02.02.2018 NATIONALRAT / CONSEIL NATIONAL - Parlament.ch

02.02.2018 NATIONALRAT / CONSEIL NATIONAL - Parlament.ch

02.02.2018 NATIONALRAT / CONSEIL NATIONAL / CONSIGLIO NAZIONALE Frühjahrssession 2018 / Session de printemps 2018 / Sessione primaverile 2018 Ergänzung zu den Tagesordnungen Complément aux ordres du jour Complemento agli ordini del giorno Behandlung in Kat. IV / Traitement en cat. IV Anträge des Bundesrates / Propositions du Conseil fédéral / Dichiarazione del Consiglio federale + Annahme - Adoption - Adozione - Ablehnung - Rejet - Reiezione Eidg. Departement des Innern Département fédéral de l’interieur Dipartimento federale dell'interno 17.3716 n Mo. Brand. Einführung einer Innovationsbestimmung im Krankenversicherungsgesetz Mo.

Brand. LAMal. Introduire un article de promotion de l'innovation Mo. Brand. Introdurre una disposizione sull'innovazione nella legge federale sull'assicurazione malattie (Bek./Opp. Gysi) Bekämpft Combattu Opposizione + 17.3877 n Po. Fraktion G. Prämienverbilligungen bei den Krankenkassen verbessern und vereinheitlichen Po. Groupe G. Améliorer et harmoniser la réduction des primes de l'assurance-maladie Po. Gruppo G. Migliorare e uniformare le riduzioni dei premi delle casse malati (Bek./Opp. Herzog) Sprecherin/Porte-parole/Portavoce: Häsler Bekämpft Combattu Opposizione + 17.3956 n Mo. Birrer-Heimo.

Keine unverhältnismässigen Ausgaben für Vermittlerprovisionen in der Grundversicherung Mo. Birrer-Heimo. Commissions versées aux intermédiaires dans l'assurance de base. Pas de dépenses disproportionnées Mo. Birrer-Heimo. Assicurazione di base. No alle spese sproporzionate per le provvigioni degli intermediari (Bek./Opp. Jauslin, de Courten) Bekämpft Combattu Opposizione + 16.3069 n Mo. Clottu. Jährliche Beurteilung der Wirtschaftlichkeit der Medizinprodukte, deren Kosten von der obligatorischen Krankenversicherung übernommen werden Mo. Clottu. Evaluation annuelle de l'économicité des produits médicaux facturés à la charge de l'assurance obligatoire des soins Mo.

Clottu. Valutazione annuale dell'economicità dei dispositivi medici fatturati a carico dell'assicurazione obbligatoria delle cure medico- sanitarie - 16.3084 n Mo. Landolt. Krankenversicherung. Anpassung der ordentlichen Franchise Mo. Landolt. Assurance-maladie. Adapter le montant de la franchise ordinaire Mo. Landolt. Assicurazione malattie. Adeguare la franchigia ordinaria - 16.3103 n Mo. Fraktion C. Beseitigung der Heiratsstrafe auch in der AHV Mo. Groupe C. Supprimer également la pénalisation du mariage dans l'AVS Mo. Gruppo C. Eliminare gli svantaggi per le coppie sposate anche nell'AVS Sprecherin/Porte-parole/Portavoce: Humbel - e-parl 06.02.2018 16:53

- 2 - 16.3110 n Mo. Fraktion RL. Krankenversicherung. Regelmässige Anpassung der Franchisen Mo. Groupe RL. Assurance-maladie. Adapter régulièrement le montant des franchises Mo. Gruppo RL. Assicurazione malattie. Adeguare regolarmente le franchigie Sprecherin/Porte-parole/Portavoce: Sauter - 16.3111 n Mo. Fraktion RL. Wahlfreiheit und Eigenverantwortung stärken. Maximalfranchise in der obligatorischen Krankenversicherung erhöhen Mo. Groupe RL. Assurance-maladie. Renforcer la liberté de choix et la responsabilité individuelle en augmentant la franchise maximale Mo. Gruppo RL. Rafforzare la libertà di scelta e la responsabilità individuale mediante l'aumento della franchigia massima nell'AOMS Sprecherin/Porte-parole/Portavoce: Sauter - 16.3112 n Mo.

Fraktion RL. Krankenversicherung. Mindestfranchise in der Krankenversicherung endlich anpassen Mo. Groupe RL. Assurance-maladie. Adapter enfin le montant de la franchise minimale Mo. Gruppo RL. Assicurazione malattie. La franchigia minima dell'assicurazione malattie deve essere finalmente adeguata Sprecherin/Porte-parole/Portavoce: Sauter - 16.3131 n Mo. Pezzatti. Bürokratieabbau bei der Zulassung von Bioziden und Pflanzenschutzmitteln Mo. Pezzatti. Autorisation des biocides ou des produits phytosanitaires. Suppression de la bureaucratie Mo. Pezzatti. Meno burocrazia nell'omologazione di biocidi e prodotti fitosanitari - 16.3152 n Mo.

von Siebenthal. Warnung. Dieses Medikament hat Nebenwirkungen Mo. von Siebenthal. Attention. Ce médicament a des effets secondaires Mo. von Siebenthal. Avvertenza. Questo medicamento ha effetti collaterali - 16.3166 n Mo. Heim. Mittel- und Gegenständeliste. Preise sollen kostengünstiger werden Mo. Heim. Liste des moyens et des appareils. Faire baisser les prix Mo. Heim. Elenco dei mezzi e degli apparecchi. Ridurre i prezzi - 16.3169 n Mo. Heim. Vergütungspflicht der Krankenkassen für im Ausland eingekaufte medizinische Mittel und Gegenstände Mo. Heim. Faire obligation aux caisses-maladie de rembourser les moyens et appareils médicaux achetés à l'étranger Mo.

Heim. Introdurre l'obbligo per le casse malati di rimunerare i mezzi e gli apparecchi medici acquistati all'estero - 16.3193 n Mo. Hess Lorenz. KVG. Innovation und Transparenz bei den Tarifen fördern Mo. Hess Lorenz. Tarifs dans la LAMal. Promouvoir l'innovation et la transparence Mo. Hess Lorenz. LAMal. Promuovere l'innovazione e la trasparenza delle tariffe - 16.3210 n Po. Schmid-Federer. Mehr Transparenz bei den Familienausgleichskassen Po. Schmid-Federer. Davantage de transparence dans les caisses de compensation pour allocations familiales Po. Schmid-Federer. Più trasparenza sulle casse di compensazione per assegni familiari - 16.3215 n Mo.

Piller Carrard. Zusammensetzung von Binden und Tampons Mo. Piller Carrard. Composition des protections périodiques Mo. Piller Carrard. Composizione dei prodotti per l'igiene mensile - 16.3216 n Po. Piller Carrard. Aktualisierung des Berichtes über die Armut Po. Piller Carrard. Actualisation du rapport sur la pauvreté Po. Piller Carrard. Aggiornamento del rapporto sulla povertà - e-parl 06.02.2018 16:53

- 3 - 16.3223 n Po. Gschwind. Anstieg der Gesundheitskosten stoppen Po. Gschwind. Stopper la hausse des coûts de la santé Po. Gschwind. Arrestare l'aumento dei costi della salute - 16.3243 n Po. Fässler Daniel. Darf die Oberaufsichtskommission Berufliche Vorsorge in die Organisationshoheit der Kantone eingreifen? Po. Fässler Daniel. La Commission de haute surveillance de la prévoyance professionnelle peut-elle empiéter sur la souveraineté des cantons en matière d'organisation?

Po. Fässler Daniel. La Commissione di alta vigilanza della previdenza professionale può interferire nella sovranità organizzativa dei cantoni? - 16.3255 n Mo.

Brand. Krankenversicherung. Effizienter Datenaustausch statt teure Bürokratie Mo. Brand. Assurance-maladie. Pour un échange efficient de données au lieu d'une bureaucratie onéreuse Mo. Brand. Assicurazione malati. Scambio di dati efficiente anziché burocrazia costosa - 16.3309 n Mo. Streiff. Gegen die sprachliche Diskriminierung von Menschen mit Behinderung Mo. Streiff. Lutter contre la discrimination linguistique des personnes handicapées Mo. Streiff. Contro la discriminazione linguistica delle persone con disabilità - 16.3331 n Mo. Nantermod. Neues Abkommen mit Frankreich über die Koordination der Sozialversicherungssysteme für Grenzgängerinnen und Grenzgänger Mo.

Nantermod. Négocier avec la France un nouvel accord relatif à la coordination du régime des assurances sociales des travailleurs frontaliers Mo. Nantermod. Negoziare con la Francia un nuovo accordo per il coordinamento del regime delle assicurazioni sociali dei lavoratori frontalieri - 16.3338 n Mo. Geissbühler. Die abstinenzorientierte Drogenrehabilitation ist eine nationale Aufgabe und soll zur Erfolgsgeschichte werden Mo. Geissbühler. Sevrage des toxicomanes. Une tâche nationale qu'il s'agit de mener à bien Mo. Geissbühler. Terapie contro la tossicodipendenza orientate all'astinenza. Un compito di portata nazionale che deve essere coronato da successo - 16.3358 n Mo.

Grüter. Die berufliche Vorsorge mit der Säule 3a auch für erwerbstätige Personen über 70 Jahren ermöglichen Mo. Grüter. Ouvrir le pilier 3a aux actifs de plus de 70 ans Mo. Grüter. Permettere alle persone attive professionalmente di protrarre oltre i 70 anni la previdenza professionale mediante il pilastro 3a - 16.3389 n Mo. Bigler. Das BFS zum echten Kompetenzzentrum für Statistik machen Mo. Bigler. Transformer l'OFS en un véritable centre de compétence de la statistique Mo. Bigler. Trasformare l'UST in un centro di competenza per la statistica a tutti gli effetti - 16.3401 n Mo. Hardegger.

Wissenschaftliche Erkenntnisse zur Qualitätssicherung im Gesundheitswesen verbindlich umsetzen Mo. Hardegger. Garantie de la qualité des soins dans le système de santé. Mettre en oeuvre de manière contraignante les connaissances scientifiques Mo. Hardegger. Obbligare a tener conto di tutte le conoscenze scientifiche attuali per garantire la qualità delle cure - 16.3410 n Mo. Frehner. Keine Prämienerhöhungen für Präventionsprogramme Mo. Frehner. Ne pas augmenter les primes pour financer des programmes de prévention Mo. Frehner. Nessun aumento di premio per programmi di prevenzione - e-parl 06.02.2018 16:53

- 4 - 16.3414 n Mo. Béglé. Investitionen von Pensionskassen in nichtbörsenkotierte Unternehmen erleichtern Mo. Béglé. Faciliter l'investissement des caisses de pension dans les sociétés non cotées en Bourse Mo. Béglé. Facilitare gli investimenti delle casse pensioni in società non quotate - 16.3461 n Mo. Pantani. Anpassung der Generikapreise Mo. Pantani. Adaptation du prix des génériques Mo. Pantani. Adeguamento dei prezzi dei medicamenti generici - 16.3498 n Mo. Fraktion S. Prämien für die obligatorische Krankenversicherung. Höchstens 10 Prozent des Haushaltbudgets!

Mo. Groupe S. Plafonner les primes de l'assurance obligatoire des soins à 10 pour cent du budget des ménages Mo.

Gruppo S. I premi dell'assicurazione malattie obbligatoria non devono superare il 10 per cento del budget delle economie domestiche Sprecherin/Porte-parole/Portavoce: Carobbio Guscetti - 16.3500 n Po. Herzog. Auswirkungen der Akademisierung der Pflegeberufe Po. Herzog. Conséquences de l'universitarisation des professions des soins Po. Herzog. Conseguenze dell'accademizzazione delle professioni sanitarie - 16.3514 n Po. Weibel. Systemwechsel bei der Medikamentenpreisbildung Po. Weibel. Détermination des prix des médicaments. Changer de système Po. Weibel. Cambio di sistema nella formazione dei prezzi dei medicamenti - 16.3517 n Po.

Schmid-Federer. Das harte Los pflegender Kinder besonders anschauen Po. Schmid-Federer. Se pencher sur la lourde charge des enfants soignant des proches Po. Schmid-Federer. Considerare la difficile situazione dei minori che prestano cure ai propri familiari - 16.3525 n Mo. Grunder. Lebensmittelverschwendung stoppen. Verwertung von einheimischem Pferdefleisch verbessern Mo. Grunder. Mettre fin au gaspillage alimentaire et mieux valoriser la viande de cheval indigène Mo. Grunder. Stop allo spreco di derrate alimentari. Sfruttare meglio la carne di cavallo indigena - 16.3587 n Mo. Fraktion S.

Klare Trennung der Interessen. Unvereinbarkeit zwischen Parlamentsmandat und behördlichem Mandat im Gesundheitsbereich Mo. Groupe S. Séparation claire des intérêts. Incompatibilité entre un mandat parlementaire et un mandat exercé pour le compte d'une autorité dans le domaine de la santé Mo. Gruppo S. Chiara separazione degli interessi. Incompatibilità tra mandato parlamentare e mandato ufficiale nel settore sanitario Sprecherin/Porte-parole/Portavoce: Gysi - 16.3599 n Mo. Mazzone. Menschen mit Behinderungen. Recht auf gleiche Chancen auf dem Arbeitsmarkt Mo. Mazzone. Droit à l'égalité sur le marché du travail pour les personnes en situation de handicap Mo.

Mazzone. Diritto alle pari opportunità sul mercato del lavoro per le persone con disabilità - 16.3601 n Mo. Tornare. Vorbeugend handeln. Die Salzmenge in unserer Ernährung reduzieren Mo. Tornare. Agir en amont. Baisser la quantité de sel dans notre alimentation Mo. Tornare. Agire a monte per ridurre la quantità di sale nella nostra alimentazione - e-parl 06.02.2018 16:53

- 5 - 16.3617 n Po. Fraktion S. Die Entschädigungen der Krankenkassenmanagerinnen und -manager begrenzen Po. Groupe S. Limiter les rémunérations des organes dirigeants des caisses-maladie Po. Gruppo S. Limitare le retribuzioni dei dirigenti delle assicurazioni malattia Sprecherin/Porte-parole/Portavoce: Carobbio Guscetti - 16.3641 n Mo. Feller. Ausgleichsfonds AHV/IV/EO dem Öffentlichkeitsgesetz unterstellen Mo. Feller. Assujettissement des fonds AVS/AI/APG à la loi sur la transparence Mo. Feller. Assoggettamento dei fondi AVS/AI/IPG alla legge sulla trasparenza - 16.3690 n Po. Heim. Überhöhte Preise für medizinische Hilfsmittel.

Wann können Versicherte mit Preisabschlägen rechnen?

Po. Heim. Moyens auxiliaires médicaux hors de prix. Quand les assurés pourront-ils compter sur des baisses de prix? Po. Heim. Prezzi eccessivi dei mezzi ausiliari medici. A quando una riduzione? - 16.3796 n Po. Clottu. Gesundheitskosten von Asylsuchenden (Ausweis N) und Sans-Papiers Po. Clottu. Coût des requérants d'asile et des sans-papiers en matière de santé Po. Clottu. Costi sanitari dei richiedenti l'asilo e dei sans-papiers - 16.3804 n Po. Schmid-Federer. Bedarfsabhängige Kinderzulagen als gezielte Massnahme zur Bekämpfung der Familienarmut Po. Schmid-Federer. Des allocations pour enfant sous condition de ressources pour lutter de manière ciblée contre la pauvreté des familles Po.

Schmid-Federer. Assegni per i figli in funzione del bisogno quale misura mirata per la lotta contro la povertà delle famiglie - 16.3810 n Mo. Leutenegger Oberholzer. Altersvorsorge und insbesondere berufliche Vorsorge. Wissenslücken schliessen Mo. Leutenegger Oberholzer. Prévoyance vieillesse et prévoyance professionnelle. Combler le manque d'informations des assurés Mo. Leutenegger Oberholzer. Colmare le lacune conoscitive sulla previdenza per la vecchiaia e in particolare sulla previdenza professionale - 16.3812 n Mo. Giezendanner. Keine unnötigen und aufwendigen Datenerhebungen bei Freizügigkeitseinrichtungen Mo.

Giezendanner. Renoncer à la récolte superflue de données complexes auprès des institutions de libre passage Mo. Giezendanner. Basta con le inutili e onerose rilevazioni di dati presso gli istituti di libero passaggio - 16.3822 n Mo. Carobbio Guscetti. Krankenversicherung nach KVG. Keine übermässig harten Vertragsbedingungen bei alternativen Versicherungsmodellen Mo. Carobbio Guscetti. Pour des modèles alternatifs d'assurance-maladie sans conditions léonines Mo. Carobbio Guscetti. Per modelli alternativi di assicurazione malattia che non contengano condizioni capestro - e-parl 06.02.2018 16:53

L'Assemblea federale — Il Parlamento svizzero 05.02.2018 Il Consiglio federale è incaricato di introdurre nella legge federale sull'assicurazione malattie (LAMal) un articolo sull'innovazione riferito a tutti gli attori. L'articolo dovrà costituire una base legale chiara per i progetti pilota che permetteranno di attuare più efficacemente le misure prescritte dalla legge per migliorare la qualità e l'economicità. Rimangono intatti il diritto degli assicurati alle prestazioni e l'obbligo di affiliazione da parte degli assicuratori. Già prima dell'introduzione della LAMal sono state fatte buone esperienze con una specie di "articolo sulla sperimentazione di nuove soluzioni".

Nel quadro di progetti pilota, in passato sono stati testati modelli assicurativi alternativi con una scelta limitata dei fornitori di prestazioni. Le conoscenze acquisite hanno permesso di gettare le basi per considerare forme assicurative particolari nella LAMal. Con il nuovo articolo sull'innovazione s'intende dare agli attori del settore sanitario svizzero la possibilità di prescindere selettivamente da singole disposizioni della LAMal e testare meccanismi alternativi, nel quadro di accordi contrattuali stipulati con altri partner. Fintanto che si tratta di soluzioni assicurative, i diritti degli assicurati alle prestazioni e l'obbligo di affiliare ogni assicurato che intende partecipare all'esperimento rimangono riservati.

Nel quadro delle disposizioni vigenti sono previste possibilità, in particolare per i Cantoni, di adottare misure straordinarie, il che non lascia praticamente spazio ai progetti pilota basati sul principio contrattuale. Rispetto alla LAMal vigente, con l'articolo proposto, tutti gli attori potrebbero condividere la responsabilità di avviare progetti pilota per migliorare la qualità e l'economicità. Il nuovo articolo deve avere, ad esempio, lo scopo di permettere di testare in singole regioni, su base volontaria e previa disponibilità degli attori interessati, proposte discusse più volte, come il finanziamento unitario o l'allentamento dell'obbligo di contrarre, e compararne i risultati con l'evoluzione dell'assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie retta dalla LAMal.

In tal modo si potrebbe osservare l'andamento delle soluzioni alternative su un determinato arco di tempo e ricavarne indicazioni sulla loro efficacia o sui problemi di attuazione cui potrebbero eventualmente essere confrontate nel caso di una loro introduzione a livello nazionale. Questo modo di procedere potrebbe inoltre creare fiducia e di conseguenza spazio per preparare e avviare riforme urgenti.

Il 25 ottobre 2017, il Consiglio federale ha preso atto del rapporto degli esperti sulle misure di contenimento dei costi volte a sgravare l'assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie e incaricato il DFI di indicare, entro la primavera del 2018, quali delle misure proposte debbano essere attuate. Queste ultime, di cui farà parte anche la promozione dell'innovazione per tutti gli attori del settore sanitario, saranno in seguito elaborate e poste in consultazione. Il Consiglio federale propone di accogliere la mozione.

17.3716 MOZIONE Introdurre una disposizione sull'innovazione nella legge federale sull'assicurazione malattie Depositato da: BRAND HEINZ Gruppo dell'Unione democratica di Centro Unione democratica di Centro Oppositori: GYSI BARBARA Data del deposito: 25.09.2017 Depositato in Consiglio nazionale Stato delle deliberazioni: Non ancora trattato dalla Camera TESTO DEPOSITATO MOTIVAZIONE PARERE DEL CONSIGLIO FEDERALE DEL 08.12.2017 PROPOSTA DEL CONSIGLIO FEDERALE DEL 08.12.2017 CRONOLOGIA 15.12.2017 CONSIGLIO NAZIONALE Opposizione; discussione differita.

AUTORITÀ COMPETENTE COMPETENZE e-parl 06.02.2018 16:53

DIPARTIMENTO DELL'INTERNO (DFI) (HTTPS://WWW.EDI.ADMIN.CH/EDI/IT/HOME.HTML) CAMERA PRIORITARIA Consiglio nazionale COFIRMATARI (15) BRUNNER TONI CHIESA MARCO CLOTTU RAYMOND DE COURTEN THOMAS FREHNER SEBASTIAN HARDEGGER THOMAS HEIM BEA HESS LORENZ HUMBEL RUTH HÄSLER CHRISTINE LOHR CHRISTIAN PEZZATTI BRUNO SAUTER REGINE SCHMID-FEDERER BARBARA WEIBEL THOMAS AMBITI TEMATICI (1) Salute BOLLETTINO UFFICIALE ALTRE INFORMAZIONI ALTRI DOCUMENTI e-parl 06.02.2018 16:53

L'Assemblea federale — Il Parlamento svizzero 05.02.2018 Il Consiglio federale è invitato a illustrare in un rapporto in che modo si possa migliorare e uniformare la prassi della riduzione dei premi nei Cantoni, allo scopo di garantirne la funzione di correttivo dei premi individuali antisociali per le persone di modeste condizioni economiche e limitare l'onere dei premi a un livello sostenibile.

L'obiettivo sociale formulato con l'introduzione della LAMal, ovvero che l'onere del premio non oltrepassi l'8 per cento del reddito, oggi è palesemente insoddisfatto.

I Cantoni devono garantire agli assicurati di modeste condizioni economiche una riduzione dei premi, finanziata dalla Confederazione e dai Cantoni. Dall'introduzione, all'inizio del 2008, della nuova impostazione della perequazione finanziaria e dei compiti (NPC) il contributo federale per la riduzione dei premi ammonta al 7,5 per cento dei costi lordi dell'assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie (AOMS). In virtù di questa prescrizione, ogni anno il contributo federale aumenta in funzione dell'evoluzione dei premi dell'AOMS. Negli ultimi anni invece la quota cantonale ha continuato a diminuire e ammonta ancora al 42 per cento del volume complessivo della riduzione dei premi (2015).

Mentre ci sono Cantoni che pagano più della Confederazione, altri fanno dei loro contributi una pedina della politica finanziaria e contribuiscono con le proprie tasse per meno della metà dei contributi federali. I Verdi hanno presentato una soluzione pragmatica nell'iniziativa parlamentare 15.417 , "Riforma della riduzione dei premi". Al lento sottrarsi di molti Cantoni va ad aggiungersi una prassi attuativa incoerente. I rapporti di monitoraggio della Confederazione illustrano come i Cantoni definiscano in maniera molto eterogenea il diritto alle riduzioni. Non basta dunque più seguire con la massima attenzione la situazione nei Cantoni (risposta all'interpellanza 15.3783 ) e deplorare la differenza, di anno in anno maggiore, tra la quota federale e quella cantonale.

Sulla base di proposte concrete, il Consiglio federale è invitato a illustrare in che modo si possa migliorare rapidamente questa situazione insoddisfacente. Le modeste risorse federali devono essere impiegate in maniera uniforme ed efficiente e andare a beneficio di coloro che non riescono più a sostenere il crescente onere dei premi con le proprie forze. Ai sensi della legge federale sull'assicurazione malattie (LAMal; RS 832.10), i Cantoni sono tenuti ad accordare riduzioni dei premi agli assicurati di condizione economica modesta. Per i redditi medi e bassi, riducono di almeno il 50 per cento i premi dei minorenni e dei giovani adulti in periodo di formazione (art.

65 cpv. 1 e 1bis LAMal). Il 17 marzo 2017 tuttavia il Parlamento ha deciso una modifica di legge, che sarà posta in vigore dal Consiglio federale, in base alla quale i Cantoni saranno tenuti ad aumentare dal 50 all'80 per cento la riduzione dei premi dei minorenni e dei giovani adulti in periodo di formazione per i redditi medi e bassi.

Come già spiegato dal Consiglio federale nelle sue risposte a e nei suoi paresi su diversi interventi (interpellanza Rechsteiner Paul 15.3783 , Premi delle casse malati. Miglioramenti nella riduzione dei premi; mozione Schenker Silvia 14.4288 , "Nuovo meccanismo di ripartizione del sussidio della Confederazione per la riduzione dei premi"; mozioni dell gruppo socialista 16.3498 e Maury Pasquier 16.3494 , "I premi dell'assicurazione malattie obbligatoria non devono superare il 10 per cento del budget delle economie domestiche!"), con la nuova impostazione della perequazione finanziaria e della ripartizione dei compiti tra Confederazione e Cantoni (NPC), in vigore dal 2008, il Parlamento accordò consapevolmente ai Cantoni un ampio margine di manovra nel determinare l'importo delle riduzioni dei premi per gli assicurati del proprio territorio e le categorie di assicurati suscettibili di beneficiarne.

17.3877 POSTULATO Migliorare e uniformare le riduzioni dei premi delle casse malati Depositato da: GRUPPO DEI VERDI Portavoce: HÄSLER CHRISTINE Oppositori: HERZOG VERENA Data del deposito: 29.09.2017 Depositato in Consiglio nazionale Stato delle deliberazioni: Non ancora trattato dalla Camera TESTO DEPOSITATO MOTIVAZIONE PARERE DEL CONSIGLIO FEDERALE DEL 01.12.2017 e-parl 06.02.2018 16:53

Questo disciplinamento è materialmente appropriato, in quanto le riduzioni dei premi, le prestazioni complementari, l'aiuto sociale e le politiche fiscali cantonali sono strettamente correlati tra loro. Grazie ad esso, i Cantoni possono coordinare al meglio gli ambiti per i quali sono in massima parte competenti. Ciò non di meno, il Consiglio federale ha constatato che negli ultimi anni diversi Cantoni hanno diminuito la loro partecipazione ai contributi per la riduzione dei premi: considerando i dati di tutti i Cantoni, la quota cantonale è passata dal 50 per cento circa nel 2010 al 42 per cento circa nel 2016.

In particolare, nel 2016 dieci Cantoni hanno finanziato le riduzioni dei premi per meno di un terzo e undici per meno della metà. Come gli autori del postulato, anche il Consiglio federale ritiene che questo calo della partecipazione di alcuni Cantoni rappresenti un problema per il finanziamento delle riduzioni dei premi.

Il Consiglio federale è disposto a verificare l'efficacia del sistema di riduzione dei premi e a formulare proposte per migliorarne l'impostazione e il finanziamento. In questo contesto terrebbe conto dei lavori che ha svolto con i Cantoni in attuazione della mozione 13.3363 , "Separazione dei compiti tra Confederazione e Cantoni", che prevedono di analizzare e valutare la ripartizione dei compiti tra i Cantoni e la Confederazione anche nel settore della riduzione dei premi e di proporre soluzioni per migliorarla. Va considerato in particolare che questa mozione auspica ulteriori separazioni di compiti e una definizione chiara delle responsabilità, ma intende conservare i vantaggi apportati dalla NPC.

A queste condizioni il Consiglio federale propone di accogliere il presente postulato e il postulato Humbel 17.3880 , "Riesaminare il finanziamento della riduzione dei premi".

Il Consiglio federale propone di accogliere il postulato. PROPOSTA DEL CONSIGLIO FEDERALE DEL 01.12.2017 CRONOLOGIA 15.12.2017 CONSIGLIO NAZIONALE Opposizione; discussione differita. DIPARTIMENTO DELL'INTERNO (DFI) (HTTPS://WWW.EDI.ADMIN.CH/EDI/IT/HOME.HTML) AUTORITÀ COMPETENTE CAMERA PRIORITARIA Consiglio nazionale AMBITI TEMATICI (3) Finanze Politica nazionale Salute BOLLETTINO UFFICIALE COMPETENZE ALTRE INFORMAZIONI ALTRI DOCUMENTI e-parl 06.02.2018 16:53

L'Assemblea federale — Il Parlamento svizzero 05.02.2018 Il Consiglio federale è invitato a completare l'articolo 19 della legge sulla vigilanza sull'assicurazione malattie (LVAMal) con un capoverso 4 del tenore seguente: Il Consiglio federale può disciplinare l'indennizzo dell'attività degli intermediari.

Per evitare spese sproporzionate per le provvigioni degli intermediari, nel suo messaggio del 15 febbraio 2012 concernente la legge federale sulla vigilanza sull'assicurazione sociale malattie (LVAMal), il Consiglio federale aveva previsto la possibilità di disciplinare l'indennizzo dell'attività degli intermediari. Nei dibattiti parlamentari, la pertinente disposizione è stata però stralciata con riferimento all'autoregolamentazione del settore. I dati attuali dimostrano tuttavia che l'autoregolamentazione del settore è tutt'altro che efficace. Secondo un reportage della trasmissione "Kassensturz", stando ai documenti interni di una cassa malati, invece dei 50 franchi concordati dal settore, per la stipula di un'assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie (AOMS) si offrono provvigioni di 250 franchi che possono arrivare fino a 1500 franchi se, oltre all'assicurazione obbligatoria, è stipulata un'assicurazione complementare.

Non si può escludere che girino cifre anche superiori. Inoltre, la commistione di AOMS e assicurazioni complementari è estremamente problematica: non è infatti chiaro quali provvigioni siano corrisposte per l'una e quali per le altre.

Per giunta, nel settore dell'AOMS, in cui vige l'obbligo di ammissione e l'offerta dei fornitori non si differenzia, le provvigioni degli intermediari provocano costi aggiuntivi, senza offrire agli assicurati il benché minimo vantaggio. Al contrario: quando sono in gioco cifre così alte vi è il pericolo che le casse malati selezionino i rischi e che gli agenti assicurativi facciano di tutto per stipulare contratti in tal senso, senza tenere conto delle esigenze e dei desideri dei clienti.

Dati il costante aumento dei premi dell'AOMS e l'aggravio, per molte economie domestiche, dell'onere finanziario che ne deriva, si deve assolutamente impedire che gli assicuratori malattie sostengano spese inutilmente elevate.

Pertanto, ove necessario, il Consiglio federale deve avere la facoltà di intervenire contro le provvigioni degli intermediari sproporzionatamente elevate. Durante i dibattiti sulla legge sulla vigilanza sull'assicurazione malattie (LVAMal; RS 832.12), il Parlamento ha sostituito la competenza del Consiglio federale di disciplinare l'indennizzo degli intermediari con la possibilità per gli assicuratori di regolamentare autonomamente questo aspetto.

A quasi due anni dall'entrata in vigore della LVAMal si constata che l'autoregolamentazione introdotta dagli assicuratori non ha permesso di raggiungere l'obiettivo previsto. Il Consiglio federale ritiene pertanto preferibile che gli sia attribuita la competenza d'intervenire in quest'ambito. Il Consiglio federale propone di accogliere la mozione. 17.3956 MOZIONE Assicurazione di base. No alle spese sproporzionate per le provvigioni degli intermediari Depositato da: BIRRER-HEIMO PRISCA Gruppo socialista Partito socialista svizzero Oppositori: DE COURTEN THOMASJAUSLIN MATTHIAS SAMUEL Data del deposito: 29.09.2017 Depositato in Consiglio nazionale Stato delle deliberazioni: Non ancora trattato dalla Camera TESTO DEPOSITATO MOTIVAZIONE PARERE DEL CONSIGLIO FEDERALE DEL 22.11.2017 PROPOSTA DEL CONSIGLIO FEDERALE DEL 22.11.2017 CRONOLOGIA 15.12.2017 CONSIGLIO NAZIONALE Opposizione; discussione differita.

COMPETENZE e-parl 06.02.2018 16:53

DIPARTIMENTO DELL'INTERNO (DFI) (HTTPS://WWW.EDI.ADMIN.CH/EDI/IT/HOME.HTML) AUTORITÀ COMPETENTE OGGETTI CORRELATI CAMERA PRIORITARIA Consiglio nazionale COFIRMATARI (32) AEBISCHER MATTHIAS AMHERD VIOLA BARRILE ANGELO BERTSCHY KATHRIN CAROBBIO GUSCETTI MARINA FELLER OLIVIER FERI YVONNE FRIEDL CLAUDIA GIEZENDANNER ULRICH GRAF-LITSCHER EDITH HADORN PHILIPP HARDEGGER THOMAS HEIM BEA HUMBEL RUTH HÄSLER CHRISTINE INGOLD MAJA JANS BEAT KIENER NELLEN MARGRET MARRA ADA MUNZ MARTINA MÜLLER-ALTERMATT STEFAN PANTANI ROBERTA PILLER CARRARD VALÉRIE RITTER MARKUS SCHENKER SILVIA SCHNEIDER SCHÜTTEL URSULA SEILER GRAF PRISKA STREIFF-FELLER MARIANNE VOGLER KARL WALTER HANSJÖRG WEHRLI LAURENT WEIBEL THOMAS AMBITI TEMATICI (2) Occupazione e lavoro Salute 17.3964 MOZIONE Assicurazione di base.

No alle spese sproporzionate per le provvigioni degli intermediari BOLLETTINO UFFICIALE ALTRE INFORMAZIONI ALTRI DOCUMENTI e-parl 06.02.2018 16:53

L'Assemblea federale — Il Parlamento svizzero 05.02.2018 Il Consiglio federale è invitato a garantire l'economicità del rimborso dei dispositivi medici. Gli importi previsti nell'elenco dei mezzi e degli apparecchi (EMAp), conformemente all'allegato 2 dell'ordinanza sulle prestazioni (OPre), devono essere riesaminati ogni anno. L'economicità è garantita se al momento della fissazione degli importi massimi si tiene debito conto dei prezzi praticati all'estero. Il Consiglio federale informa periodicamente il Parlamento sui progressi compiuti.

La LAMal è modificata in modo che il riesame dell'economicità dei prezzi dei dispositivi medici dell'EMAp sia eseguita ogni anno.

Questa è la condizione affinché in Svizzera gli assicurati e i pazienti paghino in futuro un prezzo equo rispetto all'estero. Ogni anno gli assicuratori-malattie rimborsano circa 540 milioni di franchi per i dispositivi medici dell'EMAp prescritti dai medici. La maggior parte è fabbricata all'estero e venduta in Svizzera a prezzi eccessivi. Ciò spiega perché nel nostro Paese, come risulta dai calcoli di Santésuisse, le strisce adesive per misurare la glicemia, che rappresentano 100 milioni di franchi all'anno sui costi globali dell'assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie, costano quasi il doppio rispetto ai Paesi limitrofi.

Gli importi dell'EMAp fissati dal Consiglio federale datano ancora in certi casi degli anni 1990 e l'economicità dell'elenco non è più stata oggetto di una valutazione completa dal 1994, anno in cui è entrata in vigore la LAMal. Da diversi anni il DFI afferma di volere effettuare questa valutazione, senza tuttavia mantenere la promessa. Un suo svolgimento ogni anno sarebbe urgente almeno per i tre gruppi di dispositivi medici che generano il maggior volume d'affari.

Rispetto alle altre prestazioni mediche, i mezzi e gli apparecchi sono un caso particolare poiché non sono rimborsati né sulla base di prezzi fissati ufficialmente nel singolo caso (come avviene per i medicamenti inclusi nell'elenco delle specialità) né in virtù di una convenzione tariffale. Il loro rimborso avviene sulla base di una descrizione generale del prodotto con un importo massimo rimborsabile (IMR) stabilito dall'autorità. A seconda della dotazione e del livello di qualità dei prodotti, diversi per ciascun fabbricante, e dell'IMR fissato di volta in volta per un gruppo di prodotti, accade che siano immessi sul mercato prodotti con prezzi più bassi, ma anche più elevati, rispetto agli IMR stabiliti nell'elenco dei mezzi e degli apparecchi (EMAp).

Determinanti per la fatturazione a carico dell'assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie sono i prezzi di mercato dei singoli prodotti. Gli IMR dell'EMAp fungono unicamente da limite massimo del rimborso da parte dell'assicurazione malattie. Nella loro fissazione è stata prestata particolare attenzione a che di norma gli assicurati non debbano pagare alcuna differenza di prezzo.

Il Consiglio federale condivide l'esigenza di garantire l'economicità del rimborso dei dispositivi medici che figurano nell'EMAp (consultabile all'indirizzo www.ufsp.admin.ch (http://www.ufsp.admin.ch) > Temi > Assicurazione malattie > Tariffe e prezzi >Elenco dei mezzi e degli apparecchi) con IMR adeguati e aggiornati. È inoltre d'accordo che l'EMAp contiene anche posizioni obsolete e necessita di un riesame regolare e sistematico. Dopo diversi adeguamenti dell'elenco, come l'abbassamento lineare del 10 per cento di tutti gli IMR il 1° gennaio 2006 e un'ulteriore riduzione netta dei tre gruppi di prodotti con la maggiore cifra d'affari - strisce reattive per il controllo della glicemia, materiale per incontinenza e medicazioni idrocolloidali - il 1° gennaio 2011, alla fine del 2015 è stata avviata la revisione completa dell'EMAp.

I primi adeguamenti entreranno in vigore già nel 2016, mentre per la revisione totale 16.3069 MOZIONE Valutazione annuale dell'economicità dei dispositivi medici fatturati a carico dell'assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie Depositato da: CLOTTU RAYMOND Gruppo dell'Unione democratica di Centro Unione democratica di Centro Data del deposito: 09.03.2016 Depositato in Consiglio nazionale Stato delle deliberazioni: Non ancora trattato dalla Camera TESTO DEPOSITATO MOTIVAZIONE PARERE DEL CONSIGLIO FEDERALE DEL 03.06.2016 e-parl 06.02.2018 16:53

dell'EMAp bisognerà attendere fino al 2019. Sarà data priorità ai gruppi di prodotti per i quali occorre intervenire con maggiore urgenza. Oltre all'esame graduale dell'intero EMAp, nel quadro della revisione è previsto anche un sottoprogetto che svilupperà un sistema per il riesame periodico in cui verranno stabilite anche la procedura e la periodicità adeguate. Per quest'ultimo aspetto occorre tuttavia considerare che l'EMAp contiene una tipologia di prodotti molto ampia, dalle più semplici medicazioni agli strumenti più complessi, che presentano cicli di sviluppo e di evoluzione dei prezzi differenti; inoltre una parte degli IMR comprende anche quote importanti di prestazioni di servizio.

Nella fissazione degli IMR, si procede già oggi a un confronto adeguato con i prezzi praticati all'estero. Da un'analisi commissionata nel 2014 dall'UFSP su posizioni da tempo rimaste immutate è emerso che gli IMR dell'EMAp non sono sistematicamente più elevati rispetto ai prezzi praticati all'estero (confronto con i prezzi di Danimarca, Gran Bretagna, Germania, Paesi Bassi, Austria e Francia), ma li superano solo per pochi gruppi di prodotti. D'altra parte, effettuare un mero confronto con i prezzi praticati all'estero non corrisponde allo spirito dell'EMAp. Rispetto ai medicamenti dell'elenco delle specialità (ES), di regola qui non si tratta di prodotti per i quali è previsto un prezzo di fabbrica per la consegna (PFC) conosciuto che possa essere sottoposto a un confronto.

Oltre alla mera dispensazione, gli IMR dell'EMAp possono comprendere anche consulenze e adeguamenti dei prodotti alle esigenze personali. Visto che quasi mai i prezzi di mercato di tutti i prodotti cambiano con cadenza annuale e che l'EMAp, come accennato sopra, contiene una tipologia di prodotti molto ampia, il Consiglio federale reputa sproporzionato introdurre il riesame annuale di tutto l'elenco.

Il Consiglio federale propone di respingere la mozione. PROPOSTA DEL CONSIGLIO FEDERALE DEL 03.06.2016 DIPARTIMENTO DELL'INTERNO (DFI) (HTTPS://WWW.EDI.ADMIN.CH/EDI/IT/HOME.HTML) AUTORITÀ COMPETENTE CAMERA PRIORITARIA Consiglio nazionale COFIRMATARI (24) ADDOR JEAN-LUC AEBI ANDREAS AMAUDRUZ CÉLINE AMSTUTZ ADRIAN BAUER PHILIPPE BIGLER HANS-ULRICH BRAND HEINZ BUFFAT MICHAËL BÜHLER MANFRED DE LA REUSSILLE DENIS ESTERMANN YVETTE FELLER OLIVIER GLAUSER-ZUFFEREY ALICE GOLAY ROGER GRIN JEAN-PIERRE HUMBEL RUTH KELLER PETER MAIRE JACQUES-ANDRÉ NICOLET JACQUES NIDEGGER YVES PEZZATTI BRUNO RIME JEAN-FRANÇOIS RÖSTI ALBERT SALZMANN WERNER AMBITI TEMATICI (1) Salute COMPETENZE ALTRE INFORMAZIONI e-parl 06.02.2018 16:53

L'Assemblea federale — Il Parlamento svizzero 05.02.2018 Il Consiglio federale è incaricato di aumentare la franchigia ordinaria dell'assicurazione obbligatoria delle cure medico sanitarie almeno a 400 franchi. Nella legge federale sull'assicurazione malattie, la partecipazione ai costi è composta da franchigia, aliquota percentuale e contributo ai costi di degenza ospedaliera. Nel 1996, quando entrò in vigore la legge, la franchigia ordinaria ammontava a 150 franchi per anno civile ed è stata aumentata soltanto due volte nel corso degli anni. L'ultimo adeguamento ha avuto luogo nel 2004, dunque più di dieci anni fa; attualmente la franchigia ordinaria è di 300 franchi.

Il 17 agosto 2015, il Consiglio federale ha avviato un'indagine conoscitiva su una modifica dell'ordinanza sull'assicurazione malattie che prevede di eliminare alcune franchigie opzionali e di ridurre gli sconti. Oltre a limitare le possibilità di scelta degli assicurati, le misure proposte ne riducono la responsabilità individuale. Sarebbe quindi più opportuno adottare anche misure che la rafforzino, come l'aumento della franchigia ordinaria. Attualmente la franchigia ordinaria di 300 franchi ha perso efficacia, dato che viene esaurita molto rapidamente. Un suo aumento rafforzerebbe la responsabilità individuale degli assicurati, che tendono sempre più a ricorrere a prestazioni per patologie di poco conto.

Nel 2004, quando la franchigia ordinaria è stata innalzata per l'ultima volta, i costi netti per assicurato ammontavano a 2592 franchi; nel 2014, tuttavia, erano saliti a 3515 franchi, pari a un incremento del 35 per cento. Un adeguamento appare quindi giustificato e appropriato. Come spiegato nel suo parere del 24 febbraio 2016 in risposta alla mozione Bischofberger 15.4157 , "Adeguare le franchigie all'evoluzione dei costi dell'assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie", negli ultimi anni il Consiglio federale ha adeguato due volte la franchigia ordinaria, che con 300 franchi risulta attualmente doppia rispetto al 1996, ha aumentato da 600 a 700 franchi all'anno l'aliquota percentuale massima e da 10 a 15 franchi al giorno il contributo ai costi di degenza ospedaliera.

Infine ha aumentato il numero di franchigie opzionali e notevolmente innalzato quella massima, che è passata da 1500 a 2500 franchi. Dall'introduzione della legge federale sull'assicurazione malattie (LAMal; RS 832.10), la partecipazione ai costi da parte degli assicurati è cresciuta in misura leggermente superiore rispetto alle prestazioni rimborsate dagli assicuratori.

L'evoluzione delle prestazioni pagate dagli assicuratori gioca un ruolo fondamentale nella valutazione dell'evoluzione della partecipazione ai costi sostenuta dagli assicurati. La partecipazione ai costi rafforza la responsabilità individuale degli assicurati. Ma per definirla, se ne deve considerare anche la sostenibilità finanziaria per gli assicurati malati, visto che la riduzione individuale dei premi, che senza dubbio mitiga l'onere dei premi per gli assicurati di modeste condizioni economiche, non offre alcun contributo alla partecipazione ai costi. Il Consiglio federale è pertanto dell'opinione che, oltre all'evoluzione dei costi, vada considerata anche quella del reddito disponibile.

Mentre dall'introduzione della LAMal la partecipazione ai costi pagata dagli assicurati è aumentata del 111 per cento, nello stesso periodo i salari nominali secondo l'indice dei salari sono cresciuti del 23,6 per cento.

Gli assicurati che desiderano assumersi una maggiore responsabilità individuale hanno la possibilità di scegliere una franchigia opzionale. Il Consiglio federale ricorda inoltre che in Svizzera la partecipazione ai costi a carico degli assicurati è elevata rispetto agli altri Paesi. Il Consiglio federale ha sospeso il progetto di modifica dell'ordinanza sull'assicurazione malattie (RS 832.102) concernente le franchigie opzionali e gli sconti di premio. Il rapporto sui risultati dell'indagine conoscitiva cui è stato sottoposto il progetto è disponibile in tedesco e francese al seguente indirizzo: www.admin.ch > Diritto federale > Procedure di consultazione > Procedure di consultazione ed indagini conoscitive concluse > 2015 > DFI.

Prima di 16.3084 MOZIONE Assicurazione malattie. Adeguare la franchigia ordinaria Depositato da: LANDOLT MARTIN Gruppo BD Partito borghese democratico svizzero Data del deposito: 15.03.2016 Depositato in Consiglio nazionale Stato delle deliberazioni: Non ancora trattato dalla Camera TESTO DEPOSITATO MOTIVAZIONE PARERE DEL CONSIGLIO FEDERALE DEL 03.06.2016 e-parl 06.02.2018 16:53

decidere sul seguito della procedura, il Consiglio federale intende esaminare alcune questioni relative alle franchigie e alle loro ripercussioni sull'assicurazione malattie nel quadro del postulato Schmid-Federer 13.3250 , "Come si ripercuote la franchigia sul ricorso alle prestazioni della medicina?". Questi lavori dovrebbero terminare nell'estate del 2017. Il Consiglio federale ritiene quindi prematuro decidere oggi l'aumento della franchigia ordinaria. Il Consiglio federale propone di respingere la mozione.

PROPOSTA DEL CONSIGLIO FEDERALE DEL 03.06.2016 DIPARTIMENTO DELL'INTERNO (DFI) (HTTPS://WWW.EDI.ADMIN.CH/EDI/IT/HOME.HTML) AUTORITÀ COMPETENTE CAMERA PRIORITARIA Consiglio nazionale COFIRMATARI (4) FREHNER SEBASTIAN MORET ISABELLE PEZZATTI BRUNO STAHL JÜRG AMBITI TEMATICI (1) Salute COMPETENZE ALTRE INFORMAZIONI e-parl 06.02.2018 16:53

L'Assemblea federale — Il Parlamento svizzero 05.02.2018 Il Consiglio federale è incaricato di presentare al Parlamento un progetto per eliminare dall'AVS gli svantaggi delle coppie sposate o in unione domestica registrata rispetto alle coppie non sposate. L'iniziativa popolare federale "per il matrimonio e la famiglia - no agli svantaggi per le coppie sposate" è stata respinta di misura dalla maggioranza della popolazione. Dalle prime analisi risulta che il fallimento dell'iniziativa non è dovuto tanto al suo contenuto, ovvero l'eliminazione degli svantaggi fiscali e previdenziali dovuti allo stato civile, quanto alla definizione di matrimonio.

La discriminazione delle coppie sposate o in unione domestica registrata è considerata deplorevole e iniqua, in particolare per le coppie di pensionati AVS. Due persone che convivono da vent'anni senza però essere sposate percepiscono, al momento del pensionamento, una rendita AVS di 4700 franchi svizzeri al mese. Se però sono sposate o vivono in unione domestica registrata, queste due persone ricevono al massimo il 150 per cento della rendita massima prevista, vale a dire 3525 franchi svizzeri. Questa differenza di 1175 franchi svizzeri al mese è semplicemente ingiustificabile. Stando ad alcune notizie riportate dai media, vi sarebbero coppie che nella vecchiaia divorziano per ricevere una rendita AVS più alta.

Ma lo stato civile di una coppia non deve poterne determinare la situazione economica.

Nel quadro della campagna per la votazione è stato fatto notare da più parti che i privilegi di cui godono le coppie sposate ne compenserebbero gli svantaggi. In particolare si è fatto riferimento alle rendite vedovili, un esempio piuttosto cinico, dato che il vantaggio subentra solo in seguito al decesso del coniuge. Le disparità di trattamento vanno quindi mostrate nel loro complesso, così come la loro eliminazione e le relative ripercussioni sociopolitiche e finanziarie. Nel messaggio del 23 ottobre 2013 sull'iniziativa popolare federale "per il matrimonio e la famiglia - no agli svantaggi per le coppie sposate", il Consiglio federale ha spiegato in un'analisi generale che nel complesso le coppie sposate beneficiano di una migliore copertura assicurativa e di un trattamento privilegiato rispetto a quelle non sposate, non soltanto nell'AVS e nell'AI ma anche nelle altre assicurazioni sociali, in particolare nella previdenza professionale e nell'assicurazione contro gli infortuni.

Se si volesse eliminare la limitazione delle rendite per le coppie sposate, quale misura di compensazione sarebbe necessario procedere ad adeguamenti anche sul fronte dei loro attuali vantaggi. La soppressione di tutte le regolamentazioni dell'AVS e dell'AI che dipendono dallo stato civile richiederebbe dunque un'ampia ristrutturazione del primo pilastro che comporterebbe complessivamente maggiori uscite. Va inoltre osservato che la soppressione della limitazione delle rendite produrrebbe effetti diversi a seconda del livello dei redditi dei coniugi. Dato che attualmente soltanto le persone con redditi modesti non raggiungono il limite massimo delle rendite, la sua soppressione andrebbe a beneficio unicamente di quelle con redditi medio-alti, favorendo principalmente le coppie sposate che grazie anche alle rendite del secondo pilastro godono già oggi di una buona situazione previdenziale.

Per le coppie al di sotto del limite massimo della rendita per coniugi non vi sarebbero miglioramenti. Per questa ragione, nel quadro dell'ampia ristrutturazione summenzionata, bisognerebbe anche impedire che le coppie sposate con redditi modesti e gli altri assicurati AVS nelle stesse condizioni, oltre a non ottenere alcun miglioramento delle prestazioni, si vedano aumentare i contributi AVS o le imposte per finanziare un miglioramento delle prestazioni per le coppie sposate già avvantaggiate.

Gli aspetti sollevati dagli autori della mozione sono stati e sono ancora trattati nel quadro della discussione del messaggio del 19 novembre 2014 sulla riforma della previdenza per la vecchiaia 2020 (FF 2015 1), attualmente alla seconda Camera. Il Consiglio federale non ritiene dunque appropriato elaborare parallelamente un nuovo progetto. 16.3103 MOZIONE Eliminare gli svantaggi per le coppie sposate anche nell'AVS Depositato da: GRUPPO PPD Portavoce: HUMBEL RUTH Data del deposito: 16.03.2016 Depositato in Consiglio nazionale Stato delle deliberazioni: Non ancora trattato dalla Camera TESTO DEPOSITATO MOTIVAZIONE PARERE DEL CONSIGLIO FEDERALE DEL 11.05.2016 e-parl 06.02.2018 16:53

Puoi anche leggere