Gazzetta ufficiale C 115 - EUR-Lex - Europa EU

 
 
Gazzetta ufficiale                                                                                                                                                                                                                      C 115
dell'Unione europea

                                                                                                                                                                                                                                                                                62o anno
Edizione
in lingua italiana             Comunicazioni e informazioni                                                                                                                                                                                                   27 marzo 2019


Sommario


                     II   Comunicazioni


                          COMUNICAZIONI PROVENIENTI DALLE ISTITUZIONI, DAGLI ORGANI E DAGLI ORGANISMI
                          DELL'UNIONE EUROPEA



                              Commissione europea

2019/C 115/01                 Non opposizione ad un'operazione di concentrazione notificata (Caso M.9094 — Amcor/Bemis) (1) . . .                                                                                                                                                              1

2019/C 115/02                 Non opposizione ad un'operazione di concentrazione notificata (Caso M.9261 — CD&R/FHI) (1) . . . . . . .                                                                                                                                                         1

2019/C 115/03                 Comunicazione della Commissione a norma dell’articolo 11, paragrafo 5, della convenzione moneta­
                              ria tra l’Unione europea e il Principato di Monaco . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .                                                                   2



                     IV Informazioni


                          INFORMAZIONI PROVENIENTI DALLE ISTITUZIONI, DAGLI ORGANI E DAGLI ORGANISMI
                          DELL'UNIONE EUROPEA



                              Commissione europea

2019/C 115/04                 Tassi di cambio dell'euro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .                        5

2019/C 115/05                 Decisione della Commissione, del 18 marzo 2019, relativa alla partecipazione dell’autorità nazionale
                              di regolamentazione del Montenegro all’Organismo dei regolatori europei delle comunicazioni
                              elettroniche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .   6




IT                            (1) Testo rilevante ai fini del SEE.
2019/C 115/06            Decisione della Commissione, del 18 marzo 2019, relativa alla partecipazione dell’autorità nazionale
                         di regolamentazione della Repubblica di Macedonia del Nord all’Organismo dei regolatori europei
                         delle comunicazioni elettroniche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .                                       11

2019/C 115/07            Decisione della Commissione, del 18 marzo 2019, relativa alla partecipazione dell’autorità nazionale
                         di regolamentazione della Bosnia-Erzegovina all’Organismo dei regolatori europei delle comunicazioni
                         elettroniche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .   16

2019/C 115/08            Decisione della Commissione, del 18 marzo 2019, relativa alla partecipazione dell’autorità nazionale
                         di regolamentazione della Repubblica di Serbia all’Organismo dei regolatori europei delle comunica­
                         zioni elettroniche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .             21

2019/C 115/09            Decisione della Commissione, del 18 marzo 2019, relativa alla partecipazione dell’autorità nazionale
                         di regolamentazione del Kosovo all’Organismo dei regolatori europei delle comunicazioni elettroniche                                                                                                                                                             26

2019/C 115/10            Decisione della Commissione, del 18 marzo 2019, relativa alla partecipazione dell’autorità nazionale
                         di regolamentazione della Repubblica di Albania all’Organismo dei regolatori europei delle comunica­
                         zioni elettroniche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .             31



                V   Avvisi


                    ALTRI ATTI



                         Commissione europea

2019/C 115/11            Informazioni concernenti la valutazione delle schede tecniche relative alle indicazioni geografiche sta­
                         bilite per le bevande spiritose . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .                                36

2019/C 115/12            Avviso destinato al Tariq Gidar Group (TGG), il cui nome è stato aggiunto all’elenco di cui agli
                         articoli 2, 3 e 7 del regolamento (CE) n. 881/2002 del Consiglio, del 27 maggio 2002, che impone
                         specifiche misure restrittive nei confronti di determinate persone ed entità associate alle organizza­
                         zioni dell’ISIL (Da’esh) e di Al-Qaeda, in forza del regolamento di esecuzione (UE) 2019/507 della
                         Commissione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 50
27.3.2019           IT                          Gazzetta ufficiale dell'Unione europea                                           C 115/1


                                                                   II
                                                            (Comunicazioni)


                 COMUNICAZIONI PROVENIENTI DALLE ISTITUZIONI, DAGLI ORGANI
                         E DAGLI ORGANISMI DELL'UNIONE EUROPEA

                                           COMMISSIONE EUROPEA

                                 Non opposizione ad un'operazione di concentrazione notificata
                                                  (Caso M.9094 — Amcor/Bemis)
                                                    (Testo rilevante ai fini del SEE)
                                                           (2019/C 115/01)


     L’11 febbraio 2019 la Commissione ha deciso di non opporsi alla suddetta operazione di concentrazione notificata e di
     dichiararla compatibile con il mercato interno. La presente decisione si basa sull'articolo 6, paragrafo 1, lettera b, in
     combinato disposto con l'articolo 6, paragrafo 2, del regolamento (CE) n. 139/2004 del Consiglio (1). Il testo integrale
     della decisione è disponibile unicamente in lingua inglese e verrà reso pubblico dopo che gli eventuali segreti aziendali
     in esso contenuti saranno stati espunti. Il testo della decisione sarà disponibile:
     — sul sito Internet della Commissione europea dedicato alla concorrenza, nella sezione relativa alle concentrazioni
       (http://ec.europa.eu/competition/mergers/cases/). Il sito offre varie modalità per la ricerca delle singole decisioni, tra
       cui indici per impresa, per numero del caso, per data e per settore,
     — in formato elettronico sul sito EUR-Lex (http://eur-lex.europa.eu/homepage.html?locale=it) con il numero di riferi­
       mento 32019M9094. EUR-Lex è il sistema di accesso in rete al diritto comunitario.


     (1) GU L 24 del 29.1.2004, pag. 1.




                                 Non opposizione ad un'operazione di concentrazione notificata
                                                   (Caso M.9261 — CD&R/FHI)
                                                    (Testo rilevante ai fini del SEE)
                                                           (2019/C 115/02)


     Il 1o marzo 2019 la Commissione ha deciso di non opporsi alla suddetta operazione di concentrazione notificata e di
     dichiararla compatibile con il mercato interno. La presente decisione si basa sull'articolo 6, paragrafo 1, lettera b) del
     regolamento (CE) n. 139/2004 del Consiglio (1). Il testo integrale della decisione è disponibile unicamente in lingua
     inglese e verrà reso pubblico dopo che gli eventuali segreti aziendali in esso contenuti saranno stati espunti. Il testo della
     decisione sarà disponibile:
     — sul sito Internet della Commissione europea dedicato alla concorrenza, nella sezione relativa alle concentrazioni
       (http://ec.europa.eu/competition/mergers/cases/). Il sito offre varie modalità per la ricerca delle singole decisioni, tra
       cui indici per impresa, per numero del caso, per data e per settore,
     — in formato elettronico sul sito EUR-Lex (http://eur-lex.europa.eu/homepage.html?locale=it) con il numero di riferi­
       mento 32019M9261. EUR-Lex è il sistema di accesso in rete al diritto comunitario.




     (1) GU L 24 del 29.1.2004, pag. 1.
C 115/2            IT                        Gazzetta ufficiale dell'Unione europea                                  27.3.2019



            Comunicazione della Commissione a norma dell’articolo 11, paragrafo 5, della convenzione
                              monetaria tra l’Unione europea e il Principato di Monaco
                                                       (2019/C 115/03)


     Il comitato misto, composto da rappresentanti del Principato di Monaco e dell’Unione europea, ha modificato l’elenco
     dell’allegato B della convenzione monetaria a norma dell’articolo 11, paragrafo 5, della convenzione monetaria tra
     l’Unione europea e il Principato di Monaco (1).




     (1) GU C 23 del 28.1.2012, pag. 13.
27.3.2019          IT                           Gazzetta ufficiale dell'Unione europea                                         C 115/3


                                                              ALLEGATO


                                                             «ALLEGATO B


                                                                                                                  Termine di
                                             Disposizioni giuridiche da attuare
                                                                                                                  attuazione

     Prevenzione del riciclaggio di denaro


     1      Regolamento (CE) n. 1889/2005 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 26 ottobre 2005,
            relativo ai controlli sul denaro contante in entrata nella Comunità o in uscita dalla stessa
            (GU L 309 del 25.11.2005, pag. 9).


     2      Regolamento (UE) 2015/847 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 20 maggio 2015,                30 giugno
            riguardante i dati informativi che accompagnano i trasferimenti di fondi e che abroga il rego­        2017 (2)
            lamento (CE) n. 1781/2006 (GU L 141 del 5.6.2015, pag. 1).


     3      Direttiva (UE) 2015/849 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 20 maggio 2015, relativa         30 giugno
            alla prevenzione dell’uso del sistema finanziario a fini di riciclaggio o finanziamento del terro­    2017 (2)
            rismo, che modifica il regolamento (UE) n. 648/2012 del Parlamento europeo e del Consiglio
            e che abroga la direttiva 2005/60/CE del Parlamento europeo e del Consiglio e la
            direttiva 2006/70/CE della Commissione (GU L 141 del 5.6.2015, pag. 73).


            modificata da:


     4      Direttiva (UE) 2018/843 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 30 maggio 2018, che              31 dicembre
            modifica la direttiva (UE) 2015/849 relativa alla prevenzione dell’uso del sistema finanziario         2020 (4)
            a fini di riciclaggio o finanziamento del terrorismo e che modifica le direttive 2009/138/CE
            e 2013/36/UE (GU L 156 del 19.6.2018, pag. 43).


            integrata e attuata da:


     5      Regolamento delegato (UE) 2016/1675 della Commissione, del 14 luglio 2016, che integra la            1o dicembre
            direttiva (UE) 2015/849 del Parlamento europeo e del Consiglio individuando i paesi terzi ad           2017 (3)
            alto rischio con carenze strategiche (GU L 254 del 20.9.2016, pag. 1).


            modificato da:


     6      Regolamento delegato (UE) 2018/105 della Commissione, del 27 ottobre 2017, che modifica               31 marzo
            il regolamento delegato (UE) 2016/1675 per quanto riguarda l’aggiunta dell’Etiopia all’elenco          2019 (4)
            dei paesi terzi ad alto rischio nella tabella di cui al punto I dell’allegato (GU L 19
            del 24.1.2018, pag. 1).


     7      Regolamento delegato (UE) 2018/212 della Commissione, del 13 dicembre 2017, recante                   31 marzo
            modifica del regolamento delegato (UE) 2016/1675 che integra la direttiva (UE) 2015/849 del            2019 (4)
            Parlamento europeo e del Consiglio, per quanto riguarda l’aggiunta di Sri Lanka, Trinidad
            e Tobago e Tunisia alla tabella di cui al punto I dell’allegato (GU L 41 del 14.2.2018, pag. 4).


     Prevenzione della frode e della falsificazione


     8      Decisione quadro 2001/413/GAI del Consiglio, del 28 maggio 2001, relativa alla lotta contro
            le frodi e le falsificazioni di mezzi di pagamento diversi dai contanti (GU L 149 del 2.6.2001,
            pag. 1).
C 115/4            IT                              Gazzetta ufficiale dell'Unione europea                                              27.3.2019



                                                                                                                          Termine di
                                                 Disposizioni giuridiche da attuare
                                                                                                                          attuazione

     9      Regolamento (CE) n. 1338/2001 del Consiglio, del 28 giugno 2001, che definisce talune
            misure necessarie alla protezione dell’euro contro la falsificazione (GU L 181 del 4.7.2001,
            pag. 6).

            modificato da:

     10     Regolamento (CE) n. 44/2009 del Consiglio, del 18 dicembre 2008, recante modifica del rego­
            lamento (CE) n. 1338/2001, che definisce talune misure necessarie alla protezione dell’euro
            contro la falsificazione (GU L 17 del 22.1.2009, pag. 1).

     11     Decisione 2001/887/GAI del Consiglio, del 6 dicembre 2001, relativa alla protezione dell’euro
            dalla falsificazione (GU L 329 del 14.12.2001, pag. 1).

     12     Regolamento (CE) n. 2182/2004 del Consiglio, del 6 dicembre 2004, relativo a medaglie
            e gettoni simili alle monete metalliche in euro (GU L 373 del 21.12.2004, pag. 1).

            modificato da:

     13     Regolamento (CE) n. 46/2009 del Consiglio, del 18 dicembre 2008, che modifica il regola­
            mento (CE) n. 2182/2004 relativo a medaglie e gettoni simili alle monete metalliche in euro
            (GU L 17 del 22.1.2009, pag. 5).

     14     Direttiva 2014/62/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 15 maggio 2014, sulla pro­                   30 giugno
            tezione mediante il diritto penale dell’euro e di altre monete contro la falsificazione e che                  2016 (1)
            sostituisce la decisione quadro 2000/383/GAI del Consiglio (GU L 151 del 21.5.2014, pag. 1).

     Legislazione in materia bancaria e finanziaria

     15     Direttiva 97/9/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 3 marzo 1997 relativa ai sistemi
            di indennizzo degli investitori (GU L 84 del 26.3.1997, pag. 22).

     (1) Termine concordato dal comitato misto   nel 2014 a norma dell’articolo 11, paragrafo 5, della convenzione monetaria tra l’Unione
         europea e il Principato di Monaco.
     (2) Termine concordato dal comitato misto   nel 2015 a norma dell’articolo 11, paragrafo 5, della convenzione monetaria tra l’Unione
         europea e il Principato di Monaco.
     (3) Termine concordato dal comitato misto   nel 2017 a norma dell’articolo 11, paragrafo 5, della convenzione monetaria tra l’Unione
         europea e il Principato di Monaco.
     (4) Termine concordato dal comitato misto   nel 2018 a norma dell’articolo 11, paragrafo 5, della convenzione monetaria tra l’Unione
         europea e il Principato di Monaco.»
27.3.2019            IT                               Gazzetta ufficiale dell'Unione europea                                    C 115/5


                                                                          IV
                                                                     (Informazioni)




            INFORMAZIONI PROVENIENTI DALLE ISTITUZIONI, DAGLI ORGANI E DAGLI
                           ORGANISMI DELL'UNIONE EUROPEA


                                                COMMISSIONE EUROPEA

                                                          Tassi di cambio dell'euro (1)
                                                                  26 marzo 2019
                                                                  (2019/C 115/04)


     1 euro =

                Moneta                                   Tasso di cambio                  Moneta                  Tasso di cambio
     USD        dollari USA                                   1,1291         CAD          dollari canadesi            1,5132
     JPY        yen giapponesi                             124,72            HKD          dollari di Hong Kong        8,8622
     DKK        corone danesi                                 7,4654         NZD          dollari neozelandesi        1,6345
     GBP        sterline inglesi                              0,85330        SGD          dollari di Singapore        1,5254
     SEK        corone svedesi                              10,4263          KRW          won sudcoreani          1 280,91
                                                                             ZAR          rand sudafricani           16,2218
     CHF        franchi svizzeri                              1,1222
                                                                             CNY          renminbi Yuan cinese        7,5818
     ISK        corone islandesi                           136,90
                                                                             HRK          kuna croata                 7,4188
     NOK        corone norvegesi                              9,6398
                                                                             IDR          rupia indonesiana      15 999,35
     BGN        lev bulgari                                   1,9558
                                                                             MYR          ringgit malese              4,5971
     CZK        corone ceche                                25,769
                                                                             PHP          peso filippino             59,404
     HUF        fiorini ungheresi                          316,10            RUB          rublo russo                72,5964
     PLN        zloty polacchi                                4,2934         THB          baht thailandese           35,730
     RON        leu rumeni                                    4,7580         BRL          real brasiliano             4,3568
     TRY        lire turche                                   6,2404         MXN          peso messicano             21,5085
     AUD        dollari australiani                           1,5832         INR          rupia indiana              77,7555




     (1) Fonte: tassi di cambio di riferimento pubblicati dalla Banca centrale europea.
C 115/6             IT                              Gazzetta ufficiale dell'Unione europea                                              27.3.2019



                                                  DECISIONE DELLA COMMISSIONE
                                                             del 18 marzo 2019
            relativa alla partecipazione dell’autorità nazionale di regolamentazione del Montenegro
                          all’Organismo dei regolatori europei delle comunicazioni elettroniche
                                                               (2019/C 115/05)


     LA COMMISSIONE EUROPEA,

     visto il trattato sul funzionamento dell’Unione europea,
     considerando quanto segue:
     (1)   L’articolo 17, paragrafo 1, del trattato sull’Unione europea elenca i poteri della Commissione e stabilisce che la
           Commissione promuove l’interesse generale dell’Unione e adotta le iniziative appropriate a tal fine, esercita fun­
           zioni di coordinamento, di esecuzione e di gestione alle condizioni stabilite dai trattati e assicura la rappresentanza
           esterna dell’Unione, fatta eccezione per la politica estera e di sicurezza comune e per gli altri casi previsti dai
           trattati.
     (2)   A norma dell’articolo 35, paragrafo 2, del regolamento (UE) 2018/1971 del Parlamento europeo e del Consi­
           glio (1), il comitato dei regolatori, i gruppi di lavoro e il consiglio di amministrazione sono aperti alla partecipa­
           zione delle autorità di regolamentazione di paesi terzi con responsabilità primaria in materia di comunicazioni
           elettroniche, laddove tali paesi terzi abbiano concluso con l’Unione accordi in tal senso. Il suddetto articolo pre­
           vede inoltre che nell’ambito delle pertinenti disposizioni di tali accordi siano elaborati accordi di lavoro che speci­
           fichino, in particolare, la natura, la portata e le modalità di partecipazione, senza diritto di voto, delle autorità di
           regolamentazione dei paesi terzi interessati ai lavori dell’Organismo dei regolatori europei delle comunicazioni
           elettroniche («BEREC») e dell’Ufficio BEREC, comprese le disposizioni sulla partecipazione alle iniziative intraprese
           dal BEREC, sui contributi finanziari e sul personale dell’Ufficio BEREC.
     (3)   A norma dell’articolo 106 dell’accordo di stabilizzazione e di associazione tra le Comunità europee e i loro Stati
           membri, da una parte, e la Repubblica di Montenegro, dall’altra (2), la cooperazione in materia di comunicazioni
           elettroniche si concentra prevalentemente sui settori prioritari connessi all’acquis comunitario in questo campo. Le
           parti intensificano in particolare la cooperazione in materia di reti di comunicazioni elettroniche e servizi con­
           nessi. L’Unione e il Montenegro hanno pertanto concluso un accordo ai sensi dell’articolo 35, paragrafo 2, del
           regolamento (UE) 2018/1971.
     (4)   Il proseguimento della partecipazione dell’autorità di regolamentazione del Montenegro al BEREC e all’Ufficio
           BEREC è pienamente coerente con la strategia per i Balcani occidentali (3), che invita ad adottare azioni volte
           a sviluppare la società digitale, compresa la diffusione della banda larga e l’abbassamento dei costi di roaming, e ad
           allineare la normativa dei paesi in questione a quella dell’Unione. Come indicato nell’Agenda digitale per i Balcani
           occidentali (4), una relazione più stretta tra l’Unione e le autorità nazionali di regolamentazione dei Balcani
           dovrebbe contribuire ad avvicinare la prassi normativa della regione alla prassi dell’Unione.
     (5)   Visto l’interesse dell’Unione a rafforzare la cooperazione con il Montenegro e a promuovere l’adozione da parte
           del Montenegro del quadro normativo dell’Unione per le comunicazioni elettroniche, è opportuno stabilire gli
           accordi di lavoro per la partecipazione dell’autorità di regolamentazione del Montenegro al comitato dei regolatori
           e ai gruppi di lavoro del BEREC e al consiglio di amministrazione dell’Ufficio BEREC,
     DECIDE:

                                                                   Articolo 1
     L’autorità nazionale di regolamentazione del Montenegro con responsabilità primaria di sorvegliare il funzionamento
     quotidiano dei mercati delle reti e dei servizi di comunicazioni elettroniche ha facoltà di partecipare al comitato dei
     regolatori e ai gruppi di lavoro dell’Organismo dei regolatori europei delle comunicazioni elettroniche («BEREC») e al
     consiglio di amministrazione dell’Ufficio BEREC.

     (1) Regolamento (UE) 2018/1971 del Parlamento europeo e del Consiglio, dell’11 dicembre 2018, che istituisce l’Organismo dei regola­
         tori europei delle comunicazioni elettroniche (BEREC) e l’Agenzia di sostegno al BEREC (Ufficio BEREC), modifica il regolamento (UE)
         2015/2120 e abroga il regolamento (CE) n. 1211/2009 (GU L 321 del 17.12.2018, pag. 1).
     (2) Decisione 2010/224/UE del Consiglio e della Commissione, del 29 marzo 2010, relativa alla conclusione dell’accordo di stabilizza­
         zione e di associazione tra le Comunità europee e i loro Stati membri, da una parte, e la Repubblica di Montenegro, dall’altra
         (GU L 108 del 29.4.2010, pag. 1).
     (3) Comunicazione della Commissione al Parlamento europeo, al Consiglio, al Comitato economico e sociale europeo e al Comitato delle
         regioni – Una prospettiva di allargamento credibile e un maggior impegno dell’UE per i Balcani occidentali (COM(2018) 65 final del
         6.2.2018).
     (4) SWD(2018) 360 final, Documento di lavoro dei servizi della Commissione, Measures in support of a Digital Agenda for the Western Bal­
         kans (Misure a sostegno di un’agenda digitale per i Balcani occidentali).
27.3.2019          IT                           Gazzetta ufficiale dell'Unione europea                              C 115/7


     I termini di riferimento della partecipazione dell’autorità nazionale di regolamentazione del Montenegro figurano
     nell’allegato.

                                                              Articolo 2
     La presente decisione entra in vigore il giorno dell’adozione.


     Fatto a Bruxelles, il 18 marzo 2019


                                                                                         Per la Commissione
                                                                                          Mariya GABRIEL

                                                                                    Membro della Commissione
C 115/8             IT                              Gazzetta ufficiale dell'Unione europea                                              27.3.2019


                                                                   ALLEGATO


                                                       TERMINI DI RIFERIMENTO


     1. Partecipazione al comitato dei regolatori del BEREC
     1. L’autorità nazionale di regolamentazione («ANR») del Montenegro ha facoltà di partecipare ai lavori del comitato dei
        regolatori (CdR) del BEREC.

     2. L’ANR del Montenegro nomina un rappresentante per partecipare alle deliberazioni del CdR scegliendolo fra il diret­
        tore dell’ANR, un membro del suo organo collegiale o un loro sostituto.

     3. L’ANR del Montenegro nomina inoltre un supplente che sostituisca il rappresentante in sua assenza. Il supplente
        è scelto fra il direttore dell’ANR, un membro del suo organo collegiale, un loro sostituto o il personale dell’ANR.

     4. Il rappresentante dell’ANR del Montenegro e il supplente sono nominati in base alle loro conoscenze in materia di
        comunicazioni elettroniche, tenendo conto delle pertinenti competenze gestionali, amministrative e di bilancio. Per
        assicurarsi di trarre il massimo beneficio dalla partecipazione, l’ANR si sforza di limitare l’avvicendamento dei suoi
        rappresentanti e, se possibile, anche dei loro supplenti.

     5. Il partecipante dell’ANR del Montenegro ha il diritto di esprimere un parere in tutte le discussioni, sia nell’ambito
        delle riunioni del CdR del BEREC che al di fuori di esse con altre modalità. Tale parere è debitamente iscritto
        a verbale, conformemente alle regole e alle prassi di lavoro del CdR.

     6. I nomi del rappresentante dell’ANR del Montenegro e del supplente sono inseriti nell’elenco dei membri del CdR
        pubblicato conformemente all’articolo 7, paragrafo 5, del regolamento (UE) 2018/1971 (1).

     7. Nel partecipare ai lavori del CdR, il rappresentante dell’ANR del Montenegro e il supplente non sollecitano né accet­
        tano istruzioni da governi, istituzioni, persone od organismi.

     2. Partecipazione ai gruppi di lavoro
     1. L’ANR del Montenegro ha facoltà di nominare esperti che partecipino ai gruppi di lavoro del BEREC.

     2. Tali esperti possono partecipare a tutte le attività dei gruppi di lavoro, conformemente alle regole e alle prassi di
        lavoro del BEREC. Essi possono esprimere un parere in tutti gli scambi, sia nell’ambito delle riunioni dei gruppi di
        lavoro che al di fuori di esse con altre modalità.

     3. Partecipazione al consiglio di amministrazione dell’Ufficio BEREC
     1. L’ANR del Montenegro ha facoltà di partecipare ai lavori del consiglio di amministrazione (CdA) dell’Ufficio BEREC.

     2. L’ANR del Montenegro nomina la persona designata quale rappresentante nel CdR per partecipare ai lavori del CdA,
        oppure una persona diversa dal rappresentante nel CdR scelta fra il direttore dell’ANR, un membro del suo organo
        collegiale o un loro sostituto.

     3. L’ANR del Montenegro nomina inoltre quale supplente la persona designata quale supplente del rappresentante nel
        CdR o un’altra persona scelta tra il direttore dell’ANR, un membro del suo organo collegiale, un loro sostituto o il
        personale dell’ANR, che sostituisca il rappresentante in sua assenza.

     4. Il partecipante dell’ANR del Montenegro ha il diritto di esprimere un parere in tutte le discussioni, sia nell’ambito
        delle riunioni del CdA del BEREC che al di fuori di esse con altre modalità. Tale parere è debitamente iscritto
        a verbale, conformemente alle regole e alle prassi di lavoro del CdA.

     5. I nomi del rappresentante dell’ANR del Montenegro e del supplente sono inseriti nell’elenco dei membri del CdA
        pubblicato conformemente all’articolo 15, paragrafo 4, del regolamento (UE) 2018/1971.

     (1) Regolamento (UE) 2018/1971 del Parlamento europeo e del Consiglio, dell’11 dicembre 2018, che istituisce l’Organismo dei regola­
         tori europei delle comunicazioni elettroniche (BEREC) e l’Agenzia di sostegno al BEREC (Ufficio BEREC), modifica il regolamento (UE)
         2015/2120 e abroga il regolamento (CE) n. 1211/2009 (GU L 321 del 17.12.2018, pag. 1).
27.3.2019           IT                              Gazzetta ufficiale dell'Unione europea                                                  C 115/9


     6. Nel partecipare ai lavori del CdA, il rappresentante dell’ANR del Montenegro e il supplente non sollecitano né accet­
        tano istruzioni da governi, istituzioni, persone od organismi.

     4. Dichiarazione di interessi
     1. I rappresentanti dell’ANR del Montenegro nel CdR e nel CdA e i loro supplenti redigono ciascuno una dichiarazione
        scritta di impegni e una dichiarazione con la quale indicano l’assenza o la presenza di interessi diretti o indiretti che
        possano essere considerati in contrasto con la loro indipendenza.

        Tali dichiarazioni sono fatte al momento dell’assunzione di responsabilità e sono pubblicate. Esse sono accurate
        e complete e vengono aggiornate ogniqualvolta sussista il rischio che vi siano interessi diretti o indiretti che possano
        essere considerati in contrasto con l’indipendenza del dichiarante.

     5. Personale
        L’Ufficio BEREC può avvalersi di personale del Montenegro, compresi esperti nazionali distaccati e altro personale
        non impiegato presso l’Ufficio BEREC, conformemente a una decisione che deve essere adottata dal CdA.

     6. Contributo finanziario dell’ANR del Montenegro all’Ufficio BEREC
     1. Il contributo finanziario al bilancio dell’Ufficio BEREC a carico dell’ANR del Montenegro per la partecipazione al
        BEREC corrisponde al pieno costo della sua partecipazione conformemente ai punti 1, 2 e 3 del presente allegato. Gli
        importi sono determinati secondo le modalità di cui al punto 6.2.

     2. Il contributo finanziario a carico dell’ANR del Montenegro di cui al punto 6.1 copre quanto segue:

        — i costi per il rimborso delle spese di viaggio dei rappresentanti dell’ANR per le riunioni del BEREC, secondo le
          regole di rimborso del BEREC;

        — le spese amministrative relative ai rimborsi di cui sopra per le spese di viaggio, fino a un massimo del 3 % degli
          importi versati a titolo di rimborso delle spese di viaggio;

        — le spese amministrative relative alla partecipazione dell’ANR ai lavori del BEREC in generale.

        L’importo del contributo finanziario è determinato dal BEREC tenendo conto, tra l’altro, delle missioni previste per
        l’anno successivo e delle missioni e dei rimborsi effettivi per l’anno o gli anni precedenti.

     3. Il contributo dell’ANR è attuato in conformità alle disposizioni finanziarie applicabili all’Ufficio BEREC adottate
        a norma dell’articolo 29 del regolamento (UE) 2018/1971.

     4. Le spese di viaggio e di soggiorno sostenute dai rappresentanti e dagli esperti dell’ANR del Montenegro per parteci­
        pare alle attività del BEREC e dell’Ufficio BEREC e alle relative riunioni sono rimborsate dall’Ufficio del BEREC con­
        formemente alle norme stabilite nella decisione del Comitato di gestione dell'Ufficio BEREC concernente il rimborso
        delle spese di viaggio, di soggiorno e di altra natura sostenute nel corso di viaggi effettuati da persone non impiegate
        presso l'Ufficio BEREC (2).

     5. Dopo l’entrata in vigore della presente decisione e all’inizio di ogni anno successivo, l’Ufficio BEREC inoltra all’ANR
        una richiesta di fondi per un importo corrispondente al contributo da essa dovuto all’Agenzia in forza della presente
        decisione.

     6. Il contributo è espresso in EUR e versato su un conto bancario in EUR dell’Ufficio BEREC.

     7. Dando seguito alla richiesta di fondi, l’ANR del Montenegro versa il suo contributo entro trenta giorni dall’invio della
        richiesta da parte dell’Ufficio BEREC.

     8. In caso di ritardo nel versamento del contributo, l’ANR è tenuta a corrispondere gli interessi sull’importo arretrato
        a decorrere dalla data di scadenza del pagamento. Il tasso d’interesse è pari al tasso applicato, alla data della sca­
        denza, dalla Banca centrale europea per le operazioni in EUR, maggiorato di 1,5 punti percentuali.

     (2) BEREC Office MC Decision concerning the reimbursement of travel, subsistence and other expenses incurred in the course of journeys
         made by persons not employed by the BEREC Office and repealing the previous Management Committee Decision No MC/2013/05 of
         6 June 2013 (Decisione del Comitato di gestione dell’Ufficio BEREC concernente il rimborso delle spese di viaggio, di soggiorno e di
         altra natura sostenute nel corso di viaggi effettuati da persone non impiegate presso l’Ufficio BEREC, che abroga la precedente deci­
         sione del Comitato di gestione n. MC/2013/05 del 6 giugno 2013) (MC/2015/13).
C 115/10          IT                           Gazzetta ufficiale dell'Unione europea                                      27.3.2019


     7. Accordi di lavoro dettagliati
     1. Il CdR e il CdA specificano gli accordi di lavoro dettagliati per la partecipazione dell’ANR del Montenegro, ove neces­
        sario, in conformità al regolamento (UE) 2018/1971 e ai presenti termini di riferimento.

     2. L’ANR del Montenegro ha facoltà di partecipare ai lavori del BEREC, compresi il CdR e i gruppi di lavoro, e al CdA
        dal giorno di entrata in vigore della presente decisione, a prescindere dal completamento degli accordi di lavoro
        dettagliati di cui al punto 7.1.
27.3.2019           IT                              Gazzetta ufficiale dell'Unione europea                                                 C 115/11



                                                   DECISIONE DELLA COMMISSIONE
                                                              del 18 marzo 2019
            relativa alla partecipazione dell’autorità nazionale di regolamentazione della Repubblica di
                 Macedonia del Nord all’Organismo dei regolatori europei delle comunicazioni elettroniche
                                                                (2019/C 115/06)


     LA COMMISSIONE EUROPEA,

     visto il trattato sul funzionamento dell’Unione europea,
     considerando quanto segue:
     (1)    L’articolo 17, paragrafo 1, del trattato sull’Unione europea elenca i poteri della Commissione e stabilisce che la
            Commissione promuove l’interesse generale dell’Unione e adotta le iniziative appropriate a tal fine, esercita fun­
            zioni di coordinamento, di esecuzione e di gestione alle condizioni stabilite dai trattati e assicura la rappresentanza
            esterna dell’Unione, fatta eccezione per la politica estera e di sicurezza comune e per gli altri casi previsti dai
            trattati.
     (2)    A norma dell’articolo 35, paragrafo 2, del regolamento (UE) 2018/1971 del Parlamento europeo e del Consiglio (1), il
            comitato dei regolatori, i gruppi di lavoro e il consiglio di amministrazione sono aperti alla partecipazione delle
            autorità di regolamentazione di paesi terzi con responsabilità primaria in materia di comunicazioni elettroniche,
            laddove tali paesi terzi abbiano concluso con l’Unione accordi in tal senso. Il suddetto articolo prevede inoltre che
            nell’ambito delle pertinenti disposizioni di tali accordi siano elaborati accordi di lavoro che specifichino, in parti­
            colare, la natura, la portata e le modalità di partecipazione, senza diritto di voto, delle autorità di regolamenta­
            zione dei paesi terzi interessati ai lavori dell’Organismo dei regolatori europei delle comunicazioni elettroniche
            («BEREC») e dell’Ufficio BEREC, comprese le disposizioni sulla partecipazione alle iniziative intraprese dal BEREC,
            sui contributi finanziari e sul personale dell’Ufficio BEREC.
     (3)    A norma dell’articolo 95 dell’accordo di stabilizzazione e di associazione tra le Comunità europee e i loro Stati
            membri, da una parte, e la Repubblica di Macedonia del Nord, dall’altra (2), le parti intensificano la cooperazione
            nel settore delle infrastrutture di comunicazione elettronica e dei servizi associati. I settori prioritari comprendono
            l’elaborazione di politiche, aspetti giuridici e normativi e il potenziamento delle istituzioni necessarie in un conte­
            sto liberalizzato. L’Unione e la Repubblica di Macedonia del Nord hanno pertanto concluso un accordo ai sensi
            dell’articolo 35, paragrafo 2, del regolamento (UE) 2018/1971.
     (4)    Il proseguimento della partecipazione dell’autorità di regolamentazione della Repubblica di Macedonia del Nord al
            BEREC e all’Ufficio BEREC è pienamente coerente con la strategia per i Balcani occidentali (3), che invita ad adot­
            tare azioni volte a sviluppare la società digitale, compresa la diffusione della banda larga e l’abbassamento dei costi
            di roaming, e ad allineare la normativa dei paesi in questione a quella dell’Unione. Come indicato nell’Agenda
            digitale per i Balcani occidentali (4), una relazione più stretta tra l’Unione e le autorità nazionali di regolamenta­
            zione dei Balcani dovrebbe contribuire ad avvicinare la prassi normativa della regione alla prassi dell’Unione.
     (5)    Visto l’interesse dell’Unione a rafforzare la cooperazione con la Repubblica di Macedonia del Nord e a promuovere
            l’adozione da parte della Repubblica di Macedonia del Nord del quadro normativo dell’Unione per le comunica­
            zioni elettroniche, è opportuno stabilire gli accordi di lavoro per la partecipazione dell’autorità di regolamenta­
            zione della Repubblica di Macedonia del Nord al comitato dei regolatori e ai gruppi di lavoro del BEREC e al
            consiglio di amministrazione dell’Ufficio BEREC,
     DECIDE:

                                                                    Articolo 1
     L’autorità nazionale di regolamentazione della Repubblica di Macedonia del Nord con responsabilità primaria di sorve­
     gliare il funzionamento quotidiano dei mercati delle reti e dei servizi di comunicazioni elettroniche ha facoltà di parteci­
     pare al comitato dei regolatori e ai gruppi di lavoro dell’Organismo dei regolatori europei delle comunicazioni elettroni­
     che («BEREC») e al consiglio di amministrazione dell’Ufficio BEREC.

     (1) Regolamento (UE) 2018/1971 del Parlamento europeo e del Consiglio, dell’11 dicembre 2018, che istituisce l’Organismo dei regola­
         tori europei delle comunicazioni elettroniche (BEREC) e l’Agenzia di sostegno al BEREC (Ufficio BEREC), modifica il regolamento (UE)
         2015/2120 e abroga il regolamento (CE) n. 1211/2009 (GU L 321 del 17.12.2018, pag. 1).
     (2) Accordo di stabilizzazione e di associazione tra le Comunità europee e i loro Stati membri, da una parte, e la ex Repubblica iugoslava
         di Macedonia, dall’altra (GU L 84 del 20.3.2004, pag. 13).
     (3) Comunicazione della Commissione al Parlamento europeo, al Consiglio, al Comitato economico e sociale europeo e al Comitato delle
         regioni – Una prospettiva di allargamento credibile e un maggior impegno dell’UE per i Balcani occidentali [COM(2018) 65 final del
         6.2.2018].
     (4) SWD(2018) 360 final, Documento di lavoro dei servizi della Commissione, Measures in support of a Digital Agenda for the Western Bal­
         kans (Misure a sostegno di un’agenda digitale per i Balcani occidentali).
C 115/12           IT                           Gazzetta ufficiale dell'Unione europea                                  27.3.2019


     I termini di riferimento della partecipazione dell’autorità nazionale di regolamentazione della Repubblica di Macedonia
     del Nord figurano nell’allegato.

                                                              Articolo 2
     La presente decisione entra in vigore il giorno dell’adozione.


     Fatto a Bruxelles, il 18 marzo 2019


                                                                                         Per la Commissione
                                                                                          Mariya GABRIEL

                                                                                    Membro della Commissione
27.3.2019           IT                              Gazzetta ufficiale dell'Unione europea                                               C 115/13


                                                                   ALLEGATO


                                                       TERMINI DI RIFERIMENTO


     1. Partecipazione al comitato dei regolatori del BEREC
     1. L’autorità nazionale di regolamentazione («ANR») della Repubblica di Macedonia del Nord ha facoltà di partecipare ai
        lavori del comitato dei regolatori (CdR) del BEREC.

     2. L’ANR della Repubblica di Macedonia del Nord nomina un rappresentante per partecipare alle deliberazioni del CdR
        scegliendolo fra il direttore dell’ANR, un membro del suo organo collegiale o un loro sostituto.

     3. L’ANR della Repubblica di Macedonia del Nord nomina inoltre un supplente che sostituisca il rappresentante in sua
        assenza. Il supplente è scelto fra il direttore dell’ANR, un membro del suo organo collegiale, un loro sostituto o il
        personale dell’ANR.

     4. Il rappresentante dell’ANR della Repubblica di Macedonia del Nord e il supplente sono nominati in base alle loro
        conoscenze in materia di comunicazioni elettroniche, tenendo conto delle pertinenti competenze gestionali, ammini­
        strative e di bilancio. Per assicurarsi di trarre il massimo beneficio dalla partecipazione, l’ANR si sforza di limitare
        l’avvicendamento dei suoi rappresentanti e, se possibile, anche dei loro supplenti.

     5. Il partecipante dell’ANR della Repubblica di Macedonia del Nord ha il diritto di esprimere un parere in tutte le discus­
        sioni, sia nell’ambito delle riunioni del CdR del BEREC che al di fuori di esse con altre modalità. Tale parere
        è debitamente iscritto a verbale, conformemente alle regole e alle prassi di lavoro del CdR.

     6. I nomi del rappresentante dell’ANR della Repubblica di Macedonia del Nord e del supplente sono inseriti nell’elenco
        dei membri del CdR pubblicato conformemente all’articolo 7, paragrafo 5, del regolamento (UE) 2018/1971 del Par­
        lamento europeo e del Consiglio (1).

     7. Nel partecipare ai lavori del CdR, il rappresentante dell’ANR della Repubblica di Macedonia del Nord e il supplente
        non sollecitano né accettano istruzioni da governi, istituzioni, persone od organismi.

     2. Partecipazione ai gruppi di lavoro
     1. L’ANR della Repubblica di Macedonia del Nord ha facoltà di nominare esperti che partecipino ai gruppi di lavoro del
        BEREC.

     2. Tali esperti possono partecipare a tutte le attività dei gruppi di lavoro, conformemente alle regole e alle prassi di
        lavoro del BEREC. Essi possono esprimere un parere in tutti gli scambi, sia nell’ambito delle riunioni dei gruppi di
        lavoro che al di fuori di esse con altre modalità.

     3. Partecipazione al consiglio di amministrazione dell’Ufficio BEREC
     1. L’ANR della Repubblica di Macedonia del Nord ha facoltà di partecipare ai lavori del consiglio di amministrazione
        (CdA) dell’Ufficio BEREC.

     2. L’ANR della Repubblica di Macedonia del Nord nomina la persona designata quale rappresentante nel CdR per parte­
        cipare ai lavori del CdA, oppure una persona diversa dal rappresentante nel CdR scelta fra il direttore dell’ANR, un
        membro del suo organo collegiale o un loro sostituto.

     3. L’ANR della Repubblica di Macedonia del Nord nomina inoltre quale supplente la persona designata quale supplente
        del rappresentante nel CdR o un’altra persona scelta tra il direttore dell’ANR, un membro del suo organo collegiale,
        un loro sostituto o il personale dell’ANR, che sostituisca il rappresentante in sua assenza.

     4. Il partecipante dell’ANR della Repubblica di Macedonia del Nord ha il diritto di esprimere un parere in tutte le discus­
        sioni, sia nell’ambito delle riunioni del CdA del BEREC che al di fuori di esse con altre modalità. Tale parere
        è debitamente iscritto a verbale, conformemente alle regole e alle prassi di lavoro del CdA.

     (1) Regolamento (UE) 2018/1971 del Parlamento europeo e del Consiglio, dell’11 dicembre 2018, che istituisce l’Organismo dei regola­
         tori europei delle comunicazioni elettroniche (BEREC) e l’Agenzia di sostegno al BEREC (Ufficio BEREC), modifica il regolamento (UE)
         2015/2120 e abroga il regolamento (CE) n. 1211/2009 (GU L 321 del 17.12.2018, pag. 1).
C 115/14             IT                             Gazzetta ufficiale dell'Unione europea                                              27.3.2019


     5. I nomi del rappresentante dell’ANR della Repubblica di Macedonia del Nord e del supplente sono inseriti nell’elenco
        dei membri del CdA pubblicato conformemente all’articolo 15, paragrafo 4, del regolamento (UE) 2018/1971.

     6. Nel partecipare ai lavori del CdA, il rappresentante dell’ANR della Repubblica di Macedonia del Nord e il supplente
        non sollecitano né accettano istruzioni da governi, istituzioni, persone od organismi.

     4. Dichiarazione di interessi
     1. I rappresentanti dell’ANR della Repubblica di Macedonia del Nord nel CdR e nel CdA e i loro supplenti redigono
        ciascuno una dichiarazione scritta di impegni e una dichiarazione con la quale indicano l’assenza o la presenza di
        interessi diretti o indiretti che possano essere considerati in contrasto con la loro indipendenza.

           Tali dichiarazioni sono fatte al momento dell’assunzione di responsabilità e sono pubblicate. Esse sono accurate
           e complete e vengono aggiornate ogniqualvolta sussista il rischio che vi siano interessi diretti o indiretti che possano
           essere considerati in contrasto con l’indipendenza del dichiarante.

     5. Personale
     1. L’Ufficio BEREC può avvalersi di personale della Repubblica di Macedonia del Nord, compresi esperti nazionali
        distaccati e altro personale non impiegato presso l’Ufficio BEREC, conformemente a una decisione che deve essere
        adottata dal CdA.

     6. Contributo finanziario dell’ANR della Repubblica di Macedonia del Nord all’Ufficio BEREC
     1. Il contributo finanziario al bilancio dell’Ufficio BEREC a carico dell’ANR della Repubblica di Macedonia del Nord per
        la partecipazione al BEREC corrisponde al pieno costo della sua partecipazione conformemente ai punti 1, 2 e 3 del
        presente allegato. Gli importi sono determinati secondo le modalità di cui al punto 6.2.

     2. Il contributo finanziario a carico dell’ANR della Repubblica di Macedonia del Nord di cui al punto 6.1 copre quanto
        segue:

           — i costi per il rimborso delle spese di viaggio dei rappresentanti dell’ANR per le riunioni del BEREC, secondo le
             regole di rimborso del BEREC;

           — le spese amministrative relative ai rimborsi di cui sopra per le spese di viaggio, fino a un massimo del 3 % degli
             importi versati a titolo di rimborso delle spese di viaggio;

           — le spese amministrative relative alla partecipazione dell’ANR ai lavori del BEREC in generale.

           L’importo del contributo finanziario è determinato dal BEREC tenendo conto, tra l’altro, delle missioni previste per
           l’anno successivo e delle missioni e dei rimborsi effettivi per l’anno o gli anni precedenti.

     3. Il contributo dell’ANR è attuato in conformità alle disposizioni finanziarie applicabili all’Ufficio BEREC adottate
        a norma dell’articolo 29 del regolamento (UE) 2018/1971.

     4. Le spese di viaggio e di soggiorno sostenute dai rappresentanti e dagli esperti dell’ANR della Repubblica di Macedonia
        del Nord per partecipare alle attività del BEREC e dell’Ufficio BEREC e alle relative riunioni sono rimborsate dall’Uffi­
        cio del BEREC conformemente alle norme stabilite nella decisione del Comitato di gestione dell'Ufficio BEREC con­
        cernente il rimborso delle spese di viaggio, di soggiorno e di altra natura sostenute nel corso di viaggi effettuati da
        persone non impiegate presso l'Ufficio BEREC (2).

     5. Dopo l’entrata in vigore della presente decisione e all’inizio di ogni anno successivo, l’Ufficio BEREC inoltra all’ANR
        una richiesta di fondi per un importo corrispondente al contributo da essa dovuto all’Agenzia in forza della presente
        decisione.

     6. Il contributo è espresso in EUR e versato su un conto bancario in EUR dell’Ufficio BEREC.

     7. Dando seguito alla richiesta di fondi, l’ANR della Repubblica di Macedonia del Nord versa il suo contributo entro
        trenta giorni dall’invio della richiesta da parte dell’Ufficio BEREC.

     (2) BEREC Office MC Decision concerning the reimbursement of travel, subsistence and other expenses incurred in the course of journeys
         made by persons not employed by the BEREC Office and repealing the previous Management Committee Decision No. MC/2013/05
         of 6 June 2013 [Decisione del Comitato di gestione dell’Ufficio BEREC concernente il rimborso delle spese di viaggio, di soggiorno
         e di altra natura sostenute nel corso di viaggi effettuati da persone non impiegate presso l’Ufficio BEREC, che abroga la precedente
         decisione del Comitato di gestione n. MC/2013/05 del 6 giugno 2013 (MC/2015/13)]
27.3.2019         IT                          Gazzetta ufficiale dell'Unione europea                                       C 115/15


     8. In caso di ritardo nel versamento del contributo, l’ANR è tenuta a corrispondere gli interessi sull’importo arretrato
        a decorrere dalla data di scadenza del pagamento. Il tasso d’interesse è pari al tasso applicato, alla data della sca­
        denza, dalla Banca centrale europea per le operazioni in EUR, maggiorato di 1,5 punti percentuali.

     7. Accordi di lavoro dettagliati
     1. Il CdR e il CdA specificano gli accordi di lavoro dettagliati per la partecipazione dell’ANR della Repubblica di Mace­
        donia del Nord, ove necessario, in conformità al regolamento (UE) 2018/1971 e ai presenti termini di riferimento.

     2. L’ANR della Repubblica di Macedonia del Nord ha facoltà di partecipare ai lavori del BEREC, compresi il CdR
        e i gruppi di lavoro, e al CdA dal giorno di entrata in vigore della presente decisione, a prescindere dal completa­
        mento degli accordi di lavoro dettagliati di cui al punto 7.1.
C 115/16            IT                              Gazzetta ufficiale dell'Unione europea                                              27.3.2019



                                                  DECISIONE DELLA COMMISSIONE
                                                             del 18 marzo 2019
            relativa alla partecipazione dell’autorità nazionale di regolamentazione della Bosnia-Erzegovina
                           all’Organismo dei regolatori europei delle comunicazioni elettroniche
                                                               (2019/C 115/07)


     LA COMMISSIONE EUROPEA,

     visto il trattato sul funzionamento dell’Unione europea,

     considerando quanto segue:

     (1)   L’articolo 17, paragrafo 1, del trattato sull’Unione europea elenca i poteri della Commissione e stabilisce che la
           Commissione promuove l’interesse generale dell’Unione e adotta le iniziative appropriate a tal fine, esercita fun­
           zioni di coordinamento, di esecuzione e di gestione alle condizioni stabilite dai trattati e assicura la rappresentanza
           esterna dell’Unione, fatta eccezione per la politica estera e di sicurezza comune e per gli altri casi previsti dai
           trattati.

     (2)   A norma dell’articolo 35, paragrafo 2, del regolamento (UE) 2018/1971 del Parlamento europeo e del Consi­
           glio (1), il comitato dei regolatori, i gruppi di lavoro e il consiglio di amministrazione sono aperti alla partecipa­
           zione delle autorità di regolamentazione di paesi terzi con responsabilità primaria in materia di comunicazioni
           elettroniche, laddove tali paesi terzi abbiano concluso con l’Unione accordi in tal senso. Il suddetto articolo pre­
           vede inoltre che nell’ambito delle pertinenti disposizioni di tali accordi siano elaborati accordi di lavoro che speci­
           fichino, in particolare, la natura, la portata e le modalità di partecipazione, senza diritto di voto, delle autorità di
           regolamentazione dei paesi terzi interessati ai lavori dell’Organismo dei regolatori europei delle comunicazioni
           elettroniche («BEREC») e dell’Ufficio BEREC, comprese le disposizioni sulla partecipazione alle iniziative intraprese
           dal BEREC, sui contributi finanziari e sul personale dell’Ufficio BEREC.

     (3)   A norma dell’articolo 104 dell’accordo di stabilizzazione e di associazione tra le Comunità europee e i loro Stati
           membri, da una parte, e la Repubblica di Bosnia-Erzegovina, dall’altra (2), la cooperazione in materia di reti
           e servizi di comunicazione elettronici si concentra prevalentemente sui settori prioritari connessi all’acquis comuni­
           tario in questo campo. Le parti intensificano in particolare la cooperazione in materia di reti di comunicazioni
           elettroniche e servizi connessi. L’Unione e la Bosnia-Erzegovina hanno pertanto concluso un accordo ai sensi
           dell’articolo 35, paragrafo 2, del regolamento (UE) 2018/1971.

     (4)   La partecipazione dell’autorità di regolamentazione della Bosnia-Erzegovina al BEREC e all’Ufficio BEREC è piena­
           mente coerente con la strategia per i Balcani occidentali (3), che invita ad adottare azioni volte a sviluppare la
           società digitale, compresa la diffusione della banda larga e l’abbassamento dei costi di roaming, e ad allineare la
           normativa dei paesi in questione a quella dell’Unione. Come indicato nell’Agenda digitale per i Balcani occiden­
           tali (4), una relazione più stretta tra l’Unione e le autorità nazionali di regolamentazione dei Balcani dovrebbe con­
           tribuire ad avvicinare la prassi normativa della regione alla prassi dell’Unione.

     (5)   Visto l’interesse dell’Unione a rafforzare la cooperazione con la Bosnia-Erzegovina e a promuovere l’adozione da
           parte della Bosnia-Erzegovina del quadro normativo dell’Unione per le comunicazioni elettroniche, è opportuno
           stabilire gli accordi di lavoro per la partecipazione dell’autorità di regolamentazione della Bosnia-Erzegovina al
           comitato dei regolatori e ai gruppi di lavoro del BEREC e al consiglio di amministrazione dell’Ufficio BEREC,

     DECIDE:

                                                                   Articolo 1
     L’autorità nazionale di regolamentazione della Bosnia-Erzegovina con responsabilità primaria di sorvegliare il funziona­
     mento quotidiano dei mercati delle reti e dei servizi di comunicazioni elettroniche ha facoltà di partecipare al comitato
     dei regolatori e ai gruppi di lavoro dell’Organismo dei regolatori europei delle comunicazioni elettroniche («BEREC») e al
     consiglio di amministrazione dell’Ufficio BEREC.

     (1) Regolamento (UE) 2018/1971 del Parlamento europeo e del Consiglio, dell’11 dicembre 2018, che istituisce l’Organismo dei regola­
         tori europei delle comunicazioni elettroniche (BEREC) e l’Agenzia di sostegno al BEREC (Ufficio BEREC), modifica il regolamento (UE)
         2015/2120 e abroga il regolamento (CE) n. 1211/2009 (GU L 321 del 17.12.2018, pag. 1).
     (2) Accordo di stabilizzazione e di associazione tra le Comunità europee e i loro Stati membri, da una parte, e la Bosnia-Erzegovina,
         dall’altra (GU L 164 del 30.6.2015, pag. 2).
     (3) Comunicazione della Commissione al Parlamento europeo, al Consiglio, al Comitato economico e sociale europeo e al Comitato delle
         regioni – Una prospettiva di allargamento credibile e un maggior impegno dell’UE per i Balcani occidentali [COM(2018) 65 final del
         6.2.2018].
     (4) SWD(2018) 360 final, Documento di lavoro dei servizi della Commissione, Measures in support of a Digital Agenda for the Western Bal­
         kans (Misure a sostegno di un’agenda digitale per i Balcani occidentali).
27.3.2019          IT                           Gazzetta ufficiale dell'Unione europea                                   C 115/17


     I termini di riferimento della partecipazione dell’autorità nazionale di regolamentazione della Bosnia-Erzegovina figu­
     rano nell’allegato.

                                                              Articolo 2
     La presente decisione entra in vigore il giorno dell’adozione.


     Fatto a Bruxelles, il 18 marzo 2019


                                                                                         Per la Commissione
                                                                                          Mariya GABRIEL

                                                                                    Membro della Commissione
C 115/18            IT                              Gazzetta ufficiale dell'Unione europea                                              27.3.2019


                                                                   ALLEGATO


                                                       TERMINI DI RIFERIMENTO


     1. Partecipazione al comitato dei regolatori del BEREC
     1. L’autorità nazionale di regolamentazione («ANR») della Bosnia-Erzegovina ha facoltà di partecipare ai lavori del comi­
        tato dei regolatori (CdR) del BEREC.

     2. L’ANR della Bosnia-Erzegovina nomina un rappresentante per partecipare alle deliberazioni del CdR scegliendolo fra
        il direttore dell’ANR, un membro del suo organo collegiale o un loro sostituto.

     3. L’ANR della Bosnia-Erzegovina nomina inoltre un supplente che sostituisca il rappresentante in sua assenza. Il sup­
        plente è scelto fra il direttore dell’ANR, un membro del suo organo collegiale, un loro sostituto o il personale
        dell’ANR.

     4. Il rappresentante dell’ANR della Bosnia-Erzegovina e il supplente sono nominati in base alle loro conoscenze in
        materia di comunicazioni elettroniche, tenendo conto delle pertinenti competenze gestionali, amministrative e di
        bilancio. Per assicurarsi di trarre il massimo beneficio dalla partecipazione, l’ANR si sforza di limitare l’avvicenda­
        mento dei suoi rappresentanti e, se possibile, anche dei loro supplenti.

     5. Il partecipante dell’ANR della Bosnia-Erzegovina ha il diritto di esprimere un parere in tutte le discussioni, sia
        nell’ambito delle riunioni del CdR del BEREC che al di fuori di esse con altre modalità. Tale parere è debitamente
        iscritto a verbale, conformemente alle regole e alle prassi di lavoro del CdR.

     6. I nomi del rappresentante dell’ANR della Bosnia-Erzegovina e del supplente sono inseriti nell’elenco dei membri del
        CdR pubblicato conformemente all’articolo 7, paragrafo 5, del regolamento (UE) 2018/1971 del Parlamento europeo
        e del Consiglio (1).

     7. Nel partecipare ai lavori del CdR, il rappresentante dell’ANR della Bosnia-Erzegovina e il supplente non sollecitano né
        accettano istruzioni da governi, istituzioni, persone od organismi.

     2. Partecipazione ai gruppi di lavoro
     1. L’ANR della Bosnia-Erzegovina ha facoltà di nominare esperti che partecipino ai gruppi di lavoro del BEREC.

     2. Tali esperti possono partecipare a tutte le attività dei gruppi di lavoro, conformemente alle regole e alle prassi di
        lavoro del BEREC. Essi possono esprimere un parere in tutti gli scambi, sia nell’ambito delle riunioni dei gruppi di
        lavoro che al di fuori di esse con altre modalità.

     3. Partecipazione al consiglio di amministrazione dell’Ufficio BEREC
     1. L’ANR della Bosnia-Erzegovina ha facoltà di partecipare ai lavori del consiglio di amministrazione (CdA) dell’Ufficio
        BEREC.

     2. L’ANR della Bosnia-Erzegovina nomina la persona designata quale rappresentante nel CdR per partecipare ai lavori
        del CdA, oppure una persona diversa dal rappresentante nel CdR scelta fra il direttore dell’ANR, un membro del suo
        organo collegiale o un loro sostituto.

     3. L’ANR della Bosnia-Erzegovina nomina inoltre quale supplente la persona designata quale supplente del rappresen­
        tante nel CdR o un’altra persona scelta tra il direttore dell’ANR, un membro del suo organo collegiale, un loro sosti­
        tuto o il personale dell’ANR, che sostituisca il rappresentante in sua assenza.

     4. Il partecipante dell’ANR della Bosnia-Erzegovina ha il diritto di esprimere un parere in tutte le discussioni, sia
        nell’ambito delle riunioni del CdA del BEREC che al di fuori di esse con altre modalità. Tale parere è debitamente
        iscritto a verbale, conformemente alle regole e alle prassi di lavoro del CdA.

     5. I nomi del rappresentante dell’ANR della Bosnia-Erzegovina e del supplente sono inseriti nell’elenco dei membri del
        CdA pubblicato conformemente all’articolo 15, paragrafo 4, del regolamento (UE) 2018/1971.

     (1) Regolamento (UE) 2018/1971 del Parlamento europeo e del Consiglio, dell’11 dicembre 2018, che istituisce l’Organismo dei regola­
         tori europei delle comunicazioni elettroniche (BEREC) e l’Agenzia di sostegno al BEREC (Ufficio BEREC), modifica il regolamento (UE)
         2015/2120 e abroga il regolamento (CE) n. 1211/2009 (GU L 321 del 17.12.2018, pag. 1).
27.3.2019           IT                              Gazzetta ufficiale dell'Unione europea                                                C 115/19


     6. Nel partecipare ai lavori del CdA, il rappresentante dell’ANR della Bosnia-Erzegovina e il supplente non sollecitano né
        accettano istruzioni da governi, istituzioni, persone od organismi.

     4. Dichiarazione di interessi
     1. I rappresentanti dell’ANR della Bosnia-Erzegovina nel CdR e nel CdA e i loro supplenti redigono ciascuno una dichia­
        razione scritta di impegni e una dichiarazione con la quale indicano l’assenza o la presenza di interessi diretti
        o indiretti che possano essere considerati in contrasto con la loro indipendenza.

        Tali dichiarazioni sono fatte al momento dell’assunzione di responsabilità e sono pubblicate. Esse sono accurate
        e complete e vengono aggiornate ogniqualvolta sussista il rischio che vi siano interessi diretti o indiretti che possano
        essere considerati in contrasto con l’indipendenza del dichiarante.

     5. Personale
        L’Ufficio BEREC può avvalersi di personale della Bosnia-Erzegovina, compresi esperti nazionali distaccati e altro per­
        sonale non impiegato presso l’Ufficio BEREC, conformemente a una decisione che deve essere adottata dal CdA.

     6. Contributo finanziario dell’ANR della Bosnia-Erzegovina all’Ufficio BEREC
     1. Il contributo finanziario al bilancio dell’Ufficio BEREC a carico dell’ANR della Bosnia-Erzegovina per la partecipa­
        zione al BEREC corrisponde al pieno costo della sua partecipazione conformemente ai punti 1, 2 e 3 del presente
        allegato. Gli importi sono determinati secondo le modalità di cui al punto 6.2.

     2. Il contributo finanziario a carico dell’ANR della Bosnia-Erzegovina di cui al punto 6.1 copre quanto segue:

        — i costi per il rimborso delle spese di viaggio dei rappresentanti dell’ANR per le riunioni del BEREC, secondo le
          regole di rimborso del BEREC;

        — le spese amministrative relative ai rimborsi di cui sopra per le spese di viaggio, fino a un massimo del 3 % degli
          importi versati a titolo di rimborso delle spese di viaggio;

        — le spese amministrative relative alla partecipazione dell’ANR ai lavori del BEREC in generale.

        L’importo del contributo finanziario è determinato dal BEREC tenendo conto, tra l’altro, delle missioni previste per
        l’anno successivo e delle missioni e dei rimborsi effettivi per l’anno o gli anni precedenti.

     3. Il contributo dell’ANR è attuato in conformità alle disposizioni finanziarie applicabili all’Ufficio BEREC adottate
        a norma dell’articolo 29 del regolamento (UE) 2018/1971.

     4. Le spese di viaggio e di soggiorno sostenute dai rappresentanti e dagli esperti dell’ANR della Bosnia-Erzegovina per
        partecipare alle attività del BEREC e dell’Ufficio BEREC e alle relative riunioni sono rimborsate dall’Ufficio del BEREC
        conformemente alle norme stabilite nella decisione del Comitato di gestione dell'Ufficio BEREC concernente il rim­
        borso delle spese di viaggio, di soggiorno e di altra natura sostenute nel corso di viaggi effettuati da persone non
        impiegate presso l'Ufficio BEREC (2).

     5. Dopo l’entrata in vigore della presente decisione e all’inizio di ogni anno successivo, l’Ufficio BEREC inoltra all’ANR
        una richiesta di fondi per un importo corrispondente al contributo da essa dovuto all’Agenzia in forza della presente
        decisione.

     6. Il contributo è espresso in EUR e versato su un conto bancario in EUR dell’Ufficio BEREC.

     7. Dando seguito alla richiesta di fondi, l’ANR della Bosnia-Erzegovina versa il suo contributo entro trenta giorni
        dall’invio della richiesta da parte dell’Ufficio BEREC.

     8. In caso di ritardo nel versamento del contributo, l’ANR è tenuta a corrispondere gli interessi sull’importo arretrato
        a decorrere dalla data di scadenza del pagamento. Il tasso d’interesse è pari al tasso applicato, alla data della sca­
        denza, dalla Banca centrale europea per le operazioni in EUR, maggiorato di 1,5 punti percentuali.

     (2) BEREC Office MC Decision concerning the reimbursement of travel, subsistence and other expenses incurred in the course of journeys
         made by persons not employed by the BEREC Office and repealing the previous Management Committee Decision № MC/2013/05 of
         6 June 2013 (Decisione del Comitato di gestione dell’Ufficio BEREC concernente il rimborso delle spese di viaggio, di soggiorno e di
         altra natura sostenute nel corso di viaggi effettuati da persone non impiegate presso l’Ufficio BEREC, che abroga la precedente deci­
         sione del Comitato di gestione MC/2013/05 del 6 giugno 2013 (MC/2015/13)
Parte successiva ... Annulla