I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO - La Convenzione Onu sui diritti dei bambini

 
I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO - La Convenzione Onu sui diritti dei bambini
La Convenzione Onu sui diritti dei bambini

I DIRITTI DEI BAMBINI
NELLA VITA DI OGNI GIORNO
I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO - La Convenzione Onu sui diritti dei bambini
Che cos’è la Convenzione Onu
sui diritti dei bambini?
La Convenzione sui diritti dei bambini è un accordo delle Nazioni Unite (Onu). In 54 articoli sono
stati stabiliti i diritti dei bambini e dei giovani da 0 a 18 anni. Al centro vi sono
la protezione e il promovimento dei bambini, nonché la loro partecipazione alla nostra società.

Come deve essere applicata la Convenzione?
La Convenzione è parte del diritto svizzero. Ciò significa che lo Stato si impegna a sostenere
le famiglie nei loro compiti educativi con relative leggi e proposte, senza limitare i diritti dei
genitori. La Convenzione tuttavia, non richiede un’applicazione unicamente a livello legale.
È bensì importante applicarla proprio nella quotidianità dei bambini: nella famiglia, nella scuola,
nel Comune, nel quartiere.

Chi ne fa parte?
Tutti i Paesi del mondo – tranne gli USA e la Somalia – hanno ratificato gli accordi. La Svizzera
è entrata a far parte della Convenzione il 24 febbraio 1997.
I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO - La Convenzione Onu sui diritti dei bambini
Tutti i bambini hanno gli stessi diritti             (articolo 2)

Ogni bambino è diverso dall’altro. Ma tutti hanno gli stessi diritti. Nessuno deve
essere discriminato a causa del sesso, del colore della pelle, della provenienza,
della lingua o della religione.

Amir balla
La famiglia di Amir proviene dalla Nigeria ed è immigrata in Svizzera alcuni
anni fa. Quando Amir, insieme ai suoi amici, vuole andare alla discoteca
dei bambini nel paese in cui abita, gli addetti alla sicurezza fanno entrare
soltanto i suoi amici, affermando che il locale è già tutto pieno.

Amir protesta. Pensa che l’argomento del locale pieno sia una scusa. I suoi amici lo
sostengono fino a che anche Amir può entrare a ballare. La sera racconta ai suoi
genitori d’accaduto e questi informano l’organizzatore della discoteca per i bambini.
Una settimana dopo Amir riceve una lettera di scuse per quanto successo.
I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO - La Convenzione Onu sui diritti dei bambini
Il diritto a un nome e a una nazionalità           (articolo 7)

Ogni bambino ha diritto a un nome e ad essere cittadino di una nazione.
Ha inoltre il diritto di conoscere i suoi genitori.

Una famiglia, tre nomi
Il postino ormai lo sa. Ma capita che altre persone si domandino
perché questa famiglia abbia tre nomi.

Il cognome di Adriano è Felicioni, come suo padre, che vive separato dalla famiglia.
Sua madre si è risposata ed ha ripreso il cognome da nubile e ora si chiama Sala.
Il patrigno di Adriano si chiama Francesco Alberti. Ad Adriano piace portare il cognome
di suo padre. Così si sente vicino a lui anche se non vivono insieme.
I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO - La Convenzione Onu sui diritti dei bambini
Il diritto a non essere separati dai propri genitori                (articolo 9)

I bambini non possono essere separati dai loro genitori contro la loro volontà –
tranne in casi di maltrattamento o di trascuratezza. Ogni bambino ha il diritto
di mantenere i contatti con i propri genitori.

E papà dov’è?
I genitori di Giovanni e Caterina si stanno separando. Sono già d’accordo
che i bambini resteranno con la mamma. I due fratelli sono preoccupati:
potranno continuare a vedere il loro papà dopo la separazione dei genitori?

Insieme a una mediatrice tutti e quattro trovano una soluzione per il futuro:
i bambini potranno stare con il papà un week-end ogni due settimane e il
mercoledì sera. Giovanni e Caterina sono sollevati, il loro papà non scompare
dalla oro vita.
I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO - La Convenzione Onu sui diritti dei bambini
Il diritto a esprimere la propria opinione e ad essere ascoltati
(articolo 12)

Quando i genitori prendono delle decisioni, i bambini spesso ne sono toccati.
È per questo motivo che ogni bambino ha il diritto ad essere ascoltato e che,
nel limite del possibile, si tenga conto della sua opinione.

Una situazione (poco) chiara
Per i genitori di Simona la situazione è chiara: la loro figlia dovrà s
volgere nell’azienda di famiglia l’apprendistato di commercio. Simona ha
difficoltà ad accettare questa decisione.

La sua passione sono i bambini piccoli e lei vorrebbe tanto diventare educatrice per la
prima infanzia. I suoi genitori non ne sono entusiasti e, inoltre, non sono sicuri che riuscirà
a trovare un posto d’apprendistato. Tuttavia prendono sul serio il desiderio della figlia e la
invitano a prendere contatto con l’orientatrice professionale per un colloquio informativo.
I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO - La Convenzione Onu sui diritti dei bambini
Il diritto alla libertà dipensiero, di coscienza e di religione (art. 14)

La preghiera di Anna
Nella famiglia di Anna la preghiera a tavola è un rituale affermato. Nella
famiglia diurna che la ospita, invece, non si prega prima di mangiare. Anna
è disorientata e non sa come comportarsi.

Anna vorrebbe poter pregare prima del pranzo anche quando è dalla famiglia diurna,
ma non osa esprimere questo desiderio. Teme che gli altri bambini la prendano
in giro. Quando il suo papà la va a prendere, parla con la famiglia diurna del problema
di sua figlia. La mamma diurna fa una proposta: domani mattina, tutti insieme – con gli
altri bambini – cercheranno una soluzione per far sì che Anna possa pregare in tranquillità
prima di mangiare. Ad Anna piace l’idea. Già sulla strada di casa pensa come potrebbe
fare.
I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO - La Convenzione Onu sui diritti dei bambini
Il diritto alla libertà di associazione              (articolo 15)

I bambini hanno il diritto di incontrarsi con altri bambini e di riunirsi pacificamente.

Paola vuole partecipare
Tutti i mercoledì c’è l’incontro delle ragazze al centro giovanile. Paola
vorrebbe andarci con le sue amiche ma suo padre è contrario.

Non gli piace l’idea che sua figlia frequenti un centro giovanile che lui non conosce. Paola
allora gli spiega perché ci tiene così tanto ad andare: il gruppo delle ragazze sta preparando
uno spettacolo teatrale. La prossima settimana iniziano le prove e proprio oggi vengono
assegnati i ruoli! Ora suo padre capisce perché per Paola è così importante partecipare.
Inoltre, adesso ha un’idea più concreta di cosa sia un punto d’incontro per ragazze.
Dopo aver stabilito insieme a Paola l'orario in cui deve rientrare, la lascia andare senza più
preoccuparsi.

Il diritto alla sfera privata        (articolo 16)

I bambini hanno diritto ad avere segreti e hanno diritto alla propria vita privata:
nessuno può andare a frugare di nascosto nelle loro cose, ascoltare le loro
conversazioni, leggere i loro diari o la loro corrispondenza.

La mailbox di Nina è tabù!
Nina ha 12 anni e da un po’ di tempo è molto taciturna. Si chiude in
camera scrive e invia e-mails.

La sua mamma è preoccupata e pensa che un’occhiata nella mailbox di sua figlia
le permetterebbe di capire cosa sta succedendo. Tuttavia non vuole interferire
nella sfera privata di sua figlia. Una sera si fa coraggio e affronta
l’argomento. Nina dapprima è titubante e risponde
a monosillabi, ma infine si confida con la mamma
e le racconta della grande lite scoppiata tra
le ragazze della sua classe.
I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO - La Convenzione Onu sui diritti dei bambini
Il diritto ad essere protetti dai maltrattamenti                (articolo 19)

I bambini devono essere protetti dalle violenze, dai maltrattamenti, dallo
sfruttamento e dalla trascuratezza, attraverso leggi e servizi di consulenza
e di aiuto per bambini e adulti.

La paura di Pascal
Quando il papà di Pascal beve troppo, si arrabbia e sgrida Pascal,
a volte addirittura lo picchia.

Una sera in cui la situazione è particolarmente difficile, Pascal corre dalla vicina di casa.
In un primo momento la signora Mauri si spaventa e non sa bene cosa fare. Sta accanto
a Pascal che piange e poi, quando si è tranquillizzato un po’, lo lascia raccontare. Pascal
è sollevato; finalmente può parlare liberamente di quello che è successo. Ma ha ancora
paura. Come andare avanti? La signora Mauri promette a Pascal di parlare con la sua
mamma. E poi lo incoraggia a chiamare il telefono 147 e chiedere un aiuto professionale.
La paura di Pascal non è ancora passata. Ma per la prima volta è fiducioso che
qualcosa cambierà.
I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO - La Convenzione Onu sui diritti dei bambini
Il diritto di godere del migliore stato di salute possibile                (art. 24)

Ogni bambino ha il diritto di vivere in buona salute. Di ciò fanno parte una buona
alimentazione, riposo sufficiente, l’assistenza medica, la prevenzione degli infortuni
e la consapevolezza di ciò che giova e ciò che nuoce alla propria salute.

Robin e Raul soli a casa
Robin e Raul durante la settimana pranzano da soli. Di solito mangiano
patatine e hamburger davanti alla televisione.

La loro mamma a pranzo non può lasciare il posto di lavoro e al momento non si
prospetta un altro impiego. Di solito la mamma cucina alla sera per i ragazzi, ma il fatto
che i bambini a pranzo debbano arrangiarsi da soli la preoccupa molto. Il loro comune
non dispone né di una mensa né di un doposcuola. Alla riunione dei genitori organizzata
dalla scuola affronta l’argomento. Con sua grande sorpresa, si rende conto che è un
argomento che interessa molto anche gli altri genitori.
Il diritto alla formazione        (articolo 28)

Tutti i bambini hanno diritto ad una formazione e a pari opportunità: tutti i
bambini devono poter frequentare la scuola dell’obbligo e la frequenza deve
essere gratuita. Chi ha le capacità deve poter proseguire gli studi,
indipendentemente dalle disponibilità economiche della famiglia.

Chi deve pagare?
Amir ha superato l’esame d’ammissione al liceo con buoni risultati.
La sua mamma tuttavia non riesce a gioirne pienamente. Infatti lei è
sola con il figlio e ha pochi mezzi a disposizione.

Con quali soldi potrà pagare l’abbonamento del treno, la mensa, le gite scolastiche
e i libri? Amir però vuole frequentare il liceo, assolutamente. Il suo docente di classe,
che lo sostiene in questo desiderio, in occasione dell’incontro con le famiglie, spiega
alla mamma di Amir come richiedere una borsa di studio.
Il diritto al tempo libero, al gioco e al riposo              (articolo 31)

Ogni bambino ha diritto al tempo libero, al gioco e al riposo. E ogni bambino deve
poter partecipare liberamente alla vita culturale e artistica.

Luca arriva più tardi
Tutti i bambini del quartiere giocano fuori. Manca soltanto Luca: sta
sparecchiando la tavola e deve riempire la lavastoviglie. Questo è il suo
«lavoretto» dopo il pranzo.

Anche per Luca vale il diritto al tempo libero. Ma in questo momento deve rispettare
un impegno. Brontolare non serve a niente, sa quali sono gli accordi: prima la cucina
e poi il gioco. Dopo un quarto d’ora ha finito: il tavolo è pulito, le stoviglie sono sistemate
e Luca può finalmente mettere
le scarpe da ginnastica.
Il diritto alla protezione dallo sfruttamento sessuale                (articolo 34)

Ogni bambino ha diritto a essere protetto dallo
sfruttamento sessuale. La prostituzione e le immagini pornografiche sono proibite.

Andrea, l’amico su internet
Laila chatta ogni giorno. In internet ha conosciuto Andrea. Dopo un
intenso scambio per iscritto ora lui vuole conoscerla di persona.

Laila non sa molto di Andrea. Sa soltanto che ha la passione della fotografia e che
vorrebbe fotografarla. Questo non piace ai genitori di Laila e le spiegano quali possono
essere i pericoli delle conoscenze fatte attraverso Internet. La ragazza comincia a sentirsi
insicura. Accetta dunque la proposta di suo padre di accompagnarla all’appuntamento
con Andrea e glielo comunica. Andrea sembra non essere d’accordo, infatti da allora
non si fa più sentire.

Fotografie titolo, pagine 8, 13: Alessandro Della Bella
Fotografie altre pagine: Barbara Keller
Come possiamo impegnarci noi adulti per i
diritti dei bambini nella vita di tutti i giorni?

Coinvolgiamo           • I progetti per le vacanze o le passeggiate li fanno
i bambini nelle           i bambini – poi decidiamo insieme.
decisioni che li       • Teniamo conto delle proposte per l’arredamento delle
riguardano:               loro camere e li sosteniamo nella realizzazione.
                       • A scuola elaboriamo insieme il nuovo regolamento
                         dell’istituto oppure la pianificazione del nuovo cortile
                         scolastico.
                       • Nelle associazioni possiamo pianificare e organizzare
                          il programma delle attività insieme ai bambini.

Informando             • Tematizzare i diritti dei bambini nella scuola, in famiglia
i bambini:               o presso le associazioni.
                       • Informare i bambini delle proposte culturali esistenti.
                       • Informare i bambini sull’esistenza di consultori e sportelli.

Impegnandoci a         • Nell’ambito della politica dell’infanzia sostenere richieste
livello politico per     come mense scolastiche, offerte per l’accudimento dei
il bene dei bambini:     bambini, soluzioni per il doposcuola e le vacanze.
                       • Richiedere spazi di vita a misura di bambino.

Dando «spazio»         • Dare ai bambini spazio e possibilità di gioco nel loro
ai bambini:              ambiente di vita.
                       • Richiedere una pagina dei bam
                         bini nei giornali locali.
Ci diamo da fare. Per i bambini
e i giovani in Svizzera
Pro Juventute s’impegna per rispondere ai bisogni dei bambini e
dei giovani in Svizzera e per l’applicazione dei loro diritti. Chiunque
dovrebbe avere la possibilità di diventare una persona sana, capace
di farsi un’opinione e in grado di assumersi la responsabilità per sé
e per la società.

Pro Juventute è una fondazione privata, politicamente indipendente
e aconfessionale che nel 2012 avrà il piacere di celebrare il proprio
centenario.

PRO JUVENTUTE
Thurgauerstrasse 39
Casella postale
8050 Zurigo
Tel. 044 256 77 77
Fax 044 256 77 78
info@projuventute.ch

projuventute.ch
PC 80-3100-6
Puoi anche leggere
DIAPOSITIVE SUCCESSIVE ... Annulla