8th International - Società Italiana di Artroscopia

8th International - Società Italiana di Artroscopia

8th International - Società Italiana di Artroscopia

ANNO III - NUMERO 2/4-2018 Presidente SIA Enrico Gervasi Vice-presidente Enrico Arnaldi SIA I L G I O R N A L E D E L L A S O C I E T À I T A L I A N A D I A R T R O S C O P I A COMICS A cura della Faculty Innovazione Tecnologica Presidenti Giovanni Felice Trinchese, Luca La Verde REPORTAGE “LIGA” LEGA ITALIANA GIOVANI ARTROSCOPISTI Un progetto pilota S.I.A.Under45 dal successo epico! 8 SAVE THE DATE... AND FRIENDS ... appuntamenti da non perdere 12 REPORTAGE Arthromeeting S.I.A. Quelli che... all’Aquila 10 8th INTERNATIONAL S.I.A. MEETING La parola ai presidenti del Congresso 2 INTERVISTE INNOVATIVE La Chirurgia Robotica e l’Ortopedia...

con il Dr. Davide Enea 5 8th International S.I.A. Meeting How and Why - Technical Update spalla anca ginocchio S.

Soci di Ar

8th International - Società Italiana di Artroscopia

Come mai la scelta di un tema di questo tipo? Dal programma preliminare si evincono una maggior quota di ospiti internazionali e diverse “battle”. Ci potete dare qualche anticipazione? Franceschi: Poche anticipazioni se non... ne vedremo delle belle! Scherzi a parte l’idea alla base di questo International S.I.A. Meeting è di mettere a confronto non solo nazioni diverse, ma anche le differenti generazioni di chirurghi. Crediamo molto in questa formula che pensiamo possa rappresentare una ricchezza per il giovane artroscopista che potrà trarre insegnamento dai consigli e perché no, dai fallimenti, di coloro che lo hanno preceduto.

Baldini: La storia di noi quattro organizzatori è ricca di contatti internazionali per cui non è stato difficile avere il supporto dei nostri colleghi stranieri nonostante il nuovo regime di sponsorizzazione dei congressi renda le trasferte oramai quasi impossibili da gestire, e nonostante la sovrapposizione con la festa di oltreoceano di “Thanks- giving” abbia ulteriormente pesato. Cercheremo di bypassare le difficoltà con l’utilizzo di tecnologia usando le moderne reti di conference call online che possono comprimere il segnale al punto di garantire un full-HD in streaming. Per quanto riguarda le sessioni di protesica avremo il Dr Van Hellemondt, leader di uno Quest’anno si terrà l’Edizione Internazionale del nostro Congresso Societario, ed è stato scelto come tema principale un aspetto molto pratico e concreto: How and Why.

Come fare una determinata procedura, e soprattutto perché farla. Passiamo quindi la parola ai Presidenti del congresso, a cui diamo il benvenuto nel numero di apertura del nostro giornale.

2• Maggio/Dicembre 2018 Direttori Responsabili Francesco Franceschi Giovanni Felice Trinchese Comitato di redazione Luca La Verde Hanno collaborato Luca Dei Giudici, Giuseppe Della Rotonda, Andrea Fidanza, Luca La Verde, Valentina Odoni Progetto grafico e impaginazione DOTGRAFICO - max@dotgrafico.it Tutti i contenuti sono copyright S.I.A.e strettamente confidenziali, non pos- sono essere diffusi senza l’autorizza- zione scritta del proprietario.S.I.A.è a disposizione per eventuali non volute omissioni e/o errori di attribuzione. La diffusione della rivista all’esterno di S.I.A.è severamente proibita.

Per eventuali comunicazioni o inviare materiale da pubblicare scrivere a: giornalesiacomics@gmail.com Periodico quadrimestrale interno di informazione medica, a cura della Faculty Innovazione Tecnologica La parola ai presidenti G. Di Giacomo, F. Franceschi, A. Baldini... a cura di Luca Dei Giudici S.I.A.

Società Italiana di Artroscopia

8th International - Società Italiana di Artroscopia

•3 degli ospedali più innovativi di Europa, ovvero la Maartenskliniek di Nijmegen in Olanda. Ci presenterà la loro grande esperienza sia nella gestione dei pazienti con tecnica di recupero rapido sia le loro novità in merito alle revisioni di protesi con dati provenienti da uno dei più grandi registri di revisioni disponibili ad oggi. Riporteremo per qualche giorno in Italia il biomeccanico più vicino al mondo della protesica di ginocchio ovvero il fiorentino Bernardo Innocenti che ha trovato più fortuna per la sua carriera in Belgio prima dirigendo lo Smith&Nephew Institute di Leuven e poi il laboratorio dell’Università di Bruxelles.

Ci collegheremo con due amici canadesi. Doug Naudie dalla fredda London in Ontario, città da cui nasce il registro protesi canadese fondato da Cecil Rorabeck e Bob Bourne due tra i padri della chirurgia protesica. All’estremo orientale invece da Victoria, Vancouver Steve Burnett sarà incalzato di domande dai moderatori per capire cosa è più efficace nel controllo di dolore e sanguinamento nella protesica di ginocchio. Di Giacomo: La scelta di questo tema nasce dall’idea di organizzare un convegno estremamente originale e al tempo stesso utile sia per gli ortopedici più esperti che per i più giovani.

Per questo l’argomento del nostro convegno è “How and Why”, ovvero spiegare la tecnica chirurgica e il perché viene scelta quella procedura piuttosto che un’altra. In particolare i Relatori dovranno spiegare e giustificare alcuni “step” chirurgici in base alla propria esperienza e/o alla letteratura internazionale. Vi saranno numerosi confronti con ospiti di calibro internazionale come il Dr. Boileau e il Dr. Lafosse, grandi chirurghi esperti francesi, e il Dr. Frank Gohlke famoso collega tedesco. Lo scopo di queste “battle” è di confrontarci su varie tecniche chirurgiche e sulla letteratura più recente, perché solo il confronto e la critica permettono di migliorarsi.

A quali tematiche, tra quelle che saranno trattate, tenete maggiormente e perchè? Franceschi: Le tecniche artroscopiche stanno rapidamente evolvendo, in tutti i distretti anatomici abbiamo oggi una quantità di soluzioni chirurgiche davvero affascinanti e promettenti.Tuttavia abbiamo riservato un grande spazio anche alla chirurgia articolare protesica. Se devo assegnare un “cuoricino”, oggi lo do alla chirurgia di revisione delle protesi di spalla. È un argomento che mi affascina particolarmente. Grazie alla rapida crescita numerica di questo tipo di impianti protesici, in futuro avremo sempre più necessità di affinare le nostre competenze, per affrontare le sfide che una chirurgia di revisione ci porrà di fronte.

Baldini: Le tematiche a cui tengo maggiormente sono quelle sulle tecniche di recupero rapido perchè i maggiori avanzamenti fatti e da fare sono per la medicina perioperatoria in quanto il tempo finale di guarigione di un paziente operato di protesi è ancora troppo lungo.Altro versante di grande interesse è la gestione dei fallimenti e delle revisioni di artroprotesi. Questo costituisce un vero e proprio “mestiere” a se stante e che necessita conoscenze e skills ulteriori rispetto Maggio/Dicembre 2018 22nd-23rd November 2018 VENICE - Italy SCIENTIFIC P R O G R A M S.I.A.

Società Italiana di Artroscopia

8th International - Società Italiana di Artroscopia

alla chirurgia protesica di primo impianto e su cui c’è ancora molto da sviluppare e conoscere. Di Giacomo: Le tematiche sono estremamente interessanti e varie, spaziando dalle tecniche chirurgiche sulla spalla alla caviglia e ginocchio. Obiettivamente non vi è una tematica maggiormente trattata, abbiamo cercato di dare eguale spazio a tutte le sessioni. Anche in questa edizione viene confermata l’attenzione che la SIA rivolge ai giovani colleghi. Qual è il vostro consiglio per il giovane specialista che vuole dedicarsi all’artroscopia? Franceschi: Il consiglio è sempre lo stesso: seguite le vostre passioni! Baldini: I miei consigli per i giovani sono quello di iniziare a lavorare con un solo interesse, quello di imparare bene le basi ed i dettagli del gesto chirurgico ed il razionale scientifico che ci sta dietro.

Questo secondo me deve essere fatto a discapito del vantaggio economico. Imparare è economicamente dispendioso ed in quella fase se il giovane pensa già ad accumulare guadagno non sarà dedicato all’accumulo di nozioni ed esperienza nella giusta misura e sarà superato da chi ha invece dato le giuste priorità. Non si impara bene e molto quando la pratica è già avviata ed è nel pieno della sua routine.

Di Giacomo: Il consiglio principale da dare ai giovani colleghi per me è: studiare, aggiornarsi continuamente, confrontare le loro conoscenze con la letteratura più recente e ovviamente avere la voglia di sacrificarsi nel proprio lavoro. Cosa vi aspettate dal vostro congresso? Quale messaggio vorreste rimanesse impresso al termine delle giornate di attività? Franceschi: Mi aspetto un congresso con un format diverso dal solito, in cui i giovani possano interagire attivamente e confrontarsi con i “senior”. L’obiettivo è accorciare le distanze tra generazioni. In fondo anche noi con qualche capello bianco non siamo altro che giovani chirurghi entusiasti...

con qualche intervento in più! Baldini: Dal congresso mi aspetto che generi curiosità e che le relazioni siano interessanti al punto tale da stimolare interattività sia durante le sessioni che nelle pause. Inoltre spero che si creino nuovi contatti tra colleghi mossi da interessi comuni.

Di Giacomo: Credo che sarà una grande occasione di confronto per i “senior” e di stimolo e crescita per i tanti giovani, ci auguriamo, ne prenderanno parte Grazie mille per il contributo, a presto! Grazie a lei e arrivederci a Venezia al Convegno SIA di novembre!!! 4• Maggio/Dicembre 2018

8th International - Società Italiana di Artroscopia

•5 L'INTERVISTE INNOVATIVE La Chirurgia Robotica e l’Ortopedia... con il Dr. Davide Enea SIA a cura di Luca Dei Giudici Caro Davide benvenuto, è un piacere per me essere qui ad intervistarti per la nostra Società, avendo già condiviso momenti importanti in specializzazione e alcune pubblicazioni.

Dunque, hai continuato ad occuparti con successo di chirurgia del ginocchio, ed oggi sei tra i pochi ad utilizzare la Chirurgia Robotica. Quale spazio trova nella tua clinica e nella tua pratica quotidiana?

Buongiorno Luca.Anche per me è un piacere questa intervista. Si, attualmente continuo ad occuparmi di chirurgia del ginocchio, artroscopica e protesica, ed è in quest’ultimo ambito, soprattutto per quanto riguarda gli small implants e quindi le monocompartimentali, che applico la tecnica robotica. Ritengo tale soluzione quella che, probabilmente, offre i maggiori vantaggi tra i possibili utilizzi del robot, seguita dalla sostituzione dell’anca e in ultimo, del ginocchio inteso come protesi totale bi- o tri-compartimentale. L’aiuto offerto dal robot è significativo, soprattutto per una procedura così complessa in termini di curva di apprendimento e di frequenza.

Nella mia pratica quotidiana riservo le monocompartimentali robot-assistite ai pazienti più giovani e demanding, mentre impianto mono con tecnica manuale standard nei pazienti più anziani. Questa scelta dipende dal fatto che in pazienti giovani la garanzia di un posizionamento “perfetto” diventa necessaria e imprescindibile, in quanto garanzia “teorica” di durata dell’impianto, e il perfezionamento del bilancio ligamentoso che si ottiene con il robot aiuta notevolmente in pazienti con aspettative molto maggiori, quali sono i giovani. Inoltre, così facendo posso ottimizzare anche i costi, dato che l’uso del robot rappresenta un aggravio di spese sanitarie.

Quale ritieni essere il vantaggio principale di un robot in ortopedia? Cosa ti porta a favorire una procedura robotica rispetto ad una standard, e come sono cambiate le tue indicazioni? Il primo e più importante vantaggio è dato dalla precisione nel posizionamento delle componenti femorale e tibiale, eliminando, se non escludendolo completamente, l’errore dato da una mano poco esperta nell’impianto di una monocompartimentale, o da uno strumentario meno surgeon- friendly. Purtroppo una procedura standard richiede molti anni (o molti impianti) per poter essere dominata. Una buona dose di esperienza è comunque necessaria anche per l’applicazione robotica, pur con una curva d’apprendimento meno ripida.

Io personalmente indico un impianto monocompatimentale con assistenza robotica nei pazienti con artrosi monocompartimentale e con età inferiore ai 65 anni, ed in quei casi che ritengo più complessi come le artrosi isolate del comparto laterale. In questi il robot può rivelarsi un vero asso nella manica, che permette anche di potenziare le proprie capacità chirurgiche con le tecniche standard. Ma tutto questo, quanto influisce sulla durata di un intervento? Beh, riferendoci ad un impianto mediale, nelle mani di un chirurgo che abbia eseguito personalmente già 20-25 impianti standard, le tempistiche differiscono di poco a favore dell’impianto standard, diciamo tra i 10 e i 15 minuti in più di tempo chirurgico totale.

C’è da dire, poi, che la preparazione di un impianto robotico è più lunga per tutta la sala operatoria, aggiungendo in media altri 10-15 minuti al tempo totale della procedura. In ogni caso i vantaggi rimangono, secondo me, prevalenti, e dopo un rodaggio di circa 30 procedure nel mio istituto siamo arrivati ad eseguire routinariamente 3 protesi monocompartimentali robot- assistite in una seduta mattutina. Nello specifico, come funziona questo tipo di chirurgia? Maggio/Dicembre 2018

8th International - Società Italiana di Artroscopia

Cosa viene affidato al robot e come interviene? La procedura in senso più ampio inizia dal pre-ricovero del paziente, quando facciamo eseguire una scansione TC secondo un protocollo dedicato che andrà poi ad essere utilizzata come base per il planning pre-operatorio del paziente, e come riferimento durante l’atto chirurgico.

Il robot interviene esclusivamente in sala operatoria proprio a partire dal planning. Grazie alla TC si determinano gli assi dell’arto inferiore, i punti di repere, si stabiliscono le correzioni necessarie e si “pre-posizionano” le componenti da impiantare decidendone taglia, asse, rotazione, posizione sia in medio- laterale che in termini di affondamento. A questo punto ci si lava, ci si veste, e si inizia l’intervento vero e proprio, procedendo con l’artrotomia secondo tecnica classica. Il robot interviene quasi subito: si posizionano dei riflettenti a livello tibiale e femorale medianti pins impiantati temporaneamente, si posizionano punti di repere metallici intra- articolari, e si mappa la superficie ossea e cartilaginea del femore e della tibia.

Si entra quindi nel cuore della procedura. Il robot determina con estrema accuratezza l’asse di partenza dell’arto del paziente e il chirurgo decide quanto correggerlo, definendo lungo tutto l’arco di movimento la correzione assiale (varo-valgo) che si vuole ottenere e la relativa tensione legamentosa. In base all’entità di correzione desiderata il robot emette un grafico che ci indica come ottimizzare il posizionamento della protesi per bilanciare il ginocchio alla perfezione. Si procede quindi a modificare la posizione delle componenti protesiche (ad esempio aumentando lo slope tibiale, affondando la componente femorale, oppure anteriorizzandola, e così via...) fino ad ottenere un grafico con caratteristiche perfette (e quindi un perfetto bilanciamento legamentoso).

Dopo un breve ennesimo controllo dei reperi, si confermano tutte le impostazioni e si procede con la fresatura. Il robot interviene, in questa fase, permettendo una precisione millimetrica dei tagli. Una sorta di guida per la mano del chirurgo, costituita da un braccio di lavoro mobile collegato ad una fresa motorizzata, che funziona solo all’interno dello spazio strettamente necessario per l’esecuzione di quel tipo di taglio che è stato pianificato, come una fresa a controllo numerico. Divergere, per un qualsiasi motivo, o in un qualsiasi piano dello spazio, rispetto a quanto programmato e confermato comporta l’immediato arresto della fresa.

Considerando che la tolleranza della macchina è di decimi di millimetro, ti lascio immaginare il grado di precisione del sistema. Il tutto per soli 20 minuti in più, circa! Direi decisamente notevole. Ma... e se qualcosa va storto? Ti sono capitate mai delle complicanze intraoperatorie? 6• Maggio/Dicembre 2018

8th International - Società Italiana di Artroscopia

•7 Si possono gestire con il robot o diventa necessario convertire ad una procedura “analogica”? Per fortuna, facendo gli opportuni scongiuri, non ho quasi nulla da risponderti. Ricordo di un solo caso, una mono mediale, durante il quale la punta della fresa si è allentata, allungandosi ed approfondendo di fatto la fresatura pianificata di circa 1 cm, mentre stavamo fresando il condilo femorale posteriormente!! È stato necessario effettuare un downsize della taglia femorale e ripianificare il taglio tibiale al fine di ridurre sporgenza e slope per poter “chiudere la flessione”.

Fortunatamente l’intervento si è concluso solo con un minimo allungamento del tempo operatorio, la paziente ora sta benone. Eventi simili lasciano riflettere, comunque, l’uso del robot non deve essere spregiudicato!

È un presidio estremamente utile, ma bisognerebbe prima completare il proprio percorso di apprendimento e crescita con le tecniche tradizionali, seguendo gli insegnamenti di chirurghi più esperti, soprattutto, e poi studiando e seguendo corsi su cadavere fino ad essere autonomi. Solo allora diventa pensabile implementare, magari un passaggio alla volta, un’innovazione come un robot. Prima di usare un pc bisogna saper leggere e scrivere, no? Che limiti riconosci nella chirurgia robotica? Sicuramente i costi rappresentano il limite più evidente. Il sistema ha un costo elevato di per sé, cui va aggiunto il costo della TC da far eseguire ad ogni paziente, il costo dei materiali, le tempistiche di sala aumentate.

Per la chirurgia robotica, inoltre, non è generalmente previsto un rimborso maggiorato, per lo meno nella Regione Marche.

Tutto ciò sicuramente ne impedisce la diffusione, almeno per il momento. In più, come dicevo prima, va tenuto conto che sì, potrebbe essere utilizzato da tutti senza problemi, ma diventa un vantaggio “vero” per il paziente, per la struttura, e per la sanità in senso più ampio solo se affidato a mani già esperte.Va comunque considerato un extra, non una risorsa di base. Temi che la chirurgia robotica abbia degli svantaggi per la classe medica in generale? Sicuramentelaroboticaavràuna evoluzioneinarrestabilepercuituttinoi giovanisaremocostretti adimparalaeda farciiconti. Ioperòhoduepaure: - la prima è che nel medio periodo l’utilizzo della robotica possa sminuire la classe medica e chirurgica, perché vedo che nella mentalità dei pazienti l’ausilio robotico viene spesso ricercato indipendentemente dall’operatore, e questo significa di per se che la macchina potrà in futuro venir considerata più importante che le mani ed il cervello di chi la usa; - la seconda è che in futuro molti chirurghi verranno in contatto con la chirurgia robotica senza un’adeguata formazione free-hand e questo mi impensierisce, perché la gestione della complicanza e dell’imprevisto rimane in fondo la cosa più difficile del nostro mestiere.

Grazie Davide per le tue esperienze e per la disponibilità. Ci vediamo presto. Ciao Luca, alla prossima. Dott. Davide Enea Laureatosi e specializzatosi presso l’U- niversità Politecnica delle Marche, du- rante la propria formazione specialisti- ca ha trascorso un anno come Honorary Resident e Clinical Research Associate presso l’Addenbroke’s Hospital e presso la Orthopaedic Research Unit di Cambridge, Regno Unito. Grazie all’at- tività di ricerca svolta in tale sede, ha conseguito il titolo inglese di Master of Philosopy (MPhil) in Orthopaedics presso l’Università di Cambridge, Regno Unito.

Ha inoltre approfondito le sue passioni con fellowships presso chirurghi ortopedici di fama mondiale quali: Prof. Nicola Maffulli presso la Keele University, Stoke on Trent, Regno Unito; Dr. Tom Minas presso il Cartilage Repair Center, Brigham and Women’s Hospital, Boston, USA; Dr. Koen Lagae presso la Eeuwfeestkliniek, Anversa, Bel- gio; Dr. Michel Bonnin presso l’Hopital prive Jean Mer- moz, Lione, Francia; Prof. David Barret presso, Spire Southampton Hospital, Southampton, Regno Unito; Prof. Claudio Carlo Castelli, Ospedale Papa Giovanni XXIII, Ber- gamo, Italia. Ha infine ottenuto il dottorato di ricerca con tesi dal titolo “Danno osteoarticolare nel ginocchio: nuove frontienre nella rigenerazione e sostituzione articolare”, e completato il percorso formativo di ultraspecializzazione “OrthoUniversity” in chirurgia del ginocchio.

Attualmen- te lavora come chirurgo ortopedico, referente d’equipe dell’UOF Ortopedia della casa di cura Villa Igea di Anco- na, e si occupa di chirurgia artroscopica, protesica, e ro- botica di ginocchio. Dal 2015 ha utilizza routinariamente la Tecnica Robotica (Makoplasty - Robot Mako RIO) per l’impianto di protesi di ginocchio monocompartimentali. Maggio/Dicembre 2018

8th International - Società Italiana di Artroscopia

8• Bari,26 ottobre 2018.Un anno di sforzi, telefonate,ricerca,e organizzazione... finalmente ci siamo,inizia il Campionato Nazionale della LIGA, un nuovo modo di interpretare l’offerta formativa societaria. Circa 150 partecipanti tra specialisti e specializzandi,selezionati grazie all’impegno di tutte le figure SIA,si sono ritrovati e sfidati sulle principali patologie a interesse artroscopico. Una breve fase di selezione e preparazione ha preceduto l’incontro, durante la quale ogni partecipante ha ricevuto il proprio materiale educativo ed ha avuto la possibilità di seguire lezioni frontali,di confrontarsi,e di osservare le chirurgie artroscopiche dei propri tutor regionali nelle loro sale operatorie.

I selezionati,giunti a Bari,si sono alternati in un “percorso” educativo- competitivo caratterizzato da: • Una sala di lezioni interattive e discussioni a tema “Ricerca Clinica”, per apprendere il modo più corretto e critico di analizzare un lavoro scientifico,e gli insegnamenti dei tutor di GLOBE.

• Una sala di approfondimenti in lettura ed interpretazione dell’imaging di ginocchio e di spalla in risonanza magnetica,discutendo casi clinici con radiologi di spessore dediti al MSK,affinando le proprie capacità di riconoscere un segno indiretto di lesione. • Una sala clinica,in cui attraverso un software dedicato ogni discente ha potuto seguire in prima persona,con la propria postazione, una serie di casi clinici complessi.Ogni fase,ed ogni opzione diagnostico- terapeutica,è stata pesata e valutata fino al raggiungimento del corretto percorso per il paziente.

• Una sala pratica.

16 postazioni di simulazione per 3 diversi sistemi,su cui affrontare prove di abilità manuale con l’artroscopiochehannospaziato da semplici esercizi di triangolazione, al completamento di nodi artroscopici durante riparazione di lesioni della cuffia dei rotatori,e in ultimo una procedura vera e propria su simulatore artroscopico digitale. E non finisce qui,per tutti i partecipanti, ritenendo fondamentale la conoscenza dei più recenti ritrovati aziendali,è stata predisposta un’area dove interagire con le aziende,carpire il razionale di sviluppo degli ultimi device,e...superare l’ultima prova della giornata: raccogliere nove bracciali grazie ai quali ottenere il test di valutazione finale.La somma dei vari punteggi ha permesso di stilare una Classifica Nazionale,da cui identificare i migliori 30 partecipanti.Aquesti la possibilità di progredire nel percorso LIGA: i Campionati Zonali presso i 17 Centri SIAWatching.

Altre 2 giornate di lavoro intenso aspettano i campioni nazionali. La prima,clinica,presso il tutor SIA Senior di riferimento: attività ambulatoriale,spaziando dalla capacità di interagire con il paziente, all’esame obiettivo,l’interpretazione delle immagini,e la correttezza delle indicazioni conservative e chirurgiche. La seconda,chirurgica,in sala operatoria, dove il partecipante dovrà dimostrare la propria competenza nell’interazione con i colleghi,nella pianificazione dell’intervento,nel posizionamento del paziente,e nella conoscenza dello strumentario.Da 30,i nostri campioni si ritroveranno in 8 a partecipare alle Final Eight.Verranno trasportati direttamente in Germania per sfidarsi, con uno schema 1 vs 1,su specimen cadaverici.E ne rimarrà soltanto uno, il Campione della LIGA,che potrà continuare la propria formazione in un importantissimo centro europeo di Sport Medicine.

Lega Italiana Giovani Artroscopisti Un progetto pilota S.I.A.Under45 dal successo epico! a cura di Luca Dei Giudici REP ORT AGE... LIGA L I da un idea di SEGRETERIA ORGANIZZATIVA Communication Laboratory srl info@clabmeeting.it - www.clabmeeting.it CON IL SUPPORTO DI GOLD SILVER SI RINGRAZIANO BRONZE Tutti i chirurghi ortopedici, specialisti e non, di ogni regione italiana avranno la possibilità di partecipare a questo percorso, per appren- dere i concetti più innovativi in artroscopia, incontrare e frequenta- re direttamente gli opinion leader italiani e sfidarsi in esaltanti testa a testa che lasceranno un solo, unico, Campione Nazionale LIGA.

FI NA LI 8 FIN ALI STI SED E PRO VE TEO RIC O PRA TIC HE AL VIN CIT ORE , 1 CAT EGO RIA SEN IOR E 1 CAT EGO RIA SPE CIA LIZ ZAN DI, SAR AN NO CON FER ITI Viagg io e allog gio a caric o S.I.A .

CADL AB MON ACO press o centr o ARTH REX LCA - Cuf fia - Sut ure men isca li 1 sett ima na nel cen tro spa gno lo FA SE ZO NA LE 30 SEM IFI NA LIS TI PER 2 GIO RN I PRE SSO CEN TRI S.I. A. WA TCH ING VIA GGI O E ALL OGG IO A CAR ICO S.I. A. E CEN TRI OSP ITA NTI CEN TRI OSP ITA NTI Istitu to Clini co Hum anita s , Rozza no (MI) Dr.i Piero Volpi , Enric o Arna ldi Ospe dale Sacr o Cuor e Don Cala bria , Negra r (VR) Dr. Paolo Avan zi Istitu to Clini co San Rocc o , Ome (BS) Dr. Giova nni B. Vina nti Istitu to Clinic o Sant ’Ann a Grup po San Dona to , Bresci a Dr. Giova nni Bona spet ti Univ ersit à Cam pus Bio-M edico , Roma Prof.

Franc esco Fran cesc hi Clini ca San Cam illo , Forte dei Marm i (LU) Dr.i Gian carlo Coar i, Aless andr o Tripo do Casa di Cura Villa Silva na , Latina Dr.

Franc esco Alleg ra ICOT , Latina Dr.i Franc esco Alleg ra, Agos tino Tucc iaron e Conc ordia Hosp ital , Roma Dr. Giova nni Di Giac omo Casa di Cura “Villa Verd e” , Fermo Dr. Robe rto Cast ricin i Ospe dale San Salva tore, UOSD , L’Aqu ila Prof. Vittor io Calvi si A.O. Univ ersit aria Sant ’And rea , Roma Prof. Andr ea Ferre tti, Dr. Edoa rdo Mon aco Polic linico di Bari Dr. Loren zo More tti Ospe dale San Fran cesc o d’As sisi , Olivet o Citra (SA) Dr. Giova nni Felic Lega Italiana Giovani Artroscopisti LIGA S o c ietà Ital i a n a d i A rt roscop i a Maggio/Dicembre 2018 S.I.A.

Società Italiana di Artroscopia S.I.A.

Società Italiana di Artroscopia

8th International - Società Italiana di Artroscopia

•9 Maggio/Dicembre 2018 La prima parte di questo importante percorso si è conclusa in un successo enorme,epico! L’entusiasmo e la forza riversata daiTutor,dall’Under45,e dalla SIAsono stati ricompensati da un’ondata di commenti e feedback positivi...i più importanti dei quali sono stati i sorrisi, gli sguardi concentrati durante le prove, le domande e le curiosità espresse durante i momenti extra-congressuali... l’assenza di sbadigli...ma soprattutto le “pacche sulle spalle” che si sono avvicendate nei confronti dei variTutor presenti a Bari,accompagnate da un sincero “grazie” per “aver finalmente posto in essere un corso in grado di trasmettere insegnamenti pratici e utili nella vita di tutti i giorni”.

Tutta la SIAsi racchiude in un “Urrà” di gruppo per questo strepitoso traguardo, una nuova pietra miliare sulla strada della Società,e in un GRAZIE sincero per tutti coloro che lo hanno reso possibile! Si ricorda che per passare alla fase successiva è necessario regolarizzare l’iscrizione con la Società Durante l’8th Int’l SIA Meeting di Venezia, il 22 Novembre alle ore 14.00, si terrà, compatibilmente con gli appuntamenti congressuali, in diret- ta facebook, il sorteggio di accoppiamento dei candidati ai Centri SIA Watching che li ospiteranno per le fasi zonali. In caso di esclusione o rinuncia di un partecipante, sara riammesso il successivo candidato in ordine di classifica generale.

Baglioni Marco Bertolo Corrado Bruno Carmine Fabio Bonani Andrea Campopiano Gennaro Cotugno Domenico Cunotto Alessandro D’aquila Davide De Crescenzo Angelo De Guttry Giacomo Donato Andrea Drogo Piergiorgio Fiori Enrico Fosser Michele Goderecci Remo Koverech Guido Laghezza Edoardo Leone Andrea Magnanelli Stefano Marra Francesco Mazzotta Alessandro Muzzi Stefano Nicolaci Giulia Piccolo Giuseppe Proietti Lorenzo Ranieri Riccardo Rocchi Martina Sani Giacomo Stallone Stefano Tarducci Lorenzo JUNIOR SENIOR SENIOR SEMIFINALISTI Lega Italiana Giovani Artroscopisti LIGA Angeloni Andrea Corvino Marco Fiacchi Francesco Genco Marcello da un idea di S.I.A.

Società Italiana di Artroscopia S.I.A. Società Italiana di Artroscopia

8th International - Società Italiana di Artroscopia

“Quelli che...oh,yeah”,così Enzo Jannacci lanciava il suo settimo album nel 1975.Il brano,un sempreverde che riscuote ancora oggi tanto successo, era destinato ad ispirare non solo il noto programma televisivo “Quelli che il calcio”,ma anche uno degli appuntamenti nazionali della SIAin programma per il 2018.Il 28 Settembre, infatti,all’Università degli Studi dell’Aquila,i ProfessoriVittorio Calvisi eVincenzo Salini hanno presieduto “Quelli che..il pivot centrale del ginocchio”,un’arthromeeting di alto livello scientifico che ha superato le 200 presenze tra fisioterapisti,infermieri e medici specialisti in ortopedia, fisiatria e radiologia.Il lavori si sono suddivisi in cinque sessioni,più una sessione parallela di approfondimento per infermieri sulla chirurgia artroscopica e il set-up della sala operatoria.

Lo starter è stato il Prof.Andrea Ferretti che ha rotto il ghiaccio con una lectio magistralis sulla storia della chirurgia del pivot centrale del ginocchio, mentre l’abbiocco postprandiale è stato magistralmente combattuto dal guest of honor dell’incontro: il Prof.Michael Strobel,chirurgo tedesco di larghissima fama internazionale che ha proposto una relive surgery su ricostruzione e revisione del legamento crociato posteriore. E ancora,altri soliti noti come i Professori Giuliano Cerulli,Auro Caraffa,Vincenzo Guzzanti,Mario Ronga e molti altri. L’alto livello scientifico proposto è stato ripagato dall’inserimento dei lavori del congresso all’interno del programma della 13esima edizione della Notte Europea dei Ricercatori,la più grande manifestazione di comunicazione scientifica delVecchio Continente, che ha coinvolto più di 300 città europee.

Non è mancato,ovviamente,anche un simpatico baccanale una volta tirate giù le conclusioni da parte degli organizzatori.

Arthromeeting S.I.A. Quelli che... all’Aquila a cura di Andrea Fidanza REP ORT AGE... 10• L’Aquila, 28 Settembre 2018 Auditorium “Alan TURING” Università degli Studi dell’Aquila Polo di Coppito, Blocco Zero - Via Vetoio Presidenti del Congresso: Vittorio Calvisi - Vincenzo Salini Sessione I Cruciate Ligaments Sessione II Legamento Crociato Anteriore Sessione III Legamento Crociato Posteriore Sessione IV Revisioni Sessione V Ritorno allo Sport Sessione Parallela Chirurgia Artroscopica Focus on: SetUp Sala Operatoria Segreteria organizzativa MEDITERRANEA CONGRESSI Chieti (Italy) CelI. +39 349 4107668 info@mediterraneachieti.com www.mediterraneachieti.com Segreteria scientifica ANDREA FIDANZA S.S.

ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA Università degli Studi dell’Aquila MASSIMO ANGELOZZI Associazione ARTRO infosia2018aq@gmail.com congressi mediterranea Evento n. 604 - 234434 - Crediti ECM 6,3 • Crediti Formativi Universitari: 1 CFU Per iscrizioni: www.mediterraneachieti.com • Iscrizioni per studenti: mesva.univaq.it/?q=eventi Numero 150 partecipanti: Medici Chirurghi (Disciplina: Ortopedia e traumatologia, medicina fisica e riabilitazione, medici di medicina generale (medici di famiglia), radiodiagnostica) Infermieri (per i primi 25 iscritti), Fisioterapisti (per i primi 25 iscritti).

La durata dell’evento è di 9 ore formative. INFORMAZIONI GENERALI QUELLI CHE: IL PIVOT CENTRALE DEL GINOCCHIO ARTHROMEETING SIA 2018 Con il Patrocinio di Con il contributo incondizionato di Maggio/Dicembre 2018 S.I.A. Società Italiana di Artroscopia

•11 Maggio/Dicembre 2018

SAVE THE DATE... CALL FOR ABSTRACT IS OPEN SUBMIT YOUR ABSTRACT ON THE WEBSITE www.sia2019.it DEADLINE ABSTRACT SUBMISSION: 28 February 2019 FOR FURTHER INFORMATION: OIC s.r.l. - Viale G. Matteotti, 7 - 50121 Florence, Italy Tel.: +39 055 50351 Fax: +39 055 5001912 AbstractSIA2019@oic.it DEADLINE ABSTRACT SUBMISSION: 28 February 2019 FOR FURTHER INFORMATION: OIC s.r.l.

- Viale G. Matteotti, 7 - 50121 Florence, Italy Tel.: +39 055 50351 Fax: +39 055 5001912 AbstractSIA2019@oic.it CALL FOR ABSTRACT IS OPEN SUBMIT YOUR ABSTRACT ON THE WEBSITE www.sia2019.it DEADLINE ABSTRACT SUBMISSION: 28 February 2019 FOR FURTHER INFORMATION: OIC s.r.l. - Viale G. Matteotti, 7 - 50121 Florence, Italy Tel.: +39 055 50351 Fax: +39 055 5001912 AbstractSIA2019@oic.it S.I.A. SCUOLA DI ARTROSCOPIA 2019 RESTA CONNESSO sono in arrivo i corsi della X EDIZIONE di L’attività sportiva da tempo è una necessità per gran parte della popolazione giovanile, adulta, anziana, maschile e femminile.

A fianco delle attività sportive popolari e tradizionali, si sono nel tempo affacciati alla ribalta, tra le scelte a disposizione dei praticanti, nuovi tipi di sport. Gli impianti di gioco, le palestre, i luoghi naturali (percorsi per jogging, piste da sci, campi da golf, ecc.), che sorgono o vengono ristrutturati sempre più numerosi, offrono possibilità concrete a tutti per dedicarsi con continuità allo sport desiderato. Da questo progressivo avvicinamento all’esercizio fisico sportivo, è nato in molti studiosi del settore l’esigenza dell’inquadramento, della conoscenza e quindi della cura delle molteplici patologie traumatiche che le varie pratiche sportive potevano dare origine durante il loro esercizio.

Svariateapplicazionidiricercahannopresoslancio:conoscenzadeglisport,studiod elgestoatletico,apprendimento delle metodologie di allenamento, approfondimenti sulla biomeccanica, sui regolamenti, sui materiali di ogni singolo sport. Sono inoltre comparsi in letteratura lavori sull’epidemiologia traumatica, sugli aspetti preventivi, sulle opzioni diagnostiche, valutative, terapeutiche e riabilitative inerenti specifiche popolazioni sportive. In questo contesto nel corso degli ultimi vent’anni con il consolidarsi delle metodiche artroscopiche, molti chirurghi hanno concentrato i loro sforzi per migliorare ed implementare le tecniche chirurgiche riparative e ricostruttive nelle frequenti lesioni articolari, in particolare meniscali, cartilaginee e legamentose.

Gli avanzamenti della chirurgia e in ugual misura la migliore comprensione dell’anatomia e della biomeccanica hanno evidenziato l’importanza di aspetti come il tipo di tecnica chirurgica da scegliere e l’uso dei materiali chirurgici da utilizzare.

XXIV CONGRESSO NAZIONALE SIA - Milano 2019 - ARTROSCOPIA & SPORT Presidente PieroVolpi meeting specialists Viale G. Matteotti, 7 - 50121 Firenze - Italia Tel. +39 055 50351 Fax +39 055 5001912 infoSIA@oic.it | sponsorSIA@oic.it www.oic.it Valentina Odoni Cell. +39 345 1133497 segreteriascientifica@siaonline.it Segreteria Organizzativa Segreteria Scientifica www.siaonline.net Per maggiori informazioni visita il nostro sito Artroscopia&Sport Tecniche chirurgiche e prospettive terapeutiche XXIV CONGRESSO NAZIONALE SIA MILANO 24-26 OTT OBRE 2019 S.I.A.

Società Italiana di Artroscopia S.I.A.

Società Italiana di Artroscopia S.I.A. Società Italiana di Artroscopia

E XXVI National Congress SIA Milan, 24th -26th October 2019 Arthroscopy & Sport “Surgical procedures and therapeutic perspectives” CALL FOR ABSTRACT IS OPEN SUBMIT YOUR ABSTRACT ON THE WEBSITE www.sia2019.it DEADLINE ABSTRACT SUBMISSION: 28 February 2019 FOR FURTHER INFORMATION: OIC s.r.l. - Viale G. Matteotti, 7 - 50121 Florence, Italy Tel.: +39 055 50351 Fax: +39 055 5001912 AbstractSIA2019@oic.it •13 Maggio/Dicembre 2018 S.I.A. Società Italiana di Artroscopia

ARTHR MEETING RESPONSABILI SCIENTIFICI Dott.ssa Lara Castagnetti Dott. Alessandro Corsini Prof.

Roberto Gatti Recupero funzionale nel ginocchio dello sportivo Approccio multidisciplinare ROZZANO (MI), 13 APRILE 2019 Humanitas Research Hospital SIAmo sicuri di saperlo trattare? ARTHR MEETING Catania 30 MAGGIO 2019 Torre Del Grifo Village LCMcomplex: lo stabilizzatore statico e dinamico del ginocchio Dott. Arcangelo Russo Dott. Roberto Simonetta RESPONSABILI SCIENTIFICI Imaging e clinica delle instabilità articolari ROMA 28 SETTEMBRE 2019 Auditorium Seraphicum RESPONSABILI SCIENTIFICI Dott. Giovanni Di Giacomo Dott. Giovanni Felice Trinchese ARTHR MEETING RECUPERO FUNZIONALE NEL GINOCCHIO DELLO SP ORTIVO.

APPROCCIO MULTIDISCIPLINARE Rozzano (MI), 13 Aprile 2019 responsabili scientifici L. Castagnetti,A. Corsini, R. Gatti LCMCOMPLEX: LO ST ABILIZZAT ORE ST ATICO E DINAMICO DEL GINOCCHIO SIAMO SICURI DI SAPERLO TRATT ARE? Catania, 30 Maggio 2019 responsabili scientifici A. Russo, R. Simonetta IMAGING E CLINICA DELLE INST ABILIT A' ARTICOLARI Roma, 28 Settembre 2019 responsabili scientifici G. Di Giacomo, G.F.Trinchese ... AND FRIEND S & Fees pted online only through www.cartilage.org Early Bird Standard Fee Onsite Fee Until Oct 30 Nov 01–Dec 20 From Dec 21 esidents, s* EUR 250.00* EUR 300.00* EUR 350.00* EUR 390.00 EUR 490.00 EUR 550.00 EUR 490.00 EUR 590.00 EUR 650.00 EUR 550.00 EUR 650.00 EUR 750.00 d by a certificate signed by the head of department.

he Registration Fee ssions tion / Ice Breaker & Refreshments ry Exhibition e, Registration Material of Summit Registrations ncellations are as follows: cancellations until Oct 30, 2018 cancellations until Dec 10, 2018 after of the Summit by the Organizer be reimbursed if the congress is cancelled for other reasons than war, d acts of terrorism or sickness epidemics. In the latter circumstances, f the congress fee would be refundable.

anizing Office Office (CEO) GmbH House 3 witzerland 3 73 70 grino@cartilage.org ue sion Bay , San Diego, California, USA, 92109 egency.hyatt.com/en uage neous translation will be available. Accommodation (Venue) Hyatt Regency Mission Bay 1441 Quivira Road CA 92109, San Diego, USA, www.missionbay.regency.hyatt.com/en Hotel Reservations (Venue) Special ICRS Rates (excl. VAT, Breakfast & Service) Standard Room/SGL/DBL at 169.00 US++ Please book hotel rooms as early as possible but not later than December 10 through the link: https://book.passkey.com/go/ICRS2019 Updated Information Please note that this is a preliminary programme.

For updated information (topics, faculty, registration fees, etc.), please visit frequently our website www.cartilage.org Important Dates Deadline Course Registration (Early Bird Fee) Oct 30, 2018 50% Refund for Cancellations until Dec 10, 2018 No Refund for Cancellations after Dec 10, 2018 Deadline for Hotel Booking with special Rates Dec 10, 2018 Deadline Course Registration (Normal Fee) Dec 20, 2018 Increased Late Fees as from Dec 21, 2018 Industry Support & Exhibition The Industry is invited to contribute and to support this important event. Affordable table top exhibits and sponsorship opportunities are available to expose and enhance your organization’s vi- sibility.

Interested Companies, please contact Valentina Zigrino (valentina.zigrino@cartilage.org) Sponsors & Exhibitors Diamond Sponsors Platinum Sponsors Gold Sponsors Sponsor 5th ICRS Summit Bio-Orthopaedics in Sports Medicine San Diego USA January 17–18, 2019 www.cartilage.org Platinum Sponsors Gold Sponsors Sponsor Gold Sponsors International Cartilage Regeneration & Joint Preservation Society #ICRSSUMMIT Preliminary Programme VENUE S: ROYAL OLYMPIC HOTEL, ATHENS LABORATORY OF ANATOMY, MEDICAL SCHOOL, UNIVERSITY OF ATHENS COURSE CHAIRMAN: MANOS ANTONOGIANNAKIS SYNTHESIS GROUP SA 31 Agias Varvaras Str., 164 52 Αrgyroupoli - Athens, Greece Τel: +30 210 9609400, Email: tzombola@synthesispco.com www.synthesispco.com COURSE SECRETARIAT: CO-ORGANISERS SOCIETÀ ITALIANA DI ARTROSCOPIA (SIA) SOCIÉTÉ FRANCOPHONE D’ARTHROSCOPIE (SFA) ORGANISER 3RD ORTHOPAEDIC CLINIC HYGEIA HOSPITAL ATHENS, GREECE 7-9February 2019 3S Shoulder Course rd Athens Cadaver Sessions National and International Faculty Special Physiotherapists’ Course UNDER THE AUSPICES: SAVE THEDATE visit the official website for further information www.athens-shoulder-course.com Live Surgeries AD_Italian Society of Arthroscopy_3-SHOULDER_COURSE_2019.indd 1 09/10/2018 10:56 AM 3RD ATHENS SHOULDER COURSE Atene,7-9Febbraio2019 5TH ICRS SUMMIT San Diego (USA) 17-18Gennaio2019 INTER MEDICAL MEETING Milano 22Marzo2019 2°INTER MEDICAL MEETING 22 MARZO 2019 Sala Executive, Stadio Meazza - Milano 1 - LE LESIONI DEGLI HAMSTRING NEL CALCIATORE PROFESSIONISTA 2 -LA SPALLA INSTABILE DEL PORTIERE 3 -IL MENISCO LATERALE NEL CALCIATORE PROFESSIONISTA Chairman: Piero Volpi - FC Internazionale Milano RAZIONALE Dopo il notevole interesse e la grande partecipazione della prima edizione dell’Inter Medical Meeting, eccoci a promuovere una nuova giornata scientifica per il 2019.

Fra i vari argomenti inerenti la medicina del calcio, le lesioni muscolari del complesso dei flessori della coscia (Hamstring) e le lesioni del menisco esterno ci sono apparse fra le più interessanti e di particolare attualità. Fra le lesioni muscolari così frequenti nel mondo del calcio professionistico e dilettantistico, le lesioni degli Hamstring costituiscono un capitolo importante. La loro anatomia e biomeccanica sono recentemente state al centro di studi e aggiornamenti. L’incidenza delle lesioni con i diversi meccanismi traumatici hanno appassionato molti studiosi, così come le differenti classificazioni hanno dato origine a molte interpretazioni, ipotesi diagnostiche e applicazioni terapeutiche non sempre condivise.

Il loro trattamento rimane una sfida impegnativa per il medico di squadra, il terapista, il riatletizzatore e l’allenatore.

Un’attenzione particolare meritano le lussazioni di spalla nel portiere che necessitano di un approfondimento scientifico, in quanto la specificità del ruolo e la peculiare gestualità sportiva ne impongono considerazioni e trattamenti particolari. Le lesioni del menisco esterno hanno da sempre preoccupato gli operatori sanitari del mondo sportivo. L’importanza dell’integrità meniscale in particolare del menisco laterale è ormai una cognizione consolidata. L’affinamento diagnostico clinico e strumentale raggiunto è notevole, le soluzioni terapeutiche sono molte e svariate, ma la lesione del menisco laterale in un calciatore professionista, soprattutto di giovane età, rimane una problematica complessa e non semplice da risolvere.

Attendiamo tutti voi, medici, fisioterapisti, preparatori atletici, operatori del settore medico sportivo a questo prossimo appuntamento, nella splendida e prestigiosa sede dello Stadio Meazza di Milano, cercando di soddisfare le curiosità e le esigenze di tutti.

Prof. Piero Volpi Responsabile Settore Medico F.C. Internazionale Milano Per informazioni ed iscrizioni meeting specialists OIC srl Viale G. Matteotti 7 - 50121 Firenze Tel. 055 50351 iscrizioniInterMM2019@oic.it sponsorInterMM2019@oic.it www.oic.it OIC srl ha ottenuto la certificazione Ethical MedTech Trusted Partner Responsabile Settore Medico F.C. Internazionale Milano ISCRIZIONI: è possibile inscriversi on line collegandosi al sito www.oic.it (sezione Calendario Eventi). La quota è di € 100,00 (inclusa IVA 22%). La quota di iscrizione per gli Studenti è di €. 75,00 (inclusa IVA 22%). IlConvegnoèapertoaMediciOrtopedici,Fisiatri,MedicidelloSport,Fisioterapisti , Preparatori Atletici.

INTER_2019_SENZA_NOMI.indd 2-3 17/09/18 15:15 LA SOCIET A' SEGNALA... S.I.A. Società Italiana di Artroscopia

Caro giovane collega, Hai meno di 35 anni? Sei affascinato dall’artroscopia? Vuoi ampliare la tua rete di conoscenze? Vuoi lavorare a stretto contatto con gli Opinion Leader Nazionali? Vuoi far tue le più comuni tecniche artroscopiche di ginocchio e di spalla? Ma soprattutto… Vuoi metterti alla prova e farti strada in numerose sfide fino a diventare il migliore? Se la risposta è “Sì” la LIGA è la tua occasione!! La Società Italiana di Artroscopia SIA ti presenta l’offerta più completa e divertente per imparare i segreti dell’artroscopia di ginocchio e di spalla, e per metterli in pratica con modelli anatomici e cadaver labs.

La Lega Italiana Giovani Artroscopisti, LIGA, rappresenta un format unico nel campo dell’educazione specialistica e potrai parteciparvi gratuitamente anche se non sei ancora un socio. Affronterai lezioni frontali, prove pratiche su modelli anatomici, esperienze dirette in ambulatori e in sale operatorie altamente selezionati, e non una non due, ma ben tre giorni di prove su cadavere (il miglior banco di prova al momento disponibile). Preparati, lo spirito di competizione è alto! Durante ogni attività della LIGA sarai valutato da una giuria, e solo dimostrandoti il migliore potrai conquistarti l’accesso alla fase successiva.

Le fasi che abbiamo pensato per te sono:  I Campionati Regionali: principalmente “educational”, che offriranno ampie possibilità di conoscenza, condivisione, apprendimento, e unione.

 Il Campionato Nazionale: per i migliori 200 di tutta Italia, che in un’unica sede affronteranno prove teoriche e prove pratiche a tempo.  Campionati Zonali: divisi per macroaree, riservate ai migliori 30. Si entra nel vivo dell’azione dimostrando di possedere tutte le caratteristiche comportamentali, culturali, e professionali per emergere. In questa fase avrai la possibilità di visitare Centri SIA selezionati, e affiancare gli Opinion Leader in ambulatorio e in sala operatoria.  Le Final Eight: i migliori 8 partecipanti assoluti, 3 cadaver lab, 1 postazione a testa. Sfide testa a testa, partendo dai quarti di finale fino a che non ne resterà soltanto uno.

Tutto gratis! E non è finita qui, perché in palio non vi è solamente l’esperienza fatta durante i due anni in cui si articola la LIGA, o la gloria per esser diventato campione. I premi in ballo sono tanti e sono ricchi: ៚ I 30 Campioni Nazionali avranno uno sconto del 15% su tutti i congressi SIA, del 20% su tutte le attività “Educational”, e del 50% per l’iscrizione alla società. ៚ I partecipanti ai quarti di finale avranno, in aggiunta, una targa di merito e uno sconto del 40% su un cadaver lab a scelta tra le offerte della Scuola di Artroscopia.

៚ I semifinalisti avranno, ancora, l’iscrizione gratuita ad un cadaver lab, e un libro specialistico.

៚ Il campione LIGA, infine, avrà l’iscrizione gratuita ad un secondo cadaver lab, la sponsorizzazione completa per una fellowship internazionale di 15 giorni, la preziosa Coppa LIGA, e un bonus economico non vincolato. DIVENTA CAMPIONE… PARTECIPA ALLA LIGA! Iscriversi è facile: contatta direttamente il Delegato Regionale SIA della tua regione, oppure scrivi una mail all’indirizzo siafacultyu45@gmail.com per ricevere tutti i dettagli.

Il comitato Under 45 SIA Caro giovane collega, Hai meno di 35 anni? Sei affascinato dall’artroscopia? Vuoi ampliare la tua rete di conoscenze? Vuoi lavorare a stretto contatto con gli Opinion Leader Nazionali? Vuoi far tue le più comuni tecniche artroscopiche di ginocchio e di spalla? Ma soprattutto… Vuoi metterti alla prova e farti strada in numerose sfide fino a diventare il migliore? Se la risposta è “Sì” la LIGA è la tua occasione!! La Società Italiana di Artroscopia SIA ti presenta l’offerta più completa e divertente per imparare i segreti dell’artroscopia di ginocchio e di spalla, e per metterli in pratica con modelli anatomici e cadaver labs.

La Lega Italiana Giovani Artroscopisti, LIGA, rappresenta un format unico nel campo dell’educazione specialistica e potrai parteciparvi gratuitamente anche se non sei ancora un socio. Affronterai lezioni frontali, prove pratiche su modelli anatomici, esperienze dirette in ambulatori e in sale operatorie altamente selezionati, e non una non due, ma ben tre giorni di prove su cadavere (il miglior banco di prova al momento disponibile). Preparati, lo spirito di competizione è alto! Durante ogni attività della LIGA sarai valutato da una giuria, e solo dimostrandoti il migliore potrai conquistarti l’accesso alla fase successiva.

Le fasi che abbiamo pensato per te sono:  I Campionati Regionali: principalmente “educational”, che offriranno ampie possibilità di conoscenza, condivisione, apprendimento, e unione.

 Il Campionato Nazionale: per i migliori 200 di tutta Italia, che in un’unica sede affronteranno prove teoriche e prove pratiche a tempo.  Campionati Zonali: divisi per macroaree, riservate ai migliori 30. Si entra nel vivo dell’azione dimostrando di possedere tutte le caratteristiche comportamentali, culturali, e professionali per emergere. In questa fase avrai la possibilità di visitare Centri SIA selezionati, e affiancare gli Opinion Leader in ambulatorio e in sala operatoria.  Le Final Eight: i migliori 8 partecipanti assoluti, 3 cadaver lab, 1 postazione a testa. Sfide testa a testa, partendo dai quarti di finale fino a che non ne resterà soltanto uno.

Tutto gratis! E non è finita qui, perché in palio non vi è solamente l’esperienza fatta durante i due anni in cui si articola la LIGA, o la gloria per esser diventato campione. I premi in ballo sono tanti e sono ricchi: ៚ I 30 Campioni Nazionali avranno uno sconto del 15% su tutti i congressi SIA, del 20% su tutte le attività “Educational”, e del 50% per l’iscrizione alla società. ៚ I partecipanti ai quarti di finale avranno, in aggiunta, una targa di merito e uno sconto del 40% su un cadaver lab a scelta tra le offerte della Scuola di Artroscopia.

៚ I semifinalisti avranno, ancora, l’iscrizione gratuita ad un cadaver lab, e un libro specialistico.

៚ Il campione LIGA, infine, avrà l’iscrizione gratuita ad un secondo cadaver lab, la sponsorizzazione completa per una fellowship internazionale di 15 giorni, la preziosa Coppa LIGA, e un bonus economico non vincolato. DIVENTA CAMPIONE… PARTECIPA ALLA LIGA! Iscriversi è facile: contatta direttamente il Delegato Regionale SIA della tua regione, oppure scrivi una mail all’indirizzo siafacultyu45@gmail.com per ricevere tutti i dettagli.

Il comitato Under 45 SIA S.I.A. Società Italiana di Artroscopia

Puoi anche leggere