SINTESI DELLE NOVITÀ IN AMBITO CREDITO - EBA GUIDELINES ON LOAN ORIGINATION AND MONITORING | CONSULTATION PAPER - PWC

 
DIAPOSITIVE SUCCESSIVE
SINTESI DELLE NOVITÀ IN AMBITO CREDITO - EBA GUIDELINES ON LOAN ORIGINATION AND MONITORING | CONSULTATION PAPER - PWC
Sintesi delle novità
in ambito credito
EBA Guidelines on loan origination
and monitoring | Consultation paper

Giugno 2019

                                      www.pwc.com/it
Overview EBA Guidelines on loan origination and monitoring

                                                                  • Le nuove indicazioni EBA vanno ad aggiungersi alle numerose misure introdotte(1) in risposta al piano d’azione del Consiglio Europeo
      Perché PwC?                                                   del luglio 2017 per affrontare l’elevato livello di esposizioni deteriorate, migliorare la stabilità finanziaria e la resilienza del Sistema
                                                                    Bancario Europeo.

 • Expertise del network                                          • La nuova sfida proposta del Regolatore è passare da un approccio «RE-active» (logica di gestione del «deteriorato in essere») a
   internazionale PwC in                                            un approccio «PRO-active» della gestione del credito.
   relazione a trend di mercato, iter
   normativo e best practice in                                   • A tal fine, vengono introdotti standard rigorosi e prudenti atti a migliorare le prassi, la governance, i processi e i meccanismi in
   ambito credito                                                   materia di concessione, la gestione e monitoraggio del rischio creditizio, il framework di controllo, la determinazione del pricing,
                                                                    la valutazione delle garanzie in sede di concessione, monitoraggio e revisione periodica del valore delle garanzie.
 • Credit Competence Centre -
   gruppo di lavoro                                               • L’EBA ha sviluppato tali orientamenti basandosi sulle esperienze nazionali, sulle priorità di vigilanza, e sui recenti sviluppi politici,
   multidisciplinare                                                affrontando le carenze nelle politiche e nelle prassi di concessione creditizia emerse nella recente crisi finanziaria. Vengono inoltre
                                                                    presi in considerazioni aspetti quali fattori ambientali, sociali e di governance, «green lending», antiriciclaggio e finanziamento
 • Specializzazione in business                                     del terrorismo, e innovazione tecnologica.
   process re-design ed evoluzione
   del modello operativo

 • Relazioni istituzionali
                                                                            Call for action...
   consolidate attraverso la
   collaborazione con associazioni                                • Identificare tempestivamente gli impatti delle nuove indicazioni regolamentari, circoscrivendo scope di applicazione e attori
   di categoria, nazionali ed                                       coinvolti attraverso un rapido assessment volto a rilevare i «major gap»
   internazionali, nonché una
   notevole esperienza riguardo ad                                • Prepararsi all’evoluzione del contesto, dalla strategia all’implementazione delle novità regolamentari, mediante re-design di credit
   attività con Autorità di Vigilanza                               strategies, credit policies, framework di monitoraggio e controllo e sistemi informatici.

      (1) EBA: «Guidelines on specification of types of exposures to be associated with high risk»; «Guidelines on management of non-performing and forbourne exposures»; «Report on Statutory prudential backstops – Response to the Commission’s call for advice of
          November 2017»; «EBA NPL transaction templates». BCE: «Guidance to banks on non-performing loans»; «Stocktake of national supervisory practices and legal frameworks related to NPLs»; «Addendum to the ECB Guidance to banks on non-performing loans:
          supervisory expectations for prudential provisioning of non-performing exposures»
PwC                                                                                                                                                                                                                                                                     2
Overview EBA Guidelines on loan origination and monitoring - Highlights
      Highlights                                                                                                                                                                                                      Principali ambiti di intervento

Data pubblicazione                                               19 giugno 2019
Consultation Paper

Termine consultazione                                         30 settembre 2019

Entrata in vigore                                                30 giugno 2020
                                                                                                                                                                                                                                         Governance
Destinatari                                                      Autorità di Vigilanza competenti(1) e tutti gli istituti finanziari(2) nel rispetto                                                                                                                                Concessione
                                                                 del principio di proporzionalità                                                                                                                                                                                    del credito

Principio di proporzionalità                                  Applicazione su tre livelli:
                                                                                                                                                                                                            Framework di
                                                             •     Per l’implementazione dei requisiti relativi a governance, risk management e
                                                                                                                                                                                                            monitoraggio
                                                                                                                                                                                                                                                                                 3
                                                                   sistema dei controlli, si tiene conto delle dimensioni e dell’organizzazione
          Non         Istituzione    Strumento di
                                                                   interna, nonché della natura e complessità dell’attività dell’istituzione                                                                                                                                    Pricing
       Applicabile    finanziaria       credito
                                                                   finanziaria.
                                                             •     Per l’implementazione dei requisiti relativi all’assessment sulla valutazione                                                                                                 4
                                                                   del merito creditizio, al pricing, alla valutazione dei collateral e al
          Non         Istituzione   Strumento di
                                                                   monitoraggio sul rischio di credito, si tiene conto della tipologia, dimensione e                                                                                      Valutazione
       Applicabile    finanziaria      credito
                                                                   complessità dello strumento di credito in concessione.                                                                                                                  garanzie
                                                                                                                                                                                                                                                                                          Focus nelle
                                                             •     Gli aspetti relativi alla consumer protection non sono soggetti al principio di                                                                                                                                        tavole
                                                                   proporzionalità, pertanto il relativo framework dovrebbe essere applicato                                                                                                                                              successive
          Non
       Applicabile
                      Istituzione
                      finanziaria
                                     Strumento di
                                        credito
                                                                   indipendentemente dalla dimensione e complessità dell’istituzione finanziaria
                                                                   o strumento di credito.

       (1) Come definite nell’Articolo 4(2) del Regolamento (EU) n. 1093 / 2010.
       (2) Ai sensi del Regolamento (EU) n. 1093 / 2010, per «istituzione finanziaria» si intendono gli «enti creditizi» quali definiti all’articolo 4, paragrafo 1, della direttiva 2006/48/CE, le «imprese di investimento» quali definite all’articolo 3, paragrafo 1, lettera b), della direttiva
           2006/49/CE e i «conglomerati finanziari» quali definiti all’articolo 2, paragrafo 14, della direttiva 2002/87/CE, salvo che, in relazione alla direttiva 2005/60/CE, per «istituti finanziari» si intendono gli enti creditizi e gli enti finanziari quali definiti all’articolo 3, paragrafi 1
PwC        e 2, di detta direttiva.                                                                                                                                                                                                                                                                          3
1. Governance
                                                 Sintesi principali indicazioni
                  Governance
                                  Concessione
                                   del credito
                                                 • Chiara e ben documentata definizione e distribuzione dei ruoli e delle responsabilità (inclusi i compiti di Organi aziendali e strutture di governance - es.
   Framework di
                                                   comitati) nell’ambito del processo di concessione del credito che prevede anche il coinvolgimento delle funzioni dedicate alla misurazione e al presidio del
   monitoraggio
                                3                  rischio di credito
                                Pricing

                     4                           • Allineamento tra strategia creditizia e propensione al rischio, inclusa la valutazione dell’adeguatezza patrimoniale e di liquidità (RAF, ICAAP e ILAAP)
                  Valutazione
                   garanzie

                                                 • Correlazione tra propensione al rischio dell’istituzione finanziaria e composizione del portafoglio crediti (inclusa l’ubicazione geografica del collateral,
                                                   tipologia di strumento di credito, settore economico di appartenenza)
                  Ambito di                      • Chiara rappresentazione del processo di concessione, gestione e monitoraggio del credito, inclusi i requisiti per la raccolta, verifica e analisi delle
                  applicazione
                                                   informazioni necessarie alla valutazione del merito creditizio e delle condizioni per l’applicazione di automatismi in fase di concessione

 • Requisiti applicabili ai rischi               • Criteri di segmentazione del portafoglio e impostazione limiti su rischio di credito e rischio di concentrazione
   legati al credito sostenuti
   dall’istituzione finanziaria                  • Applicazione automatismi in fase di concessione del credito, con indicazione di forme tecniche, segmento di clientela, limiti di adozione e modalità di
                                                   gestione di eventuali eccezioni

                                                 • Adeguatezza del processo di identificazione, valutazione e presidio del rischio di riciclaggio e finanziamento al terrorismo

                                                 • Adeguatezza del sistema dei controlli interni basato su tre linee di difesa

   Esclusioni                                    • Presenza di risorse e competenze adeguate

 • Titoli di debito
                                                 • Formalizzazione del framework - policy e procedure - con indicazioni specifiche sui temi sopra riportati

                                                 Principio di proporzionalità

                                                        Non applicabile        Istituzione finanziaria      Strumento di credito

PwC                                                                                                                                                                                                               4
2. Concessione del credito
                                                 Sintesi principali indicazioni
                  Governance
                                  Concessione
                                   del credito
                                                 • Definizione e aggiornamento periodico di policy e procedure di valutazione della capacità del creditore di adempiere agli obblighi contrattuali(1)
   Framework di
                                                   differenziate per tipologia di strumento di credito (es. secured / unsecured). La valutazione del merito creditizio prevede:
   monitoraggio
                                3
                                Pricing

                     4                               o raccolta e analisi delle informazioni(2) con livello di granularità differenziato per tipologia di clientela (es. Consumer / Professional) e tipologia di
                  Valutazione
                   garanzie
                                                         strumento di credito (es. secured / unsecured) e, nel contempo, in grado di garantire una rappresentazione aggregata, coerente e completa delle
                                                         informazioni sul cliente

                                                     o identificazione parametri / indicatori differenziati per tipologia di clientela / tipologia di strumento di credito, tenendo conto anche dei fattori che
                  Ambito di                              potrebbero impattare sulla capacità di rimborso del creditore (es. la valutazione della situazione finanziaria di un cliente corporate dovrebbe
                  applicazione
                                                         prevedere l’analisi di metriche e indicatori finanziari e patrimoniali specifici - proventi operativi, redditività netta, leva finanziaria, ect)

 • Requisiti applicabili a                           o elaborazione analisi di sensitività volte ad intercettare potenziali scenari negativi futuri a fronte di eventi / fattori esterni (es. nel caso in cui la durata
   prestiti e anticipi verso                             del finanziamento si estenda oltre l’età pensionabili, bisognerebbe valutare in ottica prospettica la capacità futura del debitore di far fronte al
   clientela Consumer e
   Professional (incluse                                 pagamento del debito valutando l’adeguatezza del reddito futuro)
   rinegoziazioni di prestiti e
   anticipi precedenti all’entrata                   o valutazione del collateral [sezione dedicata nel prosieguo del documento]
   in vigore delle Linee Guida)
                                                 • Chiara e adeguata documentazione comprovante la valutazione del merito creditizio da utilizzare come base per la successiva erogazione

   Esclusioni

 • Prestiti e anticipi a istituzioni
   finanziarie, società di                        (1) La valutazione del merito creditizio dovrebbe comprendere, come minimo, una valutazione del reddito totale annuo, reddito disponibile al netto delle tasse, situazione finanziaria e della fonte del reddito che consente
                                                  l’adempimento degli obblighi contrattuali. (2) Informazioni e dati devono rispettare i criteri di accuratezza, tempestività e pertinenza rispetto ad asset class e caratteristiche del prodotto.
   investimento, assicurazioni e
   riassicurazione, Banche
   Centrali e Autorità nazionali,
   regionali e locali e Pubblica                 Principio di proporzionalità
   Amministrazione                                                                                                                                                                    NB: gli aspetti relativi alla consumer protection non sono
 • Titoli di debito                                                                                                                                                                  soggetti al principio di proporzionalità, con riferimento alla
                                                                                                                                                                                            valutazione del merito creditizio del consumatore
                                                          Non applicabile                    Istituzione finanziaria               Strumento di credito

PwC                                                                                                                                                                                                                                                                               5
3. Pricing
                                                 Sintesi principali indicazioni
                  Governance
                                  Concessione
                                   del credito
                                                 • Integrazione logiche alla base del modello di pricing in modo da considerare anche il rapporto rischio / rendimento. Le istituzioni finanziarie, nell’ambito
   Framework di
                                                   della determinazione del pricing, sono tenute a considerare:
   monitoraggio
                                3
                                Pricing                  o costo del capitale
                     4                                   o costo del funding
                  Valutazione
                   garanzie
                                                         o costi amministrati e operativi
                                                         o costo del credito
                  Ambito di                              o altri costi associati al credito
                  applicazione
                                                 • Monitoraggio basato sull’analisi combinata delle componenti di determinazione del pricing e il rapporto rischio / rendimento. Gli esiti di tale
                                                   monitoraggio dovrebbero essere utilizzati come input per l’evoluzione modello di pricing (es. adeguamento pricing per strumento di credito con rischio /
 • Requisiti applicabili a
   prestiti e anticipi verso                       rendimento elevato). Le istituzioni finanziarie, nell’ambito del monitoraggio, sono tenute a considerare:
   clientela Consumer e
   Professional                                          o EVA (Economic Value Added)

                                                         o RORAC (Return on Risk Adjusted Capital)

                                                         o RAROC (Risk Adjusted Return on Capital)

   Esclusioni

 • Prestiti e anticipi a istituzioni
   finanziarie, società di
   investimento, assicurazioni e
   riassicurazione, Banche
   Centrali e Autorità nazionali,
   regionali e locali e Pubblica                 Principio di proporzionalità
   Amministrazione
 • Titoli di debito
                                                        Non applicabile           Istituzione finanziaria   Strumento di credito

PwC                                                                                                                                                                                                               6
4. Valutazione garanzie
                                                 Sintesi principali indicazioni
                  Governance
                                  Concessione
                                   del credito
                                                 • Formalizzazione approccio metodologico utilizzato per la valutazione del collateral (immobiliare e mobiliare) dei crediti in bonis e successivo
   Framework di
                                                   aggiornamento (es. desktop, drive-by, full), prevedendo anche un’adeguata rotation dei periti. Per le valutazioni statistiche di garanzie immobiliari, sono
   monitoraggio
                                3                  indicati i requisiti minimi del modello alla base dell’indicizzazione
                                Pricing

                     4
                  Valutazione
                   garanzie
                                                 • Monitoraggio on-going del valore della garanzia (immobiliare e mobiliare), con indicazione di specifici elementi / trigger di rivalutazione (es. LTV,
                                                   stato dell’immobile)

                                                 • Presenza requisiti minimi su periti esterni: i periti dovrebbero rispettare requisiti di professionalità e indipendenza, disporre di un’assicurazione di
                  Ambito di
                  applicazione                     responsabilità professionale di livello adeguato, garantire l’elaborazione di una relazione di valutazione imparziale, chiara, trasparente e obiettiva. Le
                                                   indicazioni prevedono l’assenza di conflitto di interesse in capo al valutatore e ai parenti di primo grado (es. assenza di coinvolgimento nel processo di
 • Requisiti applicabili a                         concessione del credito) e l’assenza di collegamenti tra retribuzione del perito e esito della valutazione peritale
   garanzie immobiliari e
   mobiliari su prestiti e
                                                 • Assessment delle performance dei periti su base continuativa, in particolare in merito all’accuratezza delle valutazioni peritali (con focus su
   anticipi
                                                   concentrazione delle valutazioni peritali effettuate e commissioni pagate al singolo valutatore)

   Esclusioni

 • Garanzie finanziarie su
   prestiti e anticipi
 • Titoli di debito

                                                 Principio di proporzionalità

                                                        Non applicabile          Istituzione finanziaria      Strumento di credito

PwC                                                                                                                                                                                                              7
5. Framework di monitoraggio
                                     Sintesi principali indicazioni
                                     • Sviluppo / evoluzione infrastruttura dati che, in maniera automatica, consenta la raccolta e successiva analisi / elaborazione modulare delle
                                       informazioni (es. granularità dei dati in base alle diverse finalità / destinatari - Supervisory Stress Test, Risk Reporting, ect.)

                                     • Integrazione della base dati con fonti esterne e introduzione di parametri qualitativi da analizzare in combinazione con gli indicatori quantitativi ai fini
                                       del monitoraggio del credito (es. qualità del management, flessibilità dell’azienda nell’adattarsi ai cambiamenti di mercato)

                                     • Correlazione tra periodicità di aggiornamento della valutazione / revisione tecnica e tipologia di creditore / caratteristiche dello strumento di credito
                                       (es. maggiore frequenza in caso di deterioramento della qualità del credito) e sviluppo sinergia con le attività di monitoraggio (es. informazioni richieste
             Ambito di
             applicazione              per l’aggiornamento della valutazione utilizzate come input per il monitoraggio predittivo)

 • Requisiti applicabili ai rischi   • Segmentazione del portafoglio e identificazione di cluster con caratteristiche omogenee
   legati al credito sostenuti
   dall’istituzione finanziaria      • Sviluppo / evoluzione del sistema di early warning, con introduzione di specifici indicatori a livello di cluster di clientela (da analizzare in combinazione
                                       con indicatori di portafoglio e indicatori a livello di debitore / transazione) e attivazione tempestiva del processo di escalation, della gestione attraverso
                                       remediation e del successivo follow up

                                     • Predisposizione framework di monitoraggio - policy e procedure - con indicazioni specifiche sui temi sopra riportati
   Esclusioni

 • Titoli di debito

                                     Principio di proporzionalità

                                            Non applicabile          Istituzione finanziaria     Strumento di credito

PwC                                                                                                                                                                                                     8
Contatti

Competence Leaders

Pietro Penza                          Marcella Di Marcantonio
Partner | +39 3482740422              Associate Partner | + 39 348 1549609

pietro.penza@pwc.com                  marcella.di.marcantonio@pwc.com

Subject-matter Experts

Gabriele Guggiola                     Romina Vignotto
Associate Partner | +39 346 5079317   Associate Partner | + 39 346 0220090

gabriele.guggiola@pwc.com             romina.vignotto@pwc.com

PwC
pwc.com

©2019 PricewaterhouseCoopers Advisory SpA. All rights reserved. PwC refers to PricewaterhouseCoopers Advisory SpA and may sometimes refer to the PwC network. Each member firm
is a separate legal entity. Please see www.pwc.com/structure for further details. This content is for general inforamation purposes only, and should not be used as a substitute for
consultation with professional advisors.
Puoi anche leggere
DIAPOSITIVE SUCCESSIVE ... Annulla