OSSERVATORIO I-COM SUI CONSUMATORI 2017 - LA SICUREZZA NELL'ERA DIGITALE La difesa dei dati alla prova di internet 24 ottobre 2017

 
OSSERVATORIO I-COM SUI CONSUMATORI 2017 - LA SICUREZZA NELL'ERA DIGITALE La difesa dei dati alla prova di internet 24 ottobre 2017
OSSERVATORIO I-COM SUI CONSUMATORI 2017

       LA SICUREZZA NELL’ERA DIGITALE
      La difesa dei dati alla prova di internet

                  24 ottobre 2017
OSSERVATORIO I-COM SUI CONSUMATORI 2017 - LA SICUREZZA NELL'ERA DIGITALE La difesa dei dati alla prova di internet 24 ottobre 2017
Sempre più utenti online ma ancora poco competenti
                                                                                                                        Individui che hanno navigato in Internet negli ultimi 12 mesi
                                                                      100
        Nel 2016, il 71% degli italiani ha                             90                                                                                                                                83,5
        utilizzato Internet almeno una                                 80                                                                                                                                                                                                                                                                               71,0
        volta negli ultimi 12 mesi, un                                 70
                                                                       60
        dato in aumento di 14,2 p.p.

                                                               In %
                                                                       50

        rispetto a 5 anni prima, ma che                                40
                                                                       30
        resta tuttavia nettamente al di                                20
        sotto della media UE (83,5%) e                                 10
                                                                        0
        dei Paesi del Nord Europa, che

                                                                                                                                                                                                                 Rep. Ceca
                                                                                                                                         Paesi Bassi

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                           Portogallo
                                                                            Lussemburgo

                                                                                                      Regno Unito

                                                                                                                                                       Germania

                                                                                                                                                                                      Belgio

                                                                                                                                                                                                                                       Slovacchia

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                 Grecia
                                                                                                                                                                                                                                                                      Ungheria
                                                                                          Danimarca

                                                                                                                                                                                               Austria

                                                                                                                                                                                                                                                                                 Malta

                                                                                                                                                                                                                                                                                                            Lituania
                                                                                                                    Svezia

                                                                                                                                                                  Estonia

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                       Polonia
                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                 Croazia

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                        Italia

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                          Romania
                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                    Bulgaria
                                                                                                                             Finlandia

                                                                                                                                                                            Francia

                                                                                                                                                                                                         EU 28

                                                                                                                                                                                                                             Irlanda

                                                                                                                                                                                                                                                    Spagna
                                                                                                                                                                                                                                                             Latvia

                                                                                                                                                                                                                                                                                         Slovenia
                                                                                                                                                                                                                                                                                                    Cipro
        presentano un dato molto
        prossimo alla totalità
                                                                                                                                                                                                             2011                      2016

                Individui con competenze digitali di base o sopra la base (2016)
        100
         90
                                                                                                                                                                                                            Purtroppo, solo il 43,7% degli
         80
         70                                                                                                                                                                                                 italiani    mostra      di     avere
                                      56,2
         60                                                                                                                                                                                                 competenze digitali, meglio solo di
 In %

         50                                                                                                             43,7
         40
                                                                                                                                                                                                            Cipro, Romania e Bulgaria, e ben al
         30                                                                                                                                                                                                 di sotto del dato europeo (56,2%).
         20
         10
                                                                                                                                                                                                            Anche in questo caso sono i Paesi
          0                                                                                                                                                                                                 nordici a dominare la classifica
                Paesi Bassi
              Lussemburgo

                 Portogallo
               Regno Unito

                  Germania

                      Belgio

                 Slovacchia

                      Grecia
                Danimarca

                     Austria

                     Estonia

                     Croazia
                  Rep, Ceca
                     Spagna

                    Lituania
                  Ungheria

                       Malta

                     Polonia
                     Irlanda
                        Italia

                   Romania
                    Bulgaria
                   Finlandia

                      Svezia

                       EU 28
                     Francia

                    Slovenia

                       Latvia

                        Cipro

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                     2
Fonte: Eurostat 2017
OSSERVATORIO I-COM SUI CONSUMATORI 2017 - LA SICUREZZA NELL'ERA DIGITALE La difesa dei dati alla prova di internet 24 ottobre 2017
Sempre meno preoccupati dell’e‐commerce

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                          Individui che ordinano beni e servizi online
            Aumenta,                 nell’ultimo
                                                                                                                                                                                                                    90
            quinquennio, la percentuale di                                                                                                                                                                          80
            individui che acquista online:                                                                                                                                                                          70
            nell’UE più di un cittadino su due                                                                                                                                                                      60
                                                                                                                                                                                                                    50
            preferisce l’e‐commerce, un dato

                                                                                                                                                                                                           %
                                                                                                                                                                                                                    40
            cresciuto di 13 p.p. rispetto al                                                                                                                                                                        30

            2011. In Italia il dato cresce poco                                                                                                                                                                     20
                                                                                                                                                                                                                    10
            di più (14 p.p.) ma resta basso nel                                                                                                                                                                          0
            complesso (29% nel 2016),

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                          Rep. Ceca
                                                                                                                                                                                                                                                                                                       Paesi Bassi

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                 Francia
                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                             Irlanda

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                              Portogallo
                                                                                                                                                                                                                                       Regno Unito

                                                                                                                                                                                                                                                                  Lussemburgo

                                                                                                                                                                                                                                                                                            Germania

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                 Belgio

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                     Slovacchia

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                     Grecia
                                                                                                                                                                                                                                                     Danimarca

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                       Austria

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                      Malta

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                     Ungheria
                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                       Spagna

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                Lituania
                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                Polonia

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                           Croazia

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                   Italia
                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                            Bulgaria
                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                       Romania
                                                                                                                                                                                                                                                                                Svezia

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                          Estonia

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                  UE 28
                                                                                                                                                                                                                                                                                                                     Finlandia

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                              Latvia

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                          Slovenia

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                           Cipro
            rendendo il nostro Paese ancora
            terzultimo tra i Paesi UE.
                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                    2011                  2016

                                           Individui che non hanno acquistato online per ragioni di sicurezza
       35

       30
                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                              L’Italia è uno dei Paesi dove la
       25
                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                              preoccupazione sulla sicurezza come
       20
                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                              ostacolo agli acquisti online è
In %

       15
                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                              diminuita, passando dal 24% al 17%,
       10                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                     la variazione negativa più consistente
        5                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                     a livello UE.
        0
                                                                                                  Paesi Bassi
                                                                                     Portogallo

                                                                                                                                   Belgio

                                                                                                                                                                         Lussemburgo

                                                                                                                                                                                                                                  Grecia

                                                                                                                                                                                                                                                           Germania

                                                                                                                                                                                                                                                                                    Slovacchia
                                                                                                                                                                                                                                                                         Ungheria
                                           Lettonia

                                                                                                                                            Italia

                                                                                                                                                               Austria

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                           Lituania
                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                      Rep. Ceca
            Svezia
                     Francia

                                                      Spagna

                                                                                                                Malta
                                                               Romania
                                                                         Danimarca

                                                                                                                                                     Estonia

                                                                                                                                                                                                                                                                                                               Polonia
                               Finlandia

                                                                                                                                                                                       UE 28
                                                                                                                                                                                               Bulgaria
                                                                                                                                                                                                          Irlanda

                                                                                                                                                                                                                                              Croazia
                                                                                                                        Slovenia

                                                                                                                                                                                                                    Regno Unito

                                                                                                                                                                                                                                                                                                 Cipro

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                       3
       Fonte: Eurostat 2017                                                                                                                 2010               2015
OSSERVATORIO I-COM SUI CONSUMATORI 2017 - LA SICUREZZA NELL'ERA DIGITALE La difesa dei dati alla prova di internet 24 ottobre 2017
Più internet banking e transazioni cashless

        Secondo le stime del World Payments Report                                                                                Numero di transazioni mondiali (in miliardi), per area geografica, 2015‐2020
        2017, le transazioni cashless a livello globale                                                                     750

                                                                                    Transazioni senza contanti (miliardi)
        cresceranno dai 433 miliardi nel 2015 a più di                                                                                                                                                                 181,7
        725 miliardi entro il 2020, ad un CAGR di circa                                                                                                                                                174,9
        l’11%.                                                                                                              500                                                      167,8                             139,3
                                                                                                                                                                       161,1
        In particolare, l’area geografica in cui le                                                                                                      153,9                                         130,7
                                                                                                                                       147,4                                                                           65,3
        transazioni cashless cresceranno maggiormente                                                                                                                  115,4
                                                                                                                                                                                     122,7
                                                                                                                                                                                                       61,3
        è l’Asia in via di sviluppo (31%).                                                                                  250        101,5
                                                                                                                                                         108,1
                                                                                                                                                                        53,3
                                                                                                                                                                                      57,3
                                                                                                                                                                                                                       211,5
                                                                                                                                                         49,3                                          159,1
        La crescita in Europa è, invece, inferiore alla                                                                                 45,3                            92,8
                                                                                                                                                                                     120,6
                                                                                                                                         55              70,7
        media globale e pari al 6,5%                                                                                                    44,7             48,7           54,9          60,5             66,7            72,8
                                                                                                                                        39,1             41,9           44,9          48,1             51,4            55,2
                                                                                                                             0
                                                                                                                                        2015             2016          2017E         2018E            2019E            2020E

                                                                                                                                       America Latina              CEMEA*                    Asia in via di sviluppo
                                                                                                                                       Asia sviluppata             Europa (con Eurozona) Nord America
                        Individui che usano l'internet banking                                                                                                   *CEMEA = Central Europe, Middle East and Africa

       60
                                                                               49
                                                                                                                                     Aumentano, in Italia, gli individui che utilizzano
                                                                 46
       50
                         40            42            44                                                                              l’internet banking per accedere alle proprie
       40   36                                                          ‐20 p.p.                                                     informazioni e operazioni bancarie, dal 20% del
                                                                                                                                     2011 al 29% del 2016, ma si allarga la forbice
in %

       30    ‐16 p.p.

       20                                                        28            29                                                    con la media UE che da ‐16 p.p. passa a ‐20 p.p.
                                                     26
            20           21            22                                                                                            nel quinquennio, risultando tra le ultime
       10
                                                                                                                                     posizioni, prima solo di Portogallo, Cipro,
       0
            2011        2012          2013         2014          2015        2016
                                                                                                                                     Grecia, Romania e Bulgaria.
                                     UE 28        Italia
                                                                                                                                                                                                                       4
  Fonte: Eurostat 2017; World Payments Report 2017
OSSERVATORIO I-COM SUI CONSUMATORI 2017 - LA SICUREZZA NELL'ERA DIGITALE La difesa dei dati alla prova di internet 24 ottobre 2017
Aumento di imprese con una finestra online

   Il processo di digitalizzazione interessa anche le imprese e le modalità con le quali esse si presentano sul
   mercato. Il 71,3% delle imprese italiane possiede un proprio sito web o una homepage, un dato inferiore
   di circa 6 p.p. rispetto alla media europea. In tutti i Paesi UE la tendenza è stata negli anni crescente: nel
   periodo considerato, la diffusione tra le imprese è aumentata, in alcuni Paesi anche in maniera
   significativa. In Italia, la crescita è stata pari a 8,7 p.p.

                                         Imprese munite di un sito web o una homepage
               100

                90

                80

                70

                60
        In %

                50

                40

                30

                20

                10

                 0

                                                          2011   2016

                                                                                                               5
Fonte: Eurostat 2017
OSSERVATORIO I-COM SUI CONSUMATORI 2017 - LA SICUREZZA NELL'ERA DIGITALE La difesa dei dati alla prova di internet 24 ottobre 2017
Sempre più dati online

   Relativamente all’esposizione degli utenti a potenziali abusi e violazioni di dati, esemplificativo è il dato
   Eurostat che riporta un sostanziale aumento di utenti che utilizzano gli strumenti di archiviazione online
   per salvare dati personali.
   La propensione ad impiegare la rete come strumento di archiviazione prende, infatti, sempre più piede:
   In Italia, la percentuale di individui che adopera Internet a tal fine è cresciuta, nel periodo 2014‐2016, di
   3,6 p.p., passando dal 26,6% al 29,2%, leggermente meno che in media nell’UE (31,5% nel 2016)

                                Utenti internet che utilizzano lo spazio internet per salvare file (ultimo trimestre)
   60,0

   50,0

   40,0

   30,0

   20,0

   10,0

    0,0

                                                                    2014      2016
                                                                                                                        6
Fonte: Eurostat 2017
OSSERVATORIO I-COM SUI CONSUMATORI 2017 - LA SICUREZZA NELL'ERA DIGITALE La difesa dei dati alla prova di internet 24 ottobre 2017
Cybersecurity: un problema sempre più stringente

    Gli attacchi informatici continuano a crescere nel corso del tempo e il 2017 punta ad essere un anno
    molto delicato per la cybersecurity.
    Prendendo in considerazione i dati del Rapporto Clusit 2017 (che si basa su un campione
    complessivo di 5.738 attacchi noti di particolare gravità), si nota che dal 2011 al 2016, il numero di
    attacchi a livello globale, nei settori analizzati, è aumentato del 95%, passando da 469 a 913 casi. In
    particolare, nel settore «Servizi online/Cloud» il numero di attacchi nel 2016 è stato 12 volte quello
    registratosi nel 2011. La «Sanità» è stato il secondo settore per aumento (+630%), seguito dal settore
    «Banche/Finance» (+518%).

                                                      Numero di attacchi informatici, per settore
      700                                                                                              1400%

      500                                                                                              1000%

      300                                                                                              600%

      100                                                                                              200%

     ‐100                                                                                              ‐200%

                                                              2011    2016   Var. % (asse dx)

* Il dato 2011 per il settore GDO/retail non è disponibile                                                7
Fonte: Clusit 2017
OSSERVATORIO I-COM SUI CONSUMATORI 2017 - LA SICUREZZA NELL'ERA DIGITALE La difesa dei dati alla prova di internet 24 ottobre 2017
Gli attacchi cyber

                                                             Distribuzione delle minacce informatiche (2016)

   Secondo i dati Clusit, nel 2016 a livello                                             5%
                                                                                  8%
   globale, il 72% degli attacchi informatici ha
   riguardato i cybercrime, con la restante fetta
                                                                            15%
   suddivisa tra hackeraggi (15%), spionaggio e
   sabotaggio (8%) e guerra cibernetica (5%).
                                                                                                        72%

                                                          Cyber crimini      Hackeraggio        Spion./Sabot.          Guerra cyber

   Il cybercrime registra, nel quinquennio 2011‐                      Distribuzione attacchi per finalità nel quinquennio
   2016, un aumento del 342%, passando da 170       800                                                                                      400%

   a 751 e attestandosi come il più frequente       700              342%                                                                    350%
                                                    600                                                                                      300%
   degli attacchi. Lo spionaggio e il sabotaggio                                                                283%
                                                                                                                                  257%
                                                    500                                                                                      250%
   crescono del 283%, seguiti dalla guerra          400                                                                                      200%
   cibernetica (+257%) e dagli attacchi hacker      300                                                                                      150%
   (+41%). Complessivamente gli attacchi            200                                                                                      100%

   informatici nel 2016 raggiungono quota 1050,     100                                 41%                                                  50%

   in crescita pari del 227% rispetto al 2011.        0
                                                           Cyber crimini        Hackeraggio          Spion./Sabot.       Guerra cyber
                                                                                                                                             0%

                                                                                       2011   2016      var.%

                                                                                                                                         8
Fonte: Clusit 2017
OSSERVATORIO I-COM SUI CONSUMATORI 2017 - LA SICUREZZA NELL'ERA DIGITALE La difesa dei dati alla prova di internet 24 ottobre 2017
Le esperienze di violazione
                           Utenti internet (16‐74 anni) con esperienza diretta di violazione dei dati
                                                           personali                                    L’Italia è il secondo Paese all’interno dell’UE per numero
                      10                                                                                di violazioni subite (il 6% di coloro che utilizzano
                                                                                                        Internet), quasi il doppio della media europea.
                       8
                                                                                                        L’incidenza di attacchi è tuttavia diminuita (seppur di
  % utenti internet

                       6                                                                                poco) nel nostro Paese (‐0,5 p.p.), così come in altri Paesi.
                       4
                                                                                                        Più bassa la quota di individui che hanno subito perdite
                                                                                                        economiche per frodi informatiche (2,1%), in contrazione
                       2
                                                                                                        rispetto al 2010 (‐1,8 p.p.), a dispetto di Paesi quali
                       0                                                                                Belgio, Lussemburgo, Danimarca e Svezia, dove la

                              Slovacchia

                               Rep. Ceca
                                Romania

                             Danimarca
                             Paesi Bassi

                                  Francia

                                  Irlanda
                           Lussemburgo
                              Portogallo

                            Regno Unito

                                   Belgio

                               Germania

                                   Grecia

                                     Cipro
                                    Malta
                                     Italia
                                  Spagna

                                 Bulgaria

                               Ungheria

                                  Austria
                                    EU 28

                                  Croazia

                                 Lituania
                                   Svezia

                                  Polonia

                                  Estonia

                                Finlandia
                                 Slovenia

                                    Latvia
                                                                                                        problematica è diventata più diffusa.
                                                                                                        Dai dati dell’Osservatorio Crif 2017, risulta che le fasce
                                                                                                        d’età più colpite sono quelle comprese tra i 31 e i 40 anni
                                                           2010   2015                                  e quella tra i 41 e i 50 anni, che complessivamente
                                Utenti internet che hanno subito perdita economica per frodi
                                                                                                        spiegano esattamente metà delle frodi esaminate
                      12                                informatiche                                    nell’osservatorio.
                      10
                                                                                                                           Vittime per fasce d'età (2016)
                       8
In %

                       6                                                                                                            over 60      18‐30
                                                                                                                                     14%          17%
                       4

                       2
                                                                                                                            51‐60
                       0                                                                                                     19%
                                                                                                                                                         31‐40
                               Rep. Ceca
                             Paesi Bassi
                                   Belgio
                           Lussemburgo

                            Regno Unito

                              Portogallo
                               Germania

                                   Grecia

                              Slovacchia
                             Danimarca

                                  Spagna

                                    Malta

                                  Austria

                               Ungheria

                                 Lituania
                                   Svezia

                                  Francia

                                    UE 28

                                  Irlanda
                                     Italia

                                Romania

                                 Bulgaria
                                  Polonia
                                  Croazia

                                  Estonia
                                Finlandia

                                 Slovenia

                                    Latvia
                                     Cipro

                                                                                                                                                          23%

                                                                                                                                       41‐50
                                                                                                                                        27%
                                                           2010   2015
                                                                                                                                                                 9
               Fonte: Eurostat 2017; Osservatorio Crif 2017
OSSERVATORIO I-COM SUI CONSUMATORI 2017 - LA SICUREZZA NELL'ERA DIGITALE La difesa dei dati alla prova di internet 24 ottobre 2017
Cybersecurity: la duplice risposta delle imprese

Sale il livello di allerta tra le imprese che,                                                           Imprese con una formale politica di sicurezza sull'ICT
nel quinquennio 2010‐2015, rispondono,                                       60
in numero crescente, con formali                                             50
politiche di sicurezza sull’ICT.
                                                                             40
Tra     le     imprese      italiane    appare
                                                                             30
particolarmente sentito il problema: al
2015, il 42,9% di esse (22,4% nel 2010)                                      20

risultava aver formalizzato, all’interno                                     10
della sua azienda, un politica di sicurezza                                    0
informatica,       un     dato     nettamente

                                                                                       Rep. Ceca
                                                                                      Portogallo
                                                                                             Italia

                                                                                           Grecia
                                                                                       Germania
                                                                                          Croazia
                                                                                            Malta

                                                                                             Cipro

                                                                                          Spagna

                                                                                           Belgio

                                                                                          Francia

                                                                                         Bulgaria

                                                                                          Estonia

                                                                                         Lituania
                                                                                           Svezia

                                                                                     Danimarca

                                                                                        Finlandia

                                                                                     Paesi Bassi

                                                                                       Ungheria
                                                                                          Irlanda

                                                                                    Regno Unito

                                                                                            UE 28

                                                                                   Lussemburgo
                                                                                          Austria

                                                                                        Romania

                                                                                            Latvia

                                                                                          Polonia
                                                                                      Slovacchia

                                                                                         Slovenia
superiore alla media europea (31,6%), ma
tuttavia ancora basso se si considera la
portata del fenomeno.                                                                                                         2010     2015

                                       Crescita del settore sicurezza
                                                                                    5.609
           6.000                                                                                             Secondo una survey Vodafone, il 93% delle
           5.000                                                                                             imprese, a livello globale, riconosce
           4.000
                                                                                                             l’importanza della cybersecurity. Non a caso,
                                                                        3504
                                                                                                             stando ai dati UnionCamere, il settore
  UNITA'

           3.000
                                                                                                             sicurezza, dal 2011 a metà 2017, è cresciuto in
           2.000                                                                                             termini sia di numero di imprese (+37%) che di
           1.000              505          691                                                               numero di operatori (+60%). Tuttavia, secondo
                                                                                                             la survey Vodafone, solo il 41% delle imprese
              0
                     Imprese che si occupano di sicurezza    Operatori impegnati nel settore sicurezza       esaminate sa a chi rivolgersi.
                                              2011     metà 2017
                                                                                                                                                                  10
Fonte: Eurostat 2017; UnionCamere e InfoCamere 2017
La roadmap della Commissione UE

                                        Proposta di regolamento sulla cibersicurezza
        ENISA                      Relativo all’ENISA, che abroga il Reg. UE n.526/2013, e
     Scadenza mandato:
                                    relativo alla certificazione della cibersicurezza per le
           2020
       (durata 7 anni)              tecnologie dell’informazione e della comunicazione
     Reg. (UE) n. 526/2013             Presentata il 13.9.2017 dalla Commissione UE
                                             durante lo Stato dell’Unione 2017

         Creazione Agenzia UE su Cybersecurity                         Potenziamento del budget e personale
       Attribuendo all’ENISA più poteri e funzioni, con                Aumentare lo staff di ENISA da 84 a 125 unità,
       un mandato permanente ponendola al centro del                   con contestuale aumento del budget da € 11
       processo di rafforzamento dei sistemi di                        milioni a € 23 milioni in 5 anni (€ 5 milioni per
       sicurezza, grazie anche a simulazioni di attacchi               il 1° anno e progressivo raggiungimento
       informatici e al miglioramento della                            spalmato in 4 anni).
       collaborazione e del coordinamento tra gli Stati
       membri.
                                                                         Supporto a sviluppo e implementazione
         Supporto alle conoscenze e all’informazione                             politiche di sicurezza
                                                                       Rafforzare il lavoro della Commissione UE e
         Diffondere informazioni utili in tempi brevi
                                                                       degli Stati membri nello sviluppo,
         per consentire alle Istituzioni, alle imprese e ai
                                                                       implementazione e revisione generale delle
         cittadini di essere aggiornati e preparati
                                                                       politiche sulla cybersecurity, soprattutto
         riguardo gli sviluppi della cybersecurity e i
                                                                       riguardo i settori strategici indentificati dalla
         rischi che, di volta in volta, si presentano a
                                                                       Direttiva NIS (energia, trasporti e finanza).
         riguardo.

Fonte: Fact Sheet, State of the Union 2017, EU Commission                                                                  11
La roadmap della Commissione UE

                   Cooperazione operativa                                           Ruolo chiave nella certificazione di
                    e gestione delle crisi                                                    cybersecurity
       Supportare e contribuire alla cooperazione, a                            Monitorare e analizzare le tendenze di mercato
       livello europeo, all’interno della rete del CSIRTs                       pertinenti alla sicurezza informatica per
       (Computer Security Incident Response Teams)                              migliorare l’incontro domanda/offerta,
       e fornire assistenza agli Stati membri nel                               sostenendo politiche UE riguardo normazione
       fronteggiare gli incidenti di tipo informatico.                          e certificazione della cybersecurity ICT.

                                              Un unico processo di sviluppo dei sistemi di
                                                            certificazione
          Gruppo europeo per la              I sistemi europei di certificazione saranno                     Certificazione
               certificazione                preparati dall’ENISA, con la collaborazione del
      composto dalle autorità nazionali di                                                                         UE
                                             Gruppo europeo per la certificazione e,
                 controllo degli Stati UE.                                                                   Cybersecurity
       Compito: affiancare Commissione       successivamente, adottati con atti esecutivi dalla
           ed ENISA nella certificazione     Commissione UE

      Più chiarezza e fiducia sui prodotti                                     Agevolazione per le imprese
     Un sistema unico di certificazione di                                Creazione di uno sportello unico, valido su tutto
     cybersecurity, a livello europeo, che offra uguali                   il territorio UE, presso cui le imprese ICT
     standard di sicurezza in tutti i Paesi Membri                        potranno rivolgersi per certificare i propri
     dell’UE per una maggior chiarezza e fiducia tra                      prodotti da immettere sul mercato, con costi certi
     produttori ICT, rivenditori e consumatori.                           e non troppo onerosi.
                                                                                                                                 12
Fonte: Fact Sheet, State of the Union 2017, EU Commission
La roadmap della Commissione UE

       Organismi di valutazione
      costantemente monitorati                                   Un passo in avanti per tutti
Le imprese, dovranno presentare domanda di                 Un sistema unico di certificazione offre maggior
certificazione ad organismi di valutazione                 affidabilità dei prodotti con grandi vantaggi sia
accreditati da un apposito organismo di                    per le imprese produttrici che per i consumatori.
accreditamento. L’accredito ha durata massima              Le imprese non dovranno più adottare
di 5 anni, rinnovabile solo dopo una nuova                 certificazioni differenti per accedere a
valutazione di conformità dei requisiti previsti.          determinati mercati.
                                                           I consumatori non avranno davanti una jungla di
                                                           certificati che rende poco chiaro il livello di
                                                           sicurezza dei prodotti, incentivando gli stessi ad
                                                           acquistare con maggior sicurezza e tranquillità.

                                                              Attuali certificazioni in UE
                                                    •   SOG‐IS MRA (adottata da 12 Stati Membri più la
                                                        Norvegia): profili di protezione su numero limitato di
                                                        prodotti, quali firma digitale, tachigrafo digitale e
                                                        smart card
                                                    •   CPA (Commercial Product Assurance, UK): applicato
                                                        su prodotti in vendita, certifica le buone pratiche di
                                                        produzione in rispetto di standard di sicurezza,
                                                        normalmente non riconosciuto da altri Paesi
                                                    •   CSPN (Certification de Sécurité de Premier Niveau,
                                                        Francia) simile al CPA, anch’esso normalmente non
                                                        riconosciuto oltre i confini nazionali

                                                                                                                       13
                                                           Fonte: Fact Sheet, State of the Union 2017, EU Commission
La roadmap della Commissione UE

       Efficace risposta di diritto penale                        Lotta alle frodi informatiche
     Intensificare le misure d'individuazione,               La proposta mira a contrastare duramente le
     tracciabilità e perseguimento dei                       pratiche di frodi e falsificazioni dei metodi di
     cibercriminali.                                         pagamento cashless, ponendo queste
     La Commissione intende adeguare le                      fattispecie di reato alla stregua di quelle
     normative penali degli Stati membri per                 contro i mezzi d’informazione.
     adeguare le pene alla gravità dei reati
     informatici.

                                                                  Rafforzamento delle pene
              Maggior tutela delle vittime                  Adeguare le leggi penali con comuni livelli
                                                            minimi di pena (dai 2 ai 5 anni, a seconda
         La proposta mira ad assicurare che le vittime      della tipologia e gravità del reato),
         di ciberattacchi possano accedere a tutte le       rafforzando il ruolo delle autorità preposte al
         informazioni necessarie, soprattutto riguardo      controllo e al contrasto di tali comportamenti
         l’assistenza e il supporto, puntando ad            criminosi.
         incentivare gli stessi a segnalare i
         ciberattacchi.

Fonte: Fact Sheet, State of the Union 2017, EU Commission                                                  14
Questioni chiave

 L’innovazione tecnologica corre sempre più velocemente ma su un binario differente rispetto
  all’innovazione sociale. Quanto può influire nell’accelerazione di quest’ultima l’avvento delle
  nuove tecnologie?
 Da strumenti sofisticati, per addetti ai lavori, la presenza di smartphone ha rivoluzionato il
  nostro modo di compiere operazioni quotidiane, come accedere al nostro conto in banca o
  leggere le notizie. Può la sempre più ampia diffusione delle tecnologie semplificare l’accesso
  degli individui a servizi fino ad ora troppo costosi, abbattendo barriere spazio‐temporali oltre
  che economiche? (Es. accesso a cure a distanza, esami specialistici senza spostarsi dalla propria
  abitazione e a costi ridotti?) Se sì, in che modo e quanto inciderà sulla qualità della vita e quanto
  sull’esposizione a rischi di violazione della privacy?
 Da un lato si teme per la propria privacy, sull’accesso indesiderato di terzi a informazioni
  personali ma, dall’altro, aumentano coloro che utilizzano Internet come strumento di
  archiviazione di foto e dati personali. Qual è il modo con cui rassicurare gli utenti riguardo
  l’inviolabilità dei propri dati sia da parte di terzi che da parte dei gestori dei servizi stessi?
 Quanto sono realmente esposti gli individui verso possibili attacchi e come comprenderne,
  autonomamente, l’esposizione, cercando di attuare delle basilari best practice?
 Quali politiche mettere in campo per incentivare le imprese ad innalzare i propri livelli di
  sicurezza?
 La cybersecurity viene spesso associata a determinate tecniche di sicurezza, sinonimo di
  costante monitoraggio e di criptaggio di dati. Quanto tempo ancora la cybersecurity verrà
  considerata esclusivamente un problema tecnico‐pratico piuttosto che anche un problema
  culturale? Non è dall’educazione del cittadino ai rischi che bisogna partire? Se sì, come
  procedere?
Questioni chiave

 Una risposta a livello europeo apre la strada ad una collaborazione tra gli Stati ma si continua a
  porre alla base un discorso territoriale, fatto comunque di confini fisici, mentre Internet, al
  contrario, è borderless. Quanto potrà essere realmente efficace una politica europea di
  contrasto ai cyber crimini? Una risposta globale sarà possibile? Se sì, tra quanto e in che modo
  strutturarla?
 Piani strategici su diversi livelli istituzionali puntano a migliorare i sistemi di sicurezza ma l’uomo
  rimane elemento centrale per il controllo e il contrasto degli attacchi informatici. Ci sarà un
  piano strategico anche sul versante della formazione? Se sì, di che tipo e a che livello?
 Maggior sicurezza implica maggior monitoraggio dei diversi soggetti esposti, dalle imprese ai
  singoli individui. La corsa verso una maggior sicurezza potrebbe implicare una riduzione della
  privacy dei soggetti monitorati? In caso di esito positivo, in che modo individuare il punto di
  equilibrio?
Grazie!

    Piazza dei Santi Apostoli 66
    00187 Roma
    tel. +39 06 4740746
    fax +39 06 4746549

    Rond Point Schuman 6
    1040 Bruxelles
    tel. + 32 (0) 22347882

    info@i-com.it
    www.i-com.it
Puoi anche leggere
DIAPOSITIVE SUCCESSIVE ... Annulla