TERRA MADRE! NOI FAME NOI FIGLI O VORACIRAPTOR ? A BROZZO NOI - ic marcheno

 
TERRA MADRE! NOI FAME NOI FIGLI O VORACIRAPTOR ? A BROZZO NOI - ic marcheno
ISTITUTO COMPRENSIVO DI MARCHENO –
  SCUOLA PRIMARIA PADRE GIOVANNI FAUSTI – BROZZO –
                  TITOLO PROGETTO:

      TERRA MADRE!
NOI FAME     IMM ...MENSA ?!
     NOI FIGLI       O
     VORACIRAPTOR ?
         A BROZZO
            NOI
CONOSCIAMO, CONSUMIAMO,
       RESTITUIAMO
 CON RISPETTO PERFETTO!
                 Anno scolastico 2014- 2015
TERRA MADRE! NOI FAME NOI FIGLI O VORACIRAPTOR ? A BROZZO NOI - ic marcheno
INTRODUZIONE
•   Il nostro lavoro è partito con uno stimolo semplice e simpatico atto a rilevare l’immagine che i bambini
    hanno della TERRA, come “CASA” dove loro stanno.
•   Si è aperto un mondo immaginifico, ricco e straordinario che ha fissato un’idea condivisa: LA TERRA E’
    UNA MAMMA! E’ TERRA MADRE perché CI DONA TUTTO, proprio come la mamma. E’ LA
    TERRA CHE CI ALIMENTA E CI SOSTIENE …
•   e… da questa TERRA MADRE è nato il filo conduttore di una conversazione che ha portato a riflettere sul
    fatto che NOI siamo FIGLI DI UNA MAMMA CHE CI DONA TUTTO ma … in cambio CI VUOLE
    VEDER CRESCERE EDUCATI, RISPETTOSI, IN SALUTE, SERENI E CAPACI DI FARE TANTE
    COSE BELLE.
•   Noi siamo FIGLI e AMIAMO TANTO LA MAMMA…
•   Siamo anche FIGLI DELLA TERRA O SIAMO “VORACIRAPTOR” ? Questo nome
    VORACIRAPTOR ci è piaciuto come immagine di esseri che tutto mangiano, tutto si prendono con
    voracità e come rapinatori di tutto; rapinatori con fame immensa o fame di avere tutto senza avere il
    cervello per pensare.
•   Noi siamo FIGLI DELLA TERRA CON FAME IMM… MENSA ma CON RISPETTO PERFETTO.
    NOI non siamo VORACIRAPTOR.
•   E allora…
•   Abbiamo scelto un percorso a noi possibile di conoscenza, di raccolta di testimonianze, di esperienza, di
    laboratorio per partire da piccoli gesti quotidiani e costruire una NUOVA TESTA ED UN NUOVO
    CUORE, CAPACI DI AMARE LA NOSTRA MADRE TERRA.
•   Il nostro crescere è nato e partito DAI SEMI, DALLA TERRA … PER FARE L’ORTO!
•   In quella pregiata TERRA fruttifera... vi sparsero piccoli SEMI prodigiosi
    che... col tempo fruttificarono.
TERRA MADRE! NOI FAME NOI FIGLI O VORACIRAPTOR ? A BROZZO NOI - ic marcheno
TERRA MADRE! NOI FAME NOI FIGLI O VORACIRAPTOR ? A BROZZO NOI - ic marcheno
TERRA MADRE! NOI FAME NOI FIGLI O VORACIRAPTOR ? A BROZZO NOI - ic marcheno
NOI SIAMO PICCOLI, MA SIAMO GIA’ CITTADINI DELLA
NOSTRA TERRA.
GODIAMO DEI BENI CHE CI OFFRE E UTILIZZIAMO LE
SUE RISORSE PER I NOSTRI BISOGNI.
SPESSO PERO’ CI ACCORGIAMO DI USARE E ABUSARE
DELLA TERRA.
ABBIAMO DECISO DI STARE ATTENTI E RIFLETTERE
SEMPRE: SULLA TERRA, SUL NOSTRO RAPPORTO CON
LEI E LE SUE RISORSE, SUL RISPETTO CHE LE
DOBBIAMO …
TERRA MADRE! NOI FAME NOI FIGLI O VORACIRAPTOR ? A BROZZO NOI - ic marcheno
TERRA MADRE! NOI FAME NOI FIGLI O VORACIRAPTOR ? A BROZZO NOI - ic marcheno
TERRA MADRE! NOI FAME NOI FIGLI O VORACIRAPTOR ? A BROZZO NOI - ic marcheno
TERRA MADRE! NOI FAME NOI FIGLI O VORACIRAPTOR ? A BROZZO NOI - ic marcheno
FAME IMM…MENSA…
FIGLI DELLA TERRA CON FAME IMM… MENSA ma
    CON RISPETTO PERFETTO. NOI non siamo
               VORACIRAPTOR

Il nostro giornalista Andrea era curioso di scoprire come
    funziona la mensa scolastica… così ha compiuto un
viaggio nei colori e nei sapori dei cibi che, quattro giorni
   alla settimana, le meravigliose cuoche preparano per
noi bambini! Voleva trovare risposta ad una domanda: i
          bambini di Brozzo sono VORACIRAPTOR?
                  Ecco cosa ha scoperto …
TERRA MADRE! NOI FAME NOI FIGLI O VORACIRAPTOR ? A BROZZO NOI - ic marcheno
CARI LETTORI, LA NEWS DI OGGI RIGUARDA LA NOSTRA MENSA SCOLASTICA! SIETE CURIOSI DI SAPERE
           COME SI SFAMANO I BAMBINI DOPO AVER FRITTO I CERVELLI SUI BANCHI ?!?!
                       BENE, SFOGLIATE QUESTE PAGINE E LO SCOPRIRETE!
HO SCOPERTO CHE OGNI TAVOLO
DELLA MENSA HA UN CAPOTAVOLA,                POI LE CARE CUOCHE E LE AIUTANTI
SCELTO A ROTAZIONE DALLE MAESTRE.            INIZIANO A SERVIRE LE PIETANZE,
I CAPOTAVOLA SCELGONO I LORO COMPAGNI DI     PARTENDO CON DEGLI OTTIMI PRIMI PIATTI!
TAVOLO! E POI… SI PARTE PER RAGGIUNGERE LA   FATE ATTENZIONE!!!!! MANGIANO O BEVONO
SCUOLA DELL’INFANZIA.                        IN PIATTI E BICCHIERI NON DI PLASTICA.
                                             TUTTO QUELLO CHE TROVANO IN TAVOLA
                                             VIENE POI LAVATO E RIUTILIZZATO NELLA MENSA SUCCESSIVA!!!!

                                                LA COSA ANCORA PIU’ BELLA E’
                                                CHE SI POSSONO FARE SEMPRE I BIS
                                                E I BAMBINI FINISCONO
                                                QUELLO CHE ERA RIMASTO IN PENTOLA.

                     ANCHE L’ACQUA E’ SERVITA
                     IN CONTENITORI
                     ECOLOGICI: LE BROCCHE!
QUANDO TUTTI I BAMBINI HANNO FINITO IL PRIMO, I CAPOTAVOLA RITIRANO I PIATTI
SPORCHI DI TUTTI I COMPAGNI DI PRANZO E SI PREOCCUPANO DI VERSARE L’ACQUA NEI
BICCHIERI DI CHI HA GIA’ BEVUTO!SI PASSA POI AL SECONDO… SEMPRE BUONO E SEMPRE
SERVITO DALLE CUOCHE!!!!

                                     ALCUNI BAMBINI DISTRIBUISCONO IL PANE…

                    MENTRE ALTRI FANNO LA FILA PER AVERE
                    IL BIS E RIPULIRE LE PENTOLE!
HO OSSERVATO CHE, QUANDO IL SECONDO E’ FINITO, I CAPOTAVOLA TORNANO IN CAMPO E
RACCOLGONO TUTTI I PIATTI SPORCHI E LI METTONO SUL CARRELLO DELLE CUOCHE.

                          LE MAESTRE SBUCCIANO E DISTRIBUISCONO LA FRUTTA.

FINITO DI MANGIARE, INIZIA LA FASE
DEL RIORDINO E I BAMBINI, A TURNO,
RACCOLGONO I BICCHIERI
E PULISCONO I TAVOLI, RACCOGLIENDO I RIFIUTI!
QUINDI, CARI LETTORI, DEVO DIRE CHE HO IMPARATO MOLTISSIME
                COSE SULLA MENSA DELLA SCUOLA DI BROZZO!
                      I BAMBINI CHE MANGIANO IN MENSA
                      NON SI FANNO SOLO SERVIRE, MA
                      SERVONO A LORO VOLTA LE
                      PIETANZE AI COMPAGNI E
                      PULISCONO I TAVOLI, SVILUPPANDO
                      L’AUTONOMIA!
                                                                      HANNO
SONO ABITUATI AD UN TAVOLO ECOLOGICO, CON                             RISPETTO PER
BICCHIERI, BROCCHE, PIATTI E POSATE LAVABILI,                         CIO’ CHE
COSI’ EVITANO DI ACCUMULARE SPAZZATURA CHE                            MANGIANO,
DANNEGGEREBBE LA TERRA.                                               INFATTI NON
                                                                      SPRECANO IL
                                                                      CIBO MA
                                                                      RIPULISCONO
                                                                      SEMPRE PIATTI
                                                                      E PENTOLE,
                                                                      RIEMPIENDOSI
                                                                      LE PANCE!

FANNO LA RACCOLTA DIFFERENZIATA,                                         POSSO QUINDI
                                        E UNA VOLTA TORNATI A
INSERENDO LE BUCCE DELLA FRUTTA, LE     SCUOLA, LASCIANO PASSARE         CONCLUDERE CHE I
BRICIOLE E I TOVAGLIOLI SPORCHI NEI
                                        UN PO’ DI TEMPO PER              BAMBINI DELLA MENSA DI
SACCHETTI DELL’UMIDO.                   DIGERIRE E POI… VIA IN
                                                                         BROZZO NON SONO
                                        PALESTRA, A SMALTIRE UN PO’
                                        DI QUELLO CHE HANNO              ASSOLUTAMENTE DEI
                                        MANGIATO!                        VORACIRAPTOR, MA DEI
                                                                         FIGLI DELLA TERRA!
                                                                         ALLA PROSSIMA,
                                                                         CARISSIMI LETTORI!
COME FARE PER IMPARARE AD AMARE E RISPETTARE LA MADRE TERRA?

       Abbiamo deciso di partire da piccoli semi e fare ESPERIENZA CON                                              L’ORTO
•   CLASSE PRIMA: titolo del lavoro “L’ORTO DELLA CLASSE PRIMA” L’attività manuale della coltivazione ha dato la possibilità ai
    bambini di sperimentare in prima persona gesti ed operazioni acquisendo le basi del metodo scientifico.
    CLASSE SECONDA: titolo: " L'ORTO RICCOLOSO.“ Una filastrocca che racconta la vita di un orto ha permesso agli alunni di
    "entrare in tema“ in modo giocoso.
    CLASSE TERZA: titolo: L'ORTO MOBILE, NELLE QUATTRO STAGIONI E L'ORTO NELL'ARTE.
    L'esperienza del lavoro per allestire un orto si è sviluppata nell'arco delle quattro stagioni. E' stata un'esperienza di coltivazione di un orto di
    piante aromatiche e piante annuali, in un piccolo appezzamento situato dietro la scuola, documentato da fotografie e commenti degli alunni.
    Oltre al lavoro si è sviluppata una vena, creativa e gioiosa, con l'analisi dell'orto nell'arte e la possibilità di provare a riprodurre "le opere
    d'arte".
•   CLASSE QUARTA - titolo: NELL'ORTO COLTIVO IL FUTURO-NELL'ORTO COLTIVO IL PASSATO
    COSTRUZIONE DI UN PUZZLE GIGANTE DOUBLE FACE da un lato disegni e scritte relative alle situazioni che fanno capire
    perché nell’orto si può coltivare il futuro: ad esempio una pianta ci offre i semi per seminare anche l’anno seguente, le opportunità che
    l’orto ci offre, l’utilizzo del composter e dell’acqua piovana per la salvaguardia delle risorse del pianeta, l’importanza di insegnare a coltivare
    anche alle popolazioni più in difficoltà per renderle autonome in futuro …
    Dall’altro lato disegni e scritte relative alle situazioni che fanno capire perché nell’orto si può coltivare il passato: tutto ciò che
    sappiamo e conosciamo ora lo dobbiamo soprattutto agli insegnamenti dei nostri progenitori ( a partire dalle scoperte degli uomini primitivi e
    dagli insegnamenti trasmessi dai nonni ai figli e ai nipoti …) conoscenze che ci hanno permesso di progredire continuamente e che non sono
    da disperdere.
    CLASSE QUINTA: titolo: " IERI, OGGI, PER IL DOMANI ...NOI BAMBINI E BAMBINE CONOSCIAMO L'ORTO: UN
    PICCOLO PASSO, PER AMARE LA TERRA! "
    Il lavoro ha assunto un variegato sviluppo nel percorso e si è arricchito di opportunità, di ricerche e di "conoscenze" partendo da uno stimolo
    alla curiosità e alle emozioni. Si è intrapreso a livello cognitivo, di ricerca, di esperienza e di emozioni, un "caleidoscopio" che ha permesso
    di sviluppare:                                                                                                                                -
    giochi linguistici per una ricerca dei termini, dei verbi, dei nomi degli attrezzi... relativi all'ORTO, sia in dialetto
    ( lingua dei nonni e della tradizione), sia in italiano;
     - conoscenza degli strumenti e degli attrezzi tramite la visione concreta, i disegni, le fotografie fatte da alcuni alunni;
    - interviste ai genitori e ai nonni, con relative tabulazioni, comparazioni e riflessioni;
    - argomentazioni a favore e a sfavore sull'orto;
    - lettura di "brani " tratti da un testo antico del 1900 che tratta di agricoltura e fa comprendere come al tempo dei bisnonni
    o tris nonni, si sentiva il bisogno di conoscere e imparare come si doveva coltivare, lavorare e far fruttare la terra e l'orto ... ;
    - "leggere una realtà specifica con spirito critico e propositivo: " A proposito dell'orto della nostra scuola"...
    - leggere per il piacere di farlo e saper trarre insegnamenti,
    emozioni e "convinzioni" da una fiaba: "La Terra del re" (di Giovanni Quaresmini);
    - sperimentare in modo personale e coinvolgente il legame con i nonni …
    "Fianco a fianco per conoscere ed imparare a lavorare per fare l'orto".
I FAGIOLI!                   DAL VASETTO DELLE NOSTRE PIANTINE
PIANTINE DI POMODORO                                       DI POMODORO ABBIAMO SCELTO
                                                           QUELLA
                                                           PIU’ ALTA CHE E’ STATA TRAPIANTATA IN
                                                           UN VASO PIU’
                                                           GRANDE. GLI ABBIAMO MESSO UN
                                                           BASTONCINO
                                                           PER FARLA CRESCERE.

 METTIAMO DEI BASTONCINI
 PER SOSTENERE LE NOSTRE   E’ VENUTO NELLA NOSTRA CLASSE
                           IL NONNO FAUSTINO. EGLI CI HA
 PIANTINE DI FAGIOLI       PARLATO DEL SUO ORTO.
QUESTI LAVORI PERCHE’:                      INOLTRE L’ATTIVITA’ MANUALE DELLA COLTIVAZIONE DA’
                                            LA POSSIBILITA’ AL BAMBINO DI SPERIMENTARE IN
                                            PRIMA PERSONA GESTI ED OPERAZIONI, OSSERVARE
SONO UN APPRENDIMENTO ESPERIENZIALE CHE I
                                            COSA SUCCEDE ATTRAVERSO L’ESPERIENZA DIRETTA,
NOSTRI BAMBINI NON SEMPRE HANNO MODO DI
                                            IMPARARE LA PAZIENZA E L’IMPEGNO PER CURARE,
SPERIMENTARE.
                                            ACQUISIRE LE BASI DEL METODO SCIENTIFICO.
SONO UN MODO PER IMPARARE A CONOSCERE GLI
ESSERI VIVENTI ALTRI...
SONO UN PICCOLO PASSO QUOTIDIANO PER
CONOSCERE E AMARE LA TERRA.

 DAL VASETTO DELLE NOSTRE PIANTINE DI POMODORO
 ABBIAMO SCELTO QUELLA PIU’ ALTA CHE E’ STATA
 TRAPIANTATA IN UN VASO PIU’ GRANDE. GLI
 ABBIAMO MESSO UN BASTONCINO PER FARLA
 CRESCERE.
L’ORTO RICCOLOSO …
L'ORTO MOBILE NELLE QUATTRO STAGIONI
        E L'ORTO NELL'ARTE.
IERI, OGGI, PER IL DOMANI ...
NOI BAMBINI E BAMBINE CONOSCIAMO L'ORTO:
 UN PICCOLO PASSO, PER AMARE LA TERRA! "
IERI ...
QUASI TUTTE LE FAMIGLIE, DI ALLORA ( DEI NONNI - BISNONNI ) AVEVANO
UN ORTO, O ALMENO PICCOLE "COLLE", PERCHE' :
AVEVANO TEMPO E LAVORAVANO TANTO NEI CAMPI
ERANO CAPACI PERCHE' SEGUIVANO, GIA' DA PICCOLI, I NONNI E I GENITORI
HANNO IMPARATO AIUTANDO
AVEVANO SPAZIO FUORI CASA, OPPURE SI ADATTAVANO CON PEZZI DI
TERRENO "IN PRESTITO"
NON AVEVANO SOLDI PER COMPRARE VERDURE E ORTAGGI; ANCHE ALLE
BOTTEGHE C'ERA "POCA ROBA"
NON CONOSCEVANO, IN VERITA', TANTI TIPI DI ORTAGGI, PERCHE' NON
ERANO CONOSCIUTI O "ACCESSIBILI" PER IL PREZZO
TUTTO QUELLO CHE SI PRODUCEVA CON IL PROPRIO LAVORO, E DALLA
TERRA, PERMETTEVA DI SFAMARE LA FAMIGLIA
CHI POSSEDEVA LA TERRA PER IL SUO ORTO ERA "PIU' FORTUNATO DEGLI
ALTRI"
" PRODUCEVANO " LORO I SEMI PER LE NUOVE COLTIVAZIONI
IL LAVORO FISICO ERA NORMALE ED ERA INDISPENSABILE ALLA
SOPRAVVIVENZA
OGGI per il DOMANI...                    STIAMO CERCANDO DI
       NOI BAMBINI E NOI BAMBINE           CONOSCERE, PER
               PER L'ORTO                IMPARARE A CAPIRE E
ABBIAMO INIZIATO A CONOSCERE L'ORTO          AD AMARE
CI STIAMO INFORMANDO DAI NONNI E DAI
GENITORI                                L'ORTO e chissà: forse un
STIAMO CERCANDO DI CONOSCERE I         giorno anche noi coltiveremo
NOMI, I VERBI, GLI ATTREZZI ECC.
RELATIVI ALL'ORTO                       un orto!
CERCHIAMO DI CONOSCERE LE
VERDURE, GLI ORTAGGI: A COSA
SERVONO, IL VALORE
NELL'ALIMENTAZIONE ECC.
CERCHIAMO DI CAPIRE I VANTAGGI E GLI
SVANTAGGI DEL COLTIVARE L'ORTO
CERCHIAMO DI CAPIRE SE L'ORTO E' UNA
RISORSA VERA, ANCHE COME
"INVESTIMENTO" PER IL FUTURO
ABBIAMO CERCATO DI "PROVARE" AD
USARE QUALCHE ATTREZZO
Sull' ORTO ... Argomentando...
argomenti a favore:
   verdura fresca e sana
   verdura scelta dalla famiglia per i suoi gusti
   costo "ridotto" perché si produce sul luogo
   meno spreco, meno inquinamento
   verdure, ortaggi, sani perché non si usano sostanze chimiche
   verdure sane perché le produce chi le mangia ed è attento
   soddisfazione di veder crescere i prodotti piantati e curati
   gusto della sana tavola con verdure appena colte: fresche, sicure e sane
   la verdura coltivata da te la conosci, mentre quella comprata non sai com'è
   meno spreco di tempo e di soldi per andare ad acquistare verdure
   se hai l'orto non sprechi tanta energia per i trasporti, per l'acqua ecc.
   hai un lavoro che ti affatica , ma che ti può rilassare dallo stress del lavoro di ogni giorno
   devi per forza essere paziente, aspettare il tempo dovuto, coltivare e far crescere con "speranza“ …
   sei al lavoro nella natura, con il ritmo della stessa
   devi maturare una sensibilità per le "cose piccole" che sembrano insignificanti ed invece sono
    molto importanti: i semi, le piccole piantine
ABBIAMO POTUTO VEDERE UN TESTO
argomenti a sfavore:            "ANTICO" DEL 1900 CHE TRATTA DI
                                AGRICOLTURA ...
 fare l'orto richiede un
lavoro costante, faticoso e     " abbiamo potuto constatare come anche
non pagato dagli altri          allora, al tempo dei bisnonni o tris nonni, si
                                sentiva il bisogno di conoscere e imparare
   è rischioso perché puoi
                                come si doveva coltivare, lavorare e far
    trovare distrutto il tuo
                                fruttare la terra e l'orto ... Sul libro ci sono
    lavoro in pochi minuti,
                                molte notizie, informazioni, conoscenze,
    da insetti, dagli
                                regole, dati scientifici ecc. che possono
    elementi della natura ...
                                istruire coloro che vogliono imparare a
   porta molta incertezza
                                curare la terra, l'orto ecc."
    perché non puoi mai
    sapere se i semi sono di    SI TRAMANDAVANO MOLTE
    buona qualità;              CONOSCENZA E SI LAVORAVA INSIEME,
    potrebbero non
                                FIANCO A FIANCO, GENITORI E FIGLI O
    germogliare;
                                NONNI E NIPOTI.
    potrebbero diventare
    pasto per uccelli ed        Anche oggi ci sono molti libri, riviste ,
    insetti ecc.                trasmissioni ecc. che possono insegnare
    sei sempre dipendente
                                … NOI, RIASSUMENDO, ABBIAMO CAPITO
    dal "tempo" perché
    potrebbe grandinare,
                                CHE L'IMPORTANTE E' CONOSCERE E
    gelare, essere in siccità   AMARE LA TERRA E I FRUTTI CHE CI PUO'
    ecc.                        DARE, COMINCIANDO DAL "PICCOLO",
                                DALL'ORTO.
L'ORTO A SCUOLA                                  Pare proprio che da noi " la cultura
                                                               dell'ORTO A SCUOLA" sia ancora alle
        A proposito di ORTO A                                  origini. Forse ci vorrà ancora del tempo
                                                               per comprendere che L'ORTO A
        SCUOLA noi annotiamo                                   SCUOLA PUO' ESSERE UNA VERA
        alcune considerazioni:                                 OPPORTUNITA' DI CRESCITA SOTTO
                                                               MOLTI ASPETTI.
        ancora parecchi anni fa le insegnanti                La nostra scuola , in attesa, ha lavorato
         avevano chiesto di poter usufruire del                con tutte le classi, in vario modo per
         terreno posto sul retro della scuola per              conoscere, comprendere, amare ed
         poter sperimentare la coltivazione di un              imparare con e per mezzo dell'ORTO (
         ORTO;                                                 sia pure in cassette, in vasetti, in
        il terreno è della scuola, ha solo limitazioni        schede, in cartelloni, in prodotti
         di sicurezza per l'accesso, in quanto manca           creativi... )
         una ringhiera di contenimento e il controllo           ATTENDIAMO ... FORSE IL TEMPO,
         della scaletta;                                       ORA, SARA' MATURO!
   chiaramente ha bisogno di una supervisione da
    parte di adulti, ad esempio alcuni genitori o nonni,
    per le fasi iniziali;
   in mancanza di risposte in merito nello scorso anno
    la maestra Renata aveva chiesto l'autorizzazione ed
    aveva attivato la collaborazione con alcuni genitori
    per rendere idonea la "striscia" di terreno di lato
    alla palestra a ridosso del muro di contenimento.
    La striscia era stata trasformata in un piccolo orto
    con alcune "colle" nelle quali, ancora ora si
    possono odorare alcune piante aromatiche che
    sono cresciute rigogliose.
LA TERRA DEL RE di Giovanni                        In quella pregiata TERRA fruttifera ...
Quaresmini
                                                    vi sparsero piccoli SEMI prodigiosi
In classe abbiamo letto questa bellissima                          che...
favola che ci ha offerto molte opportunità di
                                                         col tempo fruttificarono.
riflessione, di conversazione, di confronto e di
emozioni scambiate, in classe.                      Quella pregiata TERRA fruttifera...
Lasciamo a tutti voi la voglia di gustare              è la nostra MADRE TERRA
della fiaba, di assaporare alcune
                                                         NON E' INDISTRUTTIBILE!
sensazioni ed insegnamenti ...
                                                      E' l'ora di conoscere la preziosità
                     NOI                                           della Terra,
           ABBIAMO PROVATO                         di Amarla ,di Curarla, di Rispettarla...
                                                          è la nostra MADRE TERRA
              A PICCOLI PASSI
                                                        che ci alimenta e ci sostiene!
         A CONOSCERE LA TERRA

               A RISPETTARLA

               A LAVORARLA

                AD AMARLA

   A CAPIRE CHE LA TERRA E’ MADRE

   E DEV’ESSERE CURATA DAI PROPRI
                FIGLI.
L' ORTO

     OVVERO                                              ORTO... E CONSAPEVOLEZZA
                                          L' ORTO
UNA SCUOLA DI VITA
                                          OVVERO
                                                      - COMPRENDERE I PRO E I CONTRO
                                                       - IL VALORE DELLE VERDURE PER LA
  DI LINGUAGGIO
                                          RISORSA     SALUTE
     DI AZIONI                                         - ORTAGGI,VERDURE PER
                                           ENERGIA    L'ALIMENTAZIONE
     DI NOMI                              SALUTARE     -    ORTAGGI,   VERDURE     PER    LA
                                                      PREVENZIONE DI MALATTIE
   DI ATTREZZI                        SOSTENIBILE     - ORTO E RISPARMIO
    DI LAVORO                                          - ORTO E "UN AIUTO" AL BENESSERE
                                            PULITA
                                                      DELLA FAMIGLIA, SIA PER L'ECONOMIA, SIA
                                                      PER UNA SERENITA' ...

  ORTO ... E RISPARMIO!
                         ORTO... E SVAGO, RELAX DALLO STRESS
   CONOSCERE PER
                                      DEL LAVORO
      AMARE E
     GODERE...         ORTO... "TERAPEUTICO"

                           PER IMPARARE LA
        NON SI
                              PAZIENZA,
      IMPROVVISA
                             IL RISPETTO,
         L' ORTO
                              L'ATTESA,
        OVVERO
                            L'ORGOGLIO DI
   UNO STILE DI VITA         REALIZZARE
                             E PRODURRE
PAZIENZA,
                         ATTENZIONE, CURA,
                            DEDIZIONE …
                           AMORE PER LA
                              TERRA.
                         I nonni insegnano …
                            noi impariamo!

IMPARIAMO A GODERE DEI
DONI DELLA TERRA E AD
ESSERE SUOI FIGLI !
NELLA STRISCIA DI TERRA, FUORI DALLA
PALESTRA, CONTRO IL MURO ,… ECCO LA
NOSTRA COLTIVAZIONE.
CONCLUSIONI                   L’AMORE PER LA MADRE TERRA
nasce, cresce, si diffonde, radica, fruttifera, si riproduce in gesti
                         d’AMORE e di RISPETTO …

 •   Il PROGETTO presentato in sintesi si è snodato seguendo stimoli e proposte varie
                       nelle classi dell’anno 2014 – 2015:
                                  - CLASSE PRIMA
                                - CLASSE SECONDA
                                  - CLASSE TERZA
                                - CLASSE QUARTA
                                 - CLASSE QUINTA
                         -   CLASSE QUINTA ANNO 2013-2014.
 •   I LAVORI SONO DELLA SCUOLA PRIMARIA PADRE GIOVANNI FAUSTI
                             DI BROZZO.
                                       GLI INSEGNANTI COINVOLTI:
                                                 ORNELLA FAUSTI- FREDDI RAFFAELLA- CREMINI SARA -
                                          VIVENZI SABRINA- CINELLI RENATA- SCARMOZZINO ALFONSINA-
       •                                                ERIKA BALDRACCHI – EDOARDO TEOTTI

                                      PER IMPARARE AD AMARE LA TERRA …
     … come le pratoline … piccoli fiori stupendi … sono i nostri gesti quotidiani !
Puoi anche leggere
DIAPOSITIVE SUCCESSIVE ... Annulla