SCUOLA E ADOZIONE linee guida

 
SCUOLA E ADOZIONE linee guida
SCUOLA E ADOZIONE
                                                       linee guida

Libro definitivo Divya Gatti completo.indd 1                   10/04/2014 11:18:34
SCUOLA E ADOZIONE linee guida
Libro definitivo Divya Gatti completo.indd 2   10/04/2014 11:18:34
SCUOLA E ADOZIONE linee guida
SCUOLA E ADOZIONE
                                                           LINEE GUIDA
                                               1. Un insegnante referente per l’Adozione... pag. 6
                                               2. L’accoglienza...................................................... pag. 8
                                               3. Percorso educativo personalizzato............ pag. 11
                                               4. In classe............................................................... pag. 16
                                               5. Scuola-Famiglia................................................. pag. 22
                                               6. Continuità........................................................... pag. 23
                                               7. La rete che sostiene......................................... pag. 27
                                               8. Difficoltà a scuola............................................. pag. 29
                                               9. Diffondere la cultura dell’adozione........... pag. 30

                                                                                                                                         1

Libro definitivo Divya Gatti completo.indd 3                                                                                         10/04/2014 11:18:39
CREMONA : UN IMPORTANTE LAVORO CON LA SCUOLA

                     “E così da quasi due mesi vivo in prima persona quel-      da molti Paesi diversi, tra cui soprattutto Vietnam,
                     la “fase di silenzio” in cui chiunque arriva in un luogo   Ucraina, Bulgaria, Etiopia, Russia, Nepal, India, Co-
                     dove si parla una lingua diversa dalla propria lingua      lombia. Se teniamo presente che anche i bambini “na-
                     madre, immagazzina dati attraverso l’ascolto e la          zionali” spesso non hanno origini italiane, è eviden-
                     comprensione. E’ una fase in cui non si desidera essere    te che la diversità somatica caratterizza quasi tutti i
                     sollecitati più di tanto, in cui si vuole scoprire senza   bambini adottati.
                     forzatura..semplicemente rispettando il silenzio. E in     • Anche i dati forniti dalla Commissione Adozioni
                     cui vorremmo sempre essere compresi e accettati nei            Internazionali (CAI) rispetto all’anno 2012 con-
                     nostri errori...”                                              fermano la tendenza ad un innalzamento dell’e-
                                                       Gianfranco Zavalloni         tà media all’arrivo in Italia dei minori adottati

            D
                                                                                    con l’adozione internazionale, che si attesta sui
                all’analisi dei dati relativi all’età dei bambini adot-             6 anni e in percentuale più del 50% dei bambi-
            tati in Italia e all’estero dalle famiglie del distretto di             ni sono in età scolare.Considerata l’importanza
            Cremona è emerso che più della metà dei bambini                         del ruolo della Scuola come il primo ambiente di
            è nell’età dell’obbligo scolastico. Ciò significa che                   vita extra-famigliare nel quale i bambini speri-
            presto, rispetto al suo arrivo in famiglia, si pone il                  mentano possibilità di integrazione sociale, stru-
            problema dell’ingresso nel mondo della scuola. I dati                   mento di informazione, comunicazione e cultura;
            considerati a partire dall’anno 2000 ci consentono                  yy considerata la specificità della condizione adot-
            di dedurre che più di 200 bambini adottivi stanno                       tiva, in particolare l’influenza delle esperienze
            frequentando le scuole per l’infanzia, le scuole pri-                   sfavorevoli che i bambini giunti all’adozione pos-
            marie e le scuole secondarie del distretto. Il 10% di                   sono aver vissuto, sulla possibilità di esprimere
            questi bambini/ragazzi sono arrivati con l’adozione                     la proprie potenzialità in termini di capacità di
            nazionale e il 90% con l’adozione internazionale                        apprendimento e comportamento adeguate, in
             2

Libro definitivo Divya Gatti completo.indd 4                                                                                       10/04/2014 11:18:39
sintesi la peculiarità dei bisogni affettivi;            L’Ufficio Scolastico Territoriale (UST) in collabora-
               yy viste le esperienze già avviate in altre Provincie       zione con l’A.S.L. hanno realizzato un corso di forma-
                  italiane di collaborazione tra scuola, operato-          zione di tre giornate, tenuto all'inizio dell'anno scola-
                  ri, associazioni, famiglie al fine della stesura di      stico 2011-2012, che promuovesse la condivisione di
                  protocolli/linee guida che, in mancanza di un            un patrimonio culturale comune tra operatori, inse-
                  riferimento normativo sul territorio nazionale,          gnanti e famiglie, relativamente alle tematiche speci-
                  aiutassero ad individuare soluzioni organizzative        fiche dell’ “adozione” e favorisse la costruzione della
                  e buone prassi per l'accoglienza e l' inserimento        rete tra Servizi, Scuola e famiglie adottive. Tale espe-
                  dei bambini adottivi;                                    rienza formativa ha posto le basi per l’individuazione
               yy si è sentito il bisogno di “riflettere insieme” Servi-   di linee-guida operative da proporre a tutte le scuole
                  zi, Scuola e Famiglie sulle modalità di accoglienza      per: l’accoglienza dei bambini adottivi in ingresso ed
                  più opportune a favorire l’inserimento e il monito-      in itinere; la gestione di attività didattiche ad alto si-
                  raggio del percorso scolastico dei bambi adottati e      gnificato emotivo come quelle riguardanti la nascita,
                  quindi promuovere il loro benessere a scuola.            la storia personale, la famiglia, l’identità; la gestione
                                                                           delle situazioni di difficoltà.

                                                                                                                                    3

Libro definitivo Divya Gatti completo.indd 5                                                                                    10/04/2014 11:18:39
T   ale esperienza formativa ha consentito la costitu-     bini adottivi, attraverso la redazione di linee-guida
            zione di un gruppo di lavoro più ristretto, il Gruppo      nazionali.
            di Lavoro Adozione e Scuola, nel quale sono rappre-        Pertanto il “tavolo” di Cremona ha fatto tesoro del
            sentati la Scuola, attraverso insegnanti referenti di      lavoro già svolto e delle linee guida o protocolli già
            diversi Istituti, operatori appartenenti a tutti i Ser-    approvati a livello Provinciale in altre realtà (come
            vizi pubblici e privati che incontrano per le proprie      Modena, Trento e Bolzano, Orvieto, Monza-Brianza).
            competenze le famiglie (Centro Adozioni, ASL, Neu-         L’obbiettivo più importante sarà quello di riuscire
            ropsichiatria Infantile, Consultorio familiare Ucipem,     a diffondere quella cultura dell'adozione che non è
            Gruppo Gamma-servizio di neuropsichiatria infantile        possibile possedere senza una specifica informazio-
            privato accreditato), le famiglie adottive, attraverso     ne ed una mirata formazione.
            un genitore referente dell’Associazione “Genitori Si       A tal fine è opportuno segnalare fra le attività pro-
            Diventa”, con la finalità di portare a termine la ste-     mosse dall' UST di Cremona, all'interno dei percorsi
            sura delle presenti Linee Guida, attraverso le quali       per i neo immessi in ruolo, un incontro dedicato pro-
            la scuola si dota di modalità specifiche di attenzione     prio alle tematiche dell'adozione col quale si è voluto
            per la realtà adottiva.                                    promuovere una prima azione di sensibilizzazione.
            Vale la pena sottolineare che tale intento si è allinea-
            to con l’orientamento del MIUR, che l’8 giugno 2012
            ha emanato la circolare “Rilevazione e studio delle
            problematiche educative connesse all'inserimento
            scolastico dei minori adottati” (DDG n2/I ), ed ha co-
            stituito un apposito gruppo di lavoro presso il MIUR
            stesso, la cui attività sarà finalizzata a uniformare le
            prassi della scuola rispetto all’inserimento dei bam-

             4

Libro definitivo Divya Gatti completo.indd 6                                                                              10/04/2014 11:18:39
LE 3 DOMANDE

               L  e domande individuate come centrali, e comuni            3.   Come accompagnare e sostenere nel tempo il
               a tutte le altre esperienze citate, alle quali si ritiene        benessere del bambino a scuola
               fondamentale poter rispondere per favorire la mi-
               gliore accoglienza e promuovere un positivo inseri-
               mento dei bambini adottivi a scuola sono essenzial-
               mente tre:

               1.   Quando è opportuno che il bambino sia inserito a
                    scuola e in quale classe ?

               2.   C  ome favorire una buona accoglienza e un buon
                    inserimento del bambino nell’ambiente scolastico:
                    quali strategie utilizzare.

                                                                                                                             5

Libro definitivo Divya Gatti completo.indd 7                                                                           10/04/2014 11:18:40
Un insegnante referente
            per l’adozione
            Si è ritenuto opportuno che ogni scuola indivi-
            dui un insegnante referente per l’inserimento dei
            bambini adottati, formato relativamente alle tema-
            tiche specifiche dell’adozione e con specifici compiti.
            La condizione adottiva non può essere assimilata a
            quella dei bambini stranieri immigrati con la propria
            famiglia di origine.

            Vedi ALLEGATO 1

             6

Libro definitivo Divya Gatti completo.indd 8                          10/04/2014 11:18:40
COMPITI DELL’INSEGNANTE REFERENTE

               N  ell’ambito della fase di Accoglienza                       Collaborare con gli insegnanti di riferimento del bam-
               del bambino/a e della famiglia                                bino al “progetto accoglienza” per :
                                                                             • renderli partecipi della complessità che sta alla base
               Porre la famiglia a conoscenza:                                   dell’inserimento del bambino/a
               • degli stili educativi della scuola                          • monitorare il percorso educativo/didattico dello stesso
               • dei progetti inseriti nel POF                               • partecipare agli incontri di rete con altri servizi.
               • delle eventuali esperienze e conoscenze pregresse ri-
                  guardo all’adozione                                        Condividere con la famiglia: (compito da svolgere in
               • delle linee guida per l’inserimento dei bambini adottivi.   collaborazione con le insegnanti di classe)

               I
                                                                             • I bisogni del bambino/a
                nserimento e Accompagnamento                                 • le finalità e gli obiettivi del percorso educativo del
               del bambino/a e della famiglia nel percorso                        proprio figlio/a
               scolastico                                                    • la conoscenza dei codici comunicativi del bambino/a
                                                                                  e  degli elementi esperienziali significativi  della sua
               Offrire alla famiglia:                                             storia.
               • il sostegno psicopedagogico (a cura dello Psicopedago-      • il piano-accoglienza su misura del proprio figlio/a
                   gista dello Sportello, nelle scuole dove presente)        • contribuire alla costruzione di un rapporto di fiducia e
               • la disponibilità a creare collegamenti e collaborare con         di collaborazione tra famiglia e insegnanti attraverso:
                   altre risorse e servizi del territorio, se necessario.    • la valorizzazione del ruolo genitoriale
                                                                             • il mantenimento di un tempo e uno spazio aperto per
                                                                                  la relazione e il confronto reciproco
                                                                             • l’ascolto e la disponibilità “empatica”
                                                                             • la collaborazione sulle attività.
                                                                                                                                           7

Libro definitivo Divya Gatti completo.indd 9                                                                                          10/04/2014 11:18:40
L’accoglienza
             ISCRIZIONE

            A   l primo contatto con la scuola, prima di iscrivere il
            proprio figlio/a, i genitori potranno ricevere informazio-
            ni riguardo all’organizzazione scolastica, al POF adotta-
            to dalla scuola, ai tempi e alle modalità dell’inserimento
            scolastico, tramite un incontro informativo con l’inse-
            gnante referente o il Dirigente ( Vedi ALLEGATO 2).
            La scuola può accettare che il bambino sia iscritto con
            il cognome adottivo anche nel caso in cui la procedura
            sia ancora in fase pre-adottiva (nazionale o internazio-
            nale) per evitare violazioni della privacy in situazioni
            che richiedono la massima tutela. Si ricorda inoltre che
            la cittadinanza del bambino adottato è Italiana in ogni
            caso.

             8

Libro definitivo Divya Gatti completo.indd 10                            10/04/2014 11:18:40
PRIMO COLLOQUIO INFORMATIVO TRA INSEGNANTE REFERENTE
               (DIRIGENTE SCOLASTICO) E FAMIGLIA

               I n questa fase di iniziale approccio, la scuola e la
               famiglia si scambiano le prime informazioni utili
               alla reciproca conoscenza . La scuola raccoglierà
               tutti i dati necessari all’iscrizione:
               ŽŽ     cognome e nome
               ŽŽ     data di nascita
               ŽŽ     provenienza
               ŽŽ     esperienza o meno di scolarizzazione

               I noltre in questa occasione i genitori potranno
               ricevere informazioni dall’insegnante referente
               per l’Adozione, circa:
               ŽŽ gli stili educativi della scuola
               ŽŽ l’organizzazione scolastica
               ŽŽ il POF adottato dalla scuola
               ŽŽ i progetti inseriti nel POF
               ŽŽ le esperienze pregresse della scuola riguardo l’a-
                  dozione
               ŽŽ le linee guida individuate per l’inserimento degli
                  alunni adottati in termini di tempistica e di mo-
                  dalità

                                                                            9

Libro definitivo Divya Gatti completo.indd 11                          10/04/2014 11:18:40
QUANDO AVVIARE LA FREQUENZA SCOLASTICA

            L  a scelta da parte della scuola di accogliere l’iscri-   Occorre inoltre tenere conto dei forti disagi e difficol-
            zione del bambino può non coincidere nei tempi             tà di gestione nella realtà scolastica quotidiana che un
            con l’avvio dell’effettiva frequenza scolastica.           inserimento scolastico troppo precoce o poco rispet-
            A tale proposito si ritiene importante considerare         toso dei tempi del bambino può comportare. Pertan-
            quanto osservato nell’ambito dell’esperienza pro-          to si considera opportuno scoraggiare, nell’incontro
            fessionale e confermato dalla letteratura scientifica,     con i genitori, l’inserimento a scuola di bambini
            rispetto al bisogno prioritario per il bambino di          adottati dopo poche settimane dall’arrivo in Ita-
            costituire il legame di attaccamento con la fami-          lia. Sembra opportuno attendere almeno 4-6 mesi
            glia adottiva.                                             dall’ingresso in famiglia del bambino.

             10

Libro definitivo Divya Gatti completo.indd 12                                                                               10/04/2014 11:18:41
Percorso educativo personalizzato
               Secondo incontro genitori/insegnante referen-
               te/insegnanti di classe: dopo qualche settimana di
               frequenza verrà effettuato un secondo incontro fina-
               lizzato ad accrescere la conoscenza reciproca, utile
               in particolare agli insegnanti per approfondire la
               conoscenza sulla situazione personale e familia-
               re del bambino, così che si possano recuperare in-
               formazioni per formulare un progetto di accoglien-
               za e inserimento individualizzato.

               Vedi ALLEGATO 2

                                                                        11

Libro definitivo Divya Gatti completo.indd 13                         10/04/2014 11:18:41
SECONDO COLLOQUIO TRA INSEGNANTE REFERENTE,
             (DIRIGENTE SCOLASTICO), COORDINATORE DI CLASSE E FAMIGLIA

            A   lla prima fase più burocratica, ne segue un’altra più de-     za del bambino da parte della scuola.
            licata, che va curata con molta attenzione, perché attraver-      Dall’altra parte la scuola si farà garante del diritto alla priva-
            so un lavoro concertato fra scuola e famiglia sarà possibile      cy, avendo cura nel trattare con estrema delicatezza tutte le
            progettare un contesto accogliente e favorevole alla crescita     informazioni che verranno riferite nel corso dei colloqui e
            personale del bambino ed anche costruire un buon avvio            chiarendo anche quali risorse può mettere in campo, al fine
            del percorso scolastico dell’alunno.                              di facilitare la conoscenza reciproca e le modalità d’intera-
            L’occasione per facilitare l’incontro ed il dialogo fra scuola    zione, spiegando l’organizzazione interna della scuola.

                                                                              I
            e genitori adottivi si creerà attraverso un colloquio, nel cor-
            so del quale scuola e famiglia confronteranno le reciproche         n particolare sarà importante per la scuola racco-
            aspettative, individueranno insieme i bisogni impliciti ed        gliere informazioni sulle seguenti aree:
            espliciti del bambino, definiranno e condivideranno stra-
            tegie funzionali ad accogliere il bambino nel suo primo in-
            gresso scolastico .
            Se questa modalità di accoglienza si rivela indispensabile        1- la storia del bambino precedente all’ado-
            nella circostanza del primo inserimento a scuola, tuttavia        zione:
            è buona prassi che un colloquio conoscitivo e di presa in         yy   le notizie importanti e conosciute che riguardano la
            carico dell’alunno si effettui nei cambi di grado scolastico,          storia del bambino prima del suo arrivo nella famiglia
            curando in particolare i passaggi di informazioni fra diversi          adottiva
            ordini di scuole e fra scuola e famiglia.                         yy   percorso scolastico precedente all’adozione, o passaggi
            L’opportunità per la famiglia di presentare personalmente              da un plesso ad un altro, o da una scuola italiana o stra-
            il proprio bambino consente di trasmettere quella parte più            niera ad un’altra
            personale ed emotiva che molto spesso viene trascurata e          yy   eventuali traumi importanti
            che invece può essere estremamente utile per la conoscen-
          12

Libro definitivo Divya Gatti completo.indd 14                                                                                               10/04/2014 11:18:41
2- La sua storia adottiva:                                       yy potenzialità cognitive
                                                                                yy stili di apprendimento
               yy    ascolto della storia adottiva
                                                                                yy autonomia personale (cura di sé)
               yy    quanto tempo ha trascorso in famiglia prima dell’in-
                                                                                yy autonomia nelle attività proposte (giochi, compiti,
                     serimento scolastico
                                                                                altro…)
               yy    abitudini, comportamenti, esigenze del bambino

               yy
                     all’interno del nucleo famigliare
                     come procede il consolidamento del legame con i ge-
                                                                                4- Assistenza post-adottiva a cura di:
                                                                                yy Centro Adozioni A.S.L.
                     nitori adottivi
                                                                                yy Ente Autorizzato
               yy    il bambino conosce la propria storia adottiva?
                                                                                yy Altri ervizi
               yy    Capita che parli spontaneamente della propria condi-
                                                                                L’inserimento scolastico del bambino/a è stato affron-
                     zione adottiva al di fuori dei contesti familiari?
                                                                                tato con il Centro Adozioni di riferimento e/o con altri
               3- Il suo funzionamento nell’area formativa                      operatori?
               ed educativa:
               yy    eventuali atteggiamenti e/o problemi che potrebbero        5 - Tutte quelle informazioni fondamentali e pre-
                     determinare comportamenti insoliti                         ziose che i genitori, in questa fase, ritengono di
               yy    Lingue parlate prima dell’adozione e lingua usata nel-     dover trasmettere in modo da aiutare gli inse-
                     la comunicazione famigliare                                gnanti a riconoscere e dare significato a possibili
               yy    livello di comprensione e utilizzo della lingua italiana   segnali di disagio o difficoltà comportamentali
                     nella vita quotidiana                                      e/o di apprendimento dell’alunno.
               yy    punti di forza e di debolezza del bambino/a in termini     Si ritiene che questi due importanti passaggi conoscitivi
                     di:                                                        possano consentire una facilitazione della comunicazione
               yy    abilità strumentali                                        scuola-famiglia, favorendo una maggiore chiarezza nella
               yy    abilità espressive                                         individuazione di obiettivi comuni .
               yy    abilità motorie                                            Sarà inoltre opportuno prevedere in itinere successivi
               yy    orientamento spazio-temporale                              momenti comuni di verifica e progettazione, utili a quali-
               yy    interazioni con altri bambini                              ficare la scolarizzazione di ogni alunno/a.
                                                                                                                                           13

Libro definitivo Divya Gatti completo.indd 15                                                                                          10/04/2014 11:18:41
INSERIMENTO

            Il principio di riferimento è quello della flessibili-
            tà che la normativa relativa all’autonomia scolastica
            consente (C.M. 24/06 ; D.P.R. 275/99; D.L. 59/04)
            nel mettere a disposizione strumenti per ideare per-
            corsi formativi adattabili allo sviluppo dei bambini
            adottivi. L’équipe pedagogica valuterà attentamente
            sia la possibilità di inserire il bambino in una classe
            precedente a quella indicata per età anagrafica
            sia l’opportunità di avviare la frequenza scolastica
            ad anno iniziato e per un numero ridotto di ore
            al giorno, privilegiando la partecipazione ad attività
            disciplinari che favoriscano le potenzialità espressi-
            ve del bambino per canali non solo linguistici. Uno
            degli insegnanti della classe sarà, per il bambino, la
            figura di riferimento per aiutarlo ad orientarsi nelle
            routines del contesto scolastico.

             Vedi ALLEGATO 3

             14

Libro definitivo Divya Gatti completo.indd 16                         10/04/2014 11:18:42
INSERIMENTO IN CLASSE

               ACCOGLIENZA DI GRUPPO:                                             •   Arrivo: Conoscenza dei tempi-scuola
               •      È importante che sia il gruppo (e non principalmen-         •   Tempo individuale, nel gruppo dei pari, con gli adulti.
                      te l’insegnante) che accoglie il/la nuovo/a arrivato/a.
                      Compito dell’insegnante sarà dunque quello di accom-        MODALITÀ RELAZIONALE:
                      pagnare il gruppo a tale obiettivo progettando con ade-     il gruppo classe diventa specchio accogliente quando per-
                      guato anticipo e in modo condiviso con la classe l’arrivo   mette a ciascun bambino di identificarsi e di differenziarsi,
                      del nuovo/a compagno/a.                                     come individuo.
               •      Per preparare un’accoglienza di gruppo sono fonda-
                      mentali alcune attenzioni:                                  •   TUTTI SIAMO UGUALI E DIVERSI:
                                                                                      yy   Ciascuno ha una propria storia personale “diver
                                SPAZIO                                                     sa”, ma tutti hanno “uguale” diritto all’ascolto vero
                                TEMPO                                                      e al rispetto della riservatezza, nel caso del raccon-
                                RELAZIONI                                                  to.
                                                                                      yy   Ciascuno è portatore di bisogni affettivi e relazio-
               La classe, davanti ad un nuovo arrivo, potrebbe interrogarsi                nali (oltre a quelli strettamente primari)
               e prendere decisioni concrete e condivise su alcuni punti:             yy   Le emozioni e i sentimenti appartengono all’indi-
               SPAZIO:                                                                     viduo, ma al tempo stesso riconosciuti universali
               yy Conoscenza degli spazi scolastici                                        in tutti gli individui.
               yy Utilizzo degli spazi: dalla disposizione dei banchi in
                    aula all’utilizzo degli spazi extra-aula
               yy Vicino a chi? Perché?
               TEMPO:
               • Prima: preparazione all’arrivo
                                                                                                                                              15

Libro definitivo Divya Gatti completo.indd 17                                                                                              10/04/2014 11:18:42
In classe
            E’   fondamentale, al fine di favorire l’integrazione      In particolare il gruppo ha ritenuto necessario trat-
            scolastica, promuovere attività nell’ambito della          tare il tema della “storia personale” in maniera
            progettazione ordinaria che trattino di temi re-           inclusiva, individuando le modalità più appropriate
            lativi alla diversità, all’accettazione dell’altro e al    a favorire la partecipazione attiva di tutti i bambini,
            rispetto reciproco, ponendo particolare attenzione         affinché non si creino discriminazioni.
            ai linguaggi utilizzati e ai modelli di famiglia presen-
            tati, anche attraverso la scelta dei libri di testo.       Vedi ALLEGATO 4

             16

Libro definitivo Divya Gatti completo.indd 18                                                                             10/04/2014 11:18:42
“A scuola tutti dovranno rispettare la mia storia
                e darmi il tempo che mi serve per crescere e per
               imparare”
               (tratto da “La carta dei diritti del bambino adottato”)          hanno perciò un bisogno “speciale” di sentirsi accettati
                                                                                e apprezzati dall’insegnante e dal gruppo dei compagni.

               I  n classe i bambini portano se stessi e il proprio mondo.      Prendendo spunto dal materiale già esistente riguardo
                                                                                al tema in questione di cui si riportano i riferimenti bi-
               Ogni classe diventa così un microcosmo che riflette l’uni-
               verso delle realtà sociali e l’ambiente privilegiato per ac-     bliografici e sitografici nell’Allegato 7, il gruppo ha rite-
               cogliere e riconoscere le storie di ogni bambino. Per poter      nuto di riportare nelle presenti linee-guida alcune indi-
               sostenere i bambini è necessario saper ascoltare le loro         cazioni “di base” ritenute importanti suggerimenti per
               realtà. “La nostra opinione è che la scuola possa dare un        gli insegnanti per poter parlare in classe dell’adozione.
               contributo di grande importanza al benessere dei bambini
               adottati e può farlo su più piani: quello dell’apprendimen-      Sottolineiamo, per inciso, che non è necessario che
               to, quello della socializzazione, quello della definizione del   in classe ci sia un bambino adottato per dire che si
               proprio valore.” (M.Chistolini, 2006).                           può diventare figli tramite l’adozione. Però la pre-
               I bambini adottati, tutti, anche se in misura diversa, han-      senza di un figlio adottivo potrebbe portare doman-
               no vissuto esperienze sfavorevoli, in particolare, quella        de e curiosità anche da parte degli altri bambini.
               dell’interruzione delle relazioni affettive più significative,
               pertanto presentano inevitabilmente una maggiore fragi-          Pertanto siamo convinti che non si possa non parlare di
               lità rispetto alla fiducia in se stessi e nel proprio valore.    adozione a scuola, perché non parlarne significherebbe
               Sentirsi amati dai loro genitori adottivi sicuramente modi-      negare la diversità che caratterizza le famiglie nella società
               fica in positivo l’immagine di sé, tuttavia di fronte ad una     attuale. Si può solo tentare di trovare il modo migliore per
               delusione - l’amico che ti lascia - o ad un insuccesso - un      farlo: il bambino ha bisogno di raccontare la sua storia, con-
               brutto voto a scuola - il pensiero che possa esserci qualco-     dividerla e sentire che viene accettata, come quella degli
               sa di sbagliato in se stesso può riaffiorare, causando sen-      altri. A questo proposito occorre tener presente che spes-
               timenti di inadeguatezza ed esclusione. I bambini adottati       so gli altri bambini hanno un’idea negativa dell’adozione.
                                                                                                                                           17

Libro definitivo Divya Gatti completo.indd 19                                                                                           10/04/2014 11:18:42
Riteniamo che la via più produttiva da percorre-                           e nella costruzione del legame famigliare.
            re per tutti i figli di questo mondo sia quella dell’e-               yy   Perché è necessario che l’insegnante parli in classe
            ducazione alla diversità in tutte le sue forme.                            dell’adozione? Perché in tal modo manda al bambino
            Parlare di adozione:                                                       un messaggio inclusivo e rassicurante: “la tua storia
                                                                                       non è troppo strana, non è necessario tenerla nasco-
            cosa può fare la scuola, come e quando?                                    sta, la possiamo ascoltare tranquillamente”.
            yy      Va da sé che la scuola non possa occuparsi di tutti i         yy   Un approccio che appare efficace consiste nel nominare
                    problemi che riguardano la sfera personale dei bam-                in classe tutte le diversità famigliari, includendo le
                    bini. Possiamo però pensare ad una scuola disponibile              possibili realtà che la classe rappresenta nel proprio
                    ad accogliere tutti i bambini tenendo conto della loro             microcosmo: bambini in affido, in adozione, bambini
                    storia. Immaginiamo una scuola che entra in una rete               con genitori separati che vivono in famiglie ricostituite,
                    di relazioni insieme alla famiglia, agli operatori sociali,        bambini che hanno vissuto lutti importanti. Dare un
                    alle associazioni e ad altri interlocutori coinvolti, che          nome ai diversi modi di essere famiglia consente di
                    possa accompagnare il bambino nel confronto con la                 parlarne con serenità e di legittimarli, in modo tale
                    propria storia, il proprio passato, la propria condizio-           che appaiano di uguale valore agli occhi dei bambini
                    ne, aiutandolo a trovare un equilibrio soddisfacente.              pur riconoscendo le “diversità” che le caratterizza.
                    (Chistolini, 2006)                                            yy   A tale scopo appare importante prestare attenzione
            yy      Certamente è compito della famiglia spiegare al bam-               alla scelta dei libri di testo nella scuola primaria, pre-
                    bino la propria condizione adottiva e aiutarlo a rico-             ferendo quelli che rappresentano le diverse forme di
                    struire la propria storia passata. Per questo l’inse-              famiglia utilizzando un linguaggio adeguato per de-
                    gnante, per poter essere d’aiuto in classe, ha bisogno             scriverle.
                    di parlare con i genitori per sapere come il tema è sta-      yy   Occorre tener presente che i bambini adottati inter-
                    to affrontato in famiglia, a che punto sono i bambini              nazionalmente sono cittadini italiani che desidera-
                    nella rielaborazione della propria condizione adottiva             no sentirsi appartenenti alla famiglia italiana, della
          18

Libro definitivo Divya Gatti completo.indd 20                                                                                                10/04/2014 11:18:42
quale generalmente assorbono rapidamente la cul-                  certo punto della sua vita è stato separato da lei, ha
                      tura. L’insegnante può intervenire e sottolineare tale            trascorso un periodo in un orfanotrofio e ha vissuto
                      appartenenza qualora essa venga messo in dubbio                   esperienze sfavorevoli, prima di essere adottato. Può
                      dagli altri bambini, come a volte accade (“sei maroc-             darsi che tutte queste vicende siano state elaborate e
                      chino, sei cinese”). Ciò non significa negare la diver-           accettate serenamente, ma può anche darsi che siano
                      sità somatica nei casi in cui appare evidente indicato-           ancora presenti pensieri e ricordi disturbanti, ferite
                      re dell’origine del bambino, che va altresì valorizzata           non sanate, soprattutto se il bambino è arrivato da
                      come caratteristica personale distintiva.                         poco tempo nella famiglia adottiva e viene precoce-
               yy     Non è indispensabile realizzare progetti specifici per            mente inserito a scuola. In quest’ultimo caso possia-
                      parlare di adozione in classe, ma è possibile cogliere            mo aspettarci che il bambino manifesti di fronte a tali
                      gli spunti presenti trasversalmente in tutti gli ambiti           argomenti qualche forma di disagio, come distrazione,
                      disciplinari: geografia, religione, storia, lingua ecc., a        agitazione, cali di prestazione, eccetera. Per questo è
                      partire dall’esperienza dei bambini, portando avanti il           opportuno che l’insegnante, prima di iniziare un’atti-
                      lavoro di valorizzazione delle diversità.                         vità con contenuti “sensibili” per l’adozione, avverta i
               yy     Una menzione particolare meritano le attività didatti-            genitori e rimanga in contatto con loro per monitorare
                      che connesse allo studio della storia e della successio-          le reazioni del bambino.
                      ne temporale, in cui i bambini sono sollecitati a pen-        La stessa attenzione va posta alle richieste di portare a
                      sare alla loro nascita, al loro passato e alle diverse fasi   scuola documenti e testimonianze della nascita o dei primi
                      della loro vita. È evidente che la risonanza emotiva di       mesi di vita, oggetti che i bambini adottati nella stragrande
                      queste tematiche sarà diversa per un bambino che è            maggioranza non possiedono.
                      nato e cresciuto senza scosse nella sua famiglia rispet-      yy In generale, l’insegnante nello svolgimento del suo
                      to ad un bambino adottato. Diversamente dagli altri, il           programma quotidiano tocca argomenti che possono
                      bambino adottato spesso è nato in un Paese lontano,               essere “sensibili” per un bambino adottato: guardare
                      da una donna diversa dalla sua mamma attuale, ad un               un film, leggere un racconto dell’antologia, proporre
                                                                                                                                              19

Libro definitivo Divya Gatti completo.indd 21                                                                                              10/04/2014 11:18:42
una scrittura autobiografica, trattare gli aspetti fisio-
                    logici della riproduzione e della nascita… Anche in
                    questi casi non si tratta di evitare l’argomento, ma
                    aver presente la risonanza emotiva che può avere nel
                    bambino/ragazzo e parlarne con i genitori.
            yy      Gli insegnanti possono intervenire anche nei momenti
                    liberi e nelle interazioni spontanee tra bambini, e con
                    la loro autorevolezza possono chiarire la condizione
                    adottiva legittimandola e connotandola in modo po-
                    sitivo.
            yy      A tale scopo di seguito riportiamo alcuni suggeri-
                    menti per poter utilizzare il linguaggio più appro-
                    priato per spiegare l’adozione, rispetto a termini
                    comunemente usati ma che possono dare adito a
                    fraintendimenti e giudizi.

                                                                                          La tabella “Linguaggio” è tratta
                                                                                      “Guida per l’insegnante all’adozione”
                                                                                           Da: Teacher’s Guide to Adoption,
                                                                                (www.familyhelper.net/ad/adteach.html).
                                                                                Trad. italiana a cura del Gruppo Kantutita.
          20

Libro definitivo Divya Gatti completo.indd 22                                                                          10/04/2014 11:18:43
LINGUAGGIO
                Evita questo termine            Preferisci questo termine                    Perché
                Genitore vero                   Genitore di nascita                          Esistono genitori “immaginari”?
                Genitore naturale               Genitore biologico                           I genitori adottivi sono veri quanto quelli biologici
                                                (madre di nascita/biologica,                 La mancanza di legami di sangue non rende un geni-
                                                padre di nascita/biologico                   tore adottivo meno genitore
                                                mamma/papà di nascita)
                                                genitore di nascita;
                                                madre biologica / padre biologico
                                                donna che ha fatto nascere
                Figlio naturale                 figlio di nascita, figlio biologico          Come sopra. Ed esistono figli “artificiali”?
                illegittimo, non voluto         non esiste un termine da preferire           Non si dovrebbe stigmatizzare un bambino a causa
                                                                                             delle circostanze della sua nascita
                Madre nubile                    madre/mamma di nascita                       la parola “nubile” o “non sposata” contiene un giudi-
                                                                                             zio morale
                Rinunciare, dar via,            porre in adozione o (meglio) scegliere       oggi le madri di nascita possono prendere decisioni
                arrendersi, abbandonare, far    l’adozione, lasciare in adozione             responsabili e ben informate
                adottare, mettere in adozione
                Tenere il bambino, prendere     diventare genitore, adottare il bimbo,       “Decise di diventare madre di quel bimbo invece di
                il bambino                      incontrarsi nell’adozione                    scegliere l’adozione”
                Adozione straniera              adozione internazionale, tra paesi diversi   la parola “straniera” ha una connotazione negativa
                Bambino difficile,              bambino con bisogni particolari              danneggia meno la fiducia in sè stesso del bambino
                non facilmente adottabile
                Adotta una strada,              sponsorizza una strada                       le pubblicità usano in modo sbagliato il verbo “adot-
                adotta un parco                 aiuta / sostieni un parco                    tare” come esca commerciale per raccogliere soldi
                                                                                                                                                     21

Libro definitivo Divya Gatti completo.indd 23                                                                                                  10/04/2014 11:18:43
Scuola-Famiglia
            E’stata sottolineata l’importanza di mantenere nel
            tempo rapporti costanti scuola-famiglia, favoren-
            do un continuum educativo scuola-famiglia a soste-
            gno del bambino-ragazzo nel percorso scolastico e
            del monitoraggio delle capacità di apprendimento,
            integrando le diverse immagini che genitori e inse-
            gnanti costruiscono del bambino-ragazzo nei diversi
            contesti di appartenenza, come un arricchimento re-
            ciproco.

             22

Libro definitivo Divya Gatti completo.indd 24                     10/04/2014 11:18:43
Continuità
               Prestare attenzione ai cambiamenti che riguardano
               il percorso scolastico del bambino-ragazzo attivan-
               do una stretta collaborazione tra insegnanti delle
               classi nei momenti di passaggio da un ciclo scola-
               stico all’altro, con passaggio di documentazione e
               informazioni.

               Vedi ALLEGATO 5

                                                                       23

Libro definitivo Divya Gatti completo.indd 25                        10/04/2014 11:18:44
CONTINUITA’

            D   urante l’iter scolastico dell’alunno è fondamentale           erano costruite nel precedente ambiente scolastico, quindi
            mantenere una stretta collaborazione fra scuola e famiglia        crea una discontinuità (perdita) nelle relazioni e può com-
            ed un clima favorevole di scambi, nel rispetto dei differenti     portare un’amplificazione dei vissuti di disorientamento
            ruoli, per la definizione e il monitoraggio del percorso sco-     e un bisogno di certezze e conferme, che sperimentano
            lastico, educativo e formativo.                                   anche i ragazzi non adottati. E’ importante quindi che la

            Sbilitàe nelle
                                                                              scuola sappia riconoscere tali implicazioni emotive per
                           scuole si è in genere attivata una buona sensi-    poter sostenere i ragazzi a far vivere le novità come un
                      nella fase di prima accoglienza dell’alunno adottato,   momento di crescita positiva.

                                                                              I
            tuttavia col passare del tempo è facile che un ragazzo adot-
            tato divenga “come tutti gli altri”, per cui non si presta più       nfatti, quanto più si va avanti nel ciclo di studi, tanto più
            attenzione alla sua specificità. D’altra parte l’essere adot-     diventano imprescindibili i risultati scolastici, che si rag-
            tati rappresenta una condizione esistenziale che accom-           giungono gradualmente e tramite una sommatoria ed una
            pagna la persona per tutta la vita e in alcuni momenti del        integrazione di saperi. Apprendimenti che spesso si scon-
            percorso scolastico, quali quelli del passaggio da un ordine      trano con difficoltà abbastanza comuni nei ragazzi adotta-
            di scuola ad un altro, possono emergere specifici timori e        ti, quali la fatica nel mantenersi costanti su una attività o
            insicurezze che vanno lette e comprese alla luce dell’ado-        uno studio o nell’impegnarsi in qualcosa il cui esito non sia
            zione, al fine di attribuire significati chiari e condivisi.      vicino e concretamente fruibile.

            I  bambini e i ragazzi adottati hanno vissuto interruzioni        A   tali condizioni può essere difficile raggiungere quella
            e importanti perdite di legami affettivi significativi. Tale      serenità che è indispensabile per un buon apprendimen-
            caratteristica della storia personale passata è spesso con-       to. Tra i fattori che possono influenzare una buona pre-di-
            nessa a una fragilità di fondo, che li porta a pensare di non     sposizione allo studio c’è anche la capacità degli adulti di
            valere abbastanza. Il passaggio da un ciclo di studi all’altro    riferimento dei ragazzi (genitori ed insegnanti) di aspet-
            comporta il cambiamento delle figure di riferimento che si        tare e rispettare i loro tempi di apprendimento e l’essere
          24

Libro definitivo Divya Gatti completo.indd 26                                                                                             10/04/2014 11:18:44
consapevoli di quali aspettative li investono. Quando sono           tamenti trasgressivi, prevaricanti o di chiusura nei con-
               troppo elevate possono creare ansia e senso di inadegua-             fronti di compagni ed insegnanti. Tutte queste manifesta-
               tezza nei ragazzi, mentre un buon percorso di orientamen-            zioni sottendono il bisogno di ricevere conferme, la paura
               to fatto dalla scuola media verso la scuola superiore, più           di essere rifiutati o il tentativo di occultare aspetti di sé
               rispondente alle capacità e alle attitudini dei ragazzi, può         vissuti come carenti, fragili, svalutati, dei quali si teme la
               portare ad una riflessione su di sé corretta, critica ma co-         non accettazione o la derisione nel gruppo dei coetanei e
               struttiva, e a svolgere una sana azione di stimolo ed ac-            che celano sentimenti di disistima ed insicurezza. E’ chia-
               compagnamento.                                                       ro che per gli alunni adottati l’adolescenza non è che una

               A
                                                                                    tappa di un lungo e continuo percorso di elaborazione,
                   nche la confusione e la turbolenza emotiva che invade            ma proprio per questo essi hanno bisogno di trovare do-
               la mente dei preadolescenti e degli adolescenti, che comin-          centi che sappiano accogliere i loro bisogni, sentimenti ed
               ciano a misurarsi con la definizione della propria identità,         emozioni, che siano in grado di costruire un gruppo classe
               è un processo ancora più difficile per gli adottati, i quali         accogliente, in cui sia possibile condividere e sentirsi ca-
               rimettono in gioco tutta la loro identità, le loro origini e la      piti, che possano leggere i comportamenti ed i meccani-
               loro storia, per capire chi sono, a chi appartengono, per ri-        smi sottesi che li generano, che sappiano offrire,attraverso
               costruire le loro radici, per riconciliarsi con il passato. Il ri-   le attività scolastiche, occasioni di crescita personali e di
               schio che si acuiscano i conflitti tipici dell’età è molto alto:     confronto col gruppo. In questo senso è imprescindibile
               è necessario capire, ascoltare la loro voce, leggere con le          muoversi in modo coordinato, creando reti fra le scuole,
               giuste lenti i loro bisogni, poiché in un clima di estrema           coinvolgendo il nucleo familiare, al fine di veicolare nel
               turbolenza esistenziale risulta molto difficile fare spazio          modo migliore le informazioni e tenere aperto il dialogo.

                                                                                    R
               per gli apprendimenti. A questa età diventa fondamentale
               per un ragazzo essere accolto ed accettato nel gruppo dei               isulta allora indispensabile accompagnare l’alun-
               pari e l’appartenenza al gruppo viene conquistata anche              no nei diversi momenti di passaggio di ciclo, in modo da
               attraverso strategie di compiacenza, seduttività o compor-           trasformare l’accoglienza da “iniziale” a “permanente”
                                                                                                                                               25

Libro definitivo Divya Gatti completo.indd 27                                                                                               10/04/2014 11:18:44
(M.Chistolini,2006), in modo che divenga una modalità di              dei nuovi arrivati;
            porsi con l’allievo, che lo dovrebbe accompagnare costan-         •   identificare un insegnante all’interno della classe che
            temente nel percorso di studi e che possa divenire una cul-           possa fungere da riferimento;
            tura diffusa nella scuola e trasferibile in tutti i suoi diffe-   •   prestare attenzione, nella scelta della classe, a evitare
            renti gradi. Nella maggior parte delle scuole sono già attive         la concentrazione di specificità diverse e particolar-
            una serie di buone prassi, quali la realizzazione di progetti         mente problematiche;
            continuità che consentano di:                                     •   inserire l’ alunno in una classe in cui sia affiancato a
                                                                                  compagni già conosciuti;
            •       creare occasioni di confronto in cui si curi il passag-   •   costruire, all’interno della classe, un buon clima rela-
                    gio di informazioni fra docenti di differenti ordini di       zionale attraverso attività che sensibilizzino gli allievi
                    scuola ;                                                      all’accoglienza, alla valorizzazione delle diversità,
            •       programmare un colloquio conoscitivo e di presa               all’inclusione.
                    in carico dell’alunno in occasione di ogni cambio di
                    grado scolastico;
            •       predisporre incontri sia iniziali, sia in itinere, fra
                    docente referente e coordinatore di classe con la
                    famiglia, al fine di favorire le comunicazioni ed ag-
                    giornarle alla maturazione personale e degli appren-
                    dimenti dell’allievo;
            •       organizzare giornate di scuola aperta, in cui si possa
                    familiarizzare con il nuovo ambiente tramite visite
                    alla scuola e incontri con compagni ed insegnanti in
                    momenti preliminari all’effettiva frequenza;
            •       istituire figure di allievi tutor che si prendano cura
          26

Libro definitivo Divya Gatti completo.indd 28                                                                                           10/04/2014 11:18:44
La rete che sostiene
               I l “monitoraggio” del percorso del bambino-ragazzo
               e del suo benessere a scuola include la necessità a es-
               sere disponibili a lavorare in rete in maniera coordi-
               nata tra scuola, famiglia e servizi (Centro Adozioni
               e Neuropsichiatria Infantile) che seguono o conosco-
               no il bambino e la sua storia, attraverso periodici in-
               contri di verifica.

               Vedi ALLEGATO 6

                                                                           27

Libro definitivo Divya Gatti completo.indd 29                            10/04/2014 11:18:44
LA RETE: servizi che si rivolgono alla famiglia
             Il gruppo di lavoro ha istituito un contatto cui ci si può rivolgere per
             necessità riguardo a tematiche inerenti l’adozione
            CENTRO ADOZIONI – CONSULTORIO ASL                               NEUROPSICHIATRIA INFANTILE
            Distretto Cremona: Vicolo Maurino, n°12 Tel:0372497817          AZIENDA ISTITUTI OSPEDALIERI DI CREMONA
            adozioni.cremona@aslcremona.it                                  U.O. territoriale di Cremona
            Distretto Crema: V. Gramsci, Tel: 0373899383                    Via S. Maria in Bethlem, n°3
            adozioni.crema@aslcremona.it                                    Tel: 0372405930 - 405950
            Distretto Casalmaggiore: V. Azzo Porzio,n°73– 0375284161        CONSULTORIO UCIPEM CREMONA
            consultorio.casal@aslcremona.it                                 FONDAZIONE ONLUS
            UFFICIO SCOLASTICO TERRITORIALE DI CREMONA                      Via Milano, n° 5/c – Cremona
            yy Per le scuole dell’infanzia e primarie di Cremona città:     Tel: 037220751 o 037234402, cell.: 3286243539;
                IC Cremona 1 : Maestra Elisabetta Gaimarri:                 segreteria@ucipemcremona.it
                eligaimi@gmail.com                                          SOC. COOP. SOCIALE GRUPPO GAMMA
            yy Per le scuole secondarie di I e II grado di Cremona città:   Polo Territoriale di Neuropsichiatria Infantile
               IC Cremona 3 : Prof.ssa Gloria Joriini:                      dell’Infanzia e dell’Adolescenza,
               gloriajoriini@libero.it                                      Servizio Privato Accreditato
            yy Per tutte le scuole della provincia di Cremona :             Sede Operativa: Via Bonomelli, n° 81 - Tel: 0372415603;
               IC Castelverde: Maestro Mario Zelioli:                       adozionescuola@coopgruppogamma.it
               mariozelioli@fastpiu.it
                                                                            AZIENDA SOCIALE CREMONESE
            ASSOCIAZIONE “GDS                                               Via S. Antonio del Fuoco, n°9 – Tel:0372803440;
            Genitori Si Diventa ONLUS”                                      info@aziendasocialecr.it
            Sede Locale -Punto Informativo Castelverde (CR)
            diventarecr@genitorisidiventa.it

          28

Libro definitivo Divya Gatti completo.indd 30                                                                                  10/04/2014 11:18:45
Difficoltà a scuola
               Quando un bambino/ragazzo presenta in ambito        la lettura e la comprensione del suo disagio deve te-
                                                                   ner conto della componente emotiva correlata
               scolastico difficoltà di apprendimento, comporta-
               mento o di altra natura,                            alla condizione adottiva.

                                                                                                                      29

Libro definitivo Divya Gatti completo.indd 31                                                                      10/04/2014 11:18:45
Diffondere la cultura dell’adozione
            L  a scuola, consapevole del fatto che la presenza de-
            gli alunni adottati è un dato strutturale che riguar-
            da l’intero sistema scolastico, si impegna a curare
            la sensibilizzazione dei docenti alle problematiche
            dell’adozione promuovendo appositi momenti for-
            mativi-informativi e/o segnalando le proposte
            provenienti da agenzie esterne.

            Vedi ALLEGATO 7

             30

Libro definitivo Divya Gatti completo.indd 32                        10/04/2014 11:18:45
BIBLIOGRAFIA - SITOGRAFIA

                                                yy   “Carta dei diritti del bambino adottato”
                                                yy   M. Chistolini (a cura di) “Scuola e Adozione ” ed.
                                                     Franco Angeli, 2006
                                                •    “Protocollo accoglienza bambini adottivi”- Direzione
                                                     Didattica Orvieto Capoluogo (scaricabile da Internet)
                                                •    “Tracce. L’ Adozione e altre storie” realizzato dall’e-
                                                     quipe adozioni dell’Azienda USL di Rimini (scaricabile
                                                     da Internet)
                                                •    www.genitorisidiventa.org
                                                •    www.adozionescuola.it
                                                •    www.coordinamentocare.org

                                                                                                             33
                                                                                                             31

Libro definitivo Divya Gatti completo.indd 33                                                             10/04/2014 11:18:45
_______________________________________________________________________________
                        _______________________________________________________________________________
                        _______________________________________________________________________________
                        _______________________________________________________________________________
                        _______________________________________________________________________________
                        _______________________________________________________________________________
                        _______________________________________________________________________________
                        _______________________________________________________________________________
                        _______________________________________________________________________________
                        _______________________________________________________________________________
                        _______________________________________________________________________________
                        _______________________________________________________________________________
                        _______________________________________________________________________________

                                                                                            Progetto grafico di Divya Gatti
                                                                    Illustrazioni di Campisi Michela, De Camargo Isidora,
                                                                          Carotti Riccardo, Gatti Divya, Mazzolini Rossano,
                                                                                                Osio Floriana, Zanotti Elisa.
                                                                               Liceo Artistico “Bruno Munari” di Cremona

             32

Libro definitivo Divya Gatti completo.indd 34                                                                           10/04/2014 11:18:50
Libro definitivo Divya Gatti completo.indd 35   10/04/2014 11:18:50
Libro definitivo Divya Gatti completo.indd 36   10/04/2014 11:18:53
Puoi anche leggere
DIAPOSITIVE SUCCESSIVE ... Annulla