NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO DI PREVISIONE 2019 - 2021 COMUNE DI VICCHIO

 
NOTA INTEGRATIVA

             AL

BILANCIO DI PREVISIONE

      2019 - 2021

    COMUNE DI VICCHIO

        Pag. 1 di   52
INDICE GENERALE

1) Premessa                                                                                     Pag.    3
2) Strumenti della programmazione e pareggio di bilancio                                        Pag.    5
2.1) Quadro generale riassuntivo                                                                Pag.    8
2.2) Equilibri di bilancio                                                                      Pag.    9
3) Criteri valutazione per formulazione previsioni entrate                                      Pag.   12
3.1) Le entrate tributarie                                                                      Pag.   13
3.2) Le entrate per trasferimenti correnti                                                      Pag.   15
3.3) Le entrate extratributarie                                                                 Pag.   16
3.4) Le entrate conto capitale                                                                  Pag.   17
3.5) Le entrate per riduzione di attivita' finanziarie                                          Pag.   18
3.6) Le entrate per accensione di prestiti                                                      Pag.   19
3.7) Le entrate per anticipazioni da istituto tesoriere                                         Pag.   20
3.8) Le entrate per conto terzi e partite di giro                                               Pag.   21
3.9) Fondo pluriennale vincolato iscritto nelle entrate                                         Pag.   22
4) Criteri valutazione per formulazione previsioni delle spese                                  Pag.   23
4.1) Le spese correnti                                                                          Pag.   24
4.1.1) Fondo crediti dubbia esigibilita' corrente                                               Pag.   26
4.2) Le spese conto capitale                                                                    Pag.   28
4.2.1) Interventi programmati per spese di investimento                                         Pag.   29
4.2.2) Fonti di finanziamento per spese di investimento                                         Pag.   31
4.2.4) Altre spese in conto capitale, FCDE c/capitale                                           Pag.   36
4.4) Le spese per rimborso prestiti                                                             Pag.   37
4.5) Le spese per chiusura anticipazioni istituto tesoriere/cassiere                            Pag.   38
4.6) Le spese per conto terzi e partite di giro                                                 Pag.   39
5) Entrate e spese non ricorrenti                                                               Pag.   40
6) Garanzie prestate a favore di enti o altri soggetti                                          Pag.   42
7) Oneri e impegni finanziari da strumenti finanziari derivati                                  Pag.   43
8) Enti e organismi strumentali                                                                 Pag.   44
9) Societa` Partecipate                                                                         Pag.   45
10) Risultato amministrazione presunto ed elenco delle quote vincolate e accantonate            Pag.   46
10.1) Risultato di amministrazione presunto                                                     Pag.   47
10.2) Quote vincolate avanzo di amministrazione presunto                                        Pag.   49
10.3) Quote accantonate avanzo di amministrazione presunto                                      Pag.   50
11) Altre informazioni riguardanti le previsioni di bilancio                                    Pag.   51
12) Conclusioni                                                                                 Pag.   52

                                                                               Pag. 2 di   52
1) PREMESSA

Dall’anno 2014 l’ente ha applicato sia i principi contabili, sia gli schemi di bilancio armonizzati, previsti dal Dlgs 118/2011.

Numerose sono state le modifiche apportate dal nuovo sistema contabile armonizzato, sia sotto il profilo finanziario - contabile, sia sotto per quanto attiene agli aspetti
programmatori che gestionali.

Tra le innovazioni apportate, si richiamano quelle maggiormente significative:
    • il Documento Unico di Programmazione DUP che ha sostituito la Relazione Previsionale e Programmatica, ampliandone inoltre le finalità;
    • schemi di bilancio strutturati diversamente, in coerenza con gli schemi di bilancio previsti per le amministrazioni dello Stato, con una diversa struttura di entrate e spese;
    • reintroduzione della previsione cassa per il primo esercizio del bilancio di previsione;
    • diversa disciplina delle variazioni di bilancio: aumentano le casistiche e si modificano le competenze: ad esempio, vengono introdotte le variazioni compensative
         all’interno di categorie di entrata e macroaggregati di spesa, di competenza dei dirigenti, viene attribuita la competenza per le variazioni relative agli stanziamenti di
         cassa in capo alla giunta comunale;
    • sono adottati nuovi principi contabili, tra cui quello di sicuro maggior impatto è quello della competenza finanziaria potenziata, è prevista la disciplina del Fondo Crediti di
         Dubbia Esigibilità (FCDE) e del Fondo Pluriennale Vincolato (FPV), secondo regole precise;
    • è introdotto il piano dei conti integrati sia a livello finanziario che a livello economico/patrimoniale;
    • la struttura del bilancio armonizzato risulta più sintetica rispetto allo schema previgente, l’unità elementare di voto sale di un livello, le entrate sono classificate in titoli e
         tipologie, anziché in titoli, categorie e risorse, mentre le spese sono classificate in missioni, programmi e titoli, sostituendo la precedente struttura per titoli, funzioni,
         servizi e interventi.

Il bilancio di previsione finanziario è il documento nel quale vengono rappresentate contabilmente le previsioni di natura finanziaria riferite a ciascun esercizio compreso nell’arco
temporale considerato nei Documenti di programmazione dell’ente (DUP), attraverso il quale gli organi di governo di un ente, nell’ambito dell’esercizio della propria funzione di
indirizzo e di programmazione, definiscono la distribuzione delle risorse finanziarie tra i programmi e le attività che l’amministrazione deve realizzare, in coerenza con quanto
previsto nel documento di programmazione.

Il bilancio di previsione finanziario è triennale. Le previsioni riguardanti il primo esercizio costituiscono il bilancio di previsione finanziario annuale.

Il bilancio di previsione finanziario svolge le seguenti finalità:
      • politico-amministrative in quanto consente l’esercizio delle prerogative di indirizzo e di controllo che gli organi di “governo” esercitano sull’organo esecutivo ed è lo
          strumento fondamentale per la gestione amministrativa nel corso dell’esercizio;
      • di programmazione finanziaria poiché descrive finanziariamente le informazioni necessarie a sostenere le amministrazioni pubbliche nel processo di decisione politica,
          sociale ed economica;
      • di destinazione delle risorse a preventivo attraverso la funzione autorizzatoria, connessa alla natura finanziaria del bilancio;
      • di verifica degli equilibri finanziari nel tempo e, in particolare, della copertura delle spese di funzionamento e di investimento programmate;
      • informative in quanto fornisce informazioni agli utilizzatori interni (consiglieri ed amministratori, dirigenti, dipendenti, organi di revisione, ecc.) ed esterni (organi di
          controllo, altri organi pubblici, fornitori e creditori, finanziatori, cittadini, ecc.) in merito ai programmi in corso di realizzazione, nonché in merito all’andamento finanziario
          dell'amministrazione.

Stante il livello di estrema sintesi del bilancio armonizzato, come sopra indicato, la relazione è integrata con una serie di tabelle, con l’obiettivo di ampliarne la capacità
informativa

                                                                                       Pag. 3 di     52
Con la “nota integrativa”, quindi, si completano ed arricchiscono le informazioni del bilancio.

La nota integrativa integra i dati quantitativi esposti negli schemi di bilancio al fine di rendere più chiara e significativa la lettura dello stesso e svolge le seguenti funzioni:
    • descrittiva: illustra i dati che per la loro sinteticità non possono essere pienamente compresi;
    • informativa, apporta ulteriori dati non inseriti nei documenti di bilancio, che hanno una struttura fissa e non integrabile;
    • esplicativa, indica le motivazioni delle ipotesi assunte e dei criteri di valutazione adottati per la determinazione dei valori di bilancio.

                                                                                       Pag. 4 di     52
2) GLI STRUMENTI DELLA PROGRAMMAZIONE ED IL PAREGGIO DI BILANCIO

Gli Strumenti della programmazione.
la Giunta Comunale predispone e presenta all’esame ed approvazione del Consiglio Comunale il bilancio di previsione per l’esercizio finanziario e annessi allegati.
Lo schema di bilancio ed annessi allegati è stato redatto in collaborazione con i Dirigenti ed i Responsabili dei Servizi sulla base delle indicazioni fornite da questa
Amministrazione coordinate in particolare dall’attività dell’Assessore alle Finanze, in linea con gli impegni assunti con l’approvazione del Documento Unico di Programmazione
(DUP).
Il DUP costituisce, nel rispetto del principio del coordinamento e coerenza dei documenti di bilancio, il presupposto necessario di tutti gli altri documenti di programmazione.
Il DUP è lo strumento che permette l’attività di guida strategica ed operativa degli enti locali e consente di fronteggiare in modo permanente, sistemico e unitario le discontinuità
ambientali e organizzative.
Il DUP costituisce, nel rispetto del principio del coordinamento e coerenza dei documenti di bilancio, il presupposto necessario di tutti gli altri documenti di programmazione.
Il DUP si compone di due sezioni: la Sezione Strategica (SeS) e la Sezione Operativa (SeO).
Il bilancio di previsione è stato predisposto nel pieno rispetto di tutti i principi contabili generali contenuti nel succitato D.lgs. 118/2011 che garantiscono il consolidamento e la
trasparenza dei conti pubblici secondo le direttive dell’Unione Europea e l’adozione di sistemi informativi omogenei e interoperabili, qui di seguito elencati:
      1. principio dell’annualità: i documenti del sistema di bilancio, sia di previsione sia di rendicontazione, sono predisposti con cadenza annuale e si riferiscono a distinti periodi
          di gestione coincidenti con l'anno solare. Nella predisposizione dei documenti di bilancio, le previsioni di ciascun esercizio sono elaborate sulla base di una
          programmazione di medio periodo, con un orizzonte temporale almeno triennale;
      2. principio dell’unità: é il complesso unitario delle entrate che finanzia l'amministrazione pubblica e quindi sostiene così la totalità delle sue spese durante la gestione. Le
          entrate in conto capitale sono destinate esclusivamente al finanziamento di spese di investimento;
      3. principio dell’universalità: il sistema di bilancio ricomprende tutte le finalità e gli obiettivi di gestione, nonché i relativi valori finanziari, economici e patrimoniali riconducibili
          alla singola amministrazione pubblica, al fine di fornire una rappresentazione veritiera e corretta della complessa attività amministrativa svolta;
      4. principio dell’integrità: nel bilancio di previsione e nei documenti di rendicontazione le entrate devono essere iscritte al lordo delle spese sostenute per la riscossione e di
          altre eventuali spese a esse connesse e, parimenti, le spese devono essere iscritte al lordo delle correlate entrate, senza compensazioni di partite;
      5. principio della veridicità, attendibilità, correttezza e comprensibilità:
               a. veridicità significa rappresentazione delle reali condizioni delle operazioni di gestione di natura economica, patrimoniale e finanziaria di esercizio;
               b. attendibilità significa che le previsioni di bilancio sono sostenute da accurate analisi di tipo storico e programmatico o, in mancanza, da altri idonei ed obiettivi
                    parametri di riferimento: un'informazione contabile e' attendibile se e' scevra da errori e distorsioni rilevanti e se gli utilizzatori possono fare affidamento su di
                    essa;
               c. correttezza significa il rispetto formale e sostanziale delle norme che disciplinano la redazione dei documenti contabili di programmazione e previsione, di
                    gestione e controllo e di rendicontazione;
               d. comprensibilità richiede che le registrazioni contabili ed i documenti di bilancio adottino il sistema di classificazione previsto dall'ordinamento contabile e
                    finanziario, uniformandosi alle istruzioni dei relativi glossari;
      6. principio della significatività e rilevanza: nella formazione delle previsioni gli errori, le semplificazioni e gli arrotondamenti, tecnicamente inevitabili, trovano il loro limite nel
          concetto di rilevanza: essi cioè non devono essere di portata tale da avere un effetto rilevante sui dati del sistema di bilancio e sul loro significato per i destinatari;
      7. principio della flessibilità: possibilità di fronteggiare gli effetti derivanti dalle circostanze imprevedibili e straordinarie che si possono manifestare durante la gestione,
          modificando i valori a suo tempo approvati dagli organi di governo;
      8. principio della congruità: verifica dell'adeguatezza dei mezzi disponibili rispetto ai fini stabiliti;
      9. principio della prudenza: devono essere iscritte solo le componenti positive che ragionevolmente saranno disponibili nel periodo amministrativo considerato, mentre le
          componenti negative saranno limitate alle sole voci degli impegni sostenibili e direttamente collegate alle risorse previste;
      10. principio della coerenza: occorre assicurare un nesso logico e conseguente fra la programmazione, la previsione, gli atti di gestione e la rendicontazione generale. La
          coerenza implica che queste stesse funzioni ed i documenti contabili e non, ad esse collegati, siano strumentali al perseguimento dei medesimi obiettivi. Il nesso logico
          infatti deve collegare tutti gli atti contabili preventivi, gestionali e consuntivi, siano essi di carattere strettamente finanziario, o anche economico e patrimoniale, siano essi
          descrittivi e quantitativi, di indirizzo politico ed amministrativo, di breve o di lungo termine;
      11. principio della continuità e costanza: continuità significa che le valutazioni contabili finanziarie, economiche e patrimoniali del sistema di bilancio devono rispondere al
          requisito di essere fondate su criteri tecnici e di stima che abbiano la possibilità' di continuare ad essere validi nel tempo, se le condizioni gestionali non saranno tali da
          evidenziare chiari e significativi cambiamenti; costanza significa il mantenimento dei medesimi criteri di valutazione nel tempo, in modo che l'eventuale cambiamento dei
                                                                                         Pag. 5 di     52
criteri particolari di valutazione adottati, rappresenti un'eccezione nel tempo che risulti opportunamente descritta e documentata in apposite relazioni nel contesto del
          sistema di bilancio.
    12.   principio della comparabilità e della verificabilità: comparabilità significa possibilità di confrontare nel tempo le informazioni, analitiche e sintetiche di singole o
          complessive poste economiche, finanziarie e patrimoniali del sistema di bilancio, al fine di identificarne gli andamenti tendenziali; verificabilità significa che le informazioni
          patrimoniali, economiche e finanziarie, e tutte le altre fornite dal sistema di bilancio di ogni amministrazione pubblica, siano verificabili attraverso la ricostruzione del
          procedimento valutativo seguito. A tale scopo le amministrazioni pubbliche devono conservare la necessaria documentazione probatoria;
    13.   principio della neutralità o imparzialità: neutralità significa che la redazione dei documenti contabili deve fondarsi su principi contabili indipendenti ed imparziali verso tutti
          i destinatari, senza servire o favorire gli interessi o le esigenze di particolari gruppi; imparzialità va intesa come l'applicazione competente e tecnicamente corretta del
          processo di formazione dei documenti contabili, del bilancio di previsione, del rendiconto e del bilancio d'esercizio, che richiede discernimento, oculatezza e giudizio per
          quanto concerne gli elementi soggettivi;
    14.   principio della pubblicità: assicurare ai cittadini ed ai diversi organismi sociali e di partecipazione la conoscenza dei contenuti significativi e caratteristici del bilancio di
          previsione, del rendiconto e del bilancio d'esercizio, comprensivi dei rispettivi allegati, anche integrando le pubblicazioni obbligatorie;
    15.   principio dell’equilibrio di bilancio: riguarda il pareggio complessivo di competenza e di cassa attraverso una rigorosa valutazione di tutti i flussi di entrata e di spesa: deve
          essere inteso in una versione complessiva ed analitica del pareggio economico, finanziario e patrimoniale che ogni amministrazione pubblica strategicamente deve
          realizzare nel suo continuo operare nella comunità amministrata;
    16.   principio della competenza finanziaria: tutte le obbligazioni giuridicamente perfezionate attive e passive, che danno luogo a entrate e spese per l'ente, devono essere
          registrate nelle scritture contabili quando l'obbligazione è perfezionata, con imputazione all'esercizio in cui l'obbligazione viene a scadenza. E', in ogni caso, fatta salva la
          piena copertura finanziaria degli impegni di spesa giuridicamente assunti a prescindere dall'esercizio finanziario in cui gli stessi sono imputati;
    17.   principio della competenza economica: l'effetto delle operazioni e degli altri eventi deve essere rilevato contabilmente ed attribuito all'esercizio al quale tali operazioni ed
          eventi si riferiscono e non a quello in cui si concretizzano i relativi movimenti finanziari;
    18.   principio della prevalenza della sostanza sulla forma: la sostanza economica, finanziaria e patrimoniale delle operazioni pubbliche della gestione di ogni amministrazione
          rappresenta l'elemento prevalente per la contabilizzazione, valutazione ed esposizione nella rappresentazione dei fatti amministrativi nei documenti del sistema di
          bilancio.

Il Pareggio di bilancio.
I commi da 819 a 826 sanciscono il definitivo superamento del saldo di competenza in vigore dal 2016 e – più in generale – delle regole finanziarie aggiuntive rispetto alle norme
generali sull’equilibrio di bilancio, imposte agli enti locali da un ventennio. Dal 2019, in attuazione delle sentenze della Corte costituzionale n. 247 del 2017 e n. 101 del 2018, gli
enti locali (le città metropolitane, le province ed i comuni) potranno utilizzare in modo pieno sia il Fondo pluriennale vincolato di entrata sia l’avanzo di amministrazione ai fini
dell’equilibrio di bilancio (co. 820).
Dal 2019, dunque, già in fase previsionale il vincolo di finanza pubblica coinciderà con gli equilibri ordinari disciplinati dall’armonizzazione contabile (D.lgs. 118/2011) e dal
TUEL, senza l’ulteriore limite fissato dal saldo finale di competenza non negativo. Gli enti, infatti, si considereranno “in equilibrio in presenza di un risultato di competenza non
negativo”, desunto “dal prospetto della verifica degli equilibri allegato al rendiconto”, allegato 10 al d.lgs. 118/2011 (co. 821).

Il comma 822 richiama la clausola di salvaguardia (di cui all'art.17, co. 13, della legge 196/2009) che demanda al Ministro dell'economia l'adozione di iniziative legislative
finalizzate ad assicurare il rispetto dell'articolo 81 della Costituzione qualora, nel corso dell’anno, risultino andamenti di spesa degli enti non coerenti con gli impegni finanziari
assunti con l'Unione europea.

Il nuovo impianto normativo autorizza non solo l’utilizzo degli avanzi di amministrazione effettivamente disponibili e del fondo pluriennale vincolato (compresa la quota
derivante da indebitamento), ma anche l’assunzione del debito nei soli limiti stabiliti all’art. 204 del TUEL. Si tratta di un fattore determinante per una maggiore autonomia nella
gestione finanziaria dell’ente, che potrà fare pieno affidamento non solo sul fondo pluriennale vincolato, ma anche sugli avanzi disponibili e sulle risorse acquisite con debito
                                                                                       Pag. 6 di    52
(comprese le potenzialità di indebitamento nei limiti stabiliti dalle norme vigenti in materia) per le spese di investimento, che potranno pertanto contare su un più ampio ventaglio
di risorse a supporto.

Per quanto riguarda invece il Fondo pluriennale vincolato, con il superamento del saldo finale di competenza, le eccezioni per il mantenimento delle risorse nel FPV assumeranno
una valenza strettamente contabile, e non costituiranno più una «strategia» utile a garantire una copertura delle spese di investimento ai fini del rispetto dei vincoli di finanza
pubblica. L’opzione tra eccezione pro FPV e confluenza in avanzo delle risorse dovrà essere effettuata esclusivamente in relazione alla data di affidamento dei lavori (prima o
dopo il 30 aprile), al fine di assicurare la necessaria continuità agli interventi in corso.

L’abolizione dei vincoli di finanza pubblica comporta, parallelamente, rilevanti elementi di semplificazione amministrativa. Dal 2019 cessano di avere applicazione
i commi della legge di bilancio 2017 e 2018 che riguardano non solo la definizione del saldo finale di competenza, ma anche quelli relativi alla presentazione di
documenti collegati al saldo di finanza pubblica e agli adempimenti ad esso connessi: prospetto dimostrativo del rispetto
del saldo, monitoraggio e certificazione, sanzioni per il mancato rispetto del saldo, premialità. Viene altresì meno la normativa relativa agli spazi finanziari ed alle
sanzioni previste in caso di mancato utilizzo degli stessi (co. 823).

Relativamente al saldo finale di competenza 2018 restano fermi solo gli obblighi connessi all’invio del monitoraggio e della certificazione, che avranno pertanto
solo valore conoscitivo. La legge di bilancio esplicita l’abbandono delle sanzioni in caso di mancato rispetto del vincolo di pareggio nel 2018 ed il mancato utilizzo
degli spazi finanziari acquisiti in corso d’anno.

Gli equilibri di bilancio.
I principali equilibri di bilancio da rispettare in sede di programmazione e di gestione sono i seguenti:
     1. pareggio complessivo di bilancio, secondo il quale il bilancio di previsione deve essere deliberato in pareggio finanziario, ovvero la previsione del totale delle entrate
         deve essere uguale al totale delle spese;
     2. equilibrio di parte corrente;
     3. equilibrio di parte capitale;

                                                                                  Pag. 7 di    52
2.1) Quadro generale riassuntivo

                                                                                                               QUADRO GENERALE RIASSUNTIVO* 2019 - 2020 - 2021
                            ENTRATE                                             CASSA             COMPETENZA         COMPETENZA         COMPETENZA                                     SPESE                                           CASSA             COMPETENZA         COMPETENZA         COMPETENZA
                                                                               ANNO 2019           ANNO 2019          ANNO 2020          ANNO 2021                                                                                    ANNO 2019           ANNO 2019          ANNO 2020          ANNO 2021

Fondo di cassa all'inizio dell'esercizio                                            584.813,30

Utilizzo avanzo di amministrazione                                                                            0,00               0,00               0,00 Disavanzo di amministrazione                                                                         203.986,12           37.129,94          37.129,94
di cui Utilizzo Fondo anticipazioni di liquidità (DL 35/2013 e                                                0,00
successive modifiche e rifinanziamenti) - solo regioni

Fondo pluriennale vincolato                                                                                   0,00               0,00               0,00

Titolo 1 - Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e                   7.924.355,99       5.309.369,77       5.093.627,73       5.262.406,34 Titolo 1 - Spese correnti                                                       10.761.894,23       6.755.601,51       6.732.703,54       6.745.212,78
perequativa
                                                                                                                                                           - di cui fondo pluriennale vincolato                                                                      0,00               0,00               0,00
Titolo 2 - Trasferimenti correnti                                                   334.330,91         243.055,02         226.264,49         215.264,49

Titolo 3 - Entrate extratributarie                                                 2.415.341,85       1.577.707,67       1.447.483,05       1.447.394,45

Titolo 4 - Entrate in conto capitale                                               2.375.217,03       2.056.877,96      10.101.420,60       2.340.620,36 Titolo 2 - Spese in conto capitale                                               2.868.661,32       2.438.800,16      10.110.220,36       2.643.220,36
                                                                                                                                                           - di cui fondo pluriennale vincolato                                                                      0,00               0,00               0,00

Titolo 5 - Entrate da riduzione di attività finanziarie                               80.000,00          80.000,00               0,00               0,00 Titolo 3 - Spese per incremento di attività finanziarie                                  0,00               0,00               0,00               0,00
                                                                                                                                                         - di cui fondo pluriennale vincolato                                                                        0,00               0,00               0,00

                          Totale entrate finali.............................      13.129.245,78       9.267.010,42      16.868.795,87       9.265.685,64                           Totale spese finali.............................      13.630.555,55       9.194.401,67      16.842.923,90       9.388.433,14

Titolo 6 - Accensione di prestiti                                                   640.776,46         410.000,00         256.199,76         400.000,00 Titolo 4 - Rimborso di prestiti                                                    278.622,63         278.622,63         244.941,79         240.122,56
                                                                                                                                                        - di cui Fondo anticipazioni di liquidità (DL 35/2013 e                                                     0,00               0,00               0,00
                                                                                                                                                        succesive modifiche e rifinanziamenti)
Titolo 7 - Anticipazioni da istituto tesoriere/cassiere                            1.760.823,00       1.760.823,00       1.760.823,00       1.760.823,00 Titolo 5 - Chiusura Anticipazioni da istituto tesoriere/cassiere                 1.760.823,00       1.760.823,00       1.760.823,00       1.760.823,00

Titolo 9 - Entrate per conto di terzi e partite di giro                            6.038.737,03       5.952.000,00       5.952.000,00       5.952.000,00 Titolo 7 - Spese per conto terzi e partite di giro                               5.991.421,71       5.952.000,00       5.952.000,00       5.952.000,00

                                                            Totale titoli         21.569.582,27      17.389.833,42      24.837.818,63      17.378.508,64                                                            Totale titoli        21.661.422,89      17.185.847,30      24.800.688,69      17.341.378,70

                            TOTALE COMPLESSIVO ENTRATE                            22.154.395,57      17.389.833,42      24.837.818,63      17.378.508,64                                 TOTALE COMPLESSIVO SPESE                        21.661.422,89      17.389.833,42      24.837.818,63      17.378.508,64

Fondo di cassa finale presunto                                                      492.972,68

* Indicare gli anni di riferimento

                                                                                                                                                      Pag. 8 di                  52
2.2) Equilibri di bilancio

                                                                                                BILANCIO DI PREVISIONE
                                                                                                 EQUILIBRI DI BILANCIO
                                                                                                (solo per gli Enti locali) (1)
                                                                                                    2019 - 2020 - 2021

                                                                                                                                COMPETENZA ANNO        COMPETENZA ANNO       COMPETENZA ANNO
                         EQUILIBRI ECONOMICO-FINANZIARIO
                                                                                                                                      2019                   2020                  2021

Fondo di cassa all'inizio dell'esercizio                                                                           584.813,30

A) Fondo pluriennale vincolato per spese correnti                                              (+)                                             0,00                   0,00                   0,00

AA) Recupero disavanzo di amministrazione esercizio precedente                                 (-)                                       203.986,12              37.129,94             37.129,94

B) Entrate titoli 1.00 - 2.00 - 3.00                                                           (+)                                      7.130.132,46          6.767.375,27           6.925.065,28
    di cui per estinzione anticipata di prestiti                                                                                                0,00                  0,00                   0,00

C) Entrate Titolo 4.02.06 - Contributi agli investimenti direttamente destinati al rimborso    (+)
dei prestiti da amministrazioni pubbliche

D) Spese Titolo 1.00 - Spese correnti                                                          (-)                                      6.755.601,51          6.732.703,54           6.745.212,78
    di cui
    - fondo pluriennale vincolato                                                                                                              0,00                   0,00                  0,00
    - fondo crediti di dubbia esigibilità                                                                                                294.417,87             308.317,67            350.540,92

E) Spese Titolo 2.04 - Trasferimenti in conto capitale                                         (-)

F) Spese Titolo 4.00 - Quote di capitale amm.to mutui e prestiti obbligazionari                (-)                                       278.622,63             244.941,79            240.122,56
 - di cui per estinzione anticipata di prestiti                                                                                                0,00                   0,00                  0,00
 - di cui Fondo anticipazioni di liquidità (DL 35/2013 e successive modifiche e                                                                0,00                   0,00                  0,00
    rifinanziamenti)

                                                   G) Somma finale (G=A-AA+B+C-D-E-F)                                                    -108.077,80           -247.400,00             -97.400,00

ALTRE POSTE DIFFERENZIALI, PER ECCEZIONI PREVISTE DA NORME DI LEGGE, CHE HANNO EFFETTO SULL'EQUILIBRIO EX ARTICOLO 162, COMMA 6, DEL TESTO UNICO DELLE LEGGI SULL'ORDINAMENTO DEGLI ENTI LOCALI

H) Utilizzo avanzo di amministrazione per spese correnti (2)                                   (+)                                             0,00
    di cui per estinzione anticipata di prestiti                                                                                               0,00

I) Entrate di parte capitale destinate a spese correnti in base a specifiche disposizioni di   (+)                                       108.077,80             247.400,00             97.400,00
legge
    di cui per estinzione anticipata di prestiti                                                                                               0,00                   0,00                   0,00

L) Entrate di parte corrente destinate a spese di investimento in base a specifiche            (-)                                             0,00                   0,00                   0,00
disposizioni di legge

M) Entrate da accensione di prestiti destinate a estinzione anticipata dei prestiti            (+)                                             0,00                   0,00                   0,00

EQUILIBRIO DI PARTE CORRENTE (3)
                                                                            O=G+H+I-L+M                                                         0,00                  0,00                   0,00

                                                                                                       Pag. 9 di        52
COMPETENZA ANNO        COMPETENZA ANNO        COMPETENZA ANNO
                         EQUILIBRI ECONOMICO-FINANZIARIO
                                                                                                                             2019                   2020                   2021

P) Utilizzo avanzo di amministrazione per spese di investimento (2)                            (+)                                    0,00

Q) Fondo pluriennale vincolato per spese in conto capitale                                     (+)                                    0,00                    0,00                 0,00

R) Entrate Titoli 4.00 - 5.00 - 6.00                                                           (+)                             2.546.877,96          10.357.620,36          2.740.620,36

C) Entrate Titolo 4.02.06 - Contributi agli investimenti direttamente destinati al rimborso    (-)
dei prestiti da amministrazioni pubbliche

I) Entrate di parte capitale destinate a spese correnti in base a specifiche disposizioni di   (-)                              108.077,80             247.400,00             97.400,00
legge

S1) Entrate Titolo 5.02 per Riscossioni crediti di breve termine                               (-)

S2) Entrate Titolo 5.03 per Riscossioni crediti di medio-lungo termine                         (-)

T) Entrate Titolo 5.04 relative a Altre entrate per riduzioni di attività finanziaria          (-)

L) Entrate di parte corrente destinate a spese di investimento in base a specifiche            (+)                                    0,00                    0,00                 0,00
disposizioni di legge

M) Entrate da accensione di prestiti destinate a estinzione anticipata dei prestiti            (-)                                    0,00                    0,00                 0,00

U) Spese Titolo 2.00 - Spese in conto capitale                                                 (-)                             2.438.800,16          10.110.220,36          2.643.220,36
    di cui fondo pluriennale vincolato di spesa                                                                                        0,00                   0,00                  0,00

V) Spese Titolo 3.01 per Acquisizioni di attività finanziarie                                  (-)                                    0,00                    0,00                 0,00

E) Spese Titolo 2.04 - Trasferimenti in conto capitale                                         (+)

EQUILIBRIO DI PARTE CAPITALE

                                                         Z=P+Q+R-C-I-S1-S2-T+L-M-U-V+E                                                 0,00                   0,00                  0,00

                                                                                                     Pag. 10 di   52
COMPETENZA ANNO                         COMPETENZA ANNO                        COMPETENZA ANNO
                                EQUILIBRI ECONOMICO-FINANZIARIO
                                                                                                                                                                                     2019                                    2020                                   2021

S1) Entrate Titolo 5.02 per Riscossioni crediti di breve termine                                                              (+)

S2) Entrate Titolo 5.03 per Riscossioni crediti di medio-lungo termine                                                        (+)

T) Entrate Titolo 5.04 relative a Altre entrate per riduzioni di attività finanziaria                                         (+)

X1) Spese Titolo 3.02 per Concessioni crediti di breve termine                                                                (-)

X2) Spese Titolo 3.03 per Concessioni crediti di medio-lungo termine                                                          (-)

Y) Spese Titolo 3.04 per Altre spese per acquisizioni di attività finanziarie                                                 (-)

EQUILIBRIO FINALE

                                                                                    W=O+Z+S1+S2+T-X1-X2-Y                                                                                                    0,00                                   0,00                                   0,00

Saldo corrente ai fini della copertura degli investimenti pluriennali (4):
 Equilibrio di parte corrente (O)                                                                                                                                                                            0,00                                   0,00                                   0,00
Utilizzo risultato di amministrazione per il finanziamento di spese correnti (H)                                              (-)                                                                            0,00

Equilibrio di parte corrente ai fini della copertura degli investimenti pluriennali                                                                                                                          0,00                                   0,00                                   0,00

C) Si tratta delle entrate in conto capitale relative ai soli contributi agli investimenti destinati al rimborso prestiti corrispondenti alla voce del piano dei conti finanziario con codifica E.4.02.06.00.000.
E) Si tratta delle spese del titolo 2 per trasferimenti in conto capitale corrispondenti alla voce del piano dei conti finanziario con codifica U.2.04.00.00.000.
S1) Si tratta delle entrate del titolo 5 limitatamente alle riscossione crediti di breve termine corrispondenti alla voce del piano dei conti finanziario con codifica E.5.02.00.00.000.
S2) Si tratta delle entrate del titolo 5 limitatamente alle riscossione crediti di medio-lungo termine corrispondenti alla voce del piano dei conti finanziario con codifica E.5.03.00.00.000.
T) Si tratta delle entrate del titolo 5 limitatamente alle altre entrate per riduzione di attività finanziarie corrispondenti alla voce del piano dei conti finanziario con codifica E.5.04.00.00.000.
X1) Si tratta delle spese del titolo 3 limitatamente alle concessione crediti di breve termine corrispondenti alla voce del piano dei conti finanziario con codifica U.3.02.00.00.000.
X2) Si tratta delle spese del titolo 3 limitatamente alle concessione crediti di medio-lungo termine corrispondenti alla voce del piano dei conti finanziario con codifica U.3.03.00.00.000.
Y) Si tratta delle spese del titolo 3 limitatamente alle altre spese per incremento di attività finanziarie corrispondenti alla voce del piano dei conti finanziario con codifica U.3.04.00.00.000.
(1) Indicare gli anni di riferimento.
(2) In sede di approvazione del bilancio di previsione è consentito l'utilizzo della sola quota vincolata del risultato di amministrazione presunto. Nel corso dell'esercizio è consentito l'utilizzo anche della quota accantonata se il bilancio è deliberato a seguito dell'approvazione del
prospetto concernente il risultato di amministrazione presunto dell'anno precedente aggiornato sulla base di un pre-consuntivo dell'esercizio precedente. E' consentito l'utilizzo anche della quota destinata agli investimenti e della quota libera del risultato di amministrazione
dell'anno precedente se il bilancio (o la variazione di bilancio) è deliberato a seguito dell'approvazione del rendiconto dell'anno precedente.

(3) La somma algebrica finale non può essere inferiore a zero per il rispetto della disposizione di cui all’articolo 162 del testo unico delle leggi sull’ordinamento degli enti locali.
(4) Con riferimento a ciascun esercizio, il saldo positivo dell’equilibrio di parte corrente in termini di competenza finanziaria può costituire copertura agli investimenti imputati agli esercizi successivi per un importo non superiore al minore valore tra la media dei saldi di parte
corrente in termini di competenza e la media dei saldi di parte corrente in termini di cassa registrati negli ultimi tre esercizi rendicontati, se sempre positivi, determinati al netto dell’utilizzo dell’avanzo di amministrazione, del fondo di cassa, e delle entrate non ricorrenti che non
hanno dato copertura a impegni, o pagamenti.

                                                                                                                                             Pag. 11 di              52
3) CRITERI DI VALUTAZIONE ADOTTATI PER LA FORMULAZIONE DELLE PREVISIONI DELLE ENTRATE

Di seguito sono analizzate le principali voci d'entrata, al fine di illustrare i dati di bilancio, riportare ulteriori dati che non possono essere inseriti nei documenti
quantitativo-contabili ed evidenziare le motivazioni assunte ed i criteri di valutazione adottati dei singoli cespiti.

       Trend storico delle entrate
                                                                                                 TREND STORICO                                        PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE                         % scostamento
                                                                                  2016                2017                  2018               2019                2020                2021               colonna 4 da
                                       ENTRATE                                 Rendiconto          Rendiconto           Stanziamento         Previsioni          Previsioni          Previsioni            colonna 3
                                                                                   1                   2                      3                  4                   5                   6                    7
Utilizzo avanzo di amministrazione                                                   35.455,63                                  10.377,09                 0,00                                                -100,000 %
                                                                                                       100.676,38
Fondo pluriennale vincolato per spese correnti                                                                                                            0,00                0,00                0,00         -100,000 %
                                                                                    108.148,72         153.240,67             214.552,17
Fondo pluriennale vincolato per spese conto capitale                                                                                                      0,00                0,00                0,00         -100,000 %
                                                                                    446.404,37          275.188,07            189.445,18
Titolo 1 - Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa      3.915.359,15        5.462.299,35          5.321.199,54        5.309.369,77        5.093.627,73        5.262.406,34             -0,222 %
Titolo 2 - Trasferimenti correnti                                                                                                                                                                               -22,953 %
                                                                                    285.005,52          238.734,53            315.466,35          243.055,02          226.264,49          215.264,49
Titolo 3 - Entrate extratributarie                                                1.454.375,51        1.342.261,55          1.590.271,51        1.577.707,67        1.447.483,05        1.447.394,45            -0,790 %
Titolo 4 - Entrate in conto capitale                                                                                        1.844.868,36        2.056.877,96                            2.340.620,36            11,491 %
                                                                                    292.696,59         206.094,41                                                 10.101.420,60
Titolo 5 - Entrate da riduzione di attività finanziarie                                                                             0,00           80.000,00               0,00                   0,00         100,000 %
Titolo 6 - Accensione di prestiti                                                         0,00                                 75.000,00                                                                       446,666 %
                                                                                                        379.763,77                                410.000,00          256.199,76          400.000,00
Titolo 7 - Anticipazioni da istituto tesoriere/cassiere                           5.008.237,28        4.792.378,71          2.913.685,00        1.760.823,00        1.760.823,00        1.760.823,00            -39,567 %
Titolo 9 - Entrate per conto di terzi e partite di giro                           2.146.680,91        1.849.059,89          7.952.000,00        5.952.000,00        5.952.000,00        5.952.000,00            -25,150 %
TOTALE GENERALE DELLE ENTRATE                                                                                                                                                                                   -14,867 %
                                                                                 13.692.363,68       14.799.697,33         20.426.865,20      17.389.833,42       24.837.818,63       17.378.508,64

                                                                                                                     Pag. 12 di         52
3.1) Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa

Imposta Unica Comunale (IUC)

Il comma 639 art. 1 della legge di stabilità 2014 ha previsto l’istituzione dell’imposta unica comunale (IUC) basata su due presupposti impositivi:
il primo riferito al possesso e commisurato alla natura e al valore dell’immobile, l’altro all’erogazione e alla fruizione dei servizi comunali. In base a
questi presupposti la IUC si compone di una imposta di natura patrimoniale IMU dovuta dal possessore di immobili (con esclusione delle abitazioni
principali) e una componente relativa ai servizi che a sua volta si compone di TASI relativa ai servizi indivisibili del comune, TARI relativa al
finanziamento dei costi del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti.
La legge di stabilità per il 2016 ha previsto l'eliminazione della TASI sulle abitazioni principali, eccetto quelle di lusso (A1, A8, A9). Il mancato gettito
sarà compenato dal Fondo di Solidarietà Comunale (FSC).
La legge di Bilancio 2019 (Legge 30/12/2018 n. 145) non ha prorogato il blocco delle aliquote sui tributi locali, pertanto a decorrere dal 2019 possono
essere deliberati entro il termine di scadenza per l'approvazione del Bilancio di previsione 2019-2021 fissato al 31/03/2019 con Decreto del Ministero
dell'Interno 25/01/2019, aumenti delle aliquote IMU, TASI, addizionale IRPEF, ecc.

Per l'anno 2019 l'Ente si è avvalso di questa facoltà pertanto il gettito IMU per l'anno 2019 è stimato in euro 1.900.000,00 determinato sulla base
delle aliquote stabilite, al netto dell'importo di alimentazione del Fondo di Solidarietà Comunale stimato in euro 385.528,00, come comunicato dal
Dipartimento della Finanza Locale ai sensi dell'art. 1 comma 921 della Legge n. 145/2018.

Nella tabella sono riportati i vari gettiti IMU stimati al lordo dell'importo necessario all'alimentazione del FSC, specificando che i fabbricati residenziali e
non residenziali sono cumulati in un'unica voce.

TARI
La TARI è stimata in euro 1.454.000,00 in base alla Piano Economico Finanziario di copertura del costo del servizio di smaltimento dei rifiuti urbani.

Il gettito derivante dall’attività di controllo delle dichiarazioni IMU di anni precedenti è previsto in oltre € 168.000,00 per l'anno 2019, sulla base del
programma di controllo.

Addizionale comunale Irpef.
L’ addizionale Irpef da applicare per l’anno 2019 nella seguente misura:
- aliquota unica del 0,8%
Il gettito è previsto in € 900.000,00 tenendo conto dei dati del Ministero delle Finanze.

Imposta di scopo
Il Consiglio Comunale non intende deliberare nessuna imposta di scopo per l’anno 2019.

                                                                          Pag. 13 di   52
Imposta di soggiorno
Il Comune di Vicchio fa parte dell’Unione dei Comuni Montani del Mugello la quale ha provveduto ad istituire l’imposta di soggiorno già dall’anno 2013 e
a ripartire i proventi ai rispettivi Comuni. La previsione di entrata è di euro 7.532,82.

T.O.S.A.P. (Tassa sull’occupazione di spazi ed aree pubbliche)
Il gettito della tassa sull’occupazione di spazi e aree pubbliche è stato stimato in € 74.000,00.

Fondo di solidarietà comunale
Il Fondo di Solidarietà Comunale è stato previsto per Euro 547.184,60 tenendo conto delle disposizioni contenute nel comma 921 dell’art.1 della Legge 30/12/2018 n. 145 che
conferma l’importo assegnato per l’anno 2018.

       Le entrate tributarie
                                                                            TREND STORICO                                        PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE                   % scostamento
                                                             2016                2017                  2018               2019              2020              2021             colonna 4 da
                        Descrizione Tipologia/Categoria   Rendiconto          Rendiconto           Stanziamento         Previsioni        Previsioni        Previsioni          colonna 3
                                                              1                   2                      3                  4                 5                 6                  7
Imposte, tasse e proventi assimilati                         3.842.847,79        5.396.636,45          5.229.399,00        5.217.669,77      5.004.627,73      5.173.406,34            -0,224 %
Compartecipazioni di tributi                                    72.511,36           65.662,90              91.800,54          91.700,00         89.000,00         89.000,00            -0,109 %
TOTALE ENTRATE TRIBUTARIE                                                                                                                                                              -0,222 %
                                                             3.915.359,15        5.462.299,35          5.321.199,54        5.309.369,77      5.093.627,73      5.262.406,34

                                                                                                Pag. 14 di         52
3.2) Entrate per trasferimenti correnti

      Le entrate per trasferimenti correnti
                                                                                    TREND STORICO                                      PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE                 % scostamento
                                                                      2016               2017                 2018              2019              2020             2021            colonna 4 da
                        Descrizione Tipologia/Categoria            Rendiconto         Rendiconto          Stanziamento        Previsioni        Previsioni       Previsioni         colonna 3
                                                                       1                  2                     3                 4                 5                6                 7
Trasferimenti correnti da Amministrazioni pubbliche                                                                                                                                        -22,953 %
                                                                       285.005,52         238.734,53           315.466,35         243.055,02        226.264,49       215.264,49
Trasferimenti correnti dall'Unione Europea e dal Resto del Mondo             0,00               0,00                 0,00               0,00              0,00             0,00             0,000 %
TOTALE ENTRATE PER TRASFERIMENTI CORRENTI                                                                                                                                                  -22,953 %
                                                                       285.005,52         238.734,53           315.466,35         243.055,02        226.264,49       215.264,49

                                                                                                       Pag. 15 di        52
3.3) Entrate extratributarie

       Le entrate extratributarie
                                                                                                           TREND STORICO                                       PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE                   % scostamento
                                                                                            2016                2017                  2018              2019              2020              2021             colonna 4 da
                          Descrizione Tipologia/Categoria                                Rendiconto          Rendiconto           Stanziamento        Previsioni        Previsioni        Previsioni          colonna 3
                                                                                             1                   2                      3                 4                 5                 6                  7
Vendita di beni e servizi e proventi derivanti dalla gestione dei beni                                                                1.091.997,72       1.016.017,98                                                 -6,957 %
                                                                                             967.458,90          996.364,99                                                 978.828,97        978.828,97
Proventi derivanti dall'attività di controllo e repressione delle irregolarità e degli
                                                                                              62.248,77           19.619,60             28.885,26                             24.500,00         24.500,00         292,750 %
illeciti                                                                                                                                                  113.447,00
Interessi attivi                                                                                 942,64              266,85              3.000,00             110,00             110,00            110,00            -96,333 %
Altre entrate da redditi da capitale                                                          74.687,00           74.144,82             72.297,50          72.250,00          68.250,00         68.250,00             -0,065 %
Rimborsi e altre entrate correnti                                                                                                                                                                                     -4,620 %
                                                                                             349.038,20          251.865,29            394.091,03         375.882,69        375.794,08        375.705,48
TOTALE ENTRATE EXTRATRIBUTARIE                                                                                                                                                                                        -0,790 %
                                                                                            1.454.375,51        1.342.261,55          1.590.271,51       1.577.707,67      1.447.483,05      1.447.394,45

                                                                                                                               Pag. 16 di        52
3.4) Entrate in conto capitale

.

           Le entrate conto capitale
                                                                                  TREND STORICO                                        PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE                   % scostamento
                                                                   2016                2017                  2018               2019              2020              2021             colonna 4 da
                              Descrizione Tipologia/Categoria   Rendiconto          Rendiconto           Stanziamento         Previsioni        Previsioni        Previsioni          colonna 3
                                                                    1                   2                      3                  4                 5                 6                  7
    Tributi in conto capitale                                         33.369,02           15.065,47              47.000,00          30.000,00         30.000,00         30.000,00            -36,170 %
    Contributi agli investimenti                                      20.620,36           16.620,36          1.470.620,36        1.876.877,96      5.907.620,36      2.160.620,36             27,624 %
    Altri trasferimenti in conto capitale                              5.020,63            2.924,11                                 3.000,00          3.000,00          3.000,00             -97,920 %
                                                                                                               144.248,00
    Entrate da alienazione di beni materiali e immateriali             8.004,64           11.266,00             17.000,00           7.000,00      4.020.800,24          7.000,00             -58,823 %
    Altre entrate in conto capitale                                                                                                                                                          -15,662 %
                                                                     225.681,94          160.218,47            166.000,00         140.000,00        140.000,00        140.000,00
    TOTALE ENTRATE CONTO CAPITALE                                                                                                                                                            11,491 %
                                                                     292.696,59          206.094,41          1.844.868,36        2.056.877,96    10.101.420,60       2.340.620,36

                                                                                                      Pag. 17 di         52
3.5) Entrate per riduzione attività finanziarie

Nel Bilancio di Previsione 2019-2021 è prevista l'alienazione di n. 24.000 azioni di Toscana Energia S.p.A.. La procedura di vendita era iniziata già nel 2018 e si
prevede possa perfezionarsi nel corso del 2019. Il gettito stimato prudentemente al costo di recesso è di € 80.000,00 iscritto al Titolo V dell'Entrata

      Le entrate per riduzione di attivita' finanziarie
                                                                              TREND STORICO                                         PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE                       % scostamento
                                                             2016                  2017                    2018              2019              2020                2021               colonna 4 da
                        Descrizione Tipologia/Categoria   Rendiconto            Rendiconto             Stanziamento        Previsioni        Previsioni          Previsioni            colonna 3
                                                              1                     2                        3                 4                 5                   6                    7
Alienazione di attività finanziarie                                    0,00                  0,00                  0,00          80.000,00                0,00                0,00         100,000 %
Riscossione crediti di medio-lungo termine                             0,00                  0,00                  0,00               0,00                0,00                0,00           0,000 %
TOTALE ENTRATE PER RIDUZIONE DI ATTIVITA' FINANZIARIE                                                                                                                                      100,000 %
                                                                       0,00                  0,00                  0,00         80.000,00                 0,00                0,00

                                                                                                    Pag. 18 di        52
3.6) Entrate per accensione di prestiti

L'Ente prevede di accendere prestiti per € 410.000,00 rispettivamente € 160.000,00 per sistemazione impiantistica sportiva ed € 250.000,00 per sistemazione della frana in
locCarbonaia lungo la strada comunale di Villore.

      Le entrate per accensione di prestiti
                                                                                   TREND STORICO                                      PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE                 % scostamento
                                                                  2016                  2017                 2018              2019              2020             2021            colonna 4 da
                       Descrizione Tipologia/Categoria         Rendiconto            Rendiconto          Stanziamento        Previsioni        Previsioni       Previsioni         colonna 3
                                                                   1                     2                     3                 4                 5                6                 7
Accensione mutui e altri finanziamenti a medio lungo termine                0,00                               75.000,00                                                               446,666 %
                                                                                         379.763,77                              410.000,00        256.199,76       400.000,00
TOTALE ENTRATE PER ACCENSIONE DI PRESTITI                                                                                                                                              446,666 %
                                                                            0,00         379.763,77            75.000,00         410.000,00        256.199,76       400.000,00

                                                                                                      Pag. 19 di        52
3.7) Entrate per anticipazioni da istituto tesoriere/cassiere

L’anticipazione è concessa dal tesoriere entro il limite massimo dei quattro dodicesimi delle entrate accertate, dei primi tre titoli dell’entrata, nel penultimo anno
precedente e, pertanto, secondo le risultanze del conto consuntivo 2017, approvato con deliberazione n. 28/CC del 24/04/2018 corrispondenti ad € 7.045.293,43. Attualmente
l'Ente ha richiesto un'anticipazione di cassa pari ai tre dodicesimi delle suddette entrate e pertanto fino alla concorrenza dell'importo di €. 1.760.823,00 che sarà iscritta in
bilancio nei corrispondenti titoli di entrata e di spesa

       Le entrate per anticipazioni da istituto tesoriere
                                                                             TREND STORICO                                       PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE                   % scostamento
                                                              2016                2017                  2018              2019              2020              2021             colonna 4 da
                         Descrizione Tipologia/Categoria   Rendiconto          Rendiconto           Stanziamento        Previsioni        Previsioni        Previsioni          colonna 3
                                                               1                   2                      3                 4                 5                 6                  7
Anticipazioni da istituto tesoriere/cassiere                  5.008.237,28        4.792.378,71          2.913.685,00       1.760.823,00      1.760.823,00      1.760.823,00            -39,567 %
TOTALE ENTRATE PER ANTICIPAZIONI DA ISTITUTO TESORIERE                                                                                                                                 -39,567 %
                                                              5.008.237,28        4.792.378,71          2.913.685,00       1.760.823,00      1.760.823,00      1.760.823,00

                                                                                                 Pag. 20 di        52
3.8) Entrate per conto terzi e partite di giro

I servizi per conto di terzi e le partite di giro comprendono le transazioni poste in essere per conto di altri soggetti in assenza di qualsiasi discrezionalità ed autonomia decisionale
da parte dell’ente, quali quelle effettuate come sostituto di imposta.
Non comportando discrezionalità ed autonomia decisionale, le operazioni per conto di terzi non hanno natura autorizzatoria.
In deroga alla definizione di “Servizi per conto terzi”, sono classificate tra tali operazioni le transazioni riguardanti i depositi dell’ente presso terzi, i depositi di terzi presso l’ente, la
cassa economale, le anticipazioni erogate dalla tesoreria statale alle regioni per il finanziamento della sanità ed i relativi rimborsi.
Ai fini dell’individuazione delle “operazioni per conto di terzi”, l’autonomia decisionale sussiste quando l’ente concorre alla definizione di almeno uno dei seguenti elementi della
transazione: ammontare, tempi e destinatari della spesa.
Le entrate per conto di terzi e partite di giro sono state previste a pareggio con le relative spese, stimando gli importi sulla base dell’osservazione storica degli aggregati
corrispondenti.

       Le entrate per conto terzi e partite di giro
                                                                              TREND STORICO                                       PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE                   % scostamento
                                                               2016                2017                  2018              2019              2020              2021             colonna 4 da
                          Descrizione Tipologia/Categoria   Rendiconto          Rendiconto           Stanziamento        Previsioni        Previsioni        Previsioni          colonna 3
                                                                1                   2                      3                 4                 5                 6                  7
Entrate per partite di giro                                    2.098.070,47        1.827.313,74          7.637.000,00       5.637.000,00      5.637.000,00      5.637.000,00            -26,188 %
Entrate per conto terzi                                           48.610,44           21.746,15                                                                                          0,000 %
                                                                                                           315.000,00        315.000,00        315.000,00        315.000,00
TOTALE ENTRATE PER CONTO TERZI E PARTITE DI GIRO                                                                                                                                        -25,150 %
                                                               2.146.680,91        1.849.059,89          7.952.000,00       5.952.000,00      5.952.000,00      5.952.000,00

                                                                                                  Pag. 21 di        52
3.9) Fondo pluriennale vincolato iscritto nelle entrate

Il fondo pluriennale vincolato è un saldo finanziario, costituito da risorse già accertate destinate al finanziamento di obbligazioni passive dell’ente già impegnate, ma esigibili in
esercizi successivi a quello in cui è accertata l’entrata.
Trattasi di un saldo finanziario che garantisce la copertura di spese imputate agli esercizi successivi a quello in corso, che nasce dall’esigenza di applicare il principio della
competenza finanziaria, e rendere evidente la distanza temporale intercorrente tra l’acquisizione dei finanziamenti e l’effettivo impiego di tali risorse.
Il fondo pluriennale vincolato è formato solo da entrate correnti vincolate e da entrate destinate al finanziamento di investimenti, accertate e imputate agli esercizi precedenti a
quelli di imputazione delle relative spese.
Prescinde dalla natura vincolata o destinata delle entrate che lo alimentano, il fondo pluriennale vincolato costituito:
     • in occasione del riaccertamento ordinario dei residui al fine di consentire la reimputazione di un impegno che, a seguito di eventi verificatisi successivamente alla
          registrazione, risulta non più esigibile nell’esercizio cui il rendiconto si riferisce
     • in occasione del riaccertamento straordinario dei residui, effettuata per adeguare lo stock dei residui attivi e passivi degli esercizi precedenti alla nuova configurazione
          del principio contabile generale della competenza finanziaria.
Il fondo riguarda prevalentemente le spese in conto capitale ma può essere destinato a garantire la copertura di spese correnti, ad esempio per quelle impegnate a fronte di
entrate derivanti da trasferimenti correnti vincolati, esigibili in esercizi precedenti a quelli in cui è esigibile la corrispondente spesa, ovvero alle spese per il compenso accessorio
del personale.
L’ammontare complessivo del fondo iscritto in entrata, distinto in parte corrente e in c/capitale, è pari alla sommatoria degli accantonamenti riguardanti il fondo stanziati nella
spesa del bilancio dell’esercizio precedente, nei singoli programmi di bilancio cui si riferiscono le spese, dell’esercizio precedente.
Solo con riferimento al primo esercizio, l’importo complessivo del fondo pluriennale, iscritto tra le entrate, può risultare inferiore all’importo dei fondi pluriennali di spesa
dell’esercizio precedente, nel caso in cui sia possibile stimare o far riferimento, sulla base di dati di preconsuntivo all’importo, riferito al 31 dicembre dell’anno precedente al
periodo di riferimento del bilancio di previsione, degli impegni imputati agli esercizi precedenti finanziati dal fondo pluriennale vincolato.
Nella fase di approvazione del Bilancio di Previsione 2019-2021 non è stato calcolato il FPV che verrà determinato solo a seguito del riaccertamento ordinario dei residui.

Fondo Pluriennale Vincolato iscritto nelle entrate
                                                                             TREND STORICO                                      PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE                         % scostamento
                                                               2016               2017                 2018              2019                2020                2021               colonna 4 da
                 Descrizione Tipologia/Categoria            Rendiconto         Rendiconto          Stanziamento        Previsioni          Previsioni          Previsioni            colonna 3
                                                                1                  2                     3                 4                   5                   6                    7
FONDO PLURIENNALE VINCOLATO PARTE CORRENTE                                                                                          0,00                0,00                0,00         -100,000 %
                                                                108.148,72         153.240,67           214.552,17
FONDO PLURIENNALE VINCOLATO C/CAPITALE                                                                                              0,00                0,00                0,00         -100,000 %
                                                                446.404,37         275.188,07           189.445,18
TOTALE FONDO PLURIENNALE VINCOLATO ISCRITTO NELLE ENTRATE                                                                                                                                -100,000 %
                                                                554.553,09         428.428,74           403.997,35                  0,00                0,00                0,00

                                                                                                Pag. 22 di        52
4) CRITERI DI VALUTAZIONE ADOTTATI PER LA FORMULAZIONE DELLE PREVISIONI, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AGLI STANZIAMENTI RIGUARDANTI GLI
ACCANTONAMENTI PER LE SPESE POTENZIALI E AL FONDO CREDITI DI DUBBIA ESIGIBILITÀ, DANDO ILLUSTRAZIONE DEI CREDITI PER I QUALI NON È
PREVISTO L’ACCANTONAMENTO A TALE FONDO

Di seguito sono analizzate le principali voci di spesa, riepilogate per macroaggregato, al fine di illustrare i dati di bilancio, riportare ulteriori dati che non possono essere inseriti
nei documenti quantitativo-contabili ed evidenziare le motivazioni assunte ed i criteri di valutazione adottati delle stesse.

       Trend storico delle spese
                                                                                          TREND STORICO                                       PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE                     % scostamento
                                                                         2016                  2017                  2018              2019                2020              2021             colonna 4 da
                                        SPESE                         Rendiconto            Rendiconto           Stanziamento        Previsioni          Previsioni        Previsioni          colonna 3
                                                                          1                     2                      3                 4                   5                 6                  7
Disavanzo di amministrazione                                                       0,00                                                                        37.129,94         37.129,94             0,000 %
                                                                                                 115.113,55            203.986,12         203.986,12
Titolo 1 - Spese correnti                                                5.420.108,85          6.403.846,87          7.140.422,39       6.755.601,51       6.732.703,54      6.745.212,78             -5,389 %
Titolo 2 - Spese in conto capitale                                                                                   1.939.892,87       2.438.800,16                         2.643.220,36             25,718 %
                                                                          403.394,24            701.134,07                                                10.110.220,36
Titolo 3 - Spese per aumento di attività finanziarie                                                                        0,00                  0,00             0,00              0,00              0,000 %
Titolo 4 - Rimborso di prestiti                                                                                                                                                                        0,629 %
                                                                           241.875,28            253.250,61            276.878,82         278.622,63         244.941,79        240.122,56
Titolo 5 - Chiusura di anticipazioni da istituto tesoriere/cassiere      5.008.237,28          4.792.378,71          2.913.685,00       1.760.823,00       1.760.823,00      1.760.823,00             -39,567 %
Titolo 7 - Spese per conto di terzi e partite di giro                    2.146.680,91          1.849.059,89          7.952.000,00       5.952.000,00       5.952.000,00      5.952.000,00             -25,150 %
TOTALE GENERALE DELLE SPESE                                                                                                                                                                           -14,867 %
                                                                        13.220.296,56         14.114.783,70         20.426.865,20     17.389.833,42       24.837.818,63     17.378.508,64

                                                                                                              Pag. 23 di        52
4.1) Spese correnti

REDDITI DA LAVORO DIPENDENTE:
La spesa per redditi di lavoro dipendente prevista per gli esercizi 2019-2021, tiene conto della programmazione del fabbisogno, del piano delle assunzioni e:
    -   dei vincoli disposti dall’art. 3, comma 5 e 5 quater del D.L. 90/2014, del comma 228 della Legge 208/2015 e dell’art.16 comma 1 bis del D.L. 113/2016, e
        dell’art. 22 D.L. 50/2017 sulle assunzioni di personale a tempo indeterminato per gli enti soggetti al pareggio di bilancio e al comma 762 della Legge
        208/2015, comma 562 della Legge 296/2006 per gli enti che nel 2015 non erano assoggettati al patto di stabilità;
    -   dei vincoli disposti dall’art. 9, comma 28 del D.L. 78/2010 sulla spesa per personale a tempo determinato, con convenzioni o con contratti di
        collaborazione coordinata e continuativa; che obbligano a non superare la spesa dell’anno 2009 di € 69.119,84;
    -   della quota per l’assunzione di un Assistente sociale a tempo pieno e determinato per 12 mesi dalla data di assunzione per Euro 32.539,54, che rientra
        nel limite 2009.
    -   dell’obbligo di riduzione della spesa di personale disposto dall’art. 1 comma 557 della Legge 296/2006 rispetto a valore medio del triennio 2011/2013 che
        risulta di euro 1.583.724,29.

IMPOSTE E TASSE A CARICO DELL’ENTE: € 114.064,73 corrispondenti ad IRAP e tasse di circolazione.

ACQUISTO DI BENI E SERVIZI:
La previsione di spesa tiene conto dei vincoli posti dal saldo di finanza pubblica, dal piano triennale di contenimento delle spese di cui all’art. 2, commi da 594 a
599 della Legge 244/2007, delle riduzioni di spesa disposte dall’art. 6 del D.L. 78/2010 e di quelle dell’art. 1, commi 146 e 147 della Legge 24/12/2012 n. 228.
La Corte costituzionale con sentenza n.139 del 2012 e la Sezione Autonomie della Corte dei Conti con delibera 26 del 20/12/2013, hanno stabilito che deve
essere rispettato il limite complessivo ed è consentito che lo stanziamento in bilancio fra le diverse tipologie avvenga in base alle necessità derivanti dalle attività
istituzionali dell’ente.

FONDO CREDITI DI DUBBIA ESIGIBILITA’:
La dimostrazione della quota accantonata a FCDE nel bilancio 2019-2021 è evidenziata nei prospetti che seguono per singola tipologia di entrata.
Il FCDE è determinato applicando all’importo complessivo degli stanziamenti di ciascuna delle entrate una percentuale pari al complemento a 100 delle medie calcolate come di
seguito specificato.
I calcoli sono stati effettuati applicando al rapporto tra gli incassi in c/competenza e gli accertamenti degli ultimi 5 esercizi, il seguente metodo:
     a) media semplice (sia la media fra totale incassato e totale accertato sia la media dei rapporti annui);
Le entrate considerate ai fini della quantificazione del fondo sono le seguenti:
Entrate di natura tributaria, contributiva e perequativa
Tipologia 101 relativa a imposte, tasse e proventi assimilati non accertati per cassa quali i proventi riferibili all’attività di accertamento dell’evasione tributaria;

Entrate extratributarie
Tipologia 100 Vendita di beni e servizi e proventi derivanti dalla gestione dei beni quali, ad esempio, le locazioni attive e i proventi dai servizi scolastici e dalle lampade votive;
Tipologia 200 Proventi derivanti dall’attività di controllo e repressione delle irregolarità e degli illeciti, quali ad esempio le violazioni al Codice della strada;
Non sono oggetto di svalutazione i crediti da altre amministrazioni pubbliche, i crediti assistiti da fidejussione e le entrate tributarie che, sulla base dei principi contabili sono
accertate per cassa. Per le entrate da tributi in autoliquidazione in ossequio al principio 3.7.5, stante le modalità di accertamento non è stato previsto il FCDE
Non sono altresì oggetto di svalutazione le entrate di dubbia e difficile esazione riguardanti entrate riscosse da un ente per conto di un altro ente e destinate ad essere versate
all’ente beneficiario finale. Il fondo crediti di dubbia esigibilità è accantonato dall’ente beneficiario finale.
                                                                                   Pag. 24 di    52
Nel 2019 per tutti gli enti locali lo stanziamento di bilancio riguardante il fondo crediti di dubbia esigibilità è pari almeno al 85%, nel 2020 al 95% e nel 2021 è pari al 100% come
confermato dalla Legge di Bilancio per il 2019 (Legge 30/12/2018 n. 145).
Il fondo crediti di dubbia esigibilità, pur confluendo in un unico piano finanziario incluso nella missione 20 programma 2, deve essere articolato distintamente in considerazione
della differente natura dei crediti.
Sono previsti i seguenti accantonamenti in bilancio di previsione:

       Le spese correnti
                                                                             TREND STORICO                                       PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE                   % scostamento
                                                              2016                2017                  2018              2019              2020              2021             colonna 4 da
                         Descrizione Tipologia/Categoria   Rendiconto          Rendiconto           Stanziamento        Previsioni        Previsioni        Previsioni          colonna 3
                                                               1                   2                      3                 4                 5                 6                  7
Redditi da lavoro dipendente                                  1.625.238,74        1.432.070,27          1.776.900,55       1.696.626,48      1.711.815,39      1.703.815,39             -4,517 %
Imposte e tasse a carico dell'ente                                                                                                                                                     -10,916 %
                                                                111.971,20          100.661,46            128.452,68        114.430,64        114.272,92        114.272,92
Acquisto di beni e servizi                                    2.449.072,94        3.496.409,03          3.386.870,99      3.260.201,35      3.228.141,74      3.219.957,01              -3,740 %
Trasferimenti correnti                                                            1.087.205,22          1.163.497,36      1.114.983,91      1.105.435,00      1.102.435,00              -4,169 %
                                                                935.763,92
Interessi passivi                                                                                                                                                                       -7,528 %
                                                                155.143,31          139.359,76            135.321,53        125.134,35        112.313,91        101.684,63
Rimborsi e poste correttive delle entrate                        19.413,21            7.386,90              7.500,00          5.500,00          5.500,00          5.500,00             -26,666 %
Altre spese correnti                                                                                                                                                                   -19,036 %
                                                                123.505,53          140.754,23            541.879,28        438.724,78        455.224,58        497.547,83
TOTALE SPESE CORRENTI                                                                                                                                                                   -5,389 %
                                                              5.420.108,85        6.403.846,87          7.140.422,39       6.755.601,51      6.732.703,54      6.745.212,78

                                                                                                 Pag. 25 di        52
Puoi anche leggere