Media Monitoring per 25-11-2019

Media Monitoring per 25-11-2019
25-11-2019




Media Monitoring per
Media Monitoring per 25-11-2019
Utilitalia: si parla di Noi ................................................................................................................... 1
      19/11/2019 - GIORNALELORA.IT
            Diversity e inclusione, utilities in campo per firmare il “Patto Utilitalia – La Diversità fa la
            differenza” ............................................................................................................................. 1
      19/11/2019 - WWW.LIBERTASICILIA.IT
            Palermo. Diversity e inclusione, utilities in campo per firmare il “patto Utilitalia – la diversita’
            fa la differenza” ..................................................................................................................... 2
      20/11/2019 - WWW.GENOVA24.IT
            Diversity management e inclusione, Amiu tra i firmatari del Patto Utilitalia ......................... 3
      20/11/2019 - WWW.LIGURIA24.IT
            Diversity management e inclusione, Amiu tra i firmatari del Patto Utilitalia ......................... 5
      20/11/2019 - WWW.SIENANEWS.IT
            Diversità e inclusione: Estra tra le aziende firmatarie del patto Utilitalia .............................. 6
      20/11/2019 - WWW.AFFARITALIANI.IT
            Utilitalia, un patto per la diversità e l'inclusione nelle aziende .............................................. 8
      20/11/2019 - WWW.YOUTVRS.IT
            Diversità e inclusione: Estra e Viva Servizi in prima linea .................................................... 10
      20/11/2019 - WWW.AREZZONOTIZIE.IT
            Patto Utilitalia per la diversità ed inclusione. Da Estra impegno per abbattere le differenze
             .............................................................................................................................................. 13
      20/11/2019 - WWW.VOCEDELLACQUA.IT
            AQP firma il patto Utilitalia per la diversità e l’inclusione ................................................... 15
      20/11/2019 - WWW.CRONACHEMARCHE.IT
            Politiche aziendali inclusive e per il lavoro, patto Estra e Viva Servizi ................................ 17
      20/11/2019 - GIORNALELORA.IT
            Patto Utilitalia per la diversità e l’inclusione ....................................................................... 19
      20/11/2019 - WWW.CREMONAOGGI.IT
            Padania Acque sottoscrive il 'Patto Utilitalia' per la diversità e l’inclusione ........................ 21
      20/11/2019 - WWW.REGGIO2000.IT
            Siglato dal Gruppo Hera il Patto di Utilitalia per la diversità e l’inclusione in azienda ........ 23
      20/11/2019 - WWW.SASSUOLO2000.IT
            Siglato dal Gruppo Hera il Patto di Utilitalia per la diversità e l’inclusione in azienda ........ 25
      20/11/2019 - WWW.TICINONOTIZIE.IT
            Magenta: ASM sigla il patto Utilitalia per la diversità e l’inclusione .................................... 27
      20/11/2019 - WWW.SIENAFREE.IT
            ''Patto Utilitalia - La Diversità fa la Differenza'', da Estra un impegno concreto .................. 29
      20/11/2019 - WWW.WELFARENETWORK.IT
            Cremona Padania Acque sottoscrive il Patto Utilitalia per la diversità e l’inclusione ........... 31
      20/11/2019 - WWW.PAESESERA.TOSCANA.IT
            Estra firma Patto Utilitalia per la diversità e l'inclusione ..................................................... 33
      20/11/2019 - WWW.ILCITTADINOONLINE.IT
            Patto Utilitalia per la diversità e l’inclusione: da Estra un impegno concreto ...................... 35
      20/11/2019 - WWW.24ORENEWS.IT
            PATTO UTILITALIA PER LA DIVERSITA’ E L’INCLUSIONE ........................................................ 37
      20/11/2019 - WWW.AGENZIAGIORNALISTICAOPINIONE.IT
            Gruppo Dolomiti Energia * Diversity Management: « sottoscritto un programma di impegni
            concreti per favorire l’inclusione e la diversità di genere » ................................................. 39
      20/11/2019 - MIANEWS.IT
            Utilitalia, patto per politiche di inclusione in azienda: tra i primi firmatari MM e A2A ......... 41
      20/11/2019 - WWW2.SATURNONOTIZIE.IT
            Estra firma Patto Utilitalia per la diversità e l'inclusione ..................................................... 42
      20/11/2019 - MET.PROVINCIA.FI.IT
            Patto utilitalia per la diversità e l'inclusione: da Estra un impegno concreto per abbattere il
            muro delle differenze ........................................................................................................... 44
      20/11/2019 - WWW.AREZZOWEB.IT
            Patto Utilitalia per le diversità e l'inclusione: da Estra un impegno concreto ...................... 45
Media Monitoring per 25-11-2019
20/11/2019 - WWW.GIORNALECITTADINOPRESS.IT
     Patto Utilitalia - La Diversità fa la Differenza ....................................................................... 47
20/11/2019 - WWW.BOLOGNA2000.COM
     Siglato dal Gruppo Hera il Patto di Utilitalia per la diversità e l’inclusione in azienda ........ 49
20/11/2019 - MET.PROVINCIA.FI.IT
     Diversity e inclusione: Alia Servizi Ambientali tra le aziende firmatarie del Patto Utilitalia ...
     51
20/11/2019 - WWW.ANCONATODAY.IT
     Diversità ed inclusione, da Estra e Viva Servizi un impegno per abbattere le differenze .... 52
20/11/2019 - WWW.AREZZOTODAY.IT
     Patto Utilitalia per la diversità ed inclusione. Da Estra impegno per abbattere le differenze
     .............................................................................................................................................. 55
20/11/2019 - WWW.ADRIAECO.EU
     Estra e Viva Servizi in campo per abbattere il muro della diversità ..................................... 57
21/11/2019 - WWW.SICILIAUNONEWS.COM
     Patto Utilitalia per la Diversità e L'inclusione ...................................................................... 60
20/11/2019 - MANTOVAUNO.IT
     Tea firma a Roma il Patto Utilitalia per la diversità e l’inclusione nelle aziende .................. 62
21/11/2019 - WWW.AGORAMAGAZINE.IT
     AQP firma il patto Utilitalia per la diversità e l’inclusione ................................................... 64
20/11/2019 - ADNKRONOS
     SOSTENIBILITA': 27 UTILITY FIRMANO IL PATTO PER LA DIVERSITA' E L'INCLUSIONE ........... 66
20/11/2019 - ITALPRESS
     UTILITALIA: 27 AZIENDE FIRMANO PATTO PER LA DIVERISTÀ E L'INCLUSIONE ..................... 68
20/11/2019 - RADIOCOR PLUS
     Utilitalia: firmato il patto per la diversita' e l'inclusione ...................................................... 70
20/11/2019 - QUOTIDIANO ENERGIA
     Utilitalia, 27 imprese firmano patto per la diversità ............................................................ 72
21/11/2019 - L'ECO DI BERGAMO
     Uniacque e A2A firmatari del Patto per l' inclusione ............................................................ 74
21/11/2019 - L'ADIGE
     Dolomiti Energia firma il Patto per valorizzare tutte le diversità ......................................... 76
21/11/2019 - QUOTIDIANO DI BARI
     AQP firma il Patto Utilitalia per la diversità e l'inclusione .................................................... 77
21/11/2019 - WWW.BORSAITALIANA.IT
     Utilitalia: firmato il patto per la diversita' e l'inclusione ...................................................... 79
21/11/2019 - WWW.AREZZO24.NET
     Patto Utilitalia per la diversità e l'inclusione: da Estra un impegno concreto per abbattere il
     muro delle differenze ........................................................................................................... 80
21/11/2019 - VOCEDIMANTOVA.IT
     Anche Tea nel patto Utilitalia per la diversità e l’inclusione ................................................ 82
21/11/2019 - CANALE3.TV
     PATTO UTILITALIA PER LA DIVERSITA’ E L’INCLUSIONE: DA ESTRA UN IMPEGNO CONCRETO
     PER ABBATTERE IL MURO DELLE DIFFERENZE ...................................................................... 84
21/11/2019 - LA VOCE DI MANTOVA
     Anche Tea nel patto Utilitalia per la diversità e l' inclusione ............................................... 86
22/11/2019 - WWW.LATINAQUOTIDIANO.IT
     Acqualatina firma il Patto Utilitalia per la diversità e l’inclusione. Lombardi: “L’inclusione
     delle diversità è un valore etico” ......................................................................................... 87
22/11/2019 - IT.GEOSNEWS.COM
     Acqualatina firma il Patto Utilitalia per la diversità e l’inclusione. Lombardi: “L’inclusione
     delle diversità è un valore etico” ......................................................................................... 89
22/11/2019 - STAFFETTA QUOTIDIANA
     Diversità e inclusione, patto Utilitalia .................................................................................. 90
23/11/2019 - GAZZETTA DI MANTOVA
     Tea valorizza la diversità ..................................................................................................... 92
Media Monitoring per 25-11-2019
22/11/2019 - WWW.TUTTOGOLFO.IT
    Acqualatina, siglato Patto UTILITALIA per la diversità e l'inclusione Tuttogolfo .................. 93
Media Monitoring per 25-11-2019
19/11/2019
                                                 giornalelora.it
                                     Argomento: Utilitalia: si parla di Noi

                                                         Link alla pagina web



      Diversity e inclusione, utilities in campo per firmare il
         “Patto Utilitalia – La Diversità fa la differenza”

 L’AMAP informa che, oggi martedì 19
 novembre, firmerà a Roma il “Patto
 Utilitalia – La Diversità fa la differenza”.
 Un gruppo di 26 aziende dei servizi
 pubblici, fra cui AMAP S.p.A, associate ad
 Utilitalia (la Federazione delle imprese
 idriche,    ambientali         ed       energetiche),
 sottoscriveranno un comune programma di principi e di conseguenti impegni, per
 incrementare      l’attiva         declinazione             del       Diversity          Management                 nelle   proprie
 organizzazioni. Una lista di sette impegni per favorire concretamente l’inclusione e
 la diversità di genere, età, cultura e abilità, all’interno delle politiche aziendali. Per
 l’Amministratore Unico di AMAP, Ing. Alessandro Di Martino “la diversità esprime il
 punto di vista ed il valore di ogni individuo e ne definisce il relativo potenziale nella
 dimensione collettiva. Ascoltare e promuovere le differenze ed impegnarsi verso il
 superamento di ogni discriminazione, significa creare valore e costituisce una leva
 strategica su cui puntare. In tale prospettiva, AMAP sta mettendo in atto una
 pianificazione strategica basata sul diversity management, che avrà come obiettivo
 la divulgazione della cultura della diversità, promuovendo azioni concrete per
 consentire ad ogni risorsa umana di esprimere il proprio valore individuale, oltre
 ogni barriera”. Nel corso del Convegno “ALL THAT WE SHARE – L’inclusione come
 risorsa” che precederà la firma del Patto, si farà il punto sulle opportunità che
 innesca una consapevole gestione della diversity, con un confronto tra le associate a
 Utilitalia e realtà, quali Google Italy, Fondazione IBM Italia e Valore D. In scaletta
 anche l’intervento di Elena Bonetti, Ministra delle pari opportunità. Il programma
 completo dell’evento è disponibile su https://bit.ly/2q3kUFL Hashtag dell’evento:
 #allthatweshare #diversityutilitalia Com. Stam. L'articolo Diversity e inclusione,
 utilities in campo per firmare il “Patto Utilitalia – La Diversità fa la differenza”
 proviene da Giornale L'Ora.
               Riproduzione autorizzata Licenza Promopress ad uso esclusivo del destinatario Vietato qualsiasi altro uso
Media Monitoring per 25-11-2019
19/11/2019
                                                 libertasicilia.it
                                                                                                                           EAV: € 146
                                                                                                                           Lettori: 67
                                     Argomento: Utilitalia: si parla di Noi

                                                         Link alla pagina web



     Palermo. Diversity e inclusione, utilities in campo per
    firmare il “patto Utilitalia – la diversita’ fa la differenza”

 L’AMAP informa che, oggi martedì 19
 novembre, firmerà a Roma il “Patto
 Utilitalia – La Diversità fa la differenza”.
 Un gruppo di 26 aziende dei servizi
 pubblici, fra cui AMAP S.p.A, associate ad
 Utilitalia (la Federazione delle imprese
 idriche,    ambientali         ed       energetiche),
 sottoscriveranno un comune programma
 di principi e di conseguenti impegni, per
 incrementare l’attiva declinazione del
 Diversity Management nelle proprie organizzazioni. Una lista di sette impegni per
 favorire concretamente l’inclusione e la diversità di genere, età, cultura e abilità,
 all’interno delle politiche aziendali. Per l’Amministratore Unico di AMAP, Ing.
 Alessandro Di Martino “la diversità esprime il punto di vista ed il valore di ogni
 individuo e ne definisce il relativo potenziale nella dimensione collettiva. Ascoltare e
 promuovere      le      differenze             ed      impegnarsi               verso        il     superamento              di      ogni
 discriminazione, significa creare valore e costituisce una leva strategica su cui
 puntare. In tale prospettiva, AMAP sta mettendo in atto una pianificazione strategica
 basata sul diversity management, che avrà come obiettivo la divulgazione della
 cultura della diversità, promuovendo azioni concrete per consentire ad ogni risorsa
 umana di esprimere il proprio valore individuale, oltre ogni barriera”. Nel corso del
 Convegno “ALL THAT WE SHARE – L’inclusione come risorsa” che precederà la firma
 del Patto, si farà il punto sulle opportunità che innesca una consapevole gestione
 della diversity, con un confronto tra le associate a Utilitalia e realtà, quali Google
 Italy, Fondazione IBM Italia e Valore D. In scaletta anche l’intervento di Elena
 Bonetti, Ministra delle pari opportunità. L'articolo Palermo. Diversity e inclusione,
 utilities in campo per firmare il “patto utilitalia – la diversita’ fa la differenza”
 proviene da Libertà Sicilia.
               Riproduzione autorizzata Licenza Promopress ad uso esclusivo del destinatario Vietato qualsiasi altro uso
Media Monitoring per 25-11-2019
20/11/2019

                                                                                                                          EAV: € 744
                                                                                                                          Lettori: 6.100
                                    Argomento: Utilitalia: si parla di Noi

                                                        Link alla pagina web



  Diversity management e inclusione, Amiu tra i firmatari del
                      Patto Utilitalia

 Gestire l’età avanzata negli ambienti di
 lavoro è una necessità ormai cruciale
 Roma. C’è anche Amiu tra i firmatari del
 “Patto Utilitalia” in tema di Diversity
 Management, che è stato sottoscritto
 martedì     19      novembre                a        Roma
 nell’ambito del convegno “All that we
 share – L’inclusione come risorsa” presso la Residenza di Ripetta. Un progetto che si
 basa sulla valorizzazione delle diversità delle persone in una logica di inclusione e
 valorizzazione delle differenze di genere, età, abilità e cultura. Utilitalia è la
 Federazione che riunisce le aziende operanti nei servizi pubblici e l’iniziativa
 evidenzia l’impegno di Amiu Genova nel promuovere la diversità e l’inclusione,
 creando un ambiente di lavoro accogliente e senza discriminazioni. All’evento ha
 partecipato Bruno Moretti, Direttore Personale e Organizzazione Amiu, presentando
 il progetto “Active Ageing”, l’iniziativa formativa focalizzata sulla promozione di uno
 stile di vita sano e buone pratiche in tema di salute e sicurezza. Perché gestire l’età
 avanzata negli ambienti di lavoro è una necessità ormai cruciale (in particolare in
 Liguria, regione più anziana d’Italia).Sono in tutto ventisette le aziende dei servizi
 pubblici associate ad Utilitalia che hanno firmato il “Patto Utilitalia – La Diversità fa
 la Differenza”, un comune programma di principi e di conseguenti impegni per
 promuovere il Diversity Management nelle attività aziendali. Politiche aziendali
 inclusive a tutti i livelli dell’organizzazione, misure di conciliazione dei tempi vita-
 lavoro, gestione del merito trasparente e neutra rispetto alle diversità di genere,
 età, cultura, adozione di sistemi di monitoraggio dei progressi conseguiti e politiche
 di sensibilizzazione interne ed esterne, sono alcuni dei sette impegni contenuti nel
 Patto per la Diversity di Utilitalia, che rimane un documento aperto per tutte le
 associate. Primi firmatari del Patto sono A2A, ACEA, Acqua Campania, Acqualatina,
 AQP, AIMAG Mirandola, Alia, AMA Roma, AMAP, Amiu Genova, ASIA Napoli, ASM
              Riproduzione autorizzata Licenza Promopress ad uso esclusivo del destinatario Vietato qualsiasi altro uso
Media Monitoring per 25-11-2019
Magenta, CVA, Gruppo Dolomiti Energia, Estra, Gruppo CAP, HERA, Iren, MM, Padania
Acque, Siciliacque, SMAT, Tea Mantova, UniAcque, Veolia Italia, Veritas e Viva
Servizi.Per il opresidente di Utilitalia, Giovanni Valotti, “sul tema della diversità è
opportuno passare, all’interno delle aziende, da una gestione ordinaria a una visione
strategica, che contribuisca a creare valore aggiunto per la qualità del lavoro e i
servizi resi all’utenza”.




              Riproduzione autorizzata Licenza Promopress ad uso esclusivo del destinatario Vietato qualsiasi altro uso
Media Monitoring per 25-11-2019
20/11/2019

                                                                                                                         EAV: € 86
                                                                                                                         Lettori: 233
                                   Argomento: Utilitalia: si parla di Noi

                                                       Link alla pagina web



  Diversity management e inclusione, Amiu tra i firmatari del
                      Patto Utilitalia




             Riproduzione autorizzata Licenza Promopress ad uso esclusivo del destinatario Vietato qualsiasi altro uso
Media Monitoring per 25-11-2019
20/11/2019
                                                   sienanews.it
                                                                                                                            EAV: € 656
                                                                                                                            Lettori: 3.067
                                     Argomento: Utilitalia: si parla di Noi

                                                         Link alla pagina web



      Diversità e inclusione: Estra tra le aziende firmatarie del
                            patto Utilitalia

 Un    impegno       concreto            per       favorire
 l’inclusione e valorizzare la diversità di
 genere, età, cultura e abilità all’interno
 delle politiche aziendali. Ad abbracciarlo,
 sottoscrivendo ieri a Roma il “Patto
 Utilitalia – La diversità fa la differenza”,
 Estra insieme ad altre 26 aziende di
 servizi pubblici associate a Utilitalia (la
 federazione      delle         imprese             idriche,
 ambientali    ed      energetiche).               Politiche          aziendali           inclusive           a     tutti      i    livelli
 dell’organizzazione, misure di conciliazione dei tempi vita-lavoro, gestione del
 merito trasparente e neutra rispetto alle diversità di genere, età, cultura, adozione
 di sistemi di monitoraggio dei progressi conseguiti e politiche di sensibilizzazione
 interne ed esterne, sono alcuni dei sette impegni contenuti nel Patto per la Diversity
 di Utilitalia, che rimane un documento aperto per tutte le associate. Primi firmatari
 del Patto, oltre a Estra: A2A, ACEA, Acqua Campania, Acqualatina, AQP, AIMAG
 Mirandola, Alia, AMA Roma, AMAP, AMIU Genova, ASIA Napoli, ASM Magenta,
 Dolomiti Energia, Gruppo CAP, HERA, Iren, MM, Padania Acque, Siciliacque, SMAT,
 Tea Mantova, UniAcque, Veolia Italia, Veritas e Viva Servizi. Il Patto che sigla un
 comune programma di principi e di conseguenti impegni per promuovere il Diversity
 Management nelle attività aziendali, è stato elaborato dalla Commissione istituita un
 anno fa da Utilitalia per la valorizzazione e gestione della diversità, con il contributo
 attivo delle associate e con il supporto di Valore D e della Fondazione Belisario. “La
 diversità e l’uguaglianza sono due concetti indissolubili. – ha dichiarato Francesco
 Macrì presidente di Estra – L’uguaglianza implica pari diritti e pari opportunità, senza
 distinzione alcuna. Questo patto è un buon inizio. Certo dobbiamo ancora fare molti
 passi in avanti per rispettare un concetto così basilare e apparentemente scontato.
 Passi avanti nella società e nelle aziende. Anche in Estra, nonostante nel 2018 per la
               Riproduzione autorizzata Licenza Promopress ad uso esclusivo del destinatario Vietato qualsiasi altro uso
prima volta la percentuale di scatti di carriera sia stata maggiore tra le donne (10%
contro il 5% degli uomini), vogliamo impegnarci sempre di più per far emergere la
diversità che è un valore aggiunto”. Nel corso del Convegno “ALL THAT WE SHARE
L’inclusione come risorsa” che ha preceduto la firma – al quale sono intervenute,
oltre alle associate alla Federazione, la Ministra delle pari opportunità Elena Bonetti
e realtà quali Fondazione IBM Italia, Google Italy e Valore D – sono state affrontate le
numerose     sfaccettature             del       D&I       secondo            diverse          esperienze                nazionali   e
internazionali, in ambito public utilities e non. Il termometro sulle tendenze in atto in
tema di diversity nelle imprese dei servizi pubblici è stato fornito da una ricerca
Utilitalia-ACTA effettuato su un campione di 25 aziende di provenienze geografiche e
dimensioni diverse. Dalla ricerca – con evidenze principalmente qualitative data
dalla natura complessa del tema – risulta una crescita della presenza femminile (che
si attesta oggi al 23%), mentre il personale di origine straniera è fermo all’1,29%.
Quasi tutte le aziende intervistate dispongono di un proprio sistema di welfare
aziendale e, in particolare, di strumenti di flessibilità per la conciliazione dei tempi di
vita con quelli lavorativi. Tra le buone politiche adottate spiccano la contaminazione
di competenze (per favorire il ricambio generazionale fra i nuovi assunti e senior), la
scuola dei mestieri, l’intergeneration lab, l’inserimento dei dipendenti stranieri e la
lotta al digital divide. E’ necessario ancora compiere un ulteriore passo per rendere
esteso e completo il monitoraggio sul tema e più efficace la comunicazione sui
risultati.




             Riproduzione autorizzata Licenza Promopress ad uso esclusivo del destinatario Vietato qualsiasi altro uso
20/11/2019

                                                                                                                            EAV: € 2.345
                                                                                                                            Lettori: 73.333
                                      Argomento: Utilitalia: si parla di Noi

                                                          Link alla pagina web



      Utilitalia, un patto per la diversità e l'inclusione nelle
                               aziende

 Utilitalia, la Federazione e le associate
 hanno       sottoscritto           a         Roma           un
 programma       di     impegni           concreti          per
 favorire la diversity di genere, età,
 cultura, abilità Utilitalia, un patto per la
 diversità e l'inclusione nelle aziende Un
 impegno        concreto                per         favorire
 l’inclusione e valorizzare la diversità di
 genere, età, cultura e abilità all’interno
 delle politiche aziendali. Ventisette aziende dei servizi pubblici associate ad Utilitalia
 (la Federazione delle imprese idriche, ambientali ed energetiche), hanno firmato ieri
 sera a Roma il “Patto Utilitalia - La Diversità fa la Differenza”, un comune
 programma di principi e di conseguenti impegni per promuovere il Diversity
 Management nelle attività aziendali. Politiche aziendali inclusive a tutti i livelli
 dell’organizzazione, misure di conciliazione dei tempi vita-lavoro, gestione del
 merito trasparente e neutra rispetto alle diversità di genere, età, cultura, adozione
 di sistemi di monitoraggio dei progressi conseguiti e politiche di sensibilizzazione
 interne ed esterne, sono alcuni dei sette impegni contenuti nel Patto per la Diversity
 di Utilitalia, che rimane un documento aperto per tutte le associate. Primi firmatari
 del Patto sono A2A, ACEA, Acqua Campania, Acqualatina, AQP, AIMAG Mirandola,
 Alia, AMA Roma, AMAP, AMIU Genova, ASIA Napoli, ASM Magenta, CVA, Gruppo
 Dolomiti Energia, Estra, Gruppo CAP, HERA, Iren, MM, Padania Acque, Siciliacque,
 SMAT, Tea Mantova, UniAcque, Veolia Italia, Veritas e Viva Servizi. Il Patto è stato
 elaborato dalla Commissione istituita un anno fa da Utilitalia per la valorizzazione e
 gestione della diversità, con il contributo attivo delle associate e con il supporto di
 Valore D e della Fondazione Belisario. Per il Presidente di Utilitalia, Giovanni Valotti,
 “Sul tema della diversità è opportuno passare, all’interno delle aziende, da una
 gestione ordinaria a una visione strategica, che contribuisca a creare valore
                Riproduzione autorizzata Licenza Promopress ad uso esclusivo del destinatario Vietato qualsiasi altro uso
aggiunto per la qualità del lavoro e i servizi resi all’utenza. Con questo Patto,
Utilitalia e le associate firmatarie puntano a declinare concretamente il potenziale
della diversity e si impegnano a rendere disponibili strumenti adeguati, a
condividere le best practice e a monitorare i risultati conseguiti”. «Credo che la
Diversità sia non solo un valore da perseguire, ma anche una scelta strategica a
livello di business” ha dichiarato Stefano Cetti, Direttore Generale di MM SpA”.
Questo abbiamo fatto in MM: una politica del merito senza barriere, il cui risultato è
un’azienda altamente qualificata, fatta di persone diverse con in comune un unico
tratto distintivo: la competenza. La Diversità è eccellenza.» Nel corso del Convegno
“ALL THAT WE SHARE L'inclusione come risorsa” che ha preceduto la firma – al quale
sono intervenute, oltre alle associate alla Federazione, la Ministra delle pari
opportunità Elena Bonetti e realtà quali IBM Italia, Google Italy e Valore D – sono
state affrontate le numerose sfaccettature del D&I secondo diverse esperienze
nazionali e internazionali, in ambito public utilities e non. Il termometro sulle
tendenze in atto in tema di diversity nelle imprese dei servizi pubblici è stato fornito
da una ricerca Utilitalia-ACTA effettuato su un campione di 25 aziende di
provenienze geografiche e dimensioni diverse. Dalla ricerca – con evidenze
principalmente qualitative data dalla natura complessa del tema - risulta una
crescita della presenza femminile (che si attesta oggi al 23%), mentre il personale di
origine straniera è fermo all’1,29%. Quasi tutte le aziende intervistate dispongono di
un proprio sistema di welfare aziendale e, in particolare, di strumenti di flessibilità
per la conciliazione dei tempi di vita con quelli lavorativi. Tra le buone politiche
adottate spiccano la contaminazione di competenze (per favorire il ricambio
generazionale fra i nuovi assunti e senior), la scuola dei mestieri, l’intergeneration
lab, l’inserimento dei dipendenti stranieri e la lotta al digital divide. E’ necessario
ancora compiere un ulteriore passo per rendere esteso e completo il monitoraggio
sul tema e più efficace la comunicazione sui risultati.




             Riproduzione autorizzata Licenza Promopress ad uso esclusivo del destinatario Vietato qualsiasi altro uso
20/11/2019
                                                      youtvrs.it
                                    Argomento: Utilitalia: si parla di Noi

                                                        Link alla pagina web



    Diversità e inclusione: Estra e Viva Servizi in prima linea

 Sottoscritto a Roma il “Patto Utilitalia –
 La Diversità fa la Differenza” Un comune
 programma di principi e di conseguenti
 impegni per promuovere il Diversity
 Management nelle attività aziendali. Ad
 abbracciarlo,     sottoscrivendo,                 ieri       a
 Roma, il “Patto Utilitalia – La Diversità fa
 la Differenza”, Estra, primo operatore delle Marche nella distribuzione di gas ed
 energia elettrica e Viva Servizi, la società di gestione del servizio idrico integrato
 nella zona di Ancona. Politiche aziendali inclusive a tutti i livelli dell’organizzazione,
 misure di conciliazione dei tempi vita-lavoro, gestione del merito trasparente e
 neutra rispetto alle diversità di genere, età, cultura, adozione di sistemi di
 monitoraggio dei progressi conseguiti e politiche di sensibilizzazione interne ed
 esterne, sono alcuni dei sette impegni contenuti nel Patto per la Diversity di
 Utilitalia, che rimane un documento aperto per tutte le associate. “La diversità e
 l’uguaglianza sono due concetti indissolubili. – ha dichiarato Francesco Macrì
 presidente di Estra – L’uguaglianza implica pari diritti e pari opportunità, senza
 distinzione alcuna. Questo patto è un buon inizio. Certo dobbiamo ancora fare molti
 passi in avanti per rispettare un concetto così basilare e apparentemente scontato.
 Passi avanti nella società e nelle aziende. Anche in Estra, nonostante nel 2018 per la
 prima volta la percentuale di scatti di carriera sia stata maggiore tra le donne (10%
 contro il 5% degli uomini), vogliamo impegnarci sempre di più per far emergere la
 diversità che è un valore aggiunto”. Per Chiara Sciascia, presidente di Viva
 Servizi Spa, Società a capitale pubblico, gestore unico di ambito del Servizio Idrico
 Integrato,   su     un      territorio          di     43        Comuni          delle        province           di      Ancona   e
 Macerata, «occorre comprendere e valorizzare le differenze sia per garantire
 l’efficienza e la migliore organizzazione sia per dare concretezza alla funzione etica
 e sociale delle nostre imprese. In qualche modo siamo tutti diversi e ciò non è tanto
 (o non solo) riconducibile alle differenze di genere ma al fatto che siamo individui
              Riproduzione autorizzata Licenza Promopress ad uso esclusivo del destinatario Vietato qualsiasi altro uso
unici. Per quanto concerne Viva Servizi stiamo studiando con la nostra Direzione
Risorse Umane opportunità di miglioramento di questo percorso in un contesto
aziendale nel quale la presenza delle donne in posizioni apicali, aldilà della
presidenza della sottoscritta, sono rilevanti. Altro tema molto caldo è l’integrazione
tra i dipendenti più esperti e meno orientati alle innovazioni tecnologiche e i neo
assunti che hanno evidentemente inclinazioni a dinamiche più smart e più facilità di
apprendimento ma meno conoscenze acquisite nella pratica quotidiana. Crediamo
nell’integrazione e nella contaminazione di buone pratiche per trasmettere il sapere
in maniera orizzontale facendo sì che il know-how sia a disposizione dell’azienda e
non solo del singolo individuo. Abbiamo aderito con convinzione a questo protocollo
con l’auspicio che si traduca in atti concreti e con l’impegno a che venga recepito da
tutti i soggetti interessati». Primi firmatari, oltre ad Estra e Viva Servizi, altre 25
aziende di servizio pubblico: A2A, ACEA, Acqua Campania, Acqualatina, AQP, AIMAG
Mirandola, Alia, AMA Roma, AMAP, AMIU Genova, ASIA Napoli, ASM Magenta, CVA,
Gruppo Dolomiti Energia, Gruppo CAP, HERA, Iren, MM, Padania Acque, Siciliacque,
SMAT, Tea Mantova, UniAcque, Veolia Italia e Veritas. Il Patto è stato elaborato dalla
Commissione istituita un anno fa da Utilitalia per la valorizzazione e gestione della
diversità, con il contributo attivo delle associate e con il supporto di Valore D e della
Fondazione Belisario. Nel corso del Convegno “ALL THAT WE SHARE L’inclusione
come risorsa” che ha preceduto la firma – al quale sono intervenute, oltre alle
associate alla Federazione, la Ministra delle pari opportunità Elena Bonetti e realtà
quali IBM Italia, Google Italy e Valore D – sono state affrontate le numerose
sfaccettature del D&I secondo diverse esperienze nazionali e internazionali, in
ambito public utilities e non. Il termometro sulle tendenze in atto in tema
di diversity nelle imprese dei servizi pubblici è stato fornito da una ricerca Utilitalia-
ACTA effettuato su un campione di 25 aziende di provenienze geografiche e
dimensioni diverse. Dalla ricerca – con evidenze principalmente qualitative data
dalla natura complessa del tema – risulta una crescita della presenza femminile (che
si attesta oggi al 23%), mentre il personale di origine straniera è fermo all’1,29%.
Quasi tutte le aziende intervistate dispongono di un proprio sistema di welfare
aziendale e, in particolare, di strumenti di flessibilità per la conciliazione dei tempi di
vita con quelli lavorativi. Tra le buone politiche adottate spiccano la contaminazione
di competenze (per favorire il ricambio generazionale fra i nuovi assunti e senior), la
scuola dei mestieri, l’intergeneration lab, l’inserimento dei dipendenti stranieri e la
lotta al digital divide. E’ necessario ancora compiere un ulteriore passo per rendere
esteso e completo il monitoraggio sul tema e più efficace la comunicazione sui
             Riproduzione autorizzata Licenza Promopress ad uso esclusivo del destinatario Vietato qualsiasi altro uso
risultati. L'articolo Diversità e inclusione: Estra e Viva Servizi in prima linea proviene
da Youtvrs.




              Riproduzione autorizzata Licenza Promopress ad uso esclusivo del destinatario Vietato qualsiasi altro uso
20/11/2019
                                               arezzonotizie.it
                                                                                                                          EAV: € 847
                                                                                                                          Lettori: 7.300
                                    Argomento: Utilitalia: si parla di Noi

                                                        Link alla pagina web



      Patto Utilitalia per la diversità ed inclusione. Da Estra
               impegno per abbattere le differenze

 Il Patto che sigla un comune programma
 di principi e di conseguenti impegni per
 promuovere                  il                 Diversity
 Management nelle attività aziendali,                         è
 stato   elaborato         dalla        Commissione
 istituita un anno fa da Utilitalia Un
 impegno      concreto               per          favorire
 l’inclusione e valorizzare la diversità di genere, età, cultura e abilità all’interno delle
 politiche aziendali. Ad abbracciarlo, sottoscrivendo ieri a Roma il “Patto Utilitalia - La
 Diversità fa la Differenza”, Estra insieme ad altre 26 aziende di servizi pubblici
 associate a Utilitalia (la Federazione delle imprese idriche, ambientali ed
 energetiche).Politiche aziendali inclusive a tutti i livelli dell’organizzazione, misure di
 conciliazione dei tempi vita-lavoro, gestione del merito trasparente e neutra rispetto
 alle diversità di genere, età, cultura, adozione di sistemi di monitoraggio dei
 progressi conseguiti e politiche di sensibilizzazione interne ed esterne, sono alcuni
 dei sette impegni contenuti nel Patto per la Diversity di Utilitalia, che rimane un
 documento aperto per tutte le associate. Primi firmatari del Patto, oltre a Estra:
 A2A, ACEA, Acqua Campania, Acqualatina, AQP, AIMAG Mirandola, Alia, AMA Roma,
 AMAP, AMIU Genova, ASIA Napoli, ASM Magenta, Dolomiti Energia, Gruppo CAP,
 HERA, Iren, MM, Padania Acque, Siciliacque, SMAT, Tea Mantova, UniAcque, Veolia
 Italia, Veritas e Viva Servizi.Il Patto che sigla un comune programma di principi e di
 conseguenti impegni per promuovere il Diversity Management nelle attività
 aziendali, è stato elaborato dalla Commissione istituita un anno fa da Utilitalia per la
 valorizzazione e gestione della diversità, con il contributo attivo delle associate e
 con il supporto di Valore D e della Fondazione Belisario.“La diversità e l’uguaglianza
 sono due concetti indissolubili. – ha dichiarato Francesco Macrì presidente di Estra -
 L’uguaglianza implica pari diritti e pari opportunità, senza distinzione alcuna. Questo
 patto è un buon inizio. Certo dobbiamo ancora fare molti passi in avanti per
              Riproduzione autorizzata Licenza Promopress ad uso esclusivo del destinatario Vietato qualsiasi altro uso
rispettare un concetto così basilare e apparentemente scontato. Passi avanti nella
società e nelle aziende. Anche in Estra, nonostante nel 2018 per la prima volta la
percentuale di scatti di carriera sia stata maggiore tra le donne (10% contro il 5%
degli uomini), vogliamo impegnarci sempre di più per far emergere la diversità che è
un valore aggiunto”.Nel corso del Convegno “ALL THAT WE SHARE L'inclusione come
risorsa” che ha preceduto la firma – al quale sono intervenute, oltre alle associate
alla Federazione, la Ministra delle pari opportunità Elena Bonetti e realtà quali
Fondazione IBM Italia, Google Italy e Valore D – sono state affrontate le numerose
sfaccettature del D&I secondo diverse esperienze nazionali e internazionali, in
ambito public utilities e non. Il termometro sulle tendenze in atto in tema
di diversity nelle imprese dei servizi pubblici è stato fornito da una ricerca Utilitalia-
ACTA effettuato su un campione di 25 aziende di provenienze geografiche e
dimensioni diverse.Dalla ricerca – con evidenze principalmente qualitative data dalla
natura complessa del tema - risulta una crescita della presenza femminile (che si
attesta oggi al 23%), mentre il personale di origine straniera è fermo all’1,29%.
Quasi tutte le aziende intervistate dispongono di un proprio sistema di welfare
aziendale e, in particolare, di strumenti di flessibilità per la conciliazione dei tempi di
vita con quelli lavorativi. Tra le buone politiche adottate spiccano la contaminazione
di competenze (per favorire il ricambio generazionale fra i nuovi assunti e senior), la
scuola dei mestieri, l’intergeneration lab, l’inserimento dei dipendenti stranieri e la
lotta al digital divide. E’ necessario ancora compiere un ulteriore passo per rendere
esteso e completo il monitoraggio sul tema e più efficace la comunicazione sui
risultati.




             Riproduzione autorizzata Licenza Promopress ad uso esclusivo del destinatario Vietato qualsiasi altro uso
20/11/2019
                                              vocedellacqua.it
                                                                                                                          EAV: € 103
                                                                                                                          Lettori: 467
                                    Argomento: Utilitalia: si parla di Noi

                                                        Link alla pagina web



    AQP firma il patto Utilitalia per la diversità e l’inclusione
 La Federazione e le associate hanno sottoscritto a Roma un programma di impegni
 concreti per favorire la diversity di genere, età, cultura e abilità Un impegno
 concreto per favorire l’inclusione e valorizzare la diversità di genere, età, cultura e
 abilità all’interno delle politiche aziendali. Ventisette aziende dei servizi pubblici
 associate ad Utilitalia (la Federazione delle imprese idriche, ambientali ed
 energetiche), hanno firmato ieri sera a Roma il “Patto Utilitalia – La Diversità fa la
 Differenza”, un comune programma di principi e di conseguenti impegni per
 promuovere il Diversity Management nelle attività aziendali. Politiche aziendali
 inclusive a tutti i livelli dell’organizzazione, misure di conciliazione dei tempi vita-
 lavoro, gestione del merito trasparente e neutra rispetto alle diversità di genere,
 età, cultura, adozione di sistemi di monitoraggio dei progressi conseguiti e politiche
 di sensibilizzazione interne ed esterne, sono alcuni dei sette impegni contenuti nel
 Patto per la Diversity di Utilitalia, che rimane un documento aperto per tutte le
 associate. Primi firmatari del Patto sono Acquedotto Pugliese, A2A, ACEA, Acqua
 Campania, Acqualatina, AIMAG Mirandola, Alia, AMA Roma, AMAP, AMIU Genova,
 ASIA Napoli, ASM Magenta, CVA Dolomiti Energia, Estra, Gruppo CAP, HERA, Iren,
 MM, Padania Acque, Siciliacque, SMAT, Tea Mantova, UniAcque, Veolia Italia, Veritas
 e Viva Servizi. Il Patto è stato elaborato dalla Commissione istituita un anno fa da
 Utilitalia per la valorizzazione e gestione della diversità, con il contributo attivo delle
 associate e con il supporto di Valore D e della Fondazione Belisario. “La diversità –
 ha commentato il Presidente di Acquedotto Pugliese, Simeone di Cagno Abbrescia –
 è una risorsa per le aziende, non può e non deve essere motivo di esclusione ma
 bensì un’opportunità da cogliere e da valorizzare. Questa iniziativa trova massima
 rispondenza alle politiche di valorizzazione del personale di Acquedotto Pugliese, da
 sempre consapevole che ogni singola persona, nella sua unicità, è motivo di
 ricchezza. La diversità è un valore per una azienda come noi, a servizio del territorio,
 vicina alle esigenze dei cittadini e delle persone che ogni giorno lavorano per offrire
 un servizio fondamentale come l’acqua, risorsa preziosa per la vita. Ringraziamo
 Utilitalia per la lodevole proposta, una spinta a fare sempre meglio per il benessere
 delle nostre persone”. “Acquedotto Pugliese è impegnato in un percorso culturale di
              Riproduzione autorizzata Licenza Promopress ad uso esclusivo del destinatario Vietato qualsiasi altro uso
valorizzazione delle diversità. L’assenza di barriere sociali, economiche, di genere, di
competenze, permette di sviluppare e accrescere l’attrattività e le performance
dell’azienda. – precisa l’Amministratore Delegato di AQP, Nicola De Sanctis – Molte le
iniziative mirate in questa direzione, ponendo al centro la persona con la sua unicità
e potenzialità. L’inclusione oggi, garantisce una pluralità di presenza che segna un
notevole arricchimento nello sviluppo delle attività aziendali. Questo documento
rappresenta per AQP un ulteriore stimolo a proseguire nel cammino intrapreso”. Nel
corso del Convegno “ALL THAT WE SHARE L’inclusione come risorsa” che ha
preceduto la firma – al quale sono intervenute, oltre alle associate alla Federazione,
la Ministra delle pari opportunità Elena Bonetti e realtà quali Fondazione IBM Italia,
Google Italy e Valore D – sono state affrontate le numerose sfaccettature del D&I
secondo diverse esperienze nazionali e internazionali, in ambito public utilities e
non. Il termometro sulle tendenze in atto in tema di diversity nelle imprese dei
servizi pubblici è stato fornito da una ricerca Utilitalia-ACTA effettuato su un
campione di 25 aziende di provenienze geografiche e dimensioni diverse. Dalla
ricerca – con evidenze principalmente qualitative data dalla natura complessa del
tema – risulta una crescita della presenza femminile (che si attesta oggi al 23%),
mentre il personale di origine straniera è fermo all’1,29%. Quasi tutte le aziende
intervistate dispongono di un proprio sistema di welfare aziendale e, in particolare,
di strumenti di flessibilità per la conciliazione dei tempi di vita con quelli lavorativi.
Tra le buone politiche adottate spiccano la contaminazione di competenze (per
favorire il ricambio generazionale fra i nuovi assunti e senior), la scuola dei mestieri,
l’intergeneration lab, l’inserimento dei dipendenti stranieri e la lotta al digital divide.
E’ necessario ancora compiere un ulteriore passo per rendere esteso e completo il
monitoraggio sul tema e più efficace la comunicazione sui risultati.




             Riproduzione autorizzata Licenza Promopress ad uso esclusivo del destinatario Vietato qualsiasi altro uso
20/11/2019
                                              cronachemarche.it
                                        Argomento: Utilitalia: si parla di Noi

                                                           Link alla pagina web



    Politiche aziendali inclusive e per il lavoro, patto Estra e
                            Viva Servizi

 Ancona 20 novembre. – Un comune
 programma di principi e di conseguenti
 impegni per promuovere il Diversity
 Management nelle attività aziendali. Ad
 abbracciarlo,        sottoscrivendo,                   ieri     a
 Roma, il “Patto Utilitalia – La Diversità fa
 la Differenza”, Estra, primo operatore
 delle Marche nella distribuzione di gas
 ed energia elettrica e Viva Servizi, la
 società di gestione del servizio idrico
 integrato nella zona di Ancona. Politiche
 aziendali   inclusive            a     tutti       i     livelli
 dell’organizzazione,                   misure                  di
 conciliazione       dei        tempi          vita-lavoro,
 gestione del merito trasparente e neutra
 rispetto alle diversità di genere, età,
 cultura,    adozione              di        sistemi            di
 monitoraggio dei progressi conseguiti e
 politiche di sensibilizzazione interne ed
 esterne, sono alcuni dei sette impegni contenuti nel Patto per la Diversity di
 Utilitalia, che rimane un documento aperto per tutte le associate. “La diversità e
 l’uguaglianza sono due concetti indissolubili. – ha dichiarato Francesco Macrì
 presidente di Estra – L’uguaglianza implica pari diritti e pari opportunità, senza
 distinzione alcuna. Questo patto è un buon inizio. Certo dobbiamo ancora fare molti
 passi in avanti per rispettare un concetto così basilare e apparentemente scontato.
 Passi avanti nella società e nelle aziende. Anche in Estra, nonostante nel 2018 per la
 prima volta la percentuale di scatti di carriera sia stata maggiore tra le donne (10%
 contro il 5% degli uomini), vogliamo impegnarci sempre di più per far emergere la
                 Riproduzione autorizzata Licenza Promopress ad uso esclusivo del destinatario Vietato qualsiasi altro uso
diversità che è un valore aggiunto”. Per Chiara Sciascia ( nella foto), presidente di
Viva Servizi Spa, Società a capitale pubblico, gestore unico di ambito del Servizio
Idrico Integrato, su un territorio di 43 Comuni delle province di Ancona e Macerata,
«occorre comprendere e valorizzare le differenze sia per garantire l’efficienza e la
migliore organizzazione sia per dare concretezza alla funzione etica e sociale delle
nostre imprese. In qualche modo siamo tutti diversi e ciò non è tanto (o non solo)
riconducibile alle differenze di genere ma al fatto che siamo individui unici. Per
quanto concerne Viva Servizi – aggiunge- stiamo studiando opportunità di
miglioramento di questo percorso in un contesto aziendale nel quale la presenza
delle donne in posizioni apicali, aldilà della presidenza della sottoscritta, sono
rilevanti. Altro tema molto caldo è l’integrazione tra i dipendenti più esperti e meno
orientati alle innovazioni tecnologiche e i neo assunti che hanno inclinazioni a
dinamiche più smart e più facilità di apprendimento ma meno conoscenze acquisite
nella pratica quotidiana». Primi firmatari, oltre ad Estra e Viva Servizi, altre 25
aziende di servizio pubblico: A2A, ACEA, Acqua Campania, Acqualatina, AQP, AIMAG
Mirandola, Alia, AMA Roma, AMAP, AMIU Genova, ASIA Napoli, ASM Magenta, CVA,
Gruppo Dolomiti Energia, Gruppo CAP, HERA, Iren, MM, Padania Acque, Siciliacque,
SMAT, Tea Mantova, UniAcque, Veolia Italia e Veritas. Il Patto è stato elaborato dalla
Commissione istituita un anno fa da Utilitalia per la valorizzazione e gestione della
diversità, con il contributo attivo delle associate e con il supporto di Valore D e della
Fondazione Belisario. L'articolo Politiche aziendali inclusive e per il lavoro, patto
Estra e Viva Servizi proviene da Cronache Marche.




             Riproduzione autorizzata Licenza Promopress ad uso esclusivo del destinatario Vietato qualsiasi altro uso
20/11/2019
                                                 giornalelora.it
                                     Argomento: Utilitalia: si parla di Noi

                                                         Link alla pagina web



              Patto Utilitalia per la diversità e l’inclusione

 Roma: La Federazione e le associate
 hanno sottoscritto un programma di
 impegni concreti per favorire la diversity
 di genere, età, cultura e abilità L’Amap
 informa che ieri, 19 novembre c.a.,
 Utilitalia   (Federazione            delle        imprese
 idriche, ambientali ed energetiche) e 27
 aziende dei servizi pubblici associate,
 hanno sottoscritto a Roma il “Patto Utilitalia – La Diversità fa la Differenza”. Un
 comune programma di principi e di conseguenti impegni, per promuovere il Diversity
 Management nelle attività aziendali. Un impegno concreto, volto a favorire
 l’inclusione e la valorizzazione delle diversità di genere, età, cultura e abilità,
 all’interno delle politiche aziendali. Politiche aziendali inclusive a tutti i livelli
 dell’organizzazione, misure di conciliazione dei tempi vita-lavoro, gestione del
 merito trasparente e neutra, rispetto alle diversità di genere, età, cultura, adozione
 di sistemi di monitoraggio dei progressi conseguiti e politiche di sensibilizzazione
 interne ed esterne, sono alcuni dei sette impegni, contenuti nel Patto per la Diversity
 di Utilitalia, che rimane un documento aperto per tutte le associate. Primi firmatari
 del Patto sono A2A, ACEA, Acqua Campania, Acqualatina, AQP, AIMAG Mirandola,
 Alia, AMA Roma, AMAP, AMIU Genova, ASIA Napoli, ASM Magenta, CVA, Gruppo
 Dolomiti Energia, Estra, Gruppo CAP, HERA, Iren, MM, Padania Acque, Siciliacque,
 SMAT, Tea Mantova, UniAcque, Veolia Italia, Veritas e Viva Servizi. Il Patto è stato
 elaborato dalla Commissione, istituita un anno fa da Utilitalia, per la valorizzazione e
 gestione della diversità, con il contributo attivo delle associate e con il supporto di
 Valore D e della Fondazione Belisario. Per il Presidente di Utilitalia, Giovanni Valotti,
 “Sul tema della diversità è opportuno passare, all’interno delle aziende, da una
 gestione ordinaria a una visione strategica, che contribuisca a creare valore
 aggiunto per la qualità del lavoro e i servizi resi all’utenza. Con questo Patto,
 Utilitalia e le associate firmatarie puntano a declinare concretamente il potenziale
               Riproduzione autorizzata Licenza Promopress ad uso esclusivo del destinatario Vietato qualsiasi altro uso
della diversity e si impegnano a rendere disponibili strumenti adeguati, a
condividere    le      best       practice          e     a      monitorare             i    risultati        conseguiti”.            Per
l’Amministratore Unico di AMAP, Ing. Alessandro Di Martino “la diversità esprime il
punto di vista ed il valore di ogni individuo e ne definisce il relativo potenziale nella
dimensione collettiva. Ascoltare e promuovere le differenze ed impegnarsi verso il
superamento di ogni discriminazione, significa creare valore e costituisce una leva
strategica su cui puntare. In tale prospettiva, AMAP sta mettendo in atto una
pianificazione strategica basata sul diversity management, che avrà come obiettivo
la divulgazione della cultura della diversità, promuovendo azioni concrete per
consentire ad ogni risorsa umana di esprimere il proprio valore individuale, oltre
ogni barriera”. Nel corso del Convegno “ALL THAT WE SHARE – L’inclusione come
risorsa”, che ha preceduto la firma del Patto – sono intervenute, oltre alle associate
alla Federazione, la Ministra delle pari opportunità, Elena Bonetti e realtà quali: IBM
Italia, Google Italy e Valore D. Durante il Convegno sono state affrontate le
numerose      sfaccettature             del       D&I       secondo            diverse          esperienze                nazionali    e
internazionali, in ambito public utilities e non. Il termometro sulle tendenze in atto,
in tema di diversity nelle imprese dei servizi pubblici, è stato fornito da una ricerca
Utilitalia-ACTA, effettuata su un campione di 25 aziende, di provenienze geografiche
e dimensioni diverse. Dalla ricerca – con evidenze principalmente qualitative, data
dalla natura complessa del tema – risulta una crescita della presenza femminile (che
si attesta oggi al 23%), mentre il personale di origine straniera, è fermo all’1,29%.
Quasi tutte le aziende intervistate dispongono di un proprio sistema di welfare
aziendale e, in particolare, di strumenti di flessibilità per la conciliazione dei tempi di
vita,   con   quelli      lavorativi.           Tra       le     buone          politiche          adottate          spiccano,         la
contaminazione di competenze (per favorire il ricambio generazionale fra i nuovi
assunti e senior), la scuola dei mestieri, l’intergeneration lab, l’inserimento dei
dipendenti stranieri e la lotta al digital divide. E’ necessario ancora compiere un
ulteriore passo, per rendere esteso e completo, il monitoraggio sul tema e più
efficace la comunicazione sui risultati. Com. Stam. L'articolo Patto Utilitalia per la
diversità e l’inclusione proviene da Giornale L'Ora.




              Riproduzione autorizzata Licenza Promopress ad uso esclusivo del destinatario Vietato qualsiasi altro uso
20/11/2019
                                                   cremonaoggi.it
                                                                                                                             EAV: € 613
                                                                                                                             Lettori: 3.533
                                       Argomento: Utilitalia: si parla di Noi

                                                           Link alla pagina web



  Padania Acque sottoscrive il 'Patto Utilitalia' per la diversità
                        e l’inclusione

 La diversità fa la differenza, anche in
 ambito      lavorativo.        Politiche          aziendali
 inclusive         a          tutti            i          livelli
 dell’organizzazione,                   misure                  di
 conciliazione         dei      tempi          vita-lavoro,
 gestione del merito trasparente e neutra
 rispetto alle diversità di genere, età, cultura; adozione di sistemi di monitoraggio dei
 progressi conseguiti e politiche di sensibilizzazione interne ed esterne, sono alcuni
 degli impegni contenuti nel Patto per la Diversity di Utilitalia, la Federazione
 nazionale dei servizi pubblici, sottoscritto ieri a Roma anche da Padania Acque.
 L’amministratore delegato di Padania Acque Alessandro Lanfranchi è intervenuto al
 convegno 'All that we share. L'inclusione come risorsa' che ha preceduto la
 sottoscrizione del Patto, un programma e un modello di organizzazione del lavoro
 per valorizzare le diverse professionalità e competenze. "Un momento molto
 importante per la crescita umana e industriale di Padania Acque, che nella
 quotidiana attività lavorativa e aziendale promuove le diverse capacità, le
 peculiarità personali e professionali dei singoli lavoratori, che prima di tutto sono
 uomini e donne, risorse per la collettività e per la nostra azienda che eroga un
 servizio pubblico essenziale per la vita di tutti" ha dichiarato. "Promuovere i
 differenti talenti aiuta a creare l’armonia che è l’unità nella diversità". Primi firmatari
 del Patto insieme a Padania Acque sono A2A, Acea, Acqua Campania, Acqualatina,
 Aqp, Aimag Mirandola, Alia, Ama Roma, Amap, Amiu Genova, Asia Napoli, Asm
 Magenta, Cva, Gruppo Dolomiti Energia, Estra, Gruppo Cap, Hera, Iren, MM,
 Siciliacque, Smat, Tea Mantova, UniAcque, Veolia Italia, Veritas e Viva Servizi.
 Durante il convegno, a cui sono intervenute oltre alle associate alla Federazione, la
 Ministra delle pari opportunità Elena Bonetti (in videoconferenza da Parigi) e realtà
 quali IBM Italia, Google Italy e Valore D, sono stati presentati i dati della ricerca in
 tema di diversity realizzata da Utilitalia-ACTA effettuato su un campione di 25
                 Riproduzione autorizzata Licenza Promopress ad uso esclusivo del destinatario Vietato qualsiasi altro uso
aziende di provenienze geografiche e dimensioni diverse. Dall’indagine qualitativa è
emersa una crescita della presenza femminile (che si attesta oggi al 23%), mentre il
personale di origine straniera è fermo all’1,29%. Quasi tutte le aziende intervistate
dispongono di un proprio sistema di welfare aziendale e, in particolare, di strumenti
di flessibilità per la conciliazione dei tempi di vita con quelli lavorativi. Tra le buone
politiche adottate spiccano la contaminazione di competenze (per favorire il
ricambio generazionale fra i nuovi assunti e senior), la scuola dei mestieri,
l’intergeneration lab, l’inserimento dei dipendenti stranieri e la lotta al digital divide.
È necessario ancora compiere un ulteriore passo per rendere esteso e completo il
monitoraggio sul tema e più efficace la comunicazione sui risultati.                                                       L'articolo
Padania Acque sottoscrive  il 'Patto Utilitalia' per  la diversità e
l’inclusione sembra essere il primo su Cremonaoggi.




             Riproduzione autorizzata Licenza Promopress ad uso esclusivo del destinatario Vietato qualsiasi altro uso
20/11/2019

                                                                                                                             EAV: € 315
                                                                                                                             Lettori: 500
                                       Argomento: Utilitalia: si parla di Noi

                                                           Link alla pagina web



  Siglato dal Gruppo Hera il Patto di Utilitalia per la diversità
                   e l’inclusione in azienda

 Il Gruppo Hera ha firmato ieri a Roma il
 “Patto Utilitalia – La Diversità fa la
 Differenza”, un programma di principi e
 impegni concreti per favorire l’inclusione
 nelle   attività       aziendali,            pienamente
 coerenti       con       l’attenzione              che         la
 multiutility     dedica          da       sempre            alla
 valorizzazione         di       ogni         genere            di
 differenza. L’accordo – promosso da
 Utilitalia (la Federazione delle imprese idriche, ambientali ed energetiche) presso le
 proprie associate, ed elaborato col supporto di Valore D e della Fondazione Belisario
 – sostiene politiche inclusive a tutti i livelli delle organizzazioni, misure di
 conciliazione dei tempi vita-lavoro, gestione del merito trasparente e neutra rispetto
 alle diversità di genere, età, cultura, adozione di sistemi di monitoraggio dei
 progressi conseguiti e politiche di sensibilizzazione interne ed esterne. La
 sottoscrizione del Patto per la Diversity ha chiuso il convegno “All that we share” –
 L’inclusione come risorsa”, dedicato al tema della D&I con l’apporto di esperienze
 nazionali e internazionali, al quale è intervenuta anche la Ministra delle Pari
 opportunità Elena Bonetti. L’attenzione del Gruppo Hera per la Diversity e
 l’inclusione Il Gruppo Hera mostra da sempre grande attenzione per le politiche di
 inclusione e tutela della diversità, grazie a numerosi progetti per lo sviluppo
 personale e professionale. Un impegno che parte da lontano, nel 2009, con la
 sottoscrizione della Carta per le pari opportunità e l’uguaglianza sul lavoro. Nel 2011
 è stata introdotta la figura del Diversity Manager, per favorire ulteriormente i
 processi di sviluppo delle politiche di inclusione e di valorizzazione delle diversità.
 Con queste attività, Hera contribuisce al quinto obiettivo delle Nazioni Unite per uno
 sviluppo sostenibile (SDG), specificamente dedicato alla parità di genere. La
 multiutility continua, infatti, a puntare sullo sviluppo di percorsi di carriera interni e
                 Riproduzione autorizzata Licenza Promopress ad uso esclusivo del destinatario Vietato qualsiasi altro uso
Puoi anche leggere
Parte successiva ... Annulla