P IANO di P REVENZIONE DELLA CORRUZIONE E DELLA TRASPARENZA 2019/2021

 
P IAN O d i P REVEN ZION E D ELLA CORRU ZION E
                                       E DELLA TRASPARENZA
                                              2019/2021

Emissione da: RPCT Responsabile Prevenzione della Corruzione e della Trasparenza

Approvazione: Consiglio di Amministrazione in data 30/01/2019

                                                                       1
Indice                                                             Pagina

PARTE GENERALE

STORIA E PROFILO DELLA FONDAZIONE                                           4

QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO                                         6

IL RESPONSABILE DELLA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE                      8

IL PIANO DI PREVENZIONE NEL ROSSINI OPERA FESTIVAL                      11

LA TIPOLOGIA DEI REATI RILEVANTI PER LA NORMATIVA ANTICORRUZIONE        12

GESTIONE DEL RISCHIO CORRUZIONE                                         21

ESPEDIENTI ORGANIZZATIVI E PROTOCOLLI PREVENTIVI PER LE ATTIVITÀ
A RISCHIO CORRUZIONE                                                    22

FORMAZIONE E DIFFUSIONE DEL PIANO                                       24

CODICE DI COMPORTAMENTO E SISTEMA DISCIPLINARE                          26

FLUSSI INFORMATIVI VERSO IL RESPONSABILE DELLA PREVENZIONE
DELLA CORRUZIONE                                                        27

AGGIORNAMENTO DEL PIANO                                                 27

INCONFERIBILITÀ E INCOMPATIBILITÀ DI INCARICHI                          28

PIANO PER LA TRASPARENZA                                                29

                                                        2
PARTE SPECIALE

IL PROCESSO DEI VALUTAZIONE DEI RISCHI                              35

     ANALISI E PROTOCOLLI SPECIFICI DI COMPORTAMENTO
     E CONTROLLO TRATTAZIONE PER FUNZIONE                           38

     AREA ATTIVITÀ A - RISORSE UMANE                                39

     AREA ATTIVITÀ B - AFFIDAMENTO DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE   40

     AREA ATTIVITÀ C - GESTIONE AMMINISTRAZIONE E FINANZA
           AREA ATTIVITÀ C.1 - GESTIONE DELLE SPESE                 41

           AREA ATTIVITÀ C.2 - GESTIONE DELLE ENTRATE
                 AREA ATTIVITÀ C.2.1 - FINANZIAMENTI PUBBLICI       41
                 AREA ATTIVITÀ C.2.2 - ALTRE ENTRATE                42

     AREA ATTIVITÀ D - GESTIONE OMAGGI                              43

     AREA ATTIVITÀ E - GESTIONE CONTENZIOSI E GESTIONE DELLE
                 VERIFICHE E DELLE ISPEZIONI                        44

     AREA ATTIVITÀ F - GESTIONE ATTIVITÀ PROMOZIONE
                 E PUBBLICITÀ (RIMBORSI SPESA)                      45

     AREA ATTIVITÀ G - GESTIONE DEGLI ACCORDI DI COPRODUZIONE
                 CON ALTRI ENTI                                     45

TABELLA RIEPILOGO VALUTAZIONE DEI RISCHI                            46

                                                         3
STORIA E PROFILO DELLA FONDAZIONE

Il Ro s s in i Op e ra F e s tiv a l (ROF ) è u n en t e a u t on om o ch e pr om u ove l om on im a m a n ifest a zion e lir ica in t er n a zion a le in t er a m en t e dedica t a a
Gioachino Rossini, che si tiene con cadenza annuale nel mese di agosto a Pesaro, città natale del Compositore.
Su o scopo è il r ecu per o, la r est it u zion e t ea t r a le e lo st u dio del pa t r im on io m u sica le lega t o a l n om e del Com posit or e, ch e la scia n do er ede u n iver sa le di
t u t t a la su a cospicu a for t u n a il Com u n e di P esa r o, h a con sen t it o la n a scit a dell a t t u a le Con ser va t or io di m u sica e della F on da zion e Rossin i.
Da l ROF vien e fa vor it a la m a ssim a diffu sion e della m u sica r ossin ia n a t r a m it e i va r i m ezzi di com u n ica zion e, n on ch é la pr om ozion e di con vegn i,
seminari di studio, dibattiti finalizzati anche alla diffusione di alta cultura musicale.
Il ROF è st a t o ist it u it o n el 1980, sem pr e a d oper a del Com u n e di P esa r o, con l in t en t o di a ffia n ca r e e pr osegu ir e in ca m po t ea t r a le l a t t ivit à scien t ifica
della F on da zion e Rossin i: è n a t o così u n or igin a le la bor a t or io in t er a t t ivo di m u sicologia a pplica t a , fin a lizza t o a l r ecu per o m u sicologico, t ea t r a le ed
editoriale di tutto il sommerso rossiniano.
Il ROF è st a t o gest it o per i pr im i cin qu e a n n i dir et t a m en t e da l Com u n e di P esa r o; si è poi t r a sfor m a t o n el 1985 in u n en t e a u t on om o pr om osso da lle
Amministrazioni comunale e provinciale pesaresi.
Da ll a pr ile 1994 il F est iva l h a a ssu n t o vest e giu r idica di FONDAZIONE, senza scopo di lucro, pur mantenendo la sua denominazione originaria.
Sogget t i pr om ot or i del n u ovo en t e son o il Com u n e di P esa r o, la P r ovin cia di P esa r o e Ur bin o, la F on da zion e Ca ssa di Rispa r m io di P esa r o, In t esa
Sa n pa olo e la F on da zion e Sca volin i, ch e cost it u iscon o l Assemble a d e g li En ti fo n d a to ri del Rossin i Oper a F est iva l pr esiedu t a da l Sin da co pro
tempore del Comune di Pesaro.
La Fondazione ha modificato il proprio STATUTO con atto notarile del 21.02.2018, registato in data 02.03.2018 al n. 810.
Nel n u ovo a sset t o ist it u zion a le l Assem blea degli E n t i fon da t or i n om in a il Con siglio di Am m in ist r a zion e, pr esiedu t o da l Sin da co di P esa r o, con fa colt à
da pa r t e di qu est u lt im o t u t t a via di n om in a r e t er zi sogget t i a l pr opr io post o (a r t . 8).
È di com pet en za dell Assem blea l elezion e del C.d.A. e la det er m in a zion e delle in den n it à dei com pon en t i, l elezion e del Sovr in t en den t e, l elezion e dei
Sin da ci Revisor i e la det er m in a zion e delle in den n it à dei com pon en t i, le even t u a li m odifich e st a t u t a r ie, l even t u a le a m m ission e di n u ovi E n t i,
l a ppr ova zion e della r ela zion e a n n u a le del Sovr in t en den t e e la ver ifica della coer en za dell a t t ivit à svolt a con i pr in cipi ist it u zion a li dell E n t e.
Il Co n s ig lio d i Am m in is tra zio n e è for m a t o da cin qu e m em br i, di cu i u n o è il Sin da co del Com u n e di P esa r o, sa lvo n om in a a t er zi, m en t r e gli a lt r i
qu a t t r o son o n om in a t i da ll Assem blea , t r a per son a lit à di r icon osciu t i pr est igio, cu lt u r a , com pet en za e pr obit à , pr ivi di in t er essi pr ofession a li
n ell a m bit o dello spet t a colo.
È dem a n da t o a l C.d.A. la n om in a del Dir et t or e gen er a le, del Dir et t or e a r t ist ico (su pr opost a del Sovr in t en den t e), l a ppr ova zion e degli in ca r ich i a lle
diver se figu r e pr ofession a li fa cen t i pa r t e dell Or ga n izza zion e gen er a le del F est iva l e r ela t ivi con t r a t t i, l a ppr ova zion e del pia n o fin a n zia r io pr even t ivo e
con su n t ivo delle m a n ifest a zion i, l a ppr ova zion e del bila n cio a n n u a le, l a ppr ova zion e del pr ogr a m m a di cia scu n a edizion e del F est iva l e det er m in a zion e

                                                                                                    4
del pr ezzo dei r ela t ivi bigliet t i di in gr esso, l a ppr ova zion e dei con t r a t t i con a r t ist i, t ecn ici e per son a le occasionale. In generale il C.d.A. delibera su tutti
gli a t t i ch e r ien t r a n o n ell a t t ivit à a m m in ist r a t iva gest ion a le or din a r ia e st r a or din a r ia della F on da zion e.
Il S o v rin te n d e n te e il D ire tto re a rtis tic o r a ppr esen t a n o du e figu r e ca r din e e im pr escin dibili per lo svolgim en t o del F est iva l essen do dem a n da t e
agli stessi le scelte in ambito artistico e, in generale, ogni attività di verifica e coordinamento finalizzata alla migliore riuscita della manifestazione.
Sono quindi nominati tra figure di riconosciuta competenza ed esperienza in tale settore.
Al Sovr in t en den t e, n el det t a glio, è dem a n da t a la r espon sa bilit à di t r a ccia r e le lin ee gen er a li dell a t t ivit à a r t ist ica della F on da zion e: n e ela bor a i pia n i
plu r ien n a li, pr edispon e i pr ogr a m m i delle sin gole edizion i del F est iva l con le r ela t ive pr evision i di spesa d in t esa con il Dir et t or e gen er a le, segu e
l a t t u a zion e dei pr ogr a m m i e l a llest im en t o degli spet t a coli su l pia n o a r t ist ico e scien t ifico. Di t a le a t t ivit à e, in pa r t icola r e, in or din e a l pr ogr a m m a
dell a n n o in cor so, cir ca l esit o del F est iva l dell a n n o pa ssa t o e su lle pr ospet t ive della m a n ifest a zion e, r ifer isce a ll Assem blea .
Il Dir et t or e a r t ist ico pu ò esser e pr opost o da l Sovr in t en den t e se r it ien e n ecessa r ia la n om in a di t a le figu r a . Nel ca so è ch ia m a t o a coadiuvare
qu est u lt im o per qu a n t o a t t ien e a lla in dividu a zion e dei ca st a r t ist ici, delle or ch est r e e dei cor i. Tien e i r a ppor t i con gli st essi e pr opon e gli sch em i dei
r ela t ivi con t r a t t i da sot t opor r e a ll a ppr ova zion e del Sovr in t en den t e e del Con siglio di Am m in ist r a zion e. Il Sovr in t en den t e e il Dir et t or e a r t ist ico
posson o pa r t ecipa r e sen za dir it t o di vot o a lle r iu n ion i del Con siglio di Am m in ist r a zion e. At t u a lm en t e il Sovr a in t en den t e n on si è a vva lso della fa colt à
di nominare un Direttore Artistico.
Il Direttore generale della Fondazione, nominato dal Consiglio di Amministrazione, in persona di comprovata professionalità in ambito organizzativo
e gest ion a le con pa r t icola r i con oscen ze econ om ich e, a m m in ist r a t ive e con t a bili, è il ca po degli Uffici e del P er son a le della F on da zion e. Sovr in t en de a
t u t t e le a t t ivit à dell a ppa r a t o or ga n ico con pa r t icola r e a t t en zion e a l pa t r im on io, a i bila n ci e a lla con t a bilit à . Il Dir et t or e gen er a le pa r t ecipa a lle r iu n ion i
del Con siglio di Am m in ist r a zion e e dell Assem blea r edigen don e i verbali.
P er lo svolgim en t o della su a a t t ivit à , la F on da zion e u t ilizza i con t r ibu t i dello St a t o t r a i qu a li va n n o a n n over a t i i pr oven ien t i da l Min ist er o dei Ben i e
delle At t ivit à Cu lt u r a li e del Tu r ism o, gli in t r oit i der iva n t i da l F .U.S. er oga t i su lla ba se di u n bila n cio pr even t ivo e le sovven zion i r icon osciu t e da du e
leggi speciali (Leggi n. 238/2012 e n. 237/1999).
Con t a li disposizion i legisla t ive è st a t o r icom pr eso il ROF n el r ist r et t o n over o dei fest iva l m u sica li e oper ist ici di a ssolu t o pr est igio in t er n a zion a le ed è
st a t a ist it u zion a lizza t a la st or ica a t t en zion e dello St a t o ver so la r est it u zion e r ossin ia n a r ea lizza t a da l ROF , in clu sa u fficia lm en t e t r a le oper a zion i
ch e t u t ela n o il pa t r im on io a r t ist ico del P a ese sin da lla Legge n . 319/13 a gost o 1993 Nor m e a sost egn o del Rossin i Oper a F est iva l , il cu i con t r ibu t o è
andato in seguito a regime confluendo nella richiamata Legge n. 237/12 luglio 1999.
Ven gon o a lt r esì u t ilizza t i i con t r ibu t i e i fin a n zia m en t i pr oven ien t i da a lt r i E n t i pu bblici e pr iva t i, gli in ca ssi, gli in t r oit i pu bblicit a r i, le
spon sor izza zion i, la ven dit a ed il n oleggio di m a t er ia li t r a cu i le scen ogr a fie a llest it e n elle sin gole m a n ifest a zion i, i dir it t i di edizion e e qu a n t a lt r o
der ivi da ll a t t ivit à della F on da zion e.

                                                                                                          5
QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO

Il pr esen t e Piano di Prevenzione della Corruzione e per la Trasparenza è il docu m en t o pr evist o da ll a r t . 1, com m a 5, Legge 6 n ovem br e 2012 n .
190, r eca n t e la valu tazion e d el d iverso livello d i esposizion e d egli u ffici a risch io d i corru zion e e gli in terven ti organ izzativi volti a preven ire il
medesimo rischio .
Il P ia n o n a zion a le a n t icor r u zion e (P NA), a ppr ova t o da ll Au t or it à (ANAC) con Deliber a n . 72 del 2013, a veva pr evist o l a pplica zion e di m isu r e di
pr even zion e della cor r u zion e n egli en t i di dir it t o pr iva t o in con t r ollo pu bblico e pa r t ecipa t i da pu bblich e a m m in ist r a zion i, a n ch e con vest e societ a r ia , e
negli enti pubblici economici.
A segu it o dell a ppr ova zion e del P NA, t u t t a via , la n or m a t iva a n t icor r u zion e pr evist a da lla Legge n . 190 del 2012 e da i decr et i delega t i h a su bit o
sign ifica t ive m odifich e da pa r t e del Decr et o legge n . 90 del 2014 con ver t it o con m odifica zion i da lla Legge 11 a gost o 2014, n . 114. In pa r t icola r e, è st a t o
r idisegn a t o l a sset t o ist it u zion a le in cen t r a n do n ell ANAC e n el su o P r esiden t e il sist em a della r egola zion e e della vigila n za in m a t er ia di pr even zion e
della corruzione ed è stato attribuito alla sola ANAC il compito di predisporre il PNA.
Tr a le a lt r e pr in cipa li m odifich e, l a r t . 24 bis del D.l. 24 giu gn o 2014 n . 90 è in t er ven u t o su ll a r t . 11 del D.lgs. n . 33/2013 Am bit o sogget t ivo di
a pplica zion e e h a est eso l a pplica zion e della disciplin a della t r a spa r en za , lim it a t a m en t e a ll a t t ivit à di pu bblico in t er esse disciplin a t a da l dir it t o
n a zion a le o dell Un ion e eu r opea , a gli en t i di dir it t o pr iva t o in con t r ollo pu bblico, ossia a lle societ à e a gli a lt r i en t i di dir it t o pr iva t o ch e eser cit a n o
fu n zion i a m m in ist r a t ive, a t t ivit à di pr odu zion e di ben i e ser vizi a fa vor e delle a m m in ist r a zion i pu bblich e o di gest ion e di ser vizi pu bblici, sot t opost i a
con t r ollo a i sen si dell a r t icolo 2359 del codice civile da pa r t e di pu bblich e a m m in ist r a zion i, oppu r e a gli en t i n ei qu a li sia n o r icon osciu t i a lle pu bblich e
amministrazioni, anche in assenza di una partecipazione azionaria, poteri di n om in a dei ver t ici o dei com pon en t i degli or ga n i .
La Legge n . 190/12 pr evedeva già espr essa m en t e l a pplica bilit à dei com m i da 15 a 33 (disposizion i in m a t er ia di t r a spa r en za ) dell a r t . 1 a lle Societ à
partecipate dalle Amministrazioni pubbliche e dalle lor o con t r olla t e, a i sen si dell a r t . 2359 del Codice civile, lim it a t a m en t e a lla lor o a t t ivit à di pu bblico
in t er esse disciplin a t a da l dir it t o n a zion a le o dell Un ion e eu r opea (a r t . 1, com m a 34).
Con r ifer im en t o a ll in dividu a zion e dei dest in a t a r i delle pr escr izion i det t a t e da l P NA, si specifica a ch ia r e let t er e ch e ...i con t en u t i del P NA son o in olt r e
r ivolt i a gli E n t i pu bblici econ om ici (ivi com pr ese l Agen zia del Dem a n io e le Au t or it à por t u a li), a gli En ti d i d iritto p riv a to in c o n tro llo p u bblic o ,
a lle societ à pa r t ecipa t e e a qu elle da esse con t r olla t e a i sen si dell a r t . 2359 c.c. per le pa r t i in cu i t a li sogget t i son o espr essa m en t e in dica t i com e
dest in a t a r i. P er en t i di dir it t o pr iva t o in con t r ollo pu bblico si in t en don o le societ à e gli a lt r i en t i di dir it t o pr iva t o ch e eser cit a n o fu n zion i
a m m in ist r a t ive, a t t ivit à di pr odu zion e di ben i e ser vizi a fa vor e delle pu bblich e a m m in ist r a zion i, sot t opost i a con t r ollo a i sen si dell a r t . 2359 c.c. da
pa r t e di a m m in ist r a zion i pu bblich e, oppu r e gli en t i n ei qu a li sia n o r icon osciu t i a lle pu bblich e a m m in ist r a zion i, a n ch e in a ssen za di pa r t ecipa zion e
a zion a r ia , pot er i di n om in a dei ver t ici o dei com pon en t i degli or ga n i .
L ANAC, con deliber a 8 n ovem br e 2017, n . 1134, «Nu ove lin ee gu ida per l a t t u a zion e della n or m a t iva in m a t er ia di pr even zion e della cor r u zion e e
trasparenza da parte delle società e degli enti di diritto privato controllati e partecipati dalle pubbliche amministrazioni e degli enti pubblici economici»

                                                                                                  6
in t egr a lm en t e sost it u t ive di qu elle del 2015. In qu est e l Au t or it à h a sost a n zia lm en t e con fer m a t o, in r ela zion e a gli obbligh i gr a va n t i su lle societ à
pa r t ecipa t e e con t r olla t e da P P .AA., qu a n t o già pr ecisa t o n ella Det . n . 8/2015. E d in fa t t i, l ANAC, n el docu m en t o in pa r ola , h a m esso in r ilievo ch e:
mentre le societ à con t r olla t e h a n n o l obbligo di a dot t a r e m isu r e in t egr a t ive di qu elle pr edispost e a i sen si del D.lgs. n . 231/2001, qu elle pa r t ecipa t e son o
in vece esclu se da ll a m bit o di a pplica zion e delle m isu r e di pr even zion e della cor r u zion e diver se da lla t r a spa r en za.

Ciò premesso il quadro normativo è così composto:
          Legge 190/2012
          Delibera ANAC n. 72 2013 di approvazione del PNA
          D.lgs. 33/2013 in m a t er ia di Tr a spa r en za cosi com e m odifica t o da l D.lgs. 97/2016
          D.lgs. 39/2013 in m a t er ia di In com pa t ibilit à ed in con fer ibilit à degli in ca r ich i
          D.l. 90/2014 convertito con modifiche dalla Legge 114/2014
          Determinazione ANAC n. 8 del 17/07/2015
          Determinazione n. 833/2016 - linee guida su incompatibilità e inconferibilità
          Delibera n. 950 / 2017- forniture e servizi infungibili
          Deliber a n . 1134/2017 lin ee gu ida per l a t t u a zion e della n or m a t iva in m a t er ia di pr even zion e della cor r u zion e e t r a spa r en za da pa r t e delle
          società e degli enti di diritto privato controllati e partecipati dalle pubbliche amministrazioni e degli enti pubblici economici
          Delibera n. 907/2018 - affidamento dei servizi legali
           Delibera n. 1074/2018.
Al fin e di ben com pr en der e il r a ggio di a zion e su cu i oper a r e, occor r e eviden zia r e qu a n t o ch ia r it o da l P ia n o Na zion a le An t icor r u zion e in or din e a l
con cet t o di cor r u zion e, il qu a le n ella pr edet t a n or m a t iva di r ifer im en t o e su e r ela t ive specifich e h a u n a ccezion e a m pia . E sso è, in fa t t i, com pr en sivo
delle va r ie sit u a zion i in cu i, n el cor so dell a t t ivit à a m m in ist r a t iva , si r iscon t r i l a bu so da pa r t e di u n sogget t o del potere a lui affidato al fine di ottenere
va n t a ggi pr iva t i. Le sit u a zion i r ileva n t i son o più a m pie della fa t t ispecie pen a list ica , ch e è disciplin a t a n egli a r t t . 318, 319 e 319 t er , c.p., e son o t a li da
com pr en der e n on solo l in t er a ga m m a dei delit t i con t r o la pu bblica a m m in ist r a zion e disciplin a t i n el Tit olo II, Ca po I, del codice pen a le, m a a n ch e le
sit u a zion i in cu i, a pr escin der e da lla r ileva n za pen a le, ven ga in eviden za u n m a lfu n zion a m en t o dell a m m in ist r a zion e a ca u sa dell u so a fin i pr iva t i
delle funzion i a t t r ibu it e .
Ciò post o, le a m m in ist r a zion i pu bblich e e gli a lt r i en t i dest in a t a r i devon o por r e in esser e le a zion i, in t r odu r r e ed im plem en t a r e le m isu r e ch e si
con figu r a n o com e obbliga t or ie, in qu a n t o disciplin a t e dir et t a m en t e da lla legge, n on ch é svilu ppa r e m isu r e u lt er ior i a n ch e in r ifer im en t o a l pa r t icola r e
contesto di riferimento.

                                                                                                   7
Il P ia n o Na zion a le An t icor r u zion e pr evede ch e, a l fin e di da r e a t t u a zion e a lle n or m e con t en u t e n ella Legge n . 190/2012 e su ccessive specifich e e
in t egr a zion i, gli en t i pu bblici econ om ici e gli en t i di dir it t o pr iva t o in con t r ollo pu bblico son o te n u ti a d in tro d u rre e a d im p le m e n ta re a d e g u a te
m is u re o rg a n izza tiv e e g e s tio n a li. A t a le r igu a r do, occor r e per ò pr ecisa r e ch e gli a dem pim en t i im post i a gli en t i di dir it t o pr iva t o in con t r ollo
pubblico coincidono con le seguenti misure preventive:
         modelli di prevenzione della corruzione;
         adempimenti in materia di trasparenza;
         inconferibilità per incarichi dirigenziali;
         incompatibilità per particolari incarichi dirigenziali;
           adozione di un codice di comportamento.
Da quanto precede emerge che in attuazione del quadro normativo ed attuativo sopra delineato il Rossini Opera Festival - Fondazione ritiene di aderire
a lle r a ccom a n da zion i del P ia n o Na zion a le An t icor r u zion e a dot t a n do u n P ia n o di P r even zion e della Cor r u zion e e per la Tr a spa r en za ch e fa ccia pr opr io
l in n ova t ivo a ppr occio in t r odot t o da lla Legge, m ir a n t e a lla pr even zion e n on solo di specifich e con dot t e cr im in ose, m a a n ch e di ogn i com por t a m en t o
potenzialmente idoneo a favorire situazioni di malaffare.

                IL RESPONSABILE DELLA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E DELLA TRASPARENZA

L a r t . 1 c. 7 della L. 190/2012 pr evede la n om in a del Respon sa bile della P r even zion e della Cor r u zion e per t u t t e le P u bblich e Am m in ist r a zion i. Ta le
previsione è st a t a est esa da l P NA a gli en t i pu bblici econ om ici e a gli en t i di dir it t o pr iva t o in con t r ollo pu bblico, in dica n do la possibilit à ch e sia
in dividu a t o a n ch e n ell Or ga n ism o di vigila n za n om in a t o a i sen si del D.lgs. n . 231/2001.
Il Respon sa bile dell a t t u a zion e del P ia n o di P r even zion e della Cor r u zion e , di segu it o Respon sa bile della P r even zion e della Cor r u zion e , deve a ver e le
seguenti caratteristiche:
a) a u to n o m ia e in d ip e n d e n za : t a li r equ isit i pr esu ppon gon o ch e il sogget t o in qu est ion e n on sia coin volt o n elle a t t ivit à gest ion a li ch e cost it u iscon o
l ogget t o della su a a t t ivit à ispet t iva e di con t r ollo; la posizion e di t a li Or ga n ism i a ll in t er n o della Societ à , in fa t t i, deve ga r a n t ir e l a u t on om ia
dell in izia t iva di con t r ollo da ogn i for m a di in t er fer en za e/o di con dizion a m en t o da pa r t e di qu a lu n qu e com pon en t e dell E n t e (e, in pa r t icola r e,
dell Or ga n o dir igen t e);
b) professionalità: il Respon sa bile della P r even zion e della Cor r u zion e deve posseder e com pet en ze t ecn ico-pr ofession a li a degu a t e a lle fu n zion i ch e è
ch ia m a t o a svolger e, n on ch é u n a ppr ofon dit a con oscen za della st r u t t u r a or ga n izza t iva dell en t e; t a li ca r a t t er ist ich e, u n it e a ll in dipen den za ,
ga r a n t iscon o l obbiet t ivit à di giu dizio.

                                                                                                8
Compiti e poteri del RPCT
L a r t 1, co. 8, l. 190/2012 st a bilisce ch e il RPCT predispone in via esclu siva (essen do viet a t o l a u silio est er n o) il Piano triennale di prevenzione della
cor r u zion e e della t r a spa r en za (P TP C) e lo sot t opon e a ll Or ga n o di in dir izzo per la n ecessa r ia a ppr ova zion e.
L a r t 1, co. 7, l. 190/2012 st a bilisce ch e il RP CT segn a li a ll'or ga n o di in dir izzo e a ll'Or ga n ism o In dipen den t e di Va lu t a zion e (OIV) le disfu n zion i (così
r ecit a la n or m a ) in er en t i a ll'a t t u a zion e delle m isu r e in m a t er ia di pr even zion e della cor r u zion e e di t r a spa r en za e in dich i a gli u ffici com pet en t i
a ll'eser cizio dell'a zion e disciplin a r e i n om in a t ivi dei dipen den t i ch e n on h a n n o a t t u a t o cor r et t a m en t e le m isu r e in m a t er ia di pr even zion e della
corruzione e di trasparenza.
L a r t 1, co. 10, l. 190/2012 st a bilisce ch e il RP CT ver ifica l effica ce a t t u a zion e del P TP C e la su a idon eit à e pr opon e m odifich e dello st esso qu a n do son o
a ccer t a t e sign ifica t ive viola zion i delle pr escr izion i ovver o qu a n do in t er ven gon o m u t a m en t i n ell or ga n izza zion e o n ell a t t ivit à dell a m m in ist r a zion e. La
r ich ia m a t a disposizion e a ssegn a a l RP CT a n ch e il com pit o di ver ifica r e, d in t esa con il dir igen t e com pet en t e, l effet t iva r ot a zion e degli in ca r ich i n egli
u ffici m a ggior m en t e espost i a i r ea t i di cor r u zion e n on ch e qu ello di defin ir e le pr ocedu r e a ppr opr ia t e per selezion a r e e for m a r e i dipen den t i dest in a t i
ad operare nelle aree a rischio corruzione.
L a rt. 43, D .lg s . 33/2013 a s s e g n a a l RP CT, d i n o rm a , a n c h e le fu n zio n i d i Re s p o n s a bile p e r la Tra s p a re n za , a t t r ibu en do a t a le sogget t o
  u n 'a t t ivit a di con t r ollo su ll'a dem pim en t o da pa r t e dell'a m m in ist r a zion e degli obbligh i di pu bblica zion e pr evist i da lla n or m a t iva vigen t e, a ssicu r a n do
la com plet ezza , la ch ia r ezza e l'a ggior n a m en t o delle in for m a zion i pu bblica t e, n on ch e segn a la n do a ll'or ga n o di in dir izzo polit ico, a ll'Or ga n ism o
in dipen den t e di va lu t a zion e (OIV), a ll'Au t or it a n a zion a le a n t icor r u zion e e, n ei ca si più gr avi , al l' uf fici o di di sci pl ina i cas i di ma nc at o o ri tar da t o ÿ
adempimento degli obblighi di pubblica zion e .
L a r t . 5, co. 7, D.lgs. 33/2013 a t t r ibu isce a l RP CT il com pit o di occu pa r si dei ca si di r iesa m e dell a ccesso civico: Nei ca si di din iego t ot a le o pa r zia le
dell'a ccesso o di m a n ca t a r ispost a en t r o il t er m in e in dica t o a l com m a 6, il r ich ieden t e pu o pr esen t a r e r ich iest a di r iesa m e a l r espon sa bile della
pr even zion e della cor r u zion e e della t r a spa r en za , ch e decide con pr ovvedim en t o m ot iva t o, en t r o il t er m in e di ven t i gior n i .
L a r t . 15, co. 3 del d.P .R. 16 a pr ile 2013 n . 62 st a bilisce ch e il RP CT cu r a la diffu sion e della con oscen za dei Codici di com por t a m en t o
n ell a m m in ist r a zion e, il m on it or a ggio a n n u a le della lor o a t t u a zion e, la pu bblica zion e su l sit o ist it u zion a le e la com u n ica zion e a ll ANAC dei r isu lt a t i del
monitoraggio.
L a r t . 1, co. 8, l.190/2012 st a bilisce ch e l'or ga n o di in dir izzo defin isce gli obiet t ivi st r a t egici in m a t er ia di pr even zion e della cor r u zion e e t r a spa r en za ,
ch e cost it u iscon o con t en u t o n ecessa r io dei docu m en t i di pr ogr a m m a zion e st r a t egico-gest ion a le e del P TP C . Ta li pot er i di in dir izzo son o st r et t a m en t e
con n essi con qu elli ch e la legge a t t r ibu isce a l RP CT per la pr edisposizion e del P TP C n on ch e per la ver ifica su lla su a a t t u a zion e e idon eit à con r
conseguente potere di proporre modifiche dello stesso Piano.
Al fin e di ga r a n t ir e ch e il RP CT a bbia pot er i a ll in t er n o di t u t t a la st r u t t u r a t a li da pot er svolger e con effet t ivit a i pr opr i com pit i, la n or m a t iva
st a bilisce ch e l or ga n o di in dir izzo dispon e le even t u a li m odifich e or ga n izza t ive n ecessa r ie per a ssicu r a r e a l RP CT fu n zion i e pot er i idon ei per lo
svolgim en t o dell'in ca r ico con pien a a u t on om ia ed effet t ivit à .
Le garanzie della posizione di indipendenza del RPCT

                                                                                                   9
St a n t e il difficile com pit o a ssegn a t o a l RP CT, il legisla t or e h a ela bor a t o u n sist em a di ga r a n zia a t u t ela di t a le sogget t o (cu i si è a ccen n a t o sopr a ), a l
fin e di evit a r e r it or sion i n ei con fr on t i dello st esso per l eser cizio delle su e fu n zion i (a r t . 1, co. 7 e co. 82, l. n . 190/2012, a r t . 15, co. 3, del d. lgs. 39/2013).
In tema di inconferibilita e in com pa t ibilit à di inc ar i chi
Ai sen si da ll a r t . 15 D.lgs. n . 39/2013 a l RP CT e a ffida t o il com pit o di vigila r e su l r ispet t o delle disposizion i su lle in con fer ibilit à e inc omp a t i bi lità d
degli in ca r ich i di cu i a l m edesim o decr et o legisla t ivo, con ca pa cit a pr opr ie di in t er ven t o, a n ch e sa n zion a t or io e di segn a la r e le viola zion i a ll ANAC. A
t a le pr oposit o e u t ile r icor da r e ch e l Au t or it à con le “ i ne e gui da in ma t er i a di ac cer t ame nt o de l le inc onf er i bi lità           del l e i nco mpa t i bil ita degli
in ca r ich i a m m in ist r a t ivi da pa r t e del r espon sa bile della pr even zion e della cor r u zion e , a dot t a t e con Deliber a ANAC n . 833 del 3 a gost o 2016 h a
pr ecisa t o ch e spet t a a l RP CT a vvia r e il pr ocedim en t o sa n zion a t or io, a i fin i dell a ccer t a m en t o delle r esponsabilita sogget t ive e dell a pplica zion e della
m isu r a in t er dit t iva pr evist a da ll a r t . 18 (per le sole in con fer ibilit a ). Il pr ocedim en t o a vvia t o da l RP C è un di st i nt o e aut ono mo pr ocedi me nt o, che si
svolge n el r ispet t o del con t r a ddit t or io e ch e e volt o a d a ccer t a r e la su ssist en za dell elem en t o psicologico del dolo o della colpa , a n ch e lieve, in ca po
a ll or ga n o con fer en t e. All esit o del su o a ccer t a m en t o il RP C ir r oga , se del ca so, la sa n zion e in ibit or ia di cu i a ll a r t . 18 del D.lgs. n . 39/2013. P er effetto di
t a le sa n zion e, l or ga n o ch e h a con fer it o l in ca r ico n on pot r a , per i su ccessivi t r e m esi, pr oceder e a l con fer im en t o di in ca r ich i di pr opr ia com pet en za .
In tema di responsabilità del RPCT
A fr on t e dei com pit i a t t r ibu it i, la legge 190/2012 pr evede (a r t . 12 e 14) a n ch e con sist en t i re s p o n s a bilità in c a p o a l RP CT. In pa r t icola r e, l a r t . 12
st a bilisce ch e In ca so di com m ission e, a ll in t er n o dell a m m in ist r a zion e, di u n r ea t o di cor r u zion e a ccer t a t o con sen t en za pa ssa t a in giu dica t o, il RP CT
risponde a i sen si dell a r t icolo 21 del decr et o legisla t ivo 30 m a r zo 2001, n . 165, e su ccessive m odifica zion i, n on ch e su l pia n o disciplin a r e, olt r e ch e per
il da n n o er a r ia le e a ll im m a gin e della pu bblica a m m in ist r a zion e, sa lvo ch e pr ovi di a ver e pr edispost o, pr im a della com m ission e del fa t t o, il P ia n o e di
a ver vigila t o su l fu n zion a m en t o e su ll osser va n za del pia n o . L a r t . 14 st a bilisce a lt r esi ch e In ca so di r ipet u t e viola zion i delle m isu r e di pr even zion e
previste dal Piano, il responsabile (...)risponde ai sensi dell'articolo 21 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, (....) nonche , per om esso con t r ollo,
sul piano disciplinare, salvo che provi di avere comunicato agli uffici le misure da adottare e le relative modalita e di a ver e vigila t o su ll'osser va n za del
P ia n o. La viola zion e, da pa r t e dei dipen den t i dell'a m m in ist r a zion e, delle m isu r e di pr even zion e pr evist e da l P ia n o cost it u isce illecit o disciplin a r e .
Con sider a t a l esigen za di ga r a n t ir e ch e il sist em a di pr even zion e n on si t r a du ca in u n m er o a dem pim en t o for m a le e ch e sia , in vece, ca libr a t o,
det t a glia t o com e u n m odello or ga n izza t ivo ver o e pr opr io ed in gr a do di r ispecch ia r e le specificit à dell en t e di r ifer im en t o, l ANAC r it ien e ch e le fu n zion i
di RP C debba n o esser e a ffida t e a d u n o dei dir igen t i dell en t e st esso. Qu est a opzion e in t er pr et a t iva si evin ce a n ch e da qu a n t o pr evist o n ell a r t . 1, co. 8,
della Legge n . 190 del 2012, ch e viet a ch e la pr in cipa le t r a le a t t ivit à del RP C, ossia l ela bor a zion e del P ia n o, possa esser e a ffida t a a sogget t i est r a n ei
a ll a m m in ist r a zion e. P er t a li m ot ivi, il Respon sa bile della P r even zion e della Cor r u zion e n on pu ò esser e in dividu a t o in u n sogget t o est er n o a ll en t e.
Gli or ga n i di in dir izzo dell en t e n om in a n o, qu in di, com e RP C u n dir igen t e in ser vizio pr esso l en t e, a t t r ibu en dogli, con lo st esso a t t o di con fer im en t o
dell in ca r ico, a n ch e even t u a lm en t e con le n ecessa r ie m odifich e st a t u t a r ie e r egola m en t a r i, fu n zion i e pot er i idon ei e con gr u i per lo svolgim en t o
dell in ca r ico con pien a a u t on om ia ed effet t ivit à . Nell effet t u a r e la scelt a , l en t e dovr à va glia r e l even t u a le esist en za di sit u a zion i di con flit t o di in t er esse
ed evit a r e, per qu a n t o possibile, la design a zion e di dir igen t i r espon sa bili di qu ei set t or i in dividu a t i a ll in t er n o dell en t e fr a qu elli con a r ee a m a ggior
rischio corruttivo. La scelta dovrà ricadere su un dirigente che abbia dimostrato nel tempo un comportamento integerrimo.

                                                                                                   10
Nelle sole ipot esi in cu i l en t e sia pr ivo di dir igen t i, o qu est i sia n o in n u m er o così lim it a t o da dover esser e a ssegn a t i esclu siva m en t e a llo svolgimento di
com pit i gest ion a li n elle a r ee a r isch io cor r u t t ivo, cir cost a n ze ch e pot r ebber o ver ifica r si in st r u t t u r e or ga n izza t ive di r idot t e dim en sion i, il RP C pot r à
esser e in dividu a t o in u n pr ofilo n on dir igen zia le ch e ga r a n t isca com u n qu e le idon ee com pet en ze. In qu est o ca so, il Con siglio di Am m in ist r a zion e o, in
su a m a n ca n za , l a m m in ist r a t or e son o t en u t i a d eser cit a r e u n a fu n zion e di vigila n za st r in gen t e e per iodica su lle a t t ivit à del sogget t o in ca r ica t o. In
ultima istanza, e solo in casi eccezionali, il RPC potrà coincidere con un amministratore, purché privo di deleghe gestionali.
Il pr ovvedim en t o di n om in a del Respon sa bile della P r even zion e della Cor r u zion e è di com pet en za dell Or ga n o a m m in ist r a t ivo, qu a le or ga n o d in dir izzo
polit ico dell en t e. La n o m in a d e l s u d d e tto Re s p o n s a bile d o v rà e s s e re p u bblic a ta n e l s ito d e ll e n te e d o v rà e s s e re c o m u n ic a ta a ll AN AC e d
alle Amministrazioni controllanti.
Il Con siglio di Am m in ist r a zion e, in con sider a zion e della or ga n izza zion e del ROF , della polit ica dell en t e, del fa t t o ch e a l su o in t er n o le figu r e cd.
 dir igen zia li o com u n qu e di ver t ice son o a ssegn a t e con in ca r ich i est er n i, h a r it en u t o già in sede di a ppr ova zion e del P ia n o 2016/2018, di dover
n om in a r e com e RP C u n dipen den t e, in pa r t icola r e il Re s p o n s a bile d e ll U ffic io Ec o n o m a to e d e i S e rv izi in fo rm a tic i, con r icon osciu t e qu a lit à
m or a li, n on ch é da lle com pr ova t e ca pa cit à or ga n izza t ive e gest ion a li, a t t r ibu en dogli, con lo st esso a t t o di con fer im en t o dell in ca r ico, fu n zion i e pot er i
idon ei e con gr u i per lo svolgim en t o dell in ca r ico con pien a a u t on om ia ed effet t ivit à . Nell effet t u a r e la scelt a , l en t e h a va glia t o l even t u a le esist en za di
situazioni di conflitto di interesse. Tale incarico è stato riconfermato in capo al medesimo soggetto anche per il triennio 2019/2021.

                                                                 IL PIANO DI PREVENZIONE NEL ROF

Il P ia n o di P r even zion e della Cor r u zion e vien e a ppr ova t o da ll or ga n o di in dir izzo polit ico dell en t e e, du n qu e, da l Con siglio di Am m in ist r a zion e per poi
poter essere comunicato alle amministrazioni vigilanti e simultaneamente pubblicato sul sito internet.
In particolare, il percorso di costruzione del Piano ha tenuto conto dei seguenti aspetti :
     -    identificazione dei principali reati rilevanti ai fini della prevenzione anticorruzione;
     -    definizione dei criteri adottati per la valutazione del rischio di corruzione;
     -    in dividu a zion e delle a r ee a m a ggior r isch io di cor r u zion e va lu t a t e in r ela zion e a l con t est o, a ll a t t ivit à ed a lle fu n zion i svolt e da l ROF ;
     -    il confronto dei risultati della analisi dei rischi con la mappatura dei pr ocessi post i in esser e da ll en t e;
     -    in dividu a zion e delle a er ee di m iglior a m en t o e delle a zion i cor r et t ive n on ch é la pr evision e di pr ocedu r e da a t t u a r e in r ela zion e a i r isch i
          corruttivi;
     -    adozione di efficaci meccanismi di segnalazione di accertate o pr esu n t e viola zion i delle r egole dell en t e (c.d. wh ist leblowin g );
                                                                                                  11
-    r egola zion e di pr ocedu r e per l a ggior n a m en t o;
     -     r egola zion e di u n sist em a in for m a t ivo per a t t u a r e il flu sso delle in for m a zion i e con sen t ir e il m on it or a ggio su ll im plem en t a zion e del m odello.
Rien t r a n o n el pr esen t e P ia n o a n ch e gli a dem pim en t i pr evist i da l D.lgs. 8 a pr ile 2013, n . 39 con t en en t e Disposizion i in m a t er ia di in con fer ibilit à e
in com pa t ibilit à di in ca r ich i pr esso le pu bblich e a m m in ist r a zion i e pr esso gli en t i pr iva t i in con t r ollo pu bblico, a n or m a dell a r t icolo 1, com m i 49 e 50,
della legge 6 n ovem br e 2012, n . 190 .
I destinatari del presente Piano di Prevenzione della Corruzione si conformano alle previsioni ivi contenute, facendosi carico del rispetto delle regole di
con dot t a da l m edesim o det t a t e in con for m it à a qu a n t o pr evist o da lla n or m a t iva vigen t e. In sin t esi, n on devon o esser e post i in esser e qu ei
com por t a m en t i ch e in t egr a n o le fa t t ispecie di r ea t o con t r o la pu bblica a m m in ist r a zion e e ch e sebben e n on cost it u isca n o di per sé u n ipot esi di illecit o
pen a le con t r o la pu bblica a m m in ist r a zion e, possa n o pot en zia lm en t e diven t a r lo, n on ch é com por t a m en t i ispir a t i a d in t er essi pr iva t i a sca pit o di qu elli
pubblici. I destinatari del presente Piano di Prevenzione della Corruzione si identificano con le seguenti figure:
          espon en t i dell en t e (Con siglio di Am m in ist r a zion e, Collegio sin da ca le, dir igen t i, dipen den t i);
          personale ausiliario e artistico;
          collaboratori;
          consulenti esterni;
          color o ch e a giscon o con pot er i di r a ppr esen t a n za dell en t e;
          fornitori.

                          LA TIPOLOGIA DEI REATI RILEVANTI PER LA NORMATIVA ANTICORRUZIONE

La n or m a t iva a n t icor r u zion e pu n t a a d a n t icipa r e il pr esidio pr even t ivo a difesa della lega lit à dell a zion e a m m in ist r a t iva , in t er cet t a n do qu ei ca si in cu i
ven ga in eviden za u n m a lfu n zion a m en t o dell en t e a ca u sa dell u so a fin i pr iva t i delle fu n zion i a t t r ibu it e. Im pon e in olt r e di t en er con t o, n ella r eda zion e
dei P ia n i di pr even zion e della cor r u zion e, del fa t t o ch e le sit u a zion i di r isch io son o più a m pie della fa t t ispecie pen a list ica , ch e è disciplin a t a n egli a r t t .
318, 319 e 319-t er , c.p., e son o t a li da com pr en der e n on solo l in t er a ga m m a dei delit t i con t r o la P u bblica Am m in ist r a zion e disciplin a t i n el Tit olo II,
Ca po I, del Codice pen a le, m a a n ch e le sit u a zion i in cu i                   a pr escin der e da lla r ileva n za pen a le          ven ga in eviden za u n m a lfu n zion a m en t o
dell Am m in ist r a zion e a ca u sa dell u so a fin i pr iva t i delle fu n zion i a t t r ibu it e, ovver o l in qu in a m en t o dell a zion e a m m in ist r a t iva ab extern o, sia ch e t a le
azione abbia successo sia nel caso in cui rimanga a livello di tentativo.
Con sider a t a l a t t ivit à svolt a da l Rossin i Oper a F est iva l F on da zion e ed il r isch io cor r u zion e da pon der a r e in sede di ela bor a zion e del pr esen t e P ia n o,
sono state attenzionate in via principale le seguenti fattispecie di reato:

                                                                                                   12
Art. 640-bis c.p.: Truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche
L a r t 640-bis c.p. così r ecit a : la pen a è della r eclu sion e da 1 a 6 a n n i e si pr ocede d u fficio se il fa t t o di cu i a ll a r t . 640 r igu a r da con t r ibu t i,
fin a n zia m en t i, m u t u i a gevola t i ovver o a lt r e er oga zion i dello st esso t ipo, com u n qu e den om in a t e, con cessi o er oga t i da pa r t e dello St a t o, di a lt r i E n t i
pu bblici o delle Com u n it à eu r opee .
La con dot t a è descr it t a per relation em , a t t r a ver so il r in vio a ll a r t . 640 c.p., il qu a le pu n isce la con dot t a di ch i pon e in esser e a r t ifici o r a ggir i per
in du r r e in er r or e l E n t e er oga t or e, ca u sa n do a d esso u n da n n o e pr ocu r a n do a sé u n in giu st o pr ofit t o . L elem en t o specia lizza n t e è l ogget t o m a t er ia le
della frode, che consiste in ogni attribuzione economica agevolata, erogata da Enti pubblici, comunque denominata (contributi, finanziamenti, ecc.).
L elem en t o psicologico n el delit t o in qu est ion e è r a ppr esen t a t o da l dolo gen er ico, cioè da lla coscien za e volon t à di fa lsa r e il pr ocesso volit ivo del soggetto
pa ssivo (E n t e er oga t or e) e di det er m in a r lo a ll er oga zion e del fin a n zia m en t o pu bblico. Ta le disposizion e n or m a t iva è qu in di fin a lizza t a a lla r epr ession e
specifica delle frodi commesse dai privati nella fase propedeutica alla concessione delle sovvenzioni pubbliche.

Art. 316-ter c.p.: Indebita percezione di erogazioni a danno dello Stato
L a r t . 316-t er c.p. dispon e ch e sa lvo ch e il fa t t o cost it u isca il r ea t o pr evist o da ll a r t . 640-bis, ch iu n qu e m edia n t e l u t ilizzo o la pr esen t a zion e di
dichiara zion i o di docu m en t i fa lsi o a t t est a n t i cose n on ver e, ovver o m edia n t e l om ission e di in for m a zion i dovu t e, con segu e in debit a m en t e, per sé o per
a lt r i, con t r ibu t i, fin a n zia m en t i, m u t u i a gevola t i o a lt r e er oga zion i dello st esso t ipo, com u n qu e den om in a t e, con cessi o er oga t i da llo St a t o, da a lt r i E n t i
pubblici o dalle Comunità europee è punito con la reclusione da 6 mesi a 3 anni. Quando la somma indebitamente percepita è pari o inferiore a 3.999,96
E u r o si a pplica solt a n t o la sa n zion e a m m in ist r a t iva del pa ga m en t o di u n a som m a di den a r o da 5.164 E u r o a 25.822 E u r o. Ta le sa n zion e n on pu ò
com u n qu e su per a r e il t r iplo del ben eficio con segu it o .
Il ben e giu r idico t u t ela t o è il bu on fu n zion a m en t o della P u bblica Am m in ist r a zion e e, in gen er a le, dell in t er a a t t ivit à di pr ogr a m m a zion e econ om ica
attuata dagli Enti pubblici, nazionali e sopranazionali; la norma è, infatti, volta a reprimere tutte le possibili frodi relative alle sovvenzioni pubbliche o
com u n it a r ie n ella pr ospet t iva dell in debit o con segu im en t o di fon di. L a r t 316-t er c.p. r a ppr esen t a qu in di u n o specifico st r u m en t o per colpir e le fr odi
commesse nella fase propedeutica alla concessione delle erogazioni pubbliche.
Il r ea t o si con su m a n el m om en t o e n el lu ogo in cu i l en t e effet t iva m en t e con segu e l in debit a per cezione. La condotta tipica può presentarsi sia in forma
a t t iva ch e om issiva . La con dot t a a t t iva con sist e n ella u t ilizza zion e e/o pr esen t a zion e di dich ia r a zion i o docu m en t i fa lsi o in com plet i cu i con segu e la
percezione di fondi provenienti dai soggetti passivi indicati dalla norma (Stato, Enti pubblici, Comunità europee).
Nel con cet t o di u t ilizza zion e dovr ebbe r ien t r a r e la docu m en t a zion e, n on espr essa m en t e r ich iest a da ll Au t or it à , ch e l en t e h a fa colt à di pr esen t a r e per
cor r obor a r e la su a r ich iest a di fin a n zia m en t o, m en t r e il con cet t o di pr esen t a zion e si dovr ebbe r ifer ir e a lle dich ia r a zion i di volon t à o scien za fa t t e in
for za di m odu li o docu m en t i espr essa m en t e r ich iest a da ll E n t e er oga t or e.
La condotta omissiva, secondo giurisprudenza prevalente, può consistere anche nel semplice silenzio, artificiosamente serbato su alcune circostanze, da
chi abbia il dovere di portarle a conoscenza della PA.

                                                                                                      13
La fa t t ispecie in qu est ion e è pu n it a a t it olo di dolo gen er ico: è n ecessa r io ch e su ssist a n o n ell a gen t e la r a ppr esentazione della falsità delle dichiarazioni
o dei docu m en t i (o in ca so di con dot t a om issiva , la m a n ca n za o in com plet ezza dei da t i for n it i) e la volon t à di con segu ir e in t a l m odo u n in debit o a iu t o
economico.
Ta le illecit o, in vir t ù dell espr essa cla u sola di su ssidia r iet à con t en u t a n ell in ciso in izia le, è a pplica bile solo se la fa t t ispecie con cr et a n on in t egr i gli
est r em i del più gr a ve r ea t o pr evist o da ll a r t . 640-bis c.p., sopra analizzato.

Art. 316-bis c.p.: Malversazione a danno dello Stato
L a r t . 316 c.p. st a bilisce ch e ch iu n qu e, est r a n eo a lla P u bblica Am m in ist r a zion e, a ven do ot t en u t o da llo St a t o o da a lt r o E n t e pu bblico o da lle Com u n it à
eu r opee con t r ibu t i, sovven zion i o fin a n zia m en t i dest in a t i a fa vor ir e in izia t ive dir et t e a lla r ea lizza zion e di oper e o a llo svolgim en t o di a t t ivit à di
pu bblico in t er esse, n on li dest in a a lle pr edet t e fin a lit à , è pu n it o con la r eclu sion e da 6 m esi a 4 a n n i .
Nella m a lver sa zion e si sa n zion a la con dot t a dist r a t t iva ch e si ver ifich i su ccessiva m en t e a ll ot t en im en t o dell er oga zion e; a ssu m e du n qu e r ilievo pen a le
la m a n ca t a dest in a zion e del fin a n zia m en t o r icevu t o per le fin a lit à di in t er esse pu bblico ch e n e h a n n o giu st ifica t o l er oga zion e.
Il dispost o pen a le è in fa t t i volt o a t u t ela r e pr opr io l in t er esse dello St a t o e degli a lt r i E n t i pu bblici a ffin ch é gli in t er ven t i econ om ici di ca r a t t er e
pubblicistico, in sostegno di attività di pubblico interesse, non siano vanificati dal comportamento fraudolento.
L a r t . 316-bis c.p. si pr esen t a per ciò com e u n a pr escr izion e pa r a llela a ll a r t . 640-bis c.p., oper a n do n ella fa se esecu t iva . L elem en t o sogget t ivo del r ea t o
di m a lver sa zion e a da n n o dello St a t o è cost it u it o da l dolo gen er ico, ossia da lla volon t à e coscien za di sot t r a r r e i fin a n zia m en t i pu bblici ot t en u t i da llo
scopo prefissato.

Art. 640, comma 2, n. 1, c.p.: Truffa aggravata in danno dello Stato o di altro Ente pubblico
 Ch iu n qu e, con a r t ifizi o r a ggir i, in du cen do t a lu n o in er r or e, pr ocu r a a sé o a d a lt r i u n in giu st o pr ofit t o con a lt r u i da n n o, è pu n it o con la r eclu sion e da 6
mesi a 3 anni e con la multa da 51 euro a 1.032 Euro. La pena è della reclusione da 1 a 5 anni e della multa da 309 Euro a 1.549 Euro:
1) se il fatto è commesso a danno dello Stato o di un altro Ente pubblico o col pretesto di far esonerare taluno dal servizio militare;
2) se il fa t t o è com m esso in gen er a n do n ella per son a offesa il t im or e di u n per icolo im m a gin a r io o l er r on eo con vin cim en t o di dover e esegu ir e u n or din e
dell Au t or it à ;
2 bis) se il fa t t o è com m esso in pr esen za della cir cost a n za di cu i a ll a r t . 61, n . 5.
Il delit t o è pu n ibile a qu er ela della per son a offesa , sa lvo ch e r icor r a t a lu n a delle cir cost a n ze pr evist e da l ca pover so pr eceden t e o u n a lt r a cir cost a n za
a ggr a va n t e .

I ben i giu r idici t u t ela t i da lla n or m a son o l in t egr it à del pa t r im on io e la liber t à del con senso nei negozi patrimoniali.
Gli elementi della fattispecie criminosa sono i seguenti:

                                                                                                    14
- utilizzo di artifici e raggiri, induzione in errore, atto di disposizione patrimoniale, danno e ingiusto profitto.
P er a r t ificio si in t en de la sim u la zion e/dissim u la zion e della r ea lt à per in du r r e in er r or e la P A per effet t o della per cezion e di u n a fa lsa a ppa r en za ; la
con dot t a si t r a du ce, cioè, n ell im m u t a zion e del ver o in or din e a sit u a zion i la cu i esist en za , n ei t er m in i fa lsa m en t e r a ppr esen t a t i, è essen zia le per l a tto
di disposizione patrimoniale da parte della PA.
P er r a ggir o si in t en de ogn i m a cch in a zion e su bdola a t t a a ca gion a r e u n er r or e m edia n t e u n a fa lsa a ppa r en za , r ea lizza t a a t t u a n do u n pr ogr a m m a
ingegnoso di parole destinate a fuorviare la psiche e le decisioni altrui.
La in du zion e in er r or e della vit t im a (la P A) deve esser e u n a con segu en za delle su ddet t e con dot t e fr a u dolen t e, di u n ver o e pr opr io in ga n n o per pet r a t o
da ll en t e.
P er a t t o di disposizion e si in t en de u n t r a sfer im en t o pa t r im on ia le n on pr ovoca t o da u n u su r pa zion e u n ila t er a le dell a gen t e (E n t e), m a ben sì effet t u a t o
da pa r t e della vit t im a , a segu it o dell in du zion e in er r or e. È pa cifico ch e l a t t o di disposizion e possa con sist er e a n ch e in u n n on facere : la vit t im a
tralascia un comportamento che, se compiuto, avrebbe o aumentato il patrimonio o ne avrebbe impedito il depauperamento.
Ult im o elem en t o ogget t ivo, a i fin i della con figu r a zion e del r ea t o di t r u ffa , è il da n n o pa t r im on ia le su bit o da lla vit t im a , da cu i discen de u n in giu st o
pr ofit t o per l Agen t e ( pr ofit t o in giu st o , ch e pu ò a n ch e n on esser e di n a t u r a pa t r im on ia le, m a con sist er e n el soddisfa cim en t o di u n in t er esse di n a t u r a
psicologica o morale).
- l elem en t o psicologico del delit t o di t r u ffa è r a ppr esen t a t o da l dolo gen er ico sicch é t u t t i gli elem en t i cost it u t ivi del r ea t o, a ppen a descr it t i, devon o
esser e ogget t o di r a ppr esen t a zion e e volon t à per l a gen t e.

Art. 640-ter c.p.: Frode informatica in danno dello Stato o di un Ente pubblico
 Ch iu n qu e, a lt er a n do in qu a lsia si m odo il fu n zion a m en t o di un sistema informatico o telematico o intervenendo senza diritto con qualsiasi modalità su
da t i, in for m a zion i o pr ogr a m m i con t en u t i in u n sist em a in for m a t ico o t elem a t ico o a d esso per t in en t i, pr ocu r a a sé o a d a lt r i u n in giu st o pr ofit t o con
a lt r u i da n n o, è pu n it o con la r eclu sion e da 6 m esi a 3 a n n i e con la m u lt a da 51 E u r o a 1.032 E u r o. La pen a è della r eclu sion e da 1 a 5 a n n i e della
m u lt a da 309 E u r o a 1.549 E u r o se r icor r e u n a delle cir cost a n ze pr evist e da l n . 1) del com m a 2 dell a r t . 640, ovver o se il fa t t o è com m esso con a bu so
della qu a lit à di oper a t or e del sist em a . Il delit t o è pu n ibile a qu er ela della per son a offesa , sa lvo ch e r icor r a t a lu n a delle cir cost a n ze di cu i a l com m a 2 o
u n a lt r a cir cost a n za a ggr a va n t e .
Tale fattispecie di reato assume rilevanza solo se realizzata in danno della PA. Pertanto, di conseguenza, ai fini del presente Piano di Prevenzione della
Cor r u zion e, è r icom pr eso, n el r ea t o di fr ode in for m a t ica in da n n o dello St a t o :
- ogn i a lt er a zion e del fu n zion a m en t o di u n sist em a in for m a t ico, ch e pr ocu r i in t a l m odo u n in giu st o pr ofit t o per l en t e e u n da n n o per la P u bblica
Amministrazione;
- ogni intervento, abusivo ed illegittimo, su dati, informazioni o programmi contenuti in un sistema informatico o ad esso pertinenti, che procuri a ll en t e
un ingiusto profitto ed un nocumento alla PA.

                                                                                                  15
La con dot t a illecit a pu ò con sist er e n ell a lt er a zion e di r egist r i in for m a t ici della P A per fa r r isu lt a r e esist en t i r equ isit i essen zia li per la pa r t ecipa zion e a
gare (iscrizioni in albi, ecc.), ovvero per m odifica r e da t i fisca li/pr eviden zia li di in t er esse dell en t e, già t r a sm essi a ll Am m in ist r a zion e.
Sa r ebbe a u spica bile, a i fin i di u n con t r ollo pr even t ivo, l a dozion e di u n sist em a or ga n izza t ivo ch e pr eveda , per u n cor r et t o a ccesso a i Sist em i
informativi della PA, le seguenti caratteristiche:
- a degu a t o r iscon t r o delle pa sswor d per l a ccesso a i sist em i in for m a t ivi della P A possedu t e, per r a gion i di ser vizio, da det er m in a t i dipen den t i
a ppa r t en en t i a specifich e st r u t t u r e dell en t e;
- rispetto della normativa sulla privacy a tutela del dipendente;
- pu n t u a le ver ifica dell osser va n za , da pa r t e dei dipen den t i m edesim i, di u lt er ior i m isu r e di sicu r ezza a dot t a t e da ll en t e.

Art. 317 c.p.: Concussione
 Il P u bblico Ufficia le o l In ca r ica t o di u n pu bblico ser vizio, ch e, a bu sa n do della su a qu a lit à o dei su oi pot er i, cost r in ge t a lu n o a da r e o pr om et t er e
in debit a m en t e a lu i o a d u n t er zo, den a r o o a lt r a u t ilit à , è pu n it o con la r eclu sion e da 6 a 12 a n n i .
Si t r a t t a in fa t t i di u n r ea t o pr opr io , ch e pu ò esser e com m esso solo da i sogget t i qu a lifica t i in dividu a t i da lla n or m a ( P u bblico Ufficia le e In ca r ica t o di
pu bblico ser vizio ).
Gli elementi costitutivi del reato di concussione sono:
- l a bu so di qu a lit à o di pot er e da pa r t e del P u bblico Ufficia le o In ca r ica t o di pu bblico servizio;
n el pr im o ca so, il sogget t o fa va ler e la su a qu a lit à per con segu ir e u n fin e illecit o, m en t r e n el secon do, l a gen t e eser cit a i su oi pot er i fu or i da i ca si
stabiliti dalla legge, dai regolamenti o comunque senza rispettare le forme prescritte;
- la cost r izion e o l in du zion e n ei con fr on t i della vit t im a : la cost r izion e si sost a n zia n ella m in a ccia di u n m a le in giu st o o di u n a violen za fisica , m en t r e
la in du zion e com pr en de ogn i a t t ivit à di per su a sion e o su ggest ion e per m ot iva r e la vit t im a a d effet t u a r e u n a da zion e o u n a pr om essa in debit a di
denaro o altra utilità a favore del pubblico funzionario o di un terzo;
- la pr om essa o da zion e di den a r o o a lt r a u t ilit à a l sogget t o a t t ivo o a d u n t er zo. Nel con cet t o di u t ilit à è r icom pr eso qu a lsia si va n taggio,
patrimoniale o non patrimoniale, oggettivamente apprezzabile per la persona (per dottrina maggioritaria vi rientrano anche favori di tipo sessuale).
Il dolo nel reato di concussione è generico e consiste nella coscienza e volontà del Pubblico Ufficia le o dell In ca r ica t o di pu bblico ser vizio di a bu sa r e della
propria qualità o dei propri poteri, per costringere o indurre la vittima a compiere un atto indebito.

Ar t . 318 c.p.: Cor r u zion e per l eser cizio della fu n zion e
 Il P u bblico Ufficia le ch e, per l eser cizio delle su e fu n zion i o dei su oi pot er i, in debit a m en t e r iceve, per sé o per u n t er zo, den a r o o a lt r a u t ilit à o n e
a ccet t a la pr om essa , è pu n it o con la r eclu sion e da 1 a 5 a n n i .

                                                                                                  16
Il ben e giu r idico t u t ela t o da ll a r t . 318 c.p. è l im pa r zia lit à e il bu on a n da m en t o della P u bblica Am m in ist r a zion e. Tr a t t a si di u n r ea t o a con cor so
n ecessa r io bila t er a le, ch e r ich iede la con t em por a n ea pr esen za di du e sogget t i specu la r m en t e oper a n t i: u n o ch e dà o pr om et t e ( extraneus ) e l a lt r o ch e
r iceve ( intraneus ).
Element o ca r a t t er izza n t e il r ea t o di cor r u zion e, è qu in di l a ccor do cr im in oso t r a il pu bblico fu n zion a r io e il pr iva t o.
Gli elem en t i cost it u t ivi del r ea t o di cor r u zion e di cu i a ll a r t . 318 c.p. son o:
a ) l eser cizio delle fu n zion i o dei pot er i da pa r t e del P u bblico Ufficia le e In ca r ica t o di pu bblico ser vizio: l eser cizio delle fu n zion i r icor r e qu a n do gli a t t i
com piu t i da l pu bblico fu n zion a r io r ien t r a n o n ella su a sfer a di com pet en za , com pr en den do ogn i com por t a m en t o a t t in en t e a l su o u fficio; l eser cizio dei
poteri si r ea lizza ogn i volt a in cu i l intraneus esercita gli stessi nei casi stabiliti dalla legge, dai regolamenti o dalle istruzioni di servizio;
b) la promessa o dazione di denaro o altra utilità dal privato al soggetto attivo o ad un terzo.
Il dolo è specifico e con sist e n ella coscien za e volon t à del P u bblico Ufficia le o In ca r ica t o di pu bblico ser vizio, di r icever e, per sé o per u n t er zo, den a r o o
a lt r a u t ilit à , o la r ela t iva pr om essa , per l eser cizio delle su e fu n zion i o dei su oi pot er i.

Art. 319 c.p.: Corruzion e per u n a t t o con t r a r io a i dover i d u fficio
 Il P u bblico Ufficia le o l In ca r ica t o di pu bblico ser vizio ch e, per om et t er e o r it a r da r e o per a ver om esso o r it a r da t o u n a t t o del su o u fficio, ovver o per
com pier e o per a ver com piu t o u n a t t o con t r a r io a i dover i d u fficio, r iceve per sé o per u n t er zo, den a r o o a lt r a u t ilit à , o n e a ccet t a la pr om essa , è pu n it o
con la r eclu sion e da 4 a 8 a n n i .
Si t r a t t a della c.d. cor r u zion e pr opr ia ed in t egr a u n t ipico r ea t o a con cor so n ecessa r io, in cu i la con dot t a del cor r u t t or e deve n ecessa r ia m en t e
incontrare quella del corrotto.
P er a t t o d u fficio n on si in t en de solo l a t t o a m m in ist r a t ivo in sen so st r et t o, ben sì ogn i con cr et o eser cizio dei pot er i in er en t i a ll u fficio, com e pa r er i, a t t i
di diritto privato, comportamenti materiali.
In vece, per a t t o con t r a r io a i dover i d u fficio si con sider a qu a lsivoglia com por t a m en t o del P u bblico Ufficia le e In ca r ica t o di pu bblico ser vizio ch e sia in
con t r a st o con n or m e giu r idich e, con ist r u zion i di ser vizio e ch e com u n qu e violi gli specifici dover i di im pa r zia lit à , fedelt à ed on est à ch e devon o esser e
osservati da chiunque eserciti una pubblica funzione.

Art. 319-ter c.p.: Corruzione in atti giudiziari
 Se i fa t t i in dica t i n egli a r t t . 318 e 319 c.p. son o com m essi per fa vor ir e o da n n eggia r e u n a pa r t e in u n pr ocesso civile, pen a le o a m m in ist r a t ivo, si
a pplica la pen a della r eclu sion e da 4 a 10 a n n i. Se da l fa t t o der iva l in giu st a con da n n a di t a lu n o a lla r eclu sion e n on su per ior e a 5 a n n i, la pen a è della
reclusione da 5 a 12 anni, se deriva l in giu st a con da n n a a lla r eclu sion e su per ior e a 5 a n n i o a ll er ga st olo, la pen a è della r eclu sion e da 6 a 20 a n n i .
La n or m a t u t ela i pr in cipi di cor r et t ezza , a u t on om ia ed im pa r zia lit à post i a lla ba se dell a t t ivit à giu dizia r ia .

                                                                                                     17
P er pa r t e di u n pr ocesso civile/amministrativo, si intende la persona fisica o giuridica che abbia proposto o contro cui sia stata proposta una domanda
giu dizia le, ed in vece per pa r t e di u n pr ocesso pen a le si con sider a l im pu t a t o, l in da ga t o, il P u bblico m in ist er o, il civilm en t e obbliga t o per la pen a
pecu n ia r ia , il r espon sa bile civile, la pa r t e civile, la per son a offesa e l E n t e n el cu i in t er esse o a va n t a ggio del qu a le il delit t o è st a t o com m esso.
L elem en t o sogget t ivo del r ea t o in qu est ion e è il dolo specifico: la con dot t a cor r u t t iva deve esser e fin a lizza t a a fa vor ir e o da n n eggia r e u n a pa r t e in u n
processo civile, penale o amministrativo.

Art. 319-quater c.p.: Induzione indebita a dare o promettere utilità
 Sa lvo ch e il fa t t o cost it u isca più gr a ve r ea t o, il P u bblico Ufficia le o l In ca r ica t o di pu bblico ser vizio ch e, a bu sa n do della su a qu a lit à o dei su oi pot er i,
in du ce t a lu n o a da r e o a pr om et t er e in debit a m en t e, a lu i o a u n t er zo, den a r o o a lt r a u t ilit à è pu n it o con la r eclu sion e da 3 a 8 a n n i. Nei ca si pr evist i
dal comma 1, chi dà o pr om et t e den a r o o a lt r a u t ilit à è pu n it o con la r eclu sion e fin o a 3 a n n i .
Ta le fa t t ispecie, in t r odot t a da lla Legge An t icor r u zion e (Legge n . 190/12) si pon e in u n a posizion e in t er m edia t r a i r ea t i di con cu ssion e e cor r u zion e.
Men t r e la fa t t ispecie cor r u t t iva si ba sa su u n a ccor do, di n or m a pr odot t o da ll in izia t iva del pr iva t o, n el r ea t o in qu est ion e i sogget t i coin volt i si
det er m in a n o a u t on om a m en t e, e in t em pi a lm en o idea lm en t e su ccessivi: il sogget t o pu bblico si a vva le della su a qu a lifica e dei su oi pot er i ed il pr iva t o
subisce invece la posizione del predetto.
Il dolo è gen er ico e con sist e n ella coscien za e volon t à del P u bblico Ufficia le o dell In ca r ica t o di pu bblico ser vizio di a bu sa r e della qu a lit à o dei pot er i
connessi con la pubblica funzione, inducendo altri a dare o promettere indebitamente denaro o altra utilità.
Il dolo esige anche la conoscenza del carattere indebito della dazione/promessa.

Art. 320 c.p.: Corruzione di persona incaricata di un pubblico servizio
 Le disposizion i degli a r t icoli 318 e 319 si a pplica n o a n ch e a ll in ca r ica t o di u n pu bblico ser vizio. In ogn i ca so, le pen e son o r idot t e in m isu r a n on
su per ior e a u n t er zo .

Art. 322 c.p.: Istigazione alla corruzione
  Ch iu n qu e offr e o pr om et t e den a r o o a lt r a u t ilit à n on dovu t i, a d u n P u bblico Ufficia le o a d u n In ca r ica t o di pu bblico ser vizio, per l eser cizio delle su e
fu n zion i o dei su oi pot er i, soggia ce, qu a lor a l offer t a o la pr om essa n on sia a ccet t a t a , a lla pen a st a bilit a n el com m a 1 dell a r t . 318 c.p., r idot t a di u n
t er zo. Se l offer t a o la pr om essa è fa t t a per in du r r e u n P u bblico Ufficia le o u n In ca r ica t o di pu bblico ser vizio a d om et t er e o r it a r da r e u n a t t o del su o
u fficio ovver o a fa r e u n a t t o con t r a r io a i su oi dover i, il colpevole soggia ce, qu a lor a l offer t a o la pr om essa n on sia a ccet t a t a , a lla pen a st a bilit a da ll a r t .
319 c.p., r idot t a di u n t er zo. La pen a di cu i a l com m a 1 si a pplica a l P u bblico Ufficia le o a ll In ca r ica t o di pu bblico ser vizio ch e sollecit a u n a pr om essa o
u n a da zion e di den a r o o a lt r a u t ilit à per l eser cizio delle su e fu n zion i o dei su oi pot er i. La pen a di cu i a l com m a 2 si a pplica a l P u bblico Ufficia le o
a ll In ca r ica t o di pu bblico ser vizio ch e sollecit a u n a pr om essa o da zion e di den a r o o a lt r a u t ilit à da pa r t e di u n pr iva t o per le fin a lit à in dica t e da ll a r t .
319 .

                                                                                                  18
P er l in t egr a zion e del r ea t o di ist iga zion e a lla cor r u zion e è su fficien t e la sem plice offer t a o pr om essa , pu r ch é sia idon ea a t u r ba r e psicologica m en t e il
P u bblico Ufficia le o l In ca r ica t o di pu bblico ser vizio, così da fa r sor ger e il per icolo ch e lo st esso a ccet t i l offer t a o la pr om essa .
Sogget t i a t t ivi di qu est o r ea t o posson o esser e, sia i pr iva t i (com m i 1 e 2) ch e i pu bblici fu n zion a r i (com m i 3 e 4). Tr a t t a si di u n r ea t o di m er a con dot t a ,
per la cu i con su m a zion e ba st a l offer t a o pr om essa dell u t ilit à ovver o la sollecit a zion e della pr om essa o della da zion e (è ir r ileva n t e il ver ifica r si o m en o
del fin e a cu i è pr eor din a t a l ist iga zion e).
Il dolo è specifico e con sist e n ella coscien za e volon t à , sia di cor r om per e il pu bblico F u n zion a r io n ell eser cizio delle su e fu n zion i o dei su oi pot er i ovver o
di in du r lo a d om et t er e o r it a r da r e u n a t t o del su o u fficio, sia , da pa r t e del fu n zion a r io pu bblico di sollecit a r e la da zion e o pr om essa di den a r o o a lt r a
u t ilit à per l eser cizio delle su e fu n zion i o dei su oi poteri o per omettere o ritardare un atto del suo ufficio o fare un atto contrario ai suoi doveri.

Ar t . 322-bis c.p.: P ecu la t o, con cu ssion e, in du zion e in debit a da r e o pr om et t er e u t ilit à , cor r u zion e e ist iga zion e a lla cor r u zion e di m em br i degli or ga n i
delle Comunità europee e di funzionari delle Comunità europee e di Stati esteri.
 Le disposizion i degli a r t icoli 314, 316, da 317 a 320 e 322, t er zo e qu a r t o com m a , si a pplica n o a n ch e:
1) a i m em br i della Com m ission e delle Com u n it à eu r opee, del P a r la m en t o eu r opeo, della Cor t e di Giu st izia e della Cor t e dei Con t i delle Com u n it à
europee;
2) a i fu n zion a r i e a gli a gen t i a ssu n t i per con t r a t t o a n or m a dello st a t u t o dei fu n zion a r i delle Com u n it à eu r opee o del r egim e a pplica bile a gli a gen t i
delle Comunità europee;
3) a lle per son e com a n da t e da gli St a t i m em br i o da qu a lsia si en t e pu bblico o pr iva t o pr esso le Com u n it à eu r opee, ch e eser cit in o fu n zion i cor r ispon den t i
a quelle dei funzionari o agenti delle Comunità europee;
4) ai membri e agli addetti a enti costituiti sulla base dei Trattati che istituiscono le Comunità europee;
5) a color o ch e, n ell a m bit o di a lt r i St a t i m em br i dell Un ion e eu r opea , svolgon o fu n zion i o a t t ivit à cor r ispon den t i a qu elle dei pu bblici u fficia li e degli
incaricati di un pubblico servizio;
5-bis) ai giudici, al procuratore, ai procuratori aggiunti, ai funzionari e agli agenti della Corte penale internazionale, alle persone comandate dagli Stati
pa r t e del Tr a t t a t o ist it u t ivo della Cor t e pen a le in t er n a zion a le le qu a li eser cit in o fu n zion i cor r ispon den t i a qu elle dei fu n zion a r i o a gen t i della Cor t e
stessa, ai membri ed agli addetti a enti costituiti sulla base del Trattato istitutivo della Corte penale internazionale.
Le disposizion i degli a r t icoli 319-qu a t er , secon do com m a , 321 e 322, pr im o e secon do com m a , si a pplica n o a n ch e se il den a r o o a lt r a u t ilit à è da t o,
offerto o promesso:
1) alle persone indicate nel primo comma del presente articolo;
2) a per son e ch e eser cit a n o fu n zion i o a t t ivit à cor r ispon den t i a qu elle dei pu bblici u fficia li e degli in ca r ica t i di u n pu bblico ser vizio n ell a m bit o di a lt r i
St a t i est er i o or ga n izza zion i pu bblich e in t er n a zion a li, qu a lor a il fa t t o sia com m esso per pr ocu r a r e a sé o a d a lt r i u n in debit o va n t a ggio in oper a zion i
economiche internazionali ovvero al fine di ottenere o di m a n t en er e u n a t t ivit à econ om ica fin a n zia r ia .

                                                                                                  19
Le per son e in dica t e n el pr im o com m a son o a ssim ila t e a i pu bblici u fficia li, qu a lor a eser cit in o fu n zion i cor r ispon den t i, e a gli in ca r ica t i di u n pu bblico
servizio negli altri casi.

Art. 2635 c.c.: Corruzione tra privati
L a r t . 2635 c.c. pr evede ch e sa lvo ch e il fa t t o cost it u isca più gr a ve r ea t o, gli Am m in ist r a t or i, i Dir et t or i gen er a li, i Dir igen t i pr epost i a lla r eda zion e dei
docu m en t i con t a bili societ a r i, i Sin da ci e i Liqu ida t or i, ch e, a segu it o della da zion e o della pr om essa di den a r o o a lt r a u t ilit à , per sé o per a lt r i,
compiono od omettono atti, in violazione degli obblighi inerenti al loro ufficio e degli obblighi di fedeltà, cagionando nocumento alla Società, sono puniti
con la r eclu sion e da 1 a 3 a n n i. Si a pplica la pen a della r eclu sion e fin o a d 1 a n n o e 6 m esi se il fa t t o è com m esso da ch i è sot t opost o a lla dir ezion e o
vigila n za di u n o dei sogget t i in dica t i a l pr im o com m a . Ch i dà o pr om et t e den a r o e a lt r a u t ilit à a lle per son e in dica t e n el pr im o e n el secon do com m a è
punito con le pene ivi previste.
Le pen e st a bilit e n ei com m i pr eceden t i son o r a ddoppia t e se si t r a t t a di Societ à con t it oli qu ot a t i in m er ca t i r egola m en t a t i it a lia n i o di a lt r i St a t i
dell Un ion e eu r opea o diffu si t r a il pu bblico in m isu r a r ileva n t e a i sen si dell a r t . 116 del Test o u n ico delle disposizion i in m a t er ia di in t er m edia zion e
finanziaria, di cui al Decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58, e successive modificazioni. Si procede a querela della persona offesa, salvo che dal fatto
derivi u n a dist or sion e della con cor r en za n ella a cqu isizion e di ben i o ser vizi .

Art. 346-bis c.p.: Traffico di influenze illecite
L a r t . 346-bis c.p. st a bilisce ch e ch iu n qu e, fu or i dei ca si di con cor so n ei r ea t i di cu i a gli a r t t . 319 e 319-t er , sfr u t t a n do r ela zion i esist en t i con u n
Pubblico Ufficiale o con un Incaricato di un pubblico servizio, indebitamente fa dare o promettere, a sé o ad altri, denaro o altro vantaggio patrimoniale,
com e pr ezzo della pr opr ia m edia zion e illecit a ver so il P u bblico Ufficia le o l In ca r ica t o di u n pu bblico ser vizio ovver o per r em u n er a r lo, in r ela zion e a l
com pim en t o di u n a t t o con t r a r io a i dover i di u fficio o a ll om ission e o a l r it a r do di u n a t t o del su o u fficio, è pu n it o con la r eclu sion e da 1 a 3 a n n i. La
st essa pen a si a pplica a ch i in debit a m en t e dà o pr om et t e den a r o o a lt r o va n t a ggio pa t r im on ia le. La pen a è a u m en t a t a se il sogget t o ch e in debit a m en t e
fa da r e o pr om et t er e, a sé o a d a lt r i, den a r o o a lt r o va n t a ggio pa t r im on ia le r ivest e la qu a lifica di P u bblico Ufficia le o di In ca r ica t o di u n pu bblico
ser vizio. Le pen e son o a lt r esì a u m en t a t e se i fa t t i son o com m essi in r ela zion e a ll eser cizio di a t t ivit à giu dizia r ie. Se i fa t t i son o di pa r t icola r e t en u it à , la
pen a è dim in u it a .
Ta le a r t icolo n on in ser it o n ell elen co r ea t i pr evist i da l D.lgs. 231/01 è st a t o in ser it o da lla Legge An t icor r u zion e e per t a n t o deve n ecessa r ia m en t e esser
preso in considerazione ai fini della disamina del Piano.
Scopo della n or m a è qu ello di con t r a st a r e le a t t ivit à di m edia zion e illecit e post e in esser e da sogget t i in ca m bio della da zion e o pr om essa in debit a di
den a r o o a lt r o va n t a ggio pa t r im on ia le. Si t r a t t a di u n a for m a di t u t ela a n t icipa t a , poich é con t em pla con dot t e pr elim in a r i r ispet t o a qu elle pr evist e
dagli artt. 318, 319 e 319-ter c.p.
Il r ea t o r ich iede lo sfr u t t a m en t o di r ela zion i esist en t i con u n pu bblico fu n zion a r io, da pa r t e di u n sogget t o ch e in debit a m en t e si fa ccia da r e o
pr om et t er e, a sé o a d a lt r i, den a r o o a lt r o va n t a ggio pa t r im on ia le com e pr ezzo della pr opr ia m edia zion e illecit a o per r em u n er a r e il pu bblico
funzionario medesimo.

                                                                                                     20
Puoi anche leggere
DIAPOSITIVE SUCCESSIVE ... Annulla