TIG SOUND 2643/T AC-DC Synergic GENERATORE art. 351 - CEBORA S.p.A.

 
CEBORA S.p.A.                                       1

            TIG SOUND 2643/T AC-DC Synergic

                 GENERATORE art. 351

                  MANUALE DI SERVIZIO

3.302.205                                     29/09/05
CEBORA S.p.A.                                                                                                                                          2

                                                             SOMMARIO

1      - INFORMAZIONI GENERALI ........................................................................................................4
  1.1 - Introduzione. ..................................................................................................................................4
  1.2 - Filosofia generale d’assistenza.......................................................................................................4
  1.3 - Informazioni sulla sicurezza. .........................................................................................................4
  1.4 - Compatibilità elettromagnetica. .....................................................................................................4
2      - DESCRIZIONE SISTEMA ..............................................................................................................5
  2.1 - Introduzione. ..................................................................................................................................5
  2.2 - Specifiche tecniche.........................................................................................................................5
  2.3 - Descrizione sistema TIG SOUND 2643/T AC/DC Synergic (art. 351).........................................5
  2.4 - Descrizione generatore TIG 2643/T AC/DC. ................................................................................6
3      - MANUTENZIONE ..........................................................................................................................9
  3.1 - Ispezione periodica, pulizia............................................................................................................9
  3.2 - Attacchi e connettori sistema di saldatura......................................................................................9
  3.3 - Comandi e segnalazioni pannello di controllo. ............................................................................10
  3.4 - Sequenze operative.......................................................................................................................10
    3.4.1 - Funzionamento sistema di saldatura..........................................................................................10
    3.4.2 - Funzionamento TIG-AC............................................................................................................11
    3.4.3 - Funzionamento MMA. ..............................................................................................................13
  3.5 - Ricerca guasti. ..............................................................................................................................14
    3.5.1 - Il generatore non si accende, pannello di controllo spento........................................................14
    3.5.2 - Generatore alimentato, pannello di controllo acceso, ventilatore (23) fermo............................16
    3.5.3 - Sistema alimentato, display e segnalazioni non indicano i valori corretti.................................18
    3.5.4 - In TIG, il pulsante di start non provoca alcun effetto................................................................21
    3.5.5 - In TIG, non esce il gas dalla torcia. ...........................................................................................21
    3.5.6 - In TIG, esce il gas dalla torcia, non si accende l’arco (manca l’alta frequenza). ......................22
    3.5.7 - In TIG, esce il gas dalla torcia, non si accende l’arco (manca tensione al secondario
             trasformatore (44)). ...................................................................................................................24
    3.5.8 - Nel funzionamento a vuoto, la tensione d’uscita non è regolare. ..............................................27
    3.5.9 - Nel funzionamento su carico resistivo, la tensione d’uscita non è regolare. .............................29
    3.5.10 - MMA, intervento antistick non corretto. ...................................................................................31
    3.5.11 - TIG-DC, arco instabile, saldatura irregolare. ............................................................................32
    3.5.12 - Funzionamento AC, arco instabile, saldatura irregolare............................................................32
    3.5.13 - In TIG o MMA accensione dell’arco difficoltoso, l’arco si spegne subito dopo l’innesco.......34
    3.5.14 - In MMA qualità della saldatura non soddisfacente. ..................................................................34
  3.6 - Accessibilità alle parti interne del generatore. .............................................................................35
    3.6.1 - Accessibilità alla scheda HF (58). .............................................................................................35
    3.6.2 - Rimozione del generatore dal carrello.......................................................................................35
    3.6.3 - Accessibilità ai connettori J1 e J4 della scheda HF (58). ..........................................................36
    3.6.4 - Rimozione della griglia di ventilazione frontale. ......................................................................36
  3.7 - Istruzioni per sostituzione Kit igbt + isolamento. ........................................................................37

3.302.205                                                                                                                                      29/09/05
CEBORA S.p.A.                                                                                                                                               3

  3.8 - Codici d’errore e segnalazione allarmi.........................................................................................38
    3.8.1 - 2 - Errore su EEPROM..............................................................................................................38
    3.8.2 - 6 - Errore di comunicazione su CAN-BUS, rilevato da scheda controllo (62)..........................38
    3.8.3 - 9 - Errore di comunicazione su CAN-BUS, rilevato da scheda pannello (57). .........................38
    3.8.4 - 10 - Mancanza di tensione e corrente all’uscita del generatore. ................................................38
    3.8.5 - 14 - “OFF” su display (O). Errore tensione di alimentazione microprocessore su scheda
             controllo (62).............................................................................................................................38
    3.8.6 - 20 - Assenza segnale di interlock su scheda igbt (63). ..............................................................38
    3.8.7 - 25 - Anomalia sul bus della EPLD nella scheda controllo (62).................................................38
    3.8.8 - 30 - Taratura errata della soglia minima di corrente su scheda controllo (62). .........................39
    3.8.9 - 52 - “trG” lampeggiante su display (O). In TIG, pulsante di start premuto all’accensione.......39
    3.8.10 - 53 - “trG” lampeggiante su display (O). In TIG, pulsante di start premuto durante il ripristino
             da arresto per temperatura oltre i limiti. ....................................................................................39
    3.8.11 - 54 - Tensione d’uscita del generatore maggiore di 48 Vac. ......................................................39
    3.8.12 - 56 - Durata eccessiva del cortocircuito all’uscita. .....................................................................40
    3.8.13 - 74 - “TH” su display (O), “1” su display (U). Temperatura eccessiva dell’inverter di scheda
             igbt (63). ....................................................................................................................................40
    3.8.14 - 77 - “TH” su display (O), “2” su display (U). Temperatura eccessiva del gruppo diodi (30) e
             gruppo igbt (38).........................................................................................................................40
    3.8.15 - 75 - “H2O” lampeggiante su display (O). Pressione insufficiente nel circuito di
             raffreddamento. .........................................................................................................................41
    3.8.16 - 76 - “H2O” su display (O) e “n.c.” su display (U). Gruppo di raffreddamento non collegato..41
4      - ELENCO COMPONENTI .............................................................................................................42
  4.1 - Generatore art. 351 : vedi file ESP351.pdf allegato a fine manuale. ...........................................42
  4.2 - Tabella componenti : vedi file ESP351.pdf allegato a fine manuale. ..........................................42
  4.3 - Elenco ricambi. ............................................................................................................................42
5      - SCHEMI ELETTRICI ....................................................................................................................43
  5.1 - Generatore art. 351 : vedi file SCHE351.pdf allegato a fine manuale. ........................................43
  5.2 - Forme d’onda. ..............................................................................................................................43
    5.2.1 - Tensione a vuoto sul secondario trasformatore (44) (par. 3.5.6, 3.5.7). ....................................43
    5.2.2 - Segnale di comando per circuiti driver-igbt su scheda igbt (63) (par. 3.5.7). ...........................43
    5.2.3 - Tensione uscita generatore in TIG-AC, con carico resistivo (par. 3.5.9). .................................43
    5.2.4 - Corrente primario trasformatore (44), TIG-DC con carico resistivo (par. 3.5.9). .....................44
    5.2.5 - Tensione uscita scheda alimentatore (6) (par. 3.5.12). ..............................................................44
  5.3 - Scheda filtro (11) cod. 5.602.230.................................................................................................45
  5.4 - Scheda igbt (63) cod. 5.602.228...................................................................................................46
  5.5 - Scheda alimentatore (6) cod. 5.602.195/C. ..................................................................................47
  5.6 - Scheda interfaccia (62) cod. 5.602.191. .......................................................................................48
  5.7 - Scheda micro (62) cod. 5.602.229................................................................................................50
  5.8 - Scheda termostato (37) cod. 5.602.137. .......................................................................................51
  5.9 - Scheda misura (4) cod. 5.602.193. ...............................................................................................51
  5.10 - Scheda driver-ac (42) cod. 5.602.194. .........................................................................................52
  5.11 - Scheda HF (58) cod. 5.602.220....................................................................................................53
  5.12 - Scheda filtro-HF (61) cod. 5.602.119. .........................................................................................53
  5.13 - Scheda connettore (48) cod. 5.602.192/A. ...................................................................................54
  5.14 - Gruppo resistenze (64) cod. 5.710.435. .......................................................................................55
  5.15 - Scheda pannello (57) cod. 5.602.190/C. ......................................................................................55

3.302.205                                                                                                                                           29/09/05
CEBORA S.p.A.                                                                                       4

1 - INFORMAZIONI GENERALI

1.1 - Introduzione.
   Il presente manuale ha lo scopo di istruire il personale addetto alla manutenzione del sistema
di saldatura TIG SOUND 2643/T AC-DC Synergic, art. 351.

1.2 - Filosofia generale d’assistenza.
   E’ dovere del cliente e/o dell’operatore l’utilizzo appropriato dell’apparecchiatura, in accordo
con le prescrizioni del Manuale d’Istruzioni, ed è sua responsabilità il mantenimento
dell’apparecchiatura e dei relativi accessori in buone condizioni di funzionamento, in accordo
con le prescrizioni del Manuale di Servizio.
   Qualsiasi operazione d’ispezione interna o riparazione deve essere eseguita da personale
qualificato, il quale è responsabile degli interventi che effettua sull’apparecchiatura.
   E’ vietato tentare di riparare schede o moduli elettronici danneggiati; sostituirli con ricambi
originali Cebora.

1.3 - Informazioni sulla sicurezza.
   Le note seguenti sulla sicurezza sono parti integranti di quelle riportate sul Manuale
d’Istruzioni, pertanto prima di operare sulla macchina si invita a leggere il paragrafo relativo alle
disposizioni di sicurezza riportate nel suddetto manuale.
   Scollegare sempre il cavo d’alimentazione dalla rete ed attendere la scarica dei condensatori
interni (2 minuti circa), prima di accedere alle parti interne dell’apparecchiatura.
   Alcune parti interne, quali morsetti e dissipatori, possono essere collegate a potenziali di rete
o in ogni caso pericolosi, per questo non operare con l’apparecchiatura priva dei coperchi di
protezione, se non assolutamente necessario. In tal caso adottare precauzioni particolari, quali
indossare guanti e calzature isolanti ed operare in ambienti e con indumenti perfettamente
asciutti.

1.4 - Compatibilità elettromagnetica.
   Si invita a leggere ed a rispettare le indicazioni fornite nel paragrafo “Compatibilità
elettromagnetica” del Manuale d’Istruzioni.

3.302.205                                                                                     29/09/05
CEBORA S.p.A.                                                                                      5

2 - DESCRIZIONE SISTEMA

2.1 - Introduzione.
   Il TIG SOUND 2643/T AC/DC Synergic è un sistema multiprocesso idoneo alla saldatura
MMA con ogni tipo di elettrodo rivestito (tranne il cellulosico) e TIG con accensione dell’arco
sia a contatto sia con alta frequenza, con possibilità di utilizzo della modalità Sinergica, cioè di
una “procedura guidata alla impostazione dei parametri di saldatura”.
   Esso è composto dal generatore elettronico TIG AC/DC 2643/T, dal Gruppo di
Raffreddamento GRV10 (opzionale) e da una serie d’accessori per l’adattamento ai vari tipi
d’impiego (vedi elenco nel Catalogo Commerciale).
   L’interfaccia con l’operatore dell’intero sistema di saldatura è realizzata per mezzo del
Pannello di Controllo incorporato nel generatore.

2.2 - Specifiche tecniche.
   Per la verifica delle specifiche tecniche si rimanda alla lettura delle targhe sugli apparecchi,
del Manuale d’Istruzioni, e del Catalogo Commerciale.

2.3 - Descrizione sistema TIG SOUND 2643/T AC/DC Synergic (art. 351).
   Il sistema di saldatura è controllato da circuiti a microprocessore, che gestiscono le funzioni
operative del sistema di saldatura e l’interfaccia con l’operatore.
   Facendo riferimento allo schema elettrico di par. 5.1, al disegno 4.1, e tabella 4.2, si possono
individuare i blocchi principali che compongono il sistema.
                                               NOTA
    La scheda controllo (62) è formata da due schede (interfaccia e micro) montate una sull’altra.
  Per maggior chiarezza nell’identificazione dei connettori, nel presente manuale le due schede
  sono indicate singolarmente e con lo stesso numero identificativo della scheda controllo (es.:
                scheda controllo (62); scheda interfaccia (62); scheda micro (62)).

   Generatore e pannello di controllo contengono circuiti a microprocessore, che oltre a gestire
le funzioni proprie del gruppo a cui appartengono, comunicano fra loro tramite linea seriale
CAN-BUS, al fine di collaborare in modo attivo e continuativo al funzionamento del sistema.
   Sulla base di tale architettura, si possono identificare le seguenti unità:
− microprocessore MASTER, nella scheda micro (62);
− microprocessore PANNELLO, nella scheda pannello (57).
   Ogni microprocessore è programmato con un diverso programma che, ovviamente, deve
essere compatibile con quello dell’altro microprocessore. Per rendere più agevole l’inserimento e
l’aggiornamento di tali programmi, è presente un sistema ad accesso unico (il connettore (56) per
comunicazione seriale RS232 (BO) sul pannello frontale del generatore), che permette la
programmazione dei due microprocessori in una unica sessione di programmazione. Con tale
operazione i due programmi vengono inseriti simultaneamente nei microprocessori, ed
automaticamente ognuno al suo posto.
   I programmi aggiornati, MASTER e PANNELLO sono raggruppati in un unico file,
riconoscibile dall’estensione “.ceb”, disponibile nel sito internet www.cebora.it.
   Per il loro utilizzo occorre scaricare ed installare nel proprio computer il programma “Cebora
Device Manager”, disponibile nel sito internet www.cebora.it. Con tale programma è possibile
archiviare nel computer i files relativi al “firmware Cebora” (cioè i programmi scaricabili dal
sito Cebora) ed inserirli nelle macchine da programmare o da aggiornare.
   Le istruzioni per l’utilizzo di “Cebora Device Manager” sono allegate al programma.
   La versione dei programmi inseriti, è visibile nella schermata iniziale sul pannello di controllo
nella seguente forma:

3.302.205                                                                                    29/09/05
CEBORA S.p.A.                                                                                        6

−  display O = “PAn”; display (U) = “03_” = versione 03 del programma PANNELLO.
−  display O = “MSt”; display (U) = “04_” = versione 04 del programma MASTER.
   I programmi di lavoro preprogrammati da Cebora sono integrati nel programma MASTER.
   Le personalizzazioni dei modi di utilizzo (set-up dei parametri) ed i programmi di saldatura
realizzati dall’utente, sono memorizzati nella EEprom della scheda micro (62).
   Per consentire la sostituzione della scheda controllo (62) senza perdere questi dati, la EEprom
è montata su zoccolo in modo da poter essere rimossa dalla scheda ed essere inserita in una
scheda nuova. Allo stesso modo è anche possibile trasferire le personalizzazioni ed i programmi
dell’utente da un generatore all’altro, in modo che questo ultimo si trovi ad operare con gli stessi
identici parametri del primo generatore.

2.4 - Descrizione generatore TIG 2643/T AC/DC.
   Il TIG 2643/T è un generatore di tensione controllato in corrente, costituito da un ponte
raddrizzatore trifase, da un convertitore DC/AC (inverter) e da un ulteriore ponte raddrizzatore.
   Inoltre, un ulteriore convertitore DC/AC a valle del secondo raddrizzatore, rende di nuovo
alternata la corrente di saldatura.
   L’interruttore generale (8) alimenta la scheda filtro (11), che contiene il filtro per la riduzione
delle interferenze condotte riflesse in rete.
   Dall’uscita ausiliaria della scheda filtro (11) è prelevata la tensione per l’alimentazione del
trasformatore di servizio (7), il quale a sua volta alimenta la scheda alimentatore (6), che genera
le varie tensioni di servizio per i circuiti del sistema; all’uscita principale è collegata la scheda
igbt (63) che contiene:
− il ponte raddrizzatore di potenza, che genera la tensione a 530 Vdc per l’alimentazione
    dell’inverter ad igbt;
− i condensatori-DC per il livellamento di tale tensione continua;
− l’inverter ad igbt, che genera la tensione alternata ad onda quadra per il trasformatore (44);
− i circuiti per il pilotaggio degli igbt dell’inverter;
− il TA per il rilievo della corrente al primario del trasformatore (44);
− i circuiti per il collegamento ed il comando del gruppo di raffreddamento GRV 10.
   L’inverter è realizzato da quattro igbt collegati in configurazione “ponte a H”; sulla scheda
igbt (63) sono presenti anche i circuiti di pilotaggio degli igbt, che ricevono i segnali dalla
scheda interfaccia (62). Compito dell’inverter ad igbt è generare la tensione alternata ad onda
quadra per il trasformatore di potenza (44). La regolazione della corrente di saldatura avviene
modulando opportunamente tale tensione.
   Il TA montato sulla scheda igbt (63) fornisce alla scheda micro (62) il segnale di reazione
della corrente al primario del trasformatore (44), utilizzato per la verifica del corretto
funzionamento dell’inverter; tale segnale normalmente non influenza la regolazione della
corrente di saldatura.
   Il trasformatore (44) fornisce al secondario valori di tensione e corrente adeguati alla
saldatura. Il suo secondario è composto da 4 avvolgimenti collegati a punto comune sulla presa
centrale, alla quale è collegata l’induttanza (68) per il livellamento della corrente di saldatura.
   Sullo stesso collegamento, prima del terminale d’uscita “-” (BA) del generatore, è collegato il
trasformatore HF (45) il quale, opportunamente pilotato dalla scheda HF (58), genera l’alta
tensione e alta frequenza per l’innesco dell’arco nella saldatura TIG.
   Il funzionamento della scheda HF (58) è subordinato alla presenza di tensione alternata sul
secondario del trasformatore (44) ed è comandato dalla scheda interfaccia (62).
   Gli altri estremi degli avvolgimenti secondari sono collegati al gruppo diodi (30), che
raddrizza la corrente alternata generata dall’inverter rendendola disponibile al successivo gruppo
invertitore-AC.
   Il gruppo diodi (30) è formato da quattro diodi collegati a ponte monofase, e fornisce in uscita
una tensione duale (doppia), cioè una positiva e una negativa rispetto alla presa centrale del

3.302.205                                                                                      29/09/05
CEBORA S.p.A.                                                                                      7

trasformatore (44) che funge da potenziale “0”. Questa configurazione semplifica l’inserimento
del successivo gruppo invertitore-AC, presente sul generatore art. 351.
   Il trasduttore di corrente ad effetto Hall (35), inserito all’uscita del gruppo diodi (30), invia
alla scheda micro (62) il segnale di reazione della corrente secondaria, utilizzato per la
regolazione della corrente di saldatura.
   Il gruppo invertitore-AC, formato dal modulo igbt (38), inverte la polarità della tensione
d’uscita del generatore, nella modalità di funzionamento AC.
   I due igbt contenuti nel modulo (38) sono collegati in configurazione “semiponte”, in modo
che la chiusura alternata dei due faccia comparire all’uscita “+” (BB) del generatore, una volta la
tensione positiva e una volta quella negativa, presenti sui terminali d’uscita del gruppo diodi
(30). Ovviamente tali tensioni si intendono riferite al potenziale del terminale “–” (BA)
dell’uscita del generatore, corrispondente allo “0” della presa centrale del secondario del
trasformatore (44).
   Sul dissipatore della scheda igbt (63) è montata una scheda termostato (37), che riceve
l’alimentazione dalla scheda interfaccia (62), ed invia ad essa il segnale di temperatura degli igbt
della scheda igbt (63). Sul dissipatore del modulo igbt (38), è montata una seconda scheda
termostato (37), che riceve l’alimentazione dalla scheda driver-ac (42), ed invia il segnale di
temperatura degli igbt (38) alla scheda interfaccia (62), attraverso la scheda driver-ac (42).
   Il ventilatore (23), per il raffreddamento degli elementi di potenza del generatore, è
comandato dalla scheda igbt (63) sulla base del segnale proveniente dalla scheda interfaccia (62).
Il suo funzionamento è condizionato dalle temperature dell’inverter, del gruppo diodi +
invertitore-AC e dalla temperatura ambiente, ed in particolare si attiva nelle seguenti condizioni:
− all’accensione della macchina per 10” dopo la fase di start-up;
− con temperatura ambiente superiore a 40°C;
− durante la saldatura, nei 3 minuti successivi la fine saldatura, e dopo i 3 minuti se la
   temperatura degli igbt di scheda igbt (63) e del modulo igbt (38) è superiore a 40°C;
− con macchina in blocco, con segnalazione di un codice errore.
   La scheda micro (62) contiene il microprocessore principale del generatore.
   Essa sovrintende alla gestione delle altre schede, più specializzate nelle rispettive funzioni,
effettua la regolazione della corrente di saldatura, generando il segnale di PWM da inviare ai
circuiti di pilotaggio degli igbt di scheda igbt (63), e dialoga con la scheda pannello (57), per la
gestione del sistema di saldatura.
   La scheda driver-ac (42) è la scheda principale dello stadio invertitore-AC e contiene i circuiti
di pilotaggio dei due igbt (38), e dell’igbt di mantenimento d’arco. Questo igbt è montato sulla
scheda driver-ac (42), e contribuisce a fornire l’impulso di alta tensione necessario al
mantenimento dell’arco durante il funzionamento AC.
   I comandi di questi igbt provengono dalla scheda micro (62) attraverso la scheda interfaccia
(62). A protezione di tali igbt sono presenti appositi circuiti “snubber”, dei quali fanno parte i
resistori del gruppo resistenze (64).
   Sulla scheda driver-ac (42) sono presenti i “condensatori-AC”, che hanno lo scopo di
immagazzinare l’energia per l’impulso di mantenimento d’arco nel funzionamento AC, e
recuperare l’energia dell’induttanza (68) durante l’inversione della tensione d’uscita nel
funzionamento AC. Questi condensatori sono alimentati dalla scheda alimentatore (6) con una
tensione continua e stabilizzata al valore di 260 Vdc.
   Il segnale della tensione d’uscita del generatore, prelevato tramite la scheda filtro-HF (61),
viene filtrato ed adattato opportunamente sulla scheda misura (4) e quindi inviato alla scheda
interfaccia (62), dove viene utilizzato per le funzioni “Antistick” ed “Arc-force” nel
funzionamento MMA, e per la visualizzazione su display (U) della tensione d’uscita del
generatore.
   La scheda filtro-HF (61) è di fondamentale importanza nel funzionamento TIG con HF, in
quanto evita che l’impulso di HF possa risalire nei circuiti interni del generatore danneggiando

3.302.205                                                                                    29/09/05
CEBORA S.p.A.                                                                                        8

altre parti. Pertanto, nel corso delle varie operazioni di manutenzione accertarsi che tale scheda
sia sempre ben collegata ai terminali originali prima di attivare l’accensione con HF.
    In prossimità dei morsetti d’uscita si trova la scheda connettore (48), che funge da interfaccia
dei segnali d’ingresso e uscita del generatore. Essa dialoga direttamente con la scheda interfaccia
(62), e contiene i filtri per l’eliminazione dei disturbi presenti sui segnali d’ingresso e uscita del
generatore.
    Tali segnali sono:
    − Start generatore, da pulsante torcia.
    − Regolazione esterna della corrente di saldatura con potenziometro esterno.
    − Regolazione esterna della corrente di saldatura con pulsanti UP/DOWN sulla torcia.
    − Arco acceso (contatto di relè libero da tensione) (contatto chiuso = arco acceso).
    L’autotrasformatore (5) adatta la tensione di alimentazione, da 400 a 230 Vac, per
l’alimentazione del ventilatore (23) e della presa (21) (BQ) presente sul pannello posteriore per il
collegamento del gruppo di raffreddamento (opzionale).
    I segnali elaborati dalle schede elettroniche e presenti ai loro connettori, sono elencati nelle
tabelle del capitolo cinque su questo stesso manuale.

3.302.205                                                                                      29/09/05
CEBORA S.p.A.                                                                                     9

3 - MANUTENZIONE

                                        AVVERTENZE

  QUALSIASI OPERAZIONE D’ISPEZIONE INTERNA O RIPARAZIONE DEVE ESSERE
                 ESEGUITA DA PERSONALE QUALIFICATO.

     PRIMA DI PROCEDERE ALLA MANUTENZIONE SCOLLEGARE LA MACCHINA
       DALLA RETE E ATTENDERE LA SCARICA DEI CONDENSATORI INTERNI
                            (2 MINUTI CIRCA).

3.1 - Ispezione periodica, pulizia.
   Periodicamente aprire le griglie sul generatore e controllare l’interno del tunnel d’aerazione.
   Rimuovere l’eventuale sporco o polvere per assicurare un corretto flusso d’aria e quindi
l’adeguato raffreddamento degli elementi interni del generatore.
   Controllare le condizioni dei terminali d’uscita, dei cavi d’uscita e d’alimentazione del
generatore; se danneggiati sostituirli.
   Controllare le condizioni delle connessioni interne di potenza e dei connettori sulle schede
elettroniche; se si trovano connessioni “lente” serrarle o sostituire i connettori.

3.2 - Attacchi e connettori sistema di saldatura.

3.302.205                                                                                   29/09/05
CEBORA S.p.A.                                                                                  10

3.3 - Comandi e segnalazioni pannello di controllo.

3.4 - Sequenze operative.
   Le seguenti sequenze riflettono il corretto funzionamento della macchina. Esse possono essere
utilizzate come procedura guida della ricerca guasti. Al termine d’ogni riparazione devono poter
essere eseguite senza riscontrare inconvenienti.

                                            NOTA
‰ Le operazioni precedute da questo simbolo si riferiscono ad azioni dell’operatore.
♦ Le operazioni precedute da questo simbolo si riferiscono a risposte della macchina che si
  devono riscontrare a seguito di un’operazione dell’operatore.

3.4.1       - Funzionamento sistema di saldatura.

‰   Sistema spento e scollegato da rete.
‰   Collegare il generatore alla rete.
‰   Chiudere l’interruttore (BG).
            ♦ Sistema alimentato.
            ♦ Su pannello di controllo tutti i led ed i display accesi (lamp test).
            ♦ Dopo un secondo, display (O) indica “Art” e display (U) indica “351”.
            ♦ Dopo un secondo, display (O) indica “PAn”, e display (U) indica la versione del
                programma PANNELLO inserito nel pannello di controllo (57) (es.: 03_).
            ♦ Dopo un secondo, display (O) indica “MSt”, e display (U) indica la versione del
                programma MASTER inserito nella scheda micro (62) (es.: 04_).
            ♦ Dopo un secondo, display (O) indica P-L (o P01 – P09) (programma di lavoro) e
                display (U) rimane spento.

3.302.205                                                                                 29/09/05
CEBORA S.p.A.                                                                                         11

               ♦ Successivamente display (O) indica la corrente programmata e display (U) la
                 tensione d’uscita (60 in MMA, display spento in TIG); le segnalazioni di
                 Processo, Modo e Programma, sono accese come da impostazione precedente
                 l’ultimo spegnimento.
               ♦ Dopo 1 secondo dalla chiusura dell’interruttore (BG) il ventilatore (23) sul
                 generatore funziona per 10 secondi, poi si arresta.

                                            Corretto?           NO (vedi 3.5.1, 3.5.2, 3.5.3).

                                                     SI
‰   Premere più volte il pulsante (AT); la selezione del “Processo” si ripete in sequenza.
‰   Premere più volte il pulsante (AS); la selezione del “Modo” si ripete in sequenza.
‰   Premere più volte il pulsante (AR); la selezione del “Programma” si ripete in sequenza (la
    selezione del “Programma” in MMA non è possibile).
‰   Premere più volte il pulsante (H); la selezione della “Sinergia” si ripete in sequenza (la
    selezione della “Sinergia” è disponibile solo in TIG non pulsato).
‰   Premere più volte il pulsante (AP); la selezione delle “funzioni accessorie” si ripete in
    sequenza.
             ♦ Ad ogni pressione del pulsante (AT), i leds AX, AV e AW si accendono in
                sequenza.
             ♦ Ad ogni pressione del pulsante (AS), i leds E, B, A, e AU si accendono in
                sequenza (in MMA solo i leds D e C).
             ♦ Ad ogni pressione del pulsante (AR), i led G, F, W, X, Z e AA si accendono in
                sequenza.
             ♦ Ad ogni pressione del pulsante (H), i led L, M, S ed R si accendono in sequenza,
                assieme all’accensione del led (I) che indica la selezione della modalità sinergica.
                I display (O) e (U) visualizzano le opzioni disponibili per la funzione indicata
                dall’accensione del led corrispondente (vedi Manuale d’istruzioni).
             ♦ Ad ogni pressione del pulsante (AP), i led AO, AY, AN, AM, AL, AI, AH, AG,
                AD, AE, AF, AC e AB si accendono in sequenza, nel rispetto delle condizioni
                imposte dal “Processo” e “Modo” selezionati. I display (O) e (U) indicano il
                valore corrispondente alla funzione segnalata dall’accensione dei suddetti led.

                                            Corretto?           NO (vedi 3.5.3).

                                                   SI

3.4.2       - Funzionamento TIG-AC.
                                                NOTA
    Di seguito è descritta la sequenza del funzionamento TIG-AC, perché coinvolge tutti i gruppi
                 interni del generatore, compresi quelli del funzionamento TIG-DC.

                            AVVERTENZE
DURANTE LE PROVE SEGUENTI NON ORIENTARE LA TORCIA CONTRO PERSONE O
 PARTI DEL CORPO, MA VERSO UNO SPAZIO APERTO O IL PEZZO DA SALDARE.

      IN QUESTE FASI NON TENTARE DI MISURARE LA TENSIONE D’USCITA. LA
    PRESENZA DELL’ALTA FREQUENZA PUO’ DANNEGGIARE LO STRUMENTO O IL
                            GENERATORE STESSO.

3.302.205                                                                                        29/09/05
CEBORA S.p.A.                                                                                         12

‰   Spegnere il generatore tramite l’interruttore (BG).
‰   Collegare l’alimentazione del gas al raccordo (BH) sul pannello posteriore.
‰   Collegare la torcia TIG al polo negativo (BA) del generatore.
‰   Collegare il cavo del polo positivo (BB) del generatore al pezzo da saldare.
‰   Riaccendere il generatore tramite l’interruttore (BG).
‰   Selezionare con il pulsante (AT) il “Processo” TIG-AC, led (AV) acceso.
‰   Selezionare con il pulsante (AS) il “Modo” TIG-CONTINUO con HF, led (E) acceso.
‰   Selezionare con il pulsante (AR) il “Programma” TIG-2-TEMPI, led (F) acceso.
‰   Premere per un tempo brevissimo il pulsante start della torcia.
            ♦ Inizia l’uscita del gas dalla torcia, led (AL) acceso (pre-gas), per la durata della
                pressione sul pulsante.
            ♦ La fuoriuscita del gas dalla torcia continua per la durata del tempo di post-gas
                impostato, led (AB) acceso, dopo aver rilasciato il pulsante di start.

                                             Corretto?          NO (vedi 3.5.4, 3.5.5).

                                                      SI
‰   Premere e tenere premuto per circa 5 secondi, il pulsante di start.
            ♦ Inizia l’uscita del gas; successivamente si ha la generazione dell’alta frequenza
               per l’accensione dell’arco, e la generazione della tensione d’uscita del generatore.
               Display (O) indica la corrente di saldatura programmata regolabile con manopola
               (Y), e display (U) indica la tensione di uscita a vuoto.
            ♦ Dopo tre secondi circa, termina la generazione della tensione d’uscita e dell’alta
               frequenza (il funzionamento TIG è interrotto se dopo lo start non si ha corrente
               all’uscita del generatore), e si ha la fase di post-gas.

                                             Corretto?          NO (vedi 3.5.6, 3.5.7, 3.5.8).

                                                   SI
‰   Impostare con la manopola (Y) la corrente in base al tipo di saldatura che si intende effettuare.
‰   Accostare la torcia al pezzo da saldare e premere il pulsante start della torcia.
            ♦ Inizia la saldatura. Ruotare la manopola (Y) o il potenziometro sulla torcia,
               oppure azionare i pulsanti UP/DOWN sulla torcia, per ottenere il livello di
               corrente adeguato alla saldatura da eseguire.
            ♦ Durante la saldatura display (O) indica la corrente di saldatura, display (U) la
               tensione d’uscita.

                                             Corretto?          NO (vedi 3.5.3, 3.5.9,
                                                                         3.5.12, 3.5.13).
                                                    SI
‰   Rilasciare il pulsante start della torcia.
             ♦ Spegnimento immediato dell’arco (se non sono impostati tempi lunghi di rampa).
             ♦ La fuoriuscita del gas continua per la durata del post-gas.

                                             Corretto?          NO (vedi 3.5.5).

                                            SI
                                FUNZIONAMENTO REGOLARE.

3.302.205                                                                                        29/09/05
CEBORA S.p.A.                                                                                     13

3.4.3       - Funzionamento MMA.

‰   Spegnere il generatore tramite l’interruttore (BG).
‰   Collegare il cavo con la pinza portaelettrodi ed il cavo di massa ai connettori negativo (BA) e
    positivo (BB) rispettando la polarità prevista dagli elettrodi che si intende utilizzare.
‰   Riaccendere il generatore tramite l’interruttore (BG).
‰   Selezionare con il pulsante (AT) il “Processo” MMA, led (AW) acceso.
             ♦ Inizia la generazione di tensione all’uscita del generatore.
             ♦ Display (O) indica la corrente di saldatura programmata, display (U) la tensione
                d’uscita a vuoto del generatore.

                                            Corretto?          NO (vedi 3.5.3, 3.5.8).

                                                     SI
‰   Premere il pulsante (AS) per selezionare le funzioni HOT-START e ARC-FORCE (indicate
    dall’accensione dei led D e C) che si intende utilizzare.
             ♦ Display (U) indica il valore assegnato alla funzione indicata dal corrispondente
                led acceso. Tale valore è variabile con la manopola (Y). Dopo tre secondi display
                (U) indica la tensione d’uscita del generatore.

                                            Corretto?          NO (vedi 3.5.3).

                                                    SI
‰   Impostare con la manopola (Y) la corrente in base all’elettrodo che si intende utilizzare.
‰   Accostare la pinza con l’elettrodo al pezzo da saldare.
            ♦ Inizia la saldatura. Regolare la manopola (Y) per ottenere il livello di corrente
               adeguato alla saldatura da eseguire.
            ♦ Regolare eventualmente, con il pulsante (AS) e la manopola (Y), la funzione “hot-
               start” o “arc-force” (vedi Manuale Istruzioni) per ottimizzare la qualità della
               saldatura.
            ♦ Display (O) indica la corrente di saldatura e display (U) la tensione d’arco.

                                            Corretto?          NO (vedi 3.5.3, 3.5.9, 3.5.10,
                                                                        3.5.13, 3.5.14).
                                           SI
                               FUNZIONAMENTO REGOLARE.

3.302.205                                                                                    29/09/05
CEBORA S.p.A.                                                                                            14

3.5 - Ricerca guasti.
                                              AVVERTENZE

    QUALSIASI OPERAZIONE D’ISPEZIONE INTERNA O RIPARAZIONE DEVE ESSERE
                   ESEGUITA DA PERSONALE QUALIFICATO.

    PRIMA DI RIMUOVERE I COPERCHI DI PROTEZIONE ED ACCEDERE ALLE PARTI
      INTERNE, SCOLLEGARE IL GENERATORE DALLA RETE ED ATTENDERE LA
                SCARICA DEI CONDENSATORI INTERNI (2 MINUTI).

                                              NOTA
  In neretto sono descritti i problemi che la macchina può presentare (sintomi).
‰ Le operazioni precedute da questo simbolo, si riferiscono a situazioni che l’operatore deve
  accertare (cause).
♦ Le operazioni precedute da questo simbolo si riferiscono alle azioni che l’operatore deve
  svolgere per risolvere i problemi (rimedi).

3.5.1       - Il generatore non si accende, pannello di controllo spento.

TEST IDONEITA’ DELLA RETE.
‰ Manca tensione per intervento delle protezioni di rete.

                                   NO            Corretto?

                                                        SI
                ♦ Eliminare eventuali cortocircuiti sui collegamenti fra cavo di rete, interruttore (8),
                  scheda filtro (11) e scheda igbt (63).
                ♦ Sostituire schede filtro (11) e/o igbt (63).
                ♦ Rete non idonea ad alimentare il generatore (es.: potenza installata insufficiente).

TEST CONNESSIONI DI RETE.
‰ Terminali TRA2, TRA4 e TRA6 su scheda igbt (63) = 3 x 400 Vac, con interruttore (8)
  chiuso.

                                   SI            Corretto?

                                                          NO
                ♦   Controllare cavo e spina d’alimentazione e sostituirli se necessario.
                ♦   Controllare interruttore (8), e sostituirlo se difettoso.
                ♦   Controllare collegamenti fra interruttore (8), scheda filtro (11) e scheda igbt (63).
                ♦   Controllare condizioni della tensione di rete.
                ♦   Sostituire scheda filtro (11).

TEST ALIMENTAZIONE SCHEDA ALIMENTATORE (6).
‰ Scheda alimentatore (6), connettore J10, terminali 1, 2 e 4 = 3 x 29 Vac, circa.
‰ Scheda alimentatore (6), connettore J2, terminali 1, 3 e 5 = 3 x 220 Vac, circa.

3.302.205                                                                                           29/09/05
CEBORA S.p.A.                                                                                     15

                              SI            Corretto?

                                                     NO
            ♦   Controllare cablaggio fra terminali J-L1, J-L2 e J-L3 di scheda filtro (11),
                trasformatore servizi (7) e connettori J2 e J10 di scheda alimentatore (6).
            ♦   Scollegare temporaneamente il generatore dalla rete e verificare integrità dei
                fusibili sulla morsettiera del trasformatore servizi (7). Se interrotti, prima di
                sostituirli verificare resistenza sui terminali dell’avvolgimento primario. Valore
                corretto = 3 x 130 ohm circa. Se non corretto sostituire trasformatore servizi (7).
            ♦   Scollegare temporaneamente i connettori J2 e J10 da scheda alimentatore (6).
                Rialimentare il generatore tramite l’interruttore (8) e verificare nuovamente le
                tensioni sui connettori volanti scollegati da J2 e J10. Valori corretti : 3 x 29 Vac
                sui terminali 1, 2 e 4 di J10; 3 x 220 Vac sui terminali 1, 3 e 5 di J2. Se non
                corretto sostituire trasformatore servizi (7). Se corretto sostituire scheda
                alimentatore (6).
            ♦   Sostituire scheda alimentatore (6).

TEST ALIMENTAZIONE SCHEDA CONTROLLO (62).
‰ Scheda micro (62), connettore J3, terminali 2(+) - 1(-) = +8 Vdc.
‰ Scheda micro (62), connettore J3, terminali 4(+) - 3(-) = +15 Vdc, led +15 acceso.
‰ Scheda micro (62), connettore J12, terminali 1(+) - 6(-) = +5 Vdc, led +5 acceso.
‰ Scheda interfaccia (62), connettore J4, terminali 1(+) - 2(-) = +25 Vdc, led 1 acceso.
‰ Scheda interfaccia (62), connettore J18, terminali 1(+) - 2(-) = +25 Vdc, led 1 acceso.

                              SI            Corretto?

                                                   NO
            ♦ Controllare cablaggio fra J11 scheda alimentatore (6), J3 scheda micro (62), J4 e
              J18 di scheda interfaccia (62).
            ♦ Scollegare temporaneamente, con generatore spento, tutti i connettori tranne J2 e
              J10, su scheda alimentatore (6). Rialimentare e verificare la presenza delle
              seguenti tensioni sui connettori di scheda alimentatore (6):
              − connettore J3, terminali 1(-) e 4(+) = 0 Vdc;
              − connettore J4 = J5 = J6 = J8 = J9, terminali 1, 2 = 25 Vac onda quadra 50 kHz;
              − connettore J7, terminali 1(+) e 2(-) = +8 Vdc;
              − connettore J11, terminali 4(+) e 3(-) = +8 Vdc;
              − connettore J11, terminali 5(+) e 1(-) = +25 Vdc;
              − connettore J11, terminali 6(+) e 2(-) = +25 Vdc;
              − connettore J11, terminali 7(+) e 8(-) = +15 Vdc.
              Se corrette, individuare quale dei connettori scollegati da scheda alimentatore (6)
              provoca il valore non corretto ed eliminare la causa del probabile sovraccarico o
              cortocircuito. Se non corretto sostituire scheda alimentatore (6).
            ♦ Sostituire scheda alimentatore (6).

TEST ALIMENTAZIONE SCHEDA PANNELLO (57).
‰ Scheda pannello (57), connettore J1, terminali 1 (+) - 2 (-) = +8 Vdc.

                              SI            Corretto?

                                                   NO

3.302.205                                                                                    29/09/05
CEBORA S.p.A.                                                                                           16

           ♦ Controllare cablaggio fra J1 scheda pannello (57) e J7 scheda alimentatore (6).
           ♦ Scollegare temporaneamente, con generatore spento, connettore J7 su scheda
               alimentatore (6) e verificare resistenza fra terminali 1 e 2 di J1 su scheda pannello
               (57). Valore corretto = giunzione di un diodo in un senso e >Mohm con i puntali
               dello strumento invertiti. Se non corretto sostituire scheda pannello (57). Se in
               cortocircuito, sostituire anche scheda alimentatore (6).
           ♦ Sostituire pannello di controllo (57) e/o scheda alimentatore (6).
♦ Controllare cablaggio fra J14 scheda interfaccia (62) e J5 scheda pannello (57).
♦ Sostituire schede pannello (57) e/o controllo (62) e/o alimentatore (6).

3.5.2       - Generatore alimentato, pannello di controllo acceso, ventilatore (23) fermo.

                                             NOTA
   Il ventilatore (23) sul generatore è comandato dalla scheda igbt (63) sulla base del segnale
proveniente dalla scheda controllo (62). Il suo funzionamento è subordinato alle condizioni del
generatore, come descritto nel par. 2.4, Descrizione generatore TIG 2643/T AC/DC. Per questo
motivo, le prove seguenti sono verificabili solo durante i primi 15 secondi di alimentazione
oppure durante una situazione di blocco. Allo scopo si può simulare l’errore 20, scollegando il
connettore J8 su scheda igbt (63).

TEST VENTILATORE (23).
‰ Scollegare temporaneamente, a generatore spento, connettore J8 su scheda igbt (63), per
  provocare il blocco del generatore e quindi il funzionamento continuo del ventilatore (23).
‰ Scheda igbt (63), connettore J6, terminali 1(+) – 2(-) = 220 Vac.

                                  NO            Corretto?

                                                    SI
            ♦ Controllare cablaggio fra ventilatore (23) e J6 su scheda igbt (63) (per l’ispezione
               rimuovere la griglia di ventilazione sul pannello posteriore).
            ♦ Controllare che non ci siano impedimenti meccanici che bloccano ventilatore (23).
            ♦ Sostituire ventilatore (23).
♦ Controllare integrità del fusibile F1 su scheda igbt (63). Se interrotto, sostituirlo e verificare,
  con generatore spento, resistenza sui terminali 1 e 2 di J6 su scheda igbt (63) (avvolgimento
  del ventilatore (23)). Valore corretto = 750 ohm circa. Se non corretto controllare cablaggio
  fra ventilatore (23) e J6 su scheda igbt (63) o sostituire ventilatore (23).

TEST ALIMENTAZIONE AUTOTRASFORMATORE (5).
‰ Terminali 0 e 400V su morsettiera di autotrasformatore (5) = 400 Vac; terminali 0 e 230Vac
  su morsettiera di autotrasformatore (5) = 230 Vac, con interruttore (8) chiuso.

                                  SI            Corretto?

                                                         NO
                ♦ Controllare cablaggio fra autotrasformatore (5) e J5 di scheda igbt (63).
                ♦ Controllare integrità del fusibile sulla morsettiera dell’autotrasformatore (5). Se
                  interrotto, sostituirlo e verificare, con generatore spento, resistenza sui terminali di
                  J5 su scheda igbt (63) (avvolgimento dell’autotrasformatore (5)). Valori corretti:
3.302.205                                                                                          29/09/05
CEBORA S.p.A.                                                                                    17

              terminali 1 e 6 (400 Vac) = 15 ohm circa; terminali 1 e 3 (230 Vac) = 8 ohm circa.
              Se non corretto sostituire autotrasformatore (5).
            ♦ Eseguire TEST CONNESSIONI DI RETE di par. 3.5.1.
            ♦ Sostituire scheda igbt (63).

TEST COMANDO VENTILATORE (23).
‰ Scheda igbt (63), connettore J3, terminali 1(+) – 2(-) = 24 Vdc.

                             NO            Corretto?

                                                  SI
            ♦ Sostituire scheda igbt (63).
♦ Controllare cablaggio fra J3, scheda igbt (63) e J16 (terminali 1 e 2), scheda interfaccia (62).
♦ Scollegare temporaneamente, a generatore spento, connettore J3 su scheda igbt (63) e
  verificare resistenza fra i terminali 1 e 2 di J3 su scheda igbt (63). Valore corretto = 600 ohm
  circa. Se >Mohm, (circuito aperto) sostituire scheda igbt (63). Se 0 ohm (cortocircuito),
  sostituire schede igbt (63) e controllo (62).
♦ Eseguire TEST ALIMENTAZIONE SCHEDA CONTROLLO (62) par. 3.5.1.
♦ Sostituire scheda controllo (62).

3.302.205                                                                                   29/09/05
CEBORA S.p.A.                                                                                        18

3.5.3       - Sistema alimentato, display e segnalazioni non indicano i valori corretti.

LAMP-TEST.
‰ Su pannello di controllo tutti i led ed i display accesi per un secondo dopo la chiusura
  dell’interruttore (8).

                                 SI            Corretto?

                                                      NO
                ♦ Eseguire i TEST ALIMENTAZIONE SCHEDA CONTROLLO (62) e TEST
                  ALIMENTAZIONE SCHEDA PANNELLO (57) di par. 3.5.1.
                ♦ Controllare cablaggio fra J14 scheda interfaccia (62) e J5 scheda pannello (57).
                ♦ Sostituire schede controllo (62) e/o pannello (57).

TEST CODICE ERRORE.
‰ All’accensione, dopo il lamp-test, display (O) e display (U) indicano un codice di errore.

                                 NO            Corretto?

                                                    SI
                ♦ Vedi Codici d’errore e segnalazione allarmi, par. 3.7.

TEST PROGRAMMI INSERITI.
‰ All’accensione, dopo il lamp-test, display (O) indica “Art” e display (U) indica “351”.
‰ Dopo un secondo, display (O) indica “PAn”, e display (U) indica la versione del programma
  PANNELLO inserito nella scheda pannello (57) (es.: 03_).
‰ Dopo un secondo, display (O) indica “MSt”, e display (U) indica la versione del programma
  MASTER inserito nella scheda micro (62) (es.: 04_).
‰ Dopo un secondo, display (O) indica P-L (o P01 – P09) (programma di lavoro) e display (U)
  rimane spento.
‰ Le versioni dei programmi inseriti sono compatibili fra loro.

                                 SI            Corretto?

                                                     NO
                ♦ Verificare compatibilità dei programmi sulle due schede, confrontando gli indici
                  di revisione installati con quanto precisato nel sito internet Cebora. Tali
                  programmi devono essere in revisione compatibile fra loro, per cui in caso di
                  sostituzione di una di queste 2 schede, occorre accertarsi di tale compatibilità, o
                  meglio ancora, riprogrammare tutto il sistema, con le ultime versioni disponibili.

TEST COMANDI E SEGNALAZIONI.
‰ Con i tasti su pannello di controllo (57), sono possibili tutti i passaggi relativi alle selezioni di
  “Processo”, “Modo” e “Programmi”, come descritti in par. 3.4 Sequenze operative, e nel
  Manuale di Istruzioni.

                                 NO            Corretto?

                                                      SI
                ♦ Funzionamento regolare.

3.302.205                                                                                       29/09/05
CEBORA S.p.A.                                                                                     19

TEST ALIMENTAZIONE SCHEDE CONNETTORE (48) E MISURA (4).
‰ Scheda connettore (48), connettore J2, terminali 2(+) – 7(-) = + 4 Vdc (con connettore J2
  libero, nessun componente collegato a J2).
‰ Scheda connettore (48), connettore J2, terminali 10(+) e 7(-) (cursore potenziometro) = +5
  Vdc, (con connettore J2 libero, nessun componente collegato a J2).
‰ Scheda connettore (48), connettore J2, terminali 1(+) e 9(-) (comando START) = +17 Vdc,
  (con connettore J2 libero, nessun componente collegato a J2).
‰ Scheda misura (4), test-point TP7(+) e TP8(-) = +8 Vdc; test-point TP6(+) e TP8(-) = -8 Vdc.

                              SI            Corretto?

                                                     NO
            ♦   Controllare cablaggio fra J4 scheda alimentatore (6) e J5 scheda connettore (48) e
                fra J5 scheda alimentatore (6) e J3 scheda misura (4).
            ♦   Scollegare temporaneamente, con generatore spento, connettore J5 su scheda
                connettore (48) e verificare resistenza fra terminali 1 e 4 di J5 su scheda
                connettore (48). Valore corretto = 10 ohm circa. Se non corretto sostituire scheda
                connettore (48); se in cortocircuito, sostituire anche scheda alimentatore (6).
            ♦   Scollegare temporaneamente, con generatore spento, connettori J3 su scheda
                misura (4) e verificare resistenza fra terminali 1 e 2 di J3 su scheda misura (4).
                Valore corretto = 10 ohm circa. Se non corretto sostituire scheda misura (4); se in
                cortocircuito sostituire anche scheda alimentatore (6).
            ♦   Sostituire schede alimentatore (6) e/o connettore (48) e/o misura (4).

TEST REGOLAZIONE ESTERNA DI CORRENTE.
‰ Scheda connettore (48), connettore J2, terminali 8(+) e 9(-) (comando UP) = +17 Vdc, (con
  connettore J2 libero, nessun componente collegato a J2).
‰ Scheda connettore (48), connettore J2, terminali 4(+) e 9(-) (comando DOWN) = +17 Vdc,
  (con connettore J2 libero, nessun componente collegato a J2).
‰ Inserire una torcia con regolazione di corrente (potenziometro o pulsanti up/down). Alla
  variazione del potenziometro sulla torcia corrisponde la variazione del valore indicato sul
  display (O) (TIG-DC = 65 – 260; TIG-AC 65 – 260; MMA 10 – 210). Alla pressione dei
  pulsanti UP e DOWN corrisponde la variazione del valore indicato sul display (O) (TIG-DC =
  5 – 260; TIG-AC 10 – 260; MMA 10 – 210) (per avere l’escursione completa ruotare
  manopola (Y) al massimo).

                              SI            Corretto?

                                                     NO
            ♦   Controllare cablaggio fra J4 scheda connettore (48) e J13 scheda interfaccia (62).
            ♦   Scollegare temporaneamente, con generatore spento, il connettore J13 da scheda
                interfaccia (62), e verificare resistenza fra i terminali 1 e 2, 5 e 6, 7 e 8 di J13
                scheda interfaccia (62). Valore corretto = giunzione di un diodo in entrambi i
                sensi di misura (per questa misura la tensione sulla giunzione del diodo può essere
                compresa fra 0,5 e 1 Vdc, circa). Se non corretto sostituire scheda controllo (62).
            ♦   Controllare corretto inserimento connettore torcia su J2 di scheda connettore (48)
                e corretto funzionamento potenziometro e pulsanti UP/DOWN sulla torcia.
            ♦   Sostituire schede connettore (48) e/o controllo (62).

3.302.205                                                                                    29/09/05
CEBORA S.p.A.                                                                                       20

TEST VISUALIZZAZIONE TENSIONE D’USCITA.

                                    AVVERTENZA
 PER QUESTA PROVA SCOLLEGARE IL CONNETTORE J4 SU SCHEDA HF (58) PER
           IMPEDIRE LA GENERAZIONE DELL’ALTA FREQUENZA.
               (per l’accessibilità alla scheda HF (58) vedi par. 3.6.3).

‰   Display (U) indica la tensione d’uscita: 55 V circa, con generatore a vuoto, in MMA o in TIG
    con pulsante start premuto; 0 Vdc in TIG con pulsante rilasciato.

                              SI            Corretto?

                                                    NO
           ♦ Verificare sui terminali d’uscita (BB)(+) e (BA)(-) del generatore tensione = +55
               Vdc in TIG-DC ed MMA, -55 Vdc in TIG-AC, circa, con generatore a vuoto in
               MMA o in TIG con pulsante start premuto; 0 Vdc in TIG con pulsante rilasciato.
               Se non corretto eseguire i test di funzionamento a vuoto di par. 3.5.8. (la
               generazione di tensione alternata è subordinata alla presenza di corrente all’uscita
               del generatore; nel funzionamento a vuoto in TIG-AC il generatore presenta una
               tensione d’uscita continua. Vedi anche par. 3.5.12).
           ♦ Verificare su scheda misura (4), connettore J2, terminali 4 (+) e 1 (-) = +55 Vdc in
               TIG-DC ed MMA, -55 Vdc in TIG-AC, circa, con generatore a vuoto, in MMA, o
               in TIG con pulsante start premuto; 0 Vdc in TIG con pulsante rilasciato. Se non
               corretto controllare cablaggio fra J2 scheda misura (4) e TP3 e TP4 su scheda
               filtro-HF (61), e fra J1 e TP1 di scheda filtro-HF (61) con terminale d’uscita (+)
               (BB) del generatore e punto comune fra induttanza (68) e trasformatore HF (45)
               (per la verifica rimuovere la griglia sul pannello frontale, vedi par. 3.6.4).
           ♦ Verificare integrità dei collegamenti fra TP3 con TP1 e TP4 con J1 su scheda
               filtro-HF (61), misurando la continuità fra il terminale d’uscita (+)(BB) del
               generatore e terminale 4 di J2 scheda misura (4) e fra terminale d’uscita (-)(BA)
               del generatore e terminale 1 di J2 scheda misura (4). Se necessario sostituire
               scheda filtro-HF (61).
           ♦ Controllare cablaggio fra J1 scheda misura (4) e J7 scheda interfaccia (62).
           ♦ Scollegare temporaneamente, con generatore spento, J7 da scheda interfaccia (62)
               e verificare resistenza fra i terminali 1 e 2, 5 e 6, di J7 su scheda interfaccia (62).
               Valore corretto = giunzione di un diodo in un senso e giunzione di due diodi con i
               puntali dello strumento invertiti. Se non corretto sostituire scheda controllo (62).
           ♦ Sostituire schede pannello (57) e/o controllo (62) e/o misura (4).
♦ Controllare le tensioni di alimentazione di scheda pannello (57) e scheda controllo (62),
  eseguendo se necessario i TEST ALIMENTAZIONE SCHEDA PANNELLO (57) e TEST
  ALIMENTAZIONE SCHEDA CONTROLLO (62) di par. 3.5.1.
♦ Sostituire schede pannello (57) e/o controllo (62).

3.302.205                                                                                      29/09/05
CEBORA S.p.A.                                                                                     21

3.5.4       - In TIG, il pulsante di start non provoca alcun effetto.

TEST SEGNALE START.
‰ Scheda interfaccia (62), optoisolatore OP11 (vicino a J13), piedini 1(+) e 2(-) = +1 Vdc circa,
  con pulsante di start premuto (0 Vdc con pulsante rilasciato).

                                  SI           Corretto?

                                                   NO
           ♦ Controllare cablaggio fra J4 scheda connettore (48) e J13 scheda interfaccia (62).
           ♦ Scollegare temporaneamente, con generatore spento, il connettore J13 da scheda
               interfaccia (62), e verificare resistenza fra i terminali 3 e 4 di J13 scheda
               interfaccia (62). Valore corretto = giunzione di un diodo in entrambi i sensi di
               misura (per questa misura la tensione sulla giunzione del diodo può essere
               compresa fra 0,5 e 1 Vdc, circa). Se non corretto sostituire scheda controllo (62).
           ♦ Verificare alimentazione scheda connettore (48), eseguendo se necessario il TEST
               ALIMENTAZIONE SCHEDE CONNETTORE (48) E MISURA (4), di par.
               3.5.3.
           ♦ Controllare corretto inserimento connettore torcia su J2 scheda connettore (48) e
               corretto funzionamento pulsante START sulla torcia.
           ♦ Sostituire schede connettore (48) e/o controllo (62).
♦ Sostituire scheda controllo (62).

3.5.5       - In TIG, non esce il gas dalla torcia.

TEST ELETTROVALVOLA (18).
‰ Terminali elettrovalvola (18) = 24 Vdc circa, in TIG con pulsante di start premuto (la durata
  dell’apertura dell’elettrovalvola dipende anche dal post-gas impostato).

                                  SI           Corretto?

                                                    NO
             ♦ Controllare cablaggio fra elettrovalvola (18) e terminali 9 e 10 di J16 su scheda
                 interfaccia (62).
             ♦ Con generatore spento, verificare resistenza fra i terminali elettrovalvola (18) = 56
                 ohm, circa. Se 0 ohm (cortocircuito), sostituire elettrovalvola (18) e scheda
                 controllo (62).
             ♦ Vedi TEST ALIMENTAZIONE SCHEDA CONTROLLO (62), par. 3.5.1 e
                 TEST SEGNALE START, par. 3.5.4.
             ♦ Sostituire scheda controllo (62).
♦   Con generatore spento, verificare resistenza fra i terminali elettrovalvola (18) = 56 ohm circa.
    Se >Mohm (avvolgimento interrotto) sostituire elettrovalvola (18).
♦   Verificare presenza del gas al raccordo d’alimentazione (BH) e che pressione e portata, nella
    condotta d’alimentazione siano rispondenti ai valori di specifica.
♦   Controllare che non ci sia un’occlusione nei tubi del gas nel generatore.
♦   Sostituire elettrovalvola (18).

3.302.205                                                                                    29/09/05
Puoi anche leggere
Prossima slide ... Annulla