assistente Sociale
       L’Assistente sociale si occupa di organizzare l’ingresso in ogni sua fase, rendendosi disponibile a
       effettuare, qualora si renda necessario, un sopralluogo a domicilio per verificare le particolari
       condizioni di salute dell’Anziano.
       Successivamente, tale figura provvede all’accoglimento e all’inserimento in Struttura degli Ospiti,
       mantenendo nel tempo i necessari rapporti con gli stessi e con i loro Familiari, al fine di
       monitorare l’intero percorso di cura e benessere, assicurando l’intervento tempestivo in caso di
       bisogno.
       L’Assistente sociale si occupa, inoltre, dell’attività di segretariato sociale e ricopre il ruolo di
       Responsabile Interno Sistema Qualità (R.I.S.Q.).

     5.1.2. Prestazioni sanitarie
     L’erogazione di tali prestazioni coinvolge tutte le figure professionali dell’area sanitaria più sotto
     elencate.

Carta dei servizi                                      7                                Rev. 07 del 13/05/2019
Fondazione San Salvatore
                                     Via Piave n. 67 – 45036 Ficarolo (RO)

       ✓ Medico di Medicina Generale
       Ai sensi dell’art. 5 “Assistenza medica” dell’accordo contrattuale stipulato tra l’Azienda U.L.S.S.
       n. 5 Polesana e la Fondazione San Salvatore, l’assistenza medica a favore degli Ospiti accolti titolari
       di impegnativa di residenzialità è assicurata dalla stessa Azienda U.L.S.S. n. 5 Polesana che, in
       accordo con il Rappresentante Legale del Centro servizi, incarica un Medico individuato
       nell’ambito dell’elenco di nominativi disponibili all’assunzione di tale mansione.
       Il Medico curante prescelto deve garantire l’assistenza secondo lo standard orario minimo di 22
       ore settimanali ogni 60 Ospiti assistiti; qualora, però, lo stesso abbia in carico un numero di Ospiti
       inferiore a 60, l’assistenza medica dovrà essere rimodulata secondo le indicazioni contenute
       nell’art. 5 sopra citato.
       Proprio perché il numero di Anziani titolari di impegnativa di residenzialità accolti in Struttura è
       soggetto a frequenti mutamenti, gli orari del Medico curante non vengono specificati nel presente
       documento, ma affissi alla bacheca presente all’ingresso della Casa di riposo, in modo da
       garantirne il costante aggiornamento.
       L’attività del Medico “convenzionato” viene verificata dal Medico coordinatore nominato
       dall’Azienda U.L.S.S. n. 5 Polesana.
       Diversamente, gli Ospiti accolti in regime di libero mercato possono scegliere liberamente il
       Medico di Medicina Generale dal quale farsi assistere. A tal proposito, la Fondazione San Salvatore
       garantisce l’accesso alla Struttura a tutti i Medici curanti scelti dagli Ospiti.
       Ogni medico esplica nei confronti dei propri assistiti compiti di prevenzione, diagnosi e cura,
       avvalendosi, se necessario, di consulenze ed esami specifici.
       Nella loro attività, tutti i Medici operano unitamente al Personale infermieristico della Struttura,
       verso il quale non hanno alcun rapporto gerarchico, ma esclusivamente funzionale.

       ✓ Infermieri professionali
       Gli Infermieri professionali sono responsabili dell’assistenza sanitario-infermieristica rivolta alla
       cura e alla salute dell’Ospite, pur operando sulla base delle prescrizioni diagnostico-terapeutiche
       fornite dal Medico curante.
       Il servizio infermieristico è garantito nell’arco delle 24 ore: dalle 7:00 alle 22:00 mediante
       presenza diretta in Struttura, dalle 22:00 alle 7:00 attraverso la reperibilità notturna.
       All’interno dell’organizzazione della Fondazione San Salvatore è nominata un’Infermiera
       Referente, la quale, sempre sulla base delle indicazioni e sotto il coordinamento superiore della
       Direzione, organizza l’attività infermieristica sia in ambulatorio sia nell’ambito dei singoli reparti.
       La Referente si occupa anche e in particolar modo di gestire i rapporti con gli Ospiti e i loro
       Familiari nei giorni e negli orari affissi presso la bacheca posta all’ingresso della Struttura.

Carta dei servizi                                      8                                   Rev. 07 del 13/05/2019
Fondazione San Salvatore
                                     Via Piave n. 67 – 45036 Ficarolo (RO)

       ✓ Psicologo
       Lo Psicologo partecipa alla fase di ingresso e accoglimento dell’Ospite, offrendo l’adeguato
       supporto in tale delicato momento, al fine di favorire l’adattamento al nuovo contesto di vita.
       Il Professionista, nel corso della loro permanenza in Struttura, conosce gli Ospiti, ne raccoglie i
       dati anamnestici e il loro vissuto, ne verifica l’adattamento all’ambiente, ne indaga le funzioni
       cognitive, il tono dell’umore e i disturbi comportamentali, nonché ogni altro aspetto utile al fine
       di redigere un quadro generale della Persona. Ciò al fine di favorire, in collaborazione con tutte le
       altre diverse figure professionali, la costruzione di un progetto centrato sui bisogni specifici
       dell’Ospite, condividendone il percorso di cura con la Famiglia.
       Nel fine vita, lo Psicologo accompagna i Familiari e li supporta nella fase terminale, aiutandoli
       progressivamente nell’accettazione della perdita.
       Il ruolo professionale dello Psicologo riveste grande importanza anche per il Personale operante
       in Struttura, che può trovare nella sua figura un punto di riferimento e supporto.

       ✓ Fisioterapisti
       La Fondazione San Salvatore garantisce il servizio di fisiokinesiterapia attraverso la
       collaborazione di due Fisioterapisti in libera professione, che svolgono la propria attività a favore
       di due diverse fasce di utenza: Ospiti titolari di impegnativa di residenzialità e Ospiti accolti in
       regime di libero mercato.
       In entrambi i casi, obiettivo primario del servizio è il recupero, il mantenimento e, se possibile, il
       miglioramento delle autonomie residue dell’Ospite ovvero la prevenzione di eventuali
       aggravamenti dovuti all’insorgere di patologie.
       Gli interventi riabilitativi seguono la progettualità stabilita nei P.A.I. (Progetti Assistenziali
       Individualizzati).
       I Fisioterapisti si avvalgono della consulenza di un Medico fisiatra, che si occupa anche della
       prescrizione di protesi, ortesi e ausili (ad es. carrozzine), in parte forniti in convenzione con
       l’Azienda U.L.S.S. n. 5 Polesana.
       La consulenza fisiatrica a favore degli Ospiti non autosufficienti titolari di impegnativa di
       residenzialità, ai sensi dell’art. 7 “Attività di riabilitazione” dell’accordo contrattuale stipulato tra
       l’Azienda U.L.S.S. n. 5 Polesana e la Fondazione San Salvatore, è assicurata dalla stessa Azienda
       U.L.S.S., attraverso il medico coordinatore, presso il Centro servizi con periodicità costante.
       L’attività di fisiokinesiterapia si esplica, a titolo esemplificativo e non esaustivo, mediante le
       seguenti prestazioni, anche sulla base delle prescrizioni del Fisiatra e/o del Medico curante:
       rieducazione funzionale, deambulazione assistita con relativo addestramento all’uso di appositi
       ausili per il cammino, ginnastica dolce, terapie fisiche strumentali (laserterapia, elettroterapia,

Carta dei servizi                                      9                                 Rev. 07 del 13/05/2019
Fondazione San Salvatore
                                     Via Piave n. 67 – 45036 Ficarolo (RO)

       ultrasuonoterapia, magnetoterapia). Tali attività possono essere svolte o in gruppo o
       individualmente, sia all’interno della palestra presente in Struttura che nei soggiorni.
       I Fisioterapisti forniscono le necessarie indicazioni al Personale socio-assistenziale di reparto per
       la corretta movimentazione e postura degli Ospiti.
       Il servizio di fisiokinesiterapia a favore degli Ospiti non autosufficienti titolari di impegnativa di
       residenzialità è regolamentato all’art. 7 “Attività di riabilitazione” dell’accordo contrattuale sopra
       citato, ai sensi del quale deve essere rispettato il seguente standard: n. 1 Fisioterapista ogni 60
       Ospiti non autosufficienti per 1.550 ore/anno.
       L’attività riabilitativa viene erogata anche a favore di Utenti esterni residenti nel Comune di
       Ficarolo in virtù del contratto d’appalto e servizio sottoscritto con il Comune medesimo (si veda il
       capitolo 5.2 - paragrafo 5.2.3. del presente documento).
       Gli orari del servizio di fisiokinesiterapia sono affissi alla bacheca presente all’ingresso della
       Struttura e riportati sulla porta d’entrata della palestra.

                                                         P
                                                         a
                                                         l
                                                         e
                                                         s
                                                         t
                                                         r
                                                         a

       ✓ Logopedista
       L’attività del Logopedista è volta all’educazione e alla rieducazione di tutte le patologie che
       provocano disturbi della voce, della parola e del linguaggio orale e scritto (handicap
       comunicativi), nonché della deglutizione.
       Il Professionista individua, quindi, gli interventi riabilitativi appropriati, in accordo con le diagnosi
       del Medico di Medicina Generale e/o del Medico specialista, proponendo l’eventuale adozione di
       ausili, addestrando al relativo uso e verificandone l’efficacia.
       Il Logopedista trasmette le opportune conoscenze e le dovute informazioni alle diverse figure
       professionali coinvolte nella gestione degli Ospiti.
       Il servizio di logopedia a favore degli Ospiti non autosufficienti titolari di impegnativa di
       residenzialità è regolato all’art. 7 “Attività di riabilitazione” dell’accordo contrattuale stipulato tra
       l’Azienda U.L.S.S. n. 5 Polesana e la Fondazione San Salvatore, ai sensi del quale deve essere
       rispettato il seguente standard: n. 1 Logopedista ogni 200 Ospiti non autosufficienti per 1.550
       ore/anno.

Carta dei servizi                                     10                                 Rev. 07 del 13/05/2019
Fondazione San Salvatore
                                     Via Piave n. 67 – 45036 Ficarolo (RO)

       L’erogazione del servizio logopedico è, tuttavia, parametrata alle reali necessità degli Ospiti
       accolti, benché nel contratto sottoscritto dal Logopedista sia stabilito un numero minimo di ore
       mensili da svolgere.
       I giorni e gli orari di presenza del Logopedista in Struttura sono fissati di mese in mese e affissi
       alla bacheca all’ingresso della Casa di riposo.

     5.1.3. Prestazioni alberghiere
     Le attività alberghiere coinvolgono tutte le figure professionali dell’area servizi generali
     sottoelencate.

       ✓ Addetti al servizio mensa
       La Struttura dispone di una propria cucina interna, che
       quotidianamente assicura pasti a “km 0”: dalla cucina direttamente
       alla sala refezione. Ciò ha sempre rappresentato e costituisce
       tutt’ora un punto di forza della Fondazione San Salvatore, che, in tal
       modo, riesce a garantire freschezza delle materie prime, qualità del
       pasto, possibilità per gli Ospiti di richiedere improvvise varianti al
       menù giornaliero e, da ultimo, ma non per importanza, certezza di
       consumo dei pasti a temperatura adeguata.                                      Scorcio della cucina

       Gli Addetti mensa rappresentano le figure di raccordo tra gli Ospiti e il servizio di produzione,
       giocando un ruolo fondamentale di controllo ai fini della completa soddisfazione degli Utenti.
       Nello specifico, l’attenzione di dette figure si focalizza sul periodico controllo del rispetto dei menù
       predisposti, delle grammature stabilite, dei gusti alimentari personali, delle diete e delle
       prescrizioni per particolari patologie, nonché dell’eventuale “avanzo” del pasto per la successiva
       tempestiva segnalazione di problemi di inappetenza al servizio infermieristico.
       Gli Addetti al servizio mensa si occupano anche di gestire la corretta disposizione degli Ospiti ai
       tavoli e, unitamente alle figure professionali di cucina, di predisporre i menù stagionali
       (inverno/estate) e festivi; in quest’ultimo caso, privilegiando e conservando le tradizioni culinarie
       locali.
       I Familiari degli Ospiti possono, previa richiesta anticipata e a proprie spese, consumare il pasto
       in Struttura unitamente al proprio caro, anche e soprattutto in occasione delle festività.

Carta dei servizi                                     11                                Rev. 07 del 13/05/2019
Fondazione San Salvatore
                                      Via Piave n. 67 – 45036 Ficarolo (RO)

       Nell’ambito del proprio lavoro, gli Addetti mensa rispettano la sotto riportata organizzazione della
       giornata alimentare.

                                                        ESTATE         INVERNO

                                    PRIMA
                                                               7:00 – 8:30
                                  COLAZIONE
                                  MERENDA
                                                                 10:00
                                 MATTUTINA

                                    PRANZO                    11:30 – 12:30

                                  MERENDA
                                                                 16:00
                                POMERIDIANA

                                      CENA          18:30-19:30 18:00-19:00

       ✓ Addetti al servizio lavanderia/guardaroba
       Il servizio lavanderia viene svolto direttamente dalla Fondazione San Salvatore per quanto attiene
       i capi personali dell’Ospite, mentre il lavaggio della biancheria piana (effetti letterecci,
       asciugamani, etc.) è affidato in appalto.
       Al   momento      dell’ingresso    dell’Ospite    in     Casa   di    riposo,   gli   Addetti   al   servizio
       lavanderia/guardaroba etichettano tutti i capi personali dell’Anziano in modo da evitarne lo
       smarrimento, e, dopo ogni lavaggio, prima di provvedere alla riconsegna, li imbustano in
       confezioni nominative al fine di preservarne l’igiene e garantirne la separazione.
       A dicembre 2016, la Fondazione San Salvatore ha inaugurato la nuova lavanderia a servizio della
       Casa di riposo: una struttura di ultima generazione che rispetta i percorsi sporco-pulito e
       l’importante requisito di asetticità degli ambienti.
       Gli orari di apertura della nuova lavanderia sono affissi sia alla bacheca all’ingresso della Struttura
       sia presso il punto di accesso ai locali in via E. Giglioli n. 69.

                                                            A sinistra:
                                                          vista frontale
                                                          dell’edificio –
                                                         Via E. Giglioli.
                                                             A destra:
                                                           particolare
                                                           scaffalature
                                                          per divisione
                                                         nominativa dei
                                                               capi.

Carta dei servizi                                       12                                    Rev. 07 del 13/05/2019
Fondazione San Salvatore
                                     Via Piave n. 67 – 45036 Ficarolo (RO)

                                                     A sinistra: zona
                                                         “sporco”.
                                                 A destra: zona “pulito”.
                                                    I due locali sono
                                                   separati e divisi da
                                                   una parete in parte
                                                          vetrata.

       ✓ Addetti al servizio di pulizia e sanificazione ambientale
       Gli Addetti a tale servizio si occupano di garantire l’igiene, la pulizia, la sanificazione e l’ordine
       degli ambienti sia interni che esterni.
       Le pulizie vengono eseguite quotidianamente durante le ore diurne, nel rispetto degli orari e delle
       esigenze degli Anziani Ospiti.
       Le consuete procedure di pulizia manuale giornaliera sono
       integrate e potenziate mediante l’utilizzo di un generatore di
       ozono portatile, il cui impiego assicura, in spazi condivisi da un
       elevato numero di persone, quale la Casa di riposo, l’adeguata
       igiene e prevenzione a tutela della salute e del benessere sia degli
       Ospiti che del Personale, oltre che garantire una notevole
       diminuzione dell’impiego di prodotti chimici.

       ✓ Addetto al servizio di manutenzione e trasporto
       All’interno dell’organizzazione della Fondazione San Salvatore opera un unico Manutentore, che
       si occupa principalmente dell’esecuzione di piccoli interventi di riparazione e manutenzione
       ordinaria di impianti, apparecchiature e macchinari, nonché ausili per disabili e altre attrezzature
       utili alla deambulazione degli Ospiti.
       In occasione di manutenzioni particolari e/o straordinarie, l’Addetto collabora con il personale
       delle ditte esterne appaltatrici.
       Il Manutentore è responsabile della tenuta del magazzino con conseguente controllo della
       giacenza e relativa predisposizione degli ordini di fornitura.
       La presenza di tale figura professionale offre un’apprezzabile opportunità agli Utenti poiché
       garantisce agli stessi il servizio di trasporto e accompagnamento presso i presidi ospedalieri del
       territorio di competenza dell’Azienda U.L.S.S. n. 5 Polesana per l’effettuazione di visite mediche. A
       tal proposito, qualora si verifichi una sovrapposizione di viaggi, l’Ente valuterà il ricorso ad
       Associazioni di volontariato. Solo in questo caso, il costo sarà a carico dell’Ospite.

Carta dei servizi                                       13                             Rev. 07 del 13/05/2019
Fondazione San Salvatore
                                      Via Piave n. 67 – 45036 Ficarolo (RO)

       ✓ Parrucchiera ed Estetista
       La Parrucchiera opera al piano terra della Struttura in un locale
       debitamente attrezzato per lo svolgimento del servizio a favore di
       tutti gli Ospiti.
       Gli appuntamenti del servizio parrucchiera sono gestiti dalle
       Educatrici professionali/Animatrici.
       Il servizio di estetista, rivolto soprattutto alla cura del benessere dei piedi (pedicure, prevenzione
       e rimozione di calli, etc.) viene erogato all’interno della Struttura su richiesta dell’Ospite e del
       Familiare.
       I costi di tali prestazioni non sono ricompresi nell’importo della retta e gli stessi devono essere
       pagati direttamente alle Professioniste.

     5.1.4. Prestazioni amministrative di supporto

       ✓ Uffici amministrativi
       Gli Uffici amministrativi si occupano soprattutto degli aspetti economici, contabili e fiscali legati
       all’attività del Centro servizi, seguendo, al contempo, le pratiche amministrative riguardanti gli
       Ospiti accolti e assistiti e le relazioni con il pubblico.

       ✓ DIREZIONE
       La Direzione, oltre a svolgere le mansioni proprie del relativo profilo professionale, sovraintende
       e coordina il regolare svolgimento delle attività, verificando quotidianamente la qualità dei servizi
       socio-sanitari-assistenziali erogati e il rispetto degli standard, al fine di assicurare costantemente
       la centralità e il benessere degli Ospiti.
     Gli orari di apertura degli Uffici sono riportati nell’Allegato 2.

   5.2. Servizi al territorio
   Nel corso degli anni, sulla scorta dei bisogni manifestati dal territorio ficarolese, la Fondazione San
   Salvatore ha ampliato la propria offerta di servizi a favore anche di Utenti non istituzionalizzati
   residenti nel Paese, proponendo le prestazioni più sotto descritte.

     5.2.1. Servizio Assistenziale Domiciliare (S.A.D.)
     Il Servizio Assistenziale Domiciliare (S.A.D.) è finalizzato a fornire un aiuto professionale e
     qualificato nella cura e nell’igiene della persona e a favorire l’autosufficienza nelle attività
     giornaliere, permettendo agli Utenti di conservare l’autonomia di vita nella propria abitazione e nel
     proprio ambiente familiare.

Carta dei servizi                                       14                            Rev. 07 del 13/05/2019
Fondazione San Salvatore
                                      Via Piave n. 67 – 45036 Ficarolo (RO)

     Il servizio si rivolge a tutti i Cittadini (minori, adulti disabili e anziani) residenti nel Comune di
     Ficarolo che rientrino nelle sotto evidenziate casistiche:
     − stato di malattia o invalidità, che comporti la necessità di aiuto da parte di altre persone per un
        periodo più o meno lungo;
     − mancanza di sufficiente assistenza familiare;
     − presenza di una famiglia con una situazione di grande disagio sociale;
     − particolari condizioni di bisogno temporaneo in attesa di ricovero presso una struttura protetta;
     − particolari condizioni per le quali, a seguito della valutazione dell’Assistente sociale del Comune,
        emerga la necessità di attivazione.
     Gli Utenti interessati devono inoltrare richiesta all’Ufficio servizi sociali del Comune di Ficarolo, che
     provvederà, unitamente al personale della Casa di riposo, ad eseguire la visita domiciliare ai fini
     dell’attivazione del servizio.

     5.2.2. Servizio Infermieristico Domiciliare (S.I.D.)
     Il Servizio Infermieristico Domiciliare (S.I.D.) è rivolto ai cittadini del Comune di Ficarolo
     ultrasessantacinquenni inabili per patologie inibitorie della motricità o con ridotto grado di
     autosufficienza.
     Le prestazioni erogate, a titolo esemplificativo e non esaustivo, possono essere così descritte:
     − esecuzione di prelievi per analisi di laboratorio e relativa acquisizione del referto;
     − esecuzione medicazioni e bendaggi;
     − controllo parametri vitali;
     − iniezioni ipodermiche e intramuscolari;
     − preparazione ad esami diagnostici.
     Ogni altra prestazione richiesta verrà opportunamente valutata e presa in carico.
     Gli Utenti interessati devono inoltrare richiesta all’Assistente sociale del Comune di Ficarolo o, in
     caso di sua assenza, all’Assistente sociale della Fondazione San Salvatore, previa segnalazione del
     Medico curante o a integrazione del servizio infermieristico reso dall’Azienda U.L.S.S. n. 5 Polesana.
     Prima di poter procedere all’attivazione, è necessario che tutte le figure professionali coinvolte nel
     servizio effettuino una visita domiciliare.

     5.2.3. Servizio di fisiokinesiterapia
     Gli interventi riabilitativi sono riservati ai cittadini ficarolesi che, sulla base del rilascio di una
     prescrizione medico-specialistica, ne facciano richiesta tramite l’Assistente sociale del Comune, la
     quale ha il compito di verificare la reale esistenza delle condizioni per l’accesso al servizio.
     Le prestazioni di fisiokinesiterapia a favore degli Utenti esterni vengono erogate all’interno della
     palestra della Casa di riposo, unicamente nei giorni feriali e soltanto per un’ora giornaliera.

Carta dei servizi                                      15                              Rev. 07 del 13/05/2019
Fondazione San Salvatore
                                    Via Piave n. 67 – 45036 Ficarolo (RO)

     5.2.4. Servizio di fornitura pasti domiciliari
     Il servizio di fornitura pasti domiciliari offre l’opportunità agli Anziani residenti nel Comune di
     Ficarolo di consumare a casa propria il pranzo e la cena.
     I pasti sono prodotti direttamente nei locali cucina della Fondazione San Salvatore, confezionati in
     vassoi isotermici, per mantenerne inalterate le caratteristiche nutritive e gustative, e recapitati,
     attraverso il servizio di trasporto, al domicilio dell’Utente richiedente.
     I pasti forniti sono variati giornalmente, all’interno di una programmazione stagionale, con
     rotazione settimanale, fatte salve eventuali diete o prescrizioni medico-specialistiche per le quali la
     Fondazione San Salvatore assicura assoluto rispetto.
     Ogni pasto è costituito da un abbondante primo piatto, un secondo piatto con contorno, pane, frutta
     e acqua minerale da mezzo litro.
     Gli Utenti interessati al servizio devono presentare richiesta di attivazione presso gli Uffici
     amministrativi della Casa di riposo, fornendo ogni dettaglio utile per una preparazione del pasto
     che tenga conto dei gusti personali e di eventuali diete o particolari regimi alimentari.
   L’erogazione del Servizio Assistenziale Domiciliare (S.A.D.), del Servizio Infermieristico Domiciliare
   (S.I.D.) e del Servizio di Fisiokinesiterapia è regolata da specifico contratto d’appalto e servizio
   stipulato con il Comune di Ficarolo.

6. INFORMAZIONI UTILI

    6.1. Domanda d’ingresso

          6.1.1. Domanda d’ingresso in regime di libero mercato
          Gli Utenti interessati a usufruire del servizio residenziale in regime di libero mercato possono
          presentare domanda di ingresso mediante due differenti modalità, ovvero recandosi in
          Struttura e rivolgendosi direttamente all’Assistente sociale oppure scaricando il modulo dal
          sito internet istituzionale www.fondazionesansalvatore.it e restituendolo debitamente
          compilato all’indirizzo e-mail info@fondazionesansalvatore.it.
          Nel primo caso, l’Assistente sociale è disponibile per fornire ogni necessario chiarimento e per
          accompagnare gli Interessati a visitare gli ambienti della Struttura.
          Per le richieste di ingresso in regime di libero mercato, la Fondazione San Salvatore predispone
          una graduatoria nella quale la priorità è dettata dalla data di presentazione della domanda.
          Nel caso di ricezione di più richieste di accoglimento riportanti la stessa data, viene data
          precedenza agli Utenti residenti nel territorio del Comune di Ficarolo.

Carta dei servizi                                    16                              Rev. 07 del 13/05/2019
Fondazione San Salvatore
                                       Via Piave n. 67 – 45036 Ficarolo (RO)

          6.1.2. Domanda d’ingresso Utenti titolari di impegnativa di residenzialità
          Gli Anziani non autosufficienti non più assistibili a domicilio residenti nella Regione Veneto
          interessati all’ingresso in Casa di riposo in regime di convenzione con l’Azienda U.L.S.S.
          competente3 devono attivare l’iter procedurale per l’ottenimento dell’impegnativa di
          residenzialità.
          L’Interessato o il Familiare di riferimento o il Tutore o l’Amministratore di sostegno o un
          Operatore sociale, socio-sanitario o sanitario (che abbia in carico la situazione come, ad
          esempio, il Medico di Medicina Generale, l’Assistente sociale, la Centrale Operativa Territoriale
          (C.O.T.), etc.) deve inoltrare, con le modalità previste dal Regolamento per l’accesso ai servizi
          residenziali per persone anziane non autosufficienti, domanda di valutazione da parte
          dell’U.V.M.D. (Unità di Valutazione Multidimensionale Distrettuale).
          La modulistica di richiesta permette di indicare liberamente la tipologia di servizio e le
          strutture di preferenza.
          Le istanze di valutazione, qualunque sia la loro provenienza (ospedale, domicilio, strutture
          extra-ospedaliere, etc.), devono essere indirizzate al Direttore del Distretto e possono essere
          presentate in qualsiasi punto della rete dei servizi in base all’organizzazione distrettuale (sede
          Distretto socio-sanitario, Comune, Centri servizi, Ospedale (per i ricoverati), C.O.T., Punti
          sanità, etc.).
          Il punto di accesso prescelto provvede, attraverso il protocollo, alla successiva trasmissione
          della domanda al Distretto-Segreteria U.V.M.D. di afferenza.
          L’U.V.M.D. utilizza, quale strumento operativo per la valutazione del profilo di non
          autosufficienza     della    Persona,     la   scheda    S.VA.M.A.     (Scheda     per    la   Valutazione
          Multidimensionale dell’Anziano), con la quale giunge alla definizione del necessario livello
          assistenziale.
          A seguito della valutazione effettuata dall’U.V.M.D., l’Interessato viene collocato nella
          graduatoria unica per la residenzialità dell’Azienda U.L.S.S., nella sezione di riferimento, in base
          alla tipologia di bisogno espresso.
          L’Utente rimane iscritto in tale graduatoria per i successivi dodici mesi consecutivi. Trascorso
          questo periodo, l’Anziano deve essere rivalutato e ricollocato su iniziativa dell’U.V.M.D..
          L’iscrizione nella graduatoria costituisce titolo per l’eventuale successivo rilascio
          dell’impegnativa di residenzialità. Impegnativa che viene attribuita alla Persona che risulta
          collocata al primo posto, la quale viene informata telefonicamente dell’assegnazione.

3 Ai sensi del Regolamento per l’accesso ai servizi residenziali per persone anziane non autosufficienti, l’impegnativa
di residenzialità è emessa dall’Azienda U.L.S.S. di residenza del cittadino e, in ogni caso, da quella in cui risulta
iscritto nei registri anagrafici al momento dell’ingresso in Struttura.
Carta dei servizi                                         17                                  Rev. 07 del 13/05/2019
Fondazione San Salvatore
                                        Via Piave n. 67 – 45036 Ficarolo (RO)

          Dalla telefonata, l’Utente prescelto ha a disposizione due giorni di tempo per esprimere la
          propria accettazione.
          L’Utente primo in graduatoria ha la facoltà di scegliere di accedere alla Struttura per la quale
          ha espresso la preferenza che ha il posto letto disponibile corrispondente al livello di intensità
          assistenziale previsto dall’impegnativa.
          In caso di conferma dell’accettazione, l’Azienda U.L.S.S. informa contestualmente il Centro
          servizi scelto dall’Utente.
          L’impegnativa viene rilasciata nel momento dell’accoglimento in Struttura dell’Interessato.
          La Struttura scelta utilizza l’impegnativa per la registrazione dell’avvenuto ingresso e la
          ritrasmette prontamente all’Azienda U.L.S.S., datata, timbrata e firmata dal Direttore.
          Diversamente, qualora entro due giorni lavorativi dalla data di comunicazione di disponibilità
          dell’impegnativa l’Utente prescelto non dia riscontro in merito alla conferma o meno
          dell’accettazione, lo stesso perde il diritto all’utilizzo dell’impegnativa e la stessa viene messa
          a disposizione della successiva Persona in graduatoria.
          Con tale rinuncia, il diritto all’utilizzo dell’impegnativa viene sospeso per sei mesi, durante i
          quali il nominativo continua ad essere presente in graduatoria con apposita evidenziazione.
          Alla scadenza dei sei mesi, la richiesta viene reinserita nella graduatoria unica e seguirà il
          normale scorrimento previsto.
          Un’ulteriore eventuale seconda rinuncia comporta la cancellazione del nominativo dalla
          graduatoria unica.
          La scelta dell’Anziano assegnatario dell’impegnativa di residenzialità per il livello di
          ridotto/minimo bisogno assistenziale di spendere la stessa presso il Centro servizi “Fondazione
          San Salvatore” comporta il riconoscimento alla Struttura da parte dell’Azienda U.L.S.S.
          competente della quota di rilievo sanitario regionale pari ad € 49,00 e il sostenimento da parte
          dell’Utente di una retta giornaliera di altrettanti € 49,00.
          La Fondazione San Salvatore è “convenzionata” con l’Azienda U.L.S.S. n. 5 Polesana in virtù
          dell’accordo contrattuale sottoscritto lo scorso 26/02/2019, ma può accogliere anche Utenti
          titolari di impegnativa di residenzialità rilasciata da altra Azienda U.L.S.S. della Regione Veneto.
          In tal caso, ai sensi dell’art. 14 “Aziende U.L.S.S. obbligate ai pagamenti e compensazione tra
          Aziende U.L.S.S.” dell’accordo contrattuale sopra citato, agli Ospiti provenienti da altra Azienda
          U.L.S.S. della Regione Veneto, la Fondazione San Salvatore garantisce gli stessi benefici di cui al
          contratto stipulato con l’Azienda U.L.S.S. n. 5 Polesana.

     6.2. Costi
     I costi dei servizi erogati dalla Fondazione San Salvatore sono descritti nell’Allegato 3.

Carta dei servizi                                        18                            Rev. 07 del 13/05/2019
Fondazione San Salvatore
                                      Via Piave n. 67 – 45036 Ficarolo (RO)

     6.3. Orario di visita
     La Casa di riposo non ha fissato particolari orari di visita in quanto vuole garantire estrema
     flessibilità e, soprattutto, massima trasparenza nei confronti dei Familiari dell’Ospite.
     Tuttavia, per non creare disagio agli Operatori e disturbo alla tranquillità e al riposo degli altri
     Anziani, è preferibile osservare i sotto riportati orari, sostando presso le aree comuni della
     Struttura e, possibilmente, non all’interno delle stanze.

                                                   ESTATE             INVERNO

                                                            10:00 - 11:30
                                ORARIO
                                DIURNO
                                                            15:30 - 18:30

                                ORARIO
                                                 19:30 - 21:00      19:00 - 20:00
                                SERALE

     Prima delle ore 10:00 e dopo le ore 19:00, per rispetto della privacy degli Ospiti, si chiede
     gentilmente a Familiari e/o Visitatori di non salire nei soggiorni.
     Inoltre, per favorire il riposo degli Anziani, dalle ore 13:00 alle ore 15:00 e dalle 21:00 alle 06:00 è
     richiesto il rispetto del silenzio.
     Il varco principale di accesso pedonale alla Struttura è apribile manualmente unicamente nelle ore
     diurne e non oltre le 21:00 nel periodo estivo e le 20:00 in quello invernale. Pertanto, in caso di
     uscite in orario serale che prevedano il rientro dell’Anziano dopo il normale orario di apertura del
     cancello, si rende necessario allertare telefonicamente il Personale affinché lo stesso provveda
     all’apertura degli ingressi.

     6.4. Locale telefonia
     Al piano terra della Struttura, nella zona ingresso, è presente una piccola stanza dotata di telefono,
     che può essere utilizzata dagli Ospiti per ricevere chiamate dai propri Familiari, comunicando in
     assoluta riservatezza.
     Su richiesta e unicamente in caso di urgenze e/o necessità, gli Anziani possono usufruire del
     telefono per effettuare chiamate ai propri Familiari.
     Per contattare telefonicamente il proprio caro, il Familiare deve utilizzare il numero della Struttura:
     0425/708176.

Carta dei servizi                                      19                             Rev. 07 del 13/05/2019
Fondazione San Salvatore
                                       Via Piave n. 67 – 45036 Ficarolo (RO)

     6.5. Assistenza religiosa
     Ogni mercoledì e ogni sabato gli Ospiti della Fondazione San Salvatore possono partecipare alla
     celebrazione, rispettivamente, della Santa Messa da parte del Parroco del Paese e del Santo Rosario
     recitato dalle Suore.
     Entrambe le attività si svolgono al pomeriggio nel soggiorno comune al piano terra, che viene
     appositamente allestito per l’occasione.

7. PERCORSO DI ASSISTENZA, CURA E BENESSERE

   7.1. Ingresso e inserimento
   Il giorno dell’ingresso, il nuovo Ospite, unitamente ai propri Familiari, viene accolto in Struttura e
   accompagnato a visionarne gli ambienti, in particolare il reparto e l’unità di vita assegnati.
   Successivamente, ma comunque nella stessa giornata, i Familiari completano, con la collaborazione
   dell’Assistente sociale, tutta la documentazione inerente l’accoglimento e, al contempo, consegnano
   presso la lavanderia della Struttura gli indumenti personali del proprio caro per la relativa necessaria
   etichettatura.

   7.2. Presa in carico e monitoraggio
   Trascorsi 30 giorni dall’ingresso, conclusa la fase di osservazione iniziale, si riunisce l’Equipe
   multiprofessionale per gli Ospiti accolti in regime di libero mercato o l’Unità Operativa Interna (U.O.I)
   per gli Ospiti titolari di impegnativa di residenzialità, al fine di discutere e, successivamente,
   elaborare il Progetto Assistenziale Individualizzato (P.A.I.).
   Attraverso tale progetto vengono presi in carico i bisogni e le problematiche emerse nella fase di
   osservazione, al fine di sviluppare un percorso individualizzato di benessere e cura da perseguire per
   mantenere e, se possibile, migliorare le abilità residue dell’Anziano, rallentando il più possibile
   l’eventuale fisiologico decadimento.
   Periodicamente, ovvero almeno ogni tre mesi nel caso di P.A.I. di Ospiti titolari di impegnativa di
   residenzialità e almeno una volta all’anno per gli Utenti a libero mercato, si procede alla verifica del
   grado di raggiungimento degli obiettivi stabiliti nel progetto, rivedendoli o confermandoli a seconda
   del bisogno.
   La collaborazione e la sinergia tra tutte le diverse figure dell’Equipe multiprofessionale giocano un
   ruolo fondamentale per la buona elaborazione e gestione dei progetti assistenziali rivolti al
   benessere dell’Ospite nella sua totalità.
   Il P.A.I. elaborato viene sempre condiviso con la Famiglia, che, in tal modo, viene resa partecipe delle
   strategie assistenziali adottate.

Carta dei servizi                                       20                           Rev. 07 del 13/05/2019
Puoi anche leggere
Prossima slide ... Annulla