DISPOSIZIONI TECNICHE ATTIVITA' 2019 - Specialità VOLO Comitato Tecnico Federale Specialità Volo - Federazione Italiana Bocce

 
DISPOSIZIONI TECNICHE ATTIVITA' 2019 - Specialità VOLO Comitato Tecnico Federale Specialità Volo - Federazione Italiana Bocce
DISPOSIZIONI
  TECNICHE
ATTIVITA’ 2019
  Specialità VOLO

Comitato Tecnico Federale
     Specialità Volo

   Disposizioni Tecniche Volo 2019 – Versione
                   26/09/2018
Il presente Regolamento annulla e sostituisce tutti i precedenti e altresì annulla tutte le deroghe eventualmente concesse

Indice:
   A.     ATTIVITA’ DELLA SPECIALITA’ VOLO ...................................................................................... 5
   A.1. Alto Livello ............................................................................................................................... 5
   A.2. Sport per tutti ........................................................................................................................... 5
   A.3. Anno sportivo ........................................................................................................................... 5
   B.     REGOLAMENTO DEGLI ATLETI DELLA SPECIALITA’ VOLO ..................................................... 6
   B.1. Punteggi, passaggi ed assegnazione di categorie ........................................................................ 6
   B.2. Tesseramento giocatori stranieri ................................................................................................ 6
   B.3. Limite al tesseramento degli Atleti di Categoria A......................................................................... 6
   B.4. Trasferimenti ............................................................................................................................ 6
   C.     NORME RELATIVE ALLE DIVISE.............................................................................................. 7
   D.     VINCOLO DI SOCIETA’ E DEROGHE........................................................................................ 8
   E.     VINCOLO DI CATEGORIA E DEROGHE ................................................................................... 9
   E.1. Sostituzioni .............................................................................................................................. 9
   F.     NORME GENERALI RELATIVE ALLE COMPETIZIONI ............................................................. 10
   F.1. Classificazione ....................................................................................................................... 10
   F.2. Partecipanti e formazioni ......................................................................................................... 10
   F.3. Richiesta di organizzazione ..................................................................................................... 10
   F.4. Compilazione dei calendari ufficiali ........................................................................................... 11
   F.5. Approvazione dei programmi ................................................................................................... 11
   F.6. Conduzione delle competizioni ................................................................................................. 12
   F.7. Permessi dell’autorità competente ............................................................................................ 12
   F.8. Iscrizioni, versamento quote, sorteggio, verifica cartellini ............................................................ 12
   F.9. Sostituzione giocatori .............................................................................................................. 13
   F.9.a. Gare diurne ............................................................................................................................ 13
   F.9.b. Gare notturne, poule e tornei con gironi all’italiana ..................................................................... 13
   F.10. Orari competizioni, interruzioni, trasferimento di sede, prosecuzioni ............................................ 13
   F.11. Punteggi partite ...................................................................................................................... 14
   F.12. Durata partite ......................................................................................................................... 14
   F.13. Assegnazione campi in tutte le competizioni e Arbitraggi ............................................................ 15
   F.14. Trasmissione relazioni arbitrali ................................................................................................. 15
   F.14.a.     Campionati di Serie e Gare Nazionali ............................................................................... 15
   F.15. Regolarità dei campi ............................................................................................................... 15
   F.16. Penalità per i ritardi ................................................................................................................. 15
   F.16.a.     Gioco tradizionale ........................................................................................................... 15
   F.16.b.     Combinato ..................................................................................................................... 16
   F.16.c.     Prove di Tiro................................................................................................................... 16
   F.17. Provvedimenti disciplinari ........................................................................................................ 16
   G. DISPOSIZIONI PER L’ALTO LIVELLO DELLA SPECIALITA’ VOLO ........................................... 17
   H.     COMPETIZIONI ALTO LIVELLO .............................................................................................. 17
   H.1. Competizioni Internazionali ...................................................................................................... 17
   H.2. Campionato di Società di Serie A ............................................................................................. 17
   H.3. Attività Giovanile ..................................................................................................................... 18
   H.4. Rinuncia al Campionato .......................................................................................................... 18
   H.5. Parate Elite Maschili e Femminili .............................................................................................. 18
   H.6. Campionati Italiani di Specialità Categoria A1 - A....................................................................... 18
   H.6.a. Categoria A1 – A maschile ...................................................................................................... 18
   H.6.b. Categoria A1 – A Femminile .................................................................................................... 18
   H.6.c. Campionati Assoluti di Tiro ...................................................................................................... 19
                                          Disposizioni Tecniche Volo 2019 – Versione
                                                          26/09/2018
H.6.d. Contributi Federali .................................................................................................................. 19
H.7. Coppa Italia di Categoria A maschile ed A Femminile................................................................. 19
H.8. Master Maschili e Femminili ..................................................................................................... 19
I.     COMPETIZIONI SPORT PER TUTTI ....................................................................................... 20
I.1. Campionato di Società di Serie A2 ........................................................................................... 20
I.2. Campionato di Società Nazionale Femminile ............................................................................. 20
I.3. Campionati di Società di Promozione e Categoria...................................................................... 20
I.4. Campionati Nazionali Promozionali di Specialità Categoria B, BF, C, D ....................................... 20
I.4.a. Categoria B maschile .............................................................................................................. 20
I.4.b. Categoria B femminile ............................................................................................................. 20
I.4.c. Categoria C maschile .............................................................................................................. 20
I.4.d. Categoria D maschile .............................................................................................................. 21
I.4.e. Selezioni ................................................................................................................................ 21
I.4.f. Sostituzioni ............................................................................................................................ 21
I.4.g. Contributi Federali .................................................................................................................. 21
I.5. Regional Cup di Categoria B, C, D e B Femminile ..................................................................... 21
I.6. Gare Nazionali, Regionali e Provinciali ..................................................................................... 21
I.7. Gare di Propaganda................................................................................................................ 22
I.8. Campionati Regionali e Provinciali ........................................................................................... 22
I.9. Gare serali per Società............................................................................................................ 22
I.10. Gare Promozionali Pomeridiane ............................................................................................... 22
I.11. Campionati Italiani Particolari ................................................................................................... 22
J.     SETTORE GIOVANILE ........................................................................................................... 23
J.1. Campionato di Società Under 18 .............................................................................................. 23
J.2. Campionato di Società Under 15 .............................................................................................. 23
J.3. Campionati di Specialità Categoria “U18” Maschile e Femminile ................................................. 23
J.4. Campionati di Specialità Categoria “U15” Maschile e Femminile ................................................. 23
J.5. Concomitanza Gare ................................................................................................................ 23
J.6. Assegnazione Abilitazione ....................................................................................................... 23
K.     SETTORE FEMMINILE ........................................................................................................... 24
K.1. Concomitanza Gare ................................................................................................................ 24
K.2. Assegnazione Abilitazione ....................................................................................................... 24
K.3. Norma transativa .................................................................................................................... 24
L.     TASSE GARA ........................................................................................................................ 25
M. QUOTE INDIVIDUALI DI ISCRIZIONE ALLE GARE .................................................................. 26
N.     ALTO LIVELLO ATLETI ED ATLETE ABILITATI A1 ................................................................... 27
1)     Manifestazioni Alto Livello ....................................................................................................... 27
2)     Assegnazione categoria A1 maschile reparto tradizionale per il 2018/2019 .................................. 27
3)     Assegnazione qualifica A1 maschile reparto corse per il 2018/2019 ............................................ 28
4)     Classifiche gare femminili ........................................................................................................ 28
5)     Gare che non attribuiscono punti .............................................................................................. 28
6)     Qualifica A1 maschile stagione 2019 ........................................................................................ 28
7)     Qualifica A1 femminile stagione 2019 ....................................................................................... 29
8)     Attività A1 maschile stagione 2019 ........................................................................................... 30
9)     Attività A1 femminile stagione 2019 .......................................................................................... 30
10) Attività A1 stagione 2019 ......................................................................................................... 31
11) Specifica dell’attività................................................................................................................ 31
12) Parata dei Campioni Elite ........................................................................................................ 32
O. CAMPIONATO PER SOCIETA’ DI SERIE A ............................................................................. 36
P.     CAMPIONATO PER SOCIETA’ DI SERIE A2............................................................................ 43
Q. CAMPIONATO PER SOCIETA’ DI SERIE A FEMMINILE ........................................................... 50
R.     CAMPIONATO PER SOCIETA’ DI PROMOZIONE .................................................................... 56
S.     CAMPIONATO PER SOCIETA’ UNDER 18 .............................................................................. 73
                                       Disposizioni Tecniche Volo 2019 – Versione
                                                       26/09/2018
T.    CAMPIONATO PER SOCIETA’ UNDER 15 .............................................................................. 76
U.    COPPA ITALIA CATEGORIA A ed A FEMMINILE ..................................................................... 79
1.    Coppa Italia............................................................................................................................ 79
1.1   Fase Nazionale ...................................................................................................................... 79
1.2   Sostituzioni ............................................................................................................................ 79
1.3   Time Out................................................................................................................................ 79
1.4   Rinuncia ................................................................................................................................ 79
2.    Coppa Italia cat. “A” ................................................................................................................ 79
3.    Coppa Italia Femminile di categoria A ....................................................................................... 80
V.    REGIONAL CUP DI CATEGORIA B – C – D e B FEMMINILE .................................................... 81
1.    Regional Cup ......................................................................................................................... 81
1.1   Fase Nazionale ...................................................................................................................... 81
1.2   Sostituzioni ............................................................................................................................ 81
1.3   Time Out................................................................................................................................ 81
1.4   Rinuncia ................................................................................................................................ 81
2.    Regional Cup cat. “B” .............................................................................................................. 81
3.    Regional Cup cat. “C”.............................................................................................................. 81
4.    Regional Cup cat. “D”.............................................................................................................. 82
5.    Regional Cup Femminile di categoria B .................................................................................... 82

                                    Disposizioni Tecniche Volo 2019 – Versione
                                                    26/09/2018
A. ATTIVITA’ DELLA SPECIALITA’ VOLO
     La Specialità Volo, della Federazione Italiana Bocce applica i Regolamenti Tecnici della Fèdèration
Intèrnationale de Boules.

    L’attività della specialità Volo si identifica nei seguenti punti:

    A.1. Alto Livello
        Attività Internazionale;
        Campionati Italiani di Società Serie A;
        Campionati Italiani Assoluti categoria A maschile;
        Campionati Italiani Assoluti categoria A femminile;
        Parate Elite Maschili e Femminili;
        Coppa Italia categoria A;
        Master Maschili e Femminili.

    Praticanti
     Giocatori e Giocatrici di categoria A1 – A e A1F – AF
    L’attività è coordinata dal Consiglio Federale tramite il Comitato Tecnico Federale.

    A.2. Sport per tutti
        Gare Nazionali di propaganda;
        Campionati Italiani di Società Serie A2 – Nazionale Femminile;
        Campionati Nazionali di categoria B – C – D;
        Campionati Nazionali di categoria B femminile;
        Campionati Italiani Under 15 - Under 18;
        Campionati di Società Promozione A – 1a Categoria – 2a Categoria – 3a Categoria – Femminile;
        Campionati di Società Under 15 - Under 18;
        Gare Regionali e Provinciali (diurne e notturne);
        Manifestazioni varie regolate dagli organi periferici.

    Praticanti
        Giocatori e Giocatrici di categoria B - C - D - Under

     L’attività sul territorio è coordinata dagli Organi periferici FIB. Il Consiglio Federale, tramite il Comitato Tecnico
Federale, predispone il programma ed il calendario dell’attività nazionale e coordina la fase finale dei Campionati
e della Coppa Italia.
     Gli Atleti di cat. A1 – A possono partecipare all’attività finalizzata allo Sport per Tutti solo nei casi previsti
dalle Normative Federali.

    A.3. Anno sportivo
    L’anno sportivo inizia il giorno 1 ottobre e termina il 30 giugno.

                                    Disposizioni Tecniche Volo 2019 – Versione
                                                    26/09/2018
B. REGOLAMENTO DEGLI ATLETI DELLA SPECIALITA’ VOLO

   Per le normative di carattere generale si riporta al Regolamento degli Atleti della FIB approvato dal Consiglio
Federale.

    B.1. Punteggi, passaggi ed assegnazione di categorie
   Il punto in oggetto verrà inserito a seguito dei prossimi lavori del Consiglio Federale per
consentire l’unificazione dei regolamenti con le altre specialità.

    B.2. Tesseramento giocatori stranieri
 Per il tesseramento di atleti stranieri sono di riferimento le norme emanate dal CONI per il tesseramento di atleti
 Comunitari.
 Per quanto riguarda gli atleti extracomunitari, si applicano le norme in materia di disciplina degli ingressi degli
 sportivi stranieri emanate dal CONI.
 Gli atleti in oggetto possono svolgere tutta l’attività della Federazione ad eccezione dei Campionati Italiani o
 Nazionali di specialità.

    B.3. Limite al tesseramento degli Atleti di Categoria A
 Ogni Società non potrà tesserare più di 9 atleti di Categoria A1 – A. Fanno eccezione eventuali atleti promossi
 dall’attuale Categoria B nella stagione in corso e che non cambiano Società.

    B.4. Trasferimenti
Gli atleti che hanno partecipato ai Campionati di Serie A e A2, per potersi trasferire in un’altra Società a partire
dalla stagione successiva, devono chiedere regolare nulla osta al trasferimento alla propria società nei 15 giorni
successivi al termine del Campionato di Serie. Al di fuori di questo periodo il trasferimento sarà possibile solo
previo accordo tra le parti.
L’Atleta di categoria A1 o A che si trasferisce ad un’altra Società nel corso dell’anno sportivo NON potrà
partecipare ad una competizione a cui ha già preso parte nella/e Società di provenienza.

                                  Disposizioni Tecniche Volo 2019 – Versione
                                                  26/09/2018
C. NORME RELATIVE ALLE DIVISE

   Per le normative di carattere generale si riporta al Regolamento delle Divise della FIB approvato dal Consiglio
Federale.

     In tutte le competizioni è obbligatoria la divisa sociale, o tuta sportiva, completa di maglia con distintivo
sociale, pantaloni lunghi o corti (di tipo sportivo e senza tasconi laterali) omogenei e scarpe.
     I giocatori che partecipano a gare di Tiro Rapido a Coppie (Staffetta), Tiro Progressivo o Tiro di Precisione
possono indossare canottiere complete di distintivo sociale. Possono essere indossati gli “scaldamuscoli” purché
dello stesso colore dei pantaloncini corti.
     In tutte le competizioni possono essere usate delle maglie termiche, uguali per tutti, sotto la maglia a manica
corta purché dello stesso colore di una eventuale maglia a manica lunga.
     In tutte le competizioni è vietato utilizzare i blue-jeans o pantaloni corti tipo bermuda.
     In tutte le manifestazioni di Alto Livello, quando vi si partecipa con pantaloni corti, sono obbligatori i calzini
(esclusi i calzini tipo fantasmini) omogenei per formazione e, nei Campionati di Società per tutta la squadra.
     Le componenti del settore femminile possono partecipare alle competizioni indossando come divisa, oltre
alla maglia sociale, pantaloni o gonna pantalone indifferentemente; cioè in una stessa formazione potrà esservi
chi indossa il pantalone e chi la gonna-pantalone purché della stessa stoffa e colore.
     Il distintivo sociale deve essere conforme alle norme emanate dalla Federazione Italiana Bocce e riportate
nel Regolamento delle Divise della FIB.
     Sulle divise sono consentite scritte pubblicitarie o sponsorizzazioni, secondo le norme riportate nel
Regolamento delle Divise della FIB.
     In tutte le premiazioni dei Campionati Italiani i giocatori dovranno presenziare in divisa completa della Società
comprese le scarpe.
     La divisa sociale deve essere uguale per tutta la squadra nei Campionati di Società. La divisa deve essere,
invece, uguale per formazione in tutte le restanti competizioni. I giocatori di ogni formazione, e di tutta la squadra
nei Campionati di Società, dovranno indossare quindi divise omogenee. In caso di sponsorizzazione sulle stesse,
queste dovranno per ogni formazione, e per tutta la squadra nei Campionati di Società, essere omogenee anche
nel numero, nella forma e nella posizione.

                                   Disposizioni Tecniche Volo 2019 – Versione
                                                   26/09/2018
D. VINCOLO DI SOCIETA’ E DEROGHE
    Il vincolo di Società consiste nell’obbligo di partecipare alle competizioni con formazioni composte
esclusivamente da giocatori appartenenti alla stessa Società. Tale vincolo è di norma prescritto per tutte le
competizioni calendariate. Può però essere derogato nei seguenti casi sotto forma di prestito temporaneo
autorizzato dalle società interessate:
         a) Nelle gare nazionali di propaganda;
         b) Nelle competizioni internazionali;
         c) Nelle competizioni programmate nel periodo dal 1° luglio al 30 settembre;
         d) Nel periodo dal 13 dicembre al 13 gennaio si concede la possibilità di organizzare competizioni
             senza vincolo e se ritenuto necessario dalla CTN in quel periodo si potranno effettuare gare di
             Coppa Italia e/o giornate di Campionato.
         e) Nelle gare serali programmate dal 1° ottobre al 30 giugno è consentito il prestito di un massimo di
             2 atleti nelle competizioni a quadrette e di 1 atleta nelle competizioni a terne e a coppie. Qualora gli
             atleti in prestito siano già indicati nella formazione iscritta sul WSM, potranno essere sostituiti prima
             dell’inizio della competizione da altri atleti in prestito che escluderanno definitivamente dalla
             competizione gli atleti sostituiti. Eventuali altre sostituzioni previste dal regolamento della
             competizione dovranno essere effettuate con atleti tesserati per la società iscritta. La Società dovrà
             versare, al Comitato Regionale di appartenenza una quota di € 5,00 qualora nella competizione
             siano presenti giocatori di categoria A1,A,B, altrimenti la medesima quota va versata al Comitato
             Provinciale di appartenenza. Lo stesso Comitato provvederà a rendicontare trimestralmente il totale
             delle quote alla scrivente Federazione che lo destinerà allo sviluppo dell’attività giovanile. Il
             pagamento, da parte del Comitato, dovrà essere effettuato a mezzo bonifico bancario sul conto
             corrente postale IT59 C076 0103 2000 0008 7063 004, avendo cura di specificare la causale;
         f) Nelle competizioni riservate al settore femminile il prestito di un’atleta per formazione, nelle modalità
             descritte al punto precedente, è consentito anche nelle gare diurne, con l’esclusione dei Campionati
             Italiani e Nazionali e delle prove di Coppa Italia
         g) Nei Campionati di Società di Serie e di Promozione maschili e femminili è consentito il prestito di un
             massimo di 2 atleti per squadra. Per ciascun giocatore senior preso in prestito, la Società dovrà
             versare una quota di € 100.00, mentre per ciascuna giocatrice senior e giocatore Under 18 o Under
             15, una quota di € 50,00. Il pagamento dovrà essere effettuato alla scrivente Federazione a mezzo
             bonifico bancario sul conto corrente postale IT59 C076 0103 2000 0008 7063 004, avendo cura di
             specificare la causale.
         h) Nessun prestito è previsto per i Campionati di Società giovanili.

                                   Disposizioni Tecniche Volo 2019 – Versione
                                                   26/09/2018
E. VINCOLO DI CATEGORIA E DEROGHE
     Il vincolo di categoria consiste nell’obbligo di partecipare alle Competizioni con formazioni composte
esclusivamente con giocatori appartenenti alla stessa categoria, prevista nel programma della gara. Tale vincolo
è di norma prescritto per tutte le competizioni. Il vincolo di Categoria può non essere rispettato nei seguenti casi
con le modalità indicate:
          a) Nei Campionati di Società per i quali viene, ogni anno, emanato apposito programma;
          b) Nella Coppa Italia di categoria A, per la quale viene redatto apposito regolamento;
          c) Nelle gare nazionali di propaganda;
          d) In tutte le gare notturne e in quelle diurne purché indicato nel programma regolarmente approvato;
          e) Nelle competizioni in calendario, escluse quelle internazionali e i Campionati Federali di categoria
              in ogni loro fase, limitatamente all’inclusione di un giocatore di categoria inferiore;
          f) Ad eccezione di quanto previsto dal Regolamento degli Atleti, l’inclusione di giocatori UNDER 18 ed
              UNDER 15 in formazioni Seniores non è permessa in caso di concomitanza con gare di UNDER 18
              ed UNDER 15 regionali o campionati provinciali. Possono essere programmate gare promiscue con
              formazioni di Esordienti della fascia preagonistica, ma soltanto previa autorizzazione del Consiglio
              Federale su proposta del Comitato Tecnico Federale;
          g) In tutte le competizioni programmate nel periodo dal 01 luglio al 30 Settembre e dal 13 dicembre al
              13 gennaio;
          h) Nel periodo dal 1° ottobre al 30 giugno l’atleta di categoria D non può partecipare alle competizioni
              che prevedono la partecipazione di atleti di categoria A1 – A.

    E.1. Sostituzioni
      Nelle competizioni descritte alla lettera e) del paragrafo precedente, rispetto alla formazione indicata sul
Programma Gara (formazione base) può essere presente UN solo giocatore di una categoria inferiore.
      Quindi, a titolo di esempio, potrà partecipare alla competizione una squadra con UN giocatore di cat. B
anziché il giocatore di cat. A eventualmente previsto dal Programma Gara, oppure UN giocatore di cat. C anziché
il giocatore di cat. B eventualmente previsto dal Programma Gara.
      La squadra risulterà regolarmente composta solo se rispetto alla formazione indicata sul Programma Gara,
è presente un solo giocatore di una categoria inferiore. Questo vale anche per le competizioni a quadrette nei
casi in cui il Regolamento preveda due possibili sostituzioni.

                                  Disposizioni Tecniche Volo 2019 – Versione
                                                  26/09/2018
F. NORME GENERALI RELATIVE ALLE COMPETIZIONI
    F.1. Classificazione
    Le competizioni boccistiche, a seconda delle modalità tecnico-organizzative con cui esse vengono
programmate, si suddividono in:
       a) Campionati Federali: competizioni che attribuiscono il titolo di Campione Italiano di Categoria o
           Società, ed il titolo di Campione Nazionale di categoria;
       b) Coppa Italia: competizioni Nazionali a squadre;
       c) Gare: competizioni con iscrizione libera;
       d) Tornei: competizioni ad invito con formazioni o squadre rappresentative appartenenti a più di due
           società, Comitati, Federazioni Nazionali o riservate a categorie particolari (professionali, artigianali,
           militari, ecc.);
       e) Incontri: competizioni con le stesse caratteristiche dei Tornei ma limitate a due sole formazioni o
           squadre rappresentative.
     Ogni tipo di competizione è a sua volta qualificata dalla circoscrizione territoriale di svolgimento
(Internazionale, Nazionale, Interregionale, Regionale, Provinciale, Tecnico Territoriale di Specialità e Sociale),
dalle formazioni (individuale, coppie, terne, quadrette) e dalle categorie o qualifiche dei giocatori previste dal
Regolamento degli Atleti.
     Normalmente le competizioni hanno carattere diurno; vengono denominate notturne quando il loro
svolgimento è previsto unicamente, anche in più gironi, nelle ore dopo il tramonto.

    F.2. Partecipanti e formazioni
     Partecipanti: alle competizioni possono, di norma, partecipare solo i giocatori tesserati per Società affiliate
alla F.I.B.; fanno eccezione le competizioni alle quali sono ammessi, ad invito:
     a) Giocatori tesserati presso Federazioni estere affiliate alla Federazione Internazionale o, in mancanza di
tale affiliazione, autorizzati di volta in volta dalla Federazione Internazionale e dalla Federazione Italiana.
     b) Giocatori di altri Enti od Organismi Nazionali convenzionati con la F.I.B. in conformità a quanto previsto
dalle rispettive convenzioni.
     c) Giocatori non tesserati, in manifestazioni di particolare valore propagandistico, autorizzate di volta in
volta dalla F.I.B.
     Formazioni: sono quelle previste dal Regolamento Tecnico Internazionale (individuali, coppie, terne,
quadrette).

    F.3. Richiesta di organizzazione
    Le richieste intese ad ottenere l’organizzazione di competizioni a livello nazionale ed internazionale devono
pervenire obbligatoriamente alla F.I.B. tramite il Comitato Regionale con il visto del Comitato o Delegato
Provinciale di appartenenza che deve esprimere un giudizio sulla capacità organizzativa dei richiedenti e sulla
agibilità dei campi disponibili e deve poi vigilare sullo svolgimento della manifestazione.
 Richiesta di Campionati e di Competizioni Internazionali ufficiali: La richiesta dell’organizzazione di
    competizioni internazionali ufficiali deve pervenire entro il 30 Giugno antecedente l’anno di effettuazione
    tramite il Comitato o Delegato Provinciale di appartenenza, alla Segreteria Federale che sentito il parere
    del Comitato Tecnico Federale, svolge presso la Federazione straniera interessata e presso la Federazione
    Internazionale le pratiche relative all’accettazione della competizione proposta ed al suo inserimento nel
    calendario internazionale. Ciò ottenuto, la richiesta deve essere perfezionata col versamento sul c.c.p. della
    Federazione della tassa stabilita. La richiesta tendente ad ottenere l’organizzazione del Campionato del
    Mondo o delle Competizioni Internazionale a statuto speciale, previste dal Regolamento delle Competizioni
    Internazionali, deve pervenire alla Segreteria Federale almeno due anni prima della data di effettuazione
    prevista.
 Richieste di Tornei ed Incontri Internazionali non ufficiali: Le richieste di organizzazione di tali competizioni,
    che possono svolgersi in tutto l’anno, devono pervenire alla Segreteria Federale per iscritto, almeno un mese
    prima della data programmata.

                                  Disposizioni Tecniche Volo 2019 – Versione
                                                  26/09/2018
    Richiesta di Campionati Italiani e Nazionali: Le richieste per l’organizzazione dei Campionati Italiani o di una
     giornata di essi devono pervenire tramite il Comitato o Delegato Provinciale di appartenenza, alla F.I.B.,
     Comitato Tecnico Federale, entro il 15 luglio dell’anno antecedente il loro svolgimento. Il Consiglio Federale
     delibera sull’assegnazione delle sedi dei Campionati Italiani, tenendo in considerazione preferenziale le sedi
     che dispongono di impianti permanenti tecnicamente agibili e sufficienti. Comunicata l’assegnazione, la
     richiesta deve essere perfezionata con il versamento sul c.c.p. della Federazione della tassa stabilita
     annualmente dal Consiglio Federale.
    Richiesta di competizioni programmate nel periodo dal 1 ottobre al 30 settembre: le richieste intese ad
     ottenere l’autorizzazione ad organizzare competizioni diurne e notturne nazionali, regionali, provinciali o
     territoriali, per tutte le categorie, da inserire nel calendario Ufficiale devono pervenire, per iscritto, agli Uffici
     Federali entro le scadenze qui di seguito riportate, specificando la denominazione, il tipo e le caratteristiche
     della competizione (categoria, formazione, formula tecnica) e la data richiesta:

        TIPO DI GARA                     ORGANO O STRUTTURA FEDERALE                                     DATA
           Nazionale                           Comitato Tecnico Federale                                15 Luglio
           Regionale                               Comitato Regionale                                 15 Settembre
    Provinciale o Territoriale    Comitato Provinciale o Tecnico Territoriale di Specialità           15 Settembre

     F.4. Compilazione dei calendari ufficiali
    Calendario Nazionale: Il Comitato Tecnico Federale, ricevute dalla Segreteria Federale le richieste di
     organizzazione delle competizioni nazionali le esamina entro il 10 settembre e, tenuto conto delle
     competizioni internazionali, compila i calendari delle gare. La Segreteria Federale dopo aver verificato
     l’adesione da parte delle Società Organizzatrici alle modifiche di data o di programma proposte dal Comitato
     Tecnico Federale, sottopone al Consiglio Federale l’approvazione del calendario e dirama il Comunicato
     Ufficiale con il calendario delle competizioni autorizzate. Qualora gli Organizzatori non accettino le modifiche
     proposte o comunque la competizione non sia autorizzata, viene restituita la tassa eventualmente versata.
     La Commissione Impianti accerta l’idoneità degli impianti o/e segnala le eventuali modifiche necessarie, che
     verranno comunicate alle Società assegnatarie, le quali saranno responsabili della regolarizzazione.

    Calendari Regionali, Provinciali e Tecnici Territoriali: I Comitati competenti, ricevute le richieste di
     autorizzazione ad organizzare competizioni regionali, provinciali o territoriali di specialità, si riuniscono
     rispettivamente:
     I Regionali entro il:
     20 settembre per il calendario invernale;
     20 novembre per il calendario estivo.
     I Provinciali e Tecnici Territoriali di Specialità entro il:
     25 settembre per il calendario invernale;
     30 novembre per il calendario estivo.
     Compilano i calendari delle gare tenendo conto dei calendari ed elenchi dei passaggi di categoria già emanati
     rispettivamente a livello nazionale e regionale di competenza per i Comitati Provinciali e Tecnici Territoriali
     di Specialità. Gli Organi Periferici competenti, accertato che gli organizzatori delle competizioni accettino le
     date o le modifiche apportate alla richiesta, compilano i calendari e li trasmettono immediatamente al
     Comitato Tecnico Federale che li controlla per quanto riguarda il rispetto di cui all’art. 11 e la rispondenza ai
     regolamenti. I Comitati o Delegati Regionali devono trasmettere i calendari e gli elenchi dei giocatori suddivisi
     nelle varie categorie ai propri Comitati Provinciali e tecnici territoriali di specialità di competenza.

     F.5. Approvazione dei programmi
    Modalità e termini di trasmissione:
        a) Per le competizioni internazionali ufficiali, il programma è concordato dal Comitato Tecnico Federale
              con le altre Federazioni partecipanti e poi dallo stesso trasmesso alla Società od Ente organizzatore.
        b) Per tutte le altre competizioni i programmi devono rispettare i modelli inviati dall’Organo competente
              con l’autorizzazione della competizione stessa.
    Caratteristiche del programma: Deve contenere le seguenti indicazioni:
                                    Disposizioni Tecniche Volo 2019 – Versione
                                                    26/09/2018
a) Denominazione della competizione;
         b) Località, ubicazione precisa dei campi di gioco, data ed ora di inizio della competizione modalità di
              svolgimento, durata delle partite.
         c) Termine e quota di iscrizione per ogni singola formazione (rispettando i limiti annualmente
              autorizzati) dal Consiglio Federale;
         d) Luogo, data ed ora di inizio del sorteggio;
         e) Composizione del Comitato Organizzatore, dirigente reperibile tel.____________
         f) Organo Federale che approva e rilascia l’autorizzazione;
         g) Elenco dei premi di rappresentanza alle Società e dei contributi di partecipazione;
         h) Per competizioni che si svolgono in bocciodromi coperti dovrà essere anche chiaramente indicata
              l’eventuale quota per spese di bocciodromo.
         i) A tale proposito si fa presente che non potrà essere autorizzata la programmazione di Coppe e
              Trofei pluriennali.
   Comunicazione: L’Organo Federale competente per territorio comunica al Comitato Organizzatore
    l’autorizzazione della competizione con una copia della bozza del programma. Nel trasmettere tale
    documento viene altresì comunicato il nominativo dell’Arbitro che deve essere incluso nel programma. Gli
    Organizzatori sono tenuti ad inviare il programma definitivo, non solo all’Organo Federale che ha approvato
    la gara, ma anche al Comitato Tecnico Federale ed all’Arbitro della manifestazione.

    F.6. Conduzione delle competizioni

   La Società organizzatrice di qualsiasi competizione deve curare particolarmente che i suoi dirigenti si
    adoperino per il buon svolgimento della competizione in un clima di ordine, di reciproco rispetto dei giocatori
    e del pubblico e nei confronti di autorità, arbitri e dirigenti federali.
   La Società Organizzatrice è tenuta ad approntare per l’ora stabilita i campi di gara, in armonia da quanto
    previsto dalle prescrizioni federali. Un membro del Comitato Organizzatore dovrà, almeno un’ora prima
    dell’inizio della gara, trovarsi sui campi e mettersi a disposizione dell’arbitro designato a dirigere la
    competizione.
   La Società organizzatrice deve concedere l’ingresso gratuito a tutti gli arbitri e dirigenti federali in possesso
    dell’apposita tessera di riconoscimento con vidimazione aggiornata.

    F.7. Permessi dell’autorità competente
     Le Associazioni sportive dilettantistiche affiliate alla Federazione Italiana Bocce che intendono organizzare
competizioni di qualsiasi tipo, sono tenuti ad ottemperare alle norme di carattere regionale/comunale di ordine
pubblico vigenti nell’ambito del territorio in cui è sita la località di effettuazione. Laddove tali norme richiedano il
completamento della documentazione con nullaosta dell’organo federale competente, tale nullaosta viene
rilasciato dal Comitato o Delegato Provinciale territorialmente competente, anche se trattasi di competizione a
carattere regionale o nazionale.

    F.8. Iscrizioni, versamento quote, sorteggio, verifica cartellini

   Iscrizioni e versamento quote: I termini di iscrizione alle gare sono regolamentati dal Comitato Tecnico
    competente. Tutte le iscrizioni devono pervenire tassativamente entro i termini stabiliti all’ente preposto,
    tramite sistema WSM. Tutti i documenti di iscrizione dovranno essere consegnati all’Arbitro o al Responsabile
    del Sorteggio prima dello stesso. Le quote relative, qualora non siano già state inviate con le iscrizioni,
    devono essere versate agli organizzatori mezz’ora prima dell’inizio della gara stessa. Le formazioni che non
    hanno provveduto a tale pagamento non sono autorizzate ad iniziare la prima partita finché non hanno
    versato la quota. Di conseguenza, se è trascorsa l’ora di inizio, vengono ad esse applicate le penalità previste
    per i ritardi.
   Sorteggio: Viene effettuato dall’Arbitro designato per tutte le competizioni o dal Coordinatore Arbitrale
    competente, ad eccezione di quelle per le quali il Comitato Tecnico Federale ha approvato un particolare
                                   Disposizioni Tecniche Volo 2019 – Versione
                                                   26/09/2018
programma. Il sorteggio sarà effettuato in modo automatico con il sistema informatico fornito dalla
    Federazione Italiana Bocce. Tutte le competizioni devono prevedere un unico sorteggio iniziale, ad eccezione
    della Coppa Italia. Gli incontri si disputano opponendo le formazioni vincenti secondo le sequenze previste
    dal tabellone del sorteggio. Le partite di semifinale e finale devono essere sempre disputate. Per le gare a
    settore il sorteggio dovrà determinare un numero di finaliste proporzionale alle formazioni iscritte in ogni
    settore; nella fase finale si procederà ad un nuovo sorteggio.
   Sorteggio manuale: Viene effettuato dall’Arbitro designato con l’assistenza, per quanto riguarda la parte di
    segreteria, del Comitato Organizzatore. Si procede al sorteggio che di norma non deve permettere, nei primi
    due incontri, lo scontro tra due formazioni appartenenti alla stessa Società (non considerando lo spareggio).
   Sorteggio automatico: Viene effettuato con l’assistenza di un operatore informatico. Il sorteggio deve essere
    effettuato utilizzando unicamente il sistema informatico per i sorteggi fornito dalla Federazione Italiana Bocce.
    I criteri del sorteggio sono quelli predisposti dal programma fornito.
   Verifica cartellini ed attrezzi: L’Arbitro deve verificare che i giocatori siano in possesso del cartellino federale
    e che le bocce usate siano omologate verificando timbro e cartellino di garanzia. I giocatori che risultano
    sprovvisti di cartellino possono continuare a partecipare alla competizione, se dichiarano per iscritto di essere
    regolarmente tesserati. Tale dichiarazione deve essere controfirmata per convalida da un giocatore
    regolarmente tesserato e in possesso del cartellino, il quale si rende garante della dichiarazione stessa. La
    dichiarazione rilasciata all’Arbitro deve essere accompagnata dal versamento al Comitato Organizzatore per
    il successivo inoltro alla F.I.B. di una tassa o penalità, che annualmente viene fissata dal Consiglio Federale.
    Qualora la dichiarazione risulti non conforme alla verità, entrambi i giocatori sono deferiti agli Organi
    Disciplinari per i provvedimenti del caso. I giocatori puniti con il pagamento della penalità devono essere
    segnalati all’Organo che ha autorizzato la competizione e, in caso di recidività, denunciati al Giudice Unico
    Sportivo. I giocatori non possono partecipare con bocce non omologate.

    F.9. Sostituzione giocatori
    Per quanto non contemplato nei regolamenti specifici delle singole competizioni, si applicherà quanto segue:

         F.9.a.Gare diurne
      Prima del sorteggio, per una competizione, ogni Società ha la facoltà di modificare totalmente o parzialmente
la composizione delle proprie formazioni iscritte, anche con spostamenti di giocatori da una formazione all’altra.
      Tra il sorteggio e l’inizio della gara è ammesso cambiare un componente della formazione a coppie e a terne,
due a quadrette; i giocatori sostituiti non potranno essere utilizzati in altre formazioni ma solo in quella dove
risultavano iscritti dopo il sorteggio. Nessuna sostituzione nelle gare individuali.
      Dopo l’inizio della gara, se si svolge in un giorno, nessuna sostituzione, se in due o più giorni o sospesa o
rinviata, sarà ammessa la sostituzione di un giocatore per formazione rispetto alla formazione che ha iniziato la
gara a partire dal secondo giorno (tranne che nelle gare individuali).

         F.9.b. Gare notturne, poule e tornei con gironi all’italiana
      Prima del sorteggio, per una competizione, ogni Società ha la facoltà di modificare totalmente o parzialmente
la composizione delle proprie formazioni iscritte, anche con spostamenti di giocatori da una formazione all’altra.
      Tra il sorteggio e l’inizio della gara è ammesso cambiare un componente della formazione a coppie e a terne,
due a quadrette; i giocatori sostituiti non potranno essere utilizzati in altre formazioni ma solo in quella dove
risultavano iscritti dopo il sorteggio. Durante la competizione si potranno utilizzare tre giocatori nelle formazioni a
coppie, quattro nelle terne e sei nelle quadrette.
      Nelle competizioni notturne della durata superiore alle sette serate di gioco, si consente, in caso di necessità
il possibile utilizzo di un ulteriore giocatore che subentrerà escludendo definitivamente dalla formazione il
giocatore sostituito.

    F.10.         Orari competizioni, interruzioni, trasferimento di sede, prosecuzioni
   Orario delle competizioni: Di norma le competizioni devono svolgersi tra le ore 14,00 del Sabato e le ore
    24,00 della Domenica oppure tra le ore 8,00 e le ore 24,00 dei giorni festivi infrasettimanali oppure tra le ore
    20,00 e le ore 24,00 dei giorni feriali. Apposite circolari predisposte dal Comitato Tecnico Federale regolano
    il programma orario dei Campionati Italiani, delle gare nazionali e delle gare di propaganda che, di norma, si
    svolgono a tempo.
                                   Disposizioni Tecniche Volo 2019 – Versione
                                                   26/09/2018
   Interruzioni:
         a) Interruzioni per pasti: Le competizioni devono generalmente essere interrotte per i pasti alle ore
              12,30 ed alle ore 19,30. La durata dell’interruzione non deve essere inferiore ad una ora salvo
              accordi diversi intercorsi fra le squadre rimaste in gara e gli organizzatori con il consenso dell’Arbitro
              o salvo quanto previsto in particolari regolamenti approvati; però può essere maggiore qualora
              esigenze tecnico-organizzative lo richiedano.
         b) Interruzione notturna: Fermo restando il principio che per tutte le competizioni è tassativamente
              vietato iniziare le partite dopo le ore 23,00, quando ci sono partite in corso a tale ora si procede
              come segue:
                   1) Se il programma di gara prevede il proseguimento della stessa nel giorno successivo, le
                        partite sono sospese alle ore 24, al termine della giocata in corso e vengono riprese
                        nell’orario indicato dall’Arbitro, purché dopo le ore sette del mattino successivo, salvo che
                        non sia in corso la partita di finale, nel qual caso la stessa viene portata a termine.
                   2) Se il programma di gara non prevede il proseguimento della stessa nel giorno successivo,
                        le partite in corso sono portate a termine e l’eventuale continuazione della competizione è
                        regolata dal presente articolo (paragrafi successivi).
         c) La partita di finale non può essere interrotta, per i motivi ai punti a) e b) e non deve essere iniziata
              nei sessanta minuti antecedenti gli orari di interruzione sopra previsti.
   Rinvii: Lo svolgimento totale o parziale di una competizione può essere rinviato a causa di condizioni
    meteorologiche avverse, per il superamento dell’orario previsto o per altri motivi di forza maggiore. La
    decisione di rinvio viene adottata inappellabilmente dall’Arbitro e dallo stesso comunicata agli Organizzatori
    ed ai Giocatori. Qualora lo svolgimento di una competizione venga rinviata e le partite in corso interrotte, per
    motivi di forza maggiore, saranno continuate con il punteggio maturato ed il tempo rimanente il giorno ed ora
    concordato tra giocatori e la società organizzatrice, in mancanza di accordo, sarà la commissione tecnica
    che ha autorizzato la gara a stabilire la prosecuzione.
   Trasferimento di sede: Il trasferimento in altra sede della competizione non iniziata o sospesa, anche con
    partita in corso sia per impraticabilità dei campi di gara previsti dal programma della competizione sia per
    altre cause di forza maggiore, viene decisa ad esclusivo giudizio dell’Arbitro quando gli Organizzatori
    possono disporre di altri campi agibili (coperti o meno a seconda delle esigenze) nell’ambito comunale o nei
    comuni viciniori; dovrà essere dagli Organizzatori assicurato il trasporto dell’Arbitro e dei Giocatori che non
    dispongano di mezzi propri.
   Sede e data di effettuazione e prosecuzione in caso di rinvio: Sia per il rinvio totale sia per quello parziale, la
    nuova data di effettuazione e quella di prosecuzione sono, di norma, fissate dal Comitato Tecnico Federale
    che è edotto con la massima tempestività del rinvio tramite il rapporto arbitrale; la sede rimane quella fissata
    dal programma.

    F.11.          Punteggi partite
     Le partite che si svolgono in qualsiasi tipo di competizione e con qualsiasi tipo di formazione, devono, di
norma, terminare ai 13 (tredici) punti o, se a tempo entro l’orario previsto dal programma. Punteggi diversi
possono essere inseriti nei programmi delle competizioni dal Comitato Tecnico Federale o dagli Organi Periferici
previo parere del Comitato Tecnico Federale. Nelle gare ad eliminazione diretta, al fine di determinare la classifica
finale di una competizione dopo i primi due classificati, si deve tenere conto del punteggio acquisito nell’ultima
partita (punti fatti da una formazione meno i punti fatti dall’avversario); in caso di “partite vinte” per rinuncia o per
altro motivo d’ufficio, va assegnato alla formazione vincente il punteggio di 13 a 0 oppure il punteggio previsto dal
programma della competizione “…… a 0” ed in caso di ex equo si provvederà a sorteggio. Nelle manifestazioni
con girone all’italiana la classifica sarà determinata con i criteri previsti dal programma della competizione.

    F.12.          Durata partite
    Le partite a tempo che si svolgono in qualsiasi tipo di competizione, devono, di norma, avere durata di ore
1:30, 1:45 o 2:00 nelle competizioni individuali, a coppie o a terne e ore 2:00, 2:15 o 2:30 nelle competizioni a
quadrette. Durate diverse possono essere inserite nei programmi delle competizioni dal Comitato Tecnico
Federale o dagli Organi Periferici previo parere del Comitato Tecnico Federale.
                                   Disposizioni Tecniche Volo 2019 – Versione
                                                   26/09/2018
F.13.          Assegnazione campi in tutte le competizioni e Arbitraggi
     La dislocazione dei vari gironi nelle sedi di gioco è compito del Comitato Organizzatore. Non sarà tuttavia
concesso di spezzare ogni singolo girone della gara tra le varie sedi di gioco (salvo casi di forza maggiore, con
l’autorizzazione del Direttore di Gara).
     L’assegnazione dei campi di gioco è compito dell’Arbitro, il quale deciderà tra quelli messi a disposizione per
la gara. Nel periodo estivo si cercherà di privilegiare, nei limiti del possibile, l'utilizzo dei campi esterni.
     I campi delle Semifinali e della Finale sono assegnati a partire dai quarti di finale.
     In tutte le varie sedi di gioco è obbligatoria la presenza di una figura prevista dal Regolamento Arbitrale.

    F.14.          Trasmissione relazioni arbitrali
     È tassativamente prescritto all’Arbitro di ogni competizione di trasmettere subito, al termine della gara, e
comunque entro tre giorni all’Organo territorialmente competente, che tale manifestazione ha autorizzato, la
relazione arbitrale per mezzo di apposito modulo debitamente compilato (oppure tramite mail). Il testo delle
relazioni deve comprendere: denominazione, tipo e data della competizione, i nominativi ed il numero dei cartellini
dei giocatori appartenenti alle formazioni classificate di diritto, il numero delle formazioni partecipanti diviso per
Comitato ed ogni altra documentazione prevista dal programma della competizione stessa.
     L’omologazione dei risultati spetta agli organi Territoriali competenti.

         F.14.a. Campionati di Serie e Gare Nazionali
      Il Direttore di Gara degli incontri di Campionato di Società e di tutte le competizioni Nazionali, deve
trasmettere tempestivamente, al termine della competizione, il Rapporto Gara all’Ufficio Stampa. La
comunicazione deve avvenire via Fax al numero 06/99331369.
      Entro 48 ore deve inviare il referto scritto con lo sviluppo dei gironi anche tramite mail al Settore Tecnico
della F.I.B. - Roma, curando che lo stesso riporti fedelmente l’andamento complessivo della competizione, e in
particolare i fatti e gli episodi che interessino il comportamento disciplinare, organizzativo e personale di giocatori,
dirigenti e spettatori presenti. Dovrà essere cura del Direttore di Gara segnalare sul referto gara le formazioni che
risultano assenti rispetto a quelle iscritte.
      Il Direttore di Gara degli incontri di Campionato di Società e di tutte le competizioni Nazionali, qualora vi
fossero provvedimenti disciplinari da segnalare (cartellini gialli o rossi) deve trasmettere la segnalazione via fax
(0636856609) o e-mail (tecnico@federbocce.it) entro il primo giorno lavorativo utile.

    F.15.          Regolarità dei campi
     L’Arbitro di gara, con giudizio insindacabile, può dichiarare inagibili i terreni di gioco, trasferire in altra sede
la manifestazione o sospenderla in mancanza di altra sede.
     In caso di incontri a squadre:
     - Concede 30 minuti per la sistemazione del terreno;
     - Se questo non avviene considera come perse per la Società ospitante le partite tradizionali a quadrette,
terne, coppie e individuali per 0 – 13 e quelle di Combinato come se la Società ospitante non si fosse presentata
in campo (con le relative penalità);
     - Farà disputare esclusivamente il Tiro Progressivo, Tiro di Precisione e Tiro Rapido a Staffetta qualora
esistano le condizioni per disputarle.

    F.16.          Penalità per i ritardi

         F.16.a. Gioco tradizionale
     Le formazioni assenti saranno penalizzate come segue:
     Gli avversari segneranno un punto per i primi 10 minuti (10’) o frazione di dieci minuti di ritardo, altri due punti
per i successivi 5 minuti (5’) o frazione di cinque minuti, così di seguito sino allo scadere dei 20 minuti (20’), dopo
le formazioni in difetto saranno considerate perdenti 13-0. Le penalità per i ritardi dovranno essere applicate in
tutte le partite di gioco tradizionale, di tutte le categorie, con o senza limite di tempo.
     Nelle partite con limite di orario, il tempo del ritardo non sarà recuperato.
                                     Disposizioni Tecniche Volo 2019 – Versione
                                                          26/09/2018
Puoi anche leggere
DIAPOSITIVE SUCCESSIVE ... Annulla