INTERNATIONAL CHAMBER MUSIC COMPETITION - DAL 1994

 
INTERNATIONAL CHAMBER MUSIC COMPETITION - DAL 1994
DAL 1994
INTERNATIONAL CHAMBER MUSIC
                              COMPETITION
                              PINEROLO E TORINO
                              CITTà METROPOLITANA
                              5 -11 MARZO 2018

                                                     1
INTERNATIONAL CHAMBER MUSIC COMPETITION - DAL 1994
DAL 1994
    INTERNATIONAL CHAMBER MUSIC
                                  COMPETITION
                                  PINEROLO E TORINO
                                  CITTà METROPOLITANA
                                  5 -11 MARZO 2018

2
INTERNATIONAL CHAMBER MUSIC COMPETITION - DAL 1994
Saluto del Sindaco e dell’Assessore
           alla Cultura di Pinerolo
           Fare bene insieme: questo è uno dei significati del lessico della musica. Armonia, melodia, accordo… parole
           che non possono che ricordarci il senso di comunità, l’importanza dello scambio, la capacità di ascolto alla
           base della collaborazione tra musicisti. Così intesa, la musica non è solo una metafora: è la cristallina
           rappresentazione di una società sana, pluralista e multiforme. Ciò a cui tutti dovremmo mirare.

           Con la sua storia e la sua capacità di attrarre musicisti d’eccezione, International Chamber Music
           Competition è per Pinerolo un’occasione di incontro e scambio internazionale ma anche un esempio
           prezioso di eccellenza regionale. Grazie all’International Chamber Music Competition il mondo approda
           qui: dal Sud Africa alla Bielorussia, dagli Stati Uniti a Taiwan, musicisti provenienti da tanti paesi del mondo
           hanno visto la nostra città e guardato con occhi nuovi le strade che ogni giorno percorriamo, diffondendo
           la cultura della musica classica e mostrando a chi abita qui che l’arte può essere un mezzo per aspirare a
           una società più giusta.

           Questo prestigioso palcoscenico musicale è più che mai oggi la rappresentazione di un futuro possibile
           di collaborazione e multiculturalità. E il protocollo d’intesa a sostegno del Concorso, stretto tra Città di
           Pinerolo e Città di Torino, è la chiara manifestazione di quanto sia importante l’apporto culturale del premio
           per tutto il territorio.

           Ringraziamo quindi l’Accademia di Musica di Pinerolo perché ci offre l’opportunità di aprire la nostra città
           al mondo. E ringraziamo i musicisti perché, con la loro arte, offrono alla cittadinanza un’occasione per
           entrare in contatto con l’altro, attraverso quel “linguaggio universale” che è la musica.

                                                                                                          Città di Pinerolo

PINEROLO
                                                                                                                              5
INTERNATIONAL CHAMBER MUSIC COMPETITION - DAL 1994
Saluto della Sindaca e dell’Assessora
         alla Cultura di Torino
         L’International Chamber Music Competition rappresenta per la Città di Torino un’importante opportunità.
         Il Concorso, infatti, permette di sviluppare una strategia di valorizzazione del territorio.

         L’ICM Pinerolo e Torino Città metropolitana è un prestigioso esempio di sinergia tra le città che gravitano
         nella stessa area metropolitana ed è un’iniziativa che permette di sviluppare una convergenza progettuale
         fra gli enti e le istituzioni operanti a Torino e dintorni.

         Per darne continuità e rafforzarne la collaborazione è stato firmato un protocollo d’intesa con la Città di
         Pinerolo. Si tratta di una competizione musicale unica in Italia che per le sue caratteristiche è riconosciuta
         dalla World Federation of International Music Competitions di Ginevra.

         Siamo orgogliosi di ospitare nuovamente al Conservatorio di Musica Giuseppe Verdi la finale dell’ICM,
         evento di straordinario valore artistico che contribuisce a sottolineare l’importanza e la forza di un sistema
         musicale integrato.

         Ringraziamo il Presidente, il Direttore Artistico e tutti i collaboratori dell’Accademia di Musica di Pinerolo
         che, svolgendo con passione il proprio lavoro, hanno raggiunto eccellenti risultati e auguriamo al Concorso
         il meritato successo.

                                                                                                        Città di Torino

TORINO
                                                                                                                          7
INTERNATIONAL CHAMBER MUSIC COMPETITION - DAL 1994
Saluto del Presidente e del
Direttore artistico dell’Accademia di Musica
Da 25 anni il Concorso Internazionale, nelle sue varie forme, ha costruito un rapporto importante e profondo
con la nostra Città. Dal 2016 si svolge in due contesti: quello pinerolese, abituale, e per la fase finale
nella Città di Torino. Questa continuità si consolida e guarda al futuro con maggiore vigore proprio dalla
presente edizione, grazie al protocollo d’intesa stretto tra la Città di Pinerolo e la Città di Torino e grazie
alla Convenzione stipulata tra Città di Torino e Accademia di Musica fino al 2022. Un sincero ringraziamento
va ai due Sindaci e agli Assessori alla Cultura delle due città, che hanno permesso di dare concretezza al
nostro convincimento, che una grande manifestazione ha necessità di avere dietro di sé un grande contesto
culturale, qual è quello della Città metropolitana appunto.

Una prova di questo nostro capillare radicamento sul territorio è la straordinaria accoglienza che le famiglie
del Pinerolese hanno accordato e accordano, anche quest’anno, alle ormai molte centinaia di concorrenti
giunti da tutto il mondo. In questo 2018 arrivano veramente da ogni angolo della terra, oltre che dall’Italia,
da Bielorussia, Brasile, Bulgaria, Canada, Cina, Corea del Sud, Finlandia, Francia, Germania, Giappone,
Indonesia, Irlanda, Lituania, Malesia, Moldavia, Polonia, Repubblica Ceca, Russia, Slovenia, Spagna, Svezia,
Svizzera, U.S.A., Ucraina, Ungheria, Uruguay.

L’altro fronte, solidissimo, da cui deriva la nostra reputazione internazionale è costituito dal prestigio e
dalla trasparenza assoluta nell’operato delle Giurie, i cui componenti sono impegnati anche quest’anno in
un lavoro particolarmente intenso, visto l’altissimo numero dei partecipanti. Con il lavoro degli uni e con
quello degli altri sarà costruito il risultato artistico della nostra manifestazione, proposto all’attenzione
di tutti lungo le varie selezioni che si terranno nella sala concerti dell’Accademia di Musica di Pinerolo e
specificamente in occasione del Concerto dei Vincitori, al quale la collocazione nella sala del Conservatorio
di Musica G. Verdi di Torino attribuisce particolare solennità. In un’epoca così difficile, in particolare per
le manifestazioni culturali, insieme al ringraziamento a quanti ci sostengono e collaborano con noi, non
possiamo che guardare al futuro, e dare a tutti appuntamento all’edizione 2020.

È certo motivo di ancor maggiore orgoglio per il nostro Concorso far parte del selezionatissimo consesso
della Federazione Mondiale dei Concorsi Internazionali di Musica di Ginevra, membro dell’International
Music Council (UNESCO).

                                                                                  Giorgio Bresso, Presidente
                                                                            Laura Richaud, Direttore artistico

                                                                                                                  9
INTERNATIONAL CHAMBER MUSIC COMPETITION - DAL 1994
1994 - 2018: la storia del Concorso                                                                                  1994 - 2018: History of the Competition
     LE PRIME EDIZIONI: DAL TRIO AI GRUPPI CAMERISTICI                                                                    THE EARLIEST COMPETITIONS: FROM TRIOS TO CHAMBER MUSIC ENSEMBLES
     La prima edizione del Concorso, allora denominato “Pinerolo Città della Cavalleria”, ha avuto luogo nel             The very first Competition, then called “Pinerolo Città della Cavalleria”, took place in 1994. Initially
     1994. Inizialmente si svolgeva nel mese di novembre, affiancava al Concorso Internazionale (sezioni                  held in November, the International Chamber Music Competition (piano and trio sections, reserved
     Pianoforte e Trio, riservato a concorrenti dotati di un repertorio già complesso e consolidato), la                 for competitors possessing a complex and consolidated repertoire), ran concurrently with another
     Rassegna Internazionale di Giovani Musicisti dedicata ai più giovani musicisti (dai 5 ai 23 anni, con               competition, the Rassegna Internazionale di Giovani Musicisti, dedicated to younger musicians (from
     fasce d’età differenti). Dal 1997, data la richiesta sempre crescente di partecipazione da parte di vari             5 to 23, competing in different age groups). From 1997, in response to the growing demand from other
     gruppi cameristici, si è deciso di allargare la sezione Trio del Concorso ad altri organici: sono state             kinds of chamber music ensembles to be allowed to take part in the Competition, we decided to expand
     ammesse formazioni di duo, trio, quartetto e quintetto con pianoforte, archi e clarinetto e, in seguito,             the trio section to include other formats: we accepted duos, trios, quartets and quintets with piano,
     anche quartetto d’archi e duo pianoforte a 4 mani.                                                                   strings and clarinet, and, later, also string quartets and duos of piano four hands.

     IL CONCORSO IN ACCADEMIA E NELLE FAMIGLIE DI PINEROLO                                                                IMPACT OF THE COMPETITION ON THE ACCADEMIA AND THE FAMILIES OF PINEROLO
     L’inaugurazione, il 14 ottobre 2000, della nuova sede dell’Accademia di Musica nell’ex scuola di Cavalleria          With the inauguration of the new premises of the Accademia di Musica in the former Cavalry Academy
     di Pinerolo, ha segnato un forte incremento del numero di partecipanti - sia per la sezione Musica da                of Pinerolo on 14 October 2000, we were able to greatly increase the number of contestants in our
     Camera, sia per quella dedicata al Pianoforte - e ha reso imprescindibili le caratteristiche fondanti delle          competition (in both the chamber music and the piano sections) and to define in absolute terms the
     sue edizioni. Il prestigio internazionale delle giurie e il rigore dei giudizi espressi hanno visto crescere         fundamental and essential values of the ICM. As a result of the international prestige of our juries and
     di anno in anno il livello artistico dei concorrenti, in un clima sereno e fattivo, cui hanno contribuito le         the uncompromising quality of their decisions, year after year we saw a rise in the musical ability of the
     famiglie pinerolesi, aprendo le loro case ai ragazzi provenienti da tutto il mondo, creando un clima di              participants. The contest took place in a tranquil and constructive environment, to which the families
     partecipazione personale ai percorsi esecutivi dei loro ospiti e allargando al piano emotivo il fatto pratico        of Pinerolo contributed hugely, by opening up their homes to young musicians from all over the world,
     dell’ospitalità. A livello locale questa peculiarità ha inoltre contribuito alla circolazione delle idee e a una   creating an atmosphere of personal support as they followed the performances of their guests, with a
     sensibilizzazione del pubblico alla musica classica.                                                                 genuine emotional involvement that went far beyond the simple act of providing accommodation. On a
                                                                                                                          city level this very personal engagement created interest in the event and contributed to an increased
     UN CONCORSO SEMPRE PIÙ INTERNAZIONALE                                                                                awareness of classical music among Pinerolo residents.
     Il Concorso si articola in tre prove: una eliminatoria a programma libero a cui possono accedere tutti
     i concorrenti iscritti, una semifinale con una serie di brani a scelta tra una selezione imposta a cui               AN INCREASINGLY INTERNATIONAL COMPETITION
     accedono 12 concorrenti, e una finale, anch’essa con una serie di pezzi a scelta, a cui vengono ammessi              The Music Competition consists of 3 rounds: an elimination round with a free programme, to which all
     5 concorrenti. Ai 5 finalisti sono assegnati premi in denaro per un totale di € 23.000,00, concerti premio,          competitors are admitted; a semifinal, where the 12 competitors admitted must choose several pieces
     il premio speciale Patrizia Cerutti Bresso (per la migliore esecuzione dei pezzi d’obbligo) e, dal 2010, un          from a set list; and a final, again with a set list of pieces the 5 competitors admitted must choose from.
     Premio del pubblico, assegnato con il voto dopo il concerto dei finalisti.                                           The final five contestants will be awarded money prizes € 23.000,00, concert engagements, the Patrizia
                                                                                                                          Cerutti Bresso special prize (for the best performance of the set pieces) and, since 2010, an Audience
     Le ultime edizioni del Concorso hanno visto la partecipazione di concorrenti provenienti da Italia,                  Award, decided by popular vote after the finalists’ concert.
     Albania, Argentina, Armenia, Australia, Austria, Azerbaijan, Belgio, Bielorussia, Brasile, Bulgaria,
     Canada, Cile, Cina, Corea del Sud, Croazia, Estonia, Ex Jugoslavia, Finlandia, Francia, Georgia, Germania,           Participants in recent ICM Competitions have included young musicians from Italy, Albania, Argentina,
     Giappone, Gran Bretagna, Grecia, India, Indonesia, Irlanda, Israele, Kazakistan, Lettonia, Lituania,                 Armenia, Australia, Austria, Azerbaijan, Belgium, Belarus, Brazil, Bulgaria, Canada, Chile, China,
     Malesia, Moldavia, Norvegia, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca, Romania, Russia,                     Croatia, Estonia, Ex-Yugoslavia, Finland, France, Georgia, Germany, Japan, Great Britain, Greece, India,
     Serbia, Siria, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Stati Uniti d’America, Sud Africa, Svezia, Svizzera, Taiwan,            Indonesia, Ireland, Israel, Kazakstan, Latvia, Lithuania, Malaysia, Moldova, Norway, the Netherlands,
     Turchia, Ucraina, Ungheria, Uruguay, Uzbekistan, Venezuela. Nel 2011 il Concorso Internazionale di                   Poland, Portugal, Czech Republic, Rumania, Russia, Serbia, Siria, Slovakia, Slovenia, South Korea,
     Musica da Camera Città di Pinerolo è entrato a far parte della World Federation of International Music             Spain, the USA, South Africa, Sweden, Switzerland, Taiwan, Turkey, the Ukraine, Hungary, Uruguay,
     Competitions di Ginevra.                                                                                             Uzbekistan, and Venezuela. In 2011 the “City of Pinerolo” International Chamber Music Competition
                                                                                                                          became part of the World Federation of International Music Competitions in Geneva.
     Dal 2016 il suo prestigioso palcoscenico musicale diventa più che mai portavoce di futuro, grazie alla
     nuova collaborazione che lo rende possibile, tra Città di Pinerolo, Città di Torino e Città metropolitana            In 2016 this prestigious showcase became more than ever a stage for future talents of the music world,
     di Torino, suggellata dalla prima serata finale al Conservatorio di Torino.                                          thanks to a collaboration between the Cities of Pinerolo, and Torino and its Metropolitan area, which
     Nel 2017 a dare sempre più autorevolezza al progetto, la Città di Pinerolo e la Città di Torino hanno                meant that the final concert was held at the Conservatoire of Turin. In 2017 to give even more importance
     sottoscritto un Protocollo d’Intesa e la Città di Torino ha stretto con l’Accademia di Musica una Convenzione        to the project, the City of Pinerolo and the City of Torino signed a memorandum of intent, and the City of
     triennale.                                                                                                           Torino entered into a three-year agreement with the Accademia di Musica.

10                                                                                                                                                                                                                                     11
INTERNATIONAL CHAMBER MUSIC COMPETITION - DAL 1994
Albo d’oro
     2016                                                                                                    2003
     1° premio Stratos Quartett (Austria / Repubblica Ceca / Giappone)                                       1° premio non assegnato
     2° premio P.E.S. Duo (Austria)                                                                          2° premio Duo Petitdemange-Maliarevitch (Francia)
     3° premio Duo Hoffnung (Giappone)                                                                       3° premio Duo Lucchesi-Fehr (Italia/Svizzera)
     4° premio Duo Shäffer-Jegunova (Germania / Lituania)
     5° premio Duo Urba (Lituania / Russia)                                                                  2002
     Premio speciale “Patrizia Cerutti Bresso” Stratos Quartett (Austria / Repubblica Ceca / Giappone)       1° premio Duo Ivanov-Ivanova (Russia)
     Premio del pubblico P.E.S. Duo (Austria)                                                                2° premio Duo Baldini-Santin (Italia)
                                                                                                             3° premio Duo Karslian-Zilman (Russia)
     2013                                                                                                    Menzione speciale della Giuria Duo Prevert (Italia) [Davide Bandieri – clarinetto / Luca Torrigiani – pianoforte]
     1° premio Yoon Trio (Finlandia / Corea)
     2° premio Notos Quartett (Germania / Israele)                                                           2001
     3° premio ex – aequo Busch Ensemble (Olanda / Gran Bretagna / Israele) / Nemtsov Duo (Russia)           1° premio Ars Trio (Italia)
     4° premio Alinde Quartett (Italia / Germania / Francia)                                                 2° premio Duo Popov-Patcheva (Russia)
     5° premio Ellipse Quatuor (Francia / Corea)
     Premio speciale “Patrizia Cerutti Bresso” Notos Quartett (Germania / Israele)                           1999
     Premio del pubblico Notos Quartett (Germania / Israele)                                                 1° premio Duo Zappa-Mainolfi (Svizzera)
                                                                                                             2° premio Duo Fervidi-Novaretto (Italia)
     2011
     1° premio Duo Birringer (Germania)
                                                                                                             1998
     2° premio Trio Concordiae (Russia / Italia / Uzbekistan)
                                                                                                             1° premio Duo Laffranchini-Cattarossi (Italia)
     3° premio Duo Shugaev-Mardanova (Russia)
                                                                                                             2° premio Duo Nakagawa-Miyagawa (Giappone)
     4° premio LightDuo (Russia)
                                                                                                             Menzione speciale della Giuria Duo Noferini-Rebaudengo (Italia)
     Premio speciale “Patrizia Cerutti Bresso” Duo Birringer (Germania)
     Premio del pubblico LightDuo (Russia)
     Premio della Giuria Duo Messa-Abeshi (Italia / USA) / Jonathan Flaksman & Sang Hee Park (USA / Corea)
                                                                                                             1997
                                                                                                             1° premio Quadro Veneto (Italia)
                                                                                                             2° premio Duo Dautricourt-Mallarte (Francia)
     2009                                                                                                    Menzione speciale della Giuria Duo Tinelli-Palladino (Italia)
     1° premio David & Julie (Norvegia)
     2° premio Duo Framarin-Saito (Italia / Giappone)
     3° premio Quartetto Lyskamm (Italia)
                                                                                                             1996
                                                                                                             1° premio Trio Rachmaninov (Italia)
     Premio speciale “Patrizia Cerutti Bresso” Quartetto Lyskamm (Italia)
                                                                                                             2° premio Quartetto Florestano (Italia)
     2007
     1° premio Bonnard Trio (Armenia / Russia / Ucraina)
                                                                                                             1995
                                                                                                             1° premio Trio Estense (Italia)
     2° premio Duo Favalessa-Semeraro (Italia)
                                                                                                             2° premio non assegnato
     3° premio M-Art Trio (Russia)
     Premio speciale “Patrizia Cerutti Bresso” M-Art Trio (Russia)
                                                                                                             1994
                                                                                                             1° premio Trio Schumann (Italia)
     2005
                                                                                                             2° premio non assegnato
     1° premio Duo Prestissimo (Romania / Lettonia)
     2° premio Duo Bobovitch-Kolesnitschenko (Ucraina)
     3° premio ex-aequo Duo Lovett (Francia) / Duo Romanoff – Yamamoto (U.S.A./Giappone)
     Premio speciale “Patrizia Cerutti Bresso” Duo Bobovitch – Kolesnitschenko (Ucraina)
     Borsa di studio “Ettore Richaud” Duo Ieracitano – Casati (Italia)

12                                                                                                                                                                                                                               13
INTERNATIONAL CHAMBER MUSIC COMPETITION - DAL 1994
Calendario
                                   Ingresso libero

                                   Accademia di Musica, Pinerolo
                                   LUNEDÌ 5 MARZO          ore 17.30 Riunione preliminare della Giuria

                                                           ore 18.00 Appello concorrenti ed estrazione della lettera

                                                           ore 19.30 Welcome party (Ingresso su invito)

                                   PRIMA PROVA - FIRST ROUND
                                   Accademia di Musica, Pinerolo

                                   MARTEDÌ 6 MARZO         mattino 9.30 - 13.30; pomeriggio 14.30 - 19.30

                                   MERCOLEDÌ 7 MARZO mattino 9.00 – 13.30; pomeriggio 14.30 – 19.00

                                   GIOVEDÌ 8 MARZO         mattino 9.00 – 13.30; pomeriggio 15.00 – 18.00; proclamazione risultati 19.00

                                   SEMIFINALE - SEMIFINAL
                                   Accademia di Musica, Pinerolo

                                   VENERDÌ 9 MARZO         mattino 9.30 – 13.00; pomeriggio 15.00 – 17.30

                                   SABATO 10 MARZO         mattino 9.30 – 12.00; proclamazione risultati 13.00

                                   DOMENICA 11 MARZO
                                   Conservatorio “G. Verdi”, Torino

                                   9.00 - 16.00 finale
                                   FINALE - FINAL
                                   20.30 - 23.00 (Apertura al pubblico 20.10)
                                   CONCERTO DEI VINCITORI - WINNER CONCERT
                                   Concerto dei 5 gruppi finalisti, premiazione, estrazione del Premio del pubblico

                                                                      Gli orari sono suscettibili di variazioni
PRIMA PROVA, ACCADEMIA DI MUSICA
                                                                                                                                           15
INTERNATIONAL CHAMBER MUSIC COMPETITION - DAL 1994
Premi
                                                                                              1° PREMIO
                                                                                               € 10.000
                                                                              Premio Pinerolo e Torino Città metropolitana

                                                                                              2° PREMIO
                                                                                                € 6.000
                                                                                              Premio Iren

                                                                                              3° PREMIO
                                                                                                € 3.000
                                                                                Premio Associazione Bianca - Cantalupa

                                                                                              4° PREMIO
                                                                                                € 2.000
                                                                                           Premio Accademia

                                                                                              5° PREMIO
                                                                                                € 1.000
                                                                                            Premio Top Casa

                                                                        PREMIO SPECIALE “Patrizia Cerutti Bresso”
                                                             per la miglior interpretazione di una composizione di Schumann o di Brahms
                                                                  Gioiello della linea Dodo di Pomellato per ogni membro del gruppo

                                                                                      PREMIO del PUBBLICO
                                                                                            € 1.000

                                                                                    CONCERTI per i VINCITORI
                                                           da svolgersi nel biennio 2018/2019 tra le più importanti associazioni concertistiche

                                                                      Tra il pubblico votante, che riceverà un ricordo della serata,
                                                            verrà estratto un buono da 200 euro da spendere per un viaggio a propria scelta.

STRATOS QUARTETT, PRIMO PREMIO E PREMIO SPECIALE 2016
                                                                                                                                                  17
INTERNATIONAL CHAMBER MUSIC COMPETITION - DAL 1994
LA GIURIA

GIURIA ICM 2016
Pavel Gililov (Presidente di giuria) / pianoforte                                                  Russia                                    Regno Unito                                                    Michael Collins / clarinetto
     Sulla partecipazione del pianista russo Pavel Gililov nel 1975 al concorso Chopin, il Warszawsky Kurier scrisse “dai            Michael Collins rappresenta uno dei musicisti più completi della sua generazione. Affiancando la sua carriera di
     tempi di Maurizio Pollini e Martha Argerich non abbiamo mai visto un così grande talento”.                                      grande successo come solista, si è distinto negli ultimi anni come un direttore d’orchestra di altissimo livello e nel
                                                                                                                                     2010 è stato nominato Direttore Principale della City of London Sinfonia. Fra le importanti esperienze concluse
     Pavel Gililov nasce in Unione Sovietica. Inizia i suoi studi musicali molto presto, tanto che dall’età di otto anni tiene già   recentemente come direttore ospite d’orchestra e come direttore/solista si annoverano le collaborazioni con la
     concerti con l’orchestra. Le sue doti eccezionali lo hanno portato a farsi notare da Dmitri Kabalevsky, che ha fatto sì         Philharmonia Orchestra, l’Academy of St Martin in the Fields, l’Ulster Orchestra e l’HPAC Orchestra di Kyoto.
     che entrasse direttamente al Leningrad Conservatoire, dove si è laureato con lode.
                                                                                                                                     Gli incarichi di rilievo della stagione corrente comprendono il ritorno alla Philharmonia Orchestra come direttore per
     Nel 1975, ancora studente, vince il primo premio al All-Union Piano Competition a Mosca, dove intraprende la carriera           svolgere un tour regionale, un concerto alla Royal Festival Hall con la violinista Alina Pogostkina, e delle direzioni
     come solista, e successivamente ottiene premi al Concorso Chopin di Varsavia (1975) e al Viotti di Vercelli (1978). Lo          in tutto il mondo con diverse orchestre, tra le altre Kuopio Symphony Orchestra, Zurich Chamber Orchestra e la
     stesso anno Pavel Gililov si sposta in occidente e si stabilisce in Germania, dove la sua vasta attività concertistica          Rheinische Philharmonie. Collins sarà anche in tournée in Sud Africa, a Melbourne (con la Melbourne Symphony
     prosegue senza sosta.                                                                                                           Orchestra) e a Tokyo (con la City of London Sinfonia).

     Viene ingaggiato da importanti orchestre e direttori d’orchestra e fa innumerevoli apparizioni nei centri musicali              Dirigerà e suonerà come solista con la BBC Symphony Orchestra in un concerto registrato in studio, con la Kymi
     d’Europa, America ed Estremo Oriente dove viene sempre acclamato. La sua estesa discografia include CD per                      Sinfonietta e con la Franz Liszt Chamber Orchestra. Si esibirà con l’Orchestre Philharmonique de Strasbourg, come
     Deutsche Grammophon, RCA Victor, Toshiba EMI, Virgin, Orfeo e Bidulph Recordings.                                               clarinettista solista e direttore. Suonerà con la Charlotte Symphony e con la City of Birmingham Symphony Orchestra.
     Parallelamente alla sua carriera da solista, Pavel Gililov riceve numerosissime richieste di collaborazione come                Nella stagione passata, i suoi impegni come solista o direttore riguardavano le Orchestre Sinfoniche di Adelaide, di
     partner nella musica da camera.                                                                                                 Tasmania e di Melbourne, l’Hong Kong Sinfonietta e la Kuopio Symphony. Michael Collins da molti anni si è dedicato
                                                                                                                                     all’ampliamento del repertorio per clarinetto. Ha eseguito le prime assolute di composizioni come il Gnarly Buttons
     È membro fondatore del Berlin Philharmonic Piano Quartet e del Gililov-Tretyakov-Georgian Piano Trio. Come solista              di John Adams, il Concerto per Clarinetto di Elliott Carter (la registrazione del quale, per il Deutsche Grammophon,
     e camerista partecipa ai festival di Edimburgo, Barcellona, Newport, Salzburger Festspiele, Berliner Festwochen,                gli valse un premio Gramophone), l’Ariel’s Music di Brett Dean, e la Riffs and Refrains di Turnage, commissionata
     Schleswig Holstein Festival, Piano Festival Ruhr e molti altri.                                                                 dall’Hallé Orchestra. Collins venne premiato nel 2007 dalla Royal Philharmonic Society come Migliore Strumentista
                                                                                                                                     dell’Anno.
     Pavel Gililov è professore di pianoforte alla Musikhochschule a Colonia e al Mozarteum di Salisburgo, dove molti dei
     suoi allievi sono risultati vincitori dei più grandi Concorsi Internazionali e hanno intrapreso una carriera stellare.          Collins suona con i quartetti Borodin e Takács, e con András Schiff, Martha Argerich, Stephen Hough, Mikhail Pletnev,
     Viaggia inoltre per tutto il Mondo tenendo masterclass rivolte ai giovani pianisti e, per anni, ha supervisionato               Lars Vogt, Joshua Bell e Steven Isserlis. Il suo ensemble, il quintetto di fiati London Winds, ha impegni ad altissimo
     l’Accademia Estiva di Losanna. Inoltre è membro di giuria di numerosi concorsi internazionali.                                  livello, fra i quali i BBC Proms, l’Aldeburgh Festival, l’Edinburgh Festival, il City of London Festival, il Cheltenham
                                                                                                                                     International Festival e il Bath Mozartfest. Collabora con la Wigmore Hall (nel 2015/16 era un Artista residente) e con
     Nel 2005 Gililov ha fondato il Telekom Beethoven Competition di Bonn di cui è attualmente direttore artistico e                 il Borodin Quartet – con il cui ensemble collaborerà di nuovo alla Cite’ de la Musique de Paris. Collins ricopre anche
     presidente di giuria.                                                                                                           l’incarico di Direttore Artistico del Liberation International Music Festival a Jersey.

                                                                                                                                     Michael Collins esegue registrazioni esclusivamente per la Chandos e la sua ricchissima produzione copre una vasta
                                                                                                                                     gamma di repertorio, con incisioni per Deutsche Grammophon, Decca, EMI e Sony. Fra i cd usciti di recente troviamo
                                                                                                                                     una raccolta di concerti inglesi per clarinetto, eseguiti con la BBC Symphony Orchestra, con Collins come solista e
                                                                                                                                     direttore, e il cd delle Sonate per Clarinetto di Brahms e di Reinicke con il pianista Michael McHale. Per festeggiare
                                                                                                                                     il 50° compleanno di Collins, Chandos ha pubblicato un cd dei Concerti di Weber con la City of London Sinfonia, con
                                                                                                                                     Collins come solista e direttore. Annovera fra le altre registrazioni concerti di Corigliano, Adams, Carter, e anche di
                                                                                                                                     Spohr e di Copland e naturalmente di Mozart. In occasione dell’assegnazione dei Queen’s Birthday Honours del 2015,
                                                                                                                                     Michael Collins è stato insignito del MBE per il suo grande contributo alla musica.

                                                                                                                                     I suoi clarinetti sono esclusivamente quelli della Yamaha.

20                                                                                                                                                                                                                                                             21
Thomas Demenga / violoncello                                                                          Svizzera                                        Italia                                                                Alberto Miodini / pianoforte
     Thomas Demenga, nato nel 1954 a Berna, Svizzera, ha studiato con Walter Grimmer, Antonio Janigro, Leonard Rose e                       Alberto Miodini, nato a Parma, ha compiuto gli studi musicali presso il Conservatorio “A. Boito” della sua città sotto la guida
     Mstislav Rostropovich, tra gli altri. Ha ricevuto importanti influenze di musica da camera da Claus Adam, Felix Galimir e              di Roberto Cappello; successivamente si è perfezionato con musicisti quali Dario de Rosa, Maureen Jones, Trio di Trieste,
     Robert Mann alla Juilliard School di New York.                                                                                         Paul Badura-Skoda, Bruno Canino, Leon Fleisher, Emanuel Ax.

     Riconosciuto internazionalmente come solista, compositore e docente, Thomas Demenga è considerato tra i più eccezionali                Da oltre venticinque anni è il pianista del Trio di Parma, complesso con il quale si è affermato ai Concorsi Internazionali
     violoncellisti attuali. Si è esibito in prestigiosi festival e centri musicali in tutto il mondo ed ha condiviso il palcoscenico con   “Vittorio Gui” di Firenze, ARD di Monaco, Melbourne e Lione. Gli è stato inoltre conferito, sempre come componente del Trio
     musicisti del calibro di Heinz Holliger, Gidon Kremer, Thomas Larcher, Paul Meyer, Aurèle Nicolet, Hansheinz Schneeberger,             di Parma, il Premio”Abbiati” della Critica musicale italiana per il 1994.
     Thomas Zehetmair e Tabea Zimmermann. Collabora con direttori come Moshe Atzmon, Myung-Whun Chung, Charles
     Dutoit, Claus Peter Flor, Howard Griffiths, Heinz Holliger, Armon Jordan, Okko Kamu, Mstislav Rostropovich, Dennis Russell             Ha tenuto concerti per le più importanti istituzioni musicali in Italia e all’estero, tra i quali vanno ricordati quelli per l’Accademia
     Davies, Wolfgang Sawallisch, Sándor Végh, Mario Venzago e Hiroshi Wakasugi. Come solista si è esibito con le più importanti            di Santa Cecilia di Roma, Amici della Musica di Firenze, Gran Teatro la Fenice di Venezia, Settembre Musica di Torino, Società
     orchestre tra cui Berliner Sinfonie-Orchester, Berner Symphonie Orchester, Boston Symphony Orchestra, Camerata Bern,                   del Quartetto di Milano, Filarmonica di Berlino (su invito di Claudio Abbado), Carnegie Hall e Lincoln Center di New York,
     Junge Deutsche Philharmonie, Kammerorchester Basel, L’Orchestre de Chambre de Lausanne, L’Orchestre de la Suisse                       Wigmore Hall di Londra, Konzerthaus di Vienna, Mozarteum di Salisburgo, Filarmonica di San Pietroburgo, Teatro Colon
     Romande, Nieuw Ensemble Amsterdam, ORF-Symphonieorchester Wien, Sinfonieorchester Basel, Sinfonietta Basel,                            di Buenos Aires, Festival di Lockenhaus, Festival di Lucerna, San Paolo, Mosca, Varsavia, Los Angeles, Washington, Hong
     Tonhalle-Orchester Zürich, Westdeutsches Rundfunk Symphonie-Orchester e Zürcher Kammerorchester.                                       Kong, collaborando con musicisti quali Pavel Vernikov, Bruno Giuranna, Simonide Braconi, Eduard Brunner, Alessandro
                                                                                                                                            Carbonare, Fabrizio Meloni, Wolfgang Holzmair... Con il Trio di Parma ha inciso l’integrale dei Trii di Beethoven, Schubert,
     Il lavoro artistico di Thomas Demenga è determinato dal confronto intensivo con diverse epoche storiche e stili di interpretazione     Schumann, Brahms, Dvořák e Šostakovič, nonchè cd monografici dedicati a Liszt, Ravel, Rota e Pizzetti.
     e composizione. Si dedica con particolare passione alla Nuova Musica ed è anche attivo nell’ambito dell’improvvisazione.
     Così la sua voce individuale come compositore e interprete di opere del XX e XXI secolo (tra cui anteprime importanti) dà              All’attività con il Trio affianca quella solistica, suonando sia in recital (con un repertorio che spazia da Haydn a Nono) che con
     una nuova e complementare dimensione sia alla prassi esecutiva storica della musica barocca sia alle sue interpretazioni               importanti orchestre quali l’Orchestra da Camera di Mantova, l’Orchestra Sinfonica dell’Emilia Romagna “Arturo Toscanini”,
     virtuosistiche del repertorio classico e romantico. Nel 1991 è stato il primo compositore svizzero ad essere premiato con il I         l’Orchestra Sinfonica Siciliana, I Cameristi del Maggio Musicale Fiorentino, l’Orchestra del Festival Pianistico di Brescia e
     premio di composizione «solo per due» dal congresso del «Tribune Internationale des Compositeurs».                                     Bergamo, ed altre. Ha inciso un cofanetto di 4 cd con Variazioni, Fantasie, Klavierstücke, Fughe, miniature e frammenti di F.
                                                                                                                                            Schubert (Brilliant Classics), un album dedicato ai Klavierstücke di Brahms (Movimento Classical) e, ancora per Brilliant,
     Dal 1980 Thomas Demenga insegna alla Hochschule für Musik di Basilea. Nell’agosto 2000 è stato compositore in-residence                un cd con opere di Martucci.
     al Davos Festival, «Young Artists in Concert», di cui è stato in seguito nominato Direttore artistico. Nel 2006 ha rinunciato
     a questa posizione per dedicarsi completamente ai concerti e alla composizione. Al Lucerne Festival nell’estate del 2003,              Tiene corsi di perfezionamento di pianoforte e musica da camera presso la Scuola di Musica di Fiesole e la Fondazione
     Thomas Demenga ha partecipato come «artiste étoile», dopo Sabine Meyer (2000), Anne-Sophie Mutter (2001) e Alfred                      Santa Cecilia di Portogruaro; ha inoltre effettuato numerose registrazioni radiofoniche e televisive per la Rai, la Bayerische
     Brendel (2002), e prima di Thomas Quasthoff (2004), Christian Tetzlaff (2005) e Emanuel Pahud (2006).                                  Rundfunk, la NDR di Amburgo, BBC, ABC Classical Australia e altre emittenti estere.

     Il lavoro di Thomas Demenga è documentato da un numero impressionante di CD registrati per l’etichetta ECM New Series.
     Nel 2002 ECM ha pubblicato l’ultimo volume di una serie, ampiamente acclamata, iniziata a metà degli anni ’80, che ha
     unito suite per violoncello solo di Bach con opere di compositori moderni come Holliger, Carter, Veress, Zimmermann, Yun
     e Hosokawa. Il suo ultimo CD “Chongur” con Thomas Larcher e il fisarmonicista Teodoro Anzellotti è stato premiato con il
     “Deutsche Schallplattenpreis”, il “Fono Forum: Star of the Months”, il “Grammaphone: Editors Choice” e “Le monde de la
     musique: le choc du mois” (ECM 1914). Nell’ultima stagione ha suonato le sei suites per violoncello solo di Bach insieme a
     opere solistiche moderne in tre concerti alla Wigmore Hall di Londra, che hanno riscosso enorme successo.

22                                                                                                                                                                                                                                                                                     23
Natalia Prishepenko / violino                                                                       Russia                                     Germania                                                     Danusha Waskiewicz / viola
     Nata in Siberia nel 1973, Natalia Prishepenko ha studiato con sua madre Tamara Prishepenko, importante pedagoga                   Danusha Waskiewicz è stata allieva della violista Tabea Zimmermann. Nel 2000 si è aggiudicata l’ARD competition
     tuttora sua mentore e consigliera. Vissuta nel ricco ambiente musicale e culturale della ex Unione Sovietica,                     di Monaco di Baviera. Ha collaborato in qualità di prima viola con numerose orchestre tra le quali la Chamber
     ha suonato in tutte le più importanti sale da concerto del suo Paese e vinto importanti premi, come il Concorso                   Orchestra of Europe e la Sinfonieorchester des Bayerischen Rundfunk. A soli 25 anni è entrata a far parte dei Berliner
     Internazionale Wieniawski e l’All Union Competition, prima di trasferirsi in Occidente nel 1988 per completare gli studi          Philharmoniker, per poi vincere due anni dopo il concorso per la posizione di prima viola. Dal 2004, su invito di Claudio
     alla Musikhochschule Lübeck con David Geringas.                                                                                   Abbado, è prima viola dell’Orchestra Mozart di Bologna con la quale nel 2007 ha inciso la Sinfonia Concertante di
                                                                                                                                       Mozart per “Deutsche Grammophon” e successivamente i concerti Brandenburghesi di Bach per l’etichetta “Euro
     La potenza del suono, la naturalezza, la musicalità le sono state subito riconosciute in Europa e negli anni seguenti si          Arts“. Dal 2010 è membro della Lucerne Festival Orchestra.
     è distinta anche grazie ai premi vinti in tre fra i più prestigiosi concorsi internazionali: il Paganini nel 1990, il Tokyo nel
     1992 e infine il Reine Elisabeth nel 1993. Per diciotto anni, fra il 1994 e il 2012, la Prishepenko è stata primo violino del     Come solista si è esibita in Italia, Svizzera, Germania e in Polonia dove nel 2014 ha eseguito il concerto per viola e
     Quartetto Artemis, contribuendo in larga misura al successo internazionale del Quartetto, con la sua energia e il suo             orchestra di Béla Bartók con la Sudecka Filharmonia. Nell’ambito della musica da camera ha collaborato con Isabelle
     suono inimitabile che diventano il tratto distintivo del gruppo. È proprio quest’energia che le permette di vincere nel           Faust, Giuliano Carmignola, Veronika Eberla, Mario Brunello, Edicson Ruiz, Anna Prohaska, Cristina Zavalloni e
     1996 il Concorso ARD di Monaco di Baviera e poi il Concorso Paolo Borciani di Reggio Emilia. Il Quartetto ha debuttato            numerosi altri artisti di fama internazionale. Dal 2011 Danusha Waskiewicz ha intrapreso una stabile collaborazione
     alla Philharmonie di Berlino nel 1999 e da allora ha suonato nelle più importanti sale da concerto e Festival in Europa,          con il pianista Andrea Rebaudengo.
     Stati Uniti, Giappone, Sud America e Australia.
                                                                                                                                       Nel campo dell’insegnamento si occupa sia della formazione musicale di bambini e ragazzi, sia del perfezionamento
     In una simbiosi fra l’arte e la musica, la Prishepenko ha avuto docenti come Walter Levin del Quartetto Lasalle, i                di studenti nell’ambito solistico e orchestrale. Collabora con la Hochschule für Musik di Lucerna, l’Accademia
     Quartetti Alban Berg ed Emerson, con Alfred Brendel e David Geringas, e ha lavorato a stretto contatto con compositori            dell’Orchesta Mozart di Bologna e l`Associazione Petite Societe Milano. La sua creatività si fa notare anche nella sua
     fra cui Kurtag, Lachenmann, Lutosławski, Nono e Ligeti. Il Quartetto Artemis e Prishepenko hanno collaborato con                  composizione “La donna del fiume” ove suona e canta e in altre composizione per diversi film. La passione di fare
     artisti fra cui Sabine Meyer, Elisabeth Leonskaja, Juliane Banse, Joerg Widmann, Leif Ove Andsnes, Truls Mork,                    musica insieme, di aggiornarsi e di scoprire di continuo nuove strade si è mantenuta vitale fino a oggi.
     Thomas Kakushka, Valentin Erben e il Quartetto Alban Berg.

     Del suo “progetto di vita”, come Prishepenko ama chiamarlo, è testimone una vasta discografia per Virgin Classics/
     EMI, una discografia che ha vinto molti importanti premi internazionali, compresi il Gramophone Award, il Diapason
     d’Or, e l’Echo-Klassik-Preis. L’ultimo premio di prestigio vinto è stato il Grand Prix dell’Académie Charles Cros per
     il suo ciclo dei Quartetti di Beethoven, il ‘Beethoven Complete’. L’insegnamento è un altro testimone del multiforme
     talento della Prishepenko. Docente presso la Hochschule für Musik Carl Maria von Weber Dresden e insegnante di
     numerose masterclass, Natalia Prishepenko porta avanti un lavoro prezioso nel preparare le future generazioni di
     solisti, non solo nell’impartire loro una tecnica impeccabile da violinista, ma anche nell’incoraggiarli a sviluppare
     una propria personalità e individualità come musicisti. Riceve sovente l’invito a far parte di giurie di importanti
     Concorsi Internazionali di musica da camera (Paolo Borciani, Robert-Schumann-Wettbewerb, Internationaler
     Musikwettbewerb, Bayreuth) e di violino (Reine Elisabeth, Internationaler Musikwettbewerb der ARD). Suona un
     violino di Giuseppe (figlio di Andrea) Guarneri, generosamente datole in concessione dalla Signora Barbara Westphal.

24                                                                                                                                                                                                                                                                 25
i concorrenti

     Marco Zuccarini / direttore d’orchestra                                                             Italia
     Marco Zuccarini, diplomato al Conservatorio G. Verdi di Milano in pianoforte e clarinetto, ha proseguito gli studi
     di perfezionamento presso l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia in musica da camera con il Maestro Riccardo
     Brengola. Nel 1982 gli sono stati conferiti due diplomi d’Onore e il premio “Peterlongo” all’Accademia Chigiana di
     Siena. Ha svolto un’intensa carriera di camerista che lo ha portato ad esibirsi in molte città d’Europa ed importanti
     Festival collaborando con artisti di fama.

     Dal 1989 si è interamente dedicato alla direzione d’orchestra lavorando con molte rinomate orchestre italiane
     accanto a prestigiosi solisti quali ad esempio: Josè Carreras, Salvatore Accardo, Astor Piazzolla, Duo Gulli-Cavallo,
     Joaquin Achucarro, Michele Campanella, Boris Petrushansky, Pierre Amoyal, Giuliano Carmignola, Nina Beilina,
     Franco Maggio Ormezowsky, Cecilia Gasdia, Alexander Lonquich, Claudio Desderi, Benedetto Lupo, Pietro de Maria,
     François-Joel Thiollier, Boris Belkin. Nel 1990 ha fondato l’Orchestra del Teatro Olimpico di Vicenza con la quale ha
     realizzato la prima ripresa in tempi moderni de le “Nozze” di B. Galuppi, e ha registrato con Maria Tipo il I e IV Concerto
     di Beethoven per pianoforte per la RAI. Nel gennaio 1996 ha registrato a Napoli un concerto in memoria di Padre
     Pio trasmesso su RAIUNO con Milva, eseguendo in prima italiana “Alleluia” di Sergio Rendine e a Milano la prima
     nazionale del balletto “Der Demon” di Hindemith con i primi ballerini solisti della “Scala”. Incide per Bongiovanni
     (Bologna), Music and Arts.

     Dal 1992 al 2000 è stato Direttore Principale Residente presso l’Orchestra Sinfonica Abruzzese. Ha diretto in Australia
     l’Orchestra Giovanile Australiana per il 50° anniversario dell’Australian National Music Camp e la West Australian
     Simphony Orchestra a Perth. È stato invitato per il 1998, 1999, 2000 e 2001 con le Orchestre Sinfoniche di Melbourne,
     Adelaide, Tasmania e West Australia. Attivo anche in America Latina, ha debuttato nel 2000 alla Filarmonica di Bogotà.

     A maggio 2002 ha debuttato con la Auckland Philarmonia in Nuova Zelanda ed è stato subito reinvitato per due
     programmi nel settembre 2003. Nell’agosto 2002 ha diretto un concerto al 50° Festival di Lubljana con Maxence
     Larrieu e l’Accademia I Filarmonici di Verona, trasmesso dalla Radio Nazionale Slovena. Nel gennaio 2003 ha diretto
     a Cagliari la prima assoluta di “Notti Sylvane” di Sylvano Bussotti e nell’ottobre 2003 ha diretto all’Opera House di
     Sydney con 6 recite di Madama Buttterfly di Puccini.

     Nella stagione 2003/04 ha diretto 5 programmi con la Auckland Philarmonia, in aprile 2004 ha diretto 2 concerti
     sinfonici per il Teatro Bellini di Catania e 3 rappresentazioni de “La Serva Padrona” di Paisiello all’Inaugurazione del
     Teatro Sangiorgi di Catania sempre con l’Orchestra del Teatro Bellini. È tornato a Catania per 2 concerti nella stagione
     sinfonica nell’aprile 2005.
     Nel luglio 2004 ha diretto 3 concerti con l’Orchestra dell’Accademia della Scala.

     Nel 2005 ha debuttato con due concerti con la Philarmonia Enescu a Bucarest ed ha registrato, al Teatro Bellini di
     Catania, il dvd della “Serva Padrona” di Paisiello (prima registrazione mondiale in dvd) per Fabula Classica.
     Nel 2007 ha debuttato con la Sinfonica Siciliana a Palermo.
     Dal 2008 insegna musica da camera al Conservatorio “G. Verdi” di Torino.
     Nell’ottobre 2009 ha diretto a Lecce, Carlo Grante Solista, la prima assoluta di Concerto Italiano di Roman Vlad.
     Nel novembre 2015 è stato nominato Direttore del Conservatorio “G. Verdi” di Torino.

26
filnandia       RUSSIA
  CANADA                            SVEZIA

                                                            BIELORUSSIA
                                                 LITUANIA
                         IRLANDA
                                     GERMANIA REPUBBLICA CECA
                                                            MOLDAVIA
                                  Svizzera
                                                    POLONIA                                                           GIAPPONE
usa                       SPAGNA
                                                                                     CINA
                                               slovenia
                                 FRANCIA                          uCRAINA
                                         italia ungheria
                                                         BULGARIA

                                                                                                      COREA DEL SUD

                                                                                            MALESIA

               BRASILE

                                                                                     indonesia

           uruguay
AFFETTO PIANO TRIO                                                                             Polonia                                    Italia / U.S.A. / Germania                                                           ALINDE QUARTETT
     violino / violoncello / pianoforte                                                                                                                                                                                   2 violini / viola / violoncello

     Amelia Maszonska / violino                                              Marianna Sikorska / violoncello                                 Eugenia Ottaviano / violino (responsabile della formazione)          Guglielmo Dandolo Marchesi / violino
     Zielona Gora (Polonia) - 20/07/1993                                     Bydgoszcz (Polonia) - 19/06/1991                                                                     Terni (Italia) - 18/02/1982                     Milano (Italia) - 19/06/1992

     Mischa Kozlowski / pianoforte (responsabile della formazione)                                                                                                                       Erin Kirby / viola           Moritz Benjamin Kolb / violoncello
     Gdynia (Polonia) - 03/07/1989                                                                                                                                             Atlanta (U.S.A.) - 10/08/1989           Norimberga (Germania) - 13/04/1987

     Fondato nel 2016, l’Affetto Piano Trio è formato da giovani talentuosi artisti, già vincitori di concorsi internazionali,   Premiato in numerosi concorsi internazionali, il quartetto Alinde da sette anni si perfeziona, prova, viaggia e suona
     che hanno in comune la passione per la musica da camera. Dal 2017 il gruppo studia alla Hochschule di Berna, sotto          sui palcoscenici di tutta Europa. Supportato dalla fondazione Dr. Carl Dörken e da Y. Menuhin Live Music Now, scelto
     la guida di Patrick Jüdt, Monika Urbaniak-Lisik e Tomasz Herbut. Nonostante la recente formazione, il Trio ha già           per la stagione “Best of NRW”, il quartetto ha ricevuto il premio della fondazione Bruno Frey e il II Premio al Concorso
     tenuto molti concerti in Polonia e Svizzera. Sono stati anche invitati alla European Chamber Music Academy dove             Internazionale “Salieri-Zinetti”. I quattro musicisti hanno avuto la possibilità di studiare da due dei più grandi maestri
     hanno avuto la possibilità di studiare con personalità come Hatto Beyerle (Alban Berg Quartet), Corina Belcea e Minna       nel mondo della musica da camera: a Madrid con Günter Pichler (quartetto Alban Berg) e Berlino con Eberhard Feltz.
                                                                                                                                 Inoltre sono stati ispirati da grandi personalità quali A. Schiff, I. Bieler, E. Höbarth, A. Moccia e C. Richter. Il quartetto
     Pensola.
                                                                                                                                 Alinde tiene concerti in tutta Europa ed è invitato a rinomati festival quali Verbier, Chamber Music European Meetings
                                                                                                                                 a Bordeaux e Mozartfest Würzburg. Si sono esibiti con successo anche alla Konzerthaus Berlin, alla Wdr Funkhaus
                                                                                                                                 di Colonia e alla Festspielhaus Baden-Baden. Ad ispirare il nome del quartetto è il bellissimo Lied “Alinde” (D904) di
                                                                                                                                 Schubert, pieno di nostalgia e voluttà, scritto sulla poesia di J.Fr. Rochlitz.

                                                                                                                                 Prima Prova
                                                                                                                                 F. J. Haydn			 Quartetto in re minore op. 76 n. 2, Hob. III n. 76                                                         20’
                                                                                                                                 					Allegro
     Prima Prova                                                                                                                 					Andante o più tosto Allegretto
                                                                                                                                 					Menuetto e Trio
     F. Mendelssohn-Bartholdy		 Trio n. 1 in re minore op. 49				                                                         31’    					Finale. Vivace assai
     					Molto allegro ed agitato                                                                                               C. Nielsen		   da Quartetto in sol minore op. 13				                                                                      10’
     					Andante con moto tranquillo                                                                                            					Allegro energico
     					Scherzo. Leggiero e vivace                                                                                             Semifinale
     					Finale. Allegro assai appassionato                                                                                     J. Brahms			   Quartetto in do minore op. 51 n. 1				                                                                     32’
                                                                                                                                 					Allegro
     Semifinale                                                                                                                  					Romanza – Poco adagio
     J. Brahms			 Trio n. 3 in do minore op. 101			                                                                       21’    					Allegro molto moderato e comodo
                                                                                                                                 					Allegro, alla breve
     					Allegro energico
     					Presto non assai                                                                                                       Finale
     					Andante grazioso                                                                                                       W. A. Mozart			             Quartetto in re maggiore K. 575				                                                           24’
     					Finale. Allegro molto                                                                                                  					Allegretto
                                                                                                                                 					Andante
     Finale                                                                                                                      					Menuetto: Allegretto
                                                                                                                                 					Allegretto
     F. Schubert			 Trio n. 1 in si bemolle maggiore op. 99, D. 898			                                                    48’
                                                                                                                                 G. Kurtág			                Officium Breve, in memoriam Andreae Szervánsky, op. 28		                                      17’
     					Allegro moderato
     					Andante, un poco mosso                                                                                                 F. Mendelssohn- Bartholdy		 Quartetto in fa minore op. 80				                                                             26’
                                                                                                                                 					Allegro vivace assai
     					Scherzo. Allegro
                                                                                                                                 					Allegro assai
     					Rondo. Allegro vivace                                                                                                  					Adagio
                                                                                                                                 					Finale: Allegro molto
     D. Šostakovič			                               Trio n. 1 in do minore op. 8          		                              13’
                                                                                                                                 Premio del Pubblico
                                                                                                                                 F. Mendelssohn- Bartholdy		 da Quartetto in fa minore op. 80                             			                              15’
     Premio del Pubblico                                                                                                         					Allegro vivace assai
     D. Šostakovič			                               Trio n. 1 in do minore op. 8				                                      13’    					Adagio
30                                                                                                                                                                                                                                                                31
APPASIONATO STRING QUARTET                                                                       Cina                                 Lituania / Italia                                                            DUO AUSKELYTE - PEZZI
     2 violini / viola / violoncello                                                                                                                                                                                               violino / pianoforte

     Siyan Gou / violino (responsabile della formazione)                         Meng Han / violino                                                                                                                         Justina Auskelyte / violino
     Liaoning (Cina) - 03/02/1992                                                Shandong (Cina) - 04/04/1996                                                                                                              Vilnius (Lituania) - 06/12/1989

     Anqi Lu / viola                                                             Bojun Liu / violoncello                                                                                    Cesare Pezzi / pianoforte (responsabile della formazione)
     Hunan (Cina) - 25/10/1991                                                   Shandong (Cina) - 31/08/1989                                                                                                                Ravenna (Italia) - 04/02/1989

     Il Quartetto, formatosi nel 2009 sotto la guida di Gong Hanxiang, è composto da Siyan Guo (Hochschule Hanns Eisler      Il duo formato da Justina Auskelyte e Cesare Pezzi nasce nel 2008 all’interno dell’Accademia di Imola.
     di Berlino), Meng Han (Staatliche Hochschule di Stoccarda), Anqi Lu (Hochschule di Colonia) e Bojun Liu (Koninklijk     Avvalendosi anche dei preziosi consigli di Konstantin Bogino, Pavel Berman, Laurie Smukler, Jurgis Dvarionas, Dario
     Conservatorium di Bruxelles). Sono tutti e quattro diplomati al Conservatorio Centrale di Pechino. Il Quartetto         De Rosa, Enrico Pace, il duo ha tenuto decine di concerti in numerosi paesi. Oltre all’Italia il duo si è esibito anche
     ha frequentato masterclass con maestri come Eric Robberecht e Gunter Pichler, tra gli altri; ha tenuto numerosi         in Austria, Lituania, Estonia, Svizzera, Svezia, Stati Uniti, all’interno di prestigiosi festival e per importanti istituzioni.
     concerti molto apprezzati da pubblico e critica e vinto importanti Concorsi come, per esempio, “Golden Bell” National   Nel 2011 è uscito il primo CD, edito nei Paesi Baltici, contenente registrazioni live di opere di Franck, Brahms, Sibelius.
     Competition for Chamber Music e International Chamber Music Competition di Hong Kong. Sono stati recentemente           Nel 2017 per Naxos è uscito il secondo CD, contenente l’inedita opera del compositore lituano Balys Dvarionas,
     ammessi al Postgraduate Music del Conservatorio Koninklijk di Bruxelles.                                                recensito entusiasticamente dalla critica internazionale.
                                                                                                                             Il duo ha recentemente debuttato con successo alla Filarmonica di Vilnius e al Lincoln Center di New York.

     Prima Prova
     F. Schubert			 Quartetto in re minore D. 810 La morte e la fanciulla		                                            35’
     					Allegro                                                                                                            Prima Prova
     					Andante con moto
                                                                                                                             C. Franck				 Sonata in la maggiore					                                                                                   29’
     					Scherzo: Allegro - Trio
                                                                                                                             					Allegretto ben moderato
     					Presto - Prestissimo
                                                                                                                             					Allegro
                                                                                                                             					Recitativo fantasia. Ben moderato
     Semifinale
                                                                                                                             					Allegretto poco mosso
     J. Brahms			 Quartetto in la minore op. 51 n. 2			                                                                40’
     					Allegro non troppo                                                                                                 Semifinale
     					Andante moderato
                                                                                                                             R. Schumann			 Sonata n. 1 in la minore op. 105				                                                                        17’
     					Quasi minuetto (Moderato)
                                                                                                                             					Mit leidenschaftlichem Ausdruck
     					Allegro non assai
                                                                                                                             					Allegretto
                                                                                                                             					Lebhaft
     Finale
     W. A. Mozart			  Quartetto in do maggiore K. 465 Dissonanze			                                                    30’   Finale
     					Adagio - Allegro
                                                                                                                             L. van Beethoven			 Sonata n. 8 in sol maggiore op. 30 n. 3			 20’
     					Andante cantabile
                                                                                                                             					Allegro assai
     					Menuetto: Allegretto - Trio
                                                                                                                             					Tempo di minuetto
     					Allegro
                                                                                                                             					Allegro vivace
     D. Šostakovič			 Quartetto n. 8 in do minore op. 110				                                                          20’
     					Largo                                                                                                              B. Dvarionas			     Sonata – Balade (1965)					 15’
     					Allegro molto                                                                                                      J. Brahms		         Sonata n. 3 in re minore op. 108				       25’
     					Allegretto                                                                                                         					Allegro alla breve
     					Largo                                                                                                              					Adagio
     					Largo                                                                                                              					                   Un poco presto e con sentimento
                                                                                                                             					Presto agitato
     Premio del Pubblico
     F. Schubert			      da Quartetto in re minore D. 810 La morte e la fanciulla                                      12’   Premio del Pubblico
     					Andante con moto                                                                                                   C. Saint-Saëns 			                                Introduction et Rondò capriccioso in la minore op. 28		                  10’
32                                                                                                                                                                                                                                                             33
DUO BLUE                                                                                 Corea del Sud                                        Italia                                                                 DUO CARRATTA - FAVARO
     violino / pianoforte                                                                                                                                                                                                                   duo pianistico

     Jungin Lee / violino                                                                                                                        Aleck Carratta / pianoforte                      Fiore Favaro / pianoforte (responsabile della formazione)
     Seoul (Corea del Sud) - 21/04/1997                                                                                                          Novara (Italia) - 18/05/1990                                                     Treviso (Italia) - 06/11/1986

     Sookyoung Kim / pianoforte (responsabile della formazione)                                                                       Aleck Carratta è stato allievo di Alessandro Commellato, Filippo Gamba, Ralf Nattkemper e Eckart Heiligers,
     Suwon (Corea del Sud) - 04/09/1995                                                                                               studiando in Italia e perfezionandosi poi in a Basilea, Zurigo e Amburgo. Si è esibito con l’Orchestra del Conservatorio
                                                                                                                                      di Novara e l’Orchestra Giovanile di Magenta; inoltre nel 2011 ha inciso per la Phoenix un cd con pezzi inediti della
                                                                                                                                      famiglia Andreoli. Si è esibito in veste solistica presso numerose città europee e in formazione da camera presso il
     Jungin Lee ha iniziato a studiare violino a 9 anni. Nel 2013 si è trasferita all’Università di Vienna sotto la guida di Stefan   Teatro La Fenice di Venezia. Dal giugno 2012 è borsista della “De Sono” di Torino.
                                                                                                                                      Fiore Favaro è stata allieva di Luisa Guariglia, Alessandro Commellato, Riccardo Zadra e Filippo Gamba, diplomandosi
     Kamilarov. Nel 2017 ha vinto il III Premio al Concorso Internazionale “Professor Nedjalka Simeonova” in Bulgaria.                in Italia e perfezionandosi in Svizzera. Ha ricevuto premi in numerosi concorsi ed è stata borsista della Fondazione
     Sookyoung Kim ha iniziato a studiare pianoforte a 5 anni e ha frequentato la Yewon School of Music and Arts. Si è                CRT. Tiene vari recital sia come solista che in formazione da camera in Italia e all’estero. Nel 2013 ha suonato al
     trasferita a Vienna a 15 anni e attualmente frequenta l’Università di Vienna con Stephan Möller. Ha vinto vari concorsi          Teatro La Fenice a Venezia. Nel 2015 ha inciso l’integrale delle sonate per violoncello e pianoforte di Beethoven.
     in Corea, è stata finalista all’International Rosario Marciano Piano Competition, Austria nel 2012, all’International            Insegna pianoforte alla Musikschule Basel dal 2017.
     Russian Music Piano Competition, a Le Petit Trianon Theatre di San Josè, California nel 2013. Ha preso parte a                   Prima Prova
     masterclass, concerti e festival come “Wiener Meisterkurse”, “VIP Academy” International Chopin Festival “Lato z                 C. Debussy			       Petite suite L. 65				                                                                           13’
     Chopinem”, a Busko Zdroj, Polonia, Golden Key Festival alla Carnegie Hall di New York.                                           					En bateau
                                                                                                                                      					Cortège
                                                                                                                                      					Menuet
     Prima Prova                                                                                                                      					Ballet
     W. A. Mozart			 Sonata in si bemolle maggiore K. 454		                                                                22’45’’    F. Schubert			      Fantasia in fa minore op. 103, D. 940			                                                         20’
     					Largo – Allegro                                                                                                             Semifinale
     					Andante                                                                                                                     J. Brahms			        Danze ungheresi WoO 1 (libri 1 e 2)				                                                          27’
                                                                                                                                      					n. 1 Allegro
     					Allegretto                                                                                                                  					n. 2 Allegro non troppo
                                                                                                                                      					n. 3 Allegretto
     Semifinale                                                                                                                       					n. 4 Poco sostenuto
                                                                                                                                      					n. 5 Allegro
     R. Schumann			 Sonata n. 3 in la minore op. WoO2                                         			                              17’    					n. 6 Vivace
     					Ziemlich langsam – Lebhaft                                                                                                  					n. 7 Allegretto
     					Scherzo                                                                                                                     					n. 8 Presto
                                                                                                                                      					n. 9 Allegro non troppo
     					Intermezzo                                                                                                                  					n. 10 Presto
     					Finale                                                                                                                      Finale
                                                                                                                                      W. A. Mozart			     Sonata in re maggiore K. 381				                                                                 15’
     Finale                                                                                                                           					Allegro
                                                                                                                                      					Andante
     S. Prokof’ev			 Sonata n. 2 in re maggiore op. 94			                                                                  23’35’’    					Allegro molto
     					Moderato                                                                                                                    G. Ligeti				       Cinque pezzi						                                                                               15’
     					Scherzo - Presto                                                                                                            					I Induló / Marcia
     					Andante                                                                                                                     					                    II Polifón etüd / Studio polifonico
                                                                                                                                      					                    III Három lakodalmi tánc / Tre danze da matrimonio
     					Allegro con brio                                                                                                            					IV Sonatina
     C. Franck				   Sonata in la maggiore				                                                                             29’10’’    					V Allegro
     					Allegretto ben moderato                                                                                                     S. Barber				       Souvenirs, Suite per 4 mani op. 28				                                                           20’
                                                                                                                                      					Waltz
     					Allegro                                                                                                                     					Schottische
     					Recitativo fantasia. Ben moderato                                                                                           					Pas de deux
     					Allegretto poco mosso                                                                                                       					Two-Step
                                                                                                                                      					Hesitation-Tango
                                                                                                                                      					Galop
     Premio del Pubblico                                                                                                              Premio del Pubblico
     C. Franck                                        da Sonata in la maggiore                                                 15’    C. Debussy			       Petite suite L. 65					                                                                          13’
                                                                                                                                      					En bateau
                                                 		        Allegretto ben moderato                                                    					Cortège
                                                 		        Allegro                                                                    					Menuet
                                                                                                                                      					Ballet
34                                                                                                                                                                                                                                                                35
DUO DOULOV - POGOSYAN                                                       Bielorussia / Russia                                         Brasile / Russia                                                                      DUO FIDELIO
     violino / pianoforte                                                                                                                                                                                                     violino / pianoforte

     Alexei Doulov / violino (responsabile della formazione)                                                                                                                                                             Luiza Labouriau / violino
     Minsk (Bielorussia) - 22/04/1992                                                                                                                                                                          Rio de Janeiro (Brasile) - 04/03/1990

     Natalia Pogosyan / pianoforte                                                                                                                                               Nadezda Filippova / pianoforte (responsabile della formazione)
     Vladikavkaz (Russia) - 07/03/1990                                                                                                                                                                                 Vitebsk (Russia) - 12/04/1989

     Natalia e Alexei suonano insieme da tre anni. Hanno tenuto concerti in Russia e Svizzera. Il loro repertorio spazia da      La combinazione di due forti personalità risulta sempre speciale. Nel caso del Duo Fidelio, non è solo un forte
     composizioni classiche e romantiche fino ad autori moderni. I due musicisti hanno partecipato a vari festival in Belgio,    rapporto di amicizia ma una collaborazione musicale proficua, che si percepisce in intensa comunicazione, respiri
                                                                                                                                 perfettamente coordinati e fine sensibilità musicale del gruppo. Il Duo, con base a Berlino e Amsterdam, suona in
     Francia, Italia, Austria, Svizzera.
                                                                                                                                 tutta Europa, unendo elementi delle culture brasiliana, danese, russa e tedesca.
     Nel 2016 il Duo è stato ammesso al corso di musica da camera presso l’Accademia di Santa Cecilia a Roma e in questo
                                                                                                                                 Il Duo ha studiato con rinomati musicisti come Artemis String Quartet e Orfeus String Quartet, così come il professor
     primo anno ha già vinto il I Premio al II International Music Competition “Villa la Meridiana” di Santa Maria di Leuca e    Hatto Beyerle (membro fondatore dell’Alban Berg Quartett), cercando non solo di approfondire le capacità strumentali
     al XV National Chamber Music Competition “Citta di Riccione”.                                                               ma anche il pensiero musicale di ogni compositore per ottenere una personale e naturale interpretazione. Al momento
     Alexei e Natalia hanno anche vinto la borsa di studio della Fondazione Cecilia Gilardi (Torino) per gli anni 2017 e 2018.   il Duo Fidelio sta ampliando il proprio repertorio con composizioni del periodo romantico e moderno, pur essendo alla
                                                                                                                                 continua ricerca di nuove perle da tutto il repertorio musicale da condividere con il pubblico.

     Prima Prova                                                                                                                 Prima Prova
                                                                                                                                 W. A. Mozart			     Sonata in mi minore K. 304				                                                                12’
     J. Brahms			 Sonata n. 3 in re minore op. 108				                                                                    20’    					Allegro
     					Allegro alla breve                                                                                                     					Minuetto
     					Adagio                                                                                                                 I. Stravinskij			   Suite Italienne						                                                                         19’
     					            Un poco presto e con sentimento                                                                            					Introduzione
     					Presto agitato                                                                                                         					Serenata
                                                                                                                                 					Tarantella
                                                                                                                                 					Gavotta con due variazioni
     Semifinale                                                                                                                  					Scherzino
     R. Schumann		 Sonata n. 2 in re minore op. 121				                                                                   30’    					Minuetto e Finale
     					Ziemlich langsam - Lebhaft                                                                                             Semifinale
     					Sehr lebhaft                                                                                                           J. Brahms			        Sonata n. 1 in sol maggiore op. 78 			                                                        26’
     					Leise, einfach                                                                                                         					Vivace ma non troppo
     					Bewegt                                                                                                                 					Adagio
                                                                                                                                 					Allegro molto moderato
     Finale                                                                                                                      Finale
                                                                                                                                 L. van Beethoven			 Sonata n. 2 in la maggiore op. 12 n. 2			                                                     17’
     L. van Beethoven			 Sonata n. 4 in la minore op. 23				                                                              20’    					Allegro vivace
     					Presto                                                                                                                 					Andante, più tosto Allegretto
     					Andante scherzoso, più Allegretto                                                                                      					Allegro piacevole
     					Allegro molto                                                                                                          C. Debussy			       Sonata in sol minore					                                                                     13’
                                                                                                                                 					Allegro vivo
     S. Prokof’ev			     Sonata n. 1 in fa minore op. 80				                                                              30’    					Intermède (Fantasque et léger)
     					Andante                                                                                                                					Finale (Très animé)
     					Allegro brusco                                                                                                         S. Prokof’ev			     Sonata n. 1 in fa minore op. 80				                                                           29’
                                                                                                                                 					Andante
     					Andante                                                                                                                					Allegro brusco
     					Allegrissimo                                                                                                           					Andante
                                                                                                                                 					Allegrissimo
     Premio del Pubblico                                                                                                         Premio del Pubblico
     S. Prokof’ev			     da Sonata n. 1 in fa minore op. 80				                                                           13’    C. Debussy			       Sonata in sol minore					                                                                     13’
                                                                                                                                 					Allegro vivo
     					Andante                                                                                                                					Intermède (Fantasque et léger)
     					Allegrissimo                                                                                                           					Finale (Très animé)
36                                                                                                                                                                                                                                                       37
Puoi anche leggere
Prossima slide ... Annulla