LIDL ITALIA Srl - Comune di Sesto Calende

 
 
LIDL ITALIA Srl - Comune di Sesto Calende
Comune        SESTO CALENDE




Provincia     VARESE




Committente   LIDL ITALIA S.r.l.




Oggetto       Verifica di Assoggettabilità a Valutazione Ambientale
              Strategica VAS ai sensi della L.R. 12/2005 e s.m.i del
              Piano Attuativo in Variante al PGT, SS33 Via Manzoni,
              Proprietà LIDL Italia Srl
              Rapporto ambientale preliminare




Data          09 novembre 2015 – rev. 03
LIDL ITALIA Srl - Comune di Sesto Calende
LIDL ITALIA S.r.l. - Verifica di Assoggettabilità a Valutazione Ambientale Strategica VAS ai sensi della L.R. 12/2005 e
s.m.i del Piano Attuativo in Variante al PGT, SS33 Via Manzoni, Proprietà LIDL Italia Srl - Rapporto ambientale
preliminare – rev. 03


INDICE

1.    PREMESSA .................................................................................................................................. 5
2.    LA VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA NELLA PIANIFICAZIONE
      TERRITORIALE ......................................................................................................................... 6
     2.1      Riferimenti normativi ........................................................................................................... 6
       2.1.1       Normativa comunitaria .................................................................................................. 6
       2.1.2       Normativa nazionale ...................................................................................................... 6
       2.1.3       Normativa regionale ....................................................................................................... 7

     2.2      Il concetto di sviluppo sostenibile ........................................................................................ 8

     2.3      Schema operativo per la verifica di assoggettabilità a VAS ................................................ 9

3.    ANALISI DEL CONTESTO D’AZIONE .................................................................................. 11
     3.1      Inquadramento territoriale.................................................................................................. 11

     3.2      Il PGT vigente .................................................................................................................... 11
       3.2.1       Il Documento di Piano ................................................................................................. 12
       3.2.2       Il Piano dei Servizi ....................................................................................................... 13

     3.3      La Valutazione Ambientale (VAS) del PGT di Sesto Calende ......................................... 15
       3.3.1       Analisi territoriale ........................................................................................................ 15
       3.3.2       Verifica di sostenibilità degli obiettivi di piano ........................................................... 21
       3.3.3       Verifica di coerenza esterna ......................................................................................... 23
       3.3.4       Verifica di coerenza interna ......................................................................................... 23
       3.3.5       Lo scenario di piano ..................................................................................................... 25
       3.3.6       Effetti ambientali delle azioni di piano ........................................................................ 25

4.    IL PIANO ATTUATIVO IN VARIANTE AL PGT .................................................................. 29
     4.1      Inquadramento normativo del piano attuativo ................................................................... 29

     4.2      Inquadramento urbanistico del piano attuativo .................................................................. 31

     4.3      Descrizione della variante urbanistica ............................................................................... 33
       4.3.1       L’area d’intervento ....................................................................................................... 33
       4.3.2       Descrizione dell’intervento .......................................................................................... 35

5.    VALUTAZIONE AMBIENTALE PRELIMINARE ................................................................. 42
     5.1      Coerenza con il PGT vigente ............................................................................................. 42
                                                                                                                                                  2
LIDL ITALIA Srl - Comune di Sesto Calende
LIDL ITALIA S.r.l. - Verifica di Assoggettabilità a Valutazione Ambientale Strategica VAS ai sensi della L.R. 12/2005 e
s.m.i del Piano Attuativo in Variante al PGT, SS33 Via Manzoni, Proprietà LIDL Italia Srl - Rapporto ambientale
preliminare – rev. 03


     5.1.1      Coerenza con gli obiettivi ............................................................................................ 42

  5.2      Piano dei Servizi - variazione della consistenza di attrezzature pubbliche........................ 43

  5.3      Fruibilità dell’area .............................................................................................................. 44

  5.4      Verifica del fabbisogno dei parcheggi ............................................................................... 46
     5.4.1      Utenza dell’esercizio commerciale .............................................................................. 46
     5.4.2      Scuola ........................................................................................................................... 49
     5.4.3      Interferenza esercizio commerciale – scuola ............................................................... 52
     5.4.4      Interferenza esercizio commerciale - attività di carico/scarico – scuola ..................... 54

  5.5      Viabilità.............................................................................................................................. 55
     5.5.1      Monitoraggio viabilità con i dati provinciali ............................................................... 55
     5.5.2      Interferenze con esercizio commerciale ....................................................................... 58
     5.5.3      Monitoraggio viabilità ottobre 2015 ............................................................................ 59
     5.5.4      Confronto valutazioni del traffico da dati provinciali e analisi viabilistica ................. 64

  5.6      Rumore ............................................................................................................................... 65
     5.6.1      Impatto acustico da traffico.......................................................................................... 65

  5.7      Aria..................................................................................................................................... 66
     5.7.1      Tutele e riferimenti normativi per il settore ................................................................. 66
     5.7.2      Stato attuale della qualità dell’aria ............................................................................... 69
     5.7.3      Incremento emissioni da traffico.................................................................................. 76

  5.8      Interesse pubblico .............................................................................................................. 77

  5.9      Acque ................................................................................................................................. 77
     5.9.1      Descrizione dello stato di fatto del sistema fognario ................................................... 77
     5.9.2      Descrizione dello stato di progetto delle reti fognarie ................................................. 78
     5.9.3      Calcolo della portata delle acque nere domestiche ...................................................... 78
     5.9.4      Abitanti equivalenti ...................................................................................................... 79
     5.9.5      Variazione della portata delle acque nere domestiche ................................................. 80
     5.9.6      Calcolo della portata defluente dalla rete delle acque meteoriche ............................... 80
     5.9.7      Verifica del limite della portata di scarico ................................................................... 83

  5.10     Reticolo idrico .................................................................................................................... 84

                                                                                                                                                     3
LIDL ITALIA Srl - Comune di Sesto Calende
LIDL ITALIA S.r.l. - Verifica di Assoggettabilità a Valutazione Ambientale Strategica VAS ai sensi della L.R. 12/2005 e
s.m.i del Piano Attuativo in Variante al PGT, SS33 Via Manzoni, Proprietà LIDL Italia Srl - Rapporto ambientale
preliminare – rev. 03


     5.11     Suolo – Sottosuolo – Acque sotterranee ............................................................................ 85

     5.12     Consumi ............................................................................................................................. 86

     5.13     Paesaggio ........................................................................................................................... 87

     5.14     Interferenza con i siti Rete Natura 2000 ............................................................................ 87

6.    CONCLUSIONI ......................................................................................................................... 89
7.    Allegati ........................................................................................................................................ 93
8.    Allegati di progetto ..................................................................................................................... 93




                                                                                                                                                        4
LIDL ITALIA Srl - Comune di Sesto Calende
LIDL ITALIA S.r.l. - Verifica di Assoggettabilità a Valutazione Ambientale Strategica VAS ai sensi della L.R. 12/2005 e
s.m.i del Piano Attuativo in Variante al PGT, SS33 Via Manzoni, Proprietà LIDL Italia Srl - Rapporto ambientale
preliminare – rev. 03


1. PREMESSA
La Valutazione Ambientale Strategica (VAS) ha come obbiettivo generale a livello comunitario di
affiancare i processi di pianificazione urbanistica in modo integrato con lo scopo di impostare le scelte
di piano nell’ottica di uno sviluppo sostenibile.
La VAS è finalizzata quindi ad individuare nel suo processo di valutazione gli impatti diretti ed
indiretti rispetto allo stato dell’ambiente derivanti dall’attuazione di piani o di programmi territoriali.
Nel processo di costruzione del piano, la VAS intende individuare le peculiarità ambientali del
territorio comunale, mettendo in evidenza sia lo stato attuale dell'ambiente, sotto vari aspetti sia le
sue variazioni nel tempo, in modo da poter condizionare le trasformazioni e definire le misure di
mitigazione e compensazione da attuare per riequilibrare gli effetti negativi derivanti dalle scelte.
I piani o i programmi esistenti sottoposti a modifiche minori o che determinano l’uso di piccole aree
a livello locale, che possono avere un impatto significativo sull’ambiente sono soggetti anch’essi a
verifica di assoggettabilità a VAS.
Il presente rapporto ambientale preliminare costituisce la base per la verifica di assoggettabilità a
VAS del Piano Attuativo relativo al progetto di ampliamento della filiale LIDL Italia Srl e
riorganizzazione della relativa area parcheggi, con sede in SS 33 Sempione, Sesto Calende (VA),
costituente variante allo strumento urbanistico vigente, e funge da documento di confronto con le
Autorità competenti in materia ambientale coinvolte nella procedura di valutazione.
Il progetto prevede l’ampliamento di una media struttura di vendita mediante nuova costruzione per
sostituzione edilizia ai sensi dell’art. 27, comma 1, lettera e) della L.R. 12/2005 all’interno del range
previsto per tale categoria (superficie commerciale fino a 2.500 mq) e il cambio di destinazione d’uso
di un’area attualmente destinata ad attrezzature pubbliche a parcheggio pubblico. Nel presente
documento vengono evidenziate ed analizzate le ripercussioni di tali modifiche sugli equilibri locali
e, in senso più ampio, sull’intero sistema dei servizi del territorio comunale di Sesto Calende.




                                                                                                                     5
LIDL ITALIA Srl - Comune di Sesto Calende
LIDL ITALIA S.r.l. - Verifica di Assoggettabilità a Valutazione Ambientale Strategica VAS ai sensi della L.R. 12/2005 e
s.m.i del Piano Attuativo in Variante al PGT, SS33 Via Manzoni, Proprietà LIDL Italia Srl - Rapporto ambientale
preliminare – rev. 03


2. LA VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA NELLA PIANIFICAZIONE
      TERRITORIALE

2.1      Riferimenti normativi

Il quadro normativo vigente riguardante la valutazione ambientale strategica è consultabile sul sito
della Regione Lombardia (http://www.cartografia.regione.lombardia.it/sivas/).



2.1.1    Normativa comunitaria

Direttiva 2001/42/CE del 27 giugno 2001, concernente la valutazione degli effetti di determinati
piani e programmi sull’ambiente
La direttiva del Parlamento Europeo e del Consiglio introduce la Valutazione Ambientale come
processo continuo che segue l’intero ciclo di vita del piano. Questo obiettivo si concretizza attraverso
un processo di valutazione che s’affianca e integra quello di pianificazione.



2.1.2    Normativa nazionale
D.lgs 152/2006 (modificato ed integrato dal D.lgs 16 gennaio 2008, n. 4 e dal D.lgs 29 giugno 2010,
n. 128) - Norme in materia ambientale
Lo stato italiano recepisce la direttiva comunitaria 2001/42/CE con il D.lgs 152/2006 e s.m.i. In linea
con la direttiva, nell’art.12 della parte II sono specificate le modalità di svolgimento della verifica di
assoggettabilità, recepite dalla normativa regionale (vedi cap. 2.3.2).
L‘allegato 1 della parte II elenca i criteri da considerare per la redazione del Rapporto ambientale
preliminare e per la Verifica di assoggettabilità a VAS di piani e programmi, in particolare:


Caratteristiche del piano/programma
      a) in quale misura il piano o il programma stabilisce un quadro di riferimento per progetti ed
         altre attività, o per quanto riguarda l’ubicazione, la natura, le dimensioni e le condizioni
         operative o attraverso la ripartizione delle risorse;
      b) in quale misura il piano o il programma influenza altri piani o programmi, inclusi quelli
         gerarchicamente ordinati;
      c) la pertinenza del piano o del programma per l’integrazione delle considerazioni ambientali, in
         particolare al fine di promuovere lo sviluppo sostenibile;
      d) problemi ambientali pertinenti al piano o al programma;
                                                                                                                     6
LIDL ITALIA Srl - Comune di Sesto Calende
LIDL ITALIA S.r.l. - Verifica di Assoggettabilità a Valutazione Ambientale Strategica VAS ai sensi della L.R. 12/2005 e
s.m.i del Piano Attuativo in Variante al PGT, SS33 Via Manzoni, Proprietà LIDL Italia Srl - Rapporto ambientale
preliminare – rev. 03


    e) la rilevanza del piano o del programma per l’attuazione della normativa comunitaria nel
        settore dell’ambiente (ad. es. piani e programmi connessi alla gestione dei rifiuti o alla
        protezione delle acque).


Caratteristiche degli impatti e delle aree che possono essere interessate:
    a) probabilità, durata, frequenza e reversibilità degli impatti;
    b) carattere cumulativo degli impatti;
    c) natura transfrontaliera degli impatti;
    d) rischi per la salute umana o per l’ambiente (ad. es. in caso di incidenti);
    e) entità ed estensione nello spazio degli impatti (area geografica e popolazione potenzialmente
        interessata);
    f) valore e vulnerabilità dell’area che potrebbe essere interessata a causa:
        -    delle speciali caratteristiche naturali o del patrimonio culturale,
        -    del superamento dei livelli di qualità ambientale o dei valori limite dell’utilizzo intensivo
             del suolo;
    g) impatti su aree o paesaggi riconosciuti come protetti a livello nazionale, comunitario o
        internazionale.



2.1.3   Normativa regionale

       L.R. 11 marzo 2005, n. 12 e s.m.i. - Legge per il governo del territorio
        La Legge per il Governo del Territorio accoglie quanto espresso dalle direttiva 2001/42/CE e
        stabilisce l’obbligo di valutazione ambientale per il Documento di Piano del PGT.
       DCR 13 marzo 2007, n. 351 - Indirizzi generali per la valutazione ambientale di piani e
        programmi(documento attuativo dell'art. 4, L.R. 12/05)
       DGR 27 dicembre 2007, n. 6420 (parzialmente superata dalla DGR 10971/2009) –
        Determinazione della procedura per la valutazione ambientale di piani e programmi
        La delibera disciplina i procedimenti di VAS e verifica, avviando a regime la VAS.
        Successivamente recepirà le modifiche in ambito di valutazione ambientale introdotte dalla
        legislazione nazionale:
       DGR 30 dicembre 2009, n. 10971 (parzialmente modificata dalla DGR 761/2010) –
        Determinazione della procedura di valutazione ambientale di piani e programmi –
        Recepimento delle disposizioni di cui al D.lgs 16 gennaio 2008, n. 4

                                                                                                                     7
LIDL ITALIA Srl - Comune di Sesto Calende
LIDL ITALIA S.r.l. - Verifica di Assoggettabilità a Valutazione Ambientale Strategica VAS ai sensi della L.R. 12/2005 e
s.m.i del Piano Attuativo in Variante al PGT, SS33 Via Manzoni, Proprietà LIDL Italia Srl - Rapporto ambientale
preliminare – rev. 03


         DGR 10 novembre 2010, n. 761 – Determinazione della procedura di valutazione
          ambientale di piani e programmi – Recepimento delle disposizioni di cui al D.lgs 29 giugno
          2010, n. 128.
         DGR 25 luglio 2012, n. IX/3836 – Determinazione della procedura di valutazione
          ambientale di piani e programmi – VAS – Approvazione allegato 1u – Modello metodologico
          procedurale e organizzativo della valutazione ambientale di piani e programmi (VAS) –
          Variante al Piano dei Servizi e al Piano delle Regole




2.2       Il concetto di sviluppo sostenibile

La presa di coscienza, a livello internazionale, che lo stile di vita condotto dalla popolazione,
soprattutto nei paesi più ricchi e industrializzati, era diventato tale da causare un preoccupante
degrado ambientale, dovuto principalmente al fatto che le società di tali paesi hanno da sempre
ragionato quasi esclusivamente in funzione della loro crescita economica, è stata punto di partenza
per una ridefinizione dei modelli di sviluppo consolidati, orientandoli nell’ottica di uno sviluppo
pianificato in modo tale da non creare un impatto eccessivamente elevato sull’ambiente in generale.
Con la pubblicazione del Rapporto Brundtland1 si è cominciato a parlare diffusamente di sviluppo
sostenibile, considerando come presupposto di fondo una politica interessata a uno sviluppo
economico, tecnologico, socio-culturale, biologico, demografico, in grado di rispondere alle necessità
del presente, senza compromettere la capacità delle generazioni future di soddisfare le proprie
esigenze. Il rapporto suggerisce, in sostanza, di lasciare a coloro che verranno dopo di noi un'eredità
di capitali (intesa come insieme di conoscenze scientifico-tecnologiche, di capitale materiale prodotto
dall'uomo e di beni ambientali) non inferiore a quella che noi abbiamo ereditato.
Lo sviluppo sostenibile si caratterizza per una visione dinamica secondo la quale ogni cambiamento
deve tenere conto dei suoi effetti sugli aspetti economici, ambientali e sociali, che devono tra loro
coesistere in una forma di equilibrio.
Di conseguenza lo sviluppo sostenibile non deve intendersi come meta da raggiungere, ma piuttosto
come un insieme di condizioni che devono essere rispettate nel governo delle trasformazioni del
pianeta. Di questo insieme di condizioni fa parte significativa l'assunzione di obiettivi espliciti di
qualità e di quantità dei beni ambientali, calibrati in base al loro mantenimento a lungo termine. Tali


1
Brundtland Report, nome di Our Common Future, è il rapporto pubblicato nel 1987 dalla World Commision on
  Environment and Development istituita nel 1983 dall'Assemblea generale dell'ONU.

                                                                                                                     8
LIDL ITALIA Srl - Comune di Sesto Calende
LIDL ITALIA S.r.l. - Verifica di Assoggettabilità a Valutazione Ambientale Strategica VAS ai sensi della L.R. 12/2005 e
s.m.i del Piano Attuativo in Variante al PGT, SS33 Via Manzoni, Proprietà LIDL Italia Srl - Rapporto ambientale
preliminare – rev. 03


obiettivi di mantenimento dei beni ambientali devono essere integrati in tutte le decisioni di
trasformazione e sviluppo che traggono origine dai piani e dai programmi(Progetto ENPLAN).
La caratteristica principale della sostenibilità consiste nella sua natura integrata ed integratrice, in
modo particolare nel caso di una sua applicazione su un ambito territoriale prevalentemente non
naturale come ad esempio l'ambiente urbanizzato.
La sostenibilità dei cambiamenti urbani e territoriali deve essere considerata fin dall'inizio del
processo di piano definendo se sussiste compatibilità con l'ambiente, con le risorse umane ed
economiche e con le identità socio-culturali dei luoghi. Sviluppo ed ambiente, conservazione ed
innovazione, trasformazione e tutela non devono essere pensati come termini antitetici ma attraverso
l'individuazione dell'ordine superiore dell'interesse collettivo rispetto alla conflittualità degli interessi
di parte. In tal senso risultano necessari la comunicazione e l'interazione tra i diversi campi
disciplinari che riuniscono le scienze del territorio. La dimensione territoriale della sostenibilità
elabora scenari insediativi attraverso la considerazione che il territorio è una risorsa unica e non
rinnovabile da tutelare come tale.




2.3     Schema operativo per la verifica di assoggettabilità a VAS

Il riferimento normativo e metodologico a livello regionale per il processo di Valutazione Ambientale
Strategica (VAS) delle varianti al documento di piano, al piano dei servizi e al piano delle regole è
costituito dagli schemi proposti dalla Regione Lombardia nella DGR n. 61 del 2010, allegato 1a
(modello metodologico per la VAS relativa alle varianti al documento di piano) e DGR n. IX/3836
del 2010, allegato 1u (modello metodologico per la VAS relativa alle varianti al piano dei servizi e al
piano delle regole).




                                                                                                                     9
LIDL ITALIA Srl - Comune di Sesto Calende
LIDL ITALIA S.r.l. - Verifica di Assoggettabilità a Valutazione Ambientale Strategica VAS ai sensi della L.R. 12/2005 e
s.m.i del Piano Attuativo in Variante al PGT, SS33 Via Manzoni, Proprietà LIDL Italia Srl - Rapporto ambientale
preliminare – rev. 03




Figura 2.1: Schema del modello metodologico generale per la verifica di assoggettabilità a VAS (allegato 1, DGR
n. 761/2010)



Nel caso venga assunta la decisione di non assoggettare il piano a VAS si procede con l’iter di
approvazione della variante da parte del Consiglio Comunale.
Nel caso venga deciso di assoggettare il piano a VAS si procede l’iter previsto dalla normativa che
prevede un approfondimento degli impatti sull’ambiente provocati dall’attuazione del piano.




                                                                                                                    10
LIDL ITALIA S.r.l. - Verifica di Assoggettabilità a Valutazione Ambientale Strategica VAS ai sensi della L.R. 12/2005 e
s.m.i del Piano Attuativo in Variante al PGT, SS33 Via Manzoni, Proprietà LIDL Italia Srl - Rapporto ambientale
preliminare – rev. 03


3. ANALISI DEL CONTESTO D’AZIONE


3.1     Inquadramento territoriale


                                                               Il comune di Sesto Calende (VA) si colloca
                                                               nell’area delle colline moreniche del Basso
                                                               Verbano, e si affaccia sul fiume Ticino e il
                                                               Lago Maggiore. Il territorio si estende per
                                                               un’area di 25,04 kmq ed è caratterizzato da un
                                                               lato    da    elementi      di   notevole     valenza
                                                               paesaggistica e naturalistica e dall’altro lato da
                                                               una forte infrastrutturazione dovuta alla
                                                               vicinanza con il contesto metropolitano di
                                                               Milano. Nel 2014 sono stati registrati 11.031
                                                               abitanti, per una densità abitativa complessiva
Figura 3.1: Inquadramento territoriale del Comune
                                                               di 440,57 ab/kmq.
                  di Sesto Calende




3.2     Il PGT vigente2

Il PGT vigente del Comune di Sesto Calende è stato approvato con deliberazione del Consiglio
Comunale n. 32 del 12.08.2011.
Il PGT riconosce al territorio comunale una particolare valenza paesistica ed ambientale. La sua
strategia di sviluppo si fonda sulla valorizzazione, la diffusione della conoscenza e il miglioramento
delle possibilità di fruizione come presupposti per la condivisione dei valori paesistico-ambientali e
per la diffusione di una cultura ambientale che si riverbera nella salvaguardia e nel miglioramento di
questi valori stessi.




2
 Per una trattazione dettagliata si rimanda alla documentazione riguardante il PGT vigente, consultabile sul portale
“Archivio Documentale “ di Regione Lombardia: https://www.multiplan.servizirl.it/
                                                                                                                    11
LIDL ITALIA S.r.l. - Verifica di Assoggettabilità a Valutazione Ambientale Strategica VAS ai sensi della L.R. 12/2005 e
s.m.i del Piano Attuativo in Variante al PGT, SS33 Via Manzoni, Proprietà LIDL Italia Srl - Rapporto ambientale
preliminare – rev. 03


3.2.1   Il Documento di Piano
Nella Relazione allegata al Documento di Piano vengono individuati i seguenti elementi cardine
finalizzati a promuovere la strategia di sviluppo generale e da cui scaturiscono gli obiettivi strategici
per il comune di Sesto Calende:
       la lettura, rappresentazione e comunicazione delle risorse paesaggistico-ambientali esistenti;
       l’individuazione delle modalità di fruizione – pubblica e privata – compatibili con lo scenario
        strategico;
       la creazione di condizioni perché la salvaguardia e la valorizzazione delle risorse individuate
        possano fondersi con le più opportune modalità di fruizione – anche in relazione al sistema
        turistico-ricettivo insediato –e perché la stessa fruizione possa divenire a sua volta leva di un
        processo di miglioramento continuo, mediante l’attivazione di opportune dinamiche -
        compensatorie, perequative, ecc… – nel regime di uso dei suoli e nelle modalità di
        trasformazione edilizia;
       la definizione di parametri attraverso cui rappresentare la qualità urbanistica e paesaggistico-
        ambientale del territorio comunale, che consentano di monitorare nel tempo le trasformazioni
        conseguenti alle previsioni del piano urbanistico ed eventualmente intervenire per correggere
        le criticità che dovessero rilevarsi (fondamentale, in questo senso, l’ausilio della Valutazione
        Ambientale Strategica).


Il PGT assume un concetto di “sviluppo” incentrato sul tema dell’equilibrio tra uomo e ambiente-
territorio, dal quale è attesa una ripercussione positiva sul sistema insediativo e socio-economico di
Sesto Calende, basato sui seguenti obiettivi strategici:
       rafforzamento dell’identità territoriale secondo i connotati dinanzi citati;
       politiche di utilizzazione ottimale e valorizzazione del patrimonio edilizio esistente;
       creazione di condizioni adeguate a favorire la vivacità imprenditoriale locale nei settori
        economici che operino in stretta sinergia con gli obiettivi di qualità ambientale e paesaggistica
        (settore turistico-ricettivo, agricolo-rurale,culturale).


Nella relazione del Documento di Piano sono state inoltre individuate le linee politiche e le relative
azioni di piano che sostengono il Piano, di cui si estrapolano di seguito le linee politiche e azioni
relative al sistema dei servizi, delle infrastrutture e del sistema socio-economico in quanto legate alla
presente verifica di assoggettabilità a VAS:


                                                                                                                    12
LIDL ITALIA S.r.l. - Verifica di Assoggettabilità a Valutazione Ambientale Strategica VAS ai sensi della L.R. 12/2005 e
s.m.i del Piano Attuativo in Variante al PGT, SS33 Via Manzoni, Proprietà LIDL Italia Srl - Rapporto ambientale
preliminare – rev. 03


       opporsi alle logiche del "completamento edilizio", delle "risposte funzionali", della
        "polverizzazione dei progetti", per ostacolare la progressiva conurbazione del territorio,
        principale causa dell'attuale paesaggio urbano compromesso
        relativa azione di piano: definire il Tessuto Urbano Consolidato (TUC) in modo rigoroso;
       qualità dell’accessibilità e della fruibilità del territorio
        relative azioni di piano: priorità preliminare per la verifica della qualità e della dotazione di
        infrastrutture nell’ottica della riorganizzazione delle risorse locali e valorizzazione dei beni
        naturali e culturali per affrontare il degrado ambientale e sociale da traffico di
        attraversamento nucleo urbano;
        riqualificazione degli accessi al territorio per ottimizzare la fruibilità e la comunicazione;
        riordino degli accessi al sistema urbano principale per coordinare sicurezza dei percorsi,
        fruibilità, riconoscibilità dei luoghi, ecc.
       sviluppo socio – economico e stretta correlazione con i connotati ambientali, paesistici ed
        insediativi del territorio
        relative azioni di piano:
        no prospettive di espansione in nuovi contesti, bensì in ambiti del costruito sotto utilizzati
        anche dal punto di vista edilizio e riqualificazione e potenziamento dell’esistente.



3.2.2   Il Piano dei Servizi
All’interno del Piano dei Servizi è stato effettuato il censimento delle attrezzature pubbliche esistenti
sul territorio, individuando, con l’ausilio di un ampio processo partecipativo, gli ambiti e le zone sul
territorio comunale che necessitano dell’integrazione con ulteriori servizi.
Nelle seguenti tabelle sono riportate rispettivamente, le aree destinate ad attrezzature esistenti e di
progetto:




                                                                                                                    13
LIDL ITALIA S.r.l. - Verifica di Assoggettabilità a Valutazione Ambientale Strategica VAS ai sensi della L.R. 12/2005 e
s.m.i del Piano Attuativo in Variante al PGT, SS33 Via Manzoni, Proprietà LIDL Italia Srl - Rapporto ambientale
preliminare – rev. 03




                            Tabella 3.1: Attrezzature esistenti (NTA, Piano dei Servizi)




                            Tabella 3.2: Attrezzature previste (NTA, Piano dei Servizi)




La verifica di cui al comma 3, art. 9, LR 12/05, relativamente alle attrezzature esistenti e previste
rispetto agli utenti esistenti e previsti deve dimostrare una dotazione di servizi di almeno 18
mq/abitante. A Sesto Calende questa condizione è ampiamente soddisfatta (32 mq/abitante):


                       Tabella 3.3: Verifica consistenza dei servizi (NTA, Piano dei Servizi)




                                                                                                                    14
LIDL ITALIA S.r.l. - Verifica di Assoggettabilità a Valutazione Ambientale Strategica VAS ai sensi della L.R. 12/2005 e
s.m.i del Piano Attuativo in Variante al PGT, SS33 Via Manzoni, Proprietà LIDL Italia Srl - Rapporto ambientale
preliminare – rev. 03


3.3     La Valutazione Ambientale (VAS) del PGT di Sesto Calende3

Nel suo processo di formazione, il Documento di Piano del PGT di Sesto Calende è stato sottoposto
a VAS secondo la normativa vigente. Con riferimento al principio della non duplicazione delle
valutazioni si riporta in questo capitolo una sintesi degli aspetti ambientali emersi nel processo di
VAS riferito all’intero territorio comunale durante la formazione del PGT vigente per
successivamente focalizzare le peculiarità del piano attuativo oggetto della presente verifica di
assoggettabilità a VAS.



3.3.1    Analisi territoriale
All’interno della VAS del PGT vigente è stata effettuata una dettagliata analisi dei diversi sistemi
territoriali, delle matrici ambientali e dei principali fattori di pressione ambientale al fine di
evidenziare i vari punti di sensibilità e di criticità insistenti sul territorio. Tale analisi costituisce la
base del processo decisionale che porta al raggiungimento degli obiettivi individuati nel piano.
Di seguito sono riportate le schede sintetiche di tale analisi:




Sistema insediativo


3
   La VAS del PGT di Sesto Calende è consultabile sul portale SIVAS di Regione Lombardia:
http://www.cartografia.regione.lombardia.it/sivas/
                                                                                                                    15
LIDL ITALIA S.r.l. - Verifica di Assoggettabilità a Valutazione Ambientale Strategica VAS ai sensi della L.R. 12/2005 e
s.m.i del Piano Attuativo in Variante al PGT, SS33 Via Manzoni, Proprietà LIDL Italia Srl - Rapporto ambientale
preliminare – rev. 03




                   Figura 3.2: Sistema Insediativo (capitolo 4.3.1 - Rapporto ambientale, VAS)

Sistema agricolo




                    Figura 3.3: Sistema Agricolo (capitolo 4.3.2 - Rapporto ambientale, VAS)



Sistema produttivo artigianale ed industriale

                                                                                                                    16
LIDL ITALIA S.r.l. - Verifica di Assoggettabilità a Valutazione Ambientale Strategica VAS ai sensi della L.R. 12/2005 e
s.m.i del Piano Attuativo in Variante al PGT, SS33 Via Manzoni, Proprietà LIDL Italia Srl - Rapporto ambientale
preliminare – rev. 03




      Figura 3.4: Sistema Produttivo artigianale e industriale (capitolo 4.3.3 - Rapporto ambientale, VAS)




Sistema infrastrutturale




                 Figura 3.5: Sistema Infrastrutturale (capitolo 4.3.4 - Rapporto ambientale, VAS)

Le criticità del sistema infrastrutturale derivano principalmente dal contesto territoriale in cui si
inserisce il comune di Sesto Calende, come descritto nel Rapporto Ambientale:


                                                                                                                    17
LIDL ITALIA S.r.l. - Verifica di Assoggettabilità a Valutazione Ambientale Strategica VAS ai sensi della L.R. 12/2005 e
s.m.i del Piano Attuativo in Variante al PGT, SS33 Via Manzoni, Proprietà LIDL Italia Srl - Rapporto ambientale
preliminare – rev. 03


Il territorio comunale di Sesto Calende è parte integrante del sistema delle colline moreniche e del
Basso Verbano ed è in parte attinente al sistema fortemente infrastrutturato di pianura per la sua
relativa vicinanza ed interazione. […]
La porzione di pianura del territorio provinciale è quella che storicamente manifesta la più elevata
dotazione infrastrutturale, esito e al tempo stesso fattore della potente dinamica insediativa che ha
portato l’area a livelli di densità insediativa di tipo metropolitano. Le aste autostradali, e ancora prima,
in forme diverse, l’asse del Sempione e della Varesina soprattutto, hanno retto la crescita di un tessuto
produttivo spazialmente diffuso (a tratti pervasivo) e articolato per dimensione e settore.
Lo scenario programmatico infrastrutturale investe l’intera area con progetti di varia natura
(riqualificazioni e nuovi tracciati) e tipologia (viabilità e rete del ferro), che portano ad aumentare il
già elevato profilo di accessibilità dell’area.


Sistema paesistico-ambientale e naturalistico




      Figura 3.6: Sistema Paesistico-ambientale e naturalistico (capitolo 4.3.5 - Rapporto ambientale, VAS)



Sistema idrico superficiale e sotterraneo


                                                                                                                    18
LIDL ITALIA S.r.l. - Verifica di Assoggettabilità a Valutazione Ambientale Strategica VAS ai sensi della L.R. 12/2005 e
s.m.i del Piano Attuativo in Variante al PGT, SS33 Via Manzoni, Proprietà LIDL Italia Srl - Rapporto ambientale
preliminare – rev. 03




        Figura 3.7: Sistema idrico superficiale e sotterraneo (capitolo 4.3.6 - Rapporto ambientale, VAS)




Suolo e sottosuolo




                    Figura 3.8: Suolo e sottosuolo (capitolo 4.3.7 - Rapporto ambientale, VAS)




Atmosfera




                                                                                                                    19
LIDL ITALIA S.r.l. - Verifica di Assoggettabilità a Valutazione Ambientale Strategica VAS ai sensi della L.R. 12/2005 e
s.m.i del Piano Attuativo in Variante al PGT, SS33 Via Manzoni, Proprietà LIDL Italia Srl - Rapporto ambientale
preliminare – rev. 03




                        Figura 3.9: Atmosfera (capitolo 4.3.8 - Rapporto ambientale, VAS)




Inquinamento acustico




                 Figura 3.10: Inquinamento acustico (capitolo 4.3.9 - Rapporto ambientale, VAS)



Inquinamento elettromagnetico e luminoso




      Figura 3.11: Inquinamento elettromagnetico e luminoso (capitolo 4.3.10 - Rapporto ambientale, VAS)

Rifiuti

                                                                                                                    20
LIDL ITALIA S.r.l. - Verifica di Assoggettabilità a Valutazione Ambientale Strategica VAS ai sensi della L.R. 12/2005 e
s.m.i del Piano Attuativo in Variante al PGT, SS33 Via Manzoni, Proprietà LIDL Italia Srl - Rapporto ambientale
preliminare – rev. 03




                         Figura 3.12: Rifiuti (capitolo 4.3.11 - Rapporto ambientale, VAS)




3.3.2   Verifica di sostenibilità degli obiettivi di piano
Nel presente Rapporto Ambientale è stata verificata la coerenza degli obiettivi di piano, delle politiche
e azioni individuate per la loro attuazione con i criteri di sostenibilità ambientale enunciati a livello
comunitario e declinati per il contesto locale.
Nella seguente tabella tratta dal Rapporto Ambientale della VAS del PGT vigente sono stati valutati
gli obiettivi di piano – definiti sulla base delle politiche individuate nel Documento di Piano (confr.
capitolo 3.2.1) - relativamente alla loro incidenza sugli obiettivi di sostenibilità e vengono evidenziati
gli obiettivi di piano di interesse per gli aspetti della presente verifica.
La VAS sottolinea che gli obiettivi espressi dal DP restituiscano un panorama sostanzialmente
positivo circa il perseguimento degli obiettivi di sostenibilità ambientale, segnala comunque due
aspetti da considerare:
       per gli obiettivi che ad oggi manifestano una coerenza potenziale, incerta o parziale con i
        criteri di sostenibilità è evidente la necessità di definire, all’interno delle specifiche azioni di
        piano piuttosto che attraverso la predisposizione di altri strumenti di politica urbana e
        territoriale, indirizzi e regole per concretizzare, nella fase attuativa delle azioni di piano, ciò
        che ad oggi è potenziale;
       molti obiettivi che sono stati segnalati come non pertinenti rispetto ai criteri di sostenibilità
        potranno trovare definizione operativa e attuativa per tramite di specifici provvedimenti
        normativi e regolamentativi all’interno di strumenti complementari al PGT.
Nella tabella sono evidenziati in rosso gli obiettivi rilevanti ai fini della valutazione ambientale del
Piano Attuativo in oggetto.



                                                                                                                    21
LIDL ITALIA S.r.l. - Verifica di Assoggettabilità a Valutazione Ambientale Strategica VAS ai sensi della L.R. 12/2005 e
s.m.i del Piano Attuativo in Variante al PGT, SS33 Via Manzoni, Proprietà LIDL Italia Srl - Rapporto ambientale
preliminare – rev. 03




 Figura 3.13: matrice di valutazione delle sostenibilità degli obiettivi di piano (capitolo 8.1, VAS, Sesto Calende)




                                                                                                                    22
LIDL ITALIA S.r.l. - Verifica di Assoggettabilità a Valutazione Ambientale Strategica VAS ai sensi della L.R. 12/2005 e
s.m.i del Piano Attuativo in Variante al PGT, SS33 Via Manzoni, Proprietà LIDL Italia Srl - Rapporto ambientale
preliminare – rev. 03


3.3.3   Verifica di coerenza esterna
La coerenza esterna è finalizzata a verificare la coerenza degli obiettivi e delle azioni di piano rispetto
al quadro normativo sovraordinato. All’interno della VAS del PGT di Sesto Calende è stata effettuata
la verifica di coerenza esterna rispetto agli obiettivi di carattere ambientale individuati all’interno
della VAS del PTCP di Varese il quale garantisce la coerenza con gli strumenti di pianificazione a
livello regionale.
Complessivamente è stato rilevato un buon livello di coerenza fra obiettivi del PGT e PTCP e, quindi,
un buon livello di potenziale concorrenza al perseguimento di principi di carattere ambientale.



3.3.4   Verifica di coerenza interna
La verifica di coerenza interna è finalizzata a stabilire il grado di compatibilità fra obiettivi enunciati
e le determinazioni più specifiche (azioni) volte al loro raggiungimento.
La verifica qualitativa ha confermato una sostanziale coerenza fra obiettivi di piano e azioni e non
sono emerse incoerenze significative.
Nella seguente tabella è riportata la verifica di coerenza interna effettuata nella VAS. Sono evidenziati
gli obiettivi d’interesse per la presente verifica.




                                                                                                                    23
LIDL ITALIA S.r.l. - Verifica di Assoggettabilità a Valutazione Ambientale Strategica VAS ai sensi della L.R. 12/2005 e
s.m.i del Piano Attuativo in Variante al PGT, SS33 Via Manzoni, Proprietà LIDL Italia Srl - Rapporto ambientale
preliminare – rev. 03




Figura 3.14: Matrice di coerenza interna (capitolo 8.3, VAS, Sesto Calende)




                                                                                                                    24
LIDL ITALIA S.r.l. - Verifica di Assoggettabilità a Valutazione Ambientale Strategica VAS ai sensi della L.R. 12/2005 e
s.m.i del Piano Attuativo in Variante al PGT, SS33 Via Manzoni, Proprietà LIDL Italia Srl - Rapporto ambientale
preliminare – rev. 03


3.3.5   Lo scenario di piano
Lo scenario di piano descritto in dettaglio nel Rapporto Ambientale allegato al PGT (capitolo 9)
intende in linea generale valorizzare l’identità territoriale del contesto comunale, riqualificando al
contempo la vitalità e la qualità dell’abitare nella sua accezione più ampia di spazio fisico, relazionale,
e identitario.
Gli interventi sul territorio sono di diversa tipologia, complessivamente funzionali alla
riqualificazione dell’esistente e al potenziamento / sviluppo di alcuni comparti; nello specifico la aree
di più significativa potenziale trasformazione sono compresi in 8 Ambiti di Trasformazione
Urbanistica (ATU), che, pure avendo le evidenti esternalità ambientali, hanno però nell'insieme
affrontato il tema della sostenibilità anche attraverso l’inserimento ambientale e paesaggistico.
Complessivamente, il PGT di Sesto Calende prevede un incremento della popolazione residente di
983 abitanti (ca. 9% sul totale), di cui 200 abitanti negli ambiti di trasformazione, 682 abitanti negli
ambiti di progettazione coordinate e 101 abitanti nel tessuto urbano senza particolare disciplina. […]



3.3.6   Effetti ambientali delle azioni di piano
Le potenziali interazioni tra le azioni di piano e i fattori di sensibilità e criticità ambientale presenti
sul territorio sono state analizzate all’interno del Rapporto Ambientale differenziando gli effetti sui
diversi sistemi territoriali e le matrici ambientali.
Di seguito sono riportate le schede di analisi relative agli aspetti d’interesse ai fini della presente
verifica.




Sistema residenziale

                                                                                                                    25
LIDL ITALIA S.r.l. - Verifica di Assoggettabilità a Valutazione Ambientale Strategica VAS ai sensi della L.R. 12/2005 e
s.m.i del Piano Attuativo in Variante al PGT, SS33 Via Manzoni, Proprietà LIDL Italia Srl - Rapporto ambientale
preliminare – rev. 03




Figura 3.15: Effetti delle azioni di piano sul Sistema Residenziale (capitolo 10, VAS, Sesto Calende)



Sistema infrastrutturale

                                                                                                                    26
LIDL ITALIA S.r.l. - Verifica di Assoggettabilità a Valutazione Ambientale Strategica VAS ai sensi della L.R. 12/2005 e
s.m.i del Piano Attuativo in Variante al PGT, SS33 Via Manzoni, Proprietà LIDL Italia Srl - Rapporto ambientale
preliminare – rev. 03




                                                                                                                    27
LIDL ITALIA S.r.l. - Verifica di Assoggettabilità a Valutazione Ambientale Strategica VAS ai sensi della L.R. 12/2005 e
s.m.i del Piano Attuativo in Variante al PGT, SS33 Via Manzoni, Proprietà LIDL Italia Srl - Rapporto ambientale
preliminare – rev. 03




Figura 3.16: Effetti delle azioni di piano sul Sistema Infrastrutturale (capitolo 10, VAS, Sesto Calende)




                                                                                                                    28
LIDL ITALIA S.r.l. - Verifica di Assoggettabilità a Valutazione Ambientale Strategica VAS ai sensi della L.R. 12/2005 e
s.m.i del Piano Attuativo in Variante al PGT, SS33 Via Manzoni, Proprietà LIDL Italia Srl - Rapporto ambientale
preliminare – rev. 03


4. IL PIANO ATTUATIVO IN VARIANTE AL PGT
4.1    Inquadramento normativo del piano attuativo

Gli interventi in ambito commerciale e turistico sono disciplinati al Titolo V delle norme tecniche di
attuazione NTA del Piano delle Regole del PGT del Comune di Sesto Calende. In particolare, per il
presente progetto, si fa riferimento ai seguenti articoli:


Art. 38
AREE DA DESTINARE AGLI INSEDIAMENTI COMMERCIALI
      […]
3. Le strutture commerciali al dettaglio di qualsiasi tipologia (di vicinato e di media struttura)
      autorizzate e/o regolarmente attive (salvo temporanee e regolari sospensioni dell’attività)
      esistenti alla data di adozione delle presenti norme, vengono confermate nell’ambito della
      tipologia esistente e possono ampliarsi nei limiti stabiliti dall’art. 4 del decreto legislativo 31
      marzo 1998 n. 114 rispettivamente per ciascuna tipologia con l’obbligo di rispettare la dotazione
      di servizi ed attrezzature pubbliche o di uso pubblico di cui al successivo art. 43 solo per le medie
      strutture riverificandola sulla totalità della superficie lorda di pavimento risultante a seguito
      dell’ampliamento e secondo le condizioni e procedure di cui al successivo comma.
4. Le medie strutture esistenti nel Tessuto Urbano Consolidato non soggetto a particolare disciplina
      e nelle aree non residenziali, possono essere oggetto delle “modificazioni” di cui al paragrafo 2
      delle modalità applicative del Programma Triennale regionale secondo le tipologie correlate della
      variazione              del             settore              merceologico,                 dell’ampliamento,
      dell’accorpamento/concentrazione/trasferimento, nei seguenti limiti riferiti alle maggiori
      superfici e nel rispetto delle verifiche e previsioni di cui al successivo art. 40:
      4.1 per superfici di vendita sino a mq. 1.500 con permesso di costruire convenzionato con la
          dotazione degli standard necessari di cui al successivo art. 43.2, determinati sul totale della
          nuova Slp, ma con detrazione delle eventuali dotazioni derivanti dalle precedenti procedure,
          con cessione in loco, o in altra area, e con l’eventuale totale monetizzazione di cui al citato
          art. 43.2;
      4.2 per superfici di vendita superiori a mq. 1.500 e sino a mq. 2.500 con Piano Attuativo con la
          dotazione degli standard necessari di cui al successivo art. 43.2, determinati sul totale della
          nuova Slp, ma con detrazione delle eventuali dotazioni derivanti dalle precedenti procedure,
          con cessione in loco, o in altra area, e con l’eventuale parziale monetizzazione di cui al citato
          art. 43.2;
                                                                                                                    29
LIDL ITALIA S.r.l. - Verifica di Assoggettabilità a Valutazione Ambientale Strategica VAS ai sensi della L.R. 12/2005 e
s.m.i del Piano Attuativo in Variante al PGT, SS33 Via Manzoni, Proprietà LIDL Italia Srl - Rapporto ambientale
preliminare – rev. 03




Art. 40
NORME RIGUARDANTI LA REALIZZAZIONE DELLE MEDIE STRUTTURE DI VENDITA
1. La nuova apertura, l’ampliamento o il trasferimento di medie strutture di vendita deve essere
     prevista all’interno di piani attuativi così come definiti dall’art. 12 della L.R. 12/2005.
2. Non sono ammessi ampliamenti e trasferimenti senza una articolata integrazione tra la funzione
     commerciale e le altre funzioni di tipo pubblico e/o private esistenti o da prevedere all’interno
     del piano attuativo stesso.
3. Il piano attuativo deve prevedere una sistemazione paesaggistica delle eventuali fasce di rispetto
     stradale presenti e prevedere idonee ed efficaci soluzioni per il raccordo tra la viabilità ordinaria,
     sia veicolare che ciclopedonale, e le aree di parcheggio di pertinenza.
4. Il progetto del piano attuativo dovrà contenere obbligatoriamente:
     a) studio sulla mobilità ed in particolare sugli effetti del traffico generato comprendente la
        descrizione della rete infrastrutturale esistente, determinazione dei flussi di traffico esistenti
        con stima dei momenti di punta, determinazione dei flussi globali e di punta previsti come
        conseguenza del nuovo insediamento commerciale suddivisi per tipo di traffico (mezzi merci,
        auto, ciclopedonale);
     b) sistemazione dell’area esterna con le indicazioni dei materiali impiegati per la
        pavimentazione, le essenze arboree impiegate, la tipologia dell’impianto di illuminazione
        esterna e la localizzazione dei punti illuminanti;
     c) previsione dei percorsi carrai, ciclabili e pedonali di accesso alla struttura e la circolazione dei
        mezzi destinati allo scarico delle merci ed al carico dei rifiuti;
     d) sistemazione delle aree di sosta con precise indicazioni degli stalli per le vetture, per le vetture
        utilizzate da persone con ridotta capacità motoria, per le biciclette, per i motoveicoli a due
        ruote;
     e) localizzazione e tipologia degli eventuali percorsi coperti e degli eventuali ricoveri fissi dei
        carrelli per la spesa;
     f) la correlazione tra l’insediamento commerciale e la presenza o previsione di servizi ed
        attrezzature pubbliche e/o private.




Art. 43


                                                                                                                    30
LIDL ITALIA S.r.l. - Verifica di Assoggettabilità a Valutazione Ambientale Strategica VAS ai sensi della L.R. 12/2005 e
s.m.i del Piano Attuativo in Variante al PGT, SS33 Via Manzoni, Proprietà LIDL Italia Srl - Rapporto ambientale
preliminare – rev. 03


PRESCRIZIONI ED INDIRIZZI DI NATURA URBANISTICA INERENTI LA DISPONIBILITA’
DI SPAZI AD USO PUBBLICO E DI PARCHEGGI
1. […]
2. Nelle medie superfici di vendita: 200% della Slp di cui almeno il 50% destinata a parcheggio; è
      consentita la monetizzazione della quota parte non destinata a parcheggio l’eventuale
      monetizzazione totale della dotazione è definita nelle disposizioni di cui al precedente art. 38.
3. […]
4. La dotazione di parcheggi di cui ai commi precedenti deve essere assicurata o all’interno del P.A.
      o nelle immediate vicinanze.
5. Le aree destinate a parcheggio devono essere opportunamente piantumate e illuminate.




4.2       Inquadramento urbanistico del piano attuativo

Di seguito sono riportati gli stralci delle tavole del PGT più significative ai fini della presente
valutazione. L’area oggetto della presente verifica risulta ricadente nei seguenti ambiti:


Tavola 2.2 f del Piano delle Regole (Ambiti soggetti a specifica disciplina)
          Aree per attrezzature pubbliche (NdP scheda 8)

Tavola 1.2 del Piano delle Regole (Vincoli)
          Fascia 150 m – fiumi, torrenti e corsi d’acqua

Tavola 2.1a del Piano dei Servizi (Attrezzature esistenti e previste):
          Verde pubblico
          Parcheggio
          Pista ciclabile esistente




                                                                                                                    31
PR - Tavola 2.2f (Ambiti soggetti a specifica disciplina)




                                                               PR - Tavola 1.2 (Vincoli)




                                                               PS - Tavola 2.1a (Attrezzature esistenti e previste)




Figura 4.0.1: Estratti dalle tavole del PGT di Sesto Calende

                                                                                                                           32
LIDL ITALIA S.r.l. - Verifica di Assoggettabilità a Valutazione Ambientale Strategica VAS ai sensi della L.R. 12/2005 e
s.m.i del Piano Attuativo in Variante al PGT, SS33 Via Manzoni, Proprietà LIDL Italia Srl - Rapporto ambientale
preliminare – rev. 03

4.3       Descrizione della variante urbanistica

Il piano attuativo in oggetto in variante al vigente PGT del comune di Sesto Calende, si rende
necessario in quanto l’edificio esistente collocato nel tessuto urbano consolidato TUC ha un indice di
edificabilità pari a 0,12 mq/mq. Il Piano Attuativo prevede quindi la riorganizzazione del Piano di
Lottizzazione in zona B 2.1 del previgente Piano Regolatore Generale con il coinvolgimento delle
aree già cedute al comune e di sua proprietà.



4.3.1      L’area d’intervento
Il Piano Attuativo prevede un progetto di ampliamento mediante nuova costruzione per sostituzione
edilizia della filiale commerciale esistente (media struttura di vendita) con la riorganizzazione
dell’area parcheggi pertinente. L’area è ubicata in via SS33 del Sempione ed è individuata
catastalmente sul foglio 117, mappali 8490, 8492, 8495, 8496, 8497.
Il mappale 8496 è di proprietà di LIDL ITALIA S.r.l. (3.496,03 mq), classificato nel PGT come:
           Tessuto Urbano Consolidato non soggetto a particolare disciplina (per mq 3.021,36);
           Tessuto Urbano Consolidato soggetto a particolare disciplina: spazi pubblici e di uso
            pubblico (per mq 474,67).
Il Comune è proprietario dei terreni individuati al N.C.T. alla Sez. Censuaria SE, foglio 17, mappali
nn. 8490, 8492, 8495, 8497, aventi superficie totale pari a mq 3.073,69, urbanisticamente classificati
quali:
           Strada pubblica (Via Riale – per mq 403,22);
           Tessuto Urbano Consolidato non soggetto a particolare disciplina (per mq 481,64);
           Tessuto Urbano Consolidato soggetto a particolare disciplina: spazi pubblici e di uso
            pubblico (per mq 2.188,83).




                                                                                                                    33
LIDL ITALIA S.r.l. - Verifica di Assoggettabilità a Valutazione Ambientale Strategica VAS ai sensi della L.R. 12/2005 e
s.m.i del Piano Attuativo in Variante al PGT, SS33 Via Manzoni, Proprietà LIDL Italia Srl - Rapporto ambientale
preliminare – rev. 03




                                 Figura 4.2: Inquadramento dell'area d'intervento




                                 Figura 4.3: Classificazione dell’area d'intervento


                                                                                                                    34
LIDL ITALIA S.r.l. - Verifica di Assoggettabilità a Valutazione Ambientale Strategica VAS ai sensi della L.R. 12/2005 e
s.m.i del Piano Attuativo in Variante al PGT, SS33 Via Manzoni, Proprietà LIDL Italia Srl - Rapporto ambientale
preliminare – rev. 03

4.3.2   Descrizione dell’intervento
L’intervento prevede l’ampliamento mediante nuova costruzione per sostituzione edilizia ai sensi
dell’art. 27, comma 1, lettera e) della L.R. 12/2005, dell’esercizio commerciale con un complessivo
incremento della superficie di vendita di 293 mq (da 791 mq4 a 1084 mq) con la realizzazione di un
nuovo reparto di doratura pane e relativa area vendita, la realizzazione di un primo piano sul lato
settentrionale, la realizzazione di una nuova area a parcheggio pubblico e la riorganizzazione
viabilistica dell’area.


Gli interventi previsti sono, distinti in interventi privati ed interventi pubblici:
INTERVENTI PRIVATI:
    a) Sostituzione edilizia di edificio commerciale esistente tramite costruzione, previa
        demolizione, di nuovo immobile con medesima destinazione, secondo l’indice di 1 mq/mq,
        come previsto nel Tessuto Urbano Consolidato soggetto a particolare disciplina: aree con
        funzione non residenziale (scheda n.6) della normativa del Piano delle Regole del PGT);
        Il progetto prevede la realizzazione di un locale destinato alla doratura di semilavorati di pane
        e la relativa zona di vendita.
        A tale scopo è previsto un incremento della superficie commerciale del 37 % (da attualmente
        791 mq a 1084 mq per un totale di 293 mq).
        L’ampliamento si estende sulle aree attualmente destinate a parcheggio sul lato settentrionale
        e a sud sulle aree verdi a ridosso dell’edificio.
        Inoltre è prevista la realizzazione di un primo piano sul lato settentrionale dell’edificio. Parte
        dei servizi ad uso dei dipendenti, attualmente collocati al piano terra saranno spostati al nuovo
        primo piano. Oltre agli spogliatoi che verranno spostati dal piano terra, è prevista la
        realizzazione di una sala riunioni, un locale riposo, l’archivio e la centrale termica al primo
        piano.


        In fondo alla presente relazione sono riportati parte degli elaborati progettuali: stato di fatto
        delle aree, stato di progetto, schema impiantistico e calcoli planovolumetrici. Si rimanda
        comunque alla documentazione progettuale completa consegnata contestualmente al presente
        rapporto ambientale preliminare.




4
 La superficie di vendita attuale è ricavata dalle scheda 2.1 dell’allegato “DP 6.3 Sistema socio – economico, attività
commerciali – schede” del PGT
                                                                                                                    35
LIDL ITALIA S.r.l. - Verifica di Assoggettabilità a Valutazione Ambientale Strategica VAS ai sensi della L.R. 12/2005 e
s.m.i del Piano Attuativo in Variante al PGT, SS33 Via Manzoni, Proprietà LIDL Italia Srl - Rapporto ambientale
preliminare – rev. 03

INTERVENTI DI CARATTERE PUBBLICO
    b) messa in sicurezza dell’asse stradale del Sempione (SS33) tra la rotatoria Madre Teresa di
        Calcutta e la rotatoria Città di Sesto Calende, con particolare riferimento al tratto prospicente
        l’area di intervento;
    c) riqualificazione della viabilità su Via Riale ed esecuzione di rotatoria tra Via Riale e Viale
        Ticino, compresa realizzazione di marciapiede;
    d) nuova costruzione di parcheggio pubblico;
    e) nuova costruzione di cabina elettrica;
    f) riorganizzazione e ridistribuzione della aree cedute a standard pubblici adibiti a parcheggio
        dal previgente PRG.


Di seguito la descrizione dettagliata degli interventi di carattere pubblico previsti:


Adattamento viabilistico
Al fine di migliorare l’inserimento viabilistico dell’esercizio commerciale, il progetto prevede di
realizzare uno spartitraffico invalicabile sulla via SS33 dalla rotatoria esistente oltre l’imbocco di via
Riale, in modo da rendere gli ingressi e le uscite dall’area commerciale più fluidi e sicuri in quanto
effettuabili in un unico senso di marcia.
Si prevede, inoltre, la rimodellazione degli ingressi e delle uscite dai parcheggi, in particolare quella
principale su via SS33 con una divisione del traffico in ingresso e in uscita attraverso un’isola
spartitraffico e raccordi smussati. La percorrenza di via Riale è prevista in senso unico, in modo da
favorire la visibilità del tratto e di facilitare le manovre, soprattutto dei mezzi pesanti, in
ingresso/uscita alla zona di carico/scarico dell’area commerciale.
L’uscita dai parcheggi su via Riale sarà invece possibile solo verso sud in direzione via Ticino, in
modo da sgravare la SS33, specialmente nelle ore di punta.
E’ prevista la realizzazione di una rotatoria in corrispondenza dell’attuale incrocio di via Riale con
via Ticino. In questo modo vengono facilitate le manovre dei camion in uscita e diretti verso
l’autostrada.
Di seguito, in figura 4.4, è riportato lo stralcio della tavola progettuale (tavola 01)




                                                                                                                    36
Puoi anche leggere
Parte successiva ... Annulla