DOSSIER - Il Controllo delle Sezioni regionali della Corte dei Conti sui bilanci preventivi e

DOSSIER
 Il Controllo delle Sezioni regionali della Corte dei Conti sui bilanci preventivi e i
                                   rendiconti consuntivi della Regione




ultimo aggiornamento: 30/04/2014
Normativa nazionale
            D.L. 10 ottobre 2012, n. 174 (Art. 1)                                              pag. 4
            Disposizioni urgenti in materia di finanza e funzionamento degli enti
            territoriali, nonché ulteriori disposizioni in favore delle zone terremotate nel
            maggio 2012

            Costituzione della Repubblica Italiana (Artt. 81, 100, 117, 119)                   pag. 12


            D.L. 13 agosto 2011, n. 138 (Art. 14, comma 1, lettera e)                          pag. 16
            Ulteriori misure urgenti per la stabilizzazione finanziaria e per lo sviluppo

            L. 31 dicembre 2009, n. 196 (Art. 1, comma 1)                                      pag. 17
            Principi di coordinamento, obiettivi di finanza pubblica e armonizzazione
            dei sistemi contabili

            L. 23 dicembre 2005, n. 266 (Artt. 166 - 172)                                      pag. 18
            Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello
            Stato (legge finanziaria 2006)

            L. 5 giugno 2003, n. 131 (Art. 7, comma 7)                                         pag. 22
            Disposizioni per l'adeguamento dell'ordinamento della Repubblica alla
            L.Cost. 18 ottobre 2001, n. 3

            L. 14 gennaio 1994, n. 20 (Art. 3)                                                 pag. 23
            Disposizioni in materia di giurisdizione e controllo della Corte dei conti

Giurisprudenza Costituzionale
            Stralcio Sentenza Corte Costituzionale n. 39 del 2014                              pag. 41


            Stralcio Sentenza Corte Costituzionale n. 198 del 2012                             pag. 47


            Stralcio Sentenza Corte Costituzionale n. 179 del 2007                             pag. 51


            Stralcio Sentenza Corte Costituzionale n. 267 del 2006                             pag. 54


            Stralcio Sentenza Corte Costituzionale n. 29 del 1995                              pag. 57

Documentazione correlata
            Deliberazione Corte dei Conti Sezioni riunite in sede di controllo n.7 del
                                                                                       pag. 62
            2013
            Chiarimenti sul giudizio di parificazione del Rendiconto delle Regioni

            Deliberazione Corte dei Conti Sezione delle autonomie n.9 del 2013                 pag. 70
            Prime linee di orientamento per la parifica dei rendiconti delle Regioni di
            cui all’Art. 1, comma 5, D.L. 10 ottobre 2012, n. 174, convertito, con
            modificazioni, dalla L. 7 dicembre 2012, n. 213
Deliberazione Corte dei Conti Sezione delle autonomie n.15 del 2012                pag. 77
           Prime linee interpretative per l'attuazione dei controlli introdotti dal D.L. 10
           ottobre 2012, n. 174

Dottrina
           Bibliografia essenziale                                                            pag. 86
Consiglio regionale della Calabria                                                             Commissione speciale di vigilanza




              D.L. 10-10-2012 n. 174
              Disposizioni urgenti in materia di finanza e funzionamento degli enti territoriali, nonché ulteriori disposizioni
              in favore delle zone terremotate nel maggio 2012.
              Pubblicato nella Gazz. Uff. 10 ottobre 2012, n. 237.




                                                                     (1) (2)
           D.L. 10 ottobre 2012, n. 174                                    .

           Disposizioni urgenti in materia di finanza e funzionamento degli enti
           territoriali, nonché ulteriori disposizioni in favore delle zone
           terremotate nel maggio 2012.




           (1) Pubblicato nella Gazz. Uff. 10 ottobre 2012, n. 237.

           (2) Convertito in legge, con modificazioni, dall'art. 1, comma 1, L. 7
           dicembre 2012, n. 213.




                                                                      Titolo I

                                                                      Regioni

           Art. 1 Rafforzamento della partecipazione della Corte dei conti al controllo
           sulla gestione finanziaria delle regioni (3)

           1. Al fine di rafforzare il coordinamento della finanza pubblica, in particolare
           tra i livelli di governo statale e regionale, e di garantire il rispetto dei vincoli
           finanziari derivanti dall'appartenenza dell'Italia all'Unione europea, le
           disposizioni del presente articolo sono volte ad adeguare, ai sensi degli
           articoli 28, 81, 97, 100 e 119 della Costituzione, il controllo della Corte dei
           conti sulla gestione finanziaria delle regioni di cui all'articolo 3, comma 5,
           della legge 14 gennaio 1994, n. 20, e all'articolo 7, comma 7, della legge 5
           giugno 2003, n. 131, e successive modificazioni.

           2. Ogni sei mesi le sezioni regionali di controllo della Corte dei conti
           trasmettono ai consigli regionali una relazione sulla tipologia delle coperture
           finanziarie adottate nelle leggi regionali approvate nel semestre precedente
           e sulle tecniche di quantificazione degli oneri.

           3. Le sezioni regionali di controllo della Corte dei conti esaminano i bilanci
           preventivi e i rendiconti consuntivi delle regioni e degli enti che compongono
           il Servizio sanitario nazionale, con le modalità e secondo le procedure di cui
           all' articolo 1, commi 166 e seguenti, della legge 23 dicembre 2005, n. 266,
           per la verifica del rispetto degli obiettivi annuali posti dal patto di stabilità


                                                                      Pagina 4 di 86
Consiglio regionale della Calabria                                    Commissione speciale di vigilanza



           interno, dell'osservanza del vincolo previsto in materia di indebitamento
           dall'articolo 119, sesto comma, della Costituzione, della sostenibilità
           dell'indebitamento e dell'assenza di irregolarità suscettibili di pregiudicare,
           anche in prospettiva, gli equilibri economico-finanziari degli enti. I bilanci
           preventivi annuali e pluriennali e i rendiconti delle regioni con i relativi
           allegati sono trasmessi alle competenti sezioni regionali di controllo della
           Corte dei conti dai presidenti delle regioni con propria relazione. (18)

           4. Ai fini del comma 3, le sezioni regionali di controllo della Corte dei conti
           verificano altresì che i rendiconti delle regioni tengano conto anche delle
           partecipazioni in società controllate e alle quali è affidata la gestione di
           servizi pubblici per la collettività regionale e di servizi strumentali alla
           regione, nonché dei risultati definitivi della gestione degli enti del Servizio
           sanitario nazionale, per i quali resta fermo quanto previsto dall'articolo 2,
           comma 2-sexies, del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502,
           dall'articolo 2, comma 12, della legge 28 dicembre 1995, n. 549, e
           dall'articolo 32 della legge 27 dicembre 1997, n. 449.

           5. Il rendiconto generale della regione è parificato dalla sezione regionale di
           controllo della Corte dei conti ai sensi degli articoli 39, 40 e 41 del testo
           unico di cui al regio decreto 12 luglio 1934, n. 1214. Alla decisione di parifica
           è allegata una relazione nella quale la Corte dei conti formula le sue
           osservazioni in merito alla legittimità e alla regolarità della gestione e
           propone le misure di correzione e gli interventi di riforma che ritiene
           necessari al fine, in particolare, di assicurare l'equilibrio del bilancio e di
           migliorare l'efficacia e l'efficienza della spesa. La decisione di parifica e la
           relazione sono trasmesse al presidente della giunta regionale e al consiglio
           regionale.

           6. Il presidente della regione trasmette ogni dodici mesi alla sezione
           regionale di controllo della Corte dei conti una relazione sulla regolarità della
           gestione e sull'efficacia e sull'adeguatezza del sistema dei controlli interni
           adottato sulla base delle linee guida deliberate dalla sezione delle autonomie
           della Corte dei conti entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore della
           legge di conversione del presente decreto. La relazione è, altresì, inviata al
                                               (17)
           presidente del consiglio regionale.

           7. Nell'ambito della verifica di cui ai commi 3 e 4, l'accertamento, da parte
           delle competenti sezioni regionali di controllo della Corte dei conti, di
           squilibri economico-finanziari, della mancata copertura di spese, della
           violazione di norme finalizzate a garantire la regolarità della gestione
           finanziaria o del mancato rispetto degli obiettivi posti con il patto di stabilità
           interno comporta per le amministrazioni interessate l'obbligo di adottare,
           entro sessanta giorni dalla comunicazione del deposito della pronuncia di
           accertamento, i provvedimenti idonei a rimuovere le irregolarità e a
           ripristinare gli equilibri di bilancio. Tali provvedimenti sono trasmessi alle
           sezioni regionali di controllo della Corte dei conti che li verificano nel termine
           di trenta giorni dal ricevimento. Qualora la regione non provveda alla
           trasmissione dei suddetti provvedimenti o la verifica delle sezioni regionali di
           controllo dia esito negativo, è preclusa l'attuazione dei programmi di spesa



                                               Pagina 5 di 86
Consiglio regionale della Calabria                                    Commissione speciale di vigilanza



           per i quali è stata accertata la mancata copertura o l'insussistenza della
                                               (11)
           relativa sostenibilità finanziaria.

           8. Le relazioni redatte dalle sezioni regionali di controllo della Corte dei conti
           ai sensi dei commi precedenti sono trasmesse alla Presidenza del Consiglio
           dei ministri e al Ministero dell'economia e delle finanze per le determinazioni
           di competenza.

           9. Ciascun gruppo consiliare dei consigli regionali approva un rendiconto di
           esercizio annuale, strutturato secondo linee guida deliberate dalla
           Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province
           autonome di Trento e di Bolzano e recepite con decreto del Presidente del
           Consiglio dei ministri, per assicurare la corretta rilevazione dei fatti di
           gestione e la regolare tenuta della contabilità, nonché per definire la
           documentazione necessaria a corredo del rendiconto. In ogni caso il
           rendiconto evidenzia, in apposite voci, le risorse trasferite al gruppo dal
           consiglio regionale, con indicazione del titolo del trasferimento, nonché le
           misure adottate per consentire la tracciabilità dei pagamenti effettuati. (16)

           9-bis. Al fine di agevolare la rimozione degli squilibri finanziari delle regioni
           che adottano, o abbiano adottato, il piano di stabilizzazione finanziaria, ai
           sensi dell'articolo 14, comma 22, del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78,
           convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio 2010, n. 122, approvato
           dal Ministero dell'economia e delle finanze, nello stato di previsione del
           Ministero dell'economia e delle finanze è istituito un Fondo di rotazione, con
           una dotazione di 50 milioni di euro, denominato «Fondo di rotazione per la
           concessione di anticipazioni alle regioni in situazione di squilibrio
           finanziario», finalizzato a concedere anticipazioni di cassa per il graduale
           ammortamento dei disavanzi e dei debiti fuori bilancio accertati, nonché per
           il concorso al sostegno degli oneri derivanti dall'attuazione del citato piano di
           stabilizzazione finanziaria ovvero per la regione Campania al finanziamento
           del piano di rientro di cui al comma 5 dell'articolo 16 del decreto-legge 22
           giugno 2012, n. 83, convertito con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,
                    (6) (19)
           n. 134.

           9-ter. Con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, su proposta del
           Ministro per gli affari regionali, di concerto con il Ministro dell'economia e
           delle finanze, di intesa con la Conferenza permanente per i rapporti tra lo
           Stato, le regioni e le province autonome di Trento e Bolzano, da emanare
           entro il termine del 31 marzo 2013 sono individuati i criteri per la
           determinazione dell'importo massimo dell'anticipazione di cui al comma 9-bis
           attribuibile a ciascuna regione, nonché le modalità per la concessione e per
           la restituzione della stessa in un periodo massimo di 10 anni, decorrente
           dall'anno successivo a quello in cui viene erogata l'anticipazione. I criteri per
           la determinazione dell'anticipazione attribuibile a ciascuna Regione sono
           definiti nei limiti dell'importo massimo fissato in euro 10 per abitante e della
           disponibilità annua del Fondo. (7)

           9-quater. Alla copertura degli oneri derivanti per l'anno 2013 dalle
           disposizioni di cui ai commi 9-bis e 9-ter, si provvede a valere sulla



                                               Pagina 6 di 86
Consiglio regionale della Calabria                                  Commissione speciale di vigilanza



           dotazione del Fondo di rotazione di cui all'articolo 4, comma 1. Il Fondo di
           cui al comma 9-bis è altresì alimentato dalle somme del Fondo rimborsate
           dalle regioni. (8)

           9-quinquies. Con decreti del Ministro dell'economia e delle finanze si
           provvede alle occorrenti variazioni di bilancio. (4)

           9-sexies. In sede di prima applicazione delle disposizioni di cui ai commi 9-
           bis e seguenti, alle regioni interessate, in presenza di eccezionali motivi di
           urgenza, può essere concessa un'anticipazione a valere sul Fondo di
           rotazione di cui al comma 9-bis, da riassorbire secondo tempi e modalità
           disciplinati dal decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri di cui al
           comma 9-ter. (9)

           9-septies. Il piano di stabilizzazione finanziaria di cui al comma 9-bis, per le
           regioni che abbiano già adottato il piano stesso, è completato entro il 30
           giugno 2016 e l'attuazione degli atti indicati nel piano deve avvenire entro il
           31 dicembre 2017. Per le restanti regioni i predetti termini sono,
           rispettivamente, di quattro e cinque anni dall'adozione del ripetuto piano di
           stabilizzazione finanziaria. Conseguentemente, sono soppressi i commi 13,
           14 e 15 dell'articolo 1 del decreto-legge 10 ottobre 2012, n. 174, convertito
                                                                      (10)
           con modificazioni dalla legge 7 dicembre 2012, n. 213.

           10. Il rendiconto è trasmesso da ciascun gruppo consiliare al presidente del
           consiglio regionale, che lo trasmette al presidente della regione. Entro
           sessanta giorni dalla chiusura dell'esercizio, il presidente della regione
           trasmette il rendiconto di ciascun gruppo alla competente sezione regionale
           di controllo della Corte dei conti perché si pronunci, nel termine di trenta
           giorni dal ricevimento, sulla regolarità dello stesso con apposita delibera, che
           è trasmessa al presidente della regione per il successivo inoltro al presidente
           del consiglio regionale, che ne cura la pubblicazione. In caso di mancata
           pronuncia nei successivi trenta giorni, il rendiconto di esercizio si intende
           comunque approvato. Il rendiconto è, altresì, pubblicato in allegato al conto
                                                                                      (12)
           consuntivo del consiglio regionale e nel sito istituzionale della regione.

           11. Qualora la competente sezione regionale di controllo della Corte dei
           conti riscontri che il rendiconto di esercizio del gruppo consiliare o la
           documentazione trasmessa a corredo dello stesso non sia conforme alle
           prescrizioni stabilite a norma del presente articolo, trasmette, entro trenta
           giorni dal ricevimento del rendiconto, al presidente della regione una
           comunicazione affinché si provveda alla relativa regolarizzazione, fissando
           un termine non superiore a trenta giorni. La comunicazione è trasmessa al
           presidente del consiglio regionale per i successivi adempimenti da parte del
           gruppo consiliare interessato e sospende il decorso del termine per la
           pronuncia della sezione. Nel caso in cui il gruppo non provveda alla
           regolarizzazione entro il termine fissato, decade, per l'anno in corso, dal
           diritto all'erogazione di risorse da parte del consiglio regionale. La decadenza
           di cui al presente comma comporta l'obbligo di restituire le somme ricevute
                                                                              (13)
           a carico del bilancio del consiglio regionale e non rendicontate.




                                              Pagina 7 di 86
Consiglio regionale della Calabria                                   Commissione speciale di vigilanza



           12. La decadenza e l'obbligo di restituzione di cui al comma 11 conseguono
           alla mancata trasmissione del rendiconto entro il termine individuato ai sensi
           del comma 10, ovvero alla delibera di non regolarità del rendiconto da parte
                                                                       (14)
           della sezione regionale di controllo della Corte dei conti.

           [13. Le regioni che abbiano adottato il piano di stabilizzazione finanziaria, ai
           sensi dell'articolo 14, comma 22, del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78,
           convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio 2010, n. 122,
           formalmente approvato con decreto del Ministro dell'economia e delle
           finanze, possono chiedere al Ministero dell'economia e delle finanze, entro il
           15 dicembre 2012, un'anticipazione di cassa da destinare esclusivamente al
           pagamento delle spese di parte corrente relative a spese di personale, alla
           produzione di servizi in economia e all'acquisizione di servizi e forniture, già
           impegnate e comunque non derivanti da riconoscimento dei debiti fuori
           bilancio. (5) ]

           [14. L'anticipazione di cui al comma 13 è concessa, nei limiti di 50 milioni di
           euro per l'anno 2012, con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri,
           su proposta del Ministro dell'economia e delle finanze, che stabilisce altresì le
           modalità per l'erogazione e per la restituzione dell'anticipazione straordinaria
           in un periodo massimo di cinque anni, a decorrere dall'anno successivo a
           quello in cui è erogata l'anticipazione. (5) ]

           [15. Alla copertura degli oneri derivanti, nell'anno 2012, dalle disposizioni
           recate dai commi 13 e 14 si provvede a valere sulla dotazione del Fondo di
                                                     (5)
           rotazione di cui all'articolo 4, comma 5.     ]

           16. Le regioni a statuto speciale e le province autonome di Trento e di
           Bolzano adeguano il proprio ordinamento alle disposizioni del presente
           articolo entro un anno dalla data di entrata in vigore del presente decreto.
           (15)




           17. Dall'attuazione del presente articolo non devono derivare nuovi o
           maggiori oneri per la finanza pubblica.




           (3) Articolo così sostituito dalla legge di conversione 7 dicembre 2012, n.
           213.

           (4) Comma inserito dall'art. 1, comma 230, L. 24 dicembre 2012, n. 228, a
           decorrere dal 1° gennaio 2013.

           (5) Comma soppresso dal comma 9-septies del presente art. 1, D.L.
           174/2012, come inserito dall'art. 1, comma 230, L. 24 dicembre 2012, n.
           228, a decorrere dal 1° gennaio 2013.

           (6) Comma inserito dall'art. 1, comma 230, L. 24 dicembre 2012, n. 228, a
           decorrere dal 1° gennaio 2013, e così modificato dall’ art. 11, comma 16,


                                              Pagina 8 di 86
Consiglio regionale della Calabria                                  Commissione speciale di vigilanza



           D.L. 28 giugno 2013, n. 76, convertito, con modificazioni, dalla L. 9 agosto
           2013, n. 99. Il presente comma era stato sostituito dall’ art. 1, comma 4,
           lett. a), D.L. 31 ottobre 2013, n. 126, non convertito in legge (Comunicato
           31 dicembre 2013, pubblicato nella G.U. 31 dicembre 2013, n. 305) e dall’
           art. 3, comma 3, lett. a), D.L. 30 dicembre 2013, n. 151, non convertito in
           legge (Comunicato 1° marzo 2014, pubblicato nella G.U. 1° marzo 2014, n.
           50).

           (7) Comma inserito dall'art. 1, comma 230, L. 24 dicembre 2012, n. 228, a
           decorrere dal 1° gennaio 2013. Il presente comma era stato modificato dall’
           art. 1, comma 4, lett. b), D.L. 31 ottobre 2013, n. 126, non convertito in
           legge (Comunicato 31 dicembre 2013, pubblicato nella G.U. 31 dicembre
           2013, n. 305) e dall’ art. 3, comma 3, lett. b), D.L. 30 dicembre 2013, n.
           151, non convertito in legge (Comunicato 1° marzo 2014, pubblicato nella
           G.U. 1° marzo 2014, n. 50).

           (8) Comma inserito dall'art. 1, comma 230, L. 24 dicembre 2012, n. 228, a
           decorrere dal 1° gennaio 2013. Il presente comma era stato modificato dall’
           art. 1, comma 4, lett. c), D.L. 31 ottobre 2013, n. 126, non convertito in
           legge (Comunicato 31 dicembre 2013, pubblicato nella G.U. 31 dicembre
           2013, n. 305) e dall’ art. 3, comma 3, lett. c), D.L. 30 dicembre 2013, n.
           151, non convertito in legge (Comunicato 1° marzo 2014, pubblicato nella
           G.U. 1° marzo 2014, n. 50).

           (9) Comma inserito dall'art. 1, comma 230, L. 24 dicembre 2012, n. 228, a
           decorrere dal 1° gennaio 2013. Il presente comma era stato modificato dall’
           art. 1, comma 4, lett. d), D.L. 31 ottobre 2013, n. 126, non convertito in
           legge (Comunicato 31 dicembre 2013, pubblicato nella G.U. 31 dicembre
           2013, n. 305) e dall’ art. 3, comma 3, lett. d), D.L. 30 dicembre 2013, n.
           151, non convertito in legge (Comunicato 1° marzo 2014, pubblicato nella
           G.U. 1° marzo 2014, n. 50).

           (10) Comma inserito dall'art. 1, comma 230, L. 24 dicembre 2012, n. 228, a
           decorrere dal 1° gennaio 2013. Il presente comma era stato modificato dall’
           art. 1, comma 4, lett. e), D.L. 31 ottobre 2013, n. 126, non convertito in
           legge (Comunicato 31 dicembre 2013, pubblicato nella G.U. 31 dicembre
           2013, n. 305) e dall’ art. 3, comma 3, lett. e), D.L. 30 dicembre 2013, n.
           151, non convertito in legge (Comunicato 1° marzo 2014, pubblicato nella
           G.U. 1° marzo 2014, n. 50).

           (11) La Corte costituzionale, con sentenza 26 febbraio-6 marzo 2014, n. 39
           (Gazz. Uff. 12 marzo 2014, n. 12 – Prima serie speciale), ha dichiarato, tra
           l’altro, l’illegittimità costituzionale del presente comma, limitatamente alla
           parte in cui si riferisce al controllo dei bilanci preventivi e dei rendiconti
           consuntivi delle Regioni.

           (12) La Corte costituzionale, con sentenza 26 febbraio-6 marzo 2014, n. 39
           (Gazz. Uff. 12 marzo 2014, n. 12 – Prima serie speciale), ha dichiarato, tra
           l’altro: a) l’illegittimità costituzionale del primo periodo del presente comma,
           limitatamente alle parole «che lo trasmette al presidente della Regione»; b)
           l’illegittimità costituzionale del secondo periodo del presente comma,


                                              Pagina 9 di 86
Consiglio regionale della Calabria                                     Commissione speciale di vigilanza



           limitatamente alle parole «al presidente della regione per il successivo
           inoltro».

           (13) La Corte costituzionale, con sentenza 26 febbraio-6 marzo 2014, n. 39
           (Gazz. Uff. 12 marzo 2014, n. 12 – Prima serie speciale), ha dichiarato, tra
           l’altro: a) l’illegittimità costituzionale del primo periodo del presente comma,
           nella parte in cui prevede il «presidente della regione», anziché il
           «presidente del consiglio regionale»; b) l’illegittimità costituzionale del terzo
           periodo del presente comma; c) l’illegittimità costituzionale del quarto
           periodo del presente comma, nella parte in cui prevede che l’obbligo di
           restituire le somme ricevute a carico del bilancio del consiglio regionale e
           non rendicontate consegue alla «decadenza di cui al presente comma»,
           anziché all’omessa regolarizzazione di cui al presente comma.

           (14) La Corte costituzionale, con sentenza 26 febbraio-6 marzo 2014, n. 39
           (Gazz. Uff. 12 marzo 2014, n. 12 – Prima serie speciale), ha dichiarato, tra
           l’altro, l’illegittimità costituzionale del presente comma, là dove prevede che
           «La decadenza e l’obbligo di restituzione di cui al comma 11 conseguono»
           anziché prevedere che «L’obbligo di restituzione di cui al comma 11
           consegue».

           (15) La Corte costituzionale, con sentenza 26 febbraio–6 marzo 2014, n. 39
           (Gazz. Uff. 12 marzo 2014, n. 12 – Prima serie speciale), ha dichiarato, tra
           l’altro, l’illegittimità costituzionale del presente comma, nella parte in cui
           impone alle Regioni a statuto speciale e alle Province autonome di Trento e
           di Bolzano di adeguare il proprio ordinamento alle disposizioni dei commi 7,
           limitatamente alla parte in cui si riferisce al controllo dei bilanci preventivi e
           dei rendiconti consuntivi delle Regioni; 10, primo periodo, limitatamente alle
           parole «che lo trasmette al presidente della Regione»; 10, secondo periodo,
           limitatamente alle parole «al presidente della regione per il successivo
           inoltro»; 11, primo periodo, nella parte in cui prevede il «presidente della
           regione», anziché il «presidente del consiglio regionale»; 11, terzo periodo;
           11, quarto periodo, nella parte in cui prevede che l’obbligo di restituire le
           somme ricevute a carico del bilancio del consiglio regionale e non
           rendicontate consegue alla «decadenza di cui al presente comma», anziché
           all’omessa regolarizzazione di cui allo stesso comma 11; 12, là dove prevede
           che «La decadenza e l’obbligo di restituzione di cui al comma 11
           conseguono» anziché prevedere che «L’obbligo di restituzione di cui al
           comma 11 consegue».

           (16) In attuazione di quanto disposto dal presente comma vedi il D.P.C.M.
           21 dicembre 2012.

           (17) Per le linee guida di cui al presente comma vedi la Deliberazione 11
           febbraio 2013, n. 5.

           (18) Vedi, anche,   la         Deliberazione    22         febbraio       2013,         n.
           6/SEZAUT/2013/INPR   e         la   Deliberazione      4      marzo       2014,         n.
           5/SEZAUT/2014/INPR.

           (19) Vedi, anche, l’ art. 17, comma 5, D.L. 6 marzo 2014, n. 16.


                                               Pagina 10 di 86
Consiglio regionale della Calabria                     Commissione speciale di vigilanza




                                     Pagina 11 di 86
Consiglio regionale della Calabria                                               Commissione speciale di vigilanza




          Costituzione della Repubblica Italiana

          cost. art. 81, 100, 117, 119.




                                                          […]




          81.

          Lo Stato assicura l'equilibrio tra le entrate e le spese del proprio bilancio, tenendo conto delle
          fasi avverse e delle fasi favorevoli del ciclo economico.

          Il ricorso all'indebitamento è consentito solo al fine di considerare gli effetti del ciclo economico
          e, previa autorizzazione delle Camere adottata a maggioranza assoluta dei rispettivi
          componenti, al verificarsi di eventi eccezionali.

          Ogni legge che importi nuovi o maggiori oneri provvede ai mezzi per farvi fronte.

          Le Camere ogni anno approvano con legge il bilancio e il rendiconto consuntivo presentati dal
          Governo.

          L'esercizio provvisorio del bilancio non può essere concesso se non per legge e per periodi non
          superiori complessivamente a quattro mesi.

          Il contenuto della legge di bilancio, le norme fondamentali e i criteri volti ad assicurare
          l'equilibrio tra le entrate e le spese dei bilanci e la sostenibilità del debito del complesso delle
          pubbliche amministrazioni sono stabiliti con legge approvata a maggioranza assoluta dei
          componenti di ciascuna Camera, nel rispetto dei principi definiti con legge costituzionale (1)(2).

          -----------------------

          (1)
                In attuazione di quanto disposto dal presente comma vedi la L. 24 dicembre 2012, n. 243.

          (2)
             Articolo così sostituito dal comma 1 dell’art. 1, L.Cost. 20 aprile 2012, n. 1. Le disposizioni
          di cui alla citata L.Cost. n. 1/2012 si applicano, ai sensi di quanto disposto dal comma 1
          dell’art. 6 della stessa, a decorrere dall'esercizio finanziario relativo all'anno 2014.
          Il testo applicabile fino all’esercizio finanziario relativo all’anno 2013 era il seguente: «Le
          Camere approvano ogni anno i bilanci e il rendiconto consuntivo presentati dal Governo.
          L'esercizio provvisorio del bilancio non può essere concesso se non per legge e per periodi non
          superiori complessivamente a quattro mesi. Con la legge di approvazione del bilancio non si
          possono stabilire nuovi tributi e nuove spese. Ogni altra legge che importi nuove e maggiori
          spese deve indicare i mezzi per farvi fronte.». Vedi, anche, l’art. 5 dello stesso provvedimento.
          Vedi, inoltre, l’art. 165, Reg.Senato 17 febbraio 1971 e l’art. 66, Reg.Camera 18 febbraio
          1971.




                                                          […]




                                                      Pagina 12 di 86
Consiglio regionale della Calabria                                             Commissione speciale di vigilanza




          100.

          Il Consiglio di Stato è organo di consulenza giuridico -amministrativa e di tutela della giustizia
          nell'amministrazione [Cost. 103].

          La Corte dei conti esercita il controllo preventivo di legittimità sugli atti del Governo, e anche
          quello successivo sulla gestione del bilancio dello Stato [Cost. 103]. Partecipa, nei casi e nelle
          forme stabilite dalla legge, al controllo sulla gestione finanziaria degli enti a cui lo Stato
          contribuisce in via ordinaria. Riferisce direttamente alle Camere sul risultato del riscontro
          eseguito [Cost. 81] (1).

          La legge assicura l'indipendenza dei due istituti e dei loro componenti di fronte al Governo.

          -----------------------

            Vedi, anche, L. 21 marzo 1958, n. 259, sulla partecipazione della Corte dei Conti al controllo
          (1)

          degli enti sovvenzionati dallo Stato.




                                                         […]




          117.

                                                         […]

          Sono materie di legislazione concorrente quelle relative a: rapporti internazionali e con l'Unione
          europea delle Regioni; commercio con l'estero; tutela e sicurezza del lavoro; istruzione, salva
          l'autonomia delle istituzioni scolastiche e con esclusione della istruzione e della formazione
          professionale; professioni; ricerca scientifica e tecnologica e sostegno all'innovazione per i
          settori produttivi; tutela della salute; alimentazione; ordinamento sportivo; protezione civile;
          governo del territorio; porti e aeroporti civili; grandi reti di trasporto e di navigazione;
          ordinamento della comunicazione; produzione, trasporto e distribuzione nazionale dell'energia;
          previdenza complementare e integrativa; coordinamento della finanza pubblica e del
          sistema tributario; valorizzazione dei beni culturali e ambientali e promozione e
          organizzazione di attività culturali; casse di risparmio, casse rurali, aziende di credito a
          carattere regionale; enti di credito fondiario e agrario a carattere regionale. Nelle materie di
          legislazione concorrente spetta alle Regioni la potestà legislativa, salvo che per la
          determinazione dei princìpi fondamentali, riservata alla legislazione dello Stato (2).

          -----------------------

          (2)
             Comma così modificato dalla lettera b) del comma 1 dell’art. 3, L.Cost. 20 aprile 2012, n. 1.
          Le disposizioni di cui alla citata L.Cost. n. 1/2012 si applicano, ai sensi di quanto disposto dal
          comma 1 dell’art. 6 della stessa, a decorrere dall'esercizio finanziario relativo all'anno 2014.
          Il testo applicabile fino all’esercizio finanziario relativo all’anno 2013 era il seguente: «Sono
          materie di legislazione concorrente quelle relative a: rapporti internazionali e con l'Unione
          europea delle Regioni; commercio con l'estero; tutela e sicurezza del lavoro; istruzione, salva
          l'autonomia delle istituzioni scolastiche e con esclusione della istruzione e della formazione
          professionale; professioni; ricerca scientifica e tecnologica e sostegno all'innovazione per i
          settori produttivi; tutela della salute; alimentazione; ordinamento sportivo; protezione civile;
          governo del territorio; porti e aeroporti civili; grandi reti di trasporto e di navigazione;




                                                     Pagina 13 di 86
Consiglio regionale della Calabria                                               Commissione speciale di vigilanza




          ordinamento della comunicazione; produzione, trasporto e distribuzione nazionale dell'energia;
          previdenza complementare e integrativa; armonizzazione dei bilanci pubblici e coordinamento
          della finanza pubblica e del sistema tributario; valorizzazione dei beni culturali e ambientali e
          promozione e organizzazione di attività culturali; casse di risparmio, casse rurali, aziende di
          credito a carattere regionale; enti di credito fondiario e agrario a carattere regionale. Nelle
          materie di legislazione concorrente spetta alle Regioni la potestà legislativa, salvo che per la
          determinazione dei princìpi fondamentali, riservata alla legislazione dello Stato.».




                                                          […]




          119.

          I Comuni, le Province, le Città metropolitane e le Regioni hanno autonomia finanziaria di
          entrata e di spesa, nel rispetto dell'equilibrio dei relativi bilanci, e concorrono ad assicurare
          l'osservanza dei vincoli economici e finanziari derivanti dall'ordinamento dell'Unione europea
          (1)
              .

          I Comuni, le Province, le Città metropolitane e le Regioni hanno risorse autonome. Stabiliscono
          e applicano tributi ed entrate propri, in armonia con la Costituzione e secondo i princìpi di
          coordinamento della finanza pubblica e del sistema tributario. Dispongono di compartecipazioni
          al gettito di tributi erariali riferibile al loro territorio.

          La legge dello Stato istituisce un fondo perequativo, senza vincoli di destinazione, per i territori
          con minore capacità fiscale per abitante.

          Le risorse derivanti dalle fonti di cui ai commi precedenti consentono ai Comuni, alle Province,
          alle Città metropolitane e alle Regioni di finanziare integralmente le funzioni pubbliche loro
          attribuite.

          Per promuovere lo sviluppo economico, la coesione e la solidarietà sociale, per rimuovere gli
          squilibri economici e sociali, per favorire l'effettivo esercizio dei diritti della persona, o per
          provvedere a scopi diversi dal normale esercizio delle loro funzioni, lo Stato destina risorse
          aggiuntive ed effettua interventi speciali in favore di determinati Comuni, Province, Città
          metropolitane e Regioni.

          I Comuni, le Province, le Città metropolitane e le Regioni hanno un proprio patrimonio,
          attribuito secondo i princìpi generali determinati dalla legge dello Stato. Possono ricorrere
          all'indebitamento solo per finanziare spese di investimento, con la contestuale definizione di
          piani di ammortamento e a condizione che per il complesso degli enti di ciascuna Regione sia
          rispettato l'equilibrio di bilancio. È esclusa ogni garanzia dello Stato sui prestiti dagli stessi
          contratti (2)(3).

          -----------------------

          (1)
             Comma così modificato dalla lettera a) del comma 1 dell’art. 4, L.Cost. 20 aprile 2012, n. 1.
          Le disposizioni di cui alla citata L.Cost. n. 1/2012 si applicano, ai sensi di quanto disposto dal
          comma 1 dell’art. 6 della stessa, a decorrere dall'esercizio finanziario relativo all'anno 2014.
          Il testo applicabile fino all’esercizio finanziario relativo all’anno 2013 era il seguente: «I
          Comuni, le Province, le Città metropolitane e le Regioni hanno autonomia finanziaria di entrata
          e di spesa.».




                                                      Pagina 14 di 86
Consiglio regionale della Calabria                                             Commissione speciale di vigilanza




          (2)
              Comma così modificato dalla lettera b) del comma 1 dell’art. 4, L.Cost. 20 aprile 2012, n. 1.
          Le disposizioni di cui alla citata L.Cost. n. 1/2012 si applicano, ai sensi di quanto disposto dal
          comma 1 dell’art. 6 della stessa, a decorrere dall'esercizio finanziario relativo all'anno 2014.
          Il testo applicabile fino all’esercizio finanziario relativo all’anno 2013 era il seguente: «I
          Comuni, le Province, le Città metropolitane e le Regioni hanno un proprio patrimonio, attribuito
          secondo i princìpi generali determinati dalla legge dello Stato. Possono ricorrere
          all'indebitamento solo per finanziare spese di investimento. E' esclusa ogni garanzia dello Stato
          sui prestiti dagli stessi contratti.».

          (3)
             Articolo così sostituito dall'art. 5, L.cost. 18 ottobre 2001, n. 3. In attuazione del presente
          articolo vedi la L. 5 maggio 2009, n. 42, in materia di federalismo fiscale.
          Il testo precedentemente in vigore era il seguente: «119. Le Regioni hanno autonomia
          finanziaria nelle forme e nei limiti stabiliti da leggi della Repubblica, che la coordinano con la
          finanza dello Stato, delle Province e dei Comuni. Alle Regioni sono attribuiti tributi propri e
          quote di tributi erariali in relazione ai bisogni delle Regioni per le spese necessarie ad
          adempiere le loro funzioni normali. Per provvedere a scopi determinati, e particolarmente per
          valorizzare il Mezzogiorno e le Isole, lo Stato assegna per legge a singole Regioni contributi
          speciali. La Regione ha un proprio demanio e patrimonio, secondo le modalità stabilite con
          legge della Repubblica».




                                                         […]




                                                     Pagina 15 di 86
Consiglio regionale della Calabria                                                             Commissione speciale di vigilanza




              D.L. 13-8-2011 n. 138
              Ulteriori misure urgenti per la stabilizzazione finanziaria e per lo sviluppo.
              Pubblicato nella Gazz. Uff. 13 agosto 2011, n. 188.



                                                                        [...]

            Art. 14 Riduzione del numero dei consiglieri e assessori regionali e relative
            indennità. Misure premiali (150)

            In vigore dal 1 gennaio 2012

            1. Per il conseguimento degli obiettivi stabiliti nell'ambito del coordinamento
            della finanza pubblica, le Regioni adeguano, nell'ambito della propria
            autonomia statutaria e legislativa, i rispettivi ordinamenti ai seguenti
            ulteriori parametri: (146)

                                                                        [...]


               e) istituzione, a decorrere dal 1° gennaio 2012, di un Collegio dei
            revisori dei conti, quale organo di vigilanza sulla regolarità contabile,
           finanziaria ed economica della gestione dell'ente; il Collegio, ai fini del
           coordinamento della finanza pubblica, opera in raccordo con le sezioni
           regionali di controllo della Corte dei conti; i componenti di tale Collegio sono
           scelti mediante estrazione da un elenco, i cui iscritti devono possedere i
           requisiti previsti dai principi contabili internazionali, avere la qualifica di
           revisori legali di cui al decreto legislativo 27 gennaio 2010, n. 39, ed essere
           in possesso di specifica qualificazione professionale in materia di contabilità
           pubblica e gestione economica e finanziaria anche degli enti territoriali,
           secondo i criteri individuati dalla Corte dei conti; (145) (149)




           (145) Lettera così modificata dalla legge di conversione 14 settembre 2011,
           n. 148.

           (146) Alinea così modificato dall'art. 30, comma 5, L. 12 novembre 2011, n.
           183, a decorrere dal 1° gennaio 2012.

           (149) In attuazione di quanto disposto dalla presente lettera vedi la
           Deliberazione 8 febbraio 2012, n. 3/SEZAUT/2012/INPR.

           (150) Vedi, anche, l’ art. 2, D.L. 10 ottobre 2012, n. 174, convertito, con
           modificazioni, dalla L. 7 dicembre 2012, n. 213.




                                                                    Pagina 16 di 86
Consiglio regionale della Calabria                                                       Commissione speciale di vigilanza




              L. 31-12-2009 n. 196
              Legge di contabilità e finanza pubblica.
              Pubblicata nella Gazz. Uff. 31 dicembre 2009, n. 303, S.O.




                                                                           Titolo I

            PRINCÌPI DI COORDINAMENTO, OBIETTIVI DI FINANZA PUBBLICA E
                       ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI

           Art. 1 Princìpi di coordinamento e ambito di riferimento

           In vigore dal 29 aprile 2012

           1. Le amministrazioni pubbliche concorrono al perseguimento degli obiettivi
           di finanza pubblica definiti in ambito nazionale in coerenza con le procedure
           e i criteri stabiliti dall'Unione europea e ne condividono le conseguenti
           responsabilità. Il concorso al perseguimento di tali obiettivi si realizza
           secondo i principi fondamentali dell'armonizzazione dei bilanci pubblici e del
                                                   (2)
           coordinamento della finanza pubblica.




           (2) Comma così sostituito dall'art. 1, comma 1, L. 7 aprile 2011, n. 39, a
           decorrere dal 13 aprile 2011, ai sensi di quanto disposto dall'art. 8, comma
           1, della medesima L. 39/2011.


                                                                       Pagina 17 di 86
Consiglio regionale della Calabria                                                            Commissione speciale di vigilanza




              L. 23-12-2005 n. 266
              Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2006).
              Pubblicata nella Gazz. Uff. 29 dicembre 2005, n. 302, S.O.




           1. 166. Ai fini della tutela dell'unità economica della Repubblica e del
           coordinamento della finanza pubblica, gli organi degli enti locali di revisione
           economico-finanziaria trasmettono alle competenti sezioni regionali di
           controllo della Corte dei conti una relazione sul bilancio di previsione
           dell'esercizio di competenza e sul rendiconto dell'esercizio medesimo (74) (75).




           (74) Con Del.C.C. 27 aprile 2006, n. 6/AUT/2006 (Gazz. Uff. 30 maggio
           2006, n. 124, S.O.), con Del.C.C. 7 luglio 2006, n. 11/AUT/2006 (Gazz. Uff.
           19 luglio 2006, n. 166, S.O.), con Del.C.C. 19 marzo 2007, n. 2/AUT/2007
           (Gazz. Uff. 7 aprile 2007, n. 82, S.O.), con Del.C.C. 4 giugno 2007, n.
           5/AUT/2007 (Gazz. Uff. 22 giugno 2007, n. 143, S.O.), rettificata con
           Comunicato 3 luglio 2007 (Gazz. Uff. 3 luglio 2007, n. 152), con Del. 14
           marzo 2008, n. 3/AUT/2008 (Gazz. Uff. 18 aprile 2008, n. 92, S.O.), con
           Del. 4 luglio 2008, n. 9/AUT/2008 (Gazz. Uff. 2 agosto 2008, n. 180, S.O.),
           con Del. 7 maggio 2009, n. 6/AUT/2009/INPR (Gazz. Uff. 27 maggio 2009,
           n. 121), con Del. 20 luglio 2009, n. 12/SEZAUT/2009/INPR (Gazz. Uff. 24
           agosto 2009, n. 195, S.O.), con Del. 16 aprile 2010, n. 9/AUT/2010/INPR
           (Gazz. Uff. 24 aprile 2010, n. 95, S.O.), con Del. 22 giugno 2010, n.
           15/AUT/2010/INPR (Gazz. Uff. 27 luglio 2010, n. 173, S.O.), con Del. 29
           aprile 2011, n. 2/AUT/2011/INPR (Gazz. Uff. 28 giugno 2011, n. 148, S.O.),
           con Del. 12 giugno 2012, n. 10/AUT/2012/INPR (Gazz. Uff. 24 luglio 2012,
           n. 171, S.O.) e con Del. 12 luglio 2013, n. 18/SEZAUT/2013/INPR (Gazz.
           Uff. 9 agosto 2013, n. 186, S.O.) sono state emanate le linee guida per gli
           organi di revisione economico-finanziaria degli enti locali, con i relativi
           questionari, in attuazione di quanto disposto dal presente comma. Vedi,
           anche, la Del. 14 ottobre 2013, n. 23/SEZAUT/2013/INPR e la Del. 4 marzo
           2014, n. 5/SEZAUT/2014/INPR.

           (75) La Corte costituzionale, con sentenza 23 maggio-7 giugno 2007, n. 179
           (Gazz. Uff. 13 giugno 2007, n. 23, 1ª Serie speciale), ha dichiarato non
           fondate le questioni di legittimità costituzionale dell'art. 1, commi da 166 a
           169, sollevate in riferimento all'art. 60 della legge costituzionale 31 gennaio
           1963, n. 1 dalla Regione Friuli-Venezia Giulia.




           1. 167. La Corte dei conti definisce unitariamente criteri e linee guida cui
           debbono attenersi gli organi degli enti locali di revisione economico-
           finanziaria nella predisposizione della relazione di cui al comma 166, che, in


                                                                       Pagina 18 di 86
Consiglio regionale della Calabria                                    Commissione speciale di vigilanza



           ogni caso, deve dare conto del rispetto degli obiettivi annuali posti dal patto
           di stabilità interno, dell'osservanza del vincolo previsto in materia di
           indebitamento dall'articolo 119, ultimo comma, della Costituzione, e di ogni
           grave irregolarità contabile e finanziaria in ordine alle quali l'amministrazione
           non abbia adottato le misure correttive segnalate dall'organo di revisione (76)
           (77)
                .




           (76) Con Del.C.C. 27 aprile 2006, n. 6/AUT/2006 (Gazz. Uff. 30 maggio
           2006, n. 124, S.O.), con Del.C.C. 7 luglio 2006, n. 11/AUT/2006 (Gazz. Uff.
           19 luglio 2006, n. 166, S.O.), con Del.C.C. 4 giugno 2007, n. 5/AUT/2007
           (Gazz. Uff. 22 giugno 2007, n. 143, S.O.), rettificata con Comunicato 3 luglio
           2007 (Gazz. Uff. 3 luglio 2007, n. 152), con Del. 14 marzo 2008, n.
           3/AUT/2008 (Gazz. Uff. 18 aprile 2008, n. 92, S.O.), con Del. 4 luglio 2008,
           n. 9/AUT/2008 (Gazz. Uff. 2 agosto 2008, n. 180, S.O.), con Del. 7 maggio
           2009, n. 6/AUT/INPR (Gazz. Uff. 27 maggio 2009, n. 121), con Del. 20 luglio
           2009, n. 12/SEZAUT/2009/INPR (Gazz. Uff. 24 agosto 2009, n. 195, S.O.),
           con Del. 16 aprile 2010, n. 9/AUT/2010/INPR (Gazz. Uff. 24 aprile 2010, n.
           95, S.O.), con Del. 22 giugno 2010, n. 15/AUT/2010/INPR (Gazz.Uff. 27
           luglio 2010, n. 173, S.O.), con Del. 29 aprile 2011, n. 2/AUT/2011/INPR
           (Gazz. Uff. 28 giugno 2011, n. 148, S.O.), con Del. 12 giugno 2012, n.
           10/AUT/2012/INPR (Gazz. Uff. 24 luglio 2012, n. 171, S.O.) e con Del. 12
           luglio 2013, n. 18/SEZAUT/2013/INPR (Gazz. Uff. 9 agosto 2013, n. 186,
           S.O.) sono state emanate le linee guida per gli organi di revisione
           economico-finanziaria degli enti locali, con i relativi questionari, in attuazione
           di quanto disposto dal presente comma.

           (77) La Corte costituzionale, con sentenza 23 maggio-7 giugno 2007, n. 179
           (Gazz. Uff. 13 giugno 2007, n. 23, 1ª Serie speciale), ha dichiarato non
           fondate le questioni di legittimità costituzionale dell'art. 1, commi da 166 a
           169, sollevate in riferimento all'art. 60 della legge costituzionale 31 gennaio
           1963, n. 1 dalla Regione Friuli-Venezia Giulia.




           1. 168. [Le sezioni regionali di controllo della Corte dei conti, qualora
           accertino, anche sulla base delle relazioni di cui al comma 166,
           comportamenti difformi dalla sana gestione finanziaria o il mancato rispetto
           degli obiettivi posti con il patto, adottano specifica pronuncia e vigilano
           sull'adozione da parte dell'ente locale delle necessarie misure correttive e sul
           rispetto dei vincoli e limitazioni posti in caso di mancato rispetto delle regole
                                          (78) (79)
           del patto di stabilità interno     ]     .




                                               Pagina 19 di 86
Consiglio regionale della Calabria                                  Commissione speciale di vigilanza



           (78) La Corte costituzionale, con sentenza 23 maggio-7 giugno 2007, n. 179
           (Gazz. Uff. 13 giugno 2007, n. 23, 1ª Serie speciale), ha dichiarato non
           fondate le questioni di legittimità costituzionale dell'art. 1, commi da 166 a
           169, sollevate in riferimento all'art. 60 della legge costituzionale 31 gennaio
           1963, n. 1 dalla Regione Friuli-Venezia Giulia.

           (79) Comma abrogato dal comma 1-bis dell’art. 3, D.L. 10 ottobre 2012, n.
           174, nel testo integrato dalla legge di conversione 7 dicembre 2012, n. 213.




           1. 169. Per l'esercizio dei compiti di cui ai commi 166, 167 e 168, la Corte
           dei conti può avvalersi della collaborazione di esperti anche estranei alla
           pubblica amministrazione, sino ad un massimo di dieci unità,
           particolarmente qualificati nelle materie economiche, finanziarie e
           statistiche, nonché, per le esigenze delle sezioni regionali di controllo e sino
           al completamento delle procedure concorsuali di cui al comma 175, di
           personale degli enti locali, fino ad un massimo di cinquanta unità, in
           possesso di laurea in scienze economiche ovvero di diploma di ragioniere e
           perito commerciale, collocato in posizione di fuori ruolo o di comando (80).




           (80) La Corte costituzionale, con sentenza 23 maggio-7 giugno 2007, n. 179
           (Gazz. Uff. 13 giugno 2007, n. 23, 1ª Serie speciale), ha dichiarato non
           fondate le questioni di legittimità costituzionale dell'art. 1, commi da 166 a
           169, sollevate in riferimento all'art. 60 della legge costituzionale 31 gennaio
           1963, n. 1 dalla Regione Friuli-Venezia Giulia.




           1. 170. Le disposizioni dei commi 166 e 167 si applicano anche agli enti del
           Servizio sanitario nazionale. Nel caso di enti di cui al presente comma che
           non abbiano rispettato gli obblighi previsti ai sensi del comma 166, la Corte
           trasmette la propria segnalazione alla regione interessata per i conseguenti
           provvedimenti (81).




           (81) Con Del.C.C. 27 aprile 2006, n. 7/AUT/2006 (Gazz. Uff. 30 maggio
           2006, n. 124, S.O.), con Del.C.C. 18 aprile 2007, n. 4/AUT/2007 (Gazz. Uff.
           14 maggio 2007, n. 110), con Del. 14 marzo 2008, n. 4/AUT/2008 (Gazz.
           Uff. 18 aprile 2008, n. 92, S.O.), con Del. 20 luglio 2009, n.



                                              Pagina 20 di 86
Consiglio regionale della Calabria                                    Commissione speciale di vigilanza



           13/SEZAUT/2009/INPR (Gazz. Uff. 24 agosto 2009, n. 195, S.O.), con Del.
           22 luglio 2010, n. 18/SEZAUT/2010/INPR (Gazz. Uff. 13 ottobre 2010, n.
           240), con Del. 18 luglio 2011, n. 10/AUT/2011/INPR (Gazz. Uff. 18 ottobre
           2011, n. 243), con Del. 12 giugno 2012, n. 9/AUT/2012/INPR (Gazz. Uff. 24
           luglio 2012, n. 171, S.O.) e con Del. 12 luglio 2013, n.
           19/SEZAUT/2013/INPR (Gazz. Uff. 9 agosto 2013, n. 186, S.O.) sono state
           emanate le linee guida per i collegi sindacali degli enti del Servizio Sanitario
           Nazionale, in attuazione di quanto disposto dal presente comma.




           1. 171. All'articolo 2 della legge 5 agosto 1978, n. 468, dopo il comma 3 è
           inserito il seguente:

               «3-bis. Nella formulazione delle previsioni di spesa si tiene conto degli
           esiti del controllo eseguito dalla Corte dei conti ai sensi dell'articolo 3, commi
           4 e seguenti, della legge 14 gennaio 1994, n. 20. Nelle note preliminari della
           spesa sono indicate le misure adottate a seguito delle valutazioni della Corte
           dei conti».




           1. 172. All'articolo 3, comma 6, della legge 14 gennaio 1994, n. 20, dopo le
           parole: «agli organi elettivi» sono inserite le seguenti: «, entro sei mesi dalla
           data di ricevimento della relazione,».




                                               Pagina 21 di 86
Consiglio regionale della Calabria                                                          Commissione speciale di vigilanza




              L. 5-6-2003 n. 131
              Disposizioni per l'adeguamento dell'ordinamento della Repubblica alla L.Cost. 18 ottobre 2001, n. 3.
              Pubblicata nella Gazz. Uff. 10 giugno 2003, n. 132.




           7. Attuazione dell'articolo 118 della Costituzione in materia di esercizio delle
           funzioni amministrative.


                                                                       [...]


           7. La Corte dei conti, ai fini del coordinamento della finanza pubblica, verifica
           il rispetto degli equilibri di bilancio da parte di Comuni, Province, Città
           metropolitane e Regioni, in relazione al patto di stabilità interno ed ai vincoli
           derivanti dall'appartenenza dell'Italia all'Unione europea. Le sezioni regionali
           di controllo della Corte dei conti verificano, nel rispetto della natura
           collaborativa del controllo sulla gestione, il perseguimento degli obiettivi
           posti dalle leggi statali o regionali di principio e di programma, secondo la
           rispettiva competenza, nonché la sana gestione finanziaria degli enti locali
           ed il funzionamento dei controlli interni e riferiscono sugli esiti delle verifiche
           esclusivamente ai consigli degli enti controllati, salvo quanto disposto dal
           terzo periodo del presente comma. Nelle relazioni al Parlamento di cui
           all’articolo 3, comma 6, della legge 14 gennaio 1994, n. 20, e successive
           modificazioni, e all’articolo 13 del decreto-legge 22 dicembre 1981, n. 786,
           convertito, con modificazioni, dalla legge 26 febbraio 1982, n. 51, e
           successive modificazioni, la Corte dei conti riferisce anche sulla base dei dati
           e delle informazioni raccolti dalle sezioni regionali di controllo. Resta ferma la
           potestà delle Regioni a statuto speciale, nell'esercizio della loro competenza,
           di adottare particolari discipline nel rispetto delle suddette finalità. Per la
           determinazione dei parametri di gestione relativa al controllo interno, la
           Corte dei conti si avvale anche degli studi condotti in materia dal Ministero
                        (15)
           dell'interno      .




           (15) Comma così modificato dal comma 60 dell'art. 3, L. 24 dicembre 2007,
           n. 244. Vedi, anche, il comma 3 dell'art. 11, L. 4 marzo 2009, n. 15 e il
           comma 1 dell'art. 1, D.L. 10 ottobre 2012, n. 174, come sostituito dalla
           legge di conversione 7 dicembre 2012, n. 213.




                                                                    Pagina 22 di 86
Consiglio regionale della Calabria                                                              Commissione speciale di vigilanza




              L. 14-1-1994 n. 20
              Disposizioni in materia di giurisdizione e controllo della Corte dei conti.
              Pubblicata nella Gazz. Uff. 14 gennaio 1994, n. 10.




           3. Norme in materia di controllo della Corte dei conti.

           1. Il controllo preventivo di legittimità della Corte dei conti si esercita
           esclusivamente sui seguenti atti non aventi forza di legge:

              a) provvedimenti emanati a seguito di deliberazione del Consiglio dei
           Ministri;

               b) atti del Presidente del Consiglio dei Ministri e atti dei Ministri aventi ad
           oggetto la definizione delle piante organiche, il conferimento di incarichi di
           funzioni dirigenziali e le direttive generali per l'indirizzo e per lo svolgimento
           dell'azione amministrativa;

              c) atti normativi a rilevanza esterna, atti di programmazione comportanti
           spese ed atti generali attuativi di norme comunitarie;

               c-bis) [i provvedimenti commissariali adottati in attuazione delle
           ordinanze del Presidente del Consiglio dei Ministri emanate ai sensi dell’
           articolo 5, comma 2, della legge 24 febbraio 1992, n. 225] (17);

              d) provvedimenti dei comitati interministeriali di riparto o assegnazione di
           fondi ed altre deliberazioni emanate nelle materie di cui alle lettere b) e c);

              e) [autorizzazioni alla sottoscrizione dei contratti collettivi, secondo
           quanto previsto dall'articolo 51 del decreto legislativo 3 febbraio 1993, n.
           29 ]      ;
                (18)




             f) provvedimenti                        di     disposizione       del    demanio      e    del    patrimonio
           immobiliare;

              f-bis) atti e contratti di cui all'articolo 7, comma 6, del decreto legislativo
           30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni (19);

              f-ter) atti e contratti concernenti studi e consulenze di cui all'articolo 1,
                                                                  ;
                                                             (20)
           comma 9, della legge 23 dicembre 2005, n. 266

               g) decreti che approvano contratti delle amministrazioni dello Stato,
           escluse le aziende autonome: attivi, di qualunque importo, ad eccezione di
           quelli per i quali ricorra l'ipotesi prevista dall'ultimo comma dell'articolo 19
           del regio decreto 18 novembre 1923, n. 2440; di appalto d'opera, se di
           importo superiore al valore in ECU stabilito dalla normativa comunitaria per
           l'applicazione delle procedure di aggiudicazione dei contratti stessi; altri
           contratti passivi, se di importo superiore ad un decimo del valore suindicato


                                                                    Pagina 23 di 86
Consiglio regionale della Calabria                                         Commissione speciale di vigilanza



                        ;
                 (21)




              h) decreti di variazione del bilancio dello Stato, di accertamento dei
           residui e di assenso preventivo del Ministero del tesoro all'impegno di spese
           correnti a carico di esercizi successivi;

                 i) atti per il cui corso sia stato impartito l'ordine scritto del Ministro;

              l) atti che il Presidente del Consiglio dei Ministri richieda di sottoporre
           temporaneamente a controllo preventivo o che la Corte dei conti deliberi di
           assoggettare, per un periodo determinato, a controllo preventivo in relazione
           a situazioni di diffusa e ripetuta irregolarità rilevate in sede di controllo
           successivo (22).

           1-bis. Per i controlli previsti dalle lettere f-bis) e f-ter) del comma 1 è
           competente in ogni caso la sezione centrale del controllo di legittimità (23).

           2. I provvedimenti sottoposti al controllo preventivo acquistano efficacia se il
           competente ufficio di controllo non ne rimetta l'esame alla sezione del
           controllo nel termine di trenta giorni dal ricevimento. Il termine è interrotto
           se l'ufficio richiede chiarimenti o elementi integrativi di giudizio. Decorsi
           trenta giorni dal ricevimento delle controdeduzioni dell'amministrazione, il
           provvedimento acquista efficacia se l'ufficio non ne rimetta l'esame alla
           sezione del controllo. La sezione del controllo si pronuncia sulla conformità a
           legge entro trenta giorni dalla data di deferimento dei provvedimenti o dalla
           data di arrivo degli elementi richiesti con ordinanza istruttoria. Decorso
           questo termine i provvedimenti divengono esecutivi. [Si applicano le
           disposizioni di cui all'articolo 1 della legge 7 ottobre 1969, n. 742] (24) (25).

           3. Le sezioni riunite della Corte dei conti possono, con deliberazione
           motivata, stabilire che singoli atti di notevole rilievo finanziario, individuati
           per categorie ed amministrazioni statali, siano sottoposti all'esame della
           Corte per un periodo determinato. La Corte può chiedere il riesame degli atti
           entro quindici giorni dalla loro ricezione, ferma rimanendone l'esecutività. Le
           amministrazioni trasmettono gli atti adottati a seguito del riesame alla Corte
           dei conti, che ove rilevi illegittimità, ne dà avviso al Ministro (26).

           4. La Corte dei conti svolge, anche in corso di esercizio, il controllo
           successivo sulla gestione del bilancio e del patrimonio delle amministrazioni
           pubbliche, nonché sulle gestioni fuori bilancio e sui fondi di provenienza
           comunitaria, verificando la legittimità e la regolarità delle gestioni, nonché il
           funzionamento dei controlli interni a ciascuna amministrazione. Accerta,
           anche in base all'esito di altri controlli, la rispondenza dei risultati dell'attività
           amministrativa     agli     obiettivi     stabiliti   dalla   legge,      valutando
           comparativamente costi, modi e tempi dello svolgimento dell'azione
           amministrativa. La Corte definisce annualmente i programmi e i criteri di
           riferimento del controllo sulla base delle priorità previamente deliberate dalle
           competenti Commissioni parlamentari a norma dei rispettivi regolamenti,
           anche tenendo conto, ai fini di referto per il coordinamento del sistema di
           finanza pubblica, delle relazioni redatte dagli organi, collegiali o monocratici,



                                                   Pagina 24 di 86
Consiglio regionale della Calabria                                     Commissione speciale di vigilanza



           che esercitano funzioni di controllo o vigilanza su amministrazioni, enti
           pubblici, autorità amministrative indipendenti o società a prevalente capitale
           pubblico (27) (28).

           5. Nei confronti delle amministrazioni regionali, il controllo della gestione
           concerne il perseguimento degli obiettivi stabiliti dalle leggi di princìpio e di
           programma (29) (30).

           6. La Corte dei conti riferisce, almeno annualmente, al Parlamento ed ai
           consigli regionali sull'esito del controllo eseguito. Le relazioni della Corte
           sono altresì inviate alle amministrazioni interessate, alle quali la Corte
           formula, in qualsiasi altro momento, le proprie osservazioni. Le
           amministrazioni comunicano alla Corte ed agli organi elettivi, entro sei mesi
           dalla data di ricevimento della relazione, le misure conseguenzialmente
           adottate (31) (32).

           7. Restano ferme, relativamente agli enti locali, le disposizioni di cui al
           decreto-legge 22 dicembre 1981, n. 786, convertito, con modificazioni, dalla
           legge 26 febbraio 1982, n. 51, e successive modificazioni ed integrazioni,
           nonché, relativamente agli enti cui lo Stato contribuisce in via ordinaria, le
           disposizioni della legge 21 marzo 1958, n. 259 . Le relazioni della Corte
           contengono anche valutazioni sul funzionamento dei controlli interni (33).

           8. Nell'esercizio delle attribuzioni di cui al presente articolo, la Corte dei conti
           può richiedere alle amministrazioni pubbliche ed agli organi di controllo
           interno qualsiasi atto o notizia e può effettuare e disporre ispezioni e
           accertamenti diretti. Si applica il comma 4 dell'articolo 2 del decreto-legge
           15 novembre 1993, n. 453 . Può richiedere alle amministrazioni pubbliche
           non territoriali il riesame di atti ritenuti non conformi a legge. Le
           amministrazioni trasmettono gli atti adottati a seguito del riesame alla Corte
           dei conti, che, ove rilevi illegittimità, ne dà avviso all'organo generale di
           direzione. È fatta salva, in quanto compatibile con le disposizioni della
           presente legge, la disciplina in materia di controlli successivi previsti dal
           decreto legislativo 3 febbraio 1993, n. 29 , e successive modificazioni, e dal
           decreto legislativo 12 febbraio 1993, n. 39 , nonché dall'articolo 166 della
                                           (34) (35)
           legge 11 luglio 1980, n. 312              .

           9. Per l'esercizio delle attribuzioni di controllo, si applicano, in quanto
           compatibili con le disposizioni della presente legge, le norme procedurali di
           cui al testo unico delle leggi sulla Corte dei conti, approvato con regio
           decreto 12 luglio 1934, n. 1214 , e successive modificazioni (36).

           10. La sezione del controllo è composta dal presidente della Corte dei conti
           che la presiede, dai presidenti di sezione preposti al coordinamento e da tutti
           i magistrati assegnati a funzioni di controllo. La sezione è ripartita
           annualmente in quattro collegi dei quali fanno parte, in ogni caso, il
           presidente della Corte dei conti e i presidenti di sezione preposti al
           coordinamento. I collegi hanno distinta competenza per tipologia di controllo
           o per materia e deliberano con un numero minimo di undici votanti.
           L'adunanza plenaria è presieduta dal presidente della Corte dei conti ed è



                                                Pagina 25 di 86
Puoi anche leggere
Parte successiva ... Annulla