Pensioni 2010: requisiti, calcolo e finestre

 
Pensioni 2010: requisiti, calcolo e finestre
Segreteria Territoriale di Bologna

Pensioni 2010: requisiti, calcolo e finestre
Regole più restrittive: Tre Sistemi - Requisiti - Calcolo - Finestre

Tre sistemi
La struttura pensionistica attuale si basa sempre sulla riforma della legge n. 335 dell'8
agosto 1995, che conserva l'impianto retributivo fino ad esaurimento delle situazioni
pendenti (e quindi ancora per un lungo periodo) e traghetta il sistema pensionistico sulla
sponda del sistema contributivo (affiancando alla previdenza obbligatoria quella
complementare).
La riforma configura tre sistemi di calcolo per le pensioni:
- retributivo (o reddituale per gli autonomi), riservato ai lavoratori in possesso al 31
dicembre 1995 di almeno 18 anni di contributi;
- misto, o in «pro-rata», a favore dei lavoratori che, sempre alla data del 31 dicembre
1995, hanno maturato un'anzianità contributiva inferiore a 18 anni. I contributi versati
fino al 31 dicembre 1995 sono calcolati con il sistema retributivo, mentre quelli riferiti
ai periodi dal 1° gennaio 1996 in poi sono liquidati con il sistema contributivo.
Comunque, i requisiti per maturare la pensione sono quelli previsti nel sistema
retributivo. Questi lavoratori hanno la possibilità di optare per la liquidazione della
pensione esclusivamente con le regole del sistema contributivo, purché abbiano
maturato un'anzianità contributiva pari o superiore a 15 anni di cui almeno 5 nel sistema
contributivo;
- contributivo, per i lavoratori che hanno iniziato l'attività dal 1° gennaio 1996 in poi e
sono privi di anzianità contributiva precedente, agli iscritti alla gestione separata
dell'Inps, ai soggetti che optano per il sistema contributivo, a quelli che conseguono la
pensione con la totalizzazione dei contributi ai sensi del D.Lgs. n. 42 del 22 febbraio
2006.
Il passaggio da un sistema all'altro comporta però la convivenza dei due metodi di
calcolo fino a quando non sarà applicato a pieno regime il solo sistema contributivo.
Con il sistema contributivo il calcolo della pensione si effettua sulla base della
contribuzione di tutta la vita assicurativa, a differenza di quello retributivo che prende
in considerazione le ultime retribuzioni, che generalmente sono le più elevate; in luogo
delle pensioni di vecchiaia e di anzianità, viene istituita la sola pensione di vecchiaia
con nuovi requisiti per accedervi; la pensione di anzianità rimane solo nel sistema
retributivo, con i limiti via via introdotti e vieppiù inaspriti con le riforme che si sono
succedute nel tempo.
Gli iscritti al Fondo pensioni lavoratori dipendenti e quelli iscritti alle Gestioni speciali
dei lavoratori autonomi (artigiani, commercianti, piccoli agricoltori), tutti facenti capo
all'Inps, hanno diritto alle pensioni di vecchiaia e di anzianità, ai trattamenti di
invalidità (assegno ordinario di invalidità e pensione ordinaria di inabilità), alla pensione
supplementare diretta. Nel caso di morte del lavoratore, ai superstiti spetta la pensione
di reversibilità o indiretta (a seconda che il lavoratore deceduto fosse titolare di
pensione o non ancora pensionato), la pensione supplementare indiretta o di
reversibilità, l'indennità per morte.

I requisiti per maturare il diritto alla pensione e le decorrenze prefissate dalla legge, le
cosiddette finestre, variano a seconda della tipologia della pensione e del sistema di
calcolo, retributivo o contributivo, nel quale va inquadrata la pensione stessa. Per alcuni
tipi di pensione i requisiti e decorrenze sono rimasti immutati nel tempo, e ciò vale per i
trattamenti di invalidità e ai superstiti. Per le pensioni di vecchiaia e di anzianità,
invece, le ultime riforme hanno apportato modifiche sostanziali che si riverberano anche
nel 2010.

Requisiti

Pensione di vecchiaia
La pensione di vecchiaia si consegue al raggiungimento di una determinata età, finora
considerata come limite fisiologico all'attività lavorativa. Nel futuro sarà l'unica pensione
legata all'età anagrafica a rimanere in vita. Infatti, a norma dell'art. 1, c. 19, della legge
n. 335/1995, scompariranno le pensioni di vecchiaia e di anzianità presenti nel sistema
retributivo e rimarrà in essere solo la vecchiaia contributiva.
Secondo il sistema retributivo e misto, l'età minima è stabilita in 65 anni per gli uomini e
60 per le donne (art. 1, c. 1, del D.Lgs. 30 dicembre 1992, n. 503) in concorso con
almeno venti anni dall'inizio dell'assicurazione e venti anni di contribuzione (art. 2, c 1,
D.Lgs. n. 503/1992). Il diritto alla pensione di vecchiaia è comunque subordinato alla
cessazione del rapporto di lavoro dipendente.
Diversi sono i requisiti per il conseguimento della pensione di vecchiaia nel sistema
contributivo (art. 1, comma 20, legge n. 335/1995), che, come detto, riguarda i
lavoratori che acquisiscono il primo contributo dal 1° gennaio 1996 e quelli, già titolari
di un conto assicurativo, che optano per il sistema contributivo. A seguito delle
modifiche apportate alla disciplina originaria dall'art. 1, c. 6, lett. b) della legge 23
agosto 2004, n. 243, come sostituito dall'art. 1, c. 2, lett. a, n. 2, della legge 24
dicembre 2007, n. 247, il lavoratore deve avere compiuto 65 o 60 anni di età, a seconda
se uomo o donna, e avere maturato almeno cinque anni di contribuzione. In alternativa,
chi vuole anticipare la pensione, deve avere un'anzianità contributiva di almeno 35 anni
associata a una età minima, che per il 2010 per i lavoratori dipendenti è di 59 anni e per
gli autonomi di 60 anni: ma occorre anche raggiungere la quota fissata per il 2010
rispettivamente a 95 e 96, che è la somma degli anni di età e di contribuzione (un mix
liberamente combinabile dal lavoratore nel rispetto delle soglie minime indicate), cosa
che comporta che con tale età occorrono almeno 36 anni di contributi. Si prescinde dal
requisito anagrafico se il lavoratore ha maturato un'anzianità non inferiore a 40 anni di
contribuzione. Anche nel sistema contributivo l'assicurato deve avere sciolto il rapporto
di lavoro alle dipendenze (pertanto la clausola non riguarda i lavoratori autonomi).
Pensione di anzianità
La pensione di anzianità si consegue prima del compimento dell'età prevista per la
pensione di vecchiaia e in presenza di una contribuzione e di una età minima.
I requisiti in vigore nel 2010 sono contenuti nei commi 1 e 2 dell'articolo 1 della legge n.
247/2007, che con effetto dal 2008 ha abrogato lo scalone previsto dalla lettera a) del
comma 6 della legge 23 agosto 2004, n. 243, e ha previsto un innalzamento graduale e
programmato negli anni dell'età minima per la pensione di anzianità.

Inoltre, dalla metà del 2009 in poi è stato stabilito un mix di età e contributi che danno
luogo a una serie di quote prestabilite, costituite dalla somma degli anni di età e degli
anni dei versamenti contributivi, che aumentano di anno in anno.
Sicché, nel 2010, per maturare il diritto alla pensione di anzianità nel Fondo pensioni
lavoratori dipendenti, occorre avere l'età minima di 59 anni e raggiungere quota 95, che
si può ottenere combinando 59 anni di età con 36 di contributi o 60 anni di età con 35 di
contributi. Per la pensione nelle gestioni autonome degli artigiani, commercianti e
agricoltori, occorre un'età minima e una quota più alta, e cioè 60 anni di età e quota 96,
che si può ottenere combinando 60 anni di età con 36 di contributi o 61 anni di età con
35 di contributi. Per gli autonomi, dunque, con questo sistema la pensione di anzianità è
di fatto abolita per le donne, in quanto l'età ormai coincide con quella stabilita per la
pensione di vecchiaia.
Va anche precisato che per il raggiungimento della quota valgono anche le frazioni di
unità sia per l'età che per l'anzianità contributiva, sempre salvi i requisiti minimi di età e
di contribuzione che devono sempre concorrere e non essere disgiunti l'uno dall'altro.
Perciò, ad esempio, un lavoratore dipendente che nel 2010 ha un'età di 59 anni e sei
mesi può avere la pensione se ha maturato 35 anni e mezzo di contributi (59,5 + 35,5 = 95).

I soggetti che hanno raggiunto i 40 anni di contributi possono andare in pensione quando
vogliono, anche se non hanno compiuto l'età minima richiesta.
Le regole in vigore prima della riforma della legge n. 247/2007 sono tuttora valide per i
soggetti che hanno maturato il diritto alla pensione entro il 2007. Esse prevedono per i
lavoratori dipendenti il conseguimento del trattamento di anzianità al raggiungimento
del 57° anno di età (indifferentemente per uomini e donne) con il contestuale possesso
di 35 anni di contributi (pari a 1.820 contributi settimanali) oppure, in alternativa, dei
39 anni di contributi (2.028 contributi settimanali) indipendentemente dall'età. Per i
lavoratori autonomi, iscritti alle gestioni degli artigiani, dei commercianti e dei
coltivatori diretti e piccoli agricoltori, il requisito è più elevato di un anno, in quanto
per loro sono richiesti 58 anni di età e 35 di contributi o, in alternativa 40 anni di
contributi indipendentemente dall'età anagrafica.
Non è escluso che i requisiti possano vieppiù inasprirsi, come lascia presagire la stessa
legge n. 247, che stabilisce che con decreto interministeriale (Lavoro ed Economia), da
emanarsi entro il 2012, può essere stabilito il differimento della decorrenza
dell'incremento dei requisiti minimi indicato dal 2013 in poi, se gli equilibri finanziari lo
consentono.
In ogni caso è necessaria la cessazione di ogni attività lavorativa alle dipendenze,
mentre non è richiesta la cessazione del lavoro autonomo. La regola vale sia per le
pensioni a carico del Fondo pensioni lavoratori dipendenti che per quelle a carico delle
gestioni autonome.

Alle regole generali sono previste delle deroghe che riguardano alcune categorie di
lavoratori e le donne. Quanto alle lavoratrici, il comma 9 dell'art. 1 della legge n.
243/2004 prevede in via sperimentale, fino al 31 dicembre 2015, che possono scegliere
di andare in pensione di anzianità anche dopo il 2007 con le regole allora vigenti (57 o
58 anni di età, a seconda che siano dipendenti o autonome, e 35 anni di contributi), a
condizione che optino per la liquidazione del trattamento con il sistema contributivo. A
fronte dell'anticipo della pensione dovranno però optare per la liquidazione del
trattamento con le regole del sistema contributivo stabilite dal D.Lgs. 30 aprile 1997, n.
180, che comporta però una penalizzazione economica che si portano dietro per tutta la
vita.
Al personale delle Forze di polizia e delle Forze armate nonché a quello dei servizi
antincendi continua ad applicarsi, come al solito, la normativa speciale per loro
prevista. Per il resto nulla è stato innovato rispetto alla normativa in vigore.

Pertanto, oltre all'anzianità contributiva dei 35 anni, per maturare il diritto alla
pensione di anzianità occorre anche che siano trascorsi 35 anni tra la data del primo
contributo e la data della decorrenza della pensione (tale requisito costituisce
l'anzianità assicurativa). Per la formazione dell'anzianità contributiva (35 o la maggiore
età svincolata dall'età anagrafica) concorrono sia i contributi da lavoro (obbligatori) che
alcuni contributi figurativi, i volontari, da riscatto e da ricongiunzione.
Quanto al requisito contributivo, va precisato che i 35 anni di assicurazione e di
contribuzione per il diritto alla pensione a carico di una gestione autonoma possono
essere perfezionati anche sommando le contribuzioni versate o accreditate in più
gestioni autonome e nell'assicurazione dei lavoratori dipendenti, purché si tratti di
periodi non sovrapposti temporalmente. Ma quando il diritto si matura con il cumulo dei
contributi da dipendente e da autonomo (anche se è uno solo il contributo da autonomo)
la pensione è liquidata con i requisiti e la decorrenza stabiliti per la gestione autonoma,
anche se la qualifica alla data del pensionamento era di lavoratore dipendente.
Una volta maturato il diritto alla pensione, non ci sono limiti di tempo per utilizzarlo.

Calcolo
Fino a tutto il 1995 è rimasto in vigore unicamente il sistema di calcolo retributivo. Dal
1996, con la riforma della legge n. 335/1995, al calcolo retributivo si è affiancato quello
contributivo, applicato ai soggetti sopra indicati nonché, ma solo per la quota relativa ai
contributi successivi al 31 dicembre 1995, a coloro che hanno maturato meno di 18 anni
di contributi al 31 dicembre 1995.
Generalmente il sistema di calcolo retributivo, in quanto prende in considerazione le
ultime retribuzioni che di solito sono più elevate, produce pensioni più alte di quelle
liquidate con il sistema contributivo, che al contrario valuta la media delle contribuzioni
versate in tutta la vita lavorativa e che comprendono quindi anche quelle più antiche e
di solito meno elevate.

Come si è detto, la legge prevede tre sistemi di calcolo delle pensioni, al fine di
salvaguardare i diritti e le aspettative di chi aveva già in corso il rapporto assicurativo:
retributivo per i lavoratori in possesso al 31 dicembre 1995 di almeno 18 anni di
contributi (nel computo dei 18 anni vanno compresi tutti i contributi, anche versati in
più gestioni, sempre che non siano temporalmente sovrapposti; contributivo per i
lavoratori privi di anzianità contributiva a quelle data e ad essi assimilati; misto (o in
“pro-rata”) per i lavoratori con un'anzianità contributiva inferiore a 18 anni al 31
dicembre 1995 (retributivo per l'anzianità contributiva fino al 31 dicembre 1995;
contributivo per quella successiva).

Calcolo retributivo
La misura della pensione è determinata applicando alla media delle retribuzioni coperte
da contribuzione percepite negli ultimi anni precedenti la decorrenza della pensione
l'aliquota di rendimento del 2 per cento (o valori inferiori, secondo le fasce della
retribuzione media pensionabile) per ogni anno di iscrizione e contribuzione
nell'assicurazione.
Gli elementi per il calcolo sono dunque la retribuzione pensionabile e l'anzianità
contributiva, dalla quale si ricava l'aliquota di rendimento che va applicata appunto alla
retribuzione pensionabile.

Retribuzione pensionabile
Il periodo in cui va rilevata la retribuzione pensionabile media (settimanale o annua)
varia a seconda che debba riferirsi all'anzianità contributiva fino a tutto il 1992 ovvero a
quella successiva. Per quella fino al 1992 vanno prese in considerazione le retribuzioni
coperte da contribuzione delle ultime 260 settimane (5 anni) precedenti la decorrenza
della pensione (art. 3, c. 8 della legge 29 maggio 1982, n. 297), mentre per l'anzianità
contributiva acquisita dal 1993 in poi contano le retribuzioni delle ultime 520 settimane
(10 anni) sempre precedenti la decorrenza della pensione (art. 3, c. 2, D.Lgs. 30
dicembre 1992, n. 503). Nel caso, frequentissimo, di contribuzione che copre i due
periodi, la pensione è liquidata su due quote, note come A e B (che sono regolate da
criteri diversi anche con riferimento alle rivalutazioni delle retribuzioni e ai coefficienti
di rendimento), la cui somma dà luogo alla pensione complessiva posta in pagamento
(art. 13, D.Lgs. n. 503/1992).
Periodi più ampi sono stabiliti per le pensioni dei lavoratori autonomi.
La retribuzione di ciascun anno è annualmente rivalutata. Sono escluse dalla
rivalutazione le retribuzioni dell'anno di decorrenza della pensione e di quello
immediatamente precedente.
Il criterio di rivalutazione è diverso a seconda che si riferisca al calcolo della quota A
ovvero della quota B. Sicché, per il calcolo della quota di pensione relativa alle
anzianità fino al 31 dicembre 1992 (quota A), le retribuzioni di ciascun anno sono
rivalutate sulla base della variazione dell'indice annuo del costo della vita calcolato
dall'Istat ai fini della scala mobile delle retribuzioni dell'industria (art. 3, c. 11, legge n.
297/1982), mentre per il calcolo della quota relativa alle anzianità dal 1° gennaio 1993
in poi (quota B), le retribuzioni sono rivalutate in misura corrispondente alla variazione
dell'indice annuo dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati calcolato
dall'Istat, con l'incremento di un punto percentuale per ogni anno solare preso in
considerazione (art. 3, c. 5, D.Lgs. n. 503/1992).
Sulla scorta di tali criteri sono state rivalutate anche le retribuzioni utili per le pensioni
con decorrenza nell'anno 2010.

Anzianità contributiva
L'altro elemento per il calcolo retributivo della pensione è costituito dall'anzianità
contributiva, e cioè dal numero delle settimane di contribuzione (obbligatoria, da
riscatto, figurativa e volontaria) utili per il calcolo accreditate tra la data di inizio
dell'assicurazione e quella di decorrenza della pensione. Per le pensioni di inabilità
l'anzianità contributiva è maggiorata delle settimane comprese tra la decorrenza della
pensione e l'età pensionabile.

Dall'anzianità contributiva si ricava la percentuale complessiva da applicare alla
retribuzione pensionabile. L'anzianità massima è fissata in 40 anni di contribuzione, pari
a 2080 contributi settimanali. La percentuale massima di commisurazione della pensione
alla retribuzione pensionabile non può superare l'80 per cento, dato che l'aliquota di
rendimento massima per ogni anno di contribuzione è del 2 per cento.
L'aliquota di rendimento, che costituisce l'elemento di raccordo tra il reddito
pensionabile e l'anzianità contributiva, è dunque la percentuale per ogni anno di
contribuzione da applicare alla retribuzione media pensionabile. La percentuale non è
fissa, ma si diversifica secondo le fasce della retribuzione pensionabile: è del 2 per
cento sulla fascia di retribuzione fino al cosiddetto tetto pensionabile (o meglio, fino
alla prima fascia di retribuzione annua pensionabile), fissato per il 2010 in 42.340 euro,
ma diminuisce gradualmente sulle fasce eccedenti il tetto della prima fascia di
retribuzione. L'aumento del tetto della prima fascia comporta a cascata l'aumento delle
fasce successive, sulle quali si applicano le aliquote di rendimento ridotte.
Salvo l'aliquota applicabile alla prima fascia, che è rimasta immutata al 2 per cento,
quelle applicabili alle fasce successive sono ridotte in misura diversificata a seconda che
attengano alle anzianità contributive fino al 1992 (per il calcolo della quota A della
pensione) ovvero alle anzianità contributive dal 1993 in poi (per il calcolo della quota
B). Perciò, per le pensioni con decorrenza nel 2010 le fasce di retribuzione pensionabile
annua a cui si applicano le rispettive aliquote percentuali di rendimento per ogni anno di
anzianità contributiva sono variate come segue.
Per le anzianità contributive acquisite fino al 1992:
• 2% per la prima fascia (fino a 42.364,00);
• 1,50% per la fascia eccedente il primo tetto fino al 33 % (oltre 42.364,00 e fino a
56.344,12 euro);
• 1,25% per la fascia dal 33 al 66% (oltre 56.344,12 e fino a 70.324,24 euro);
• 1% oltre il 66% (oltre 70.324,24 euro).
Per le anzianità contributive acquisite dal 1°gennaio 1993:
• 2% per la prima fascia (fino a 42.364,00);
• 1,60% per la fascia eccedente il primo tetto fino al 33 % (oltre 42.364,00 e fino a
56.344,12 euro);
• 1,35% per la fascia dal 33 al 66% (oltre 56.344,12 e fino a 70.324,24 euro);
• 1,10% per la fascia dal 66% al 90% (oltre 70.324,24 e fino a 80.491,60 euro);
• 0,90% oltre il 90% (oltre 80.491,60 euro).

Misura della pensione
L'importo della pensione è costituito dalla somma delle due quote: la quota A, che è
calcolata in base all'anzianità contributiva maturata fino al 31 dicembre 1992, alla
media delle retribuzioni pensionabili relative alle 260 settimane precedenti la
decorrenza della pensione rivalutate e alle aliquote di rendimento in vigore fino al 31
dicembre 1992;
la quota B, calcolata in base alle anzianità contributive acquisite dal 1° gennaio 1993
fino alla decorrenza della pensione, alla media delle retribuzioni pensionabili rilevate
nelle ultime 520 settimane precedenti la decorrenza della pensione rivalutate e con le
aliquote di rendimento in vigore dal 1° gennaio 1993.
Va, infine, segnalata una ipotesi piuttosto ricorrente. Può accadere che un lavoratore
possa far valere della contribuzione in una o più gestioni autonome e nel Fondo pensioni
dei lavoratori dipendenti. In questo caso, se il diritto alla pensione è maturato con il
cumulo dei contributi versati nelle varie gestioni, la pensione viene liquidata nella
gestione autonoma di competenza, ma l'importo è determinato in relazione alla
contribuzione accreditata in ciascuna gestione. Infatti, stabilisce il primo comma
dell'articolo 16 della legge 2 agosto 1990, l'importo calcolato col sistema retributivo-
reddituale è determinato dalla somma della quota di pensione calcolata in base ai
contributi versati in ciascuna delle gestioni autonome e della quota di pensione
calcolata sulla base dei periodi di iscrizione al Fpld, con le norme ivi in vigore. Perciò,
per determinare l'importo della pensione, si calcolano tante distinte quote di pensione
quante sono le gestioni nelle quali sono stati versati i contributi. L'importo complessivo
della pensione è dato dalla somma di tutte le quote.

Part-time
Nel caso in cui il rapporto di lavoro alle dipendenze sia stato svolto in tutto o in parte a
tempo parziale, la pensione si determina calcolando per intero l'anzianità relativa ai
periodi a tempo pieno e in misura ridotta l'anzianità relativa ai periodi di part-time.
Questo criterio si applica a partire dal 6 gennaio 1985, data di entrata in vigore della
legge n. 863 del 19 dicembre 1984. Ciò significa che i periodi precedenti si calcolano
tutti allo stesso modo, vale a dire come se fossero tutti periodi di lavoro a tempo pieno.
La contrazione dei contributi si applica solo per determinare la misura della pensione e
non per accertarne il diritto, per il quale, dunque, valgono per intero anche i periodi di
lavoro ridotto.
Per calcolare l'importo della pensione, l'anzianità contributiva viene ridotta in base alle
ore effettivamente lavorate rispetto a quelle stabilite per il tempo pieno: perciò a chi,
ad esempio, in un anno lavora con un part-time del 50 per cento dell'orario contrattuale
viene riconosciuta un'anzianità contributiva di 6 mesi e non di 12. Ma ciò che si perde
con la riduzione dell'anzianità contributiva si recupera con una migliore utilizzazione
delle retribuzioni percepite durante il part-time, sempre che entrino nel calcolo della
pensione. Queste infatti vengono riferite ai soli periodi ridotti. Da ciò deriva nella
sostanza un miglioramento della retribuzione pensionabile.

Calcolo contributivo
Il sistema di calcolo contributivo è stato introdotto dall'articolo 1, commi 6 e seguenti,
della legge n. 335/1995, che, come si è detto, va applicato anche ai lavoratori che al 31
dicembre 1995 avevano maturato un'anzianità contributiva inferiore a 18 anni (per i
quali il diritto alla pensione matura comunque con i requisiti previsti nel sistema
retributivo) per la sola quota di pensione corrispondente alle anzianità contributive
maturate successivamente a quella data che viene calcolata secondo il sistema
contributivo, mentre il periodo precedente è calcolato con il sistema retributivo (art. 1,
c. 12, legge n. 335/1995).
Gli elementi per il calcolo della pensione liquidata con il sistema contributivo sono il
montante contributivo individuale e il coefficiente di trasformazione.

Montante contributivo
La pensione contributiva (e cioè tutto l'importo per il calcolo interamente contributivo o
la quota contributiva nel calcolo misto) è correlata agli accantonamenti effettuati anno
per anno dai lavoratori, in base all'aliquota di computo del 33 per cento (20 per cento
per i lavoratori autonomi), applicata alle stesse retribuzioni (redditi di impresa per i
lavoratori autonomi) che costituiscono la base imponibile per il prelievo dei contributi.
Le somme affluiscono ad un conto intestato al lavoratore e sono rivalutate annualmente
in base a un tasso annuo di capitalizzazione, pari alla variazione media del quinquennio
precedente l'anno da rivalutare del prodotto interno lordo nominale (il Pil indica il
valore dell'insieme dei beni e servizi prodotti annualmente dal Paese). La media viene
calcolata dall'Istat con il metodo dell'interesse composto. L'interesse si applica ogni 31
dicembre ai contributi versati, con esclusione di quelli dell'ultimo anno, e agli interessi
maturati in precedenza. Il tasso di rivalutazione del montante relativamente all'anno
2009 è pari a 1,033201.
Il totale di contributi e interessi costituisce il montante contributivo individuale: si
tratta di una cifra mobile, dal momento che cresce di anno in anno.
Sui redditi superiori al tetto imponibile (euro 92.147 per il 2010), i nuovi iscritti alle
gestioni autonome dal 1° gennaio 1996 e coloro che esercitano l'opzione per il sistema
contributivo non devono versare alcun contributo (art. 2, c. 18, legge n. 335/1995), ma
non matureranno neppure alcuna quota di pensione (è la logica conseguenza
dell'esclusione dal montante). Il massimale annuo, rivalutato annualmente in base
all'indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati, non è frazionabile a
mese.

Coefficiente di trasformazione
L'altro elemento del calcolo contributivo è il coefficiente di trasformazione (di
trasformazione, appunto, del montante in pensione), di cui all'articolo 1, comma 6, della
legge n. 335/1995, che è stabilito in relazione all'età dell'assicurato al momento della
decorrenza della pensione e cresce con l'aumentare dell'età stessa (dal minimo di 57
anni al massimo di 65 anni).
La funzione del coefficiente è quella di rapportare l'ammontare della pensione, oltre che
alla massa dei contributi versati, anche all'aspettativa di vita.
Proprio in considerazione di questo aspetto, la legge n. 247/2007 ha stabilito, all'articolo
1, commi 12-14, dei criteri destinati ad adeguare nel tempo i coefficienti. All'uopo ha
previsto la costituzione di una commissione con il compito di proporre modifiche dei
criteri di calcolo dei coefficienti di trasformazione, nel rispetto degli andamenti e degli
equilibri della spesa pensionistica di lungo periodo e nel rispetto delle procedure
europee, che tengano conto delle dinamiche delle grandezze macroeconomiche,
demografiche e migratorie che incidono sulla determinazione dei coefficienti medesimi;
dell'incidenza dei percorsi lavorativi, anche al fine di verificare l'adeguatezza degli
attuali meccanismi di tutela delle pensioni più basse e di proporre meccanismi di
solidarietà e garanzia per tutti i percorsi lavorativi, nonché di proporre politiche attive
che possano favorire il raggiungimento di un tasso di sostituzione al netto della fiscalità
non inferiore al 60 per cento, con riferimento all'aliquota prevista per i lavoratori
dipendenti; del rapporto intercorrente tra l'età media attesa di vita e quella dei singoli
settori di attività. L'ulteriore compito è anche quello di valutare nuove possibili forme di
flessibilità in uscita collegate al sistema contributivo, nel rispetto delle compatibilità di
medio-lungo periodo del sistema pensionistico.
Nel frattempo, a partire da quest'anno, la legge ha rideterminato i coefficienti di
trasformazione stabilendo una nuova tabella contenente nuovi coefficienti, più bassi dei
precedenti, in misura che vanno dal 6,38 per cento per i soggetti che vanno in pensione
a 57 anni di età all'8,41 per cento per chi sceglie la pensione a 65 anni.
I nuovi coefficienti in vigore dal 2010 contenuti nell'allegato 2 alla legge n. 247/2007 in
relazione agli anni di età del pensionamento sono i seguenti: 4,419% (57 anni), 4,538%
(58), 4,664% (59), 4,798% (60), 4,940% (61), 5,093% (62), 5,257% (63), 5,432% (64),
5,620% (65).
Per determinare il coefficiente di trasformazione corrispondente all'età precisa (anni e
mesi) del lavoratore al momento del pensionamento, il coefficiente relativo all'anno
viene incrementato di tanti dodicesimi, quanti sono i mesi in aggiunta, della differenza
tra i due coefficienti annuali nei quali si colloca l'età del lavoratore. Pertanto il
coefficiente di trasformazione del montante applicabile a un assicurato che intende
conseguire la pensione a 62 anni e 5 mesi è del 5,161%, e cioè 5 6 (5,257 - 5,093 / 12) +
5,093.
Agevolazioni di vario tipo sono previsti per chi consegue l'assegno di invalidità (art. 1, c.
14, legge n. 335/1995), la pensione di inabilità (art. 1, c. 15), la pensione indiretta (art.
1, c. 14) spettante ai superstiti di lavoratore non ancora pensionato, l'indennità una
tantum (art. 1, c. 20), per le lavoratrici madri (art. 1, c. 40).

Misura della pensione
L'importo annuo della pensione contributiva è costituito dal prodotto che si ottiene
moltiplicando il montante individuale dei contributi rivalutato per il coefficiente di
trasformazione relativo all'età del pensionamento. L'importo mensile si ottiene
dividendo l'importo annuo per 13.
Alla pensione contributiva non si applica l'integrazione al trattamento minimo (art. 1, c.
16, legge n. 335/1995).

Calcolo misto (retributivo-contributivo)
Richiamando quanto detto in merito ai due criteri di liquidazione delle pensioni, valga
un esempio. Ipotizziamo un lavoratore con meno di 18 anni di contributi al 31 dicembre
1995 che abbia diritto alla pensione di vecchiaia con decorrenza maggio 2010, avendo
maturato i requisiti anagrafici e contributivi richiesti dalla normativa in vigore nel
sistema retributivo e cioè 65 anni di età e 20 di contributi (si ricorda che, benché la
pensione venga liquidata con il calcolo misto, e cioè retributivo e contributivo, il diritto
si raggiunge comunque con le regole del sistema retributivo).
La quota A (per le anzianità contributive maturate fino al 31 dicembre 1992) e la quota
B (per quelle maturate dal 1° gennaio 1993 al 31 dicembre 1995) sono determinate con
il sistema retributivo con le regole viste sopra. A queste due se ne aggiunge una terza
per le anzianità contributive maturate dal 1° gennaio 1996 in poi, che chiameremo C, la
quale è calcolata sul montante accumulato in base agli accantonamenti sulle
retribuzioni
percepite nel periodo dal 1° gennaio 1996 fino alla decorrenza della pensione. L'importo
complessivo della pensione è dato dalla somma delle tre quote.

Finestre
Fatta eccezione per le pensioni ai superstiti, per le quali la decorrenza della pensione
coincide con il perfezionamento del diritto (decesso del lavoratore o del pensionato),
per altre categorie di pensione la decorrenza è connessa anche alla data di
presentazione della domanda (trattamenti di invalidità) e per altre ancora (pensioni di
vecchiaia e di anzianità) anche a date prefissate dalla legge (le cosiddette finestre).
Le finestre si applicano dunque solo per le pensioni di vecchiaia e di anzianità, anche
per il 2010.

Pensione di vecchiaia
Dal 2008 è entrato in vigore per la prima volta per le pensioni di vecchiaia il regime
delle decorrenze minime prefissate per legge (art. 1, c. 5, legge n. 247/2007), fino
allora vincolo esclusivo delle pensioni di anzianità. Prima di tale anno la decorrenza
della pensione di vecchiaia era fissata al mese successivo alla maturazione dei requisiti.
L'introduzione delle finestre comporta, evidentemente, un allontanamento della data di
inizio del godimento della prestazione e un sostanziale innalzamento dell'età
pensionabile.
La scansione è diversificata tra lavoratori dipendenti e autonomi, dal momento che per i
primi la finestra si apre tre mesi dopo la maturazione del diritto, mentre i secondi
devono attendere almeno sei mesi.
I lavoratori dipendenti, qualora abbiano maturato i requisiti per il pensionamento di
vecchiaia entro il primo trimestre dell'anno, possono accedervi dal 1° luglio dello stesso
anno; qualora li abbiano maturati entro il secondo trimestre, possono accedere alla
pensione dal 1° ottobre dello stesso anno; qualora li abbiano maturati entro il terzo
trimestre dell'anno, possono accedervi dal 1° gennaio dell'anno successivo; qualora
abbiano maturato i requisiti entro il quarto trimestre dell'anno, possono accedervi dal 1°
aprile dell'anno successivo.
Quanto ai lavoratori autonomi, coloro che maturano il diritto entro il primo trimestre
dell'anno, possono accedere alla pensione dal 1° ottobre dello stesso anno; coloro che lo
maturano entro il secondo trimestre, possono accedervi dal 1° gennaio dell'anno
successivo; coloro che lo maturano entro il terzo trimestre, possono andare in pensione
dal 1° aprile dell'anno successivo; coloro che maturano il diritto entro il quarto
trimestre, possono accedere alla pensione dal 1° luglio dell'anno successivo.

Pensione di anzianità
Più rigide sono le regole per l'accesso alla pensione di anzianità, il cui meccanismo delle
finestre rimane ancorato alla data di maturazione del diritto, ma differenziato secondo
il raggiungimento, o meno, del 57° anno di età qualora il diritto sia maturato con 40
anni di contributi, requisito questo che, come si è visto, prescinde dal raggiungimento di
un'età anagrafica minima.
La decorrenza è comunque legata alla data di presentazione della domanda di pensione:
infatti, la pensione decorre dal primo giorno del mese successivo a quella data, ma non
prima dell'apertura della finestra. Le date predeterminate della decorrenza della
pensione si devono intendere come termini iniziali a partire dai quali gli interessati, che
si trovano nelle condizioni richieste, possono accedere al pensionamento. Perciò, in caso
di domanda tardiva rispetto alla decorrenza prefissata, la pensione di anzianità decorre
dal mese successivo alla data di presentazione della domanda.
Il calendario delle finestre in vigore dal 2008, con la combinazione del comma 6, lett.
c), dell'articolo 1 della legge n. 243/2004 con il comma 5 dell'articolo 1 della legge n.
247/2007, prevede le seguenti scansioni.
I lavoratori dipendenti, qualora risultino in possesso di 40 anni di contribuzione, possono
accedere alla pensione di anzianità sulla base del regime delle decorrenze stabilito
dall'articolo 1, comma 29, della legge n. 335/1995, e cioè:
chi matura il diritto entro il primo trimestre dell'anno, può accedere alla pensione dal 1°
luglio dello stesso anno, se ha compiuto 57 anni entro il 30 giugno; chi lo matura entro il
secondo trimestre, può accedervi dal 1° ottobre dello stesso anno, se ha compiuto 57
anni entro il 30 settembre; chi matura il diritto entro il terzo trimestre, può accedervi
dal 1° gennaio dell'anno successivo; chi, infine, lo matura entro il quarto trimestre, può
accedere alla pensione dal 1° aprile dell'anno successivo.
Si dimezzano invece gli accessi alla pensione di anzianità per i lavoratori dipendenti con
meno di 40 anni di contributi, cosa che comporta il raddoppio dei tempi di attesa, con
ciò diluendosi l'accesso al godimento della pensione: chi matura i requisiti entro il
secondo trimestre dell'anno, può ottenere la pensione dal 1° gennaio dell'anno
successivo; chi li matura entro il quarto trimestre, può accedere al pensionamento dal
1° luglio dell'anno successivo.

Dal 2008 il giro di vite riguarda anche i lavoratori autonomi per le pensioni a carico delle
gestioni per gli artigiani, i commercianti e piccoli agricoltori. Infatti, per quanto
riguarda coloro che hanno almeno 40 anni di contributi, chi matura i requisiti entro il
primo trimestre dell'anno, può accedere alla pensione dal 1° ottobre dell'anno stesso;
chi li matura entro il secondo trimestre, può accedere al pensionamento dal 1° gennaio
dell'anno successivo; chi li matura entro il terzo trimestre, può andare in pensione dal 1°
aprile dell'anno successivo; chi matura i requisiti entro il quarto trimestre, può
accedervi dal 1° luglio dell'anno successivo.
Più drastico il trattamento degli autonomi che vanno in pensione con meno di 40 anni di
contributi. Infatti, per chi matura i requisiti entro il secondo trimestre dell'anno la
finestra si apre il 1° luglio dell'anno successivo; per chi li matura entro il quarto
trimestre la finestra si apre il 1° gennaio del secondo anno successivo.

19/04/2010

                                                             a cura di Adriano Cosentino
Puoi anche leggere
Prossima slide ... Annulla