Piano Triennale dell'offerta Formativa 01 Gennaio 2016- 31 Agosto 2016 Anno Scolastico 2016-2017 Anno Scolastico 2017-2018

 
Piano Triennale dell'offerta Formativa 01 Gennaio 2016- 31 Agosto 2016 Anno Scolastico 2016-2017 Anno Scolastico 2017-2018
ISTITUTO COMPRENSIVO “A. MONTINI”
                   CASTELNUOVO DEL GARDA
       Tel .045/7570117 – 045 7571116 Fax 045/6461070
              C.F. 93128290231 C.M. VRIC837002
               info@scuolacastelnuovodg.gov.it
            http://www.scuolacastelnuovodg.gov.it
               PEC: vric837002@pec.istruzione.it
                    VIA DEGLI STUDI, 1
               37014 CASTELNUOVO D/G – VR

Piano Triennale dell’offerta Formativa

 01 Gennaio 2016- 31 Agosto 2016
    Anno Scolastico 2016-2017
    Anno Scolastico 2017-2018

                              7
SOMMARIO
IL PIANO TRIENNALE DELL’OFFERTA FORMATIVA ...................................................................... 10
PRINCIPALI INDIRIZZI GUIDA PER L'ELABORAZIONE DEL P. T. O. F. ............................... 11
PRESENTAZIONE CONTESTO IN CUI HA SEDE LA SCUOLA ................................................... 12
    ALL. 1: Presentazione contesto in cui ha sede la scuola ........................................................................ 12
RETI INTERNE E RETI ESTERNE ............................................................................................................... 13
     .................................................................................................................................................................... 13
FINALITÀ DELLA SCUOLA ....................................................................................................................... 15
  ORGANIZZAZIONE DEL PERSONALE AMMINISTRATIVO E AUSILIARIO....................... 16
    Ufficio Area 1 (sportello) ................................................................................................................. 16
    Ufficio Area 2 (amministrazione e gestione informazione) ............................................ 17
    ALL. 2: specifica funzioni degli uffici amministrativi. ........................................................ 17
  LE NOSTRE SCUOLE .............................................................................................................................. 18
    LA SCUOLA PRIMARIA ...................................................................................................................... 18
         PLESSO DI CASTELNUOVO ........................................................................................................ 18
         PLESSO DI CAVALCASELLE ........................................................................................................ 18
         PLESSO DI SANDRÀ ...................................................................................................................... 18
    LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO........................................................................ 20
         LE CLASSI .......................................................................................................................................... 20
ORGANIZZAZIONE DIDATTICA ............................................................................................................ 21
    ALL 3: documento RAV- .................................................................................................................. 21
    vedi il RAV pubblicato sul sito www.scuolacastelnuovodg.gov.it nella sezione
    Scuola in chiaro ................................................................................................................................... 21
  AZIONI COERENTI CON IL PIANO DELLA SCUOLA DIGITALE ........................................... 21
    SEGRETERIA DIGITALE.................................................................................................................... 22
    CURRICOLI DI ISTITUTO ................................................................................................................ 22
    SCHEDE DI DIDATTICA LABORATORIALE e CONDIVISIONE DI “BUONE PRASSI”
    –LE COMPETENZE .............................................................................................................................. 22
PROGETTI DI ISTITUTO ........................................................................................................................... 23
    AREA DEI PROGETTI/ATTIVITA’ SPORTIVE ............................................................................ 23
    AREA DEI PROGETTI DI EDUCAZIONE alla CITTADINANZA........................................... 23
    AREA DEI PROGETTI di RECUPERO e POTENZIAMENTO .................................................. 23
    AREA dei PROGETTI di CONTINUITA’-ACCOGLIENZA e ORIENTAMENTO ................ 23
    AREA DEI PROGETTI TERRITORIO con NOI ........................................................................... 24
    AREA DEI PROGETTI per il BENESSERE .................................................................................. 24
    AREA DEI PROGETTI di LINGUA e CULTURA ......................................................................... 24
    AREA DEI PROGETTI PON-FESR .................................................................................................. 24
    AREA DEL PROGETTO SICUREZZA NELLE SCUOLE ............................................................ 24
    AREA SUI CONCORSI ....................................................................................................................... 25
    ALL 4: schede progetti nelle diverse aree di attività. ............................................................................. 25
ORGANIZZAZIONE DELLA SCUOLA nell’ambito dell’Autonomia Scolastica e
REGOLAMENTAZIONE INTERNA ........................................................................................................... 26
  MODALITA’ di ATTUAZIONE di FLESSIBILITA’ DIDATTICA nella SCUOLA PRIMARIA
  e SECONDARIA ........................................................................................................................................ 26
  ORGANIZZAZIONE DEGLI AMBIENTI DI APPRENDIMENTO................................................ 26
  DIREZIONE ................................................................................................................................................ 27
  RAPPORTI CON LE FAMIGLIE ............................................................................................................ 27
  FUNZIONI STRUMENTALI AL PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVAE REFERENTI DI
                                                                                     8
PROGETTO/ATTIVITÀ ............................................................................................................................ 28
  2 Referente della Scuola Secondaria per la CONTINUITA’ PRIMARIA/ SCUOLA
  SECONDARIA ............................................................................................................................................ 29
  REFERENTE PER L’ORIENTAMENTO ................................................................................................ 29
  1. Referente della Scuola Secondaria ........................................................................................ 29
  Organizza e coordina le attività volte a una scelta consapevole della Scuola
  Secondaria di Secondo Grado. ......................................................................................................... 29
  RILEVAZIONI FABBISOGNI - RISORSE UMANE E FINANZIARIE PER LA
  REALIZZAZIONE DEL PTOF ................................................................................................................ 29
  COMITATO VALUTAZIONE ................................................................................................................... 30
  QUESTIONARI DI SODDISFAZIONE............................................................................................... 31
  RENDICONTAZIONE SOCIALE........................................................................................................... 31
  REGOLAMENTI DI ISTITUTO ............................................................................................................. 32
  PARTECIPAZIONE A RETI DI SCUOLA ........................................................................................... 33
  PROTOCOLLO di INTESA COMUNE CASTELNUOVO DEL GARDA e ISTITUTO
  COMPRENSIVO ......................................................................................................................................... 33
  SCAMBI CULTURALI ............................................................................................................................... 33
  SICUREZZA E PRONTO INTERVENTO ............................................................................................ 33
  ORGANI COLLEGIALI ............................................................................................................................ 34
    ALL. 6: Gli Organi Collegiali nella Scuola Italiana............................................................... 34
LA VALUTAZIONE NELL’ISTITUTO ....................................................................................................... 34
  LA VALUTAZIONE DEL PERCORSO DI APPRENDIMENTO DEGLI ALUNNI ..................... 34
    ALL 7: griglia osservazione periodica nell’ottica della valutazione delle
    competenze sociali e civiche. ....................................................................................................... 35
    ALL 8: Scheda di valutazione classe prima ............................................................................ 35
    ALL 9: Griglia di valutazione classi II-III ................................................................................ 35
    ALL 10: Griglia di valutazione classi IV V ............................................................................... 35
    ALL 11- Griglia di valutazione classi I- II-III ......................................................................... 35
    ALL 12- Griglia di valutazione classi IV V ............................................................................... 35
    ALL 15- descrittori comportamento Scuola Secondaria ................................................... 36
    ALL 16 - descrittori di valutazione degli apprendimenti Scuola Secondaria .......... 36
    ALL 17- griglia di correzione testo italiano............................................................................. 36
    ALL 18 - griglia di correzione prova di matematica ........................................................... 36
    ALL 19- griglia di correzione prova in lingue straniere..................................................... 36
    ALL 20- traccia di giudizio sul colloquio pluridisciplinare ................................................ 36
    Certificazione competenze classi quinte e terza media.................................................... 36
    ALL 21- certificazione delle competenze fine classe V ..................................................... 36
    ALL 22 – certificazione delle competenze fine classe III Scuola secondaria 1° ... 36
    ALL 23 – Piano di Miglioramento vedi il Pdm sul sito
    www.scuolacastelnuovodg.gov.it ................................................................................................ 36
    ALL 24- Atto di Indirizzo del Dirigente Scolastico ............................................................... 36
    ALL 25- Piano Annuale dell’Inclusione...................................................................................... 36
    ALL 26- Piano Formazione Docenti a.s. 2016-17 ................................................................ 36
  VALUTAZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL’OFFERTA FORMATIVA ............................... 36
    Il presente documento è stato deliberato all’unanimità, con delibera 8 del 9
    settembre 2016 dal Collegio dei docenti della Scuola Primaria e Secondaria di I
    grado e approvato dal Consiglio d’Istituto con delibera 26 dell’11 ottobre 2016.
    .................................................................................................................................................................... 37

                                                                                    9
IL PIANO TRIENNALE DELL’OFFERTA FORMATIVA

È il DOCUMENTO fondamentale costitutivo dell’identità culturale, pedagogica,
didattica e progettuale dell’Istituto Comprensivo di Castelnuovo del Garda
Ne esplicita:
- i principi didattico – pedagogici
- la struttura organizzativa
- la progettazione educativa.

È collegato al territorio ed è coerente con le attività che si svolgono nell’Istituto.

Esprime la responsabilità di tutti coloro che operano nella Scuola.

Interpreta con flessibilità le esigenze, introducendo innovazioni, potenziando il
curricolo e arricchendo l’offerta formativa.

                                            10
PRINCIPALI INDIRIZZI GUIDA PER L'ELABORAZIONE DEL P. T. O. F.

                 (Indicati dall’ ATTO DI INDIRIZZO DEL DIRIGENTE)

FLESSIBILITÀ DIDATTICA E CURRICOLARE
Progettare azioni finalizzate ad elevare la qualità dell'insegnamento, attivare forme di
recupero, sostegno, approfondimento e studio assistito, favorire l'integrazione di tutti
gli alunni, attuare forme di flessibilità per lavorare con gruppi articolati in fasce di
livello, per garantire ad ognuno il successo formativo.

ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE
Facilitare l’integrazione dei ragazzi immigrati nel nuovo contesto sociale.
Costruire un approccio educativo capace di favorire una dialettica costruttiva tra
identità e alterità, allontanando il più possibile la concezione di diversità come
inferiorità.
Riconoscere e valorizzare le diversità, promuovere le potenzialità di ciascuno
adottando tutte le iniziative utili al raggiungimento del successo formativo.

COINVOLGIMENTO DELLE FAMIGLIE
Favorire la collaborazione tra scuola e famiglia per assicurare l'efficacia dell'offerta
formativa, la sua capacità di diversificarsi in base alle inclinazioni di ciascun studente.
Il "clima", l'armonia e il buon funzionamento di ogni istituzione scolastica dipendono
in buona misura dal modo in cui gli studenti e le famiglie collaborano con la scuola.
Si recupera così pienamente la centralità dello studente nel processo di
insegnamento-apprendimento, con tutte le necessarie conseguenze in termini
organizzativi, didattici ed educativi. La scuola dell'autonomia chiama i suoi soggetti a
essere protagonisti con pari dignità, nella diversità di funzioni di ciascuno.

CONFRONTO E COLLABORAZIONE
Favorire la collaborazione, intesa come progettazione e coordinamento delle diverse
iniziative proposte dalla scuola, in accordo con Enti e Associazioni locali. Ogni
proposta deve essere mirata alle necessità ed ai bisogni di tutte le componenti
scolastiche per diventare un efficace supporto educativo.

CONTINUITÀ ORIZZONTALE E VERTICALE
La continuità sottolinea il diritto di ogni bambino e di ogni ragazzo a un percorso
scolastico unitario, organico e completo e si pone l’obiettivo di attenuare le difficoltà
che spesso si presentano nel passaggio tra i diversi ordini di scuola; per questo
richiede un percorso coerente che valorizzi le competenze già acquisite dai bambini
e dai ragazzi e riconosca la specificità e la pari dignità educativa di ogni scuola.

COLLEGIALITÀ
Incrementare la collaborazione tra le varie componenti del personale che opera
nella scuola, per il raggiungimento di obiettivi comuni.
Rafforzare il clima di collaborazione attraverso la stima reciproca, umana e
professionale fra docenti e nei confronti di coloro che svolgono attività istituzionali,
progettuali ed operative.

                                            11
PRESENTAZIONE CONTESTO IN CUI HA SEDE LA SCUOLA

Si allega “presentazione del contesto in cui ha sede la scuola”, documento di analisi del territorio del
Comune di Castelnuovo del Garda dal punto di vista socio-culturale, storico ed economico.

ALL. 1: Presentazione contesto in cui ha sede la scuola

                                                     12
RETI INTERNE E RETI ESTERNE

                                     RETI ESTERNE

    BIBLIOTECA                                            U.S.S.L.
    Visita da parte delle                                 Progetti di integrazione
    classi, collaborazioni                                per alunni certificati;
    in manifestazioni varie.                              progetti di educazione
                                                          alla salute.

                                     SCUOLA

                                                       TERRITORIO
    FAMIGLIE                                           Amministrazione
    Incontri, assemblee e                              comunale
    colloqui per                                       Associazioni sportive;
    condividere il                                     Associazioni volontariato
    progetto educativo.                                Parrocchia
                                                       Comitato Genitori

    ENTE LOCALE                                     PROGETTI IN RETE
    Trasporti scolastici, mensa, trasporti          CONALTRE SCUOLE
    scolastici e per manifestazioni                 Rete scuole a Indirizzo
    sportive e altre uscite legate a                Musicale (Scuola Capofila)
    progetti, rappresentazioni teatrali,            OrientaVerona
    finanziamenti progetti, progetti in             Intercultura: "Tante Tinte"
    rete.                                            CTI per l'Integrazione
    Accademia Musicale                              Fare per certificare
    DIM Teatro Comunale                             Cittadinanza e Costituzione
    Biblioteca comunale
    Servizi sociali ecc.

                                             13
Comitati vari
     dei genitori
                                     RETI INTERNE                    rappresentanti
                                                                     del Consiglio
       (mensa,                                                          d'Istituto
      Comitato
    genitori, ecc)

                                        DIRIGENTE
 Rappresentati
 del Consiglio                         SCOLASTICO
   d'Istituto
                                                                              ATA
                                           ALUNNI
 GENITORI
                                                                        addetti al servizio
                                                                           antincendio,
 rappresentanti di                                                      Primo Soccorso e
      classe                                                                 Gestione
                                                                            emergenze

                                          DOCENTI
  rappresentanti
  del Consiglio
     d'Istituto
                                                                             funzioni
                                                                           strumentali:
                                                                              Greco-
   collaboratori del                                                       Meneghini,
       dirigente                                                             Ambrosi
      scolastico:
        Imberti,
      Zanoncelli
                                                                              Commissioni:
                                                                               Scalzone,
                                                                               Fraizzoli,
     referenti di plesso                                                        Alesso
        Rosati, Buio,
          Dorizzi,
       Farina, Pacino,                                                  delegati R.S.U.
          Ambrosi                                                          Ambrosi,
                                                                            Sannino

                                Animatore digitale:         addetti al servizio
                                    prof. Greco            antincendio, Primo
Commissioni e                e docenti Scuola Digitale:   Soccorso e Gestione
  referenti di             Zanoncelli, Palermo. Lembo.         emergenze
 commissione                Dorizzi, Meneghini, Farina.
                                      Pacino

                                                 14
FINALITÀ DELLA SCUOLA

La scuola si impegna nei confronti delle famiglie e di ogni alunno a raggiungere le
seguenti finalità specifiche:
✓ Favorire la progressiva maturazione della coscienza di sé;
✓ Sviluppare l'autostima e la consapevolezza dei propri bisogni, limiti e possibilità;
✓ Sviluppare la consapevolezza dei propri processi mentali e stili di apprendimento;
✓ Valorizzare le potenzialità di ciascun bambino o bambina, ragazzo o ragazza,
    preoccupandosi di offrire occasioni di sviluppo della personalità in varie direzioni;
✓ Favorire lo sviluppo dell'autonomia individuale come capacità di gestire le risorse per
    superare gli ostacoli;
✓   Favorire la capacità di cercare informazioni, assimilarle ed utilizzarle in modo
    efficace e funzionale a scopi specifici;
✓ Favorire la relazione con gli altri e le altre basata sul riconoscimento e sul rispetto
    dell'altrui diversità, sviluppando forme e modalità di comunicazione e cooperazione
    improntate ai principi della democrazia e della valorizzazione delle differenze;
✓ Favorire la conoscenza del mondo e della società attuale e stimolare le capacità
    critiche;
✓ Sviluppare la motivazione allo studio, favorendo, attraverso la pluralità e la diversità
    delle esperienze, la strutturazione di una mentalità attiva e aperta ai diversi punti di
    vista;
✓ Garantire l'acquisizione dei saperi fondamentali (linguistici, espressivi e operativi,
    scientifici matematici e artistici) e della capacità di servirsi degli strumenti, dei
    laboratori e delle strutture a disposizione;

Queste finalità vanno perseguite attraverso un percorso unitario, progressivo ed
orientante, nel rispetto delle peculiarità di ciascuna fascia d'età e dell’unicità
dell’alunno/a.
Ciò si raggiunge attraverso un coordinamento dell'attività educativa e didattica di tutti i
docenti dell'Istituto, per un più efficace processo di insegnamento - apprendimento,
garantendo la continuità e la coerenza del processo educativo, la ricerca ed il confronto
di obiettivi, metodologie e valutazioni.

                                               15
ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO

Dirigente scolastico:                     Annapia De Caprio
Collaboratori del dirigente scolastico:   Giovanna Imberti
                                          Anastasia Zanoncelli

Referenti di plesso: (secondaria)         Ambrosi Monica
(primaria Castelnuovo)                    Assunta Rosati, Elisa Dorizzi, Mirella Buio,
(primaria Cavalcaselle)                   Paola Farina
(primaria Sandrà)                         Tiziana Pacino

Direttore dei servizi Generali e Amministrativi:                 n. 5 Assistenti
Sprio Francesco                                                  amministrativi

n. 14 collaboratori scolastici

ORGANIZZAZIONE               DEL       PERSONALE            AMMINISTRATIVO                    E
AUSILIARIO
Per realizzare le attività e le diverse iniziative che si svolgono nell’Istituto è
importantissimo il contributo del personale amministrativo e ausiliario.
Fattori di qualità dei servizi amministrativi:
      Celerità delle procedure: il rilascio dei certificati e delle documentazioni
      richieste avviene entro 3 - 5 giorni.
      Trasparenza: è garantito, a chiunque vi abbia interesse per la tutela delle
      situazioni giuridicamente rilevanti, il diritto di accesso ai documenti,
      secondo le modalità stabilite dalla legge.
      Flessibilità orari: la flessibilità di orario del personale di segreteria evita
      tempi lunghi di attesa.

Per pratiche complesse           e   lunghe   è    consigliato   concordare        l’orario   su
appuntamento.

Funzionamento degli Uffici dal lunedì al venerdì - sabato chiuso

7:30- 14:45        tutti i giorni

Apertura al pubblico e ricevimento telefonate

7:30 – 8:30        dal Lunedì al Venerdì solo telefonate
12:00 - 14:00      dal Lunedì al Venerdì telefonate e ricevimento

Gli uffici sono così organizzati:

Ufficio Area 1 (sportello)
      Gestione degli alunni
      Gestione del personale

                                              16
Ufficio Area 2 (amministrazione e gestione informazione)

     Contabilità
     Diritto allo studio
     Patrimonio
     Sicurezza (D.L. 626/1994)
     Organi Collegiali
     Accesso atti (Legge 241/1990)
     Sito internet
     Posta elettronica

ALL. 2: specifica funzioni degli uffici amministrativi.

                                     17
LE NOSTRE SCUOLE

                         LA SCUOLA PRIMARIA
L’istituto comprende le scuole primarie di Castelnuovo, Cavalcaselle e Sandrà
con un numero complessivo di 670 alunni

                          PLESSO DI CASTELNUOVO

  classi          1^               2^             3^             4^             5^
    A             22               20             21             25             23
    B             23               19             24             24             21
    C             22               24             19             22             19
    D             21               24             19             19             16
TOTALE            88               87             83             90             79
429

                           ORARIO SETTIMANALE
                                                          Rientri dalle 14.05 alle 16.05
                                                                 Lunedì classi1^
  SETTIMANA STRUTTURATA
                                  dal lunedì al venerdì         Martedì classi2^
  su 5 GIORNI con n.1 rientro
          settimanale
                                      8.05 – 13.05             Mercoledì classi 3^
                                                                Giovedì classi4^
                                                                Venerdì classi5^
                                  dal lunedì al venerdì
TEMPO PIENO e TEMPO MISTO             8.05 – 16.05

                         PLESSO DI CAVALCASELLE

   classi          1^              2^             3^             4^             5^
     A             25              16             18             24             14
     B                                            17                            19
TOTALE140          25              16             35             24             33

                           ORARIO SETTIMANALE
       SETTIMANA                                          Rientri dalle 14.05 alle 16.05
      STRUTTURATA               dal lunedì al venerdì        Lunedì classi 1^ e 3^
  su 5 GIORNI con n.1               8.05 – 13.05              Martedì classi 2^ 4^
   rientro settimanale                                        Mercoledì classi 5^
                                Dal lunedì al venerdì
      TEMPO PIENO
                                     8.05-16.05

                                PLESSO DI SANDRÀ
     classi         1^             2^             3^             4^             5^
A                  14              21             19             20             19
B                  14
TOTALE 104         28              21             19             20             19

                                           18
ORARIO SETTIMANALE
                                                             Rientri dalle 14.05 alle 16.05
 SETTIMANA STRUTTURATA                                              Lunedì classi1^
                                   dal lunedì al venerdì
 su 5 GIORNI con n.1                                            Martedì classi 2^ e 3^
                                   8.05 – 13.05                Mercoledì classi 4^ e 5^
 rientro settimanale

         ORARIO OBBLIGATORIO DISCIPLINE SCUOLA PRIMARIA
                   CLASSE1°        CLASSE2°       CLASSE3°      CLASSE4°        CLASSE5°
     Italiano            8              7              6              6              6
     Storia e
                         2              3              3              3              3
    Geografia
   Matematica            7              6              6              6              6
     Scienze             1              1              1              2              2
   Tecnologia            1              1              1              1              1
     Inglese             1              2              3              3              3
     Musica              1              1              1              1              1
     Arte e
                         1              1              1              1              1
   Immagine
     Scienze
                         2              2              2              2              2
     motorie
    Didattica
                         1              1              1              0              0
  laboratoriale
 I.R.C./Attività
                         2              2              2              2              2
   Alternativa
È prevista una certa flessibilità nella suddivisione oraria settimanale, legata
all’organizzazione delle attività.

ORGANIZZAZIONE DEI DOCENTI
L’organizzazione della scuola prevede la presenza in alcune classi di un insegnante
prevalente, che svolge cioè un numero di ore settimanali superiore rispetto ai colleghi;
in altre classi invece vi è una suddivisione paritaria degli ambiti (gruppi di discipline).
Nell’orario settimanale risultano alcune ore in cui i docenti sono presenti
contemporaneamente: sono ore dedicate alle attività alternative alla Religione Cattolica,
alle attività di recupero e potenziamento, ai laboratori, all’insegnamento in piccolo
gruppo.
Nella scuola Primaria di Castelnuovo è iniziato per le classi prime sezioni C-D il Tempo
Misto, con alcuni alunni che seguono l’orario del tempo normale ed altri che usufruiscono
dei pomeriggi del tempo pieno per attività di compiti assistiti e didattica laboratoriale.
Nella scuola Primaria di Cavalcaselle alcuni bambini delle varie classi hanno scelto
l’offerta del Progetto Scuola Più, che offre la possibilità di permanere nell’edificio
scolastico, per studio e compiti assistiti e potenziamento in attività laboratoriali ed extra-
didattiche.
Nella scuola Primaria di Sandrà gli alunni delle varie classi possono scegliere il Progetto
Scuola Più, che offre la possibilità di permanere nell’edificio scolastico, per studio e
compiti assistiti e potenziamento in attività laboratoriali e extra-didattiche.

                                             19
LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

La Scuola Secondaria si trova a Castelnuovo.

                               LE CLASSI
Sono presenti nella Scuola Secondaria, 16 classi. In totale frequentano358
alunni, così suddivisi:

  Sezioni / classi             1^                    2^                     3^
        A                      18                    21                     23
        B                      24                    25                     21
        C                      19                    23                     22
        D                      22                    22                     22
        E                      17                    25                     21
        F                      21                    24
        G                      21
TOTALE 391                    142                   140                    108

                             ORARIO SETTIMANALE
                                                   Settimana corta
  Tempo scuola ordinario                         Dal lunedì al venerdì
                                                     7.55 – 13.55
                               Attività in orario pomeridiano, con scelta tra chitarra,
     Indirizzo musicale
                               violoncello, pianoforte e flauto.

L’orario settimanale è di 30 ore così ripartite:

DISCIPLINE                               ORARIO SETTIMANALE
Italiano                                          6
Storia                                            2
Geografia                                         2
Scienze matematiche                               6
Inglese                                           3
Tedesco                                           2
Tecnologia e informatica                          2
Musica                                            2
Arte e immagine                                   2
Scienze motorie e sportive                        2
Religione cattolica                               1
                                                 30

In tutte le classi viene insegnato l’inglese come prima lingua e il TEDESCO come
seconda lingua.
L’indirizzo musicale ha 33 ore settimanali: 1 ora di solfeggio e 2 di strumento.

                                         20
ORGANIZZAZIONE DIDATTICA
INDIVIDUAZIONE DELLE PRIORITA’ DAL RAV

   -   PRIORITA’: ESITI DEGLI STUDENTI

RISULTATI SCOLASTICI:DIMINUIRE LA VARIABILITA’ DEI RISULTATI

TRAGUARDI: SVILUPPARE A CONDIVISIONE DI PIANIFICAZIONE DELLE
ATTIVITA’ IN MODO DA DIMINUIRE LA VARIABILITA’ DEI RISULTATI

   -   PRIORITA’:ESITI DEGLI STUDENTI

COMPETENZE CHIAVE E DI CITTADINANZA:SVILUPPO DELLE COMPETENZE
SOCIALI E CIVICHE

TRAGUARDI: INCREMENTARE NEGLI STUDENTI FORME DI COMPORTAMENTO
CHE CONSENTANO UNA PARTECIPAZIONE ATTIVA E COSTRUTTIVA ALLA VITA
SOCIALE

ALL 3: documento RAV-

vedi il RAV pubblicato sul sito www.scuolacastelnuovodg.gov.it nella sezione Scuola in
chiaro

AZIONI COERENTI CON IL PIANO DELLA SCUOLA DIGITALE

Le comunicazioni sono state veicolate, sia per i docenti, sia per le famiglie,
tramite il sito istituzionale o tramite mail. I docenti e il personale Ata hanno
indicato a inizio anno scolastico una casella di posta elettronica rilasciando una
dichiarazione di domicilio digitale.

I docenti della Scuola Secondaria di 1° stanno utilizzando già il registro on line
sia per il registro di classe, sia per quello personale. Anche per la Scuola
Primaria, dopo una sperimentazione di prova, si adotterà il registro personale on
line.

Si è provveduto alla nomina di un docente con Funzione Strumentale per
l’informatica che cura i problemi di hardware e software nell’Istituto e
l’innovazione didattica attraverso le TIC. Inoltre si è nominato un “animatore
digitale” come da D.M. 435 del 16 giugno 2015 art. 31 e alcuni docenti si stanno
formando nell’ambito tecnologico secondo i piani di formazione della Scuola
Digitale (Team Digitale).

L’Istituto ha dotando di LIM: nella Scuola Secondaria tutte le classi; l’incremento
                                          21
ora verte sui tre plessi della Scuola Primaria.

L’Istituto ha attuato progetti PON/FSER che hanno dato la possibilità di cablare
la rete della Scuola Secondaria di 1° e del plesso di Castelnuovo della Scuola
Primaria.

SEGRETERIA DIGITALE

La scuola ha adottato il software di gestione della segreteria digitale
dall’a.s.16/17.

CURRICOLI DI ISTITUTO

I docenti della Scuola Primaria divisi in gruppi di lavoro per disciplina e i docenti
della Scuola Secondaria divisi in dipartimenti hanno elaborato dei curricoli
trasversali di Istituto seguendo le Indicazioni Nazionali per il Curricolo per la
Scuola dell’Infanzia e del primo ciclo di istruzione del Settembre 2012.
I curricoli sono stati elaborati seguendo lo schema sotto riportato.

 Estratto delle definizioni di competenze, abilità, conoscenze
 secondo EQF Quadro Europeo delle Qualifiche
 Conoscenze                         Abilità                             Competenze

 Assimilazione di informazioni Applicare le conoscenze e usare il       Comprovata capacità di usare
 (fatti, principi, teorie e pratiche) know how necessario per portare   conoscenze, abilità e capacità
 relative ad un settore.              a termine compiti e risolvere     personali, sociali, metodologiche
                                      problemi.                         in situazioni di lavoro o di studio
                                                                        e nello sviluppo professionale e
                                                                        personale.

A partire dall’a. s. 2016-2017 si sono organizzate riunioni tra i docenti dei diversi
ambiti disciplinari dei due ordini di scuola per la lettura incrociata dei rispettivi
curricoli e per procedere alla costruzione di curricoli verticali.
Entro la fine dell’a. s. verrà strutturato il curriculo d’istituto verticale.

SCHEDE DI DIDATTICA LABORATORIALE e CONDIVISIONE DI “BUONE
PRASSI” –LE COMPETENZE

I docenti si organizzano nella Scuola Primaria per riunioni a Classi Parallele e
nella Scuola Secondaria per Dipartimenti disciplinari per elaborare schede di
presentazione di progetti di didattica laboratoriale al fine di condividerli.
Inoltre, verticalmente tra i due ordini di scuola, i docenti hanno iniziato un lavoro
di costruzione di Unità di apprendimento e di valutazione sulla base di compiti di
realtà confrontando le competenze ritenute essenziali da sviluppare nelle singole
discipline.
È in sperimentazione l’adozione di una griglia di osservazione per la rilevazione
delle competenze trasversali di cittadinanza.

                                                   22
PROGETTI DI ISTITUTO

              AREA DEI PROGETTI/ATTIVITA’ MUSICALI

Il nostro Istituto organizza ogni anno attività e progetti mirati a incentivare e
sviluppare le attività musicali, in particolar modo per le classi della scuola secondaria a
indirizzo musicale: partecipazione a concerti e opere liriche, visite didattiche,
manifestazioni sul territorio, partecipazione a concorsi, presentazione dell'indirizzo
musicale agli alunni della scuola primaria. Sono valorizzati musicalmente momenti di
promozione sul territorio in occasioni di festività nazionali e di fine anno scolastico. In
un'ottica di continuità tra i due ordini di scuola spesso gli alunni dell'indirizzo musicale
si esibiscono in manifestazioni pubbliche in sinergia con gli alunni della scuola
primaria. Alcuni progetti sono sviluppati in collaborazione con il Conservatorio di
Musica di Verona e con l'Accademia Musicale Comunale.” L’Istituto è inoltre Scuola
Capofila della Rete che riunisce gli Istituti ad indirizzo musicale della Provincia di
Verona (Rete SMIM).

              AREA DEI PROGETTI/ATTIVITA’ SPORTIVE

L’Istituto promuove la collaborazione con le diverse associazioni sportive presenti sul
territorio al fine di far conoscere le varie discipline con l’intervento di esperti esterni.
Si utilizzano le diverse strutture sportive presenti sul territorio in collaborazione con
l’Amministrazione Comunale. Si promuove inoltre la partecipazione a manifestazioni e
a concorsi.

  AREA DEI PROGETTI DI EDUCAZIONE alla CITTADINANZA

L’istituto da anni si avvale della presenza di un Consiglio Comunale dei Ragazzi,
organo eletto annualmente da tutti gli alunni della Scuola Secondaria di 1°, che
partecipa ad incontri del Consiglio Comunale e ad altre manifestazioni civili.
Gli altri progetti puntano a sviluppare l’identità personale nei futuri cittadini, il senso
civico della legalità, il rispetto di sé e degli altri, il rispetto per l’ambiente in genere e
in particolare dell’ambiente scolastico.

     AREA DEI PROGETTI di RECUPERO e POTENZIAMENTO

L’Istituto riconosce le diverse potenzialità insite in ciascun alunno e le valorizza al fine
di far emergere le caratteristiche individuali.
L’Istituto ha inoltre valorizzato, in collaborazione con l’Amministrazione Comunale, i
migliori risultati scolastici con il premio del “Pagellino d’oro” e con l’istituzione di borse
di studio, rivolti agli alunni della Scuola Secondaria.

      AREA dei PROGETTI di CONTINUITA’-ACCOGLIENZA e
                                              23
ORIENTAMENTO

L’Istituto dà di sé una visione unitaria e promuove iniziative che aiutino la continuità
tra i diversi ordini di scuola, anche in collaborazione con le scuole Nido e dell’Infanzia
insite sul territorio.
Organizza incontri, visite e attività didattiche tra gli alunni delle varie scuole .
Dà particolare rilievo ai momenti di inizio anno scolastico e di passaggio da un ordine
di scuola ad un altro con organizzazione di attività di accoglienza.

                AREA DEI PROGETTI TERRITORIO con NOI

L’istituto accoglie le proposte di enti e associazioni presenti sul territorio partecipando
ad iniziative formative che aiutino a porre l’attenzione sulle persone e sull’ ambiente,
anche nei suoi aspetti storici-culturali.

                    AREA DEI PROGETTI per il BENESSERE

Si pone l’attenzione sull’educare gli alunni al benessere fisico relazionale – sociale e
all’utilizzo consapevole dei mezzi e degli strumenti proposti dalla società. Ci si avvale
anche della consulenza di specialisti esterni

                AREA DEI PROGETTI di LINGUA e CULTURA

In un’ottica di apertura verso il mondo, l’ Istituto promuove tutta una serie di
iniziative atte a favorire l’acquisizione di maggiori competenze nelle lingue
straniere.

                           AREA DEI PROGETTI PON-FESR

L’Istituto partecipa ai bandi nazionali e comunitari per la realizzazione di
PROGETTI COMUNI PON “Per la scuola” (Programma operativo nazionale)/FESR
“Infrastrutture per l’Istruzione” (Fondo Europeo di Sviluppo Regionale).

Cosa è il PON?
Il PON (Programma Operativo Nazionale ) è la definizione particolareggiata dei Fondi Strutturali
Europei, principale strumento finanziario della politica regionale UE per rafforzare la coesione
economici, sociale e territoriale al fine di ridurre il divari o fra le regioni più avanzate e quelle in ritardo
di sviluppo. Nel caso specifico è lo strumento per dare alle scuole italiane la possibilità di accedere
alle risorse comunitarie, aggiuntive rispetto a quelle rese disponibili dal Governo nazionale, al fine di
migliorare il sistema nel suo complesso.

           AREA DEL PROGETTO SICUREZZA NELLE SCUOLE

Il progetto ha lo scopo di realizzare gli adempimenti connessi al D.L. 81/08, tra
                                          24
i quali il conferimento di incarico di R.S.P.P., l’incarico di Medico Competente,
24 l’attivazione di corsi di formazione specifici sulla sicurezza, sulla
prevenzione antincendi e sulle procedure di primo soccorso (incluso il Primo
Soccorso Pediatrico, l’uso del defibrillatore, la formazione specifica presso il
Centro Antidiabetico pediatrico di Verona) rivolti al personale dell’I.C. Inoltre in
casi specifici si forma il personale alla somministrazione di farmaci salvavita.)
rivolti al personale dell’I.C.

                           AREA SUI CONCORSI

L’Istituto promuove l’adesione ai più svariati concorsi per l’ampliamento e
l’arricchimento dell’Offerta Formativa.

ALL 4: schede progetti nelle diverse aree di attività.

                                         25
ORGANIZZAZIONE DELLA SCUOLA nell’ambito
       dell’Autonomia Scolastica e REGOLAMENTAZIONE
                           INTERNA

MODALITA’ di ATTUAZIONE di FLESSIBILITA’ DIDATTICA nella SCUOLA
                   PRIMARIA e SECONDARIA

   -   Insegnanti a scavalco su più plessi dell’Istituto o condivisi con altri
       Istituti
   -   Progetti in verticale su diverse classi
   -   Progetti di valorizzazione dell’indirizzo musicale che coinvolgono la
       Scuola Secondaria e la Scuola Primaria (promozione indirizzo musicale,
       lezioni concerto, progetti di propedeutica musicale dei docenti della
       Scuola Secondaria in classi della Scuola Primaria…)
   -   Lezioni a classi aperte con divisione delle classi in gruppi di livello o in
       gruppi laboratoriali
   -   Predisposizione di PEI per alunni con certificazione
   -   Predisposizione di Piani Didattici Personalizzati anche per alunni con
       Bisogni Educativi Specifici e per alunni con diagnosi DSA;
   -   Utilizzo di personale docente dell’organico dell’autonomia per la
       realizzazione di laboratori progettuali al fine di valorizzarne le specifiche
       competenze e utilizzarle nell’ambito della scuola come risorsa per
       l’ampliamento dell’offerta formativa.
   -   Utilizzo di personale docente dell’organico dell’autonomia per lavori di
       organizzazione e coordinamento didattico/operativo.
   -   Alla scuola secondaria i docenti in base al loro orario possono lavorare
       per classi parallele, pianificando unità di apprendimento specifiche sul
       recupero e approfondimento.
   -   Articolazione modulare del monte-ore di ogni disciplina e attività.
   -   Apertura degli spazi scolastici anche ad esperienze al di fuori del contesto
       didattico e in orari diversi da quelli del calendario scolastico.

        ORGANIZZAZIONE DEGLI AMBIENTI DI APPRENDIMENTO

La Scuola Primaria di Sandrà ha un’aula informatica dotata di Lim, una
palestra, un’aula per attività laboratoriali.
La Scuola Primaria di Cavalcaselle ha un’aula adibita a palestra.
La Scuola Primaria di Castelnuovo ha una mensa e un’aula adibita a palestra.
Ogni classe, una sezione per classe, è ad oggi dotata di LIM.
È in programma l’implementazione delle Lim alla Scuola Primaria.

La Scuola Secondaria ha un laboratorio informatico, un’aula per le lezioni
musicali, un’aula magna per le rappresentazioni musicali/teatrali e per i
progetti, la palestra, la biblioteca.

                                         26
I docenti sono invitati, previa organizzazione degli spazi da concordare
collegialmente, a usufruire di tali ambienti per diversificare le modalità
didattiche.

                                    DIREZIONE

Il Dirigente Scolastico può essere contattato via telefono o via email e
l’appuntamento sarà concesso nel giro di pochissimo tempo (da immediato a
pochi giorni).
Il Dirigente ha inoltre istituito alcuni giorni con orari definiti di “Sportello aperto
Dirigente Scolastico” per incontrare gli alunni della Scuola Secondaria di 1° che
avessero intenzione di parlare, condividere, farsi ascoltare. Lo sportello è inoltre
aperto a docenti, personale Ata, esperti e collaboratori anche in altri momenti.

                         RAPPORTI CON LE FAMIGLIE

Nel corso dell’anno scolastico sono previsti diversi momenti e differenziate
modalità di incontro con le famiglie per informarle sull’andamento scolastico dei
figli e per costruire insieme percorsi idonei al raggiungimento delle finalità
educative e didattiche previste per ogni bambino e ragazzo.

SCUOLA PRIMARIA:

      ➢ colloqui individuali periodici (dicembre – aprile);
      ➢ colloqui individuali in occasione della consegna dei documenti di
        valutazione (febbraio – giugno);
      ➢ assemblee di classe;
      ➢ colloqui individuali su richiesta degli insegnanti o dei genitori.

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO:

      ➢ Ogni docente mette a disposizione delle famiglie 1 ora di ricevimento
        settimanale in orario antimeridiano.
      ➢ Ricevimento generale per quadrimestre, con la presenza in
        contemporanea di tutti i docenti (dicembre – aprile ).
      ➢ Colloqui individuali in occasione della consegna e/o ritiro dei documenti
        di valutazione (febbraio – giugno).
      ➢ In caso di necessità il Consiglio di Classe con una lettera invita i genitori
        ad incontrare il docente coordinatore di classe.
      ➢ Per i casi più urgenti i genitori vengono contattati telefonicamente.
      ➢ È inoltre possibile chiedere appuntamenti con i coordinatori ed i
        docenti, nel rispetto dell’orario di servizio degli stessi.
      ➢ Possibilità di visionare il calendario degli orari di ricevimento sul sito
        della scuola e di prenotare il colloquio attraverso specifica funzione del
        Registro On line.

                                          27
FUNZIONI STRUMENTALI AL PIANO                     DELL’OFFERTA        FORMATIVAE
REFERENTI DI PROGETTO/ATTIVITÀ

Per contribuire alla realizzazione delle finalità della scuola e per valorizzare la
professionalità e l’impegno aggiuntivo degli insegnanti, a ciascuna istituzione
scolastica sono assegnate funzioni strumentali, con lo scopo di
• essere figure di riferimento per aree d’intervento nella Scuola
• attivare azioni di supporto, ricerca e innovazione.
La funzione si realizza attraverso:
• il lavoro individuale
• le commissioni miste
• il coordinamento tra funzioni

Il Collegio dei docenti dell’Istituto comprensivo di Castelnuovo del Garda ha
individuato le seguenti funzioni strumentali e i compiti connessi:

   1. COORDINAMENTO ATTIVITA’ PER L’INCLUSIONE – Generale
   Si fa carico dell’inclusione in senso lato, rapportandosi con lo staff dirigenziale
   e con le Funzioni Strumentali specifiche sull’Inclusione-H

   Partecipa agli incontri promossi dal CTI, dalla rete Tante Tinte per
   l’intercultura e   dal  gruppo   di  lavoro DSA    (Disturbi Specifici
   dell’Apprendimento).

   Coordina attività di accoglienza, alfabetizzazione e recupero per gli alunni
   stranieri.

   Indica, concordemente con le Funzioni Strumentali specifiche sull’Inclusione-
   H, modulistiche e prassi per l’inclusione, l’accoglienza e il potenziamento degli
   alunni che presentino BES o diagnosi o sospette diagnosi DS, o in qualsiasi
   altro caso di disagio scolastico o socio-familiare.

2. COORDINAMENTO ATTIVITÀ PER L’INCLUSIONE- H
   Coordina il gruppo di lavoro per l’inclusione, mantiene i contatti con reti, ASL,
   CTI (Centro Territoriale per l’Integrazione) e associazioni del territorio che
   possano favorire l’integrazione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali.

   Coordina i docenti di sostegno nell’accompagnamento degli alunni da
   certificare, tiene i rapporti con gli insegnanti di classe e li supporta negli
   interventi di recupero.

3. SCUOLA DIGITALE
Coordina i progetti di potenziamento della cultura didattica tecnologica e digitale,
promuovendo la formazione dei docenti.

                                         28
Sostiene tecnologicamente il lavoro dei docenti tramite assistenza in ambito
hardware e software.
Promuove una maggiore usability del sito.

Lavora in sinergia con l’animatore digitale e con il Team digitale.

Cura, con la cooperazione del D.S., del D.S.G.A., del personale amministrativo e
di altri docenti del Team digitale, l’interfaccia del sito scolastico l’aggiornamento
dei documenti in esso.

   Accanto alle Funzioni Strumentali operano i vari Referenti di Progetti/Attività
   e le commissioni incaricate dal Collegio di operare nei vari ambiti.

REFERENTI PER LA CONTINUITA’
1 Referente della Scuola Primaria per la CONTINUITÀ SCUOLA
DELL’INFANZIA/SCUOLA PRIMARIA e SCUOLA PRIMARIA/SCUOLA SECONDARIA
2 Referente della Scuola Secondaria per la CONTINUITA’ PRIMARIA/ SCUOLA
SECONDARIA

   Coordinano la commissione continuità. Coordinano i passaggi ai vari ordini di
   scuola.
   Progettano e organizzano delle attività da effettuare tra gli alunni della scuola
   dell’infanzia(ultimo anno) e della Scuola Primaria ( classe prima )
   Progettano e organizzano delle attività da effettuare tra gli alunni delle classi
   quinte e della Scuola Secondaria di 1° grado.

REFERENTE PER L’ORIENTAMENTO
          1. Referente della Scuola Secondaria
Organizza e coordina le attività volte a una scelta consapevole della Scuola
Secondaria di Secondo Grado.

RILEVAZIONI FABBISOGNI - RISORSE UMANE E FINANZIARIE PER LA
REALIZZAZIONE DEL PTOF
Risorse finanziarie: sono previste come da Programma Annuale pubblicato sul
sito della scuola

Risorse umane: SCUOLA PRIMARIA

              Annualità       Fabbisogno per il triennio      Motivazione: indicare il piano
                                                              delle sezioni previste e le loro
                                                              caratteristiche (tempo pieno e
                                                              normale, pluriclassi….)
                              Posto       Posto di sostegno
                              comune

                                          29
Scuola              a.s. 2016-17: n.             4
primaria
                    a.s. 2017-18: n.             4                1

                    a.s. 2018-19: n.             5                1          Ampliamento offerta formativa
                                                                             con tempo aggiuntivo con un
                                                                             pomeriggio in più per tutte le
                                                                             classi prime e seconde

   -    SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

Classe di a.s. 2016-17                    a.s. 2017-18        a.s. 2018-19    Motivazione: indicare il piano
concorso/s                                                                    delle classi previste e le loro
ostegno                                                                       caratteristiche
A345
           1                              1                   1               Potenziamento linguistico e ore
Lingua Inglese                                                                organizzative
A032                                      1                   1               Potenziamento sia alla scuola primaria che
MUSICA                                                                        alla secondaria in progetti anche di
                                                                              inclusione

Richiesta area   Assegnati 1 docente di
artistico/       DIRITTO
musicale

   - Posti per il personale amministrativo e ausiliario, nel rispetto dei limiti e dei
     parametri come riportati nel comma 14 art. 1 legge 107/2015.

Tipologia                                                n.
Assistente amministrativo                                5 + 1 Dsga

Collaboratore scolastico                                 15

COMITATO VALUTAZIONE

Il nuovo articolo 11 nel comma 129 fissa:

(a) la composizione del comitato

il Comitato è istituito presso ogni istituzione scolastica ed educativa, senza
nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica; nessun compenso previsto per i
membri;
    - durerà in carica tre anni scolastici;
    - sarà presieduto dal dirigente scolastico;
    - i componenti dell’organo saranno: tre docenti dell’istituzione scolastica,
      di cui due scelti dal collegio dei docenti e uno dal consiglio di istituto;
    - a questi ultimi si aggiungono due rappresentanti dei genitori, per la
      scuola dell’infanzia e per il primo ciclo di istruzione; un rappresentante
                                                         30
degli studenti e un rappresentante dei genitori, per il secondo ciclo di
       istruzione, scelti dal consiglio di istituto;
   -   un componente esterno individuato dall’ufficio scolastico regionale tra
       docenti, dirigenti scolastici e dirigenti tecnici.

Ciò che fa:
(b) i compiti del comitato:

         -   individua i criteri per la valorizzazione dei docenti i quali dovranno
             essere desunti sulla base di quanto indicato nelle lettere a),b),e c)
             dell’art.11; il comma 130 stabilisce che al termine del triennio
             2016/2018 sarà cura degli uffici scolastici regionali inviare al
             Ministero una relazione sui criteri adottati dalle istituzioni
             scolastiche per il riconoscimento del merito dei docenti e che sulla
             base delle relazioni ricevute, un apposito Comitato tecnico
             scientifico nominato dal Ministro dell’istruzione, dell’università e
             della ricerca, predisporrà le linee guida per la valutazione del
             merito dei docenti a livello nazionale.
         -   esprime il proprio parere sul superamento del periodo di
             formazione e di prova per il personale docente ed educativo. Per lo
             svolgimento di tale compito l’organo è composto dal dirigente
             scolastico, che lo presiede, dai docenti previsti nel comma 2
             dell’art.11 e si integra con la partecipazione del docente cui sono
             affidate le funzioni di tutor il quale dovrà presentare un’istruttoria;
         -   in ultimo il comitato valuta il servizio di cui all’art.448 (Valutazione
             del servizio del personale docente) su richiesta dell’interessato,
             previa relazione del dirigente scolastico, ed esercita le competenze
             per la riabilitazione del personale docente, di cui all’art.501
             (Riabilitazione). Per queste due fattispecie il comitato opera con la
             presenza dei genitori e degli studenti, salvo che la valutazione del
             docente riguardi un membro del comitato che verrà sostituito dal
             consiglio di istituto.

QUESTIONARI DI SODDISFAZIONE

L’Istituto predispone, per auto-valutare alcuni progetti messi in atto, un
questionario distribuito alle famiglie degli alunni coinvolti e ai docenti
partecipanti con le rispettive classi, al fine di raccogliere criticità e/o punti di
forza rilevati.

RENDICONTAZIONE SOCIALE
L’istituto si propone come obiettivo di condividere con le famiglie e con il

                                          31
territorio le attività e i risultati ottenuti.
Grazie alla Direttiva del Ministro della Funzione Pubblica sulla rendicontazione
sociale nelle amministrazioni pubbliche del 2006 è stato introdotto in via ufficiale
l’utilizzo del Bilancio Sociale anche in ambito scolastico. Con nota del Miur n.
3214 del 22.11.2012 sono state trasmesse le Linee di indirizzo “Partecipazione
dei genitori e corresponsabilità educativa” a cui il nostro istituto fa sempre
riferimento.
Fra le azioni volte a realizzare una condivisa corresponsabilità educativa viene
sottolineato, a più riprese, il Bilancio Sociale, come strumento in grado di
consentire un maggiore processo di accountability (in sintesi “render conto”)
verso gli stakeholders (in sintesi “portatori di interesse”), ivi compresi i genitori.
Nella nostra scuola si praticano quotidianamente momenti di collaborazione,
cooperazione e piena partecipazione delle famiglie alla vita scolastica, in modo
da creare una progettazione educativa “partecipata”.
Il valore della rendicontazione sociale è fondamentale e il nostro istituto si sta
impegnando nella predisposizione di bilanci sociali, per ora orali in futuro scritti,
al Consiglio di Istituto come primo organo, all’ente locale e alle famiglie tutte.

REGOLAMENTI DI ISTITUTO

L’Istituto ha elaborato in Collegio Docenti e successivamente ha presentato in
Consiglio di Istituto alcuni regolamenti al fine di regolamentare in maniera chiara
alcuni aspetti della vita della scuola. Tali regolamenti sono consultabili
dall’utenza sul sito dell’Istituto.

ALL. 5- Indice dei Regolamenti di Istituto

                         DEL CONSIGLIO DI ISTITUTO
                            ORGANO DI GARANZIA
                            GENERALE/SICUREZZA
                       VIGILANZA: pianificazione generale
                        dell’organizzazione della vigilanza
                             VIGILANZA PRIMARIA
                                 DISCIPLINARE
                                DIMENTICANZE
                          DIPARTIMENTO MUSICALE
                                  CELLULARE
                                     MENSA
                           VIAGGIO DI ISTRUZIONE
                      PROTOCOLLO DI INTESA COMUNE
                         TRASFERIMENTI TRA CLASSI
                                   FOTOCOPIE
                             PATTO EDUCATIVO DI
                            CORRESPONSABILITA’
                          PASTO PORTATO DA CASA
                          Regolamento attività negoziale
                      Appendice regolamento attività negoziale
                                         32
PARTECIPAZIONE A RETI DI SCUOLA

L’Istituto, a seguito del parere del Collegio Docenti e alle delibere del Consiglio
di Istituto, partecipa a Reti di Scuole al fine di potenziare le proprie offerte
formative, condividere buone prassi didattiche e momenti di aggiornamento,
elaborare progettualità che abbiano ricaduta non sul singolo istituto ma sua una
unione sinergica di scuole viciniori.

PROTOCOLLO di INTESA              COMUNE      CASTELNUOVO         DEL    GARDA      e
ISTITUTO COMPRENSIVO

Il Comune e l’I.C. hanno stilato un piano di intesa al fine di:
-migliorare ed implementare sempre più l’offerta formativa
-impiegare al meglio le risorse e le strutture disponibili
-migliorare l’interazione fra diversi soggetti coinvolti nella scuola
-incentivare nelle nuove generazioni l’acquisizione di valori quali la condivisione,
il rispetto delle regole sociali, la solidarietà e lo spirito di partecipazione attiva
alla vita della comunità locale
-rispettare il diritto di ogni bambino e bambina ad avere uno sviluppo del proprio
pensiero libero da condizionamenti ideologici, critico, responsabile e creativo
- individuare gli obiettivi prioritari condivisi, superando la frammentazione degli
interventi e il rischio di dispersione delle risorse
- rafforzare le collaborazioni con enti e associazioni del territorio.

SCAMBI CULTURALI

Il Consiglio di Istituto ha dato la sua approvazione a favorire scambi culturali di
associazioni culturali/studentesche provenienti dall’estero in generale, qualora si
dovessero presentare le occasioni per organizzarli.

SICUREZZA E PRONTO INTERVENTO

L'Istituto Comprensivo si è adeguato nelle strutture e nell'organizzazione alle
norme relative alla sicurezza nel luogo di lavoro (T.U. n.81/08)
Il dirigente scolastico, in qualità di datore di lavoro, cura l'organizzazione del
Servizio di Prevenzione e Protezione, nominando a tale scopo il RSPP e il Medico
Competente. Inoltre sono stati nominati i referenti per ciascun plesso scolastico.
In ogni scuola sono stati inoltre nominati addetti al Servizio antincendio, al Primo
Soccorso e alla Gestione delle emergenze; tali figure sono state scelte tra il
personale in possesso di determinate competenze, per il quale è stata attivata
specifica formazione.
Tutti i membri del Servizio di Prevenzione e Protezione sono stati formati
relativamente alle norme che regolano il Piano di Sicurezza.
L'organizzazione del servizio interno ad ogni plesso prevede, oltre
all'indispensabile Educazione alla Sicurezza in senso lato rivolta agli alunni,
l'effettuazione di 3 prove annuali di evacuazione, con l'individuazione del piano
di fuga, dei punti di raccolta sicuri e delle procedure da adottare nei casi di
emergenza.
È stato redatto per ciascun plesso il "Documento di valutazione dei rischi" che
                                         33
individua le misure da adottare nella fase di svolgimento delle diverse attività
previste all'interno e all'esterno degli edifici nei vari momenti della giornata, per
evitare o diminuire i rischi per la salute, nel rispetto della popolazione scolastica
e dell'integrità dell'ambiente.
Da tali documenti è stata ricavata una lista di interventi da mettere in atto ad
opera del personale che lavora nella scuola o da parte dell'Amministrazione
Comunale.
I suddetti documenti vengono aggiornati annualmente a seguito di un
sopralluogo nelle varie scuole effettuato dalla Responsabile del Servizio di
Prevenzione e Protezione e su segnalazione dei referenti del Servizio Prevenzione
e Protezione di ciascun plesso.

ORGANI COLLEGIALI

La scuola italiana si avvale di organi di gestione, rappresentativi delle diverse
componenti scolastiche, interne ed esterne alla scuola, come, ad esempio,
studenti e genitori.

ALL. 6: Gli Organi Collegiali nella Scuola Italiana

LA VALUTAZIONE NELL’ISTITUTO

LA VALUTAZIONE DEL PERCORSO DI APPRENDIMENTO DEGLI ALUNNI

All'interno dell'azione educativo- didattica dell'insegnante, l'osservazione
quotidiana e sistematica, consente di valutare le esigenze dell'alunno e di
riequilibrare le proposte educative in base alle esigenze.
I docenti elaborano prove di verifica degli apprendimenti che possono essere
utilizzate:

   ➢ in ingresso
   ➢ in itinere
   ➢ nel momento finale.
Tali prove sono di tipo contenutistico, logico e metodologico. La valutazione dei
livelli di sviluppo prevede:
a) un momento iniziale, volto a delineare un quadro delle conoscenze;
b) dei momenti interni alle varie sequenze didattiche che consentono di
adattare e personalizzare le proposte educative e i percorsi di apprendimento;
c) i bilanci finali per la verifica degli esiti formativi, della qualità educativa e
didattica e del significato globale dell'esperienza scolastica.

Gli strumenti della valutazione sono:
                                         34
Puoi anche leggere
Prossima slide ... Annulla