Sanzioni Amministrative e Ravvedimento Operoso - Formazione a Distanza del Consiglio Nazionale degli Spedizionieri Doganali - Relatore: Dott ...

 
Formazione a Distanza del
     Consiglio Nazionale degli Spedizionieri Doganali

Sanzioni Amministrative e
  Ravvedimento Operoso
                             Relatore: Dott. Giovanni Gargano
                                                Roma,26 Marzo 2017
Formazione a Distanza del
Consiglio Nazionale degli Spedizionieri Doganali
                                        Legge del 23/12/2014 n. 190 -

  Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge di stabilità

                                                   2015).

  Articolo 1

  comma 637

  637.Per realizzare le finalità di cui ai commi 634, 635 e 636, sono apportate le seguenti

  modificazioni:

  a) ………

  b) all'articolo 13 del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472, sono apportate le seguenti

  modificazioni:

  1) ……..

  c) al decreto legislativo 19 giugno 1997, n. 218, sono apportate le seguenti modificazioni:

  1) …….

  2) l'articolo 5-bis e' abrogato;

  ………….
                                                                        Relatore: Dott. Giovanni Gargano
      Sanzioni Amministrative e Ravvedimento Operoso
  .                                                                                      Roma, 26 Marzo 2017
Formazione a Distanza del
Consiglio Nazionale degli Spedizionieri Doganali

   SANZIONI – Il ravvedimento operoso

   In effetti l’istituto del ravvedimento operoso in parola nasce come
   istituto spontaneo mediante il quale il contribuente, accortosi
   autonomamente dell’errore commesso, può porvi rimedio beneficiano di
   una riduzione della sanzione.

                                                       Relatore: Dott. Giovanni Gargano
      Sanzioni Amministrative e Ravvedimento Operoso
                                                                        Roma, 26 Marzo 2017
Formazione a Distanza del
Consiglio Nazionale degli Spedizionieri Doganali

   La novità, in vigore dal 01.01.2015 per i tributi amministrati dall’Agenzia
   delle Entrate, sta nella circostanza che oggi il contribuente potrà farvi
   ricorso anche qualora siano iniziati accessi, ispezioni o verifiche, ovvero
   sia stato notificato il processo verbale di constatazione ma, in ogni caso,
   prima che gli sia stato notificato un atto impugnabile.

                                                       Relatore: Dott. Giovanni Gargano
      Sanzioni Amministrative e Ravvedimento Operoso
                                                                        Roma, 26 Marzo 2017
Formazione a Distanza del
Consiglio Nazionale degli Spedizionieri Doganali

    Dal 03.12.2016, con la modifica apportata dall’articolo 5 del D.L. n.
    193/2016 all’articolo 13 del D.Lgs. 472/97, la possibilità di ravvedersi dopo
    l’inizio di accessi ispezioni o verifiche, ovvero dopo la notifica di un
    processo verbale di constatazione è stata estesa anche ai tributi doganali
    e per le accise amministrati dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli.

                                                       Relatore: Dott. Giovanni Gargano
      Sanzioni Amministrative e Ravvedimento Operoso
                                                                        Roma, 26 Marzo 2017
Formazione a Distanza del
Consiglio Nazionale degli Spedizionieri Doganali

 Decreto-legge del 22/10/2016 n. 193
 Art. 5 Dichiarazione integrativa a favore e ravvedimento
 1. ……
 1-bis. All'articolo 13 del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472, sono
 apportate le seguenti modificazioni:
 a) al comma 1-bis sono aggiunte, in fine, le seguenti parole: "e,
 limitatamente alle lettere b-bis) e b-ter), ai tributi doganali e alle accise
 amministrati dall'Agenzia delle dogane e dei monopoli";
 b) al comma 1-ter e' aggiunto, in fine, il seguente periodo:
 "La preclusione di cui al comma 1, primo periodo, salva la notifica di
 avvisi di pagamento e atti di accertamento, non opera neanche per i
 tributi doganali e per le accise amministrati dall'Agenzia delle dogane e
 dei monopoli.".
 …..

                                                       Relatore: Dott. Giovanni Gargano
      Sanzioni Amministrative e Ravvedimento Operoso
                                                                        Roma, 26 Marzo 2017
Formazione a Distanza del
Consiglio Nazionale degli Spedizionieri Doganali

   Decreto-legge del 22/10/2016 n. 193
   Art. 5 Dichiarazione integrativa a favore e ravvedimento
   1. ……
   1-bis. All'articolo 13 del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472, sono
   apportate le seguenti modificazioni:
   a) al comma 1-bis sono aggiunte, in fine, le seguenti parole: "e,
   limitatamente alle lettere b-bis) e b-ter), ai tributi doganali e alle accise
   amministrati dall'Agenzia delle dogane e dei monopoli";
   b) al comma 1-ter e' aggiunto, in fine, il seguente periodo:
   "La preclusione di cui al comma 1, primo periodo, salva la notifica di
   avvisi di pagamento e atti di accertamento, non opera neanche per i
   tributi doganali e per le accise amministrati dall'Agenzia delle dogane e
   dei monopoli.".
   …..

                                                       Relatore: Dott. Giovanni Gargano
      Sanzioni Amministrative e Ravvedimento Operoso
                                                                        Roma, 26 Marzo 2017
Formazione a Distanza del
  Consiglio Nazionale degli Spedizionieri Doganali

b) ad un ottavo del minimo, se la regolarizzazione degli errori e delle omissioni,
anche se incidenti sulla determinazione o sul pagamento del tributo, avviene
entro il termine per la presentazione della dichiarazione relativa all'anno nel
corso del quale e' stata commessa la violazione ovvero, quando non e' prevista
dichiarazione periodica, entro un anno dall'omissione o dall'errore;
b-bis) ad un settimo del minimo se la regolarizzazione degli errori e delle
omissioni, anche se incidenti sulla determinazione o sul pagamento del tributo,
avviene entro il termine per la presentazione della dichiarazione relativa all'anno
successivo a quello nel corso del quale e' stata commessa la violazione ovvero,
quando non e' prevista dichiarazione periodica, entro due anni dall'omissione o
dall'errore;

                                                         Relatore: Dott. Giovanni Gargano
        Sanzioni Amministrative e Ravvedimento Operoso
                                                                          Roma, 26 Marzo 2017
Formazione a Distanza del
  Consiglio Nazionale degli Spedizionieri Doganali

b-ter) ad un sesto del minimo se la regolarizzazione degli errori e delle
omissioni, anche incidenti sulla determinazione o sul pagamento del tributo,
avviene oltre il termine per la presentazione della dichiarazione relativa all'anno
successivo a quello nel corso del quale e' stata commessa la violazione ovvero,
quando non e' prevista dichiarazione periodica, oltre due anni dall'omissione o
dall'errore;
b-quater) ad un quinto del minimo se la regolarizzazione degli errori e delle
omissioni, anche se incidenti sulla determinazione o sul pagamento del tributo,
avviene dopo la constatazione della violazione ai sensi dell'articolo 24 della
legge 7 gennaio 1929, n. 4, salvo che la violazione non rientri tra quelle indicate
negli articoli 6, comma 3, o 11, comma 5, del decreto legislativo 18 dicembre
1997, n. 471;
c) ad un decimo del minimo di quella prevista per l'omissione della
presentazione della dichiarazione, se questa viene presentata con ritardo non
superiore a novanta giorni ovvero a un decimo del minimo di quella prevista per
l'omessa presentazione della dichiarazione periodica prescritta in materia di
imposta sul valore aggiunto, se questa viene presentata con ritardo non
superiore a trenta giorni.
                                                         Relatore: Dott. Giovanni Gargano
        Sanzioni Amministrative e Ravvedimento Operoso
                                                                          Roma, 26 Marzo 2017
Formazione a Distanza del
  Consiglio Nazionale degli Spedizionieri Doganali

1-bis. Le disposizioni di cui al comma 1, lettere b-bis), b-ter) e b-quater), si applicano ai
tributi amministrati dall'Agenzia delle entrate e, limitatamente alle lettere b-bis) e b-ter),
ai tributi doganali e alle accise amministrati dall'Agenzia delle dogane e dei monopoli.
1-ter. Ai fini dell'applicazione delle disposizioni di cui al presente articolo, per i tributi
amministrati dall'Agenzia delle entrate non opera la preclusione di cui al comma 1, primo
periodo, salva la notifica degli atti di liquidazione e di accertamento, comprese le
comunicazioni recanti le somme dovute ai sensi degli articoli 36-bis e 36-ter del decreto
del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 600, e successive modificazioni,
e 54-bis del decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633, e successive
modificazioni. La preclusione di cui al comma 1, primo periodo, salva la notifica di avvisi di
pagamento e atti di accertamento, non opera neanche per i tributi doganali e per le accise
amministrati dall'Agenzia delle dogane e dei monopoli.
1-quater. Il pagamento e la regolarizzazione di cui al presente articolo non precludono
l'inizio o la prosecuzione di accessi, ispezioni, verifiche o altre attività amministrative di
controllo e accertamento.
2. Il pagamento della sanzione ridotta deve essere eseguito contestualmente alla
regolarizzazione del pagamento del tributo o della differenza, quando dovuti, nonché al
pagamento degli interessi moratori calcolati al tasso legale con maturazione giorno per
giorno.
                                                              Relatore: Dott. Giovanni Gargano
        Sanzioni Amministrative e Ravvedimento Operoso
                                                                               Roma, 26 Marzo 2017
Formazione a Distanza del
 Consiglio Nazionale degli Spedizionieri Doganali

              • Decreto legislativo del 18/12/1997 n. 472

Articolo 16
Procedimento di irrogazione delle sanzioni.
3. Entro il termine previsto per la proposizione del ricorso , il trasgressore e gli
obbligati in solido possono definire la controversia con il pagamento di un
importo pari ad un terzo della sanzione indicata e comunque non inferiore ad un
terzo dei minimi edittali previsti per le violazioni piu' gravi relative a ciascun
tributo. La definizione agevolata impedisce l'irrogazione delle sanzioni
accessorie.

                                                        Relatore: Dott. Giovanni Gargano
       Sanzioni Amministrative e Ravvedimento Operoso
                                                                         Roma, 26 Marzo 2017
Formazione a Distanza del
 Consiglio Nazionale degli Spedizionieri Doganali

              • Decreto legislativo del 18/12/1997 n. 472

Articolo 17
Irrogazione immediata
….2. E' ammessa definizione agevolata con il pagamento di un importo pari ad
un terzo della sanzione irrogata e comunque non inferiore ad un terzo dei
minimi edittali previsti per le violazioni piu' gravi relative a ciascun tributo, entro
il termine previsto per la proposizione del ricorso.

                                                        Relatore: Dott. Giovanni Gargano
       Sanzioni Amministrative e Ravvedimento Operoso
                                                                         Roma, 26 Marzo 2017
Formazione a Distanza del
Consiglio Nazionale degli Spedizionieri Doganali

                                              RECIDIVA
               Decreto legislativo del 18/12/1997 n. 472
                                                   Articolo 7
                          Criteri di determinazione della sanzione.
3. Salvo quanto previsto al comma 4, la sanzione e' aumentata fino alla meta'
nei confronti di chi, nei tre anni precedenti, sia incorso in altra violazione della
stessa indole non definita ai sensi degli articoli 13, 16 e 17 o in dipendenza di
adesione all'accertamento di mediazione e di conciliazione. Sono considerate
della stessa indole le violazioni delle stesse disposizioni e quelle di disposizioni
diverse che, per la natura dei fatti che le costituiscono e dei motivi che le
determinano o per le modalita' dell'azione, presentano profili di sostanziale
identita'.
4. Qualora concorrano circostanze che rendono manifesta la sproporzione tra
l'entita' del tributo cui la violazione si riferisce e la sanzione, questa puo' essere
ridotta fino alla meta' del minimo.
                                                                Relatore: Dott. Giovanni Gargano
      Sanzioni Amministrative e Ravvedimento Operoso
…..                                                                              Roma, 26 Marzo 2017
Formazione a Distanza del
Consiglio Nazionale degli Spedizionieri Doganali

                                              RECIDIVA
               Decreto legislativo del 18/12/1997 n. 472

A tal fine è opportuno che, nel caso in cui i verbalizzanti non indichino
nel processo verbale di constatazione se ricorrano o meno le
richiamate          circostanze           attenuanti,   il   contribuente    lo     richieda
espressamente, facendo riportare, ad esempio, la seguente dicitura
nel PVC:

                                                                Relatore: Dott. Giovanni Gargano
      Sanzioni Amministrative e Ravvedimento Operoso
                                                                                  Roma, 26 Marzo 2017
Formazione a Distanza del
    Consiglio Nazionale degli Spedizionieri Doganali

•   Ai fini della determinazione della sanzione di cui all’articolo ___ (es. 303 del TULD) si chiede che
    Codesto Ufficio valuti la possibilità della sua riduzione fino alla metà del minimo, così come
    previsto dal comma 4 dell’articolo 7 del D.lgs. 472/97. Ciò anche in considerazione che prima
    dell’emissione dell’avviso di accertamento, ovvero dell’atto di contestazione della sanzione, è
    possibile definire la violazione con l’istituto del ravvedimento operoso. Laddove, invece,
    notificato l’avviso di Rettifica dell’accertamento, ovvero dell’atto di contestazione della
    sanzione il ravvedimento operoso risulta precluso restando possibile soltanto la definizione
    agevolata del terzo, più sfavorevole.
•   La richiesta è motivata dalla circostanza che l’importatore non può ritenersi “recidivo” per non
    aver nei tre anni antecedenti da data della importazione incorso in altra violazione della stessa
    indole e appare manifesta la sproporzione tra l’entità dei tributi richiesti e la sanzione.
•   Tanto premesso, il sottoscritto, chiede di a Codesto Ufficio di voler far conoscere l’esito della
    indicata richiesta di riduzione della sanzione in tempo utile a consentirgli l’eventuale ricorso
    all’istituto del ravvedimento operoso di cui all’articolo 13 del d.lgs. n. 472/97.

                                                                     Relatore: Dott. Giovanni Gargano
          Sanzioni Amministrative e Ravvedimento Operoso
                                                                                         Roma, 26 Marzo 2017
Formazione a Distanza del
Consiglio Nazionale degli Spedizionieri Doganali

                 Decreto del Ministro delle Finanze del 7 agosto 1998

                                       Articolo 1
  Modalità di pagamento delle sanzioni pecuniarie a seguito di definizione
              agevolata demandata al Dipartimento delle dogane.
 Il pagamento delle somme dovute a titolo di sanzione pecuniaria a seguito di
 ravvedimento o di definizione agevolata di cui agli articoli 13, 16, comma 3,
 17, comma 2, e 25, comma 3, del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n.
 472, relativamente alle violazioni la cui definizione e' demandata al
 Dipartimento delle dogane e delle imposte indirette, e' eseguito, secondo le
 consuete modalità, presso gli uffici cassa delle dogane competenti. Gli uffici
 provvederanno ad emettere bollette di riscossione modello Z/20.
 …….
 Pertanto il ricorso all’istituto del ravvedimento operoso ha ragion d’essere, in
 dogana, solo dopo la notifica di un processo verbale di constatazione ovvero
 dopo che il contribuente abbia avuto notizia dell’inizio dell’attività di
 accertamento.

                                                       Relatore: Dott. Giovanni Gargano
      Sanzioni Amministrative e Ravvedimento Operoso
                                                                        Roma, 26 Marzo 2017
Formazione a Distanza del
Consiglio Nazionale degli Spedizionieri Doganali

                                                   ISTANZE

   A seguire, fac-simile di istanza contenente, sia la richiesta di

   riduzione della sanzione ex articolo 7, 4° comma, del D.Lgs.

   472/97, sia la richiesta di regolarizzare la violazione facendo ricorso

   all’istituto del ravvedimento operoso. Da utilizzare nell’ipotesi in cui

   la Dogana non abbia già comunicato l’applicabilità del richiamato 4°

   comma dell’articolo 7 del D.Lgs. 472/97.

                                                             Relatore: Dott. Giovanni Gargano
      Sanzioni Amministrative e Ravvedimento Operoso
                                                                              Roma, 26 Marzo 2017
XXXXX S.r.l.
Spett.le Ufficio delle Dogane di ______
Via _____________
____ ____________ (___)
Oggetto: Processo verbale di constatazione (o equivalente) n…..del……. – IMA n. ______ A del __.__. emessa dalla Dogana di ____________ –
Istanza di riduzione della sanzione ex art. 7, c. 4, del D.Lgs. n. 472/97 e di applicazione dell’istituto del ravvedimento operoso ex art. 13 del
D.Lgs. 472/97.
Il sottoscritto ____________ ____________, nato a ____________ il ……C.F. ____________, in qualità di legale rappresentante della società
XXXXX S.r.l., con sede in ________ alla Via ________, ___, C.F. / P.I. ________,
PREMESSO
con il processo verbale di accertamento suppletivo e di rettifica in oggetto Codesto Ufficio ha constatato la seguente violazione:
……………………..;
che nel citato processo verbale è stato indicato che per la violazione constatata è prevista la sanzione di cui all’articolo 303, 3° comma, lettera
e), del TULD, da un minimo di Euro 30.000,00 ad un massimo di Euro 45.000,00;
                                                                            CHIEDE
a Codesto Spettabile Ufficio, previa valutazione dell’applicabilità alla fattispecie in esame del disposto di cui al 4° comma dell’articolo 7 del
D.Lgs. 472/97, il quale prevede che la sanzione può essere ridotta fino alla metà del minimo, di definire la presente violazione avvalendosi
dell’istituto del ravvedimento operoso di cui all’articolo 13 del D.Lgs. 472/97.
La richiesta è motivata dalla circostanza che la società XXXXX S.r.l. non può ritenersi “recidiva” per non essere nei tre anni antecedenti da
data della importazione incorsa in altra violazione della stessa indole e appare manifesta la sproporzione tra l’entità dei tributi richiesti (Euro
4.500,00) e la sanzione.
A tal fine prega la cortesia di Codesto Spettabile Ufficio di determinare l’importo dovuto a titolo di sanzione ridotta.
Il sottoscritto, inoltre, si dichiara disponibile a versare i maggiori diritti richiesti ed i relativi interessi.
Infine, il sottoscritto, chiede di a Codesto Ufficio di voler far conoscere le proprie decisioni in tempo utile (cioè prima del _______) a
consentirgli il ricorso al richiamato istituto del ravvedimento operoso di cui all’articolo 13 del D.Lgs. n. 472/97.
Con perfetta osservanza.
_____________, lì _______
XXXXX S.r.l.
•    (Il legale rappresentante)
•    _______________                                                                              Relatore: Dott. Giovanni Gargano
            Sanzioni Amministrative e Ravvedimento Operoso
                                                                                                                     Roma, 26 Marzo 2017
Formazione a Distanza del
Consiglio Nazionale degli Spedizionieri Doganali

                                                   ISTANZE

   A seguire, fac-simile di istanza contenente, solo la richiesta di

   regolarizzare            la     violazione        facendo   ricorso    all’istituto     del

   ravvedimento operoso. Da utilizzare nell’ipotesi in cui la Dogana

   abbia già comunicato l’applicabilità, o meno, del richiamato 4°

   comma dell’articolo 7 del D.Lgs. 472/97.

                                                                Relatore: Dott. Giovanni Gargano
      Sanzioni Amministrative e Ravvedimento Operoso
                                                                                 Roma, 26 Marzo 2017
XXXXX S.r.l.
Spett.le Ufficio delle Dogane di ______
Via _____________
____ ____________ (___)
Oggetto: Processo verbale di accertamento suppletivo e di rettifica del __ ____________ – IMA n. ______ A del __.__. emessa dalla
Dogana di ____________ – Istanza di riduzione della sanzione ex art. 7, c. 4, del D.Lgs. n. 472/97 e di applicazione dell’istituto del
ravvedimento operoso ex art. 13 del D.Lgs. 472/97.
Il sottoscritto ____________ ____________, nato a ____________ il …… C.F. ____________, in qualità di legale rappresentante della
società XXXXX S.r.l., con sede in ________ alla Via ________, ___, C.F. / P.I. ________,
PREMESSO
-   con il processo verbale di accertamento suppletivo e di rettifica in oggetto Codesto Ufficio ha constatato la seguente violazione:
……………………..;
-     che nel citato processo verbale è stato indicato che per la violazione constatata è prevista la sanzione di cui all’articolo 303, 3°
comma, lettera e), del TULD;
-       che Codesto Ufficio ha comunicato che alla fattispecie in esame è applicabile il disposto del 4° comma dell’articolo 7, del D.Lgs.
472/97, per cui la sanzione minima è stata determinata in Euro 15.000,00; oppure
-       [che Codesto Ufficio ha comunicato che alla fattispecie in esame non è applicabile il disposto del 4° comma dell’articolo 7, del
D.Lgs. 472/97, per cui la sanzione minima è stata determinata in Euro 30.000,00;]
                                                                         CHIEDE
a Codesto Spettabile Ufficio di definire la presente violazione avvalendosi dell’istituto del ravvedimento operoso di cui all’articolo 13 del
D.Lgs. 472/97.
A tal fine prega la cortesia di Codesto Spettabile Ufficio di determinare l’importo dovuto a titolo di sanzione ridotta.
Il sottoscritto, inoltre, si dichiara disponibile a versare i maggiori diritti richiesti ed i relativi interessi.
Con perfetta osservanza.
_____________, lì _______
XXXXX S.r.l.
(Il legale rappresentante)
                                                                                                   Relatore: Dott. Giovanni Gargano
               Sanzioni Amministrative e Ravvedimento Operoso
                                                                                                                    Roma, 26 Marzo 2017
Formazione a Distanza del
Consiglio Nazionale degli Spedizionieri Doganali

                          Decreto legislativo del 08/11/1990 n. 374

                                    Articolo 11
 Revisione dell'accertamento, attribuzioni e poteri degli uffici.
 1. L'ufficio doganale può procedere alla revisione dell'accertamento
 divenuto definitivo, ancorché le merci che ne hanno formato l'oggetto
 siano state lasciate alla libera disponibilità dell'operatore o siano già uscite
 dal territorio doganale. La revisione e' eseguita d'ufficio, ovvero quando
 l'operatore interessato ne abbia fatta richiesta con istanza presentata, a
 pena di decadenza, entro il termine di tre anni dalla data in cui
 l'accertamento e' divenuto definitivo.

                                                         Relatore: Dott. Giovanni Gargano
      Sanzioni Amministrative e Ravvedimento Operoso
                                                                          Roma, 26 Marzo 2017
Formazione a Distanza del
Consiglio Nazionale degli Spedizionieri Doganali

                          Decreto legislativo del 08/11/1990 n. 374

 4-bis. Nel rispetto del principio di cooperazione stabilito dall'articolo 12 della legge
 27 luglio 2000, n. 212, dopo la notifica all'operatore interessato, qualora si tratti di
 revisione eseguita in ufficio, o nel caso di accessi - ispezioni - verifiche, dopo il
 rilascio al medesimo della copia del verbale delle operazioni compiute, nel quale
 devono essere indicati i presupposti di fatto e le ragioni giuridiche posti a base delle
 irregolarita', delle inesattezze, o degli errori relativi agli elementi dell'accertamento
 riscontrati nel corso del controllo, l'operatore interessato può comunicare
 osservazioni e richieste, nel termine di 30 giorni decorrenti dalla data di consegna o
 di avvenuta ricezione del verbale, che sono valutate dall'Ufficio doganale prima
 della notifica dell'avviso di cui al successivo comma 5.
 5. Quando dalla revisione, eseguita sia d'ufficio che su istanza di parte, emergono
 inesattezze, omissioni o errore relativi agli elementi presi a base dell'accertamento,
 l'ufficio procede alla relativa rettifica e ne da' comunicazione all'operatore
 interessato, notificando apposito avviso. Nel caso di rettifica conseguente a
 revisione eseguita d'ufficio, l'avviso deve essere notificato, a pena di decadenza,
 entro il termine di tre anni dalla data in cui l'accertamento e' divenuto definitivo.

                                                           Relatore: Dott. Giovanni Gargano
      Sanzioni Amministrative e Ravvedimento Operoso
                                                                            Roma, 26 Marzo 2017
Formazione a Distanza del
Consiglio Nazionale degli Spedizionieri Doganali

                          Decreto legislativo del 08/11/1990 n. 374

 6. L'istanza di revisione presentata dall'operatore si intende respinta se
 entro il novantesimo giorno successivo a quello di presentazione non e'
 stato notificato il relativo avviso di rettifica.

                                                         Relatore: Dott. Giovanni Gargano
      Sanzioni Amministrative e Ravvedimento Operoso
                                                                          Roma, 26 Marzo 2017
Formazione a Distanza del
Consiglio Nazionale degli Spedizionieri Doganali

                                    Legge del 27/12/1997 n. 449
                      Misure per la stabilizzazione della finanza pubblica.

    Articolo 20
    Disposizioni in materia di versamenti delle accise e di interessi sui diritti
    doganali.
    ……
    4. Non si applicano sanzioni amministrative in tutti i casi in cui il
    dichiarante ai sensi dell'articolo 4 del regolamento (CEE) n.2913/92 del
    Consiglio, del 12 ottobre 1992, chiede spontaneamente la revisione
    dell'accertamento di cui all'articolo 11 del decreto legislativo 8 novembre
    1990, n. 374. Sugli eventuali maggiori diritti sono dovuti gli interessi di cui
    all'articolo 86 del testo unico delle disposizioni legislative in materia
    doganale, approvato con decreto del Presidente della Repubblica 23
    gennaio 1973, n. 43, e successive modificazioni, qualora l'istanza di
    revisione dell'accertamento sia presentata oltre novanta giorni dopo la
    data in cui l'accertamento e' divenuto definitivo.

                                                             Relatore: Dott. Giovanni Gargano
      Sanzioni Amministrative e Ravvedimento Operoso
                                                                              Roma, 26 Marzo 2017
Formazione a Distanza del
Consiglio Nazionale degli Spedizionieri Doganali

                                 Testo unico del 23/01/1973 n. 43
            Testo unico delle disposizioni legislative in materia doganale.

    Articolo 61
    Analisi ed esame tecnico delle merci.

    Qualora per esigenze tecniche ovvero per disposizioni legislative od
    amministrative la dogana non possa determinare i caratteri, la natura o la
    composizione delle merci che le vengono presentate, si procede, fatta
    salva la facolta' prevista nel terzo comma dell'articolo 59, all'invio dei
    campioni o, quando occorra, delle merci stesse al Laboratorio chimico
    delle dogane e delle imposte indirette ovvero ad altro laboratorio di Stato
    od organo tecnico al quale sia devoluta la specifica competenza in materia.
    I campioni o le merci devono, in presenza dell'operatore, essere identificati
    con i sigilli della dogana e dell'interessato; per la spedizione e la
    restituzione dei campioni si applicano le disposizioni dell'art. 72.

                                                            Relatore: Dott. Giovanni Gargano
      Sanzioni Amministrative e Ravvedimento Operoso
                                                                             Roma, 26 Marzo 2017
Formazione a Distanza del
Consiglio Nazionale degli Spedizionieri Doganali

                                 Testo unico del 23/01/1973 n. 43
            Testo unico delle disposizioni legislative in materia doganale.

    In attesa del risultato di analisi o di esame tecnico dei campioni e
    sempreché non vi ostino motivi di carattere economico e valutario od altre
    cause, la dogana liquida provvisoriamente i diritti sulla base della
    dichiarazione e consente il rilascio della merce, verso prestazioni di
    cauzione per i maggiori diritti ai quali le merci possono andare soggette,
    con l'osservanza delle disposizioni di cui all'art. 83; se si tratta di
    operazione doganale diversa dell'importazione definitiva o
    dall'esportazione definitiva, sarà prestata cauzione per l'intero ammontare
    dei diritti ai quali le merci possono andare soggette. Prima di autorizzare il
    rilascio della merce, la dogana procede, con le modalità indicate nel
    precedente comma, al prelevamento di altri campioni, dei quali dovrà
    curare la conservazione in previsione della eventuale instaurazione di
    procedimenti amministrativi di controversia o di procedimenti
    giurisdizionali.

                                                            Relatore: Dott. Giovanni Gargano
      Sanzioni Amministrative e Ravvedimento Operoso
                                                                             Roma, 26 Marzo 2017
Formazione a Distanza del
Consiglio Nazionale degli Spedizionieri Doganali

                                 Testo unico del 23/01/1973 n. 43
            Testo unico delle disposizioni legislative in materia doganale.

    Il risultato di analisi o di esame tecnico deve essere notificato all'operatore.
    Ove questi non richieda, entro trenta giorni dalla notifica, la ripresa del
    contraddittorio, il risultato predetto si intende accettato e su tale base la
    dogana procede alla riliquidazione dei diritti ed agli altri adempimenti di
    cui al quarto comma dell'art. 59; se i diritti liquidati provvisoriamente in
    base alla dichiarazione risultano maggiori di quelli dovuti, la dogana
    promuove d'ufficio la procedura per il relativo rimborso.

                                                            Relatore: Dott. Giovanni Gargano
      Sanzioni Amministrative e Ravvedimento Operoso
                                                                             Roma, 26 Marzo 2017
Formazione a Distanza del
Consiglio Nazionale degli Spedizionieri Doganali

                                 Testo unico del 23/01/1973 n. 43
            Testo unico delle disposizioni legislative in materia doganale.
    Articolo 65
    Risoluzione delle contestazioni presso gli uffici doganali.
    Qualora, nel corso dell'accertamento sorga contestazione circa la
    qualificazione, il valore o l'origine della merce dichiarata ovvero circa il
    regime di tara od il trattamento degli imballaggi, il proprietario può
    chiedere che si proceda a visita di controllo a norma dell'art. 63. Ove non
    richieda tale visita o non ne accetti il risultato, può chiedere che sia sentito
    il parere di due periti, uno dei quali da lui scelto fra quelli compresi nelle
    liste approvate dalla camera di commercio, industria, agricoltura ed
    artigianato, e l'altro designato dal capo della dogana. Il parere dei periti,
    anche se concorde, non e' tuttavia vincolante per la dogana. Ciascuna delle
    due parti e' tenuta a sostenere la spesa per il proprio perito; al perito
    designato dalla dogana la spesa e' liquidata in base alla tariffa delle spese
    di perizia, approvata dal Ministro per le finanze. Su richiesta della camera
    di commercio, industria, agricoltura ed artigianato ed a spese della
    medesima può essere designato da ciascuna delle due parti un numero
    maggiore di periti.
                                                            Relatore: Dott. Giovanni Gargano
      Sanzioni Amministrative e Ravvedimento Operoso
                                                                             Roma, 26 Marzo 2017
Formazione a Distanza del
Consiglio Nazionale degli Spedizionieri Doganali

                                 Testo unico del 23/01/1973 n. 43
            Testo unico delle disposizioni legislative in materia doganale.

    Sulla contestazione decide, con provvedimento motivato, il capo della
    dogana; la decisione deve essere subito notificata all'interessato.
    Se il proprietario della merce non intende accettare la decisione, nel
    termine perentorio di dieci giorni dalla notifica deve chiedere che si
    proceda alla redazione di apposito verbale.
    Il verbale, redatto in duplice esemplare entro un termine all'uopo fissato
    dalla dogana, e' sottoscritto da entrambe le parti; uno degli esemplari e'
    consegnato all'operatore interessato. Se questi per qualsiasi motivo non
    sottoscrive il verbale, si fa menzione di tale circostanza nel verbale stesso e
    si procede alla relativa notifica.

                                                            Relatore: Dott. Giovanni Gargano
      Sanzioni Amministrative e Ravvedimento Operoso
                                                                             Roma, 26 Marzo 2017
Formazione a Distanza del
Consiglio Nazionale degli Spedizionieri Doganali

                                 Testo unico del 23/01/1973 n. 43
            Testo unico delle disposizioni legislative in materia doganale.

    Qualora per la risoluzione della insorta contestazione l'operatore non ne
    richieda il deferimento all'esame dei periti, il verbale viene redatto nel
    momento stesso in cui la contestazione e' sorta.
    Contemporaneamente alla redazione del verbale e sempreché non si sia
    già provveduto in precedenza in applicazione del primo comma dell'art. 61,
    si procede al prelevamento dei campioni con l'osservanza delle modalità
    indicate nell'articolo medesimo; ove non sia possibile, attesa la qualità
    della merce, prelevare i campioni, si supplisce con disegni, con fotografie o
    con una dettagliata descrizione fatta d'accordo fra le due parti ovvero da
    due periti da esse a ciò delegati.
    Dopo la relazione del verbale può essere autorizzato il rilascio della merce
    con l'osservanza della disposizione di cui al secondo comma dell'art. 61; in
    tal caso, la cauzione e' commisurata alla differenza fra i diritti che
    sarebbero dovuti secondo l'accertamento della dogana e quelli calcolati in
    base alla dichiarazione.
                                                            Relatore: Dott. Giovanni Gargano
      Sanzioni Amministrative e Ravvedimento Operoso
                                                                             Roma, 26 Marzo 2017
Formazione a Distanza del
Consiglio Nazionale degli Spedizionieri Doganali

                             Decreto-legge del 30/09/1994 n. 564

    Articolo 2 quater
    Autotutela.
    1. Con decreti del Ministro delle finanze sono indicati gli organi
    dell'Amministrazione finanziaria competenti per l'esercizio del potere di
    annullamento d'ufficio o di revoca, anche in pendenza di giudizio o in caso
    di non impugnabilità, degli atti illegittimi o infondati. Con gli stessi decreti
    sono definiti i criteri di economicità sulla base dei quali si inizia o si
    abbandona l'attivita' dell'amministrazione.
    1-bis. Nel potere di annullamento o di revoca di cui al comma 1 deve
    intendersi compreso anche il potere di disporre la sospensione degli effetti
    dell'atto che appaia illegittimo o infondato.
    1-ter. Le regioni, le province e i comuni indicano, secondo i rispettivi
    ordinamenti, gli organi competenti per l'esercizio dei poteri indicati dai
    commi 1 e 1-bis relativamente agli atti concernenti i tributi di loro
    competenza.

                                                         Relatore: Dott. Giovanni Gargano
      Sanzioni Amministrative e Ravvedimento Operoso
                                                                          Roma, 26 Marzo 2017
Formazione a Distanza del
Consiglio Nazionale degli Spedizionieri Doganali

                       Decreto-legge del 30/09/1994 n. 564
    1-quater. In caso di pendenza del giudizio, la sospensione degli effetti
    dell'atto cessa con la pubblicazione della sentenza.
    1-quinquies. La sospensione degli effetti dell'atto disposta anteriormente
    alla proposizione del ricorso giurisdizionale cessa con la notificazione, da
    parte dello stesso organo, di un nuovo atto, modificativo o confermativo di
    quello sospeso; il contribuente può impugnare, insieme a quest'ultimo,
    anche l'atto modificato o confermato.
    1-sexies. Nei casi di annullamento o revoca parziali dell'atto il contribuente
    può avvalersi degli istituti di definizione agevolata delle sanzioni previsti
    per l'atto oggetto di annullamento o revoca alle medesime condizioni
    esistenti alla data di notifica dell'atto purché rinunci al ricorso. In tale
    ultimo caso le spese del giudizio restano a carico delle parti che le hanno
    sostenute.
    1-septies. Le disposizioni del comma 1-sexies non si applicano alla
    definizione agevolata prevista dall'articolo 17, comma 2, del decreto
    legislativo 18 dicembre 1997, n. 472.
    1-octies. L'annullamento o la revoca parziali non sono impugnabili
    autonomamente.                                      Relatore: Dott. Giovanni Gargano
      Sanzioni Amministrative e Ravvedimento Operoso
                                                                          Roma, 26 Marzo 2017
Formazione a Distanza del
Consiglio Nazionale degli Spedizionieri Doganali

               Decreto legislativo del 31/12/1992 n. 546
    3. Il termine per la costituzione in giudizio del ricorrente decorre dalla
    scadenza del termine di cui al comma 2. Se la Commissione rileva che la
    costituzione e' avvenuta in data anteriore rinvia la trattazione della causa
    per consentire l'esame del reclamo.
    4. Le Agenzie delle entrate, delle dogane e dei monopoli di cui al decreto
    legislativo 30 luglio 1999, n. 300, provvedono all'esame del reclamo e della
    proposta di mediazione mediante apposite strutture diverse ed autonome
    da quelle che curano l'istruttoria degli atti reclamabili. Per gli altri enti
    impositori la disposizione di cui al periodo precedente si applica
    compatibilmente con la propria struttura organizzativa.
    5. L'organo destinatario, se non intende accogliere il reclamo o l'eventuale
    proposta di mediazione, formula d'ufficio una propria proposta avuto
    riguardo all'eventuale incertezza delle questioni controverse, al grado di
    sostenibilità della pretesa e al principio di economicità dell'azione
    amministrativa. L'esito del procedimento rileva anche per i contributi
    previdenziali e assistenziali la cui base imponibile e' riconducibile a quella
    delle imposte sui redditi.
                                                       Relatore: Dott. Giovanni Gargano
      Sanzioni Amministrative e Ravvedimento Operoso
                                                                        Roma, 26 Marzo 2017
Formazione a Distanza del
Consiglio Nazionale degli Spedizionieri Doganali

               Decreto legislativo del 31/12/1992 n. 546

    6. Nelle controversie aventi ad oggetto un atto impositivo o di riscossione,
    la mediazione si perfeziona con il versamento, entro il termine di venti
    giorni dalla data di sottoscrizione dell'accordo tra le parti, delle somme
    dovute ovvero della prima rata. Per il versamento delle somme dovute si
    applicano le disposizioni, anche sanzionatorie, previste per l'accertamento
    con adesione dall'articolo 8 del decreto legislativo 19 giugno 1997, n. 218.
    Nelle controversie aventi per oggetto la restituzione di somme la
    mediazione si perfeziona con la sottoscrizione di un accordo nel quale sono
    indicate le somme dovute con i termini e le modalità di pagamento.
    L'accordo costituisce titolo per il pagamento delle somme dovute al
    contribuente.
    7. Le sanzioni amministrative si applicano nella misura del trentacinque per
    cento del minimo previsto dalla legge. Sulle somme dovute a titolo di
    contributi previdenziali e assistenziali non si applicano sanzioni e interessi.

                                                       Relatore: Dott. Giovanni Gargano
      Sanzioni Amministrative e Ravvedimento Operoso
                                                                        Roma, 26 Marzo 2017
Formazione a Distanza del
Consiglio Nazionale degli Spedizionieri Doganali

               Decreto legislativo del 31/12/1992 n. 546

    8. La riscossione e il pagamento delle somme dovute in base all'atto
    oggetto di reclamo sono sospesi fino alla scadenza del termine di cui al
    comma 2, fermo restando che in caso di mancato perfezionamento della
    mediazione sono dovuti gli interessi previsti dalle singole leggi d'imposta.
    9. Le disposizioni di cui al presente articolo si applicano, in quanto
    compatibili, anche agli agenti della riscossione ed ai soggetti iscritti
    nell'albo di cui all'articolo 53 del decreto legislativo 15 dicembre 1997, n.
    446.
    10. Il presente articolo non si applica alle controversie di cui all'articolo 47-
    bis.

                                                        Relatore: Dott. Giovanni Gargano
      Sanzioni Amministrative e Ravvedimento Operoso
                                                                         Roma, 26 Marzo 2017
Puoi anche leggere
DIAPOSITIVE SUCCESSIVE ... Annulla