In bicicletta - GRAN CANARIA

In bicicletta - GRAN CANARIA

In bicicletta - GRAN CANARIA

GRAN CANARIA in bicicletta BIKENOMIST

In bicicletta - GRAN CANARIA
In bicicletta - GRAN CANARIA

CONTENUTI introduzione info generali FOCUS GRAN CANARIA: MECCA DEL CICLISMO FOCUS 10 COSE DA VEDERE A GRAN CANARIA Itinerario 1 Scoprire Las Palmas in Bicicletta Itinerario 2 Grand Canyon in MTB Itinerario 3 Il Verde Nord in MTB Itinerario 4 Il cuore di Gran Canaria in Bici da Corsa FOCUS NON SOLO BICI: 8 ATTIVITÀ SPORTIVE DA FARE A GRAN CANARIA

In bicicletta - GRAN CANARIA
In bicicletta - GRAN CANARIA

introduzione Abbiamo trascorso una settimana sull’isola di Gran Canaria per conoscerla e scoprire quanto questa abbia da offrire a chi ha voglia di pedalare in ogni modo possibile.

Gran Canaria è stata una scoperta infinita: dai sin- gle track per i biker più esigenti, alle salite per chi preferisce le gomme slick, passando per una serie di infrastrutture e strategie adottate in ambito urbano per favorire l’uso della bicicletta anche per le attività quotidiana. Occupandoci da diversi anni di ciclismo, possiamo dire che Gran Canaria si è rivelata essere una delle realtà turistiche più interessanti che abbiamo mai vi- sto per quanto riguarda la varietà dell’offerta rivolta a chi vuole utilizzare la bicicletta in qualunque am- bito e condizione.

Questo e-book è infatti il risultato di un’attenta ricerca di informazioni per mettere anche il ciclista più esi- gente in condizione di godere al massimo del proprio tempo in questo piccolo paradiso in mezzo all’Oceano Atlantico. Anche se non tutte le località turistiche possono van- tare le invidiabili condizioni climatiche delle Canarie, queste possono essere di grandissima ispirazione per tutte quelle aree che vogliono destagionalizzare l’of- ferta turistica e vogliono superare la formula fatta solo di mare + spiaggia.

In ogni caso, buona lettura e buone vacanze a pedali. Buona lettura e buon viaggio.

Paolo & Pinar Pinzuti

In bicicletta - GRAN CANARIA

INFO GENERALI Gran Canaria è la terza isola più grande delle Isole Canarie e fa parte della Corona di Spagna dal XV secolo. Questo significa che, nonostante si collochi in mezzo all’Oceano Atlantico, è parte dell’Unione Europea e quindi non è richiesto il passaporto ai cittadini italiani che vi si vogliono recare. Le ottime condizioni climatiche e la particolare orografia di Gran Canaria rendono l’isola il luogo ideale per la pratica del ciclismo. Nel 2005, il 42% del territorio dell’isola di Gran Canaria è stato dichiarato Riserva della biosfera da parte dell’Unesco.

In bicicletta - GRAN CANARIA

COME ORIENTARSI Gran Canaria è un’isola rotonda di origine vulcanica ed è molto difficile trovare un luogo dal quale non si possa vedere il mare.

La capitale, Las Palmas de Gran Canaria, si trova nella punta nord-orientale dell’isola e da qui si diramano una serie di strade primarie e secondarie che si snodano verso le altre località. Date le dimensioni contenute dell’isola, la distanza massima tra due punti è sempre inferiore agli 80 chilometri.

In bicicletta - GRAN CANARIA

QUANDO ANDARE E CLIMA Il clima di Gran Canaria è mite tutto l’anno, grazie alla sua posizione geografica e ai venti che ne mitigano il caldo tropicale. Le temperature massime si aggirano intorno ai 28°C d’estate e ai 22°C durante l’inverno, le giornate non sono quindi mai eccessivamente calde nè fredde. Il mese più piovoso è dicembre in cui si registrano mediamente 4 giorni di pioggia, ma occorre dire che a causa dei 49 microclimi differenti presenti sull’isola, difficilmente si registrano precipitazioni in contemporanea in tutto il territorio.

In bicicletta - GRAN CANARIA

COME ARRIVARE I voli di linea sono giornalieri durante tutta la settimana.

Ryanair offre voli diretti da Milano a Gran Canaria 4 volte alla settimana. È comunque possibile volare ogni giorno facendo scalo a Madrid o Barcellona.

In bicicletta - GRAN CANARIA

EVENTI DA NON PERDERE Il carnevale del capoluogo, Las Palmas de Gran Canaria, comincia a metà febbraio, e dura fino ad aprile. Il Carnevale di Las Palmas de Gran Canaria è considerato uno dei più importanti in Spagna. Dia de Canarias (giorno delle Canarie) è una delle feste popolari più celebrate. Il 30 maggio di ogni anno si realizzano varie manifestazioni culturali, tradizionali, politiche e festive in tutti i municipi dell’isola. La festa principale dell’isola è l’8 settembre in onore della Virgen del Pino in Teror (patrona dell’isola di Gran Canaria)

COSA MANGIARE A Gran Canaria la gastronomia si basa nella grande varietà dei prodotti locali.

La capra, il maiale, il vitello sono le carni più utilizzate nella cucina canaria. Le papas arrugadas (patate rugose) con il mojo picón (salsa piccante che accompagna quasi tutti i piatti) sono un antipasto immancabile in tavola.

DOVE PEDALARE Gran Canaria si presta particolarmente bene alla pratica del ciclismo, sia su strada, sia in MTB o, con una bici da passeggio per scoprire Las Palmas. Questi sono alcuni dei tour che abbiamo avuto modo di apprezzare in prima persona e che troverete all’interno di questo volume: Scoprire Las Palmas in Bicicletta Il Grand Canyon di Gran Canaria in eMTB Il Nord Verde in MTB Gran Canaria in Bici da Corsa

COSA VEDERE Per quanto si possa essere tentati di trascorrere le giornate in spiaggia a rilassarsi, Gran Canaria offre anche delle ottime alternative per chi è alla ricerca di una vacanza attiva.

Il paesaggio mutevole dell’isola merita di essere scoperto poco a poco andando alla ricerca delle unicità, come le Dune di Maspalomas o la Caldera de Bandama.

GRAN CANARIA: MECCA DEL CICLISMO Gran Canaria è una località che ha capito molto presto che il turismo non può vivere solo di spiaggia e mare e che ha saputo sfruttare bene una domanda latente proveniente da chi pedala. Tradizionalmente l’allenamento dei ciclisti professionisti durante l’inverno prevedeva la pratica del ciclocross e dello sci di fondo. La scoperta ciclistica delle isole Canarie ha cambiato le abitudini dei professionisti e degli amatori evoluti che adesso preferiscono svernare a Gran Canaria dove possono contare su un clima sempre mite, strade a bassa intensità di traffico, singletrail sempre in perfette condizioni e salite in grado di soddisfare le esigenze di ogni tipo di ciclista.

Oggi il turismo dei ciclisti a Gran Canaria rappresenta da solo circa l’8% del totale sull’isola e non c’è da stupirsi se qui è possibile trovare ogni tipo di servizio di cui può avere bisogno il più esigente degli amatori. Gli operatori si sono progressivamente specializzati nel settore, al punto che oggi il turista desideroso di pedalare può arrivare all’aeroporto di Las Palmas e noleggiare tutto il necessario per percorrere il territorio in sella a una bicicletta di altissima gamma con o senza guida dedicata, in gruppo o da soli. Oltre ai noleggiatori dell’isola che offrono pacchetti sempre più personalizzati ed esclusivi, la “febbre canaria” ha contagiato anche i

tour operator specializzati sulla bicicletta di ogni dove che si sono indirizzati sulle squadre offrendo loro dei pacchetti all-inclusive tutto bici, mare e allenamento e che offrono servizio di supporto con ammiraglia al seguito, massaggiatori, nutrizionisti, divise personalizzate, ecc. Che si tratti di mountain bike o bici da corsa, Gran Canaria si sta sempre più caratterizzando come una sorta di gigantesco bike park in cui è possibile pedalare 365 giorni all’anno.

TRA GLI OPERATORI PRESENTI A GRAN CANARIA SONO DA EVIDENZIARE: Free Motion www.free-motion.com/gran-canaria Offre bici di alta gamma a noleggio, tour in bici da corsa e MTB con la guida.

Ha diversi pacchetti per bike camp da 5 e 7 giorni sia per BDC che MTB. Free Motion gestisce 6 punti a Gran Canaria. Cycle Gran Canaria www.cyclegrancanaria.com/ Offre bici di alta gamma a noleggio, tour guidati e non in bici da corsa e MTB. Hanno pacchetti per effettuare bike camp che comprendono hotel, guida e noleggio bici.

Gran Canaria MTB www.grancanariamountainbike.com/ Come dice il nome, è specializzato nelle ruote grasse. Offre tour guidati e MTB camp che permetteranno di scoprire gli angoli più nascosti dell’isola. A Las Palmas sono presenti anche alcuni noleggi di bici che offrono principalmente biciclette da città per brevi escursioni in città.

10 COSE DA VEDERE A GRAN CANARIA Dune sahariane con vista mare, crateri vulcanici, canyon, spiagge, colline con boschi subtropicali e zone rocciose con foreste di conifere, rendono questa isola in mezzo all’oceano Atlantico un “continente in miniatura”.

ECCO LE 10 COSE DA NON PERDERE: 1 MASPALOMAS Maspalomas, ubicata nella costa sud dell’isola a circa 60 chilometri dalla capitale Las Palmas, è famosa per le dune di sabbia di un piccolo deserto che si affaccia sull’Atlantico e che corre dalla Playa del Inglés fino al faro di Maspalomas.

2 PUERTO DE MOGAN Il Puerto de Mogan è un bellissimo villaggio di pescatori caratterizzato dalla presenza di vari ponti di collegamento tra vie e piazzette; alcuni scorci ricordano Venezia, da qui il nome di “piccola Venezia”. Il delizioso porto di pescatori, incorniciato tra bouganville e case colorate è attraversato da una rete di canali e piccoli ponti. 3 TEJEDA All’ombra di Roque Nublo e circondata da valli, la città è tranquilla e affascinante ed è il luogo perfetto per una sosta pomeridiana. Le strade circostanti sono piene di case imbiancate con tetti di tegole rosse e piccoli giardini pieni di fiori con mille colori.

Il Museo delle tradizioni della città, in una tipica casa tradizionale, illustra la vita rurale a Tejeda nel corso della sua storia. Non vi perdete il pranzo in un ristorante da cui godere di uno dei Maspalomas

panorami più belli di Gran Canaria. Potete gustare i dolci lavorati con le mandorle come il bienmesabe e il marzapane in una delle pasticcerie locali. 4 VEGUETA Tra le mura, i cortili delle case e le strette strade in pietra di Vegueta, quartiere storico di Las Palmas, il tempo scorre ancora lentamente. Nella piazza di Santa Ana, nei pressi della Cattedrale, il Museo Canario custodisce l’antico patrimonio legato alla comunità aborigena dell’isola. Dedicate un’ora alla visita della Casa de Colón che ospitò Cristoforo Colombo durante il suo viaggio verso le Americhe. In un tour del centro storico della capitale dell’isola, attraverserete stili diversi, dal tardo gotico al rinascimentale, e dopo questo piacevole giro, niente di meglio di un tour dei tapas bar.

5 PLAYA DE LAS CANTERAS La spiaggia di Las Canteras, nel cuore del capitale, è considerata una delle migliori spiagge urbane d’Europa. Las Canteras è una lunga lingua di sabbia dorata e acque tranquille che si estende per 4 chilometri lungo la baia. La Barra, una scogliera di roccia vulcanica poco lontana dalla spiaggia, protegge Las Canteras dalle maree, consentendo di fare il bagno in tranquillità. La sera, lungo la passeggiata potete godervi una cena nei ristoranti e locali tipici.

6 SORRUEDA La Sorrueda è una delle riserve naturali più importanti della Spagna, piena di splendide palme.

Dalla Presa de la Sorrueda si gode di un paesaggio maestoso in un ambiente evocativo. Vicino a questa diga si trovano alcune delle palme più belle dell’isola di Gran Canaria. L’ideale è visitarla in un tour in mountain bike. 7 ARUCAS Arucas è una cittadina nel nord dell’isola non molto lontana da Las Palmas. Qui si erge la chiesa di San Juan Bautista, in stile neogotico, chiamata anche la Tejeda, la città delle mandorle

cattedrale. La chiesa di San Juan Bautista custodisce una serie di tesori artistici come sculture italiane e dipinti delle scuole Flamenca e Andalusa. Ma Arucas è famosa soprattutto per la produzione di rum che riporta ancora il nome guanche della città: Arehucas. Questo liquore è ancora oggi prodotto in una fabbrica risalente al 19 ° secolo aperta al pubblico con visite guidate. 8 ROQUE NUBLO Il Roque Nublo è una formazione rocciosa molto coreografica che si trova a una ventina di minuti a piedi da Tejeda. La sua conformazione l’ha fatto diventare prima un luogo di culto dagli aborigeni e poi uno dei simboli di Gran Canaria.

Situato a 1.813 metri sul livello del mare, il Roque Nublo non è il punto più alto dell’isola (il primo posto va al Pico de la Nieves), ma con la sua posizione panoramica è certamente il più importante: da qui si può godere infatti di una vista mozzafiato, a 360 gradi, su tutta l’isola.

9 POEMA DEL MAR Il Poema del Mar non è il solito acquario, ma un vero e proprio parco tematico pieno di pesci di qualunque forma, origine e dimensione. Il Poema del Mar è diviso in tre aree: la giungla, la barriera corallina e l’oceano. Oltre al ristorante con vista squali, è imperdibile il Deep Sea, una “finestra” lunga 36 metri e alta 7 metri da cui si può osservare e restare rapiti dalla vita dei fondali marini. 10 CALDERA DE BANDAMA Una potente esplosione avvenuta quasi 2mila anni fa ha dato origine a questo cratere, uno dei più grandi delle isole Canarie, monumento naturale appartenente al paesaggio protetto di Tafira.

Percorrendo un sentiero piuttosto ripido potrete scendere nella caldera dove si trova una gigantesca rappresentanza di flora endemica canaria. Un altro luogo che ha consacrato Gran Canaria come Riserva Mondiale della Biosfera.

La Playa di Las Canteras Arucas Poema del Mar

scoprire LAS PALMAS in bicicletta

Las Palmas è la città più popolosa delle Canarie che si sviluppa su un territorio quasi completamente pianeggiante nella parte nordorientale dell’isola di Gran Canaria. Il clima mite e i numerosi interventi effettuati dall’amministrazione locale per favorire la mobilità ciclistica, fanno di Las Palmas la città ideale da scoprire in bicicletta. L’itinerario che proponiamo è lungo 15 km e consente di unire la parte moderna dell’isola con quella storica che risponde al nome di Vegueta.

TRACCIATO GPS

Punto di partenza è il Poema del Mar, , una sorta di superacquario dove è possibile trascorrere ore circondati da ogni sorta di creatura marittima in un percorso che non tralascia la parte educativa. Da qui si utilizza la pista ciclabile che corre lungo il litorale orientale fino ad arrivare, dopo 5 km, a Vegueta dove Cristoforo Colombo e gli altri navigatori spagnoli fecero costantemente tappa per i rifornimenti nei loro viaggi verso le Americhe.

trasuda mistero e merita una visita accurata. Lo stile coloniale dell’architettura di Vegueta

Si comincia con Plaza de Santa Ana, dove si concentrano las Casas Consistoriales, lacattedraleeilPalaciodelObispo. La cattedrale, con gli interni in stile gotico e la facciata esterna neoclassica, accoglie il Cortile degli Aranci.

chericordailpassaggionellacittàdi Cristoforo Colombo quando scoprì l’America. Nel centro di Vegueta si trova il Museo Canario dove è esposta una collezione permanente A poca distanza da Santa Ana, si trova la Casa de Colòn, e monografica sulla popolazione aborigena dell’isola di Gran Canaria, gli antichi Guanche. Appena oltrepassa la Piazza di O’Shanahan, si arriva a Ciudad Jardín, un quartiere creato dalla colonia britannica dell’isola alla fine del XIX secolo.

Il suo riferimento principale è il Parque de Doramas nel quale si trova l’hotel Santa Catalina e il Pueblo Canario con una miriade di negozi di artigianato locale.

Proseguendo verso nord si arriva all’immancabile Plaza de España e da qui si attraversa la parte più cosmopolita della città per arrivare finalmente alla spiaggia di Las Canteras dove vale sicuramente la pena scambiare

XXXX su tutti il Gulliver, un complesso di scale e scivoli la bicicletta per una tavola da surf e sfidare le onde in una delle migliori spiagge urbane che abbiate mai visto. Giusto il tempo per una doccia ed è già ora di cena che può essere consumata in uno dei ristoranti sul lungomare, oppure con delle più modeste tapas al Mercato del Porto.

il GRAND CANYON in MTB

Un viaggio a Gran Canaria è l’occasione buona per scoprire uno dei mille panorami che quest’isola è in grado di offrire. Tra questi, c’è il Grand Canyon che squarcia la parte meridionale dell’isola a cui si può accedere in sella a una MTB seguendo mulattiere che non richiedono particolari capacità tecniche di guida ma buone gambe. Una buona soluzione può essere ricorrere a una MTB a pedalata assistita, ma evitando di sollecitare troppo la batteria che potrebbe abbandonarvi sul più bello. TRACCIATO GPS

Si parte da Playa del Inglés.

Appenauscitidallacittàcheèletteralmenteassediatadaiciclisti,cisiimmette sulla strada che punta verso nord. Il falsopiano sale con moderazione ma costantemente su fondo asfaltato. Dopo 15 km si arriva ad Ayagaures. Nascosto nelle profonde vallate del sud di Gran Canaria, il villaggio di Ayagaures con le sue case tradizionali e discrete fatte di pietra è circondato da paesaggi aridi. Qui la vita scorre ancora attorno alle attività tradizionali come l’allevamento delle capre e l’agricoltura. Il nome Ayagaures deriva dalla lingua preispanica e significa “tra due montagne”. La valle è circondata da palme, pini e alberi drago.

A causa delle sue dimensioni, questa valle è una delle più importanti e più pittoresche dell’isola. Queste montagne e la natura selvaggia sono letteralmente a pochi minuti dalle zone più turistiche. Una pista in terra battuta porta sempre più in profondità nel famoso “Grand Canyon”. Una lunga salita attraverso fattorie e aranceti solitari porta a Las Tederas che si trova a 618 metri sul livello del mare. La sommità della salita è il posto ideale per una merenda ammirando il panorama e per riprendere le forze e iniziare la discesa verso Ayagaures dove si imbocca la mulattiera verso l’altro versante del laghetto.

In pochi km si arriva a 500 metri sul livello del mare

dove il paesaggio ricorda più che mai le ambientazioni dei film western. Anche i più fanatici pedalatori non potranno fare a meno di fermarsi di frequente per scattare delle fotografie senza pari. Da qui la strada porta nella zona del Monte Leon dove la posizione offre favolose viste panoramiche sulle dune di Maspalomas e sull’Atlantico a sud. Una strada solitaria inizia una serpentina in discesa che porta nuovamente a Playa del Inglés.

il VERDE NORD in MTB

Gran Canaria offre una grande varietà di paesaggi. Chi decide di pedalare durante le proprie vacanze, ha la possibilità di scoprire l’isola e i suoi angoli nascosti e più interessanti.

Mentre la parte meridionale dell’isola che ospita il Grand Canyon è arida, la parte settentrionale è coperta di foreste e per questo viene chiamato anche nord verde. Il percorso inizia da Valleseco con una discesa, seguendo un trail si arriva a Firgas, si sale fino 770 metri e si segue la strada per Arucas. Il punto di partenza è uno dei migliori punti panoramici dell’isola: Valleseco. TRACCIATO GPS

Valleseco si caratterizza per essere un territorio con un ambiente naturale molto rigoglioso che a tratti può ricordare una giungla. Questa circostanza offre una gran- de varietà di sentieri da poter percorrere per lasciarsi stupire dalla varietà botanica del Parco Rurale di Doramas. Dopo aver fatto i primi selfie al me- raviglioso belvedere da dove è possibile ammirare uno dei più splendidi pa- norami del Nord di Gran Canaria, si parte. Si rotola su un ciottolato nero e compatto per un paio di chilometri e poi si arriva alla prima sfida della giornata che è una salita tecnica su un antico sentiero sassoso.

Qui comincia la parte più tecnica del percorso che richiede un minimo di accortezza: baricentro basso e busto ben arretrato per affrontare nel giusto modo le curve del percorso. Dopo aver riacquistato energia al chiosco del caffè nella terrazza del centro di Firgas si può dedicare qualche minuto alla visita della Chiesa Parrocchiale di San Roque, costruita sulle rovine di quel- Il tratto successivo è un sentiero di terra rossa intorno a Montaña de Firgas. lo che fu il primo eremo di San Juan Ortega, dell’anno 1502. Nella Piazza di San Roque, dove si trova la Chiesa, sorge il monumento del primo patrono del villaggio, San Juan de Ortega.

Il Viale “Paseo de Gran Canaria” e il “Pa- seo de Canaria”, nel cuore del centro urbano, erano in passato la “calle Real” del Centro, mentre ora sono vie pedonali. È stata utilizzata la loro pendenza naturale per costruire una bellissima cascata in pietra lavorata, alta 30 metri. A un lato del viale, si possono osservare i 22 scudi araldici che rappresenta- no tutti i comuni di Gran Canaria, oltre allo scudo insulare.

Seguendo il sentiero, verso nord, con tratti in salita e discesa che si alternano (nulla di preoccupante), tra i caratteristici sentieri di una giungla di felci si arriva nel punto più alto di questa avventura del Verde Nord. Da qui ci si prepara per una discesa in singletrack seguendo i canali d’acqua. Il punto di arrivo è Arucas.

Il viaggio termina necessariamente davanti a una caña de cerveza in un bar davanti alla Catedral de San Juan de Arucas. La Chiesa Parrocchiale di San Giovanni Battista, scolpita interamente in pietra di Arucas dai maestri scalpellini della località, è l’opera architettonica più importante.

La Fabbrica e il Museo del Rum di Arehucas, aperti al pub- blico dalla mattina fino mezzogiorno, sono considerati tra gli edifici emble- matici del municipio a causa della grande tradizione locale di questa attività. Il centro urbano della città di Arucas è stato dichiarato d’interesse storico-artistico.

il cuore di GRAN CANARIA in Bici da Corsa

Bici da Corsa attorno al Roque Nublo: Percorso in bicicletta dell’entroterra e la “Cumbre”: Santa Brigida - Pico de Las Nieves - Ayacata - Tejeda Uno dei più grandi pregi dell’isola di Gran Canaria è che in pochi chilometri il paesaggio e la natura cambiano radicalmente, passando dalle terre piane del sud alle scogliere del nord, attraverso le dolci catene montuose del centro. L’itinerario in bicicletta dell’entroterra parte da Santa Brigida, raggiunge il punto più alto dell’isola e ritorna al punto di partenza lungo strade panoramiche mozzafiato.

TRACCIATO GPS

Santa Brigida Il villaggio di Santa Brigida è caratterizzato da un bel paesaggio, vasti palmeti, architettura canaria ed ambiente tranquillo. È abitato principalmente da vispi pensionati che hanno comprensibilmente deciso di venire da queste parti a trascorrere la terza età. Da qui la strada sale con dolcezza e senza strappi. Dopo che le gambe si scaldano a puntino, la salita diventa più decisa. Il paesaggio è verde, con tratti che ricordano l’Appennino, con tanto di pastori e case isolate che rimandano a una vita agreste sempre meno presente.

Dopo pochi km si arriva alla Vega de San Mateo dove la strada continua a salire mentre il paesaggio cambia e si iniziano a notare le differenze paesaggistiche dei tre strati principali dell’isola: i boschi di latifoglie della zona collinare lasciano il passo alle montagne e alle foreste di conifere. Qui la salita si inerpica alle volte in modo anche molto aggressivo mettendo alla frusta le gambe, ma il panorama circostante compensa ogni fatica.

Pico de Las Nieves , Arrivati in cima al mirador Pico del Pozo de Las Nieves (1.949 metri) ci si rinfranca con la vista di tutta la parte meridionale ed orientale dell’isola.

Da qui si può vedere il Roque Nublo, simbolo dell’isola di Gran Canaria e, subito dietro,in lontananza, il Pico del Teide di Tenerife. Da qui, indossato

un windstopper si procede con una discesa che si insinua tra rocce rosse e brulle. Il Bike Cafe a Ayacata merita una breve sosta per una bevanda e qualche scambio con gli altri ciclisti che pedalano per l’isola.

Tejeda , Dopoundeliziososaliscendisiarriva a Tejeda, un borgo completamente bianco famoso a Gran Canaria per la pasta di mandorle. Può valere la pena fermarsi per un pranzo sostanzioso prima di riprendere la pedalata che, dopo una prima ascesa con tornanti non particolarmente impegnativi, si trasforma in una piacevole discesa che riporta a Santa Brigida.

NON SOLO BICI: 8 ATTIVITÀ SPORTIVE DA FARE A GRAN CANARIA Gran Canaria è l’isola con il clima migliore del mondo grazie alla vicinanza al Tropico del Cancro e all’Oceano Atlantico che la circonda. I 49 differenti microclimi dell’isola rendono Gran Canaria una specie di palestra all’aria aperta pronta all’uso per chi ama lo sport. Qui gli amanti del turismo attivo possono godere delle vacanze multiavventura in qualsiasi mese dell’anno. Gli amanti della natura possono percorrere i sentieri nelle montagne sia a piedi che in MTB, fare trekking nei caminos reales (strade reali) per ammirare paesaggi mozzafiato, pedalare fino al Pico de las Nieves oppure arrampicarsi sui barrancos, per non parlare delle attività legate al mare… Gli amanti del mare trovano infatti un vero e proprio paradiso.

1 TREKKING I sentieri chiamati “caminos reales” sono ideali per chi vuole superare lo stress e decide di fare sport e nello stesso tempo ammirare la stupenda natura dell’isola. Il punto più alto dell’isola ha una forma conica, si chiama Pico del Pozo de las Nieves (1949 metri), e vigila il Roque Nublo, monumento naturale ed emblema degli abitanti, situato a 1813 metri sul livello del mare. _Photo credit: Verticalife

2 Surf Il Nord dell’isola è ideale per il surf e il bodyboard. A Gran Canaria sono presenti almeno 23 aree predisposte per praticare il surf, la maggior parte delle quali è perfettamente attrezzata per offrire agli sportivi tutto quello che gli serve per divertirsi. 3 Windsurf Mentre il Nord dell’isola è ideale per il surf, il Sud dell’isola è perfetta per il windsurf. Insieme alle Hawaii, Gran Canaria è la mecca mondiale del windsurf, con due spiagge dove si può praticare durante tutto l’anno. Pozo Izquierdo, oltre ad essere la sede di una delle prove mondiali è anche “la casa” di molti sportivi che per anni sono stati ai vertici di tutte le competizioni nazionali ed internazionali.

4 Kitesurf Il Kitesurf è un’altra attività sportiva tipica della regione Sud Ovest, grazie al suo scenario perfetto per le regate e per ogni tipo di sport a vela favorito dalla presenza frequente dei venti Alisei. Nella maggior parte delle spiagge si può facilmente trovare tutto il necessario per la pratica: scuole, noleggio di materiale, negozi specializzati, insomma tutto ciò che serve a coloro che vogliono avvicinarsi allo sport, anche per i più esperti. 5 Vela Lo sport della vela è molto popolare tra gli abitanti dell’isola. Specialmente a Las Palmas esistono vari club di vela e ci sono una decina di porti sportivi.

Le barche, con a bordo da nove a undici persone, gareggiano da aprile ad ottobre nelle regate organizzate lungo il litorale di Las Palmas de Gran Canaria. 6 Immersioni Chi ama fare le immersioni oppure chi vorrebbe provare un’esperienza nuova, trova nell’isola quasi una decina di scuole di sub, distribuite lungo tutta la costa. L’origine vulcanica dell’isola offre una ricchezza biologica ed ecologica talmente bella da conquistare coloro che credono di

aver già visto tutto quello che c’è da vedere sott’acqua. Per praticare immersioni potrete rivolgervi alle scuole di Puerto Rico, Playa del Inglés, San Agustín e Las Palmas de Gran Canaria.

7 Nuoto L’isola dispone di oltre 60 chilometri di spiagge. A Gran Canaria la temperatura del mare oscilla tra i 18 e 22 gradi. Nella zona meridionale si trovano le spiagge di sabbia come la Playa del Inglés e le Dune di Maspalomas, mentre nella zona occidentale e sud occidentale dominano le scogliere e nella zone settentrionale si alternano piccole spiagge con calette. La spiaggia del capoluogo, Las Canteras, merita una menzione particolare. Oltre 4 chilometri di spiaggia dorata, protetta da una scogliera naturale conosciuta come La Barra.

8 Arrampicata Infine per coloro che sono sempre alla ricerca di nuove sfide, Gran Canaria offre un gran numero di paesaggi che sembrano fatti su misura per gli appassionati della scalata. Grandi pareti e una vasta scelta di opportunità e sfide che solo gli amanti dell’alpinismo possono capire. L’arrampicata è uno sport sempre più popolare, continuamente si aprono nuovi itinerari di alta difficoltà e si organizzano nuovi club con un numero crescente di rocciatori. Sulle vette (Cumbres) sono significative zone come il Roque Nublo, picco di eccellente conglomerato basaltico, dove ha avuto origine questo sport, e che offre 12 bellissime vie di diversa difficoltà; è considerato il simbolo naturale di Gran Canaria.

LE GUIDE BIKEITALIA.IT “Gran Canaria in Bicicletta” è un progetto di Bikenomist srl. Via Pietro Giannone, 6 - 20154 Milano C.F. e P. IVA: 13226291006 www.bikenomist.com Autori: Paolo Pinzuti, Pinar Pinzuti Fotografie: Paolo e Pinar Pinzuti Patronato de Turismo di Gran Canaria http://www.grancanaria.com/turismo/it/ Progetto Grafico: Diana Pavesi Agosto 2018

Puoi anche leggere