COPIA Deliberazione del Consiglio Comunale Deliberazione del Consiglio Comunale

COMUNE DI MARTIRANO LOMBARDO
                                            (Provincia di Catanzaro)



Delibera n° 05

Del 24/04/2014
COPIA Deliberazione del Consiglio Comunale
Adunanza ………ordinaria di prima convocazione – Seduta pubblica –

   OGGETTO:
   Gestione associata della funzione di “Progettazione e gestione del sistema locale dei servizi sociali ed erogazione
   delle relative prestazioni ai cittadini, secondo quanto previsto
                                                                 previsto dall'articolo 118, quarto comma, della
   Costituzione”, presa atto ingresso del Comune di San Mango D’Aquino. Modifica deliberazione C.C. n°29 del
   20/12/2012. Approvazione schema di convenzione, ex art.30 comma 1, D.Lgs n. 267/2000, tra i Comuni di
   Martirano Lombardo, Conflenti, Martirano, Motta S. Lucia e San Mango D’Aquino


L’anno 2014 il giorno VENTIQUATTRO del mese di APRILE alle ore 11,30 a seguire,
nella sala delle adunanze consiliari.
Convocata con appositi avvisi, spediti a domicilio ai Consiglieri Comunali, gli stessi così
risultano all’appello nominale:

               N°                CONSIGLIERI                              PRESENTI           ASSENTI
              1.        GALLO Eugenio                                        X
              2.        LANZO Antonio                                        X
              3.        ISABELLA Pasquale                                    X
              4.        GALLO Bernardo                                                            X
              5.        SCUGLIA Silvio                                          X
              6.        CUDA Rossella                                           X
              7.        FOLINO GALLO Michele                                                      X
              8.        CICCO Giuseppe                                                            X
              9.        MASTROIANNI Tonino                                      X
             10.        MASTROIANNI Adamo Domenico                              X
             11.        FOLINO GALLO Giovanni                                   X
             12.        MUTO Pietro Roberto                                                       X
             13.        APA PIETRO ANTONIO                                      X

Assegnati N. 13                                 Presenti      N.    09
In carica N. 13                                 Assenti       N     04




  Partecipa il Segretario Comunale verbalizzante Dott.ssa Rosetta Cefalà -
La seduta è pubblica –
Riconosciuto legale il numero degli intervenuti, il Sindaco Ing. Eugenio Gallo assume la
presidenza e dichiara aperta la seduta per la trattazione dell’oggetto
                                                          dell’oggetto posto all’ordine del giorno
sopra indicato
OGGETTO: Gestione associata della funzione di “Progettazione e gestione del sistema locale dei servizi
sociali ed erogazione delle relative prestazioni ai cittadini, secondo quanto previsto dall'articolo 118,
quarto comma, della Costituzione”,
    - presa atto ingresso del Comune di San Mango D’Aquino. Modifica deliberazione C.C. n°29 del
       20/12/2012. Approvazione schema di convenzione, ex art.30 comma 1, D.Lgs n. 267/2000, tra i
       Comuni di Martirano Lombardo, Conflenti, Martirano, Motta S. Lucia e San Mango D’Aquino.


                                      IL CONSIGLIO COMUNALE

PREMESSO CHE:

il D.L. 31.05.2010 n. 78, convertito in Legge 30.07.2010 n. 122, successivamente modificato
dall'art. 16, commi 22 e 24, del D.L. 13.08.2011, n. 138, come convertito in Legge n. 148/2011, ha
stabilito, per i Comuni con popolazione superiore a 1.000 abitanti e fino a 5.000 abitanti, l'obbligo di
esercitare le funzioni fondamentali di cui all'articolo 21, comma 3, della Legge n. 42/2009, in forma
associata, mediante Unione o Convenzione di cui all'art. 30 del D. Lgs.vo n. 267/2000;

- Il decreto legge n. 95/2012, convertito in legge n. 135/2012, ha stabilito che i Comuni con
popolazione non superiore a 5.000 abitanti devono obbligatoriamente esercitare in forma associata,
nella forma dell'Unione di Comuni o in quella della Convenzione, le funzioni fondamentali:
- L’art. 19 del suddetto decreto ha riformulato le funzioni fondamentali dei Comuni, ai sensi dell’art. 117,
secondo comma , lett. p) della Costituzione, nel modo seguente:

 a) organizzazione generale dell'amministrazione, gestione finanziaria e contabile e controllo;
 b) organizzazione dei servizi pubblici di interesse generale di ambito comunale, ivi compresi i
servizi di trasporto pubblico comunale;
 c) catasto, ad eccezione delle funzioni mantenute allo Stato dalla normativa vigente;
 d) la pianificazione urbanistica ed edilizia di ambito comunale nonché la partecipazione alla
pianificazione territoriale di livello sovracomunale;
 e) attività, in ambito comunale, di pianificazione di protezione civile e di coordinamento dei primi
soccorsi;
 f) l'organizzazione e la gestione dei servizi di raccolta, avvio e smaltimento e recupero dei rifiuti
urbani e la riscossione dei relativi tributi;
g) progettazione e gestione del sistema locale dei servizi sociali ed erogazione delle relative prestazioni ai
cittadini, secondo quanto previsto dall'articolo 118, quarto comma, della Costituzione;
 h) edilizia scolastica (per la parte non attribuita alla competenza delle province), organizzazione e
gestione dei servizi scolastici;
 i) polizia municipale e polizia amministrativa locale;
 l) tenuta dei registri di stato civile e di popolazione e compiti in materia di servizi anagrafici nonché in
materia di servizi elettorali e statistici, nell'esercizio delle funzioni di competenza statale;

CHE:
-ai sensi dell’art.14 D.L. 78/2010 come modificato dall’ art.19 del D.L. n. 95/2012, convertito con
modificazioni nella L. 135/2012 al comma 1 lettera e) 31 ter è previsto che: “ I Comuni interessati
assicurano l’attuazione delle disposizioni di cui al presente articolo:
a) entro il 1° gennaio 2013 con riguardo ad almeno 3 delle funzioni fondamentali di cui al comma 28;
b) entro il 1° gennaio 2014 con riguardo alle entranti funzioni fondamentali di cui al comma 28;



-In ottemperanza alla normativa ed alle scadenze sopra citate questa Amministrazione ha provveduto alla
gestione in forma associata di n. 03 funzioni fondamentali approvando e sottoscrivendo le relative
convenzioni , con i Comuni limitrofi, tra cui la deliberazione C.C. n. 29 del 20/12/2012 ad oggetto “D.Lgs
n. 95/2012, convertito in legge n. 135/2012, - Art. 19 lettera “ g” - Gestione in forma associata della
funzione: “Progettazione e gestione del sistema locale dei servizi sociali ed erogazione delle relative
prestazioni ai cittadini, secondo quanto previsto dall'articolo 118, quarto comma, della Costituzione”, tra i
Comuni di Martirano Lombardo – Ente Capofila, Conflenti, Martirano e Motta S. Lucia.
La relativa convenzione ex art. 30 del D. Lgs. 267/000 è stata sottoscritta tra i Comuni su indicati in data
30/12/2013.

La Legge 27 dicembre 2013, n. 147 (Legge di Stabilità 2014), con l’art. 1 comma 530 ha introdotto
importanti novità sulla gestione associata delle funzioni fondamentali dei piccoli Comuni. In particolare
vengono nuovamente prorogati i termini per le aggregazioni individuando:
   • nel 30.06.2014 il termine per la gestione associata di ulteriori 3 funzioni fondamentali,
   • nel 31.12.2014 il termine per la gestione associata delle restanti funzioni

CONSIDERATO CHE:
con nota del 21/03/2014 prot. 899, pervenuta al protocollo dell’Ente in data 24/03/2014 al progressivo n.
1072 il Sindaco del Comune di S. Mango D’Aquino (CZ) ha chiesto a questa Amministrazione di poter
aderire alla convenzione già in essere tra i Comuni di :Martirano, Conflenti e Motta S. Lucia concernente
la gestione in forma associata della funzione di cui alla lettera g) : “Progettazione e gestione del sistema
locale dei servizi sociali ed erogazione delle relative prestazioni ai cittadini, secondo quanto previsto
dall'articolo 118, quarto comma, della Costituzione”, di cui questo Comune è l’Ente Capofila.

DATO ATTO CHE:
l’inserimento del Comune di San Mango D’Aquino nella convenzione rientra nell’ottica di riunire i
Comuni facenti parte del Distretto sanitario n. 9 del Reventino, per come istituito dalla legge regionale n.
23/2003 in conformità ai principi contenuti nel D.Lgs 31/3/1998 n. 112 e Legge quadro in materia di
Servizi sociali n. 328/2000, curando la gestione della predetta funzione in sintonia con l’attività posta in
essere dal Distretto sanitario di appartenenza,

VISTA la comunicazione del 09/04/2014 prot. 1315, trasmessa dal Sindaco di questa Amministrazione, in
qualità di Ente Capofila, ai Sindaci dei Comuni aderenti alla convenzione oggetto della presente
deliberazione con quale viene convocata la Conferenza dei Sindaci di cui all’art. 7 della convenzione
approvata con l’atto consiliare n. 29/2012, al fine di esprimersi in merito all’adesione richiesta dal Sindaco
del Comune di S. Mango D’Aquino;

PRESO ATTO che in data 11/04/2014 si è riunita la Conferenza dei Sindaci come da verbale allegato sub
A) e si è determinata favorevolmente per l’ingresso del Comune di S. Mango D’Aquino nella gestione
associata dei servizi sociali, in considerazione del fatto che un allargamento di altri comuni non possa che
aumentare i benefici gestionali dei servizi;

VALUTATA positivamente tale aggregazione , da valere quale sottoambito unico interlocutore con il
Comune Capofila del Distretto sanitario di appartenenza, e da inquadrare in un’ottica di contenimento
della spesa dei servizi e di ampliamento delle forme associative di servizi e funzioni tra Comuni
territorialmente contigui, ubicati all’interno di un’area geografica racchiusa nello spazio di pochi
chilometri, che presentano marcate affinità nel tessuto economico – sociale e che condividono anche altre
tipologie associative che riguardano servizi istituzionali ;

RITENUTO, pertanto di estendere anche al Comune di S. Mango D’Aquino la gestione in forma associata
della funzione di cui alla lettera g) : “Progettazione e gestione del sistema locale dei servizi sociali ed
erogazione delle relative prestazioni ai cittadini, secondo quanto previsto dall'articolo 118, quarto comma,
della Costituzione” integrando la deliberazione consiliare n. 29 del 20/12/2012 e la relativa convenzione
già in essere con i Comuni di Martirano,Motta S. Lucia e Conflenti precisando che la suddetta
estensione decorrerà dalla data di sottoscrizione della convenzione e scadrà il 31/12/2017 e potrà
essere prorogata previa deliberazione dei Consigli Comunali dei Comuni aderenti, giusto quanto
stabilito all’art. 15 della convenzione già in essere;

PRECISATO INOLTRE CHE:
- è in itinere l’istituzione di un’ Unione di Comuni ex art. 32 del D. Lgs. 267/00 che riguarda tra l’altro gli
enti interessati alla gestione associata in argomento, sicché si prevede che la predetta funzione verrà
trasferita all’Unione detta non appena la stessa diventerà pienamente operativa.

DATO ATTO CHE:
i Comuni di Martirano Lombardo, Martirano, Motta Santa Lucia ,Conflenti e S. Mango D’Aquino
hanno ciascuno la popolazione come di seguito riportata:

COMUNE                                POPOLAZIONE AL 09/10/2011             Estensione territorio
Martirano Lombardo                    1.198            (al   09/10/2011)    19,84 Km2
Martirano                               953            (al   09/10/2011)    14,57 Km2
Motta S. Lucia                          878            (al   09/10/2011)    25,70 Km2
Conflenti                             1.446            (al   09/10/2011)    31,00 Km2
San Mango D’Aquino                    1.734            (al   09/10/2011)     7,00 Km2
TOTALE POPOLAZIONE                    6.209            (al   09/10/2011)

VISTO lo schema della nuova convenzione da stipularsi tra i Comuni di Martirano Lombardo – Ente
Capofila, Martirano, Motta S. Lucia, Conflenti e S. Mango D’Aquino, costituito da n. 20 articoli che
disciplina l’oggetto ,le finalità , la durata , le forme di consultazione tra gli Enti l’individuazione e gli
obblighi dell’Ente capofila e degli altri enti convenzionati , i rapporti finanziari e le modalità di recesso;

RICHIAMATI:
- l’art. 30 del D. Lgs. 267/00;
- la normativa della nazionale e regionale in materia di servizi sociali ed in particolare, la L. 8. Novembre
2000 n. 328 “Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e di servizi sociali” e la
L. R. 23 del 05/12/2003, disciplinante lo svolgimento delle funzioni e dei compiti amministrativi relativi
alla materia dei Servizi Sociali nel rispetto dei principi contenuti nel D.Lgs 31/3/98 n. 112, che ha conferito
alle Regioni e agli Enti Locali la generalità delle funzioni e compiti amministrativi in questa materia e
nella Legge Quadro n. 328/2000;
- l’art. 19 del D.L. n. 95/2012, convertito in l. n. 135/2012, per come modificato ed integrato dall’ art.1
comma 530 della l. 27/12/2013 n. 147 (Legge di Stabilità 2014);
- lo Statuto Comunale;
- il Regolamento comunale di contabilità approvato con delibera C.C. n. 6 .del 28/03/2011
- il Regolamento sui controlli interni approvato con delibera C.C. n. 01 del 10/01/2013;
-il Regolamento sull'Ordinamento Generale degli Uffici e dei Servizi del Comune di Martirano Lombardo
approvato con deliberazione G.C. n.- 98 del 30/12/2010, successivamente modificato ed integrato con
deliberazione G.C. n. 2 del 09/01/2014;

UDITA la relazione del Sindaco – Presidente che illustra al consesso la convezione sopra detta;
RAVVISATA, pertanto la necessità di approvare la proposta di deliberazione de qua con l’allegato schema
di convenzione predisposta dall’Ufficio di Segreteria;
Dopo ampia discussione con l’intervento dei Consiglieri si passa, alla votazione, quindi,

Acquisiti i pareri favorevoli in ordine alla regolarità tecnico e contabile resi ai sensi dell’art.49 del D. Lgs.
267/2000 dai Responsabili dell’Area Amministrativa e dell’Area Finanziaria;

Con n. 09 voti favorevoli ; n. :0; contrari, n.0; astenuti ,resi ai sensi di legge da n. 09 presenti e votanti ;

                                              DELIBERA

Per le motivazioni esposte in premessa che costituiscono parte integrante e sostanziale del presente
dispositivo:

ACCOGLIERE ed approvare la nota del 21/03/2014 prot. 899, pervenuta al protocollo dell’Ente in data
24/03/2014 al progressivo n. 1072 con la quale il Sindaco del Comune di S. Mango D’Aquino (CZ) ha
chiesto a questa Amministrazione di poter aderire alla convenzione ex art. 30 del D. Lgs. 267/00 stipulata
tra i Comuni di :
Martirano Lombardo – Ente Capofila, Martirano, Conflenti e Motta S. Lucia, concernente la gestione in
forma associata della funzione di cui alla lettera g) : “Progettazione e gestione del sistema locale dei servizi
sociali ed erogazione delle relative prestazioni ai cittadini, secondo quanto previsto dall'articolo 118,
quarto comma, della Costituzione”;

APPROVARE il verbale del 11/04/2014, allegato alla presente sub A), parte integrante e sostanziale, con il
quale i Sindaci dei Comuni di Martirano Lombardo, Martirano, Motta Santa Lucia e Conflenti in
sede di Conferenza di cui all’art. 7 della convenzione approvata con l’atto consiliare n. 29/2012 su citato
hanno espresso parere favorevole all’ingresso del Comune di S. Mango D’Aquino nella gestione
associata della funzione di cui alla lettera g) : “Progettazione e gestione del sistema locale dei servizi
sociali ed erogazione delle relative prestazioni ai cittadini, secondo quanto previsto dall'articolo 118,
quarto comma, della Costituzione” integrando la deliberazione consiliare n. 29 del 20/12/2012 e la relativa
convenzione già in essere con i Comuni di Martirano,Motta S. Lucia e Conflenti;

APPROVARE lo schema della convenzione ex art. 30 nel testo modificato, allegato sub B) al presente atto
di cui costituisce parte integrante e sostanziale e composta da n. 20 Articoli, disciplinante la gestione
unitaria della funzione predetta da stipularsi tra i Comuni di Martirano Lombardo, Martirano, Motta
Santa Lucia ,Conflenti E S. Mango D’Aquino, previa approvazione dei rispettivi Consigli Comunali;

Dare atto che:
   - I Comuni di Martirano Lombardo, Martirano,Conflenti Motta S. Lucia e S. Mango D’Aquino
      facenti parte del Distretto sanitario n. 9 del Reventino, per come istituito dalla legge regionale n.
      23/2003 in conformità ai principi contenuti nel D.Lgs 31/3/1998 n. 112 e Legge quadro in materia
      di Servizi sociali n. 328/2000, avranno cura di gestire la predetta funzione afferente i servizi sociali
      in sintonia con l’attività posta in essere dal Distretto sanitario di appartenenza, quale unico
      interlocutore nei confronti del Comune di Soveria Mannelli, capofila del Distretto medesimo;
   - Il Comune di Martirano Lombardo è Ente Capofila per la gestione associata dei servizi di che
      trattasi;
   - Il Comune Capofila , d’intesa con i referenti dei comuni associati, dovrà provvedere agli
      adempimenti amministrativi necessari previsti dalla normativa vigente secondo le modalità meglio
      specificate nella Convenzione;
   - La Convenzione di che trattasi avrà la durata per come in essa specificato, salvo che venga
      automaticamente a decadere nell’ipotesi in cui la funzione predetta venga trasferita all’istituenda
      Unione di Comuni tra gli Enti interessati per come in premessa evidenziato;
   - Autorizzare il Sindaco pro-tempore alla sottoscrizione della nuova convenzione di che trattasi con i
      Sindaci dei Comuni interessati.

   •   Trasmettere copia del presente atto:

   1) ai Comuni di Martirano, Motta S. Lucia ,Conflenti e S. Mango D’Aquino .
   2) al Prefetto – U.T.G. nonché alla Regione Calabria per quanto di rispettiva competenza;
   3) alla Regione Calabria Dipartimento n. 10 Politiche Sociali –via Lucrezia della Valle-88100
       Catanzaro
   4) al Comune di Soveria Mannelli –Capofila del Distretto Sanitario del Reventino n. 9.
   5) All’ASP. di Catanzaro- ambito di Lamezia Terme
   6) alla Presidenza del Consiglio Regionale
   per quanto di rispettiva competenza.

Successivamente, stante l’urgenza di provvedere in merito, la presente viene dichiarata
immediatamente esecutiva, ex art. 134, comma 4, D.Lgs 267/2000, con la seguente votazione n. 09
voti favorevoli ; n:0; contrari, n.:0 astenuti resi; ai sensi di legge da n. 09 presenti e votanti.
COMUNE DI MARTIRANO LOMBARDO (Provincia di Catanzaro)




ALLEGATO SUB “ B” DELIBERA C.C. N. 05 DEL 24/04/2014

                                            CONVENZIONE

                PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELLA FUNZIONE:

 progettazione e gestione del sistema locale dei servizi sociali ed erogazione delle relative prestazioni ai
         cittadini, secondo quanto previsto dall'articolo 118, quarto comma, della Costituzione;
                                    ( ex art. 30 D.Lgs 267/2000 e sm.i.
                                   e art. 19 lett. “g” Legge n. 135/2012)


                                           TRA I COMUNI DI

MARTIRANO LOMBARDO , rappresentato dal Dott. Ing. Eugenio Gallo-Sindaco pro-tempore-, nato a
Martirano Lombardo il 03/10/1970 , domiciliato per la carica presso la sede comunale sita in Martirano
Lombardo Piazza Papa Giovanni XXIII° , n. 1, il quale agisce in nome e per conto dell’Ente giusta
deliberazione del Consiglio Comunale n. 29 del 20/12/2012, esecutiva ai sensi di legge, C.F.:
92019890794. ;
- ENTE CAPOFILA-

CONFLENTI , rappresentato da………………………., nato a ………………. il ……………..,
domiciliato per la carica presso la sede comunale sita in ……………via ……………….., n. ……, il quale
agisce in nome e per conto dell’Ente giusta deliberazione del Consiglio Comunale n…… del………..,
esecutiva ai sensi di legge, P.I. ……………………….;

MARTIRANO , rappresentato da………………………., nato a ………………. il ……………..,
domiciliato per la carica presso la sede comunale sita in ……………via ……………….., n. ……, il quale
agisce in nome e per conto dell’Ente giusta deliberazione del Consiglio Comunale n…… del………..,
esecutiva ai sensi di legge, P.I. ……………………….;

MOTTA SANTA LUCIA               , rappresentato da………………………., nato a ………………. il
…………….., domiciliato per la carica presso la sede comunale sita in ……………via ………………..,
n. ……, il quale agisce in nome e per conto dell’Ente giusta deliberazione del Consiglio Comunale n……
del……….., esecutiva ai sensi di legge, P.I. ……………………….;

SAN MANGO D’AQUINO , rappresentato da………………………., nato a ………………. il
…………….., domiciliato per la carica presso la sede comunale sita in ……………via ………………..,
n. ……, il quale agisce in nome e per conto dell’Ente giusta deliberazione del Consiglio Comunale n……
del……….., esecutiva ai sensi di legge, P.I. ……………………….;



PREMESSO CHE:

Con Deliberazione C.C. n. 29 del 20/12/2012, esecutiva ai sensi di legge, questa Amministrazione in
ottemperanza al D.Lgs n. 95/2012, convertito in legge n. 135/2012, e s.m.i ha provveduto alla
Gestione in forma associata della funzione : “Progettazione e gestione del sistema locale dei servizi sociali
ed erogazione delle relative prestazioni ai cittadini, secondo quanto previsto dall'articolo 118, quarto
comma, della Costituzione” di cui all’ Art. 19 lettera “ g” ,approvando all’uopo lo    schema di
convenzione, ex art.30 comma 1, D.Lgs n. 267/2000, tra i Comuni di Martirano Lombardo, Martirano,
Motta S.Lucia e Conflenti individuando quale ENTE CAPOFILA: MARTIRANO LOMBARDO

CHE la suddetta convenzione è stata sottoscritta in data 31/12/2012 dal Sindaco di questo Comune
nonché dai Sindaci dei Comuni di:
MARTIRANO , rappresentato dal Sig. Bartolotta Francesco, Sindaco pro-tempore-, nato a Lamezia
Terme il 06/02/1978 , domiciliato per la carica presso la sede comunale sita in Martirano-Piazza
Vescovado, il quale agisce in nome e per conto dell’Ente giusta deliberazione del Consiglio Comunale
n.35 del 21/12/2012 , esecutiva ai sensi di legge, P.I. 00366940799;

CONFLENTI, rappresentato dal Sig. Paola Giovanni, Sindaco pro-tempore-, nato a Nicastro il
13/09/1956, domiciliato per la carica presso la sede comunale sita in Conflenti via Marconi, il quale agisce
in nome e per conto dell’Ente giusta deliberazione del Consiglio Comunale n. 46 del 27/12/2012 ,
esecutiva ai sensi di legge, P.I. 00238090799.;

MOTTA SANTA LUCIA , rappresentato dall’ Avv. Colacino Amedeo , Sindaco pro-tempore-, nato a
Catanzaro il 03/02/1969, domiciliato per la carica presso la sede comunale sita in Motta S.Lucia –Piazza
Castello, n.2, il quale agisce in nome e per conto dell’Ente giusta deliberazione del Consiglio Comunale n
43 del 28/12/2012, esecutiva ai sensi di legge, P.I. 00229800791;

CONSIDERATO CHE:
con nota del 21/03/2014 prot. 899, pervenuta al protocollo dell’Ente in data 24/03/2014 al progressivo n.
1072 il Sindaco del Comune di S.Mango D’Aquino (CZ) ha chiesto a questa Amministrazione di poter
aderire alla convenzione già in essere tra i Comuni sopra citati concernente la gestione in forma associata
della funzione di cui alla lettera g) : “Progettazione e gestione del sistema locale dei servizi sociali ed
erogazione delle relative prestazioni ai cittadini, secondo quanto previsto dall'articolo 118, quarto comma,
della Costituzione” di cui questo Comune è l’Ente Capofila giusta deliberazione C.C. n. 29/2012 sopra
citata;

DATO ATTO CHE:
l’inserimento del Comune di San Mango D’Aquino nella convenzione rientra nell’ottica di riunire i
Comuni facenti parte del Distretto sanitario n. 9 del Reventino, per come istituito dalla legge regionale n.
23/2003 in conformità ai principi contenuti nel D.Lgs 31/3/1998 n. 112 e Legge quadro in materia di
Servizi sociali n. 328/2000, curando la gestione della predetta funzione in sintonia con l’attività posta in
essere dal Distretto sanitario di appartenenza,


VISTO il verbale del 11/04/2014 con il quale i Sindaci dei Comuni di Martirano Lombardo, Martirano,
Motta Santa Lucia e Conflenti in sede di Conferenza dei Sindaci di cui all’art. 7 della convenzione
approvata con l’atto consiliare n. 29/2012 su citato hanno espresso parere favorevole all’ingresso del
Comune di S. Mango D’Aquino nella gestione associata della funzione di Servizi Sociali;

VISTA la deliberazione consiliare n…….del………………….ad oggetto: Gestione associata della
funzione di “Progettazione e gestione del sistema locale dei servizi sociali ed erogazione delle
relative prestazioni ai cittadini, secondo quanto previsto dall'articolo 118, quarto comma, della
Costituzione”,
    - presa atto ingresso del Comune di San Mango D’Aquino. Modifica deliberazione C.C. n°29
        del 20/12/2012. Approvazione schema di convenzione, ex art.30 comma 1, D.Lgs n.
        267/2000, tra i Comuni di Martirano Lombardo, Conflenti, Martirano, Motta S. Lucia e San
        Mango D’Aquino.

VISTA:
• la legge 08 Novembre 2000 n. 328, recante “Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di
   interventi e servizi sociali”, prevede come la programmazione e l’organizzazione degli interventi e dei
   servizi oggetto della presente convenzione compete, tra gli altri, agli Enti Locali secondo i principi di
sussidiarietà, cooperazione, efficacia, efficienza ed economicità, omogeneità, copertura finanziaria e
     patrimoniale, responsabilità ed unicità dell’amministrazione, autonomia organizzativa e regolamentare
     degli enti locali;
 • la legge regionale 05 Dicembre 2003 n. 23, ad oggetto “Realizzazione del sistema integrato di
     interventi e servizi sociali nella Regione Calabria”, approvata in attuazione della predetta legge n.
     328/2000, prevede all’art. 13 come i Comuni, titolari delle funzioni amministrative concernenti gli
     interventi sociali svolti a livello locale, adottano, per l’esercizio delle stesse, gli assetti ritenuti più
     funzionali alla gestione, alla spesa ed, in ultimo, al rapporto con i cittadini, secondo le forme e le
     modalità stabilite dal D.L.vo 18/08/2000 n. 267;
in particolare e nel medio periodo, l’obiettivo cui i Comuni associati ed aderenti alla presente convenzione
aspirano è quello di acquisire, d’intesa con la Regione e l’ASP competente per territorio e piena autonomia
rispetto all’ambito territoriale ottimale per come individuato dall’Ente Regione e ciò attraverso la
definizione di un Piano di Zona da valere quale sub ambito rispetto al Distretto Sanitario n. 9.
All’uopo verrà adottato l’Accordo di Programma, con il fine ultimo di consentire agli Enti interessati la
gestione ottimale delle risorse umane, strumentali e finanziarie, con riferimento agli obiettivi strategici ed
alle priorità di intervento individuate per la realizzazione e l’attuazione dei servizi

DATO ATTO CHE:
i Comuni di Martirano Lombardo, Martirano, Motta Santa Lucia ,Conflenti e S.Mango D’Aquino
hanno ciascuno la popolazione come di seguito riportata:

       COMUNE                                 POPOLAZIONE AL 09/10/2011              Estensione territorio
       Martirano Lombardo                     1.198             (al   09/10/2011)    19,84 Km2
       Martirano                                953             (al   09/10/2011)    14,57 Km2
       Motta S. Lucia                           878             (al   09/10/2011)    25,70 Km2
       Conflenti                              1.446             (al   09/10/2011)    31,00 Km2
       San Mango D’Aquino                     1.734             (al   09/10/2011)     7,00 Km2
       TOTALE POPOLAZIONE                     6.209             (al   09/10/2011)

Che la presente convenzione disciplina modalità e procedure per la partecipazione di ciascun Ente
firmatario alla gestione, programmazione e al controllo delle attività oggetto della presente convenzione,
esplicitando i fini, la durata, le forme di consultazione degli enti contraenti, rapporti finanziari ed i
reciproci obblighi e garanzia;

TUTTO CIO’ PREMESSO,
Si conviene e si stipula la seguente convenzione
                                                Art. 1
                                                 Finalità

La presente convenzione è finalizzata alla gestione delle attività socio-assistenziali di titolarità dei Comuni,
e al loro coordinamento con e gli interventi operati dalla A.S.P., in sinergia con il Comune di Soveria
Mannelli Capofila del Distretto Socio-Sanitario n. 09 del Reventino di cui i Comuni di Martirano
Lombardo, Martirano, Motta Santa Lucia, Conflenti e San Mango d’Aquino fanno parte
Scopo della presente convenzione é:
       gestire in forma associata le attività di cui al successivo art. 2, garantendo la continuità di erogazione dei
       servizi ai livelli qualitativi e quantitativi storicamente consolidati.
       attuare piani e programmi attraverso i quali realizzare il coordinamento tra gli interventi di assistenza
       sociale e le politiche sociali integrate secondo specifiche e formali indirizzi politici impartiti dalla
       Conferenza dei Sindaci.
       garantire standard e prestazioni omogenei sul territorio e conformi a leggi ed indicazioni programmatiche
       regionali;
       razionalizzare ed ottimizzare le risorse a disposizione per le attività oggetto della presente convenzione;
L'organizzazione dei servizi e l’esercizio delle funzioni devono tendere in ogni caso a garantire pubblicità,
economicità, efficienza, efficacia e rispondenza al pubblico interesse dell'azione amministrativa.

                                                      Art. 2
Attività e servizi

Le attività di cui alla presente convenzione concernono:

    •   Interventi di sostegno economico a carattere straordinario, temporaneo e continuativo a favore di
        soggetti e famiglie in difficoltà o a favore di esigenze particolari di assistiti secondo quanto
        disciplinato da appositi regolamenti;

    •   prestazioni di assistenza domiciliare miranti a garantire il soddisfacimento di esigenze personali,
        domestiche, relazionali, educativo/riabilitative a favore di cittadini non autosufficienti
        temporaneamente o momentaneamente, in stato di dipendenza o di emarginazione;

    •   prestazioni di assistenza socio-educativa attraverso consulenze psico-sociali ed educative ed
        interventi di sostegno in favore di singoli, famiglie o gruppi di soggetti a rischio o con particolari
        condizioni socio-economiche, attivati in collaborazione con i servizi sanitari, educativi, scolastici,
        in base alla specificità dei casi;

    •   interventi di aiuto personale a favore di soggetti in temporanea o permanente grave limitazione
        dell’autonomia personale allo scopo di permettere lo svolgimento delle attività quotidiane, il
        mantenimento dell’ambiente di vita ed il superamento di stati di isolamento ed emarginazione;

    •   inserimenti lavorativi attraverso la promozione di percorsi tesi a facilitare l’inserimento lavorativo
        di cittadini in situazioni di disagio, emarginazione, ridotte capacità lavorative, mediante attività
        progettuali di servizio civile.

    •  organizzazione e gestione di servizi semi - residenziali e residenziali, rivolti a minori, adulti ed
       anziani, finalizzati all’accoglienza, temporanea o stabile, di persone le cui esigenze assistenziali
       non possono trovare soluzione adeguata mediante altri interventi di tipo domiciliare, economico o
       di altra natura.
All’uopo vengono specificati i sotto elencati servizi :

a) Gestione associata di servizi e di interventi in favore delle famiglie

Consistente in attività e procedimenti volti alla concessione di contributi per il sostegno alla maternità ed ai
nuclei familiari in condizione di disagio economico, e servizi di sostegno alla genitorialità e alla nascita.
Tale gestione comporta :
    o   Predisposizione dei regolamenti per l’erogazione dei benefici economici, dei servizi, e per l’accesso
    o   Cura dell’istruttoria e adozione dei provvedimenti di concessione, inclusa la trasmissione all’I.N.P.S.
    o   Gestione dei contributi economici a carattere continuativo straordinario o urgente, compreso l’erogazione
        di agevolazioni per l’affitto e di contributi riconducibili al “minimo vitale” per persone o nuclei familiari in
        stato di bisogno.
    o   Gestione dei servizi e delle attività di sostegno alla genitorialità, di consulenza e di mediazione familiare.


b) Gestione associata di servizi e interventi per l’Infanzia e per i Minori

consistente in attività e procedimenti volti alla tutela dei minori e sviluppo delle loro capacità relazionali,
in conformità alle programmazioni regionali e locali, in favore di tutti i minori residenti nei comuni
associati.
Tale gestione comporta:
    o   gestione dei contributi economici su tutto il territorio dei comuni associati;
    o   gestione delle attività extrascolastiche estive, di assistenza educativa domiciliare;

c) Gestione associata di servizi e interventi di assistenza sociale per soggetti con handicap fisico o psichico
consistente in attività e procedimenti volti alla gestione della attività comunali relative alla tutela dei
soggetti con disabilità per gli aspetti di assistenza sociale, socio-educativa, di socializzazione compresi
nella programmazione regionale e locale.
Tale gestione comporta:
    o   gestione dei contributi economici;
    o   gestione dei servizi di assistenza domiciliare;
    o   gestione del servizio semiresidenziale Centro diurno;
    o   gestione servizio di trasporto sociale per disabili;
    o   gestione interventi di sostegno scolastico in sinergia con le istituzioni


d) Gestione associata di servizi e interventi di assistenza sociale per anziani

consistente in attività e procedimenti volti alla gestione delle attività comunali relative alla tutela delle
persone anziane per gli aspetti di assistenza sociale e di socializzazione compresi gli interventi ad essi
riconducibili compresi negli atti di programmazione regionale e locale.
Tale gestione comporta:
    o   gestione della assistenza domiciliare;
    o   gestione del servizio semiresidenziale e/o residenziale per anziani.
    o   Gestione del servizio di trasporto anziani presso strutture sanitarie pubbliche o private ubicate al di fuori
        del territorio dei CINQUE Comuni firmatari per :
    a) visite specialistiche
    b) cure termali
e) Gestione associata di servizi e interventi di assistenza e di integrazione di stranieri apolidi o nomadi

consistente in attività e procedimenti volti alla gestione delle attività comunali relative all’accoglienza,
l’integrazione sociale ed il sostegno abitativo nei confronti degli stranieri, degli apolidi e dei nomadi,
compresi gli interventi ad essa riconducibili negli atti della programmazione regionale e locale.
Tale gestione comporta:
    o   gestione degli sportelli di ascolto e di informazione rivolti agli immigrati;
    o   gestione di attività sociali e culturali di educazione alla multiculturalità;
    o   gestione degli interventi di sostegno economico ed abitativo.

f) Gestione associata di servizi e interventi di continuità educativa per il tempo libero rivolti

all’infanzia, all’ adolescenza e ai giovani
consistenti in attività e procedimenti volti alla gestione delle funzioni comunali relative alle attività di
educazione non formale specificatamente rivolte all’infanzia, agli adolescenti e ai giovani compresi gli
interventi ad essa riconducibili previsti negli atti di programmazione regionale e locale.
Tali interventi comportano la
    o   Organizzazione del sistema locale di educazione non formale degli adolescenti e dei giovani e gestione
        delle intese di rete e delle procedure di adesione alla rete;
    o   gestione dei servizi di continuità educativa per il tempo libero e nell’extrascuola.
    o   Istituzione e gestione sportello di Informagiovani .
    o   Gestione di progetti di servizio civico per facilitare l’inserimento lavorativo di giovani in situazioni di
        disagio, emarginazione e ridotte capacità lavorative.


g) Gestione associata Indicatore Socio Economico Equivalente

consistente in attività e procedimenti volti alla gestione delle funzioni comunali relative all’indicatore della
situazione economica equivalente dei soggetti che chiedono prestazioni sociali agevolate.
La gestione associata prevede che i soggetti richiedenti la prestazione sociale agevolata possono presentare
la dichiarazione sostitutiva unica presso il comune ove è erogata la prestazione, unitamente alla richiesta
della prestazione stessa. Analogamente, la presentazione della dichiarazione sostitutiva unica, può avvenire
presso il comune di residenza, qualora la richiesta sia rivolta unicamente all’ottenimento dell’attestazione
I.S.E.E.
L’Ufficio comune provvede altresì invece
L’Ufficio addetto alla gestione associata fornisce:
    o la predisposizione dei regolamenti comunali per il recepimento della disciplina I.S.E.E. per l’accesso alle
      prestazioni sociali agevolate;
    o assistenza generale agli utenti per la compilazione della dichiarazione sostitutiva unica;
    o gestione delle banche dati I.S.E.E. locali e trasmissione dei dati relativi ai provvedimenti assunti dagli enti
      associati sulla concessione e la revoca dei benefici economici;
    o trasmissione dei dati delle dichiarazioni sostitutive uniche all’INPS e dei dati relativi ai provvedimenti
      assunti dagli enti associati sulla concessione e sulla revoca dei benefici economici di cui l’INPS è
      competente;
    o tenuta dei rapporti con l’INPS per l’acquisizione dei dati relativi alle prestazioni sociali agevolate di cui
      risultano beneficiari i residenti degli enti partecipanti alla gestione associata;
    o controlli sulla veridicità delle dichiarazioni sostitutive uniche;
    o tenuta dei rapporti con gli organi statali ed eventuale stipula di convenzioni per l’esercizio delle funzioni di
      controllo;
    o comunicazione agli enti erogatori delle prestazioni agevolate dell’ISEE attribuito al richiedente ai fini della
      determinazione della spettanza o meno dell’agevolazione;
    o calcolo dell’ISEE per particolari prestazioni agevolate ove detto ISEE particolare sia previsto dai
      regolamenti, o supporto agli uffici competenti in materia.
    o Attivazione di convenzioni con i centri di assistenza fiscale.

                                                    Art. 3
                                                Comune capofila

Gli enti convenzionati individuano il Comune di Martirano Lombardo quale Ente Capofila, attribuendogli
responsabilità amministrative e risorse economiche, così come specificato nel presente atto.

Il Comune capofila si configura quale ente strumentale dell’associazione dei Comuni dell’ambito
territoriale di riferimento.

                                                   Art . 4
                                        Funzioni del Comune capofila

Il Comune capofila svolgerà le seguenti funzioni:
    • adottare tutti gli atti, le attività, le procedure e i provvedimenti necessari all’operatività dei servizi e
      degli interventi previsti dalla presente Convenzione;

    •   ricevere da parte delle amministrazioni competenti le risorse necessarie per l’attuazione delle
        misure previste dal Piano di Zona per come trasferite dal Comune di Soveria Mannelli e trasferirle
        agli Enti convenzionati;

    •   adottare e dare applicazione ai regolamenti ed altri atti necessari a disciplinare l’organizzazione ed
        il funzionamento degli interventi e dei servizi socioassistenziali;

    •   esercitare ogni adempimento amministrativo, ivi compresa l’attività contrattuale, negoziale o di
        accordo con altre pubbliche amministrazioni ;

    •   verificare la rispondenza dell'attività gestionale con le finalità di cui alla presente Convenzione;

    •   provvede ad apportare le necessarie modifiche al Piano Sociale di Zona, che interessai Comuni
        convenzionati in sinergia con Soveria Mannelli Capofila del Distretto Socio sanitario del Reventino
        n. 9 in occasione degli aggiornamenti periodici ovvero in esecuzione di specifiche integrazioni e/o
        modifiche richieste dalla Regione;
•   rappresentare presso enti ed amministrazioni i soggetti sottoscrittori della presente convenzione

   •    rappresentare presso il Comune di Soveria Mannelli Capofila del Distretto Socio-Sanitario n. 09 i
        Comuni sottoscrittori della presente convenzione.
Il Sindaco del Comune capofila assume la rappresentanza legale nei rapporti con i terzi ed in giudizio.

                                                  Art. 5
                                         Impegno degli enti associati

Ciascuno degli enti associati si impegna ad organizzare la propria struttura interna secondo quanto previsto
dalla presente Convenzione, al fine di assicurare omogeneità delle caratteristiche organizzative e funzionali
dei servizi offerti ed in sintonia con i servizi organizzati dal Comune di Soveria Mannelli Capofila del
Distretto Socio-Sanitario n. 09

Gli enti si impegnano, altresì, a stanziare, nei rispettivi bilanci di previsione, ad assegnare le risorse umane,
strumentali e le somme necessarie a far fronte agli oneri assunti con la sottoscrizione del presente atto,
nonché ad assicurare la massima collaborazione nella gestione del servizio.

                                                       Art. 6
                                            Ufficio di Coordinamento

   •   Competente per la soluzione delle problematiche inerenti le funzioni relative ai Servizi Sociali e
       socio-sanitari è un Ufficio di Coordinamento che ha sede presso il Comune Capofila ed è
       composto dai Responsabili / referenti dei Servizi sociali di ciascun Comune.
   •   L’ Ufficio di Coordinamento, così come sopra composto, è coordinato da un Presidente,
       individuato nel responsabile del servizio più alto in grado o, in alternativa, più anziano ed
       elaborerà i programmi operativi di lavoro da realizzarsi su tutto il territorio dei Comuni aderenti.
   •   L’Ufficio si riunisce su convocazione del Presidente ogni qualvolta ne ravvisi la necessità o
       quando lo richieda uno dei Sindaci dei Comuni aderenti. Alla seduta possono essere invitati a
       partecipare, con specifiche competenze tecniche ed amministrative, i Segretario Comunali o
       dipendenti dei singoli Comuni.
   •   I singoli Comuni si impegnano a trasmettere all’Ufficio di Coordinamento copia degli atti
       fondamentali assunti dal Consiglio Comunale relativi agli interventi previsti dalla presente
       Convenzione.

                                                   Art. 7
                                            Conferenza dei sindaci

La Conferenza dei Sindaci è la sede di indirizzo politico e programmatico del servizio associato ed è
composta dai Sindaci dei Comuni convenzionati o da loro delegati mediante apposito atto di delega.
La Conferenza dei Sindaci:
   a) esercita le funzioni previste dalla Legge Regionale per l’elaborazione e l’approvazione del Piano Zonale di
      Assistenza Sociale, afferente il macro territorio dei Comuni di cui alla presente convenzione, in sinergia con
      quanto programmato dal Comune di Soveria Mannelli Capofila del Distretto Sanitario del Reventino n. 9.
   b) fornisce gli indirizzi politici e le indicazioni strategico-progettuali alla struttura di gestione;
   c) svolge la verifica sulla realizzazione degli obiettivi e sul rispetto delle proprie direttive.

La Conferenza dei Sindaci ha luogo in via ordinaria con cadenza trimestrale salvo la necessità di
convocazione urgente ed intermedia per pratiche peculiari.

Alla Conferenza di Sindaci , su richiesta, possono partecipare i Segretari Comunali dei Comuni firmatari
ed il Responsabile dell’Ufficio di Coordinamento di cui all’art. 6 che precede e se necessario, altresì, i
referenti dei servizi sociali di ciascun Comune.

Delle decisioni della Conferenza dei Sindaci è redatto verbale .
Art. 8
                                             Erogazione dei servizi
I Comuni aderenti alla presente Convenzione erogano i relativi servizi in forma diretta, a mezzo della
propria struttura organizzativa, ovvero attraverso acquisto di beni, servizi e prestazioni erogate dai soggetti
del “terzo settore”, nonché attraverso rapporti di volontariato individuale e/o associativo, secondo le
modalità previste dalle norme vigenti in materia.

In sede di Conferenza dei Sindaci verrà deciso di volta in volta la modalità di erogazione del servizio.

                                                       Art. 9
                                                Ambito territoriale
L'ambito territoriale delle funzioni relative ai Servizi Sociali e socio-sanitari è individuato nel territorio dei
Comuni aderenti.

                                                     Art. 10
                                              Dotazione organica
La dotazione organica necessaria per la gestione amministrativa, economico-finanziaria, tecnica ed
operativa delle funzioni relative ai Servizi Sociali socio-sanitari, sarà costituita, di norma, dai dipendenti
dei Comuni in cui prestano servizio.

                                                   Art.11
                                            Dotazione strumentale

   •   I Comuni convenzionati mettono a disposizione i mezzi tecnici, i mezzi strumentali, telematici,
       informatici e gli autoveicoli che restano comunque di proprietà dei singoli Comuni, per lo
       svolgimento dell’attività associata.
   •   Entro il 31 marzo, i Comuni aderenti alla Convenzione fanno conoscere l’ eventuale fabbisogno di
       mezzi tecnici, strumentali, informatici e di autoveicoli, il cui acquisto può essere deliberato dai
       Comuni aderenti, secondo un Protocollo d’ Intesa che preveda le modalità di finanziamento, di
       assegnazione al servizio e di restituzione del mezzo.
   •   L’ Ufficio di Coordinamento stabilisce il fabbisogno di mezzi tecnici, mezzi strumentali, telematici,
       informatici e di autoveicoli, ai fini di un miglior coordinamento del servizio.


                                                   Art. 12
                                        Struttura tecnica di gestione

La struttura tecnica preposta alla gestione in associazione è coincidente con quella relativa ai servizi sociali
del Comune Capofila.

Il Responsabile dei Servizi Sociali del Comune Capofila esercita le funzioni di cui all’art.107 del D.Lg.vo
n.267/2000.

Il personale operante nei servizi sociali comunali, dipendente degli enti aderenti alla presente convenzione,
fornisce supporto collaborativo all’Ufficio di Coordinamento presso il Comune capofila, costituendo
interfaccia operativa e supporto alle attività territoriali dislocate nei singoli comuni.

                                                  Art. 13
                                             Rapporti finanziari

Per l’attuazione della presente convenzione i Comuni firmatari si impegnano a stanziare nel proprio
bilancio annuale e versare al Comune di Martirano Lombardo quale Comune capofila le somme
determinate sulla base dei parametri di cui all’art. 14 che segue.
- somma determinata sulla base della media pro-capite determinata dalla Conferenza dei Sindaci, calcolata
sui cittadini residenti al 31 dicembre dell’anno precedente;
Il Comune capofila introiterà direttamente:
    1. i trasferimenti del Comune Capofila de Distretto Sanitario n. 9 cui i Comuni firmatari della presente
         convenzione aderiscono
   2. i trasferimenti previsti da enti pubblici e privati con i quali siano intercorsi specifici accordi e/o convenzioni;
   3. compartecipazioni degli utenti;
   4. le somme derivanti dagli incentivi alle forme associate, che potranno essere portate in detrazione e che,
      previo parere della Conferenza dei Sindaci, saranno utilizzate per:
   ▪ Migliorare la qualità dell’integrazione gestionale tra comuni per predisporre le amministrazioni locali a
      ricevere il massimo delle competenze dai nuovi processi di decentramento.
   ▪ Affrontare in modo coerente i rapporti tra le esperienze di gestione associata e la potestà normativa dei
      comuni.
   ▪ Perseguimento di maggiori livelli di economicità, efficacia ed efficienza dell’azione amministrativa;
   ▪ Miglioramento dei servizi desinati alle persone e alla comunità attraverso una distribuzione ottimale sul
      territorio;
Al fine di monitorare l’andamento delle spese per lo svolgimento dei vari servizi, il responsabile del
servizio fornirà rendicontazione annuale ai singoli Comuni.
I trasferimenti degli Enti associati sono versati alla Tesoreria del Comune capofila entro il mese di giugno
di ciascun anno di esercizio. In caso di ritardo saranno applicati gli interessi di mora nella misura stabilita
dall’art.1224 del codice civile.

                                                    Art. 14
                                             Ripartizione delle spese
I costi globali per la gestione della funzione gestita in Convenzione, inerente i servizi sociali, vengono
sostenuti con fondi trasferiti dai Comuni firmatari, in quote percentuali.
I costi sono ripartiti fra i Comuni, in fase di prima applicazione della presente Convenzione, sulla base dei
seguenti criteri:
   1. Politiche giovanili: in base alla popolazione residente nei singoli Comuni dagli 11 ai 25 anni;
        successivamente in base a criteri che saranno stabiliti dai competenti organi consiliari con
        conseguente modifica della presente Convenzione.
   2. Volontariato: in base alla popolazione residente nei singoli Comuni e successivamente; in base a
        criteri che saranno stabiliti dai competenti organi consiliari con conseguente modifica della
        presente Convenzione.
   3. Politiche per l’immigrazione: in base al numero di cittadini stranieri di ciascun Comune e
        successivamente secondo criteri che saranno stabiliti dai competenti organi consiliari con
        conseguente modifica della presente Convenzione.
   4. Centro per le famiglie: in base alla popolazione residente nei singoli Comuni e successivamente in
        base a criteri che saranno stabiliti dai competenti organi consiliari con conseguente modifica della
        presente Convenzione.
   5. Altre attività di rilievo sociale: in base al numero dei cittadini residenti nei singoli Comuni che ne
        facciano richiesta.
   Ciascun Ente aderente provvede al trasferimento in favore dell’Ufficio di coordinamento delle quote di
   propria spettanza entro giorni trenta dall’avvenuta approvazione dei rispettivi bilanci di previsione
   ovvero, qualora non si sia ancora provveduto all’approvazione del documento di programmazione
   finanziaria, in dodicesimi e, comunque, nel rispetto dei principi generali di contabilità pubblica.

                                                       Art. 15
                                                       Durata

La presente convenzione ha la durata dalla data di sottoscrizione della stessa e fino al 31/12/2017 e
potrà essere prorogata previa deliberazione dei Consigli Comunali dei Comuni aderenti.
Ove i Consigli deliberino la proroga senza modificazioni della presente convenzione, non è necessaria una
nuova stipula .

L’esercizio unificato decorre dalla sottoscrizione della presente Convenzione.
Resta fermo quanto già espletato e i provvedimenti adottati dal 01/01/2013 per i Comuni di Martirano
Lombardo –Ente Capofila, Martirano, Conflenti e Motta S. Lucia già firmatari della Convenzione datata
30/12/2012.


                                                Art. 16
                                         Recesso e Scioglimento

Il diritto di recesso unilaterale può essere fatto valere da ciascun Comune mediante l’adozione di apposita
deliberazione consiliare e formale comunicazione agli altri Comuni aderenti a mezzo lettera raccomandata
a.r, accompagnando la comunicazione con la copia della deliberazione consiliare.

Il recesso diviene operativo decorsi 60 (sessanta) giorni dal ricevimento della comunicazione da parte di
tutti gli altri Comuni aderenti .

Restano a carico del Comune recedente le spese di gestione relative alla presente convenzione maturate
fino alla data del recesso.

La Convenzione di che trattasi è suscettibile di scioglimento automatico nel caso in cui, prima della
scadenza naturale, la funzione dei Servizi Sociali viene trasferita all’istituenda Unione di Comuni di cui
Martirano Lombardo, Martirano, Conflenti , Motta S. Lucia e S. Mango D’Aquino faranno parte.
In tal caso potranno essere portati a compimento solo i procedimenti già avviati per i quali si ravvisa la
necessità in tal senso per peculiarità di servizi, tempistica e rapporti con i terzi.


                                                    Art. 17
                                                  Controversie
La risoluzione di eventuali controversie che possono sorgere tra le parti, anche nel caso di difforme e
contrastante interpretazione, in merito alla presente convenzione, deve essere ricercata prioritariamente in
via bonaria,previa convocazione della conferenza dei Sindaci con la partecipazione dei Segretari Comunali
e dei referenti dei servizi sociali di ogni Ente.
Qualora non si arrivasse alla risoluzione di cui al primo comma, le controversie sono devolute al Giudice
Ordinario Foro di Lamezia Terme.


                                                Art. 18
                                             Norme di rinvio

Per quanto non previsto dalla presente Convenzione si applicheranno le disposizioni generali, previste
dalla legge, dai regolamenti in vigore e dagli Statuti degli Enti convenzionati o alle specifiche intese di
volta in volta raggiunte tra le amministrazioni aderenti.


                                                Art. 19
                                              Norme Finali

Per tutto quanto non espressamente previsto dalla presente convenzione si rimanda alle norme in materia di
rapporti fra Enti Locali previste dalle leggi regionali e statali in materia.

                                                 Art. 20
                                              Registrazione

Il presente atto composto da n. 11 pagine scritte sarà soggetto a registrazione solo in caso d’uso ai sensi
dell’art. 5, 2° comma ,del D.P.R. 131/86 e successive modifiche ed integrazioni.

Letto, approvato e sottoscritto nella sede del Comune di Martirano Lombardo
Martirano Lombardo Lì........................




Il Sindaco del Comune di               Il Sindaco del Comune di   Il Sindaco del Comune di
Martirano Lombardo                     San Mango D’Aquino         Martirano
Eugenio Gallo                          Leopoldo Chieffallo        Francesco Bartolotta




Il Sindaco del Comune di               Il Sindaco del Comune di
Conflenti                              Motta S. Lucia
Giovanni Paola                         Amedeo Colacino




                                  COMUNE DI MARTIRANO LOMBARDO
                                        Provincia di Catanzaro


Proposta di deliberazione per:
Consiglio Comunale


OGGETTO: Gestione associata della funzione di “Progettazione e gestione del sistema locale dei servizi sociali ed
erogazione delle relative prestazioni ai cittadini, secondo quanto previsto dall'articolo 118, quarto comma, della
Costituzione”, presa atto ingresso del Comune di San Mango D’Aquino. Modifica deliberazione C.C. n°29 del
20/12/2012. Approvazione schema di convenzione, ex art.30 comma 1, D.Lgs n. 267/2000, tra i Comuni di Martirano
Lombardo, Conflenti, Martirano, Motta S. Lucia e San Mango D’Aquino




                   PARERI AI SENSI DELL’ART. 49, comma 1° del D.Lgs 267/2000



                                      PARERE REGOLARITA’ TECNICA

Visto, si esprime parere favorevole in ordine alla regolarità tecnica della deliberazione sopra
indicata.

Martirano Lombardo lì 17/04/2014                      IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO
                                                           f.to Dott. Ing. Eugenio Gallo




                                     PARERE REGOLARITA’ CONTABILE

Visto, si esprime parere favorevole in ordine alla regolarità contabile della deliberazione sopra
indicata.

Martirano Lombardo , lì 17/04/2014                        IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO
                                                                 f.to D.ssa Rossella Cuda




                                       Comune di Martirano Lombardo
(Provincia di Catanzaro)

Del che il presente verbale che viene letto, approvato e sottoscritto come segue:


        IL SINDACO                                                         IL SEGRETARIO COMUNALE

   F.to Ing. Eugenio Gallo                                                     F.to D.ssa Rosetta Cefalà



Rep. Pubbl. n. _______

Il sottoscritto Segretario Comunale, visti gli atti d’ufficio,

                                                           ATTESTA
Che la presente deliberazione:
E’ stata pubblicata all’albo pretorio Comunale in ottemperanza alla L. n. 69/2009 e s.m.i per quindici giorni consecutivi dal
28/04/2014 come previsto dall’art. 124, comma 1 D.L.vo 18/08/2000 n. 267;



                                                                                    IL SEGRETARIO COMUNALE
                                                                                        F.to D.ssa Rosetta Cefalà



Il sottoscritto inoltre


                                                           ATTESTA


         Che la presente deliberazione è divenuta esecutiva il giorno 28/04/2014
     Perché dichiarata immediatamente eseguibile (art. 134, comma 4, D.L.vo 18/08/2000 n. 267);
     Perché decorsi 10 giorni dalla pubblicazione (art. 134, comma 4, D.L.vo 18/08/2000 n. 267);




                                                                                    IL SEGRETARIO COMUNALE
                                                                                      F.to D.ssa Rosetta Cefalà


E’ copia conforme all’originale da servire per uso amministrativo.

Dalla Residenza Municipale li 28/04/2014
                                                                             IL SEGRETARIO COMUNALE

                                                                              __________________________
Puoi anche leggere
Parte successiva ... Annulla